Sistemi informativi per l integrazione delle conoscenze a supporto del progetto Valle del fiume Po: alcune linee di indirizzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi informativi per l integrazione delle conoscenze a supporto del progetto Valle del fiume Po: alcune linee di indirizzo"

Transcript

1 IEFE Istituto di Economia e Politica dell Energia e dell Ambiente L analisi economica a supporto della gestione integrata delle risorse idriche e della soluzione partecipata dei conflitti. L esperienza del bacino del Po Sistemi informativi per l integrazione delle conoscenze a supporto del progetto Valle del fiume Po: alcune linee di indirizzo Università Commerciale Luigi Bocconi Milano 24 ottobre 2008

2 l ipotesi di lavoro - 1 Coinvolgimento nella realizzazione del progetto: - aumento delle conoscenze e delle consapevolezze - spazio di pratica della transdisciplinarietà e di sperimentazione di decisioni partecipate Non solo spazio specifico di sistemi informativi / geomatiche, ma anche ipotesi di approccio complessivo Presentazione di alcuni elementi di valutazione e di indirizzo: - rilettura e ri-orientamento dello spazio informativo - fase di valutazione per adeguare politiche, pratiche e strumenti

3 l ipotesi di lavoro - 2 Comunque ci sarà coinvolgimento: - rischio di perpetuare l uso non riflessivo di strumenti informativi - consapevolezza che rilevo - disponibilità uso di dati riflette, a volte determina, anche una parte degli assetti sociali - organizzativi Oltre che alle esigenze / scelte progettuali (più avanti accennate), ci si può riferire ad alcune tendenze generali: -nuove opportunità della rete - sviluppo webgis, earth viewer, - culture dell accesso e software free - in campo geomatico sono state proposte esperienze partecipate (carte partecipate, ppgis)

4 Sistemi informativi: approcci e criticità

5 Autorità di bacino del fiume Po e sistemi informativi Prevalenza di tecnologie e applicazioni geomatiche Ambiti di intervento - acquisizione, produzione e uso di dati, in larga parte georiferiti - produzione elaborati di pianificazione - sistema informativo del bacino del Po - infrastruttura informatica - diffusione competenze informative nei settori tecnici

6 il sistema informativo nel PSS Valle del fiume Po 4 Regioni 13 Province 490 Comuni 5 parchi 117 SIC / ZPS / Aree Protette (parziale sovrapposizione) Obiettivo Rafforzare il sistema complessivo della governance del fiume Po, aumentare il livello di conoscenza e partecipazione al fine di migliorare la capacità di programmazione e attuazione degli interventi, in un ottica di sostenibilità Linea di azione 4 Il sistema della governance e delle reti immateriali per la conoscenza, la formazione e la partecipazione Obiettivi - Migliorare il livello e l integrazione della conoscenza della regione fluviale operativi - Potenziare la ricerca scientifica e la diffusione di approcci innovativi alle questioni del fiume Po - Sostenere la partecipazione dei cittadini e la diffusione di forme di governance multilivello in applicazione del principio di sussidiarietà Risorse 8 milioni di euro per la Linea 4 finanziarie Azioni - Sistemi informativi, integrazione delle conoscenze tramite sistemi di controllo e rilevamento territoriale - Altre azioni che necessitano del supporto informativo

7 il contesto conoscitivo della valle del fiume Po Alcuni cenni di valutazione: - area marginalizzata (caso CTR) / area disconnessa dal bacino (caso Carta MagisPo) - condizioni di separazione tra abitanti e fiume (in corrispondenza della separazione fiume piana alluvionale): rotture conoscitive? esperienziali? - semplificazione del fiume nel modello idraulico - sovra-esposizione nei media in occasione di piene e magre, senza informazioni adeguate (banalizzazione dello stesso modello idraulico) -permanenza di approcci operativi in contrasto con le conoscenze acquisite Non corrispondenza delle finalità degli attuali sistemi informativi con le caratteristiche del progetto

8 criticità dei sistemi informativi e di monitoraggio - 1 Rilievi critici Orientamenti dell Unione Europea Commissione delle Comunità Europee, Verso un Sistema Comune di informazioni ambientali (SEIS), 1 febbraio 2008 SCARTO TRA NUOVE ESIGENZE (DIFESA BIODIVERSITA ) ED EFFICACIA DELL USO DEI DATI Commissione delle Comunità Europee, Affrontare il problema della carenza idrica e della siccità nell Unione Europea, Comunicazione 17 luglio 2007 ESIGENZA DI MIGLIORARE LA DISPONIBILITA, LA COERENZA E LA DEFINIZIONE CONDIVISA DEI DATI

9 criticità dei sistemi informativi e di monitoraggio - 2 Rilievi critici Progetto Reti di Monitoraggio FASE I 2007 (AdbPo e ARPA) Si sono rilevate una notevole copertura e un ampia quantità di dati a supporto delle politiche ambientali regionali. Si sono però riscontrati limiti: - di finalizzazione conoscitiva (prevale il supporto normativo) - di integrazione territoriale - di lettura integrata dei fenomeni - di aggiornamento degli schemi di rilevamento

10 criticità dei sistemi informativi e di monitoraggio - 3 Rilievi critici - Discipline geografiche è stato proprio sulla base di tali criteri [militari] che tra Otto e Novecento si è proceduto in Europa alla costruzione delle carte topografiche, selezionando secondo il criterio della maggiore o minore valenza tattica e trasformando in ostacolo o vantaggio tutti i tratti della faccia della Terra. ( ) Per questo il villaggio, meccanicamente spogliato di ogni segno riferibile alla sua natura di formazione sociale, si trasmuta, prima sulla carta e poi nella nostra testa, in un semplice insieme di case, in una collezione di costruzioni. da Franco Farinelli, Geografia. Un introduzione ai modelli del mondo, 2003 Se si ritiene necessaria l attivazione a scala locale di soggetti e risorse per la tutela e la valorizzazione del fiume, probabilmente occorre che nel quadro conoscitivo sia presente l equivalente del villaggio, la relazione fra le persone e con le risorse del territorio.

11 criticità dei sistemi informativi e di monitoraggio - 4 Evidenza criticità - Bassin Rhône-Méditerranée, La portée du schéma directeur des données sur l'eau projet 2005 Lo schema direttore dei dati sull acqua deve definire un sistema d informazione che contribuisca a rispondere a quattro grandi esigenze: - valutazione dello stato degli ambienti acquatici (direttiva 2000/60 e non solo) - integrazione con i dati idrologici - sostegno all esercizio delle politiche ambientali (informazioni di contesto per il controllo) - rispondere all obbligo di informazione pubblica definito da convenzione di Arhus e direttiva 2003/4 Nella Legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo: - si prevede un importante attività conoscitiva, che però di fatto rimane strumento accessorio - non sono previsti passaggi di pianificazione dei quadri conoscitivi (come garanzia di valutazione delle informazioni e di disponibilità per tutti)

12 criticità dei sistemi informativi e di monitoraggio - 5 Limiti nei requisiti utente - sistemi costruiti sugli ambiti amministrativi - sistemi realizzati per ambiti settoriali Limiti nelle pratiche geomatiche - metadata e incertezza - difficoltà tecnica e concettuale nel realizzare letture / applicazioni multi-scala Carenza di pratiche e statuti di interazione disciplinare - esclusiva attenzione alle strutture informatiche?

13 criticità dei sistemi informativi e di monitoraggio - 6 Area del poligono certa al 98% da Giordano A. Veregin H. Il controllo di qualità nei sistemi informativi territoriali il Cardo, 1994 Il caso dei metadata Criticità: pesanti e costosi, sono poco utilizzati e non usati per qualificare il risultato (solo un si / no relativo all uso) Potevano essere il punto di incontro tra diversi approcci (relazione tra GIS e discipline e tra Decisori e Tecnici), ma si può dire che la promessa non è stata mantenuta Però i dati possono essere determinati (una strada), da cui problemi di accuratezza, oppure non determinati (un eco-sistema), da cui problemi di incertezza. Gestire l incertezza dei dati e qualificare di conseguenza gli esiti elaborativi, anche quelli di rappresentazione

14 quale spazio informativo per il progetto? - 1 Il superamento dei limiti non è indolore - la creazione del territorio fluviale unitariamente interpretato e rappresentato è in conflitto con pratiche consolidate, anche disciplinari - non si risolve nel classico schema dei sistemi informativi (rapporto tra utente e specialista, analisi dei requisiti, progettazione delle specifiche, eccetera) - necessità che il tema sia assunto nelle politiche del progetto e in tutte le attività disciplinari

15 quale spazio informativo per il progetto? - 2 Alcune prime assunzioni (condividere una sorta di deontologia?) - utilizzo dei dati disponibili - trasparenza dei processi e dei ruoli e costruzione di simmetrie informative (scelta operativa) - circolarità dati-informazioni-conoscenze - evidenza di più scelte dai dati disponibili - ricerca dell innovazione - valutazione dei risultati

16 quale spazio informativo per il progetto? - 3 Abbiamo parlato della non corrispondenza delle finalità degli attuali sistemi informativi con le caratteristiche del progetto La valutazione non è assoluta, non interessa un astratto uso corretto dei sistemi informativi. Si possono proporre alcuni livelli di valutazione: - accuratezza rispetto ai risultati attesi del lavoro (aspetti organizzativi e informativi) - ci sarebbero anche l analisi economica e la verifica dei costi/benefici - aumento delle conoscenze - miglioramento dell ambiente? ovvero ci sono nuovo conoscenze operativamente utili a soggetti socialmente definiti per favorire la transizione alla sostenibilità?

17 quale spazio informativo per il progetto? - 4 Attenzione ad alcuni strumenti e temi di analisi dei requisiti nella costruzione di un modello informativo e conoscitivo del progetto - contesto conoscitivo della valle del fiume Po - caratteristiche dei sistemi informativi e di monitoraggio esistenti - persone coinvolte - tempi dei fenomeni e tempi del progetto - tematiche e spazio di interesse - rischio e incertezza (shareholders e stakeholders) - connessione e servizi informatici Uno schema di riferimento?

18 uno spazio incerto Cambia la domanda sociale (e tecnica) nei confronti dei sistemi informativi e di monitoraggio: come e dove si evidenzia la questione alcuni casi How can today s operational systems for monitoring and reporting on environmental and social conditions be integrated or extended to provide more useful guidance for efforts to navigate a transition toward sustainability? da R. W. Kates et al., Sustainability Science, Science, 2001

19 casi - 1 AdbPo Strumento per la messa a disposizione dei dati Organizzazione dell infrastruttura: disponibilità, non duplicazione, documentazione Garanzia di accesso: rispondenza norme (Direttiva Aarhus, Direttiva Inspire) Scelta gli strati informativi: chi partecipa? di nuovo pochi per tutti?

20 casi 2a Fasce fluviali, Piano stralcio Fasce Fluviali, Autorità di bacino del fiume Po, 1997 Aree allagabili: approccio tecnico Evidenza della relazione tra fenomeni idraulici e insediamenti/attività socioeconomiche: condizioni di rischio Valore dei beni esposti a rischio: costruzione sociale? Atlas de l aléa d inondation et des dommages potentiels en cas de crues extrêmes sur le Rhin, Commission Internationale pour la protection du Rhin, 2001

21 casi 2b Studio delle carte storiche: integrazione delle informazioni Nuovi concetti per la conoscenza e la gestione del fiume: dal fiume alla piana alluvionale, dall alveo allo spazio di mobilità del fiume Gestione del territorio: chi paga per le opere necessarie oggi (per la sicurezza di tutti, a valle) a causa di un vantaggio realizzato ieri (da pochi, a monte)?

22 casi - 3 Utilizzi dell acqua (temi e approcci di riferimento) Prelievo e consumo: costi, sistema tariffario Scarichi (Legge Merli ): qualità acqua, controllo scarichi Decreto legislativo 152/1999: qualità acqua, qualità vita acquatica, controllo corpo idrico ricettore Direttiva 2006/60: qualità acqua, qualità vita acquatica, qualità corpo idrico, buono stato, chi inquina paga Comunicazione CE su siccità e crisi idrica: limitare infrastrutture e gerarchizzare opzioni idriche, giusto prezzo dell acqua Uso del territorio e delle risorse: se dovessimo oggi pagare il ripristino dei capitali naturali? investire nel ripristino funzioni per ridurre i costi dell acqua? bilancio idrico? principio di precauzione?

23 sistema informativo a supporto del progetto - 1 Cosa fa: - integrazione dati a scala di progetto e di macro area (bacino, nazione, europa) - data discovery - acquisizione dati (limitata) Cosa serve: - confronto dati alle varie scale - costruzione condivisa di conoscenza - produzione di scenari integrati (fenomeni naturali, fenomeni antropici ) - supporta esigenze informative dell insieme delle Azioni del PSS

24 sistema informativo a supporto del progetto - 2 Cosa è: -(forse) un nuovo modello di fiume (funzioni, servizi, capacità, usi, pianificazioni, eccetera) - (forse) un modello esplicito delle responsabilità (approcci di riferimento, incentivi, compensazioni, impegni a fare, ) Cosa comprende revisione modello DPSIR: - elementi del territorio, loro funzioni ed evoluzione - risorse naturali (stock e flussi) - servizi eco-sistemici - resilienza

25 sistema informativo a supporto del progetto - 3 Chi lo usa: - comunità locali - decisori locali e di area Dov è: -rete

26 sistema informativo a supporto del progetto - 3 Esempio: Costruzione di scenari agro-ecologici della fascia fluviale (terreni, coltivazioni, pratiche colturali, filiere, usi idrici, eccetera), con una mappa delle aree potenziali (insediamenti, servizi, propensioni sociali, mercati) e la valutazione delle positività apportate (ripristino capacità terreni, riduzione dell inquinamento del fiume, biodiversità, salute, eccetera) Modello: - zonizzazione della conoscenza (con processi sociali che producono stabilità / camiamento) - zonizzazione di intervento -zonizzazione per il contratto (da O. Lompo Cartografia partecipativa e protezione ambientale in E. Casti Cartografia e progettazione territoriale. Dalle carte coloniali alle carte di piano UTET 2006)

27 primi indirizzi di riferimento - 1 I dati come bene comune (accesso e non esclusione conoscenza della disponibilità e supporto all uso condivisione della costruzione) La costruzione della conoscenza come ambito trans-disciplinare (integrazione fatti naturali e sociali - pratica dialogica fra discipline) e come inclusione di altri punti di vista e pratiche sociali (supporto processi, pubblic partecipatory gis, saperi tradizionali) Dati e quadri conoscitivi come oggetto di pianificazione (piani direttori delle informazioni - statuti dei luoghi) Scenari (da informazioni condivise e di qualità/incertezza note) come strumenti di interazione fra soggetti e di individuazione di alternative

28 primi indirizzi di riferimento - 2 Inclusione del valore dei servizi ambientali (valutazioni) e delle capacità di risposta dei sistemi socio-naturali per processi di transizione alla sostenibilità (definizione delle politiche e dei progetti) Evidenza e comunicazione delle condizioni di rischio nei processi decisionali Evidenza della evoluzione storica dei fenomeni Infrastrutture informatiche per la messa a disposizione di dati e conoscenze e per la connessione tra sistemi esistenti (supporto alla rete dei soggetti) Tecnologie free e open (è un approccio, prima di tutto fra soggetti cooperanti)

29 percorso (cenni) Confronto interdisciplinare e interistituzionale sulle esigenze informative (gruppo di progetto?) Analisi dei limiti e delle potenzialità dei sistemi informativi esistenti e dei dati disponibili (compreso il tema del riuso) Attività di formazione all uso dei dati (Azione corrispondente) Realizzazione di prodotti di riferimento: - infrastruttura per la messa a disposizione dei dati - atlante del Po, atlante delle conoscenze, glossari (Azioni corrispondenti) Definizione e acquisizione e qualificazione dei dati necessari per mancanza, non aggiornamento, non normalizzazione (esempio: differenze in corrispondenza di zone di confine) Definizione degli strumenti informatici e procedurali di sistema (connessione) e di applicazione (generazione scenari, supporto partecipazione, valutazione servizi eco-sistemici)

30 Riferimenti - 1 Riferimenti per l organizzazione delle informazioni, le conoscenze, i diritti di accesso, la partecipazione Direttiva 2003/4/CE (Aarhus) del 28 gennaio 2003 sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale Direttiva 2003/98/CE del 17 novembre 2003 relativa al riutilizzo dell'informazione del settore pubblico Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n Codice dell amministrazione digitale. Decreto legislativo n. 195 del 19 agosto 2005 per la Attuazione della direttiva 2003/4/CE sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale (e successive integrazioni) Direttiva 2007/2/CE (Inspire) del 14 marzo 2007 che istituisce un infrastruttura per l informazione territoriale nella Comunità Commissione delle Comunità Europee, Comunicazione del 1 febbraio 2008, Verso un Sistema comune di informazioni ambientali (SEIS) IntesaGis Sistema Cartografico di riferimento (confluito in CNIPA Sistemi Informativi Territoriali) SPC - Sistema Pubblico di Cooperazione (CNIPA Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione) SCC - Sistema Cartografico Cooperante (Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) Centre d Estudis d Informaciò Ambiental, A new model of environmental communication for Europe from consumption to use of information. EEA European Environment Agency, data nd

31 Riferimenti - 2 Iniziative SCC - Sistema Cartografico Cooperante, PNC Portale Cartografico Nazionale (Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) SPC - Sistema Pubblico di Cooperazione (CNIPA Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione) IT/Attivit%c3%a0/Sistema_Pubblico_di_Connettivit%c3%a0_(SPC)/ CNIPA Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione, Sistemi informativi territoriali INSPIRE - Infrastructure for Spatial Information in the Europe WISE Water Information System for Europe - per i progetti ricerca relativi alle tecnologie dell informazione e alla gestione /elaborazione di dati ambientali - sito del progetto Geoscope, per un sistema di monitoraggio a scala globale (integra osservazioni da satellite con dati rilevati al suolo e osservazioni delle relazioni tra sistemi sociali e naturali) - sito del Forum: Science and Innovation for Sustainable Development

32 Riferimenti - 3 Riferimenti di settore (in ordine cronologico) Legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo PSFF Piano Stralcio per le Fasce Fluviali, Autorità di bacino del fiume Po, 1997 Decreto Legislativo 11 maggio 1999, n. 152 Disposizioni sulla tutela delle acque dall'inquinamento e recepimento della direttiva 91/271/CEE concernente il trattamento delle acque reflue urbane e della direttiva 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall'inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole Direttiva 2000/60/CE del 23 ottobre 2000 che istituisce un quadro per l'azione comunitaria in materia di acque PAI Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico, Autorità di bacino del fiume Po, 2001 Atlas de l aléa d inondation et des dommages potentiels en cas de crues extrêmes sur le Rhin, Commission Internationale pour la protection du Rhin, 2001 Schéma directeur des données sur l'eau du bassin Rhône-Méditerranée projet du 8 juin 2005, Système d information sur l eau du bassin Rhône Méditerranée, 2005 Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale Commissione delle Comunità Europee, Proposta di Direttiva del 22 settembre 2006 che istituisce un quadro per la protezione del suolo e modifica la direttiva 2004/35/CE Direttiva 2006/118/CE del 12 dicembre 2006 sulla protezione delle acque sotterranee dall'inquinamento e dal deterioramento Commissione delle Comunità Europee, Comunicazione del 18 luglio 2007 Affrontare il problema della carenza idrica e della siccità nell Unione europea Direttiva 2007/60/CE del 23 ottobre 2007 relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni Re.Mo. del Po Rete di Monitoraggio del fiume Po, Fase 1, Ricostruzione del quadro conoscitivo di riferimento sintesi dei risultati, Autorità di bacino del fiume Po, 2007 (documento interno) Il recupero morfologico e ambientale del fiume Po. Il contributo del Programma generale di gestione dei sedimenti del fiume Po, Autorità di bacino del fiume Po, Edizioni Diabasis, 2008

33 Riferimenti - 4 Indicazioni bibliografiche Benkler Y. (2006) La ricchezza della Rete. La produzione sociale trasforma il mercato e aumenta la libertà, Università Bocconi Editore, 2007 Casti E. a cura (2006) Cartografia e progettazione territoriali. Dalle carte coloniali alle carte di piano, UTET 2006 Clifford S. Maggi M. Murtas D. (2006) Genius loci. Perché quando e come realizzare una mappa di comunità, IRES Piemonte 2006 De Marchi B. e altri (2001) Il rischio ambientale, il Mulino 2001 De Matteis G. Forlaino F. a cura (2003) Il mondo e i luoghi. Geografie delle identità e del cambiamento, Ires Piemonte 2003 Farinelli F. (2003) Geografia, Einaudi 2003 Gallino L. (2007) Tecnologia e democrazia, Einaudi 2007 Giordano A. Veregin H. (1994) Il controllo di qualità nei sistemi informativi territoriali, il Cardo, 1994 Granieri G. La società digitale, Editori Laterza, 2006 Kates R. W. e altri (2001), Sustainability Science, Science 27 april 2001, 2001 Lucht W. Jaeger C.C. (2001) The Sustainability Geoscope: A Proposal for a Global Observation Instrument for the Anthropocene, 2001 Nordmann A. a cura (2004) Converging Technologies. Shaping the futures of Europeans societies, EC (paper) 2004 Science and Technology for Sustainable Development Special Feature of PNAS - Proceedings of the National Academy of Sciences of USA, july , vol 100 (14) UNESCO (2005) Towards knowledge societies, UNESCO (paper) 2005 Ungaro D. (2004) Democrazia ecologica, Laterza 2004

34 Rapporto Ambientale del PSS Valle del fiume Po ai sensi dell art. 13 del D.lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni Per reperire e consultare: Per informazioni e osservazioni:

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PUBBLICA (12 SETTEMBRE 2013) Sommario INTRODUZIONE 1 IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E VULNERABILITÀ

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico

Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico Sintesi dell analisi economica sull utilizzo idrico Art. 5, All. III, All. VII, parte A, punto 6 e parte B, punto 1 della Direttiva 2000/60/CE e All. 10, All. 4, parte A, punto 6, alla parte terza del

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Citazione suggerita: Castellari S., Venturini S., Giordano F., Ballarin Denti A., Bigano A., Bindi M., Bosello F., Carrera L.,

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/2/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 14 marzo 2007

DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/2/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 14 marzo 2007 25.4.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 108/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/2/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia

Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia Vista la Dichiarazione di Berlino 1 sull'accesso aperto alla letteratura scientifica dell'ottobre 2003, nella quale

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli