L Università degli Studi di Siena ha fatto nascere nel vasto territorio del sud della Toscana alcuni poli come quello di Arezzo, di Grosseto, di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Università degli Studi di Siena ha fatto nascere nel vasto territorio del sud della Toscana alcuni poli come quello di Arezzo, di Grosseto, di"

Transcript

1 Il Polo sull accessibilità universale: una nuova sfida per il sistema universitario italiano di Dino Angelaccio 1. Università ed accessibilità: l esperienza di Buonconvento L accessibilità universale può considerarsi una nuova prospettiva culturale che mette in discussione le diffuse convenzioni stereotipate che la trattano come una disciplina riservata a pochi esperti (ingegneri, architetti, geometri eccetera) e che si rivolge esclusivamente alle persone con disabilità, le quali nell immaginario collettivo non sembrano essere poi molte e si fanno coincidere con chi possiede una disabilità di tipo motorio. Il sistema universitario italiano, grazie allo straordinario impegno del Prof. Piero Tosi (che ha rivestito per alcuni anni la carica di presidente della CRUI), ha promosso l elaborazione di una nuova cultura dell accessibilità, intesa come tema trasversale e multidisciplinare destinata a favorire una progettazione inclusiva e per tutti, di ambienti, servizi, norme, didattica, linguaggi che al centro pone i bisogni differenti di uomini e donne dal punto di vista multi-generazionale (bambini, anziani, persone con disabilità eccetera). Ciascuno di noi, qualunque caratteristica abbia, vive in spazi che dovrebbero rispondere a precise esigenze, mentre invece spesso è costretto a fare il contrario, a modificare le proprie abitudini e ad adattarsi a spazi costruiti per entità astratte (i cosiddetti utenti tipo, persone che non hanno sesso, età, che non si ammalano e non invecchiano). In qualità di Rettore dell Università di Siena, Piero Tosi, alla fine del 2006, ha promosso il progetto Vietato Non Toccare e costruito le basi del primo polo universitario italiano sull accessibilità universale con sede a Buonconvento, splendido borgo medievale in provincia di Siena. Nell ultimo decennio le Università italiane hanno attivato un processo di forte delocalizzazione delle attività didattiche e formative sui territori. Sono, infatti, ormai molti i Poli universitari presenti nel nostro paese, anche se la maggior parte di essi non ha fatto altro che replicare la classica offerta formativa delle Università. Si è, comunque, potuto riscontrare che i Poli funzionano ed hanno successo solo quando si costruisce un offerta formativa per così dire esclusiva ed unica basata su un costante dialogo con i soggetti istituzionali, sociali ed economici presenti sul territorio. Infatti, affinché l Università sia un enzima capace di attivare e attirare risorse per il territorio è necessario che essa calibri la propria attività formativa a misura dei bisogni di quest ultimo. 1

2 L Università degli Studi di Siena ha fatto nascere nel vasto territorio del sud della Toscana alcuni poli come quello di Arezzo, di Grosseto, di Colle Val d Elsa, di Follonica e di San Giovanni Val d Arno. Se in alcuni casi, come Arezzo e Grosseto, si è scelto di delocalizzare la classica offerta formativa dell Università, facendola coincidere con i normali corsi di Laurea, in altri casi si è preferito costruire delle strutture (Poli) con delle offerte uniche volte a soddisfare specifici bisogni del territorio e particolari necessità degli attori sociali, economici ed istituzionali interessati. L esperienza di costruire un Polo Universitario sull Accessibilità nel Comune di Buonconvento va in quest ultima direzione. L idea di far diventare Buonconvento un laboratorio a cielo aperto, dove trovasse posto un Polo Universitario dell Accessibilità, ha tenuto conto, ampliandole, del fatto che tale Comune è uno dei borghi più belli del nostro Paese e meta obbligata del turismo toscano, anche grazie al suo insediamento strategico. La novità reale del Polo è però quella di essere un luogo in cui si progettano e si costruiscono soluzioni accessibili ed universali. Teniamo conto che nel nostro paese si fa molto poco per quello che viene definito turismo accessibile e quel poco che si fa si concretizza in piccoli servizi pensati per le persone con disabilità. Progettare secondo i canoni dell accessibilità universale significa, invece, progettare per tutti il disabile, l anziano ecc., a prescindere dalla loro condizione o stato. Si tratta, dunque, di operare una rivoluzione culturale che ha importanti conseguenze. Innanzitutto, per esempio, quella di ricercare secondo i canoni dell accessibilità universale, ossia permettere la contaminazione tra le diverse professionalità e costruire una ricerca che tenga insieme differenti profili professionali come l architetto, l ingegnere, il comunicatore, lo storico, il giurista, il museografo e così via, profili che fino ad ora hanno sempre lavorato separatamente. In questo senso, si è pensato che Buonconvento potesse diventare un luogo naturale di studio, di ricerca e di sperimentazione diretta sul territorio delle eventuali soluzioni di accessibilità universale, trasformando il Comune in uno dei primi borghi totalmente accessibili e dunque pienamente inserito nell importante circuito del cosiddetto turismo accessibile. Questo anche perché avere l Università sul proprio territorio significa anche incrementare la formazione, la ricerca, la didattica e l innovazione. È vero infatti che costruire un luogo in cui tutto viene studiato e progettato con rigore scientifico vuol dire creare in concreto un Polo dell Accessibilità Universale che permetta l elaborazione di percorsi formativi capaci di dare vita a nuove figure professionali, come ad esempio quella che, in altri contesti, viene definita Manager dell Accessibilità. Attraverso il Polo Universitario dell Accessibilità, le cui specifiche attività di sperimentazione offrono un modello vivente da studiare ed esportare, il Comune di Buonconvento sta diventando un importante centro che negli anni sarà in grado di attrarre intelligenze e risorse interessate ad 2

3 investire in quella vitale sfida sociale che intende dare vita ad un mondo senza barriere per nessuno. 2. Il Polo Universitario dell Accessibilità (PUA): un esempio di didattica integrata Il Polo Universitario dell Accessibilità si propone di diventare un modello anche nella declinazione dell offerta didattica. Infatti l impostazione del percorso di lavoro che ha fatto nascere il PUA ha tenuto conto soprattutto dell incontro tra esigenze didattiche e quelle del territorio. In questa direzione, una delle tappe fondamentali è stata quella della costruzione di un corso di formazione per impiegati ed amministratori relativo all accessibilità universale, che aveva come interlocutore principale l Amministrazione Comunale di Buonconvento ma anche tutte le altre amministrazioni pubbliche che desideravano dare ai propri dipendenti degli strumenti nuovi da impiegare in ambito lavorativo. Generalmente, quando si pensa alla formazione che ruota intorno ai problemi dell accessibilità ci si riferisce semplicemente alla distribuzione di materiali presso gli uffici tecnici che riassumono la confusa e contraddittoria legislazione oggi in vigore. Il primo corso di formazione del PUA si è posto invece in linea con la filosofia dell accessibilità universale sperimentando da subito il lavoro in rete, che è già stato collaudato nella costruzione e progettazione di precisi spazi museali (vedi il caso della mostra Vietato Non Toccare ). Esso può essere concepito come un primo laboratorio concreto che conduce per le strade e le strutture di Buonconvento a monitorare e misurare il grado di accessibilità dei servizi, della comunicazione e delle infrastrutture, oltre che considerarsi un occasione per presentare le diverse attività che connoteranno il Polo Universitario dell Accessibilità, tra le quali spicca quella della progettazione di un etichetta sull accessibilità universale. Il Polo Universitario dell accessibilità avrà anche il compito di certificare il grado di accessibilità delle amministrazioni pubbliche e private, delle associazioni territoriali, dei concessionari e di tutti gli enti presenti sul territorio, rilasciando un Bollino di Accessibilità Globale (BAG) attestante la conformità dell Ente a elevati standard, caratterizzandosi, quindi, come Ente certificatore. L Amministrazione di Buonconvento sarà il primo comune ad avere tale certificazione, nonché il primo esempio di Comune universalmente accessibile. Il Polo Universitario dell Accessibilità si distinguerà anche per una specifica offerta didattica costante attraverso la predisposizione di corsi di formazione che riguarderanno specifici profili professionali e diversi ambiti occupazionali. La creazione di un Master per Manager dell Accessibilità, 3

4 che rappresenterà una novità assoluta nel panorama italiano e che vedrà la presenza ciclica di studenti e studentesse sul territorio del comune, alimenterà e completerà l offerta formativa in senso positivo. Il Comune di Buonconvento, attraverso il PUA, ospiterà in modo permanente la mostra Vietato non Toccare percorsi museali tattili ed olfattivi che aiuterà a potenziare l offerta culturale del paese. Tale mostra, realizzata grazie anche al contributo del Dipartimento di Archeologia Preistorica dell Università degli Studi di Siena, che ha avuto un notevole successo di pubblico a livello nazionale, può considerarsi un esperimento che ha fatto tendenza e la cui stabilizzazione nel museo comporterà inevitabilmente anche un potenziamento dell intera struttura museale che diverrà totalmente accessibile. Quanto detto dovrà contare su un mix di azioni positive, basate sull analisi, sull indagine e sulla progettazione, di rendere il Polo capace di essere una nuova occasione didattica per il territorio, ma anche un vero e proprio esempio di sinergia tra Comune, Università e attori sociali, economici e culturali. 3. Il Laboratorio per l Accessibilità universale Il Laboratorio per l Accessibilità universale del Comune di Buonconvento promuove i diritti civili dei soggetti con disabilità in quanto si propone di riprogettare il territorio, i servizi, il turismo, l arte e gli eventi culturali, per mezzo di una serie di azioni finalizzate a produrre e a diffondere prassi e strumenti, culturali ed operativi per l accessibilità di questi importanti settori della vita sociale ed individuale dei cittadini. Il Laboratorio è il luogo ideale in cui lavorare per dare dignità culturale, sociale e giuridica all affermazione dei diritti umani delle persone con disabilità, studiando e progettando con rigore scientifico soluzioni tecniche e buone prassi capaci di trasformare la realtà alla luce delle nuove forme di accessibilità globale; idea questa che introduce una particolare attenzione per gli elementi qualitativi quali l accessibilità e la funzionalità delle strutture, dei servizi, della cultura, dell accoglienza, della vivibilità del territorio, del comfort urbano ed ambientale. Il progetto, nato nel 2006 per iniziativa dell Università di Siena in collaborazione con il FORMEZ e con il Comune di Buonconvento, ha una forte vocazione a lavorare sullo stesso territorio in rete con i diversi soggetti attivi (istituzioni ed amministrazioni, soggetti imprenditoriali ed associazioni di categoria, professionisti, scuole, istituzioni culturali, cittadini e cittadine), anche se la sua valenza è certamente nazionale. Il Laboratorio è stato, appunto, patrocinato dalla CRUI, finanziato dal Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e riconosciuto dal Ministero per la Solidarietà Sociale per il suo carattere esemplare. Allo stato attuale sono anche attive collaborazioni e convenzioni con le città di Palermo, Grosseto, Verona, 4

5 Firenze, Roma, Ferrara e con la Provincia di Pescara. In questi anni tali città hanno anche ospitato la mostra itinerante Vietato Non Toccare usufruendo delle relative azioni formative e di comunicazione realizzate accanto all azione di sensibilizzazione che la mostra ha sviluppato su temi e programmi di preistoria; si è da qui definito un modello di percorso museale tattile olfattivo sonoro, che si visita al buio e che mette in grado tutti i visitatori di esplorare in piena autonomia gli ambienti del percorso. Quest ultimo è strutturato in modo da favorire l accesso ai contenuti della mostra attraverso una pluralità di canali di comunicazione: l informazione scientifica è resa possibile attraverso l utilizzo di guide specializzate, l esplorazione tattile dei reperti materiali attraverso le ambientazioni sonore ed olfattive. Tale percorso, perfezionato in oltre cinque anni di attività di ricerca condotta all interno dell Università degli Studi di Siena da parte di docenti e ricercatori afferenti a diversi dipartimenti e discipline, è stato riconosciuto come un esempio di sperimentazione espositiva accessibile e trasferibile alla progettazione di musei. A breve nella provincia di Siena saranno presentate proposte di collaborazione ad alcuni soggetti del territorio quali: il Santa Maria della Scala, il Comune di Siena, l Azienda Provinciale per il Turismo di Siena, la Provincia di Siena, la Fondazione dei Musei senesi, il Sistema Museale Amiatino e la Comunità Montana del Monte Amiata Grossetano, e naturalmente la stessa Fondazione del Monte dei Paschi di Siena. È anche previsto una maggior coinvolgimento di alcune associazioni del terzo settore (disabili, in aggiunta all unione italiana ciechi). Nei prossimi anni le competenze del gruppo di lavoro Laboratorio per l Accessibilità saranno impegnate nello studio, ricerca ed applicazione degli strumenti della progettazione accessibile al contesto territoriale. Il Laboratorio ha attrezzato la propria sede a Buonconvento, all interno del Palazzo Grisaldi del Taja precedentemente adibito a Scuola materna comunale ed oggi concesso dal Comune di Buonconvento al gruppo di progetto in comodato gratuito per 20 anni, promuovendo da subito alcune iniziative formative destinate a dipendenti pubblici del circondario della Val d Arbia ed al circuito turistico di Buonconvento. Al suo interno verrà presto attivato un osservatorio sul monitoraggio delle barriere fisiche e sensoriali utilizzando i principi e gli strumenti di intervento della progettazione universale (Design for all): l obiettivo principale è fare di Buonconvento un modello italiano di accessibilità universale capace di promuovere la costruzione di un piccolo sistema (distretto) relativo al circuito turistico organizzato a rete sul territorio provinciale. I nodi della rete potrebbero essere alcuni alberghi, agriturismi, villaggi, campeggi, bed and breakfast, musei, parchi naturali, pubbliche amministrazioni, ristoranti, cinema e teatri, supermercati, farmacie ecc. 5

6 L accessibilità universale è un sistema complesso ed articolato di elementi (ambiente, mobilità, servizi, comunicazione ecc,) che richiede che il distretto si muovi come un micro-sistema, il quale, lavorando sull accessibilità di tutti gli elementi che compongono la rete e sui collegamenti fra i vari nodi, porterà sicuramente enormi benefici. Tutti gli attori parteciperanno da protagonisti nella progettazione di tale sistema e con l aiuto degli esperti si costituirà un primo modello di distretto turistico accessibile che inizierà a dare i primi risultati a partire dalla stagione estiva del Con la predisposizione dei diversi laboratori-cantieri si punterà ad progettazione accessibile di spazi, arredi, segnaletica, percorsi, servizi, accoglienza, commercializzazione di prodotti, linguaggi e comunicazione. In questo modo l accessibilità universale prenderà gradualmente forma in ogni nodo della sua rete. Buonconvento e l intera Provincia di Siena potranno divenire un centro capace di attrarre intelligenze e risorse interessate ad investire nella sfida sociale, culturale e tecnologica di un mondo senza barriere per tutti. Per la realizzazione del Laboratorio per l Accessibilità, attrezzato ed arredato dall Università di Siena, ci si è avvalsi di quattro micro-laboratorio (di cui una informatico e uno adibito allo studio e ricerca di materiali e riproduzioni di opere d arte), situati sempre nella sede di Palazzo Grisaldi del Taja, all interno del quale sono state arredate tre aule didattiche con sedie, computers, videoproiettori, scrivanie e postazioni per lo svolgimento delle varie attività. È inoltre presente, nel grande ingresso del palazzo, un auditorium, che verrà utilizzato, insieme ad alcuni spazi ad esso adiacenti, per l allestimento della mostra permanente di Vietato Non Toccare e per l organizzazione di eventi pubblici e culturali. È ora in fase di progettazione un terzo laboratorio multimediale, le cui principali attività sono dirette a: a. effettuare campagne di comunicazione sociale sull accessibilità universale, prodotte con modalità accessibili (tridimensionali, in rilievo, in braille, con sensazioni olfattive) e relativa attività di ricerca per la individuazione dei materiali utilizzabili; b. realizzare attività di formazione rivolte ai seguenti settori della Provincia di Siena: pubbliche amministrazioni, turismo e beni culturali, scuole ed università, associazioni di categoria ed ordini professionali, comunicazione e mass media, associazioni del terzo settore; c. rendere possibile eventi culturali accessibili universalmente, come la realizzazione di mostre di pittori e scultori senesi; d. definire una promozione e una progettazione integrata di un micro-distretto turistico accessibile nella Provincia di Siena costruendo una rete tra i diversi soggetti del territorio e creando un Portale; 6

7 e. effettuare lo studio e la progettazione di alcuni prototipi di segnaletica accessibile da utilizzare in luoghi pubblici e privati. Il gruppo di progetto, che comprende docenti e ricercatori del Dipartimento di Archeologia e storia delle arti, personale specializzato nelle tematiche della disabilità e della relazione d aiuto, esperti in comunicazione e design, consulenti nel settore del restauro ed allestimento museale, si occupa di lavorare su più piani. Vediamoli nel dettaglio. A. Campagne di comunicazione - Studio e realizzazione di una campagna di comunicazione e di sensibilizzazione ( Tutti per l accessibilità, l accessibilità per tutti ) sull accessibilità universale. - Creazione di un logo della campagna (che potrebbe essere utilizzato nell immediato futuro per certificare l accessibilità universale dei territori della provincia) realizzato coinvolgendo alcune scuole elementari e medie della provincia nell ottica di elaborare immagini e linguaggi realmente in grado di parlare a tutti. Spesso infatti si costruiscono campagne di comunicazione che non utilizzano un linguaggio universale capace di rivolgersi anche ai bambini ed alle bambine, e quindi non sono accessibili universalmente. Oltretutto proprio questi ultimi, in quanto privi di barriere emotive e psicologiche e più liberi e naturali nelle relazioni, sono coloro che danno i contributi migliori e più originali quando si affronta il tema dell accessibilità. - Realizzazione di eventi itineranti (degustazioni di vino ed olio al buio, laboratori tattili e olfattivi, spettacoli teatrali privi di linguaggio verbale, stimolazioni multisensoriali, laboratori esperienziali nei quali si sperimentano situazioni di disagio quali ad esempio: attraversamento strada trafficata al buio, percorso pedonale in carrozzella ecc.) per diffondere i contenuti della campagna ma anche per ascoltare e raccogliere stimoli e riflessioni. In futuro, l ideale sarebbe poter utilizzare una carrozza di un treno regionale per far viaggiare le iniziative contenute nella campagna, in modo tale da lavorare contemporaneamente sull accessibilità delle stazioni ferroviarie e dei loro servizi, oltre che, più in generale, sul sistema della mobilità. - Integrazione delle attività con strumenti comunicativi e di marketing già preesistenti alla campagna. - Promozione e progettazione integrata di un microdistretto turistico accessibile nella provincia di Siena. Costruzione di un piccolo sistema (microdistretto) sull accessibilità universale (relativo al circuito turistico) organizzato a rete sul territorio della provincia; i nodi della rete potrebbero essere un albergo, un agriturismo, un villaggio-campeggio, un bed and breakfast, un museo, un parco naturale, una pubblica 7

8 amministrazione, un ristorante, un bar-pub, un cinema, un teatro, un parco giochi, un supermercato, una farmacia ecc. B. Attività di formazione La formazione è un elemento cardine del Laboratorio, la cui finalità è quella di diffondere i principi dell accessibilità universale, creando nella Provincia di Siena un gruppo di persone in possesso di competenze multidisciplinari e trasversali, capaci di utilizzare gli strumenti dell accessibilità per ripensare e progettare i propri settori di intervento: i servizi, i contesti turistico ambientali, la comunicazione, la formazione, l approccio alla disabilità ecc. Pertanto le azioni formative riguarderanno i settori qui di seguito individuati: pubbliche amministrazioni; turismo e beni culturali; scuole e università; associazioni di categoria e ordini professionali; comunicazione e mass media; associazioni del terzo settore. Nella definizione delle attività, ci si volge a considerare sia a figure professionali già esistenti, sia quelle innovative. Una delle figure innovative previste nell ambito del progetto è quella del Manager dell Accessibilità, figura sperimentale capace di far dialogare tutti i soggetti che potenzialmente possono intervenire sull accessibilità (ad esempio i vari assessorati al turismo, alle politiche sociali, alle attività produttive, alla cultura/istruzione/innovazione eccetera) e di favorire la partecipazione ed il protagonismo delle persone con disabilità. La metodologia utilizzata prevede una serie d incontri capaci di coniugare teoria e pratica. Ad una prima parte che vede lezioni frontali, analisi dei casi, role-playng e learning in team, seguirà una seconda parte dedicata ad attività laboratoriali in cui tradurre le buone prassi acquisite e favorire l ideazione di progetti e soluzioni ad opera dei partecipanti. Il progetto prevede dieci corsi di formazione, di cui tre della durata di 60 ore e i restanti di venti ore. I corsi hanno obiettivi e programmi differenziati in relazione ai diversi settori di intervento, come nell ipotesi specificata qui di seguito. In sintesi, si tratta di realizzare: 1. due Corsi di formazione rivolti ai soggetti che lavorano, a diverso titolo, presso le Pubbliche amministrazioni del territorio della Provincia di Siena. L obiettivo principale è quello di formare nei partecipanti quelle conoscenze su principi e strumenti, progettuali ed operativi, offerti dall Accessibilità Universale e dal Desing for All che consentono agli 8

9 stessi di applicare tali strumenti nella progettazione di soluzioni e nell adozione di buone prassi nelle istituzioni e nelle pubbliche amministrazioni, nonché di governare e gestire progetti integrati che rispecchino pienamente anche il carattere trasversale dell accessibilità. In particolare verranno esplorate, alla luce dell accessibilità la comunicazione istituzionale e di servizio delle pubbliche amministrazioni (informazioni, modulistica); la progettazione dei servizi offerti e la fruizione dei servizi da parte dei cittadini; la progettazione dei tempi e degli spazi urbani per la vivibilità della città e del territorio; buone prassi nelle capacità relazionali rispetto a persone con disabilità. Un altro importante obiettivo di questi corsi è quello di contribuire alla formazione dei tecnici per sviluppare un linguaggio e un approccio culturale comune all accessibilità, assunta come valore su cui rimodellare tutta la città, per elaborare e realizzare progetti di qualità a partire dalla complessità che stanno assumendo oggi gli interventi nelle città, piccole o grandi che esse siano. In tale direzione i corsi intendono: approfondire la conoscenza e la consapevolezza critica dei processi insediativi contemporanei, arricchire e consolidare il bagaglio teorico relativo ai vari aspetti della progettazione relativa all accessibilità edilizia e urbana, fornire occasioni di confronto e di riflessione per un ripensamento e ri-definizione delle attuali tecniche e modalità per l analisi, la lettura, la progettazione e la valutazione della qualità dei progetti edilizi e urbani; contribuire alla formazione di un sapere tecnico-operativo che consenta ai partecipanti di governare e gestire progetti integrati che rispecchino pienamente anche la trasversalità dell accessibilità. I destinatari dei corsi sono: Amministratori, Dipendenti della pubblica amministrazione (comune, provincia, comunità montane), Tecnici della pubblica amministrazione (architetti, geometri ed ingegneri) e Responsabili della Comunicazione della Provincia di Siena. A ciascun corso saranno ammessi fino ad un massimo di 30 partecipanti. Riguardo i contenuti, saranno trattati: la normativa e le tipologie di disabilità; il linguaggio e l immaginario della disabilità; la relazione e l aiuto; i principi e gli strumenti dell accessibilità universale; i principi e gli strumenti del Design for all; la comunicazione pubblica e la comunicazione accessibile; il servizio e la sua progettazione; la carta dei servizi, qualità ed accessibilità; accessibilità degli ambienti e degli spazi; la mobilità lenta: come abitano le nostre città le varie stagioni della vita. I Laboratori collocati nella seconda parte del percorso didattico, consentono di consolidare l apprendimento e di favorire l applicazione guidata di principi e concetti a casi di studio concreti, permettendo ai docenti di accompagnare i partecipanti nella traduzione delle buone prassi acquisite e nell esercizio di prima ideazione di soluzioni e progetti. 9

10 Stage - Al termine del corso i partecipanti potranno svolgere un breve stage (circa 40 ore) finalizzato alla redazione di un progetto finale, realizzato nell ambito del proprio luogo di lavoro. In tal caso gli studenti usufruiranno della supervisione e del tutoraggio di un docente del corso. In totale sono previste 150 ore di tutoraggio per ciascun corso di formazione; 2) due Corsi di formazione rivolti a tutti i soggetti che lavorano nell ambito del circuito turistico ed ambientale nel territorio della Provincia di Siena, che si propongono di introdurre il concetto del turismo per tutti partendo dalle esperienze consolidate e dai dati rilevati da diversi studi sulla domanda e sull offerta. Essi introducono alle esperienze più significative intraprese nell ambito specifico ed analizza il quadro legislativo di riferimento. L attività formativa permetterà di esaminare le diverse tipologie di disabilità relativamente alla identificazione e alla valutazione di specifiche esigenze espresse da ogni persona e di fornire gli strumenti per predisporre le prestazioni da offrire. Verranno prese in esame soluzioni mirate per rispondere alle diverse necessità e verrà presa in esame la possibilità di integrarle per raggiungere utenze sempre più ampie. I corsi descrivono il concetto di accessibilità al prodotto turistico in termini sia di strutture ricettive ed extraricettive sia di spazi per la cultura ed il tempo libero in generale in un ottica integrata di filiera turistica. Saranno forniti gli strumenti per la realizzazione di un esperienza diretta finalizzata alla valutazione del grado di accessibilità di una struttura tipo e verranno fatti esempi concreti di inaccessibilità e di soluzioni progettuali per l accessibilità, anche in ambiti di particolare rilevanza storico-architettonica. La metodologia formativa è finalizzata a far acquisire ai discenti la conoscenza delle tecniche basilari per lo studio della domanda, per l impostazione di strategie appropriate per affrontare il mercato, per l attuazione di tali strategie attraverso la gestione delle tradizionali leve del marketing mix e dei più recenti strumenti del marketing (per esempio, web-marketing). Peculiare attenzione sarà riservata all analisi del turista come soggetto di particolari bisogni e motivazioni mirando ad individuare le motivazioni di consumo e le esigenze dei turisti con bisogni speciali, presupposto necessario per progettare, confezionare, promuovere e commercializzare offerte di servizi ad hoc. Nell attività formativa verranno presi in esame tutti gli aspetti relazionali tra fornitore di servizi e cliente, in particolare per quanto riguarda i principi di buona accoglienza e l assunzione di comportamenti ed atteggiamenti corretti nei confronti della persona con disabilità. Si affronteranno le fasi relative all acquisizione di informazioni per la preparazione di un prodotto turistico accessibile, identificando ed utilizzando gli strumenti che consentono di trasferire in servizi adeguati i bisogni espressi dalla clientela e di promuoverli adeguatamente sul 10

11 mercato. I corsi infine sono finalizzati a rendere i discenti consapevoli del processo di produzione di un package tour realizzato da un agenzia di viaggio su commessa di un cliente individuale o di un gruppo o da un tour operator, padroneggiando le tecniche e le terminologie utilizzate nel settore agenziale. Particolare attenzione sarà posta alle modalità di predisposizione di itinerari e package tour per tutti : si procederà alla pratica realizzazione di un prodotto accessibile, prendendo in considerazione tutti gli elementi che formano un pacchetto turistico completo, tenendo conto dell accessibilità delle singole componenti e della Catena dei servizi turistici nel suo insieme e dell appetibilità dell offerta per la clientela. Si curerà in maniera particolare la trasferibilità del prodotto e l integrazione con proposte e programmazioni mainstream; 3. proposte di laboratorio: 3.1 Galateo dell accoglienza. buone prassi nella progettazione dell offerta turistica e sistema territoriale dell accoglienza, a cui partecipano operatori del turismo (Tour operator, Aziende di promozione turistica, guide turistiche, gestori di alberghi e di strutture ricettive). Al termine del corso i partecipanti potranno svolgere un breve stage (circa 40 ore) finalizzato alla redazione di un progetto finale, da realizzare sul proprio posto di lavoro, e supervisionato da un docente del corso. In totale sono previste 150 ore di tutoraggio per ciascun corso di formazione. La durata del corso è di 60 ore. Sono previsti 2 corsi in sede all anno e altri corsi in sede o fuori della Provincia in base alla richiesta. 3.2 Beni culturali: sensibilizzazione ed informazione sui temi dell accessibilità e dell accoglienza delle persone con disabilità nell accesso al mondo della cultura. I musei e la fruizione del sapere; buone prassi per rendere accessibili mostre ed allestimenti. Si affrontano i temi del linguaggio e dell immaginario della disabilità, della relazione e dell aiuto, delle tipologie della disabilità, della normativa, del Design for all, della comunicazione accessibile, dei Laboratori. Dalla conservazione alla fruizione, norma e soluzioni tecniche; Vietato non toccare mostra tattile-olfattiva; progettazione di un percorso museale accessibile. Destinatari diretti del corso sono gli operatori e i direttori di siti museali e naturalistici, gli studenti universitari, che potranno svolgere un breve stage (circa 40 ore) finalizzato alla redazione di un progetto finale, realizzato sul posto di lavoro sotto la supervisione di un docente del corso. In totale sono previste 150 ore di tutoraggio per ciascun corso di formazione. Il corso avrà una durata di 60 ore e prevede nella programmazione 2 repliche in sede all anno. Altri corsi in sede o al di fuori della Provincia in base alla richiesta. 3.3 Scuole: sensibilizzazione ed informazione sui temi della disabilità, con particolare riguardo alla psicologia dell accoglienza, alla relazione e 11

12 all affettività, all integrazione e all inclusione, agli strumenti per la didattica. I destinatari principali di tale attività sono gli studenti e i docenti della scuola media inferiore e superiore. La durata è di 20 ore con una programmazione che prevede 4 repliche annuali, in collaborazione con il Provveditorato agli studi di Siena. 4.3 Corso di scultura tattile: l offerta formativa comprende anche corsi di scultura tattile-olfattiva, mosaico tattile, di ceramica e di fumettistica, tutto visto attraverso l ottica dell accessibilità universale. L obiettivo è quello di fornire le competenze tecniche e pratiche per svolgere una scultura plastica al buio, ossia sfruttando le potenzialità del tatto nella manipolazione della materia, nella comprensione delle forme e dei volumi, nella percezione cinestetica e fine aptica. Viene tracciata una breve storia della scultura plastica; materiali, tecniche e stili, e nel laboratorio vengono esposti: lavorazione della materia; tecniche e strumenti; produzione di oggetti e di manufatti al buio. I destinatari principali sono i non vedenti e gli ipovedenti, anche se la proposta è aperta a tutti. In collaborazione con l Unione italiana ciechi di Siena e l Istituto d Arte di Siena. La durata del corso è di 20 ore, con una programmazione che prevede 4 repliche in sede all anno. Altri corsi in sede o al di fuori della Provincia in base alla richiesta. 5.3 Vietato non toccare: laboratorio dell accessibilità. Il percorso museale tattile olfattivo Vietato Non Toccare è un laboratorio finalizzato all esemplificazione delle buone prassi da adottare nella progettazione accessibile degli ambienti dedicati all arte e alla cultura. Il suo obiettivo è quello di rendere fruibili le opere d arte, i reperti archeologici e i saperi della storia naturale alle persone con disabilità creando un percorso privo non solo di barriere fisiche, ma privo anche di barriere sensoriali e comunicative. Vietato non toccare è costituito da un allestimento tattile ed olfattivo, strutturato in moduli ognuno dei quali identifica un tema all interno del percorso storico-scientifico di volta in volta rappresentato. Ogni modulo comprende riproduzioni od opere originali da esplorare con le mani, pannelli olfattivi, ambientazioni sonore, mappe tattili e materiale informativo in Braille e a caratteri ingranditi che può essere consultato da non vedenti e ipovedenti. le postazioni sono allestite su tavoli e pannelli di altezza e conformazione adeguata per la visita di persone con disabilità motorie. La visita è guidata da guide appositamente formate che accompagnano i visitatori lungo il percorso, e che forniscono le necessarie informazioni scientifiche, e stimolando le persone ad esplorare e a percepire con tutti i sensi e non solo quello della vista. La prima edizione di Vietato non toccare ha avuto come tema l Archeologia preistorica. La mostra inaugurale si è tenuta a Palazzo Patrizi a Siena nel 2004, successivamente sono state allestite altre edizioni 12

13 in diverse città, tra le quali: Firenze, Ferrara, Cetona, Grosseto, Gavorrano e prossimamente Pescara, lasciando nei musei nuovi elementi e buone prassi per l accoglienza dei disabili. A titolo di esempio, al Museo di Preistoria del Monte Cetona sono presenti alcuni pannelli che riproducono ceramiche neolitiche e una mappa tattile della grotta*, nonché nuovi reperti esplorabili con le mani, inseriti nel percorso tradizionale del museo. Il Laboratorio dell Accessibilità Universale di Buonconvento ospiterà, in modo permanente e ampliato, la prima versione della mostra nel prestigioso Palazzo Grisaldi del Taja. Qui Vietato non toccare diventerà un prototipo di mostra accessibile e, allo stesso tempo, il banco di prova per testare il lavoro di studio e ricerca svolto nel Laboratorio dell accessibilità universale di Buonconvento. Inoltre, sono in programma altre due mostre di vietato non toccare, una sul grande artista senese Duccio di Buoninsegna e l altra sulla corrente toscana dei Macchiaioli. C. Eventi 1. Mostra permanente di Vietato non toccare sull archeologia preistorica. Studio e progettazione. Realizzazione dell allestimento fisico (tavoli e percorsi in podotattile e con corrimano); restauro del primo allestimento realizzazione di 4 pannelli olfattivi produzione di 3 ambientazioni sonore riproduzione di reperti preistorici con materiali originali o sintetici adatti all esplorazione (strumenti litici e di legno, vasellame, crani ecc) costruzione in scala di una grotta con rappresentazione olfattiva e acustica della vita quotidiana al suo interno. Produzione dei cataloghi in Braille e a caratteri ingranditi Campagna di comunicazione accessibile. In collaborazione con il Dipartimento di Archeologia e di Storia delle Arti della Facoltà di Lettere e Filosofia di Siena e con l Unione italiana ciechi di Siena. 2. Duccio di Buoninsegna per tutti. Mostra di Vietato non toccare sull artista senese Duccio di Buoninsegna, che ripercorre la sua vita artistica mediante la presentazione delle sue opere maggiori. Si prevede di realizzare la riproduzione di 10 opere pittoree o scultoree per renderle accessibili a non vedenti e ipovedenti, nonché a persone con disabilità cognitive. Studio e progettazione Realizzazione dell allestimento fisico Scelta e riproduzione delle opere maggiori in pannelli a rilievo, immagini tattili, modelli in scala. Produzione di cataloghi in Braille e a caratteri ingranditi Campagna di comunicazione accessibile Tempi di realizzazione 1 anno 13

14 In collaborazione con Santa Maria della Scala e Unione italiana ciechi di Siena. 3. I Macchiaioli a portata di mano Mostra di Vietato non toccare sul movimento toscano dei Macchiaioli, che ripercorre la storia del movimento mediante la presentazione degli autori e delle opere più significative. Si prevede di realizzare la riproduzione di 10 opere pittoree o scultoree per renderle accessibili a non vedenti e ipovedenti, nonché a persone con disabilità cognitive. Studio e progettazione Realizzazione dell allestimento fisico Riproduzione delle opere maggiori in pannelli a rilievo, immagini tattili, modelli in scala Produzione di cataloghi in Braille e a caratteri ingranditi Campagna di comunicazione accessibile Tempi di realizzazione 1 anno D. Il portale senese dell accessibilità Il laboratorio per l accessibilità universale di Buonconvento prevede di realizzare un portale internet che diventi il luogo di dialogo di tutti i soggetti diffusi sul territorio (amministrazioni locali (Comuni, Provincia di Siena, enti associazioni dei beni culturali e del turismo, ecc.), ossia di tutti coloro che vogliono costruire il Microdistretto accessibile della Provincia di Siena a partire dalla val d Arbia e dalla val d Orcia. Il portale internet dovrà avere le seguenti caratteristiche: elevati standard di accessibilità e di usabilità per consentire l accesso a tutti a prescindere dalle disabilità e dalle competenze informatiche struttura open source aggiornamento permanente bacheca per lo scambio di dati e informazioni vetrina sul distretto accessibile con elenco dei servizi e dei percorsi turistici certificati. Tempi di realizzazione 6-8 mesi. E. Segnaletica accessibile Il laboratorio ha in corso uno studio sulla segnaletica e sulla messaggistica pubblica e privata finalizzato a definire uno standard di segnaletica ad elevata comprensibilità (formato, colori, linguaggio, struttura dell informazione) in modo che l informazione sia accessibile anche a persone con disabilità sensoriali e cognitive. Il progetto si prefigge di progettare alcuni prototipi di segnaletica da adottare sul territorio, in accordo con Comuni, Provincia ed Aziende peril Turismo. Studio e progettazione Produzione di 3 prototipi Tempi di realizzazione 1 anno (6 mesi realizzazione 6 mesi di sperimentazione). 14

15 Benefici indotti. Il Distretto della provincia di Siena saprà riprogettare il suo territorio (turismo, pubbliche amministrazioni, arte, servizi, tessuto socio-economico ecc.) attraverso l accessibilità universale ed al termine del progetto sarà anche in grado, con l acquisizione di competenze innovative (laboratori formativi, creazione di nuove figure professionali) e con la nascita o la riconversione di piccole imprese/cooperative (incubatori d impresa e start-up, processi di riqualificazione e di nuova occupabilità) di lavorare sull accessibilità di altri territori. Realizzeremo almeno 10 incontri gestiti da un facilitatore per la costruzione di un clima positivo sul territorio in relazione al progetto e destinati a creare una rete di consenso ed interesse da parte di tutti gli attori che agiscono sul territorio. 4. Conclusioni Occorre imparare a saper leggere il territorio utilizzando come chiave di lettura l accessibilità universale, selezionare le priorità di intervento sostenibili e guidare intorno a tali priorità le risorse pubbliche e private. In questo processo gli Enti Locali sono fondamentali perché devono necessariamente svolgere un ruolo di regia nel garantire la costruzione di una visione condivisa e la realizzazione di un percorso che tenga conto dell interesse generale della comunità di riferimento. Le diverse attività che coinvolgeranno, creando cerchi concentrici sempre più larghi, decisori politici, associazioni di categoria, parti sociali, associazioni di volontariato, singoli cittadini, istituti scolastici ed università ecc., faranno emergere chiaramente quale grande opportunità rappresenti l accessibilità universale per il territorio provinciale in termini di maggiore attrattività, nuova occupabilità, miglioramento delle condizioni di comfort ambientale, innovazione del sistema produttivo, benessere di tutta la popolazione ecc. In questa direzione, la promozione di esperienze formative per trasmettere strumenti e competenze utili nella costruzione di materiali, destinati a rendere accessibile universalmente un allestimento di una mostra piuttosto che un parco, una piazza, un albergo, una spiaggia etc. (percorsi podo-tattili, pannelli tattili-olfattivi, ambientazioni sonore, riproduzione di oggetti utilizzabili nel percorso, segnaletica accessibile, mappe per l orientamento, totem multisensoriali, arredi completamente fruibili ecc.), si potrà rivolgere a piccoli imprenditori ed artigiani che desiderano innovare le loro attività o riconvertirle e servirà a creare efficaci incubatori per la nascita di nuove piccole imprese/cooperative in grado di favorire il reinserimento lavorativo di soggetti adulti usciti dal mercato del lavoro (cassintegrati ecc.) e di dare vita a possibilità lavorative concrete per disoccupati e giovani in cerca di prima occupazione. Va sottolineato, inoltre, come tali competenze specialistiche in Italia siano praticamente assenti. Si 15

16 tratta infatti di lavorare su figure professionali molto innovative anche sul panorama europeo e di ricreare su scala reale alcuni scenari al fine di dimostrare concretamente come potrebbe essere ripensata l accessibilità di un parco, di un museo o di una piazza. Sarebbe poi interessante promuovere laboratori di educazione alla partecipazione e all accessibilità universale destinati a sensibilizzare i cittadini e le cittadine del territorio sul progetto, in modo da farlo vivere e sentire come uno percorso partecipato di sviluppo sociale e culturale per tutto il territorio di riferimento, insomma come una opportunità per tutti e di tutti. Sarebbe inoltre stimolante, durante l'intero arco temporale di realizzazione del progetto, scrivere a più mani (naturalmente con un linguaggio universale ed accessibile) un libro che, oltre a raccontare esperienze e testimonianze dei vari soggetti coinvolti, sia capace di proporre linee-guida e buone prassi da seguire per dare vita ad uno spazio accessibile universalmente. BIBLIOGRAFIA A Framework for Qualifications of the European Higher Education Area Bologna Working Group on Qualifications Frameworks Ministry of Science, Technology and Innovation February 2005, p. 79 e pp ABBOTT M., DOUCOULIAGOS C., The efficiency of Australian universities: a data envelopment analysis, in Economics of Education Review, Elsevier, XXII, 1, 2003, pp ALFONSI C.R., CASCIOTTI C.A.T. (a cura di), Università e territorio al servizio del Paese, Napoli, 13 dicembre 2004, CRUI. ALMALAUREA, L'indagine 2006, Profilo dei Laureati laurea.it ASTRID, Università e sistema della ricerca. Proposte per cambiare, a cura di M. Cammelli, F. Merloni, Bologna, Il Mulino, BANKS J.A., BANKS C.A. (a cura di), Handbook of research on multicultural education, New York, Macmillan, BARNABÈ F., La managerializzazione dell Università italiana. Le potenzialità della System Dynamics, Padova, CEDAM, BARNABÈ F., RICCABONI A., STEFANI E., Implicazioni ed effetti della valutazione della didattica e della ricerca: il caso dell Università di 16

17 Siena, in C. MAZZA, P. QUATTRONE, A. RICCABONI, L università in cambiamento fra mercato e tradizione, Bologna, Il Mulino, 2006, pp BARRY J., CHANDLER J., CLARK H., Between the ivory tower and the academic assembly line, in Journal of Management Studies, XXXVIII, 1, 2001, pp BASSETT R., International organizations: An examination of their historical and current influence on global higher education policy, World University Network Seminar Series'Universities and Ideas, Retrieved May 2006 from wun.ac.uk /id /2007/id /index.html. BECKET N., BROOKES M., Evaluating quality management in university departments, in Quality Assurance in Education, XIV, 2, 2006, pp BELLAMY R., WARLEIGH A., From an Ethics of Integration to an Ethics of Participation: Citizenship and the Future of the European Union, in Millennium: Journal of International Studies, XXVII, 3, 1998, pp BERG C., TEICHLER U., Unveiling the Hidden Information in Credentials: a Proposal to Introduce a Supplement to Higher Education Diplomas, in Higher Education in Europe, XIII, 3, 1988, pp BIGGS J., What the student does: Teaching for enhanced learning, in Higher Education Research and Development, 18, 1999, pp BIGGS J., Teaching for Ouality Learning at University, Society for Research into Higher Education, Buckingham, Open University Press, BLEIKLIE I., Justifying the evaluative state: New Public Management ideals in higher education, in European Journal of Education, XXXIII, 3, 1998, pp BOADEN R.J., CILLIERS J.J., Quality and the research assessment exercise: just one aspect of performance?, in Quality Assurance in Education, IX, 1, 2001, pp BOFFO S., DUBOIS P., MOSCATI R., Il governo dell Università, Milano, Guerini, BRENNAN J., SHAH T., Quality assessment and institutional change: experiences from 14 countries, in Higher Education, XXXX, 3, 2000, pp BREW A., "Teaching and research: new relationships and their implications for inquiry-based teaching and learning in higher education, in Higher Education Research & Development, XXII, 1, 2003, pp BREW A., Research and teaching: beyond the divide, London, PalgraveMacmillan, BRINN T., JONES M.J., PENDLEBURY M., Measuring research quality: peer review 1, citation indices 0, in Omega, XXVIII, 2, 2000, pp

18 BRINN T., JONES M.J., PENDLEBURY M., UK Accountants Perceptions of Research Journal Quality, in Accounting and Business Research, XXVI, 3, 1996, pp BROWN L.D., Ranking Journals Using Social Science Research Network Downloads, in Review of Quantitative Finance and Accounting, XX, 3, 2003, pp CALVO-MORA A., LEAL A., ROLDÁN J.L., Using enablers of the EFQM model to manage institutions of higher education, in Quality Assurance in Education, XIV, 2, 2006, pp CAMPBELL A., Cultural diversity: Practising what we preach in higher education, in Teaching in Higher Education, V, 3, 2000, pp CAPANO G., Il governo degli atenei, in R. MOSCATI, M. VAIRA (a cura di), L università di fronte al cambiamento, Bologna, Il Mulino, CARROLL A., The pyramid of corporate social responsibility, in Business Horizons, XXXIV, 4, 1991, pp CASCIOTTI C.A.T. (a cura di), Atti del Seminario CampusOne: processi di integrazione con il territorio, Roma, 2 febbraio 2004, CRUI. CASCIOTTI C.A.T. (a cura di), La valutazione: un indispensabile strumento di garanzia e di governance, Roma, 8 ottobre 2003, CRUI. CEC, Delivering on the Modernisation Agenda for Universities: Education, Research and Innovation, COM (2006) 208/final, Communication from the Commission to the council and the European Parliament Brussels, 10 May CHECKEL J.T., The Europeanization of citizenship?, in M.G. COWLES, J.A. CAPORASO, T. RISSE (a cura di), Transforming Europe: Europeanization and Domestic Change, Ithaca, Cornell University Press, 2001, pp CHURCHMAN D., Voices of the academy: academics responses to the corporatizing of academia, in Critical Perspectives on Accounting, XIII, 5-6, 2002, pp CICLISTA M.A. (a cura di), Università oltre le Nazioni: per una dimensione universale della formazione e della ricerca, Torino, novembre 2003, CRUI CLARK P.M., Reflections on quality assessment in England: , in Quality Assurance in Education, V, 4, 1997, pp COLBERT F., NANTEL,J., BILODEAU S., Marketing delle arti e della cultura, Milano, Etas, COULBY D., GUNDARA J., JONES C. (a cura di), World yearbook of education 97. Intercultural education, London, Kogan Page, CRAWFORD E., SHINN T., SÖRLIN S., Denationalizing Science. The Context of International Scientific Practice, Dordrecht, Kluwer Academic, CROSIER D., PURSER L., SMIDT, Trends V: Universities shaping the European Higher Education Area. An EUA H. Report, p. 8 e pp e p

19 CRUICKSHANK K., Towards diversity in teacher education: Teacher preparation of immigrant teachers, in European Journal of Teacher Education, XXVII, 2, 2004, pp CZARNIAWSKA B., GENELL K., Gone shopping? Universities on their way to the market, in Scandinavian Journal of Management, XVIII, 4, 2002, pp DALE R., Repairing the Deficits of Modernity; the emergence of parallel discourses in higher education in Europe, in D. EPSTEIN, R. BODEN, R. DEEM, F. RIZVI, S. WRIGHT (a cura di), Geographies of knowledge, geometries of power: Higher Education in the 21st Century; World Year Book of Education 2007, London, RoutledgeFalmer, DAVIES A., THOMAS R., Managerialism and Accountability in Higher Education: the Gendered Nature of Restructuring and the Costs to Academic Service, in Critical Perspectives on Accounting, XIII, 2, 2002, pp DE GRAAF E., A European perspective on Faculty development in Engineering Education, in A. KOLMOS (a cura di), Faculty Development in Nordic Engineering Education, 1, Viborg, Aalborg University Press, 2004, pp DE GRAAFF E., KOLMOS A., Characteristics of problem-based learning, in International Journal of Engineering Education, XIX, 5, 2003, pp DEARLOVE J., The deadly dull issue of university administration? good governance, managerialism and organising academic work, in Higher Education Policy, XI, 1, 1998, pp DEEM R., "Conceptions of contemporary European universities: to do research or not to do research?", in European Journal of Education, XXXXI, 2, 2006, pp DEEM R., Globalisation, new managerialism, academic capitalism and entrepreneurialism in universities; is the local dimension still important?, in Comparative Education, XXXVII, 1, 2001, pp DEEM R., FULTON O., JOHNSON R., HILLYARD S., New Managerialism and the Management of UK Universities, End of Award Report, Swindon, Economic and Social Research Council, societytoday.ac.uk/esrcinfo Centre/ViewAward DEEM R., HILLYARD S., REED M., Knowledge, Higher Education and the New Managerialism: The Changing Management of UK Universities, Oxford, Oxford University Press, DEEM R., LUCAS L., MOK K.H., East meets West meets 'world class'. What is a world class university in the context of Europe and Asia and why does it matter?, Unpublished paper given to Annual conference of the Consortium of Higher Education Researchers, 7-9th September, Kassel,

20 DEEM R., LUCAS L., MOK K.H., Transforming higher education in whose image? Exploring the concept of the 'world class' university in Europe and Asia, World University Network Seminar series 'Universities and Ideas' Retrieved September 2007 from DENT M., Professionalism, educated labour and the state: hospital medicine and the new managerialism, in Sociological Review, XXXXII, 2, 1993, pp DENTI F., MOSCATI R., Strutture formative e relazioni sociali: la riforma degli ordinamenti didattici nell'università italiana, in La Rassegna Italiana di Sociologia, 4, DRUCKER P.F., Post-Capitalist Society, Oxford, Butterworth Heinemann, DRUMMOND J., Care of the Self in a Knowledge Economy: Higher education, vocation and the ethics of Michel Foucault, in Educational Philosophy and Theory, XXXV, 1, 2003, pp EPSTEIN D., BODEN R., DEEM R., RIZVI F. et al. (a cura di), Geographies of Knowledge, Geometries of Power: Higher Education in the 21st Century; World Year Book of Education 2007, London, RoutledgeFalmer, ETZKOWITZ H., Research groups as quasi-firms : the invention of the entrepreneurial university, in Research Policy, XXXII, 1, 2003, pp ETZKOWITZ H., WEBSTER A., GEBHARDT C., CANTISANO TERRA B.R., The future of the university and the university of the future: evolution of the ivory tower to entrepreneurial paradigm, in Research Policy, XXIX, 2, 2000, pp FERRY L., PESRON J.-P., RENAUT A., Philosophies de l université. L idéalisme allemend et la question de l Université. Textes de Schelling, Fichte, Schleiermacher, Humboldt, Hegel, Paris, Payot, FREIRE P., La Pedagogia degli oppressi, Torino, Ega Editore, FREIRE P., Pedagogia dell autonomia, Torino, Ega Editore, FULLAN M., The new meaning of educational change, New York, Teachers College Press, FULLER S., Can Universities Solve the Problem of Knowledge in Society without Succumbing to the Knowledge Society?, in Policy Futures in Education, I, 1, 2003, p. 107 GALLINA V., La competenza alfabetica in Italia. Una ricerca sulla cultura della popolazione, Milano, Franco Angeli, GALLINA V., LICHTNER M. (a cura), L'educazione in età adulta. Primo rapporto nazionale, Milano, Franco Angeli, GHOSHAL S., Bad Management Theories Are Destroying Good Management Practices, in Academy of Management Learning & Education, IV, 1, 2005, pp

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA a CORSO DI URBANISTICA STRUMENTI INNOVATIVI PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO Obiettivi formativi Il corso di è un insegnamento importante per il curriculum formativo dell ingegnere edile che vorrà operare

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli