FONDAPARINUX ( )

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDAPARINUX ( )"

Transcript

1 FONDAPARINUX ( ) Specialità: Arixtra (Glaxosmithkline) Forma farmaceutica: 10 siringhe 2,5 mg/0,5 ml - Prezzo: euro siringhe 5 mg / 0,4 ml - Prezzo: euro siringhe 7,5 mg / 0,6 ml - Prezzo: euro siringhe 10 mg / 0,8 ml - Prezzo: euro 207 ATC: B01AX05 Categoria terapeutica: altri antitrombotici Fascia di rimborsabilità: A Indicazioni ministeriali: Formulazioni da 5mg, 7,5 mg e 10 mg: Trattamento della trombosi venosa profonda (TVP) e dell embolia polmonare (EP) acuta eccetto in pazienti emodinamicamente instabili o che richiedono trombolisi o embolectomia polmonare (nuova indicazione). Formulazione da 2,5 mg: Prevenzione di Episodi Tromboembolici Venosi (TEV) in pazienti sottoposti a chirurgia ortopedica maggiore degli arti inferiori quali frattura dell anca, chirurgia maggiore del ginocchio o chirurgia sostitutiva dell anca (indicazione già valutata dalla CTR). Prevenzione degli Episodi Tromboembolici Venosi (TEV) in pazienti sottoposti a chirurgia addominale considerati ad alto rischio di complicazioni tromboemboliche, quali pazienti sottoposti a chirurgia addominale per patologie tumorali (indicazione già valutata dalla CTR). Prevenzione degli Episodi Tromboembolici Venosi (TEV) in pazienti di pertinenza medica considerati ad alto rischio di TEV e che sono immobilizzati a causa di una patologia acuta quale insufficienza cardiaca e/o disturbi respiratori acuti e/o infezioni o patologie infiammatorie acute (indicazione già valutata dalla CTR). Decisioni PTORV Data riunione: Decisione: Inserito con Nota Nota Ufficiale: Nota: inserito per il trattamento dell embolia polmonare e in equivalenza ad enoxaparina nella profilassi delle trombosi venose profonde in pazienti non chirurgici. Modifica note: Fondaparinux: la nuova nota restrittiva è la seguente: Su richiesta motivata per singolo paziente limitatamente a: - Trattamento dell angina instabile o dell infarto del miocardio senza sopra-slivellamento del tratto ST (UA/NSTEMI) in pazienti nei quali un approccio invasivo urgente (PCI) (<120 minuti) non è indicato. - Trattamento dell infarto del miocardio associato a sopra-slivellamento del tratto ST (STEMI) in pazienti che sono in terapia con trombolitici o che, inizialmente, non sono deputati a ricevere altre forme di terapia di riperfusione. - Trattamento embolia polmonare acuta eccetto in pazienti emodinamicamente instabili o che richiedono trombolisi o embolectomia polmonare. - Profilassi TVP in chirurgia ortopedica maggiore limitatamente agli interventi di frattura d anca (o di femore), chirurgia sostitutiva (protesi) d anca e protesi del ginocchio. Commenti: Decisione Fondaparinux è un inibitore selettivo del fattore X attivato (Xa) che, legandosi selettivamente all antitrombina III (AT III), potenzia di circa 300 volte l innata attività di neutralizzazione del Xa da parte di AT III; in questo modo blocca la cascata della coagulazione plasmatica e inibisce la formazione di trombina e conseguentemente del trombo. Il principio attivo è già stato valutato dalla Commissione Terapeutica Regionale nella riunione del per le seguenti indicazioni: prevenzione degli episodi tromboembolici venosi in chirurgia ortopedica e addominale ad alto rischio di complicazioni tromboemboliche e per la profilassi in medicina in

2 pazienti considerati ad alto rischio di TEV e che sono immobilizzati a causa di una patologia acuta. Il fondaparinux non era stato inserito per alcuna indicazione. Rispetto alla precedente valutazione, ci sono stati degli aggiornamenti relativi all utilizzo di fondaparinux: tali aggiornamenti riguardano nuove indicazioni terapeutiche del principio attivo, nuova classificazione (da fascia H a fascia A) e nuovo prezzo della specialità medicinale Arixtra. Fondaparinux è stato, infatti, registrato anche per il trattamento della trombosi venosa profonda (TVP) e dell embolia polmonare (EP) acuta eccetto in pazienti emodinamicamente instabili o che richiedono trombolisi o embolectomia polmonare. Le evidenze a sostegno delle due nuove indicazioni provengono, dagli studi MATISSE DVT e MATISSE EP, due studi randomizzati condotti, rispettivamente, il primo in doppio cieco su 2205 pazienti con trombosi venosa profonda sintomatica acuta e il secondo in aperto su 2213 pazienti affetti da embolia polmonare sintomatica acuta per confrontare l'efficacia e la sicurezza di fondaparinux somministrato per via sottocutanea una volta al giorno verso enoxaparina due volte al giorno (MATISSE DVT) o eparina non frazionata ((MATISSE EP) e dimostrare la non inferiorità del fondaparinux in termini di efficacia. Come end-point primario di efficacia è stato considerata l'incidenza a tre mesi di recidive di eventi tromboembolici. Entrambi gli studi hanno dimostrato la non inferiorità di fondaparinux rispetto al comparator. Per quanto riguarda il confronto delle indicazioni terapeutiche, il trattamento dell embolia polmonare è chiaramente esplicitato in scheda tecnica di fondaparinux, reviparina presenta l indicazione trattamento del tromboembolismo venoso mentre enoxaparina e bemiparina presentano l indicazione trattamento della TVP in presenza o assenza di embolia polmonare. Relativamente all utilizzo come prevenzione degli episodi tromboembolici venosi in chirurgia ortopedica e addominale, non sono emerse ulteriori evidenze rispetto alla riunione precedente. L impiego di fondaparinux è fortemente raccomandato dalle linee guida ACCP, soprattutto nella frattura di femore ed è associato a vantaggi anche per la riduzione di esecuzione d emocromi nelle settimane successive all'intervento e con rischio quasi nullo di HIT. Vi è inoltre una metanalisi i cui risultati porterebbero a considerare fondaparinux superiore ad enoxaparina nell intervento per frattura di femore, di protesi d anca e nella chirurgia ortopedica maggiore nel suo complesso. Tutti questi aspetti e le relative referenze bibliografiche erano, tuttavia, già stati oggetto di valutazione da parte della Commissione nelle sedute precedenti. Viene segnalato che secondo il NICE fondaparinux non ha dimostrato superiorità nella profilassi in chirurgia ortopedica rispetto alle EBPM e che gli studi considerati nella metanalisi sopra citata sono stati condotti complessivamente su 7344 pazienti ma solo 5385 (73,3%) sono stati inclusi nella analisi di efficacia. La Commissione ribadisce, pertanto, di non inserire in PTORV fondaparinux per tale indicazione. Relativamente all uso in profilassi di eventi tromboembolici in medicina in pazienti anziani considerati a rischio l efficacia e la sicurezza di fondaparinux sono state valutate in uno studio randomizzato, in doppio cieco controllato con placebo: l incidenza di eventi tromboembolici venosi (end-point primario) nei 644 pazienti considerati valutabili è stata del 5.6% nel gruppo fondaparinux e del 10.5% nel gruppo placebo (p=0.029). In conclusione, alla luce delle evidenze disponibili, la Commissione stabilisce di inserire fondaparinux in PTORV per il trattamento dell embolia polmonare e in equivalenza ad enoxaparina nella profilassi delle trombosi venose profonde in pazienti non chirurgici. Alla scadenza delle gare regionali potrà essere rivalutata la possibilità di inserire fondaparinux in equivalenza alle altre EBPM per il trattamento della TVP e per la profilassi della TVP in chirurgia. Il medicinale è inserito nell allegato 2 alla determinazione 29 ottobre 2004 PHT Prontuario della Distribuzione Diretta, pubblicata nel supplemento ordinario alla G.U. n. 259 del 04 Novembre 2004 Analisi della letteratura Fondaparinux è un analogo sintetico dell eparina già valutato dalla Commissione Terapeutica Regionale nella riunione del per la prevenzione degli episodi tromboembolici venosi in pazienti sottoposti a chirurgia ortopedica maggiore degli arti inferiori, per la prevenzione degli episodi tromboembolici venosi in pazienti sottoposti a chirurgia addominale considerati ad alto rischio di complicazioni tromboemboliche per la profilassi in medicina in pazienti considerati ad alto rischio di TEV e che sono immobilizzati a causa di una patologia acuta quale insufficienza cardiaca e/o disturbi respiratori acuti e/o infezioni o patologie infiammatorie acute. Rispetto alla precedente valutazione operata dalla Commissione Terapeutica Regionale nella riunione del , di recente ci sono stati degli aggiornamenti relativamente all utilizzo di fondaparinux. Tali aggiornamenti riguardano le nuove indicazioni terapeutiche del principio attivo, la nuova classificazione (da fascia H a fascia A) e il nuovo prezzo della specialità medicinale Arixtra. In particolare, il principio attivo è stato, recentemente, registrato anche per il trattamento della trombosi venosa profonda (TVP) e dell embolia polmonare (EP) acuta eccetto in pazienti emodinamicamente instabili o che richiedono trombolisi o embolectomia polmonare [1].

3 Fondaparinux è un inibitore sintetico e selettivo del fattore X attivato (Xa). Legandosi selettivamente all antitrombina III (AT III), fondaparinux potenzia di circa 300 volte la neutralizzazione naturale del fattore Xa tramite AT III; la neutralizzazione del fattore Xa interrompere la cascata della coagulazione ematica e inibisce sia la formazione di trombina che lo sviluppo del trombo [3].Il fondaparinux non inattiva direttamente la trombina e non reagisce in modo crociato con il siero di pazienti con trombocitemia indotta da eparina. Per quanto riguarda le caratteristiche farmacocinetiche, fondaparinux presenta il 100% di biodisponibilità dopo somministrazione sottocutanea [3]. Il picco di concentrazione si raggiunge 2 ore dopo la somministrazione. Il farmaco ha un emivita di ore e viene escreto prevalentemente a livello renale; nei pazienti con insufficienza renale la clearance plasmatica è prolungata più bassa rispetto ai pazienti con funzione renale normale. Efficacia clinica Prevenzione TEV in pazienti sottoposti a chirurgia ortopedica. L efficacia di fondaparinux per questa indicazione è stata valutata mediante quattro studi clinici randomizzati, tutti controllati verso enoxaparina, in doppio cieco. Due studi, che prevedevano randomizzazione preoperatoria, hanno confrontato 2.5 mg di fondaparinux sc/die iniziato 6-8 ore dopo l intervento chirurgico vs enoxaparina 40 mg/die iniziata 12 ore prima dell intervento (la successiva somministrazione ore dopo l intervento), regime di somministrazione autorizzato nei Paesi Europei (4,5). Gli altri due studi, con randomizzazione postoperatoria, hanno invece confrontato lo stesso regime di trattamento di fondaparinux vs enoxaparina 30 mg/bid somministrato ore dopo l intervento (regime di somministrazione autorizzato nel Nord America) (6,7). I pazienti sono stati trattati per 5-9 giorni. In tutti gli studi l outcome primario di efficacia è stato il parametro composito tromboembolia venosa (definita come trombosi venosa profonda, embolia polmonare o entrambe) valutato tra il giorno 5 e 11 dopo l intervento. Parametri di efficacia secondaria erano: trombosi venosa profonda totale, prossimale, distale, tromboembolia venosa sintomatica all 11 giorno e al 49 giorno. La TVP era rilevata mediante venografia bilaterale ascendente delle gambe effettuata tra il giorno 5 ed il giorno 11. I pazienti coinvolti erano sottoposti a chirurgia ortopedica maggiore: interventi per frattura dell anca (4), di sostituzione dell anca (5,7), chirurgia maggiore del ginocchio di elezione (6). I risultati dello studio con randomizzazione preoperatoria (schema di trattamento europeo) nell intervento per chirurgia dell anca, hanno mostrato una riduzione dell incidenza della tromboembolia venosa statisticamente significativa (p<0.001) con fondaparinux (8.3%) rispetto a enoxaparina (19.1%) (4). Anche la riduzione dell incidenza di TVP totale, prossimale e distale è stata significativamente a favore di fondaparinux. Non si sono evidenziate, invece, differenze in termini di tromboembolia venosa sintomatica, TVP sintomatica, embolia polmonare fatale e non fatale. L incidenza di tromboembolia venosa sintomatica è risultata simile anche al 49 giorno. I due studi, uno con randomizzazione preoperatoria e uno postoperatoria, che hanno valutato l efficacia del farmaco nella prevenzione del tromboembolia venosa nell intervento di sostituzione dell anca, hanno presentato risultati discordanti. Lo studio con randomizzazione preoperatoria (schema di trattamento europeo) per enoxaparina, ha mostrato una riduzione statisticamente significativa (p<0.0001) nel parametro di efficacia primario (5). Anche il numero di TVP totali, prossimali o distali è risultato significativamente minore per fondaparinux; non così la tromboembolia venosa sintomatica (sia all 11 che al 49 giorno) e l embolia polmonare non fatale (nessuna caso di embolia polmonare fatale nei 2 gruppi). Lo studio con randomizzazione postoperatoria (schema di trattamento americano), non ha invece presentato differenze nel parametro di efficacia primario (7). Anche la TVP prossimale è risultata comparabile nei due gruppi. Un numero minore di episodi di tromboembolia venosa sintomatica sono stati registrati per enoxaparina (n=1, 0.1%) rispetto a fondaparinux (n=10, 1%) (p=0.0062). Cinque episodi di embolia polmonare non fatale a 11 giorni si sono presentati con fondaparinux (0.4%), nessuno con enoxaparina. Un episodio di embolia polmonare fatale si è verificato con enoxaparina, nessuno con fondaparinux. Il quarto studio ha valutato l efficacia di fondaparinux nella prevenzione della tromboembolia venosa dopo chirurgia maggiore elettiva del ginocchio rispetto a enoxaparina con schema di trattamento americano (6). Un incidenza significativamente più bassa del parametro di efficacia primario è risultata con fondaparinux rispetto a enoxaparina. Anche l incidenza di TVP totale e distale è risultata significativamente inferiore con fondaparinux; non ci sono state differenze, invece, riguardo all incidenza di TVP prossimale, tromboembolia venosa sintomatica, TVP sintomatica, embolia polmonare fatale e non fatale. Profilassi di eventi tromboembolici in medicina in pazienti anziani considerati a rischio Uno studio [3,8] randomizzato, in doppio cieco ha valutato l efficacia e la sicurezza di fondaparinux vs placebo nella profilassi di eventi tromboembolici in 849 pazienti anziani (età > 60 anni) ospedalizzati, allettati per almeno 4 giorni. I pazienti sono stati randomizzati a ricevere 2.5 mg/die di fondaparinux oppure placebo per 14 giorni. End-point primario era costituito da un parametro composito tromboembolismo venoso (definito da episodi di TVP asintomatica o sintomatica o embolismo polmonare entro i 15 giorni dall inizio del

4 trattamento). Sono stati valutati anche l incidenza di sanguinamenti maggiori e di morte per un periodo di follow up complessivo di 1 mese. L incidenza di eventi tromboembolici venosi nei 644 pazienti considerati valutabili è stata del 5.6% nel gruppo fondaparinux e del 10.5% nel gruppo placebo (p=0.029). Va segnalato che l end-point primario non comprendeva la mortalità per ogni causa come raccomandato dalle linee guida per la conduzione di clinical trial per la profilassi di eventi tromboembolici del CHMP. L incidenza di TVP sintomatica è stata minore nel gruppo fondaparinux ma la differenza non è risultata statisticamente significativa. Gli episodi di embolismo polmonare nel periodo complessivo di follow up sono stati complessivamente 11 nel gruppo placebo (7 ad esito fatale) e 4 nel gruppo fondaparinux (3 ad esito fatale). Terapia EP Le evidenze a sostegno di questa indicazione provengono dallo studio MATISSE EP [8]. Questo studio randomizzato in aperto, è stato condotto su 2213 pazienti affetti da embolia polmonare sintomatica acuta per confrontare l efficacia e la sicurezza di fondaparinux verso eparina non frazionata e dimostrare la non inferiorità del fondaparinux in termini di efficacia. I pazienti hanno ricevuto fondaparinux (n=1103) per via sottocutanea una volta al giorno (somministrato al dosaggio di 5.0 mg nei soggetti con peso corporeo inferiore a 50 Kg, 7.5 mg nei pazienti con peso tra 50 e 100 Kg e 10 mg nei pazienti con peso superiore a 100 Kg) oppure eparina non frazionata (n=1110) in infusione endovenosa continua (rapporto fra tempo di tromboplastina parziale attivato e valore di controllo: da 1,5 a 2,5). Entrambi i trattamenti sono stati proseguiti per almeno cinque giorni e finché con la somministrazione di antagonisti della vitamina K si è riusciti a raggiungere un rapporto normalizzato internazionale superiore a 2.0 per due giorni consecutivi. Come end-point primario di efficacia è stato considerata l incidenza a tre mesi dell end-point composito costituito da recidiva di embolia polmonare sintomatica (fatale o non fatale) e di trombosi venosa profonda, nuova o recidivante. End-point principali di sicurezza erano la frequenza di sanguinamenti maggiori nel periodo iniziale di trattamento e il tasso di mortalità nei tre mesi di studio. Relativamente all end-point primario di efficacia il follow-up non è stato completato per 6 pazienti trattati con fondaparinux e per 7 pazienti trattati con eparina non frazionata. In questo studio, 42 pazienti trattati con fondaparinux (3,8%) hanno presentato recidive tromboemboliche, rispetto a 56 pazienti trattati con eparina non frazionata (5,0%), con una differenza assoluta di -1,2% a favore del fondaparinux (95% IC:-3,0-0,5). È importante, infine, segnalare che nel gruppo del fondaparinux, 158 pazienti (14,5%) hanno ricevuto il farmaco ambulatorialmente per un certo periodo. Tollerabilità Per quanto riguarda la tollerabilità, il parametro di sicurezza primario scelto in tutti gli studi è stato l incidenza di sanguinamento maggiore (definito come sanguinamento fatale, sanguinamento retroperitoneale, intracranico, intraspinale o che aveva coinvolto altri organi critici, sanguinamento che aveva portato al reintervento, sanguinamento evidente con indice 2) ed il tasso di mortalità. Outcome di sicurezza secondari erano l incidenza di altre tipologie di sanguinamento, di trombocitopenia, la necessità di trasfusioni e ogni altro evento avverso. Sanguinamenti maggiori e mortalità Nei due studi di valutazione dell efficacia e della tollerabilità di fondaparinux nel trattamento della trombosi venosa profonda e dell embolia polmonare, fondaparinux ha presentato un profilo di sicurezza simile a quello di enoxaparina e dell eparina non frazionata in quanto l incidenza di sanguinamenti maggiori nel braccio fondaparinux è stata di 1,1% (vs 1,2% nel braccio enoxaparina) nello studio della TVP e 1,3% (vs 1,1% nel braccio eparina non frazionata) nello studio della EP. Nello studio MATISSE TVP il tasso di mortalità a tre mesi è risultato simile nei due gruppi: nel gruppo fondaparinux le cause principali di morte sono state embolia polmonare (14 pazienti vs 15 nel gruppo trattato con eparina), emorragie (3 pazienti vs 1 del gruppo trattato con eparina), tumori (28 pazienti vs 22 nel gruppo trattato con eparina) e cause di altro tipo (12 pazienti vs 10 nel gruppo trattato con eparina). Nello studio MATISSE EP il tasso di mortalità a tre mesi è risultato 3,8 nel gruppo fondaparinux e 3,0% nel controllo: le cause principali di morte sono state embolia polmonare (5 pazienti in entrambi i gruppi), emorragie (5 pazienti nel gruppo fondaparinux), tumori (24 pazienti nel gruppo fondaparinux vs 19 nel gruppo enoxaparina) e cause di altro tipo (7 pazienti nel gruppo fondaparinux vs 9 nel gruppo enoxaparina). Negli studi condotti in pazienti sottoposti a chirurgia dell anca [6,7,9] non sono state riscontrate differenze statisticamente significative nella frequenza di emorragie maggiori e nel tasso di mortalità fra i due gruppi di trattamento. Nello studio condotto in pazienti sottoposti a chirurgia del ginocchio [8] la frequenza di sanguinamenti maggiori (inclusi sanguinamento evidente con indice 2) è stata

5 significativamente superiore nel braccio trattato con fondaparinux rispetto al controllo (p=0.006) ma non ci sono state differenze statisticamente significative nell incidenza di emorragie che hanno portato a morte o reintervento o verificatesi in un organo critico. Nei pazienti sottoposti a chirurgia addominale non sono stati osservati eventi emorragici maggiori statisticamente significativi tra i due gruppi (3,4% nel gruppo fondaparinux vs 2,4% nel gruppo dalteparina, p=0,122) [13]. Nello studio clinico condotto nel paziente di pertinenza medica, la frequenza di sanguinamenti maggiori è risultata simile nei due bracci di trattamento (0,2% in entrambi i bracci) [14]. Alla fine del periodo di follow up, il tasso di mortalità è stato di 3,3% nel braccio fondaparinux vs 6,0% nel braccio trattato con placebo. Trombocitopenia indotta da eparina (HIT) La Trombocitopenia Indotta da Eparina di tipo 2 è una complicanza protrombotica potenzialmente grave del trattamento con eparina, che si verifica in seguito al legame dell eparina alla superficie piastrinica, per cui vengono prodotti anticorpi della serie IgG diretti verso epitopi neoformantisi sul PF4 (platelet factor 4). La frequenza della HIT è ampiamente variabile a seconda del tipo di eparina utilizzata e, quindi, della immunogenicità (eparina non frazionata (ENF) bovina > ENF porcina > eparina a basso peso molecolare (EBPM)). In particolare, nella profilassi della TVP in chirurgia ortopedica e nel trattamento del tromboembolismo venoso è stata osservata nel 3-5% dei pazienti trattati con ENF e in percentuale minore ( 1%) nei pazienti trattati con EBPM. Uno studio [16] pubblicato nel 2005 ha analizzato i risultati dei due studi PENTAMAKS e PENTATHLON sopra descritti [8,9] condotti su un totale di 2726 pazienti, valutando anche la cross-reattività in vitro degli anticorpi IgG generatisi contro il PF4 in presenza di eparina non frazionata, eparine a basso peso molecolare, danaparoid o fondaparinux. Questo studio ha mostrato che anticorpi anti-pf4/eparina si sono formati con una frequenza paragonabile nei pazienti trattati con fondaparinux o enoxaparina ma, sebbene nei test in vitro gli anticorpi abbiano reagito sia con eparina non frazionata che con eparine a basso peso molecolare, non hanno cross-reagito con fondaparinux e conclude, pertanto, che il rischio di HIT con fondaparinux sembra essere molto basso. Nessun paziente ha sviluppato trombocitemia da eparina. In generale, negli studi clinici condotti con fondaparinux non sono stati riportati eventi di HIT, a supporto dei risultati degli studi in vitro in cui non è stata osservata alcuna reazione crociata con anticorpi antieparina. Il CPMP, sebbene il rischio di trombocitopenia di origine immunoallogenica (heparin-induced thrombocytopenia - HIT tipo II) indotta da fondaparinux possa essere considerato basso (dato che l esperienza clinica non ha evidenziato casi documentati di trombocitopenia e che il farmaco non interagisce con l aggregazione piastrinica), ha comunque raccomandato un attento monitoraggio dei casi di trombocitopenia fintanto che un ulteriore esperienza sia stata acquisita in merito. Si segnala, infine, che sono riportate in letteratura alcune esperienze relative all utilizzo di fondaparinux per la profilassi e il trattamento del TEV in pazienti con precedente storia di HIT [17]. Alla luce dei dati disponibili, Fondaparinux potrebbe essere considerato farmaco di scelta nel trattamento/profilassi di tutti quei pazienti a rischio di trombocitopenia indotta da eparine, anche se tale indicazione non è specificata in scheda tecnica. Costi In seguito alla recente riclassificazione, il prezzo della siringa da 2.5 mg è stato significativamente ridotto rispetto al precedente. Il costo attuale della terapia con Fondaparinux per la prevenzione della trombosi venosa profonda in un paziente sottoposto a chirurgia ortopedica è, infatti, di 10,26-17,11 (rispetto ai calcolati utilizzando i prezzi in vigore nel Maggio 2006) e risulta essere, quindi, in linea con quello di altre eparine a basso peso molecolare utilizzate per la medesima indicazione, ad eccezione di nadroparina, il cui costo è notevolmente diminuito in seguito alle gare regionali. Enoxaparina è stata aggiudicata per l indicazione cardiologica e il prezzo di aggiudicazione è il medesimo per la profilassi in medicina. I costi sono stati calcolati considerando mediamente un trattamento della durata di 5-10 giorni ma va, comunque, segnalato che generalmente la terapia viene prolungata di 3-4 settimane, con un conseguente incremento dei costi. Bibliografia 1. Gazzetta ufficiale n. 41 del (accesso del ) 3. Riassunto delle caratteristiche del prodotto Arixtra.

6 4. Eriksson BI, et al. N Engl J Med 2001, 345 (18): Lassen MR, et al. Lancet 2002, 359: Bauer KA, et al. N Engl J Med 2001, 345 (18): Turpie AG, et al. Lancet 2002, 359: Agnelli G, et al. Br J Surg 2005; 92: Matisse Investigators. N Engl J Med 2003; 349: Buller H, et al. Ann Intern Med 2004; 140: Eriksson BI, et al. N Engl J Med 2001, 345: Lassen MR, et al. Lancet 2002, 359: Bauer KA, et al. N Engl J Med 2001, 345: Turpie AG, et al. Lancet 2002, 359: (accesso del ). 16. Geerts WH, et al. Prevention of Venous Thromboembolism: The Seventh ACCP Conference on Antithrombotic and Thrombolytic Therapy (accesso del ). 17. Eriksson BI, et al. Arch Intern Med 2003; 163: Cohen AT, et al. BMJ 2006; 332: Das P, et al. Am Heart Journal 2006; 52: Warkentin T. et al. Blood; 2005;106: Efird LE, et al. Ann Pharmacother. 2006;40: Trattamento TVP per un paziente di Kg Costo PUBBLICO ALL OSPEDALE Fondaparinux 7,5 mg x 5 10 giorni.* 103,50-207,00 19,00 38,00 Costo di altri farmaci PUBBLICO ALL OSPEDALE Bemiparina 115 UI/kg x die per 5 9 giorni. (5 9 sir da 7500 UI) Dalteparina 200 UI/kg di peso x die x 5 giorni. (5 sir da e UI) Enoxaparina Nadroparina Parnaparina 100 U.I./kg/2 die x 10 giorni. (20 sir da 6000 e 8000 UI) 92,7 UI/kg/2 die x 10 giorni. (20 sir da 5700 e 7600 UI) 6400 UI/2 die x 7 10 giorni) (14-20 sir da 6400 UI) Reviparina 175 UI/kg/2 die per 5 10 giorni. (10 20 sir da 6300 UI) 40,40-72,71 18,36 33,05 72,14-86,58 32,79-38,35 161,90-183,80 73,58-83,54 115,58-131,20 52,53-59,63 76,86-109,80 34,94-49,91 99,38-198,76 45,17-90,34 *La durata media del trattamento negli studi clinici è stata di 7 giorni Di regola occorre iniziare immediatamente un trattamento concomitante per via orale con antagonisti della vitamina K. Il trattamento combinato va di norma proseguito per almeno 5 giorni. Trattamento dell embolia polmonare per un paziente di Kg Costo PUBBLICO ALL OSPEDALE

7 Fondaparinux 7,5 mg x 5 10 giorni. * (5-10 sir da 7500 UI) 103,50-207,00 19,00 38,00 Costo di altri farmaci PUBBLICO ALL OSPEDALE Bemiparina 115 UI/kg x die per 5 9 giorni. 40,40-72,71 18,36 33,05 (5 9 sir da 7500 UI) Enoxaparina 100 U.I./kg/2 die x 10 giorni. 161,90-183,80 73,58-83,54 (20 sir da 6000 e 8000 UI) Reviparina 175 UI/kg/2 die per 5 10 giorni. 99,38-198,76 45,17-90,34 (10 20 sir da 6300 UI) * La durata media del trattamento negli studi clinici è stata di 7 giorni. profonda. Utilizzabili esclusivamente in presenza di trombosi venosa Indicazione riportata in scheda tecnica al paragrafo 4.2. Prevenzione TVP in chirurgia ortopedica (pz di circa 70 kg): Fondaparinux 2.5 mg dopo l intervento mg per 5-9 giorni PUBBLICO ALL OSPEDALE 40,47-67,45 10,26-17,11 Bemiparina 3500 U U x 7-10 giorni Dalteparina 2500 U X 2 die U X 5-7 giorni Enoxaparina 4000 U U x 7-10 giorni Nadroparina 3800 U x 2 die U x 3 giorni U x 7 giorni Parnaparina 4250 U x 2 die U x 10 giorni Reviparina 4200 U U x 10 giorni 30,17-41,48 13,71-18,85 33,55-44,52 15,25-20,24 50,55-69,50 22,97-31,59 62,27 28,30 49,52 22,51 74,94 34,06 Prezzi da gara estratti da Banca dati Integra Prezzi da Listino ditte Aprile 2007

8 Data di redazione: aprile 2007

DETERMINAZIONE 25 maggio Regime di rimborsabilità e prezzo di vendita del medicinale per uso umano «Arixtra».

DETERMINAZIONE 25 maggio Regime di rimborsabilità e prezzo di vendita del medicinale per uso umano «Arixtra». Supplemento ordinario n. 94 alla GZZETT UFFICILE Serie generale - n. 139 DETERMINZIONE 25 maggio 2009. Regime di rimborsabilità e prezzo di vendita del medicinale per uso umano «rixtra». Regime di rimborsabilità

Dettagli

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA)

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Dublin 12 Luglio 2017 NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Arixtra (fondaparinux sodico) siringhe pre-riempite - carenza di fornitura a seguito di sospensione

Dettagli

Terapia del tromboembolismo venoso: il ruolo di dabigatran

Terapia del tromboembolismo venoso: il ruolo di dabigatran APPROFONDIMENTI, 17 luglio 2015 Terapia del tromboembolismo venoso: il ruolo di dabigatran A cura di Raffaella Benedetti e Davide Imberti SOMMARIO Il trattamento del tromboembolismo venoso (TEV) sino a

Dettagli

Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 2330/2008)

Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 2330/2008) Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 2330/2008) Documento relativo a: FONDAPARINUX Giugno 2009 Assessorato Politiche per la salute Commissione Regionale del Farmaco Fondaparinux Azioni del farmaco e indicazioni

Dettagli

PROFILASSI ANTITROMBOTICA IN CHIRURGIA GENERALE

PROFILASSI ANTITROMBOTICA IN CHIRURGIA GENERALE CHIRURGIA GENERALE MAGGIORE (tutti gli interventi di durata > 30 minuti o di chirurgia addominale) TIPO DI PATOLOGIA TIPO DI CHIRURGIA MIRE (tutti gli interventi di durata < 30 minuti, esclusa la chirurgia

Dettagli

CHIRURGIA TRAUMATOLOGICA E PROTESICA DEL PAZIENTE ANZIANO

CHIRURGIA TRAUMATOLOGICA E PROTESICA DEL PAZIENTE ANZIANO IL RISCHIO TROMBOEMBOLICO NELLA CHIRURGIA TRAUMATOLOGICA E PROTESICA DEL PAZIENTE ANZIANO D. Clementi Bollate 16.05.2009 PREMESSA Perché la profilassi antitrombotica in chirurgia? La chirurgia maggiore

Dettagli

I protocolli di prevenzione e trattamento delle TVP. Walter Ageno Dipartimento di Medicina Clinica Università degli Studi dell Insubria Varese

I protocolli di prevenzione e trattamento delle TVP. Walter Ageno Dipartimento di Medicina Clinica Università degli Studi dell Insubria Varese I protocolli di prevenzione e trattamento delle TVP Walter Ageno Dipartimento di Medicina Clinica Università degli Studi dell Insubria Varese Rischio di TVP in assenza di profilassi in diversi gruppi di

Dettagli

Linee guida nell uso delle eparine a basso PM LMWH (low molecular weight heparin)

Linee guida nell uso delle eparine a basso PM LMWH (low molecular weight heparin) Linee guida nell uso delle eparine a basso PM LMWH (low molecular weight heparin) In commercio: Clexane (Enoxaparina) Fragmin (Deltaparina) Fraxiparina, Seleparina, Seledie (Nadroparina) Clivarina (Reviparina)

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI DABIGATRAN B01AE07 (Pradaxa ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Olbia-Tempio In data Dicembre 2009 Per le seguenti motivazioni: Per la prevenzione del

Dettagli

Il trattamento della trombosi venosa profonda

Il trattamento della trombosi venosa profonda Il trattamento della trombosi venosa profonda Fiumicino, 19 dicembre 2015 www.cos.it/mediter Trombosi Venosa Profonda (DVT) [NOACs Anticoagulant therapy for venous thromboembolism] Glossario DVT (Deep

Dettagli

La profilassi antitrombotica nel trattamento del paziente varicoso

La profilassi antitrombotica nel trattamento del paziente varicoso Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli U.D.S. di Chirurgia Vascolare Responsabile: F Prestipino La profilassi antitrombotica nel trattamento del paziente varicoso A Pinto, Auditorium Angelicum 19 maggio

Dettagli

APPROPRIATEZZA TERAPEUTICA, FARMACOECONOMIA E DISPENSAZIONE DEGLI ANTICOAGULANTI: IL PARERE DEL FARMACISTA TERRITORIALE

APPROPRIATEZZA TERAPEUTICA, FARMACOECONOMIA E DISPENSAZIONE DEGLI ANTICOAGULANTI: IL PARERE DEL FARMACISTA TERRITORIALE APPROPRIATEZZA TERAPEUTICA, FARMACOECONOMIA E DISPENSAZIONE DEGLI ANTICOAGULANTI: IL PARERE DEL FARMACISTA TERRITORIALE Margherita Andretta Farmacista Az. ULSS 20 Verona Spesa per farmaci indicati nella

Dettagli

Maria Antonietta Lepore Indagini sperimentali sui nuovi anticoagulanti orali. Meccanismo di azione e interazioni farmacologiche

Maria Antonietta Lepore Indagini sperimentali sui nuovi anticoagulanti orali. Meccanismo di azione e interazioni farmacologiche A06 Maria Antonietta Lepore Indagini sperimentali sui nuovi anticoagulanti orali Meccanismo di azione e interazioni farmacologiche Copyright MMXV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI INTERNISTICI

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI INTERNISTICI Pag 1 di 10 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

Eparine a basso peso molecolare (Ebpm)

Eparine a basso peso molecolare (Ebpm) OSSERVATORIO PER IL BUON USO DEL FARMACO 3 Indicazioni per l uso appropriato delle Eparine a basso peso molecolare (Ebpm) Le EBPM e il Fondaparinux sono stati approvati inizialmente per la prevenzione

Dettagli

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69 -ALLEGATO 1 Eparine a Basso Peso Molecolare: prodotti in distribuzione e prodotti sostituiti. PROFILASSI TVP IN CHIRURGIA: dosi equipotenti da scheda tecnica Dalteparina PRODOTTO FORNITO SOLO QUANDO NON

Dettagli

PP.DS.07 AUTORIZZAZIONI REDATTO VERIFICATO APPROVATO. PP.DS.07 Rev. 2 : 22/11/2011 Pag. 1/9. USL 3 PISTOIA Zona di Pistoia P.O.

PP.DS.07 AUTORIZZAZIONI REDATTO VERIFICATO APPROVATO. PP.DS.07 Rev. 2 : 22/11/2011 Pag. 1/9. USL 3 PISTOIA Zona di Pistoia P.O. Pag. 1/9 REV DATA AUTORIZZAZIONI REDATTO VERIFICATO APPROVATO 2 22/11/2011 Referente Gruppo di Lavoro sulla Coagulazione Referente Sistema Qualità Direttore Pag. 2/9 INDICE 1. Oggetto... 3 2. Scopo...

Dettagli

TromboEmbolismo Venoso

TromboEmbolismo Venoso TromboEmbolismo Venoso Fattori di Rischio Emilio Santoro UOC Medicina Casentino TEV: FATTORI DI RISCHIO Il rischio individuale di tromboembolia venosa varia in misura rilevante ed è il risultato dell

Dettagli

La prevenzione della trombosi venosa profonda. Andreas Kunze

La prevenzione della trombosi venosa profonda. Andreas Kunze La prevenzione della trombosi venosa profonda Andreas Kunze 25.000 persone in Inghilterra muoiono ogni anno per embolia polmonare, superando quelle morte per causa di incidente stradale, AIDS e tumore

Dettagli

DABIGATRAN IL NOSTRO GIUDIZIO

DABIGATRAN IL NOSTRO GIUDIZIO DABIGATRAN Indicazioni del nuovo principio attivo Prevenzione primaria di episodi tromboembolici in pazienti adulti sottoposti a chirurgia sostitutiva elettiva totale dell anca o del ginocchio. Inibitori

Dettagli

TVP ACUTA. per almeno 5 giorni

TVP ACUTA. per almeno 5 giorni TROMBOSI VENOSA PROFONDA: TERAPIA Piercarla SCHINCO SSCVD Mal. Trombotiche/Emorragiche Osp. Molinette Torino TVP ACUTA PRINCIPI di TERAPIA 1. La necessità di scoagulare il paziente con TVP è dimostrata

Dettagli

STEMI: cosa c è di nuovo? Anticoagulanti. Giovanni Gnecco

STEMI: cosa c è di nuovo? Anticoagulanti. Giovanni Gnecco STEMI: cosa c è di nuovo? Anticoagulanti Giovanni Gnecco STEMI e anticoagulazione La PCI è il trattamento di scelta nello STEMI L anticoagulazione è la pietra d angolo della PCI Gli eventi ischemici avversi

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE. Arixtra 1,5 mg/0,3 ml soluzione iniettabile, siringa preriempita. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA. Ogni siringa

Dettagli

FOLLOW UP DELL EMBOLIA POLMONARE DOPO LA DIMISSIONE

FOLLOW UP DELL EMBOLIA POLMONARE DOPO LA DIMISSIONE Focus sull EMBOLIA POLMONARE SEMINARIO INTERDIPARTIMENTALE FOLLOW UP DELL EMBOLIA POLMONARE DOPO LA DIMISSIONE dott. UOC Medicina Ospedali Riuniti della Val di Chiana senese Abate Auditorium Nottola 30

Dettagli

Efficacia e sicurezza dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nella profilassi e nel trattamento del tromboembolismo venoso

Efficacia e sicurezza dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nella profilassi e nel trattamento del tromboembolismo venoso Reviews in Health Care 2010; 1(1): 7-26 Dr u g s Narrative review Efficacia e sicurezza dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nella profilassi e nel trattamento del tromboembolismo venoso Efficacy and

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Arixtra 1,5 mg/0,3 ml soluzione iniettabile, siringa preriempita. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni

Dettagli

Documento PTR n. 119 relativo a:

Documento PTR n. 119 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 119 relativo a: MEDICINALI ORIGINATOR E BIOSIMILARI DELL ERITROPOIETINA

Dettagli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli I NUOVI FARMACI ANTICOAGULANTI Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli Verbania NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI FIBRILLAZIONE

Dettagli

Scheda di dosaggio. Pfizer PFE Switzerland GmbH Schärenmoosstrasse 99 Casella postale 8052 Zürich

Scheda di dosaggio. Pfizer PFE Switzerland GmbH Schärenmoosstrasse 99 Casella postale 8052 Zürich Riferimenti: 1. Fragmin (Dalteparina sodica). Nuove informazioni specialistiche: www.swissmedicinfo.ch. 2. Rasmussen MS et al. Prolonged prophylaxis with dalteparin to prevent late thromboembolic complications

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEL RISCHIO TROMBOEMBOEMBOLICO

CLASSIFICAZIONE DEL RISCHIO TROMBOEMBOEMBOLICO CLASSIFICAZIONE DEL RISCHIO TROMBOEMBOEMBOLICO BASSO RISCHIO - Chirurgia generale e ginecologica maggiore in paziente di età < 40 anni senza altri fattori di rischio. - Chirurgia generale e ginecologica

Dettagli

EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE E FONDAPARINUX. MATERIALE INFORMATIVO SU: INDICAZIONI, POSOLOGIE E CONCEDIBILITÀ DELLA CLASSE B01AB E B01AX

EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE E FONDAPARINUX. MATERIALE INFORMATIVO SU: INDICAZIONI, POSOLOGIE E CONCEDIBILITÀ DELLA CLASSE B01AB E B01AX Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Farmaceutico Via Pindemonte 88 90128 PALERMO dipfarmaco@asppalermo.org EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE E FONDAPARINUX.

Dettagli

Farmaci antitrombotici

Farmaci antitrombotici Farmaci antitrombotici CATEGORIA: Eparinici 1) Antitrombina III umana Nomi commerciali più comuni: -Kibernin P a uso ospedaliero -Anbinex -AT III Ked -Atked -Atenativ -Antitrombina III umana immuno Dosaggi

Dettagli

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L AGENZIA EUROPEA DEI MEDICINALI (EMA) E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA)

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L AGENZIA EUROPEA DEI MEDICINALI (EMA) E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L AGENZIA EUROPEA DEI MEDICINALI (EMA) E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Agosto 2012 Comunicazione diretta agli operatori sanitari sull associazione tra

Dettagli

Linee guida sulla gestione di terapie preoperatorie antiaggreganti ed anticoagulanti

Linee guida sulla gestione di terapie preoperatorie antiaggreganti ed anticoagulanti Linee guida sulla gestione di terapie preoperatorie antiaggreganti ed anticoagulanti Marco Moia Centro Emofilia e Trombosi A. Bianchi Bonomi Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico di

Dettagli

Utilizzo degli anticoagulanti orali non vitamina K dipendenti (Nuovi. Antiacoagulanti Orali-NAO) nella malattia tromboembolica venosa

Utilizzo degli anticoagulanti orali non vitamina K dipendenti (Nuovi. Antiacoagulanti Orali-NAO) nella malattia tromboembolica venosa Utilizzo degli anticoagulanti orali non vitamina K dipendenti (Nuovi Antiacoagulanti Orali-NAO) nella malattia tromboembolica venosa C.Mazzone, G.Sola Nei mesi scorsi al rivaroxaban (Xarelto) si sono successivamente

Dettagli

TROMBOEMBOLISMO VENOSO: PROFILASSI E TRATTAMENTO CON EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (ATC B01AB)

TROMBOEMBOLISMO VENOSO: PROFILASSI E TRATTAMENTO CON EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (ATC B01AB) Prot. n. 19069 Frosinone, 28/02/2017 FARMAINFORMA Informazione sui Farmaci e la Farmacovigilanza Numero Speciale Febbraio 2017 FARMACOVIGILANZA DEAR DOCTOR LETTER TROMBOEMBOLISMO VENOSO: PROFILASSI E TRATTAMENTO

Dettagli

Tromboembolismo Venoso Ruolo dell ecocolordoppler

Tromboembolismo Venoso Ruolo dell ecocolordoppler RIMINI 10 Nobembre 2007 Hotel Continental Prevenzione del Tromboembolismo Venoso Ruolo dell ecocolordoppler ecocolordoppler Dott. Carlo Renzi U.O. Medicina Interna Riccione Modulo di Angiologia Rimini

Dettagli

Alla U. O.C. FARMACIA OSPEDALIERA

Alla U. O.C. FARMACIA OSPEDALIERA Richiesta motivata per singolo paziente per farmaci inseriti in PTO con limitazioni d uso ( da allegare alla modulistica ordinaria ) sesso M F età... FARMACO :... ( Denominazione / Forma farmaceutica /

Dettagli

Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011)

Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 176 relativo a NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (DABIGATRAN, RIVAROXABAN

Dettagli

FARMACOLOGIA DELL EMOSTASI E TROMBOSI

FARMACOLOGIA DELL EMOSTASI E TROMBOSI FARMACOLOGIA DELL EMOSTASI E TROMBOSI L aspirina acetila il residuo OH della Ser 529 nella PGH 2 sintetasi 100 mg di aspirina sono sufficienti ad inibire pressoche completamente la sintesi di trombossano

Dettagli

COD FISC. E PARTITA IVA : Sede legale: Via Nizza SALERNO. Prot Nocera li 20 ottobre 2015

COD FISC. E PARTITA IVA : Sede legale: Via Nizza SALERNO. Prot Nocera li 20 ottobre 2015 COD FISC. E PARTITA IVA : 04701800650 Sede legale: Via Nizza 146 84124 SALERNO Telef. 089/693647 Fax 089/251629 FUNZIONE COORDINAMENTO ASSISTENZA FARMACEUTICA Piazza dei Martiri,4 84087 Vallo della Lucania

Dettagli

LA MALATTIA TROMBOEMBOLICA

LA MALATTIA TROMBOEMBOLICA LA MALATTIA TROMBOEMBOLICA Profilassi del rischio in chirurgia ortopedica A cura di Dr. D. Armaroli, Dr. F. Filippini * * Divisione di Ortopedia Traumatologia Ospedale Gavardo - Brescia EP fatale (1/5

Dettagli

Fibrillazione Atriale: LIXIANA efficace e sicuro nei pazienti con FA sottoposti a cardioversione

Fibrillazione Atriale: LIXIANA efficace e sicuro nei pazienti con FA sottoposti a cardioversione Fibrillazione Atriale: LIXIANA efficace e sicuro nei pazienti con FA sottoposti a cardioversione Presentati al congresso ESC 2016 i risultati di ENSURE-AF trial che valuta efficacia e sicurezza di edoxaban

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI RIVAROXABAN ATC B01AX06 (Xarelto ) Presentata da Componente Commissione PTR In data Dicembre 2009 Per le seguenti motivazioni: Per la prevenzione del tromboembolismo

Dettagli

Guida all uso razionale delle Eparine a Basso Peso Molecolare (EBPM) e Fondaparinux (FPX): indicazioni, posologie e concedibilità

Guida all uso razionale delle Eparine a Basso Peso Molecolare (EBPM) e Fondaparinux (FPX): indicazioni, posologie e concedibilità Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza A cura di: Dipartimento Farmaceutico Ospedale Territorio DIPAF Guida all uso razionale delle Eparine a Basso Peso Molecolare (EBPM) e Fondaparinux (FPX): indicazioni,

Dettagli

Dabigatran. Scheda di valutazione del farmaco. (trattamento del tromboembolismo venoso e prevenzione delle recidive) Doc PTR n.258

Dabigatran. Scheda di valutazione del farmaco. (trattamento del tromboembolismo venoso e prevenzione delle recidive) Doc PTR n.258 Scheda di valutazione del farmaco Dabigatran (trattamento del tromboembolismo venoso e prevenzione delle recidive) A cura della Commissione Regionale del Farmaco della Regione Emilia-Romagna Doc PTR n.258

Dettagli

Modifica del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo presentata dall'agenzia Europea per i Medicinali

Modifica del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo presentata dall'agenzia Europea per i Medicinali Allegato II Modifica del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo presentata dall'agenzia Europea per i Medicinali Il Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e il foglio

Dettagli

I trigger relativi alle cure

I trigger relativi alle cure Massimo Geraci Direttore MCAU ARNAS Ospedali Civico Di Cristina Benfratelli Palermo Rosario Squatrito Direttore MCAU San Raffaele Giglio Cefalù Sono 14 trigger identificati dalla lettera C Trigger: solo

Dettagli

Scheda di valutazione del rischio Chirurgia Generale Nome e Cognome:... Età:. Diagnosi:... Letto:...

Scheda di valutazione del rischio Chirurgia Generale Nome e Cognome:... Età:. Diagnosi:... Letto:... Scheda di valutazione del rischio Chirurgia Generale Rischio Tipo di chirurgia FdR del paziente (Tab 1) Chirurgia addominale non maggiore Esempi: colecisti non infiammata, appendicite, parete addominale,

Dettagli

Le E.B.P.M. e la loro prescrivibilità

Le E.B.P.M. e la loro prescrivibilità La Terapia Anticoagulante tra passato, presente e futuro Le E.B.P.M. e la loro prescrivibilità Massimo Marci U.O.C. di Medicina Interna e Geriatria Ospedale San Giovanni Evangelista - Tivoli A.S.L. Roma

Dettagli

PER UNA MEDICINA PRUDENTE...

PER UNA MEDICINA PRUDENTE... Trento, 2 aprile 2011 PER UNA MEDICINA PRUDENTE... Dott.ssa Isabel Inama PER UNA MEDICINA PRUDENTE...! Esposizione ad esami radiologici e rischio di cancro! PPI e rischio di fratture! TOS e carcinoma della

Dettagli

Fibrillazione atriale e TEV: edoxaban prescrivibile in Italia

Fibrillazione atriale e TEV: edoxaban prescrivibile in Italia Fibrillazione atriale e TEV: edoxaban prescrivibile in Italia L anticoagulante orale in monosomministrazione giornaliera edoxaban (Lixiana ) di Daiichi Sankyo prescrivibile in Italia in fascia rimborsabile.

Dettagli

Q U A D E R N I DELLA. ANNO XLV - N II - Aprile/Giugno 2017

Q U A D E R N I DELLA. ANNO XLV - N II - Aprile/Giugno 2017 Q U A D E R N I DELLA TRIBUNA IPPOCRATICA Supplemento ANNO XLV - N II - Aprile/Giugno 2017 Direttore Responsabile: CORRADO CASO Tel. 328.7480770 - Email: caso.corrado@libero.it Redazione e Amministrazione:

Dettagli

Stratificazione del rischio di TEV

Stratificazione del rischio di TEV IV Mediterraneo - VII Sessione NOVITÀ IN TEMA DI TROMBOEMBOLISMO VENOSO (Prof. Prisco, Prof. Davì, Prof. Ageno) Stratificazione del rischio di TEV Il tromboembolismo venoso (TEV) ha un incidenza di 1-2

Dettagli

Cosa sono i NAO? Angelica Moretti. Medicina d Urgenza Universitaria Direttore Prof. F. Carmassi Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana

Cosa sono i NAO? Angelica Moretti. Medicina d Urgenza Universitaria Direttore Prof. F. Carmassi Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Cosa sono i NAO? Angelica Moretti Medicina d Urgenza Universitaria Direttore Prof. F. Carmassi Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana La sottoscritta Angelica Moretti ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto

Dettagli

Apixaban. Scheda di valutazione del farmaco. (trattamento del tromboembolismo venoso e prevenzione delle recidive) Doc PTR n. 261

Apixaban. Scheda di valutazione del farmaco. (trattamento del tromboembolismo venoso e prevenzione delle recidive) Doc PTR n. 261 Scheda di valutazione del farmaco Apixaban (trattamento del tromboembolismo venoso e prevenzione delle recidive) A cura della Commissione Regionale del Farmaco della Regione Emilia-Romagna Doc PTR n. 261

Dettagli

Commissione Regionale Farmaco LAPATINIB

Commissione Regionale Farmaco LAPATINIB Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 490 dell 11 aprile 2011) Documento relativo a: LAPATINIB Settembre 2011 Indicazioni registrate Lapatinib Il lapatinib ha ricevuto la seguente estensione

Dettagli

Inibitori GpIIb/IIIa. Francesco Soriano ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda

Inibitori GpIIb/IIIa. Francesco Soriano ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda Inibitori GpIIb/IIIa Francesco Soriano ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda European Heart Journal Advance Access published January 12, 2014 La precoce ricanalizzazione e riperfusione del vaso responsabile

Dettagli

Dott. Andrea Limiti. Terapia eseguita: COUMADIN 5, SINTROM 4, SINTROM 1, Sede di esecuzione procedura/referente: VALUTAZIONE PRELIMINARE

Dott. Andrea Limiti. Terapia eseguita: COUMADIN 5, SINTROM 4, SINTROM 1, Sede di esecuzione procedura/referente: VALUTAZIONE PRELIMINARE TERAPIA PONTE (TP ) IN PAZIENTE IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE ( TAO ) Sig./Sig.ra:, Data: Diagnosi per la quale viene eseguita TAO: Terapia eseguita: COUMADIN 5, SINTROM 4, SINTROM 1, CHA 2 DS 2 -VASc

Dettagli

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.189 relativo a RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO

Dettagli

Nuovi farmaci anticoagulanti orali: evidenze ed indicazioni

Nuovi farmaci anticoagulanti orali: evidenze ed indicazioni Gestione pratica dei nuovi farmaci anticoagulanti Varese - 19 Dicembre 2013 Nuovi farmaci anticoagulanti orali: evidenze ed indicazioni Marco Donadini Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie

Dettagli

La Patologia Venosa: Non Solo Varici. Venerdi 23 ottobre 2015 Abano Terme (PD)

La Patologia Venosa: Non Solo Varici. Venerdi 23 ottobre 2015 Abano Terme (PD) La Patologia Venosa: Non Solo Varici Venerdi 23 ottobre 2015 Abano Terme (PD) NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI: QUANDO E COME PRESCRIVERLI Dr. Alberto Cogo Unità Medicina Vascolare e Piede Diabetico Casa di

Dettagli

Come e perché misurare i farmaci anticoagulanti

Come e perché misurare i farmaci anticoagulanti Come e perché misurare i farmaci anticoagulanti Cristina Legnani Laboratorio Specialistico di Coagulazione UO Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna Anticoagulanti

Dettagli

Dabigatran nella prevenzione del tromboembolismo venoso dopo chirurgia ortopedica maggiore Orietta Zaniolo (1)

Dabigatran nella prevenzione del tromboembolismo venoso dopo chirurgia ortopedica maggiore Orietta Zaniolo (1) Dabigatran nella prevenzione del tromboembolismo venoso dopo chirurgia ortopedica maggiore Orietta Zaniolo (1) Analisi economica ABSTRACT Venous thromboembolism (VTE) is a very frequent surgical complication,

Dettagli

Trombofilia in gravidanza: percorsi diagnostici e terapeutici. Dr. A.Lojacono. Cattedra di Ginecologia e Ostetricia Università degli Studi di Brescia

Trombofilia in gravidanza: percorsi diagnostici e terapeutici. Dr. A.Lojacono. Cattedra di Ginecologia e Ostetricia Università degli Studi di Brescia Trombofilia in gravidanza: percorsi diagnostici e terapeutici Dr. A.Lojacono Cattedra di Ginecologia e Ostetricia Università degli Studi di Brescia TROMBOFILIE CONGENITE IN GRAVIDANZA: SAPPIAMO DAVVERO

Dettagli

ANALISI DEGLI ANTICOAGULANTI PARENTERALI E CONFRONTO CON I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI

ANALISI DEGLI ANTICOAGULANTI PARENTERALI E CONFRONTO CON I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI ANALISI DEGLI ANTICOAGULANTI PARENTERALI E CONFRONTO CON I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI NELLA PROFILASSI DEL TEV IN PAZIENTI SOTTOPOSTI AD INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA O DI

Dettagli

NOAC Misura e interferenze su test di laboratorio Cristina Legnani

NOAC Misura e interferenze su test di laboratorio Cristina Legnani NOAC Misura e interferenze su test di laboratorio Cristina Legnani Laboratorio Specialistico di Coagulazione UO Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna NOAC: misura

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara EP Ostruzione anatomica, ipossia, effetti neuro-umorali Resistenze arteriose polmonari Post-carico Vdx Dilatazione Vdx Shift setto interventricolare verso il Vsn Disfunzione

Dettagli

Protocollo regionale per la prevenzione del tromboembolismo venoso in ortopedia e traumatologia

Protocollo regionale per la prevenzione del tromboembolismo venoso in ortopedia e traumatologia Protocollo regionale per la prevenzione del tromboembolismo venoso in ortopedia e traumatologia Protocollo regionale per la prevenzione del tromboembolismo venoso in ortopedia e traumatologia Il testo

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL (punto N. 54 ) Delibera N.367 del DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL (punto N. 54 ) Delibera N.367 del DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-03-2010 (punto N. 54 ) Delibera N.367 del 22-03-2010 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

TAVOLA ROTONDA: NOACS e le nuove evidenze scientifiche Anticoagulazione nella fase acuta della Trombosi venosa profonda

TAVOLA ROTONDA: NOACS e le nuove evidenze scientifiche Anticoagulazione nella fase acuta della Trombosi venosa profonda TAVOLA ROTONDA: NOACS e le nuove evidenze scientifiche Anticoagulazione nella fase acuta della Trombosi venosa profonda Dr. Gisella Sciortino U.O.C. di Cardiologia A.S.P. PA- Ospedale di Partinico TROMBOEMBOLISMO

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE. CLEXANE T UI (300 mg)/3 ml soluzione iniettabile

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE. CLEXANE T UI (300 mg)/3 ml soluzione iniettabile RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE CLEXANE T 30.000 UI (300 mg)/3 ml soluzione iniettabile 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA 30.000 UI (300 mg)/3 ml Un

Dettagli

Dott.ssa L. Mollero. Ospedale C. Massaia Asti. Asti, 16 giugno 2007 Ordine dei Medici-Sala Ferraro

Dott.ssa L. Mollero. Ospedale C. Massaia Asti. Asti, 16 giugno 2007 Ordine dei Medici-Sala Ferraro Dott.ssa L. Mollero S.O.C. Medicina A Ospedale C. Massaia Asti Asti, 16 giugno 2007 Ordine dei Medici-Sala Ferraro Introduzione (1) TEP e TVP riconoscono sostanzialmente gli stessi fattori di rischio e

Dettagli

Allegato III Modifiche al riassunto delle caratteristiche del prodotto e al foglio illustrativo

Allegato III Modifiche al riassunto delle caratteristiche del prodotto e al foglio illustrativo Allegato III Modifiche al riassunto delle caratteristiche del prodotto e al foglio illustrativo Nota: le modifiche di questo riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo sono

Dettagli

Presentazione dei dati

Presentazione dei dati Presentazione dei dati Per ogni principio attivo, per il quale è stato possibile reperire informazioni riguardanti il passaggio nel latte materno, è stata creata una scheda monografica con informazioni

Dettagli

ARGATROBAN ( )

ARGATROBAN ( ) ARGATROBAN (16-12-2008) Specialità: Novastan (Mitsubishi Pharma Europe LTD) Forma farmaceutica: 1 FLACONCINO DA 2,5 ML 100MG/ML - Prezzo: euro 396.1 ATC: B01AE03 Categoria terapeutica: Antitrombotici Fascia

Dettagli

Ospedale Madonna del Buon Consiglio FATEBENEFRATELLI NAPOLI. Linee guida aziendali per la gestione preoperatoria

Ospedale Madonna del Buon Consiglio FATEBENEFRATELLI NAPOLI. Linee guida aziendali per la gestione preoperatoria Ospedale Madonna del Buon Consiglio FATEBENEFRATELLI NAPOLI Linee guida aziendali per la gestione preoperatoria della terapia antiaggregante ed anticoagulante. e Realizzati Responsabile dal dott. del Pronto

Dettagli

AUDIT DAY Cardiochirurgia. Case mix. Francesco Alamanni, Moreno Naliato

AUDIT DAY Cardiochirurgia. Case mix. Francesco Alamanni, Moreno Naliato Sono qui di seguito analizzati i dati clinici relativi agli interventi chirurgici effettuati dall Area di nell anno 2015. Case mix Francesco Alamanni, Moreno Naliato Il 94.4% degli interventi del 2015

Dettagli

IL TROMBOEMBOLISMO VENOSO (TEV) TEV DVT

IL TROMBOEMBOLISMO VENOSO (TEV) TEV DVT IL TROMBOEMBOLISMO VENOSO (TEV) TEV DVT PE Il tromboembolismo Venoso (TEV) Patologia caratterizzata dalla formazione di trombi all interno del corrente circolatorio venoso EP Con il termine TromboEbolismo

Dettagli

Titolare A.I.C.: Eli Lilly Nederland BV, Grootslag 1-5, NL-3991 RA Houten, Paesi Bassi.

Titolare A.I.C.: Eli Lilly Nederland BV, Grootslag 1-5, NL-3991 RA Houten, Paesi Bassi. DETERMINAZIONE 29 dicembre 2009. Regime di rimborsabilità e prezzo di vendita della specialità medicinale per uso umano «EÞ ent». (Determinazione/C n. 335/2009). Regime di rimborsabilità e prezzo di vendita

Dettagli

Guida per il medico prescrittore. LIXIANA (edoxaban)

Guida per il medico prescrittore. LIXIANA (edoxaban) Guida per il medico prescrittore LIXIANA (edoxaban) SINTESI QUESTA GUIDA È CONCEPITA SPECIFICAMENTE PER I MEDICI PRESCRITTORI IN RELAZIONE ALL USO DI LIXIANA (EDOXABAN) E CONTIENE INFORMAZIONI SUI SEGUENTI

Dettagli

EFFICACIA DI DULOXETINA E PREGABALIN NELLA TERAPIA A BREVE TERMINE DELLA NEUROPATIA DIABETICA

EFFICACIA DI DULOXETINA E PREGABALIN NELLA TERAPIA A BREVE TERMINE DELLA NEUROPATIA DIABETICA EFFICACIA DI DULOXETINA E PREGABALIN NELLA TERAPIA A BREVE TERMINE DELLA NEUROPATIA DIABETICA In Italia sono attualmente approvati per il trattamento del DPNP soltanto tre farmaci; tra questi i due più

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI PARNAPARINA B01AB07 (FLUXUM ) Presentata da Prof. A. Capone P.O. Marino ASL 8 Cagliari In data ottobre 2009 Per le seguenti motivazioni: La parnaparina presenta: maggiore

Dettagli

RISK MANAGEMENT DEL PAZIENTE A RISCHIO TROMBOEMBOLICO

RISK MANAGEMENT DEL PAZIENTE A RISCHIO TROMBOEMBOLICO PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E UTILIZZO DELLA RELATIVA SCHEDA DI VALUTAZIONE: INTEGRAZIONE OSPEDALE-TERRITORIO RISK MANAGEMENT DEL PAZIENTE A RISCHIO TROMBOEMBOLICO ACIREALE 7 DICEMBRE 2013 GENERALITA

Dettagli

Studio SENIORS Trial sull effetto di nebivololo su mortalità e ospedalizzazioni per malattie cardiovascolari in pazienti anziani con insufficienza

Studio SENIORS Trial sull effetto di nebivololo su mortalità e ospedalizzazioni per malattie cardiovascolari in pazienti anziani con insufficienza Trial sull effetto di nebivololo su mortalità e ospedalizzazioni per malattie cardiovascolari in pazienti anziani con insufficienza cardiaca (1) Introduzione (1) Età media dei pazienti con insufficienza

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE CLEXANE 2.000 UI (20 mg)/0,2 ml soluzione iniettabile CLEXANE 4.000 UI (40 mg)/0,4 ml soluzione iniettabile CLEXANE T 6.000

Dettagli

Sessione 3.1 Il controllo farmacologico

Sessione 3.1 Il controllo farmacologico Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.1 Il controllo farmacologico durata: 30 min. 0 di 11 Obiettivi di apprendimento della sessione conoscere le tecniche di controllo farmacologico a LT descrivere

Dettagli

Dal Laboratorio alla Clinica: vecchi e nuovi farmaci anticoagulanti

Dal Laboratorio alla Clinica: vecchi e nuovi farmaci anticoagulanti Dal Laboratorio alla Clinica: vecchi e nuovi farmaci anticoagulanti Presidente del convegno: Dr. Antonio De Santis Terlizzi (BA), 21 marzo 2015 Sala Dioguardi P.O. Sarcone Razionale scientifico Le malattie

Dettagli

Il significato degli esami di coagulazione. Walter Ageno

Il significato degli esami di coagulazione. Walter Ageno Il significato degli esami di coagulazione Walter Ageno Principali caratteristiche dei nuovi anticoagulanti Via orale di somministrazione Ampia finestra terapeutica Farmacocinetica e farmacodinamica prevedibili

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLA PREVENZIONE DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA E DELLA EMBOLIA POLMONARE NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A PROCEDURE CHIRURGICHE

PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLA PREVENZIONE DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA E DELLA EMBOLIA POLMONARE NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A PROCEDURE CHIRURGICHE PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLA PREVENZIONE DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA E DELLA EMBOLIA POLMONARE NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A PROCEDURE CHIRURGICHE Protocollo TVP nel paziente sottoposto a procedure

Dettagli

L embolia polmonare: diagnosi e trattamento

L embolia polmonare: diagnosi e trattamento Eventi tromboembolici nel paziente neoplastico L embolia polmonare: diagnosi e trattamento Valbusa F. U.O. Medicina Generale Ospedale Sacro Cuore - Don Calabria Negrar www.escardio.org/guidelines Fattori

Dettagli

Trattamento A.O. Recidive trombotiche INR = % nei soggetti non trattati 4% nei soggetti trattati INR < 2.0 INR > 3.0

Trattamento A.O. Recidive trombotiche INR = % nei soggetti non trattati 4% nei soggetti trattati INR < 2.0 INR > 3.0 Trattamento A.O. 25% nei soggetti non trattati 4% nei soggetti trattati INR < 2.0 INR = 2.5 0.5 INR > 3.0 Recidive trombotiche VALORI TERAPEUTICI DI INR 2.5 0.5 MAGGIOR PARTE DEI CASI 3.0 SINDROME DA ANTICORPI

Dettagli

DETERMINAZIONE 24 novembre Regime di rimborsabilità e prezzo di vendita del medicinale per uso umano «Zarzio». (Determinazione /C320/2009).

DETERMINAZIONE 24 novembre Regime di rimborsabilità e prezzo di vendita del medicinale per uso umano «Zarzio». (Determinazione /C320/2009). DETERMINAZIONE 24 novembre 2009. Regime di rimborsabilità e prezzo di vendita del medicinale per uso umano «Zarzio». (Determinazione /C320/2009). Regime di rimborsabilità e prezzo di vendita della specialità

Dettagli

U.O. UTIC Chiara Valbusa NUOVO APPROCCIO ALLA GESTIONE DEL PAZIENTE IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE: L INFERMIERE NAO

U.O. UTIC Chiara Valbusa NUOVO APPROCCIO ALLA GESTIONE DEL PAZIENTE IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE: L INFERMIERE NAO NUOVO APPROCCIO ALLA GESTIONE DEL PAZIENTE IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE: L INFERMIERE NAO La fibrillazione atriale (FA) è l aritmia cardiaca più comune nella popolazione, con una prevalenza del 5,5%,

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

FARMACOUTILIZZAZIONE E DETERMINANTI D USO DI NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI ORALI IN REGIONE LOMBARDIA

FARMACOUTILIZZAZIONE E DETERMINANTI D USO DI NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI ORALI IN REGIONE LOMBARDIA FARMACOUTILIZZAZIONE E DETERMINANTI D USO DI NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI ORALI IN REGIONE LOMBARDIA XXIII seminario nazionale di farmacoepidemiologia LA VALUTAZIONE DELL USO E DELLA SICUREZZA DEI FARMACI:

Dettagli

Lezione 2 Come leggere l articolo scientifico

Lezione 2 Come leggere l articolo scientifico Analisi critica della letteratura scientifica Lezione 2 Come leggere l articolo scientifico Struttura dell articolo Introduzione Metodi Risultati e Discussione Perché è stato fatto? Come è stato condotto?

Dettagli

L ANTICOAGULAZIONE CON EPARINA A BASSO PESO MOLECOLARE CPSI FERRERO ELISA OSPEDALE DI ASTI

L ANTICOAGULAZIONE CON EPARINA A BASSO PESO MOLECOLARE CPSI FERRERO ELISA OSPEDALE DI ASTI L ANTICOAGULAZIONE CON EPARINA A BASSO PESO MOLECOLARE CPSI FERRERO ELISA OSPEDALE DI ASTI A oggi non è ancora stato individuato un farmaco o un sistema ottimale per la prevenzione della trombosi del circuito

Dettagli

Pediatric Trigger Toolkit

Pediatric Trigger Toolkit Pediatric Trigger Toolkit Giovanna Russo UOC Ematologia ed Oncologia Pediatrica Azienda Policlinico Vittorio Emanuele Università di Trigger: solo un indizio Evento avverso: lesione fisica non intenzionale

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE. Arixtra 1,5 mg/0,3 ml soluzione iniettabile, siringa preriempita. 2.

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE. Arixtra 1,5 mg/0,3 ml soluzione iniettabile, siringa preriempita. 2. RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE. Arixtra 1,5 mg/0,3 ml soluzione iniettabile, siringa preriempita. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA. Ogni siringa

Dettagli