PALERMO. DOCUMENTO FINALE della classe V Sezione C Indirizzo AFM A.s. 2014/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PALERMO. DOCUMENTO FINALE della classe V Sezione C Indirizzo AFM A.s. 2014/2015"

Transcript

1 PALERMO DOCUMENTO FINALE della classe V Sezione C Indirizzo AFM A.s. 2014/2015 Redatto dal Consiglio di classe ai sensi dell'art. 5, comma 2, del D.P.R. del 23 luglio 98 n. 323 Palermo, 14 maggio 2015 Il Coordinatore Prof.ssa Anna Maria Dolcemascolo Il Dirigente Scolastico Dott.ssa Claudia Corselli

2 SOMMARIO PROFILO DELLA SCUOLA... 3 CONTESTO SOCIALE, CULTURALE, ECONOMICO DEL TERRITORIO... 3 FINALITÀ GENERALI DEL P.O.F. E OBIETTIVI SPECIFICI... 3 PROFILO IN USCITA...4 PROFILO DELLA CLASSE... 5 ELENCO DOCENTI - ELENCO ALUNNI...6 INIZIATIVE COMPLEMENTARI/INTEGRATIVE...7 OBIETTIVI TRASVERSALI RAGGIUNTI DALLA CLASSE...7 CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA DISCIPLINARI... 8 ITALIANO... 8 STORIA... 9 INGLESE FRANCESE MATEMATICA ECONOMIA AZIENDALE DIRITTO SCIENZA DELLE FINANZE RELIGIONE EDUCAZIONE FISICA. 20 VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI...21 SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA...22 ELENCO ALLEGATI...23 Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 2

3 PROFILO DELLA SCUOLA Inserito nel cuore del quartiere Resuttana-San Lorenzo, il plesso dell ex Istituto Libero Grassi è sito in viale del Fante ed è raggiungibile facilmente sia da via Resuttana, imboccando via villa Rosato, sia dallo stesso viale del Fante, percorrendolo in direzione di Pallavicino: la traversa in cui si trova la scuola è attigua al Teatro di Verdura. Il plesso è fornito di due palestre coperte, di una sala video, di tre aule di informatica dotate di attrezzature multimediali e capaci di sessantaquattro posti per gli alunni, di un'aula multimediale, di un aula lingue con collegamento con antenna parabolica, di laboratori di scienze, fisica, chimica. Tutti coloro che vi operano, i collaboratori di plesso, i docenti, il personale non docente, interagiscono per consentire ad ogni alunno di poter fruire in modo positivo del diritto allo studio e per garantire un tipo di insegnamento individualizzato e personalizzato. Contesto sociale, culturale, economico del territorio L istituto gravita su una zona urbana complessivamente di recente espansione, in un area comunque periferica rispetto al centro città, e accoglie quindi un utenza proveniente dalla periferia di Palermo (Tommaso Natale, San Lorenzo, Partanna, Sferracavallo, Mondello, Zen) e da alcuni paesi limitrofi (Isola delle Femmine, Capaci, Torretta, Carini). In queste aree il tessuto economico è prevalentemente rappresentato da artigiani, commercianti, piccoli imprenditori, impiegati, la cui formazione culturale risulta complessivamente medio-bassa. Finalità generali del P.O.F. e obiettivi specifici Il P.O.F. nasce da una interazione costante tra la componente Collegio, i singoli Consigli di classe e tutte le commissioni operanti all'interno dell'istituto. La finalità del progetto è di garantire il diritto allo studio e quindi alla formazione a tutti gli alunni che si iscrivono nel nostro istituto, e potenzialmente a tutti i giovani in età scolare dell area in cui la scuola gravita. Tale diritto non può prescindere dalle reali capacità degli stessi alunni, e a queste ci si deve rivolgere per valorizzarle. Punto focale del progetto è pertanto l arricchimento della persona e il potenziamento delle sue capacità ed abilità. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 3

4 Obiettivi del P.O.F sono: Ridurre il fenomeno della dispersione; Innalzare il tasso di successo scolastico (particolare attenzione verrà data agli alunni del primo anno la cui iscrizione è strettamente legata alla legge sull innalzamento dell obbligo scolastico); Fornire agli alunni strumenti didattici adeguati da utilizzare in itinere per evitare l accumularsi di gravi lacune; Orientare gli alunni a fare scelte consapevoli dopo avere conseguito il diploma; Per l elaborazione di attività culturali è stata formata una commissione i cui compiti sono i seguenti: Individuare percorsi coerenti attraverso la realizzazione di appositi progetti; Realizzare un integrazione tra attività didattiche curriculari ed extracurriculari; Servire da integrazione e da supporto alle attività contro la dispersione scolastica; Permettere agli alunni più seri e motivati di raggiungere livelli di eccellenza; Realizzare un apertura ed un integrazione tra la scuola e le altre realtà culturali presenti sul territorio. Profilo in uscita Il perito economico aziendale possiede un'adeguata cultura generale unitamente ad efficaci capacità linguistico-espressive e logico-interpretative ed ha conoscenze ampie e sistematiche dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo, contabile. Egli sa utilizzare metodi, strumenti e tecniche contabili per una rilevazione dei fenomeni aziendali; si avvale delle tecnologie informatiche per organizzare funzionalmente il proprio lavoro; sa leggere, redigere e interpretare i più significativi documenti aziendali; elabora dati e li rappresenta in modo efficace per favorire i diversi processi decisionali, coglie gli aspetti organizzativi delle varie funzioni aziendali per adeguarvisi, controllarli o suggerire modifiche; è in grado di documentare adeguatamente il proprio lavoro, analizza le situazioni e le rappresenta con modelli funzionali ai problemi da risolvere, affronta le differenti situazioni problematiche con approccio sistemico e con strumenti di analisi sia quantitativa sia qualitativa; sa comunicare utilizzando appropriati linguaggi tecnici; sa effettuare scelte e prendere decisioni ricercando e assumendo le informazioni necessarie; sa partecipare al lavoro organizzativo individuale o di gruppo. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 4

5 Profilo della classe 1 La classe è formata da tredici alunni, provenienti tutti dalla IV A fatta eccezione per tre alunni ripetenti. Parte degli alunni proviene dai paesi limitrofi e quindi sottoposti ai disagi del pendolarismo. L ambiente socio-economico e culturale di provenienza degli alunni della classe è quello legato al mondo del lavoro dipendente e al commercio. Gli studenti hanno beneficiato della stabilità di quasi tutti i docenti e il gruppo classe ha subito negli anni variazioni ed integrazioni. Sin dall inizio dell anno è stato curato il metodo di studio degli allievi per prepararli ad affrontare l Esame di Stato; la frequenza quasi regolare di buona parte degli studenti, ha permesso di consolidare e potenziare i risultati precedentemente acquisiti, mentre permane solo in pochi casi qualche carenza relativa ad alcune discipline. A tal proposito è utile puntualizzare che durante il lungo periodo dell occupazione, gli alunni hanno dimostrato serietà e responsabilità, dissociandosi e continuando attivamente a seguire le attività proposte dai docenti e cercando nel contempo di recuperare eventuali carenze iniziali. Per ciò che concerne l iter di apprendimento, è da evidenziare che la maggior parte degli studenti si è applicata regolarmente allo studio e solo alcuni hanno mostrato un impegno discontinuo nel cercare di migliorare i livelli di partenza. Gli studenti hanno raggiunto sufficientemente gli obiettivi programmati dal C.d.C. e solo alcuni hanno conseguito una preparazione pienamente soddisfacente in tutte le discipline. Il Consiglio ha messo in atto, oltre alle attività di sostegno metodologico e didattico promosse dalla scuola e degli approfondimenti extracurriculari, anche strategie didattiche, curriculari e non curriculari, compatibili con i tempi e le risorse a disposizione. Tutti i docenti si sono sempre dimostrati disponibili a una reciproca collaborazione, funzionale alle esigenze didattiche e formative della classe per ciò che riguarda obiettivi, contenuti, tempi, metodologie e strumenti di valutazione. 1 Per armonizzare le lettere delle sezioni tra la sede centrale (Duca Abbruzzi) e il plesso distaccato (Libero Grassi) è stata attuata una modifica delle lettere delle sezioni, il corso A è stato rinominato in C. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 5

6 Elenco Docenti: Docenti Materia Continuità Anni Costanzo Ivan Religione 1 Dolcemascolo Anna Maria Italiano e Storia 5 Pupillo Alessandra Lingua Inglese 1 Grasso Anna Maria Lingua Francese 3 Gallea Sandro Matematica Applicata 4 Tomasino Rosa Economia Aziendale 3 Dell Aquila Anna Maria Diritto e Scienza delle Finanze 3 Lo Faro Donatella Educazione Fisica 5 Elenco Alunni che hanno frequentato la classe V C Alunni Agnello Ivana Barcellona Emanuele Cipriano Maria Concetta Cracolici Federica Di Maggio Paola Di Maio Francesca Flaccomio Felice Andrea Genovese Dario Giordano Michele Giovino Simona Pipitone Maria Concetta Sparacio Martina Torregrossa Giuseppe Zarcone Giulia Provenienza IV A V A IV A IV A IV A IV A IV A IV A IV A V A IV A IV A V A IV A Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 6

7 INIZIATIVE COMPLEMENTARI / INTEGRATIVE Cineforum e spettacoli teatrali; Dibattiti su temi di attualità e produzione di documenti sulla crisi economicafinanziaria italiana ed europea; Orientamento Universitario Viaggio di istruzione destinazione Praga. OBIETTIVI TRASVERSALI RAGGIUNTI DALLA CLASSE Obiettivi cognitivi: Acquisizione di un personale stile di apprendimento; Acquisizione di un produttivo metodo di studio; Saper pianificare l attività di studio; Saper costruire schemi e mappe concettuali; Esprimersi in modo chiaro, corretto e puntuale; Saper applicare principi e regole; Saper collegare argomenti della stessa disciplina e di discipline diverse; Saper reperire fonti di informazioni ed utilizzare documenti; Saper decodificare immagini grafici e tabelle. Obiettivi comportamentali Socializzazione e partecipazione all interno del gruppo classe. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 7

8 CONSUNTIVO DELLE ATTIVITÀ DISCIPLINARI Italiano Docente: Prof.ssa Anna Maria Dolcemascolo; Libro di testo adottato: Guido Baldi, Silvia Giusto, Mario Razetti, Giuseppe Zaccaria Il Piacere dei testi - Paravia, volumi 5, 6. Obiettivi conseguiti: 1) Analizzare e contestualizzare i testi letterari; 2) riconoscere i caratteri e gli elementi di testi letterari e non letterari; 3) saper interpretare testi letterari e non letterari; 4) sapersi esprimere in forma corretta e lineare; 5) produrre testi di vario tipo. Contenuti: La cultura del positivismo nella seconda metà dell ottocento Nuove risposte poetiche ad una nuova interpretazione della realtà La crisi dell io e dell identità nei primi anni del novecento Il male di vivere e l alienazione dell uomo moderno. Metodi di insegnamento: immediato accostamento al testo letterario (lettura, analisi, interpretazione e contestualizzazione) al fine di pervenire ad una visione complessiva dell autore e del periodo. Mezzi e strumenti di lavoro: libri di testo, letture critiche, microsaggi, fotocopie. Strumenti di verifica: interrogazioni orali, prove strutturate e semistrutturate. Elaborati scritti:analisi del testo, saggio breve/articolo di opinione, temi di attualità e storia. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 8

9 Storia Docente: Prof.ssa Anna Maria Dolcemascolo Libro di testo adottato: Franco Bertini: Alla ricerca del presente vol 3 Dal novecento a oggi. - Editrice Mursia Obiettivi conseguiti: 1) sapersi orientare attraverso le conoscenze acquisite; 2) saper adoperare termini e concetti in relazione al contesto; 3) saper instaurare corretti e opportuni nessi causa-effetto; 4) saper inquadrare, comparare, periodizzare i fatti storici; 5) saper riconoscere intrecci politici, sociali, culturali e religiosi. Contenuti: contesto socio-politico del primo novecento - la grande guerra il crollo delle istituzioni liberali i totalitarismi - la seconda guerra mondiale il secondo dopoguerra - la guerra fredda - la decolonizzazione la fine del millennio (cenni). Metodi di insegnamento: metodo storico (formulazione di domande, nodi problematici, sviluppo delle dinamiche interne e delle interrelazioni contestuali). Mezzi e strumenti di lavoro: libri di testo, letture critiche e di approfondimento, lucidi e fotocopie. Strumenti di verifica: interrogazioni orali, prove strutturate e semi strutturate. Elaborati scritti: analisi del testo storico, saggio breve e/o articolo di opinione riguardante l ambito storico politico. Tema di storia. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 9

10 Inglese Docente : Prof.ssa Alessandra Pupillo Libro di testo adottato: Flavia Bentini, In Business, (Ed. Pack), Pearson Longman Obiettivi mediamente conseguiti in termini di competenze: Lettura e traduzione di testi scritti prevalentemente di carattere economico e commerciale; Utilizzare strategie di interazione e nell esposizione orale in relazione agli elementi di contesto; Strutturare la produzione scritta in modo coerente e lineare; Rielaborazione dei contenuti appresi. Apprendere ed utilizzare la microlingua commerciale e della civiltà, inserendola in un contesto interculturale mirante a formare la conoscenza della civiltà dei paesi anglofoni e delle istituzioni politiche e socio-economiche più influenti per lo sviluppo del mondo contemporaneo. Capacità: linguistico-espressive: utilizzare il lessico di settore economico-commerciale, compresa la nomenclatura internazionale codificata; logico-interpretative: contrastare differenti visioni della realtà e riconoscere, altresì, la dimensione culturale della lingua ai fini della comunicazione interculturale. Conoscenza dei contenuti fondamentali accettabile, analisi e sintesi guidate; Esposizione e argomentazione con lessico specifico semplice su argomenti di studio con qualche imprecisione rispetto alla competenza espressiva; potenziamento dell elaborazione scritta guidata. Gli obiettivi non conseguiti riguardano il pieno raggiungimento del Livello B2 del Quadro europeo per l apprendimento della lingua inglese. La classe ha, nel complesso, ottenuto in media un livello di preparazione accettabile, ad eccezione di qualche studente che ha raggiunto stentatamente la sufficienza per lacune pregresse e per uno studio poco costante o, altresì, per una superficiale e poco attiva partecipazione alle attività didattiche. Contenuti BUSINESS ORGANISATION (p. 17 ss.): The organisation of business; The structure of a company; Partnerships and companies; The growth of business; Franchising; Multinationals INTERNATIONAL TRADE (p. 31 ss.): A complete business transaction; Balance of payments and Balance of trade; Trading blocs; Documents in international trade; VAT; Organisations promoting international trade; World Trade Organisation, International Monetary Fund BANKING (p. 61 ss.): The main types of bank accounts; The statement of account; Accessible banking; Banking for businesses; E-Banking; Ethical banking and investment FINANCE (p. 79 ss.) The financial system and its products: shares and bonds; The Stock Exchange ; Emerging economies MARKETING AND ADVERTISING (p.91 ss.): Marketing, The marketing mix: product, place, price and promotion; Online Marketing and E-marketing; The power of advertising THE EUROPEAN UNION (p. 352 ss.): The organisation of the EU; EU main institutions; decision-making in the EU; the Euro currency. Materiale aggiuntivo in fotocopia e articoli da stampa in lingua inglese: Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 10

11 India; China: economic transformation from 20 th to the 21th century ; Shangai, a global city ; Business press (How to read headlines); Walk into Franchising with eyes open ; The main sources of statistical and economic information ; The Financial system and its products ; Future contracts (finance) ; European issues, the EYE project; European Union Aims. Metodi di insegnamento lezione frontale, discussione su argomenti, Lettura e traduzione; Problem solving, ricerche sul web, simulazioni. Per il raggiungimento degli obiettivi individuati si è fatto riferimento ad un approccio di tipo comunicativo, finalizzato a sviluppare concreta competenza comunicativa. Nella scelta di trattazione dei testi e degli argomenti si è tenuto conto della componente classe, si sono sollecitate le motivazioni e quindi il coinvolgimento degli alunni, facendo leva sulle loro esperienze personali e sui possibili agganci con la realtà, in modo da coinvolgerli attivamente nello svolgimento della lezione. Mezzi e strumenti di lavoro: libro di testo, appunti e materiali in fotocopia forniti dal docente, test, questionari, articoli dalla stampa internazionale. Criteri di valutazione (come da indicazioni nel P.O.F. e griglia del Dipartimento di lingue). Ai fini della valutazione si è tenuto conto dei seguenti criteri: situazione di partenza e progressi compiuti; acquisizione dei contenuti disciplinari; abilità linguistico-espressive; capacità di analisi e di sintesi; verifiche scritte (test strutturato/semi-strutturato, quesiti a risposta aperta o chiusa, questionari, scelta multipla, vero/falso, simulazioni Terza prova (tipologia 2: tre quesiti su un testo di 80 parole circa) e orali (colloqui, esposizione di un argomento di studio, confronti); attenzione, partecipazione e impegno nel corso dell a.s. Criteri di sufficienza adottati: Gli studenti hanno ottenuto una valutazione sufficiente quando hanno dimostrato di avere delle conoscenze di base, adoperato un lessico semplice e si sono espressi in modo coerente, individuando i concetti chiave minimi e le relazioni fondamentali, applicando le conoscenze agli ambiti specifici, anche se in modo sommario, ed esprimendo giudizi motivandoli, seppur in modo superficiale e poco approfondito. Strumenti di verifica: test oggettivi (brani con questionario e/o domande a scelta multipla) e soggettivi (questionario con risposte aperte), interventi, lettura e comprensione; Esercitazioni: exam practice with a reference text. Strategie di recupero utilizzate: il recupero è stato di tipo curriculare. In particolare ha riguardato lo svolgimento della maggior parte delle attività in classe al fine di rinforzare e consolidare quanto acquisito sotto il diretto controllo del docente e per migliorare il metodo di studio e la loro autonomia; ritorno sui contenuti già trattati; controllo compiti assegnati e correzione in classe; correzione prove di verifica con analisi degli errori; uso della 2^ lingua. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 11

12 Francese Docente: Prof. Anna Maria Grasso Libro di testo: F. Ponzi, Carnet Culture, Lang ed. Obiettivi Didattici Raggiunti Si possono considerare raggiunti gli obiettivi fissati all inizio dell anno scolastico. La maggior parte degli studenti ha raggiunto un sufficiente livello di preparazione sia per quanto riguarda l acquisizione dei contenuti che per l uso della lingua straniera. Obiettivi Comunicativi Proposti Europe Reconnaître l Union Européenne par ses symboles Illustrer les étapes de la formation de UE Repérer les principaux objectifs de l UE Institutions Françaises Lire et analyser les textes officiels sur la Vème République Acquérir des connaissances sur l organisation politique en France Utiliser les registres de langue adaptés au sujet traité Entreprises Formuler un texte expositif/informatif à partir d un document écrit / vidéo sur différentes entreprises Lire un article d actualité sur des entreprises françaises ( L Oréal, Carrefour, Renault ) Présenter les secteurs industriels français Connaître l organisation d une entreprise (la gestion des ressources humaines, les conditions de travail) Mezzi e strumenti di lavoro: libri di testo, documenti originali, fotocopie, computer Metodi di insegnamento: lezione frontale, discussione su argomenti, ricerche sul web. Strumenti di verifica: interrogazioni orali, prove strutturate e semi-strutturate. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 12

13 Matematica Docente: Prof. Sandro Gallea Libro di testo adottato: Trovato M. Moduli di matematica generale e applicata IGEA, Tomo H Funzioni a due variabili, problemi di scelta, Tomo G Statistica descrittiva. Casa Editrice Ghisetti e Corvi Obiettivi conseguiti: gli alunni sanno effettuare lo studio di semplici funzioni a due variabili, libere e vincolate, risolvere problemi di P.L. a due variabili utilizzando la rappresentazione grafica, problemi di scelta in condizioni di certezza con effetto immediato e differito, sanno calcolare le medie e gli indici di variabilità di una distribuzione di dati semplice e ponderata, calcolare la funzione interpolante lineare con il metodo dei minimi quadrati e il relativo errore standard. Contenuti: Studio di funzioni a due variabili libere, vincolate e in un dominio chiuso Programmazione Lineare, problemi di scelta, elementi di statistica descrittiva (vedi in dettaglio il programma allegato). Metodi d insegnamento: lezione frontale, problem solving, lavori di gruppo, esercitazioni collegamenti con le altre discipline. Mezzi e strumenti di lavoro: libro di testo, appunti, piattaforma di e-learning Strumenti di verifica: verifiche scritte ed orali, le prime precedute da verifiche formative, ed esercitazioni svolte in classe. Verifica e valutazione: Le verifiche, intese ad accertare il livello di apprendimento e a valorizzare le potenzialità dei discenti, nonché indicative di eventuali interventi di recupero, di chiarimento e di approfondimento degli argomenti trattati, sono state sia orali con interventi alla lavagna che scritte con lo svolgimento di test a risposta chiusa o aperta. problemi. Prove semistrutturate e pratiche. Interrogazioni orali. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 13

14 Economia Aziendale Docente: Prof.ssa Rosa Tomasino Libro di testo adottato: Telepass autori: Boni Ghigini Robecchi - Trivellato Economia aziendale per la classe V ed. Mondadori Obiettivi conseguiti: Quasi tutti gli allievi hanno colto gli aspetti essenziali delle tematiche e nelle linee generali possiedono le competenze fondamentali di base. L uso del codice linguistico-specifico risulta accettabile. Nello specifico gli alunni conoscono gli aspetti strutturali, gestionali e contabili delle imprese industriali. Sanno usare gli strumenti per la tenuta della CoGe e si orientano nella stesura del bilancio civilistico anche partendo da dati a scelta. Nella redazione del bilancio sanno individuare le divergenze tra valutazioni civilistiche e valutazioni fiscali. Conoscono la CoAn e la sua finalità e sanno redigere semplici Budgets approfondendoli con il sistema di reporting. Sanno riclassificare il bilancio ed effettuarne analisi economica- patrimoniale e finanziaria attraverso indici e flussi. Hanno acquisito nozioni generali sulle principali operazioni di finanziamento a titolo di capitale di rischio e di debito, conoscono gli aspetti essenziali della responsabilità sociale e ambientale d impresa e infine si orientano negli aspetti essenziali del marketing formulandone semplici piani. Contenuti:: Le imprese industriali, la contabilità e il bilancio, il reddito civilistico e fiscale, la contabilità analitica gestionale, il sistema di programmazione e controllo delle imprese industriali, le analisi di bilancio, il rapporto con le banche e le principali operazioni di finanziamento a titolo di capitale di rischio e di debito. Metodo d insegnamento: esposizione frontale della lezione e richiami propedeutici, lezione dialogata,analisi di casi concreti, metodo del problem solving, lavori di gruppo e approfondimenti autonomi guidati dal docente. Mezzi e strumenti di lavoro: Libro di testo- codice civile- codice fiscale, approfondimenti tratti da fonti come internet e giornali specializzati. Strumenti di verifica: verifiche scritte, interventi dal posto, risoluzione di casi, interrogazioni frontali e circolari con tutta la classe. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 14

15 Diritto pubblico Docente prof. Anna Maria Dell'Aquila Libro di testo adottato: G. Zagrebelsky, G. Oberto; G. Stalla, C. Trucco Diritto per il quinto anno Ed. Le Monnier Scuola Obiettivi conseguiti: Gli alunni individuano il concetto di Stato, i suoi elementi costitutivi; analizzano ed interpretano la storia dell'ordinamento costituzionale italiano dall'unificazione d'italia, dall adozione dello Statuto albertino con le sue caratteristiche, dall analisi dello stato liberale, delle sue caratteristiche e della sua crisi, dal passaggio allo stato totalitario, alla crisi del fascismo, al referendum del 1946 e alla costituzione dell Assemblea costituente sino a giungere all emanazione della Costituzione del Gli alunni individuano l'importanza per uno stato di diritto e democratico, dell'esistenza di una legge fondamentale quale la Costituzione; individuano le caratteristiche delle costituzioni, la struttura interna e colgono la valenza essenziale dei principi fondamentali; valutano l'importanza del ruolo dei partiti politici come filtri tra la società civile e lo Stato; distinguono i più importanti sistemi elettorali consci che le elezioni rappresentino il momento più importante di esercizio della sovranità popolare; individuano la composizione ed il funzionamento degli organi costituzionali dello Stato; comprendono il concetto di autonomia e decentramento; individuano i principi costituzionali e legislativi che regolano le Regioni e gli Enti locali minori; riconoscono l evoluzione dell idea regionalista e le principali innovazioni risultanti dalla riforma del Titolo V della costituzione; conoscono gli elementi costitutivi dell organizzazione amministrativa delle Regioni e degli Enti locali minori; individuano i principi costituzionali e legislativi che regolano la Pubblica Amministrazione Contenuti: lo Stato ed i suoi elementi costitutivi; le vicende costituzionali dello stato italiano dallo statuto albertino alla Costituzione del 1948; Il passaggio dal periodo liberale al regime fascista, la caduta del fascismo, la proclamazione della Repubblica; l Assemblea costituente, il compromesso e le ragioni del suo successo; la Costituzione italiana; i principi fondamentali su cui basa; definizione di forme di stato e di governo; le forme di partecipazione democratica; i partiti politici; i sistemi elettorali; gli organi costituzionali dello Stato quali Parlamento, Governo, Presidente della Repubblica, Magistratura, Corte costituzionale; gli Enti locali e la loro organizzazione; i principi della Pubblica amministrazione Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 15

16 Metodi d'insegnamento: lezione frontale interattiva; lettura e interpretazione degli articoli della Costituzione; lavori di gruppo; utilizzazione di mappe concettuali; lettura di quotidiani; Mezzi e strumenti di lavoro: libro di testo; Costituzione; mappe concettuali; giornali. Strumenti di verifica: verifiche orali; prove pluridisciplinari. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 16

17 Scienze delle finanze Docente: Prof. Anna Maria Dell'Aquila Libro di testo adottato: F. Poma, "Finanza pubblica", Ed. Principato Obiettivi conseguiti: gli alunni individuano la teoria generale della finanza pubblica; l evoluzione storica della finanza pubblica; descrive l evoluzione storica della parafiscalità, individua il finanziamento della sicurezza sociale e dei suoi effetti sullo sviluppo economico e sulla distribuzione del reddito nonché il ruolo dei principali enti che operano nel campo della sicurezza sociale in Italia; individuano la politica della spesa e dell entrata; analizzano i caratteri fondamentali dell impresa pubblica con particolare riguardo al suo ruolo nelle economie contemporanee; classificano le imprese pubbliche con riferimento alle tendenze evolutive in atto; classificano l imposta e i principi che la riguardano; individuano l importanza della giustizia sociale ai fini di una più equa ripartizione dell onere delle imposte; rilevano gli effetti dell imposizione fiscale sull intero sistema economico; individuano i motivi che rendono il bilancio dello Stato un efficace strumento di politica economica; descrivono l'evoluzione e la struttura del sistema tributario italiano Contenuti: la finanza pubblica: obiettivi, tendenze ed evoluzione storica; la finanza della sicurezza sociale; l evoluzione storica della parafiscalità, il suo finanziamento e gli Enti previdenziali italiani; le spese e le entrate dello Stato; la teoria dell imposta in generale: classificazioni, principi costituzionali, giuridici ed amministrativi; la ripartizione dell'onere delle imposte; gli effetti economici delle imposte; la politica del bilancio; il sistema italiano di bilancio; cenni sull'ordinamento tributario italiano. Metodi di insegnamento: lezione frontale interattiva, lavori di gruppo; uso di mappe concettuali; lettura di quotidiani Mezzi e strumenti di lavoro: libro di testo; mappe concettuali; giornali Strumenti di verifica: verifiche orali, prove pluridisciplinari Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 17

18 Religione Docente: Prof. Ivan Costanzo Libro di testo adottato: Confronti 2.0, Ed: Il Capitello Obiettivi Didattici Lo sfondo delle problematiche affrontate è stato costituito dall etica. In particolare ci si è posti l obiettivo di: sviluppare la riflessione sul fatto religioso; acquisire sull etica fondamento cattolico un informazione oggettiva e sufficientemente esauriente; ricercare gli strumenti per educare ad una lettura della realtà storico-culturale in cui si vive; formulare un giudizio critico su fatti e scelte dell uomo. Obiettivi Formativi L obiettivo formativo perseguito è stato quello di far maturare negli alunni la costante ricerca del dialogo e del confronto interpersonale, anche dialettico, nel rispetto di tutte le posizioni; quindi, di affinare la competenza di comunicare le proprie convinzioni e di porsi in ascolto di quelle degli altri in un clima di corretta collaborazione. Metodologia Si è dato spazio alla discussione guidata, volendo stimolare l interesse e la partecipazione partendo dal vissuto degli studenti. Si è cercato anche di approfondire l analisi di temi che riguardavano l agire etico, per facilitare la riflessione sui valori che rendono autenticamente umana la vita. Infine, in qualche caso ci si è confrontati con esempi di vita quotidiana come pedana di approfondimento e come stimolo o avvio della discussione. Verifiche e Valutazione Dal dialogo in classe è emerso il livello di interesse e partecipazione dei singoli studenti, assieme alla competenza di rielaborazione personale dei contenuti. La valutazione ha tenuto conto dei seguenti elementi: 1. Partecipazione; 2. Interesse; 3. Capacità di confrontarsi con i valori religiosi; 4. Comprensione e uso dei linguaggi specifici; 5. Capacità di rielaborazione personale. I criteri seguiti per emettere il giudizio finale hanno tenuto conto delle griglie di valutazione previste dall'insegnamento IRC presso le scuole superiori Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 18

19 Competenze Raggiunte In generale sono stati raggiunti gli obiettivi prefissati. A livello di conoscenze: acquisizione dei contenuti essenziali dell etica cattolica e delle sue espressioni più significative; a livello di competenze e di capacità: individuazione del senso delle cose e degli avvenimenti, prendendo in esame il fatto religioso nella propria realtà; maturazione e costruzione della propria identità nel relazionare con gli altri; uso delle fonti; confronto ed esposizione critica delle proprie idee. Contenuti principali: - i fondamenti dell etica cristiana; la coscienza; la legge; il relativismo o l esistenza di valori assoluti; il rapporto tra la Chiesa e la società sui temi etici; brevi riferimenti alla Bioetica. - Libertà e condizionamenti: essere liberi nell attuale contesto sociale; la libertà e l educazione; la libertà religiosa; essere liberi di aderire ad una religione; la scelta di fede come opzione libera; libertà e responsabilità. - la guerra e la sacralità della vita umana; - il problema della povertà e delle disuguaglianze sociali. - Sessualità e corporeità - Omosessualità - Aborto - La vita come impegno sociale; la lotta per l affermazione della giustizia; il perdono come atto di coraggio rivoluzionario; tolleranza ed intolleranza: dall analisi della situazione sociale alla prospettiva di vie di integrazione. - La prospettiva del futuro: il lavoro come contributo al bene della società e mezzo di r Contenuti: Questioni antropologiche: la persona essere di relazione; la questione morale; l amore e questioni di etica sessuale; ricerca di senso ed apertura alla trascendenza; impegno sociale per un umanità più fraterna. Metodi di insegnamento: Lezione frontale e attività di tipo seminariale con utilizzo di audiovisivi. Mezzi e strumenti di lavoro: Libri di testo, letture critiche, Bibbia, microsaggi. Strumenti di verifica: Interrogazioni orali e brevi elaborati scritti. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 19

20 Educazione Fisica Docente: Prof.ssa Lo Faro Donatella Libro di testo adottato: Praticamente Sport, fotocopie e appunti Obiettivi conseguiti : Acquisizione di condotte adeguate a problemi di salute. Sviluppo e capacità coordinative e condizionali: conoscenze di elementi tecnici e delle regole dei giochi di squadra. Autocontrollo, rispetto reciproco e collaborazione. Lo sport come abitudine di vita. Contenuti: Pallavolo, pallacanestro, calcetto. Il gioco : regole ed elementi tecnici fondamentali. Esercizi ai piccoli e ai grandi attrezzi. Traumatologia e Pronto Soccorso. Metodi di insegnamento : Induttivo, Deduttivo e lavori di gruppo. Mezzi e strumenti di lavoro : Attrezzature sportive della palestra. Attrezzi codificati e non. Strumenti di verifica: Esercizi di verifica e osservazioni sistematiche per la valutazione delle abilità motorie conseguite. Documento del Consiglio della classe 5 a C Pagina 20

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli