Trasparenza, Valutazione e Merito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trasparenza, Valutazione e Merito"

Transcript

1 Dipartimento Comunicazione e Diritti dei Cittadini - Progetti Strategici e Grandi Eventi Direttore: Luigi Di Gregorio Direzione Comunicazione Multicanale Direttore: Paola Conti Ufficio Temporaneo di Scopo Trasparenza e Integrità dell Azione Amministrativa Direttore: Stefano Carlizza P.O. Portale Istituzionale: Rosaria Martino Trasparenza, Valutazione e Merito Questionario per l ascolto delle Associazioni dei Consumatori ed Utenti operanti sul territorio capitolino sui temi della trasparenza e dell integrità Risultati dell indagine di customer satisfaction In occasione dell incontro di informazione ed approfondimento sulle tematiche della Trasparenza e dell Integrità, svoltosi il 25 settembre u.s. presso il Dipartimento Comunicazione, a cui hanno partecipato alcune Associazioni di consumatori presenti sul territorio, è stata avviata un indagine di customer satisfaction mediante la somministrazione di un questionario di valutazione della qualità dei contenuti del Portale Istituzionale di Roma Capitale (PRC), sempre inerenti alle materie in esame. L indagine mirava, in primo luogo, a recepire e misurare il feedback delle Associazioni dei consumatori, in merito all usabilità dei dati e delle informazioni attualmente pubblicati nei cd. canali della trasparenza, ovvero Trasparenza, valutazione e merito - Struttura organizzativa - Organigramma - Pubblicità legale nonché al livello di interesse suscitato dai medesimi nei rappresentanti degli utenti/cittadini (items 4 e A). Inoltre, con l obiettivo di migliorare i livelli di trasparenza, previsti nelle azioni per l annualità corrente dal Programma triennale per la Trasparenza e l Integrità, il questionario prevedeva la raccolta dell indicazione di quale azione o intervento risultasse maggiormente interessante (item B).

2 Esiti Questionario Trasparenza, Valutazione e Merito - pagina 2 Sono stati, inoltre, previsti spazi aperti a disposizione del compilatore (items C, D, E) per esprimere eventuali suggerimenti, osservazioni e commenti riguardanti: le informazioni potenzialmente utili da pubblicare nel Portale Istituzionale, nella logica degli Open Data (item C); le azioni in tema di trasparenza ed integrità considerate necessarie da realizzare all interno del Programma triennale (item D); i servizi on-line ritenuti utili per l utenza e ancora da attivare (item E). Allo scopo di illustrare i risultati dell indagine di customer, gli items sono stati raggruppati secondo la tipologia del canale informativo a cui afferiscono all interno del Portale Istituzionale. Si veda, al riguardo, il dettaglio del raggruppamento degli items realizzato e riportato in Allegato. Va evidenziato che, stante l esiguo numero di Associazioni di consumatori partecipanti a questo primo incontro (5) i risultati dell intervista di customer possono apparire sottodimensionati rispetto alla portata dei dati, delle informazioni e dei servizi presenti nel Portale Istituzionale, oggetto d esame con la presente indagine. In realtà, bisogna tener presente che le associazioni di consumatori rappresentano una tra le categorie di portatori di interesse di maggior riferimento per l Amministrazione, più volte partner nella definizione di azioni di comune interesse per il miglioramento della qualità dei servizi erogati da Roma Capitale, così come già indicato nel documento di presentazione del questionario.

3 Esiti Questionario Trasparenza, Valutazione e Merito - pagina 3 Sezione Canali della Trasparenza: Trasparenza, valutazione e merito - Struttura organizzativa - Organigramma - Pubblicità legale La prima affermazione (item ), di apertura del questionario, rende la frequenza di accesso ai cd. canali della trasparenza. Frequenza di accesso ai canali della Trasparenza abitualmente saltuariamente mai 4 Per la risposta mai, rinvenuta in un solo questionario, si suppone un erronea interpretazione, in quanto, invero, ciò contrasterebbe con la compilazione puntuale dei successivi items. Per la frequenza risultante prevalente (saltuariamente) di accesso ai canali, si può ipotizzare che le associazioni di consumatori, essendo portatori di molteplici interessi della cittadinanza, trovano riscontro per le informazioni di interesse, nell attività di diverse amministrazioni pubbliche. In forza di ciò, le suddette informazioni vengono ricercate in ambiti web istituzionali più ampi che possono riguardare anche, a titolo esemplificativo: il sito della Provincia, quello della Regione nonché i siti ministeriali, governativi ecc.

4 Sezione Canali della Trasparenza: Trasparenza, valutazione e merito - Struttura organizzativa - Organigramma - Pubblicità legale Per l item 2, nell ambito della stessa sezione, in relazione alla facilità di individuazione dei canali dedicati alla Trasparenza, dalla home page del Portale Istituzionale di Roma Capitale (PRC), risulterebbe un responso bilanciato, considerando i gradi di soddisfazione espressi: 2 associazioni su 5 sono in disaccordo e 2 su 5 sono d accordo. Mentre, per l item 2, attinente all utilità delle informazioni riguardanti la tematica della Trasparenza, risulterebbe prevalente, tra i responsi rilasciati, una risposta neutrale. Tuttavia, si sottolinea che associazione su 5, dà un riscontro positivo (d accordo) all affermazione in esame, il che sottolinea l importanza del ruolo positivo che rivestono le informazioni sulla Trasparenza per l attività dell associazione stessa. alcuni aspetti qualitativi 4 molto in disaccordo in disaccordo 2 2 né d'accordo né in disaccordo d'accordo molto d'accordo facilità di individuazione dei canali dedicati alla Trasparenza, dalla home page del Portale Istituzionale di Roma Capitale (PRC) le informazioni sulla trasparenza pubblicate nel PRC servono da supporto alle funzioni dell Associazione di appartenenza

5 Esiti Questionario Trasparenza, Valutazione e Merito - pagina 5 Sezione Canale della Trasperenza Trasparenza, valutazione e merito e Sezioni interne Negli items 3, 4 e 5 sono state proposte una serie di affermazioni riguardanti alcuni aspetti qualitativi sia del canale Trasparenza, valutazione e merito che dei dati e delle informazioni in esso contenuti. alcuni aspetti qualitativi molto in disaccordo in disaccordo né d'accordo né in disaccordo d'accordo molto d'accordo agevolezza (facilità) della navigazione interna ai canali della Trasparenza, valutazione e merito adeguatezza delle informazioni presenti sul canale della Trasparenza, valutazione e merito in relazione alle esigenze di conoscenza dei cittadini sulla gestione dell Ente rapidità di individuazione delle informazioni di interesse in relazione all organizzazione dei contenuti all interno dei canali della Trasparenza, valutazione e merito Dai gradi di accordo/disaccordo rilasciati nei questionari, emergerebbe una fotografia complessivamente bilanciata del gradimento dell intero canale informativo Trasparenza, valutazione e merito del Portale Istituzionale. Anche se va comunque ravvisata una certa criticità emergente dal numero di risposte in disaccordo fornite agli items 3 e 5 (due associazioni su cinque) rispettivamente, relativi agli items: 3 - agevolezza della navigazione interna alle sezioni del canale Trasparenza, valutazione e merito ; 5 - rapidità di individuazione delle informazioni di interesse in relazione all organizzazione dei contenuti all interno dei canali della Trasparenza, valutazione e merito La lettura indirizza verso l esigenza di un ripensamento dell organizzazione dei contenuti interni al canale in questione che li renda più usabili. Azione, questa, che potrebbe essere incanalata nel progetto di restyling delle pagine del Portale Istituzionale, in corso di realizzazione.

6 Esiti Questionario Trasparenza, Valutazione e Merito - pagina 6 Sezione Canale della Trasparenza Trasparenza, valutazione e merito applicazione Servizi al cittadino All item 6, è stato chiesto di esprimere un giudizio, nella scala convenuta d accordo/disaccordo, riguardo all esaustività delle informazioni contenute all interno dell applicazione Servizi al cittadino e alla loro efficacia al fine dell orientamento dell utente alla conoscenza dei servizi erogati dall Ente. Il responso prevalente risultante è sostanzialmente positivo. Volendo però considerare che 2 associazioni su 5 hanno dato una risposta negativa (in disaccordo), riguardo all esaustività ed all efficacia delle informazioni erogate con l applicazione Servizi al cittadino, va tenuto conto che l applicazione stessa è tuttora in fase sperimentale e, quindi, soggetta ad ulteriori modifiche in termini di ampliamento ed approfondimento delle informazioni. alcuni aspetti qualitativi 2 2 molto in disaccordo in disaccordo esaustività delle informazioni contenute nell applicazione Servizi al cittadino interna al canale Trasparenza, valutazione e merito e loro efficacia al fine dell orientamento dei cittadini alla conoscenza dei servizi erogati dall Ente né d'accordo né in disaccordo d'accordo molto d'accordo

7 Esiti Questionario Trasparenza, Valutazione e Merito - pagina 7 Sezione Canale della Trasparenza Trasparenza, valutazione e merito applicazione Servizi On Line Agli items 9, 0 e è stato chiesto di esprimere un giudizio, riguardo ad alcuni aspetti qualitativi dei vari Servizi on line erogati ai cittadini. Questi ultimi, per fruire di tali servizi devono registrarsi, autenticandosi al Portale Istituzionale di Roma Capitale (PRC). Dal responso rilasciato emergono delle criticità, tra cui quella più rilevante è quella relativa alla fruibilità degli stessi Servizi on line (item 9) da parte dei cittadini. Anche in questo caso, assume un rilievo preminente la questione dell usabilità dei contenuti piuttosto che la loro qualità. Si rilegga, al riguardo, l analogo responso fornito alla sezione precedente: Canale della Trasperenza Trasparenza, valutazione e merito e sezioni interne (pagina 5). alcuni aspetti qualitativi 3 molto in disaccordo in disaccordo né d'accordo né in disaccordo d'accordo molto d'accordo facilità di accesso dei Servizi on line dal PRC facile fruibilità da parte dei cittadini/utenti dei Servizi on line presenti nel PRC l attuale offerta dei Servizi on line soddisfa le esigenze dei cittadini/utenti

8 Esiti Questionario Trasparenza, Valutazione e Merito - pagina 8 Sezione Canali della Trasparenza Trasparenza, valutazione e merito sezioni interne All item A è stata proposto di indicare quale delle Sezioni interne al canale Trasparenza, valutazione e merito fosse la più interessante. Nella rappresentazione grafica che segue sono stati riportati i risultati della rilevazione, da cui emerge un sostanziale e complessivo apprezzamento delle sezioni informative interne al canale in questione. In particolare, si rileva che risultano essere più interessanti le informazioni di cui ai punti A, A3 e A4, queste ultime rese pubbliche di recente. Ciò, può essere letto in relazione all ipotesi che tali informazioni consentirebbero alle associazioni di consumatori di fare un salto di qualità come interlocutori del governo dell ente, operando quel cd. controllo diffuso dell operato dell Amministrazione capitolina A Performance: attività ed obiettivi programmati A2 Organismo Indipendente di Valutazione (OIV) A3 Trasparenza: attività e obiettivi programmati A4 Atti e documenti di rendicontazione A5 Servizi erogati all'utenza presso gli uffici capitolini A6 Anagrafe pubblica degli amministratori A7 Raccolta degli atti e dei provvedimenti amministrativi A8 Dati informativi sul personale A9 Sistema disciplinare e principi etici e comportamentali del dipendente A0 Dati relativi ad incarichi di lavoro autonomo Società ed enti del Gruppo Roma Capitale A Società ed enti del Gruppo Roma Capitale

9 Esiti Questionario Trasparenza, Valutazione e Merito - pagina 9 Sezione Canali della Trasparenza Struttura organizzativa e Organigramma Agli items 7, 8 è stato chiesto di esprimere un giudizio, secondo la scala dei gradi di accordo/disaccodo, riguardo all aspetto qualitativo dell adeguatezza delle informazioni sui canali dedicati, nel Portale di Roma Capitale (PRC), alla rappresentazione on line di tutte le informazioni inerenti la struttura organizzativa e l organigramma sia dell Ente, nel suo insieme, che di ogni singola Struttura. alcuni aspetti qualitativi 3 molto in disaccordo 2 in disaccordo né d'accordo né in disaccordo d'accordo molto d'accordo adeguatezza delle informazioni presenti nei canali Struttura organizzativa e Organigramma della home page del Portale Istituzionale di Roma Capitale (PRC) alle esigenze dei cittadini/utenti di conoscenza dell organizzazione dell Ente adeguatezza delle informazioni presenti nelle pagine di apertura delle diverse strutture dell Amministrazione comunale (Municipi, Dipartimenti) alle esigenze dei cittadini/utenti di conoscenza dell organizzazione delle stesse La rappresentazione grafica dei risultati della rilevazione presenta un giudizio nel complesso positivo.

10 Esiti Questionario Trasparenza, Valutazione e Merito - pagina 0 Sezione P.E.C. La PEC è una applicazione elettronica, con rilevanza giuridica, che offre ai cittadini ed alle imprese una possibilità diversa e formale per la presentazione di istanze all'amministrazione. Nella rappresentazione grafica sottostante, sono riportati i risultati dell indagine, relativamente agli items 3, 4 del questionario, riguardanti proprio questo servizio, dai quali si evidenzia una criticità (inadeguatezza) dell attuale uso della PEC da parte dell Amministrazione comunale rispetto alle richieste dei cittadini. 3 Posta Elettronica Certificata 3 molto in disaccordo in disaccordo 2 né d'accordo né in disaccordo d'accordo molto d'accordo utilizzo abituale della PEC da parte dell'associazione di appartenenza nei rapporti con le P.A. adeguatezza dell attuale uso della PEC da parte dell Ente in relazione alla richiesta dei cittadini

11 Esiti Questionario Trasparenza, Valutazione e Merito - pagina Sezione Programma triennale per la Trasparenza e l'integrità Azioni che risultano essere maggiormente interessanti per l annualità 202 Nel grafico riportato alla pagina seguente, sono presentati i responsi relativi all item B del questionario, dai quali si ricava un marcato apprezzamento per alcune azioni, individuate da 5 associazioni su 5, relative alla: creazione di un feedback del sistema di gestione dei reclami mediante cui rappresentare i dati statistici allo scopo di dare visibilità alla qualità dei servizi erogati dall Ente (item B6); attivazione di strumenti di verifica periodica anche mediante il confronto con le associazioni di consumatori, della qualità dei servizi erogati dall Ente (item B8). (segue grafico nella pagina successiva)

12 Esiti Questionario Trasparenza, Valutazione e Merito - pagina 2 B Azioni finalizzate ad incentivare iniziative a livello territoriale dirette a soddisfare eventuali specifiche esigenze ed aspettative delle comunità locali in materia di trasparenza, legalità e sviluppo della cultura dell integrità; B2 Definizione del nuovo regolamento dei procedimenti amministrativi B3 Definizione del nuovo regolamento per gli istituti di partecipazione e di iniziativa popolare; B4 Definizione del nuovo regolamento per l organizzazione e la pubblicazione dei contenuti sul portale istituzionale; B5 Assegnazione di una casella di PEC, e pubblicazione del relativo elenco, alle strutture capitoline individuate per una sperimentazione massiva; B6 Sviluppo del sistema di gestione dei reclami, finalizzato alla disponibilità di elaborazioni sulla qualità dei servizi erogati e delle informazioni pubblicate sul sito istituzionale; B7 Mappatura dei procedimenti sensibili e a rischio integrità, con riguardo ai procedimenti autorizzatori e concessori in materia edilizia e commerciale, alle procedure selettive in materia di gestione delle risorse umane e di affidamento di lavori, forniture e servizi; B8 Attivazione di strumenti di verifica periodica (sondaggi/questionari da realizzarsi anche on-line, tavoli permanenti con le associazioni dei consumatori e gli altri stakeholder esterni di riferimento ecc.) volti a raccogliere valutazioni sulla qualità dei contenuti pubblicati (in termini di correttezza, completezza, tempistività, utilità ed interesse) e delle iniziative promosse per la trasparenza ecc. B9 Implementazione della sezione Trasparenza, valutazione e merito con ulteriori canali (statuto e regolamenti dell Ente; qualità dei servizi erogati e carte dei servizi; albo dei beneficiari di provvidenze di natura economica); B0 Messa a regime nella sezione Trasparenza, valutazione e merito del canale dedicato ai servizi al cittadino; B Realizzazione della Giornata della trasparenza ;

13 Esiti Questionario Trasparenza, Valutazione e Merito - pagina 3 Sezione Ulteriori informazioni da pubblicare nel Portale Istituzionale Suggerimenti Nella tabella sottostante sono riportati i suggerimenti forniti dagli intervistati all item C del questionario. A questa sezione del questionario hanno fornito un riscontro 2 associazioni di consumatori su 5. Risposta n. Pubblicazione annuale di statistiche relative alle attività dell'amministrazione comunale, ad es. quelle inerenti alla gestione dei reclami, dei contenziosi nonché delle azioni di conciliazione tra cittadini ed Ente. Dalla risposta n. emerge un suggerimento che si ritiene essere in linea con la logica dell amministrazione cd. aperta. Sezione Ulteriori azioni in tema di Trasparenza e Integrità Suggerimenti Nella tabella sottostante sono riportati i suggerimenti relativi all item D del questionario. A questa sezione del questionario hanno fornito un riscontro 4 associazioni di consumatori su 5. Risposta n. 2 Pubblicazione della Carta dei Servizi. Risposta n. Introduzione di nuove modalità di composizione stragiudiziale dei conflitti tra cittadini ed amministrazione comunale attraverso lo strumento della conciliazione paritetica con l'intervento delle associazioni dei consumatori. Risposta n. 2 Avvio procedura extragiudiziale: conciliazione paritetica con le associazioni dei consumatori nelle controversie con i cittadini. Risposta n. 3 Estesa informativa ai cittadini, con strumenti diversi dal web, sul sistema della trasparenza e dell'integrità Introduzione dell'impegno più significativo: razionalizzazione e snellimento delle procedure di diffusione ai cittadini dei dati essenziali sulla trasparenza ed integrità. Infatti, la superfetazione dei dati è l'antitesi della trasparenza! Risposta n. 4 B.3 Utile solo inserimento albo beneficiari provvidenze economiche (il resto è solo appesantimento del sistema) B.4 Precisare tempistica della verifica periodica B.6 Precisare cosa vuol dire e in cosa consiste lo sviluppo di gestione dei reclami B. Non può essere un impegno perché troppo generico e indefinito. Alle risposte numeri, 2 e 3 emerge, in via prevalente, un suggerimento relativo alla gestione condivisa con le associazioni dei conflitti con i cittadini, sia in sede giudiziale che extragiudiziale. Nella risposta n. 4 sono indicati invece dei suggerimenti relativi all item B circa le azioni intraprese per l annualità 202 dall Amministrazione capitolina nell ambito del Programma triennale per la Trasparenza.

14 Esiti Questionario Trasparenza, Valutazione e Merito - pagina 4 Sezione Ulteriori Servizi On-Line per gli utenti Suggerimenti Nella tabella sottostante sono riportati i suggerimenti relativi all item E del questionario. A questa sezione del questionario hanno fornito un riscontro 2 associazioni di consumatori su 5. Risposta n. Ampliamento di tutti i servizi anagrafici e ulteriori servizi erogati dai municipi. Risposta n. 2 Spazio dedicato alla possibilità di comunicare con i cittadini (sezione che magari generi una mail in automatico per gli URP, dove il cittadino possa segnalare disagi, disservizi, fare domande). Dalla risposta n. emerge l ipotesi di un ampliamento dell attuale offerta dei servizi anagrafici erogati on-line dall Amministrazione comunale nonché dai singoli Municipi. Con il suggerimento indicato alla risposta n. 2 si invita ad una riflessione sulle attuali modalità di gestione del servizio Segnalazione reclami e suggerimenti.

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Questionario indagine di customer su servizi e progetti innovativi di Roma Capitale

Questionario indagine di customer su servizi e progetti innovativi di Roma Capitale Questionario indagine di customer su servizi e progetti invativi di Roma Capitale 1. Sei M F 2. Qual è la tua età? Fi a 20 anni Da 21 a 40 anni Da 41 a 60 Oltre i 60 anni 3. Qual è il tuo titolo di studio?

Dettagli

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp Come specificato dalla Direttiva N.8/2009 del Ministero della Pubblica Amministrazione e Innovazione, la registrazione di nomi a dominio.gov.it è richiesta a tutte le Pubbliche Amministrazioni, al fine

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

RAPPORTO GENERALE SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2011 NEI COMUNI METROPOLITANI

RAPPORTO GENERALE SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2011 NEI COMUNI METROPOLITANI 6y5gtt Luglio 2013 RAPPORTO GENERALE SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2011 NEI COMUNI METROPOLITANI Il presente documento (*) fornisce un quadro sintetico delle risultanze dell analisi condotta

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Open Government Partnership Piano d azione Nazionale 2014 2016

Open Government Partnership Piano d azione Nazionale 2014 2016 Open Government Partnership Piano d azione Nazionale 2014 2016 Dicembre 2014 Sommario Introduzione...1 Le azioni del Governo italiano...2 Il processo di stesura del secondo Piano d azione OGP...3 Le Azioni...4

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione Radar Web PA Valutazione della qualità dei siti web Livello d interazione Sezione di trasparenza Open data Open Content Valutazione Partecipazione Presenza 2.0 Contenuti minimi Dominio.gov Dichiarazioni

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE 1 1. Cos è la Carta della qualità dei servizi La realtà sempre più completa ed articolata delle pubbliche amministrazioni, se da un lato consente di offrire servizi diversificati alla cittadinanza, dall

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori 1 ESEMPIO INDICATOI PE UN POGETTO DI DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DI UN PIANO DELLA FOMAZIONE AMBITO DI INTEVENTO: MIGLIOAMENTO NELLE PATICHE DI GESTIONE

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti web della PA 2011 Dipartimento per la Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e l Innovazione Tecnologica DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione A Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione... 3 A.1 Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione a livello nazionale...

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

Procedura per la Pre-registrazione, registrazione e l iscrizione delle imprese nell Albo Fornitori della Società Aeroporto Toscano G. Galilei S.p.A.

Procedura per la Pre-registrazione, registrazione e l iscrizione delle imprese nell Albo Fornitori della Società Aeroporto Toscano G. Galilei S.p.A. Procedura per la Pre-registrazione, registrazione e l iscrizione delle imprese nell Albo Fornitori della Società Aeroporto Toscano G. Galilei S.p.A. I passi necessari per completare la procedura sono:

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo.

Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo. Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo. Guida semplice per i clienti alla Conciliazione Paritetica on-line Per risolvere le controversie in modo semplice, veloce e gratuito,

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Dipartimento Comunicazione Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Sommario 1. Premessa... 3 2. Identificazione al Portale di Roma Capitale tramite documento d identità... 4 2.1 Registrazione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Castel San Pietro Terme, 9 maggio 2014 Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Ruggeri Denis Docente sezione ospedaliera IIS Castelli Brescia, collaboratore MIUR per il portale nazionale della

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

Linee guida per i siti web della PA

Linee guida per i siti web della PA Linee guida per i siti web della PA art. 4 della Direttiva 8/09 del Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione - ANNO 2010-26 luglio 2010 Sommario Presentazione e sintesi... 3 1. Destinatari

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del destinatario Sistema Express Import di TNT Il sistema Express Import di TNT Le consente di predisporre il ritiro di documenti, pacchi o pallet in 168 paesi con opzione

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it 1 Introduzione...3 2 Registrazione di un nuovo dominio gov.it...3 3 Cambia Dati di un dominio...9 3.1 Variazione record di zona o DNS Dominio con

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

La valutazione delle prestazioni

La valutazione delle prestazioni PROVINCIA DI LECCE La valutazione delle prestazioni SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1 SOMMARIO 1. PREMESSA...3 2. STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE...3

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 \ Premessa L obiettivo generale I settori chiave di intervento La cittadinanza digitale Il welfare e la salute Il fisco L edilizia L impresa Gli strumenti

Dettagli

DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI IN MATERIA VIVAISTICA E DI DIFESA FITOSANITARIA

DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI IN MATERIA VIVAISTICA E DI DIFESA FITOSANITARIA PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale dell'agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI ALLEGATO A STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI SEGRETARIO GENERALE Individuazione aree/p.o. e ripartizione dei servizi AREA - POSIZIONE ORGANIZZATIVA N.1 1) Servizio affari generali, servizio

Dettagli

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L Agenzia delle Entrate La sua funzione strategica, a servizio dei cittadini e

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

Iscrizione al ReGIndE. tramite il Portale dei Servizi Telematici

Iscrizione al ReGIndE. tramite il Portale dei Servizi Telematici Aste Giudiziarie Inlinea S.p.A. www.procedure.it Iscrizione al ReGIndE (Registro Generale degli Indirizzi Elettronici) tramite il Portale dei Servizi Telematici Vademecum operativo realizzato dalla società

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli