(The Third Industrial Revolution: How the Internet, Green Electricity, and 3-D Printing are Ushering in a Sustainable Era of Distributed Capitalism)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(The Third Industrial Revolution: How the Internet, Green Electricity, and 3-D Printing are Ushering in a Sustainable Era of Distributed Capitalism)"

Transcript

1 La Terza Rivoluzione Industriale: Come Internet, l Energia Elettrica Rinnovabile e la Stampa 3-D Stanno Determinando l Avvento di una Nuova Era Sostenibile di Capitalismo Distribuito (The Third Industrial Revolution: How the Internet, Green Electricity, and 3-D Printing are Ushering in a Sustainable Era of Distributed Capitalism) Di Jeremy Rifkin La nostra cultura industriale è giunta ad un bivio. Il petrolio e gli altri combustibili fossili, che costituiscono l industria, stanno giungendo al loro tramonto e le tecnologie attivate da queste forme di energia sono ormai antiquate. L intera infrastruttura industriale, plasmata sui combustibili fossili, sta divenendo obsoleta ed è in declino. Di conseguenza la disoccupazione sta raggiungendo livelli di guardia in tutto il mondo. I governi, le imprese e i consumatori si stanno indebitando e gli standard della qualità della vita si stanno abbassando ovunque. Ben un miliardo di persone - circa un essere umano su sette - patisce la fame. Peggio ancora, i cambiamenti climatici, dovuti all utilizzo di combustibili fossili per l industria, sono incipienti, mettendo in pericolo la capacità di sopravvivenza della nostra specie. Sin dall inizio della Grande Recessione nell estate del 2008, i governi, il mondo delle imprese e la società civile sono stati costretti a portare avanti un duro dibattito su come riattivare l economia globale. Le misure di austerità e le riforme fiscali, del lavoro e del mercato saranno sempre necessarie ma non sono sufficienti per far ripartire l economia. Vi riporto un aneddoto: pochi mesi dopo l insediamento della nuova cancelliera tedesca, Angela Merkel, fui invitato a Berlino per aiutare lei e la sua amministrazione ad affrontare la questione dei nuovi posti di lavoro e dell espansione dell economia tedesca nel ventunesimo secolo. Iniziai facendo una domanda alla cancelliera: Come si fa ad espandere l economia della Germania, dell UE o, per esempio, quella globale, nelle ultime fasi di una grande era energetica e una rivoluzione industriale costruita su essa? Diventa sempre più chiaro che la seconda rivoluzione industriale sta morendo e che le emissioni di CO2, prodotte dalle industrie, stanno minacciando la vita sulla terra. Ciò che ci serve ora è una nuova e coraggiosa narrativa economica che ci possa portare in un futuro sostenibile, post-combustili fossili. Per accettare una nuova visione, si richiede una comprensione degli aspetti tecnologici che hanno provocato profondi cambiamenti nella società. Diventa sempre più chiaro che la seconda rivoluzione industriale sta morendo. Ciò che ci serve ora è una nuova e coraggiosa narrativa economica che ci possa portare ad un futuro sostenibile, post-combustili fossili. Una Nuova Narrativa Economica Le grandi rivoluzioni economiche della storia avvengono quando le nuove tecnologie della comunicazione convergono con nuovi sistemi energetici. Nuove rivoluzioni energetiche permettono un commercio più esteso e integrato. Le conseguenti rivoluzioni nella comunicazione, gestiscono il complesso di attività commerciali grazie a nuovi flussi energetici. Nel 19 secolo, l economica tecnologia della stampa a vapore e l introduzione di scuole pubbliche fecero nascere una forza lavoro alfabetizzata, con doti comunicative adatte alla gestione di un incrementato flusso di attività commerciali, reso possibile grazie alla tecnologia a carbone e al vapore e provocando l avvento della prima rivoluzione industriale. Nel 20 secolo, impianti elettrici di comunicazione centralizzati - il telefono e successivamente la radio e la televisione - divennero il mezzo di comunicazione per gestire un era più dispersa e complessa,

2 basata sul petrolio, sulle auto, sull espansione dell area suburbana e sulla cultura del consumo di massa della seconda rivoluzione industriale. Oggi la tecnologia di internet e le risorse rinnovabili si stanno fondendo per creare una nuova infrastruttura per una terza rivoluzione industriale (TRI) che cambierà il modo di distribuire l energia nel 21 secolo. Nell era a venire, centinaia di milioni di persone produrranno la propria energia rinnovabile nelle loro case, uffici e fabbriche e condivideranno l energia elettrica verde, l una con l altra, per mezzo di una Internet dell energia proprio come ora generiamo e condividiamo informazioni online. La tecnologia di internet e le risorse rinnovabili si stanno fondendo per creare una nuova infrastruttura per una terza rivoluzione industriale (TRI) che cambierà il modo di distribuire l energia nel 21 secolo. La realizzazione di una infrastruttura per la terza rivoluzione industriale creerà migliaia di nuove imprese e milioni di posti di lavoro e porrà le basi per un economia globale sostenibile del 21 secolo. Permettetemi, tuttavia, un appunto a titolo precauzionale. Come ogni altra infrastruttura di comunicazione e di energia che si sono avute nella storia, i vari pilastri della terza rivoluzione industriale devono essere istituiti simultaneamente o le fondamenta non reggeranno. Questo perché ogni pilastro può svolgere la propria funzione solamente in relazione con gli altri. I cinque pilastri della terza rivoluzione industriale sono: (1) il passaggio a fonti di energia rinnovabile; (2) la trasformazione del patrimonio edilizio di ogni Paese in micro-centrali energetiche per la raccolta di energia rinnovabile sul posto; (3) l impiego dell idrogeno e altre tecnologie di stoccaggio in ogni edificio e infrastrutture per immagazzinare risorse energetiche a intermittenza; (4) l utilizzo della tecnologia di internet per trasformare la rete energetica di ogni Stato in una rete internet energetica che agisca come internet (quando milioni di edifici produrranno una piccola quantità di energia locale, sul posto, potranno rivendere il surplus di energia alla rete e condividere l elettricità con i loro vicini di continente); e (5) la transizione della flotta dei trasporti verso l adozione di veicoli elettrici a plug-in e a pila a combustibile che possano acquistare e vendere energia basandosi su una rete intelligente, interattiva e continentale. La creazione di un regime energetico rinnovabile, supportato dagli edifici, in parte immagazzinato sotto forma di idrogeno, distribuito attraverso una internet dell energia e connesso a un sistema di trasporto plug-in e a emissioni zero, apre la strada verso la terza rivoluzione industriale. L intero sistema è interattivo, integrato e uniforme. Quando questi cinque pilastri si uniranno, creeranno una piattaforma tecnologica indivisibile - un sistema emergente le cui proprietà e funzioni sono qualitativamente differenti rispetto alla somma delle parti. In altre parole, le sinergie tra i pilastri costituiranno un nuovo paradigma economico che trasformerà il mondo. Il finanziamento pubblico e privato delle infrastrutture della terza rivoluzione industriale realizzato in tutto il mondo sarà la priorità della comunità bancaria e finanziaria internazionale nella prima metà del 21 secolo. Il Passaggio al Potere Laterale La terza rivoluzione industriale è l'ultima delle grandi rivoluzioni industriali e fisserà le fondamenta delle infrastrutture per una emergente età collaborativa. Il suo completamento sarà il segnale della fine di una saga commerciale bicentenaria caratterizzata da una mentalità industriale, mercati imprenditoriali, forza lavoro di massa e l inizio di una nuova era contraddistinta da un comportamento collaborativo, network sociali e forze lavoro professionali e tecniche. Nella prima metà del secolo a venire, le convenzionali e accentrate e operazioni imprenditoriali della prima e della seconda rivoluzione industriale verranno sempre più assorbite da pratiche imprenditoriali

3 distribuite della terza rivoluzione industriale; e la tradizionale organizzazione gerarchica del potere politico ed economico lascerà spazio a un potere laterale organizzato in punti diffusi nella società. Il potere laterale è una nuova forza nel mondo. Steve Jobs e gli altri innovatori della sua generazione ci hanno distolto da costosi e accentrati mainframe, posseduti e controllati da un esiguo numero di imprese multinazionali, per portarci economici computer e telefoni cellulari, permettendo a miliardi di persone di entrare in contatto tra di loro con network peer-to-peer negli spazi sociali di internet. La democratizzazione delle comunicazioni ha fatto si che quasi un terzo della popolazione del mondo potesse condividere musica, sapere, notizie e vita sociale su un campo aperto e attivo, segnando uno dei grandi progressi nella storia della nostra specie. Tuttavia, pur essendo un traguardo impressionante, è solo metà della storia. Le nuove industrie a energia rinnovabile stanno migliorando le prestazioni e diminuendo i costi a un ritmo accelerato. E proprio mentre le generazioni e la distribuzione di informazioni stanno divenendo praticamente libere, anche le risorse rinnovabili saranno tali. Il sole, il vento, le biomasse, la geotermia e l energia idrica sono disponibili per tutti e, come l informazione, non si esauriranno mai. Quando le comunicazioni internet gestiscono energia rinnovabile, ogni essere vivente sulla terra diventa la propria risorsa energetica, nella teoria e nella pratica. Miliardi di esseri umani, condividendo la propria energia rinnovabile lateralmente con una internet dell energia verde e continentale, creano le fondamenta per la democratizzazione di un economia globale e una società più equa. Capitalismo Distribuito I regimi energetici plasmano la natura delle civilizzazioni - il modo in cui sono organizzate, come i prodotti del commercio e degli scambi sono distribuiti, come si esercita il potere politico e come sono condotti i rapporti sociali. La natura distributiva delle risorse energetiche rinnovabili necessita la collaborazione piuttosto che una gestione gerarchica del comando e del controllo dei meccanismi. Questo nuovo regime energetico laterale stabilisce un modello organizzativo per innumerevoli attività economiche. Per capire come l infrastruttura della terza rivoluzione industriale muterà drasticamente la distribuzione del potere economico nel ventunesimo secolo, sarebbe utile fare un passo indietro e esaminare il modo in cui la prima e la seconda rivoluzione industriale, basate su combustibili fossili, riordinarono i rapporti di potere nel diciannovesimo e nel ventunesimo secolo. I combustibili fossili - carbone, petrolio e gas naturali - sono energie elitarie per la semplice ragione che sono presenti in poche aree. Esse richiedono ingenti investimenti militari e geopolitici per assicurarne la disponibilità. L abilità di accentrare la produzione e la distribuzione - l essenza del capitalismo moderno - è decisiva per una efficace prestazione dell intero sistema. L infrastruttura accentrata dell energia, in cambio, pone in essere le condizioni per il resto dell economia, incoraggiando modelli imprenditoriali simili in ogni settore. Praticamente tutte le altre industrie che sono sorte a seguito della cultura del petrolio - finanza moderna, telecomunicazioni, industria automobilistica, potere e utilità e costruzioni commerciali - e che aprono i rubinetti al consumo di combustibili fossili erano similmente predisposte ad essere estese in modo da realizzare le proprie economie di scala. E, come l industria petrolifera, richiedono enormi quantità di capitale per operare e sono organizzate con uno schema accentrato. Tre delle quattro maggiori imprese al mondo sono industrie petrolifere - Royal Dutch Shell, Exxon Mobil e BP. Alle dipendenze di questi giganti dell energia, vi sono circa cinquecento

4 multinazionali che rappresentano ogni settore e industria - con un fatturato annuo di miliardi di dollari, che è l equivalente di un terzo del PIL mondiale che si attesta attorno i miliardi di dollari - e che sono interconnesse tra loro e dipendono da combustibili fossili per la loro sopravvivenza. L emergente terza rivoluzione industriale, di contro, è basata su energie rinnovabili distribuite, reperibili ovunque e, per la maggior parte, gratuite - il sole, il vento, l energia idrica, la geotermia, le biomasse, il moto ondoso e le maree oceanici. Queste energie disperse saranno raccolte da milioni di siti localizzati, accatastate insieme e condivise con altri su una piattaforma internet di energia elettrica rinnovabile e continentale, per ottenere livelli di energia ottimali e mantenere un economia dalle alte prestazioni e sostenibile. La natura distributiva delle risorse energetiche rinnovabili necessita la collaborazione piuttosto che una gestione gerarchica del comando e del controllo dei meccanismi. Questo nuovo regime energetico laterale stabilisce un modello organizzativo per innumerevoli attività economiche. Una rivoluzione industriale più distribuita e collaborativa, in cambio, porterà inevitabilmente a una condivisione ridistribuita del benessere prodotto. I costi impressionanti per possedere e gestire imprese telefoniche, radiofoniche e le tecnologie di telecomunicazione e centrali nucleari o basate su combustibili fossili nei mercati, sta facendo sì che si realizzi un capitalismo distribuito, nel quale i bassi costi di entrata nei network laterali rendono possibile praticamente per tutti l ingresso nel mondo imprenditoriale e di collaborazione, creando e condividendo informazioni e energia su piattaforme comuni. Si è assistito alla fondazione di Google, Facebook e altri network di comunicazione globali e migliaia di piccole imprese convertite in micro-centrali elettriche verdi - connesse l una con l altra tramite network elettrici regionali - da parte di venti o più giovani, letteralmente nelle stanze dei loro dormitori. Ciò che sto descrivendo è un cambio fondamentale nel modo in cui il capitalismo funziona e si sta sviluppando all interno dell economia, mutando il comportamento delle imprese nella conduzione delle proprie attività. La flessione dei costi di transazione nel mondo della discografia e dell editoria, con l emergenza della condivisione di file musicali, ebooks e news blogs, sta creando scompiglio in queste imprese tradizionali. Possiamo aspettarci un simile impatto distruttivo nella riduzione dei costi di transazione per l energia rinnovabile, che permetterà a produttori, imprese di servizi e dettaglianti di produrre e condividere beni servizi in network molto vasti con un ridotto impiego di capitali di finanziamento. La Democratizzazione della Produzione Per esempio, prendiamo in considerazione la produzione. Niente è più suggestivo dello stile di vita industriale di giganti e accentrate fabbriche altamente capitalizzate, dotate di macchinari pesanti e gestiti da operai dal colletto blu, che realizzano prodotti di massa su catene di montaggio. Come sarebbe se milioni di persone potessero produrre lotti o semplicemente manufatti nelle proprie case o imprese, economicamente, più velocemente e con lo stesso controllo qualità delle fabbriche più all avanguardia del mondo? Mentre l economia TRI permetterà a milioni di persone di produrre la propria informazione ed energia virtuale, una nuova rivoluzione di produzione digitale darà la possibilità di fare lo stesso con la produzione di beni duraturi. In questa nuova era tutti potranno essere produttori, possedere il proprio sito internet e la propria centrale di energia. Il processo si chiama stampa 3-D e parrebbe fantascientifico ma si sta già sviluppando e promette un cambiamento nel modo di interpretare la produzione industriale. Immaginate di premere un pulsante sul vostro computer e di inviare un file digitale ad una stampante a inchiostro, solo che, con la stampa 3-D, la macchina sfornerà un prodotto in tridimensionale anziché mono. Con l utilizzo del design digitale, il software dirigerà la stampante 3-D nella realizzazione di strati in sequenza del prodotto con polveri, plastica fusa o metalli per creare la struttura. La stampante 3-D può riprodurre più copie proprio come una

5 fotocopiatrice. Qualsiasi tipo di bene, dalla gioielleria al telefono cellulare, componenti di automobili o aeroplani, impianti medicali e batterie, viene stampato in quello che viene chiamata produzione additiva, distinguendola dalla produzione sottrattiva, che implica la separazione dei componenti per poi ricomporli tra loro. In questa nuova era tutti potranno essere produttori, possedere il proprio sito internet e la propria centrale di energia. Il processo si chiama stampa 3-D Gli imprenditori 3-D sono alquanto fiduciosi della produzione additiva, perché il processo richiede meno del 10% delle materie prime impiegate nella produzione tradizionale e utilizza meno energia rispetto alla convenzionale produzione in fabbrica, riducendo sensibilmente i costi. Nello stesso modo in cui internet ridusse drasticamente i costi d ingresso, generando e disseminando informazione e dando la luce a imprese come Google e Facebook, la produzione additiva ha il grande potenziale di contenere i costi di produzione di beni duraturi, rendendo i costi di ingresso abbastanza bassi da incentivare centinaia di migliaia di mini-produttori - piccole e medie imprese (SME) - e farli competere e potenzialmente battere i giganti delle imprese di produzione che erano al centro dell economia della prima e seconda rivoluzione industriale. Una grande quantità di imprese start-up stanno facendo il proprio ingresso nel mercato della stampa 3-D con denominazioni quali Within Technologies, Digital Forming, Shape Ways, Rapid Quality Manufacturing, Stratasys, Bespoke Innovations, 3D Systems, MakerBot Industries, Freedom of Creation, LGM e Contour Crafting; esse sono determinate a reinventare l idea stessa di produzione nell era della terza rivoluzione industriale. L energia risparmiata in ogni fase del processo di produzione digitale, dalla riduzione dei materiali utilizzati al minor consumo di energia nella produzione, quando applicata all interno dell economia globale, si aggiunge a un incremento qualitativo dell efficienza energetica oltre qualsiasi aspettativa che si poteva avere durante la prima e la seconda rivoluzione industriale. Quando l energia utilizzata per il processo produttivo è rinnovabile e generata sul posto, l impatto di una terza rivoluzione industriale laterale diviene particolarmente evidente. Dal momento che l 84% dei ricavi della produttività nell industria e nelle imprese di servizi è attribuibile all aumentata efficienza della termodinamica - solo il 14% dei ricavi della produttività è il prodotto di investimenti di capitale per ogni lavoratore - iniziamo a comprendere il significato dell enorme incremento di produttività che accompagnerà la terza rivoluzione industriale e ciò che significherà per la società. Costo di Marketing e Logistica Pressoché Zero La democratizzazione della produzione sarà accompagnata dal crollo dei costi di marketing. Poiché la natura centralizzata delle tecnologie di comunicazione della prima e della seconda rivoluzione industriale - quotidiani, riviste, radio e televisione - i costi del marketing erano elevati e avvantaggiavano le grandi imprese che potevano permettersi un sostanzioso investimento nella promozione dei propri prodotti e servizi. Internet ha trasformato il marketing da una spesa consistente a un costo irrisorio, permettendo alle start-up e alle piccole e medie imprese di promuovere i loro prodotti e servizi su siti internet che si diffondono su spazi virtuali, facilitando la competizione e persino farle battere le grandi imprese del 21 secolo. Prendete in considerazione Etsy, una piccolissima impresa web di start-up che è decollata negli ultimi sette anni. Etsy fu fondata da un giovane laureato dell Università di New York, Rob Kalin, che produceva mobili nel suo appartamento. Frustrato perché non poteva entrare in contatto con potenziali acquirenti interessati all acquisto di mobili artigianali, Kalin e alcuni suoi amici crearono un sito internet che diede la possibilità a artigiani di tutto il mondo, che lavorassero in proprio, di entrare in contatto con potenziali clienti. Il sito divenne uno showroom virtuale, dove

6 milioni di clienti e migliaia di venditori da più di cinquanta Paesi possono contattarsi, dando una nuova vita all artigianato - un arte che era pressoché scomparsa con l avvento del capitalismo industriale. Mettere in contatto una moltitudine di venditori e acquirenti tramite spazi virtuali è praticamente gratuito. Rimpiazzando gli intermediari - dai grossisti ai dettaglianti - con un network virtuale e distribuito di compratori e venditori, eliminando i costi di transazione che incrementano ad ogni passaggio, Etsy ha creato un nuovo bazar per l artigianato globale, che si sviluppa lateralmente piuttosto che gerarchicamente, e con un approccio collaborativo piuttosto che topdown per la vendita dei beni. Internet ha trasformato il marketing da una spesa consistente a un costo irrisorio, permettendo alle start-up e piccole e medie imprese di promuovere i loro prodotti e servizi su siti internet che si diffondono su spazi virtuali, facilitando la competizione e persino farle battere le grandi imprese del 21 secolo. Etsy porta ad un altra dimensione il mercato - la personalizzazione delle interazioni tra compratori e venditori - il sito web supporta chat room, coordina dimostrazioni online e conduce seminari, permettendo ai venditori di interagire, scambiare idee, personalizzare i prodotti e creare legami sociali duraturi. I prodotti standardizzati, creati su catene di montaggio attivate da un anonima forza lavoro, delle grandi multinazionali, non possono competere con queste interazioni personali tra artigiani e committenti. Malgrado sia ancora agli albori, Etsy è un impresa in rapida espansione. Nel 2011, le vendite di Etsy raggiunsero quasi $500 milioni. In una recente conversazione, Kalin mi spiegò che la sua missione consiste nell aiutare a diffondere una consapevolezza empatica nell arena dell economia globale e fissare le fondamenta per una società più coinvolgente. La sua visione di connettere milioni di economie locali attive, che creeranno nuovamente un senso di comunità nell economia, è l essenza del modello per la terza rivoluzione industriale. Etsy è l unica tra le centinaia di imprese internet multinazionali che sta mettendo in contatto produttori e consumatori in mercati virtuali e, contemporaneamente, democratizzando i costi di mercato nell economia globale. Con l espansione a livello mondiale della tecnologia 3-D - rimanendo in loco - la produzione personalizzata ridurrà anche i costi di logistica, con la possibilità di enormi risparmi energetici. Il costo del trasporto dei prodotti crollerà nei decenni a venire perché una crescente varietà di beni sarà prodotta localmente in migliaia di micro-fabbriche e trasportate regionalmente da autoarticolati spinti da energia elettrica pulita e idrogeno prodotti in ambito locale. La crescita laterale della terza rivoluzione industriale permette alle piccole e medie imprese di prosperare. Tuttavia, le multinazionali non scompariranno. Piuttosto, compiranno una metamorfosi, passando da produttori e distributori primari a aggreganti. Nella nuova era economica, il loro ruolo sarà quello di coordinare e gestire la molteplicità di network che muovono il commercio e lo scambio su una catena di valori. Nuovi Modelli d Impresa e Posti di Lavoro nel 21 Secolo La Germania sta aprendo la strada per l ingresso della nuova era economica. Il Governo Federale si è associato con sei regioni tedesche per sperimentare l introduzione di una internet dell energia che permetterà a decine di migliaia di imprese tedesche e milioni di proprietari di immobili, di recuperare energia rinnovabile sul posto, immagazzinarle sotto forma di idrogeno e condividere elettricità pulita in tutta la Germania con una intelligente piattaforma energetica internet. Intere comunità stanno trasformando i loro edifici commerciali e residenziali in micro-centrali verdi. Attualmente, in Germania più di 1 milione di edifici sono stati convertiti in parziali micro-centrali. Imprese come Siemens, Bosch e Daimler stanno creando nuovi e sofisticati software di tecnologia

7 informatica, hardware, elettrodomestici e veicoli che si uniranno alla comunicazione internet distribuita e all energia distribuita, per creare edifici intelligenti, infrastrutture e mobilità ecologica per le città del futuro. La transizione verso la terza rivoluzione industriale richiederà una riconfigurazione dell intera infrastruttura economica all ingrosso di ogni Paese, creando milioni di posti di lavoro e innumerevoli beni e servizi. La transizione verso la terza rivoluzione industriale richiederà una riconfigurazione dell intera infrastruttura economica all ingrosso di ogni Paese, creando milioni di posti di lavoro e innumerevoli beni e servizi. Le nazioni dovranno effettuare investimenti nelle tecnologie rinnovabili su grande scala; convertire milioni di edifici in micro-centrali; inserire tecnologie di stoccaggio di idrogeno nelle infrastrutture nazionali; sviluppare una internet dell energia e trasformare le automobili con motori a combustione interna in veicoli elettrici a pile plug-in. Il rifacimento delle infrastrutture di ogni nazione e l ammodernamento delle industrie richiederà un importante formazione dei lavoratori su una scala paragonabile all addestramento professionale avutosi con l avvento della prima rivoluzione industriale. La nuova forza lavoro hitech della terza rivoluzione industriale dovrà essere esperta nelle tecnologie di energie rinnovabili, costruzioni eco-sostenibili, nella tecnologia dell informazione incorporata nella programmazione di computer, nanotecnologia, chimica sostenibile, sviluppo di pile a combustibile, gestione delle centrali energetiche, trasporto ibrido e a idrogeno e centinaia di altri campi tecnici. Imprenditori e amministratori dovranno essere aggiornati sui vantaggi dei più recenti modelli d impresa, includendo strategie di ricerca e sviluppo distribuiti e collaborativi, commercio open source e in rete, una logistica sostenibile a basse emissioni e la gestione della offerta. I livelli di capacità e gli stili di gestione della terza rivoluzione industriale saranno qualitativamente diversi da quelli della forza lavoro risalenti alla prima e seconda rivoluzione industriale. Lo sviluppo in senso laterale della terza rivoluzione industriale provoca lo spostamento del fulcro del potere economico da imprese multinazionali accentrate a network di piccole e medie imprese distribuite. Il rapido calo dei costi di transazione che porterà la terza rivoluzione industriale sta portando verso la democratizzazione l informazione, l energia, la produzione, il marketing, la logistica e sta facendo strada ad una nuova era di capitalismo distribuito che probabilmente cambierà il nostro modo di interpretare il commercio. La terza rivoluzione industriale offre la speranza di poter arrivare ad una era sostenibile e post-combustibili fossili entro mezzo secolo. Abbiamo la ricerca scientifica, tecnologica e un piano per per poterla attuare. Ora è questione di capire se coglieremo le opportunità economiche che si prospettano e avere la forza di volontà necessaria per sfruttarle in tempo. Note sull autore Jeremy Rifkin è autore del best seller del New York Times La Terza Rivoluzione Industriale: Come il Potere Laterale Sta Trasformando l Energia, l Economia e il Mondo. E consigliere dell Unione Europea e di vari capi di stato del mondo. E Senior Lecturer del Wharton School s Executive Education Program dell Università della Pennsylvania e presidente della Foundation on Economic Trends in Washington, D.C.

Abbiamo avuto l occasione di parlare recentemente della Terza Rivoluzione Industriale con Jeremy.

Abbiamo avuto l occasione di parlare recentemente della Terza Rivoluzione Industriale con Jeremy. Forbes La Terza Rivoluzione Industriale di Jeremy Rifkin (Jeremy Rifkin's Third Industrial Revolution) di Terry Waghorn Economista e noto ambientalista, Jeremy Rifkin è Senior Lecturer del Wharton School

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK Per la Diffusione Immediata: 21/1/2016 Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

ENERGIA e CLIMA fonti, usi ed emissioni. ENERGIA ELETTRICA di LUCA TARTARI

ENERGIA e CLIMA fonti, usi ed emissioni. ENERGIA ELETTRICA di LUCA TARTARI ENERGIA e CLIMA fonti, usi ed emissioni. ENERGIA ELETTRICA di LUCA TARTARI -INDICE- La presentazione è così composta: L energia elettrica Fonti e produzione Utilizzi e applicazioni Rendimento energetico

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città

Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città Paolo D Ermo - WEC Italia Energy Studies and Analysis Manager Ambiente e Società, 31 maggio 2011 World Energy Council

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

www.solarworld-italia.com

www.solarworld-italia.com www.solarworld-italia.com >>NON HO PIÙ NIENTE A CHE FARE CON LE FONTI FOSSILI.

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Il seguente report è stato realizzato da Physeon, sintetizzando i rapporti cinesi che ci sono pervenuti in lingua inglese ed è da considerarsi

Dettagli

PICCOLA? MEDIA? GRANDE!

PICCOLA? MEDIA? GRANDE! PICCOLA? MEDIA? GRANDE! UNA NUOVA REALTÀ PER LE IMPRESE Il mondo odierno è sempre più guidato dall innovazione, dall importanza delle nuove idee e dallo spirito di iniziativa richiesti dalla moltitudine

Dettagli

GUIDA. Consorzio. Napoli 2000. Energia

GUIDA. Consorzio. Napoli 2000. Energia Consorzio Energia Napoli 2000 GUIDA CONSORZIO ENERGIA UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI PIAZZA DEI MARTIRI, 58 80121 NAPOLI AMMINISTRATORE UNICO DR. GABRIELE ARIOLA SEGRETARIO RESPONSABILE

Dettagli

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Decreto Legislativo 30 maggio 2005, n. 128 Attuazione della direttiva 2003/30/CE relativa alla

Dettagli

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Piano energetico-ambientale provinciale 2013/2020 11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Provincia autonoma di Trento 1,4% 1,4% 1,4% 0,8% 0,8% 125 Provincia autonoma di Trento Piano energetico-ambientale

Dettagli

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI E NON RINNOVABILI La Forza Della Natura Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica

Dettagli

L Intervista. Il veicolo del futuro. Il punto di vista di Micro-Vett. con Gaetano Di Gioia. a cura di Patrizia Mantovani

L Intervista. Il veicolo del futuro. Il punto di vista di Micro-Vett. con Gaetano Di Gioia. a cura di Patrizia Mantovani L Intervista Il veicolo del futuro Il punto di vista di Micro-Vett con Gaetano Di Gioia a cura di Patrizia Mantovani Veicolo elettrico e mobilità ad impatto zero sono ormai divenuti termini di uso quasi

Dettagli

UN PIANO B PER L ITALIA

UN PIANO B PER L ITALIA UN PIANO B PER L ITALIA Toni Federico Bomarzo 25 Aprile 2009 www.fondazionesvilupposostenibile.org LIVELLI DI POVERTA PROIEZIONE DEI LIVELLI DI POVERTA AL 2015 POPOLAZIONE MONDIALE AI DIVERSI LIVELLI DI

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Kyoto Club e la formazione per la green economy. di Patricia Ferro

Kyoto Club e la formazione per la green economy. di Patricia Ferro Kyoto Club e la formazione per la green economy di Patricia Ferro Presentazione E un organizzazione non profit di più di 230 imprese, enti, associazioni e amministrazioni locali, impegnati nel raggiungimento

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

WiseImage: il target. Questo documento si propone di fornire un indicazione di quali siano i clienti ai quali si rivolge la soluzione WiseImage

WiseImage: il target. Questo documento si propone di fornire un indicazione di quali siano i clienti ai quali si rivolge la soluzione WiseImage WiseImage: il target Questo documento si propone di fornire un indicazione di quali siano i clienti ai quali si rivolge la soluzione WiseImage WiseImage: il target Il target Il recupero dei disegni tecnici

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA?

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? Il vertice sul clima a Bruxelles in data 8 marzo 2007 ha impegnato i capi di Stato e di governo dei Ventisette dell Unione Europea. Gli obiettivi del vertice sono

Dettagli

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua CONTENUTO Conosciamo CONOSCIAMO IL VOSTRO SETTORE Conosciamo Nell ultimo decennio il settore dell energia solare ha registrato una crescita senza

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro.

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Reti intelligenti Reti intelligenti Generalità Una rete elettrica intelligente è in grado di integrare le azioni di tutti gli attori connessi, produttori

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

Idrogeno: un carburante per il futuro

Idrogeno: un carburante per il futuro 26 Novembre 2008 Idrogeno: un carburante per il futuro Supporto energetico sostenibile per la mobilità futura Il potenziale necessario per ridurre di oltre il 50% entro il 2050 le emissioni di CO 2 sulle

Dettagli

Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia

Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia E.ON Connecting Energies Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia Volete ridurre i costi energetici della vostra azienda? Avete obiettivi ambientali ambiziosi? La sicurezza

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Sergio Marini (Presidente Coldiretti)

Sergio Marini (Presidente Coldiretti) Venezia, 17 aprile 2008 Forum Internazionale DOMANI ENERGIA Quarta edizione Sergio Marini (Presidente Coldiretti) 1 Coldiretti ha affrontato la questione energetica partendo da quei fenomeni che destano

Dettagli

Una scelta logica: riscaldare con la legna.

Una scelta logica: riscaldare con la legna. Una scelta logica: riscaldare con la legna. Bosco curato. Calore piacevole. Clima sano. Riscaldare con la legna: un ciclo naturale senza spreco di risorse. Sappiamo tutti a cosa deve mirare una politica

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

IL MADE IN ITALY ABITA IL FUTURO IL LEGNO ARREDO VERSO L ECONOMIA CIRCOLARE : IL RAPPORTO DI FONDAZIONE SYMBOLA E FEDERLEGNOARREDO

IL MADE IN ITALY ABITA IL FUTURO IL LEGNO ARREDO VERSO L ECONOMIA CIRCOLARE : IL RAPPORTO DI FONDAZIONE SYMBOLA E FEDERLEGNOARREDO IL MADE IN ITALY ABITA IL FUTURO IL LEGNO ARREDO VERSO L ECONOMIA CIRCOLARE : IL RAPPORTO DI FONDAZIONE SYMBOLA E FEDERLEGNOARREDO Il Legno Arredo italiano il più efficiente e sostenibile in Europa: consumiamo

Dettagli

RetiPiù. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia.

RetiPiù. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia. Chi siamo 01 Progettiamo, costruiamo e gestiamo reti gas ed elettricità per portare energia sicura in case, imprese e istituzioni. Dietro

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

il nuovo modo di concepire il business B.Core Business www.bcorebusiness.com info@bcorebusiness.com

il nuovo modo di concepire il business B.Core Business www.bcorebusiness.com info@bcorebusiness.com il nuovo modo di concepire il business Una Struttura Globale per la crescita della tua Azienda B.Core sei tu! Il tuo Business in pochi passi B.Core è un associazione in continua evoluzione, completamente

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

Scheda 6 «Smart City» SMART MOBILITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 6 «Smart City» SMART MOBILITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 6 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento La mobilità è una determinante dello sviluppo e sta diventando una parte fondamentale della vita sociale ed economica. Le società sono sempre

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI EDUCAZIONE ECNICA Centro Territoriale Permanente per l Istruzione e la Formazione

Dettagli

Alfonso Iozzo CENTRO STUDI SUL FEDERALISMO. Per un piano europeo di sviluppo sostenibile

Alfonso Iozzo CENTRO STUDI SUL FEDERALISMO. Per un piano europeo di sviluppo sostenibile Alfonso Iozzo Per un piano europeo di sviluppo sostenibile Ottobre discussion 2011 paper 02 Abstract In un contesto globale in profonda evoluzione, con il nuovo protagonismo dei Paesi emergenti, l Unione

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

COMPANY PROFILE ENTRA IN MONDO ENERGETICO. TUTTA UN ALTRA ENERGIA.

COMPANY PROFILE ENTRA IN MONDO ENERGETICO. TUTTA UN ALTRA ENERGIA. COMPANY PROFILE ENTRA IN MONDO ENERGETICO. TUTTA UN ALTRA ENERGIA. QUANDO NON C È ENERGIA NON C È COLORE, NON C È FORMA, NON C È VITA. (CARAVAGGIO) 3 MONDO ENERGETICO. MONDO ENERGETICO OFFRE SISTEMI INTEGRATI

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura Dipartimento di Tecnologia e Design Pierluigi Spadolini Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Programma

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni.

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni. Bando StartUp Risorse investite 30 milioni - Linea 1 Big data: 8 milioni - Linea 2 Cultura ad impatto aumentato: 14 milioni - Linea 3 Social Innovation Cluster: 7 milioni - Linea 4 Contamination Labs:

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

Servizi per l ambiente

Servizi per l ambiente F Servizi per l ambiente Sono diversi i servizi che si stanno sviluppando a supporto di un cambiamento organizzativo delle aziende e del modo di produrre, anche in questo caso nel segno di un minore impatto

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3:

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3: Le fonti pulite e rinnovabili Rispetto alla difficoltà che presenta oggi il ricorso all energia nucleare e ai combustibili fossili, le fonti rinnovabili, pur partendo da contributi assai modesti al fabbisogno

Dettagli

Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica

Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica La certificazione energetica, oggi, è tra i documenti più importanti e tra quelli obbligatori nel mercato immobiliare. Cosa bisogna sapere?

Dettagli

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA -

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA - Camera dei Deputati IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Indagine conoscitiva sull assetto e sulle prospettive delle nuove reti del sistema delle comunicazioni elettroniche AUDIZIONE DI

Dettagli

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide Laura Scichilone Dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell unità europea CRIE-Centro di eccellenza Jean

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Web Communication Strategies

Web Communication Strategies Web Communication Strategies The internet is becoming the town square for the global village of tomorrow. Bill Gates 1 ottobre 2013 Camera di Commercio di Torino Barbara Monacelli barbara.monacelli@polito.it

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto

Il Protocollo di Kyoto Il Protocollo di Kyoto Con il Protocollo di Kyoto i paesi industrializzati si impegnano a ridurre, durante il primo periodo di applicazione, 2008-2012, il totale delle emissioni di sei gas ad effetto serra,

Dettagli

D.B.S. PROGETTI I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE

D.B.S. PROGETTI I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE Integrare pompa di calore ad aria e caldaia in un unico sistema di riscaldamento può portare a drastiche riduzioni dei consumi di energia primaria. Un sistema di controllo

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Il 2014 sarà l anno della pompa di calore? 2014 riscaldamento pompa di calor clienti tariffa dedicata risparmiare tariffazione calcolo

Il 2014 sarà l anno della pompa di calore? 2014 riscaldamento pompa di calor clienti tariffa dedicata risparmiare tariffazione calcolo Il 2014 sarà l anno della pompa di calore? di Maghdi Abo Abia - 12/01/2014 - L'Autorità per l'energia elettrica ed il gas ha dato il via libera ad una tariffa sperimentale studiata per questi sistemi con

Dettagli

L azienda di fronte all e-business

L azienda di fronte all e-business L azienda di fronte all e-business Opportunità per le imprese Il cambiamento portato dalla Rete produce opportunità e benefici: ma l ottenimento dei risultati positivi è frutto di una revisione degli stili

Dettagli

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME PIANO 20 20 20 Si tratta dell insieme delle MISURE pensate dalla UE per il periodo successivo al termine del Protocollo

Dettagli

Esperienza della Rete delle Scuole di Spoleto per Educarsi al Futuro

Esperienza della Rete delle Scuole di Spoleto per Educarsi al Futuro Esperienza della Rete delle Scuole di Spoleto per Educarsi al Futuro Seminario ENIS Italia 5-6-7 aprile 2006, Villa Lucidi Monte Porzio Catone (Roma) Maria Blasini Giovanni Andreani Scuola ENIS Dante Alighieri

Dettagli

YOU ARE WHAT YOU CURATE COS E LA CONTENT CURATION E COME APPLICARLA

YOU ARE WHAT YOU CURATE COS E LA CONTENT CURATION E COME APPLICARLA YOU ARE WHAT YOU CURATE COS E LA CONTENT CURATION E COME APPLICARLA YOU ARE WHAT YOU CURATE INTRODUZIONE DEFINIZIONE: COS E LA CONTENT CURATION? PERCHE FARNE USO IL CONTENT CURATOR COME NON FARE CONTENT

Dettagli

Mobilità sostenibile e Trazione elettrica. Relatore Ing. Antonio Del Sole

Mobilità sostenibile e Trazione elettrica. Relatore Ing. Antonio Del Sole Mobilità sostenibile e Trazione elettrica Relatore Ing. Antonio Del Sole Mobilità: esigenza dell uomo Per sopravvivere gli esseri umani hanno dovuto, da sempre, essere disponibili alla mobilità Questo

Dettagli

Nuvola digitale. Quanto è pulita?

Nuvola digitale. Quanto è pulita? Nuvola digitale. Quanto è pulita? Presentazione del rapporto di Greenpeace International How clean is your cloud? La nuvola e noi Facebook, Amazon, Apple, Microsoft, Google, Yahoo! e altri nomi, magari

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

WEBBOOK MONDO DEL WEB TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL

WEBBOOK MONDO DEL WEB TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL WEBBOOK TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL MONDO DEL WEB Uno Smart Book per imprenditori che non hanno tempo da perdere e vogliono arrivare al sodo! PREMESSA Tutto sta cambiando nel

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Servizi e incentivi per le imprese. Paola Carbone 29 ottobre 2010

Servizi e incentivi per le imprese. Paola Carbone 29 ottobre 2010 Servizi e incentivi per le imprese Paola Carbone 29 ottobre 2010 LE POLITICHE PER L ENERGIA RAFFORZARE binomio politiche energetiche e sviluppo economico sostenibile OBIETTIVI Ridurre i costi della bolletta

Dettagli

Poste Italiane: la creazione di un modello di trasporto sostenibile nel settore del recapito della corrispondenza

Poste Italiane: la creazione di un modello di trasporto sostenibile nel settore del recapito della corrispondenza Poste Italiane: la creazione di un modello di trasporto sostenibile nel settore del recapito della corrispondenza Fabrizio Iovino Responsabile Gestione e Coordinamento Sicurezza sul Lavoro di Poste Italiane

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Ritorno all'energia nucleare. Una scelta sbagliata per l'italia

Ritorno all'energia nucleare. Una scelta sbagliata per l'italia Ritorno all'energia nucleare Una scelta sbagliata per l'italia Il nuovo governo di centrodestra sta promuovendo un ritorno all'energia nucleare. Perché mai? Ridurre la dipendenza energetica dall'estero

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L.

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. È LA SOCIETÀ DEL GRUPPO ESTRA CHE DA ANNI OPERA NEL SETTORE DEL RISPARMIO ENERGETICO, VANTANDO UNA LUNGA ESPERIENZA E NUMEROSE COMMITTENZE PUBBLICHE E PRIVATE. Il core business

Dettagli

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA Che ruolo ha l energia nel processo di integrazione europea? L energia è il motore dell Europa. Il benessere di persone, industrie ed economia dipende da un energia

Dettagli

La rivoluzione verde: nasce Green Utility

La rivoluzione verde: nasce Green Utility La rivoluzione verde: nasce Green Utility Il 9 Marzo 2007, la Commissione Europea ha stabilito come obiettivo europeo vincolante sul piano politico che le energie rinnovabili raggiungano il 20% della produzione

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

Le azioni di Enel per la sostenibilità energetica

Le azioni di Enel per la sostenibilità energetica Le azioni di Enel per la sostenibilità energetica Franco Donatini Resp. Rinnovabili Politiche di Ricerca e Sviluppo Enel I&I S.p.A Ravenna, 1 ottobre 2010 Il problema epocale La sfida del cambio climatico

Dettagli

Il fenomeno della geolocalizzazione. Ugo Benini

Il fenomeno della geolocalizzazione. Ugo Benini Il fenomeno della geolocalizzazione Ugo Benini pagina 1 di 9 Cos è la geolocalizzazione Come si è evoluto il concetto di geolocalizzazione negli ultimi anni? Quali le ricadute nel mondo dei Social Network?

Dettagli