Due nuovi paradigmi per lo sviluppo e la razionalizzazione di possibili azioni di prevenzione (1): la matrice IDA per l'identificazione delle Azioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Due nuovi paradigmi per lo sviluppo e la razionalizzazione di possibili azioni di prevenzione (1): la matrice IDA per l'identificazione delle Azioni"

Transcript

1 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Due nuovi paradigmi per lo sviluppo e la razionalizzazione di possibili azioni di prevenzione (1): la matrice IDA per l'identificazione delle Azioni [2005] Pubblicato in Sicurezza stradale: verso il 2010, a cura di Franco Taggi, Istituto Superiore di Sanità, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Roma 2005, pp Il contenuto di questa pubblicazione può essere utilizzato citando la fonte nel modo seguente: Franco Taggi, "Due nuovi paradigmi per lo sviluppo e la razionalizzazione di possibili azioni di prevenzione (1): la matrice IDA per l'identificazione delle Azioni", in Sicurezza stradale: verso il 2010, a cura di Franco Taggi, Istituto Superiore di Sanità, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Roma 2005, pp

2 14. LIBRO (91-100) G :22 Pagina 91 Due nuovi paradigmi per lo sviluppo e la razionalizzazione di possibili azioni di prevenzione (1): la matrice IDA per l Identificazione delle Azioni * Franco Taggi Reparto Ambiente e Traumi, Dipartimento Ambiente e connessa prevenzione primaria, Istituto Superiore di Sanità Roma Introduzione Gli incidenti stradali sono un fenomeno ad eziologia multifattoriale, nel senso che il loro determinarsi nasce da fattori tra loro interagenti, fattori che si collocano a diversi metalivelli. In termini concreti, alla base di tutto stanno quelli che potremmo definire fattori fisici, caratteristiche relate alla capacità del soggetto di svolgere funzioni elementari nella guida del veicolo (quali avere abbastanza forza per frenare o girare il volante, ecc.), oppure caratteristiche primarie di acquisizione di informazione (vista, udito, ecc.). Vengono poi dei fattori più specificamente cognitivi, ovvero la capacità di analizzare i segnali, di riconoscere per tempo quello che è necessario riconoscere, di decidere cosa fare, di farlo. Ci sono poi un gran numero di fattori che potremmo definire psico-socio-comportamentali, dove trovano posto la salute mentale del soggetto, l eventuale uso di alcol e sostanze in connessione con la guida, l aggressività, le abitudini sociali in genere, ed altro ancora. Il tutto, poi, è immerso in una Società che può avere regole specifiche, come pure disattenzione per alcuni aspetti del fenomeno. Da tutto questo si comprende la complessità dell argomento che stiamo trattando, come pure l arbitrarietà di possibili classificazioni, di cui quella ora presentata è una delle possibili: ad esempio, vista ed udito sono sì fattori fisici, nel senso di fattori fondamentali, di base; tuttavia, il loro carattere è certamente anche cognitivo, nel senso forte del termine. Comunque, è bene tenere a mente che le classificazioni sono a volte puri strumenti di lavoro, realizzati per meglio colloquiare tra noi. E in questo senso va * Il presente lavoro è stato prodotto nell ambito delle attività del progetto DATIS2, coordinato dall Istituto Superiore di Sanità e finanziato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 91

3 14. LIBRO (91-100) G :22 Pagina 92 SICUREZZA STRADALE: VERSO IL 2010 inteso quanto prima presentato. Alla luce di questa difficoltà intrinseca della problematica, appare conveniente disporre di schemi, modelli, che ci guidino nel considerare il da farsi, modelli verso i quali indirizzare l attenzione per far sì che i nostri ragionamenti, e quello che riteniamo di dover considerare, siano all altezza della complessità trattata. Con questo modo di procedere, inoltre, si può forse essere maggiormente confidenti che le decisioni finali possano presentare un carattere di maggiore condivisibilità. Questo tipo di approccio è stato inizializzato da Haddon, il padre della moderna accidentologia, che ha in merito fornito molti esempi e schemi (1,2). In questa nota (e in quella immediatamente successiva) si cercherà di mettere in luce l utilità di due nuovi contesti logici (la matrice IDA per l Identificazione delle Azioni e la matrice ADA per l Adeguatezza delle Azioni) all interno dei quali possano razionalmente essere considerate, inquadrate e selezionate azioni di prevenzione nel settore degli incidenti stradali (e non solo). Questi due modelli, o schemi come dir si voglia, hanno quindi una precisa funzione metodologica, stabiliscono un percorso a fronte dell elevata variabilità e complessità delle cose da indagare, ricordandoci, da utili memo metodologici, tutto quello che a priori sembra importante prendere in considerazione. L opportunità di impiegare questi contesti logici non è limitata al solo ambito fenomenologico qui considerato (gli incidenti stradali), ma ha un suo valore anche per altre problematiche, quali gli incidenti domestici, quelli sul lavoro, i traumi sportivi, sino ad interessare eventi più complessi come la violenza contro se stessi e contro gli altri, ovvero qualunque fenomeno che abbia spiccate caratteristiche di sistema e che presenti quindi alta complessità e risposte generalmente non-lineari. Quello che sembra di maggiore interesse, in termini di azione sanitaria e di lavoro svolto dai diversi operatori, anche per aspetti di ricerca, è che in questa prospettiva si tende sempre ad avere una visione più chiara di quello che si sta facendo e di dove si possano configurare eventuali ricadute di quello che si sta facendo. Quindi, tanto per fare un esempio, nel seguito non ci riferiremo semplicemente alla prevenzione, ma a ben precisi livelli di prevenzione. I livelli temporali della prevenzione L attivazione di azioni di prevenzione volte a far sì che eventi indesiderati non accadano (o accadano con minor frequenza e/o minore gravità delle conseguenze) rappresenta l ultimo anello di una catena complessa che va dall osservazione dei fenomeni stessi alla quantificazione della frequenza del loro accadimento, dalla messa in luce di caratteristiche che favoriscono il loro realizzarsi alla valutazione dell effettiva possibilità di rimuovere dette caratteristiche. Questo percorso, che rappresenta lo svolgersi di fasi fondamentali dell epidemiologia descrittiva ed analitica, una volta giunto a maturazione, mette spesso a nostra disposizione informazioni decisive che ci permettono di considerare concretamente il problema della prevenzione, intesa nel senso più lato 92

4 14. LIBRO (91-100) G :22 Pagina 93 LA MATRICE IDA PER L IDENTIFICAZIONE DELLE AZIONI e strutturato del termine, ovvero nei quattro livelli temporali successivi nei quali può inquadrarsi quello che possiamo sperare di realizzare in termini di specifiche azioni: - I livello: azioni che tendono a far sì che l incidente non si realizzi; - II livello: azioni che tendono a minimizzare i danni prodotti dall incidente durante il suo svolgimento; - III livello: azioni che tendono a minimizzare i danni prodotti dall incidente dopo che questo si è realizzato (primo soccorso, sistemi dell emergenza-urgenza, pronto soccorso, fase di ricovero); - IV livello: azioni che tendono a minimizzare gli esiti dell incidente successivamente alla guarigione clinica del soggetto infortunato. I predetti livelli, in forma semplificata (prima-durante-dopo) sono stati per la prima volta proposti da W.Haddon jr (2), successivamente estesi nella forma qui mostrata (prima-durante-dopo-dopo ancora) da J.T.Jones (3), e costituiscono la struttura della fase Prevenzione nel modello DFPV (Dati-Fattori di rischio-prevenzione-valutazione), dove l ultimo livello è stato esteso anche alla riabilitazione sociale del soggetto infortunato (4,5). Chi scrive, nel partecipare in qualità di temporary adviser dell OMS alla messa a punto di questo schema, fece notare che nei fatti i livelli così definiti caratterizzano l impatto prevalente dell azione di prevenzione, in quanto una stessa azione generalmente può agire a più livelli; in altre parole, questi livelli mostrano il contributo principale dell azione, poiché gli effetti che da essa derivano sono spesso come un onda che deborda beneficamente. Ad esempio, un azione efficace volta a far sì che la gente beva meno prima di guidare un veicolo ha certo un grosso impatto nel prevenire l accadimento dell incidente stradale, ed è quindi un azione che si colloca decisamente al primo livello; d altra parte, se il conducente si è limitato nell assunzione di bevande alcoliche, o si mette alla guida dopo aver in parte metabolizzato l alcol assunto, nel malaugurato caso che l incidente comunque si realizzi sarà in migliori condizioni per far fronte all evento (si renderà conto della situazione più tempestivamente, frenerà prima, ecc.); e magari, grazie alla maggiore lucidità, avrà anche indossato la cintura di sicurezza e guiderà il veicolo ad una velocità più moderata. Nel complesso, si avrà una minore probabilità di incidente e, se mai l incidente si realizzasse, meno energia in gioco, più protezione probabile, danni minori e maggiormente trattabili, unitamente ad eventuali esiti invalidanti assenti o ridotti. Tutto questo mostra chiaramente che gli effetti di una azione come quella indicata a mò d esempio -, centrata sul primo livello dello schema di Jones, si possono riverberare in vari modi anche sui livelli successivi. In altre parole, anche se specificamente di primo livello, essa contribuirà a limitare in qualche modo problemi che potrebbero sorgere ai livelli successivi. Ne consegue che può essere opportuno caratterizzare l efficacia dell azione su tutti i livelli a cui le è dato esplicarsi. 93

5 14. LIBRO (91-100) G :22 Pagina 94 SICUREZZA STRADALE: VERSO IL 2010 La Matrice IDA per l Identificazione delle Azioni Certamente, i livelli in sequenza indicati forniscono una prima chiara idea di quando possiamo intervenire per spezzare la catena accadimento-gravità degli eventi da contrastare. Accanto a questo schema temporale, che deve essere sempre tenuto a mente onde aver ben chiaro il momento in cui l azione da noi considerata interviene, possiamo però anche cercare di esplicitare altre caratteristiche in grado di suggerirci indicazioni su aspetti che possono contribuire alla genesi degli eventi che vogliamo controllare. Ad esempio, in relazione ad eventi in cui è coinvolto un prodotto, è opportuno considerare tre livelli eziologici: - la sicurezza (insicurezza ) del prodotto all origine (alla sua nascita, non solo in termini di caratteristiche progettuali, ma anche in termini corretta istallazione, di intrinseca pericolosità, ecc.); - la sicurezza indotta da una sua corretta manutenzione; - la sicurezza relata al corretto uso dello stesso. Questi tre aspetti sono sintetizzabili nell acronimo OMU (Origine- Manutenzione-Utilizzo). Orbene, quanto detto vale per gli utenti della strada, per i veicoli, per l ambiente stradale e per la Società all interno della quale si svolge la nostra vita di tutti i giorni. Indicheremo questi ulteriori aspetti con l acronimo UVAS (Utente, Veicolo, Ambiente, Società). Nell ambito di specifiche tipologie di infortunio, il prodotto cartesiano OMUxUVAS fornisce una comoda matrice, che indicheremo in seguito come Matrice IDA (IDA sta per Identificazione delle Azioni ), che permette di caratterizzare aspetti legati alla genesi e al verificarsi dell infortunio e che può essere considerata sistematicamente a fronte del fenomeno che interessa onde trarne indicazioni per possibili indirizzi di ricerca e strategie di prevenzione (o anche di ricerca) da adottare: Matrice IDA ORIGINE MANUTENZIONE UTILIZZO UTENTE C11 C12 C13 VEICOLO C21 C22 C23 AMBIENTE C31 C32 C33 SOCIETA C41 C42 C43 A puro titolo di informazione, nel caso di problemi relativi alla sicurezza in casa, la matrice IDA assume una forma leggermente diversa: 94

6 14. LIBRO (91-100) G :22 Pagina 95 LA MATRICE IDA PER L IDENTIFICAZIONE DELLE AZIONI ORIGINE MANUTENZIONE UTILIZZO UTENTE C11 C12 C13 STRUTTURA C21 C22 C23 IMPIANTO C31 C32 C33 PRODOTTO C41 C42 C43 SOCIETA C51 C52 C53 Vediamo ora più in dettaglio il significato delle diverse cellette della matrice in questione, fornendo nei diversi casi alcuni esempi a scopo illustrativo. C11 - Utente-Origine (pericolosità all origine dell utente): utente che ignora o trascura le norme basilari della sicurezza o addirittura sensation seeking ; alcolista o bevitore eccessivo; utilizzatore di sostanze psicoattive; portatore di malattie che favoriscono accadimento e gravità dell infortunio; in terapia con farmaci che possono avere effetti negativi sull attenzione, sull equilibrio, ecc., ecc.. C12 - Utente-Manutenzione (pericolosità dell utente secondaria ad una cattiva manutenzione di se stesso): diabete non controllato, problemi di vista non adeguatamente corretti, alimentazione eccessiva o insufficiente, ipertensione non trattata, debito di sonno, ecc.. C13 - Utente-Utilizzo (pericolosità indotta dall utente che chiede a se stesso prestazioni che non è in grado di svolgere in sicurezza): sforzi eccessivi, tempo di guida troppo prolungato (ad esempio, in conducenti professionisti), prestazioni ad alto rischio per l età o lo stato di salute dell utente (es. lunga percorrenza, o guida notturna, in soggetti anziani), ecc. C21 - Veicolo-Origine (pericolosità all origine del veicolo o intrinseca del veicolo stesso): veicoli instabili intrinsecamente (biciclette, ciclomotori, motociclette), fuoristrada, ecc.. C22 - Veicolo -Manutenzione (pericolosità indotta da una manutenzione assente o non adeguata o scorretta del veicolo): manutenzione assente o disattenta dell impianto frenante, mancata sostituzione di pneumatici ormai usurati, ecc.. C23 - Veicolo -Utilizzo (pericolosità indotta dall uso inadeguato del veicolo da parte dell utente): es. veicoli caricati eccessivamente, velocità inadeguate alle possibilità del veicolo, ecc... C31 - Ambiente-Origine (pericolosità all origine dell ambiente stradale): strade non perfettamente a norma, curve particolarmente pericolose, fondo stradale inadeguato alla nascita per le condizioni climatiche del posto, intersezioni a raso, segnaletica non chiara od eccessiva, ecc.. C32 - Ambiente -Manutenzione (pericolosità indotta da una manutenzione assente o scorretta dell ambiente stradale): segnali illeggibili, stop o strisce pedonali scoloriti, buche, rami di albero che coprono segnali o semafori, ecc.. C33 - Ambiente -Utilizzo (pericolosità indotta dall uso inadeguato dell am- 95

7 14. LIBRO (91-100) G :22 Pagina 96 SICUREZZA STRADALE: VERSO IL 2010 biente stradale da parte dell utente): es. velocità eccessiva in relazione all ambiente stradale percorso, percorrenza in tratti vietati al veicolo guidato, ecc.. D altra parte, ogni nostro problema è immerso in un contesto generale, dato dalla Società in cui viviamo, Società che anch essa può presentare pericolosità intrinseca, cattiva capacità di adeguarsi ai mutamenti, cattiva gestione di se stessa. Avremo così: C41 - Società- Origine (pericolosità all origine della Società): Società senza leggi specifiche o con leggi non sufficientemente adeguate in relazione ai problemi esistenti, disattenta o permissiva su problemi della sicurezza, ecc.. C42 - Società- Manutenzione (pericolosità della Società in relazione ad una sua scarsa capacità di adeguare le regole all evolversi delle cose): Società che trascura di affrontare in concreto i problemi emergenti, disattenta ai cambiamenti, ecc.. C43 - Società- Utilizzo (pericolosità indotta da un cattivo utilizzo delle possibilità che la Società offre): es. Società che non contrasta il diffondersi di messaggi che indirizzano verso comportamenti dannosi per la sicurezza. Se nella matrice IDA si assegnano ai vari box dei pesi, si possono trarre anche delle indicazioni di massima a carattere semi-quantitativo: per esempio, nel caso più semplice, possiamo assegnare dove ha senso farlo - ai vari coeficienti Ci,j punteggio 1 se qualcosa non va e 0 se invece non ci sono situazioni critiche. Sommando tutti i punteggi così ottenuti nel considerare uno specifico problema, e dividendo il totale ottenuto per il numero di punteggi assegnati, si ha quindi un indice variabile tra 0 e 1, che potremmo chiamare indice di causalità dell evento (IDC): - a IDC=0 corrisponde la totale ineluttabilità (casualità) dell evento stesso: l evento accade perché è naturale che accada, nulla (o pochissimo) può essere fatto affinché non accada; - a IDC=1 la inevitabile necessità dell accadimento dell evento come fatale conseguenza di uno stato di cose assolutamente non adeguato. (si noti che, invertendo la scala dei punteggi, si ottiene in corrispondenza un indice di casualità, pari ad 1quando l evento è puramente da attribuire al caso e pari a 0 quando questo nasce da cause ben definite). A nostro parere, l uso semi-quantitativo della matrice IDA va certamente esplorato, ma non crediamo che possa essere nel breve di utilità più di tanto. Riteniamo, invece, che riempire con i punteggi tale matrice potrebbe essere di interesse per avere una visione sintetica e condivisa degli aspetti cruciali del problema trattato. L uso a priori della matrice IDA Per chiarire quanto ora detto, applichiamo la matrice IDA ad un evento preciso,. in genere così riportato dall operatore nella descrizione aperta dell inci- 96

8 14. LIBRO (91-100) G :22 Pagina 97 LA MATRICE IDA PER L IDENTIFICAZIONE DELLE AZIONI dente: Mentre era alla guida della propria auto, perdeva il controllo per un improvviso malore e usciva fuori strada. Orbene, nel considerare come prevenire eventi di questo tipo, si vede immediatamente che dobbiamo concentrarci sull utente: - egli deve essere non pericoloso all origine (e quindi in stato di buona salute o, comunque, compatibile con la guida): questo filtraggio è quanto viene fatto all atto dell acquisizione della patente di guida e successivamente con le visite per il rinnovo della stessa; - egli deve manutenersi adeguatamente: ad esempio, se è epilettico, diabetico o cardiopatico, deve puntualmente seguire le indicazioni terapeutiche del medico curante; - egli deve utilizzarsi ragionevolmente e non chiedere a se stesso più di quanto sia lecito chiedere: un cardiopatico, curato che sia, non può certo intraprendere viaggi lunghi e faticosi. Il primo punto suggerisce di prestare particolare attenzione agli esami di idoneità, cercando di migliorarne in base all esperienza acquisita sensibilità, specificità e valori predittivi relativi al rilascio della patente di guida; il secondo enfatizza il ruolo del medico curante nel far sì che il soggetto segua attentamente, e con costanza, le sue indicazioni terapeutiche: il terzo sottolinea l utilità di una corretta informazione su quanto è lecito chiedere a se stessi in base alle proprie condizioni fisiche. Abbiamo quindi identificato tre possibili linee d azione per prevenire gli eventi del tipo prima caratterizzato. Se tutto questo viene fatto (l utente è sostanzialmente idoneo alla guida, segue bene le eventuali indicazioni terapeutiche, non chiede a se stesso prestazioni eroiche o inopportune), allora non è irragionevole pensare che quello che succede, succede perché doveva succedere. Una morte improvvisa o, comunque, un malore è sempre possibile, anche in persone apparentemente sane: l importante è che questo non avvenga perché il soggetto fa uso di cocaina (che può dare, tra l altro, morte improvvisa), o perché trascura di prendere farmaci, o perché con un cuore in cattive condizioni si imbarca in un viaggio di 800 chilometri. In questa analisi, Veicolo e Ambiente non sembrano avere particolare rilevanza; tuttavia, è sempre bene riflettere. Ad esempio, se il soggetto è pericoloso all origine perché bevitore eccessivo, allora un veicolo dotato di dispositivo che impedisce l accensione del motore nel caso egli abbia bevuto (questi dispositivi analizzano l espirato del conducente e riconoscono la presenza di etanolo) può fare la differenza. In altre parole, anche se non immediatamente evidenti, la matrice IDA può aiutare ad individuare sempre nuove possibilità di prevenzione. L uso a posteriori della matrice IDA Si osservi che la matrice IDA può essere utilizzata sia a priori (come già visto), sia a posteriori nell analisi di uno specifico incidente (o gruppi di inci- 97

9 14. LIBRO (91-100) G :22 Pagina 98 SICUREZZA STRADALE: VERSO IL 2010 denti analoghi). In questo caso, forse, l indice di causalità può essere di altrettanta utilità. Vediamone tre esempi, tutti basati sull evento prima considerato (malore improvviso di conducente di automobile). Primo esempio: Il signor Mario Rossi, di anni 53, cardiopatico, in terapia correttamente da lui seguita, durante un viaggio da Roma a Milano, sveniva alla guida della propria auto, tamponando un camion che lo precedeva. Esami tossicologici negativi. La matrice IDA in questo caso si presenta in questo modo: ORIGINE MANUTENZIONE UTILIZZO UTENTE VEICOLO AMBIENTE SOCIETA Abbiamo assegnato 1 come origine al signor Rossi perché cardiopatico, 0 come manutenzione perché ben curato, 1 come utilizzo (di se stesso) perché si costringe ad un carico di guida che non è compatibile con il suo stato di salute. Veicolo ed ambiente non sembrano aver avuto particolare rilevanza in questo caso (e quindi li escluderemo dal computo); alla Società possiamo assegnare 0 sia come origine, sia come manutenzione, in quanto i problemi di salute del conducente sono ben considerati dalla legge, ed opportunamente aggiornati, anche confrontandosi con le esperienze degli altri paesi; dando però un 1 al coefficiente C43, in quanto l informazione promossa per una guida sicura in chi presenta problemi della natura considerata non appare proprio brillante. Per questo specifico caso, l indice di causalità calcolato sui box pertinenti, avrebbe un valore pari a IDC = 3/6 = Secondo esempio: Il signor Mario Rossi, di anni 24, in stato di buona salute, durante un viaggio da Roma a Milano, sveniva alla guida della propria auto, tamponando un camion che lo precedeva. Il soggetto è risultato negativo agli esami tossicologici effettuati per rilevare la presenza di alcol e/o sostanze. ORIGINE MANUTENZIONE UTILIZZO UTENTE VEICOLO AMBIENTE SOCIETA Assegniamo ora 0 come origine al signor Rossi perché giovane in buona salute, non sotto l influenza di sostanze psicotrope, 0 come manutenzione perché non necessaria, 0 come utilizzo (di se stesso) perché la lunghezza del viaggio è compatibile con il suo stato di salute. Veicolo ed ambiente non sembrano ancora una volta aver avuto particolare rilevanza (e quindi i relativi box restano inattivati); alla Società possiamo assegnare 0 sia come origine, sia come 98

10 14. LIBRO (91-100) G :22 Pagina 99 LA MATRICE IDA PER L IDENTIFICAZIONE DELLE AZIONI manutenzione, in quanto i problemi di salute del conducente come detto - sono ben considerati dalla legge, ed opportunamente aggiornati, anche confrontandosi con le esperienze degli altri paesi; diamo ancora però un 1 al coefficiente C43, per le ragioni prima esposte, che hanno valore anche in termini generali. Per questo specifico caso, l indice di causalità calcolato sui box pertinenti, ha ora un valore pari a IDC = 1/6 = Terzo esempio: Il signor Mario Rossi, di anni 27, in stato di buona salute, durante un viaggio da Roma a Milano, sveniva alla guida della propria auto, tamponando un camion che lo precedeva. Il soggetto è risultato positivo agli esami tossicologici effettuati per rilevare la presenza di sostanze psicotrope (alcol e cocaina). Prima di perdere i sensi, il Rossi ha tentato di frenare, ma sia per l impianto frenante che è risultato inefficiente, sia per l elevata velocità del veicolo, la manovra non è riuscita. ORIGINE MANUTENZIONE UTILIZZO UTENTE VEICOLO AMBIENTE SOCIETA Assegniamo ora 1 come origine al signor Rossi perché fa uso di alcol e di cocaina, 0 come manutenzione perché non necessaria (sembra in buona salute o meglio, lo era prima dell incidente ), 1 come utilizzo (di se stesso) perché fa un viaggio in stato psicofisico alterato. Assegnamo 1 alla manutenzione del veicolo, carente, e 1 all utilizzo del veicolo (velocità eccessiva); alla Società possiamo assegnare 1 come origine, in quanto la diffusione dell uso della cocaina è assai elevata, 0 come manutenzione, in quanto attenta ai problemi in cui è incorso il signor Rossi; diamo ancora una volta il punteggio 1 al coefficiente C43, in quanto in termini generali non si può dire che la Società dia dei segnali così decisi nei confronti della guida a velocità eccessiva e della guida sotto l influenza dell alcol e delle sostanze. Per questo specifico caso, l indice di causalità calcolato sui box pertinenti, ha ora un valore pari a IDC = 6/8 = In senso semi-quantitativo, la matrice IDA può essere ulteriormente sfruttata, sia utilizzando scale più complesse non semplicemente dicotomiche sia considerando quantità in relazione ai totali di riga o di colonna (si potrebbero stimare così dei pesi relativi delle caratteristiche considerate in IDA e quantificare possibili loro interazioni). Come tuttavia abbiamo già segnalato, questi sviluppi relati alla manipolazione del contenuto informativo della matrice IDA ci sembrano nel breve meno interessanti rispetto a quanto può derivare dalle indicazioni che possono trarsi ai fini della prevenzione, considerando quanto la matrice in questione pone alla nostra attenzione ed alla nostra riflessione. 99

11 14. LIBRO (91-100) G :22 Pagina 100 SICUREZZA STRADALE: VERSO IL 2010 CONCLUSIONI La matrice IDA si pone come ausilio nell identificazione di possibili azioni di prevenzione e fornisce indicazioni puntuali nell individuare dove sia concentrata la propensione a far sì che l evento si realizzi. Il suo utilizzo, tuttavia, può essere anche quello di fornire in forma semi-quantitativa delle indicazioni sul grado di suscettibilità alla prevenzione degli eventi trattati, come pure nel quantificare (sempre in termini semi-quantitativi) quanto l evento accaduto dipenda da certe caratteristiche legate alla persona, al veicolo, all ambiente e alla Società stessa. L interesse che queste ulteriori possibilità della matrice potrebbero avere l analisi degli incidenti e per la loro prevenzione sarà certamente reso più chiaro da future applicazioni a problemi reali. BIBLIOGRAFIA 1) W.Haddon jr On the escape of tigers: an ecologic note, Technol.Rev. 72, (1970) (v. anche Leon S.Robertson Injury Epidemiology, Oxford University Press, 1992, pagg ) 2) W.Haddon jr A logical framework for categorizing highway safety phenomena and activity, J.Trauma 12, (1972) 3) J.T.Jones Meeting of national counterparts on accidents prevention to consider preparation of model programmes, Vienna November 1984, WHO ICP/APR 101 m E, December ) F..Taggi Epidemiologia e costi degli incidenti stradali, Atti della 38ª Conferenza del Traffico e della Circolazione, pp , Stresa, ottobre ) F. Taggi Una strategia di intervento globale per la prevenzione degli incidenti stradali, Atti della 41 Conferenza nazionale del Traffico e della Circolazione, 2 supplemento, pag. 2-4 (1985) 100

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Accendi le luci. Ora anche di giorno.

Accendi le luci. Ora anche di giorno. Accendi le luci. Ora anche di giorno. Più luce, maggiore sicurezza. I veicoli che circolano con le luci anabbaglianti o di marcia diurna accese vengono riconosciuti prima, riducendo così notevolmente il

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città?

A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? Giornata dedicata ai media e agli ospiti Giovedì, 1 luglio 2010 Pista dei crash test a Wildhaus 1 Contenuto Benvenuto 4 Programma

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare 1. In generale Conformemente all articolo 4 capoverso 2 dell ordinanza dell Assemblea federale

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it La Laprova completa su Corriere.it Piaggio MP3 LT 30o IE Sport Quadro 350S e Peugeot Metropolis : 400 tre scooter a tre ruote prova completa. con immagini e commenti è su motori.corriere.it Sitorna sul

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli