FRENCH P. (1999) Journal of Advanced Nursing 29(1), Traduzione a cura della collaboratrice di Modena Federica Davolio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FRENCH P. (1999) Journal of Advanced Nursing 29(1), 72-78. Traduzione a cura della collaboratrice di Modena Federica Davolio"

Transcript

1 Journal of Advanced Nursing, 1999, 29(1), Issues and innovations in nursing practice Lo sviluppo dell assistenza infermieristica basata su prove di efficacia Peter French PhD BA(Hons) STD(Lond) DipN(Lond) RGN, RMN CPsychol FRSH Principal, The Hospital Authority Institute of Advanced Nursing Studies, Queen Elizabeth Hospital, 30 Gascoigne Road, Kowloon, Hong Kong Accepted for publication 9 December 1997 FRENCH P. (1999) Journal of Advanced Nursing 29(1), Traduzione a cura della collaboratrice di Modena Federica Davolio Lo sviluppo del nursing basato su prove di efficacia. Questo articolo sostiene che la concezione corrente della medicina basata su prove di efficacia (EBM) presenta le proprie limitazioni nella promozione della ricerca attuata nel campo della qualità del servizio in tutto il sistema sanitario. Inoltre propone alcune delle difficoltà per lo sviluppo di una pratica infermieristica basata su prove di efficacia. Questo articolo affronta il più vasto concetto di pratica basata su prove di efficacia e propone la propria potenzialità per discutere i problemi di raffronto tra pratica e teoria e l introduzione della ricerca infermieristica. Il più ampio concetto di pratica basata su prove di efficacia focalizza l attenzione sull'integrazione tra prove di efficacia disponibili e tacita consapevolezza del ricercatore. Un progetto riguardante la pratica assistenziale basata su prove di efficacia che è stato intrapreso a Hong Kong si rivela essere la base di molte delle conclusioni presentate in questo articolo. Tre esempi sono forniti per dimostrare la natura dei progetti di pratica professionale basata su prove di efficacia che sono stati condotti. Vengono poi descritti gli elementi critici dei progetti di pratica basata su prove di efficacia. Infine vengono discussi più dettagliatamente gli argomenti riguardo al processo di produzione delle prove di efficacia, e il rapporto tra miglioramento continuo della qualità e i costi benefici di questa pratica professionale. Parole chiave: evidence based practice, nursing, ricerca INTRODUZIONE L' utilizzo dell espressione basato su prove di efficacia sta sempre più entrando nel linguaggio retorico di tutto ciò che riguarda l assistenza infermieristica e lo sviluppo del sistema sanitario più in generale. Come derivato del concetto di medicina basata su prove di efficacia (EBM), esso ha attirato l'attenzione degli amministratori a causa della potenzialità a razionalizzare i costi del sistema sanitario. In particolare questo articolo ha come scopo quello di aggiungersi al dibattito sulla promozione dell assitenza infermieristica basata su prove di efficacia. Il concetto che ha in realtà determinato la stesura di questo articolo è che questo principio è ancora molto semplice come costrutto scientifico e ciò è da ricondursi probabilmente ai problemi relativi al suo utlizzo proprio, ma anche improprio del termine. Il concetto di EBN ha anche generato un notevole interesse per la stretta connessione con i problemi largamente riportati associati all adozione e utilizzo nella pratica clinica dei risultati delle ricerche condotte in ambito sanitario. In effetti l eterno dibattito teoriapratica si è arricchito di una nuova connotazione grazie all introduzione del concetto di ricerca infermieristica (Burrows & Mcheish 1995, Kitson et al. 1996, Hunt 1996).

2 Si dice ancora che molte delle pratiche infermieristiche negli anni 90 si basino su esperienza, tradizione e consuetudine lavorativa, intuizione, buon senso e teorie non dimostrate. (Burrows & Mcheish 1995, Kitson et al. 1996, Hunt 1996). Si argomenta l assenza di implementazione dei risultati prodotti dalla ricerca nella pratica clinica in relazione a (Hunt 1996): Le infermiere non conoscono i risultati delle ricerche; Le infermiere non capiscono i risultati delle ricerche; Le infermiere non credono ai risultati delle ricerche; Le infermiere non sanno come utilizzare nella pratica professionale; alle infermiere non è permesso utilizzare i risultati delle ricerche. Proseguendo Hunt (1996) riferisce che ci sono diversi particolari ricorrenti della ricerca infermieristica a supporto di questo panorama in cui le infermiere: non producono i risultati della ricerca in un formato utilizzabile, non studiano i problemi dei medici; non si sforzano di convincere gli altri circa l importanza dei risultati evidenziati dalla ricerca non sviluppano adeguati e necessari programmi per l introduzione e l implementazione delle innovazioni all interno dell ambiente lavorativo; non hanno l autorità necessaria per introdurre cambiamenti. Questo articolo cercherà di dimostrare come il concetto di pratica basata su prove di efficacia (EBP) ce (EBP) e la conduzione di progetti di pratica basata su prove di efficacia (EBPP) possono tamponare molti dei fattori inibenti descritti da Hunt (1996). Questa dimostrazione inizierà con l analisi e la chiarificazione del concetto di pratica professionale basata su prove di efficacia. Chiarificazione del concetto di EBP L autore avendo assunto un ruolo rispettoso nei confronti dell applicazione del concetto di EBP, per necessità, ha dovuto differenziare il nuovo concetto da quelli più vecchi di applicazione della ricerca in modo da ragionare attentamente su come si può poi spostare da un piano retorico a quello più prettamente pragmatico. Il concetto del EBN è al momento spesso collegato al concetto di EBM. Il lavoro su di un progetto di pratica basata su prove di efficacia (EBPP), ha portato alla conclusione che l EBM, così come è attualmente concepita, potrebbe avere effetto deleterio sullo sviluppo dell assistenza infermieristica e del sistema sanitario perchè ci sono dei limiti riguardo il suo valore per lo sviluppo della sanità. Questa conclusione è supportata da tre motivazioni maggiori. La prima è il concetto che l EBM medicalizza ulteriormente l ambiente sanitario e può trascurare altri punti di vista scientifici che producono prove di efficacia importanti per lo sviluppo del sistema sanitario nella sua globalità. Per esempio sembra esserci un applicazione limitata e un impiego limitato di risorse nella medicina preventiva. La seconda è che l EBM sembra valutare la prospettiva positivista e anche sperimentale sulla ricerca e così inevitabilmente definisce evidenza- prova di efficacia in termini esclusivamente quantitativi non tenendo conto delle forme qualitative ed ermeneutiche di evidenza. L ultima motivazione è che la maggior parte della corrente retorica sembra interessarsi ben poco del rapporto fra le conoscenze di base dei medici e le prove di efficacia già esistenti. Una rilevante quantità di materiale esistente riguardo le prove di efficacia non viene però utilizzata. Questo è un fenomeno abbastanza comune sia in campo medico che in campo infermieristico (Smith 1996, Castledine 1996).Si tratta di una questione delicata, in quanto ragionevolmente chi si occupa di costi benefici nel sistema salute potrebbe chiedersi: perché generare altra ricerca se quella già prodotta non viene ancora utilizzata? Viene suggerito qui che ogni processo di recente introduzione, finalizzato alla promozione della ricerca, dovrebbe avere a disposizione i mezzi per determinare come I risultati ottenuti dalla ricerca stessa possano poi essere implementati nella pratica.

3 Per questi tre motivi quindi si può dire che il concetto di EBP dovrebbe essere adottato come un termine generico ed è di primaria importanza che ci si adoperi per la traduzione di questo concetto come costrutto scientifico per i suoi benefici. Un comune punto di partenza per definire la pratica basata su prove di efficacia è il concetto di EBM così come è stato definito da Sackett e colleghi (Sackett et al. 1996). La medicina basata su prove di efficacia viene da loro definita come il `conscienzioso e giudizioso utilizzo della migliore evidenza disponibile per prendere decisioni riguardo l assistenza dei singoli pazienti (Sackett et al. 1996). Inoltre gli autori affermano che è un processo di integrazione fra l abilità clinica del singolo operatore, e la migliore evidenza clinica esterna che deriva da ricerca sistematica. La letteratura riguardo l EBM, comunque, ha un importante orientamento rivolto a trial clinici e ciò non è molto utile nel promuovere la rilevanza della ricerca infermieristica. Un piccolo sforzo di immaginazione allarga il campo di applicazione. Essenzialmente il concetto di EBP appare essere simile alla ricerca applicata con alcune minime differenze che si sono rilevate abbastanza significative mano a mano che procedeva il progetto di pratica assistenziale basata su prove di efficacia (EBPP).La definizione data sopra da Sackett et al.viene riconsiderata e analizzata più in profondità. Gli elementi critici sembravano essere le definizioni `migliore evidenza corrente' prendere decisioni e `assistenza ai singoli pazienti'. Il termine `migliore evidenza' è stato scelto per dare il significato di prova di efficacia empirica o scientifica. Il significato scientifico è stato allargato e quindi include prospettive positive e interpretative. Se la prova di efficacia fosse applicata ai pazienti di chi investiga, allora sarebbe necessario che fosse legato al contesto di quell indagatore, ai colleghi e al gruppo considerato. Qualora possibile la prima prova di efficacia per definizione deve essere valutata e validata nel contesto del medico. Questo porta ulteriormente una forte motivazione per intraprendere progetti di ricerca su piccola scala nell ambiente lavorativo. All interno di questa ottica si crede che il termine piccolo-scala non implichi mancanza di rigore scientifico o che la ricerca abbia meno significato rispetto a progetti più dispendiosi o studi più lunghi nel tempo. Tale concettualizazione di EBP suggerisce un modo in cui teoria e conoscenze (Schon 1983) potrebbero ulteriormente essere calate e connesse alla pratica. In tale prospettiva sembra esserci più spazio per i professionisti che si propongono di rivalutare i risultati aggiornati delle ricerche in termini di problemi relativi alla propria pratica clinica e ciò dovrebbe determinare una più rapida adozione dei risultati ottenuti. Un fattore estremamente significativo dell EBP è senz altro il fatto di considerare con molta attenzione l esperienza e il contesto lavorativo del professionista. In termini di riduzione del gap pratica/teoria, ciò è considerato particolarmente importante in quanto ritiene che sia l esperienza del medico ed il bagaglio culturale il punto fondamentale nel determinare quale sia la ricerca più utile da intraprendere. In pratica l approccio alla ricerca pratica professionale basato su prove di efficacia è il risultato del personale giudizio dei professionisti ricercatori relativamente a finalità, attinenza, possibilità di attuazione, limiti e variabili significative associate al particolare problema di ricerca. C'è così un' assimilazione della conoscenza tacita del ricercatore. La conoscenza tacita è stata definita come conoscenza che non è nella letteratura scientifica ma è conosciuta bene dai professionisti (Carroll 1988). L EBP sostiene l integrazione della conoscenza tacita ed empirica richiedendo che il ricercatore determini ed espliciti l importanza della ricerca che vuole condurre nel suo contesto lavorativo e poi in seguito la validità nel proprio contesto. Il risultato di questo tipo di approccio è in pratica la differenza che intercorre fra i reports di EBP e i vecchi reports della ricerca tradizionale: l autore deve fare riferimento specifico al proprio ambito lavorativo e non fare vaghe generalizzazioni riguardo un più vasta rilevanza dei risultati ottenuti e raccomandazioni per altri professionisti o ambiti accademici. Comunque, questo non vuole dire che la generalizzazione non sia tra gli scopi dell EBP, ma piuttosto che questo debba essere subordinato al fine primario di fare ricerca nel contesto del professionista. L insieme poi delle prove di efficacia che ogni ricercatore trova in seguito ai propri studi può condurre poi alla meta-analisi e alla possibilità di estendere le scoperte agli altri contesti di assistenza sanitaria.

4 Come conseguenza di questa analisi la definizione di pratica assistenziale basata su prove di efficacia è la seguente: Sistematica connessione di integrazione delle prove di efficacia generate scientificamente con la tacita conoscenza degli esperti, al fine di promuovere un cambiamento in un determinato aspetto della pratica clinica ber il bene di un determinato gruppo di pazienti. L analisi e la chiarificazione di questo concetto precedettero l implementazione di un progetto di EBP il cui scopo inizialmente era di migliorare la ricerca nella pratica infermieristica. La pratica infermieristica basata su prove di efficacia è solo una variazione del tema EBP, che va di pari passo al concetto di EB pratica medica, EB pratica radiologica, EB pratica finanziaria, EB pratica educativa e gestionale. IL PROGETTO DI EVIDENCE-BASED NURSING PRACTICE Fin dall inizio era stato considerato il fatto che cinque elementi erano necessari per completare lo sviluppo dell EBP: La definizione della situazione(contesto) dal punto di vista del medico. Le conoscenze del medico. I risultati della ricerca precedente relativa al problema. I risultati della ricerca intrapresa dal medico. Specifiche migliorie definite dal medico in base al contesto ed applicabili a situazioni specifiche. La tipologia del progetto Al fine di incontrare i criteri appena descritti, è stato deciso che i partecipanti fossero laureati con precedente esperienza nel campo della ricerca con un bagaglio importante di tacita conoscenza come conseguenza di solida esperienza nel proprio contesto di lavoro. Lo scopo sarebbe di abilitarli alla conduzione di un progetto di ricerca basato sulla pratica e facilitare il loro sviluppo professionale. Vennero formulati un numero consistente di obiettivi. Questi obiettivi costituirono i criteri per il completamento del progetto e sono definiti in forma di processi. Risultati I ricercatori dovrebbero: 1. Condurre un progetto di EBP relativamente al settore lavorativo di pertinenza e produrre un rapporto di valutazione al termine di 6 mesi. 2. Consegnare un rapporto sull attività di ricerca condotta dopo il giorno dopo il colloquio con l Hospital Authority Institute of Advanced Nursing Studies. 3. Pubblicare un articolo sul progetto in una rivista infermieristica specializzata. Così facendo ci si auspica che sia promosso sia l avanzare dell EBP sia il personale sviluppo professionale. Partecipanti Per soddisfare i requisiti del progetto fu deciso di favorire le prime esperienza di progetto a infermieri esperti; e visto che Laurea e esperienza erano tra i requisiti, il progetto iniziale è stato designato ad infermieri specializzati. Criteri di accesso I maggiori criteri utilizzati per selezionare i partecipanti sono i seguenti: 1. Essere registrati presso l Hong Kong Nurse Board 2. Essere attualmente impiegati presso l Hong Kong Hospital ed essere d accordo a continuare a lavorare lì per i sette mesi della durata del corso.

5 3. Possedere un diploma universitario, una laurea o documenti che attestino di aver acquisito formazione di ricerca nel campo dell assistenza infermieristica. 4. Inviare una proposta di ricerca di circa 2 pagine (circa 250 parole) riguardo l applicazione che rappresenta i criteri di sviluppo dell EBP. Il progetto Il progetto è durato per 30 settimane e prevedeva 42 ore di workshop e un minimo di 12 ore di incontro con il project manager e il facilitatore (2 meeting di 1 ora al mese). I participanti dovevano destinare circa 10 ore addizionali per settimana ad attività di lavoro individuale nel progetto di ricerca. Dopo I primi 2 giorni di inserimento, i partecipanti hanno frequentato 10 mezze giornate di workshop contestuali all avanzamento del progetto. I ricercatori coinvolti portarono avanti il progetto per un periodo di 6 mesi in collaborazione con un facilitatore di progetto messo a disposizione dall Institute of Advanced Nursing Education. Tutti i progetti erano sotto la supervisione del project manager. Gli studenti incontravano i loro facilitatori di persona durante ogni giorno di studio, ma anche in sede informale. Inoltre ci si è avvalsi di altre modalità di comunicazione come il telefono, il fax, la posta elettronica. Date obiettivo Sono stati fissati degli appuntamenti obiettivo per tutti i requisiti sopra descritti e inoltre I partecipanti dovevano spedire parte del report finale ogni 2 mesi circa. Descrizione dei workshops Sebbene I partecipanti fossero stimolati a formulare proposte riguardo a tematiche e spessore dei propri bisogni formativi, i seguenti workshops vennero integrati come mezzo di aggiornamento e miglioramento delle loro conoscenze. Ogni sessione aveva come primo obiettivo l informazionedelle ricerche ed altresì fornire strumenti ed esercizi di problem solvine a diversi livelli. I workshops erano così organizzati: 1 Introduzione ai principi dell evidence-based practice; 12 ore. 2 Metodi di osservazione e progettazione di questionari; 3 ore. 3 progettazioni sperimentali e disegni di ricerca (action research); 3 ore. 4 ricerca pratica e raccolta dati; 3 ore. 5 elaborazione e presentazione dei dati; 3 ore. 6 statistiche inferenziali; 3 ore. 7 software per l analisi dei dati; 3 ore. 8 sessioni a richiesta (per esempio analisi e revisione critica della letteratura); 3 ore. 9 Pubblicazione dei risultati e presentazione; 3 ore. Il processo di promozione del EBP in forma di progetto ha prodotto un largo numero di studi.sono di seguito presentati tre schemi per dare l idea dell utilità dell EBPP nel miglioramento della qualità dell assistenza. Disegni di studio Studio 1 Il primo studio ad essere descritto presenta l espressione classica dell EBP che racchiude un paradigma positivista, quindi utilizza dati quantitativi e tende ad un modello medico. Lo scopo dello studio era di identificare l intervallo di tempo migliore per la sostituzione del catetere vescicale nei pazienti in cui il presidio è a permanenza. Nell ospedale oggetto di studio la pratica abituale era di lasciare I cateteri vescicali posizionati per un periodo di tempo prestabilito. LA maggior parte dei reparti aveva adottato l uso di sostituirli settimanalmente. Il ricercatore, comunque, aveva la

6 convinzione che molti cateteri vescicali venissero sostituiti senza che ve ne fosse la necessità e formulò il seguente quesito: Qual è l intervallo di tempo per sostituire I cateteri vescicali?innanzitutto secondo la ditta produttrice I cateteri al silicone trattati al lattice sono da utilizzarsi per un periodo di 3-4 settimane. Il Center for Disease Control (1981) raccomanda la sostituzione del presidio solo in caso di ostruzione. Inoltre il cambio del catetere vescicale dovrebbe essere ridotto al minimo per diminuire il rischio di infezioni del tratto urinario. Perciò il riposizionamento frequente dei cateteri vescicali che non sono ostruiti rappresenta perdita di tempo infermieristico e spreco di materiali insieme all inutile disagio del paziente.studi precedenti hanno dimostrato che vi è una considerevole differenza nei pazienti che hanno la tendenza a formare sedimenti urinari.le prove di efficacia raccolte dimostrano che vi è una larga variazione interindividuale nella tendenza a formare sedimenti urinari. (Hukins et al. 1983). Hedelin et al. (1991) scoprì che il ph urinario è legato alla presenza costante di un microrganismo che produce ureasi e la quantità di fosfati che precipitano nel catetere è legata al ph urinario. Gli studi hannno dimostrato che è dieci volte più grande negli individui con valori di ph urinario superiori a 6.8 rispetto a pazienti con ph urinario inferiore a 6.7 (Kunin et al. 1987, Hedelin et al. 1991). Kunin et al. (1987) suggerirono di identificare 2 sottocategorie di pazienti portatori di catetere vescicale a permanenza: blockers, con importante quantità di sedimento urinario; e I non-blockers, con bassa quantità di sedimento urinario. Questi studi hanno dimostrato che se il ph urinario rimane sotto livello soglia di 6.8, allora il sedimento urinario sarà di bassa quantità. Monitorare I miglioramenti e l assitenza di tuttti I pazienti è di importanza fondamentale per la pratica infermieristica, e un programma individualizzato dovrebbe l attenzione sulla gestione del catetere. La classificazione dei pazienti cateterizzati in due gruppi distinti `blockers' and `non-blockers' ha come scopo quello di individuare se il paziente che assistiamo sarà o meno soggetto ad ostruzioni ricorrenti del presidio. 26 pazienti con catetere vescicale a permanenza ricoverati in ortopedia e clinica medica, sono stati inclusi nello studio. Sono stati monitorati il ph urinario e il tempo di permanenza del catetere vescicale. E stato calcolato il grado di correlazione fra le due variabili ed è stato stimato il valore di ph che differenziasse i pazienti in esame in `blockers' e `non-blockers'. I risultati hanno dimostrato che il punto critico per distinguere I pazienti nei due sottogruppi era ph >7.3.Ciò è differente dagli studi precedentemente considerati che riportavano un valore soglia di 6.8. I risultati hanno portato alla conclusione che nei pazienti `non-blockers'con ph urinario <7.3, il catetere dovrebbe essere sostituito ogni 28 giorni o più, mentre per gli altri pazienti la sostituzione dovrebbe essere effettuata ogni 14 giorni. Dal momento che questo studio ha preso in esame un piccolo numero di pazienti non è stato definito significativo dal punto di vista clinico e ciò ha fermato un cambiamento importante in campo infermieristico; si dovrà aspettare per un campione più ampio che sia statisticamente significativo. (Or 1996). Disegno di Studio 2 In un altro studio il tema d interesse era l efficacia di un programma riabilitativo cardiaco (CRP) gestito da infermieri. Questo semplice studio dimostra la capacità dell EBPPs a validare I risultati di altre ricerche in campo di educazione sanitaria (prevenzione secondaria). Dopo aver consultato la letteratura è stato scoperto che I pazienti che hanno un errata concezione della propria malattia o ne hanno compreso parzialmente le problematiche, possono subire serie conseguenze durante la convalescenza (e.g. Newens et al. 1996). E stato deciso che il programma riabilitativo cardiaco dovrebbe essere valutato in termini degli effetti che può avere sui pazienti con errate considerazioni riguardo malattia, prognosi, abitudini di vita. E stato condotto un disegno di ricerca quasi sperimentale mettendo a confronto un gruppo sottoposto a un programma riabilitativo cardiaco e un gruppo non sottoposto ad alcun intervento.e stata modificata la scala per la rilevazione degli errori di comprensione del malato cardiopatico dopo le informazioni ottenute dal lavoro di Maeland & Havik (1987). Dieci domande indagavano I concetti dei pazienti in relazione a: rischi relativi all infarto del miocardio nel post-acuto;

7 complicanze; ricovero, recidive; esercizi fisici; attività della vita quotidiana; ritorno alla vita normale; ripresa del lavoro. I dati sono stati raccolti da intervista telefonica. I risultati hanno dimostrato che c era una differenza significativa tra I due gruppi. Il punteggio del test condotto sui partecipanti al programma era di 7.7, mentre nel gruppo di controllo 3.4. Il punteggio dei partecipanti al programma indica che vi sono errate concezioni sulla malattia in almeno il 50% dei pazienti. Queste false credenze riguardano l attività fisica: ovvero molti credono che l attività fisica e l esercizio dopo un infarto sia pericolosoe che dovrebbe essere condotto sotto supervisione medica; molti inoltre ritengono che il rischio di recidiva rimanga alto sempre per il resto della vita e che sia inoltre inopportune volare in aereo. Questi temi hanno offerto numerosi spunti per rivedere i programmi di riabilitazione cardiologica (Lee 1997). Disegno di studio 3 Un ultimo esempio di processo basato su prove di efficacia dimostra l utilizzo di uno studio osservazionale nel quale I dati possono essere utilizzati per consolidare I risultati di ricerche condotte in altri ambiti di studio. Nel reparto di ostetricia preso in considerazione per lo studio c erano all incirca 4500 parti all anno. Di questi parti, il 5% delle partorienti ha avuto esperienza di perdita del bambino. Le evidenze scientifiche disponibili segnalano che i servizi di supporto per il lutto hanno un effetto significativo sui risultati del processo di perdita elaborato dalle pazienti ceh hanno perso il loro bambino durante il parto. (Henley & Kohner 1991, Too 1995, Pagano et al. 1996). Nel reparto in esame non veniva praticato un intervento di supporto al lutto perinatale in modo strutturato e completo. Si riteneva infatti che alcune delle pratiche più comuni, come ad esempio sollecitare i genitori a vedere e toccare il bambino defunto prendendolo in braccio, oppure fotografarlo per un ricordo successivo, potessero avere conseguenze negative sulle madri in relazione alle diverse concezioni culturali individuali di cui tanto si parla.si è perciò deciso di approfondire l esperienza vissuta dalle madri, infermieri e medici nella situazione. Questa ricerca infermieristica di tipo qualitativo si è avvalsa di un metodo di osservazione prospettivo per esplorare l esperienza dei sanitari coinvolti e valutare la relazione terapeutica con le pazienti che hanno abortito. Sei pazienti, otto infermiere e sei dottori sono stati inclusi nello studio. Tutte e 6 le pazienti sono state intervistate in occasione della visita di controllo dopo parto. Le interviste sono durate da 15 a 45 minuti e sono state condotte utilizzando domande aperte. Tutte le interviste sono state registrate e le conversazioni sono state trascritte per poter essere studiate. Gli argomenti emersi maggiormente sia in modo manifesto che latente dalle conversazioni analizzate, sono state le emozioni e i sentimenti delle madri, la prontezza all intervento dell infermiere, vedere il feto morto, le reazioni della madre e la modalità di intervento del medico. Sono state evidenziate somiglianze e differenze tra le esperienze vissute dalle pazienti, dai dottori e dalle infermiere. L incontro con il feto morto era importante sia per le madri che per le infermiere; la risposta della madre e la pertinenza degli interventi del medico erano presenti sia nel gruppo delle pazienti che nel gruppo dei medici. L atteggiamento dell infermiera e la scelta di fotografare il bambino erano presenti solo nel gruppo delle infermiere. L inadeguatezza del medico e la difficoltà a gestire la situazione era presente solo nel gruppo dei medici. Questo studio ha dimostrato che l opinione sostenuta dai medici, ovvero la resistenza culturale al processo di supporto psicologico era infondata. Nei fatti le pazienti hanno bisogno di interventi di supporto psicologico strutturato.in seguito a questo studio sono stati introdotti numerosi programmi e percorsi di sostegno e servizi di counselling alla madre con la possibilità di incontrare il bambino, prenderlo in braccio e fotografarlo e avere come ricordo l impronta del piedino. (Chong 1996).

8 DISCUSSIONE La parte critica dell evidence-based practice Come conseguenza della realizzazione del progetto è possibile descrivere le caratteristiche tipiche dell EBPPs. Il processo si può considerare come una ricerca che prevede l applicazione di diverse fasi. Le fasi sono: 1 EBP è legato al contesto lavorativo e di esperienza del medico. 2 EBP combina la migliore evidenza disponibile e la pratica lavorativa attraverso l unione dei dati emersi dalla ricerca e della conoscenza implicita 3 EBP promuove l applicazione dei risultati della ricerca unendo informazioni di prima e seconda. 4 EBP è coinvolto nella qualità dei servizi in quanto è un attività assicurazione qualità. 5 EBP I progetti di EBP richiedono il coinvolgimento di una squadra motivata i cui membri lavorino in collaborazione. 6 Questo modo di produrre ricerca è il più efficace: basso costo e alta rilevanza. Un processo per convalidare e generare prove di efficacia Si può ritenere che l EBP differisce dalle precedenti espressioni di ricerca infermieristica applicata in quanto è un tipo di ricerca guidata dalla pratica dal principio c e infatti una attiva integrazione della conoscenza acquisita e proposta, questa integrazione risulta legata intrinsecamente ai processi di assicurazione qualità e quindi immediatamente applicabile al lavoro quotidiano del ricercatore. Una cruciale caratteristica del processo EBP e che oltre esplicitare integra: i precedenti risultati di ricerca rilevanti per l impegno incessante del ricercatore al miglioramento qualitativo la conoscenza acquisita del riceratore gli studi e le ricerche svolte dal ricercatore medesimo nel proprio contesto lavorativo Questi 3 aspetti di integrazione non sono presentati in una scala di importanza o di effettiva rilevanza. Gli ultimi due potrebbero essere considerati sorgenti primarie (dirette) di conoscenza mentre il primo potrebbe essere sorgente di conoscenza secondaria. Infatti non e infrequente la situazione in cui progetti EBP assume la forma di replica o di adattamento di studi precedenti. Sovente si possono trovare che ad esempio gli strumenti di raccolta dati sono stati ad esempio tradotti in Chinese per rivalidarne sia validità che affidabilità. La replica di studi esistenti in contesti multiculturali dovrebbe essere pratica normale in quanto le riflessioni precedenti sono di fatto alla base del principio di EBP: le discrepanze tra teoria e pratica sono giustificate dall assunzione, come spesso detto in passato, che la pratica infermieristica dovrebbe trovare modi per applicare i principi teorici in pratica. Evidence-based practice come processo di miglioramento in qualità Una seconda caratteristica importante è che EBP è strettamente collegata ai processi di miglioramento continuo di qualità. Sono stati descritto 10 punti per la qualità dell assistenza infermieristica (Katz & Green 1992).Questi 10 punti rispecchiano il modello di valutazione e controllo dei processi adottato per l EBP. I punti sono: _ definire le responsabilità; _ specificare lo scopo dell assistenza e dei servizi; _ identificare gli aspetti importanti dell assistenza e dei servizi; _ definire gli indicatori; _ stabilire il livello per la valutazione dei risultati; _ raccogliere e organizzare i dati; _ valutare; _ agire; _ valutare le azioni e migliorare la documentazione;

9 _ comunicare le informazioni rilevanti. Tenendo conto di questi semplici aspetti di gestione della qualità si può concludere che lo sviluppo dell EBP non può avvenire finchè le persone coinvolte nel problema non siano indotte e supportate ad attuare il cambiamento nella pratica. Qualora non dovesse essere questo il panorama che si presenta, allora non ci sarebbe nessun cambiamento nella pratica e l attività non potrebbe esser considerata evoluzione di EBP. I risultati della ricerca devono essere considerati necessari per il cambiamento che deriva dal progetto intrapreso. L applicazione dei risultati avviene all inizio del progetto e non alla fine. E inoltre ferma convinzione dell autore che l EBP possa essere sviluppata laddove esistano processi per l assicurazione qualità e siano ben sviluppati in modo da poter in tal modo supportare e sostenere il processo. Questa probabilmente è la distinzione fondamentale e più importante che intercorre tra progetti di EBP e progetti di ricerca. Un processo di ricerca economicamente efficace Una delle assunzioni che è stata determinante nella carriera del ricercatore è che una buona ricerca necessita di risorse cospicue. La regola sembra essere che l unica buona ricerca sia economicamente costosa. Questo lavoro invece prova che molte volte questa affermazione non sia vera. Il principio di EBNPP infatti mostra esempio di come ricerca efficace possa essere svolta utilizzando le risorse normalmente disponibili. Le risorse per la ricerca sono spesso nascoste, a volte hanno la forma di finanziamenti per lo sviluppo del personale, descrizione di ruoli che identificano tempo da dedicarsi alla ricerca ed alla informatizzazione di dati che resterebbero altrimenti inutilizzati se non per semplici processi verbali. Di fatto si può svolgere EBP utilizzando risorse esistenti normalmente impiegate in assicurazione qualità procurando quindi un servizio eccellente. L EBP, come costantemente argomentato in questo articolo, è così intrinsecamente collegata a questi due processi che di norma non dovrebbero essere necessari specifici ed onerosi finanziamenti. Conclusioni Tre progetti completi di EBP, in totale di 30 studi sono stati completati quando questo articolo è stato sottoposto per la pubblicazione. I progetti attuali riguardano: Introduzione di protocollo di prevenzione dell insorgenza di lesioni da pressione in unità di terapia intensiva; Gli ostacoli relativi al paziente nella gestione del dolore in un unità di cure palliative; Gestione del dolore e atteggiamento degli operatori che lavorano nei reparti di chirurgia generale; studio comparative riguardo la rilevazione della temperatura ascellare e rettale nei neonati prematuri e nati a termine; Fattori che influenzano la resa delle attività della vita quotidiana nei pazienti in trattamento dialitico peritoneale; the impact of hospice inpatient care on the quality of life of terminally ill cancer patients; action research on the introduction of patient-centred hand-over reporting in medical ward; bisogni formativi degli operatori assistenziali che lavorano in ambito psichiatrico con pazienti che hanno comportamenti violenti e aggressive. Il concetto di EBP e la pratica di EBPP mostrano un elevato potenziale per evidenziare il ruolo della ricerca infermieristica e miglioramento continuo della qualità asssitenziale. Questo è possibile in quanto si può dimostrare quanto l esistenza di prove di efficacia giochi un ruolo determinante nel lavoro quotidiano dell operatore sanitario, nella promozione continua della qualità rendendo possibile un sistema di assistenza economicamente efficace applicando al tempo stesso i principi attenti e rigorosi della ricerca scientifica.

10 Ringraziamenti I miei ringraziamenti a Or May-chun, Lee Siu-fong and Chong Yuenchun, per il privilegio accordatami di supervisionare gli studi descritti. Fonti Bibliografiche Burrows D.E. & McLeish K. (1995) A model for research-based practice. Journal of Clinical Nursing 4, 243±247. Carroll E. (1988) The role of tacit knowledge in problem solving in the clinical setting. Nurse Education Today 8, 140±147. Castledine G. (1996) All nurses are responsible for implementing research. British Journal of Nursing 5, 764. Center for Disease Control (1981) Guidelines for Prevention and Control of Nosocomial Infections. US Department of Health and Human Services, Atlanta. Chong Y.C. (1996) The lived experience of nurses and doctors on the therapeutic relationships of women having perinatal loss: a phenomenological approach. The Proceedings of the First Evidence-Based Nursing Practice Colloquium, November, The Hospital Authority Institute of Advanced Nursing Studies, Hong Kong. Hedelin H., Bratt C.G., Echerdal G. & Lincolin K. (1991) Relationship between urease-producing bacteria, urinary ph and encrustation on indwelling urinary catheters. British Journal of Urology 67, 527±531. Henley A. & Kohner N. (1991) Miscarriage, Stillbirth and Neonatal Death: Guidelines for Professionals. Stillbirth & Neonatal Death Society, London. Hukins D.W.L., Hickey D.S. & Kennedy A.P. (1983) Catheter encrustation by Struvite. British Journal of Urology 55, 304±305. Hunt J.M. (1996) Guest editorial. Journal of Advanced Nursing 23, 423±425. Katz J. & Green E. (1992) Managing Quality: A Guide to Monitoring and Evaluating Nursing Services. Mosby, St Louis. Kitson A., Ahmed L.B., Harvey G., Seers K. & Thompson D.R. (1996) From research to practice: one organisational model for promoting research-based practice. Journal of Advanced Nursing 23, 430±440. Kunin C.M., Chin Q.F. & Chambers S. (1987) Indwelling urinary catheters in the elderly: relation of `catheter life' to formation of encrustation in patients with and without blocked catheters. American Journal of Medicine 82, 405±411. Lee S.F. (1997) Patients misconceptions of myocardial infarction: an evaluation of the effectiveness of health education in a cardiac rehabilitation program. The Proceedings of the 2nd Evidence-based Nursing Practice Colloquium, April, The Hospital Authority Institute of Advanced Nursing Studies, Hong Kong. Maeland J.B. Havik O.E. (1987) Measuring cardiac health knowledge. Scandinavian Journal of Caring Science 1, 23±31. Newens A.J., McColl E., Bond S. & Priest J.F. (1996) Patients' and

11 nurses' knowledge of cardiac related symptoms and cardiac misconceptions. Heart & Lung 25, 190±199. Or M.C. (1996) A study to identify the optimum time for catheter replacement for long term catheterised patients. The Proceedings of the 1st Evidence-based Nursing Practice Colloquium, November, The Hospital Authority Institute of Advanced Nursing Studies, Hong Kong. Pagano M., Corrao J. & Lucente V. (1996) The physician's role in pregnancy loss and bereavement. The Female Patient 6, 13±17. Sackett D.L., Rosenberg W.M.C., Gray J.A.M., Haynes R.B. & Richardson W.S. (1996) Evidence-based medicine: what it is and what is isn't. British Medical Journal 312, 71±72. Schon D (1983) The Re ective Practitioner: How Professionals Think in Action. Basic Books, New York. Smith D. (1996) Editors choice: more, better research now. British Medical Journal 313, Too S. (1995) Grief counselling following stillbirth. Midwives 108, 260±262.

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

LA RICERCA INFERMIERISTICA

LA RICERCA INFERMIERISTICA Prof. ssa Eufemia Renzi LA RICERCA INFERMIERISTICA DIAPOSITIVA N. 2 IL SIGNIFICATO DI RICERCA INFERMIERISTICA La ricerca infermieristica opera su due grandi aree interdipendenti: quella teorica nursing

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA Presidio Ospedaliero S. Maria delle Grazie Pozzuoli Unità Operativa Complessa di Medicina (Dir.ff P. Di Bonito) Unità Operativa Dipartimentale di Geriatria (Resp. L. Di Fraia) PROGETTO INEME ALLA FAMIGLIA

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

EVIDENCE BASED PRACTICE E IL PROCESSO DELLA RICERCA BIBLIOGRAFICA

EVIDENCE BASED PRACTICE E IL PROCESSO DELLA RICERCA BIBLIOGRAFICA EVIDENCE BASED PRACTICE E IL PROCESSO DELLA RICERCA BIBLIOGRAFICA per fisioterapisti e logopedisti Patrizia Brigoni Biella 8 novembre 2014 Overload information 28.000 STM journals 1.800.000 articoli ogni

Dettagli

GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM

GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 7 novembre 009 GIMBEducation GIMBEducation 010 Il Piano formativo a misura di ECM. Aree didattiche Nino Cartabellotta

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006

RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006 RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006 INDICE: 1. Premessa 3 1.1. Linea guida di prevenzione delle cadute accidentali del paziente ricoverato 3 1.2. Progetto di Gestione dei rischi in sala operatoria 4 1.3.

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Traduzione inglese/italiano An economic model. R. Plowman et all, UK

Traduzione inglese/italiano An economic model. R. Plowman et all, UK Un modello economico per valutare il costo beneficio dell uso di routine di cateteri urinari rivestiti di metalli nobili per ridurre il rischio di infezioni del tratto urinario in pazienti cateterizzati

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici XXV GIORNATE CARDIOLOGICHE TORINESI ADVANCES IN CARDIAC ARRHYTHMIAS and GREAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici Patrizia Massariello 28 settembre

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione

Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione Per usare il tempo e le risorse nel modo più efficiente possibile, la valutazione deve essere concentrata sui problemi di grande interesse per i committenti

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA?

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Convegno La cura alla fine della vita Brescia 20 febbraio 2010 QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Flavia Caretta Dipartimento di Scienze Gerontologiche, Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica del

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno Informazioni per le strutture interessate al riconoscimento Introduzione... p. 2 I. Proposte... p. 2 II. Prospettive.

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

Trattamento del dolore acuto e cronico, palliazione

Trattamento del dolore acuto e cronico, palliazione LE CURE PALLIATIVE - 2013 Non è sufficiente aggiungere giorni di vita, bisogna aggiungere vita ai giorni che rimangono Life before death : l importanza di cura della Sintomatologia Palliativa VEN-FOR54048

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Conferenza permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie. Prof. Augusto Panà

Conferenza permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie. Prof. Augusto Panà Conferenza permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie I Corsi di laurea delle professioni sanitarie e le prospettive future Prof. Augusto Panà Sassari 20-21 aprile 2007 La ricerca quale

Dettagli

Via Cozzani 23, 19123 La Spezia (Italia) 3495698351 mariajose.nuzzo@hotmail.it. Sesso Femminile Data di nascita 14/07/1985 Nazionalità Italiana

Via Cozzani 23, 19123 La Spezia (Italia) 3495698351 mariajose.nuzzo@hotmail.it. Sesso Femminile Data di nascita 14/07/1985 Nazionalità Italiana Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nuzzo Maria Josè Via Cozzani 23, 19123 La Spezia (Italia) 3495698351 mariajose.nuzzo@hotmail.it Sesso Femminile Data di nascita 14/07/1985 Nazionalità Italiana ESPERIENZA

Dettagli

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia Autonoma di Bolzano Via Alessandro Volta, 3 I-39100 Bolzano (BZ) Tel. +39 0471 976619 Fax. +39 0471 976616 E-Mail: info@ordinemedici.bz.it

Dettagli

GIMBE. Dr. Giuseppe Donato Medico di Famiglia ASL RmF Responsabile Area Formazione Cooperativa Medi.Ter

GIMBE. Dr. Giuseppe Donato Medico di Famiglia ASL RmF Responsabile Area Formazione Cooperativa Medi.Ter GIMBE Dr. Giuseppe Donato Medico di Famiglia ASL RmF Responsabile Area Formazione Cooperativa Medi.Ter Le esigenze culturali emerse tra i MMG 1. ampliare i contenuti della conoscenza 2. applicare la conoscenza

Dettagli

INTRODUZIONE. Abstract

INTRODUZIONE. Abstract INTRODUZIONE Ed era calata la sera. E Almitra, la veggente, disse: «Benedetti siano questo giorno, questo luogo e il tuo spirito che ci ha parlato». Ed egli rispose: «Ero io a parlare? Non ero forse anch

Dettagli

Aspetti relazionali dell assistenza infermieristica al paziente con patologia cronica

Aspetti relazionali dell assistenza infermieristica al paziente con patologia cronica Aspetti relazionali dell assistenza infermieristica al paziente con patologia cronica S.C. Medicina Interna A.S.O. «S.Croce e Carle» Cuneo Il sottoscritto ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi,

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 I N D I C E - G l o s s a r i o F S C p a g. 2 - A U D I T p a g. 2 - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 - I n t e r v e n t i d i m i g l i o r a m e n t o p a g. 3 - L i n e e G u i d a p a g.

Dettagli

Fare ricerca sulla ricerca. Un esempio di grounded theory Massimiliano Tarozzi*

Fare ricerca sulla ricerca. Un esempio di grounded theory Massimiliano Tarozzi* Fare ricerca sulla ricerca. Un esempio di grounded theory Massimiliano Tarozzi* Terzo Forum Nazionale Analisi Qualitativa. Roma, 25 novembre 2011 * Si ringraziano per la collaborazione Livia Buscaglioni

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

RUOLO DEI CARE GIVERS

RUOLO DEI CARE GIVERS RUOLO DEI CARE GIVERS Antonella Surbone, MD PhD FACP Professor of Medicine New York University Novi Ligure, January 16 th, 2009 Demographics of ageing Elderly population in the US people > 65 are the

Dettagli

E.B.P. E LA PRATICA ASSISTENZIALE INFERMIERISTICA. ASPETTI ETICI DELLA RICERCA II edizione 14-17 Giugno 2011

E.B.P. E LA PRATICA ASSISTENZIALE INFERMIERISTICA. ASPETTI ETICI DELLA RICERCA II edizione 14-17 Giugno 2011 E.B.P. E LA PRATICA ASSISTENZIALE INFERMIERISTICA. ASPETTI ETICI DELLA RICERCA II edizione 14-17 Giugno 2011 Dott. Giusti Gian Domenico Infermiere A.O. di Perugia Dalla Medicina/Infermieristica Basata

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax e-mail Nazionalità Data di nascita Seligardi Matteo via Giovanni Falcone 3, Rio Saliceto (RE) 3478710887 seligardi.matteo@asmn.re.it

Dettagli

L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura

L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura www.fondazioneistud.it L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura 12 maggio 2011 Maria Giulia Marini Fondazione ISTUD La sfida per i servizi sanitari

Dettagli

Teaching Evidence-based Health Caree

Teaching Evidence-based Health Caree 1a Conferenza Nazionale GIMBE Bologna, 9 febbraio 2006 Position Statement GIMBE Teaching Evidence-based Health Caree Nino Cartabellotta per il GIMBE L Evidence-based Practice è formalmente inclusa nei

Dettagli

Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale di Lugo (RA)

Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale di Lugo (RA) L INFERMIERE NEL CONTESTO LAVORATIVO DEL PRONTO SOCCORSO; LA MOTIVAZIONE DELLA RICERCA: DALLA IDEAZIONE, ALLO STUDIO DEI DATI, ALLE PROPOSTE PER IL CAMBIAMENTO. Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale

Dettagli

Il malato complesso: possibili modelli di management

Il malato complesso: possibili modelli di management Il malato complesso: possibili modelli di management Walter Ricciardi, Maria Lucia Specchia Istituto di Sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore Agenda La gestione del malato complesso Gli

Dettagli

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE Lo screening e il trattamento della depressione. Quali sono le strategie più convenienti? Recentemente, due articoli e un editoriale sono apparsi sul British Medical Journal per discutere dei programmi

Dettagli

L Efficacia di un Programma di Esercizi del Muscolo del Pavimento Pelvico nell Incontinenza Urinaria Dopo il Parto

L Efficacia di un Programma di Esercizi del Muscolo del Pavimento Pelvico nell Incontinenza Urinaria Dopo il Parto Traduzione a cura di: infermiera MIRELLA FONTANA Centro studi EBN - Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Ospedaliera di Bologna Policlinico S.Orsola-Malpighi Via Massarenti, 9-40138 Bologna,

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Classe di appartenenza: LM - 51 Clinical Psychology REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

BREVE CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

BREVE CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Annalisa Bargellini Ricercatore confermato - Settore Scientifico Disciplinare MED/45 (Settore Concorsuale 06/M1) afferente al Dipartimento di Medicina Diagnostica, Clinica e di Sanità Pubblica, Università

Dettagli

Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero)

Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero) Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero) Al fine di raggiungere le conoscenze, le abilità e le competenze richieste,

Dettagli

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti HPH Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna Ricerca in promozione della salute: competenze, risorse e strumenti

Dettagli

Riabilitazione della funzionalità vescicale. Paziente mieloleso

Riabilitazione della funzionalità vescicale. Paziente mieloleso Centro Studi EBP Ausl Cesena Riabilitazione della funzionalità vescicale nel paziente mieloleso Giorgia Ciani Infermiera, U.O. Neurochirurgia, tel 0547/352906 nchcs@ausl-cesena.emr.it Barbara Gori Coordinatore

Dettagli

Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE

Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento formazione e apprendimento Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE Piano degli studi 2015/2016

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LANZARONE SALVATORE Telefono 011 6933445 Cellulare 393 8727518 VIA ILARIO VERNERO 2,10090 ROSTA (TO) E-mail lanzarone.salvatore77@gmail.com

Dettagli

Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale

Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale Dott.Marco Clerici Medico di medicina generale 12 settembre 2015 Direttive anticipate: distinzione Direttive anticipate

Dettagli

ISTRUZIONE E FORMAZIONE

ISTRUZIONE E FORMAZIONE Dal mese di Giugno 1997 al mese di Novembre 2007 Nome e indirizzo del datore di lavoro Tipo di azienda o settore Tipo di impiego Principali mansioni e responsabilità In servizio presso la Neurochirurgia

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA CHE LAVORANO NELL AMBITO DELLE DEMENZA SOSTEGNO PSICOLOGICO E RIABILITAZIONE

Dettagli

Cardine della continuità assistenziale

Cardine della continuità assistenziale L Infermiere di famiglia Cardine della continuità assistenziale Secondo me la missione delle cure infermieristiche in definitiva è quella di curare il malato a casa sua ( ) intravedo la sparizione di tutti

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI URINARIE E UNA COSA SERIA?

LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI URINARIE E UNA COSA SERIA? IPASVI LA SPEZIA propone molto volentieri l appello alla professione che i colleghi Bon e Urbani ci hanno consegnato, unitamente ad altri Collegi e Associazioni professionali, al fine di far circolare

Dettagli

ANìMO e ricerca: un anno di lavoro. Letizia Tesei

ANìMO e ricerca: un anno di lavoro. Letizia Tesei ANìMO e ricerca: un anno di lavoro Letizia Tesei Il sottoscritto Tesei Letizia ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato-Regione del 5 novembre

Dettagli

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze CPSI Gaetano Crescenzo S.C. di Endocrinologia A. O. Ordine Mauriziano di Torino L International Society of Endocrinology e stata

Dettagli

La documentazione infermieristica come strumento di misurazione della complessità assistenziale e di pianificazione dell assistenza

La documentazione infermieristica come strumento di misurazione della complessità assistenziale e di pianificazione dell assistenza ORGANIZZAZIONE P re d i s p o rre e utilizzare una documentazione adeguata, congruente con le attuali responsabilità del pro f e s - sionista infermiere, porta molti vantaggi: impegna gli infermieri nella

Dettagli

Appropriatezza dell intervento di sorveglianza sanitaria

Appropriatezza dell intervento di sorveglianza sanitaria settembre 2004 Appropriatezza dell intervento di sorveglianza sanitaria G Franco 10 Orientamenti della Regione Emilia- Romagna sulla sorveglianza sanitaria dei lavoratori Appropriatezza dell intervento

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli

GIORNATA MONDIALE DELLE MALATTIE REUMATICHE: QUALE ASSISTENZA PER I PAZIENTI? PERCHE NON INIZIARE DAL NURSING PROFESSIONALE?

GIORNATA MONDIALE DELLE MALATTIE REUMATICHE: QUALE ASSISTENZA PER I PAZIENTI? PERCHE NON INIZIARE DAL NURSING PROFESSIONALE? GIORNATA MONDIALE DELLE MALATTIE REUMATICHE: QUALE ASSISTENZA PER I PAZIENTI? PERCHE NON INIZIARE DAL NURSING PROFESSIONALE? RASSEGNA STAMPA Aggiornamento: 10 ottobre 2014 Rassegna stampa GIORNATA MONDIALE

Dettagli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Institute of Communication and Health Università della Svizzera Italiana (Lugano) ehealth: definizioni

Dettagli

INDAGINI CAMPIONARIE ANNO ACCADEMICO 2010-2011. Laboratorio Stefania Porchia

INDAGINI CAMPIONARIE ANNO ACCADEMICO 2010-2011. Laboratorio Stefania Porchia INDAGINI CAMPIONARIE ANNO ACCADEMICO 2010-2011 Laboratorio Stefania Porchia Gli strumenti : come scegliere Devono essere adeguati ai fabbisogni informativi Adeguato agli obiettivi dare informazioni esattamente

Dettagli

Articoli originali ARTICOLI ORIGINALI

Articoli originali ARTICOLI ORIGINALI ARTICOLI ORIGINALI L inserimento del personale infermieristico neoassunto: uno studio osservazionale attraverso l analisi dello strumento di valutazione utilizzato dai coordinatori dell Ospedale Valduce

Dettagli

I filoni della ricerca

I filoni della ricerca I filoni della ricerca infermieristica Anne Destrebecq Professore associato MED/45 Università degli Studi di Milano LA RICERCA INFERMIERISTICA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE FUTURE Come si sta evolvendo

Dettagli

Valutare l efficacia della Psicoterapia

Valutare l efficacia della Psicoterapia Valutare l efficacia della Psicoterapia Premessa: Le sempre più limitate risorse economiche (da parte di enti pubblici e privati) e l esigenza di un giudizio di impatto economico per ogni specifico intervento

Dettagli

WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti

WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti eti HPH Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna Ricerca in promozione della salute: competenze, risorse e strumenti

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Affanni Paola ESPERIENZA LAVORATIVA Date Settembre ad oggi: Responsabile del Servizio Infermieristico e Tecnico

Dettagli

ISTUD e la Green Economy

ISTUD e la Green Economy ISTUD e la Green Economy Attività di formazione e ricerca 2013 ISTUD e la Green Economy ISTUD presidia dal 2003 le tematiche legate alla sostenibilità e ha consolidato la sua presenza in area green con

Dettagli

Indice. 1 Introduzione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Introduzione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 LEZIONE CENNI STORICI ED EVOLUZIONE DELL EVIDENCE BASED PRACTICE; FORMULAZIONE DEL QUESITO CLINICO PROF. MATTEO STORTI Indice 1 Introduzione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services Barbara Bini Phd Student, Laboratorio di Management e Sanità, Istituto di Management, scuola Superiore Sant Anna Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and

Dettagli

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da:

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: uso di tecniche standardizzate di rilevazione tecniche statistiche

Dettagli

Uno spazio d incontro con paziente e famigliari

Uno spazio d incontro con paziente e famigliari Family Conference Uno spazio d incontro con paziente e famigliari Maya Monteverde e Christa Hutz-Pedrazzoli, infermiere, IOSI, EOC, Ospedale S. Giovanni, Bellinzona DEFINIZIONE La Family Conference (FC)

Dettagli

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome

Dettagli

ASL AVELLINO Commissario Straordinario dott. Mario Nicola Vittorio Ferrante TITOLO DEL PROGETTO SVILUPPO DEGLI STRUMENTI DEL GOVERNO CLINICO E DELAL VALUTAZIONE DELLA QUALITA E DSELAL SICUREZZA DELEL PRESTAZIOINI

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale!

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! Timeoutintensiva, N 18, Nurse Science, Ottobre 2011 Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! S. Giammona, S. Egman, M. Ziino Colanino, G. Cappello, R. Lombardo, F.

Dettagli

L esperienza dell Ospedale di Porretta Terme. Grado,14 novembre 2013 Barbara Cacciari Liana Tartari

L esperienza dell Ospedale di Porretta Terme. Grado,14 novembre 2013 Barbara Cacciari Liana Tartari L esperienza dell Ospedale di Porretta Terme Grado,14 novembre 2013 Barbara Cacciari Liana Tartari Professionisti coinvolti Responsabili organizzativo-gestionali Infermieri Clinici Coordinatori dell assistenza

Dettagli

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento Corso di Formazione aziendale: SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA A.S.L. CASERTA Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Dettagli

Marco Trabucchi Editoriale. Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013. Il Mulino - Rivisteweb. (doi: 10.

Marco Trabucchi Editoriale. Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013. Il Mulino - Rivisteweb. (doi: 10. Il Mulino - Rivisteweb Marco Trabucchi Editoriale (doi: 10.1450/75605) Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013 Copyright c by Società editrice il Mulino, Bologna. Tutti i diritti

Dettagli

Addestramento dei pazienti e dei famigliari. Susan Craig Servizio Infermieristico Baxter S.p.A.

Addestramento dei pazienti e dei famigliari. Susan Craig Servizio Infermieristico Baxter S.p.A. Addestramento dei pazienti e dei famigliari Susan Craig Servizio Infermieristico Baxter S.p.A. NUTRIZIONE ARTIFICIALE DOMICILIARE OBIETTIVO: MASSIMO BENEFICIO PER IL PAZIENTE IL MINIMO DELLE COMPLICANZE

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

Obiettivi del progetto:

Obiettivi del progetto: BIBLIOTECA PER PAZIENTI Descrizione del contesto territoriale L idea di dare vita a una biblioteca per i pazienti nasce, nel nostro ospedale, da alcune iniziative pilota avviate in questi anni su tre versanti:

Dettagli

Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare

Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare NOTIZIARIO DI MEDICINA NUCLEARE ED IMAGING MOLECOLARE 12 dicembre 2011 Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare Cosa sono le Revisioni Sistematiche e le Meta- Analisi?

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli