Bilancio Sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Sociale 2004-2007"

Transcript

1 Giugno 2008 Bilancio Sociale CITTÀ DIMontichiari Supplemento al numero 10 - Maggio 2008 di 'Montichiari Comune aperto'. Poste Italiane S.p.A. - Filiale di Brescia - Spedizione in abbonamento postale 70%

2 Bilancio Sociale CITTÀ DIMontichiari

3 Trasparenza e comunicazione sono i requisiti essenziali di un Bilancio Sociale. L Amministrazione del Comune di Montichiari ha voluto rispettare questi parametri realizzando anche una versione online del Bilancio Sociale. Dall home page del sito infatti, si accede direttamente al sito del bilancio sociale nel quale è possibile trovare maggiori informazioni sui temi affrontati nel presente opuscolo. Coordinamento: Massimo Gelmini, Assessore al Bilancio Massimo Chiari, Ufficio Controllo di Gestione e Bilancio Lia Brogiolo, Direzione Generale Bilancio Sociale a cura di: Agenzia D Formazione del personale: Guido Fantoni Giuseppe Della Rocca Elisabetta Briguglio Raccolta dati: Valeria Papagni Progetto grafico: Giuseppe Romanazzi Foto: S & B Trade Promotion, Ettore Bellagamba, Federico Migliorati, Archivio Comune di Montichiari, Foto Ariston 2, Archivio Montigarda Basket, Archivio Acqua Paradiso Gabeca, Polo catastale, Archivio Centro fiera del Garda, Archivio StudioPandini Impaginazione e stampa: Agenzia D Finito di stampare: Giugno 2008 Si ringraziano i dipendenti dell Amministrazione Comunale per la collaborazione alla raccolta dei dati che ha permesso la stesura del Bilancio Sociale

4 Indice Introduzione pag. 5 Presentazione pag. 7 Metodologia pag. 9 Premessa pag. 11 In ricordo del vicesindaco Peppino Boifava pag. 13 Un passato glorioso per un futuro radioso pag. 14 Città di Montichiari pag. 15 La Città pag. 17 Origine del nome Storia della città La popolazione monteclarense Il Comune pag. 21 Assetto istituzionale e organizzativo Dalla parte del cittadino pag. 23 Sicurezza pag. 25 Polizia Locale Interventi e servizi per il cittadino I vigili scolastici Lavori Pubblici e manutenzione pag. 27 Patrimonio Pubblico Patrimonio Privato Verde pubblico Viabilità stradale Illuminazione pubblica Dalla parte del territorio pag. 33 Territorio e ambiente pag. 35 Urbanistica Raccolta differenziata dei rifiuti Destinazione dei rifiuti urbani indifferenziati Igiene urbana Discariche Bacini estrattivi Monitoraggio ambientale Rilevamenti Città di Montichiari Bilancio Sociale

5 Indice Dalla parte del sapere pag. 45 Cultura ed eventi pag. 47 I beni storico-artistici La biblioteca Giovanni Treccani degli Alfieri Gli eventi Istruzione pag. 54 Scuole Servizi allo studio Dalla parte della crescita pag. 57 Servizi alla persona pag. 59 Servizi socio educativi per i minori Servizi e interventi rivolti ad anziani Servizi per diversamente abili Sport e Giovani Economia pag. 70 Cenni di storia economica Attività produttive Mercati Di fronte al cittadino pag. 73 Amministrazione pag. 75 Organizzazione Direzione Generale Risorse umane e Organizzazione Ufficio Protocollo Ufficio Relazioni con il Pubblico Il sito web del Comune Risorse finanziarie pag. 79 Le entrate e le spese correnti Le entrate e le spese straordinarie Conclusioni pag. 85 Il futuro pag. 87 Informazioni utili pag Città di Montichiari Bilancio Sociale

6 Introduzione Introduzione

7

8 Presentazione GIANANTONIO ROSA, Sindaco In un mondo sempre più globalizzato diventa per noi fortemente impellente il bisogno di riconoscere le nostre radici e appartenenze: tutto ciò non per chiudersi in un gretto isolamento, ma anzi per dare valore al significato di essere allo stesso tempo europei, italiani, lombardi e monteclarensi. La dimensione comunale, che l Italia ha tenuto a battesimo da oltre un millennio, rappresenta la cellula fondamentale dell aggregato nazionale e diversamente da altre istituzioni territoriali (provincia e regione) è una realtà storica e culturale prima che istituzionale. Per questi motivi amministrare un Comune significa tentare di realizzare uno sviluppo armonico del contesto cittadino affrontando e risolvendo uno ad uno i problemi, a cominciare dai più elementari, che nascono dallo stare insieme. Il ruolo di un amministratore non è soltanto quello di fare ma anche quello di far conoscere ai concittadini le questioni, spesso complesse, che si presentano ed il modo in cui sono state impostate o risolte. Egli deve soprattutto rendere conto di come sono state utilizzate le risorse economiche a disposizione della collettività: risorse cronicamente scarse, che impongono pertanto il dovere di fare scelte rigorose e socialmente eque nella loro utilizzazione. Montichiari si colloca in un ambito territoriale decisamente denso di opportunità di sviluppo ed in una zona di relativo benessere a livello europeo: questa circostanza, lungi dal produrre appagamento, ci deve indurre non solo a fare sempre meglio, ma a riconoscere e governare in maniera rigorosa i problemi nuovi che nascono nella nostra società. Un esempio di grande impatto per tutti è quello della sicurezza dei cittadini. Ma ci sono molti altri temi, come quello dell accoglienza degli immigrati e della loro integrazione oppure quello, che si sta facendo sempre più Città di Montichiari Bilancio Sociale

9 Presentazione ELENA ZANOLA, Vicesindaco delicato, della tutela e del benessere dei cittadini anziani o non più autosufficienti, o anche quello di una migliore qualità della vita per tutti. Sono tutte questioni di portata tale da non poter essere risolte nell ambito di un unica comunità e a cui l Amministrazione ha dato risposte che ci auguriamo siano state finora apprezzate dalla cittadinanza. È anche questo, a nostro avviso, il significato che deve essere dato ai risultati della recentissima tornata elettorale, soprattutto nel nord e nei nostri territori. Una comunità operosa e che vuole continuare a produrre ricchezza per sé e per il proprio paese non può continuare ad essere ancora penalizzata dalla cultura del «no», a rischio che si sta già verificando di perdere capacità di competere in un Europa e in un mondo che corrono a velocità molto più elevata di quella italiana. Per questo ci auguriamo vivamente che il concetto di sussidiarietà e quello altrettanto vitale di federalismo fiscale si impongano finalmente al primo posto nell agenda del nuovo governo. Molto resta ancora da fare: con la presentazione del bilancio sociale, che è in sostanza un rendiconto - ci auguriamo chiaro e leggibile per tutti - elenchiamo anche le questioni aperte e su cui intendiamo muoverci. Tutto ciò in un clima di fiducia che finora i cittadini non ci hanno mai fatto mancare e che in futuro ci auguriamo possa ulteriormente migliorare. Per questo motivo - come più estesamente spiegato nell introduzione metodologica al presente opuscolo - abbiamo approntato un programma di informazioni tra Comune e cittadini che permetterà un utile interscambio di notizie e che consentirà a noi amministratori di conoscere quanto più rapidamente possibile i bisogni della cittadinanza e il grado di soddisfazione delle risposte che l amministrazione fornisce. Buona lettura a tutti i nostri concittadini. 8 Città di Montichiari Bilancio Sociale

10 Metodologia MASSIMO GELMINI, Assessore al Bilancio Il Comune di Montichiari quest anno ha voluto rispondere ad un esigenza sempre più pressante per le pubbliche amministrazioni in Italia, quella di rendere conto del proprio operato in maniera chiara e univoca. L Amministrazione monteclarense è da sempre all avanguardia nella gestione dei servizi e attenta alle esigenze dei cittadini come dei propri collaboratori, tutti interlocutori ai quali bisogna dare atto delle scelte fatte, delle azioni realizzate e dei risultati conseguiti. Il Bilancio Sociale del Comune di Montichiari costituisce il punto d arrivo di un percorso di informazione, trasparenza e comunicazione con il cittadino iniziato già nel primo mandato della Giunta Rosa ( ) e proseguito nella conferma alla stessa dell incarico di Amministrare la Città. L esigenza di offrire una visione complessiva dei principali risultati raggiunti in questo ultimo periodo amministrativo ha determinato la produzione di un documento, il Bilancio Sociale Città di Montichiari , realizzato con la collaborazione degli Uffici Comunali e del personale dipendente. Le fasi attraverso cui si è giunti al bilancio sociale hanno riguardato l analisi delle linee guida e della struttura del Bilancio Sociale del Comune di Montichiari - redatte sulla base del programma di mandato e delle attività poste in essere fino a oggi - l impostazione metodologica e la raccolta dati - l elaborazione dei dati e la redazione del documento finale. In particolare, le macro aree individuate per l esposizione dei contenuti sono cinque e sono state prima esposte in termini di risultati generali conseguiti negli ultimi anni e poi analizzate nel dettaglio, e sono: la Sicurezza e i Lavori Pubblici, per la cura e la salvaguardia delle persone e dei propri beni; il Territorio e l Ambiente, per la tutela dell aria che respiriamo e della terra in cui viviamo; Città di Montichiari Bilancio Sociale

11 Metodologia la Cultura e l Istruzione, per preservare e garantire la diffusione del sapere a ogni livello; i Servizi alla persona, per garantire assistenza e progetti a sostegno di tutte le categorie di cittadini e il Commercio tra fiere e mercati, per incentivare lo sviluppo dell intera città; la struttura comunale, attore e canale primario dell azione amministrativa, e le risorse finanziarie. Il coinvolgimento dell Amministrazione comunale è avvenuto su due livelli, uno più direttivo e di coordinamento, che ha visto coinvolti non solo me e il Sindaco ma anche tutti gli Assessori, e uno più operativo con i dirigenti e i responsabili dei servizi ai quali è stata data una formazione propedeutica, volta a condividere le logiche alla base del bilancio sociale di un ente locale. Nel corso della progettazione del bilancio sociale, si è pensato ad un sistema per fare in modo che tutti i cittadini interessati potessero prendere visione dei risultati prodotti dall Amministrazione comunale e dei dettagli specifici per ogni area. A tal fine è stato prodotto questo documento snello e chiaro in forma di opuscolo cartaceo, lasciando a coloro che desiderano approfondire gli argomenti la possibilità di esaminare la versione integrale del bilancio sociale pubblicata sul sito web Siamo alla prima esperienza di bilancio sociale per questo Comune e già sono emerse tutte le potenzialità di uno strumento di comunicazione chiaro e accessibile. Il bilancio sociale ha tutte le carte in regola per diventare uno degli output del sistema informativo dell ente, completamento di un sistema di contabilità interno già all avanguardia: soltanto grazie ad una base informativa già strutturata e affidabile attivata proprio dall impegno dei miei collaboratori in Assessorato è stato possibile innescare un sistema di controllo di tutte le dimensioni dell azione amministrativa, che desse conto della responsabilità sociale dell ente pubblico. 10 Città di Montichiari Bilancio Sociale

12 Premessa Piazza S. Maria PREMESSA

13

14 In ricordo del vicesindaco Peppino Boifava Peppino Boifava, vicesindaco di Montichiari dal 1999 al 2007 Lavoratore instancabile e deciso, il vicesindaco Peppino Boifava svolse un attività preziosa a servizio della comunità negli otto anni del suo incarico ( ): fu assessore al Commercio e allo Sport, con deleghe al Verde e all Arredo urbano e ai Servizi cimiteriali, un ruolo questo che avrebbe reso difficile la vita di qualunque amministratore, in una città grande come la nostra. Ma che lui seppe gestire con equilibrio e saggezza, cercando di mediare, di trovare sempre la soluzione che metteva d accordo il maggior numero di persone. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: dalle oltre diecimila piante messe a dimora in ogni parte del territorio, che lui conosceva una per una, al nuovo volto del cimitero, senza dimenticare gli aiuti continui e consistenti che le associazioni sportive hanno ricevuto in questi anni, sia in termini di finanziamenti che di nuove strutture, grazie al suo impegno. Le luci della ribalta Boifava non le apprezzava affatto: preferiva il lavoro dietro le quinte, il fare al dire. Boifava voleva lasciare una città più bella di come l aveva ricevuta, rimanendo sempre quell umile artigiano che era stato in tutta la sua vita. I tanti, tantissimi cittadini che hanno preso parte alle esequie, il 9 aprile, rendendo omaggio per l ultima volta ad un uomo tanto retto, sono la testimonianza della stima e dell apprezzamento che Boifava riscuoteva tra la gente. Il ricordo di un amministratore onesto e di un artigiano sapiente accompagnerà sempre la città di Montichiari, nella sua storia e nel suo sviluppo continuo. Città di Montichiari Bilancio Sociale

15 Un passato glorioso per un futuro radioso Castello Bonoris sul colle di S. Pancrazio Una città moderna, ma capace al contempo di salvaguardare i valori di un passato glorioso che non va disperso. Così si presenta Montichiari in questo volume: una comunità benestante, solidale, ricca non solo economicamente, ma anche spiritualmente dove si può vivere ancora a misura d uomo usufruendo al contempo di tutta una serie di servizi invidiati anche da città più grandi. Ogni settore ha ricevuto un forte impulso e un miglioramento sostanziale: dall ambiente al commercio, dalla cultura alla scuola, dal fisco all agricoltura, l amministrazione comunale si è fortemente impegnata per far progredire la città. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Il museo Bergomi, la pinacoteca Pasinetti e la futura collezione Lechi, il velodromo e il nuovo depuratore, le rotatorie e la sistemazione delle strade su tutto il territorio, il parco del Chiese con un ambiente più tutelato, l eliminazione dell Ici sulla prima casa e la difesa del piccolo commercio contro la grande speculazione, e ancora: il sostegno sia finanziario che strutturale alle scuole di ogni ordine e grado fino ai tanti progetti per i minori, per lo sport e per i giovani, con una collaborazione sempre più fattiva con le tante associazioni presenti sul territorio. Guarda in avanti, Montichiari e lo fa consapevole della propria ricchezza, che gli deriva da un passato fecondo e legato ai valori della famiglia, del lavoro, della solidarietà, ingredienti di un vivere civile che molte città oggi hanno purtroppo perso o dissipato nel corso degli anni. Il futuro riserverà alla patria di Treccani degli Alfieri, ne siamo certi, altri e più importanti successi, sulla scia di quanto di buono è stato realizzato finora. Un punto di partenza, questo, che rappresenta il bene più prezioso da far fruttare. 14 Città di Montichiari Bilancio Sociale

16 Parte I Basilica di S. Maria Assunta PARTE I - CITTÀ DI MONTICHIARI

17

18 Città di Montichiari La Città Basilica di S. M. Assunta e centro ORIGINE DEL NOME Il nome di Montichiari, la cui etimologia è alquanto incerta, ha subìto nei secoli diverse trasformazioni: da Montisclaris (sec. XII) a Monteclaro (sec. XIII) e Montechiaro (sec. XVI). Nel 1862 al nome Montechiaro venne aggiunto sul Chiese e nel 1877 divenne l attuale Montichiari. STORIA DELLA CITTÀ La zona di Montichiari fu abitata fin dall anno 1000, quando il territorio era governato dalla potente famiglia Longhi, feudatari della contea. Furono loro che nel 1167, per la mutata situazione politica, concessero agli homines de Monteclaro di costituirsi in libero Comune, pur con alcuni obblighi soprattutto militari verso gli antichi padroni. Fu così che dal 1168 e per alcuni anni il Comune di Brescia attaccò continuamente Montichiari cercando di contrastarne l autonomia raggiunta. Nel 1237 il borgo fu attaccato da Federico II e quindi distrutto, come nel 1265 quando la medesima sorte l ebbe per mano di Ezzelino da Romano prima e degli Angioini poi (1268). Secondo lo storico Faino, il capitano visconteo Pandolfo Malatesta occupò la località nel 1404, dopo aver preso Brescia, erigendola a principato e battendovi moneta. Papa Martino V, nell anno 1418, nel suo viaggio verso Roma, sostava a Montichiari e concedeva l indulgenza a chi avesse contribuito alla costruzione della nuova chiesa parrocchiale di Santa Maria Maggiore nella piazza del Mercato. Solo nell ottobre del 1420 il fratello di Pandolfo, Carlo, sconfitto dal conte di Carmagnola incaricato dai Visconti, poneva fine al dominio malatestiano. Il 1 ottobre 1428, dopo la battaglia di Maclodio, il paese giurò fedeltà alla Repubblica Veneta, cui Montichiari resterà fedele fino al suo declino nel 1797, nonostante alterne e contraddittorie vicende militari che la provarono negli anni. Bisognerà aspettare il 1805 per assistere all arrivo di un altro dominatore, che coinvolse gli abitanti di Montichiari in imprese militari, Napoleone I che passerà in rassegna il suo esercito accampato nella grande brughiera. Nel 1848, ad opera di alcuni patrioti, tra i quali il letterato monteclarense Angelo Mazzoldi, la popolazione insorse contro gli austriaci. Montichiari ebbe poi un ruolo importante nella battaglia di San Martino e Solferino quando nel 1859 si Città di Montichiari Bilancio Sociale

19 Città di Montichiari definì sul territorio monteclarense la strategia militare della battaglia e vennero alloggiate le retroguardie degli eserciti piemontese e francese. Nei giorni che seguirono gli abitanti si prodigarono ad apprestare soccorso, assistendo una grande quantità di feriti provenienti dalla prima linea. Per questa azione impegnativa vennero occupati numerosi edifici pubblici e privati, fra i quali la chiesa parrocchiale e il nuovo ospedale. Monteclarensi illustri Prima ancora che dalle opere la fama di Montichiari deriva dagli uomini illustri cui ha dato i natali, come Giovanni Treccani degli Alfieri ( ), intellettuale e mecenate, fondatore dell Enciclopedia omonima e Giuseppe Pirovano (XVIII sec.), pittore nato, nella frazione di Ro, da una famiglia agiata che gli permise di stabilirsi a Roma perfezionandosi nella pittura e dipingendo nelle più importanti chiese romane fra cui San Paolo. Il Pirovano è l autore della grande pala dell altare maggiore del Duomo di Montichiari che raffigura l Assunzione di Maria. Pellegrino da Montechiaro (XVI sec.), liutaio, appartenente alla famiglia Micheli di Montichiari, celebri costruttori di strumenti musicali è considerato da alcuni l inventore del violino, in contrapposizione a Gasparo da Salò. Mario Pedini ( ) è stato Ministro della Pubblica Istruzione, dell Università e Ricerca scientifica e dei Beni Culturali, nonchè parlamentare europeo. Insigne politico e raffinatissimo uomo di cultura, fu autore di testi di saggistica e di memorialistica che ne hanno garantito La Città e lo Stemma civico Il Presidente della Repubblica Francesco Cossiga, il 27 dicembre 1991, ha decretato che il Comune di Montichiari si fregi del titolo di Città. Lo stemma civico è costituito da uno scudo a sfondo rosso con l immagine dei sei colli del monte all italiana sostenente la croce latina. Sotto lo scudo, su una lista bifida rossa, riporta il motto in lettere maiuscole d oro Montibus claris semper vivida fides. La Città di Montichiari conta oltre abitanti (dato aggiornato al dicembre 2007) chiamati monteclarensi e si trova a 20 Km da Brescia, a 103 metri sopra il livello del mare. L estensione del suo territorio è pari a circa 81,192 Kmq grazie ai quali vanta il primato di comune più esteso della pianura bresciana attraversata dal fiume Chiese. La festa patronale di San Pancrazio si svolge il 12 maggio (Maggio Medioevale Monteclarense). 18 Città di Montichiari Bilancio Sociale

20 Città di Montichiari Panoramica della città a giusto titolo l ingresso nel novero dei monteclarensi più illustri di tutti i tempi. Altro monteclarense prestigioso (anche se mantovano di nascita) è Gaetano Bonoris ( ), ultimo rampollo della ricca famiglia Bonoris, venne eletto deputato liberale nella XXI Legislatura. Amico personale del Ministro Giuseppe Zanardelli fu inserito, quale membro, in numerose Commissioni negli uffici della Camera e fu lui stesso a far costruire il castello di Montichiari sui resti dell antica Rocca Comunale. Luigi Campini, il pittore, fu un simpatico colorista, facile disegnatore e pronto compositore; socio effettivo dell Ateneo bresciano di Scienze, lettere ed arti, aderì con successo alla mostra di pittura bresciana tenutasi a Brescia nel Insieme a questi: Nicolò Secco d Aragona (poeta e letterato), Giuseppe Guerzoni (politico), Angelo Mazzoldi (scrittore), Antonio Pasinetti (pittore) di cui si è appena costituita la Pinacoteca. LA POPOLAZIONE MONTECLARENSE Popolazione residente Var.% Donne ,95 Uomini ,15 Totale , Donne Uomini Città di Montichiari Bilancio Sociale

21 Città di Montichiari Popolazione per classi di età Il trend di crescita della popolazione monteclarense dal 2004 al 2007 è pari a 7,05% ed è stato influenzato solo in parte dalle natalità (pari all 1,10% del trend) % 2005 % 2006 % 2007 % Fino a 17 anni , , , ,54 Da 18 a 65 anni , , , ,03 Da 66 anni in poi , , , ,44 % sul totale della popolazione Fino a 17 anni Da 66 anni in poi Da 18 a 65 anni A fronte di una variazione percentuale relativa della crescita della popolazione nel suo complesso, il dato più interessante riguarda il peso della percentuale di stranieri sulla popolazione. Nel periodo gli stranieri residenti sono aumentati del 3,54% su un incremento totale della popolazione di circa il 7%. Quelli residenti a Montichiari nel 2007 costituiscono quasi il 13% della popolazione. Come si legge nella tabella seguente, questo trend ha subìto una consistente spinta nel 2007, anno in cui il numero di stranieri che hanno ottenuto la residenza è aumentato di quasi 400 unità rispetto all anno precedente. 20 Città di Montichiari Bilancio Sociale

22 Città di Montichiari Gli stranieri Var.% Totale Stranieri residenti ,16 % di stranieri su totale popolazione 9,44 10,30 11,60 12,97 +3,54 Numero stranieri per Paese di provenienza Area Schengen Area extra-schengen Totale Dati aggiornati al 25/02/08 Il Comune ASSETTO ISTITUZIONALE E ORGANIZZATIVO Il Sindaco Gianantonio Rosa, eletto direttamente dai cittadini, è a capo della struttura politica del Comune per il secondo mandato ( , il primo nel 1999) e ha nominato direttamente una Giunta Comunale di professionisti, che condividono con lui gli obiettivi da perseguire. Amministrative 2004 Candidato Sindaco Tot.Voti Giantanonio Rosa Stefania Mosconi Giantanonio Rosa Stefania Mosconi Il Sindaco è anche capo della struttura amministrativa, della quale nomina il Segretario e il Direttore Generale, e guida l Amministrazione verso il raggiungimento di obiettivi strategici indicati dalla struttura politica coi suoi compiti di indirizzo e di coordinamento. Il Sindaco segue direttamente i Lavori pubblici, Manutenzioni, Urbanistica, Sicurezza, Polizia locale, Viabilità. La Giunta è costituita a Montichiari da cinque Assessori scelti dal Sindaco come suoi collaboratori diretti e che in sua assenza fanno capo al sostituto, il Vicesindaco Elena Zanola che in qualità di Assessore è stato delegato per sovrintendere i seguenti servizi: Pubblica istruzione, Cultura e identità locali, Biblioteca, Toponomastica, Servizi demografici ed elettorali, Servizi sociali, Rapporti Città di Montichiari Bilancio Sociale

23 Città di Montichiari con l ASSOM, l ASL e l Azienda Ospedaliera, Cimitero. Gli altri componenti della Giunta sono gli Assessori: Massimo Gelmini che segue Personale e organizzazione degli uffici, Programmazione, Bilancio, Servizi finanziari e tributi, Informatizzazione, Commercio, Artigianato, Industria; Claudia Carzeri con delega Servizi Sociali per i minori, U.R.P. e Occupazione; Gianluca Imperadori incaricato delle Politiche Giovanili, Tempo libero e Sport e Sandro Zampedri le cui deleghe sono Ambiente, Ecologia, Agricoltura e rapporti col Centro Fiera, Arredo urbano, Verde. Gli Assessori sono presenti alle riunioni di Consiglio Comunale, anche per rispondere alle domande dei Consiglieri e indicano le principali linee-guida nei settori della città che il Sindaco ha loro affidato. Il Consiglio Comunale è formato dal Sindaco e da 20 consiglieri eletti dai cittadini, con diversi compiti: collaborare direttamente al governo della città, votare le decisioni, presentare proposte di deliberazione, controllare le attività del Comune, proporre iniziative e progetti, valutare le scelte della Giunta e del Sindaco. Le sedute del Consiglio Comunale sono aperte al pubblico e moderate dal Presidente del Consiglio Comunale, Guido Andrea Lanfranchi e in sua assenza dal Vicepresidente del Consiglio Comunale, Luigi Lamperti. Di seguito la lista dei componenti del consiglio comunale in carica: Luigi Lamperti, Claudio Mutti, Arrigo Franceschini, Marco Togni, Giovanni Tonoli, Mario Giordano Pezzaioli, Giovanni Carlo Calubini, Maurizio Cresceri, Stefano Fusi, Girolamo Mario Cola, Luigi Chiarini, Rita Percallo, Paolo Verzelletti, Fabio Badilini, Stefania Mosconi, Fabio Pezzaioli, Guido Andrea Lanfranchi, Daniela Visconti, Felice Ippolito Garzetti, Renato Baratti N. riunioni Giunta N. delibere N. determine N. consigli comunali N. delibere Città di Montichiari Bilancio Sociale

24 Parte II Pieve di S. Pancrazio (notturno) PARTE II - DALLA PARTE DEL CITTADINO

25

26 Dalla parte del cittadino Sicurezza POLIZIA LOCALE Per una maggiore sicurezza del cittadino il Sindaco di Montichiari ha voluto che fossero incrementati negli anni i pattugliamenti serali e notturni della polizia comunale. In questo modo il numero di reati accertati è drasticamente diminuito rispetto al 2004, così come quello delle infrazioni stradali, segno questo da un lato del rispetto delle regole stradali da parte dei cittadini e dall altro di un buon lavoro di prevenzione dell infrazione svolto dal corpo di polizia comunale. Anche il numero di incidenti stradali è lievemente diminuito rispetto al 2004, a conferma del buon esito dei pattugliamenti. Indicatore di attività (quantità) N. di incidenti stradali rilevati N. di infrazioni accertate Rilevamenti con apparecchiature complesse: - autovelox multafot etilometro Ricorsi pervenuti INTERVENTI E SERVIZI PER IL CITTADINO A Montichiari lavori e vivi bene, nel rispetto delle regole Nel novembre 2007 il Comando di Polizia Locale si è trasferito nella nuova sede in Via Tebaldini n. 16. La realizzazione di una centrale operativa e di videosorveglianza, le cosiddette sale di accoglienza e i nuovi uffici consentono alla Polizia Locale l espletamento di un servizio più efficiente. Il Comando della Polizia Locale ha programmato una serie di iniziative che rispondono alla necessità dei cittadini di percepire maggiore sicurezza per una tranquillità consolidata. Tali iniziative si fondano su due linee generali: 1) educare alla legalità e promuovere la legalità, per cui sono stati eseguiti controlli degli stranieri e delle attività che gestiscono, controlli sul rispetto del Codice della Strada, rilevamenti di incidenti stradali, presidio dei punti viari critici e dei plessi scolastici; interventi nelle scuole da parte di operatori della Polizia Municipale e visite scolastiche al Comando; 2) presidiare il territorio, per cui sono aumentati i pattugliamenti, è stato previsto il presidio di zone sensibili, insieme all aumento del controllo per il mantenimento della pulizia della città e del verde pubblico. La Polizia di Montichiari privilegia inoltre il confronto con i cittadini attraverso lo sportello del Comando. Fiore all occhiello della sicurezza è la videosorveglianza, attiva nel centro storico attraverso una rete di 36 telecamere per il monitoraggio delle piazze, dei parchi e delle intersezioni stradali più nevralgiche. La Polizia Locale collabora con: la Protezione Civile per attività di prevenzione dell illegalità; i volontari per il servizio scuole, che si occupano di Città di Montichiari Bilancio Sociale

27 Dalla parte del cittadino dare assistenza sugli attraversamenti pedonali vicino alle scuole; i Rangers per la tutela dell ambiente, con particolare riguardo allo smaltimento abusivo dei rifiuti e al controllo dei parchi. I VIGILI SCOLASTICI Quattordici volontari per la sicurezza, una sorta di angeli custodi che supportano in maniera fondamentale l attività della polizia locale: parliamo dei vigili volontari che ormai da anni prestano servizio nella nostra città. Sono tutti pensionati, residenti a Montichiari, che mettono a disposizione parte del loro tempo per rendere più sicuro l attraversamento delle strade a bambini e famiglie durante l entrata e l uscita dalle scuole. Per ringraziarli del loro importante contributo l amministrazione comunale ha voluto consegnare loro i nuovi attrezzi da lavoro, consistenti in un braccialetto fosforescente e una paletta per meglio essere identificati durante l attività oltre che il gonfalone dell associazione, a testimonianza dell attività di grande rilievo svolta. Per quasi 300 giorni l anno, tutti i giorni dal lunedì al sabato, questi straordinari concittadini aiutano bimbi e genitori in un servizio di sicurezza nei dintorni delle scuole; giuste, quindi, sono le parole di elogio per i volontari il cui contributo permette di liberare pattuglie ed agenti di polizia locale in altri servizi di pubblica utilità che altrimenti si dovrebbero impegnare nel dirigere il traffico. Ecco i loro nomi: Luigi Posenato, Emilio Fregoni, Angelo Pilati, Aldo Peri, Carlo Pezzaioli, Guerrino Lussignoli, Roberto Cavagnini, Domenico Filippetti, Giovanni Scrof, Enzo Stagni, Salvatore Floris, Mario Piceni, Aldo Spillare e Giuseppe Pezzaioli. I vigili scolastici 26 Città di Montichiari Bilancio Sociale

Parte III. Verde in zona Parco del Chiese PARTE III - DALLA PARTE DEL TERRITORIO

Parte III. Verde in zona Parco del Chiese PARTE III - DALLA PARTE DEL TERRITORIO Parte III Verde in zona Parco del Chiese PARTE III - DALLA PARTE DEL TERRITORIO Territorio e ambiente Cortile interno del Castello Bonoris URBANISTICA Il Piano di Governo Territoriale Per illustrare compiutamente

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

2) Senatore BARBOLINI:

2) Senatore BARBOLINI: Oggetto: Audizione del Direttore dell Agenzia del Territorio dinanzi alla VI Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica. Ulteriori elementi informativi. Come noto, in data 26 maggio 2009,

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 102 del 04/08/2015 OGGETTO: CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI SASSUOLO E L'A.V.I.S. COMUNALE DI SASSUOLO - ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI DEL SANGUE APPROVAZIONE

Dettagli

Istituzione Ufficio Anagrafe Immobiliare E Costituzione Centro Servizi Sit

Istituzione Ufficio Anagrafe Immobiliare E Costituzione Centro Servizi Sit Comune di Barletta Città della Disfida Medaglia d Oro al Valor Militare ed al Merito Civile Istituzione Ufficio Anagrafe Immobiliare E Costituzione Centro Servizi Sit 1 COMUNE DI BARLETTA promotori Il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ASSEGNAZIONE RELATIVI INCARICHI AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE IL DIRIGENTE

Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ASSEGNAZIONE RELATIVI INCARICHI AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE IL DIRIGENTE COMUNE DI SENIGALLIA AREA TECNICA, TERRITORIO, AMBIENTE U F F I C I O DIRIGENTE AREA TECNICA, TERRITORIO, AMBIENTE DETERMINAZIONE DIRIGENTE n 29 del 23/01/2014 Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA Art. 1 - Istituzione del Sistema 1. Il Sistema Museale Naturalistico del Lazio RESINA è istituito ai sensi dell art. 22 della L.R. 42/97

Dettagli

2.1.8 Legalità e sicurezza

2.1.8 Legalità e sicurezza 2.1.8 Legalità e sicurezza Legalità e sicurezza Le attività finalizzate a garantire la sicurezza urbana e la civile convivenza tra i cittadini sono svolte da: Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale al

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

SCHEDA INTERVISTA CATASTO

SCHEDA INTERVISTA CATASTO SCHEDA INTERVISTA CATASTO Comune di ATTENZIONE: rilevare la volontà dell Ente e non l opinione dell intervistato D1. IL COMUNE È ORIENTATO ALL ASSUNZIONE DIRETTA DELLE FUNZIONI CATASTALI? (a) SI, in forma

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO PROVINCIA DI PISA

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO PROVINCIA DI PISA COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO PROVINCIA DI PISA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n 45 del 09/04/2011 Oggetto: PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ENERGETICA PROPOSTA DA WASTE RECYCLING PER

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A.

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. La gestione associata di corbetta e gaggiano: l esperienza del progetto s.i.g.i.t.

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AFFARI GENERALI Protocollo - Notifiche Centralino telefonico - Vice Segreteria Generale Deliberazioni e Determine - URP Informazione Albo Online Presidenza del

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Soluzioni edili Pag. 1. Una storia lunga un secolo Pag. 2. L attività di engineering Pag. 3. I settori di attività Pag. 4. Scheda di sintesi Pag.

Soluzioni edili Pag. 1. Una storia lunga un secolo Pag. 2. L attività di engineering Pag. 3. I settori di attività Pag. 4. Scheda di sintesi Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Soluzioni edili Pag. 1 Una storia lunga un secolo Pag. 2 L attività di engineering Pag. 3 I settori di attività Pag. 4 Scheda di sintesi Pag. 6 Mantova, luglio 2006

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Alloggio di civile abitazione ubicato in Firenze Via dei Serragli n. 76. (N.C.E.U. Foglio di mappa

Dettagli

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI Rag. Roberta Cesana Segreteria-affari istituzionali Organi istituzionali Ufficio di supporto agli organi di direzione politica Archivio messi

Dettagli

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Titolo del progetto Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Destinatari Nuclei familiari presenti in 3 insediamenti siti in Corso dei Martiri della Libertà a Catania: Nuclei familiari bulgari

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Giancarlo Fabio Renato Giancarlo Marialuisa Antonio Marino Massimo Raffaele Antonio Floriano Ermanno Raffaele

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione:

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione: INDICE SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. PAG. 1 INTERVENTI PREVISTI PAG. 1 PROIEZIONE COSTI COMPLESSIVI AI FINI DELL ATTUAZIONE DEL P.I.I. A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE PAG. 2 QUANTIFICAZIONE DELLE CONVENIENZE

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze Gruppo di lavoro: Andrea Aleardi Assessorato alla Partecipazione Comune di Firenze Roberto Bocchieri

Dettagli

VERIFICA DI META ANNO

VERIFICA DI META ANNO : dott. MASSIMILIANO GALLONI Centri di costo: 1... Servizio Intercomunale di Protezione Civile. VERIFICA DI META ANNO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE RENO GALLIERA : Massimiliano Galloni OBIETTIVI PERMANENTI

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia Regionale di Trapani) «Avviso pubblico per l affidamento di n 2 incarichi per le funzioni di Medico Competente di

CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia Regionale di Trapani) «Avviso pubblico per l affidamento di n 2 incarichi per le funzioni di Medico Competente di CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia Regionale di Trapani) «Avviso pubblico per l affidamento di n 2 incarichi per le funzioni di Medico Competente di cui al D. Lgs n 81/2008» L Amministrazione Comunale di

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

VERSO IL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

VERSO IL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Trimestrale di informazione a cura dell Amministrazione Comunale di Orsenigo Direttore Responsabile: Licia Viganò Numero chiuso il: 5 febbraio 2009 Supplemento al numero 37 Stampa: Com.Unica srl (Lipomo)

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA PER IMMOBILI GIÀ EDIFICATI

RELAZIONE DI STIMA PER IMMOBILI GIÀ EDIFICATI Città di Cologno Monzese ALLEGATO C AREA PROGRAMMAZIONE TERRITORIO Servizio Demanio Patrimonio ed Espropri RELAZIONE DI STIMA PER IMMOBILI GIÀ EDIFICATI ESTRATTO CATASTALE FOGLIO 1 -MAPPALE 401 2 ESTRATTO

Dettagli

C O M U N E D I S A N F E L E

C O M U N E D I S A N F E L E PATRIMONIO ED ESPROPRI Concessione a terzi di diritti di superficie su aree a servizio per la realizzazione di strutture di interesse collettivo Gestione amministrativa del patrimonio immobiliare e demaniale

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO PREMESSA L Amministrazione Comunale ha indicato nelle LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI E AI PROGETTI DA REALIZZARSI NEL CORSO DEL MANDATO 2012/2017, all interno del capitolo Cittadinanza attiva

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

RENDICONTO DI GESTIONE PARCO E VILLA REALE DI MONZA - ANNO 2006

RENDICONTO DI GESTIONE PARCO E VILLA REALE DI MONZA - ANNO 2006 RENDICONTO DI GESTIONE PARCO E VILLA REALE DI MONZA - ANNO 2006 ENTRATE CODICE RISORSA DESCRIZIONE RISORSA ACCERTATO 3010440 PROVENTI DIVERSI PARCO E VILLA REALE 6.015,00 3020520 FITTI REALI DI FONDI RUSTICI

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI)

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI) COMUNE DI VALERA FRATTA PROVINCIA DI LODI P.zza Vittoria, 6 Tel. 0371.99000 Fax 0371.99348 c.a.p. 26859 E-mail: comunevalerafratta@virgilio.it RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi. 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico

3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi. 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico 3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico La Lr. 12/2005 per il governo del territorio individua

Dettagli

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI ORIGINI Dopo l approvazione della proposta della città di Almeria per il recupero del suo centro storico, nel giugno del 2008, nel contesto

Dettagli

Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza

Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza TITOLO AZIONE: La tutela dei diritti dei minori: la governance delle azioni del Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Campania Premessa

Dettagli

Relazione previsionale e programmatica

Relazione previsionale e programmatica Comune di Inveruno Provincia di Milano RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2009-20112011 Relazione previsionale e programmatica La relazione previsionale e programmatica rende conto delle scelte, delle

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Assemblea dei soci 29 gennaio 2011

Assemblea dei soci 29 gennaio 2011 Assemblea dei soci 29 gennaio 2011 Iniziamo ricordando che il 27 scorso è stata la giornata della memoria; quest anno non abbiamo fatto in tempo a organizzare qualche iniziativa come lo scorso anno ma

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

0 Modulo Base. 3.4.1 Tabelle riepilogative sulle operazioni necessarie

0 Modulo Base. 3.4.1 Tabelle riepilogative sulle operazioni necessarie .. Tabelle riepilogative sulle operazioni necessarie 0 Modulo Base Cod. Livello informativo Fonte Formato Operazioni Necessarie Stima dei tempi 0C Carta Tecnica Regionale Numerica Regione Veneto Digitale:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MEZZOJUSO 2) Codice di accreditamento: NZ00607 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Proposte non ammesse alla votazione finale

Proposte non ammesse alla votazione finale Proposte non ammesse alla votazione finale Proposte dei cittadini Motivi dell esclusione Demolizione o riapertura ex centro commerciale Poggio dell'ellera Il Comune non può intervenire perché la proprietà

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture Protocollo d intesa tra Amministrazione Provinciale di Modena Comune di Modena Associazione Servizi per il Volontariato Modena Associazione Casa delle Culture di Modena per la realizzazione del progetto

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 31 del 15/06/2006 RELAZIONE AL CONTO DEL BILANCIO ESERCIZIO FINANZIARIO 2005 L applicazione del D.Lgs. n. 267/2000, ha profondamente innovato la gestione

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

STATUTO. DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1. "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste

STATUTO. DELLA FONDAZIONE proposta ARTICOLO 1. Assidipost-Federmanager (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste STATUTO DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1 "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste Italiane) aderente a "Federmanager" e "CIDA" (Confederazione Italiana Dirigenti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013 art.10 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013, art. 10 Il D.Lgs. n. 33/2013, nel modificare, in parte,

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile Presentazione

Piano Comunale di Protezione Civile Presentazione Piano Comunale di Protezione Civile Presentazione Aprile 2012 Comune di Piacenza Il Piano Comunale di Protezione Civile, nella sua edizione aggiornata, è stato elaborato con lo scopo di fornire al Comune,

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL

RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA (F.1.J) 1 1. Definizioni Le definizioni che seguono vanno così interpretate: Sistema Nazionale Borghi Autentici:

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica

CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica Premessa Il progetto della Casa delle Culture a Modena nasce dall esigenza delle Associazioni degli immigrati presenti nel territorio di usufruire di spazi per costituire

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP)

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP) PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO N. 88 DEL 17 OTTOBRE 2013 Sistema Integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio Proposta emendativa-integrativa a

Dettagli

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA OGGETTO: Proposta di riqualificazione di Piazza S.Maria dei Battuti. Treviso, 17.06.2015 Visto quanto previsto dal Programma integrato di

Dettagli

VIII ROBERTO FORMIGONI LUCA DANIEL FERRAZZI

VIII ROBERTO FORMIGONI LUCA DANIEL FERRAZZI VIII ROBERTO FORMIGONI GIOVANNI ROSSONI Vice Presidente DAVIDE BONI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI MASSIMO BUSCEMI RAFFAELE CATTANEO ROMANO COLOZZI LUCA DANIEL FERRAZZI ROMANO LA RUSSA STEFANO MAULLU

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Ai sensi art. 36 del D.P.R. 380/2001

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Ai sensi art. 36 del D.P.R. 380/2001 Settore Governo del Territorio Marca da Bollo Euro 16,00 Mod PdC_San_05 / 02.2015 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Ai sensi art. 36 del D.P.R. 380/2001 ( Da presentarsi DOPO l ottenimento

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Dal programma elettorale all organizzazione del Comune: una proposta di lavoro integrato. Michele Bertola Direttore Generale del Comune di Cesena

Dal programma elettorale all organizzazione del Comune: una proposta di lavoro integrato. Michele Bertola Direttore Generale del Comune di Cesena Dal programma elettorale all organizzazione del Comune: una proposta di lavoro integrato Michele Bertola Direttore Generale del Comune di Cesena Lo stato dell arte I Come il magnifico mosaico, prelevato

Dettagli

PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA

PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA RENDICONTO ATTIVITA SVOLTA Con riferimento all attività svolta nell anno 2012, nell Area Tecnica, si relaziona quanto appresso: PREMESSO CHE con determinazione

Dettagli

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione Disposizioni di attuazione Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione settembre 2008 maggio 2009 aggiornato giugno 2009 Versione 19.05.2009

Dettagli

Quartiere San Donato

Quartiere San Donato Quartiere San Donato P.G. N.: 141598/2013 N. O.d.G.:.: 21/2013 2013 Data Seduta : 13/06/2013 Richiesta IE Dati Sensibili Adottato Oggetto: APPROVAZIONE DEI PROGRAMMI OBIETTIVO DEL QUARTIERE SAN DONATO

Dettagli