Gae Milazzo. visual art project

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gae Milazzo. visual art project"

Transcript

1 visual art project

2

3

4

5

6

7

8 Reperti : sin dal titolo, Gaetana Milazzo sottolinea quella che sembra essere la sua missione d artista, ovvero offrirsi come un archeologa della modernità, che compie un lavoro di ricerca, ritrovamento, catalogazione e selezione di immagini, quindi vi appone il filtro del suo sentire per dire qualcosa che alla fine riguarda tutti noi, il nostro modo di comunicare, di trasmettere il sapere e le informazioni, il nostro rapporto con la memoria e con l arte come affermazione della nostra identità. Reperti prosegue idealmente e completa la riflessione già intrapresa dall artista nel suo precedente lavoro Identità di scarto. Qui sono le foto scattate dall artista ad alcune statue del Cimitero Monumentale di Staglieno a Genova a dare l avvio ad una nuova operazione di ritrovamento. Non si tratta di un imbattersi casuale: reperire in latino vuol dire infatti ritrovare, ma presuppone un attività di ricerca precedente. Prima dell attività di ritrovamento c è il quaesitum, l attività di chi va in cerca, di chi si pone e pone domande: è qui evidente la matrice concettuale-esistenziale del lavoro dell artista, che va oltre la suggestione e l emozione emotiva ed estetica provata di fronte alle sculture monumentali del Cimitero di Staglieno. Consapevole che esse sono il segno tangibile della volontà dei cittadini genovesi del passato di lasciare una traccia di sé post-mortem, si ritrova a riflettere sulla necessità di una tutela di questi beni collettivi e si domanda quali sono, se ci sono, nell uomo contemporaneo, equivalenti strategie per rispondere al bisogno di esistere e sopravvivere nel tempo. Come si pone l uomo contemporaneo di fronte alla necessità di lasciare una memoria, una traccia di sé? Necessità che, seppure più frequentemente soddisfatta da appartenenti alle classi abbienti, in passato trovava un riscontro anche nelle fasce popolari: ne è testimonianza la statua di Caterina Campodonico, la famosa venditrice di noccioline che decise di investire i faticati risparmi commissionando la statua in cui è ritratta con i suoi dolci e le sue collane di nocciole e garantirsi così un pezzo di marmorea immortalità. Per l uomo contemporaneo sembrano esserci bisogni più impellenti di lasciare una traccia reale di sé dopo la morte, presi come siamo dall ossessiva rappresentazione di noi stessi sui canali dell etere digitale e dallo scambio rapidissimo e continuo di informazioni. Attraverso la rete abbiamo la possibilità di affermare e costruire quotidianamente la nostra presenza e accedere a una quantità di risposte rapide, quick responses come quelli forniti dai Q.R. Code, che concettualmente rappresentano il contrario del repertum inteso come ritrovamento a cui si può accedere solo dopo una lunga ricerca e presupponendo una capacità di porre e porsi le domande giuste. In Reperti, il Q.R. Code non permette di disporre di maggiori informazioni, ma richiede al visitatore di porsi ulteriori domande e attivare un processo critico. Come a mettere in guardia nei confronti delle risposte che possiamo ottenere troppo velocemente, come a dire che non tutte le domande, tanto meno quelle che hanno a che fare con l esperienza e la fruizione di un lavoro artistico, possono essere soddisfatte da un accesso semplificato alle informazioni. Informazioni che peraltro nascono già aleatorie, perché l accesso a questo tipo di dati ha in genere un limite temporale. Altro quaesitum, dunque, che ci pone e si pone l artista: dove finiranno tutte le informazioni digitali? L artista solleva il problema della conservazione dei dati nella realtà virtuale, perché ancora non esiste, e forse non potrà esistere mai, un valido sistema di catalogazione e archiviazione in merito.

9 Domanda riguardante anche le informazioni contenute nei nostri profili, ovvero le nostre vite virtuali, le nostre identità digitali, che al momento rappresentano probabilmente la risposta più concreta all innato bisogno di lasciare delle tracce di noi stessi. Mi chiedo quale sia il limite fra la realtà e il mondo digitale che non esita a spiegarla e a semplificarla in una successione di informazioni, si domanda l artista. Forse l uomo contemporaneo non può che costruire dei monumenti-non monumenti, cangianti come le nostre vite ed identità, reali o virtuali che siano. Il linguaggio digitale è in questo senso espressione e simulacro della modernità: la nostra fame di esserci non si concretizza nel marmo ma nella costruzione delle nostre identità sul web, nel loro intersecarsi costruendo un ritratto collettivo mutante, uno strano archivio in fieri delle nostre esistenze. Ma cosa resterà di tutto ciò? Questo sembrano chiedersi e chiederci i volti assorti delle sculture, anzi delle creature del Cimitero di Staglieno, vivificate dai veli colorati, dalle sovrapposizioni digitali che rappresentano quasi una firma dell artista e ci indicano che sta mettendo se stessa dentro i ritratti marmorei segnati dalla patina della tempo e della mancata tutela altro sintomo di una modernità che, proiettata verso un eterno presente, fatica a tenere nel dovuto conto l importanza della memoria e della conservazione di un passato vivente dall incommensurabile valore artistico e storico -. Ciò che l artista chiede al visitatore, non è un puro esercizio di pensiero, ma è la partecipazione ad un esperienza prima di tutto sensoriale. Ecco allora che i veri reperti, gli oggetti da ri-trovare e prima di tutto da cercare siamo come sempre noi stessi: l importanza della memoria nel lavoro di Gaetana Milazzo non è un nostalgico guardare indietro, è il compimento di un esercizio di consapevolezza e analisi critica che si interroga sulla responsabilità del nostro Esserci nel mondo e nel tempo. Foto in mostra: 12 foto: 30 x 30 cm su cornice - Tecnica: Foto digitale e sovrapposizione fotografica Supporto: Fine art Hahnemuhle Museum Etching textured 350 gsm 100% cotton, natural white - Tiratura foto: serie da 30 esemplari. Dott.ssa Cristina Nicoletta Reperti 2013

10

11

12

13

14 Principalmente vi sono due piani di lettura nel lavoro presentato da Gaetana Milazzo. Il primo assolutamente scientifico, analitico, rigoroso nelle affermazioni come un sillogismo aristotelico. Il lavoro dell artista è un enunciato molto chiaro, attraverso cui si afferma un mondo fagocitato dal consumo, dalla frenesia, dalla scissione, il cui segno (in)visibile è l alterazione, il deterioramento, la frammentazione. Una dimensione quasi schizofrenica, che riflette un rapporto tra reale e virtuale non conciliato, di cui spesso non si definiscono i confini. Il glitch è un errore o malfunzionamento che avviene nel trasferimento di segnali o dati. Quelli che ci mostra l artista sono puri, generatisi involontariamente rispetto all azione del fruitore, durante le numerose fasi di salvataggio o compressione dei file. Il costante consumo (utilizzo) ne causa il deterioramento. Un allegoria che pone l attenzione su un sistema di relazioni il cui status sta subendo profondi mutamenti. La comunicazione tende a definirsi come fruizione, la fruizione è spasmodica, selvaggia, attraversata dall ansia di condividere, di inoltrare, di visionare. Non è un caso che lo stesso linguaggio comune viva di parole determinanti azioni che trovano solo nella dimensione virtuale la loro pregnanza,

15 riflettendo trasformazioni sociali in atto tutt altro che semplici da decifrare. Costruzioni di mondi virtuali avvinghiano la realtà in intricati percorsi di cui si fatica ad avere coscienza perché da essi assorbiti, perché in essi invischiati. Ormai ben al di là dello scontro fra apocalittici ed integrati annaspiamo in un mondo troppo veloce per coglierne in pieno i mutamenti, la cui progressione pare determinantesi, in modo del tutto casuale, dall interazione con stimoli e agenti sempre nuovi. In questa dimensione alterata l attenzione dell artista si concentra sugli errori del sistema, errori che lo stesso sistema definisce e gestisce come scarti. Vi è una profonda consapevolezza nella scelta dei soggetti presentati. La formazione dell artista è legata al ritratto, attraverso cui ha rappresentato ed esposto individui, se stessa, vissuti, luoghi, definito identità. Non è un caso che l urgenza di porre una riflessione su quel mondo avvertito come distorto passi attraverso l esposizione di frame che ritraggono personaggi, ruoli, ma anche individui, identità legate ad un immaginario già acquisito. Gaetana Milazzo riporta alla luce il nesso inevitabile fra virtuale e reale, in cui il glitch (scomposizione, taglio, alterazione) è campanello dall allarme, anticamera del blackout. I personaggi che ci mostra, glitchati, riflettono una frammentazione che è quella percepita dal sentire dell artista. Il secondo aspetto è legato alla poetica della ricerca di possibili errori, segnali della nostra fallibilità, che svelano e indicano il dissidio, struttura stessa del molteplice. Paradossalmente il lavoro dell artista per quanto si nutra esclusivamente di tecnologia, riesce ad esprimere suggestioni legate alla memoria di antiche tradizioni. Immaginiamo così l artista (merlettaia), trascorrere le notti (sul web) a lume di lampade alogene, con solerzia e dedizione controllare migliaia di file, di video, cercando con cura quegli errori, che presto diverranno scarti, che senza il suo intervento inevitabilmente verranno cestinati. Nell immaginario collettivo una certa pulizia ed una certa patinatura dell immagine tipica degli standard mass-mediatici e pubblicitari, attestano l ineguagliabile perfezione della macchina. Durante la certificazione di qualità, come quella eseguita dai tester, i glitch devono essere individuati ed elencati in una relazione da rispedire ai programmatori, ciò permette di correggere l errore eliminando dal mercato la produzione danneggiata. In un mondo che aspira alla perfezione, in cui l errore è percepito come un guasto, la sbavatura di un immagine diventa un taglio estetico e i pezzi mancanti lasciano intravedere la struttura dei dati che vi sottende. É come se si aprisse uno squarcio sulla macchina e sul suo funzionamento entro cui è possibile

16 legittimare la presenza dell errore come fenomeno possibile che pretende espressione all interno dell esistere. L azione salvifica dell artista assume così una portata dirompente. Lo scarto, recuperato nell infinito svolgersi dei mondi digitali, viene consegnato in forme cristallizzate, ri-guadagnando lo statuto di soggetto, di presenza: diviene gesto e preludio, segno indelebile della nostra incapacità di gestire il tutto e di riuscire in ogni momento a determinare la nostra identità. Così, quello che nel mondo virtuale può apparire un gioco di scomposizione, nella realtà è spesso cambiamento inevitabile e sofferto. Dott. Antonio Leone Foto in mostra: 9 foto: su cornice, Installazione e video - Tecnica: Glitch, Frame da video. Supporto: Fine art Hahnemuhle Museum Etching textured 350 gsm 100% cotton, natural white - Tiratura foto: serie da 30 esemplari.

17 Identità di scarto 2010

18

19

20

21 Omaggio a Francesco Minà Palumbo e a tutti colori che sono disposti a non fermarsi alla superficie e amano andare oltre... Viviamo in molti modi e luoghi diversi nel mondo. Ovunque e comunque lasciamo tracce del nostro passaggio. Attraversiamo una vita che inizia, scorre e inesorabilmente si conclude, il che ci accomuna a tutte le forme di vita sulla terra. Ma ci distinguono la consapevolezza e la capacità di immaginare che la somma dei gesti che compiamo vada a tessere man mano un filo invisibile, a sua volta parte di una trama più grande in cui le nostre azioni incidono e determinano inevitabilmente la vita di coloro che ci circondano. La natura stessa ci insegna che tutto è interdipendente. La luna e il suo rapporto con le maree ne è forse l esempio più potente. Non importa la distanza che li separa, la forza di attrazione è inevitabile e determinante, a tal punto da effettuare un cambiamento continuo di stato delle maree e da influenzare i cicli vitali delle creature sulla Terra. In modo più sottile, le nostre tracce sono segni che possono essere letti e codificati da ogni individuo in modo diverso, ma anch essi scaturiscono energie e creano influssi che possono diventare a loro volta determinanti per gli esseri che ne vengono a contatto. Conservare e catalogare le tracce degli esseri che scorrono sulla terra e della natura in tutta la sua completezza è una peculiarità dello scienziato - naturalista, ma anche l artista compie un operazione di conservazione e di conoscenza quando decide di raccogliere i segni e i reperti lasciati dalla società o dal singolo individuo, li codifica in emozione e gli dà un nuovo significato. Perché il segno non a caso si traduce con l unione di significante e significato ed è definito come qualcosa che sta per qualcos altro, a qualcuno in qualche modo. Dobbiamo ricordare a noi stessi che siamo impronte che modellano al nostro passaggio un mondo come fatto di creta e solo comprendendo il cambiamento che doniamo nel tempo possiamo contribuire con autentica bellezza a ciò che risiede dentro e fuori i limiti della nostra pelle. Gae Milazzo Supporto: foto digitale su Fine art Hahnemuhle Museum Etching textured 350 gsm 100% cotton, natural white - Tiratura foto: serie da 30 esemplari. Video installazione con impronta digitale dell artista. Segni 2014

22

23 N.N. è il sigillo che l artista pone sui pensieri scritti e donati dagli individui che si sono prestati a questa esperienza. Nomen nescio è un espressione latina ( da nescio: non conosco e nomen: nome ) N.N. si usa per indicare la non completa identificazione di una persona. La decisione da parte di un individuo di svelare o meno i propri pensieri o il proprio orientamento sessuale non deve essere una condizione sufficiente per sottoporlo a giudizio o a discriminazione. Quest opera pone un quesito sul rispetto della propria interiorità e di quella altrui, come valore fondamentale della libertà d espressione. A determinare la nostra identità è anche il nostro orientamento sessuale, ma per l artista questo dato è una dimensione esclusivamente intima e privata. Tutto ciò viene affermato chiedendo ai singoli anonimi di scrivere all interno di una busta una riflessione sul proprio orientamento e sulla propria identità; verrà poi scattata una foto che non lascerà spazio all emotività ma solo al pensiero scritto nella busta, il tutto poi verrà risposto in una teca che sarà sigillata e preservata per un tempo indefinito. Infine l artista si premunirà di tutelare il pensiero dei singoli così come ognuno dovrebbe tutelare la libertà d espressione dei molti. Gae Milazzo E sulla negazione tassonomica dell individuo che Nomen Nescio di Gaetana Milazzo concede, lungo la composizione fotografica. la sequenza perentoria sull affermazione del volto, sulla maschera interiore che esso promulga e sulla sua improbabile riconoscibilità: dalla aspirazione ideale ai cromosomi del sesso. Essa non può che esser celata nella busta, sancita dal sigillo rosso della lacca, custode assoluta dell intangibilità spirituale. Installazione di fotografie digitali stampate su carta fotografica, busta da lettera, timbro e ceralacca. Aldo Gerbino Nomen Nescio 2011

24

25 Un frammento è una frase o porzione di testo largamente corrotto o lacunoso sulla quale si cerca di ricostruire l opera originaria oppure il pensiero dell autore. Il nostro progetto parla di frammenti e del modo in cui si legano all identità o al loro ritratto. Questo ritratto nel nostro sistema o società viene dipinto e consumato dai media e dai canali d informazione in modo distorto e alterato. Si perde troppo spesso il controllo e quindi la cura per l identità stessa. Lo scopo del sistema diventa consumare l immagine fino ad assoggettarla e usarla per i propri scopi opportunistici. Tutto questo è metafora di una violenza fisica e psicologica applicata a coloro considerati deboli come le donne, i bambini, gli anziani, e tutte le minoranze di cui la società fa finta di curarsi ma poi, come dimostrato dalle statistiche, li emargina e non li tutela. Per cui la domanda sorge spontanea: chi li ha uccisi e chi li salverà? ( dedicato a Stefano Cucchi ) Progetto fotografico: Gae Milazzo Programma di elaborazione digitale: Carlo Monastra Installazione: Paola Monastra Gae Milazzo Supporto: fotografia digitale, elaborazione video e installazione. Frammenti 2014

26

27

28

29

30 Selezionare tra gli scatti di Gaetana Milazzo non è stato facile, perché lei possiede uno sguardo che si apre su più direzioni, mosso da un evidente desiderio di sperimentare le potenzialità della macchina fotografica ma soprattutto generi distanti tra loro, tematiche differenti e spesso divergenti tra loro. Mi viene a supporto l esperienza di alcuni grandi artisti che hanno consapevolmente scelto di provare diverse grammatiche visive, penso in particolare all esperienza fotografica di Thomas Ruff, esponente di rilievo della fotografia tedesca contemporanea, sperimentatore senza tregua di tecniche e di temi. La serie H è nata da una permanenza in ospedale vissuta direttamente dalla giovane artista. Con questo luogo Gaetana mantiene le distanze,le sue immagini non diventeranno mai le pagine di un racconto, semmai sembrano raccogliere la verità di un luogo, attraverso un vocabolario ridotto che lo rende autentico e singolare. Le immagini sono asciutte e minimali, nessuna concessione a sentimentalismi o a elaborazioni psicologiche e senza nessuna pretesa di commuovere o denunciare. Quei particolari per Gaetana sono appigli dello sguardo, ed esemplarmente denudano una condizione. Emilia Valenza 9 Foto digitali Supporto: Fine art Hahnemuhle Museum Etching textured 350 gsm 100% cotton, natural white Tiratura foto: serie da 30 esemplari. H 2008

31 Biografia Classe 1982; laureata presso l Accademia d Arte e Restauro Abadir a San Martino delle Scale, Palermo. Specializzata nella digitalizzazione e catalogazione del materiale fotosensibile antico, si occupa prevalentemente della direzione organizzativa e della curatela di eventi culturali. Lavora prevalentemente con la fotografia. La sua cifra è la costante di sperimentazione del supporto fotografico. Attraverso sperimentazioni sull esposizione, sullo scatto, lo sviluppo e sullo studio delle alterazioni dei nuovi supporti cinematografici e fotografici, senza l intervento della tecnica del fotoritocco fotografico, cerca di individuare possibili nuovi linguaggi tecnico-formali. Principali esposizioni Novembre 2014: Muta# collettiva d arte contemporanea, Palazzo Branciforte e via del Seminario Italo Albanese, associazione Antilia, Palermo. - catalogo - Luglio 2014: Prova ed Errore collettiva d arte contemporanea, Museo Civico Castelbuono, Palermo. Maggio 2014: Rumor Idoli collettiva d arte contemporanea, Real Fonderia, Palermo. - catalogo - Gennaio 2014: collettiva di fotografia contemporanea, Galleria Incantations, Genova. Novembre 2013: Nuda, arti e cultura contro la violenza sulle donne Real fonderia della Cala, Palermo. - catalogo - Ottobre 2013: personale d arte contemporanea Reperti presso Arteficinterni, Roma. Settembre 2013: colletiva d arte contemporanea Dolci Note Trappeto, Palermo.

32 Luglio 2013: personale d arte contemporanea Reperti presso l ex Quartiere Spagnolo, Erice (TP). Gennaio 2013: collettiva di fotografia Sguardo personale Spazio Comune presso la Mondadori Palermo. Agosto 2012: Presentazione video, Prima edizione Arterìa Festival - Premio Silvia Carrubba, Erice, (Tp). Giugno 2012: esposizione d arte contemporanea Identity presso il More, Palermo. Marzo 2012: collettiva fotografica C è crisi organizzata dall associazione culturale Fuori orario, presso la Corte delle stelle, Cefalù (Pa). Dicembre 2011: ideazione e cura della seconda edizione di OTTOCELLE spazi d arte, presso l ex Collegio dei Gesuiti, Alcamo (Tp). Agosto 2011: personale d arte contemporanea IDENTITA di scarto presso il centro accoglienza di Ustica, (Pa). Maggio 2011: collettiva d arte contemporanea Volontariato, cittadinanza e arte contro l omofobia, presso Centro Congressi Marconi, Alcamo (Tp). Novembre 2010: direzione organizzativa ed esposizione nella collettiva di fotografia FAITH, patrocinato dal comune presso l ex Collegio dei Gesuiti, Alcamo. Ottobre 2010: collettiva d arte contemporanea Paliemmu, presso l accademia di lingua e cultura italiana Comemai?, Madrid. Ottobre 2010: Ideazione, esposizione e cura dell evento OTTOCELLE spazi d arte, patrocinato dal Comune presso l ex Collegio dei Gesuiti, Alcamo (Tp). Maggio 2010: personale d arte contemporanea IDENTITA di scarto presso VUEDU Factory, Palermo. Aprile 2010: collettiva d arte VideoClub Sicilia 2010 Nuddu si pigghia si nun si rassumigghia mestieri, arti e dintorni. Atrio Facoltà di Giurisprudenza di Palermo. Novembre 2009: collettiva d arte contemporanea Violente Visioni Confidenziali in relazione al convegno contro la violenza alle donne, organizzato dall ARS e l associazione le Pleiadi, presso il Collegio dei Gesuiti, Alcamo (TP). Agosto 2009: collettiva d Arte contemporanea dell evento Ermetica presso Villa Belvedere, Monreale, Palermo.

33 Luglio 2009: collettiva d Arte contemporanea dell evento Nature presso Villa Belvedere, Monreale, Palermo. Giugno 2009: collettiva d Arte contemporanea dell evento Art and Architecture enjoyable presso l agriturismo villa oliva, Bagheria, Palermo. Ottobre 2008: collettiva PEE City prodotta da Festival dei linguaggi della città, Facoltà di lettere e filosofia, Università di Palermo catalogo - Aprile 2008: collettiva Siamo solo noi, a cura di Emilia Valenza, Alcamo (Tp) catalogo - Agosto 2007: collettiva Scadenze, Comune di Termini, Assessorato dei Beni Culturali e Ambientali, Termini Imerese (PA) catalogo - Luglio 2007: collettiva Quota 411 sul livello del mare, La Bettola del Novelli, Monreale (PA) Maggio 2006: collettiva Arte e introspezione, a cura di Laura Bica Palermo, Biotos Cultura Spazio B Quadro, Palermo Maggio 2004: collettiva Dissociati dalla nascita alle Associazioni semplici, ZSA*ZSA Art Factory, Palermo Gennaio 2004: collettiva Collegamenti Neutri, Villa Oliva, Santa Flavia (PA) Dicembre 2003: collettiva Genio Ribelle, Cinema Marconi, Alcamo (TP Gennaio 2003: collettiva Mundi, Cinema Marconi, Alcamo, (TP)

34 Altre esperienze: Dicembre 2010: insegna linguaggio fotografico per il corso base di fotografia presso la sede del Centro Studi Ideazione Alcamo, Trapani. Giugno 2010: ha partecipato al workshop organizzato dal fotografo iraniano Reza Deghati tenutosi a Castel di Tusa all Atelier sul Mare realizzato per il progetto Il museo dell immagine di Librino (CT). Giugno 2010: consegna del premio Identità di scarto a Vladimir Luxuria per il Pride Sicilia Novembre 2008: ha partecipato al Workshop di arti visive a cura di Olivo Barbieri con annessa realizzazione del catalogo a cura di Emilia Valenza Di Sopra/Di Sotto. Dicembre 2007: direzione organizzativo della mostra I anima del castello a cura di Emilia Valenza, con la partecipazione artistica di Marzia Migliora, Bruna Esposito, Enzo De Leonibus, Gea Casolaro, Joachim Seinfeld e Cristoph Fikenscher. Novembre 2006: Addetta alla digitalizzazione e catalogazione del materiale fotosensibile antico. Durante il corso di Catalogazione e Digitalizzazione ha partecipato allo stage presso I Fratelli Alinari di Firenze e al Fotomuseo Raccolte Fotografiche Modenesi Giuseppe Panini di Modena. Press INSIDE ART Anno 7 #67 luglio-agosto 2010 pp. 55 CORRIERE DELL ARTE Anno XVI n.26 Luglio 2010 pp.9 GIORNALE DI SICILIA LA REPUBBLICA CENTRO STUDI IDEAZIONE

35 skype: gae_milazzo tel_

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

OGGETTO Proposta Spettacoli

OGGETTO Proposta Spettacoli O n a r t s d i Soc.Coop.Artemente Via Ronchi 12, Ca tania Fax 095.2935784 Mobile 320 0752460 www.onarts.net - info@onarts.net OGGETTO Proposta Spettacoli Con la presente siamo lieti di presentarvi le

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Archivio Opera Piero Piero Manzoni. Merda d'artista

Archivio Opera Piero Piero Manzoni. Merda d'artista Archivio Opera Piero Piero Manzoni Consumazione dell'arte dinamica del pubblico divorare l'arte Basi Magiche - Sculture viventi Stefano Cappelli La Il corpo magico dell'artista Il 12 agosto 1961, in occasione

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

" Regolamento LE VOSTRE FOTO A RACCOLTA!

 Regolamento LE VOSTRE FOTO A RACCOLTA! ALL OUR YESTERDAYS Scene di vita in Europa attraverso gli occhi dei primi fotografi (1839-1939) 11 aprile - 2 giugno 2014 Pisa, Museo della Grafica, Palazzo Lanfranchi LE VOSTRE FOTO A RACCOLTA! Ognuno

Dettagli