PROGRAMMA DEL CLUB MESE DI GIUGNO 2002

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DEL CLUB MESE DI GIUGNO 2002"

Transcript

1 DISTRETTO 2030 Anno 4 NUMERO 40 Giugno 2002

2 PROGRAMMA DEL CLUB MESE DI GIUGNO 2002 Venerdì 7 : ore Interclub R.C. Genova Nord Conviviale di Gala con Consorti HOTEL JOLLY MARINA Porto Antico Ponte Calvi, 5 - Genova Celebrazione del XXX.le di Fondazione del Club Segreteria Tel Sabato 8 : ore Arenzano Conviviale di Gala con Consorti Celebrazione del XXV.le di Fondazione del Club Segreteria Tel Interclub R.C. Genova Sud-Ovest Giovedì 13 :ore Chiesa di San Matteo Interclub R.C. Genova Nord-Ovest Piazzetta San Matteo Genova Concerto di musiche barocche con i solisti del Conservatorio N. Paganini. Dopo il concerto, cena al ristorante Rina. Sabato 15 e Domenica 16 : ASSEMBLEA DISTRETTUALE Torino, c/o Centro Congressi Lingotto, Via Nizza 280 Chiusura anno rotariano 2001/2002 del Governatore Franco Grasso con il seguente tema: Rotary nuovo nella società che cambia Mercoledì 19 : ore Palazzo delle Prefettura - con Consorti Passaggio delle Consegne dei Rotary genovesi e consegna del Presidents Award al S.E. Dott. Antonio Di Giovine Mercoledì 26 : ore A N N U A L E C E N A D I G A L A, con Consorti Ristorante Antica Osteria del Bai, Via Quarto, 12, Genova-Quarto Passaggio delle Consegne tra il Presidente 2001/2002 Enrico Brizzolara e il Presidente 2002/2003 Francesca Milintenda Saranno rappresentati anche tutti gli altri R.C. Genovesi. i prega di comunicare alla Segreteria le eventuali assenze telefonando, almeno due giorni prima della riunione, al n

3 ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2030 ITALIA PIEMONTE, LIGURIA, VALLE D AOSTA F R A N C O G R A S S O Governatore La lettera n. 12 del Governatore - giugno 2002 Carissimi Amici e Amiche, Vi scrivo la lettera mensile n.12, mentre mi sto avviando a concludere l anno di Governatorato, un lungo viaggio ed una straordinaria esperienza umana che resteranno per me indimenticabili. Vi assicuro che si è trattato di una stupenda (pur se molto impegnativa) avventura che, avviatasi all inizio del 2000, ho costantemente vissuto con dedizione e con gioia specialmente negli ultimi 12 mesi trascorsi a contatto diretto con Voi e con i Vostri Club. Viene ora il tempo dei consuntivi e dei bilanci: cosa abbiamo fatto quest anno congiuntamente? Abbiamo raggiunto gli obiettivi indicatici dal Rotary International o quelli che ci eravamo prefissi? Possiamo ritenerci soddisfatti del nostro lavoro? Il tempo continua a scorrere talmente in fretta che le domande si accavallano nella nostra mente e più volte succede che sia difficile dare a noi stessi adeguate risposte. Non voglio ora dilungarmi, ma desidero darvi soltanto notizie schematiche: se volete saperne di più Vi invito a partecipare numerosi al Congresso di Torino molto prossimo (15-16 giugno p.v.) dove tra l altro io farò una relazione dettagliata del nostro lavoro comune, mentre il tema dominante sarà Rotary nuovo nella Società che cambia. Alcuni punti del programma iniziale mi stavano particolarmente a cuore e precisamente: a) espansione e sviluppo dell effettivo, b) formazione e informazione rotariana, c) apertura verso l esterno e collaborazione con altri distretti, d) partecipazione ai programmi della Rotary Foundation. Ebbene, contrariamente alle perplessità d inizio anno, l espansione è stata d entità straordinaria e sorprendente, agevolata dalla disponibilità sponsorizzatrice di 11 Club esistenti e supportata dai Rappresentanti Speciali da me nominati: a tutt oggi sono stati costituiti 9 nuovi Club (Orta San Giulio, Torino Stupinigi, Torino Lamarmora, Torino San Carlo, Torino Mole Antonelliana, Torino Polaris, Canale Roero, Rivoli, Genova San Giorgio) composti in gran parte da giovani (uomini e donne). Lo sviluppo dell effettivo è avvenuto in vari Club con l ingresso di molti nuovi Soci (anche 8-10 Soci, con un massimo di 21 Soci per il Club di Genova,) mentre in altri Club si è segnato il passo (o, purtroppo, c è anche stato qualche decremento) e l età media è IA SAN QUINTINO, TORINO TEL FAX

4 inesorabilmente salita lasciando gli stessi Club ancorati al passato. L ingresso complessivo di 450 nuovi Soci (di entrambi i sessi) consente comunque di guardare con molto ottimismo al futuro del Rotary. Si è curata particolarmente anche la formazione e l informazione Rotariana non solo tramite i tradizionali SIPE e l assemblea di Savona, ma soprattutto tramite specifici seminari e convegni (Seminario per la Fondazione Rotary ad Alessandria, Convegno di metà anno con Assistenti e Presidenti ad Asti, Forum Rotary-Rotaract a Sestrière, Convegno riservato a tutti i nuovi Soci ad Asti) Si è agevolata l apertura verso l esterno tramite i Convegni di Torino ( Le Dimore Sabaude ) e di Genova ( Genova 2004: capitale della cultura ) e, soprattutto, si è partecipato all organizzazione del 1 Convegno Nazionale dei Rotariani dei 10 Distretti italiani del R.I. Educare per la pace a Roma: il Presidente Richard King (intervenuto personalmente a tale manifestazione, insieme a molte autorità rotariane, civili e militari) ne è rimasto entusiasta ed ha definito tale Convegno la più bella manifestazione rotariana dell anno. I contributi versati alla Fondazione Rotary (soprattutto finalizzati alla Polio Plus) sono stati ulteriormente incrementati, così come i progetti umanitari intrapresi mediante Matching Grant. Durante il mio mandato ho girato abbastanza sia nel nostro Distretto che in Italia e all Estero per imparare, conoscere e farci conoscere sempre di più; mi ha guidato una gran voglia di conoscere profondamente il Rotary ed ho partecipato a convegni in cui si è anche parlato di come migliorare la comunicazione e la comprensione tra le varie comunità discutendo di doveri e diritti umani, di identità culturale e di integrazione sociale. Ora voglio rivolgere a tutti Voi un invito: uscite spesso dal Vostro Club, partecipate alla riunioni Interclub, agli appuntamenti distrettuali e anche agli incontri internazionali (Vi ricordo ancora una volta che fra alcuni giorni dal 23 al 26 giugno a Barcellona si terrà la Convention Mondiale del Rotary) Soltanto confrontandosi con altri Soci del Rotary, con altre realtà, con altre tradizioni, conoscendo quello che pensano e fanno gli altri nei loro Club e Distretti, soltanto allora capirete veramente che cosa è il Rotary, il vero Rotary. Le cose da dirvi sarebbero ancora molte e, proprio perché questa è la 12 lettera, dovrei parlare anche di sentimenti e di quello che sto provando in quest ultimo mese; ma lo farò poi o forse non lo farò. Voglio però ringraziarvi per tutto ciò che quest anno avete fatto per il Rotary e per tutto ciò che mi avete dato, collaborazione, idee, consigli, calorosa amicizia, affetto, stima: una grande patrimonio che in così poco tempo mi ha reso moralmente e umanamente ricco ed ha inciso notevolmente sul mio modo di essere. Anche da parte di Eugenia, invio un grazie di cuore a tutti Voi e ai Vostri cari che in vario modo sono stati vicini al Rotary. 4

5 ATTIVITA DEL CLUB Mercoledì 8 : Serata con Consorti e Amici NEL MONDO SCIENTIFICO DELLA RICERCA BIO-MOLECOLARE nell Istituto della nostra socia Dr. Adriana Albini ore visita guidata al Laboratorio di Biologia Molecolare IST (c/o C.B.A) Ospedale San Martino Largo Rosanna Benzi, 10 - Genova ore Fine visita ed aperitivo Trasferimento ad Hotel Jolly Plaza ore Conviviale a HOTEL JOLLY PLAZA Via Martin Piaggio, 11 Genova Conferenza del Direttore del Laboratorio e socio organizzatore, Dr. Adriana Albini sul tema : Dal tè verde all ingegneria genetica: antiche e nuove armi per sconfiggere i tumori. E stato sicuramente uno dei più interessanti incontri rotariani del nostro Club. Alle ore 18 e 30 il gruppo dei soci si è recato a visitare il Laboratorio di Biologia Molecolare diretto dalla nostra consocia Dott.sa Adriana Albini. Adriana ci ha accolti con grande entusiasmo e, con la precisione e passione che la distingue, ci ha condotto all interno del laboratorio ove vengono svolte sperimentazioni di grande attualità ed importanza nel campo della ricerca sul cancro. Adriana Albini ha illustrato con semplicità le varie apparecchiature in uso e ci ha mostrato colture cellulari tumorali e sperimentazioni su di esse. Prima di recarci a cena al Jolly Plaza, ai soci intervenuti è stato offerto un ottimo aperitivo. Giunti al Jolly Plaza, dopo la cena, Adriana Albini ha potuto spiegare ai convenuti la sua attività professionale, facendo altresì un escursus dello stato dell arte della ricerca sul cancro. Con sorpresa di molti Adriana ha poi raccontato della sua grande passione quale scrittrice di romanzie e di articoli in campo letterario. Di seguito riportiamo la relazione professionale relativa alla sua attività di riceca e, in coda, una breve biografia della nostra consocia, anche relativa alla sua attività di scrittrice. 5

6 Dal tè verde all ingegneria genetica: antiche e nuove armi per sconfiggere i tumori Nonostante i progressi ottenuti in campo oncologico, le terapie rivolte alla cura di alcune forme tumorali metastatizzanti comportano spesso gravi problemi per i malati. Le numerose scoperte ottenute dalla ricerca di base forniscono nuovi potenziali bersagli terapeutici. Le possibili strategie attuabili per il controllo della formazione e della crescita dei tumori comprendono la prevenzione, la diagnosi precoce, la resezione chirurgica o radioterapia, e terapie farmacologiche. Tra queste, l uso di composti naturali o sintetici ad azione chemiopreventiva appare un approccio attuale per la lotta al cancro rappresentando un efficace strumento capace sia di prevenire o rallentare lo sviluppo del tumore che, in associazione alle terapie classiche, di contribuire ad arrestare la progressione tumorale. La chemioprevenzione prevede la somministrazione cronica di specifiche molecole. Le caratteristiche del chemiopreventivo ideale sono: elevata tollerabilità, assenza di effetti collaterali o da accumulo, facilità di somministrazione, basso costo. Tra la molecole già studiate e in parte testate su tumori umani si annoverano sia composti sintetici tra cui il tamoxifen, l aspirina, la vitamina A, la fenretinide, e il fluimucil, che composti naturali quali il selenio, la vitamina E, il calcio ed altri antiossidanti. Negli ultimi anni l attenzione dei ricercatori è stata rivolta allo studio degli effetti preventivi e terapeutici di antiossidanti di origine vegetale quali le catechine del tè verde, gli isoflavonoli della soia, il licopene del pomodoro e il resveratrolo del vino rosso. Gli effetti benefici anti-tumorali e anti-infiammatori del tè verde sono stati attribuiti alle sostanze antiossidanti in esso contenute tra cui carotenoidi, clorofille, vitamine C e E, sali minerali ed in particolare alle catechine, polifenoli con potenti proprietà antiossidanti, facenti parte della famiglia dei flavonoidi. Tra queste, il polifenolo più promettente è l epigallocatechina-3-gallato, detta brevemente EGCG, presente in maggior percentuale nel tè verde (25%) e in minor percentuale anche in quello nero (4%). Il potenziale terapeutico attribuito a questa bevanda comprende protezione dall infarto, riduzione del rischio di aterosclerosi (fa diminuire il tasso ematico di colesterolo cattivo, l Ldl, e di trigliceridi), capacità di aumentare la velocità con cui l organismo brucia i grassi, 6

7 proprietà anti-infiammatorie ed anche anti-virali. Le proprietà protettive dai tumori del té verde sono note da ormai un decennio e recentemente numerose sono state le ricerche pubblicate su riviste scientifiche di rilievo internazionale. Molti di questi studi si riferiscono ad indagini epidemiologiche che sottolineano come la mortalità per neoplasie sia significativamente bassa nei paesi asiatici (Cina e Giappone soprattutto) dove il tè verde è largamente diffuso come bevenda. Più recentemente il gallato è diventato oggetto di numerosi studi biochimici, assieme al resveratrolo (3,4,5 triidrossistilbene), una fitoalexina prodotta naturalmente da alcuni spermatofiti, come la vite, in risposta a lesioni o infezioni. Dato che è presente nella buccia degli acini il vino rosso, meno processato, ne contiene quantità superiori al bianco. Come composto fenolico, il resveratrolo contribuisce al potenziale antiossidante del vino rosso e può giocare un ruolo nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. E stato dimostrato che il resveratrolo modula il metabolismo dei lipidi e inibisce l ossidazione delle lipoproteine a bassa densità e l aggregazione delle piastrine. Inoltre, come fitoestrogeno, il resveratrolo può dare una protezione cardiovascolare. Questo composto possiede inoltre proprietà antiinfiammatorie e antitumorali. Dovranno essere realizzati ulteriori studi sulla biodisponibilità e sui percorsi metabolici per stabilire definitivamente l incidenza sulla salute del resveratrolo nella dieta. Le armi terapeutiche che abbiamo oggi a disposizione sono numerose e differiscono per la loro capacità di agire a diversi livelli. La cellula tumorale è solitamente una cellula che si divide continuamente e il blocco forzato di questo evento è spesso causa di morte apoptotica. La comunicazione cellulare con l ambiente e con le altre cellule rappresenta un evento fondamentale per il ciclo vitale e avviene grazie a recettori presente sulla superficie esterna; questi possono essere paragonati ad interrutori che attivano dei circuiti interni che conducono alla proliferazione o altre attività. I segnali cellulari si propagano attraverso elementi chiave, come avviene per la corrente elettrica in un circuito elettronico. Un inibitore ottimale del ciclo cellulare dovrebbe colpire specificamente la cellula tumorale causandone il suicidio, un esempio dei 7

8 nostri giorni è il Gleevec Imatinib: un farmaco di nuova generazione contro la leucemia mieloide cronica; è i primi farmaci approvati dalla FDA (Food and drugs administration) capaci di colpire direttamente una proteina oncogena. Tra gli inibitori dei recettori cellulari attualmente disponibili ci sono lo ZD 1839 (IRESSA), un inibitore specifico del recettore dell EGF (fattore di crescita epiteliale), efficace contro il carcinoma polmonare e lo Trastuzumab (Herceptin) un anticorpo monoclonale umanizzato contro l oncoproteina Her2/Neu, usato in associazione con chemioterapici contro il carcinoma mammario metastatico. Un altro tipo di terapia prevede la possibilità di indebolire il tumore privandolo dell ossigeno e del nutrimento portati dal sangue. L angiogenesi (dal greco angêion, vaso, e génesis, nascita) è la scienza che studia i meccanismi genetici di formazione dei vasi sanguigni negli organismi. È attraverso le arterie del sistema vascolare che organi e tessuti ricevono l apporto di sangue (e quindi di ossigeno e di sostanze nutrienti) indispensabile per la loro sopravvivenza. Lo stesso vale per il tumore: all inizio della trasformazione neoplastica, quando alcune cellule abbandonano il normale ciclo di sviluppo e diventano tumorali, nuove strutture vascolari si formano a partire da quelle preesistenti nell organismo, in questo modo le cellule neoplastiche riescono a ottenere il sangue necessario alla loro proliferazione. La terapia anti-angiogenica non colpisce la cellula tumorale per cui deve essere associata ad altri trattamenti farmacologici, inoltre molti inibitori dei tumori e dell angiogenesi sono proteine e data la necessità di somministrazione cronica, l uso di pompe di DNA che facciano le proteine tumorali all interno dell organismo rappresenta un approccio promettente. Per terapia genica si intende il trasferimento di materiale genetico allo scopo di prevenire o curare una malattia. Nel caso delle malattie genetiche, in cui un gene è difettoso o assente, la terapia genica consiste essenzialmente nel trasferire la versione funzionante del gene nell organismo dell ospite, in modo da rimediare al difetto. La terapia genica è una scienza giovane: il primo tentativo fu effettuato negli Stati Uniti nel 1990 su una bambina affetta da SCID, una grave immunodeficienza ereditaria. Da allora, nonostante gli indubbi progressi raggiunti, sono 8

9 ancora pochissimi i tentativi di terapia genica per i quali si possa parlare di un successo dal punto di vista clinico. L applicabilità della terapia genica rimane una prospettiva - sicuramente fondata - per il prossimo futuro. Ad oggi, le numerose sperimentazioni in corso in tutto il mondo hanno soprattutto lo scopo di migliorare le conoscenze biologiche di base e le metodiche di terapia genica perché possa finalmente diventare uno strumento efficace nelle mani dei medici. Ma come attaccare i tumori con la terapia genica? Le strategie in uso prevedono la reintroduzione di un gene onco-soppressore, la terapia suicida introducendo all interno della cellula tumorale un gene mortale, ingegnerizzando i linfociti, le sentinelle del sistema immunitario deputate alla difesa dell organismo, modificandoli in modo da riconoscere e uccidere il tumore (immunoterapia genica) o attraverso l inibizione dell angiogenesi. L ultima frontiera della scienza per la diagnostica è il sistema microarrays. Questo sistema è costituito da migliaia di sequenze di DNA immobilizzate su di un supporto miniaturizzato dal formato all incirca di una scheda telefonica che permette di analizzare un campione biologico al fine di valutare le variazioni di ogni singolo gene o scoprire mutazioni. Le alterazioni dell espressione di un gene o di una sequenza del DNA possono avere effetti profondi sulle funzioni biologiche causandone alterazioni, da ciò risulta chiaro che l introduzione di questa nuova tecnologia di analisi del DNA in campo diagnostico potrà fornire un metodo veloce per identificare sia l espressione dei geni che le loro variazioni indirizzando la scelta del tipo d intervento terapeutico da attuare. Adriana Albini-Noonan, nata a Venezia il 2/9/55, è Direttore del Laboratorio di Biologia Molecolare presso l Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro di Genova. E moglie di un ingegnere genetico americano, Douglas McClain Noonan, e ha due bambini, Thomas e Silvia. Da quando si è laureata in chimica, nel 1979, si occupa di biochimica dei tumori ed é conosciuta a livello internazionale per i suoi studi sulla metastasi in provetta. Attualmente sta anche conducendo studi su tumori associati all AIDS. Ha vinto due premi scientifici, uno in Germania e uno negli Stati Uniti, paesi nei quali ha svolto lunghi soggiorni di ricerca ed ha ricevuto il Premio Firenze Donna nel 2000 per la ricerca. Ha pubblicato oltre centoventi articoli scientifici sulle più qualificate riviste americane ed europee e numerosi articoli divulgativi in italiano. 9

10 Prima di ottenere la laurea in chimica e dedicarsi all attività di ricerca ha svolto attività giornalistica collaborando ai quotidiani liguri Il Lavoro e Il Corriere Mercantile. In passato ha anche pubblicato poesie e racconti sulla rivista letteraria ligure Resine. Come opere di narrativa, nel 1994 è uscito: Un clone in valigia finalista al premio Città di Chiavari e vincitore della sezione speciale del Premio Giovanni Gronchi; nel 1995 Sindrome di borderline, entrato nella prima selezione del Premio Rapallo-Carige 1996 per la donna scrittrice e vincitore del Premio Giovanni Gronchi con Medaglia d argento della Presidenza della Repubblica. SOCI presenti:adani, ALBINI, AMALFITANO, BRIZZOLARA, CHIODINI, FUSELLI, GARAVENTA, IACHINO, LA LUCE, MASCIA, MURATORI, ROMEO,SAVIOLI. Effettivo del Club n 43 Soci presenti: 13 Percentuale di presenza = 32% CONIUGI dei SOCI: Albini, Brizzolara, Chiodini, Garaventa. OSPITI DEI SOCI:di Brizzolara, Maria Cristina, Ing. Magnaghi. Sabato 11 : Gita libera con auto private a Bergamo ore visita con i rotariani del R.C. Milano Sud alla mostra della ricca collezione RAU (dipinti e oggetti d arte) insieme alla rotariana Dott.ssa Ermanna Vezzoli, co-organizzatrice della mostra che accompagnerà i partecipanti anche nella successiva visita a Bergamo Alta (ore 13.00). ore Conviviale rotariana in ristorante tipico ore Fine dell incontro per visita libera alla città e rientro Sabato 18 : ASSEMBLEA DISTRETTUALE c/o Associazione Industriali Centro Congressi Via Fanti, 17 Torino SOCI presenti:bagnasco,milintenda, TOMASELLI, VASSALLO. Effettivo del Club n 43 Soci presenti 4 Percentuale di presenza = 9% Giovedì 23 :Interclub con R.C. Genova Est ore Riunione Conviviale con Consorti HOTEL JOLLY MARINA Porto Antico Ponte Calvi, 5 Genova Testimonianze di rotariane (Co-relatrici Prof. Dott. F. Milintenda e Prof. Ing. D. Mascia) SOCI presenti: PISTOLESE, ALBINI, AMALFITANO, BENEDETTI, BRIZZOLARA, CHIODINI, DODERO, GARAVENTA, GIACOMAZZI, MASCIA, MURATORI, PARODI Annamaria, SAVIOLI. Effettivo del Club n 43 Soci presenti 12 Percentuale di presenza = 30% CONIUGI dei SOCI: Brizzolara, Chiodini, Dodero, Garaventa, Giacomazzi. OSPITI DEI SOCI: di Mascia, Ing. Elisa Spallarossa. 10

11 11

12 L IMMAGINE DEL MESE Via Quadrio in una foto di fine ottocento. (Archivio storico fotografico del Comune di Genova) Distribuzione riservata ai Soci Rotariani Direttore responsabile Ing.Alessandro Savioli Tel Fax Web: 12

PROGRAMMA DEL CLUB MESE DI MAGGIO 2002

PROGRAMMA DEL CLUB MESE DI MAGGIO 2002 DISTRETTO 2030 Anno 4 NUMERO 39 Maggio 2002 PROGRAMMA DEL CLUB MESE DI MAGGIO 2002 Mercoledì 1 :Riunione annullata per festività Mercoledì 8 : Serata con Consorti e Amici NEL MONDO SCIENTIFICO DELLA RICERCA

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

ROTARY CLUB GOLFO DI GENOVA

ROTARY CLUB GOLFO DI GENOVA Notiziario del 20 ottobre 2010 Riunione Conviviale Hotel Bristol Relazione professionale dell'arch. Laura Garbarino: Ruoli e Mercato nell'arte contemporanea Resoconto della conviviale Di Tiziana Traversa

Dettagli

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Anche se la base comune delle neoplasie è rappresentata dalla crescita incontrollata di cellule trasformate,

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 dott. ssa Aurora Ferrari la ricerca 9 ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 La Società Americana per l Oncologia Clinica (ASCO) ha reso noto il rapporto annuale, giunto ormai alla sua ottava edizione,

Dettagli

Lettori: 1.163.000 Diffusione: 189.861. Dir. Resp.: Virman Cusenza. 28-NOV-2014 da pag. 13

Lettori: 1.163.000 Diffusione: 189.861. Dir. Resp.: Virman Cusenza. 28-NOV-2014 da pag. 13 Lettori: 1.163.000 Diffusione: 189.861 Dir. Resp.: Virman Cusenza 28-NOV-2014 da pag. 13 Lettori: 2.848.000 Diffusione: 431.913 Dir. Resp.: Ezio Mauro 28-NOV-2014 da pag. 7 Lettori: 484.000 Diffusione:

Dettagli

Carcinoma mammario nelle giovani donne

Carcinoma mammario nelle giovani donne Carcinoma mammario nelle giovani donne RELATORI E MODERATORI Eraldo O. Bucci Responsabile - UO Oncologia Medica MultiMedica Castellanza Azzurra Cangiano Psicooncologia UO Oncologia Medica MultiMedica Castellanza

Dettagli

I principali obiettivi del progetto dedicato alla salute maschile sono:

I principali obiettivi del progetto dedicato alla salute maschile sono: salute al maschile, L IMPEGNO DI FONDAZIONE UMBERTO VERONESI PER gli uomini Nel 2015 la Fondazione Umberto Veronesi s impegna in un progetto specificatamente dedicato alla salute maschile per rispondere

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

Programma del mese di MAGGIO 2012

Programma del mese di MAGGIO 2012 Programma del mese di MAGGIO 2012 Mese della Cultura Cari Amici, di seguito il programma del mese di Maggio del Rotary Club Capitanata Data Martedì 1 Maggio 2012 Giovedì 10 Maggio 2012 Bangkok Convention

Dettagli

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria Genova 17 novembre 2009 Seminario finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria dott. Cristina Grandi dott. Michela Ferlenghi finanziamenti pubblici, ministeriali

Dettagli

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti risposte al Un opuscolo informativo di mamazone - Alto Adige Frauen und Forschung gegen Brustkrebs Onlus Donne e ricerca contro il tumore al seno A un certo momento della nostra esistenza, perdiamo il

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

20 febbraio 2012. Muore Renato Dulbecco

20 febbraio 2012. Muore Renato Dulbecco 20 febbraio 2012 Muore Renato Dulbecco la possibilità di avere una visione completa e globale del nostro DNA ci aiuterà a comprendere le influenze genetiche e non genetiche sul nostro sviluppo, la nostra

Dettagli

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Il Consiglio Direttivo Nazionale LILT, nella seduta del 19 marzo 2015, ha formalmente approvato la documentazione relativa ai lavori della Commissione tecnico-scientifica

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti Tiratura 04/2015: 148.106 Diffusione 04/2015: 83.049 Lettori I 2015: 484.000 Dir. Resp.: Alessandro Sallusti da pag. 37 13-06-2015 Lettori 38.890 http://www.corriere.it/salute/ CONGRESSO AMERICANO DI ONCOLOGIA

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO Cancro «Massa abnormale di tessuto che cresce in eccesso e in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, e persiste

Dettagli

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Campagna promossa da Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Il Tumore Ovarico LA MALATTIA Il carcinoma ovarico è il sesto tumore più diagnosticato tra le donne ed è il più grave

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Rotaract Club Bologna

Rotaract Club Bologna B O L L E T T I N O Rotaract Club Bologna distretto 2072 Emilia Romagna Repubblica di S. Marino N O V E M B R E ' 1 4 AI SOCI E AMICI DEL ROTARACT CLUB BOLOGNA E PER CONOSCENZA al Presidente del Rotary

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP)

Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP) Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP) Dott.ssa Daniela Palmieri Laboratorio di Biologia Vascolare Clinica e Sperimentale IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST Dipartimento di Scienze

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

27-08-2014 12+1 1 / 2

27-08-2014 12+1 1 / 2 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 1 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 2 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 22

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare La Biobanca delle cellule staminali tumorali Scienza e Tecnologia al servizio della Ricerca Progetto editoriale Labozeta S.p.A via Tiburtina,

Dettagli

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA DEL MESE DI GIUGNO 2009

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA DEL MESE DI GIUGNO 2009 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA DEL MESE DI GIUGNO 2009 LUNEDI 15 GIUGNO Hotel Roma ore 20 Il Consiglio Direttivo uscente 2008-2009 ed il nuovo Consiglio Direttivo 2009-2010 incontrano l Assistente del Governatore

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

DISTRETTO 2071 /2015 2014/201

DISTRETTO 2071 /2015 2014/201 DISTRETTO 2071 2014/201 COMMISSIONE DISTRETTUALE PER LA PROMOZIONE DELLA 106 ROTARY CONVENTION DI SAN PAOLO 2015 CONGRESSO 2015 SAN PAOLO, BRASILE SAB. 6 GIUGNO - MAR. 9 GIUGNO Carissimi Amici, il Governatore

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Dir. Resp.: Roberto Napoletano

Dir. Resp.: Roberto Napoletano Tiratura 09/2014: 40.000 Diffusione: n.d. Lettori: n.d. Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 6 02-GIU-2015 www.datastampa.it Tiratura 09/2014:

Dettagli

Alimentazione e nutrizione umana

Alimentazione e nutrizione umana Alimentazione e nutrizione umana Docente: Dipartimento: Indirizzo: Prof. Anna Tagliabue Sanità Pubblica, Medicina Sperimentale e Forense Via Bassi, 21 20124 Pavia Telefono: 0382 987868/69 E-mail: Ricevimento:

Dettagli

Bollettino N 3 - Edizione Digitale (ottobre 2006)

Bollettino N 3 - Edizione Digitale (ottobre 2006) ROTARY CLUB PARMA EST 2070 DISTRETTO ITALIA ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2070 ANNO 2006/2007 Bollettino N 3 - Edizione Digitale (ottobre 2006) NATURA MORTA AMERIGO GABBA ISIDORO PASETTI Presidente Cari

Dettagli

Distretto 2072 Rotaract Club Lugo Rotary Club Padrino: Rotary Club Lugo A.R. 2014/2015 www.rotaractlugo.org

Distretto 2072 Rotaract Club Lugo Rotary Club Padrino: Rotary Club Lugo A.R. 2014/2015 www.rotaractlugo.org Presidente Jonni Sangiorgi Segreteria Simone Facchini (facchini.sim@gmail.com) Via Medici 10, Lugo (Ra) Sara Savioli (sarinasavio89@yahoo.it) Viale Oriani 30, Lugo (Ra) Email Club: rotaractclublugo@libero.it

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere?

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Uni-A.T.E.Ne.O. "Ivana Torretta" Sergio Fava Oncologia Medica Legnano 22.10.2013 I nuovi casi di tumore Quali tumori più frequenti? Primi

Dettagli

METTI IL MELANOMA IN FUORI GIOCO

METTI IL MELANOMA IN FUORI GIOCO Comunicato stampa METTI IL MELANOMA IN FUORI GIOCO Milano, 14 dicembre 2009 presso l Hotel Quark Via Lampedusa 11/A, i calciatori, Raffaele Palladino e Javier Zanetti fanno da testimonial a METTI IL MELANOMA

Dettagli

Calendario delle principali manifestazioni rotariane

Calendario delle principali manifestazioni rotariane Calendario delle principali manifestazioni rotariane SEMINARIO VISIONE FUTURA 17 novembre 2012 - Federico II Palace Hotel - Pergusa (EN) PRE SIPE 15 dicembre 2012 - Federico II Palace Hotel - Pergusa (EN)

Dettagli

Il carcinoma della mammella può essere prevenuto?

Il carcinoma della mammella può essere prevenuto? Il carcinoma della mammella può essere prevenuto? A cura del Dr.G.Antonini Non esiste un modo sicuro per prevenire il cancro al seno. Ma ci sono cose che tutte le donne possono fare che potrebbero ridurre

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Che cos è un tumore? Il nostro corpo è costituito da cellule che, pur diverse tra loro per aspetto e funzioni, si riproducono, si riparano e muoiono secondo gli stessi processi

Dettagli

Rotary Club Bergamo Sud

Rotary Club Bergamo Sud STRUTTURA E LOCATION VITA DEL CLUB notizie e curiosità DISTRETTO 2042 GRUPPO OROBICO 1 EVENTI MANIFESTAZIONI ROTARY PAGINA 4 PAGINA 5-8 Paola Brambilla PAGINA 9-10 lettera della Rotary Fondation PAGINA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. OZZELLO FRANCA Data di nascita 23/03/1950. Amministrazione ASL TO 4. Dirigente ASL II fascia - RADIOTERAPIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. OZZELLO FRANCA Data di nascita 23/03/1950. Amministrazione ASL TO 4. Dirigente ASL II fascia - RADIOTERAPIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome OZZELLO FRANCA Data di nascita 23/03/1950 Qualifica II Fascia Amministrazione ASL TO 4 Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL II fascia - RADIOTERAPIA

Dettagli

SIAMO CIO CHE MANGIAMO Come l alimentazione può aiutarci a mantenerci in salute. Chiara Segré, PhD Giornata Nazionale della Previdenza 14 Maggio 2014

SIAMO CIO CHE MANGIAMO Come l alimentazione può aiutarci a mantenerci in salute. Chiara Segré, PhD Giornata Nazionale della Previdenza 14 Maggio 2014 SIAMO CIO CHE MANGIAMO Come l alimentazione può aiutarci a mantenerci in salute Chiara Segré, PhD Giornata Nazionale della Previdenza 14 Maggio 2014 L alimentazione è il più importante fattore ambientale

Dettagli

Affidabilità nella diagnostica

Affidabilità nella diagnostica Affidabilità nella diagnostica Passione per la ricerca Research & Innovation è un laboratorio di medicina molecolare che esegue test genetici avanzati al servizio dei medici e delle strutture di diagnosi

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Epidemiologia dei tumori A. Spitale

Epidemiologia dei tumori A. Spitale Epidemiologia dei tumori A. Spitale 03 aprile 2007 Che cos è l Epidemiologia? Kleinbaum et al. (1982): L Epidemiologia è la scienza che studia lo stato di salute o di malattia nelle popolazioni umane I

Dettagli

Liceo Classico Clemente Rebora

Liceo Classico Clemente Rebora Liceo Classico Clemente Rebora Rotary Rotary Club Bollate Nirone Rotary Club Rho Fiera Centenario Rotaract Visconteo 2011-2012 Che cosa è il Rotary? Il Rotary è la prima organizzazione di servizio del

Dettagli

La terapia del carcinoma mammario metastatico: ruolo delle antracicline

La terapia del carcinoma mammario metastatico: ruolo delle antracicline La terapia del carcinoma mammario metastatico: ruolo delle antracicline Hotel AC, 8 ottobre 2014 Razionale Il carcinoma della mammella rappresenta uno dei settori dell oncologia nel quale maggiori sono

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

PROGRAMMA DEL CLUB MESE DI DICEMBRE 2002

PROGRAMMA DEL CLUB MESE DI DICEMBRE 2002 DISTRETTO 2030 Anno 5 NUMERO 45 Dicembre 200 2 Gennaio 2003 PROGRAMMA DEL CLUB MESE DI DICEMBRE 2002 MERCOLEDI 4 Jolly Hotel Plaza ore 19,30 Assemblea dei Soci Parte ordinaria: -elezione del Consiglio

Dettagli

I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale

I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale Tutti voi conoscete il sito Distrettuale. Oggi esaminiamolo in maniera organica per capire

Dettagli

Fondamenti del Rotary

Fondamenti del Rotary Fondamenti del Rotary www.rotary.org/it/rotarybasics Come farsi coinvolgere nel Rotary Benvenuto al Rotary! Adesso fai parte di una rete globale di imprenditori, professionisti e volontari della comunità.

Dettagli

ASSOCIAZIONE SINAPSY Soluzioni e Servizi Integrati

ASSOCIAZIONE SINAPSY Soluzioni e Servizi Integrati ONCOLOGIA TORACICA: PROGRESSI, CRITICITÀ E PROSPETTIVE Num rif. Ecm 135427 Ed. 1 Crediti 5 Data: Sabato 17 ottobre 2015 Sede: Istituto Oncologico del Mediterraneo, Viagrande Catania Direttori del corso:

Dettagli

Profilo dei candidati Elezioni GISMa 2015 Reggio Emilia 7 maggio 2015

Profilo dei candidati Elezioni GISMa 2015 Reggio Emilia 7 maggio 2015 Profilo dei candidati Elezioni GISMa 2015 Reggio Emilia 7 maggio 2015 Presidenza Gianni Saguatti (Bologna) Ente di appartenenza: AUSL di Bologna Specializzazione: Radiologo Motivazione della candidatura:

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

FORUM DI APERTURA SANREMO 21 SETTEMBRE

FORUM DI APERTURA SANREMO 21 SETTEMBRE SANREMO 21 SETTEMBRE Ai Presidenti dei Rotaract Club Distretti 2031 e 2032 A tutti i Soci dei Rotaract Club Distretti 2031 e 2032 E, p.c.: Ai Rappresentanti Distrettuali Rotaract dei Distretti d Italia

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

ROTARY CLUB GOLFO DI GENOVA

ROTARY CLUB GOLFO DI GENOVA Notiziario dell'11 giugno 2010 Interclub Hotel Bristol Relazione del Dott. Fabio Franconieri e del Dott. Andrea Limone: Serata dedicata al Service Microcredito Resoconto dell'interclub Fabio Franconieri

Dettagli

Il Club. Direttivo A.R. 2014/2015. Presidente: Riccardo Lasagni Manghi. Vice Presidente: Guglielmo Del Sante. Segretario: Veronica Volpi

Il Club. Direttivo A.R. 2014/2015. Presidente: Riccardo Lasagni Manghi. Vice Presidente: Guglielmo Del Sante. Segretario: Veronica Volpi Club News Bollettino del mese di giugno 2014 Ai soci e aspiranti del Rotaract Club Reggio Emilia Al Presidente del Rotary Club Reggio Emilia Al Presidente della Commissione Progetti per i Giovani del Rotary

Dettagli

AMIANTO: LA MORTE IN POLVERE

AMIANTO: LA MORTE IN POLVERE AMIANTO: LA MORTE IN POLVERE Come difendersi da un serial killer ancora in libertà. Dr. Maurizio Grassi Centro Oncologico Ospedale Maggiore di Crema Crema il 24 Aprile 2009. COSA E L AMIANTO? Minerale

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

Cos'è il tumore al seno

Cos'è il tumore al seno Cos'è il tumore al seno Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. In realtà non è una ghiandola sola, ma un insieme di strutture

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO ONCOLOGIA 201/2014 I ANNO Corsi Integrati Moduli Tipologia Ambito SSD Docenti CFU CFU C.I. C.I. Genetica Medica Meccanismi genetici nello svilupppo delle neoplasie Diagnostico MED/0 D'alessandro E. C.I.

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

.E SE MI DEVO OPERARE?

.E SE MI DEVO OPERARE? Regione Lazio A cura di: U.O.C. Screening Oncologici dell ASL Roma C, via Monza2 U.O.C. Oncologia Medica Ospedale S. Eugenio.E SE MI DEVO OPERARE? Tel. 06.51008021 fax 06.51003771 email: screening.mammografico@aslrmc.it

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

Il Club. Direttivo A.R. 2014/2015. Presidente: Riccardo Lasagni Manghi. Vice Presidente: Guglielmo Del Sante. Segretario: Veronica Volpi

Il Club. Direttivo A.R. 2014/2015. Presidente: Riccardo Lasagni Manghi. Vice Presidente: Guglielmo Del Sante. Segretario: Veronica Volpi Club News Bollettino del mese di ottobre 2014 Ai soci e aspiranti del Rotaract Club Reggio Emilia Al Presidente del Rotary Club Reggio Emilia Al Presidente della Commissione Progetti per i Giovani del

Dettagli

L oro Liquido ALIMENTO FUNZIONALE:

L oro Liquido ALIMENTO FUNZIONALE: L oro Liquido Considerare l olio come un semplice condimento è sbagliato. L olio è a tutti gli effetti un Alimento ricco di sostanze benefiche per l organismo. ALIMENTO FUNZIONALE: Alimenti caratterizzati

Dettagli

Tumori del Seno un nemico da combattere

Tumori del Seno un nemico da combattere Tumori del Seno un nemico da combattere Associazione di Volontariato Il cielo oltre venere difesa e sostegno all ammalato oncologico Incidenza e fattori di rischio In Italia si ammalano di tumore al seno

Dettagli

Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study

Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study Dal 1988 lo Studio svizzero della coorte HIV è al servizio di persone affette da HIV/AIDS e in questo periodo ha accompagnato più di 18 500 persone.

Dettagli

Lettori: 661.000 Diffusione: 35.541. Dir. Resp.: Giuseppe De Tomaso. 16-DIC-2014 da pag. 16

Lettori: 661.000 Diffusione: 35.541. Dir. Resp.: Giuseppe De Tomaso. 16-DIC-2014 da pag. 16 Lettori: 661.000 Diffusione: 35.541 Dir. Resp.: Giuseppe De Tomaso 16-DIC-2014 da pag. 16 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. 16-DIC-2014 Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 18 Lettori: 2.848.000 Diffusione:

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori Venerdì 12 giugno 2009 ore 08.30 14.00 COMUNE DI ROMA Palazzo Senatorio- Aula Giulio Cesare P.zza del Campidoglio - Roma IL REGISTRO TUMORI ANIMALI:

Dettagli

PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE

PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE NEWS N. 73 - MARZO 2010 SOMMARIO 1 DALL EMERGENZA ALLO SCAMBIO, IL MOMENTO DELL AMICIZIA PRODUTTIVA HELP FOR CHILDREN PARMA organizza una manifestazione complessa e articolata imperniata su: - 1 mostra

Dettagli

Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori. Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano

Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori. Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano Danni al DNA e cancro Le cellule tumorali L importanza della stabilità

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO Autori: Renato Frezzotti, Mauro Barni Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana - 2006 CODICE DELLO STUDIO: TITOLO DELLO STUDIO: {{ Genetica

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso.

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso. Premessa La vitamina D è un gruppo di pro-ormoni liposolubili costituito da 5 diverse vitamine: vitamina D1, D2, D3, D4 e D5. Le due più importanti forme nella quale la vitamina D si può trovare sono la

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli