SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO T. GARBARI PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO T. GARBARI PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITÀ"

Transcript

1 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO T. GARBARI PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITÀ CARTA D IDENTITA Scuola Secondaria di I Garbari dell'istituto Comprensivo Pergine 2 C. Freinet Indirizzo Via Amstetten 4 n. telefono fax e mail LA SCUOLA L edificio è disposto su tre piani, è servito da due ascensori e comprende i seguenti locali! Piano terra: corsi A, B, E, e classi I F, III F (11 classi), il laboratorio Pollicino, con annessa cucina, destinato in particolare ai ragazzi con Bisogni Educativi Speciali, il laboratorio di educazione artistica, la palestra! Piano primo: corsi C, D e classe II F (7 classi), il laboratorio di informatica, la biblioteca, la mensa, 2 laboratori di musica, il laboratorio d'artistica, l'archivio.! Piano secondo: 3 piccole aule utilizzate soprattutto per i gruppi di livello delle lingue straniere, il laboratorio di informatica con 25 pc, il laboratorio di educazione tecnica, il laboratorio di falegnameria e di taglio cucito, il laboratorio di cartotecnica-legatoria. Tempo scuola Tempo 5+2 corsi A, B, E, ID, IID, IC e IIC TEMPO 6+1 corso F, III C e III D Orario giornaliero 5+2: 07.55* CORSI A,B,E (lunedì e mercoledì) 07.55* ID, IID, IC e IIC (martedì e giovedì) 07.55* CORSI A,B,E (martedì, giovedì e venerdì) 07.55* ID, IID, IC e IIC (lunedì, mercoledì e venerdi) laboratori facoltativi martedì pomeriggio CORSI A,B,E laboratori facoltativi mercoledì pomeriggio ID, IID, IC e IIC Orario giornaliero 6+1: 07.55* (cinque giorni alla settimana) 07.55* (martedì ) laboratori facoltativi martedì pomeriggio * primo suono del campanello 07.55: si entra in classe, si prepara il materiale e si raccolgono i buoni mensa, alle suona il secondo campanello. Ricreazione Pausa mensa (studenti classi 5+2) (studenti classi 6+1) (lab. facoltativi) Anticipo per alunni trasportati di 34

2 Orario settimanale complessivo: totale 31 interventi didattici al tempo 6+1 (più 2 interventi facoltativi martedì pomeriggio), totale 31 interventi didattici al tempo 5+2 (più 2 interventi facoltativi martedì o mercoledì pomeriggio) più il tempo mensa. Tempo 5+2 (cinque mattine e due pomeriggi): Interventi didattici: 31 interventi didattici + Compiti+2 attività laboratoriali Tempo 6+1 (sei mattine e un pomeriggio): Interventi didattici: 31 interventi didattici + 2 attività facoltative 2 di 34

3 Studenti Numero totale 399 maschi 204 femmine 195 di cui: Iscritti al tempo 5+2: 284, iscritti al tempo 6+1: 115. Alunni trasportati 288 Studenti iscritti ai lab. facoltativi del martedì 54, del mercoledì di 34

4 Gli orari degli insegnanti e la programmazione L orario di insegnamento per i docenti è di 18 ore settimanali. Ogni classe è seguita da un coordinatore, individuato all interno del team dei docenti, che ha compiti di: - coordinamento didattico del consiglio di classe; - riferimento per lo studente e per la famiglia per la definizione e attuazione del Piano di studio personalizzato; - cura della documentazione del percorso formativo; - coordinamento del percorso formativo e orientativo della classe, tenendo il team dei docenti raccordato agli obiettivi stabiliti per ogni alunno. Periodicamente il Consiglio di Classe si ritrova per verificare la programmazione di classe, concordare iniziative, interventi educativi e valutazione dei risultati. Inoltre sono attivati i dipartimenti di lettere, matematica, lingue straniere, educazioni, sostegno (denominato Pollicino ). Servizio mensa Chi vuole mangiare a scuola deve avere i buoni pasto; appena arrivati a scuola, al mattino, gli alunni consegnano il buono compilato al proprio compagno di classe responsabile della prenotazione pasto, che completa il foglio presenza e consegna alle bidelle tutti i buoni della classe. Alla fine dell ultima ora del mattino si può accedere alla sala da pranzo secondo gli orari stabiliti. 1. Le classi prime, per il primo quadrimestre, alla fine delle lezioni del mattino, sono accompagnate dai rispettivi insegnanti dal piano terra e dal primo piano verso la mensa e si dispongono in fila per poter entrare. 2. Successivamente le classi seconde e le classi terze accedono alla mensa rispettando la stessa procedura. 3. Per mangiare ognuno può scegliersi il posto che vuole. Si mangia in modo educato e si lascia pulito. Dopo il pasto si accede al cortile e agli altri spazi a disposizione fino alla ripresa delle lezioni pomeridiane, comportandosi in modo adeguato. Chi si reca per il pranzo a casa con permesso, rientra a scuola per l inizio delle lezioni pomeridiane e non prima. 4 di 34

5 5

6 Attività facoltative per gli alunni Agli studenti del tempo 5+2 sono stati proposti: il martedì pomeriggio e il mercoledì pomeriggio un'ora di recupero scolastico e di aiuto nello svolgimento dei compiti. I laboratori del martedì e mercoledì pomeriggio consistono in attività negli ambiti pratico manuale, artistico espressivo, motorio e musicale. Gli studenti del tempo 6+1 possono partecipare a un'attività del martedì pomeriggio. Inoltre per gli studenti in difficoltà vengono attivati, su proposta dei consigli di classe, dei percorsi di alcune ore di recupero di Italiano e Matematica finalizzati a rimuovere le difficoltà nell apprendimento di specifici argomenti disciplinari e a migliorare l organizzazione nello studio individuale. Per gli studenti di terza vengono proposti anche i corsi per le certificazioni linguistiche: Certificazioni esterne Fit e Ket: Nell ambito dell offerta formativa della scuola, a partire dal mese di novembre, verranno attivati i corsi pomeridiani facoltativi per la preparazione alle certificazioni esterne di tedesco e inglese FIT e KET. I laboratori avranno cadenza settimanale ma a martedì alterni, pertanto chi lo desiderasse potrà frequentare ambedue i laboratori, dopo aver sostenuto un test di ingresso. Per consentire un percorso di preparazione accurato il numero di iscritti è fissato ad un limite massimo di 24 studenti e un minimo di 8 per lingua. Nel mese di febbraio 2015 verrà effettuata l iscrizione all esame di certificazione, che prevede un costo a carico delle famiglie. L iscrizione alle Certificazioni Linguistiche è facoltativa ma la successiva frequenza del corso è obbligatoria.

7 Le regole del gioco per Stare bene a scuola La scuola è luogo di studio, di comunicazione e di relazione sociale. Tutti coloro che la frequentano devono curare l aspetto fisico (pulizia personale, abbigliamento appropriato, ecc), i rapporti con gli altri e impegnarsi nel proprio compito. Gli alunni entrano nella scuola in tempo per l'inizio delle lezioni. Gli alunni trasportati possono entrare anticipatamente per attendere l inizio delle lezioni nell atrio della scuola, sotto la sorveglianza dei bidelli e di alcuni insegnanti. Appena entrati gli alunni cambiano le calzature, riponendole negli appositi spazi. Gli spostamenti all interno e all esterno dell edificio scolastico avvengono in modo ordinato e silenzioso, allo scopo di non disturbare l attività altrui e di garantire la sicurezza degli alunni. I ritardi devono essere giustificati di volta in volta dai genitori, il giorno in cui avvengono o in quello successivo, per mezzo del libretto personale. Gli alunni possono uscire dalla scuola prima del termine delle lezioni solo per motivi importanti. Tali uscite sono consentite esclusivamente su richiesta scritta dei genitori; sono autorizzate dal docente dell ora e annotate da questi sul registro di classe. L alunno prima di uscire deve consegnare il tagliando di uscita in portineria. Se l alunno esce non accompagnato è opportuno che la famiglia lo segnali sul libretto personale. Tutte le assenze degli alunni devono essere giustificate dai genitori, il giorno del rientro a scuola, utilizzando gli appositi spazi nel libretto personale. La giustificazione è accettata dall insegnante della prima ora. La scuola è un bene di tutti e tutti sono responsabili della sua buona conservazione. Alla fine dell ultima ora di lezione l aula va lasciata ordinata e pulita. I libri di testo e quelli della biblioteca della scuola sono dati in prestito e vanno conservati con cura. In caso di danneggiamenti che rendano inutilizzabili questi beni, le famiglie degli alunni responsabili sono tenute al risarcimento dei danni. Non è permesso l uso del cellulare, che deve essere lasciato spento nello zaino. In caso di uso improprio il cellulare sarà ritirato dall insegnante e consegnato al Dirigente Scolastico; spetta ai genitori ritirarlo. Resta inteso che la prima regola è che ciascuno si comporti in modo adeguato, ascoltando la propria regola interiore, Il Rispetto, senza bisogno di troppi controlli esterni. Provvedimenti Il comportamento poco rispettoso dei doveri scolastici e delle regole concordate nei confronti delle persone e delle strutture scolastiche, comporterà dei provvedimenti disciplinari adeguati alla gravità delle infrazioni. 1. Richiamo e riflessione sull accaduto. 2. Comunicazione alla famiglia tramite libretto personale. 3. Nota sul registro e colloquio con il Dirigente scolastico. 4. Convocazione del Consiglio di Classe che delibera provvedimenti specifici, con lettera ufficiale della scuola e convocazione dei genitori. - Risarcimento eventuale del danno causato. - Lavori socialmente utili per la comunità scolastica. - Esclusione da uscite e viaggi d istruzione programma- te. - Sospensione dalle lezioni per uno o più giorni. I provvedimenti disciplinari tendono al rafforzamento del senso di responsabilità e al ripristino di rapporti corretti all interno della comunità scolastica. 7 di 34

8 Arrivo a scuola Si accede alla scuola solo da Via Amstetten. Le biciclette vanno legate ai poggia-bici. Si raccomanda ai genitori di non entrare con l automobile nel parcheggio di via Amstetten durante l entrata e l uscita degli alunni. Libretto personale Viene dato dalla scuola, serve per le comunicazioni scuola/famiglia. E un documento ufficiale e va tenuto con cura. Solo in casi eccezionali può essere consegnata una seconda copia dal dirigente. A scuola Quando si sta nella scuola ci si mette le pantofole. In palestra si usano esclusivamente apposite scarpe da ginnastica, non quelle usate durante il tragitto casa- scuola. 8 di 34

9 Regolamento per l'accesso ai Box e l'utilizzo dei Pc 1) L'accesso ai box è consentito agli studenti muniti di patentino (al massimo due per computer) solo durante le ore di lezione. In altri orari l'utilizzo è consentito solo su autorizzazione del docente. 2) L'attività da svolgere (scrittura testi, consultazione di opere multimediali, ricerca dati in Internet...) deve essere sempre concordata con un docente della classe. 3) All'inizio dell'attività l'alunno consegna in bidelleria il patentino, trascrive l orario di accesso nell'apposito registro che viene firmato dal docente. 4) Se il box è in disordine o si rileva qualche malfunzionamento degli apparecchi, del sistema o del programma, avvisare subito il bidello. 5) Accendere il computer e accedere alla rete seguendo le procedure apprese. 6) L'attività al computer deve riguardare strettamente il compito concordato con l'insegnante. 7) Le impostazioni del monitor e delle barre degli strumenti dei programmi non vanno modificate. 8) I documenti prodotti vanno archiviati nella propria cartella personale sul server centrale. 9) Spegnere il computer secondo le istruzioni impartite. 10) Controllare che il box sia in ordine, chiuderlo a chiave, restituire la chiave al bidello responsabile e ritirare il patentino. 11) L'utilizzo degli scanner, delle stampanti a colore e del masterizzatore è riservato ai docenti o ad alunni assistiti da docenti. Sanzioni 1) All'alunno che non osserva le regole, l'insegnante responsabile ritirerà il patentino per un periodo di tempo dipendente dalla gravità della trasgressione commessa. 2) Il consiglio di classe stabilirà una sanzione adeguata per l alunno che verrà sorpreso ad utilizzare i PC senza aver conseguito il patentino. 9 di 34

10 REGOLAMENTO DEL PRESTITO IN BIBLIOTECA Il prestito per l anno scolastico in corso è regolato nel seguente modo: Si accede al prestito nei tempi previsti dall orario affisso sulla porta della biblioteca e in classe Il prestito va segnato dall insegnante sull apposito registro cartaceo, indicando in modo chiaro nome, cognome, classe e segnatura del libro La durata del prestito è di un mese, rinnovabile su richiesta. I libri vanno restituiti agli insegnanti responsabili quando sono presenti in biblioteca In caso di mancata restituzione, chi ha in prestito il volume, è tenuto a rifondere il danno attraverso la fornitura di una copia del volume non restituito o di una somma di denaro equivalente Dopo due sollecitazioni fatte per la restituzione, chi ha in prestito il libro è tenuto a rifondere il danno come indicato sopra I dizionari e gli atlanti possono essere utilizzati in classe, ma devono essere riposti in biblioteca al termine dell attività I materiali in consultazione non possono essere dati in prestito agli alunni e devono essere utilizzati nel locale biblioteca durante l orario di apertura. Gli insegnanti sono pregati di segnare i volumi presi in prestito e di restituirli entro pochi giorni. I DVD possono essere presi in prestito solo dagli insegnanti e devono essere segnati sull apposito registro cartaceo dei prestiti ORARIO BIBLIOTECA La biblioteca è aperta per il prestito negli orari evidenziati in verde 1 ora 2 ora 3 ora 4 ora 5 ora 6 ora 7 ora 8 ora prof.ssa LUN Periotto MART prof.ssa Trentin Laboratorio di teatro MERC prof.ssa GIOV Leggeri prof.ssa VEN Falqui SAB prof. Simeoni 10 di 34

11 PROGETTI E INIZIATIVE PER UN ANNO Sfondo integratore Da anni nel nostro Istituto scuola viene scelto un tema che fa da sfondo a molte attività e che si conclude nel mese di maggio con una mostra o a un evento particolare. Lo sfondo integratore è una metodologia di programmazione educativa sviluppata nell'ambito della pedagogia istituzionale. Questo strumento didattico si può concretizzare in un oggetto organizzatore delle attività del gruppo oppure in una storia, nella creazione di narrazioni elaborate insieme al gruppo degli studenti, allo scopo di favorire una condivisione e l'elaborazione di processi comunicativi. Il tema scelto quest'anno è SEMPLICEMENTE FELICI ovvero La gioia di stare bene insieme. Come educatori non dobbiamo rassegnarci all'impotenza, piuttosto chiederci a quali condizioni sia possibile essere felici, reagendo così alle situazioni di blocco e di difficoltà. Si tratta di ricercare quelle buone pratiche che fanno star bene a scuola, con particolare cura verso la costruzione di rapporti interpersonali genuini. Spesso poi la possibilità di fare esperienze significative è limitata dal tempo della fretta. E' necessario trovare il coraggio di rallentare i ritmi, di fare meno per fare meglio, inteso come scelta dell'essenziale (e non del minimo), perchè nell'essenziale c'è il nucleo generativo del conoscere. La felicità interna lorda o FIL è il tentativo di definire uno standard di vita alternativo a quello del prodotto interno lordo (PIL).... I 10 indicatori utilizzati dall Istat per misurare la felicità interna lorda: L' ambiente e il paesaggio, la salute, il benessere economico, l istruzione, il lavoro, le relazioni sociali, la sicurezza, i servizi pubblici, la partecipazione politica, il benessere soggettivo.... L ONU sta cercando di introdurre il FIL anche nei suoi 193 stati membri. Per favorire questo processo ha introdotto la Giornata Internazionale della Felicità che si festeggia il 20 marzo di ogni anno. Oltre a tutte le attività, che ogni insegnante e ogni team individueranno all interno del proprio percorso didattico, si potrebbero prevedere: - Incontri/serate informative/laboratori serali per offrire anche ai genitori occasioni per perdere tempo, cambiare ritmo e riscoprire l atmosfera da cui partire per riflettere sull esistenza (contattando cooperative e/o associazioni ) - Proiezioni di film a tema - Presentazione di libri a tema - Festa finale 11 di 34

12 Mi sta a cuore" A partire da gennaio riprenderà il progetto "Mi sta a cuore", il titolo ricorda il cartellone affisso nella scuola di Barbiana da don Milani:... ognuno deve sentirsi responsabile di tutto. Su una parete della nostra scuola c'è scritto grande: I CARE. E' il motto intraducibile dei giovani americani migliori. "Me ne importa, mi sta a cuore". E' il contrario esatto del motto fascista "Me ne frego". Il progetto, nato all'interno del parlamento degli studenti, prevede un tema per ogni settimana con degli impegni concreti, che tutti si impegnano ad osservare e a perseguire. Ad ogni classe è consegnato un quaderno, un diario di bordo, in cui gli studenti sono invitati a scrivere o disegnare alcuni pensieri, considerazioni ed impressioni sul tema della settimana. 12 di 34

13 Sportello Spazio Ascolto psicologa Folgheraiter Gli alunni nel loro percorso scolastico cambiano in modo sostanziale e incontrano talvolta difficoltà nell apprendimento o nel comportamento che spesso possono disorientare sia i genitori che gli insegnanti. Non è sempre facile comprendere e intervenire in modo adeguato rispetto a tali situazioni, pertanto, sostenuti dall Amministrazione comunale di Pergine, presso l'istituto è attivo uno sportello di spazio-ascolto con una psicologa specializzata in problemi dell età evolutiva, aperto agli insegnanti, a tutti i genitori e agli studenti della Scuola secondaria di I grado che manifestino il desiderio di confrontarsi con la psicologa, ottenuto il consenso scritto dei genitori. La dott.ssa Kati Folgheraiter, psicologa dell età evolutiva, darà consulenza su casi di difficoltà d apprendimento e/o comportamentali che emergono all interno delle classi della Scuola Primaria e Secondaria. La sede degli incontri è presso la Scuola secondaria di I grado Garbari. Progetto lingue straniere Nella nostra scuola è attivo un progetto nato 10 anni fa come una sperimentazione in un contesto di classi molto eterogenee, con alunni con difficoltà di apprendimento, altri scarsamente motivati o scoraggiati (sindrome di fallimento), stranieri di recente immigrazione altri ancora dotati e fortemente motivati all apprendimento delle lingue. Lo scopo è di dare a ciascuno ciò di cui ha bisogno, anche tempi di apprendimento più lunghi o sfide per raggiungere gradi di competenza più alti, così da offrire a tutti gli alunni opportunità di successo. Gli alunni delle classi seconde e terze sono divisi in tre gruppi ad inizio anno a seguito di prove concordate e preparate in comune dalle insegnanti, i gruppi sono aperti ( sia verso l alto sia verso il basso); una verifica bimestrale può modificare la composizione del gruppo. La programmazione annuale è predisposta in collaborazione tra le insegnanti. I gruppi di una stessa classe hanno una programmazione che si differenzia in quanto si modificano le richieste sulle prestazioni, ma sono mantenute le stesse competenze generali. Le verifiche sono diverse per ciascun gruppo, restando fermo che nella prova d esame la verifica è unica per tutte le terze, poiché è possibile nella stessa verifica richiedere prestazioni a livelli diversi di difficoltà. Si è stabilito che le insegnanti ruotino nei gruppi, in modo che ciascuna abbia livelli diversi, sia nell anno in corso sia in quelli successivi. A completamento sono proposte attività facoltative: certificazioni linguistiche esterne e soggiorni linguistici. Durante gli ultimi due anni della scuola secondaria è prevista, per gli alunni che lo ritengano opportuno, la possibilità di sostenere la certificazione delle proprie competenze linguistiche da parte di enti esterni accreditati e riconosciuti a livello internazionale. Dopo il termine della scuola, a giugno, sono attivati campus settimanali presso la scuola per consolidare gli apprendimenti attraverso un approccio ludico. Infine si offrono esperienze formative all estero: una settimana in Austria o due settimane in Inghilterra. 13 di 34

14 CLIL 1 Imparare contenuti attraverso le lingue straniere. In continuità con il progetto veicolare della scuola primaria la scuola secondaria di primo grado offre l insegnamento di alcune discipline in lingua straniera. Oltre le tre ore di lingua straniera, comuni a tutte le classi, vengono predisposte 66 unità orarie CLIL Le classi interessate sono la IIIF e la IIA per quanto riguarda la lingua tedesca, la IIIB, la IID, la I D e la IC per l'inglese. Le discipline proposte come oggetto di studio in lingua straniera dipendono da scelte di carattere didattico e di competenza degli insegnanti, generalmente si tratta di discipline con forte caratterizzazione laboratoriale e con modalità di apprendimento/insegnamento cooperativo, ad esempio scienze, geografia, educazione artistica, educazione fisica, educazione tecnica. ATTIVITA' ESTIVE Nell ottica di migliorare il livello di conoscenza delle lingue straniere, il nostro Istituto organizza nel periodo estivo le seguenti iniziative: soggiorno estivo di studio in Inghilterra di due settimane, rivolto agli alunni cl. 2^ e 1^ della Scuola Secondaria di I grado T. Garbari soggiorno estivo di studio in Austria di una settimana, rivolto agli alunni cl. 1^ e 2^ della Scuola Secondaria di I grado T. Garbari campus estivo di inglese nel plesso delle Garbari, a scelta una settimana o due, rivolte agli studenti dell Istituto, dalla 1^ primaria alla 2^ scuola secondaria di I grado. campus estivo di tedesco nel plesso delle Garbari, a scelta una settimana o due, rivolte agli studenti dell Istituto, dalla 1^ primaria alla 2^ scuola secondaria di I grado. 1 Creato nel 1994 da David Marsh e Anne Maljers, il termine CLIL (Content and Language Integrated Learning o "Apprendimento Integrato di Lingua e Contenuto") è un sinonimo di Language immersion introdotto per raccogliere diverse esperienze e metodologie di apprendimento in lingua veicolare. 14 di 34

15 Dipartimento Matematica, scienze e tecnologia Il Dipartimento di Matematica, Scienze e Tecnologia si propone di favorire la condivisione delle programmazioni annuali e il confronto sulle metodologie didattiche adottate dai docenti di Scienze matematiche e Tecnologia, come auspicato nelle linee guida del 2009: "L attivazione di dipartimenti d area d apprendimento composti da docenti di scuola primaria e secondaria di primo grado per la progettazione, l individuazione di situazioni/esperienze significative e non ripetitive, la messa a fuoco di criteri e modalità di documentazione e valutazione in modo condiviso, come già sperimentato in molti istituti comprensivi, può essere utile soprattutto per promuovere l unitarietà, la continuità e la gradualità dei curricoli di scuola." Verifiche comuni: - test di ingresso classi prime - verifica classi terze, nel mese di maggio Attività e progetti: - Rally matematico transalpino - Progetto recupero e potenziamento - Commissione continuità con la scuola primaria per il curricolo verticale - Progetto ed. affettività Nominativo referente / coordinatore prof. Zini 15 di 34

16 Progetto rally matematico Il Rally Matematico Transalpino (RMT) è una gara internazionale fra classi, dal terzo anno di scuola primaria (categoria 3) al secondo anno di scuola secondaria di secondo grado (categoria 10) (allievi da 8 a 16 anni), basata sulla risoluzione di problemi di matematica. Per l insegnamento della matematica in generale e per la ricerca in didattica, il RMT costituisce una sorgente molto ricca di risultati, osservazioni e di analisi. Perché (obiettivi) Il RMT propone agli allievi: - di fare matematica risolvendo problemi; - di imparare le regole elementari del dibattito scientifico, discutendo e difendendo le diverse soluzioni proposte; - di sviluppare le capacità, oggi fondamentali, di lavorare in gruppo, caricandosi dell'intera responsabilità di ogni prova; - di confrontarsi con altri compagni di altre classi. Come (modalità) Le prove si svolgono nel modo seguente: - In ciascuna prova ogni classe ha 50 minuti di tempo per risolvere i problemi relativi alla categoria di appartenenza, il cui numero può variare da 5 a 8. - Il numero e il grado di difficoltà dei problemi assegnati sono tali da permettere anche agli allievi "più deboli" di trovare un proprio ruolo, mentre rendono impossibile la risoluzione dell'intero compito ad un singolo allievo, per quanto capace egli sia. Si presenta quindi per la classe la necessità di dividersi in gruppi, organizzarsi, ricercare le soluzioni, discuterle e redigerle. - La classe intera è responsabile delle risposte date e, per ciascun problema, deve produrre un'unica soluzione. Non è solo la "risposta giusta" che conta perché le soluzioni saranno giudicate anche in base al rigore dei passaggi e alla chiarezza delle spiegazioni fornite. - L insegnante non deve essere presente nella propria classe durante lo svolgimento delle prove ufficiali. Quando (tempi) Il RMT prevede quattro fasi: 1. una o più prove di allenamento nel periodo novembre-dicembre (questa fase è interamente affidata alla responsabilità dell insegnante di classe che provvede alla scelta dei problemi da edizioni precedenti del RMT); 2. una prima prova valida per la classifica, in gennaio o febbraio; 3. una seconda prova valida per la classifica, in marzo o aprile; 4. una prova finale, in maggio, alla quale sono ammesse le classi, di una stessa regione, che hanno ottenuto i punteggi più alti sommando quelli delle due prove precedenti. Nominativo referente / coordinatore prof.ssa Cateni 16 di 34

17 Progetto salute Da alcuni anni è stata istituita una Commissione Salute in ottemperanza alle direttive provinciali in materia di educazione alla salute. Descrizione della Commissione Salute Perché una Commissione Salute?! Una più efficace gestione non solo del progetto salute dell Istituto, ma dell intero ambito dell educazione alla salute che comprende tutte le attività che in questa scuola si fanno per promuovere salute! Una maggiore considerazione e consapevolezza per la tematica a livello globale di Istituto (docenti, alunni, personale ATA e della segreteria, esperti ASL ed esterni coinvolti, territorio)! Un equa e organica distribuzione del carico di lavoro! Una più agevole mappatura dei bisogni! La possibilità di un puntuale monitoraggio delle attività in corso d opera e in fase finale, per progettare di anno in anno con maggiore consapevolezza e di conseguenza migliorare la qualità dell offerta formativa dell Istituto I compiti della Commissione Salute.! Coordinamento delle attività! Mappatura dei bisogni! Monitoraggio! Progettazione e co progettazione interna all Istituto, con gli esperti dell A.S.L. e sul territorio! Proposte per l aggiornamento dei docenti in questo ambito NB! In questo modo il progetto salute può diventare un vero e proprio progetto di educazione alla salute che investe non solo le attività del progetto in questione, ma tutte quelle iniziative che attengono alla promozione della salute intesa come un benessere che va al di là del semplice mantenimento della salute fisica. Questa visione più organica e sistematizzata dell educazione alla salute arricchisce notevolmente l offerta formativa della scuola e valorizza tutte quelle attività che in questo ambito già si fanno. Attività della Commissione Salute.! Alcune riunioni della commissione (settembre dicembre giugno)! Comunicazione all albo docenti in sala prof. e tramite segreteria! Contatto costante tra i collaboratori e con il corpo - docente! Censimento delle attività già presenti nella scuola e istituzione di una banca dati! Predisposizione di questionari finali per ogni attività oppure brevi relazioni a conclusione delle iniziative Nominativo referenti Matteo Zini per la scuola secondaria 17 di 34

18 Progetto Orientamento Breve descrizione delle attività Anche quest'anno il percorso di Orientamento è molto articolato e ricco di iniziative. Nelle varie classi si sono svolte diverse attività per conoscere meglio le proprie potenzialità, i propri interessi e punti di forza, utilizzando test, cartelloni, letture, siti internet, discussioni, colloqui. Si è data ampia comunicazione dei laboratori attivi delle scuole superiori e per quei ragazzi, che volevano conoscere meglio e più direttamente la formazione professionale o avevano la necessità di ritrovare la motivazione per la prosecuzione del loro iter formativo, sono stati attivati diversi Progetti Ponte presso la formazione professionale. Per conoscere meglio le offerte formative del territorio provinciale sono stati organizzati due pomeriggi di incontro dei ragazzi con i docenti di molte scuole superiori, a piccoli gruppi e su appuntamento. È stata predisposta una conferenza dell'esperto di orientamento prof. Crescenzo Latino rivolto alle famiglie. Presso l'auditorium della scuola Primaria don Milani si è svolto un incontro di tutti gli studenti con alcuni genitori, che hanno raccontato il loro percorso di studi e la loro esperienza lavorativa. A gennaio ogni consiglio di classe redige un consiglio orientativo da consegnare alla famiglie. Referente e funzione strumentale: prof.ssa Francesca Calderoni. Progetti attivati con l'intervento di esperti esterni Astronomia dal vivo Aula amica Conoscersi per crescere Il modellato con la creta Laboratorio in lingua inglese Naturalista per un giorno Orienteering Proiezione documentari Storia ed evoluzione della vita Viaggio nell'arcipelago delle emozioni Alessio Zanol Pasolli Elena Barcatta Bruna Demozzi Ilaria MUSE MUSE Orienteering Pergine Movietime MUSE Barcatta Bruna 18 di 34

19 Progetto Ritrovarsi per Istituto Comprensivo Pergine 2 C. Freinet Istituto Comprensivo di Levico Terme Anno scolastico Progetto condiviso di integrazione Ri trovarsi per PREMESSA Questo è il sesto anno di attivazione del Progetto. Mantenendo le sue caratteristiche costitutive, da quest'anno viene posta maggior attenzione nel perseguire le competenze indicate nella normativa provinciale. I laboratori operano su compiti di realtà e questa metodologia offre molte occasioni di promuovere, consolidare, verificare e certificare le competenze relative all'apprendimento permanente, all'ambiente digitale, all'imparare ad imparare, allo spirito di iniziativa ed imprenditorialità (autofinanziamento), alla consapevolezza ed espressione culturale (conoscenza diretta di alcune realtà produttive del territorio) e le competenze sociali e civiche (gruppo di lavoro tra pari con la guida da un esperto). Questa proposta operativa incrocia, al suo interno, indicazioni e stimoli che provengono dalla scuola e dalla realtà lavorativa di un cittadino. Dalla scuola arrivano sollecitazioni che riguardano i curricoli disciplinari e l'orientamento; dalla società vengono accolte e trasformate in fare alcune dimensioni che riguardano il lavoro e le competenze di un cittadino. Nei laboratori si cerca di dare una risposta concreta ai bisogni formativi di studenti che nell'offerta formativa curricolare si collocano con difficoltà, insofferenza e con pochi successi. Non si tratta solo di soggetti certificati o già segnalati dai servizi, ma anche di ragazzi che attraversano momentaneamente situazioni personali e/o familiari difficili. Spesso esprimono il loro disagio con atteggiamenti oppositivi, sia a scuola che a casa, o hanno comportamenti a rischio (iniziano ad uscire la sera, a fumare, a bere, a frequentare ambienti e compagnie inadatti alla loro età). Tutto ciò incide anche sul loro rendimento: incontrano notevole difficoltà a seguire il ritmo normale della scuola che diventa spesso

20 intollerabile. Il modo di stare in classe a volte è problematico ed è richiesta una presenza costante e rigorosa degli educatori. Il processo di apprendimento si fa faticoso, il comportamento è poco controllato, il rispetto delle regole e degli accordi e la vita in comunità vengono messi in discussione. Anche alcuni alunni delle classi conclusive della scuola primaria o dei primi anni della secondaria di primo grado, nella riflessione dei docenti, possono trovare occasioni di crescita e di tenuta con un offerta formativa diversa, basata sul fare/lavorare. Entrambe le Scuole mettono a disposizione alcune risorse scelte per le competenze operative e relazionali: gli esperti. Ogni laboratorio, quest anno, allarga la proposta formativa con visite/attività da realizzare nell ordine successivo della formazione coerente con il tema del laboratorio e con visite a realtà produttive del territorio che utilizzano le competenze operative apprese nel laboratorio. IPOTESI FORMATIVA Lavorare con le mani aiuta molto. Ci aiuta a realizzare prodotti belli ed utili e a sentirci capaci di fare. Così, intanto, dentro di noi forse qualche cosa diventa più chiara Il Progetto si muove su modelli formativi di carattere esperienziale, empatico relazionale, in cui il learning by doing l imparare facendo è il filo conduttore. DESTINATARI - Alcuni studenti delle classi terze e seconde della SSPG G.B. de Gasparis e Garbari per i quali i consigli di classe ritengano utile questa proposta, in accordo con la famiglia. L ambito formativo si caratterizza per essere strettamente orientativo e professionalizzante e collegato con i Progetti Ponte. - Alcuni alunni delle classi prime e seconde SSPG - Istituto Comprensivo di Levico e di Pergine II- per i quali i consigli di classe ritengano utile questa proposta, in accordo con la famiglia. L ambito formativo propone di operare con le mani per capire meglio soprattutto alcuni concetti matematici e logici ed offre tecniche nuove per mettere gli studenti in grado di esprimere talenti e creatività. 20 di 34

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE ISCRIZIONI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OFFERTA FORMATIVA Ogni alunno ha diritto ad un intervento educativo e didattico che rispetti la sua

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO "MARCO EMILIO LEPIDO" Via Premuda 34 - REGGIO EMILIA Tel. e Fax. 0522/301282-0522/300221 E-mail: segretlep@tin.it (segreteria) - Sito internet: www.iclepido.gov.it Scuola Secondaria

Dettagli

GIORNO DOPO GIORNO. PER IMPARARE, CONOSCERE E CRESCERE INSIEME. A.S. 2015/2016

GIORNO DOPO GIORNO. PER IMPARARE, CONOSCERE E CRESCERE INSIEME. A.S. 2015/2016 GIORNO DOPO GIORNO. PER IMPARARE, CONOSCERE E CRESCERE INSIEME. A.S. 2015/2016 8.15: ingresso a scuola 8.20: inizio lezioni 10.20 / 10.40 : ricreazione 12.20/14.20: pranzo e pausa con giochi in classe

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio http://www.icdeamicis.gov.it Secondaria di 1 Grado E. De Amicis Anno scolastico 2016/2017 Piano Triennale dell Offerta Formativa (ex. L. 107 cd. «Buona scuola») La carta

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

BENVENUTE CLASSI PRIME!!!

BENVENUTE CLASSI PRIME!!! ACCOGLIENZA BENVENUTE CLASSI PRIME!!! Anno Scolastico 2005-2006 PROGETTO ACCOGLIENZA Passare da una scuola ad un altra è un momento critico nel percorso formativo della maggior parte degli studenti. Lasciare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSI 2^ - 3^ - 4^ - 5^ CLASSE PRIMA ANNOTAZIONI TUTTI I PLESSI 14/09 9,00 12,00 8,30 12,00

SCUOLA PRIMARIA CLASSI 2^ - 3^ - 4^ - 5^ CLASSE PRIMA ANNOTAZIONI TUTTI I PLESSI 14/09 9,00 12,00 8,30 12,00 SCUOLA PRIMARIA PREMESSA I primi giorni di scuola per i bambini non solo delle classi prime rappresentano un esperienza significativa, densa di attese, di emozioni e, talora, di ansia. La scuola deve impegnarsi,

Dettagli

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti LA TRASPARENZA E PRIVACY E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti della scuola che riguardano il percorso scolastico e formativo dei propri figli secondo le modalità

Dettagli

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Premessa Il progetto accoglienza è un momento fondamentale per l'inserimento dei nuovi

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3. Cod. Ministeriale GEMM867015

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3. Cod. Ministeriale GEMM867015 ISTITUTO COMPRENSIVO CHIAVARI 2 Anno Scolastico 2013/14 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3 Cod. Ministeriale GEMM867015 LINEE ESSENZIALI DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 FINALITÀ La nostra

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 ESAME DI STATO: Documento del consiglio di classe Ammissione e giudizio di ammissione Credito scolastico e formativo La commissione Le prove d esame La

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ RICERCA DIREZIONE REGIONALE TOSCANA UFFICIO TERRITORIALE DI AREZZO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE MEDIA DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA INFORMAZIONI ESSENZIALI

Dettagli

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado Il percorso si articola su moduli che intendono rafforzare le competenze di base ed investire sulle competenze

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

CALENDARIO IMPEGNI COLLEGIALI A.S. 2014-2015 (ottobre 2014 - agosto 2015)

CALENDARIO IMPEGNI COLLEGIALI A.S. 2014-2015 (ottobre 2014 - agosto 2015) MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO CREMONA TRE Via San Lorenzo, 4-26100 Cremona Tel. 0372 27786 - Fax 0372 534835 e-mail: CRIC82000X@ISTRUZIONE.IT

Dettagli

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO.

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale A.Moro di SERIATE Corso Roma, 37 24068 SERIATE (BG) Tel. 035.295297 Fax 035.4240539 @-mail: bgic876002@istruzione.it

Dettagli

Regolamento Civica Scuola di Lingue

Regolamento Civica Scuola di Lingue Regolamento Civica Scuola di Lingue Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. xx del xx.xx.xxxx In vigore dal xxxxxxxxx I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza, 20 A cura del

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

Sarà cura dei Coordinatori di classe coordinare l attività di accoglienza delle loro classi sino alle 12.00.

Sarà cura dei Coordinatori di classe coordinare l attività di accoglienza delle loro classi sino alle 12.00. COMUNICATO n. 05 /DIR AI COORDINATORI AI DOCENTI DELLE CLASSI PRIME Oggetto: ACCOGLIENZA CLASSI PRIME I docenti dei Consigli delle classi prime sono convocati venerdì 11 settembre alle ore 8.00 per l attività

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art.

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art. Istituto Comprensivo Rovereto Nord REGOLAMENTO VISITE GUIDATE, VIAGGI DI ISTRUZIONE E ATTIVITA DIDATTICHE E FORMATIVE SVOLTE IN AMBIENTE EXTRA-SCOLASTICO Art.1 Finalità e tipologia 1. Tutte le iniziative

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Obiettivi formativi del documento

Obiettivi formativi del documento DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.S. GIOVANNI PAOLO II SAN MARZANO SUL SARNO (SA) Piazza Amendola-84010-Tel. 081/955291- Fax: 081/5189080 C.F. 80047350659 Codice Meccanografico SAEE152003 Sito: www.ddsanmarzano.gov.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA TEMPO PIENO F. BARACCA DI RONCHI

SCUOLA PRIMARIA TEMPO PIENO F. BARACCA DI RONCHI SCUOLA PRIMARIA TEMPO PIENO F. BARACCA DI RONCHI 1 DISTRIBUZIONE ORARIA DELLA DISCIPLINE Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V ITALIANO 8 8 8 8 8 MATEMATICA 7 6 6 6 6 IMMAGINE 1 1 1 1 1 STORIA

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Per la SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Per la SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Scuola dell Infanzia Fornaci Chizzolini Scuola Primaria Bertolotti Deledda Marcolini Scuola Secondaria di 1^ grado Franchi Calvino Appunti tratti dal nostro Per la SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGETTO TUTOR EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13

PROGETTO TUTOR EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13 EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13 PROGETTO TUTOR IN COLLABORAZIONE CON LA A.S.L. ROMA B FINANZIATO DAL COMUNE DI ROMA L. 285/97 Responsabile del

Dettagli

Istituto Comprensivo Paolo Borsellino di Montecompatri PROGETTO ACCOGLIENZA FELICI DI STARE INSIEME

Istituto Comprensivo Paolo Borsellino di Montecompatri PROGETTO ACCOGLIENZA FELICI DI STARE INSIEME Istituto Comprensivo Paolo Borsellino di Montecompatri PROGETTO ACCOGLIENZA FELICI DI STARE INSIEME Il progetto accoglienza è condotto all'interno di tutto l'istituto con le stesse finalità, diversificandosi,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA A. MORO BUCCINASCO SCUOLA PRIMARIA ROBBIOLO via A.Moro SCUOLA PRIMARIA ROBARELLO via degli Alpini

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA A. MORO BUCCINASCO SCUOLA PRIMARIA ROBBIOLO via A.Moro SCUOLA PRIMARIA ROBARELLO via degli Alpini www.icsaldomorobuccinasco.gov.it ISTITUTO COMPRENSIVO VIA A. MORO BUCCINASCO SCUOLA PRIMARIA ROBBIOLO via A.Moro SCUOLA PRIMARIA ROBARELLO via degli Alpini Anno Scolastico 2015-2016 Iscrizioni 2016-2017

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

LA NOSTRA PEDAGOGIA. Obiettivo primario: IMPARARE AD IMPARARE! Obiettivi formativi: ESSERE E DIVENTARE

LA NOSTRA PEDAGOGIA. Obiettivo primario: IMPARARE AD IMPARARE! Obiettivi formativi: ESSERE E DIVENTARE LA NOSTRA PEDAGOGIA Obiettivo primario: IMPARARE AD IMPARARE! Obiettivi formativi: ESSERE E DIVENTARE Obiettivi specifici: SAPERE E SAPER FARE AUTONOMAMENTE Il contesto educativo: LA SCUOLA E UN ALTRA

Dettagli

GUIDA PER GENITORI STRANIERI

GUIDA PER GENITORI STRANIERI GUIDA PER GENITORI STRANIERI SUL FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA IN ITALIA Prime informazioni per l'accoglienza dei vostri figli e delle vostre figlie a scuola pag. 2 BENVENUTI, BENVENUTE A E NELLE SUE SCUOLE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole primarie

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole primarie Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole primarie gennaio 2010 Istituto Comprensivo di Sedegliano Presentazione Questo opuscolo contiene alcune informazioni utili

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Documentazione SGQ SIRQ Disposizioni rev 0 del 2/9/02 DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ

Documentazione SGQ SIRQ Disposizioni rev 0 del 2/9/02 DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ Dis. n. 216 La Carta dei Servizi UGUAGLIANZA Si accettano le domande d iscrizione prescindendo da qualunque forma di esclusione per motivi sociali o familiari. Si accolgono

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2014/15

ISCRIZIONI a.s. 2014/15 - 0652209322 ISCRIZIONI a.s. 2014/15 27/01/2014 ISCRIZIONI entro il 28 febbraio SCUOLA SECONDARIA I grado: on line 27/01/2014 Adempimenti delle famiglie - individuare la scuola d interesse (anche attraverso

Dettagli

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ Creare le condizioni ed i presupposti per un sereno passaggio dei bambini dalla Scuola dell Infanzia alla scuola primaria, con particolare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO. EccoCi Qua

ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO. EccoCi Qua ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO EccoCi Qua PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2015-2016 SCUOLA SECONDARIA Linee essenziali Valori, obiettivi e piano d azione IC TOMMASEO - SECONDARIA UNA SCELTA DI CONTINUITÀ La

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014

Anno scolastico 2013/2014 L Istituto Comprensivo ha la sua sede in AZZANO SAN PAOLO Via Don Gonella, 4 Tel.: 035/530078 Fax: 035/530791 e-mail: BGIC82300D@istruzione.it sito internet : www.azzanoscuole.it I. C. - AZZANO S. PAOLO

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITÀ PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16

PIANO DELLE ATTIVITÀ PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16 Organismo di Formazione accreditato Regione Veneto Cert. n. A0363 Istituto Tecnico Tecnologico FRANCESCO SEVERI 35129 PADOVA - Via L. Pettinati, 46 - Distretto n. 44 - Cod. Fisc. 80012040285 Tel. 049 8658111

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA Scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo di S. Stino di Livenza Progetto pluriennale Nel passaggio da casa a scuola ci sono braccia che lasciano andare,

Dettagli

Centro Scolastico Diocesano Redemptoris Mater Scuola Primaria Paritaria D.M. 26.11.2001

Centro Scolastico Diocesano Redemptoris Mater Scuola Primaria Paritaria D.M. 26.11.2001 Centro Scolastico Diocesano Redemptoris Mater Scuola Primaria Paritaria D.M. 26.11.2001 Via Leonardo da Vinci 34 17031 Albenga Telefono 0182 554970 Galateo: lavorare con e su tutta la classe per il rispetto

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Didattica in movimento: le classi senza aula. Prof.ssa Marzia Papi Scuola secondaria di primo grado E.Jenco Istituto Comprensivo Darsena

Didattica in movimento: le classi senza aula. Prof.ssa Marzia Papi Scuola secondaria di primo grado E.Jenco Istituto Comprensivo Darsena Didattica in movimento: le classi senza aula Prof.ssa Marzia Papi Scuola secondaria di primo grado E.Jenco Istituto Comprensivo Darsena Innovare è possibile! Didattica in movimento: le classi senza aula

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

Vademecum dell Insegnante di Sostegno

Vademecum dell Insegnante di Sostegno Fermo, li 14.04.2014 Prot.n. 3189/A36 ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA 1 GRADO Sede Operativa del Centro Territoriale Permanente Educazione Adulti per l Obbligo

Dettagli

ISCRIZIONI. Convitto Nazionale Pietro Longone. via degli Olivetani, 9 - Milano. anno scolastico 2015-2016. presentazione del 28 NOVEMBRE 2014

ISCRIZIONI. Convitto Nazionale Pietro Longone. via degli Olivetani, 9 - Milano. anno scolastico 2015-2016. presentazione del 28 NOVEMBRE 2014 Convitto Nazionale Pietro Longone via degli Olivetani, 9 - Milano ISCRIZIONI anno scolastico 2015-2016 presentazione del 28 NOVEMBRE 2014 Convitto Nazionale Pietro Longone via degli Olivetani, 9 - Milano

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ALLEGATO 5 PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Classe.. Sezione. Referente DSA o coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data

Dettagli

REFERENTE DSA SPORTELLO DSA

REFERENTE DSA SPORTELLO DSA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA I S T I T U TO C O M P R E N S I V O S TATA L E Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria - Via Broli, 4-24060 CASAZZA (BG) Tel 035/810016 Fax

Dettagli

P i a n A n n u a l e

P i a n A n n u a l e ISTITUTO COMPRENSIVO VADO - MONZUNO P i a n o A n n u a l e dell Inclusività ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Quadro di sintesi delle risorse a disposizione della scuola : Risorse di personale : Dirigente Scolastico,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale

Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale Piazzale San Sepolcro, 4100 Parma Tel. 051/8176 Fax 051/0641 e-mail albertina@sanvitale.net Web www.sanvitale.net Dove siamo Sede: Piazzale San Sepolcro,

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.MASCI Francavilla al mare SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.MASCI Francavilla al mare SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO F.MASCI Francavilla al mare SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Prot. 56 /A2 Francavilla al mare 03 settembre 204 Ai Docenti LORO SEDI Al DSGA. All Albo- sito web

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO POF 2012-2013 LA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO POF 2012-2013 LA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA PRIMARIA La Scuola Primaria, in continuità con il percorso formativo iniziato dalla Famiglia e dalla Scuola dell Infanzia: promuove, nel rispetto delle diversità individuali, lo sviluppo della

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso 11/11/12 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH dell'i.c.di Belgioioso 1 FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015.

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015. Prot. N 4024/C23 Ariano Irpino 26/08/2015 A tutti i docenti dell IISS Ruggero II Loro sedi Per quanto di competenza alla DSGA Al personale ATA Al sito internet dell Istituto OGGETTO : Comunicato impegni

Dettagli

SOMMARIO. Destinatario pag. 3. Normativa di riferimento pag. 3. Finalità del progetto pag. 3. Obiettivi generali pag. 3

SOMMARIO. Destinatario pag. 3. Normativa di riferimento pag. 3. Finalità del progetto pag. 3. Obiettivi generali pag. 3 1 SOMMARIO Destinatario pag. 3 Normativa di riferimento pag. 3 Finalità del progetto pag. 3 Obiettivi generali pag. 3 Obiettivi educative e didattici pag. 3 Obiettivi specifici di apprendimento pag. 4

Dettagli