n.04 Anno XXXXIII Aprile 2015 Sommario NELLE SEZIONI SI CONSOLIDA LA COESIONE TRA GLI ALBERGATORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "n.04 Anno XXXXIII Aprile 2015 Sommario NELLE SEZIONI SI CONSOLIDA LA COESIONE TRA GLI ALBERGATORI"

Transcript

1

2

3 Sommario Tema del Mese Al rinnovo le cariche Asat pag. 2 Val di Non tra agricoltura e turismo pag. 3 Fai chiede più attenzione al turismo pag. 4 Passaggio generazionale in Bassa Valsugana pag. 4 Un miniconvegno l assemblea elettiva pag. 5 Fiducia al giovane Daniele Polla pag. 6 Clara Pedrelli ancora presidente pag. 6 Vita associativa Il Trentino termale pag. 8 Le parti sociali unanimi: no all illegalità pag. 11 Eco dentro e fuori l albergo pag. 12 L albergo va circondato di green pag a Assemblea Federalberghi a Como pag. 14 Per tenersi al riparo dalla crisi pag. 16 Starhotel launches e.c.ho: eco-chic hotels pag. 19 Nuovo direttivo al Club Cuore Rurale pag. 20 La formazione con Asat è... For.Te. pag. 21 Giovani Giovani a confronto con il futuro pag. 22 Formazione Corsi aggiornamento formativo pag. 24 Speciale laghi Riva e Ledro riserve della biosfera pag. 28 Vela regina nell Alto Garda pag. 29 Santa Giustina, il mare in Val di Non pag. 30 Speciale Dolomiti Dopo il sito, il twitter pag. 32 Da Moena a Carezza in funivia pag. 33 Trentino Marketing Informa Trentino, un set all aria aperta pag. 32 Normative Dubbi pag. 38 Cercasi, Affittasi, Vendesi Le proposte del mese pag. 40 Chiusura Editoriale 01/04/2015 n.04 Anno XXXXIII Aprile 2015 In Copertina: Gli albergatori in assemblea. Foto Ciaghi. Registrazione Tribunale di Trento n 163 R.S. del 17/11/1971 Roc n.5504 del 21/07/1998 Direzione, Redazione, Amministrazione: Via Degasperi, TRENTO - Tel Direttore Responsabile: Roberto Pallanch Comitato di Redazione: Coordinatore Alberto Frioli Davide Cardella, Andrea Rudari, Francesca Maffei, Monica Basile, Laura Licati Abbonamento annuo: 40,00 Editore: Associazione Albergatori ed Imprese Turistiche della Provincia di Trento Via Degasperi, TRENTO Realizzazione: OGP srl - Agenzia di Pubblicità - TRENTO Stampa: Tipografia Esperia - LAVIS Pubblicità: OGP Media - Via dell Ora del Garda, 61 Tel Fax Info: - NELLE SEZIONI SI CONSOLIDA LA COESIONE TRA GLI ALBERGATORI Per la nostra Associazione questa primavera è tempo di rinnovo degli organi dirigenti provinciali e delle sezioni territoriali. Siamo tutti impegnati, in primis il presidente Luca Libardi, ad incontrare in tutta la provincia i soci e raccogliere la loro disponibilità ad un impegno diretto, assumendo ruoli di servizio per la categoria. Si tratta di un fitto calendario di assemblee che evidenziano una buona Roberto Pallanch partecipazione dei nostri associati, un dato questo che è particolarmente positivo in anni che registrano invece una crisi della partecipazione e della rappresentanza. Gli appuntamenti per il rinnovo delle cariche vanno inoltre ben al di là del semplice rispetto degli obblighi burocratici che lo statuto prevede ogni quattro anni. Non sono semplici ritrovi di maniera, ma sono occasioni di discussione tra colleghi, operatori del turismo e dell ospitalità, che si ritrovano per parlarsi con grande franchezza. Da queste riunioni emergono temi e posizioni che confortano con l azione svolta in questi anni. Soprattutto nei momenti in cui le nostre posizioni sono state espresse con grande franchezza e nello stesso tempo concretezza. Condivisa, ad esempio, la determinazione di Asat nel ribadire la necessità di una vera riforma della promozione. Una iniziativa caratterizzata non solo da osservazioni di carattere generale ma entrando nel merito di obiettivi specifici. Altro grande tema trasversale nelle assemblee è quello della redditività. Da un doppio punto di vista: quello della sua compressione nella morsa di costi crescenti e della difficoltà di mercato; e quello, che a fianco di arrivi e presenze, nella valutazione dei risultati va considerata anche il dato economico generato. Una vera e propria rivoluzione metodologica richiesta da Asat in questi anni e finalmente patrimonio anche di chi, più spesso nel pubblico che nel privato, l ha sempre osteggiata. Partecipazione ed interventi rilevano poi che c è bisogno di discutere e di collaborare a tutti i livelli associativi e territoriali, perché da soli non si va da nessuna parte. Si deve lavorare in squadra puntando su quello che ci unisce, facendo fronte unico nei confronti dell ente pubblico e degli altri portatori di interessi. Ed ancora c è un esigenza di concretezza nelle analisi e nelle proposte a partire dall approfondimento dei problemi reali della categoria e delle località, cercando di guardare avanti e di agire con fiducia e non solo di resistere passivamente alla crisi economica che ancora si fa sentire. Non manca la consapevolezza - e, se vogliamo il senso di responsabilità - che il turismo è ricchezza per tutte le nostre comunità, è posti di lavoro per molte famiglie delle nostre vallate, è indotto concreto su agricoltura, artigianato e terziario. Questa è Asat: imprenditori, imprenditrici, idee, proposte, impegno, imprese, un associazione che è ben presente per tutelare ancora una volta al meglio gli interessi di chi il turismo lo fa vivere e che contribuisce al benessere economico e sociale di tutto il Trentino. Il Direttore Roberto Pallanch

4 Anno XXXXIII - n.4 Aprile 2015 AL RINNOVO LE CARICHE ASAT Gli albergatori eleggono i loro dirigenti Asat è entrata nella fase del rinnovo delle cariche che inizia con le assemblee elettive delle sezioni, dalle quali usciranno i presidenti e i consiglieri locali che andranno a costituire il Consiglio provinciale. Questo organismo esprimerà i componenti elettivi della Giunta che eleggerà dal suo interno il presidente provinciale di Asat. Le assemblee di sezione sono state precedute dalla nomina, da parte della Giunta uscente, dei Saggi. Sono tre o quattro albergatori che, per riconosciuta capacità ed esperienza associativa, possono aiutare le sezioni con suggerimenti e indicazioni eventualmente richieste. Per questa tornata elettorale i Saggi sono in Rita Dallabona, Fausto Mottes, Giulio Boniotti e Piergiorgio Stefenelli. Sul T&O cercheremo di dare il resoconto delle varie assemblee di ciascuna sezione su questo e sul numero successivo. Partenza da Levico, Walter Arnoldo presidente Monica Moschen e Roberto CRIVEllaro i vice Walter Arnoldo Molto partecipata l assemblea elettiva della sezione Asat di Levico che ha aperto la fase del rinnovo delle cariche. Tenuta all Hotel Scaranò, ha visto la presenza di una settantina di albergatori e di numerosi ospiti. Il presidente della sezione Asat Roberto Crivellaro, in scadenza dopo due mandati, ha tracciato un quadro della situazione turistica locale. La lentezza della promozione dell intero sistema turistico trentino non può non ricade- re anche sulle sue articolazioni territoriali. Gli operatori turistici levicensi - ha detto Crivellaro - sono oggi impegnati su alcuni progetti forti. Il primo riguarda il co\e che vede una impegnativa esposizione finanziaria di numerosi albergatori. L offerta termale di Levico sta alla Medical Spa, quindi richiede forti investimenti e continuità dell impegno provinciale anche in vista della scadenza dell attuale accordo con Trentino Sviluppo il prossimo 31 dicembre. Altro tema di attenzione è lo sviluppo della Panarotta che presenta già una discreta attività invernale mentre va rafforzata la stagione estiva. Terzo obiettivo, da tempo atteso, è una adeguata transitabilità circumlacuale, pedonale e in prospettiva ciclabile. Il generale contesto obbliga a qualche rinuncia, ad esempio per il golf o i collegamenti funiviari con la Panarotta e le Vezzene. Soddisfazione è stata espressa invece per il programma triennale dell Amministrazione comunale sulle opere pubbliche, alcune complementari all offerta turistica di Levico. La serata si è chiusa con il cordiale epilogo conviviale sempre allo Scaranò. Un ringraziamento ai tanti ospiti dell assemblea Asat La sezione Asat di Levico ringrazia gli ospiti che, numerosi e qualificati, hanno onorato con la loro presenza l assemblea: l assessore provinciale al turismo Michele Dallapiccola e il consigliere provinciale ed ex sindaco di Levico Giampiero Passamani, l attuale sindaco Michele Sartori con la giunta, il capitano Filippo Alessandro della Stazione Carabinieri di Borgo e il suo collega di Levico maresciallo Gianluca Trentin, il presidente dell Apt Stefano Ravelli, i direttori degli istituti di credito locali, i presidenti delle categorie economiche Gianni Beretta (commercianti), Andrea Liberatti (industriali) e Stefano Debortoli (Artigiani), i responsabili della Scuola Alberghiera, di Artesella e del Comitato dei Mercatini di Natale. 2

5 TEMA DEL MESE TURISMO e OSPITALITÀ nel Il nuovo direttivo di Levico La frequentata assemblea di Levico Espletate le operazioni elettorali ecco il nuovo direttivo: Walter Arnoldo, Hotel Sport, presidente. Monica Moschen, Hotel Antica Rosa e Roberto Crivellaro, Hotel Liberty vicepresidenti. Consiglieri: Andrea Galvan, Grand Hotel Bellavista - Luca Libardi, Hotel Eden Libardi - Michele Libardoni, Hotel Villa Regina - Fabrizio Moschen, Hotel Lucia - Fabrizio Oss, Hotel Compet - Pasquale Nicola, Hotel al Sorriso Michela Vicenzi, Hotel Daniela, rappresentante Giovani Albergatori. VAL DI NON TRA AGRICOLTURA E TURISMO I DUE TEMI CALDI PER IL RICONFERMATO PRESIDENTE LEONARDO FELLIN Leonardo Fellin Turismo e agricoltura si intrecciano più che altrove, seppur con peso diverso, nel sistema economico della Valle di Non. La ricerca di un efficace ed equilibrata collaborazione ha costituito il tema centrale nell assemblea territoriale di Asat tenuta all Albergo Cles del capoluogo anaune con la presenza del presidente Luca Libardi e del direttore Roberto Pallanch. Particolarmente sentito per la ricettività locale è il problema dei molti agriturismi concorrenziali con l offerta alberghiera, favoriti da normative meno severe e da una maggiore flessibilità sulla formazione del prezzo. Lo ha sottolineato in introduzione il presidente territoriale Leonardo Fellin che ha ricordato anche le difficoltà di bilancio emergenti nella gestione di qualche albergo. Non mancano, per altro, iniziative a sostegno del turismo e numerosi eventi sportivi, artistici, culturali ed enogastronomici promossi da Apt e associazioni locali in un contesto ambientale pregiato e molto attento al turismo family. Ma qualche lacuna, in particolare infrastrutturali, frenano da anni un possibile, ulteriore sviluppo. Esempi eclatanti ne sono la strada di accesso al lago di S. Giustina chiusa da due anni o quella per Tovel pericolosa per diversi mesi all anno, la ciclabile rimane da completare, la viabilità interna di qualche paese (su tutti Cles) è da riordinare. Il presidente Libardi ha citato gli interventi prontamente compiuti da Asat proprio in Val di Non a sostegno di aziende associate (dall albergo Scoiattolo a Sporminore al comparto Pineta Naturalmente Hotels di Coredo) o per restituire al transito turistico in sicurezza alcune strade nell Alta Valle o sostenere il lancio e la promozione di Castel Thun. Ovviamente ricordando che l operatore incide il doppio se opera all interno di una categoria che se agisce sgranato nella sua individualità imprenditoriale. L assemblea si è conclusa con le operazioni di voto che hanno espresso il nuovo direttivo così composto: Leonardo Fellin (Hotel Cles) presidente confermato, Patrizio Marini (La Montanina - Malosco), Fabrizio Fanti (Cavallino Bianco - Rumo), Elisabetta Biasi (Alla Torre - Smarano), Roberta Anderlan (Villanuova - Romeno). 3

6 Anno XXXXIII - n.4 Aprile 2015 FAI CHIEDE PIù ATTENZIONE AL TURISMO RINNOVATA FIDUCIA ALLA PRESIDENTE DARIA ARMANINI L assemblea della sezione Asat di Fai s è tenuta nella sede comunale forse a sottolineare il fatto che il turismo della storica destinazione richiede maggior attenzione da parte della pubblica amministrazione come hanno sottolineato la presidente uscente (e riconfermata) Daria Armanini. Concetto ribadito anche dal presidente provinciale Luca Libardi presente, assieme al direttore Roberto Pallanch, e dagli altri operatori turistici dell Altipiano. Tra i problemi particolarmente avvertiti dalla Fai turistica, oltre alle scelte recenti in campo economico e gestionale che coinvolgono la categoria, anche le migliorie dell accesso alle piste della Paganella, una transitabilità veicolare meno disagevole attraverso il paese e alcuni lavori di riordino urbanistico. Spetterà anche agli operatori turistici conquistarlo, premere per raggiungere questi obiettivi facendo leva sulla coesione associativa al di là delle difficoltà e sull impegno al rilancio delle aziende turistiche ben avvertibili durante l intero arco dei lavori. L atto conclusivo dell incontro è stata la nomina del direttivo della sezione che vede continuità della presidenza di Daria Armanini (Albergo Miravalle) con la quale collaboreranno Fausto Mottes (Albergo Paganella) e Matteo Mottes (Albergo El Paso). Daria Armanini PASSAGGIO GENERAZIONALE IN BASSA VALSUGANA A Luciano Dall Oglio subentra il figlio ERMANNO Passaggio generazionale in Bassa Valsugana nella sezione Asat costituita da aziende alberghiere e altrettante strutture ricettive minori come B&B, Rifugi ed agritur dislocate su un area che comprende anche il Tesino e la stazione sciistica del Brocon. I lavori si sono svolti, alla presenza del presidente provinciale Luca Libardi e della segretaria di Asat Sabina Berlanda, nella sala dell Hotel Cristo d Oro di Samone. Un momento di commozione è stato quando il presidente storico Luciano dall Oglio ha passato il testimone al figlio Ermanno a sua volta grande esperto di cucina per celiaci. Tra i temi specifici in evidenza, oltre al sovraccarico di traffico sulla superstrada, il calo di presenze con cui si confrontano le aziende alberghiere del Tesino, le problematiche del Brocon dove la vivacità imprenditoriale si trova a dover fare i conti con la carenza di servizi pubblici fondamentali quali ad esempio la transitabilità e il servizio telefonico soprattutto in inverno. Ma anche una certa sottovalutazione che si ritiene di avvertire da parte dell Apt di Levico. La nomina del direttivo è stata fissata per una riunione successiva. Ermanno Dall Oglio 4

7 TEMA DEL MESE TURISMO e OSPITALITÀ nel I lavori dell assemblea TEMA DEL MESE UN MINICONVEGNO L ASSEMBLEA ELETTIVA Rovereto- Vallagarina confermano Mauro Nardelli Una trentina di operatori turistici e numerosi ospiti hanno presenziato all assemblea elettiva della sezione Asat di Rovereto - Vallagarina nella sala Consiliare del Comune di Trambileno, ospiti dell Associazione Steval (Sviluppo turistico economico di Trambileno e delle Valli del Leno) presieduta da Cristina Senter. L incontro è sembrato un miniconvegno anche perché non pochi ospiti, stimolati dalla relazione del presidente uscente Mauro Nardelli su Turismo, Rovereto e Vallagarina: Analisi e proposte per la promozione e la commercializzazione, hanno arricchito il saluto di prammatica con pertinenti e concrete riflessioni sulle prospettive di sviluppo turistico dell area. è stato questo il caso di Gianni Battaiola, Natale Rigotti e Roberto Pallanch, rispettivamente vicepresidente, pastpresident e direttore di Asat, presenti all assemblea lagarina a riprova dell importanza che la sezione riveste nella complessiva organizzazione di Asat. Franco Vigani, sindaco di Trambileno presente con l assessore Marcello Benedetti, Paolo Nascivera di Trentino Marketing, Germano Berteotti presidente dell Ap, i tour operator Dario Caldana della Caldana Travel Service e Guido Maculan dell Agenzia Pachamama Viaggi, Marco Fontanari, in rappresentanza dell Unat ed Ettore Zampiccoli per Assoturismo. La relazione del presidente Asat Mauro Nardelli, ha sviluppato soprattutto tre temi poi ripresi dagli ospiti. Oltre il localismo: Il primo è la necessità di superare il localismo rafforzando nella promozione e nel marketing il ruolo progettuale e decisionale degli operatori turistici rispetto a quello dei Comuni inclini a iniziative localistiche non all altezza delle attese del mercato turistico moderno. Sinergia e non fusione tra le Apt: Fondere le varie Apt non serve, si indebolirebbero le peculiarità di ciascuna. L Apt va invece sollecitata ad una operatività sinergica con Trento, Folgaria, l Alto Garda, a mettere in comune alcuni servizi su un area lagarina dove la strutturazione ricettiva è per il 35% alberghiera e per il 65% extra-alberghiera, dove gli arrivi aumentano ma non si traducono in maggior durata media delle permanenze. Mettere al centro la redditività aziendale: In diverse situazioni rimane insufficiente la redditività delle aziende, anche perché alle comitive scolastiche non si riesce ad affiancare turisti con maggior disponibilità di spesa aiutando così i bilanci aziendali e generali. Una proposta in tal senso è quella di destagionalizzare. Lo suggerisce la stessa offerta turistica dai suoi ambienti invernali ed estivi all agricoltura, dal turismo culturale a quello dell enogastronomia da sostenere maggiormente in termini di promozione e di marketing. Il nuovo direttivo: Mauro Nardelli, Ristorante Bosco dei Pini Neri (Trambileno), presidente Tomas Benedetti, Albergo Passo Bordala (Ronzo Chienis) - Enrica Bettini, B&B Betulla (Nogaredo) - Nicola Campostrini, Albergo Bucaneve (Brentonico) - Alessandro Franchini, Hotel Leon D Oro (Rovereto) - Pietro Scapellato, Albergo Streva (Vallarsa) 5

8 Anno XXXXIII - n.4 Aprile 2015 FIDUCIA AL GIOVANE DANIELE POLLA Da Caldonazzo via libera al secondo mandato La riunione di Caldonazzo Una decina di albergatori, assieme al presidente provinciale Luca Libardi e Andrea Rudari in rappresentanza di Asat, hanno partecipato alla assemblea elettiva della sezione Lago di Caldonazzo. Nella sua relazione introduttiva il presidente uscente Daniele Polla ha rilevato una specie di isolamento in cui vive il lago di Caldonazzo rispetto ad iniziative importanti: Durante i mercatini di Natale di Levico non veniva comunicato che c erano posti negli alberghi di Caldonazzo, ma è successo anche per il trofeo Topolino; siamo tagliati fuori dal giro. Si è dunque chiesto ad Asat di comperare un quota dell Azienda per avere più peso specifico nelle scelte. Polla ha lamentato anche difficoltà nel coinvolgere i soci: Bisogna trovare modalità anche conviviali per fare più gruppo e più squadra ha chiosato il presidente Libardi, che ha poi ribadito che Asat non è in grado di acquisire quote: Ci vuole la compartecipazione dei singoli. Inoltre dobbiamo essere noi operatori che stimoliamo sempre più gli uffici. Anche per Mario Pola, albergatore di vecchia data, è necessario più coinvolgimento degli operatori da parte dell Azienda e delle amministrazioni comunali interessate al lago. E proprio delle prossime elezioni comunali si è pure parlato, con la sollecitazione ad essere in campo come categoria per sostenere concretamente le proprie istanze, magari proponendo un Tavolo del turismo che si occupi di questi temi. A maggior ragione se, sottolinea Libardi, in Valsugana l attività turistica sarà quella che anche in futuro darà risposte ai problemi di tipo economico. La riunione si è conclusa con la conferma alla presidenza di Daniele Polla e la nomina nel consiglio di sezione di Nicola Bortolini (Albergo Gilda), Luca Pedrotti (Hotel La Piroga, Calceranica), Daniela Pola (Albergo Due Spade), Tiziano Zangoni (Albergo Monte Cimone) e Emanuele Chiesa (Camping Mario Village). (A.R.) CLARA PEDRELLI ANCORA PRESIDENTE Questa la scelta degli albergatori pinetani Clara Pedrelli La sezione di Pinè ha svolto i suoi lavori all Hotel Italia di Baselga con la presenza per Asat provinciale del vicedirettore Davide Cardella. La presidente Clara Pedrelli ha presentato la sua analisi del turismo pinetano che non può certo dirsi immune dalle difficoltà generali per le piccole e medie aziende. La risposta degli operatori turistici, punta su un offerta territoriale di elevato pregio naturalistico, sulla valorizzazione del lago sia in estate che in inverno, la presenza di un impianto sportivo come la pista internazionale del ghiaccio, e sull escursionismo. Le operazioni elettorali hanno confermato alla presidenza Clara Pedrelli (Hotel Krone di Baselga) con la quale collaborerà un consiglio direttivo formato dai seguenti consiglieri: Michele Cristelli (Albergo Italia di Baselga), Rodolfo Andreatti (Albergo Miramonti di Bedollo) Giancarlo Andreatta (Hotel Pineta di Bedollo), Sonia Zanei (Hotel Scoiattolo di Baselga) e Sandra Paoli (Rustico del Grill di Baselga.) 6

9 INSERZIONE PUBBLICITARIA TURISMO e OSPITALITÀ nel TIROLER ASSICURAZIONI, partner DEL TUTTO AFFIDABILE! Assicurare la propria AZIENDA SECONDO LE SPECIFICHE ESIGENZE Tutelarsi dal fuoco TIROLER ASSICURAZIONI elabora soluzioni assicurative le quali sono adeguate alle esigenze dell impresa - specialmente per il settore alberghiero e di ristorazione. Un albergatore o un gestore di un esercizio di ristorazione hanno una grande responsabilità nei confronti dalla loro proprietà, ai collaboratori e gli ospiti. Perciò è fondamentale tutelarsi nel miglior modo possibile da eventuali imprevisti. Proprio per questo TIROLER ASSICURAZIONI è il partner del quale ci si può fidare. Specialmente per il settore alberghiero e di ristorazione l impresa Tirolese con sede a Bolzano e varie agenzie di riferimento nel Trentino, offre la soluzione giusta per evitare un peso finanziario provocato da una situazione imprevista. Le garanzie assicurative possono essere adeguate in modo individuale alle esigenze dell esercizio. Importante è che le somme assicurate corrispondano al valore reale degli oggetti assicurati, per evitare una sottoassicurazione. Esistono diverse garanzie importanti per un imprenditore come ad esempio i danni provocati da fenomeni elettrici. Per le garanzie incendio, eventi atmosferici e acqua condotta è consigliabile che vengano assicurate anche le spese di demolizione e sgombero degli oggetti danneggiati. TIROLER ASSICURAZIONI in questo contesto offre una somma assicurata a parte - indifferentemente dall ammontare del danno stesso. Dopo un sinistro importante, ad esempio un incendio, è probabile che l azienda debba interrompere l attività. Perciò è consigliabile assicurare anche l interruzione d esercizio, basata sul reale margine di contribuzione. Alberghi, ristoranti e bar spesso hanno grandi vetrate. Per la rottura di cristalli TIROLER ASSICURAZIONI offre un indennizzo massimo per ogni singolo elemento di vetro. Un ulteriore copertura fondamentale è la responsabilità civile prodotti. Questa garanzia è automaticamente inclusa nella responsabilità civile aziendale di TIROLER ASSI- CURAZIONI. TIROLER ASSICURAZIONI propone la giusta soluzione assicurativa non solo per l attività svolta ma anche per la copertura dei rischi privati come abitazione, infortuni ecc., sempre con soluzioni individuali adeguate alla situazione del cliente. Gli esperti assicurativi di TIROLER ASSICURAZIONI locati in diverse zone del Trentino stanno a disposizione per un analisi di rischio della propria situazione e per rilevare le esigenze assicurative. Per trovare il Vostro interlocutore TIROLER in regione visitate il sito Evitare i guasti nella tecnologia 7

10 Anno XXXXIII - n.4 Aprile 2015 Il Grand Hotel Terme di Levico VITA ASSOCIATIVA IL TRENTINO TERMALE OTTO CENTRI, UNA GRANDE STORIA, UN FORTE PRESENTE Il Trentino è per tutti sinonimo di vacanza in montagna ed all aria aperta. Una terra che richiama piste innevate e cime coperte di bianca coltre l inverno, oppure laghi e passeggiate per prati, boschi e sentieri sulle alte cime in estate. Ma in realtà, oggi l offerta turistica della nostra provincia non è tutta qua. Magari non avranno il blasone di altre località turistiche italiane, rinomate e note al mondo proprio per la presenza delle terme, tuttavia anche in Trentino possiamo annoverare dei centri termali che hanno una storia consolidata alle spalle ed in cui ormai tanti turisti si recano per rilassarsi e curare il proprio benessere psicofisico, trovando al contempo un ambiente naturale eccezionale e un ottima qualità dei servizi. Perché una vacanza alle terme è prima di tutto un soggiorno dedicato alla salute e al recupero delle energie, e non solo cure, ma anche estetica e trattamenti per rigenerare il corpo e la mente. Il Trentino ha una tradizione termale secolare, già gli antichi Romani avevano capito che le acque di questo territorio erano ricche di minerali e ottime per la cura di molte patologie. Ed oggi gli impianti sono ospitati in centri all avanguardia e dotati delle più moderne attrezzature, offrono tantissime terapie per il benessere del corpo grazie ad un patrimonio di acque sorgive presenti in Trentino che è unico e con proprietà davvero rare. Alle acque termali si affiancano le erbe, che offrono cure praticate soltanto nella nostra zona, come ad esempio i bagni nell erba fresca e gli impacchi di fiori di fieno. è importante sottolineare che le terapie praticate nelle terme trentine sono convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale, che permette di seguire le cure gratuitamente o con costi contenuti a seconda delle situazioni personali e delle varie patologie. In Trentino sono dunque presenti otto centri termali. Le più note sono forse le Terme di Levico, il ridente paese della Valsugana adagiato sulle sponde dell omonimo lago. L Acqua Forte, che nasce a Vetriolo, è unica in Italia e rara in Europa, sgorga a oltre 1500 m. di altezza ad una temperatura di 9 C. La fonte era conosciuta fin dal Medio Evo, ma fu solo nella seconda metà del 1800 che cominciò lo sviluppo termale di Levico, che in poco tempo fu conosciuta in tutta Europa e assiduamente frequentata da eminenti personalità dell epoca e da membri della casa d Asburgo. Furono realizzati in quel periodo il Grand Hotel Imperial e il grande Parco annesso. È un acqua con presenza di arsenico e un elevato contenuto di ferro, componenti che determinano un azione sedativa sul sistema nervoso. L acqua arsenicale - ferruginosa di Levico e Vetriolo è indicata nella cura e prevenzione 8

11 VITA ASSOCIATIVA TURISMO e OSPITALITÀ nel di affezioni: delle alte e basse vie respiratorie, artroreumatiche e dell apparato locomotore, dell apparato genitale femminile, dermatiti e psoriasi, sindromi ansiose. Sono sicuramente le Terme di Comano il perno dell intero sistema turistico delle Giudicarie esteriori, pur con altre interessanti offerte complementari che vi fanno da contorno. Per la loro riconosciuta specializzazione terapeutica delle malattie della pelle, esse richiamano ogni anno circa duemila bambini; infatti, le sue caratteristiche rendono l acqua termale una valida terapia naturale e priva di effetti collaterali anche per i più piccoli. Ma arrivano anche persone di tutte le età, in cerca di cure e pronte anche a far coincidere un periodo di terapia dermatologica ad una vacanza. La località era già nota agli antichi Romani, per l acqua termale ricca di bicarbonato calcio e magnesio, con una temperatura costante alla sorgente di 27 C, la più elevata tra le acque oligominerali in Italia. Le Terme sono specializzate nella cura delle malattie della pelle quali psoriasi, eczemi, dermatite atopica con un azione lenitiva, detergente e sedativa del prurito. Ma a Comano si possono validamente curare anche affezioni delle vie respiratorie, affezioni renali e urinarie, problemi di circolazione venosa, problemi ginecologici. Infine, nell impianto di Comano si ospitano convegni scientifici ed appuntamenti culturali di livello internazionale. Anche la sorgente delle Terme Dolomia, a Pozza di Fassa, era nota fin dall antichità (1493). Sgorga dalle rocce sedimentarie del Bellerophon del gruppo dei Monzoni ed è l unica sorgente solforosa riconosciuta in Trentino. In ogni stagione ha una temperatura costante di 9,5 e una portata regolare e inalterata nel tempo. L acqua dà un reale beneficio alle sindromi dell intestino irritabile, alle malattie otorinolaringoiatriche, broncopneumologiche, reumatiche, dermatologiche, angiologiche e della circolazione. Fin dal 1660 ci sono notizie certe che siano state conosciute ed apprezzate le acque delle Terme di Pejo. Ma è solo dai primi anni del Novecento che Pejo diventa stazione termale e si avvia l attività di imbottigliamento delle acque, inizialmente con finalità esclusivamente medicali e successivamente attraverso una distribuzione su larga scala che porta ad ampia diffusione il marchio della Fonte Alpina. Dalle montagne e dai ghiacciai sgorgano tre preziose sorgenti di acque minerali impiegate a scopo terapeutico. L Acqua della Fonte Alpina, oligominerale leggerissima, determina un effetto lavaggio sulle vie urinarie, con eliminazione di calcoli e renella; dalla Antica Fonte, sgorga un acqua carbonica ferruginosa che bevuta favorisce il tamponamento degli acidi gastrici e la regolazione del movimento intestinale mentre durante l immersione svolge un intensa azione antinfiammatoria sulle articolazioni e sulla pelle. Infine la Nuova Fonte, acqua ferruginosa ad effervescenza naturale, che stimola il circolo venoso, linfatico ed il microcircolo ed è efficace sulle vie respiratorie. A Pejo si pratica anche l applicazione diretta del fango caldo termale, maturato con l acqua minerale, il bagno termale carbo-gassoso, il percorso flebologico, le cure inalatorie. L acqua delle Terme di Rabbi, definita elisir naturale di lunga vita per la forza del gas in essa contenuta, sgorga purissima a 9 C dalle montagne del Cevedale. È tra le acque termali a maggior contenuto di anidride carbonica libera che si conosca. Le sue proprietà terapeutiche furono studiate dai medici austriaci già nel 700, tanto da venirne consigliato l utilizzo anche alla stessa imperatrice Maria Teresa d Austria. Così nacquero le prime strutture dedicate alle terme quali alberghi, caffè, luoghi di ritrovo. Per un periodo l acqua fu pure imbottigliata per la vendita. Essa è valida per la cura di malattie artroreumatiche, malattie vascolari, malattie gastrointestinali, stati di anemia, malattie otorinolaringoiatriche. La sorgente dell acqua delle Terme di Roncegno si trova ad oltre 1600 metri di altitudine. Da qui scaturisce la preziosa acqua arsenicale ferruginosa, un rimedio naturale in tutte le condizioni di debilitazione, di esaurimento delle forze vitali, prezioso nelle convalescenze, nelle malattie croniche invalidanti, nelle debolezze immunitarie, nelle malattie allergiche e nello stress. Presso la Casa di Salute Raphael, luogo di riabilitazione e riposo, si propone un ampio aiuto terapeutico particolarmente indicato negli stati dell esaurimento psicofisico, nella convalescenza e stati di debilitazione organica, nelle malattie tumorali e leucemie, per sclerosi multipla, anemia, ipertiroidismo, debolezze immunitarie, epatite cronica, disturbi di comportamento alimentare. Le prime citazioni storiche dell acqua termale della Fonte Sant Antonio (Terme della val Rendena a Caderzone) sono del 1600, ma i primi tentativi di utilizzo dell acqua risalgono all inizio del 900, le Acqua della fonte di Pejo 9

12 Anno XXXXIII - n.4 Aprile 2015 FotoArch Trentino S.p.a. I bagni di erba di Garniga prime analisi chimiche della fonte sono state eseguite dopo il 1950, i primi studi delle università a partire dal L acqua di Caderzone è classificabile come oligometallica di tipo ferruginoso, con elementi di grande rilievo come litio e selenio. Le caratteristiche peculiari dell acqua ferruginosa la rendono indicata nella cura di diverse patologie alle vie respiratorie, alla pelle, alle articolazioni, disturbi alla digestione, vasculopatie. Dalle antiche tradizioni dei contadini di montagna, una cura unica ed esclusiva in Italia, che ha dato validità scientifica all evoluzione dei bagni di fieno in fitobalneoterapia, nome scientifico del bagno d erba: ecco la proposta delle Terme di Garniga. La fitobalneoterapia sembra che sia nata dall usanza dei contadini del Trentino e dell Alto Adige di dormire su letti d erba durante la notte; ma è solo verso la fine del 1800 che venne utilizzata come forma di terapia e sono noti anche studi clinici risalenti a quel periodo. Questo metodo termale impiega non il fieno, ma proprio le erbe fresche di taglio, provenienti da selezionate praterie del Monte Bondone, dove cresce un ricco mix di piante e fiori officinali, unico in Trentino: genziana, arnica montana, iperico, timo, tarassaco alpino, carlina e pulsatilla. Queste erbe medicamentose sono efficaci nel curare (attraverso impacchi e bagni d erba) dolori e rigidità a livello osseo, articolare e muscolare, comprese lombosciatalgie e sindrome del tunnel carpale. Andrea Rudari I DATI DEL TERMALISMO TRENTINO Porta il 2% delle presenze turistiche Riportiamo alcuni interessanti dati sul termalismo tratti dalle Linee Guida per lo sviluppo termale in Trentino edite dalla Provincia di Trento. Nel corso del 2013 le Terme trentine hanno fatto registrare persone in cura tramite l assistenza del Servizio Sanitario Nazionale. Il 70% di questo persone provengono da fuori il Trentino. A livello generale, le terme rappresentano il 2% delle presenze turistiche complessive in alberghieri e strutture ricettive complementari, anche se con dati diversi a seconda delle zone. L ambito in cui le terme giocano il ruolo di attrazione più forte è quello di Comano, dove esprimono il 27% delle presenze annuali, generando oltre 12 milioni di euro all anno con una spesa media dichiarata di 67 al giorno imputabile ai termalisti. È seguita da Levico che con una spesa media di circa 80 al giorno, raggiunge quasi gli 8 milioni di euro. Le terme con la spesa media maggiore sono Pejo e Rabbi, con 85 al giorno. Dolomia si attesta attorno agli 80 e Caderzone attorno ai 67. In totale il settore termale nel 2013 ha comportato una ricaduta diretta sul territorio di quasi 26 milioni di euro su un periodo di apertura medio di 6 mesi. Interessanti anche gli effetti occupazionali generati dal settore. In totale il comparto termale coinvolge oltre 400 persone. In maniera quasi esclusivamente occasionale, figurano anche una sessantina di figure sanitarie, medici in prevalenza. Nonostante le criticità evidenziate dall analisi, il settore termale trentino ha una forza di attrattiva non trascurabile, sia dal punto di vista turistico che economico. In alcuni ambiti, come Comano, le terme rappresentano l elemento di attrazione prioritario, in altri, come in Val di Sole con Peio e Rabbi, in Valsugana, in Val Rendena e Valle di Fassa, aggiungono valore al territorio in cui sono localizzate andando ad integrarne l offerta. Soprattutto in territori con spiccata vocazione turistica, le terme possono rappresentare un completamento dell offerta esistente e una possibile via di destagionalizzazione dei flussi. Il centro termale di Comano terme 10

13 VITA ASSOCIATIVA TURISMO e OSPITALITÀ nel LE PARTI SOCIALI UNANIMI: NO AD ILLEGALITÀ E ABUSIVISMO Il presidente nazionale Bernabò Bocca Ritorna d attualità la shadow economy, il fenomeno che rappresenta un economia informale e nascosta, al di fuori del controllo pubblico o privato, in modo non conforme alla legge. Un problema che riguarda i moltissimi esercizi ricettivi e della ristorazione (abusivi e semi-abusivi) che inquinano il mercato con un offerta parallela, senza regole in materia di fisco, previdenza, igiene e sicurezza. A tal proposito Federalberghi, Faita-Federcamping e le organizzazioni dei lavoratori Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs hanno siglato un avviso comune per la lotta all abusivismo e per l istituzione di un osservatorio paritetico sulla legalità nel settore turismo. L accordo richiede l adozione di misure per assicurare una concorrenza leale e trasparente e la tutela dei consumatori, mediante il rispetto delle regole in materia di igiene, lavoro, tasse, contributi nonché per prevenire il rischio che le forme di ricettività parallela offrano rifugio a persone interessate a sfuggire ai controlli di pubblica sicurezza. Di fronte alla concorrenza di forme di ospitalità abusive, che non garantiscono il minimo rispetto delle regole a lavoratori e consumatori -afferma Bernabò Bocca, Presidente di Federalberghi- abbiamo deciso di coinvolgere le organizzazioni dei lavoratori in una battaglia di legalità oggi più necessaria che mai, alle soglie dell Expo e considerato l elevato allarme sociale connesso alla possibilità di attacchi terroristici. L intesa prevede la possibilità di denunciare via internet situazioni di ospitalità irregolare e contiene una serie di proposte legislative per accrescere la sicurezza del settore quali la generalizzazione dell obbligo di comunicare gli alloggiati alle autorità di pubblica sicurezza e l obbligo di comunicare all erario le attività ricettive esercitate a titolo oneroso. Le parti richiedono che gli interventi proposti siano realizzati con urgenza. La concorrenza è positiva - conclude Bocca - solo se prevede regole uguali per tutti gli operatori del mercato. Il far west dell ospitalità genera solo abusi, evasione fiscale e insicurezza per tutti. Invitiamo pertanto, convintamente e pronti a scendere anche in piazza per affermare il principio, tutte le forze politiche e di Governo ad affilare le armi contro quello che è sempre più un autentico cancro del sistema del nostro Paese, che deve essere estirpato nell interesse dell economia nazionale ed a difesa dei milioni di posti di lavoro che l ormai imminente stagione turistica estiva si appresta a creare. In tal senso, già diverse regioni come il Veneto, l Emilia Romagna, il Lazio hanno legiferato a tutela del patrimonio alberghiero, regolamentando meglio le attività di affittacamere, b&b, agritur, case per ferie, rifugi montani, imponendo regole ed obblighi che riducono la sleale concorrenza. A.R. IL GIUBILEO straordinario UN EVENTO MOTORE PER LA RIPRESA Il Giubileo sulla Misericordia, indetto da Papa Francesco, è un evento alla cui realizzazione siamo tutti chiamati a partecipare, mettendo da parte gli individualismi: dovremmo tutti unire le forze per raggiungere un risultato memorabile. È questo il parere del Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, sul tema del Giubileo straordinario che si svolgerà dall 8 dicembre 2015 al 26 novembre Credo che si debba semplicemente parlare di una buona notizia in quanto siamo di fronte ad un appuntamento che chiama a raccolta l universo dei fedeli, ma allo stesso tempo può rappresentare un forte impulso ed un motore per la ripresa. È quindi giusto che si valuti anche il potenziale che tale evento avrà sul Paese in termini di Pil e di indotto. Al Giubileo parteciperanno pellegrini, visitatori ed anche turisti in senso più largo, i quali saranno affascinati dalla bellezza di Roma, ma approfitteranno anche per girare l Italia. Garantisco - conclude Bocca - che per ciò che riguarda il mondo dell accoglienza italiana, è nel cuore di tutti la volontà di fare e dare il meglio. 11

14 Anno XXXXIII - n.4 Aprile 2015 ECO DENTRO E FUORI L ALBERGO Un tema di crescente attualità nel turismo Asat aveva messo il tema Sostenibilità ambientale e scelte manageriali negli alberghi al centro del convegno organizzato alla 39 a Expo Riva Hotel, in sintonia con lo storico impegno della manifestazione fieristica rivana sui temi dell ecostruttura ricettiva e dell ecoristorazione. Nella 40 a edizione del 2016 questi temi saranno riproposti nella declinazione della sostenibilità del territorio. A Riva la docente trentina Mariangela Franch e la neolaureata Dina Rizio hanno presentato una ricerca (anch essa promossa da Asat) sul vantaggio competitivo acquisito dall azienda che investa nelle nuove tecnologie di risparmio energetico all interno dell albergo. Si tratta di costi che si ripagano nel medio termine e da subito garantiscono risparmio, efficienza energetica e maggior attenzione da parte dei turisti. Avevano risposto 263 aziende trentine: Numerosi alberghi - sintetizzava Dina Rizio - fanno un utilizzo marginale delle energie rinnovabili, lavorano con tecnologie di scarsa modernità ed efficienza. Con interventi mirati la spesa energetica può scendere del 5/10%. (cfr. T&O n.2, febbraio 2015, p. 33). Il presidente di Asat Luca Libardi ricordava che l attenzione alla sostenibilità ci coinvolge come cittadini in primo luogo e anche come imprenditori del turismo in un sistema ambientale, quello alpino, assolutamente da preservare e tutelare, ma sottolineava che in Italia manca ancora un rapporto costruttivo tra ricerca e innovazione da un lato e turismo dall altro. Asat intende superare questa distanza perché l attenzione verso un turismo sostenibile può dare all azienda ancora molta competitività su un mercato ormai mondiale dove il turista sceglie località da visitare anche in base a queste aspettative. Intanto - concludeva - si cominci a portare ordine nella selva delle certificazioni ambientali (oggi oltre 600 e di ogni tipo, ndr.) puntando a quelle riconosciute internazionalmente, quelle che il turista più ricerca. LA PASSIVHAUS NELL ALTO GARDA Una struttura decisamente all avanguardia L Eco Hotel Bonapace di Torbole Non sappiamo se per casualità o per felice coincidenza a Torbole, a poca distanza dalla Baltera, sede di Expo Riva Hotel, è nata la struttura ricettiva che non è improprio definire all avanguardia in Italia e in Europa nell ecologia e nel risparmio energetico. L Eco Hotel Bonapace di Torbole è un garnì di 20 stanze e costituisce il primo esempio in Italia e secondo in Europa di Passivhouse, vale a dire edificio che assicura un totale benessere termico. Sfrutta una minima fonte di energia alternativa garantita da una pompa di calore geotermica che pesca in una falda acquifera nel sottosuolo. Grazie a una tecnologia costruttiva modernissima trattiene il calore d inverno e mantiene freschi gli ambienti d estate, rende l edificio autonomo sul piano energetico ma soprattutto ad impatto zero sull ambiente interno ed esterno. Tale capacità è certificata da agenzie mondiali ed europee (oltre che dalla trentina Armalam di Pergine che ha realizzato il progetto). Ma ne avevamo parlato diffusamente al tempo dell inaugurazione nel 2013 (cfr. T&O, n. 7/8 luglio/agosto 2013, pp. 12 e 13). Oggi altre certificazioni internazionali sono di prossima consegna. Di nostro aggiungiamo la colazione a prodotti rigorosamente a km. zero e stagionali, favoriamo nel cliente i richiami all activity di cui è prodigo dispensatore l Alto Garda, dice il direttore Arrigo Jacobitti, architetto oggi impegnato nella professione alberghiera. Ricorda un investimento affrontato con coraggio, senza cedere alle ingannevoli sirene del minor prezzo e sottolinea una prospettiva di ammortamento più ravvicinata di quella messa in previsione. Infine inserisce tra le gratificazioni personali quel miniflusso turistico approdato a Torbole appositamente per visitare Eco Hotel. 12

15 VITA ASSOCIATIVA TURISMO e OSPITALITÀ nel L ALBERGO VA CIRCONDATO DI GREEN Solo così la struttura sarà pienamente valorizzata Convegni, ricerca, iniziative sull ecosostenibilità da realizzare e comunicare si moltiplicano. A marzo Fiera Bolzano ha proposto, come da qualche anno, tre grandi appuntamenti espositivi, da Klimahouse a Klima energy e Klima mobility. Alcune regioni italiane vorrebbero abbinare alle Stelle della classifica alberghiera le ecofoglie a garanzia dell ecostenibilità della struttura. Soprattutto viene sollevata l esigenza che green non sia solo l albergo ma ecosostenibile sia anche il luogo e l ambiente che lo circondano. Così si parla di specifiche certificazioni ODT (Osservatorio di destinazione turistica), in base a criteri e indicatori fissati da un Agenda europea che definisca le politiche di sviluppo turistico ed economico di un territorio. Il Trentino non arriva impreparato a questo nuovo impegno. Anzi a livello regionale (quindi assieme all Alto Adige) la nostra provincia è considerata, il territorio più green d Italia, ad esempio nell analisi di Fondazione impresa pubblicata recentemente dalla rivista Italia oggi. Gli viene riconosciuto un punteggio Molto alto nel grado di green economy: uno 0,685 rispetto allo 0,280 alle Marche, seconda classificata a considerevole distanza (cfr. T&O, n.3, marzo 2015, p. 37). Un forte impulso per consolidare tale accredito arriva dalle Reti di Riserva che rientrano nel Pa.s.so (Patto per lo sviluppo sostenibile, ndr). Il loro obiettivo è valorizzare ecologicamente e in ottica turistica sistemi territoriali di particolare interesse naturale, scientifico, storico-culturale, paesaggistico con approccio democratico e partecipativo dal basso. Pur coordinato dalla Provincia, Pa.s.so si sviluppa, infatti, secondo il principio di sussidiarietà, la responsabilizzazione degli enti locali intermedi, dalle Comunità di valle ai singoli Comuni fino ad associazioni o privati cittadini impegnati anche su altri fronti di tutela/valorizzazione territoriale, purché coerenti con la Direttiva europea Habitat. Gli operatori turistici, da sempre attenti alle adiacenze della loro azienda, possono evidentemente esercitare in tale contesto un ruolo dinamico e promozionale. Per certificare un territorio Rete di Riserva l iter è impegnativo. Parte da una Dichiarazione di intenti, passa per un Accordo di programma e, finalmente, a un Piano di gestione operativo. Attualmente in Trentino sono in fase realizzativa o preparatoria una decina di aree: Monte Bondone - Soprassasso, Parco naturale locale Monte Baldo che ha recentemente editato una Guida completa, l Alta Val di Cembra Avisio, Basso Sarca, Medio-Alto Sarca, Alpi Ledrensi, Fiemme - Destra Avisio, Fassa, Alto Noce in una Val di Sole che adesso si presenta come terra dei parchi (Stelvio e Adamello Brenta) ed infine la Bondone-Cei. Particolarmente vivace in questo periodo è la Rete di Riserva Destra Avisio che, all interno del progetto provinciale Life + Ten (Trentino Ecological Network), ha messo solide basi al suo obiettivo e ora guarda ad estenderlo alla sinistra Avisio e al Lagorai. Non minore è l operatività lungo l intero corso del Sarca, forse anche sull onda del suggestivo slogan dall Adamello al Garda. Sta partendo la sezione Medio - alto Sarca (Rendena-Giudicarie) mentre un Parco fluviale è già realizzato lungo i 27 chilometri dalla forra del Limarò al Garda con un proprio sito http//www.parcofluvialesarca.tn.it/basso.sarca, con una app sia per iphone che per Android ( Parco Fluviale Sarca ) in italiano, tedesco e inglese. La home page sintetizza anche il Piano di gestione, strumento obbligatorio per chi intenda partecipare al progetto. Intanto le due reti hanno affidato al Parco naturale Adamello Brenta l incarico di elaborare un Piano di gestione unitario. Anche la Rete di Riserve dell Alto Noce (Val di Sole) guarda già a come raccordarsi all area geografica della Val di Non e si dice in grado di passare dalla fase delle intenzioni a quella della operatività entro il Da sottolineare infine che la tutela dell ambiente si esprime in Trentino con tre parchi naturali: una parte di quello nazionale dello Stelvio, il Parco Adamello Brenta e il Parco Naturale Paneveggio Pale di S.Martino. Circa un terzo dell intera superfice corrisponde a vincoli graduali di tutela che può essere comunitaria, provinciale o locale. Foto Simonini Monte Bondone 13

16 Anno XXXXIII - n.4 Aprile a ASSEMBLEA FEDERALBERGHI A COMO TALK SHOW SU EVENTI E TERRITORIO e visita finale ad expo 2015 Sabato 16 maggio si terrà a Como nella cornice dello Sheraton Lake Como Hotel la 65 a Assemblea Generale Ordinaria della Federalberghi, all interno della quale si svolgerà un convegno/talk show dedicato all importanza che i grandi e i piccoli eventi rivestono per lo sviluppo turistico dei territori. I lavori si apriranno con la presentazione di un rapporto di ricerca sull argomento, che il CISET e CFMT stanno realizzando in esclusiva per Federalberghi. All appuntamento sono stati invitati, tra gli altri, l Amministratore Delegato di Expo2015, Giuseppe Sala, Presidente del Comitato Organizzatore per la candidatura dell Italia alla Olimpiade del 2024, Luca di Montezemolo ed il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni. Domenica 17 maggio l assemblea verrà conclusa con una visita ad Expo Saranno previste facilitazioni per le associazioni che intendano organizzare la partecipazione di propri gruppi. In considerazione del numero di adesioni già pervenute e del limitato numero di camere disponibili, invitiamo chi desideri usufruire dell opportunità di pernottare presso l albergo che ospiterà i lavori assembleari, ad inviare al più presto la scheda di partecipazione. 14

17 VITA ASSOCIATIVA TURISMO e OSPITALITÀ nel 15

18 Anno XXXXIII - n.4 Aprile 2015 Il grande Parco giochi attrattore di turisti VITA ASSOCIATIVA PER TENERSI AL RIPARO DALLA CRISI FAVORITI GLI Alberghi vicini a grandi outlet e parchi tematici Un target di clientela che sembra non conoscere crisi né stagionalità è quello degli alberghi in prossimità di grandi Centri di acquisto in outlet e parchi tematici. Studi realizzati da Ispo (Istituto studi sulla pubblica opinione) - dimostrano che per il 59% degli italiani i FOC (Factory Outlet Center) sono luoghi che meritano almeno un pernottamento fuori porta, con famiglia o amici, e che l Italia è la seconda destinazione per presenza di Centri outlet in Europa dopo il Regno Unito. L industria dei parchi a tema nel Belpaese, secondo gli ultimi dati Unionparchi, supera i 350 milioni di euro, con oltre 10 milioni di visitatori. Questa tipologia di ospitalità riguarda e può interessare sempre più anche il Trentino: basti pensare alle due città di Trento e Rovereto o all area del Garda, non distanti da attrazioni tematiche ben note. Ecco qualche esempio da cui prendere spunto nel resto d Italia. Uno degli esperimenti alberghieri più riusciti in tale contesto è il Fashion Hotel di Valmontone (Roma). La struttura ha aperto nel racconta il direttore generale Antonio Liberatore - e rientra nel progetto originario di riqualificare l area con la realizzazione di parchi di divertimento e centri outlet, oltre alla costruzione di altri hotel. Se è vero che i numeri sono in leggera flessione rispetto allo scorso anno, vero è altrettanto che l ospite medio è tutt altro che low-cost. Chi va al risparmio - conferma Liberatore - torna in giornata. Chi invece pernotta si divide in tre profili: un 20% di stranieri interessati allo shopping e con buona capacità di spesa; un 45% di famiglie italiane dirette ai parchi di divertimento che approfittano dell outlet; un restante 35% è rappresentato da persone che viaggiano per lavoro e che approfittano della vicinanza all autostrada e a Roma. Sono numerose le azioni commerciali attivabili con le vicine realtà di MagicLand, Fashion District, Cinecittà World e la società di outlet McArthur Glen. Internamente, il benefit che omaggiamo a tutti gli ospiti - prosegue il manager - è costituito da un voucher che dà diritto a una pacchetto di acquisto e a una card con scontistiche differenziate. In co-marketing, quindi senza commissione, siamo presenti sui siti dei parchi e degli outlet in un apposita sezione, dove la prenotazione è diretta e non in formula roulette. Fa eccezione MagicLand, che prevede una tariffa fissa secondo il numero di stelle e un booking intermediato. Ma le opportunità non finiscono qui - prosegue Liberatore e cita le ultime due fiere di Bergamo e Rimini che hanno registrato grande interesse per gli shopping tour, sia da oriente sia da occidente, così come l avvento di nuove OTA dedicate e di una maggior 16

19 VITA ASSOCIATIVA TURISMO e OSPITALITÀ nel specializzazione in tale mercato da parte di tour operator e agenzie di viaggio. L Italia pare davvero rappresentare una best practice del turismo tematico internazionale. Ne è convinto Tommaso Bertini, direttore commerciale e marketing di Mirabilandia: Siamo molto attenti all ecommerce, internet è il nostro primo canale, grazie al quale Mirabilandia Vacanze, tour operator italiano con oltre 250 hotel convenzionati, è diventato il punto di riferimento dell omologo internazionale Parques Reunidos, (la spagnola Parchi Riuniti di divertimento) gruppo che detiene 69 parchi tematici in 12 Paesi. Il successo è dovuto peraltro alla facoltà, riservata agli alberghi, di aderire a diversi tipi di contratti, dal vuoto per pieno alla vendita libera a quella contingentata. Contiamo presenze alberghiere annue, 10 milioni di euro di fatturato e 20 commerciali - continua Bertini - e crediamo che il record di prenotazioni battuto nel 2014 sia riconducibile al superamento della pacchettizzazione tradizionale in favore del pacchetto a prezzo variabile. Nello specifico, Mirabilandia Vacanze ha diversificato e ampliato il più possibile la propria offerta alberghiera. A disposizione del cliente vi sono 10 proposte - spiega il direttore che vanno dall hotel low cost 2-3 stelle a 39 room only, allo standard a 49 con colazione e opzione di scelta a maggior prezzo in camera tematica, fino a casi come il Grand Hotel Mattei di Ravenna, dove le 5 suite, ridisegnate a tema piratesco o giurassico, vengono quotidianamente vendute a prezzi più alti del 70% rispetto alla tariffa media, con un tasso di occupazione dell 85%. In aggiunta, vi è la certezza del prezzo, che è reale e non a partire da... consentendo al cliente un risparmio effettivo. Grazie alla nostra strategia - chiosa Bertini - vantiamo un tasso di penetrazione sul mercato tematico italiano del 12%, con un 5% di prenotazioni dall estero. Da quest anno rientriamo nel nuovo brand Riviera dei Parchi, con offerte all-inclusive ad ingressi multipli, nonostante il numero dei nostri visitatori sia superiore a quello complessivo di tutti gli altri parchi. Tre quindi le opzioni a disposizione di un hotel che voglia definirsi tematico: intrecciare partnership sia con parchi di divertimento sia con centri outlet, concentrarsi sui primi o collaborare con gli shopping village, come insegna UNA Hotels & Resorts. Tra le numerose partnership che abbiamo all attivo con aziende del territorio, rientra quella con McArthur Glen Designer Outlets, gruppo leader nella gestione di outlet, presente in Italia con 5 centri in prossimità di Milano, Venezia, Firenze, Roma e Napoli - dice Angelo La Riccia, direttore commerciale del gruppo e spiega: Chi sceglie UNA Hotels & Resorts per un soggiorno ha diritto al Fashion Passport, una card giornaliera che garantisce riduzioni sui prezzi degli outlet. Inoltre, in occasione di saldi ed eventi speciali, si gode di ulteriori promozioni. Tale accordo offre un vantaggio concreto sia ai clienti di outlet sia a quelli della catena. Le partnership con il territorio e con le sue attrazioni legate all arte, alla cultura, allo sport o allo shopping, sono sempre più richieste. McArthur Glen costituisce un eccellenza nel settore degli outlet di enorme richiamo per turisti sia italiani sia stranieri, in grado di garantire ai nostri ospiti un valore aggiunto alternativo alla loro esperienza di viaggio, conclude il direttore. L area dinosauri di Mirabilandia 17

20 Anno XXXXIII - n.4 Aprile 2015 Spettacolo serale all outlet di Mantova Tuttavia non occorre essere un gruppo alberghiero con strutture in posizione strategica per poter attuare co-marketing efficaci con un FOC. Lo dimostrano gli hotel che organizzano transfer di gruppo o privati per consentire agli ospiti di raggiungere gli shopping outlet: Il nostro hotel si trova al centro della città - ci spiega il direttore Giovanni Ferrando del Bristol Palace di Genova - e ha sempre avuto interesse e quasi la necessità di rapportarsi con il mondo dello shopping. Nel 2013 abbiamo concordato degli sconti ad hoc con il Designer Outlet di Serravalle e da quest anno proponiamo un pacchetto Platinum con una promozione specifica. Oltre alle riduzioni, alla guida all acquisto e al servizio di recupero IVA per i clienti extra UE - prosegue - il pacchetto Platinum prevede trasferimenti privati A/R inclusivi di assistenti d acquisto personali a disposizione per 7 ore, cena gourmet e altri benefit. Il tutto a partire da 799 a notte in camera deluxe. In realtà, al momento, il riscontro ottenuto è stato più nella visibilità che non nel numero di prenotazioni, ammette Ferrando, e conclude: è ancora prematuro quantificare esattamente l impatto mediatico. è comunque certo che il target di clientela, prevalentemente estero, è in aumento, cosa che ci ha fatto ampliare la gamma di pacchetti offerti e attivare una partnership anche con il Gruppo Rinascente. Francesca Maffei (base: Pianetahotel anno XXII n 5 novembre 2014) Quali numeri rileva in termini di soggiorno medio, stagionalità, capacità di spesa e provenienza degli ospiti di hotel tematici? Intervista a Massimo Ferruzzi di J.F.C. Tourism & Management Il soggiorno medio non supera 1,2 pernottamenti, raggiungendo quota 3 se il territorio è in grado di offrire una pluralità di offerte tematiche differenziate. Diversa la stagionalità: nel caso degli outlet si tratta dei periodi pre-festivi, primaverili e autunnali, mentre nei parchi di divertimento la stagione inizia in primavera per culminare con l estate. Il turista tematico concentra la sua capacità di spesa sulla sua finalità primaria, le attrazioni a tema; le strutture di media categoria - 3 stelle, e il trattamento di bed & breakfast, registrano quindi le maggiori preferenze. Infine, la provenienza degli ospiti si amplia proporzionalmente alla capacità di un offerta di includere più prodotti tematici; solo così si parla di bacini di utenza nazionali o internazionali, altrimenti l origine resta oltre i 50 km ma entro le 2 h di auto. Quali rischi e opportunità individua per start-up o riposizionamenti alberghieri in chiave tematica, dal punto di vista strutturale e/o commerciale? Il rischio maggiore è quello di essere identificato come albergo a tema con un unicità non idonea per clientela di altro tipo. Poi vi è il rischio di essere legati a doppio filo con le attrazioni, con le quali serve avere un ottimo rapporto di collaborazione senza esserne sudditi, dovendo seguirne la linea di continuo rinnovamento con investimenti annuali. Le opportunità, d altro canto, non mancano: possibilità di diventare la struttura di riferimento per il parco a tema o l outlet; creazione di collegamenti commerciali tra le rispettive azioni promozionali; visibilità e promozione della relazione tematica. Quali sono le tendenze a breve-medio termine per il turismo tematico nel nostro Paese? Le nuove tendenze del settore consistono nel legare luoghi di svago ad altri fattori e di espandere il vissuto dell ospite. In particolare, il trend più rilevante consiste nello sviluppo di tematiche legate ai simboli dell orgoglio regionale o locale: basti pensare ai nuovi outlet dell enogastronomia e alla loro capacità di attrazione. Pertanto, dopo il tema leisure/ parchi di divertimento - e shopping factory outlet- vi sarà l esplosione di altri temi legati alle passioni, come enogastronomia e motoristica, in location disseminate sul territorio. Assisteremo inoltre a un ampliamento dell utilizzo misto delle aree, con progetti incentrati sul design e sulla socialità. F.M. (da Pianetahotel, anno XXIII n 5, novembre 2014) 18

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Statistiche in breve 29 giugno 2007 Turismo a cura di Roberta Savorelli e Manuela Genetti Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Servizio Turismo e Sport I.S. per le politiche turistiche provinciali

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Servizio Turismo e Sport I.S. per le politiche turistiche provinciali PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Turismo e Sport I.S. per le politiche turistiche provinciali Turismo in Trentino Rapporto 2015 Progettazione Rapporto di ricerca e testi a cura di Gianfranco Betta

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

IV Conferenza Italiana per il Turismo

IV Conferenza Italiana per il Turismo IV Conferenza Italiana per il Turismo I fattori di competitività turistica del territorio e l orientamento al prodotto L organizzazione del territorio per rispondere alle sfide del turismo montano gianfranco

Dettagli

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Risultati dell indagine 2014 Ricerca commissionata dalla Presidente Giovani Albergatori Trentini dott. Francesca Maffei a cura dell Ufficio Marketing

Dettagli

Turismo Lento. Cosa è e quali opportunità offre ai territori? Filippo Lenzerini - Punto 3 s.r.l.

Turismo Lento. Cosa è e quali opportunità offre ai territori? Filippo Lenzerini - Punto 3 s.r.l. Turismo Lento Cosa è e quali opportunità offre ai territori? - Punto 3 s.r.l. 1 1999 Laurea in Scienze Geologiche all Università di Ferrara 2000 Master in Gestione Integrata dell ambiente presso lo IUSS

Dettagli

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con ATLAZIO Agenzia Regionale

Dettagli

La stagione turistica estiva 2013*

La stagione turistica estiva 2013* Novembre 2013 La stagione turistica estiva 2013* Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche della stagione estiva (1) 2013 sulla base delle informazioni trasmesse

Dettagli

[REPORT 2012] Attività di Marketing APT Val di Non. Attività di Marketing APT Val di Non

[REPORT 2012] Attività di Marketing APT Val di Non. Attività di Marketing APT Val di Non AZIENDA AZIENDA PER PER IL IL TURISMO TURISMO VAL VAL DI DI NON NON [REPORT 2012] Attività di Marketing APT Val di Non Attività di Marketing APT Val di Non INDICE AREA COMUNICAZIONE REPORT 2012 MERCATO

Dettagli

La domanda tiene, ma la crisi emerge

La domanda tiene, ma la crisi emerge La domanda tiene, ma la crisi emerge Sintesi del II Rapporto sulla Competitività e attrattività del sistema turistico Gardesano Roberta Apa Luciano Pilotti, Alessandra Tedeschi-Toschi Università di Milano

Dettagli

A Levico Terme la 3. edizione della Fiera delle vacanze in bici DUE GIORNI DI FESTA PER CONOSCERE I TERRITORI AMICI DELLE BICICLETTE

A Levico Terme la 3. edizione della Fiera delle vacanze in bici DUE GIORNI DI FESTA PER CONOSCERE I TERRITORI AMICI DELLE BICICLETTE A Levico Terme la 3. edizione della Fiera delle vacanze in bici DUE GIORNI DI FESTA PER CONOSCERE I TERRITORI AMICI DELLE BICICLETTE La 3. edizione della Fiera delle vacanze in bici si svolgerà a Levico

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

Una nuova generazione per l albergo di domani

Una nuova generazione per l albergo di domani I Una nuova generazione per l albergo di domani Indagine su come i giovanni vedono il proprio futuro professionale. Lettura assai utile anche ai senior Il Gruppo Giovani Albergatori sta vivendo una stagione

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese ricettive. L industria dell ospitalità

Percorso A. p A. Le imprese ricettive. L industria dell ospitalità Percorso A ndimento 3 Un it à di re p p A Le imprese ricettive L industria dell ospitalità Il numero di imprese che attualmente operano nel settore turistico è elevato e possiamo individuare le seguenti

Dettagli

Da alcune settimane hanno avuto inizio i lavori programmati alle Terme, la cui

Da alcune settimane hanno avuto inizio i lavori programmati alle Terme, la cui Centro Termale: avviati i lavori di ampliamento e ristrutturazione a cura del Dottor Giovanni Rubino Direttore Sanitario Terme di Peio Da alcune settimane hanno avuto inizio i lavori programmati alle Terme,

Dettagli

PROGETTO INTERSETTORIALE DI CULTURA D IMPRESA E MARKETING TERRITORIALE

PROGETTO INTERSETTORIALE DI CULTURA D IMPRESA E MARKETING TERRITORIALE TRENTO PROGETTO INTERSETTORIALE DI CULTURA D IMPRESA E MARKETING TERRITORIALE TITOLO 1 Progetto intersettoriale di cultura d impresa e marketing territoriale DESTINATARI Almeno 10 Giovani Albergatori e

Dettagli

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento [pag. 2] Cos è la Newsletter di VisitItaly [pag. 3] Perché promuoversi

Dettagli

INDAGINI. Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini:

INDAGINI. Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini: INDAGINI Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini: L indagine, promossa nell ambito del Tavolo termale del Progetto turismo della Provincia di Padova, ha avuto l obiettivo di integrare

Dettagli

Movimento turistico Stagione invernale 2012/13

Movimento turistico Stagione invernale 2012/13 luglio 2013 Movimento turistico Stagione invernale 2012/13 Il Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle presenze turistiche registrati

Dettagli

UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME

UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME La Valle dei Segni 3 marzo 2012 Capo di Ponte UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME Arch. Michela Vielmi Presidente Consorzio Turistico Terme di Boario I TEMI 1. CONTESTO: Valle

Dettagli

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese FORUM RIVISTA DELLA CNA DI EMILIA ROMAGNA MARCHE TOSCANA UMBRIA Le politiche femminili nelle regioni del centro nord Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese a cura di Paola Morini Responsabile

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO Maggio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Programma di lavoro anni 2014/2015

Programma di lavoro anni 2014/2015 GIUDICARIE ESTERIORI TERME DI COMANO Provincia autonoma di Trento Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili ACCORDO DI AREA PER LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA GIUDICARIE ESTERIORI

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 -

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 - OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 - La stagione invernale 2012-2013 si è conclusa negativamente Le settimane bianche registrano una preoccupante discesa nonostante

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI E costituito da un offerta di 2.699 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico 2, ormai un

Dettagli

Progetto Spoleto, Città dei Tempi

Progetto Spoleto, Città dei Tempi Progetto Spoleto, Città dei Tempi Programma amministrativo di Lista Due Mondi Punto 4 Premessa Cosa e' il Turismo? Un fenomeno economico Coinvolge tante aziende Operano in tanti settori. settore commerciale,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Comuni di Faenza, Brisighella, RioloTerme, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Solarolo, Conferenza Economica SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Tavolo tematico di riferimento: PROMOZIONE DEL TERRITORIO, CULTURA,

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 12 bollettino mensile Dicembre 2009 Gennaio 2010 A cura di Storia

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

Vacanza e benessere in pineta

Vacanza e benessere in pineta Vacanza e benessere in pineta...dal 1953 Famiglia Angeli In pineta... R I V I V I L E B E L L E E M O Z I O N I Un angolo di paradiso, immerso nel verde di una meravigliosa pineta, adagiata sopra una terrazza

Dettagli

SCUOLA DI LINGUA ITALIANA

SCUOLA DI LINGUA ITALIANA Pag. 1 di 8 SCHEDA DESCRIZIONE INIZIATIVA SCUOLA DI LINGUA ITALIANA E FORNITURA DI SERVIZI TURISTICI Pag. 2 di 8 SCHEDA DI SINTESI DATI PERSONALI CODICE PARTECIPANTE FISCALE PTR FMN 75L70 E483Y NOME FILOMENA

Dettagli

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento Organizzazione turistica nelle Regioni italiane Il quadro normativo di riferimento IL CONTESTO ITALIANO Disciplina dei Sistemi turistici locali (STL) IL RIFERIMENTO NORMATIVO STL introdotti per la prima

Dettagli

OSSERVATORIO SUL TURISMO

OSSERVATORIO SUL TURISMO UFFICIO STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO SUL TURISMO Tra prospettive di sviluppo e criticità La vocazione turistica del nostro Paese è ben nota. Oltre alla presenza di risorse territoriali e amenities (la

Dettagli

LA MENDOLA CANYON. TREKKING - Percorsi per tutti i gusti

LA MENDOLA CANYON. TREKKING - Percorsi per tutti i gusti LA MENDOLA Nel 2013 l ApT si è fatta carico del restyling della vecchia brochure dedicata alla storia del Passo della Mendola che ormai da anni non veniva più ristampata e necessitava di un aggiornamento.

Dettagli

*la voce Altri Complementari comprende: Villaggi Turistici, Ostelli, Case per Ferie, Case per Vacanza, Affittacamere

*la voce Altri Complementari comprende: Villaggi Turistici, Ostelli, Case per Ferie, Case per Vacanza, Affittacamere 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITÀ NELLA PROVINCIA DI RIMINI Complessivamente è costituito da un offerta di 2.565 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.B ATTIVITÀ 55.23.6 ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE

STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.B ATTIVITÀ 55.23.6 ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.A ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ATTIVITÀ 55.10.B ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE ATTIVITÀ 55.23.4 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER

Dettagli

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso Elaborazioni dai dati ufficiali 2009-2010 Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso - Osservatorio Turistico Provinciale - I flussi turistici nei primi mesi del 2010 ARRIVI Valori Assoluti

Dettagli

CARATTERI E PROBLEMI DEL TURISMO IN PROVINCIA DI BERGAMO

CARATTERI E PROBLEMI DEL TURISMO IN PROVINCIA DI BERGAMO CARATTERI E PROBLEMI DEL TURISMO IN PROVINCIA DI BERGAMO Andrea Macchiavelli- CeSTIT Università di Bergamo LA PROVINCIA DI BERGAMO IN LOMBARDIA LA MONTAGNA IL LAGO BERGAMO E LA PIANURA La montagna INDICATORI

Dettagli

EXPO RIVA HOTEL 2015. Tutto pronto per la 39 A edizione!

EXPO RIVA HOTEL 2015. Tutto pronto per la 39 A edizione! Anno XXXXIII - n.1 Gennaio 2015 EXPO RIVA HOTEL 2015 Tutto pronto per la 39 A edizione! Negli stands si parla di ambiente EXPO RIVA HOTEL, storico ed irrinunciabile appuntamento dedicato al mondo dell

Dettagli

Innovazione nella tradizione: cultura dell Ambiente e sviluppo del

Innovazione nella tradizione: cultura dell Ambiente e sviluppo del Innovazione nella tradizione: cultura dell Ambiente e sviluppo del Territorio Relatore Ing.Abramo Vincenzi Responsabile Qualità e Vendite Terme di Sirmione S.p.A. OSSERVATORIO SUL TURISMO DEL GARDA Passione

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3485 Seduta del 24/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3485 Seduta del 24/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3485 Seduta del 24/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

ESTRATTO PIANO MARKETING

ESTRATTO PIANO MARKETING OBIETTIVI GENERALI ESTRATTO PIANO MARKETING QUANTITATIVI 1. Aumentare significativamente il numero degli arrivi nella provincia di Torino; 2. Allungare la permanenza di turisti in provincia (presenze);

Dettagli

ENIT - AGENZIA NAZIONALE DEL TURISMO

ENIT - AGENZIA NAZIONALE DEL TURISMO U F F I C I O ENIT - AGENZIA NAZIONALE DEL TURISMO S T A M P A UFFICIO RELAZIONI ESTERNE, SVILUPPO E MANIFESTAZIONI RASSEGNA STAMPA N 7 del 13 gennaio 2010 ENIT AGENZIA NAZIONALE DEL TURISMO Via Marghera,

Dettagli

Classificazione. Stelle (hotel) Margherite (agritur) Genziane (appartamenti)

Classificazione. Stelle (hotel) Margherite (agritur) Genziane (appartamenti) Loc. Predaia club di prodotto Agritur Trentino B&B Trentino Cuore Rurale Mototurismo Osteria Tipica Trentina Qualità Parco Adamello Brenta Vitanova Trentino Wellness Dolomiti di Brenta Bike Golf (convenzione

Dettagli

Il Nuovo Giornale di Modena. Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo, più presenze da febbraio in poi

Il Nuovo Giornale di Modena. Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo, più presenze da febbraio in poi Il Nuovo Giornale di Modena Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo, più presenze da febbraio in poi Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo,

Dettagli

costruitevi il vostro evento

costruitevi il vostro evento In questa brochure vogliamo parlarvi dei nostri spazi, delle nostre persone, del nostro ambiente. Poi, immaginate voi cosa potrete fare dentro questa straordinaria struttura e cominciate a costruirlo.

Dettagli

La Valorizzazione del Territorio per un Turismo Sostenibile.

La Valorizzazione del Territorio per un Turismo Sostenibile. Carta di Valorizzazione del Territorio DNV Certification La Valorizzazione del Territorio per un Turismo Sostenibile. DNV e la Carta di Valorizzazione del Territorio. MANAGING RISK Valorizzare il Territorio:

Dettagli

STRUTTURE TURISTICO ALBERGHIERE SELEZIONATE E GARANTITE RAINBOW NEL TRENTINO ALTO ADIGE

STRUTTURE TURISTICO ALBERGHIERE SELEZIONATE E GARANTITE RAINBOW NEL TRENTINO ALTO ADIGE 1 STRUTTURE TURISTICO ALBERGHIERE SELEZIONATE E GARANTITE RAINBOW NEL TRENTINO ALTO ADIGE Indice 1.Riva del Garda alcune delle 175 strutture disp.selezionate Rainbow pag. 2 1.1.Du Lac et Du Parc Grand

Dettagli

L Italia non è un Paese per giovani

L Italia non è un Paese per giovani L Italia non è un Paese per giovani su ogni giovane italiano oggi gravano 80.000 euro di debito pubblico e 250.000 euro di debito pensionistico. ASSEMBLEA DELL ASSOCIAZIONE GIOVANI COOPERATORI TRENTINI

Dettagli

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO del SISTEMA TURISTICO delle OROBIE BERGAMASCHE DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO INIZIALE (legge regionale 14 aprile 2004, n. 8, Norme per il turismo in Lombardia ) Albino 20 settembre

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 1-2 bollettino mensile Gennaio Febbraio 2009 Marzo 2009 A cura

Dettagli

Turismo 2013 La Spezia e tendenze

Turismo 2013 La Spezia e tendenze Turismo 2013 La Spezia e tendenze La presente nota riporta dati e brevi riflessioni sul turismo oggi nella nostra provincia. Dopo un 2012 segnato dalle ricadute negative del periodo post alluvioni, il

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 Focus Provincia di Savona Maggio 2012 A cura di I flussi turistici nelle strutture ricettive Le principali dinamiche e tendenze manifestate

Dettagli

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione di questa attività deve essere considerata anche l

Dettagli

Modelli di sviluppo del turismo montano Il caso Madonna di Campiglio. by Graziano Molon

Modelli di sviluppo del turismo montano Il caso Madonna di Campiglio. by Graziano Molon Modelli di sviluppo del turismo montano Il caso Madonna di Campiglio by Graziano Molon Madonna di Campiglio l Centro turistico rinomato del Trentino occidentale l 73 Km da Trento l 127 Km da Brescia l

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

Dati economici e patrimoniali molto positivi.

Dati economici e patrimoniali molto positivi. APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi: presentato oggi all Assemblea dei Soci il bilancio 2013, caratterizzato da importanti progetti e grandi eventi per la valorizzazione dell offerta d ambito. Dati

Dettagli

Sintesi Report n 19 - Il movimento turistico in Trentino nell estate 2006

Sintesi Report n 19 - Il movimento turistico in Trentino nell estate 2006 Sintesi Report n 19 - Il movimento turistico in Trentino nell estate 2006 Estate 2006. Non solo montagna Per l estate 2006 si può parlare di sostanziale tenuta riguardo arrivi e presenze registrati: oltre

Dettagli

1. Visione, incarico e compiti dell Azienda di Soggiorno di Merano ai sensi dello statuto

1. Visione, incarico e compiti dell Azienda di Soggiorno di Merano ai sensi dello statuto Azienda di Soggiorno di Merano: orientamento strategico 2015-2018 1. Visione, incarico e compiti dell Azienda di Soggiorno di Merano ai sensi dello statuto 2. Processo strategico dell Azienda per Merano

Dettagli

Hotel terme Antico Bagno

Hotel terme Antico Bagno Hotel terme Antico Bagno L'incanto delle Dolomiti, il benessere delle terme! CENTRO CONVENZIONATO CON IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Club Terme Benvenuti nel regno di Re Laurino! Famoso e leggendario

Dettagli

LA PAROLA AI TURISTI. Dipartimento di Scienze Aziendali INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE. Comune di Monsummano Terme

LA PAROLA AI TURISTI. Dipartimento di Scienze Aziendali INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE. Comune di Monsummano Terme Dipartimento di Scienze Aziendali Comune di Monsummano Terme LA PAROLA AI TURISTI INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE Marzo 2012 dott.ssa Ilaria Ferrati dott.ssa Eva Accardo

Dettagli

Vicenza, 25 marzo 2015 CIRCOLARE N 2086 Responsabili: R. Eberle & M. Lovato

Vicenza, 25 marzo 2015 CIRCOLARE N 2086 Responsabili: R. Eberle & M. Lovato Vicenza, 25 marzo 2015 CIRCOLARE N 2086 Responsabili: R. Eberle & M. Lovato TURISMO - MOUNTAIN BIKE TREKKING NORDIC WALKING - RAFTING - FITNESS - DANZE E MAGARI ANCHE UN PO DI RELAX in VAL DI SOLE Punti

Dettagli

Esercizi alberghieri. Consistenza, tassi di occupazione e stima fatturati

Esercizi alberghieri. Consistenza, tassi di occupazione e stima fatturati PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Turismo I.S. per le politiche turistiche provinciali Esercizi alberghieri. Consistenza, tassi di occupazione e stima fatturati Progettazione e stesura Rapporto di

Dettagli

Imola, 23 dicembre 2008. Cari Consiglieri,

Imola, 23 dicembre 2008. Cari Consiglieri, Imola, 23 dicembre 2008 Cari Consiglieri, Con l approssimarsi della fine dell anno, colgo l occasione per fare un bilancio dell anno 2008 e contestualmente del primo triennio di mandato dell attuale CdA

Dettagli

Valutazione delle festività natalizie e prenotazioni stagione invernale 2013/14

Valutazione delle festività natalizie e prenotazioni stagione invernale 2013/14 Supplemento n. 1 al n. 328/2013 de Il Trentino ANNO VIII - n. 61 GENNAIO 2014 Valutazione delle festività natalizie e prenotazioni stagione invernale 2013/14 Sintesi dei principali risultati L avvio della

Dettagli

Roma 22 aprile 2015 Palazzo Confesercenti

Roma 22 aprile 2015 Palazzo Confesercenti Roma 22 aprile 2015 Palazzo Confesercenti Un riferimento strutturato alle attività del lavaggio auto Il car wash in Italia, problematiche e prospettive. Premessa Il mondo dell autolavaggio riveste un importanza

Dettagli

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Febbraio 2006 Premessa Il seguente Piano di Azioni scaturisce da un articolato processo

Dettagli

Il turismo in Trentino nell estate 2014

Il turismo in Trentino nell estate 2014 Il turismo in Trentino nell estate 2014 dicembre 2014 Il Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche nella stagione estiva 2014,

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 4 bollettino mensile Aprile 2009 Maggio 2009 A cura di Storia

Dettagli

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA REGIONE BASILICATA UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - OSSERVATORIO ECONOMICO REGIONALE IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA STAGIONE ESTIVA 2006 IN BASILICATA OTTOBRE 2006 UNA STAGIONE ESTIVA ALL INSEGNA

Dettagli

Il Portale Turistico più completo sull Italia, consultato dai turisti di tutto il mondo

Il Portale Turistico più completo sull Italia, consultato dai turisti di tutto il mondo beta Il Portale Turistico più completo sull Italia, consultato dai turisti di tutto il mondo [pag. 2] Perché scegliere VisitItaly [pag. 3] Il pacchetto promozionale VisitItaly [pag. 5] Newsletter [pag.

Dettagli

FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS PER LE IMPRESE

FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS PER LE IMPRESE FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS PER LE IMPRESE Dalla nascita ad oggi 2000 Il processo di liberalizzazione del mercato elettrico italiano è avviato con l emanazione del decreto legislativo n. 79/99,

Dettagli

Descrizione del progetto imprenditoriale

Descrizione del progetto imprenditoriale Descrizione del progetto imprenditoriale L idea imprenditoriale riguarda un albergo diffuso, che valorizzi un antico patrimonio storico, attualmente inutilizzato, costituito dagli antiche pajari, situati

Dettagli

CITTA DI REGGIO DI CALABRIA

CITTA DI REGGIO DI CALABRIA CITTA DI REGGIO DI CALABRIA SETTORE CULTURA, IMMAGINE E TURISMO Avviso pubblico rivolto agli operatori del settore turistico - ricettivo dei comuni compresi nel territorio denominato " Le Terre della Fata

Dettagli

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: UNIONCAMERE

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

ACCORDO PER ATTIVITA DI PROMOZIONE E GESTIONE DELLA RETE MUSEALE

ACCORDO PER ATTIVITA DI PROMOZIONE E GESTIONE DELLA RETE MUSEALE COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO N. 140 rep. A.P di data 20.05.2015 ACCORDO PER ATTIVITA DI PROMOZIONE E GESTIONE DELLA RETE MUSEALE LEDRO ReLED TRA COMUNE DI LEDRO E MUSEO DELLE SCIENZE L anno 2015,

Dettagli

PROGRAMMA 2013 PREMESSA

PROGRAMMA 2013 PREMESSA PROGRAMMA 2013 PREMESSA Il Piano di Marketing del territorio allargato nasce dalla volontà delle due Camere di Commercio di Forlì- Cesena e Ravenna di realizzare un progetto comune di sviluppo delle eccellenze

Dettagli

Progetti per la montagna 24 aprile 2014

Progetti per la montagna 24 aprile 2014 Convegno Internazionale di Sarnano Progetti per la montagna 24 aprile 2014 TURISMO E AREE PROTETTE A cura di Dario Furlanetto Direttore Parco Adamello La tag cloud di ISPO Ricerche S.r.l. - ottobre 2011

Dettagli

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Per comprendere cosa succederà in queste imminenti festività natalizie, in particolare nel periodo tra metà

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO Il Sistema Congressuale Italiano nel primo semestre 2003 Copyright 2003 Convention Bureau della Riviera di Romagna Meeting e Congressi - Ediman Alma Mater Studiorum Università

Dettagli

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale Forum di settore e incontro conclusivo anni 2013/2014 Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale FORUM di SETTORE e INCONTRO CONCLUSIVO Nell ambito

Dettagli

Progetto interregionale

Progetto interregionale Progetto interregionale per la promozione dell offerta congressuale italiana Novità e trends dell offerta congressuale italiana Barcellona EIBTM 25 3 Nov. INTRODUZIONE In Italia nel settore del turismo

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2946 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Riparto del Fondo per le politiche giovanili, cofinanziamento delle spese relative

Dettagli

Milano, 18 gennaio 2011 COMUNICATO STAMPA. ANDAMENTO TURISTICO AUTUNNO 2010 e PREVISIONI PER L INVERNO

Milano, 18 gennaio 2011 COMUNICATO STAMPA. ANDAMENTO TURISTICO AUTUNNO 2010 e PREVISIONI PER L INVERNO Milano, 18 gennaio 2011 COMUNICATO STAMPA ANDAMENTO TURISTICO AUTUNNO 2010 e PREVISIONI PER L INVERNO Bilancio positivo per le strutture ricettive lombarde nell ultimo trimestre 2010 Il 2010 si chiude

Dettagli