Voci di etwinning. Gli insegnanti raccontano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Voci di etwinning. Gli insegnanti raccontano"

Transcript

1 Voci di etwinning

2 Editore Curatori Contributi di Coordinamento grafi co e linguistico Progetto grafi co DTP e stampa Unità Europea etwinning (CSS) European Schoolnet (EUN Partnership AISBL) Rue de Trèves 61 B-1040 Bruxelles Belgio Christina Crawley, Anne Gilleran, Donatella Nucci, Santi Scimeca Laurence Altibelli, Julie Ashby, Sari Auramo, Margarida Barbieri Figueiredo, Maria Jesús Bayonas, Alessandra Cannelli, Patrick Carroll, Valentina Cuadrado Marcos, Manuel Díaz Escalera, Tautvydė Daujotytė Mukile, Inge De Cleyn, Nuria de Salvador, Silvije Devald, Maria Doria, Paulien du Fosse, Vincent Dupont, Mary Fournari, Maria Georgiadou, Mudrīte Grinberga, Siv Grete Stamnes, Helgi Hólm, Aimi Jõesalu, Catherine Johannes, Ingrid Keller- Russell, Conor Kelly, Christine Kladnik, Angelos Konstantinidis, Anna Krzyżanowska, Justyna Kukulka, Asta Liukaitiene, Marilina Lonigro, Eva Luptáková, Laura Maffei, Corina Mandi, Adriana Maris, Maria Antoinette Magro, Lorena Mihelač, Ayça Oğuz, Irene Pateraki, Ágnes Péter, Marta Pey, Elena Pezzi, Michael Purves, Alessandra Rebecchi, Helena Serdoura, Pasi Siltakorpi, Fani Smixioti, Joanna Stefańska, Adam Stepinski, Anna Szczepaniak, Michelle Thick, Tautvydė Daujotytė Mukile, Carlos Trincão, Theodor Tsampatzidis, Sandra Underwood, Irina Vasilescu Christina Crawley, Gamze Kapilar Dogstudio, Belgio Hofi Studio, Repubblica Ceca Dogstudio (versione inglese) Crediti fotografi ci ShutterStock, istock Tiratura 1410 Pubblicato nel dicembre Le opinioni espresse nella presente pubblicazione sono quelle degli autori e non riflettono necessariamente quelle di European Schoolnet o dell Unità europea etwinning. Questo volume è pubblicato nei termini e condizioni dell Attribuzione 3.0 Unported della licenza Creative Commons (http://creativecommons.org/licenses/by/3.0/). Il presente volume è stato creato con il finanziamento del Programma per l apprendimento permanente (Lifelong Learning Programme) dell Unione Europea. Gli autori sono i soli responsabili delle opinioni espresse in questa pubblicazione e la Commissione europea declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute. 2

3 Voci di etwinning Premessa 7 Androulla Vassiliou Introduzione 8 Il Team etwinning Capitolo 1 Capitolo 2 Entrare in etwinning 11 Introduzione Donatella Nucci 11 Sandra Underwood 13 Catherine Johannes 14 Marta Pey 15 Maria Antoinette Magro 16 Angelos Konstantinidis 17 Helgi Hólm 18 Michelle Thick 20 Maria Doria 21 Autvydė Daujotytė Mukile 22 Valentina Cuadrado 23 Laura Maffei 25 Mettere in pratica etwinning 27 Introduzione Christina Crawley 27 Conor Kelly 28 Ayça Oğuz 29 Margarida Barbieri Figueiredo 31 Marilina Lonigro 32 Paulien du Fossé 33 Adam Stepinski 35 Pasi Siltakorpi 36 Corina Mandi 38 María Jesús Bayonas 39 Elena Pezzi 40 Indice 3

4 Capitolo 3 Capitolo 4 Capitolo 5 Conoscere la comunità etwinning 43 Introduzione Santi Scimeca 43 Adriana Maris 44 Elena Pezzi 45 Silvije Devald 46 Nuria de Salvador 48 Anna Szcżepaniak 49 Ingrid Keller-Russell 50 Joanna Stefanska 51 Inge De Cleyn 53 Patrick Carroll 54 Alessandra Cannelli 55 Siv Grete Stamnes 56 Laura Maffei 57 I miei progetti etwinning 61 Introduzione Christina Crawley 61 Mudrīte Grinberga 62 Julie Ashby 63 Asta Liukaitiene 64 Aimi Jõesalu 65 Ágnes Péter 66 Theodor Tsampatzidis 67 Laurence Altibelli 69 Manuel Díaz Escalera 71 Mary Fournari 72 Vincent Dupont 73 Alessandra Cannelli and Laurence Altibelli 74 etwinning e sviluppo professionale 77 Introduzione Anne Gilleran 77 Irene Pateraki 78 Lorena Mihelač 80 Maria Georgiadou 81 Anna Krzyżanowska 81 4

5 Voci di etwinning Eva Luptáková 82 Christine Kladnik 84 Helena Serdoura 85 Capitolo 6 etwinning: l impatto individuale 89 Introduzione Donatella Nucci 89 Michael Purves 90 Alessandra Rebecchi 92 Carlos Trincão 93 Sari Auramo 94 Fani Smixioti 95 Justyna Kukulka 96 María Jesús Bayonas 98 Irina Vasilescu 99 Elenco degli autori 101 Indice 5

6 Insegnanti etwinning che hanno contribuito

7 Voci di etwinning Insegnanti etwinning che hanno contribuito Helgi Hólm Siv Grete Stamnes Sari Auramo Pasi Siltakorpi Aimi Jõesalu Sandra Underwood Patrick Carroll Michael Purves Michelle Thick Julie Ashby Mudrīte Grinberga Asta Liukaitiene Connor Kelly Vincent Dupont Inge De Cleyn Tautvydė Daujotytė Mukile Paulien du Fosse Ingrid Keller-Russell Christine Kladnik Anna Krzyżanowska Justyna Kukulka Joanna Stefańska Adam Stepinski Anna Szczepaniak Eva Luptáková Margarida Barbieri Figueiredo Helena Serdoura Carlos Trincão Laurence Altibelli Catherine Johannes Lorena Mihelač Laura Maffei Maria Doria Alessandra Cannelli Marilina Lonigro Elena Pezzi Alessandra Rebecchi Maria Jesús Bayonas Manuel Díaz Escalera Nuria de Salvador Valentina Cuadrado Marcos Marta Pey Maria Antoinette Magro Ágnes Péter Silvije Devald Adriana Maris Corina Mandi Irina Vasilescu Mary Fournari Maria Georgiadou Angelos Konstantinidis Irene Pateraki Fani Smixioti Theodor Tsampatzidis Ayça Oğuz

8 6

9 Voci di etwinning Premessa Androulla Vassiliou Commissario Europeo per l Educazione, la Cultura, il Multilinguismo e la Gioventù IÈ per me un vero piacere presentarvi questo avvincente volume nel quale gli insegnanti condividono le loro molte e variegate esperienze etwinning. etwinning è stato concepito con lo scopo di mettere in contatto alunni e insegnanti del nostro Continente in un network di scuole che collaborano fra loro. Questo obiettivo è in linea con la visione dell Unione Europea per l educazione: favorire la collaborazione e l apprendimento reciproco fra paesi europei a tutti i livelli, rispettando nello stesso tempo la responsabilità nazionale riguardo all organizzazione e la strutturazione dei sistemi scolastici. L idea era quella di trarre vantaggio dal crescente numero di possibilità offerte dalle TIC per ampliare gli orizzonti delle scuole e per fare esperienza dell Europa senza lasciare la propria aula. A portata di click, alunni e insegnanti possono lavorare con le loro controparti in altre nazioni e imparare dagli altri qualsiasi materia. Oggi parte di Comenius, il programma UE per l educazione scolastica, etwinning ha senza alcun dubbio superato ogni aspettativa in termini di partecipazione; questo è in parte dovuto al suo approccio dal basso e alla fl essibilità, che non pone limiti all immaginazione dei partecipanti, ma, più di ogni altra cosa, all impegno, all entusiasmo e alla creatività di molti insegnanti e al desiderio degli alunni di interagire con i loro pari in tutta Europa. etwinning offre alle scuole un infrastruttura per la collaborazione, il supporto e le idee, e un intera gamma di possibilità per lo sviluppo professionale degli insegnanti. Tuttavia, l aspetto che rende questa azione davvero speciale è ciò che gli insegnanti e gli alunni realizzano all interno di etwinning. etwinning è una storia europea di successo e gli insegnanti che hanno contribuito a questo volume ne fanno parte. Sono sicura che anche voi, vi divertirete (e Imparerete qualcosa) leggendo le loro esperienze. Premessa 7

10 Introduzione Il Team etwinning Questo volume è il risultato di uno sforzo comune. È stato scritto da insegnanti di diverse nazioni europee, che svolgono un ruolo attivo in etwinning e desiderano condividere il loro entusiasmo e le loro esperienze, unitamente ai consigli e agli avvertimenti riguardo alle diffi coltà che hanno dovuto superare lungo il percorso. Insieme ai loro alunni, partecipano a progetti di collaborazione con insegnanti e alunni di altri paesi europei. Qualche mese fa, abbiamo deciso di invitare gli etwinner a raccontarci le loro storie e diventare autori di questo volume. Abbiamo pubblicato un avviso sul Portale etwinning, nel quale chiedevamo chi fosse interessato a contribuire. Nel giro di pochi giorni abbiamo ricevuto centinaia di risposte. Abbiamo dovuto fare una diffi cile selezione e scegliere 60 insegnanti che avrebbero partecipato a questa avventura. Per la stesura delle bozze del volume, abbiamo istituito un Gruppo etwinning e invitato tutti gli autori e chiesto loro di scegliere uno degli argomenti proposti. Dopo un po era chiaro che la dedizione personale avrebbe avuto il sopravvento: gli insegnanti non si limitavano a scrivere sull argomento scelto, ma commentavano quelli degli altri, arricchendo così i vari contributi. Il Gruppo è cresciuto in maniera del tutto imprevista, tanto che non è stato facile assemblare il testo fi nale che vi trovate fra le mani. Il percorso personale dei diversi autori è diverso, ma hanno tutti qualcosa in comune: ad un certo punto sono venuti a conoscenza di etwinning ed hanno visitato il Portale www. etwinning.net; ne hanno esplorato le possibilità e hanno deciso di registrarsi. Questo ha dato loro accesso al Desktop etwinning, la piattaforma sociale che serve da punto di incontro per decine di migliaia di insegnanti di tutta Europa. Lì hanno conosciuto colleghi che condividono i loro stessi interessi o stesse caratteristiche della loro vita professionale, in termini di età degli alunni, materie insegnate o lingua di comunicazione. Molto spesso, attraverso il Desktop etwinning hanno incontrato partner con i quali hanno negoziato e messo in opera le loro idee per progetti di collaborazione. Registrando i loro progetti, hanno ottenuto l accesso al 8

11 Voci di etwinning TwinSpace personale, un ambiente sicuro per la collaborazione, nel quale hanno portato avanti le attività del progetto con i loro alunni, avvalendosi della vasta gamma di strumenti TIC messi a disposizione. Questi insegnanti sono tutti concordi nell affermare che i progetti etwinning hanno creato contesti didattici ricchi e autentici per i loro alunni; hanno favorito la loro motivazione e apertura mentale, migliorato le loro competenze di comunicazione e la capacità di lavorare in gruppo, e li hanno aiutati a sviluppare la consapevolezza culturale e la tolleranza delle diversità. Gli autori ci parlano anche dell importanza di etwinning per il loro apprendimento personale, per la loro motivazione e il loro sviluppo professionale. Molti di loro non erano esperti informatici ma, grazie alle loro attività in etwinning, hanno acquisito fi ducia nell uso delle TIC per scopi didattici. Sono entrati in contatto con altri approcci pedagogici e strategie didattiche, e hanno avuto la possibilità di lavorare in team multidisciplinari. In molti casi, hanno anche migliorato le loro competenze nelle lingue straniere. Parte del loro apprendimento è derivato dalla partecipazione ad attività di formazione etwinning, come i Learning Event, i Workshop per lo Sviluppo Professionale e i corsi e i seminari nazionali online. La parte più importante, tuttavia, è avvenuta grazie all interazione con i colleghi e grazie allo sforzo di superare insieme gli ostacoli incontrati durante il lavoro al progetto. Il Desktop etwinning offre anche un intera gamma di possibilità per contattare altri etwinner per discutere argomenti di interesse comune (es. chat, Sale Insegnanti e Gruppi etwinning). Gli autori non hanno alcun dubbio sul fatto che etwinning sia diventato un network per lo sviluppo professionale. Ma lasciamo ora la parola agli insegnanti. Nei prossimi capitoli ci spiegheranno in che modo sono entrati a far parte di etwinning (Capitolo 1), in che modo l hanno messo in pratica (Capitolo 2), qual è stata la loro esperienza della community etwinning (Capitolo 3) e dei progetti che hanno creato (Capitolo 4). Si prosegue poi con la descrizione di come etwinning ha contribuito al loro sviluppo professionale (Capitolo 5) e l impatto personale del loro impegno etwinning (Capitolo 6). Introduzione 9

12 10

13 Capitolo 1 En Entrare in etwinning Voci di etwinning Introduzione Donatella Nucci Unità Europea etwinning etwinning è stato lanciato uffi cialmente nel gennaio del 2005, nel corso di un importante convegno a Bruxelles. All evento presero parte trecento insegnanti, un numero considerevole, ma ancora esiguo rispetto a quanti docenti si contano in tutta Europa, fra cui gli oltre centomila che da allora sono entrati a far parte di etwinning. All inizio, nel 2005, una delle principali priorità delle Unità Nazionali etwinning (NSS) e dell Unità Europea etwinning (CSS) era quella di far conoscere il progetto agli insegnanti e alle scuole. Le NSS erano impegnate nell organizzazione di seminari nelle varie regioni dei loro paesi, nella stesura di articoli sui loro siti web e nella promozione di etwinning in molti modi diversi. Queste azioni hanno certamente avuto successo, tanto che molti insegnanti hanno affermato di aver scoperto etwinning grazie alle comunicazioni uffi ciali, alle sessioni di formazione e ad altre iniziative organizzate a livello nazionale ed europeo. Quando, nel 2007, etwinning è entrato a far parte del programma Comenius, molti insegnanti hanno ravvisato la possibilità di continuare la loro collaborazione con le scuole con le quali avevano già lavorato e che altrimenti si sarebbe arrestata. Tuttavia, moltissimi insegnanti hanno affermato di essere arrivati a etwinning da soli, quasi per caso, mentre cercavano in Internet qualcos altro, o qualcosa che nemmeno loro erano in grado di defi nire. Fortuna? La fortuna favorisce la mente preparata *. Molti insegnanti, infatti, hanno scoperto etwinning proprio quando si sono messi attivamente alla ricerca di un cambiamento nella loro vita professionale, che si trattasse del rapporto con i loro alunni, della didattica o della presentazione dei contenuti curriculari: in poche parole, di innovazione. Per alcuni di loro il primo incontro non è stato decisivo e sono tornati a etwinning mesi o anni dopo, quando erano pronti a trarre vantaggio dalle possibilità offerte da questo programma. * Sono parole di Louis Pasteur, il famoso chimico e microbiologo francese del XIX secolo: Le hasard ne favorise que les esprits préparés. Capitolo 1 : Entrare in etwinning 11

14 Pur con le loro differenze e le loro storie personali, tutti gli insegnanti etwinning sembrano condividere la stessa visione: incontrare diverse culture e diverse lingue è un esperienza arricchente per loro stessi e per i loro alunni. di lingue ritengono che etwinning sia un modo effi cace per insegnare le lingue straniere moderne, fornendo un contesto di comunicazione reale, specie a quegli alunni che, provenendo da un background sociale svantaggiato, o vivendo in regioni isolate, hanno meno opportunità di entrare in contatto con persone che parlano lingue diverse. etwinning è anche un mezzo per allargare l orizzonte didattico delle altre materie, dalla storia alla biologia. Molti insegnanti hanno deciso di entrare a far parte di etwinning perché vi hanno visto un opportunità di sviluppo professionale. Per loro, un aspetto molto stimolante di etwinning è che la partecipazione non è qualcosa che si esaurisce nello spazio di un singolo progetto. Al contrario, possono mirare a successivi miglioramenti, godere della sfi da costituita dall acquisizione di nuove competenze, dello sperimentare cose diverse in etwinning, del farsi sempre più coinvolgere nella vita di una comunità di insegnanti che la pensano come loro. Una delle reazioni più comuni degli insegnanti che sono entrati a far parte di etwinning è la sorpresa di trovare, proprio dietro la porta che dice registrati a etwinning, una comunità di insegnanti che condividono preoccupazioni e problemi molto simili. A volte, i primi passi nella community non sono molto produttivi per molte ragioni momento dell anno sbagliato, impostazione mentale non corretta, ecc. ma nessuno vuole giudicarvi o penalizzarvi, tutto il contrario! Sandra Underwood, autrice del primo contributo, ci spiega come ha potuto verifi carlo. 12

15 Sandra Underwood Voci di etwinning LSA Technology & Perfoming Arts College Lytham St Annes Regno Unito Ricordo che stavo navigando in Rete alla ricerca di qualche stimolo, in un momento dell anno in cui, nelle scuole inglesi, si comincia a perdere un po di entusiasmo, e mi sono trovata nel sito web di etwinning. Rimasi sbalordita nello scoprire quanti insegnanti di tutta Europa si fossero iscritti e fossero alla ricerca di progetti: si trattava di una grande opportunità per collaborare con persone che condividevano idee simili su qualcosa che poteva motivare gli alunni in aula. Devo ammettere che iniziare non è stato facile e il mio primo tentativo di partecipare a un progetto è fallito. Molto probabilmente, la ragione è da attribuire alla tempistica, perché il progetto ha preso avvio in luglio, che rappresenta la fine dell anno accademico nel Regno Unito, mentre in molte nazioni europee, l anno scolastico inizia in agosto. Tuttavia, non mi sono persa d animo. Qualche mese dopo, etwinning si è ripresentato: ricevetti infatti un invito per un seminario di contatto a Colonia. Mi iscrissi con entusiasmo, attesi e fui invitata a partecipare al seminario nel dicembre del La portata dei risultati di questo seminario per i miei alunni e per il mio percorso professionale ha superato le mie più rosee aspettative. Il weekend in Germania si è rivelato un esperienza positiva, perché ho incontrato diversi insegnanti molto motivati ed entusiasti, ansiosi di iniziare dei progetti. Il team (due scuole tedesche, una turca e una gallese) con cui ho lavorato ha dato poi avvio a un progetto che è durato due quadrimestri, da gennaio a luglio. Sin dall inizio del progetto, intitolato Welcome to my World, abbiamo comunicato via , blog e attraverso il TwinSpace, con oltre 160 alunni impegnati a scrivere lettere e a chattare in Rete. Sono certa che sarebbero tutti concordi nell affermare che il coordinamento e l organizzazione hanno richiesto uno sforzo enorme, ma senza alcun dubbio è stato un grande successo. Per i miei alunni è stata un esperienza importantissima e io la ripeterò di sicuro: loro hanno dato il massimo e io ne ho tratto grande soddisfazione a livello didattico. In un primo momento, ho esitato a entrare in etwinning, soprattutto per la quantità di lavoro che credevo avrebbe comportato e per il timore di non vedere riconosciuti i miei sforzi. Mi sbagliavo: il mio dirigente scolastico ha apprezzato molto il fatto che la scuola collaborasse con altri istituti della regione e all estero. Uno Capitolo 1 : Entrare in etwinning 13

16 Nel 2005 circolò, nella mia scuola, un documento delle autorità didattiche locali nel quale eravamo invitati a partecipare al programma etwinning, stringendo un pardegli obiettivi della scuola era quello di allargare la conoscenza culturale, sociale ed economica degli alunni, al fine di fare di loro dei cittadini più globali. Il mio lavoro è stato riconosciuto, dal momento che sono stata nominata School Link Coordinator, e tra l altro mi occupo di mantenere tutti i contatti a livello internazionale e nazionale, di sviluppare una dimensione globale all interno della scuola nel suo complesso. La mia didattica non è cambiata, quanto piuttosto è migliorata grazie alle nuove conoscenze che sto acquisendo dall esperienza e dai corsi cui partecipo. Nell insegnamento ho più fiducia in me stessa e mi sento gratificata dall interesse dimostrato dagli alunni per le opportunità offerte dai partenariati. Poco tempo fa, in occasione di un invito alla partecipazione a un workshop rivolto agli alunni ho avuto un elevatissimo numero di interessati, il che dimostra quanto gli alunni siano desiderosi di conoscere gli stili di vita altrui. Sono convinta che esistano molte opportunità di apprendimento al di fuori dell aula scolastica, e la mia esperienza con etwinning porterà senza dubbio a istituire altri partenariati, online o tramite gite organizzate alle università locali, per mostrare agli alunni i vantaggi e le possibili professioni derivanti dall apprendimento delle lingue straniere. Nella mia scuola, l apprendimento di una lingua dopo i quattordici anni è facoltativo, e sono fermamente convinta del fatto che il numero di alunni aumenterebbe se solo i ragazzi potessero incontrare e parlare con i loro pari all estero via e- mail o Internet, perché questo darebbe loro l opportunità di mettere in pratica le loro competenze linguistiche e di condividere informazioni sulla loro cultura. Potrebbero scegliere come prima opzione di studiare le lingue, piuttosto che non studiarle affatto. Nel 2005 non c erano tanti esempi di progetti e attività etwinning come oggi, ma alcuni insegnanti hanno compreso immediatamente il potenziale valore di etwinning nell insegnamento delle lingue straniere, giacché fornisce una mobilità virtuale per gli alunni e un contesto reale per l apprendimento delle lingue a costo zero, abbattendo così le differenze sociali. Catherine Johannes Lycée Hilaire de Chardonnet Chalon Sur Saône Francia 14

17 Voci di etwinning tenariato con una scuola dell UE. L idea era un tantino nebulosa ma, dopo averne discusso con un collega insegnante di inglese, abbiamo deciso di dare avvio a un progetto all inizio dell anno scolastico Io insegno nella sezione tecnologica del liceo (una piccola scuola di provincia) e i miei alunni sono spesso poco motivati e si sentono ripetere che non sono portati per le lingue straniere, tutto qui! Ovviamente, questo non è vero e, per di più, in molti casi gli alunni provengono da contesti sociali svantaggiati e i loro genitori non possono permettersi di pagare viaggi all estero. Abbiamo pensato che un progetto potesse essere fonte di motivazione sia per loro che per noi e che potesse dare significato all apprendimento delle lingue straniere e delle TIC. Il progetto avrebbe anche annullato i confini fra le materie (inglese e TIC). Infine, questo viaggio virtuale era gratis e tutti potevano salire a bordo. Sarebbe sbagliato credere che etwinning sia una panacea a tutti i problemi che un insegnante deve affrontare in classe, specie quando gli alunni sono poco motivati. Di certo, in etwinning il supporto degli insegnanti partner, dell Unità Nazionale etwinning e di tutte le persone che si conoscono nei partenariati rende più facile affrontare questi problemi, come ci racconta Marta Pey, perché l insegnante non è lasciato solo. Marta Pey Institut Jaume Callis Vic Spagna Tutto è iniziato nell ottobre del 2007, quando mi sono imbattuta in una pubblicità di un corso su etwinning offerto dal Ministero spagnolo dell Educazione. Cos era etwinning? La prima parte del corso fu molto teorica, ma la seconda assai più pratica. Dovevo trovare un partner per il gemellaggio, e lo feci in meno di 10 minuti. Alessandra P., di Monfalcone (Gorizia), mi rispose invitandomi a prendere parte al suo progetto. Tutto combaciava: obiettivi, età degli alunni (16-17). Dovevo decidere in fretta: volevo davvero farmi coinvolgere nel progetto? Ne valeva davvero la pena? I miei alunni avrebbero partecipato attivamente? Sapevo che non erano alunni molto motivati e che il loro livello di inglese non era eccellente dopo averci riflettuto per un po, decisi di entrare a far parte di questa comunità europea. Capitolo 1 : Entrare in etwinning 15

18 Come avevo previsto, il coinvolgimento degli alunni è stato l aspetto più difficile. All inizio, infatti, i ragazzi avevano dimostrato molto entusiasmo, ma quando il lavoro doveva essere assiduo e attivo fu un altro paio di maniche! Le cose non andavano bene, quindi ho deciso di dedicare più ore al progetto e lo ho reso oggetto di valutazione. In più di un occasione mi sono sentita frustrata, al punto che diverse volte ho pensato di abbandonare il progetto, etwinning e tutto il resto ma ciò che mi ha fatto tenere duro è il solido rapporto che ho instaurato con Alessandra e il grande supporto offerto dall NSS di Madrid e da Núria de Salvador di Barcellona. Mi sono convinta che etwinning è uno strumento straordinario sia per la mia didattica che per l apprendimento dei miei alunni. All inizio, in etwinning, si può cominciare dalle piccole cose: un progetto semplice, un solo partner, pochi mesi di lavoro. Il vero pericolo è che, una volta che un insegnante entra a far parte di etwinning, voglia essere sempre più coinvolto/a, come è accaduto a Maria Antoinette, l autrice del prossimo contributo, che a distanza di cinque anni dal suo primo progetto può vantare l incredibile cifra di 15 progetti e partner in molti paesi diversi. Maria Antoinette Magro St Gorg Preca Primary School C Hamrun Malta Quando etwinning fu lanciato nel 2005, tutti i dirigenti scolastici dell arcipelago maltese parteciparono a un seminario di presentazione. Una volta tornato a scuola, il nostro direttore ci informò tutti su ciò che aveva appreso e io decisi subito di registrarmi, praticamente all oscuro di ciò che comportava. Da allora, non mi sono mai guardata indietro e il mio entusiasmo e la mia passione per etwinning non fanno che crescere di anno in anno. Appena registrata, mi sono trovata nella sezione Ricerca Partner sul portale etwinning e sono stata contattata da un insegnante elementare scozzese. Abbiamo deciso di iniziare un progetto semplice con i nostri rispettivi alunni: Children from Other Lands. I bambini si scrivevano via e noi ci scambiavamo presentazioni di PowerPoint e foto per presentare noi stessi e le nostre scuole. 16

19 Voci di etwinning Alla fine dell anno scolastico, io e i miei alunni siamo stati tutti concordi nell affermare che era stato un piacere lavorare tutti insieme come una famiglia. Avevamo imparato così tanto dai nostri amici all estero che abbiamo deciso di riprovare con un altro progetto l anno successivo, e abbiamo continuato a farlo. Durante i primi cinque anni di etwinning, ho partecipato a quindici progetti con svariate nazioni, fra cui Scozia, Polonia, Norvegia, Slovacchia e Francia. Ogni progetto è stato ben integrato nel Curriculum Minimo Nazionale e nel programma di studi annuale. Niente è stato fatto al di fuori del curriculum o del programma scolastico, ma i contenuti sono stati veicolati in modo più stimolante e accattivante per gli alunni, che probabilmente hanno ricordato meglio quanto appreso. Se non fossero stati portati avanti i progetti, le lezioni sarebbero state condotte con il vecchio metodo tradizionale e noioso. Le Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) sono certamente un aspetto importante, ma di sicuro non l obiettivo di etwinning: l aspetto interdisciplinare e la collaborazione sul piano orizzontale, fra insegnanti delle stesse scuole e colleghi di altri paesi, e, sul piano verticale,fra insegnanti e alunni sono gli aspetti preminenti, come emerge dalle rifl essioni di Angelos. Angelos Konstantinidis Secondary Sport School Drama Grecia Mi considero fortunato per aver partecipato al primo seminario online su etwinning, tenutosi in Grecia nel Il seminario era intitolato Progetti interdisciplinari e azione etwinning ed era condotto da tre ambasciatori greci. Ne venni a conoscenza grazie alla newsletter etwinning e, per pura curiosità, ho deciso di partecipare. Certo, ero interessato all argomento, ma devo ammettere Capitolo 1 : Entrare in etwinning 17

20 che non ero un fanatico dei progetti interdisciplinari. Al tempo, credevo di poter stimolare la partecipazione attiva degli alunni solo attraverso la mia conoscenza della didattica della materia, nel mio caso le TIC. In effetti, i miei alunni mostravano interesse per le mie lezioni, ma io non ero soddisfatto dei risultati. Di tanto in tanto, alcuni alunni si interrogavano sull utilità di certe sezioni del curriculum e mi facevano domande come Prof., perché devo imparare questo?. Non serve spiegare quanto simili domande mi mettessero a disagio, e fu proprio questa sensazione a spingermi a riconsiderare teorie curriculari date per scontate Il seminario online sui progetti interdisciplinari fu l opportunità che stavo cercando per scavare più a fondo nelle mie teorie. Mi resi conto di quanto il modello educativo dominante, che generalmente è seguito dalla maggior parte degli educatori, non sia solo datato, ma anche inefficace. Le metodologie didattiche incentrate sull istruzione cognitiva e intellettuale sono state messe seriamente in discussione, ed è soltanto attraverso il metodo di lavoro collaborativo che possiamo ottenere una personalità ben sviluppata dell individuo nel contesto didattico. Senza dubbio, le TIC svolgono un ruolo significativo in questa evoluzione didattica. La mia prospettiva sull insegnamento è cambiata: adesso non si tratta più di insegnare materie informatiche, ma insegnare attraverso le TIC. Questo nuovo orizzonte mi affascina e il mio impulso è quello di cercare ulteriore sviluppo personale in questo campo. Come abbiamo già detto, il concetto di collaborazione non è nuovo per molti insegnanti europei, che hanno partecipato per anni ai Partenariati Comenius, ma l autore del prossimo contributo ha scoperto che la partecipazione a etwinning ha arricchito le sue attività Comenius di una nuova dimensione. Helgi Hólm I Stóru-Vogaskóli Vogar Islanda All inizio del 2007, la mia scuola è diventata coordinatrice di un progetto triennale Comenius chiamato The World Around Us e dopo un po di tempo ho comin- 18

21 Voci di etwinning ciato a partecipare anch io. Non ci ho messo molto a capire che questo genere di lavoro è interessante e educativo. Il progetto a cui hanno partecipato scuole di altri cinque paesi Norvegia, Belgio, Inghilterra, Repubblica Ceca e Francia, era rivolto agli alunni dei primi anni, e aveva come argomento storie e giochi. La lingua di lavoro e di comunicazione era l inglese e come risultato nella mia scuola è stato aggiunto l inglese al programma della prima (6 anni), e si è continuato a insegnarlo. Per me è stato subito chiaro che progetti come questo possono avere un effetto a breve e a lungo termine sulle scuole partecipanti. Lavorando al progetto ho cominciato a vedere e imparare cose che ho ritenuto di poter usare nella didattica delle materie informatiche. Il nostro progetto Comenius, era rivolto principalmente agli alunni più piccoli, ma nel laboratorio informatico lavoro con quasi tutti gli alunni della scuola (fra i 6 e i 16 anni); ho cominciato quindi a cercare altri modi per coinvolgere un numero maggiore di alunni in vari progetti. Attraverso l Agenzia Nazionale Comenius islandese, sono venuto a conoscenza di etwinning e, nell agosto del 2007, mi sono registrato. Fui stupito di scoprire che in pochissimo tempo migliaia di insegnanti da tutta Europa erano entrati a far parte del programma e avevano dato avvio a ogni sorta di progetti interessanti. Ho pubblicato qualche idea sul sito web di etwinning e ben presto ho cominciato a comunicare con altri insegnanti. Molti insegnanti, per quanto attratti dall idea di lavorare a progetti europei, abbandonano l idea perché convinti di non avere abbastanza tempo da dedicare ad un ulteriore attività in aggiunta alle molte già richieste dal programma scolastico. Il segreto, come ha scoperto Michelle, sta nell adattare il progetto al curriculum, con il valore aggiunto di introdurre una dimensione europea nella didattica. I suoi alunni hanno anche scoperto che il progetto era pertinente con l iscrizione all università Capitolo 1 : Entrare in etwinning 19

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Europa Nell'ottobre 2014, Autodesk

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano GO FAR! Comenius Regio Project La matematica ci fa andare lontano MA QUALE DISTANZA? IL PARTERNARIATO ITALIANO USR-EMILIA ROMAGNA DS Rosanna Rossi Coordinator Prof. Annalisa Martini Collaborator Dr. Monica

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea Aggiornamento 2010 Assumere in Europa una guida per i datori di lavoro eures.europa.eu Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARE IN MODO EHE SI REALIZZI Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARLO ACCADERE! I Lions clubs che organizzano progetti di servizio utili alla comunità hanno un impatto considerevole sulle persone

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

Nuove tecnologie per l inclusione

Nuove tecnologie per l inclusione Nuove tecnologie per l inclusione Sviluppi e opportunità per i paesi europei EUROPEAN AGENCY for S p e c ia l N e e d s a n d I n c lus i ve Ed u cati o n NUOVE TECNOLOGIE PER L INCLUSIONE Sviluppi e

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli