EDUCARE LA PERSONA E IL CITTADINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDUCARE LA PERSONA E IL CITTADINO"

Transcript

1 RMIC8DD00N- Via SETTEVENE PALO, Cerveteri (Roma) Tel.06 / Fax 06 / XXX Distretto EDUCARE LA PERSONA E IL CITTADINO PIANO OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.)

2 Il Piano dell Offerta Formativa è il documento (art. 3 DPR 275/199) che nell ambito dell autonomia scolastica costituisce l identità progettuale e culturale del nostro Circolo. Il Piano Offerta Formativa (P.O.F.) rende nota l offerta curricolare, extracurricolare ed organizzativa adottata, nel rispetto degli obiettivi generali determinati a livello nazionale (art. 8 DPR 275/1999).

3 Sommario Il Piano dell Offerta Formativa... 2 LETTURA DEL TERRITORIO... 6 PRINCIPI ISPIRATORI DEL SERVIZIO SCOLASTICO ISTITUZIONE SCOLASTICA RISORSE UMANE E STRUMENTALI ORGANI COLLEGIALI FUNZIONIGRAMMA a.s LOCALI A DISPOSIZIONE NEI RISPETTIVI EDIFICI ORGANIZZAZIONE DEL TEMPO SCUOLA SERVIZI AGGIUNTIVI: ORARIO E DISCIPLINE SCUOLA PRIMARIA RIENTRI E TURNI A MENSA ORARIO E DISCIPLINE SCUOLA SECONDARIA 1 GRADO SERVIZI AMMINISTRATIVI, AUSILIARI ED ACCESSORI OFFERTA FORMATIVA e SCELTE CURRICOLARI PRINCIPI A FONDAMENTO DELL'AZIONE EDUCATIVA ANALISI DEI BISOGNI FORMATIVI CURRICOLO D ISTITUTO FINALITA' COMPETENZA COMUNICATIVA NELLA LINGUA ITALIANA COMPETENZA DI BASE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA IMPARARE AD IMPARARE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE SENSO DI INIZIATIVA ED IMPRENDITORIALITA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONI CULTURALI RIFERIMENTI TEORICI E METODOLOGIA ATTIVITA' PROGETTUALI Sulla via degli Etruschi AMPLIAMENTI DELL OFFERTA FORMATIVA PROGETTI EUROPEI PROGETTI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE PROGETTI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE DIGITALI PROGETTI DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA... 49

4 PROGETTI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE CREATIVE PROGETTI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE PROGETTI DI INCLUSIONE: LA SCUOLA PER TUTTI Alunni con cittadinanza non italiana Alunni con disabilità e bisogni educativi speciali Istruzione domiciliare Recupero d'istituto ALTRE INIZIATIVE INIZIATIVE DI CONTINUITA' e ORIENTAMENTO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO RETI E PARTENARIATI COLLABORAZIONE CON SOGGETTI ESTERNI VALUTAZIONE DEL PROCESSO E DEI RISULTATI AUTOVALUTAZIONE D'ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE E PROVE INVALSI DOCUMENTAZIONE E DIVULGAZIONE DEL PROCESSO E DEI RISULTATI APPENDICE Piano Annuale dell Inclusione... 67

5

6 LETTURA DEL TERRITORIO Il territorio comunale di Cerveteri, dichiarato nel 2005 dall UNESCO patrimonio dell Umanità, comprende un agglomerato urbano di origine antichissima che si è sviluppato in un primo periodo (immediato dopoguerra) a ridosso dell antico centro medievale e successivamente (anni 70) in zone limitrofe a carattere residenziale: Valcanneto e Marina di Cerveteri (Cerenova, Campo di Mare). In esso si trovano altri insediamenti minori prettamente agricoli (Due Casette, I Terzi, Borgo S. Martino) e frazioni storiche come Ceri e il Sasso. Il centro urbano è situato a circa 40 Km da Roma, in una posizione ambientale particolarmente ricca e varia per la presenza di zone collinari e pianeggianti, per la vicinanza del mare e l esistenza di frazioni con caratteristiche diverse. Il clima è particolarmente mite e favorevole all insediamento umano e al proliferare di flora e fauna. La comunità di Cerveteri nel corso degli anni ha subito una profonda trasformazione, passando da un economia a carattere prettamente agricolo e artigianale, ad un altra legata all edilizia locale e al lavoro terziario offerto dalla vicina metropoli di Roma, mancando sul territorio iniziative occupazionali di tipo industriale o terziario di rilevante spessore. A causa della notevole espansione edilizia il numero dei residenti, in questi ultimi anni, è notevolmente aumentato e ciò ha determinato un cambiamento della composizione sociale ed economica del paese che ha perso la sua identità originaria di comunità omogenea, per diventare una realtà estremamente eterogenea.

7 La maggior parte delle forze lavorative si sposta quotidianamente verso Roma ed il vicino aeroporto di Fiumicino, causando un fenomeno del pendolarismo che sta trasformando sempre di più la nostra cittadina in città satellite. Ciò costringe le famiglie a lasciare i propri figli per molte ore al giorno e spesso determina l impossibilità delle stesse a partecipare alla vita della comunità. L espansione residenziale rapida e d origine prevalentemente metropolitana comporta una notevole crescita della domanda dei servizi sociali, domanda che incontra sensibili difficoltà alla propria soddisfazione essendo questi già estremamente carenti. Questo impatto così rapido e disordinato con il territorio ha portato anche all interno della Scuola una serie di problematiche nuove e complesse. Innanzi tutto la mancanza di riferimenti culturali e di tradizioni comuni rende spesso difficile una reale interazione tra i cittadini che permetta di lavorare per il conseguimento degli stessi obiettivi. Si rilevano, inoltre, fenomeni di disagio individuale e sociale legati a fattori diversi: - l aumento dell immigrazione, anche di stranieri, che implica la necessità di favorire l integrazione e la coesione; - la presenza di disoccupazione e lavoro sommerso che fomenta episodi di microcriminalità ed in genere comportamenti poco rispettosi delle regole civili; - la diffusione sempre più ampia dell uso di droghe tra giovani e meno giovani che portano a conflitti e a disgregazione familiare.

8 La Scuola si trova quindi ad accogliere bambini con caratteristiche familiari, sociali e culturali molto diverse che, in qualche caso, determinano contrasti notevoli all interno delle classi. Le Insegnanti rilevano, nei contatti quotidiani con i bambini, situazioni di disagio e fragilità psicologica, difficoltà di relazione e di linguaggio. Compito primario dell Istituzione Scolastica è di fornire l opportunità di vivere esperienze comuni partendo dalle risorse presenti nel territorio per giungere ad una adeguata valorizzazione delle stesse, anche nell ottica di un futuro inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Cerveteri presenta notevoli ricchezze ambientali: - vicinanza al mare; - vicinanza al lago di Bracciano; - presenza di zone collinari ed idrografiche; - aree naturali protette: Oasi di Macchia Tonda; - vicinanza dell Oasi di Torre Flavia gestita dal W.W.F.; - risorse flora vegetazionali e faunistiche peculiari. E ricchezze storico archeologiche: - necropoli etrusche (sito UNESCO); - museo etrusco; - acquedotto etrusco (cunicoli, cisterne, pozzi); - terme Cerite (Pian della Carlotta Sasso); - castello medievale; - palazzo Ruspoli del 500; - Chiesa romanica; - Castello e borgo medievale di Ceri con il Santuario;

9 - Edifici legati all economia dell agro romano (casali dei Guitti Granarone). Sono inoltre presenti nel territorio servizi sociali ed organizzazioni private di volontariato: - Ente locale; - Biblioteca Comunale; - Scuole medie e superiori ; - Asili nidi privati; - Scuola DELL INFANZIA Comunale; - Pro Loco; - Protezione Civile; - Servizi di consulenza: associazioni culturali e sportive private; - Trasporti; - ASL. Sono infatti in aumento le persone, sia nelle amministrazioni che nelle sopraccitate organizzazioni, che si impegnano ed operano per: - valorizzare il patrimonio; - mantenere vive o far rivivere memorie e tradizioni locali; - divulgare i risultati della ricerca storica ed archeologica; - sensibilizzare verso i problemi ambientalistici ed ecologici. E a tali forze che la nostra Scuola intende chiedere supporto per rendere ancora più efficace la sua azione e diventare parte integrante del territorio in cui opera.

10 PRINCIPI ISPIRATORI DEL SERVIZIO SCOLASTICO Il 1 Circolo didattico di Cerveteri nel rispetto della legge sull autonomia delle istituzioni scolastiche ha, come fonte di ispirazione fondamentale gli articoli della Costituzione Italiana e mira al raggiungimento del successo formativo e del benessere psico fisico di ogni alunno IMPARZIALITA' E UGUAGLIANZA DELLE OPPORTUNITA' ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE SUCCESSO FORMATIVO SINERGIA CON IL TERRITORIO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA' (diritto di scelta e obbligo di frequenza) EDUCAZIONE DELLA PERSONA E DEL CITTADINO

11 ISTITUZIONE SCOLASTICA RISORSE UMANE E STRUMENTALI Dall a.s l Istituzione scolastica è divenuta Istituto comprensivo Scuola Plesso Indirizzo Classi/Sezioni Numero Alunni Numero Docenti Infanzia Via Marieni * Via Marieni 2 a tempo ridotto (25h) 52 3 Infanzia Montessori Via Settevene Palo 2 a tempo ridotto (25h) 4 a tempo normale (40h) Primaria Giovanni Via Settevene Palo, 11 a tempo normale Cena 338 (28h) 16 a tempo pieno (40h) Primaria Sezione Sorbo 3 a tempo 61 3 staccata normale (28h) Secondaria Giovanni Via Settevene Palo, 2 corsi completi grado Cena 338 (30h)e 1 classe prima Totali

12 Nel plesso di Via Marieni un aula è occupata da una classe prima scuola primaria a tempo ridotto.

13 ORGANI COLLEGIALI Gli Organi Collegiali di natura elettiva con la presenza della componente genitori sono: - Consiglio di Istituto - Consiglio di Classe - Consiglio d interclasse - Consiglio d intersezione Il Collegio dei Docenti nello svolgimento delle sue funzioni si articola in Dipartimenti per ciascun grado d istruzione e in Commissioni nominate ad inizio di ciascun anno scolastico per lo svolgimento delle proprie funzioni: Commissione POF: ha il compito di elaborare il Piano dell Offerta Formativa, analizzare i diversi progetti e valutarne la compatibilità finanziaria. Commissione Alunni Stranieri: accerta i livelli di competenze ed abilità degli alunni stranieri di nuova iscrizione per definire l assegnazione alla classe, fermo restando il criterio generale di inserire l alunno secondo l età anagrafica. Commissione autovalutazione d istituto: coordinata dalla specifica FS, elabora indagini e questionari per personale scolastico, genitori e alunni per la rilevazione dei bisogni formativi e della percezione del servizio offerto. I risultati sono pubblicati sul sito della scuola. Comitato di valutazione: valuta gli insegnanti in anno di prova. Ciascuna commissione porta le proprie proposte in sede di collegio docenti dove vengono discusse e deliberate. Come previsto dall art. 33 del CCNL Comparto Scuola del 2007, all inizio di ciascuna anno scolastico il Collegio Docenti nomina le FUNZIONI STRUMENTALI AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per la realizzazione delle finalità istituzionali della scuola in regime di autonomia, per la realizzazione e la gestione del piano dell offerta formativa

14 dell istituto e per la realizzazione di progetti formativi d intesa con enti ed istituzioni esterni alla scuola. Il Dirigente, inoltre, può avvalersi di due docenti Collaboratori di sua fiducia nominati dallo stesso. FUNZIONIGRAMMA a.s INCARICO NOMINATIVO Collaboratore Vicario del DS Collaboratore del DS Responsabile plesso Montessori Responsabile plesso via Marieni Funzione strumentale eventi Funzione Strumentale ProgettazioneEuropea ed EsamiTrinity Funzione strumentale sito web Responsabili e referenti GLHO Alunni Diversamente Abili Scuola Secondaria Primo Grado Bes Scuola Secondaria Primo Grado Sport primaria Sport secondaria Orientamento Cinema Gite Certamen Camper della scienza Continuità Attuazione D.lgs Scuola in ospedale M. Carmela Termini Alessandra Sbattella Giovanna Bencetti Guana Govoni Fiammetta Di Giovanpaolo Domelita Di Maggio Laura Timpano Maria Letizia Amatista Maria Rosaria Lupo Giulia De Santis Iolanda Bencini Cinzia Corsetti Monica Pitzalis Camilletti M.Alessandra Sbattella, Monica Pitzalis Monica Pitzalis Monica Pitzalis, Izzo Di Maio Catia Marini Giovanna Collorà Guana Govoni Fittavolini Daniela Montefiori

15 LOCALI A DISPOSIZIONE NEI RISPETTIVI EDIFICI plesso GIOVANNI CENA Scuola Primaria e Scuola Secondaria 1 grado N. 33 AULE E SERVIZI; N. 1 PALESTRA CON SERVIZI; N. 1 LABORATORIO DI INFORMATICA; N. 1 REFETTORIO CON SERVIZI (ad uso esclusivo delle classi a tempo pieno); N. 1 PREFABBRICATO AD USO MENSA (ad uso delle classi a tempo normale e 2 di tempo pieno ) N. 2 LOCALI UFFICIO: SEGRETERIA E DIREZIONE; CAMPETTO ALL APERTO PER ATTIVITA MOTORIA; GIARDINO. SEZIONE STACCATA SORBO N. 3 AULE E SERVIZI; CORTILE. SCUOLA DELL INFANZIA MONTESSORI. N. 6 AULE E SERVIZI; N. 1 SALA SUSSIDI; GIARDINO. SCUOLA DELL INFANZIA VIA MARIENI (+ 1 CLASSE 1 PRIMARIA) N. 3 AULE E SERVIZI O. 1 SALA MENSA ad uso della vicina scuola primaria (I.C. Salvo d Acquisto) GIARDINO

16 Attualmente tutti gli spazi della Scuola Primaria, un tempo adibiti a laboratori, sono utilizzati come aule, fatta eccezione per l aula multimediale al Centro Urbano e dell aula professori in Pal. B 1 piano. Si intende adibire a laboratori il fabbricato al piano superiore della mensa (ex alloggio custode): biblioteca, laboratorio, sala polivalente.

17 ORGANIZZAZIONE DEL TEMPO SCUOLA TEMPO NORMALE 40 ORE DA LUNEDI A VENERDI SCUOLA DELL INFANZIA TEMPO RIDOTTO 25 ORE DA LUNEDI A VENERDI 25 ORE (solo classi prime) DAL LUNEDI AL VENERDI 8,30-13,30 SCUOLA PRIMARIA 28 ORE DAL LUNEDI AL VENERDI 8,30-13,30 E UN RIENTRO FINO ALLE 16,30 40 ORE (comprensive della mensa) DAL LUNEDI AL VENERDI 8,30-16,30 SCUOLA SECONDARIA 1 GRADO 30 ORE DAL LUNEDI AL VENERDI 8,05-14,05

18 La possibilità di iscrizione e di scelta delle varie tipologie orarie è limitata dalla obiettiva capienza di ciascuna di esse. Il Consiglio d Istituto stabilisce i criteri per l accesso alle classi funzionanti a 40 ore. La possibilità di passaggio dall una o l altra tipologia oraria è eccezionale e subordinata al parere favorevole del Consiglio di Interclasse competente. MENSA TRASPORTO SERVIZI AGGIUNTIVI: Tali servizi sono a carico delle famiglie e sono erogati in collaborazione con il Comune di Cerveteri e le ditte appaltatrici (Sodexo e Galatour) Si prevede, inoltre, qualora ne facciano richiesta in numero sufficiente, la predisposizione di un servizio di pre-scuola al plesso di G.Cena e nel Plesso del Montessori, gestito da apposite Cooperative e finanziato dai genitori.

19 ORARIO E DISCIPLINE SCUOLA PRIMARIA L orario di seguito indicato è solamente indicativo in quanto l orario complessivo e quello destinato alle singole discipline e attività sono organizzati in modo flessibile all interno di ciascuna classe. Per la lingua inglese è previsto il seguente orario obbligatorio: 1h in classe prima 2h in classe seconda 3h in classe terza, quarta e quinta L insegnamento della lingua inglese viene svolto dall insegnante di classe in possesso delle specifiche competenze o dall insegnante specialista.. TEMPO RIDOTTO TEMPO PIENO Prima Seconda, terza, quarta, quinta Italiano Matematica Inglese Storia e geografia 2 2/3 4 Scienze Scienze motorie e sportive Tecnologia e informatica Trasversale Trasversale Trasversale Arte e Immagine Musica Religione Totale

20 RIENTRI E TURNI MENSA GIORNI SETTIMANA ORARIO CONTAINER CLASSI LUNEDI 12,30 1A 13,30 5G 5H 5C MARTEDI 12,30 1 A 13,30 4F 4G 5C MERCOLEDI 12,30 4E 1 A 13,30 3D 3E 5 C GIOVEDI 12,30 2E 2F 1 A VENERDI 12,30 1 A 13,30 5C GIORNI SETTIMANA ORARIO CLASSI MENSA G.CENA 12,30 1B 1C 2 A 2B 2C 2D 3A 13,30 3B 3C 4 A 4B 4C 5 5B 5C

21 RIENTRI E TURNI A MENSA TEMPO RIDOTTO LUNEDI Container-mensa 13,30 5H 5G 5C 3 classi MARTEDI 4 classi 13,30 4G 4H GIOVEDI 12,30 2E 2F 2G 5E 5F 4 classi Plesso Sorbo 13,30 5D 5E TEMPO PIENO G.CENA 12,30 1A 1B 1C 1D 2A 2B 2C 4B Sala mensa 13,30 3A 3B 3C 4A 4C 5A 5B 5C * Le classi a T.P. 4B e 5C mangiano nel container mensa

22 ORARIO E DISCIPLINE SCUOLA SECONDARIA 1 GRADO PRIMA SECONDA TERZA ORE FRONTALI Italiano-Storia-Geografia Approfondimento Matematica-Scienze Inglese Spagnolo Scienze motorie Tecnologia Arte e Immagine Musica Religione Totale L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione viene svolto nell ambito dell insegnamento di Storia

23 SERVIZI AMMINISTRATIVI, AUSILIARI ED ACCESSORI L orario di servizio del personale di segreteria viene effettuato di norma in 7,12 ore giornaliere per 5 giorni lavorativi escluso il sabato. Considerato l orario osservato dalle classi a Tempo Pieno di Scuola Primaria, dei rientri pomeridiani delle classi a tempo ridotto una unità di personale in turnazione effettua il servizio dalle ore 9,48 alle ore Una unità di personale per esigenze di servizio entra in servizio alle ore Si precisa che nei periodi di sospensione dell attività didattica si assicura comunque l apertura dell Ufficio di segreteria. Eventuali assenze saranno coperte da ferie o recupero ore. L orario di apertura al pubblico è così stabilito: Lunedì, Mercoledì e Venerdì: ore 11,00 12,30 Martedì e Giovedì 15,00 16,00 Si dichiara la piena disponibilità al supporto per ogni progetto o attività connesse al P.O.F. e all autonomia scolastica. In periodi di particolare impegno con il pubblico (es. iscrizioni alla Scuola Primaria ed dell'infanzia), l orario di ufficio viene ulteriormente ampliato per venire incontro alle esigenze dell utenza. Le iscrizioni vengono accettate al momento, purchè complete della eventuale documentazione richiesta; viene predisposta apposita modulistica, a norma della vigente legge sulla privacy. Il rilascio di certificazioni agli alunni avviene entro 3gg dalla richiesta. Altrettanto per quanto riguardo le certificazioni al personale, salvo in caso di pratiche particolarmente difficoltose che richiedono maggior tempo; si assicura comunque il rilascio in termini di eventuali scadenze. In ossequio alle vigenti norme sulla trasparenza, è esposto l organigramma del personale all albo. Sono presenti nell atrio della Scuola: - 2 bacheche albo della Scuola; - 1 bacheca sindacale; - 1 bacheca avvisi ai genitori.

24 Per quanto riguarda i corsi di aggiornamento e formazione in servizio, tutto il personale amministrativo dichiara la propria disponibilità, preferibilmente su argomenti riguardanti l autonomia scolastica e la legislazione scolastica. Oltre a prendere contatto con le scuole del 30 Distretto per avere notizie di eventuali corsi di aggiornamento, anche autogestiti, organizzati da dette scuole, si cercherà di organizzare in proprio almeno un corso di aggiornamento nel corrente anno scolastico. Inoltre, si intende partecipare anche a corsi di aggiornamento organizzati per gli insegnanti, qualora gli argomenti siano pertinenti anche al lavoro amministrativo; infine, si prevede la partecipazione volontaria ai corsi eventualmente indetti dall'amministrazione centrale.

25 OFFERTA FORMATIVA e SCELTE CURRICOLARI Curricolo e Progetti Flessibilità organizzativa e didattica EDUCARE LA PERSONA Autovalutazione e Prove INVALSI E IL CITTADINO Formazione dei docenti Formazione e sensibilizzazione dei genitori Apprendimento cooperativo e didattica inclusiva La scuola, quale comunità educante, promuove lo sviluppo culturale e la formazione integrale della persona attraverso i valori umani di libertà, giustizia e solidarietà.

26 L'educazione alla legalità facilita la partecipazione responsabile alla vita sociale, sviluppa la concezione del diritto come espressione del patto sociale e valorizza la nozione di interesse comune. La scuola vuole offrire occasioni di riflessione e concretizzazione dei valori inerenti la formazione dell uomo e del cittadino per una cosciente e responsabile convivenza civile aperta a più dimensioni, da quella locale a quella nazionale, a quella europea per allargarsi, poi, nella prospettiva interetnica e interculturale, ad una dimensione planetaria. Nel perseguire questo obiettivo la scuola si attiva, nell'ottica della sussidiarietà orizzontale, per consolidare il rapporto tra sistema scolastico-formativo e soggetti territoriali, attraverso un coinvolgimento diretto delle famiglie e delle istituzioni locali al fine di favorire lo sviluppo di una cultura alla cittadinanza attiva e consapevole.

27 PRINCIPI A FONDAMENTO DELL'AZIONE EDUCATIVA La Scuola italiana si trova a dover affrontare urgentemente i processi di cambiamento mondiale che investono ogni aspetto della vita delle persone e che determinano incertezza e disorientamento di fronte alle nuove contraddizioni del nostro mondo: tensione tra globale e locale, tra tradizione e modernità, tra universale e individuale, tra bisogno di competizione e di coesione sociale. Di fronte a tale scenario mondiale, l educazione ha lo scopo di favorire lo sviluppo dell'individuo in quanto persona e cittadino di diversi livelli territoriali (locale, regionale, nazionale, mondiale) all'interno dei quali partecipa a varie formazioni sociali in cui esplica la propria personalità (art. 2 Cost.). Il nostro Istituto, pertanto, in sinergia con le altre agenzie educative non formali e le altre Istituzioni presenti sul territorio, assume il compito di fornire a tutti, non solo le competenze necessarie per comprendere i cambiamenti ed affrontare la società della conoscenza e dell informazione (obiettivi di Lisbona 2000 ed Europa 2020), ma anche e soprattutto di promuovere il benessere psicosociale di ciascuno. In particolare, dall anno scolastico il nostro Istituto diverrà istituto comprensivo con un utenza dai 3 ai 14 anni con le relative problematiche connesse a ciascuna età. La scuola, pertanto, si propone di sostenere il percorso formativo degli studenti anche per problemi diversi da quelli esplicitamente legati al rendimento offrendo loro (nonché alle famiglie e ai docenti interessati) rispetto ed ascolto in situazioni di disagio, di crisi o di scelta. Non il luogo, quindi, dove si risolvono i problemi, ma quello in cui ci si prende cura della persona dello studente che porta con sé una qualche difficoltà.

28 ANALISI DEI BISOGNI FORMATIVI Nella nostra cittadina, a causa della notevole espansione edilizia, negli ultimi anni il numero dei residenti è notevolmente aumentato e ciò ha determinato un cambiamento nella composizione sociale ed economica del paese che ha perso la sua identità originaria di comunità omogenea, per diventare una realtà estremamente eterogenea. Questo impatto così rapido e disordinato con il territorio ha portato anche all interno della Scuola una serie di problematiche nuove e complesse: un incremento costante di nuovi residenti che determina una crescita disordinata della cittadina, con mancanza di punti di riferimento culturali e sociali; un utenza straniera in continuo movimento con persistente crescita di alunni stranieri appartenenti a diverse nazionalità; presenza nel territorio di famiglie con svantaggio economico sociale che necessitano di interventi di supporto nell'istruzione/ formazione dei figli; nuovi bisogni emergenti (consulenza e supporto alla genitorialità) in conseguenza della crisi economica mondiale. In questa visione di cambiamento continuo e radicale, la scuola viene ad essere uno dei primi luoghi d incontro e di socializzazione sia per gli studenti sia per le famiglie, un'occasione di dialogo tra realtà umane, morali, sociali e religiose spesso diverse fra loro. E per tale motivo che si ritiene necessario puntare verso la motivazione come spinta alla realizzazione delle potenzialità di ciascuno, e quindi al rafforzamento dell identità personale, dell autostima e dell autonomia dello studente. Tutto ciò allo scopo di prevenire la dispersione e l abbandono scolastico, e future forme di devianza e disadattamento sociale.

29 CURRICOLO D ISTITUTO FINALITA' Il POF, ispirandosi ai documenti europei e internazionali (Rapporto Delors UNESCO 1994, rapporto Cresson 1995, Memorandum di Lisbona , Raccomandazioni del Consiglio d'europa sulle competenze chiave, Comunicazione della Commissione europea Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva Bruxelles ) nonché al Documento di indirizzo su Cittadinanza e Costituzione (2009), persegue le seguenti finalità: 1. Migliorare la qualità dell istruzione e della formazione nella società della conoscenza 2. Sviluppare competenze per la società della conoscenza 3. Garantire l accesso alle TIC 4. Rendere l apprendimento attraente 5. Sostenere la cittadinanza attiva, le pari opportunità e la coesione sociale 6. Migliorare l apprendimento delle lingue straniere Pertanto, alla luce delle Indicazioni Nazionali (D.lgs. 59/ 04) e delle Indicazioni per il curricolo di cui al D.M , del DPR 89/2009, dell Atto di indirizzo 8 settembre 2009 e alla recente revisone delle Indicazioni Nazionali del 4 settembre 2012, si punterà al raggiungimento delle otto competenze chiave per l apprendimento permanente (Raccomandazione del parlamento e del Consiglio europeo ) 1.COMPETENZA COMUNICATIVA NELLA LINGUA ITALIANA Partecipare a scambi comunicativi in modo pertinente Comprendere testi di diverso tipo (anche orali), cogliendone il senso globale e le informazioni specifiche Comunicare oralmente e per iscritto in modo corretto Manipolare testi in senso creativo Acquisire il lessico specifico del linguaggio disciplinare

30 Effettuare semplici osservazioni linguistiche 2.COMPETENZA DI BASE NELLE LINGUE STRANIERE Stimolare il desiderio di aumentare la comprensione della L2 Utilizzare la L2 per comunicare Interagire in semplici contesti comunicativi Suscitare l interesse e la curiosità per le lingue e la comunicazione interculturale 3. COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Stimolare un atteggiamento positivo rispetto alla matematica Porsi domande, individuare problemi, formulare ipotesi (problem solving) Percepire, descrivere e rappresentare numeri, figure, strutture, relazioni Comprendere i principi base del mondo naturale, i principi fondamentali del metodo scientifico e i processi tecnologici Comprendere l impatto della scienza e della tecnologia sull ambiente naturale 4.COMPETENZA DIGITALE Utilizzare strumenti informatici e multimediali per scopi diversi Utilizzare prodotti e strumenti multimediali per apprendere nuovi contenuti Esprimersi creativamente con il maggior numero di tecniche, costruendo messaggi scritti e multimediali 5.IMPARARE AD IMPARARE Riconoscere le proprie capacità e saperle utilizzare autonomamente Favorire la capacità di riflettere sul percorso della conoscenza Sperimentare l utilizzo consapevole di modalità e strategie diverse d apprendimento Utilizzare le competenze acquisite in contesti concreti

31 6. COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Manifestare il proprio punto di vista nel rispetto di quello altrui Favorire le relazioni con gli altri e il rispetto delle regole di convivenza Sviluppare competenze comunicative e relazionali Assumere ruoli, compiti e impegni, gestire conflitti, definire regole d'azione condivise lavorando in cooperazione Acquisire il senso di identità e di appartenenza Partecipare consapevolmente e responsabilmente alla vita sociale (dal piccolo gruppo a formazioni sociali più complesse) Sviluppare l'autonomia operativa e di giudizio attraverso il consenso critico e il dissenso costruttivo Conoscere i valori fondanti di ogni democrazia (libertà, responsabilità, uguaglianza, giustizia, solidarietà) 7. SENSO DI INIZIATIVA ED IMPRENDITORIALITA Saper pianificare, organizzare, gestire un attività, un lavoro, un progetto Saper lavorare individualmente e in gruppo Avere spirito di iniziativa e creatività 8. CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONI CULTURALI Conoscere la propria identità culturale locale, nazionale, europea Comprendere i diversi mezzi espressivi (musica, arti figurative, teatro ecc) Esprimere le proprie idee, esperienze ed emozioni attraverso diverse forme creative

32 9.RIFERIMENTI TEORICI E METODOLOGIA Allo scopo di favorire l unitarietà dell insegnamento nel rispetto dell unitarietà del processo di apprendimento tutte le attività progettuali previste costituiranno i vari aspetti di un unico percorso che gli alunni intraprenderanno supportati dai docenti di classe e dai consulenti esterni. Ogni classe o gruppo di alunni, intraprenderà un percorso educativo e didattico scegliendo una attività tra quelle proposte. Nel definire i percorsi formativi personalizzati è importante avvalersi di strategie didattiche interattive che sollecitino interazioni positive attraverso attività di piccolo gruppo cooperativo, all interno del quale tutti posseggono qualcosa che possa essere messo a disposizione degli altri e che in qualche modo costituisce un arricchimento peculiare, in una struttura di interdipendenza sociale, dove ciascuno è una risorsa unica e irripetibile. Un ruolo fondamentale è assunto dalle nuove tecnologie e dalla multimedialità, quale strumento trasversale che permette di coniugare e combinare testi, immagini, materiale audio, materiale video, animazioni. L'uso di strumenti didattici innovativi permette di rendere l'apprendimento più attraente e, dunque, significativo, avendo un forte grado di interattività e la possibilità di fruire di percorsi personalizzati. Inoltre, al fine di garantire unitarietà disciplinare, si dovrà superare la settorializzazione del sapere e avere un approccio problematico e multi-inter-transdisciplinare alla realtà. Infatti, in sede di progettazione dei percorsi formativi, saranno coinvolti settimanalmente in egual modo tutti i docenti delle diverse aree disciplinari, ciascuno dei quali guiderà gli alunni dal punto di vista della specifica disciplina di riferimento. In Appendice sono allegati il Curricolo della Scuola Dell Infanzia (all. 1), la griglia di uscita degli alunni di 5 anni (all. 2) e il Curricolo della Scuola Primaria (all. 3). Il curricolo della Scuola Secondaria è in via di definizione.

33 ATTIVITA' PROGETTUALI La Scuola si propone di puntare al successo formativo (art. 1 DPR 275/1999) di ciascun alunno contribuendo a porre le basi per lo sviluppo integrale della persona e del cittadino, sviluppando i temi legati alla Cittadinanza e alla Costituzione e dando una veste europea alla propria offerta formativa. Nel predisporre il nuovo Piano dell Offerta Formativa, il nostro istituto vuole confermare e potenziare i principi ispiratori dell azione educativa e didattica: mirare al successo formativo di ciascun alunno contribuendo a porre le basi per lo sviluppo integrale della persona e del cittadino, sviluppando i temi legati alla Cittadinanza e alla Costituzione e dando una veste europea alla propria offerta formativa. In particolare ci si ripropone di puntare verso la motivazione come spinta alla realizzazione delle potenzialità di ciascuno, e quindi al rafforzamento dell identità personale, dell autostima e dell autonomia dello studente. Tutto ciò allo scopo di prevenire la dispersione e l abbandono scolastico, e future forme di devianza e disadattamento sociale. Per l a.s ci si propone di realizzare diversi laboratori ed attività in orario sia curricolare che extracurricolare e allo scopo prevediamo di allestire i locali dell ex alloggio del custode, in modo da offrire a tutti gli studenti la possibilità di scegliere fra diverse attività pomeridiane. Allo scopo di ampliare il più possibile l offerta formativa la scuola partecipa a bandi per richiedere il finanziamento dei progetti proposti e chiede la collaborazione delle famiglie con il versamento di un contributo volontario che verrà utilizzato per la realizzazione dei progetti del POF. Alcune delle attività proposte costituiscono l identità e il patrimonio culturale del Giovanni Cena, altri hanno carattere innovativo. Il progetto d Istituto per l anno scolastico pone l attenzione al patrimonio storico archeologico del nostro territorio e, attraverso lo studio e la conoscenza delle proprie radici e tradizioni, ci si propone di costruire un nuovo percorso culturale dove storia, tradizione, sviluppo

34 economico e innovazione tecnologica possano confluire sinergicamente suscitando negli alunni una partecipazione viva nonché una cittadinanza attiva, collaborativa e consapevole. L obiettivo è quello di recuperare e conservare l identità culturale della nostra comunità attraverso la conoscenza diretta del territorio e dei suoi cambiamenti, stimolando negli studenti il senso di appartenenza alla comunità nonché un interesse costruttivo e positivo per il patrimonio storico-archeologico. Inoltre, essendo il nostro istituto vincitore del bando di concorso del MIUR di una Classe 2.0, emerge l'esigenza strutturare i contenuti e di divulgarli attraverso le Nuove Tecnologie.

35 Sulla via degli Etruschi Premessa Situata circa 40 km a Nord di Roma, fra il litorale tirrenico e il Lago di Bracciano, la città di Cerveteri si trova in un ambiente prevalentemente collinare e pianeggiante. In questo territorio, quasi a 7 km dal mare, su un pianoro tufaceo difeso naturalmente da costoni alti e scoscesi, sorgeva l'antica città di Caere, la cui prima occupazione risale all'età del Ferro (IX-VIII sec. a.c.). L'ambiente circostante si presentava sin dall'antichità particolarmente favorevole, era una zona ricca di risorse naturali, che rendevano possibile sia lo sfruttamento agricolo sia l'approvvigionamento idrico. Cerveteri fu anche uno dei principali centri etruschi rivestendo un ruolo di primaria importanza nei traffici del Mediterraneo dal VII al IV secolo a.c. A testimonianza della grandezza dell antica Caere rimangono le prestigiose necropoli etrusche che hanno interamente circondato il pianoro sul quale sorgeva la città e la cui estensione di 450 ettari, le annovera, a livello mondiale, seconde solo alle necropoli egiziane. Le necropoli più vaste sono quelle della Banditaccia, di Monte Abatone, Cava della Pozzolana, il Sorbo, Macchia della Signora, S.Paolo e la Necropoli Rupestre di Greppe S. Angelo. Le migliaia di tombe con le loro diverse tipologie testimoniano l evoluzione economica, culturale e religiosa dei Ceriti. La Necropoli della Banditaccia è posta su un altura tufacea a nord-est della città ed è la più importante necropoli etrusca, tanto da essere stata dichiarata nel 2004 patrimonio dell'umanità dall'unesco. Estesa per circa 10 ettari, si compone di quasi 400 sepolture, che coprono un arco cronologico compreso tra l VIII e il II secolo a.c. I nuclei più antichi, in località Cava della Pozzolana, comprendono tombe a pozzo per la sepoltura delle ceneri dei defunti entro urne e tombe a fossa per inumati. Fra i VII e il III secolo a.c. si sviluppa la necropoli etrusca vera e propria: alle tipiche tombe a tumulo si affiancano quelle a dado, disposte in schiere e allineate lungo dei percorsi. Nella zona pianeggiante a sud di Cerveteri si estende la necropoli del Sorbo, vasto

36 sepolcreto arcaico con tombe prevalentemente a inumazione e a incinerazione, dal quale proviene il corredo, ora al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, della celebre Tomba Regolini-Galassi. Oltre la Valle del Fosso della Mola, si trova la Necropoli di Monta Abatone, in cui può essere ammirata la Tomba Campana, il Tumulo Torlonia con la Tomba delle Sedie, caratterizzato da un trono scavato nel tufo, e la Tomba Torlonia, a due piani e che ha restituito tombe a tombe a pozzo e a fossa databili all'età del Ferro, tumuli orientalizzanti e altre tombe che si susseguono fino al V secolo a.c. Attualmente molti reperti si trovano nel museo nazionale Cerite in Cerveteri, così come in moltissimi altri musei in diverse città del mondo. Questo testimonia il grande interesse storico, archeologico e culturale che si muove intorno al tema degli etruschi. La vicinanza con Roma inoltre favorisce inoltre lo studio delle relazioni che nel passato intercorsero tra i due popoli fino alla decadenza degli etruschi con la sottomissione alla romanità. Analisi dei bisogni formativi La motivazione del presente progetto trova rispondenza nella necessità che ogni comunità avverte di recuperare la propria identità, attraverso lo studio e la conoscenza delle proprie radici e tradizioni su cui costruire un nuovo percorso culturale dove storia, tradizione, sviluppo economico e innovazione tecnologica possano confluire sinergicamente suscitando negli alunni una partecipazione viva nonché una cittadinanza attiva, collaborativa e consapevole. Quindi, l obiettivo che ci si propone è quello di recuperare e conservare l identità culturale della nostra comunità attraverso la conoscenza diretta del territorio e dei suoi cambiamenti, stimolando negli studenti il senso di appartenenza alla comunità nonché un interesse costruttivo e positivo per il patrimonio storico-archeologico. Inoltre, essendo il nostro istituto vincitore del bando di concorso del MIUR di una Classe 2.0,

37 emerge l'esigenza strutturare i contenuti e di divulgarli attraverso le Nuove Tecnologie. Finalità 1. Avvicinare gli studenti alla conoscenza del patrimonio storico-archeologicoartistico-architettonico e culturale del territorio e della vita dell antica Caere attraverso lo studio sul campo e la valorizzazione dei siti archeologici della Banditaccia e del Sorbo, quest ultimo sito interno del cortile della scuola G.Cena. 2. Responsabilizzare gli alunni direttamente attraverso la cura e la promozione dei siti archeologici della Banditaccia e del Sorbo ; 3. Favorire i processi d insegnamento/apprendimento, fondati su principi euristici di ricerca/azione; 4. Introdurre didattiche metacognitive e laboratoriali che consentano agli alunni di mettere le mani in pasta ; 5. Collegare ogni percorso alle diverse botteghe e laboratori attivati. Obiettivi e competenze ben Conoscere il territorio, il suo patrimonio artistico e culturale; Acquisire il senso di appartenenza ad un territorio ed alla sua cultura; Prendere consapevolezza della necessità di salvaguardare, tutelare, valorizzare i culturali e ambientali presenti nel territorio. Adottare strategie euristiche fondate sul recupero del patrimonio culturalesociale-economico-storico-architettonico della città e del territorio; Promuovere un processo di conoscenza che consenta un rapporto di collaborazione e scambio con altre istituzioni sul territorio nazionale ed estero; Saper sviluppare strategie fondate sulla ricerca azione che consentano di

38 problematizzare e contestualizzare in prospettiva diacronica e sincronica i dati ricavati durante le visite effettuate; Sviluppare capacità di rielaborazione, riflessione e critica; Realizzare un archivio fotografico e di simulazione restauro di reperti; Ricercare, catalogare elementi della vita quotidiana degli etruschi; Implementare le competenze comunicative della lingua inglese; Conoscere e utilizzare i principali software per la realizzazione di presentazioni power point; Realizzare virtual tour attraverso software specifico; Saper rielaborare il materiale acquisito per la realizzazione di un ebook con l ausilio del software Calibre ; Produrre learning object riutilizzabile in altri contesti. Il Progetto Il progetto verrà articolato in diverse sezioni sulle quali opereranno gruppi di alunni distinti per età: Un salto nel passato alla ricerca delle nostre radici per tutti gli alunni dell I.C. Cena; Cerveteri nel mondo : ricerca dei reperti etruschi nei musei del mondo per gli alunni di classe quinta Scuola Primaria e per tutti gli alunni della Scuola Secondaria di primo Grado; Un ponte tra Oriente e Occidente alla ricerca del nostro passato per gli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado.

39 In collaborazione con associazioni archeologiche presenti sul territorio e con esperti della cultura etrusca, gli alunni affronteranno le diverse tematiche per settori come di seguito indicato: Alunni della scuola dell'infanzia e prime classi della scuola primaria: Attività manipolative e laboratoriali finalizzate alla produzione e riproduzione di manufatti, oggetti, utensili e abiti dell epoca etrusca; Produzione di materiale grafico pittorico, testuale, digitale relativi agli argomenti studiati: racconti e miti etruschi. Nell'ambito di questa sezione, in particolare la classe 2.0 curerà l'aspetto tecnologico raccogliendo e producendo materiale informatico relativo alle attività svolte. Alunni di terza e quarta scuola primaria Contestualizzazione storica della civiltà etrusca; Studio del territorio dal punto di vista geografico; Visite guidate per studio sul campo delle tombe della Necropoli del Sorbo per le simulazione di uno scavo archeologico e catalogazione reperti; Visite guidate al Museo Nazionale Cerite per lavori in loco come la realizzazione di pannelli informativi sui reperti conservati; Realizzazione di una mappa descrittiva del territorio con l indicazione degli itinerari possibili;

40 Simulazione dei processi di lavorazione e produzione di manufatti in terracotta, utensili, abiti, oggetti d uso quotidiano; Riproduzione attraverso calchi, plastici o modelli, di monumenti o altri oggetti; Produzione di materiale grafico pittorico, testuale, digitale relativi agli argomenti studiati: fumetti, libri, cartellonistica,dvd, cd-rom; Elaborazione di pacchetti informativi ( brochure, cd-rom, depliant pannelli informativi ) atti a favorire una conoscenza approfondita e consapevole dei beni ambientali e del patrimonio culturale esistente; Rappresentazioni di scene di vita quotidiana etrusca; Ricostruzione di tombe etrusche; Costruzione di plastici relativi all antica Caere e alle due Necropoli studiate. Quinte scuola primaria e scuola secondaria di I grado Approfondimento dal punto di vista storico-artistico-archeologico della cultura del popolo etrusco; Ricerca sullo sport etrusco; Indagine sull'origine e provenienza del popolo etrusco; Visite guidate per studio sul campo delle tombe della Banditaccia e del Sorbo per le simulazione di uno scavo archeologico e catalogazione reperti; Visite guidate al Museo Nazionale Cerite per lavori in loco come la realizzazione di pannelli informativi sui reperti conservati; Visite guidate ai musei di Villa Giulia e alla sezione Etrusca dei Musei Vaticani; produzione di materiale grafico pittorico, testuale, digitale relativi agli argomenti studiati; Ricostruzione virtuale di tombe etrusche;

41 Ricostruzione di scene di vita quotidiana etrusca; Etruskiadi; Costruzione di plastici relativi all antica Caere e alle due Necropoli studiate; Realizzazione di un calendario fotografico con immagini di tombe, particolari e dettagli dell ambiente circostante; Produzione di e-book in formato epub dal titolo Along the etruscan road da condividere online e scaricabile gratuitamente, contenente tutte le informazioni acquisite attraverso il percorso di studio/ricerca effettuato; Ebook contenente le ricette e informazioni sulla cucina etrusca. In ultimo verrà realizzata la ricostruzione virtuale, prodotta con apposito software, della tombe del Sorbo presenti nel giardino della scuola e con particolare attenzione alla Regolini-Galassi. Percorso di ricerca sulla provenienza del popolo etrusco con particolare attenzione alla tesi della origine anatolica; Dagli etruschi ai romani : un ponte fra Oriente e Occidente a questo proposito l'assistentato Comenius prevede approfondimenti e scambi culturali tra i Paesi coinvolti, pertanto la presenza a scuola dell'assistente linguistico di nazionalità turca, permetterà di scoprire i legami storico culturali che legano Roma e Istanbul e, nell'ambito della sezione gli etruschi nel mondo, gli alunni effettueranno visite virtuali ai musei che nel mondo ospitano reperti etruschi provenienti da Cerveteri. In questo contesto verrà attivato un gemellaggio elettronico (e-twinning) con una scuola estera e collaboreremo nelle ricerche sui temi dati. Per questo si rivela di fondamentale importanza l'apporto dell'assistente linguistico per la lingua inglese in assegnazione alla scuola dal mese di

42 Ottobre 2013 al mese di Maggio L'inglese che viene studiato fin dal I anno della scuola primaria, sarà quindi la lingua veicolare di comunicazione. Verranno implementate pertanto anche le competenze linguistiche e verranno effettuate lezioni con la metodologia del CLIL (Content Language Integrated Learning) e verrà inoltre attivato uno scambio culturale con mobilità degli alunni con una scuola di Londra con la quale, allo stesso modo, si condividerà il progetto. Si prevede di sostenere la spesa che le famiglie dovranno affrontare per la mobilità con un contributo per il biglietto aereo. Da una ricerca effettuata, i musei nel mondo che conservano reperti etruschi, sono: British Museum, Londra; Staatliche Museen, Berlino; AntiKensammlungen, Monaco; Museen von Wurzburg, Allard Pierson Museum, Amsterdam; Louvre Museum, Parigi; Danish National Museum, Copenaghen; Archeological Museum, Zagabria; Museo de Las Artes, Toledo; Museo Statale Hermitage, San Pietroburgo; The Puskin Museum of Fine Art, Mosca; Museum of western and oriental art, Kiev; Metropolitan Museum of Art, New York; Museum of Art, Cleveland; Museum of Fine Art, Boston; Tampa Museum of Art, Florida;

43 Paul Getty Museum, Los Angeles; California The Art Istitute, Chicago; Hunt Museum, Dartmounth College; Worcester Museum, Massaschusset; Museo Nazionale di Rio de Janeiro, Sao Cristovao Quinta da Boa Vista; Museo Imperiale di Petropolis. Destinatari Tutti gli alunni dell I.C. Cena Tempi di realizzazione Anno Scolastico Soggetti impegnati nella realizzazione : Docenti dell istituto, Associazioni Locali ( NAAC), Esperti esterni, Alunni e genitori. Prodotti Materiale grafico pittorico, testuale, digitale relativi agli argomenti studiati: fumetti; libri; cartellonistica; dvd, cd-rom;

44 plastici relativi alle tombe studiate ; plastici relativi all antica Caere; plastici relativi a scene di vita quotidiana etrusca. Si prevede una giornata finale a tema Open day- in cui verranno esposti i prodotti realizzati e messe in scena rappresentazioni relative alla vita etrusca (la coltivazione dei campi, l allevamento, il banchetto, la cucina, i giochi, la scuola, la sepoltura ) con costumi realizzati dai ragazzi in collaborazione con le famiglie con apertura della Necropoli del Sorbo dove i ragazzi saranno impegnati come guide e esporranno i lavori realizzati e i percorsi effettuati. Tavola Rotonda Il patrimonio etrusco nel mondo con la partecipazione del Dirigente Scolastico I.C. Cena dott.ssa Borzillo, dei ragazzi e gli insegnanti dell I.C. Cena, dei rappresentanti della Soprintendenza ai Beni Culturali, di rappresentanti di Enti e Associazioni del territorio, di cultori della materia etrusca, dei rappresentanti del Comune di Cerveteri, presso la Sala Ruspoli di Cerveteri. Forme di pubblicità Conferenza iniziale in Sala Ruspoli per esporre i contenuti del progetto e le collaborazioni in essere. Creazione di un gruppo aperto per la promozione del progetto su social network (facebook) Il progetto verrà esposto in modo dettagliato sul sito della scuola dove, dopo aver creato un apposita pagina di blog dal titolo Along the etruscan road, verrà allegata tutta la documentazione dello stesso e dei prodotti realizzati. Su ogni prodotto, così come nel sito scolastico verrà stampato il logo della Fondazione Cariciv. Relativamente allo studio delle tombe verranno prodotti depliant e brochures da distribuire alle famiglie e alla proloco. Nello specifico, nel video 3D della ricostruzione

45 digitale delle tombe del Sorbo, verranno menzionati gli sponsor e gli enti finanziatori del progetto. Durante le manifestazioni dell'open day verranno esposti cartelloni con i ringraziamenti agli sponsor e alla Fondazione Cariciv. Altre forme pubblicitarie avverranno sui supporti multimediali. La disseminazione del progetto avverrà anche durante la conferenza finale prevista e con ogni altra forma di comunicazione tra i docenti delle scuole del territorio che verranno resi partecipi delle attività svolte nel nostro Istituto Comprensivo, soprattutto in occasione della presentazione ufficiale del video della ricostruzione delle tombe del Sorbo. Verrà prodotto un calendario con le immagini delle tombe, di particolari e dettagli, dell'ambiente circostante. Il progetto verrà condiviso anche a livello europeo con i paesi aderenti al progetto TRECON di cui siamo parte, per permettere un approfondimento e scambio storico culturale sulle nostre origini. Conferenza conclusiva di progetto in Sala Ruspoli con enti, esperti e altri soggetti che avranno contribuito alla realizzazione del progetto. Risultati attesi Conoscenza del patrimonio storico-archeologico-artistico-architettonico e culturale del territorio e della vita dell antica Caere ; Maturazione del senso di appartenenza culturale al proprio territorio ; Maturazione di un atteggiamento responsabile di tutela, promozione e conservazione della propria cultura in un ottica di condivisione e di cittadinanza attiva e collaborativa. Modalità di verifica e valutazione del progetto Verranno valutati il progetto e il processo attivato attraverso un costante monitoraggio delle attività e una puntuale raccolta e elaborazione di dati e informazioni.

46 Verranno valutati i prodotti multimediali realizzati attraverso una griglia elaborata a inizio progetto. Al termine del percorso verrà somministrato un questionario di gradimento alle varie componenti per la valutazione dei processi e dei prodotti. La valutazione dei percorsi didattici si inserirà nella valutazione formativa e sommativa nel corso e al termine dell anno scolastico.

47 AMPLIAMENTI DELL OFFERTA FORMATIVA I progetti di seguito elencati sono parte integrante del Progetto d Istituto Sulla via degli Etruschi in quanto, attraverso di essi, si concretizza la mission della scuola: puntare alla motivazione personale come spinta alla realizzazione delle proprie potenzialità in funzione dello sviluppo integrale della persona e del cittadino. PROGETTI EUROPEI Nell'ambito del Programma Comunitario Lifelong Learning Programme (LLP), il programma COMENIUS si propone di sviluppare la conoscenza e la comprensione della diversità culturale e linguistica europea e del suo valore nonché di aiutare ad acquisire le competenze di base necessarie per la vita ai fini dello sviluppo personale, dell'occupazione e della cittadinanza europea attiva. Le attività di mobilità prevedono: Assistentato linguistico: presenza di un'assistente di lingua inglese di diversa nazionalità che (nell a.s l'assistente è di nazionalità turca) che affianca l'insegnante di inglese nel potenziamento della competenza comunicativa in inglese. Le attività sono rivolte alle classi 5 della primaria e a tutte le classi della secondaria per un ora settimanale da novembre a maggio. Per le classi 4 le lezioni saranno settimanali. Formazione in servizio: corsi di formazione linguistico-metodologica all'estero per i docenti dell'istituto per migliorare la qualità e la dimensione europea della formazione degli insegnanti. PROGETTI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE Corsi di lingua inglese e spagnolo: Si intende organizzare dei corsi di lingua inglese pomeridiani ed, eventualmente, ulteriori corsi, anche per adulti, di lingua spagnola.

48 Anche nella scuola dell'infanzia è previsto un progetto di lingua inglese con consulenti esterni madrelingua. Esami Trinity: dall a.s il nostro Istituto è divenuto un centro Trinity presso il quale è possibile sostenere gli esami orali di lingua Inglese con esaminatori madrelingua inviati dall Ente di certificazione Trinity. Le diverse sessioni di esame son precedute da due incontri con insegnanti specializzate per affinare le competenze linguistiche ai fini del superamento dell'esame. Theatrino e City Camp: Data l esperienza positiva degli scorsi anni, qualora ci sia un adeguato numero di partecipanti paganti, è possibile organizzare in orario scolastico spettacoli teatrali in lingua inglese tenuti da attori madrelingua e, per il periodo estivo, un campus estivo con animatori madrelingua che organizzano giochi ed attività per i ragazzi partecipanti. PROGETTI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE DIGITALI Nuove tecnologie: L'innovazione digitale rappresenta per la scuola l'opportunità di superare il concetto tradizionale di classe, per creare uno spazio di apprendimento aperto sul mondo nel quale costruire il senso di cittadinanza e realizzare una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, le tre priorità di Europa La scuola è dotata di un'aula multimediale, per favorire l'uso delle tecnologie per sviluppare e potenziare l innovazione didattica attraverso l uso delle tecnologie informatiche, integrandole alla didattica in classe e in modo trasversale alle diverse discipline. Grazie a delle donazioni, si sta cercando di dotare ciascuna classe di PC. Piano LIM: Piano nazionale Scuola Digitale Contributo volontario genitori 5 LIM 2 LIM Contributo Enti e/o Associazioni private 1 LIM La Lavagna Interattiva Multimediale si presenta come valido strumento a supporto della didattica in classe: come strumento che influisce positivamente sull'attenzione, sulla

49 motivazione e il coinvolgimento degli studenti, contribuendo a migliorare la comunicazione in classe, stimolando la partecipazione degli studenti attraverso l'uso di una varietà di contenuti multimediali (testi, immagini, video, etc). Inoltre la scuola risulta vincitrice nell ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale di una 2.0 per una classe prima a tempo pieno della scuola primaria. La scuola si impegna a far partecipare i docenti coinvolti al piano di formazione, pubblicizzazione e monitorando la sperimentazione. La formazione ha l obiettivo di sviluppare le conoscenze e le competenze per un'efficace integrazione della lavagna digitale nella didattica e, successivamente permetterà di attivare, attraverso i docenti formati, un processo di diffusione delle competenze acquisite agli altri docenti della scuola. Tutti i PC sono collegati alla rete wireless. Oltre alle attività ordinarie curricolari, si prevede di attivare dei corsi pomeridiani, anche per adulti, di informatica. PROGETTI DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione è stato introdotto nel sistema scolastico nazionale dall art. 1 L. 169/2008 e promuove l esercizio della cittadinanza attiva attraverso la conoscenza della Costituzione, l educazione alla legalità, la promozione della solidarietà e del volontariato, la cura dell ambiente e della salute, l educazione stradale. Il nostro Istituto, in rete con altri Istituti del comprensorio, ha partecipato nell'a.s al bando di concorso nazionale per la progettazione e la sperimentazione di percorsi di innovazione organizzativa e didattica con il Progetto Piccoli Cittadini in Azione posizionandosi in graduatoria con 86 punti. Altri progetti: Visite d'istruzione alle Istituzioni (Camera dei Deputati e al Senato compatibilmente con l'accettazione delle richieste), ai Corpi nazionali a tutela del cittadino (Vigili del Fuoco, Carabinieri, Polizia ecc.)

50 Progetti a tutela dell'ambiente e del patrimonio storico: nell a.s è stato presentato il progetto Un ponte tra radici storiche e futuro al Consiglio Regionale del Lazio (posizionandosi in graduatoria con 70 punti, senza ricevere il finanziamento) e alla Fondazione CARICIV che ha fornito il proprio sostegno finanziario. Tale progetto si ispira ai principi cardine del POF ed è diretto a valorizzare la realtà locale quale fattore, risorsa e prodotto dell'educazione, senza trascurare lo scenario mondiale caratterizzato dalla globalizzazione e dalla diffusione crescente delle nuove tecnologie, consapevoli della forte interdipendenza tra tradizione e modernità, tra il globale e il locale (glocalità). In collaborazione con Scuolambiente si prevedono diverse attività di sensibilizzazione alla cura del territorio e delle risorse naturali locali.. Si prevedono, inoltre, diverse attività legate alle tradizioni locali, come la realizzazione di manifestazioni radicate nella cultura popolare (Mostra dei Presepi, Presepe vivente, Sfilata in Maschera per Carnevale, Feste e tradizioni locali). E l'occasione per riscoprire il passato e valorizzare i beni archeologici esistenti, nonché recuperare le tradizioni popolari e viverle direttamente attraverso la partecipazione alle manifestazioni tipiche del paese. Il diretto coinvolgimento degli alunni favorisce una miglior integrazione all'interno del tessuto sociale esistente anche delle famiglie di appartenenza, poiché permette di veicolare, attraverso i bambini, i valori del rispetto e della convivenza civile, della legalità. Progetti di educazione alimentare: progetto regionale SAPERE I SAPORI con lo scopo di favorire il consumo responsabile, proteggere l ambiente, promuovere campagne preventive e tutelare il patrimonio enogastronomico. In collaborazione con la Coldiretti sono previste visite alle fattorie didattiche e la partecipazione a bandi di concorso (Es. Dalla tavola alla cittadinanza ). Dall'a.s la scuola partecipa al programma Frutta nelle scuole che prevede la distribuzione settimanale di frutta agli alunni per sensibilizzare ad una corretta educazione alimentare. Progetti di educazione alla salute e alla sicurezza: In collaborazione con la ASL e con il medico scolastico sono previste attività di screening sugli alunni (es. screening odontoiatrico) e

51 campagne informative e di sensibilizzazione sui temi dell'educazione sanitaria e medicina preventiva. In collaborazione con il RSPP arch. Fasulo, si prevedono azioni di informazione e sensibilizzazione degli alunni sui temi della sicurezza a scuola attraverso percorsi didattici mirati (prove d'evacuazione, studio dei percorsi, comportamento responsabile ecc.) PROGETTI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE CREATIVE I progetti hanno lo scopo di favorire lo sviluppo integrato delle competenze espressive e comunicative, cambiando il tradizionale approccio didattico e promuovendo, così, una conoscenza più competitiva. Le attività permettono di ampliare le competenze linguistiche e comunicative, integrando il linguaggio verbale con quello iconico, musicale e corporeo, come strumenti espressivi e creativi. Alfabetizzazione motoria e sportiva :Per la scuola primaria, oltre alla consueta collaborazione con il BK Cerveteri che permette di svolgere con cadenza quindicinale minivolley o minibasket in orario curricolare nella palestra del plesso G. Cena, atletica leggera in orario curricolare in collaborazione con ASD Runners Cerveteri presso il Campo Sportivo Comunale (in caso di maltempo le lezioni saranno effettuate lezioni teoriche in classe con interventi di specialisti, es. fisioterapista). Inoltre, si prevede, come attività comune di continuità scuola primaria-secondaria, lezioni comuni di orienteering nel periodo primaverile. Per la scuola secondaria si prevede la partecipazione ai Giochi Sportivi Studenteschi ( Corsa Campestre) organizzato dal MIUR, alla Corsa di Miguel nell ambito delle Olimpiadi e Paraolimpiadi, Attività musicali: si realizzano progetti di canto e di flauto e percussioni in orario curricolare.

52 PROGETTI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE Laboratori di animazione alla lettura Progetto Biblioteca Mia Manifestazione Ti racconto un libro di tutti i prodotti creativamente ispirati alla lettura, approfondimento e rielaborazione di un libro, racconto, fiaba. PROGETTI DI INCLUSIONE: LA SCUOLA PER TUTTI Alunni con cittadinanza non italiana Nel nostro Istituto è frequente l ingresso, all inizio e durante tutto l anno scolastico, non solo di bambini provenienti da Roma, data la numerosa immigrazione di famiglie giovani nel nostro territorio, ma anche di alunni con cittadinanza non italiana. La direzione, i docenti ed il personale tutto della scuola si impegnano a garantire l accoglienza dei nuovi arrivati ed a favorirne l inserimento e l integrazione nel tessuto scolastico e sociale. In particolare, un apposita commissione accerta i livelli di competenze ed abilità degli alunni stranieri di nuova iscrizione per definire l assegnazione alla classe, fermo restando il criterio generale di inserire l alunno secondo l età anagrafica. Inoltre, ogni anno la scuola organizza appositi corsi di alfabetizzazione in lingua italiana come L2 accedendo ai finanziamenti regionali previsti per le Aree a forte processo immigratorio. Per l'a.s è stato presentato uno specifico progetto con l obiettivo di rafforzare l uso della lingua italiana come primo mezzo di comunicazione e di accesso ai saperi, nonché come strumento di riflessione e organizzazione del pensiero con valenza interdisciplinare. Per la scuola secondaria si prevedono specifiche ore di alfabetizzazione in lingua italiana effettuate da un docente dell istituto. Per l anno si è in attesa di indicazioni da parte dell USRLAZIO.

53 Alunni con disabilità e bisogni educativi speciali Si rilevano in maniera sempre più frequente, casi di disagio psico-affettivo di diversa origine. Per essi la scuola si attiva con ogni mezzo per garantire una reale inclusione degli alunni diversamente abili e/o con bisogni educativi speciali. A tal proposito promuove la realizzazione di una progettualità finalizzata all integrazione e alla creazione di un ambiente accogliente e positivo in cui sia garantito lo stare bene a scuola attraverso ogni forma di flessibilità organizzativa e didattica (creazione di gruppi variabili in orizzontale, in verticale, di continuità ecc.). Si avvale, inoltre, della collaborazione degli specialisti dell ASL e dei Servizi Sociali. In conformità alla L. 170/2010 la scuola si impegna a riconoscere agli alunni con DSA il diritto all'utilizzo di mezzi compensativi e dispensativi di flessibilità didattica, l'uso di tecnologie informatiche, tempi più lunghi per lo svolgimento delle prove. Inoltre, in collaborazione con l'associazione Il grillo parlante sono state previste apposite iniziative di formazione per il personale docente circa le strategie di individuazione precoce e di didattica adeguata. Per l'a.s è stato presentato, in collaborazione con la Cooperativa Solidarietà, il Progetto Diritto allo studio: lavorare con i bambini con dislessia nella scuola primaria,che ha previsto interventi nelle classi di personale specializzato e prosegue nell a.s con la creazione di uno Sportello di consulenza a favore di docenti e famiglie. In collaborazione con la Cooperativa Solidarietà si prevedono, inoltre, specifici progetti a favore di alunni diversamente abili (Progetto di ippodamia) o con l intera classe in cui è inserito l alunno diversamente abile (Progetto Rugby nella palestra della scuola). Istruzione domiciliare La scuola offre agli alunni ammalati che non possono frequentare la scuola per più di 30 giorni il servizio di istruzione domiciliare. Attraverso il Progetto La scuola in ospedale l'insegnante della classe dello studente ammalato effettua un efficace raccordo tra scuola e strutture sanitarie (eventualmente con l uso di tecnologie), permettendo allo studente di continuare a partecipare alla vita di classe con un percorso personalizzato, e, anche agli stessi compagni, di superare i limiti fisici dell'aula per condividere un'esperienza di studio e di vita in una classe

54 allargata. L intervento didattico educativo è riconosciuto come coadiuvante terapeutico e contribuisce a recuperare una buona qualità di vita, a ritrovare la propria quotidianità e a ricostruire l autostima. Recupero d'istituto Il progetto è finalizzato al recupero delle difficoltà linguistiche e matematiche di alunni delle classi prime della primaria e viene svolto in orario extracurricolare da parte degli stessi docenti della classe dell'alunno. Per gli alunni di tempo pieno il recupero si svolge in orario scolastico per evitare un ulteriore permanenza degli alunni a scuola. Analoghi corsi di recupero in orario extrascolastico saranno tenuti a favore dei ragazzi della scuola secondaria che necessitino di rinforzo in alcune discipline. ALTRE INIZIATIVE L istituto Giovanni Cena, da sempre si contraddistingue per numerose iniziative di solidarietà volte a sensibilizzare gli alunni verso coloro che si trovano in situazione di difficoltà o disagio per le motivazioni più disparate. La scuola si è fatta promotrice di diversi mercatini di beneficienza (talvolta anche in collaborazione con enti come UNICEF e ACTION AID) il cui ricavato è stato di volta in volta devoluto a favore di particolari situazioni locali, nazionali ed internazionali. Nel corso degli ani la scuola si è sempre distinta per le iniziative di solidarietà a favore delle popolazioni in difficoltà o famiglie del territorio particolarmente bisognose. L attivazione di alcuni progetti e subordinata al reperimento dei fondi. INIZIATIVE DI CONTINUITA' e ORIENTAMENTO In conformità all'art.4 del DPR 275/1999, la scuola assicura iniziative di continuità didattica e organizzativa per assicurare il raccordo con la scuola dell'infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado presente nel territorio. In particolare:

55 Accoglienza scuola dell'infanzia: per i primi giorni di scuola una particolare attenzione va rivolta al gruppo dei nuovi iscritti, pertanto durante questo periodo iniziale le modalità di entrata e uscita sono diversificate tra i nuovi iscritti e i già frequentanti. Griglia di valutazione finale degli alunni di 5 anni: le insegnanti della scuola dell infanzia compilano a conclusione dell'a.s. una griglia di valutazione, che servirà per la creazione di gruppi di livello e permetterà di formare le classi prime. Le F.S. per il disagio e l handicap della scuola dell infanzia provvedono a raccogliere informazioni relative ai bambini con bisogni educativi speciali in modo da concordare con le rispettive FS della scuola primaria eventuali iniziative di continuità e/o modalità di inserimento. Visita degli alunni di cinque anni alla G. Cena. Le classi quinte e le classi prime accolgono gli alunni in visita nella scuola ed organizzano per loro delle attività (fiabe, giochi ecc.). Con l'occasione gli alunni visitano tutti gli spazi della scuola primaria. Attività comuni tra alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado: si tratta di iniziative che prevedono la partecipazione ad attività comuni. L ubicazione nello stesso complesso della scuola Giovanni Cena delle classi quinte della scuola primaria e della scuola secondaria facilita iniziative comuni. Per l a.s sono previste attività comuni come uscite didattiche e campi scuola e interventi dei docenti della scuola secondaria di primo grado durante le lezioni nelle classi quinte. Prove finali e di ingresso: i docenti dei due ordini di scuola concordano insieme le prove di uscita/ingresso in modo da lavorare su obiettivi comuni. Vengono definite la struttura tipo delle prove (lettura di un testo con domande a scelta multipla), il linguaggio utilizzato (chiaro e semplice in modo da dare a tutti la possibilità di svolgere la prova) e gli obiettivi finali. Colloqui tra i docenti della scuola dell infanzia, primaria e della scuola secondaria per approfondire singole situazioni. Colloqui con le famiglie per spiegare ai genitori quali sono modalità di lavoro nella scuola primaria e della secondaria, per orientare la scelta delle famiglie soprattutto in relazione al tempo scuola. Incontro del DS con i genitori nel periodo delle iscrizioni per illustrare il POF.

56 Orientamento Scuola Secondaria. Fermo restando che l orientamento, inteso come riconoscimento e potenziamento delle personali inclinazioni, è continuo, la scuola prevede per le terze momenti di incontro con le diverse scuole secondarie presenti sul territorio al fine di orientare gli studenti verso una scelta consapevole della scuola secondaria di secondo grado. FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Oltre ad aderire alle proposte di aggiornamento ministeriale, il nostro circolo promuove e gestisce in proprio corsi di aggiornamento rivolti al personale docente ed ATA e vertenti su tematiche di interesse comune. Nel corso dell anno scolastico sono previsti diversi corsi di aggiornamento su diverse tematiche (didattiche, metodologiche, psico-pedagogiche). che nel complesso coinvolgono gran parte degli insegnanti del circolo e il personale ATA. RETI E PARTENARIATI La Scuola collabora attivamente con gli altri Istituti Scolastici del comprensorio: Circolo Didattico di Ladispoli 1, Circolo Didattico di Ladispoli 2, Istituto Comprensivo di Marina di Cerveteri Istituto Santa Teresa del Bambino Gesù di S. Marinella Tali Accordi hanno ad oggetto attività didattiche, di formazione e aggiornamento, di acquisto di beni e servizi. In particolare la Scuola fa parte di una rete che comprende tutte le scuole del 30 distretto e facente capo all I.C. di Manziana per l acquisto delle LIM e per la formazione.

57 COLLABORAZIONE CON SOGGETTI ESTERNI La Scuola si avvale della collaborazione di Enti e Soggetti che operano nel nostro Territorio e che, con il loro prezioso supporto specialistico e finanziario, concorrono al raggiungimento degli obiettivi formativi stabiliti per gli alunni. In particolare, ricordiamo: - B.K. Cerveteri - Fondazione CARICIV - Scuolambiente - Esperti appartenenti ad Associazioni culturali di Cerveteri - Cooperativa sociale Solidarietà - Biblioteca Comunale - Forze dell ordine - Protezione Civile; - Avis; Inoltre, si cerca di sensibilizzare, attraverso una campagna di sponsorizzazione, le attività commerciali del Territorio a una più attiva collaborazione con la Scuola, affinché si crei una sinergia tale da determinare un reciproco arricchimento e valorizzazione. Si chiede, infine, la collaborazione con il Comune di Cerveteri nella realizzazione di manifestazioni (Presepe Vivente, Festa di Carnevale, Festa di Fine anno) e nell attuazione dei Progetti aventi ad oggetto il recupero della memoria storica e delle tradizioni cerveterane. In particolare, saranno necessari dei finanziamenti nonché la predisposizione di uscite gratuite nel Territorio per l attuazione delle predette finalità.

58 VALUTAZIONE DEL PROCESSO E DEI RISULTATI Verranno valutati sia il prodotto, sia il processo. I singoli prodotti realizzati nell ambito dei progetti (cartelloni, disegni, pitture, manufatti vari, prodotti multimediali ecc.) saranno valutati dai docenti relativamente alle capacità di collaborare, alle capacità di utilizzo delle tecniche specifiche, degli strumenti informatici, alla rielaborazione dei contenuti. Verifiche inserite nel piano didattico educativo Osservazioni sulla comprensione e sulla capacità di rielaborazione acquisite dagli studenti nel corso dello svolgimento della fase operativa; Osservazioni sul coinvolgimento, sulla disponibilità a collaborare con gli altri e per gli altri in azioni concrete, sul grado di rielaborazione, di riflessione critica e di utilizzo di strumenti di giudizio nel valutare se stessi, le proprie azioni, i fatti e i comportamenti individuali, umani e sociali degli altri alla luce di parametri che ispirano la convivenza civile quali la fratellanza e il senso di responsabilità; Osservazioni sulla comprensione e sulla capacità di rielaborazione acquisite dagli studenti in fase di esposizione degli elaborati e dell esperienza fatta in prima persona.

59 AUTOVALUTAZIONE D'ISTITUTO Nell anno scolastico , il Gruppo Operativo per l autovalutazione d istituto ha proceduto alla compilazione, alla distribuzione e alla successiva tabulazione dei seguenti questionari : Questionario alunni classe IV; Questionario alunni Scuola Secondaria di I Grado Questionario alunni Scuola Secondaria di Primo Grado ; Questionario genitori classi scuola dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado; Questionario genitori alunni scuola infanzia (5/6 anni) ; Questionario docenti; Questionario personale ATA Tale questionario si proponeva di: o rendere maggiormente esplicite percezioni non sempre consapevoli, rispetto a modalità di insegnamento, a dinamiche relazionali,a comportamenti sociali e di ruolo al contesto scolastico; o o raccogliere dati sulla realtà scolastica vista dai genitori; mettere a disposizione di tutti gli utenti informazioni significative sulla vita della scuola; o individuare su quali aspetti della vita scolastica intervenire prioritariamente in un ottica di miglioramento della qualità.

60 SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE E PROVE INVALSI La scuola partecipa al SNV attraverso la somministrazione annuale delle prove oggettive elaborate dall'istituto Nazionale per la Valutazione Sistema educativo d'istruzione e formazione. Le classi seconde e quinte del nostro istituto hanno partecipato, nel mese di maggio 2012, alla valutazione degli apprendimenti 2012/2013 promossa dall Invalsi in merito alle discipline Italiano e Matematica. I risultati ancora non sono pervenuti mentre è possibile confrontare i dati relativi ai tre anni precedenti. In generale si può osservare una media pari a quella nazionale con alcune punte superiori di alcuni punti percentuali, soprattutto in italiano. In matematica generalmente ci si attesta intorno alla media nazionale ma con un livello più basso sugli item relativi allo spazio e figure (in classe 5). Sulla base dei risultati restituiti ed aggregati per item e per classi, la scuola effettua una riflessione sugli apprendimenti degli alunni, con le opportune considerazioni di carattere organizzativo e didattico. ITALIANO Classe seconda Anno scolastico Italiano 64% media nazionale 65% Anno scolastico Italiano lettura 89,1% media nazionale 82,3% Italiano (testo e quesiti grammatica) 60, 9 media nazionale 61,4 %

61 Anno scolastico Italiano lettura 76,9% media nazionale 78,5 % Italiano 71,4% media nazionale 69,1% testo narrativo 67% media nazionale 62,4% Grammatica 75,2% media nazionale 75,1% Anno scolastico Italiano 74,5 media nazionale 67,9 Testo narrativo 74,8 media nazionale 68,6 Riordino frasi 73,0 media nazionale 64,4 MATEMATICA Classe seconda Anno scolastico Matematica 54% media nazionale 55% Anno scolastico Matematica 50,2% media nazionale 56,6% Anno scolastico Numeri 62,4% media nazionale 60% Spazio e figure 57,5% media nazionale 57,7% Dati e previsioni 74,8% media nazionale 73,2%

62 Anno Scolastico Matematica 64,8 media nazionale 58,0 Numeri 57,1 media nazionale 50,8 Dati e Previsioni 80,9 media nazionale 74,2 Spazio e figure 68,6 media nazionale 60,2 ITALIANO Classe quinta Anno scolastico italiano 62% media nazionale 62% Anno scolastico italiano 69,9% media nazionale 66,6% Anno scolastico italiano 73,1% media nazionale 73,0% Testo narrativo 76,1% media nazionale 72,1% Testo informativo 58,5% media nazionale 58,7% Grammatica 79% media nazionale 81% Anno scolastico Italiano 79,5 media nazionale 76,8 Testo narrativo 80,5 media nazionale 77,6 Testo espositivo 74,5 media nazionale 72, 3 Grammatica 81,0 media nazionale 78,4

63 Individuare informazioni 71,8 media nazionale 70,5 Interpretare e valutare 82,9 media nazionale 77,5 Ricostruire il significato 78,9 media nazionale 77,5 MATEMATICA Classe quinta Anno scolastico Matematica 57% media nazionale 57% Anno scolastico Matematica 60,4% media nazionale 61,2% Anno scolastico Numeri 67,5% media nazionale 68,6% Spazio e figure 50,8% media nazionale 58,7% Dati e previsioni 76,4% media nazionale 78,4% Anno scolastico Matematica 49,5 media nazionale 52,4 Numeri 45,3 media nazionale 50,6 Dati e previsione 61,7 media nazionale 62,7 Spazio e figure 45,6 media nazionale 49,4 Relazione e funzioni 38,1 media nazionale 40,0 Concetti e procedure 52,3 media nazionale 55,9

64 Anno Scolastico

65

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2014/15

ISCRIZIONI a.s. 2014/15 - 0652209322 ISCRIZIONI a.s. 2014/15 27/01/2014 ISCRIZIONI entro il 28 febbraio SCUOLA SECONDARIA I grado: on line 27/01/2014 Adempimenti delle famiglie - individuare la scuola d interesse (anche attraverso

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco

Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco La Scuola Classi : scuola formata da 7 corsi completi 21 classi 14 tempo normale e 7 tempo prolungato Organico docenti: circa 55 docenti quasi tutti di ruolo

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO OFFERTA FORMATIVA La Scuola Secondaria di 1 Grado - nel rispetto del Regolamento relativo all assetto ordinamentale, organizzativo e didattico art. 64 D.L. 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla Legge

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Mini P.O.F. scuole dell infanzia 2012-2013

Mini P.O.F. scuole dell infanzia 2012-2013 Mini P.O.F. scuole dell infanzia 2012-2013 Il Piano dell Offerta Formativa Esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che una scuola adotta nell ambito della sua

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare codice

Dettagli

LA SCUOLA PRIMARIA. Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino

LA SCUOLA PRIMARIA. Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino LA SCUOLA PRIMARIA Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino 1 Istituto Comprensivo Savignano sul Panaro PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2014-2015

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Tre plessi e tre ordini di scuola

Tre plessi e tre ordini di scuola LANCUSI FRAZIONE DI FISCIANO (SA Tre plessi e tre ordini di scuola Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Uff. Dirigenza/Segreteria Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola sec. di primo grado Scuola

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016

Anno Scolastico 2015-2016 Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni Pascoli Via Tagliamonte, 21 80058 Torre Annunziata (Na) POF Anno Scolastico 2015-2016 PREMESSA L istituzione scolastica effettua la programmazione triennale dell

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO. Sintesi del Piano dell offerta formativa. Scuola Secondaria di Primo Grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO. Sintesi del Piano dell offerta formativa. Scuola Secondaria di Primo Grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO Sintesi del Piano dell offerta formativa Scuola Secondaria di Primo Grado ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SEDI ED INDIRIZZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L Istituto

Dettagli

Piano Offerta Formativa

Piano Offerta Formativa Piano Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Venezia,15 San Giovanni Teatino Chieti I plessi Scuola dell'infanzia Dragonara Scuola

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 3 Sommario Il Piano dell Offerta Formativa... 6 La scuola nel territorio... 7 Rapporti con Istituzioni, famiglie e territorio... 8 Presentazione

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan. Il ponte non è sostenuto da LA CONCRETEZZA DELL'INVISIBILE Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, -

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI PIETRA LIGURE PIETRA LIGURE BORGIO VEREZZI VAL MAREMOLA UFFICI VIA OBERDAN 84 17027 - PIETRA LIGURE SV Tel 019/628109 - fax 019/6295160 PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria

Dettagli

Scuola Secondaria di primo grado "Dante Arfelli" Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC)

Scuola Secondaria di primo grado Dante Arfelli Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC) Scuola Secondaria di primo grado "Dante Arfelli" Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC) Tel. 0547 80309 Fax 0547 672888 e-mail: fomm08900a@istruzione.it www.smcesenatico.net PIANO dell'offerta FORMATIVA S I

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 IC 41 CONSOLE: LA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE DELLA SCUOLA La scuola dell infanzia dell IC 41 Console e situata nel quartiere Bagnoli in

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico OPEN DAY Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it 1 Sede Operativa per la Formazione Continua e Superiore Attività conformi

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI)

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI) Prot. 28571 c23a Colle di val d Elsa 18/9/2015 ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE il D.lgs. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI AD INDIRIZZO MUSICALE

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI AD INDIRIZZO MUSICALE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI AD INDIRIZZO MUSICALE CHI SIAMO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI DI MONZA E FORMATA DA DUE PLESSI : PLESSO ARDIGO : via Magellano, 42 PLESSO

Dettagli

DECRETO IL DIRIGENTE SCOLASTICO

DECRETO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell Istruzione ISTITUTO COMPRENSIVO DOSOLO-POMPONESCO-VIADANA Via Colombo 2, 46030 San Matteo delle Chiaviche (MN). Tel. 0375 800041 Fax: 0375 80216 Sito: : www.icdosolopomponescosanmatteo.gov.it

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE 1 Cittadinanza e Costituzione COMPETENZE CHIAVE: Competenze sociali e civiche NUCLEO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n.

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. 0332400737 e-mail scuolavo@libero.it C è qualcosa di più

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini"

Istituto Scolastico Comprensivo Statale R. Fucini Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini" Scuola Infanzia Primaria e Secondaria di I di Monteroni d Arbia e Murlo Viale Rimembranze,127 Tel 0577375118 53014 - MONTERONI D'ARBIA (SI) e. mail siic80800q@istruzione.it

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERCI

IMPARIAMO A CONOSCERCI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado ISTITUTO COMPRENSIVO CESARE CANTÙ Via Dei Braschi 12 Milano 0288448318 026468664 Codice fiscale 80124430150 Codice meccanografico MIIC8CF006

Dettagli

Indicazioni nazionali per il curricolo

Indicazioni nazionali per il curricolo Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione a cura di Valentina Urgu per l I.C. Monastir L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Indicazioni quadro di riferimento

Dettagli

Scuola dell'infanzia Il Panda

Scuola dell'infanzia Il Panda Istituto Comprensivo Europa - Faenza Scuola dell'infanzia Il Panda Via Donatini, 19 Tel.0546-29579 Segreteria e Presidenza: Via degli Insorti, 2 - tel.0546-28394 fax 0546-25816 http:/www.ic.europa.it E-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM Località Villaggio 84047 CAPACCIO (SA) - C.M. SAIC8AZ00C Tel. 0828725413/0828724471 Fax. 0828720747/0828724771 e-mail SAIC8AZ00C@istruzione.it Ascolta i bambini

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO, ATTUATO IN TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA, IN COLLABORAZIONE CON GLI ENTI LOCALI

PROGETTO D ISTITUTO, ATTUATO IN TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA, IN COLLABORAZIONE CON GLI ENTI LOCALI ISTITUTO COMPRENSIVO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I I. O. Griselli Via Roma, 55-56040 MONTESCUDAIO(PI) Tel. 0586/650053 - Fax 0586/650488 e-mail: istcomp.griselli@tiscali.it Web: www.istitutogriselli.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE SCOLASTICA Prof.ssa Mariagrazia Mastrangelo Durante

Dettagli

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali 4.1 Le discipline IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali Il Regolamento in materia di autonomia scolastica consente alle Istituzione scolastiche di definire i curricoli e le quote orarie

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

RELAZIONE FINALE EDUCAZIONE alla CITTADINANZA PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2011/12

RELAZIONE FINALE EDUCAZIONE alla CITTADINANZA PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2011/12 Istituto STATALE SUPERIORE J.F.KENNEDY di Monselice RELAZIONE FINALE EDUCAZIONE alla CITTADINANZA PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2011/12 Responsabile del progetto Prof.ssa Del Missier Aida Rita Il progetto

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016/2019 I.C. 6 QUASIMODO DICEARCHIA 80078 POZZUOLI (NA)-Via Caio Vestorio,3 Tel e Fax 081/8042620 Cod. Fisc. 96029330634 Cod.Mecc. NAIC8DY002 http://www.ic6quasimododicearchia.gov.it e-mail: NAIC8DY002@istruzione.it

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Landriano Via B. Brecht, 1 27015 Landriano (PV) Tel. 038264103 Fax 038264143 - sito web: www.iclandriano.gov.it

Dettagli

A. MORO CERRO AL LAMBRO

A. MORO CERRO AL LAMBRO ISTITUTO COMPRENSIVO P. FRISI MELEGNANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. MORO CERRO AL LAMBRO Iscrizioni a.s. 2015/2016 1 La proposta didattica e formativa della Scuola Secondaria di Primo Grado per le

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.M.VALSALVA ALLEGATO AL POF

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.M.VALSALVA ALLEGATO AL POF SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.M.VALSALVA ALLEGATO AL POF ALUNNI 434 INSEGNANTI 38 Anno scolastico 2014-2015 ATTIVITA DIDATTICA CURRICOLARE Le attività vengono programmate da: - Collegio dei Docenti;

Dettagli

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO CHI SIAMO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO SI TROVA IN VIA MAGELLANO 42 FA PARTE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA RAIBERTI DIRIGENTE SCOLASTICO: Dott.

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI Anno scolastico 2014/2015 1 PROGETTO INTERISTITUZIONALE ( SCUOLA-ENTE LOCALE-ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO) PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI 1. Premessa La Scuola

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Scuola LICEO SCIENTIFICO STATALE E. FERMI di MASSA a.s. 2014/2015 PIA ANNUALE PER L INCLUONE Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT)

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) La Scuola Primaria di Valchiusa è situata in una zona verdeggiante meglio conosciuta come Valchiusa e occupa parte della sede centrale dell Istituto

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.

OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N. Prot. n. 3258/A04a Verona, 12 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE_PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva

Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva DI TUTTE LE CLASSI DEL PLESSO DI S. ANTONIO a. s. 2014/2015 Le insegnanti del Plesso già nel mese di giugno avevano verificato

Dettagli

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Oberdan: la strada per il mio futuro Liceo Liceo delle Scienze Umane Liceo Economico Sociale (LES) Tecnico economico Amministrazione, finanza

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA A. MORO BUCCINASCO SCUOLA PRIMARIA ROBBIOLO via A.Moro SCUOLA PRIMARIA ROBARELLO via degli Alpini

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA A. MORO BUCCINASCO SCUOLA PRIMARIA ROBBIOLO via A.Moro SCUOLA PRIMARIA ROBARELLO via degli Alpini www.icsaldomorobuccinasco.gov.it ISTITUTO COMPRENSIVO VIA A. MORO BUCCINASCO SCUOLA PRIMARIA ROBBIOLO via A.Moro SCUOLA PRIMARIA ROBARELLO via degli Alpini Anno Scolastico 2015-2016 Iscrizioni 2016-2017

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Liceo linguistico REGINA MUNDI. «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe)

Liceo linguistico REGINA MUNDI. «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe) Liceo linguistico REGINA MUNDI «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe) OBIETTIVI DEL LICEO LINGUISTICO Il percorso del liceo linguistico è indirizzato

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto alfabetizzazione alunni stranieri e intercultura

Progetto alfabetizzazione alunni stranieri e intercultura SCUOLA IN CHIARO A.S. 2015-2016 A tre anni il bambino entra per la prima volta nel nostro Istituto Comprensivo ed è seseguito fino al termine della Scuola Secondaria di I grado, momento in cui dovrà scegliere

Dettagli

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE.

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. PROGETTI SPECIFICI Scuola dell infanzia di Cuasso al Monte I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. Attività psicomotoria

Dettagli

Anni scolastici 2016/2017 2018/2019

Anni scolastici 2016/2017 2018/2019 ISTITUTO COMPRENSIVO N.6 BOLOGNA 40126 Bologna via Finelli, 2 Tel. 051-240188 051-247720 Fax 051-262024 Sito web: www.ic6bologna.com e-mail: boic817004@istruzione.it Anni scolastici 2016/2017 2018/2019

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area EUCAZIONE CITTADINANZA COSTITUZIONE

Dettagli

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA SEMINARIO NAZIONALE PER L ACCOMPAGNAMENTO DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABANO TERME 29-30 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE INS. GRILLO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua.

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua. SCUOLA PRIMARIA Denominazione progetto Priorità cui si riferisce (L.107/2015)e Traguardi di risultato Obiettivo di processo CLIL SCIENCE Sviluppare e potenziare le competenze chiave di cittadinanza. Rispondere

Dettagli