PAPG PROGRAMMA ABILITAZIONE PRECOCE GENITORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PAPG PROGRAMMA ABILITAZIONE PRECOCE GENITORI"

Transcript

1 DIPARTIMENTO: DBN U.O.: Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza - U.O.N.P.I.A - S.A.P.R.E. Direttore: Dott.ssa Maria Antonella Costantino SAPRE Settore di Abilitazione Precoce dei Genitori Coordinatore: Chiara Mastella Viale Ungheria, Milano Tel Fax Numero Verde: Cell PAPG PROGRAMMA ABILITAZIONE PRECOCE GENITORI a. Introduzione Il Programma Abilitazione Precoce dei Genitori è un programma articolato, rivolto ai genitori e agli altri adulti che vivono intorno al bambino, che affronta i problemi legati alla quotidianità e alla malattia vissuti nell arco della giornata dalla famiglia che vive a casa con il bambino affetto da SMA 1. È necessario, sulla base dell esperienza e della conoscenza scientifica della malattia, avviare DA SUBITO (in seguito alla diagnosi) un programma di formazione che per questo abbiamo definito precoce dei genitori, che permetta di affrontare con le adeguate cautele e nello stesso tempo in modo efficace tutti gli aspetti che la malattia presenterà nella sua evoluzione. Il programma di abilitazione precoce dei genitori (PAPG) dura circa ore ed è rivolto principalmente ai genitori ed ai familiari in prima battuta. Successivamente può essere esteso agli operatori che ne fossero interessati. Si tiene presso questo servizio pubblico, su richiesta della famiglia. Non ha costo per i genitori, né tanto meno per gli operatori. Il bambino gode dell Assistenza Sanitaria obbligatoria e dell esenzione dal ticket per malattia rara. Il corso prevede un learning by doing di almeno tre moduli di otto ore circa ciascuno, per poter gestire a casa, per il maggior tempo possibile, le complicanze della vita quotidiana. Il PAPG si compone dei seguenti moduli di addestramento nella vita quotidiana: ampliamento delle conoscenze e delle competenze dei genitori; gestione delle fasi di: alimentazione, postura, sonno, respirazione, urgenza, emergenza; capacità di affrontare le urgenze: utilizzo dei presidi di primo livello (aspiratore, saturimetro, macchina della tosse, sondini); capacità di affrontare le emergenze: manovre di emergenza (ambu); ventilazione non invasiva in collaborazione con ospedale Buzzi di Milano e Gaslini di Genova; empowerment altri famigliari e operatori; educazione del bambino: la Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA); tempo libero; spiegazione delle opportunità offerte dal Servizio Sanitario Nazionale; collaborazione con il pediatra di base. Il PAPG offre l opportunità di imparare subito a conoscere la malattia e tutti i segreti che nasconde, in ogni momento della giornata, a casa, fuori, padroneggiando tutti quei trucchi che alla SMA inevitabilmente si associano, tra manovre, macchine e accessori, in modo da ridurre al minimo quegli effetti imprevisti che possono cogliere amaramente di sorpresa.

2 Il sapere, la consapevolezza, la formazione personalizzata dei genitori permetteranno di imparare a riconoscere i sintomi della malattia e di curarli, cercando di contenerne i danni e rallentandone, se possibile, il decorso. Solo così i genitori impareranno a muoversi con competenza ed efficacia, senza paura, aiutando il loro bambino a stare meglio a casa e a vivere il più a lungo possibile, e matureranno serenamente e progressivamente una scelta di vita compatibile con il loro modo di sentire e con la loro personalità, che sarà la più indicata per loro ed il bambino. b. Obiettivo del PAPG L obiettivo del PAPG è quello di garantire al bambino la migliore qualità di vita possibile, rendendo i suoi genitori, e non solo i genitori, capaci di trasformare i comportamenti spontanei, naturalmente protettivi, in comportamenti consapevoli, grazie alla conoscenza dei problemi legati alla malattia in tutti suoi aspetti tipici e prevedibili. Intendiamo affrontare da subito i problemi relativi alle principali funzioni vitali, e cioè respirazione e alimentazione. Bisogna agire tempestivamente anche sulle posture per migliorare il benessere generale del bambino, prevenendo le deformità precoci, soprattutto quelle della gabbia toracica e della colonna vertebrale, le contratture e il possibile dolore dato dall immobilità forzata e prolungata in posizioni non sempre comode e fisiologicamente corrette. c. I temi del PAPG Il primo obiettivo della formazione è osservare il bambino insieme ai genitori e condividere con loro l effetto reale della malattia sul figlio, partendo dal loro punto di vista, dalle loro domande, da quello che hanno capito e da quello che li preoccupa maggiormente, per poi seguire uno schema di formazione teorico-pratico. Tutti i temi della formazione prevedono una base di teoria, una parte di pratica e una di training con verifica delle capacità apprese da entrambi i genitori durante la formazione, mediante l analisi delle situazioni (problem solving), così organizzato. Anatomia: teoria e prassi Apparato: o muscolo-scheletrico (ossa, articolazioni e muscoli) o respiratorio: la sua meccanica o digerente: la sua meccanica Equilibrio tra respirazione e alimentazione Effetti della malattia sui muscoli. I presidi di base Conoscenza e utilizzo dei presidi fondamentali: o aspiratore o saturimetro o macchina della tosse o sondini e siringhe per alimentazione Postura Conoscenza delle diverse posture. Prassi sul valore della cura quotidiana della postura. I tempi e i modi della postura. Le deformità e i presidi correttivi/contenitivi. Gli strumenti per la postura corretta. Gli appoggi. Igiene personale Il bagno. Il bidet. Le pieghe e le piaghe. I cambi. I bisogni fisiologici, la stitichezza, la sudorazione. L igiene orale. Educazione agli sfinteri. 2

3 Alimentazione Del neonato, del lattante, del bambino affetto da SMA 1. Osservazione condivisa del pasto. Modalità di assunzione del cibo. Seno, biberon, pappa. Strumenti e strategie. Comprensione delle diverse modalità di alimentazione: o il sondino naso-gastrico o la gastrostomia percutanea preventiva (PEG) o combinazione tardiva PEG e NISSEN. Vantaggi e svantaggi delle diverse metodiche. Respirazione Osservazione della respirazione. Riconoscimento dei segnali d allarme. Meccanismo della tosse: sistemi alternativi. Modalità di ventilazione: o meccanica invasiva con tracheotomia (VMI + TC) o meccanica non invasiva (NIV) vantaggi e svantaggi. Gestione infezioni respiratorie virali e batteriche: Urgenze ed emergenze Saper riconoscere. Saper fare. Cose da fare e cose da non fare. PBLS domestico. o AMBU come esercizio o AMBU in emergenza. Imprevisti. Gli altri I fratelli, i nonni, gli amici, i vicini di casa. Il pediatra di base. I servizi del territorio. Gli uffici della ASL. Le ditte fornitrici. Le cose speciali La comunicazione. La carrozzina elettronica. Le vacanze. L apprendimento: dall educatore a una possibile scolarizzazione. d. I livelli della formazione Per semplificare la comprensione della formazione, i temi del PAPG sono stati divisi in livelli progressivi, consequenziali e complementari,rispetto alla diagnosi, così rappresentati: Livello 0 = la diagnosi Livello 1 = la proposta del PAPG: Livello 1a = il rapporto indispensabile con gli uffici della ASL Livello 1b = la disponibilità immediata dei presidi base a casa Livello 1c = la cura del corpo del bambino nella vita quotidiana Livello 1d = l apprendimento dell utilizzo dei presidi base a casa Livello 1e = l alimentazione Livello 1f = la gestione domiciliare urgenze-emergenze Livello 2 = tosse assistita Livello 3 = avvio NIV Livello 4 = alimentazione artificiale Livello 5 = assistenza domiciliare programmata Livello 6 = problemi ortopedici: proposte correttive Livello 7 = il pensiero e il linguaggio del bambino SMA 1. 3

4 d.1. Livello 0 La diagnosi Questo è il momento 0, ovvero quello immediatamente successivo alla diagnosi. In questa fase, nonostante il grande sgomento e dolore provato dai genitori, crediamo fermamente che sia molto importante proporre fin da subito l opportunità di una formazione specifica (il Programma di Abilitazione Precoce dei Genitori = PAPG), che permetta loro di capire esattamente in che cosa consiste la malattia, quale sarà la sua evoluzione in tutti gli aspetti previsti come problematici, e che sia personalizzata sul singolo bambino. Il PAPG deve essere scelto, non può essere imposto! d.2. Livello 1 Programma Abilitazione Precoce Genitori La precocità dell abilitazione dei genitori è direttamente proporzionale alla gravità della forma di SMA 1 da cui il bimbo è colpito. Il PAPG deve quindi essere avviato precocemente al fine di prevenire e, ove possibile, evitare ogni possibile problema e conseguenza legati alla mancanza di conoscenza. Questo programma è centrato sui genitori, ma deve necessariamente coinvolgere anche nonni, zii e comunque tutti gli adulti che si prendono cura del bambino, soprattutto se in assenza dei genitori. Esso prevede una formazione specifica sulle fasi della malattia e sugli aspetti tecnico-pratici necessari a gestire gli eventi ordinari e straordinari della vita quotidiana e quelli legati all aggravamento e avanzamento della malattia, e sui successivi bisogni specifici cui andrà incontro il bambino. Durante la formazione di base si introduce teoricamente l assistenza respiratoria non invasiva, anticipando la formazione specifica che partirà una volta affrontati e superati i passi necessari che garantiranno l avvio efficiente della ventilazione non invasiva vera e propria. Livello 1a: il rapporto indispensabile con gli uffici della ASL, semplificazioni opportune I genitori devono imparare a conoscere i servizi offerti dal Sistema Sanitario Nazionale, i loro diversi compiti e funzioni, le pratiche burocratiche da adempiere e le modalità opportune per sostenere il rapporto che li legherà contemporaneamente al pediatra di famiglia, ai servizi specialistici ospedalieri che seguono il bambino nel follow up e agli uffici territoriali della ASL della propria zona di appartenenza, tra cui l Ufficio Invalidi Civili, l Ufficio Protesico, l Ufficio Farmaceutico. I genitori dovranno avere fin da subito la possibilità di godere dei diritti offerti dalla legge per: Invalidità Civile al fine di ottenere l Indennità di Accompagnamento, come previsto dalla Legge 104/92 Malattia Rara che comporta l esenzione sanitaria del ticket sulle prestazioni specialistiche e sui farmaci di fascia A e, in alcune regioni, anche di fascia C. Livello 1b: la disponibilità immediata dei presidi base a casa Per gestire a casa tutte le problematiche che via via si presenteranno, è necessario poter disporre da subito dei presidi tecnologici di base, prima che si verifichi l evenienza e che ce ne sia effettivamente bisogno. È infatti fondamentale che i genitori sappiano già cosa fare prima che un episodio improvviso, urgente, si manifesti, conoscendo altresì quali sono i presidi necessari per gestire questi casi. I presidi base in questa prima fase sono: l aspiratore, il saturimetro, l AMBU, completi di tutti gli accessori, e il materiale per il consumo. Questa strumentazione deve essere consegnata a casa da parte delle ditte fornitrici autorizzate dall ASL, su prescrizione dello specialista, nel minor tempo possibile. Livello 1c: la cura del corpo del bambino nella vita quotidiana La postura, intesa come posizione e luogo in cui sta il bambino (e quindi il suo corpo), durante l arco delle 24 ore, è il filo conduttore di tutta la formazione. I genitori devono imparare a conoscere le varie posizioni e a comprendere il valore di ognuna di esse rispetto alle singole fasi della vita quotidiana, come il sonno, l alimentazione, l igiene, o durante le uscite, sia in passeggino sia in auto, nei momenti di urgenza piuttosto che in quelli di emergenza. Livello 1d: apprendimento dell utilizzo dei presidi base a casa A questo punto della formazione i genitori imparano a conoscere i singoli presidi, il loro funzionamento, la ricarica, la regolazione, il montaggio e lo smontaggio, la pulizia e il relativo materiale di consumo. 4

5 È assolutamente indispensabile che i genitori imparino a utilizzare tutti gli strumenti di base nei vari momenti della giornata a casa, sia in condizioni di relativa normalità sia nei casi di urgenza ed emergenza. Pertanto in questa fase viene data particolare enfasi all uso dell AMBU pediatrico, sia come esercizio quotidiano preparatorio alla ventilazione non invasiva, sia in caso di emergenza. I genitori devono anche imparare a mantenere i contatti con le aziende che forniscono tali presidi e che sono tenuti a garantire un assistenza regolare per il controllo periodico del buon funzionamento delle macchine e per l approvvigionamento del materiale di consumo, secondo indicazioni concordate con la ASL di appartenenza. Livello 1e: l alimentazione In questa fase la formazione dei genitori prevede il loro training verso l osservazione del comportamento spontaneo del bambino di fronte al seno, al biberon o al cucchiaino della pappa, e le relative soluzioni escogitate dai genitori rispetto alle difficoltà oggettive incontrate, per arrivare al riconoscimento dichiarato delle difficoltà oggettive e dell eccessiva durata dei tempi di somministrazione del pasto assunto autonomamente dal bambino, specie in determinate condizioni di stress (legate a stanchezza, affaticamento, caldo, febbre o anche a seguito delle vaccinazioni etc.). Qualora il bambino non assuma sufficienti quantità di cibo, soprattutto liquido, per poter garantire la dose indispensabile, integrandola, e quindi stabilizzare le condizioni cliniche del bambino, la formazione prevede la dimostrazione pratica nella modalità del learning by doing rivolta a entrambi i genitori, relativa alla tecnica indolore di introduzione del sondino naso-gastrico per alimentazione assistita intermittente (il gavage intermittente). È possibile considerare, in alternativa al gavage intermittente, già subito dopo la diagnosi, l opportunità di effettuare la gastrostomia percutanea (PEG), quando il bambino non ha ancora smesso di mangiare autonomamente, così da metterlo al riparo dalla progressiva alterazione del funzionamento della deglutizione con possibili cali di peso, o dal disagio supposto del gavage intermittente quotidiano, mantenuto per un periodo superiore ai tre mesi. Livello 1f: gestione domiciliare urgenze ed emergenze È importante che i genitori sappiano riconoscere e differenziare un urgenza (evenienza in cui si ha tempo di fare delle cose), da un emergenza (caso in cui non si ha più tempo di apportare aggiustamenti e si richiede un azione tempestiva). Durante la formazione si insegnano le manovre di base da attuare sia in urgenza (vengono suggeriti gli aggiustamenti possibili in caso di condizioni di fatica del bambino), sia in emergenza (per esempio cibo o saliva che vanno improvvisamente di traverso, con calo della saturazione). Entrambi sono eventi da non sottovalutare, che possono presentarsi durante la normale gestione del bambino SMA 1 nella vita quotidiana. Ma sappiano anche che, a volte, la goffaggine involontaria favorisce certe situazioni che, se note, possono essere evitate e soprattutto gestite a casa grazie alla competenza acquisita dei genitori. Ribadiamo il concetto che, per affrontare in sicurezza questi due tipi di evenienze, i genitori devono poter disporre dei presidi base del livello 1b. d.3. Livello 2 Tosse assistita Dato per scontato che il livello 1 della formazione sia completo e ben compreso in tutti i suoi passaggi, insistiamo ora sull importanza del riflesso della tosse e nello specifico sulla differenza di comportamento del bambino SMA 1 in questa particolare contingenza. Al fine di mantenere coerente tale indicazione, si prescrivono, in aggiunta ai presidi già acquisiti nella fase precedente, la macchina della tosse, l aerosol, il fonendoscopio e l air chamber. Anche questa fase comporta una parte teorica e una pratica, nonché un affiancamento progressivo dei genitori, sia per quanto riguarda il singolo presidio sia per la relazione di complementarietà tra i vari presidi. Verranno illustrati il puro funzionamento e l utilizzo di queste strumentazioni nelle possibili situazioni di vita quotidiana del bambino SMA 1. Riteniamo pertanto fondamentale introdurre i genitori e il bambino all uso precoce della macchina della tosse, sottolineando che esistono tre modalità di considerare il suo impiego: come esercizio, eventualmente in abbinamento all uso dell AMBU, con un utilizzo mirato dell ausilio, aumentando progressivamente le pressioni e prolungando i tempi di inalazione, riducendo al minimo l espulsione, mantenendo una pausa minima o pari a 0, al fine di espandere la gabbia toracica 5

6 (fisioterapia a pressione positiva); in elezione, attraverso un uso sistematico della macchina della tosse anche in periodi che non sono esplicitamente di malessere o di emergenza, almeno 3-4 volte al giorno: ai risvegli (al mattino e dopo il sonno pomeridiano) e prima dei pasti principali, così da consentire un apprendimento graduale e un abitudine per tutti (genitori e bambino), e garantire la riuscita e il mantenimento nel tempo della ventilazione non invasiva; in condizione di urgenza (durante le infezioni respiratorie con ristagno di secrezioni) o di emergenza (improvvise desaturazioni per ostruzioni delle vie aeree causate da presenza di materiale alimentare o da tappi di muco). d.4. Livello 3 Avvio NIV Una volta appresi tutti i livelli precedenti, che al bisogno vengono verificati e approfonditi ripetutamente, i genitori posseggono gli strumenti necessari per avviare la Ventilazione Non Invasiva e gestirne la complessità nei diversi momenti e contesti, in abbinamento alla macchina della tosse e all AMBU. Prima di iniziare la ventilazione non invasiva vera e propria, ai genitori viene spiegata nuovamente la meccanica respiratoria, attraverso l illustrazione dell albero respiratorio, la differenza degli scambi gassosi con e senza il ventilatore. Chiariamo cioè come agisce il ventilatore, qual è la sua funzione, quale il suo funzionamento, i suoi benefici, i suoi limiti. È auspicabile avviare la ventilazione in elezione, cioè non in condizioni di emergenza. d.5. Livello 4 Alimentazione artificiale Qualora il bambino non abbia ancora la PEG e utilizzi il gavage intermittente, dopo aver raggiunto una buona padronanza e tenuta della NIV in abbinamento alle posture, all AMBU e alla macchina della tosse, è necessario considerare l aspetto, non secondario, dell alimentazione per via enterale. Insieme ai genitori si effettua un attenta analisi delle condizioni del bambino e del rischio protratto dell utilizzo della NIV abbinata al solo gavage intermittente tramite sondino nasogastrico, senza protezione da eventuali rigurgiti interni (reflussi) o da inalazione per tentata alimentazione per via normale (ab ingestis). Si stabilisce quindi l opportunità di passare a un alimentazione più stabile e sicura attraverso la PEG (gastrostomia enterale percutanea), il che significa sottoporre il bambino a un intervento chirurgico che permetta l accesso allo stomaco attraverso uno speciale bottone, eliminando in questo modo il gavage per via sondino che, a lungo andare, presenta qualche problema (per esempio salivazione eccessiva) o difficoltà di gestire idratazione e alimentazione in caso di temporaneo aumento delle ore di NIV (per esempio a causa di infezioni respiratorie intercorrenti). Da circa un anno, la nostra esperienza prevede che nel medesimo intervento venga eseguita anche la NISSEN, ovvero un intervento finalizzato a ridurre i rischi di reflusso gastro-esofageo. Su questo tema ci sono però scuole di pensiero medico differenti, sia sull identificazione del momento patologico ideale per proporre ed eseguire la PEG, sia sull opportunità della NISSEN e, di conseguenza, sulla modalità di supporto ventilatorio durante l intervento. d.6. Livello 5 Assistenza domiciliare programmata L esperienza maturata durante gli anni ci ha permesso di conoscere sempre meglio le risorse sociosanitarie presenti sui territori di appartenenza delle famiglie. Attraverso le strutture di zona e il pediatra di base, è possibile attivare l assistenza domiciliare (ADI pediatrico), cioè un servizio di assistenza sanitaria multidisciplinare a domicilio. Questo servizio sarà erogato con modalità e termini definiti singolarmente caso per caso, ASL per ASL, regione per regione, una volta effettuata la valutazione dei bisogni complessivi del bambino e della sua famiglia e delle risorse presenti sul territorio, a seconda dei fondi disponibili. In molte ASL esiste un equipe multidisciplinare che supporta il pediatra di base per eventuali interventi specialistici possibili presso il domicilio, salvo restando che ci deve essere un ospedale di riferimento, che possa dare sostegno e assistenza ultraspecialistica in caso di bisogno. In tal senso il pediatra segnalerà all ufficio competente della propria ASL la necessità di un assistenza domiciliare pediatrica, che potrà all inizio essere anche parziale (solo visita pediatrica) e successivamente evolvere nella possibilità di disporre a domicilio di qualche ora di assistenza tecnica, quale quella socio-sanitaria (aiutare a lavare il bambino), oppure infermieristica (aspirazione, macchina della tosse, alimentazione per gavage intermittente o PEG), fisioterapica (posture, allungamenti), logopedica (comunicazione aumentativa). 6

7 È possibile avere anche materiale sanitario per l incontinenza (pannolini e pannoloni, traverse), per l alimentazione (i cosiddetti schizzettoni ), per le medicazioni, o farmaci in fascia C. Per quanto riguarda la fornitura di pannolini, ogni ASL si muove diversamente secondo regole personalizzate. d.7. Livello 6 Problemi ortopedici: proposte correttive Con la progressiva stabilizzazione del bambino, attraverso la combinazione e l integrazione dei presidi respiratori sopra riportati, l esperienza ha dimostrato la necessità di rivolgere l attenzione anche su altri aspetti meno urgenti, ma non per questo meno decisivi e fondamentali per la salute del bambino. Tra questi ribadiamo l importanza della cura del corpo del bambino molto precocemente (tema già trattato in sede di formazione di base). La postura e quindi la tendenza alle deformità delle diverse parti del corpo sono una spada di Damocle sulla testa del bambino e della famiglia perché, a causa di posizioni preferenziali, comode e mantenute a lungo nell arco della giornata, il piccolo tende a prendere cattive abitudini posturali che sono poi difficili da correggere. Quanto più aumenta la necessità del bambino di relazionarsi, tanto più egli andrà incontro a deformità muscolo-scheletriche, che coinvolgono tutti i distretti corporei, con rischio di dolore nel tempo, causato sia da deformità sia da immobilità. A maggior ragione si richiedono dunque posture contro gravità. Le parti più colpite sono quelle interessate dalla gravità o da tensioni particolari: il volto e la bocca (deformazioni causate dalla mascherina e dalla mancanza di masticazione o di fonazione), il collo e il tronco (a causa della posizione semiseduta senza corsetto), le anche (per l impossibilità di raggiungere la posizione eretta), gli arti superiori e inferiori (a causa del mantenimento in certe posizioni viziate) etc. Abbiamo anche visto che questi fenomeni possono essere parzialmente contenuti, se c è un attenzione particolare precocemente impostata alla cura del corpo nelle 24 ore da parte della famiglia, con un azione combinata tra la mobilizzazione globale quotidiana e l utilizzo di protesi, presidi ortopedici su misura e ausilî speciali, che coinvolgano tutti i distretti corporei. d.8. Livello 7 Il pensiero e il linguaggio del bambino SMA 1 La progressiva stabilizzazione delle condizioni respiratorie e alimentari del bambino SMA 1 curato a casa dalla famiglia dovrebbe consentire al suo pensiero di crescere di pari passo con il suo corpo. Purtroppo non sempre è così. La malattia presenta comunque continuamente e per lungo tempo risvolti faticosi per quel che riguarda la gestione in sicurezza dell aspetto respiratorio, alimentare e posturale nella quotidianità del bambino, momenti che sono, chiaramente, di vitale importanza. È difficile spostare l attenzione dei famigliari e degli operatori sanitari che seguono il bambino dai problemi medici a quelli psicologici legati alla sua mente, al suo pensiero, alla sua necessità di parlare, di emettere suoni, di comunicare, nonostante la difficoltà motoria degli arti, ma soprattutto del volto, della bocca, della coordinazione tra la lingua e la saliva che lo tormenta. È comune la dichiarazione dei famigliari che il bambino SMA 1 capisce tutto. Ma purtroppo egli riceve solo messaggi in entrata e non ha la possibilità di esprimere una propria volontà senza la costante mediazione dell adulto. È opportuno quindi dargli molto precocemente, la possibilità di una buona comunicazione con il mondo circostante e quindi di esprimere il suo pensiero autonomo, grazie all utilizzo di strumenti opportuni, adeguatamente adattati alla sua condizione fisica. In realtà l esperienza ancora una volta ci ha dimostrato che la proposta del PAPG deve comprendere già nel primo anno di vita la possibilità di offrire al bambino una modalità comunicativa efficace ed efficiente che soddisfi la necessità di relazione oltre che con i propri famigliari stretti, anche con coloro che non fanno parte del giro quotidiano delle persone note. 7

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli