Rubbettino. Sara Peticca L oggettività. dell informazione nella cultura di Internet. Rubbettino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rubbettino. Sara Peticca L oggettività. dell informazione nella cultura di Internet. Rubbettino"

Transcript

1 Sara Peticca si è laureata in Scienze Politiche presso la Luiss-Guido Carli di Roma dove è stata titolare dell assegno di ricerca per l area Comunicazione e ha conseguito il dottorato in Culture della Comunicazione presso l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Presso la Luiss-Guido Carli collabora con le cattedre di Semiotica e di Teoria e tecnica del linguaggio giornalistico e radiotelevisivo. Presso la Pontificia Università Lateranense di Roma ha insegnato come docente a contratto Tecnologie dell istruzione e dell apprendimento e Editoria online. Tra le sue pubblicazioni si ricordano i volumi Il giornale on line e la società della conoscenza e Il linguaggio dell per la casa editrice. Per il Centro di Metodologia delle Scienze Sociali della Luiss-Guido Carli ha pubblicato Il linguaggio del giornalismo televisivo e Il futuro dei giornali; all interno della Sezione sulla comunicazione del Dipartimento di Scienze Storiche e Socio-Politiche della Luiss-Guido Carli i working papers L informazione in televisione, L oggettività dell informazione nella cultura di Internet e Mutuation of genre repertoires paper all interno del progetto di ricerca europeo IST Programme Collaboration in the coordination and research activities Ha pubblicato, inoltre, articoli sulla rivista «Itinerari multimediali» e sul mensile dell AIART. 13,00 Sara Peticca / L oggettività dell informazione nella cultura dei blog Sara Peticca L oggettività dell informazione nella cultura dei blog Il giornalismo a carattere partecipativo in cui la comunicazione diventa orizzontale, multilaterale e polifonica ha una profonda influenza sul tema dell oggettività dell informazione. Nonostante sia impossibile riscontrare la perfetta corrispondenza tra informazione ed eventi del mondo reale, l intervento dei lettori all interno dei blog può fare in modo che si verifichi, attraverso il dialogo e la condivisione dei contenuti, un sostanziale accostamento alla verità dei fatti così come essi sono realmente accaduti. Tutto ciò permette ai giornalisti di diffondere un informazione più precisa, più completa e meno manipolata perché i lettori possono interagire confrontando opinioni tra loro diverse e, rivolgendosi ad altri lettori, possono informarli o chiedere loro spiegazioni e chiarimenti. Nella cultura dei blog l evento stesso assume, così, una dimensione partecipata, impensabile per il giornalismo tradizionale perché la comunicazione definisce uno spazio conversazionale in cui tutti i soggetti si trovano sullo stesso piano e hanno la possibilità di discutere e confrontarsi. Ne deriva una cultura che diventa il risultato dell interconnessione multilivello tra centri e periferie del sapere: una cultura globale in cui predomina fortemente la dimensione comunitaria ed in cui è sempre più difficile veicolare valori esclusivi e una visione unilaterale sul mondo e sulla società che lo rappresenta. In copertina: Wassily Kandinsky, Colour Study: Squares with Concentric Circles, particolare

2 LA POLITICA Metodi Storie Teorie Collana diretta da Dario Antiseri 82

3

4 Sara Peticca L oggettività dell informazione nella cultura dei blog 2009

5 Editore Soveria Mannelli - Viale Rosario, 10 - Tel. (0968)

6 Al mio maestro Massimo Baldini con profonda riconoscenza

7

8 Introduzione Le implicazioni del giornalismo a carattere partecipativo, in cui la comunicazione diventa orizzontale, multilaterale e polifonica, hanno una profonda influenza sul tema dell oggettività dell informazione, soprattutto se si considerano i tratti peculiari della cultura digitale. Nel primo capitolo ci si è soffermati sull importanza della struttura ipertestuale dei testi fruibili sul web e sul principio della libertà di fare propria qualunque conoscenza rendendola disponibile agli altri. È stato evidenziato il legame tra la comunità virtuale di Internet e la dimensione comunitaria dell oggettività dell informazione i cui significati sono negoziati all interno di un mosaico globalizzato di culture, all interno di un luogo aperto di confronto e di condivisione. A questa premessa iniziale è seguita una ricostruzione del dibattito teorico intorno all idea stessa di oggettività dell informazione la quale ha messo in rilievo l importanza di guardare all oggettività non solo come ad un problema filosofico, ma come ad una pratica quotidiana di maggiore comprensione, da parte degli individui, degli eventi del mondo e di maggiore accostamento, attraverso i contributi dei vari lettori, alla veridicità degli eventi narrati. Sono state discusse le ragioni del giornalismo oggettivista e quelle del giornalismo esplicativo ed è emerso come, nei blog analizzati, siano presenti due tipologie di oggettività dell informa- 7

9 zione: una che è stata definita come oggettività della testimonianza, concentrata sui fatti così come essi sono realmente avvenuti e una che è stata chiamata oggettività orizzontale caratterizzata dallo scambio di opinioni tra pari e dall apporto di documentazione a sostegno delle proprie tesi. A questo capitolo è seguito un approfondimento sulle tecniche di disinformazione nel quale sono stati ricostruiti i meccanismi attraverso i quali è possibile manipolare le notizie e diffondere informazione imprecisa, incompleta e distorta anche attraverso il linguaggio utilizzato. Sono stati analizzati, in modo particolare, la figura e il ruolo dello spin doctor il quale sa come influenzare i media e sa far aprire i cancelli della piramide dell informazione per diffondere solo alcune notizie a discapito di altre. Questa ricostruzione dei meccanismi, alla base dei quali nascono le notizie, è stata utile per mettere in evidenza come l azione dello spin doctor, all interno dei blog, sia più complessa e più difficile da realizzare. È emerso, infatti, che i blog analizzati permettono ai lettori di influenzare l agenda del giornalista e di definire la notizia; i lettori sono, infatti, a tutti gli effetti anche coautori del blog di cui fruiscono. A questo capitolo è seguita una descrizione dei blog considerati come social media e si è scelto come paradigma teorico di riferimento l approccio proprio della teoria Social Shaping of Technology secondo la quale ogni fenomeno, nel nostro caso la diffusione dei blog e le loro implicazioni per quanto riguarda l oggettività dell informazione, può essere studiato solo se considerato da molteplici punti di vista che mettono in gioco diverse variabili il cui peso, il cui sistema di relazioni e la cui rete di influenze reciproche sono, di volta in volta, differenti e plasmate dagli individui. In questo capitolo ci si è soffermati sul tratto peculiare rappresentato dalle istanze della conversazione e della condivisione 8

10 dei contenuti. Nei social media prevale, infatti, la logica tipica della cultura di Internet secondo la quale la collaborazione permette alla collettività di raggiungere risultati migliori di quelli che si avrebbero se si procedesse singolarmente. A questo concetto si è collegato quello di link che è stato descritto come l elemento determinante nel distinguere il blog dalle forme tradizionali di comunicazione. Il link diventa, per quanto riguarda l oggettività dell informazione nel web, un elemento fondamentale perché l essere attendibili online risulta da quello che è stato definito potere di link. Nel blog, in modo particolare, l oggettività è rappresentata dal fatto che la popolarità, cioè l essere ripresi e citati più volte, viene percepita dai lettori come un attributo di credibilità. Quest ultimo punto è stato approfondito nel capitolo finale dedicato all autorevolezza delle fonti di Internet. È emerso che, dal momento in cui Internet ha rivoluzionato le modalità di reperimento, diffusione e fruizione delle informazioni, le metodologie classiche di ricerca e la raccolta di contenuti si sono evolute su strade differenti da quelle tradizionali. Il concetto di autorevolezza è sempre stato in relazione con le caratteristiche specifiche delle fonti che diffondono le notizie: esse possono riguardare l autore della notizia o il canale utilizzato per diffonderle. L affidabilità di una notizia viene, spesso, valutata proprio sulla base dell autorevolezza della fonte che la produce. Il web pone, tuttavia, dei problemi nuovi perché, mancando un controllo centrale, diventa difficile valutare l attendibilità dei contenuti. Mentre da un lato l aumentare delle fonti è garanzia di una reale pluralità di informazione, dall altro lato questo aspetto mette in crisi il concetto classico di attendibilità. A questo proposito è stato riportato il caso dell enciclopedia libera Wikipedia nella quale, dopo l analisi di alcune voci controverse, è emerso come a prevalere 9

11 sia il punto di vista neutrale, inteso come meccanismo alla base della compresenza di contenuti tra loro diversi e provenienti dalle fonti più disparate. Inoltre, riprendendo il principio alla base del potere di link si è rilevato come, anche in questo caso, le voci più popolari e più citate vengono percepite dai lettori come più attendibili. Da ciò è emerso anche che i blog, nel caso specifico soprattutto quello di Paolo Attivissimo, possono smascherare le notizie false o incomplete e ricostruire i vari passaggi che hanno portato alla diffusione di una notizia inesatta e in quale contesto ciò è potuto avvenire. Dopo aver trattato il tema dell oggettività dell informazione nella cultura di Internet, si sono analizzati i post di due blog: quello di Marcello Foa, vero e proprio blog redazionale di approfondimento delle notizie attraverso un rapporto diretto con il pubblico dei lettori e quello di Beppe Grillo, un blog di denuncia rivolto soprattutto al mondo della politica e dell economia con un forte accento sulla coproduzione dei contenuti da parte dei lettori e sul loro intervento nella definizione delle notizie. L approccio metodologico seguito è stato quello di individuare alcune variabili in grado di verificare se ciò che era stato teorizzato e descritto come giornalismo partecipativo e conversazionale poteva essere realmente rintracciato all interno dei due blog e se l analisi linguistica dei singoli post, sia quelli degli autori che quelli dei lettori, potesse avere delle implicazioni per quanto riguarda l oggettività dell informazione intesa come maggiore accuratezza, completezza, imparzialità e pubblico controllo delle notizie riportate nel web. Dall analisi dei testi è emerso che realmente, nei due blog, si verifica un apertura verso una maggiore oggettività dell informazione. I lettori intervengono, portano la loro testimonianza definendo la notizia, discutono secondo un modello orizzontale di 10

12 condivisione e denunciano al giornalista particolari situazioni o eventi. Inoltre, essi personalizzano i loro interventi, offrono documentazione aggiuntiva e link a fonti rappresentate da altri media o presenti nel web; infine rettificano e vedono pubblicate le precisazioni relative ai propri interventi. Nelle tabelle riassuntive è stata riportata la presenza di alcune variabili precedentemente evidenziate e si è notato come esse siano tutte presenti ad eccezione, per il blog di Beppe Grillo, di quella relativa alla presenza di opinioni opposte ma discusse e della variabile in grado di segnalare la presenza di una conseguente cultura creola frutto dell incontro tra idee, visioni del mondo e opinioni tra loro diverse. In entrambi i blog è mancata la presenza della variabile spin doctor e manipolazioni; se ci sono stati tentativi di manipolazione essi appaiono celati molto bene e non denunciati né dai due autori Foa e Grillo né dai loro lettori. Se qualcuno esprime pareri diversi o getta discredito sugli autori lo fa perché sta manifestando liberamente il proprio pensiero per cui gli intenti manipolatori sono difficili da accertare. Questo tratto caratteristico permette di cogliere tutta la ricchezza del web: un cosmos di significati che permette di avvicinarsi agli altri per confrontarsi e arricchirsi senza veicolare valori esclusivi. 11

13

14 Capitolo primo Il paradigma della Rete e la cultura digitale 1. Il mondo elettronico e la Galassia Internet I media, attraverso i quali gli uomini comunicano tra loro, influenzano il loro modo di pensare e le società in cui essi vivono. La nascita di nuove tecnologie della comunicazione definite psicotecnologie 1 da Derrick De Kerckhove e tecnologie intellettuali 2 da Lévy, è in grado di trasformare i parametri di interpretazione della realtà e di giocare un ruolo fondamentale non solo nella vita quotidiana degli individui, ma anche nelle grandi trasformazioni politiche, economiche e culturali. Nel corso dei secoli si sono succedute continue riconfigurazioni di quelle che Lévy definisce ecologie cognitive 3 cioè ambienti composti da: «Istituzioni, lingue, sistemi di segni, tecniche di comunicazione, di rappresentazione e di registrazione» 4, in cui si struttura il rapporto uomo-mondo. La rivoluzione chirografi- 1 D. DE KERCKHOVE, Brainframes: technology, mind and business, Bosc & Keuning, Baarn 1991; trad.it., Brainframes: mente, tecnologia, mercato, Baskerville, Bologna 1993, p Cfr. P. LÉVY, Les technologies de l intelligence, Seuil, Paris 1990; trad.it., Le tecnologie dell intelligenza: l avvenire del pensiero nell era informatica, Synergon, Bologna Cfr. P. LÉVY, Qu est-ce que le virtuel? Le Découverte, Paris 1996; trad. it., Il virtuale, Cortina, Milano 1997, p Cfr. ivi, p

15 ca, in seguito all invenzione della scrittura nel IV millennio a.c, quella gutenberghiana dovuta all invenzione della stampa, intorno alla metà del XV secolo e la rivoluzione elettrica ed elettronica iniziata con l invenzione del telegrafo nel XIX secolo e proseguita con quella della radio e della televisione sono state così importanti da segnare il progressivo affermarsi di sistemi culturali nuovi, ognuno dotato di caratteristiche peculiari. Nel passaggio dalla cultura orale a quella manoscritta, e da questa a quella tipografica e poi elettrica ed elettronica, l uomo, come sostiene McLuhan, ha esteso i suoi sensi attraverso media sempre più potenti, capaci di surriscaldare la circolazione delle informazioni fino a renderle disponibili da ogni parte del mondo e a costi sempre più bassi. Si tratta della realizzazione di quello che egli ha chiamato il villaggio globale, nel quale: «La nostra civiltà specialistica e frammentaria, con struttura centro-marginale, vede improvvisamente e spontaneamente tutti i suoi frammenti meccanizzati riorganizzarsi in un tutto organico» 5. Il mondo è diventato: «Nuovo di zecca, fatto di subitaneità» 6 perché per la prima volta, in seguito al rapido susseguirsi dell invenzione del telefono, della fotografia, del cinema, della radio, della televisione, della tecnologia satellitare e del computer, il circuito della trasmissione dei messaggi non è più limitato all individuo o ad un gruppo ristretto di persone, ma coincide potenzialmente con l intero pianeta. Quella del villaggio non è una semplice metafora; la conseguenza più importante della diffusione dei nuovi media riguarda il 5 M. McLUHAN, Undestranding Media, McGraw-Hill Dook Company, New York 1964; trad. it., Gli strumenti del comunicare, Il Saggiatore, Milano 1967, p M. McLUHAN, Q. FIORE, The medium is the massage, Bantam Books, New York 1967; trad. it., Il medium è il massaggio, Feltrinelli, Milano 1968, p

16 superamento dell idea di atomizzazione. «Tutti avevamo finito per imparare l arte di eseguire con totale distacco le operazioni sociali più pericolose. Ma questo distacco era segno di non partecipazione. Ora che dopo l avvento dell energia elettrica il nostro sistema nervoso centrale viene tecnologicamente esteso sino a coinvolgerci in tutta l umanità e a incorporare tutta l umanità in noi, siamo necessariamente implicati in profondità nelle conseguenze di ogni nostra azione» 7. Partecipazione e condivisione dominano la cultura attuale in cui si è ampliato l accesso all informazione e alla conoscenza in generale, con risvolti nuovi per quanto riguarda l oggettività dell informazione, il suo controllo e la sua autorevolezza. McLuhan aveva previsto che in: «In quest era elettrica ci vediamo sempre più tradotti in informazione e avanziamo verso l estensione tecnologica della conoscenza. In questo senso diciamo che ogni giorno ne sappiamo di più sull uomo. Vogliamo dire che siamo in grado di tradurci sempre più in altre forme espressive che sono al di là di noi» 8. Rispetto al periodo antecedente la diffusione di Internet, in cui la selezione delle informazioni era prerogativa dell industria mediatica, oggi, attraverso la Rete, l individuo ha la possibilità di gestire in modo autonomo l accesso e la fruizione di una enorme quantità di dati resi disponibili per essere consultati. «Dal grande pubblico si va verso gruppi sempre più piccoli, per arrivare infine al singolo individuo. [...] Nell era digitale io sono io, non un sottogruppo statistico. Io significa informazioni ed eventi che non hanno alcun valore demografico statistico» 9. Questo accade perché ormai 7 M. McLUHAN, Undestranding media, cit., p Ivi, p N. NEGROPONTE, Being Digital, Knof, New York 1995; trad. it. Essere digitali, Sperling & Kupfer, Milano 1995, p

17 l informatica è diventata la trama delle nostre vite e la società digitale viene avvertita come la società dell uomo considerato nella sua singolarità, non chiuso in sé stesso, ma in costante dialogo con altri individui attraverso una partecipazione attiva e consapevole. Per Castells: «Nell ultimo quarto del Ventesimo secolo, si sono sviluppati insieme tre processi indipendenti che hanno aperto il campo a una nuova struttura sociale fondata in maniera predominante sui network: i bisogni di flessibilità gestionale e globalizzazione di capitale, produzione e commercio dell economia; le domande della società nella quale i valori della libertà individuale e della comunicazione aperta assumevano una primaria importanza; gli straordinari avanzamenti delle prestazioni dei computer nelle telecomunicazioni, resi possibili dalla rivoluzione della microelettronica. In queste condizioni, Internet [...] è diventata la leva per la transizione ad una nuova forma di società la network society e con essa una nuova economia [...] così come la diffusione della stampa in Occidente ha creato ciò che McLuhan ha definito Galassia Gutenberg, noi siamo entrati oggi in un nuovo mondo della comunicazione: la Galassia Internet» 10. Considerata la struttura aperta che ha caratterizzato la Rete fin dalla sua nascita, per comprendere il significato più profondo dell attuale conformazione della Galassia Internet e della network society che in essa si delinea, è necessario riflettere da una parte sulla struttura logica dell ipertesto il quale rende possibile la fruizione dei contenuti del web e, dall altra, sul sistema di valori che i fondatori di Internet e gli ideatori delle sue applicazioni hanno cercato di proteggere e diffondere. 10 M. CASTELLS, Internet Galaxy, Oxford University Press, Oxford 2001; trad. it., Galassia Internet, Feltrinelli, Milano 2002, p

18 2. L ipertesto come logica di funzionamento del network Nella sua struttura di base l ipertesto è costituito da un insieme potenzialmente infinito di pagine collegate tra loro attraverso link, cioè legami ad altre parti di testo, immagini o video chiamati nodi. I nodi permettono al lettore di seguire percorsi di lettura non stabiliti a priori, ma creati autonomamente in base ai propri interessi personali. Internet fonda il suo funzionamento proprio sulle caratteristiche più innovative dell ipertesto, cioè sulla multimedialità e sull interattività. La prima consiste sostanzialmente nell integrazione tra scrittura, immagini e suoni resa possibile dalla capacità del computer di trattare, con la stessa facilità, linguaggi tra loro diversi creando, in questo modo, un flusso continuo nella narrazione; la seconda permette, invece, la partecipazione diretta del lettore al processo comunicativo e il suo intervento diretto sulla fonte emittente del messaggio. La fruizione dei testi presenta, così, una forte personalizzazione; nel momento in cui l unitarietà del testo a stampa viene meno, si realizza quello che Lévy chiama effetto Moebius 11 : un offuscamento dei confini tra esterno e interno, che si manifesta a più livelli, tra cui quello della relazione autore-lettore 12. Ciò determina conseguenze rilevanti perché: «L ipertesto, che collega un blocco di testo ad una miriade di altri, distrugge quell isolamento fisico del testo, così come distrugge anche gli atteggiamenti creati da quell isolamento» Cfr. 12 P. LÉVY, Il Virtuale, cit., p G.P. LANDOW, Hypertext: the convergence of contemporary critical theory and technology, Johns Hopkins University Press, Baltimore 1992; trad. it., Ipertesto: il futuro della scrittura, Baskerville, Bologna 1993, p. 77, cit. in M. BALDINI, Storia della comunicazione, Newton & Compton, Roma (1995) 2003, p

19 I collegamenti ipertestuali favoriscono, infatti, l integrazione dei contenuti: «Se il testo a stampa è paragonabile a un blocco di ghiaccio, l ipertesto è simile all acqua di un ruscello che scorre liberamente. L ipertesto è, di fatto, una rete di testi, di cui non esiste un centro ed una periferia, in quanto consente al lettore infinite operazioni di decentramento e ricentramento secondo i suoi interessi momentanei» 14. Tutto ciò permette a quest ultimo di costruire un paesaggio semantico mosso ed accidentato 15, un intero universo di significati in continua evoluzione che richiama quello che Popper ha definito Mondo 3, il mondo di pensieri e opere create dall uomo 16 inteso, in senso generale, come il mondo della cultura. Internet appare, dunque, come un grande ipertesto in continuo divenire perché la scrittura ipertestuale permette a qualsiasi utente di immettere informazione non solo seguendo uno schema lineare, ma secondo un percorso che segue vari livelli, con più aperture e con una struttura ramificata che si traduce, a livello concettuale, in un modello culturale aperto, una sorta di inter-brainframe, cioè una struttura mentale: «Determinata dalla messa in rete delle menti» I valori di Internet e la struttura della Rete Internet è caratterizzata, fin dalla sua nascita, oltre che da una struttura ipertestuale, anche dai valori fondamentali di quella che Castells chiama la cultura tec- 14 M. BALDINI, Storia della comunicazione, cit., p P. LÉVY, Il Virtuale, cit., p Defizione di Popper consultabile all indirizzo 17 G. RIVA, GALIMBERTI C., L interazione virtuale. Nuove tecnologie e processi comunicativi, Guerini & Associati, Milano 1997, p

20 no-meritocratica. La sua stessa architettura aperta, decentrata, distribuita e multidirezionale emerge dall individuazione dei seguenti caratteri: la scoperta tecnologica come valore supremo, unita alla convinzione nella bontà implicita dello sviluppo scientifico, fondamentale per il progresso del genere umano; l inserimento della scoperta all interno di un preciso contesto di obiettivi di problem-solving, definiti dalla comunità di scienziati-tecnologi, poiché la conoscenza non è premiata in sé, ma in quanto contributo al miglioramento del prodotto tecnologico nel suo insieme; la rilevanza della scoperta, come l appartenenza alla comunità e la reputazione, dipendono totalmente dalla valutazione dei pari ; per guadagnare l autorevolezza, i tecnologi non devono utilizzare le risorse messe a loro disposizione per il proprio esclusivo interesse; la comunicazione aperta del software e di tutti i suoi miglioramenti, frutto della collaborazione in rete, sono considerati elemento indispensabile per l avanzamento del lavoro della comunità scientifica. Ciò è necessario sia per evitare la dispersione delle energie in strategie individuali non coordinate, sia perché corrisponde ad un principio base della ricerca. La tradizione della comunità scientifica è, però, soltanto una componente di quel processo di stratificazione di valori e culture che, secondo Castells, hanno contribuito a formare un ideologia della libertà largamente diffusa nel mondo di Internet 18. Essa deriva soprattutto dall intersecazione di quattro strati culturali: 18 Ivi, p

21 quello tecno-meritocratico, quello hacker 19, quello comunitario virtuale ed infine quello imprenditoriale. «La cultura tecno-meritocratica si articola come cultura hacker costruendo nei network regole e abitudini di cooperazione su progetti tecnologici. La cultura comunitaria virtuale aggiunge una dimensione sociale alla condivisione tecnologica, facendo di Internet un mezzo di interazione sociale selettiva e di appartenenza simbolica. La cultura imprenditoriale lavora al di sopra della cultura hacker e della cultura comunitaria, per diffondere l impiego di Internet in tutti i campi della società come strumento per realizzare guadagni. Senza la cultura tecno-meritocratica, gli hacker sarebbero semplicemente una comunità controculturale specifica di esperti informatici [...]. Senza la cultura hacker, le reti comunitarie in Internet non sarebbero differenti da tante altre comuni alternative. Inoltre, senza la cultura hacker e i valori comunitari, la cultura imprenditoriale non potrebbe caratterizzarsi come specifica a Internet» 20. È stata proprio la comunità hacker ad avere un ruolo di primo piano nella storia di Internet e della cultura del web perché, fin dalla sua nascita, ha fatto diretto riferimento: «Ad un insieme di valori e convinzioni emerso dai network di programmatori che interagivano on-line [...] intorno a progetti da loro stessi definiti di programmazione creativa» 21. La cultura hacker è stata così: «Il terreno fertile delle innovazioni tecnologiche più importanti realizzate attraverso la coopera- 19 Per Castells esiste una confusione di termini tra hacker e cracker, solo questi ultimi sono coloro che agiscono illegalmente nei siti destabilizzando la Rete. Gli hacker, in questo caso, sono solo degli esperti di informatica ai quali si devono molte delle implementazioni di Internet e delle sue applicazioni. 20 Ibidem. 21 CASTELLS M., Internet Galaxy, cit., pp

22 zione e la libera comunicazione» 22. Per comprendere questa cultura è fondamentale analizzare due delle sue espressioni più conosciute: il movimento per il free software e quello per l open source che ne è la diretta derivazione. Nell 84 i Bell Laboratories rivendicarono la proprietà su Unix e i suoi codici sorgente in precedenza distribuiti senza restrizioni alle università e agli utenti di Usenet News. Ciò provocò la reazione di Richard Stallman programmatore del Mit il quale progettò un nuovo sistema operativo chiamato Gnu e basato su Unix. Per protesta Stallman rilasciò il sistema da lui creato in Rete, sottoponendo la licenza per il suo utilizzo alla clausola del tutto innovativa del copyleft in contrapposizione al tradizionale principio del copyright. Secondo questa clausola: «Chiunque utilizzi software messo liberamente a disposizione, in cambio deve distribuire sulla rete il codice da lui migliorato» 23. Su questa idea Stallman creò la Free Software Foundation (FSF) e diede inizio alla sua personale battaglia in difesa della libera comunicazione e del libero utilizzo del software come diritti fondamentali. Il termine free software venne poi sostituito con quello di open source per evitare la confusione sul termine free che in lingua inglese significa sia libero che gratis poiché il software libero è una questione di libertà e non di prezzo. Si vuole, infatti, garantire la libertà di accesso ai codici sorgente dei programmi che si acquistano per poterli migliorare e per condividere tali perfezionamenti con altri utenti. Per Stallman Internet doveva essere uno spazio per la libera circolazione di informazioni e di conoscenza e dalla creazione della Fsf doveva emergere la forte compenetrazione tra spi- 22 Ibidem. 23 R.M. STALLMAN, Perché il software non deve avere padroni, disponibile all indirizzo 21

23 rito libertario, cultura tecno-meritocratica e volontà di diffondere la conoscenza tra più individui. La cultura hacker si è, poi, ulteriormente diffusa nei primi anni 90 quando Linus Torvalds, studente dell università di Helsinki, progettò il sistema Linux e, cercando di migliorarlo, ne pubblicò i codici sorgente su Internet rilasciando, con grande rapidità, anche i suoi continui aggiornamenti realizzati da centinaia di esperti di informatica che, da tutto il mondo, entravano gradualmente a far parte del progetto. Grazie a questa forma di cooperazione ampia e decentrata e, soprattutto, alla totale apertura delle informazioni, Linux non solo è diventato uno dei sistemi operativi più efficienti e diffusi al mondo, ma ha anche dato vita a quella che Eric Raymond ha definito era del bazaar. Egli spiega così questa nuova era: «Credevo che il software più importante [...] andasse realizzato come le cattedrali, attentamente lavorato a mano da singoli geni o piccole bande di maghi che lavoravano in splendido isolamento [...] Rimasi non poco sorpreso dallo stile dello sviluppo proprio di Linus Torvalds diffondere le release presto e spesso, delegare ad altri tutto il possibile [...]. Nessuna cattedrale da costruire in silenzio e riverenza. Piuttosto, la comunità Linux assomigliava a un grande e confusionario bazaar pullulante di progetti e approcci tra loro diversi» 24. La creazione di Linux diede inizio ad una struttura decentrata, basata sulla stimolazione della creatività attraverso la libertà e la cooperazione che costituisce, ancora oggi, il fondamento della cultura di Internet. Tutto ciò emerge dai valori hacker che Castells così riassume: il sommo principio della libertà intesa come libertà di creare, di fare propria qualunque conoscenza di- 24 E.S. RAYMOND, La cattedrale e il bazaar, disponibile all indirizzo 22

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer Seminario della Consulta delle Associazioni Culturali del Comune di Modena La Rete Civica del Comune di Modena per le associazioni culturali" Internet e condivisione di interessi: social networking, blog,

Dettagli

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ciascuno di noi ha oggi a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 1. I mezzi di comunicazione nell Italia contemporanea: panoramica attuale

Dettagli

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA :

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : Il giornalino on line Il vero viaggio di ricerca non consiste nel cercare nuove terre,

Dettagli

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software A cura di Marziana Monfardini Licenze e diritti software La tutela del software Copyright e diritto d autore Legge 633/41 Articolo 2 Sono protetti i programmi

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole

PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole elementari e medie alla lettura e alla comprensione del

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

OPEN NON E FREE Metodi di ricerca per il progetto Docente Stefano Maffei Politecnico di Milano Facoltà del design

OPEN NON E FREE Metodi di ricerca per il progetto Docente Stefano Maffei Politecnico di Milano Facoltà del design Presentazione di Cristina Zocca 736584 Nicole Galeone 735934 OPEN NON E FREE Metodi di ricerca per il progetto Docente Stefano Maffei Politecnico di Milano Facoltà del design di Ippolita AUTORE IPPOLITA

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Introduzione al Software Libero

Introduzione al Software Libero Introduzione al Software Libero Linux Day 6 23 novembre 2002 Il software Programma (codice) scritto in un particolare linguaggio di programmazione esistono molti linguaggi di programmazione (Di solito)

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design 21 Bando pubblico di partecipazione per Giovani Architetti, Designer, Artigiani, Artisti, Scuole Scadenza

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design 21 Bando pubblico di partecipazione per Giovani Architetti, Designer, Artigiani, Artisti, Scuole Scadenza

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Carlini Franco, Parole di carta e di web. Ecologia della comunicazione, Einaudi, Torino, 2004, pp.186

Carlini Franco, Parole di carta e di web. Ecologia della comunicazione, Einaudi, Torino, 2004, pp.186 Carlini Franco, Parole di carta e di web. Ecologia della comunicazione, Einaudi, Torino, 2004, pp.186 Recensione di Irith Davidzon Settembre 2007 Abstract L autore dà come consolidata la presenza della

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

Quali i rapporti futuri tra libri, scrittura, editori e giornalisti? Come cambiano queste figure? Una tavola rotonda, a Milano, per discuterne meglio.

Quali i rapporti futuri tra libri, scrittura, editori e giornalisti? Come cambiano queste figure? Una tavola rotonda, a Milano, per discuterne meglio. Quali i rapporti futuri tra libri, scrittura, editori e giornalisti? Come cambiano queste figure? Una tavola rotonda, a Milano, per discuterne meglio. Il Master in Professione Editoria cartacea e digitale

Dettagli

CORSO FARE UN GIORNALE modulo 3. COME REALIZZARE UN GIORNALE WEB2.0 teoria e pratica

CORSO FARE UN GIORNALE modulo 3. COME REALIZZARE UN GIORNALE WEB2.0 teoria e pratica COME REALIZZARE UN GIORNALE WEB2.0 teoria e pratica!!1 Differenza tra i media (www.gandalf.it)!2 GIORNALISMO ON LINE Pasquale Mallozzi CRISI DEL GIORNALISMO TRADIZIONALE non è solo economica, ma investe

Dettagli

Figura 1 - Schema di WEBQuest

Figura 1 - Schema di WEBQuest Un WebQuest, così come è definito nel sito webquest.org (una tra le risorse più complete nel Web sul modello di WebQuest) è "un'attività orientata all'indagine nella quale alcune o tutte le informazioni

Dettagli

Per andare oltre la limitata potenza di una mente singola, i modelli del mondo devono essere condivisi e costruiti collaborativamente, attraverso la

Per andare oltre la limitata potenza di una mente singola, i modelli del mondo devono essere condivisi e costruiti collaborativamente, attraverso la Per andare oltre la limitata potenza di una mente singola, i modelli del mondo devono essere condivisi e costruiti collaborativamente, attraverso la creazione di un vasto spazio pubblico riempito di giudizi

Dettagli

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole Marina Cabrini Membro del gruppo di lavoro ECDL presso la ECDL Foundation Dublin mcabrini@sicef.ch l mondo dell informatica è in perenne movimento ed evoluzione,

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

DIGITAL DIVIDE: UNA MINACCIA ALL INCLUSIONE SOCIALE

DIGITAL DIVIDE: UNA MINACCIA ALL INCLUSIONE SOCIALE DIGITAL DIVIDE: UNA MINACCIA ALL INCLUSIONE SOCIALE A cura di Marco Billi Università degli Studi di Siena Facoltà di Lettere e Filosofia di Arezzo La Società dell informazione Il Libro Verde intitolato

Dettagli

Una sintesi della ricerca Parrocchie e internet. Paolo Mancini - Rita Marchetti 1

Una sintesi della ricerca Parrocchie e internet. Paolo Mancini - Rita Marchetti 1 Una sintesi della ricerca Parrocchie e internet Paolo Mancini - Rita Marchetti 1 Presentiamo di seguito alcuni dati tratti dalla ricerca Parrocchie e internet commissionata al Dipartimento Istituzioni

Dettagli

Progetto promosso da LUCENSE _www.lucense.it Ideazione e coordinamento prof. Alfonso Acocella

Progetto promosso da LUCENSE _www.lucense.it Ideazione e coordinamento prof. Alfonso Acocella L ambiente informativo e creativo che si va sviluppando all interno di Architetturadipietra.it è fortemente decentralizzato e collaborativo. Gli utenti condividono spontaneamente e in modo del tutto libero

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 INDICE Presentazione della collana... vii INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1 Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 Elena Cozzari 2. L e-learning COME AMBIENTE DI FORMAZIONE... 37 Gioconda

Dettagli

Lo studio digitale. Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete

Lo studio digitale. Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete Lo studio digitale Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete Roberto Maragliano Università degli Studi Roma Tre r.maragliano@gmail.com Le tecnologie possono essere viste come veicoli.

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 1. Premessa. Contesto e motivazione Nell attuale economia della

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano.

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano. In futuro non andremo più in ricerca di notizie, saranno le notizie a trovare noi, oppure saremo noi stesse a crearle. E quel futuro è già iniziato (Socialnomics) #ridieassapori racchiude l obiettivo principale

Dettagli

Le Giornate del lavoro culturale

Le Giornate del lavoro culturale www.viveredicultura.it Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Le Giornate del lavoro culturale con l adesione di Progetto di Roma, Auditorium - Parco della Musica 24-25 giugno 2011 con

Dettagli

DEFINIZIONE. Ogni aggiornamento è generalmente inserito in ordine cronologico inverso.

DEFINIZIONE. Ogni aggiornamento è generalmente inserito in ordine cronologico inverso. BLOG DEFINIZIONE In informatica, e più propriamente nel gergo di Internet, un blog è un sito internet, generalmente gestito da una persona o da una struttura, in cui l'autore scrive periodicamente come

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Book 8. Conoscere cosa sono i social media e social network. Conoscere cosa sono gli strumenti, i social media e social network

Book 8. Conoscere cosa sono i social media e social network. Conoscere cosa sono gli strumenti, i social media e social network Book 8 Conoscere cosa sono i social media e social network Conoscere cosa sono gli strumenti, i social media e social network Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT Introdurre nuove competenze e applicarle rapidamente al ruolo per ottenere risultati rapidi e tangibili sul business:

Dettagli

Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE. Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter

Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE. Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter Le esperienze da multimedializzare Nell ambito del percorso di lavoro Documentare

Dettagli

Unix, Linux, Software Libero e Open Source: cenni storici e definizioni

Unix, Linux, Software Libero e Open Source: cenni storici e definizioni Corsi di Formazione "Open Source & Scuola" Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005 Unix, Linux, Software Libero e Open Source: cenni storici e definizioni Spremere denaro dagli utenti di un programma

Dettagli

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI LA TECNOLOGIA POTENZIA L ASSISTENTE MULTITASKING La maggior parte delle assistenti (77%) passa più di 6 ore davanti al pc per lavoro, e almeno 2 3 ore sono dedicate

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

Comunicazione e Mass media

Comunicazione e Mass media Comunicazione e Mass media I mass-media La stampa Il cinema La radio La televisione Il telefono Il computer Le reti internet Comunicazione di massa Comprendono le istituzioni e le tecniche grazie alle

Dettagli

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo CAPITOLO 1 Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo Le origini della conversazione Internet ha dato alle persone una possibilità tanto semplice quanto potente. Quella di farsi ascoltare.

Dettagli

WEB TV S.W.O.T. ANALYSIS

WEB TV S.W.O.T. ANALYSIS WEB TV S.W.O.T. ANALYSIS PUNTI DI FORZA Costi di gestione ridotti Possibilità di scelta Velocità e Repository (gestione e archiviazione dei dati) Molteplici punti di accesso Crossmedialità Tecnologia social

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE

CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE Indice 5.1 UNA PANORAMICA SULLE NUOVE TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE......... 102 La struttura dell impresa oggi....................................................

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado La comprensione del testo per la scuola Analisi delle risposte date dagli studenti ad alcuni quesiti della PN Invalsi 2014: ipotesi sulle cause della mancata comprensione e possibili ricadute didattiche

Dettagli

Francesca Di Donato. Lo stato trasparente. Linked open data e cittadinanza attiva

Francesca Di Donato. Lo stato trasparente. Linked open data e cittadinanza attiva Francesca Di Donato Lo stato trasparente Linked open data e cittadinanza attiva Copyright 2010 EDIZIONI ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com www.edizioniets.com Distribuzione PDE,

Dettagli

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Per infinite e complicate che possano essere le mosse di una partita di scacchi, persino il gioco

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Perché una technology agency.

Perché una technology agency. Perché una technology agency. Creatività Strategia UX design Seo WEB PROJECT Partner layer CMS abstract Un progetto web moderno è composto da elementi diversi come creatività, strategia e business che

Dettagli

rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it

rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it 1 COSA SONO? piazze virtuali, luoghi in cui, via Internet, ci si ritrova portando con sé e condividendo

Dettagli

l'approccio transdisciplinare

l'approccio transdisciplinare l'approccio transdisciplinare le potenzialità socio-economiche della rivalutazione ambientale l'epoca contemporanea la scienza della sostenibilità la complessità l'economia ecologica i gas la comunicazione

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION. La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi:

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION. La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi: WEB 2.0 STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION Tina Fasulo VERSO LA DIGITAL BRAND REPUTATION La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi: Ciò che viene comunicato

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show.

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show. Comunicazione Video Testi Slide Show Twitter Brochure Linkedin Slide Portale Immagini Editoria Newsletter Show Web Portale Editoria Editoria Flickr Digitale Device Mappe Cataloghi GPS Facebook Magazine

Dettagli

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO INTRODUZIONE Con l invenzione della stampa e il suo progressivo miglioramento la cultura e il sapere hanno potuto circolare più facilmente. Ma la storia,

Dettagli

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Alessandra Cenerini Presidente ADi 1 ORIGINE DELLA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Il termine è stato ufficialmente coniato dal pamphlet Valutazione per l apprendimento:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

Progetto Educativo della scuola dell infanzia

Progetto Educativo della scuola dell infanzia Progetto Educativo della scuola dell infanzia Istituto Minutoli - scuola paritaria primaria e dell infanzia Via R. Paolucci, 5 - Palermo Tel. 091 6711022 info@istitutominutoli.it www.istitutominutoli.it

Dettagli

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 Occorre sapere...7 Conoscenze...8

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Cos è l e-collaboration e perché ancora non l abbiamo capito?

Cos è l e-collaboration e perché ancora non l abbiamo capito? Capitolo 1 Cos è l e-collaboration e perché ancora non l abbiamo capito? 1.1 L e-collaboration tra stile e mestiere e-collaboration è in primo luogo uno stile e-collaboration è lo stile di chi sfrutta

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

L informal learning di Jay Cross

L informal learning di Jay Cross L informal learning di Jay Cross tratto ed adattato da Apprendimento informale e formazione aziendale: perché usare questo sistema di apprendimento? di Jay Cross e Robin Good (link) Premessa di formazione-esperienziale.it

Dettagli

prof. Corrado Petrucco, Università di Padova Scienze della Formazione mail to: corrado.petrucco@unipd.it

prof. Corrado Petrucco, Università di Padova Scienze della Formazione mail to: corrado.petrucco@unipd.it Progetto duezero del 16 settembre 2012 duezero Un progetto formativo integrato per la scuola, le istituzioni e le comunità del territorio, basato sul paradigma di condivisione sociale del Web 2.0 prof.

Dettagli

Chi scrive (e Quanto scrive) sui blog?

Chi scrive (e Quanto scrive) sui blog? Raccontarsi, condividere e apprendere in rete: dai Blog al Podcasting Nuovi modelli comunicativi per la scuola Chi scrive (e Quanto scrive) sui blog? Linda Giannini e Carlo Nati 1 Chi scrive Linda Giannini

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico.

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Per raggiungere i vostri obiettivi affidatevi a dei professionisti. UFFICI STAMPA PR WEB UFFICI STAMPA

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università

L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università Cari Convenuti, in primo luogo, desidero ringraziare i promotori e gli organizzatori per aver reso possibile la realizzazione

Dettagli

Ambiente di apprendimento. generativo - Generative. Learning Environment

Ambiente di apprendimento. generativo - Generative. Learning Environment Ambiente di apprendimento generativo - Generative Learning Environment di Paolo Giordani 1 Nel loro articolo del 1995, intitolato Rich environments for active learning: A definition, Grabinger e Dunlap

Dettagli

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione 1 Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione di Erika Barbato Andrea Carnevali CEO di Republic+Queen e Co-Founder di Wannabe, Agenzia specializzata in Strategia e Advertising

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 2 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web LE BASI INDEX 3 7 13 16 Come creare e gestire con semplicità un sito web Le fasi da seguire per costruire

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG 16 gennaio 2015 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG Introduzione Le attività dei blogger I social influencer

Dettagli

Le tre dimensioni dell usabilità

Le tre dimensioni dell usabilità Definire l usabilità ISO 9241 Ergonomic requirements for office work with visual display terminals, 1992 Il grado in cui un prodotto può essere usato da particolari utenti per raggiungere certi obiettivi

Dettagli