INFORMATICA GESTIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMATICA GESTIONALE"

Transcript

1 RELAZIONE DI DIPARTIMENTO INFORMATICA GESTIONALE ANNO SCOLASTICO INDIRIZZI: Amministrazione, finanza e marketing, Sistemi informativi aziendali, Turismo, Servizi Commerciali, Ragioniere programmatore, Professionale per il Commercio Docenti: prof. R. Campisano prof.ssa V. Di Paolo prof. E. Fiorentino prof.ssa A. Cappetta prof.ssa M.V. Tammaro

2 FINALITA Il diploma per Tecnico dei Sistemi Informativi Aziendali (ex Ragioniere Programmatore) permette di raggiungere, insieme alle competenze caratteristiche del Tecnico dell Amministrazione, Finanza, Marketing (ex Ragioniere Amministrativo) anche quelle competenze informatiche che tanto sono ricercate nel mondo del lavoro oggi. Le finalità del corso di Informatica Gestionale prevedono, oltre alla formazione culturale degli studenti, l'acquisizione da parte degli stessi di competenze informatiche in ambito gestionale tali da potersi inserire in contesti aziendali e non, in cui l elaborazione delle informazioni o la loro meccanizzazione avviene in centri di calcolo (CED) o attraverso l esplicitazione di lavori progettuali in team per la ricerca di soluzioni ottimali di gestione. Le competenze informatiche prevedono la conoscenza e l utilizzo dei pacchetti software per la gestione aziendale e degli strumenti di programmazione tradizionale e di produzione di siti WEB con particolare attenzione al sistema di archiviazione elettronica, alla comunicazione in rete ed alla sicurezza informatica. COMPETENZE Le competenze sono classificate secondo gli indirizzi di studio nel seguente modo: 1. l indirizzo Amministrazione, finanza e marketing persegue lo sviluppo di competenze relative alla gestione aziendale nel suo insieme e all interpretazione dei risultati economici, con le specificità relative alle funzioni in cui si articola il sistema azienda (amministrazione, pianificazione, controllo, finanza, commerciale, sistema informativo, gestioni speciali). Esso presenta come articolazione l indirizzo - Sistemi informativi aziendali, per sviluppare competenze relative alla gestione del sistema informativo aziendale, alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi, alla realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, della comunicazione in rete e della sicurezza informatica; 2. l indirizzo Turismo integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire all innovazione e al miglioramento dell impresa turistica. Esso intende promuovere abilità e conoscenze specifiche nel campo dell analisi dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi aziendali con l attenzione alla valorizzazione integrata e sostenibile del patrimonio culturale, artistico, artigianale, enogastronomico, paesaggistico ed ambientale. Particolare attenzione è rivolta alla formazione plurilinguistica. SAPERI MINIMI Prima classe: Gli alunni devono, per l ammissione alla classe successiva, conoscere la struttura di un elaboratore elettronico e saper utilizzare e produrre testi multimediali.

3 Seconda classe: Gli alunni devono essere in grado di: 1. Saper distinguere le funzioni dei diversi dispositivi di input e output. 2. Migliorare l utilizzo del programma di videoscrittura (Word) sfogliando fra i vari menu per scegliere i comandi più idonei al lavoro da eseguire. 3. Memorizzare file e cartelle. 4. Avere le competenze per disporre vari tipi di corrispondenza commerciale. 5. Conoscere le caratteristiche e le opportunità di base del programma applicativo Excel. 6. Saper stampare. Terza classe: Gli alunni devono essere in grado di saper implementare semplici algoritmi relativi all utilizzo di: 1. strutture alternative ad una e due vie; 2. utilizzo degli operatori logici per impostare condizioni di controllo dei dati di input sia su variabili numeriche che di tipo stringa; 3. strutture alternative annidate; 4. strutture iterative con/senza contatore. Quarta classe: Gli alunni devono essere in grado di saper implementare semplici algoritmi relativi all utilizzo di: 1. procedure e funzioni con relativo passaggio di parametri per riferimento e per valore; 2. strutture dati come gli array, i record e le tabelle; 3. scrittura di procedure di ricerca sequenziale, di individuazione del massimo, del minimo e del calcolo di una percentuale con l utilizzo di dati strutturati; 4. individuazione di uno schema concettuale e logico di un database relazionale; 5. traduzione di uno schema logico nelle relative tabelle relazionali. Quinta classe: Gli alunni devono, per l ammissione all Esame di Stato, saper implementare applicazioni di tipo gestionale che prevedano l accesso ai dati contenuti in un database relazionale che si trova in remoto; saper progettare un sito Web. METODOLOGIE Alla tradizionale lezione frontale, articolata attraverso le fasi della definizione del tema, dall esposizione dei contenuti e dall esercitazione e/o della discussione di casi pratici, si affiancheranno altri metodi come: la lezione interattiva o partecipata, utilizzata per stimolare la partecipazione attiva e l interesse degli studenti e per facilitarne la comprensione dei concetti teorici. Queste lezioni si terranno necessariamente in laboratorio; il lavoro di gruppo svolto sotto la supervisione dell insegnante allo scopo di abituare gli allievi ad interagire tra loro; il problem solving utilizzato per superare la tradizionale lezione frontale, ponendo l argomento in chiave problematica e sollecitando proposte di soluzioni. Lo scopo del metodo è di creare negli studenti una forte tensione cognitiva che li coinvolga, li stimoli e li interessi. In questo modo si potenzia la capacità di analizzare i dati, di risolvere problemi, di pervenire al possesso di conoscenze, partendo da una situazioni concrete non ancora organizzate né ordinate. L utilizzo della piattaforma di e-learning per stimolare gli alunni nel lavoro domestico a

4 migliorare la comprensione degli argomenti svolti in classe. In ogni caso sarà indispensabile: mantenere sempre viva l attenzione degli allievi, coinvolgerli creando sempre un clima positivo e stimolante, effettuare riepiloghi all inizio e alla fine di ogni unità didattica per verificare e consolidare l apprendimento, favorire la discussione ed il confronto stimolando tutti gli allievi a dare il loro parere su un argomento senza condizionarne il pensiero. STRUMENTI DI VERIFICA E VALUTAZIONE In merito alle modalità di verifica e valutazione i docenti concordano che la verifica del raggiungimento degli obiettivi sarà affidata a : prove non strutturate (compiti in classe: realizzazione di procedure più o meno complesse, elaborazione di documenti elettronici e/o fogli elettronici e/o presentazioni, interrogazioni); prove strutturate (scelte multiple, completamenti, corrispondenze); prove semi-strutturate (vero-falso; ricerca di errori) Non si privilegerà nessuna delle tre metodologie in quanto ciascuna ha pregi e difetti. Le verifiche saranno sia di tipo formativo (senza classificazione), per ottenere informazioni sull andamento del processo di insegnamento/apprendimento, sia di tipo sommativo per accertare le conoscenze e le abilità acquisite sulle varie unità didattiche. Le verifiche si fonderanno sul principio delle trasparenze, quindi, gli allievi saranno informati: delle competenze da verificare degli elementi di cui si terrà conto ai fini della valutazione della griglia di valutazione adottata ai fini dell attribuzione del voto Le valutazioni consentiranno il controllo del processo formativo, la verifica della validità del processo stesso, il riordino dei suoi sviluppi successivi. Relativamente alla scansione temporale, si sottolinea la necessità di svolgere frequenti verifiche sia per poter mettere in atto tempestivamente strategie di recupero sia per avere gli elementi per le valutazioni quadrimestrali con un numero minimo di due prove a quadrimestre. Le griglie di valutazione adottate sono le seguenti. Si utilizzerà tutta la scala di valori (da 1 a 10) a disposizione, in modo da stimolare gli allievi a dare il massimo rendimento anche in considerazione dell attribuzione del credito formativo.

5 Primo Biennio Informatica: Griglia di valutazione della prova scritta TIPOLOGIA DI PROVA STRUTTURATA (test a risposta multipla, V/F, completamento ) VALUTAZIONE Per ogni risposta corretta: 1 punto risposta errata o non espressa: 0 punti. Scala di valutazione da 1 a 10. Pertanto il voto è così calcolato: Punteggio Alunno*10/Punteggio Max Prova scritta Esempio griglia di correzione: prova strutturata TEST A RISPOSTA CHIUSA N. DOMANDE 20 PUNTEGGIO MAX 20 VOTO 10 ERRATE NON RISP. CORRETTE TOTALE VOTO TIPOLOGIA DI PROVA SEMI-STRUTTURATA (Domande a risposta aperta) VALUTAZIONE - Pienamente corretta: punteggio pieno (x punti per risposta pienamente corretta), - Parzialmente corretta : metà punteggio; - Risposta errata o non espressa: punti 0 Scala di valutazione da 1 a 10. Pertanto il voto è così calcolato: Punteggio Alunno*10/Punteggio Max Prova scritta Esempio griglia di correzione: prova semi-strutturata DOMANDA A RISPOSTA APERTA N. DOMANDE 10 PUNTEGGIO MAX 20 VOTO 10 ERRATE NON RISP. CORRETTE PARZIALE TOTALE VOTO p. 1 p. PROVE PRATICHE: Per le prove pratiche si prevede il ricorso alle seguenti tipologie: - un testo grezzo (elaborazione testi) - una tabella dati (foglio elettronico) Lo studente dovrà eseguire le operazioni richieste che rifletteranno le abilità riportate in ciascuna unità (es.: formattazione di testo, paragrafo, tabulazioni, rientri; inserimento di formule, applicazione di funzioni, grafici ecc. VALUTAZIONE Ad ogni operazione richiesta corrisponde un determinato punteggio che riflette il livello di difficoltà. Il punteggio viene attribuito se l operazione è eseguita correttamente altrimenti non viene attribuito alcun punteggio. La scala di valutazione è da 1 a 10. Pertanto il voto scaturirà da: Punteggio Alunno *10/Punt. Max

6 PROVA PRATICA Esempio griglia di correzione prova pratica. Totale applicazione max 22 VOTO: 10 Operazioni da svolgere Allineamento giustificato Interlinea 1,5 Intero documento Impostazione margini Titolo con spaziatura espansa grassetto Applica ad un paragrafo a scelta rientro 1 a riga Intestazione Piè di pagina Applica al testo carattere Arial Applica elenco puntato colore verde Applica trova sostituisci Inserisci spaz. Prima e dopo 12pt Inserisci una clipart incorniciandol nel testo Totale applicazioni ,7 voto

7 Secondo Biennio Informatica: Tipologia prova scritta: Quesiti a risposta multipla / Compiti in classe e di laboratorio (es. realizzazione di un documento elettronico e/o di un foglio elettronico e/o di una presentazione, realizzazione di un procedura più o meno complessa per l elaborazione dei dati) INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGI (Min. - Max.) Punteggio attribuito Comprensione Appropriata della traccia Parziale (max 1.5) Stentata Conoscenza dei Completa contenuti (max Parziale ) Applicazione di tecniche (max 2.5) Esecuzione (max 3.5) Carente Sicura Imprecisa Lacunosa Completa e Corretta Parzialmente corretta e/o completa Accennata TOTALE

8 Tipologia prova scritta: Quesiti a risposta aperta (es. questionario a risposta aperta) INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGI (Min.-Max.) Punteggio attribuito Comprensione della Appropriata traccia (max 1.5) Semplice Conoscenza dei contenuti (max 3.5) Applicazione di tecniche (max 2.5) Uso del linguaggio tecnico (max 2.5) Stentata Dettagliata Completa Essenziale Parziale Carente Sicura Accurata Ordinata Imprecisa Lacunosa Completo Generico Superficiale Frammentario TOTALE

9 Tipologia prova scritta (esclusivamente per le quinte classi, prova per la preparazione all esame di stato): Realizzazione di un database con produzione di schema concettuale, traduzione nello schema logico, implementazione delle tabelle relazionali in MySQL, realizzazione di query, sviluppo sito Web e codice in PHP per accesso al database INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGI (Min.-Max.) Analisi del Appropriata problema Semplice (max 1.5) Stentata Progettazione Corretta basi dati Parzialmente (max 3.5) corretta Scorretta Sviluppo query (max 2.5) Progettazione sito web (max 1.5) Codifica PHP per accesso al database (max 1.0) Corretta Parzialmente corretta Scorretta Corretta Parzialmente corretta Scorretta Corretta Parzialmente corretta Scorretta TOTALE Punteggio attribuito

10 Per le valutazioni dei colloqui orali si propone la seguente griglia mutuata dal POF e così modificata: Griglia di valutazione dei colloqui orali (Primo Biennio Secondo Biennio Quinto Anno) LIVELLO VOTO DESCRITTORE PUNTEGGIO ATTRIBUITO Eccellente 10 Conoscenze approfondite, corredo culturale notevole, personale orientamento di studio. Capacità di collegamento, organizzazione, rielaborazione critica ed autonoma nella formulazione di giudizio Ottimo 9 Conoscenze approfondite, preparazione notevole, emergenza di interessi personali. Uso decisamente appropriato del linguaggio specifico. Capacità di collegare gli argomenti e autonomia di valutazione critica. Buono 8 Conoscenze approfondite (analisi) e buon livello culturale in evidenza. Linguaggio preciso e consapevolmente utilizzato. Capacità di orientamento e collegamenti (sintesi). Autonomia di valutazione. Discreto 7 Conoscenze ordinate, esposte con chiarezza. Uso generalmente corretto del linguaggio, sia del lessico che della terminologia specifica. Capacità di orientamento relativa ad alcune tematiche o su testi specifici (analisi). Collegamenti sviluppati coerentemente, ma senza evidenti o spiccate capacità sintetiche. Sufficiente 6 Preparazione aderente ai testi utilizzati, presenza di elementi ripetitivi e mnemonici. Le conoscenze restano ordinate. Capacità di orientamento e collegamenti non pienamente sviluppati. Sporadica necessità di guida nello svolgimento del colloquio. Mediocre 5 Preparazione superficiale di argomenti importanti. Difficoltà nello sviluppo dei collegamenti tra i diversi argomenti. Linguaggio specifico - settoriale non pienamente e correttamente utilizzato. Scarse capacità di autocorrezione. Insufficiente 4 Conoscenze molto frammentarie.

11 Gravemente Insufficiente Preparazione Nulla ISTITUTO POLISPECIALISTICO S. PAOLO Commette frequentemente errori nell applicazione delle conoscenze. Non ha autonomia nella elaborazione personale. Uso episodico del linguaggio specifico. 3 Non si evidenziano elementi accettabili, per manifesta e netta impreparazione a livello elementare e di base. Incontra difficoltà ad applicare i pochi contenuti acquisiti ed ad utilizzare le scarse competenze acquisite. 2 Totale impreparazione sui contenuti elementari e di base, anche per ammissione dello stesso allievo. Si procede, comunque, ad ulteriori tentativi di orientamento dell alunno, onde avere la completa certezza della sua totale impreparazione. Rifiuto 1 L allievo rifiuta il colloquio: non risponde ad alcuna domanda posta dal docente.

12 CLASSE PRIMA Commerciali) (Indirizzo _Amministrazione Finanza e Marketing, Turismo, Servizi COMPETENZA N. 1: essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate. UNITA DI APPRENDIMENTO N. 1: La struttura di un computer CONTENUTI: Sistemi informatici - Il Software di base; - Il software applicativo Informazioni, dati e loro codifica. Architettura e componenti di un computer. - Hardware: componenti e funzioni; - La scheda madre; - Unità centrale di elaborazione; (CPU) - La memoria centrale ROM e RAM; - Periferiche di input; - Periferiche di outpt; - Memorie di massa; Comunicazione uomo-macchina. ABILITA : Riconoscere le caratteristiche logico-funzionali di un computer e il ruolo strumentale svolto nei vari ambiti (calcolo, elaborazione, comunicazione, ecc.). MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale ed Uso del laboratorio) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO (presentazione Power Point e/o percorso di apprendimento con ExeLearning inserito nella piattaforma di e-learning. Questionario on-line da somministrare in laboratorio) UNITA DI APPRENDIMENTO N. 2: Il sistema operativo Windows CONTENUTI: - Presentazione di Windows; - Avvio di Windows; - Utilizzo del mouse; - Il desktop; - Come si avvia un applicazione: dal menu Start e da icone desktop; - Come si spegne un PC; - Le finestre e le icone di windows; - Risorse del Computer; - I file e le cartelle; - Creare una cartella; - Selezionare una o più file e cartelle; - Rinominare una cartella, eliminare una cartella; - Recuperare i file e le cartelle cestinate; ABILITA : Riconoscere e utilizzare le funzioni di base di un sistema operativo.

13 MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale ed Uso del laboratorio) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO (Questionario on-line da somministrare in laboratorio) COMPETENZA N. 2: utilizzare e produrre testi multimediali UNITA DI APPRENDIMENTO N. 1: Introduzione all uso di Word CONTENUTI: - Creazione di un nuovo documento; - Apertura di un documento esistente; - Salvataggio di un documento; - Anteprima di stampa; - Esercizi di diteggiatura; - Come selezionare il testo o parte di testo; - Modificare le dimensioni e stile carattere (barra di formattazione). - Aprire, modificare e stampare; - Selezionare, spostare e copiare il testo; - La pagina: Impostazione dei margini; - Menu formato carattere. - Il paragrafo, allineamento, rientri, ecc - Il paragrafo: elenchi puntati e numerati - Ortografia e sinonimi - Ricerca e sostituzione - Immagini e oggetti WordArt e ClipArt - Bordi e sfondi, effetti di riempimento - Caselle di testo e forme - La grafica; - Da Word a Internet; - Colonne di parole e/o numeri (tabulazioni) - Impaginazione testo su più colonne. - Tabelle - Note; - Elenco a struttura. ABILITA : Raccogliere, organizzare e rappresentare dati/informazioni sia di tipo testuale che multimediale MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale ed Uso del laboratorio) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO (Utilizzo del software applicativo in laboratorio. Questionario on-line da somministrare in laboratorio) UNITA DI APPRENDIMENTO N. 2: Introduzione all uso di Excel CONTENUTI: - Il foglio elettronico Excel - Come avviare Excel - Aspetto dello schermo

14 - Inserire dati nelle celle di un foglio di lavoro - Creare un nuovo foglio di lavoro: inserimento di etichette e di valori - Modifica delle dimensione delle celle delle colonne e delle righe - selezionare all interno del foglio di lavoro: celle adiacenti e non adiacenti - Selezionare un intera colonna o riga - Lo stile del testo - Il formato numerico - Memorizzazione e stampa di un foglio di lavoro - Inserimento di dati e formule - L addizione - la sottrazione - la moltiplicazione - la divisione - copia di formule - le funzioni : somma, media, valore max e min ABILITA : Raccogliere, organizzare e rappresentare dati/informazioni sia di tipo testuale che multimediale MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale ed Uso del laboratorio) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO (Utilizzo del software applicativo in laboratorio. Questionario on-line da somministrare in laboratorio) CLASSE SECONDA (Indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing, Turismo, Servizi Commerciali) COMPETENZA N. 1: individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi UNITA DI APPRENDIMENTO N. 1: Elaborare il testo CONTENUTI : - Intervenire sul testo; - Ulteriori norme di editing; - Inserire oggetti; - A ogni testo il suo Layout ABILITA : Saper impaginare un testo applicando i diversi livelli di formattazione presenti in Word. Saper inserire e gestire elementi grafici all interno di un documento. Saper creare e personalizzare un elenco. Saper utilizzare gli strumenti di correzione automatica. Saper utilizzare le procedure per inserire intestazioni e piè di pagina. Saper formattare una tabella, saper utilizzare la tecnica per impostare tabulazioni. MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale, Uso del laboratorio, Computer, libro di testo, esercitazioni pratiche) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO: (utilizzo del software applicativo Word )

15 COMPETENZA N. 2: Capacità di analizzare dei contenuti proposti per una corretta impostazione dell impaginazione mirata alla creazione dei documenti professionali UNITA DI APPRENDIMENTO N. 2: Il Testo Professionale CONTENUTI: - Verbale; - Curriculum Vitae ABILITA : Saper redigere documenti di varie tipologie partendo da modelli. MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale, Uso del laboratorio, Computer, libro di testo, esercitazioni pratiche) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO: (utilizzo del software applicativo Word ) COMPETENZE N. 3: Essere in grado di realizzare documenti commerciali. Acquisizione della terminologia appropriata, utilizzando il linguaggio formale. UNITA DI APPRENDIMENTO N. 3: Corrispondenza commerciale/turistica CONTENUTI: - lettera stile blocco Americano; - Lettera stile blocco; - Lettera stile semiblocco; - Lettera stile classico; - Stampa Unione ABILITA : Saper realizzare una carta intestata personalizzata. Saper scegliere lo stile più adatto per la lettera commerciale. Saper redigere autonomamente una lettera secondo le impostazioni estetiche. MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale, Uso del laboratorio, Computer, libro di testo, esercitazioni pratiche) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO: (utilizzo del software applicativo Word ) COMPETENZE N.4: essere in grado di utilizzare al meglio Internet, anche, come strumento di comunicazione. UNITA DI APPRENDIMENTO N. 4: Esplorando Internet CONTENUTI: - Internet: la rete delle reti;

16 - il Browser; - Motori di ricerca; - La ricerca in Internet; - La posta elettronica. ABILITA : Saper navigare in Internet, utilizzare la rete per la ricerca di dati e informazioni. Saper allegare un file a un messaggio di posta elettronica MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale, Uso del laboratorio, Computer, libro di testo, esercitazioni pratiche) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO: (utilizzo di browser Internet Explorer, Google Chrome, etc.) COMPETENZE N. 5: conoscere la sequenza delle operazioni per la risoluzione dei problemi UNITA DI APPRENDIMENTO N.5: Algoritmo CONTENUTI: - Il concetto di algoritmo; - Le istruzioni, - Diagrammi a blocchi, - La simulazione di semplici algoritmi. ABILITA : saper analizzare i problemi per individuare la strategia risolutiva. Saper strutturare semplici algoritmi. MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale, Uso del laboratorio, esercitazioni pratiche) COMPETENZE N. 6: Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico. UNITA DI APPRENDIMENTO N.6: Elaborare informazioni con il foglio elettronico CONTENUTI: - Il foglio elettronico Excel; - Struttura e funzionamento del foglio elettronico excel; - Le immagini in un foglio elettronico; - La funzione logica SE; - Le altre funzioni; - I riferimenti: assoluti, relativi, misti; - I calcoli percentuali;

17 - Grafici - I riparti - Interesse, montante, sconto, valore attuale; - Fattura ABILITA : saper formattare dati nelle celle. Sapersi spostare tra i fogli. Saper trovare e sostituire il contenuto di una cella. Saper riconoscere i messaggi di errore più comuni. Saper scegliere le funzioni appropriate in base al problema da risolvere. Saper impostare il foglio elettronico per l esecuzione dei calcoli relativi ai documenti commerciali (calcoli percentuali, interesse, fattura ) MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale, Uso del laboratorio, Computer, libro di testo, esercitazioni pratiche) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO: (utilizzo del software applicativo Excel)

18 CLASSE TERZA (Indirizzo _SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI) COMPETENZA N.1: elaborare, interpretare e rappresentare efficacemente dati aziendali con il ricorso a strumenti informatici e software gestionali UNITA DI APPRENDIMENTO N. 1: Rappresentazione dell informazione CONTENUTI : Il sistema di numerazione binario Il sistema di numerazione esadecimale La rappresentazione dei numeri interi La rappresentazione dei numeri reali I sistemi di codifica delle informazioni alfanumeriche L'algebra booleana ABILITA : Saper rappresentare in binario, esadecimale ed ottale le informazioni numeriche (interi e reali) ed alfanumeriche. Saper codificare, secondo l algebra booleana, condizioni di ammissibilità dei valori delle variabili di input. MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale, libro di testo, esercitazioni pratiche) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO: questionario on-line UNITA DI APPRENDIMENTO N. 2: L algoritmo CONTENUTI : Definizione di algoritmo Il concetto di variabile e costante Diagramma a blocchi Tabelle di traccia Le strutture di controllo: - Sequenziale - Alternativa ad una via e a due vie - Iterativa ABILITA : Saper implementare algoritmi con diversi stili di programmazione e idonei strumenti software; saper produrre la documentazione relativa alle fasi di progetto. MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale, libro di testo, esercitazioni pratiche) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO: Ambiente integrato di sviluppo software DEV C/C++ UNITA DI APPRENDIMENTO N. 3: Il linguaggio C CONTENUTI :

19 La struttura di un programma C L alfabeto del linguaggio I tipi di dato predefiniti: int, float, double, char Gli operatori aritmetici e logici Le istruzioni: if, if-else, while, do-while, for Le istruzioni: return, break L istruzione di selezione multipla: switch-case ABILITA : Saper esprimere procedimenti risolutivi attraverso algoritmi scritti con un linguaggio di programmazione strutturata (il linguaggio C) MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale, libro di testo, esercitazioni pratiche in laboratorio) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO: Ambiente integrato di sviluppo software DEV C/C++ UNITA DI APPRENDIMENTO N. 3: Il linguaggio Visual Basic CONTENUTI : La struttura di un programma Visual Basic L alfabeto del linguaggio I tipi di dato predefiniti: int, float, double, char Gli operatori aritmetici e logici Le istruzioni: if then -endif, if then else - endif, while -wend, do while - loop, for to step - next Le istruzioni: return, break L istruzione di selezione multipla: select case end select ABILITA : Saper esprimere procedimenti risolutivi attraverso algoritmi scritti con un linguaggio di programmazione visuale (il linguaggio Visual Basic) MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale, libro di testo, esercitazioni pratiche in laboratorio) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO: Ambiente integrato di sviluppo software Visual Studio 2008 COMPETENZA N 2: individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete UNITA DI APPRENDIMENTO N. 3: Il linguaggio HTML CONTENUTI : La struttura di una pagina HTML I marcatori di testo per i font ed i paragrafi Gli elenchi puntati e numerati

20 Le immagini Le tabelle I link ipertestuali Le mappe ipertestuali ABILITA : Saper progettare e realizzare pagine Web statiche MODALITA DI FRUIZIONE (Lezione frontale, libro di testo, esercitazioni pratiche in laboratorio) STRUMENTO SOFTWARE UTILIZZATO: Ambiente di sviluppo: editor di testo (ad es. blocco note) e browser. CLASSE QUARTA (INDIRIZZO PROGRAMMATORI): Gli obiettivi cognitivi che si intendono conseguire si possono così riassumere: 1. Progettazione secondo la metodologia top-down di semplici algoritmi di programmazione di tipo gestionale 2. Conoscere le principali strutture di dati: array, matrici, record, tabelle e file. 3. Saper progettare e sviluppare algoritmi di programmazione di tipo gestionale utilizzando una programmazione strutturata. 4. Comprensione (almeno teorica) dei principali algoritmi di ordinamento e di ricerca (sequenziale e binaria) 5. Conoscenza dei file ad accesso diretto e sequenziale. 6. Comprendere le problematiche legate alla gestione dei database. 7. Individuazione dello schema concettuale di un database e traduzione nel relativo schema logico 8. Elaborazione di query semplici: selezione, proiezione e congiunzione. Obiettivi minimi In particolare, gli alunni devono, per l ammissione alla classe successiva, saper implementare semplici algoritmi relativi all utilizzo di: 6. procedure e funzioni con relativo passaggio di parametri per riferimento e per valore; 7. strutture dati come gli array, i record e le tabelle; 8. scrittura di procedure di ricerca sequenziale, di individuazione del massimo, del minimo e del calcolo di una percentuale con l utilizzo di dati strutturati; 9. individuazione di uno schema concettuale e logico di un database relazionale; 10. traduzione di uno schema logico nelle relative tabelle relazionali. Prove di ingresso Gli alunni saranno sottoposti ad un test di verifica delle conoscenze e competenze acquisite nel corso del terzo anno che prevederà l implementazione di un semplice algoritmo di tipo gestionale, con un linguaggio di programmazione strutturato a piacere, che preveda l utilizzo di strutture di selezione, sequenza ed iterazione per, ad esempio, individuare un massimo, un minimo, per calcolare la percentuale e la media.

21 Argomenti delle prove per il recupero del debito Gli alunni devono, per l ammissione alla classe successiva, saper implementare, con un linguaggio di programmazione strutturato a piacere, algoritmi di tipo gestionale che utilizzino come struttura dati, le tabelle. Inoltre, devono saper progettare lo schema concettuale di un database, saperlo tradurre in uno schema logico e saper effettuare delle query semplici, in linguaggio SQL, su tale database. Programmazione modulare MODULO 1 - LA PROGRAMMAZIONE STRUTTURATA Unità Didattica 1.1: Procedure e funzioni Procedure e funzioni Passaggio di parametri: riferimento e valore Variabili globali e locali Le regole di visibilità Laboratorio: Unità Didattica 1.2: implementazione di algoritmi in linguaggio C con l uso di procedure e funzioni Risoluzione di problemi con scrittura di algoritmi che utilizzano sia procedure che funzioni per il calcolo del minimo, massimo, media e percentuale, somme e conteggi. Unità Didattica 1.3: I tipi di dati semplici e strutturati I tipi di dati semplici e strutturati Il tipo di dati: enumerativo Il primo tipo di dati strutturato: l array e le seguenti procedure: 1. dimensionamento 2. caricamento 3. ricerca sequenziale 4. ordinamento 5. ricerca binaria (sequenziale e ricorsiva) 6. inserimento in un array Gli array paralleli Il secondo tipo di dati strutturato: la matrice e le seguenti procedure: 1. dimensionamento di matrici quadrate e rettangolari 2. caricamento di matrici quadrate e rettangolari 3. ricerca sequenziale di un elemento in una matrice Il terzo tipo di dati strutturato: il record e la seguente procedura: 1. la lettura dei dati che compongono un record e relativo caricamento in memoria centrale Il quarto tipo di dati strutturato: la tabella di record e le seguenti procedure: 1. dimensionamento di una tabella di record

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili Che cos è la LIM? La LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, è una lavagna arricchita da potenzialità digitali e multimediali. Si tratta di una periferica collegata al computer, che rende possibile visualizzare

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO art. 11, comma 1 lett. a) e comma 5 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Invio della domanda on line ai sensi

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI Francesca Plebani Settembre 2009 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. WORD E L ASPETTO

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli