I piccoli pensano in grande: 48 «sì» all appello Cna Le sfide di Moda, Arredo e Fo o d di MASSIMO SBARDELLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I piccoli pensano in grande: 48 «sì» all appello Cna Le sfide di Moda, Arredo e Fo o d di MASSIMO SBARDELLA"

Transcript

1 Venerdì 3 agosto 2012 il Giornale dell Umbria economiaumria 31 I piccoli pensano in grande: 48 «sì» all appello Cna Le sfide di Moda, Arredo e Fo o d di MASSIMO SARDELLA PERUGIA - «Non è vero che per lavorare all estero bisogna essere per forza grandi». Roberta Datteri, imprenditrice presidente della rete Umbriarreda made in Italy, che unisce 25 imprese regionali del settore arredo casa, sembra quasi rispondere al presidente di Monte dei Paschi di Siena, Alessandro Profumo, che la scorsa settimana, a Perugia per incontrare le imprese, le aveva invitate a superare lo scoglio della piccola dimensione per aggredire i mercati esteri. L Umbria dei piccoli che pensano in grande risponde raccogliendo la sfida delle reti d im - presa: si sta insieme, ma si resta imprenditori autonomi. Un valore irrinunciabile, che in passato ha fatto naufragare tante esperienze consortili. Stavolta lo spirito, grazie anche nelle nuove opportunità normative e finanziarie, è diverso. Sintetizzato in una battuta di Ugo Natalini, presidente della rete Italian fine food & beverage, che conta sei aziende: «Il bello di queste reti è anche la libertà: se un impresa della rete non vuole partecipare ad un progetto, non ha obblighi». Cna, associazione che ha sempre respinto l idea che piccolo è brutto, è riuscita a favorire l aggrega - zione di 48 aziende locali piccole (che però, complessivamente, occupano oltre 500 addetti ed hanno un fatturato annuo di 66 milioni di euro) disposte a lavorare in sinergia. «Cna ha lavorato come un soggetto super partes, aiutandoci a superare eventuali diffidenze tra di noi» aggiunge Natalini. Perché, come ricorda il presidente della Camera di commercio di Perugia, Giorgio Mencaroni, «è più facile mescolare titoli di un impresa che cervelli». Meglio ancora quando queste aziende svolgono attività complementari. Oltre all arredo ed all ali - mentare, l esperienza del servizio completo si ripete nella rete Ita- lian Luxury Fashion, costituita da 6 imprese della moda. Una sapiente COSA SONO Opportunità prevista dalla legge Sviluppo PERUGIA - Il contratto di rete, previsto dal cosiddetto decreto Incentivi (il n. 5 del 2009) e poi dalla legge 99 del 2009 (la cosiddetta legge Sviluppo ), viene stipulato tra due o più imprese che vogliono esercitare attività economiche in comune per accrescere la loro capacità innovativa e la competitività sui mercati. Il contratto di rete - che mantiene l autonomia giuridica e organizzativa delle singole aziende - inoltre, assume rilevanza anche sul piano civilistico, poiché rappresenta un nuovo strumento di aggregazione tra imprese (diverso da quelli finora esistenti) ed è redatto per atto pubblico, deve essere iscritto nel registro delle imprese, e può prevedere la costituzione di un fondo patrimoniale comune ed un proprio consiglio di amministrazione. combinazione fra tradizione e innovazione. «Il nostro comun denominatore è la qualità» assicura il presidente, Lamberto Losani. Più articolata l esperienza delle 5 aziende del settore elettrotecnico, elettronico e meccanico dell area del Trasimeno. In questo caso, si darà vita ad una srl, la Trasforgreen, con l apertura di un nuovo stabilimento al Trasimeno, dove verrà attivata una linea di prodotti attualmente appannaggio, in Italia, di pochi produttori. A regime, in 3 anni, quello stabilimento darà lavoro a 50 addetti. «Nuovi posti di lavoro» sottolinea Francesco Giardini. Una nutrita e qualificata pattuglia, quella che si raccoglie intorno al IMPRESE UMRE IN RETE Present azione Il presidente Cna Cesca (al centro) con Mencaroni, Riommi ed i presidenti delle quattro reti d impresa Tr a s i m e n o L elettronica crea una srl: 50 nuovi posti di lavoro vessillo della Cna, associazione che da tempo predica l importanza di fare squadra tra imprese, fornendo loro gli strumenti per attuarla in varie forme. Ricorda il presidente provinciale di Perugia, Renato Cesca: «Siamo partiti dai consorzi nei trasporti e nell edilizia, siamo passati per le società di imprese nella meccanica con la costituzione della HTC e oggi utilizziamo i contratti di rete in questi nuovi settori convinti che il mettersi insieme possa essere uno strumento utile per reagire alla crisi». E molti imprenditori hanno colto questa opportunità: «Il contratto di rete o la società di imprese - spiega Roberto Giannangeli, direttore Cna Perugia - consente alle imprese di penetrare nuovi mercati dai quali sarebbero escluse se agissero individualmente. Inoltre il contratto di rete si può rilevare un valido strumento perché introduce benefici fiscali a favore degli imprenditori che scelgono la via dell aggregazione per crescere». L Umbria è stata la prima regione in Italia a credere in questa forma di sinergia tra piccoli, come testimoniano i bandi attraverso i quali, già dal 2004, si mettevano a disposizione fondi pubblici per favorire le aggregazioni d impresa. E pur tra difficoltà, come ricorda l assessore regionale allo Sviluppo economico, Vincenzo Riommi, centinaia di imprese hanno intrapreso questa strada. Per superare la crisi economica, la Regione è disponibile a spingere ancora di più sull acceleratore: «La promozione - avverte Riommi - non serve se non c è la fase della commercializzazione. E l internaziona - lizzazione serve a chi ha un prodotto competitivo. Ecco perché è fondamentale unire le azioni a sostegno della ricerca, dell innovazione produttiva, della strutturazione aziendale e della promozione». In tempo di crisi, Riommi pensa positivo: «Tempo fa - conclude - avevamo la preoccupazione che le imprese non capissero queste necessità. Oggi non più». Automotive e Agromeccanica: Confindustria lancia le magnifiche 16 Cesaretti: «Aperti agli ingressi di altri associati» PERUGIA - Nei giorni scorsi Confindustria ha annunciato il completamento dell iter formale per la costituzione delle due prime reti d impresa, che operano nei comparti della meccanica automotive e della meccanica agricola. Ne sono protagoniste complessivamente 16 imprese (si veda il box in basso) che contano circa addetti per un fatturato di oltre 400 milioni di euro. Prende quindi il via il programma di attività, che sarà coordinato da Umbria Export, la società consortile per l internazionalizzazione che fa capo a Confindustria Pe- LE AZIENDE CHE ADERISCONO rugia, Confartigianato Perugia e con la partecipazione di importanti istituti di credito del territorio (tutte le Casse di risparmio del Gruppo Intesa, ps e anca Etruria). «La nascita di questi primi contratti di rete - ha sottolineato il presidente Ernesto Cesaretti - è stata fortemente voluta da Confindustria Perugia che da tempo è impegnata nell attuazione e nel coordinamento di tutte quelle iniziative che possano favorire l aggregazione e spingere l internazionalizzazione. Fattori considerati determinanti per consentire alle azien- La pattuglia coordinata da Umbria Export PERUGIA - Otto le imprese della rete automotive, che producono componenti meccaniche ad altissimo valore aggiunto destinate alle principali case automobilistiche del mondo: Angelantoni Test Technologies, azzica, Faist Componenti, LE AZIENDE CHE ADERISCONO Aggregate lavorazioni e competenze complementari PERUGIA - Le imprese che hanno risposto all appello Cna: Trasforgreen srl: Elettromil, Società Eltex Italia, Cahm leghe, Ims, Roncella Dalia. Italian Luxury Fashion : Lamberto Losani, Galassia, fea, Kiuney, Sfc Italia, Carbone Sabrina. Italian Fine Food & everage : Antica norcineria F.lli Ansuini, Marfuga, rogal vini, Italiana liquori e natura, Mela, Vetusta Nursia. Fom Tacconi, Meccanotecnica Umbra, Proma, Promass e Tecnokar Trailers. Otto anche le aziende che hanno aderito alla rete per l agromeccanica: Dondi, Erreppi, Faza; Giunti, Nardi, Nuovo Molino di Assisi, Sitrex e Spapperi. Umbriarreda : Arte legno di Passeri Roberto, Ceramiche G&P, Ceramiche Nuova Cer, Ceramiche Deruta, Ceramiche Futuro d'arte, Ceramiche Mastrogiorgio, Ceramica Nuova Deruta, Ceramiche Sberna, De Silva, Dolci Fabrizio, Eurolegno Mcab, Fapi serramenti, Il Pianeta delle idee, Interiors, La Favorita, La Farma, Legno magia, Linea Rossi, L'Officina, Peccetti Gino, Sedital, Spigarelli Ceramiche, Tessitura Pardi, Vecchia Deruta, Xilocart. Un azienda meccanica e il presidente Ernesto Cesaretti de di superare questo prolungato periodo di crisi e per rimanere competitive sui mercati internazionali. Ancora una volta abbiamo cercato di far incontrare gli imprenditori e farli dialogare tra loro. La crisi è forte, ma il nostro territorio sta resistendo caparbiamente e gli imprenditori non si sono arresi. Naturalmente - ha concluso Cesaretti - l aggregazione non si è conclusa, anzi, siamo aperti all'ingresso anche di altri associati; purché condividano gli obiettivi di eccellenza, qualità e spirito di squadra».

2 +s+mrc+5hepoe30edirhkltvg2qwvioo5suh3/eas= 14 Venerdì 3 Agosto 2012 CORRIERE DELL UMRIA l ALIMENTARE Economia Oggi l incontro con l azienda, il segretario della categoria della Uil Daniele Marcaccioli ribadisce: Saremo capaci di fare controproposte valide PATTO GENERAZIONALE LA UILA PRONTA A DISCUTERE L agosto caldo di Nestlè. È così che il segretario provinciale di Uila-Uil, Daniele Marcaccioli, ha definito la situazione attuale, relativa al cosiddetto patto generazionale, lanciato, nei giorni scorsi, dalla multinazionale ai dipendenti dello stabilimento di Perugia, e cioè la proposta di ridurre l orario di lavoro da 40 a 30 ore, in cambio dell'assunzione di un figlio con un contratto a tempo indeterminato di 30 ore. Proposta che sarà al centro dell incontro di oggi nella sede di Confindustria a Perugia, tra l azienda in questione, le Rsu(Rappresentanze sindacali unitarie) dello stabilimento e le organizzazioni sindacali."sarà un confronto serrato e molto cal- dointuttisensi-hadettoilsegretariodiuila- Uil Perugia-. Nestlè crede, forte della situazione di difficoltà economica del paese e dei lavoratori,diriuscireariportareilmassimoconilminimosforzo,manonsaràcosì.ilsindacato,forte del ruolo che lo ha sempre contraddistinto, sarà capace di fare controproposte valide. Imperativo lavoro e salario, in poche parole nuove produzioni e rafforzamento delle esistenti, che significa blindare il reddito dei lavoratori e, dove possibile, incrementarlo. Più il management italiano della multinazionale elvetica farà la sua parte, più produzioni arriveranno in Italia, ed in particolarmodoasansisto,emeglioèpertutti.si cominci dall insurcing del lavoro di Euroservice e logistica(spedizioni), poi, gli strumenti contrattuali a disposizione per gestire i picchi produttivi sono molteplici e, anche, su ciò ci concentreremo seriamente. Per quanto riguarda il patto generazionale- ha continuato Marcaccioli-, perilquale,comegiàdettoeridetto,lauilanon farà barricate, lo reputo soggettivo e discriminante. Così com è, inoltre, è penalizzante per i lavoratori stagionali, che, ormai da più di dieci anni, attendono con speranza un miglior epilogo della loro tipologia contrattuale. P MANIFATTURIERO Dalla congiunturale di Confindustria poche luci e anche gli effetti positivi dell export sono attutiti dalla mancanza di distributori locali E TEMPODIATTESA PERLEATTIVITA DELSISTEMAUMRIA di Marina Rosati -Laripresaèlontana soprattutto per le imprese di piccole dimensioni e anche coloro che solcano i mercati esteri rischiano di attenuare i risultati positivi per mancanzadiuntessutodimediatoriedistributori locali. Il quadro dell'indagine tra le aziende aderenti a Confindustria Umbria conferma la strategicità di una più accentuata attenzione alla diversificazione dei mercati: sono proprio le imprese più internazionalizzate, infatti, quelle che meglio fronteggiano i rigori di una congiuntura tuttora pesante. Tutt altro che un puntodisvolta, il titolo dato all indagine degli industriali sul secondo trimestre del 2012 è significativo e fortemente esplicativo: Storia di unagabbianellaedelgattocheleinsegnòavolare,unromanzodiluis Sepúlveda pubblicato nel 1996, riflette uno dei nodi strutturali dell'economia umbra: la minore autonomia di presenza sui mercati esteri, sì che anche gli stimoli provenienti in qualche misura dal commercio internazionale non assicurano un proporzionale sostegno in termini di produzione e ordinativi. Così, la misura in cui la presenza all'estero di prodotti umbri è mediata da committenti o da distributori di altre regioni nelle circostanze attuali corrisponde ad una misura dello spread di impatto interno degli impulsi esercitati dal commercio internazionale. In generale il profilo congiunturale del secondo trimestre, èquellodiunperiododiattesa:quasi la metà delle imprese stazionano sui livelli (lo ricordiamo: per nulla esaltanti) del trimestre precedente e il resto si suddivide, piuttosto equamente, tra quante recuperano qualcosa rispetto al passato e quante hanno invece registrato nel trimestre perdite di varia consistenza. In particolare, i dati evidenziano un recupero più consistente su base congiunturale che su base tendenziale: rappresentano il 32% del totale delle imprese quelle che segnalano incrementi di produzione rispetto al precedente primo trimestre, mentre solo il 16% delle imprese riconosce aumenti rispetto ad un anno fa. Simmetricamente, è ridotta (22% in totale) la quota di imprese che lamentano ulteriori contrazioni di produzione rispetto al precedente trimestre ma è piuttosto consistente (42%) quella delle imprese che contraggono i livellidi produzione rispetto al corrispondente trimestre del Andando poi a vedere gli andamenti dell Indicatore di profilo evolutivo, ovvero delrapportotrailnumerodelleimprese con produzione in espansione eilnumerodiimpreseconproduzioneincontrazione.piùaltoèilvalore, più esteso è il giudizio positivo che gli imprenditori danno della congiuntura attraversata. Le dichiarazioni dei principali operatori umbri lasciano intravvedere uno spiraglio dilucemanonautorizzanoancoraa coltivare la speranza di un anticipo di ripresa. Questa è prevista a partire, se mai, dalla seconda metà del prossimo anno. Commentando i dati della indagine, il Presidente di Confindustria Umbria Umbro ernardini(nellafoto)hamessoinrilievocome essi confermino purtroppo la impossibilità per le aziende umbre di sottrarsi, nonostante tutti gli sforzi messi in atto per trovare nuovi sbocchi sui mercati ai loro prodotti, alle conseguenze del perdurare di una situazione di crisi generale dell economia del Paese. ernardini ha poi rilevato la necessità di intensificare le azioni volte ad accrescere la proiezione delle imprese umbre sui mercati esteri. l AGROMECCANICA Ecco le attività associate a Confindustria che hanno aderito alle reti d impresa FIRMATI I PRIMI CONTRATTI TRA AZIENDE CHE OCCUPANO IN TUTTO ADDETTI Nascono a Perugia sotto l egida di Confindustria i primi contratti di rete umbri tra aziende che operano nei comparti della meccanica automotive e della meccanica agricola. Ne sono protagoniste complessivamente 16 imprese fortemente specializzate che contano circa addettiperunfatturatodioltre400milionidi euro. In particolare, le otto imprese della rete automotive producono componenti meccaniche ad altissimo valore aggiunto destinate a tutte le principali case automobilistiche del mondo.si tratta di Angelantoni Test Technologies, azzica, Faist Componenti, Fom Tacconi, Meccanotecnica Umbra, Proma, Promass e Tecnokar Trailers. Sono otto anche le aziende che hanno aderito alla rete per l agromeccanica: Dondi, Erreppi, Faza; Giunti, Nardi, Nuovo Molino di Assisi, Sitrex e Spapperi, prevalentemente localizzate nell'area dell'alta ValledelTevere,esportanoinmoltipaesidelmondo e sono specializzate nella realizzazione di attrezzature legate all agricoltura, dai mezzi meccanici per l agricoltura moderna fino ai sistemi di irrigazione. Obiettivo di entrambe le reti è quello di condividere informazioni commerciali; programmare piani di promozione e vendita comuni sui clienti esistenti e comuni alla rete, individuare nuove opportunità di mercato; mettere a disposizione strutture e competenze volte anche al raggiungimento della migliore efficienza. Ma, soprattutto, la rete ha lo scopo di rendere le imprese umbre più presenti in particolar modo nei paesi economicamente emergenti ai quali possono offrire competenza e innovazione. L iter formale per la costituzione delle due reti quindi è completato ed è già possibile far partire il programma di attività che sarà coordinato da Umbria Export, la società consortile per l internazionalizzazione che fa capo a Confindustria Perugia, Confartigianato Perugia e con la partecipazione di importanti istituti di credito del territorio (Tutte lecassedirisparmiodelgruppointesa,pse anca Etruria). La nascita di questi primi contratti di rete - ha sottolineato il presidente di Confindustria Perugia Ernesto Cesaretti- è stata fortemente voluta da Confindustria Perugia che da tempo è impegnata nell'attuazione e nel coordinamento di tutte quelle iniziative che possano favorire l'aggregazione e spingere l internazionalizzazione. l ARTIGIANATO C è l unione nei settori moda, energie rinnovabili, arredo casa e alimentare LE IMPRESE TARGATE CNA FANNO SQUADRA E CERCANO NUOVI MERCATI ALL ESTERO Là dove c era un orticello ben recintato ora ci sono quattro reti con a bordo una cinquantina d imprese dirette alla conquista di nuovi mercati.forseèstatalacrisi,forseitempieranomaturi. Certo è che la rete vuole fare la differenza e sicuramente un ruolo lo giocano anche i nuovi bandi regionali- in uscita- che recepiscono, comegiàavvenutoperibandi.tuttebuoneragioni per l adesione ad un progetto, lanciato dalla CnadiPerugia,chehageneratoinUmbrianuove reti d impresa in settori non avvezzi a questo tipo di aggregazioni. Sono state presentate ieri mattina, alla sala d Onore di palazzo Donini, le nuove reti formatesi nel settore della moda, delle energie rinnovabili, dell arredo casa e dell alimentare. In tutto 48 piccole aziende che producono un fatturato annuo complessivo pari a 66 milioni di euro e danno lavoro a 500 addetti. Ma i posti sono destinati ad aumentare. Se ne vogliono creare una quarantina in tre anni, quando il progetto sarà a regime, nel settore delle rinnovabili. Questo è l intento intrapreso all internodellaretetrasfogreenchehadatovitaad una omonima srl che presto si trasformerà in spa. Lo ha riferito Francesco Giardini, amministratore di Eltex Italia e portavoce del nuovo soggetto giuridico composto con la partecipazione di altre 4 aziende umbre operanti nel territorio di Castiglione del Lago. In sinergia si realizzerà un nuovo impianto per la produzione di trasformatori di media tensione, la cui domanda è crescente soprattutto nel settore della produzione di impianti e componenti per l energia solare. Cerca designer capaci di colloquiare con ilgustoelerealtàarabeerusselareteumbriarreda made in Italy, che racchiude 25 imprese dando lavoro a circa 250 persone. Intanto nel Dubai uno show room con un catalogo vivente delle ditte partecipanti è già esposto- ha spiegato il presidente del comitato di gestione, Roberta Datteri-. Aggregate dalla moda, all insegna di Rete italian luxury fashion, sono 6 aziende umbre che danno lavoro a 74 persone. Lamberto Losani, presidente del comitato di gestione, ha spiegato l'utilità del progetto che permette di partecipare a fiere importanti. Anche per Ugo Natalini, presidente del comitato di Rete italian fine food& beverage, che raggruppa 6 aziende, l esperienza di rete ha l obiettivo di incidere nei mercati internazionali. Isa.Ros.

3 24 ECONOMIA& FINANZA IL GIORNO - Il Resto del Carlino - LA NAZIONE VENERDÌ 3 AGOSTO 2012 L UMRIA SCOMMETTE SULLA RETE CORAGGIOSO PROGETTO DELLA CNA Posti di lavoro e nuovi mercati Le imprese artigiane stringono un patto di ferro contro la crisi AL VERTICE Vincenzoianconi TURISMO FEDERALERGHI «Meno tasse o strutture ko» «TRA ULTERIORI cedimenti del mercato e tassazione alle stelle, la crisi del settore turistico rischia di aggravarsi. Per questo rivolgiamo ai Comuni umbri un appello: intervengano, in termini di tassazione locale, per evitare che questa ulteriore battuta d arresto possa preludere alla chiusura di decine di imprese ricettive, martoriate ormai da fatturati sotto il livello di equilibrio gestionale». Secondo Vincenzo ianconi, presidente Federalberghi della provincia di Perugia, i fronti che impegnano gli imprenditori sono due. «Il primo è il mercato, che continua a registrare un andamento per niente soddisfacente. La lettura dei risultati del pre-consuntivo alberghiero elaborato da Federalberghi, relativo al primo semestre 2012 rispetto all identico periodo del 2011, parla di un calo delle presenze del 2,2%. Solo a giugno, le presenze degli italiani sono scese del 7,1% e degli stranieri di ben l 8,2%. In calo del 2,5%, di conseguenza, anche il numero dei lavoratori occupati nel settore, senza contare i casi in cui si è dovuto ricorrere alla cassa integrazione». LE IMPRESE artigiane della Cna scommettono sulle reti per aggredire i mercati e creare nuovi posti di lavoro: 48 piccole aziende umbre, con oltre 500 addetti e un volume complessivo di fatturato annuo pari a 66 milioni di euro, aderendo a un progetto della Cna di Perugia, hanno dato vita a quattro nuove aggregazioni rappresentative di altrettanti settori, moda, arredo casa, agroalimentare ed energie rinnovabili. «La Cna ha spiegato il presidente provinciale Renato Cesca da anni sta spingendo sulle reti. Siamo partiti dai consorzi nei trasporti e nell edilizia, siamo passati per le società di imprese nella meccanica con la costituzione della Htc e oggi utilizziamo i contratti di rete in questi nuovi settori convinti che il mettersi insieme possa essere uno strumento utile per reagire alla crisi. Ecco perché abbiamo dedicato molte energie a questo progetto, individuando e mettendo in contatto tra loro le imprese, assistendole dallo stadio interlocutorio fino alle fasi esecutive del progetto con la costituzione dei nuovi soggetti giuridici». «Il contratto di rete ha aggiunto Roberto Giannangeli, direttore provinciale della Cna consente alle imprese di penetrare nuovi mercati dai quali sarebbero escluse se agissero individualmente. Inoltre il contratto di rete si può rilevare un valido strumento perché introduce benefici fiscali a favore degli imprenditori che scelgono la via dell aggregazione per crescere». Obiettivi delle neo-aggregazioni sono la ricerca di strategie per rendere le singole aziende più efficienti mediante l ottimizzazione dei costi e l attivazione di economie di scala negli acquisti; l individuazione e la condivisione di nuovi canali distributivi; lo sviluppo di progetti inerenti soprattutto l accesso a nuovi mercati internazionali e la valorizzazione delle produzioni umbre eccellenti rappresentate dalle imprese delle reti; la ricerca dell innovazione di prodotto tramite possibili sinergie creative; la promozione di un marchio che valorizzi le produzioni artigianali umbre d eccellenza per l arredo casa. Per le reti dei settori moda, arredo casa e agroalimentare, costituite da imprese complementari tra di loro ed espressione delle migliori eccellenze esistenti in Umbria, si tratterà essenzialmente di aggredire i mercati internazionali attraverso la partecipazione a eventi fieristici, l apertura di showroom permanenti, l organizzazione di missioni funzionali all incontro diretto con i potenziali clienti, operazioni finora impensabili per le singole aziende. La nuova società operante nel settore delle energie rinnovabili aprirà invece un nuovo stabilimento nella zona del lago Trasimeno. L operazione porterà alla creazione di circa 50 nuovi posti di lavoro. VITIVINICOLTURA STRATEGIE E AIUTI MIRATI PER I PRODUTTORI. FINANZIA LA REGIONE Un Tavolo «speciale» per promuovere le etichette di pregio STRETTA DI MANO I verticidellacna giocanola carta dellasocietàdi imprese:l aggregazionecomelevapercrescere I NUMERI Sono 48 le aziende riunite in quattro aggregazioni dalla moda all alimentare IL PROGETTO per lo sviluppo del settore vitivinicolo dell Umbria inaugura un percorso nuovo che condurrà entro l anno a mettere a punto quelle strategie mirate e condivise per cogliere le migliori opportunità di crescita e di valorizzazione del vino umbro nel mercato globale». Lo ha detto l assessore regionale alle politiche agricole, Fernanda Cecchini, nella riunione d insediamento del gruppo di lavoro istituito dalla Giunta regionale per estendere il confronto e la partecipazione sui lavori preparatori del «progetto speciale vino». Oltre ai rappresentanti delle organizzazioni agricoli e dei produttori, già coinvolti nelle riunioni del «Tavolo verde», del gruppo di lavoro fanno parte rappresentanti dei Consorzi di tutela, delle Strade del vino e dell olio, degli enologi ed enotecnici, del Movimento del turismo del vino, Centro estero Umbria e consorzio Umbria top. Per la promozione delle produzioni vinicole umbre di qualità, dal 2009 ad oggi sono stati stanziati dalla Regione oltre 11 milioni e 315mila euro. «Per la campagna dell Ocm vino ha concluso l assessore l adesione degli operatori è stata altissima, segno positivo della volontà di investire e reagire alla crisi e alla concorrenza agguerrita: i progetti di Consorzi di tutela, produttori di vino e associazioni anche temporanee di impresa e di scopo sono stati equivalenti alle risorse assegnate all Umbria, pari a oltre 1 milione e 400mila euro».

4

5

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Giornata dell Economia 2004

Giornata dell Economia 2004 Giornata dell Economia 2004 Premio Camera di Commercio Comunicato stampa n. 22 del 13 luglio 2004 La società ha bisogno oggi più che mai, dinanzi ad una congiuntura sfavorevole e all insicurezza determinata

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese PRIMA GIORNATA CIA IN EXPO Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese 5 maggio 2015 AUDITORIUM DI PALAZZO ITALIA PADIGLIONE ITALIA EXPO MILANO 2015 Cia è main partner del parco della biodiversità

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli