Piano dell Offerta Formativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano dell Offerta Formativa"

Transcript

1 Piano dell Offerta Formativa POF 2011/2012 Istituto Comprensivo Statale Vittorio Alfieri Taranto 1

2 Chi siamo Anno scolastico Secondaria di primo grado 2

3 Scheda informativa Istituto Comprensivo Statale Vittorio Alfieri Taranto Distretto scolastico 53 Codice Istituto TAIC81700 sede centrale (primaria - secondaria primo grado) Corso Italia Taranto Telefax plesso Fiore (infanzia primaria) Via delle Cheradi 4 Tel Dirigente scolastico 1 Docenti infanzia 5 Docenti di sostegno infanzia 1 Docenti primaria 17 Docenti di sostegno primaria 1 Docenti secondaria primo grado 47 Docenti sostegno sec. primo grado 7 Direttore Amministrativo 1 Assistenti amministrativi 5 Collaboratori scolastici 9 3

4 Classi e alunni Anno scolastico Infanzia Sezioni 4 Alunni 82 Alunni con disabilità 1 Primaria Classi 11 Alunni Prime 48 Seconde 53 Terze 72 Quarte 44 Quinte 46 TOTALE 253 Alunni con disabilità 2 Secondaria primo grado Classi 27 Alunni 707 Prime 240 Seconde 235 Terze 232 Alunni con disabilità 13 4

5 L Identità culturale del nostro Istituto è fondata su Principi Criteri Collegialità Partecipazione ascolto dei bisogni dell utenza Uguaglianza pari opportunità rispett a: condizione psicofisica, economica, culturale, religiosa, etnica Clima di benessere Accoglienza Valorizzazione dei soggetti: alunni, docenti, personale Ata, genitori Responsabilità Accettazione di compiti e di ruoli finalizzati all Offerta Formativa Autonomia operare scelte di percorsi e di strumenti finalizzati al conseguimento degli obiettivi prefissati 5

6 L Istituto Alfieri e il Territorio L Istituto Comprensivo Statale V. Alfieri opera nella Circoscrizione n. 6 di Taranto Italia-Montegranaro in Corso Italia, angolo via Campania. La nostra scuola è nata come Istituto Comprensivo dal Piano di Dimensionamento dell'a.s. 2000/2001. Infatti alla scuola media statale V. Alfieri" (il cui edificio è datato 1951) è stato aggregato il plesso della Scuola dell Infanzia e Primaria "T. Fiore", sito in Via delle Cheradi, che gravita nello stesso ambito territoriale e con cui già dagli anni scorsi si era tentato un approccio culturale comune. Dall anno scolastico alcune classi della Scuola Primaria del plesso Tommaso Fiore sono state trasferite presso la sede centrale ove è ubicata la Scuola Secondaria di 1^ grado, con entrata in Via Campania. Questa realtà rappresenta un sicuro rafforzamento di interlocuzione unitaria e di progettazione comune tra l'istituto e le diverse "autonomie locali", un sicuro presupposto a quel nuovo rapporto d'interazione tra soggetti diversi che stanno sul territorio e che ci permetterà, negli anni, di uscire dal tradizionale circolo vizioso dell' autoreferenzialità. Di fronte alla nuova realtà è diventato più che mai urgente offrire una piattaforma culturale e pedagogica più coerente con questo nuovo modello organizzativo per ridurre le distanze tra due modi diversi di operare, tra docenti professionalmente e culturalmente distanti e giungere ad un "comune sentire" che non faccia perdere la ricchezza dell'esperienza accumulata e che valorizzi le diversità, senza creare le condizioni dell'incomunicabilità. Questa "verticalizzazione", che può sembrare un'ovvietà, è esattamente il senso forte della nostra scuola e il "valore" aggiunto, la sua carica potenziale. Ciò è garantito da una gestione unitaria, momenti di continuità possibile, confronto fra docenti, costruzione di "pezzi" di curricoli unitari, di percorsi didattici comuni, nell'uso integrato di risorse, nel rapporto più organico con il territorio. Sede Istituto Comprensivo Vittorio Alfieri 6

7 Situazione socio-ambientale del territorio La popolazione del quartiere è abbastanza numerosa ed ani mata da persone che abitano in palazzi a più piani con limitati spazi verdi. Essa è general mente costituita da operai, impiegati, commercianti, professionisti e da una esigua fascia che per reddito e per cultura rispecchia la situazione nazionale di recessione economica. Alla mancanza di vere e proprie strutture ricreative e culturali sopperiscono le numerose parrocchie con associazioni quali ACR, il gruppo scout e quelli del volontariato Pax-Christi, miranti a togliere numerosi ragazzi dalla strada e dal pericolo di incorrere nella droga, grosso problema sociale anche nel nostro quartiere. Riguardo ai servizi sociali funzionano in modo apprezzabile. Sono presenti una delegazione comunale con tutti i servizi demografici, un mercato giornaliero ortofrutticolo e di merci varie, un agenzia postale, numerose agenzie di banche il Tribunale, la caserma della polizia di stato agenzie finanziarie ed assicurative, un centro privato per l assistenza agli anziani, associazioni sportive pubbliche e private, due cinema-teatri, alcune librerie, numerose scuole elementari, medie e superiori statali e non. Il quartiere è servito abbastanza bene dal trasporto pubblico urbano gestito dall AMAT limitate le zone verdi che si riducono ai giardini di Piazza Lucania e a quelli Virgilio di recente costruzione. Rapporti con il territorio Comune, Circoscrizione Italia-Montegranaro, Banca Popolare di Puglia e Basilicata, Polizia di Stato e Questura, Vigili del Fuoco,Vigili urbani,carabinieri, Regione Puglia, Provincia, Biblioteca comunale. Soprintendenza Archelogica Puglia; Istituti superiori: Licei Quinto Ennio e Archita, Istituto Tecnico Industriale Pacinotti, Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Pertini-Fermi, Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato Archimede, IPSS Liside. 7

8 Il Piano dell Offerta Formativa Il presente Piano dell offerta formativa rappresenta il documento costitutivo dell identità culturale e progettuale dell Istituto Comprensivo Statale Vittorio Alfieri. Esso vuole essere una guida conoscitiva dei bisogni educativi espressi dal territorio e, pur riconoscendo il ruolo centrale degli insegnanti e del Collegio dei Docenti nell elaborazione del progetto della scuola riflette, anzi auspica, un alleanza con il territorio per consentire ad ogni soggetto di espri mere le proprie potenzialità. Dispone, inoltre, che il Piano sia la risultante di un attività di esplorazione, negoziazione, relazione con le diverse realtà del territorio ed in primo luogo con gli Enti Locali (art.3 del regolamento di autonomia delle istituzioni scolastiche). Il Piano deve essere consi derato una bozza da sistemare e completare man mano che si susseguiranno gli interventi e le realizzazioni e si acquisiranno i dati fino a dare, pri ma di ogni inizio di anno scolastico, la situazione definitiva di quanto attuato o non attuato nell anno precedente, in modo da progettare nelle migliori condizioni possibili le azioni per il successivo anno scolastico. 8

9 Tra i motivi che stanno alla base della nascita del POF (Piano dell offerta formativa) c è il profondo convinci mento che, solo facendo risaltare in un unico documento le competenze delle varie componenti scolastiche e dei vari organismi collegiali, si possono tenere sempre presenti i diversi momenti di quanto deve essere attuato in un anno scolastico. Pertanto, è opportuno sottolineare che il POF: è un documento pubblico, connotato della dovuta trasparenza, che assume valenza di contratto formativo tra le varie componenti ed istituzioni che interagiscono con e nella scuola; è uno strumento di riferimento che delinea compiti, responsabilità, impegni; è uno strumento di raccordo tra i bisogni formativi della società e le finalità della scuola e per questo esplicita le scelte, i criteri, i percorsi pedagogicoformativi. L impostazione del Piano è volutamente flessibile rispetto alle situazioni e ai bisogni individuati e rileva un esigenza di progettualità diffusa che si sviluppa a partire dalle variabili fino al contorno del situazione socio-ambientale. Espressione di un itinerario organizzativo complesso, esso rappresenta il punto di sintesi, di raccordo, di coerenza e di organicità di tutte le scelte che la nostra scuola compirà su vari piani: Culturale, Pedagogico, educativo, didattico, organizzativo. La struttura di questo documento permette, pertanto, di acquisire notizie ed informazioni in merito all Identità Strutturale dell Istituto, all Identità Culturale ed alla Programmazione Educativa di ciascun ordine di scuola 9

10 Ambito strutturale L Istituzione scolastica Dotazione locali e sussidi Tipologia/organizzazione dei corsi Piano delle attività Calendario scolastico Personale non scolastico Colloqui individuali con le famiglie Servizi ORGANIGRAMMA o Collaborazioni con il Dirigente scolastico: Collaboratori del Dirigente Funzioni strumentali Incarichi specifici infanzia o Personale A.T.A. D.S.G.A. Assistenti amministrativi Orario segreteria Collaboratori scolastici Vigilanza alunni o Organi collegiali: Primaria Giunta esecutiva Consiglio d Istituto Collegio Docenti Consigli di Classe Interclasse Intersezione ACCORDI DI RETE CONTRATTO FORMATIVO VISITE GUIDATE E REGOLAMENTO Secondaria di 1 grado 10

11 L Istituzione scolastica L Istituto Comprensivo Vittorio Alfieri consta di una sede centrale e di un plesso distaccato. La sede centrale è ubicata in Corso Italia n 159; l edificio centrale è circondato da un ampio spazio verde e dispone di piano terra e primo piano, tre scalinate per l accesso al primo piano, numerosi ingressi ed uscite su un cortile che si affaccia su Corso Italia e su un altro cortile di Via Campania, adibito a parcheggio interno e da cui hanno accesso le classi del secondo ciclo della Scuola Primaria. Il Plesso T.Fiore è ubicato in Via delle Cheradi ed è inadeguato rispetto alle esigenze e ai bisogni educativi e didattici dell'utenza. La scuola dispone di un numero poco adeguato di aule e di spazi: mancano alcune aule di rotazione, per le attività di laboratorio e la distribuzione dei sussidi. 11

12 La scuola T. Fiore è strutturata su un piano e comprende 4 aule spaziose che ospitano le sezioni dell Infanzia, 4 aule per le attività didattiche della Scuola Primaria (n 2 prime e n 2 seconde), di cui solo una spaziosa, un androne centrale, collocato all ingresso, adi bito per lo più ad attività ludico-ricreative, un piccolo laboratorio multimediale con n 6 Personal Computer, con allacciamento internet, una piccola aula adi bita all uso più svariato: da sala docenti a spazio funzionale per lo svolgimento di attività di sostegno, di rinforzo o di laboratorio, purchè con piccoli gruppi di lavoro; un giardino circostante utilizzabile per attività motorie e giochi all aperto. Il giardino che circonda l'edificio è generalmente utilizzato per le attività di esplorazione ambientale, di educazione ecologica, geografica e scientifica; il cortile è utilizzabile, soprattutto in primavera ed autunno, ma con cautela, per il fondo sdrucciolevole. Tutte le sezioni sono fornite adeguatamente di piccoli sussidi e materiale di facile consumo funzionali allo svolgimento delle attività didattiche. L'edificio scolastico della sede centrale può contare su una dotazione locali e sussidi funzionale, anche se attualmente si registra qualche disagio per la necessità di ospitare l utenza della Scuola Primaria. La sede ospita: 26 classi di Scuola Secondaria di 1^ grado a tempo normale, cioè da 7 sezioni complete, 2 sezioni con due classi ( 1^ e 2^ ), una sezione con la 1^ classe; 8 classi di Scuola Primaria (n 3 terze, n 3 quarte, n 2 quinte) Le aule sono spaziose, ben arredate ed illuminate ed in genere tutti gli ambienti si presentano in ordine ed adeguati alle necessità di una moderna azione educativa. I servizi igienici sono numerosi ed adeguati alla popolazione scolastica; l impianto di riscaldamento è efficiente. L edificio, pertanto, risponde a tutti i requisiti di sicurezza previsti dalla legge. 12

13 Dotazione locali e sussidi Ingresso principale 13

14 La palestra L Istituto possiede una palestra coperta, dotata di campo di pallavolo e basket, corredata dai più svariati attrezzi ed un campo di calcetto a 5 in erba sintetica, con misure regolamentari per svolgere l attività giovanile. Oltre alle attività curricolari e quelle pomeridiane, per la preparazione degli alunni ai Campionati Scolastici Studenteschi, (partecipazione partite calcio a 5 Femminile e Maschile, Volley Femminile, Atletica Leggera, Corsa Campestre) il nostro Istituto partecipa, conseguendo lusinghieri risultati, a diverse altre manifestazioni sportive, tra le quali il Mundialito Esquela Juniors. Le classi e i docenti di Attività Motorie della Secondaria di pri mo grado utilizzano la palestra tutti i giorni secondo l orario delle lezioni. Nelle ore pomeridiane la palestra è utilizzata dai docenti di Attività Motorie per le attività degli alunni dell Istituto Alfieri nei giorni martedì, mercoledì e giovedì dalle ore 15,30 alle ore 18,30. Le classi della Primaria utilizzano la palestra nei giorni e nelle ore libere da impegni della Secondaria. 14

15 I laboratori multimediali L'istituto dispone di tre laboratori di informatica, di cui due nella sede centrale ed uno nel plesso Fiore. Il primo laboratorio è composto da 24 postazioni per studenti, ed ha la disponi bilità di una LIM, un impianto audio professionale, una stampante in formato A3 ed uno scanner. Tutte le postazioni possono accedere ad internet, attraverso una connessione sicura che esclude automaticamente qualsiasi tipo di siti internet con contenuti non adatti ai minori. Le postazioni sono tutte in rete, e possono essere controllate dal docente, che ha a disposizione gli strumenti necessari a predisporre la lezione multimediale. 15

16 Il secondo laboratorio della sede centrale dispone di 10 postazioni per studenti, ed è equipaggiato con software libero, per abbattere i costi relativi all'acquisto delle licenze. Anche questo laboratorio dispone di accesso ad internet sicuro e di una rete interna. Il terzo laboratorio, nel plesso Fiore, ha a disposizione 15 postazioni, inserite in rete. Modalità d uso I Laboratori Informatici dell ICS V. Alfieri possono essere fruiti da tutte le classi accompagnate dai rispettivi docenti senza distinzione di disciplina. Come nei trascorsi anni scolastici, anche quest anno il laboratorio sarà utilizzato, per le ore previste, su prenotazione dei docenti che intendano portarvi i loro ragazzi a scopo didattico. Tale prenotazione continuerà ad avvenire secondo un organizzazione oraria prestabilita (uso di stampati per l indicazione delle classi, dei professori accompagnatori, delle ore di utilizzo, dei docenti responsabili a cui chiedere il materiale didattico occorrente per le lezioni e le esercitazioni). La nostra scuola può contare su figure di supporto che, oltre a curare la corretta funzionalità dei laboratori, gestiscono la presenza delle classi nel laboratorio multimediale, fornendo ai docenti e agli alunni la collaborazione tecnica ed operativa necessaria. 16

17 Utilizzo dei laboratori di informatica L utilizzo dei Laboratori da parte degli alunni accompagnati dall insegnante va prenotato presso il docente incaricato dei laboratori almeno un giorno prima. Quando libero da attività didattiche con gli alunni, i laboratori possono essere utilizzati da singoli insegnanti, previa comunicazione al docente incaricato. Agli insegnanti che utilizzano i Laboratori con gli alunni compete la responsabilità e la vigilanza sugli alunni stessi esigendo comportamenti corretti e consoni all ambiente e all attività didattica; in particolare gli insegnanti dovranno: 1. prestare la massima attenzione per evitare malfunzionamenti o danni causati da comportamenti scorretti degli alunni; 2. segnalare al Collaboratore eventuali guasti, evitando interventi sulle apparecchiature; 3. rispettare il lavoro altrui, astenendosi dal modificare, spostare, cancellare files o cartelle di lavoro presenti sul PC; 4. assicurare la propria costante presenza con gli alunni; nel caso in cui l insegnante dovesse allontanarsi dall aula, gli alunni potranno continuare l attività di laboratorio solo in presenza di un Collaboratore. a) Sarà cura degli insegnanti concordare con il Responsabile dei laboratori e fornire indicazioni per l utilizzo individuale dei laboratori di informatica da parte di singoli alunni. b) Gli alunni sono tenuti a comunicare all insegnante eventuali guasti o malfunzionamenti. c) L uso di internet e lo scarico di materiali Web da parte degli alunni deve essere autorizzato dall insegnante. d) Non è consentito installare nuovi programmi sia per gli alunni che per i docenti. e) In caso di necessità di modiche alle i mpostazioni del sistema operativo per esigenze didattiche, al termine della lezione queste dovranno essere integralmente ripristinate. f) Terminato l utilizzo tutte le attrezzature vanno lasciate in ordine. g) I computer vanno spenti solo alla fine della giornata di lavoro eseguendo le procedure standard previste (lo schermo non va spento). h) E assolutamente vietato introdurre nell aula di informatica cibi o bevande. 17

18 Laboratorio di scienze ll laboratorio di scienze si è arricchito di nuove strumentazioni: due computer ed una stampante; due microscopi di cui uno digitale, nuovi kit per esperi menti di chimica e fisica, una L.I.M. che sarà sistemata in aula magna per dare la possibilità a tutti i docenti di utilizzarla. Tali acquisti sono stati effettuati con fondi della comunità europea nei PON ricevuti due anni fa. Il laboratorio di scienze consente di eseguire semplici esperimenti di biologia, chi mica e fisica collegati agli argomenti trattati in classe. Viene utilizzato dai docenti in orario curricolare ed extracurricolare. I docenti che usufruiscono dei suddetti laboratori con le loro classi vigilano che gli alunni non arrechino danni alle attrezzature; se si dovessero rilevare eventuali anomalie, i docenti, sono tenuti a darne comunicazione ai rispettivi responsabili. 18

19 Il laboratorio polifunzionale Il laboratorio polifunzionale è predisposto per le attività di integrazione, attività artistico-espressive e lavori manuali per piccoli gruppi. È dotato di un tavolo di lavoro abbastanza esteso, nonché armadietti per la conservazione di materiali vari e sussidi didattici. Il nostro Istituto si presenta come rete di risorse capace di integrare e valorizzare tutte le differenze. Della rete fanno parte gli insegnanti di classe e quelli specializzati, gli alunni in difficoltà e non, le famiglie e gli operatori scolastici. 19

20 Il Laboratorio di musica Il laboratorio di musica è il luogo dove si custodisce la maggior parte degli strumenti musicali, il cui uso avviene sia all interno dello spazio-aula appositamente predisposto, quanto anche all interno delle classi o in qualsiasi altro spazio dell edificio che si ritiene opportuno all occorenza. Il nostro Istituto è dotato di: PIANOFORTE 4 TIMPANO+BATTERIA 2 BATTERIA 1 GRANCASSA+BATTERIA 1 CHITARRA 7 XILOFONO 1 AMPLIFICATORE 1 METALLOFONO 2 CONGAS una coppia MIXER 1 BONGOS una coppia CASSA ATTIVA 2 TIMBALES 1 MICROFONO 5 CAMPANELLI TUBOLARI 1 RADIOMICROFONO 1 Oltre che nelle attività curricolari, gli alunni sono anche impegnati, nel corso dell anno, nella preparazione della Banda di S. Cecilia, di Concerti di Natale, nonché nella partecipazione alla messa del S. Natale e della S. Pasqua e spettacoli vari sul territorio. Conservazione delle strutture e delle dotazioni Il Collegio dei Docenti si fa carico di ottemperare ad un uso corretto delle strutture e delle dotazioni sensibilizzando genitori, alunni e singoli insegnanti e altri operatori scolastici al rispetto delle cose, dei sussidi, delle attrezzature e dell ambiente scolastico in generale. Per l uso dei sussidi e\o libri in dotazione della scuola ciascun insegnante firma, su apposito registro, l avvenuto prestito o consegna. 20

21 Strategie e modalità di intervento In considerazione delle potenzialità strumentali si provvederà a: creare un ambiente tranquillo scegliere stimoli facilitati scegliere rinforzatori adatti offrire strategie d aiuto In situazioni problematiche rappresentate e generalizzabili gli interventi saranno: 1. individuali (recupero delle abilità strumentali) 2. piccolo gruppo (rinforzo e affinamento delle abilità strumentali; approccio ai contenuti disciplinari) 3. gruppo classe : attività socializzanti 4. partecipazione alle attività laboratoriali le verifiche saranno: 1. immediate: osservazione e registrazione controllata in situazione 2. periodiche: diagnostiche ad inizio di anno scolastico 3. formative: bimestrali e quadri mestrali 4. sommative: a fine anno scolastico Il successo formativo si rileva attraverso la corrispondenza tra le potenzialità di ciascuno e i risultati che si ottengono lungo il percorso di apprendi mento. Anche gli alunni diversamente abili possono e devono conquistare un successo formativo che consiste nella piena realizzazione delle proprie potenzialità. Nei vari incontri tra gli insegnanti specializzati, l equipe, il gruppo H operativo è emersa la finalità della programmazione: sviluppare un diverso clima educativo in cui non si elimini la necessità, ma si indichino le modalità di aiuto che si trasformano in strumento per lo sviluppo dell autonomia. Il gruppo GLH in particolare: esplica competenze plurime di tipo organizzativo, progettuale, valutativo, consultivo interagisce con gli organi istituzionali interni in un ottica di sistema ed in un ottica policentrica muove in direzione di una positiva espansione della cultura dell integrazione attraverso prassi generative del valore aggiunto che il concetto di integrazione nella sua potenzialità detiene. Sono stati pertanto predisposti progetti per l integrazione che non risultano isolati ma si collocano armonicamente nel piano dell offerta formativa in sintonia con la caratterizzazione. La nostra convinzione è che il lavoro per progetti offre a ciascuno il proprio spazio d azione, assicurando pari dignità ad ogni attività, dalla più semplice alla più divergente, nella profonda certezza che tutto concorre alla piena realizzazione del puzzle finale 21

22 Tipologia dei corsi ORGANIZZAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA La Scuola dell Infanzia T. Fiore : comprende quattro sezioni eterogenee; in una delle quali vi è una bambi na diversamente abile, seguita dal docente di sostegno; attua forme di flessibilita nell impiego del personale docente attraverso prestito professionale di docente di Scuola Primaria, utilizzata in progetto Happy English per un numero di h.25 e rivolto agli alunni di cinque anni di tutte le 4 sezioni; esplica l attività di religione per tutte le sezioni. TEMPO SCUOLA Le quattro sezioni funzionano dal lunedì al venerdì dalle ore 08,00 alle ore 13,00. l orario delle attività tiene conto di particolari esigenze dei bambini (ritmi di sviluppo e di maturazione) e del contesto socio-ambientale. In questa prospettiva si adotta una flessibilità oraria che si protrae fino alle 08,30. ORARIO DEI DOCENTI N. 25 ore settimanali di attività di insegnamento. TEMPI DEL CURRICOLO N. 35 settimane di attività didattiche. N. 4 sezioni a tempo ridotto (dalle ore 8,00 alle ore 13,00) dal lunedì al venerdì. 22

23 ORGANIZZAZIONE SCUOLA PRIMARIA La Scuola Primaria comprende 12 classi, di cui: 4 ubicate nel Plesso T.Fiore (1^A/B; 2^A/B), strutturate a modulo, con docente specializzata di L2 (inglese) in entrambi i moduli; 8 ubicate nella Sede Centrale, così organizzate: 1^ A 1^ B - Docente Prevalente - Docente specializzata L2 (inglese) - Docente Prevalente /specialista L2 (inglese) - Docente di religione Docente area antropologica 2^ A - Docente modulo prevalente e specialista L2 (inglese) 2^ B - Docente modulo prevalente - Docente specializzata L2 Docente area antropologica 2^ C -modulo con due prevalenze e specialista L2 (inglese) 3^ A 3^ B - Docente modulo prevalente e specialista L2 (inglese) - Docente di religione - Docente modulo prevalente - Docente specializzata L2 Docente area antropologica 4^ A 4^ B - Docente modulo area linguistico-espressiva - Docente modulo area logico-matematica - Docente modulo area antropologica e specialista L2 (inglese) Docente di sostegno 5^ A - Docente prevalente,- docente area antropologica - docente specializzata L2 (inglese) 5^ B 5^ C - Docente modulo prevalente - Docente di sostegno (12 h.) - Docente modulo prevalente Docente specializzata L2 (inglese) Docente area antropologica 23

24 TEMPO SCUOLA Le quattro classi ubicate al Plesso T.Fiore funzionano dal lunedì al sabato dalle ore 08,10 alle ore 13,10. Le otto classi ubicate nella Sede Centrale funzionano dal lunedì al sabato dalle ore 08,20 alle ore 13,20. ORARIO DEI DOCENTI N. 22 ore settimanali di attività di insegnamento; N. 02 ore settimanali di attività di programmazione, con scadenza settimanale. TEMPI DEL CURRICOLO La Scuola Primaria ha un orario strutturato in due segmenti: ore settimanali: orario obbligatorio; ore settimanali: orario opzionale/facoltativo I due segmenti rappresentano il tempo complessivo di erogazione del servizio scolastico del nostro Istituto, calcolabile in 30 ore settimanali, distribuite in sei mattinate. La famiglia ha il diritto di opzione sull orario facoltativo; la scuola ha il compito di organizzare insegnamenti ed attività da svolgere nell orario opzionale facoltativo. 1. Orario obbligatorio Le Indicazioni Nazionali prevedono per la Scuola Primaria le seguenti discipline: ITALIANO MATEMATICA MUSICA INGLESE SCIENZE ARTE E IMMAGINE STORIA TECNOLOGIA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE GEOGRAFIA RELIGIONE CATTOLICA È demandata all autonomia organizzativa e didattica delle singole scuole, la concreta articolazione dell orario (strutturato su minimi e massimi variabili), ad eccezione di: Religione cattolica: 2 ore settimanali; Inglese: 1 ora settimanale nelle 1^; 2 ore settimanali nelle 2^; 3 ore nelle 3^, 4^, 5^. Le ore di contemporaneità vengono i mpiegate per garantire l espletamento di importanti Progetti d Istituto ( continuità educativa, accoglienza, orientamento); attivitàdi recupero/potenziamento; sostituzione dei docenti assenti. 24

25 2. Orario opzionale Nelle ore opzionali la nostra scuola attua laboratori L.A.R.S.A. RISORSE STRUTTURALI Nel plesso T. Fiore, spazi e strutture sono organizzati per la migliore condivisione possibile tra le quattro sezioni di Scuola dell Infanzia e le quattro classi di Scuola Primaria operanti nel plesso, secondo la seguente articolazione: PIANO UTILIZZO RICREAZIONE T.FIORE Primaria orario Infanzia orario 1 A Sez.A B Sez.B A Sez.C B Sez.D PIANO UTILIZZO ANDRONE PER ATTIVITA PSICO-MOTORIA T.FIORE Primaria Giorni orario Infanzia Giorni orario 1 B GIOVEDI 12,00-13,00 C MARTEDI 10,30-11,00 1 A VENERDI 12,00-13,00 D MERCOLEDI 10,30-11,00 2 B SABATO 12,00-13,00 B GIOVEDI 10,00-10,30 A SABATO 10,30-11,00 PIANO UTILIZZO SUSSIDI AUDIO E VIDEO T.FIORE Primaria Giorni orario Infanzia Giorni orario 2 A SABATO 11,00-12,00 D Lunedi 10,30-11,00 A Mercoledi 10,00-11,00 C Giovedi 10,30-12,00 B Venerdi 10,30-12,30 25

26 Nella Sede Centrale, spazi e strutture sono, altresì organizzati per la migliore condivisione possibile tra le classi di Scuola Secondaria di pri mo grado e le 8 classi di Scuola Primaria operanti nella Sede Centrale, secondo la seguente articolazione: PIANO UTILIZZO RICREAZIONE SCUOLA PRIMARIA V.ALFIERI Primaria Classi orario Primaria Classi orario Piano terra 2 C 10,00-10,10 Piano superiore 3^A 10,00-10,10 3^B 10,10-10,20 4^A 10,20-10,30 4^B 10,30-10,40 5^B 10,40-10,50 5^C 10,50-11,00 5^A 11,00-11,10 PIANO UTILIZZO PALESTRA SCUOLA PRIMARIA V.ALFIERI Classi Giorno Orario 5^B Martedi 10,10-11,20 4^B Martedi 11,20-12,10 5^A Mercoledi 11,20-12,10 3^B Giovedi 10,10-11,10 5^C Sabato 08,20-09,20 4^A Sabato 09,20-10,20 3^A Sabato 10,20-11,20 2^C Martedi 12,20-13,20 ORGANIZZAZIONE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO TEMPO SCUOLA Le ore di lezione si svolgono dalle alle dal lunedì al sabato. ORARIO DEI DOCENTI L attività d insegnamento dei docenti è di 18 ore settimanali e fino ad un massimo di 24. sono tenuti al completamento dell orario di cattedra coloro che hanno un carico di lavoro settimanale inferiore alle 18 ore e sono utilizzati prioritariamente a coprire ore in classi collaterali per tutto l anno e, in subordine, per le sostituzioni dei colleghi assenti a vario titolo. 26

27 TEMPI DEL CURRICOLO La Scuola Secondaria prevede un orario settimanale di: 29 ore : orario obbligatorio + 1; Il modello organizzativo proposto per la costruzione del curriculum degli alunni per meglio raggiungere gli obiettivi formativi, è il seguente: 1 ora di religione; 5 ore di italiano 2 ore di storia 2 ore di geografia 6 ore di matematica e scienze; 3 ore di lingua inglese; 2 ore di lingua francese (nei corsi A - B E); 2 ore di lingua spagnola (nei corsi C D - G H) 2 ore di arte e immagine; 2 ore di musica; 2 ore di scienze motorie e sportive; 2 ore di tecnologia 1 ora di approfondimento di materie letterarie. l attività d insegnamento si svolge in ordine al carico orario settimanale, come previsto dal CCNL per i vari ordini di scuola presenti nell Istituto; per la Scuola Secondaria è adottata una forma di flessibilità prevista dal Regolamento sull autonomia didattica e organizzativa, di cui all art. 21 della legge n 59 del 15 marzo

28 Piano delle attività Anno scolastico 2011 / 2012 Settembre Programma zione e verifica inizio anno 1-14 Collegio dei docenti 15 Inizio lezioni Ottobre Consigli di classe 26 Consigli di interclasse e intersezione Programma zione annuale Sc. Primaria Novembre Consigli di classe 30 Consigli di interclasse e intersezione Programma zione annuale Sc. Primaria Dicembre 3 Collegio dei docenti 10 Colloqui Scuola Infanzia e Primaria 10 Colloqui classi prime Sc. Secondaria 13 Colloqui classi seconde Sc. Secondaria 14 Colloqui classi terze Sc. Secondaria Programma zione annuale Sc. Primaria Gennaio Consigli di classe 14 Consigli di interclasse e intersezione Programma zione annuale Sc. Primaria Febbraio 8-11 Consigli di classe 8 Consigli di interclasse e intersezione Programma zione annuale Sc. Primaria 24 Colloqui Scuola Infanzia e Primaria 23 Colloqui classi prime Sc. Secondaria 24 Colloqui classi seconde Sc. Secondaria 25 Colloqui classi terze Sc. Secondaria Marzo 1 Consigli di interclasse 1 Consigli di intersezione Programma zione annuale Sc. Primaria Consigli di classe Aprile 12 Colloqui classi prime Sc. Secondaria 13 Colloqui classi seconde Sc. Secondaria 14 Colloqui classi terze Sc. Secondaria 14 Colloqui Scuola Infanzia e Primaria Programma zione annuale Sc. Primaria Maggio 6 Consigli di interclasse e di intersezione 3-17 Consigli di classe 20 Collegio dei docenti Programma zione annuale Sc. Primaria Giugno 7 Programma zione annuale Sc. Primaria 9-30 Collegio dei docenti 9-10 Consigli di classe 9 Consigli di interclasse 28 Consigli di intersezione Programma zione e verifica fine anno Scuola Secondaria (solo per i docenti non impegnati negli esami) Programma zione e verifica fine anno Scuola Primaria Programma zione e verifica fine anno Scuola infanzia 22 Consegna scheda di valutazione Scuola Primaria 23 Consegna scheda di valutazione Scuola Primaria 28

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 Comun.n. O g g e t t o 1. Convenzione per l'acquisto abbonamento annuale ATAF con sconto 2. Desiderata a.s. 2013/14 3. Orario funzionamento classi dal 11.09.13 al 14.09.13

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli