LA NUTRIZIONE CLINICA NELLA BOVINA DA LATTE. Alessandro Fantini DVM Dairy Production Medicine Specialist F.P.A. srl

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NUTRIZIONE CLINICA NELLA BOVINA DA LATTE. Alessandro Fantini DVM Dairy Production Medicine Specialist F.P.A. srl www.fantiniprofessionaladvice."

Transcript

1 LA NUTRIZIONE CLINICA NELLA BOVINA DA LATTE Alessandro Fantini DVM Dairy Production Medicine Specialist F.P.A. srl

2 OBIETTIVI 1. RAPPORTO TRA BUIATRA E NUTRIZIONE DELLA VACCA DA LATTE. 2. RAPPORTO TRA BUIATRA E ALIMENTARISTA. ( SINERGIA O CONFLITTO). 3. LA NUTRIZIONE CLINICA DELLA VACCA DA LATTE. ( CLINICAL NUTRITION FOR FOOD ANIMAL )

3 SPESSO SI SENTE NON C E FERTILITA PERCHE MANCA ENERGIA. ( PERCHE NON METTERLA? ) L ECCESSO PROTEICO ( CON QUELLO CHE COSTA! ) E COLPA DELLE MICOTOSSINE. ( QUALI? ) SONO INTOSSICATE. ( DA COSA? ) LE VACCHE SONO SFRUTTATE. ( MA SE MANCA L ENERGIA )

4 DEFINIZIONI LA NUTRIZIONE E QUELLA SCIENZA CHE STUDIA I RAPPORTI ESISTENTI TRA I PRINCIPI NUTRITIVI O NUTRIENTI ED I FABBISOGNI METABOLICI DI UN ORGANISMO VIVENTE. COMPOSTI AZOTATI LIPIDI CARBOIDRATI NON STRUTTURALI VITAMINE MINERALI ACQUA Emicellulosa Cellulosa Lignina ADL ADF NDF LA CELLULA VEGETALE

5 ACQUA COMPOSTI AZOTATI NON PROTEICI NPN PROTEICI Urea,amine,etc. Aminoacidi liberi. Aminoacidi essenziali. Aminoacidi non essenziali. MATERIA ORGANICA ( C,H,O,N) LIPIDI SEMPLICI COMPOSTI Steroli e Acidi grassi. Trigliceridi Fosfolipidi. Cere. ALIMENTO SOSTANZA SECCA CARBOIDRATI COMPOSTI FENOLICI VITAMINE NON STRUTTURALI NSC o NFC STRUTTURALI LIPOSOLUBILI IDROSOLUBILI Zuccheri. Amido. Pectine. Emicellulose Cellulose Lignina,Tannini.etc. Provitamina A. Vitamina A,D2,D3,E,K. Compesso B. Vitamina C. MATERIA INORGANICA (MINERALI) ESSENZIALI POSSIBILI ESSENZIALI MACRO MICRO Ca,Cl,Mg,P,K,Na,S. Cr,Co,Cu,F,I,Fe,Mn,Mo,Se. Ba,Br,Ni,Sr,Sn.V.

6 LA NUTRIZIONE DEI MONOGASTRICI POOL DEI NUTRIENTI SISTEMI ENZIMATICI SANGUE DIRETTAMENTE ASSORBITI

7 LA NUTRIZIONE DEI RUMINANTI POOL DEI NUTRIENTI BY-PASS BIOMASSA AGV SANGUE RUMINE-RETICOLO INTESTINO

8 REQUISITI PER IL NUTRIZIONISTA DEI RUMINANTI ( OLTRE AI FABBISOGNI NUTRITIVI ) CONOSCENZA DELLA CHIMICA E DELLA MICROBIOLOGIA DELLE FERMENTAZIONI RUMINALI. CONOSCENZA DELLE PECULIARITA NELLA FORMAZIONE DEL POOL DEL GLUCOSIO ( GLUCONEOGENESI). CONOSCENZA DELLE PECULIARITA DEI MECCANSIMI D ASSORBIMENTO DEI NUTRIENTI A LIVELLO INTESTINALE ( AMIDI). INTERAZIONI TRA NUTRIZIONE E ASSETTI ORMONALI.

9 LA NUTRIZIONE DEI RUMINANTI NUTRIZIONE DI BASE NUTRIZIONE CLINICA ESISTE UNA PROFONDA ANALOGIA TRA NUTRIZIONE DI BASE E NUTRIZIONE SPORTIVA LA BOVINA E UN ATLETA METABOLICO

10 LA NUTRIZIONE DI BASE DEFINIZIONE APPORTO DI NUTRIENTI NECESSARI ALLE VARIE FASI DEL DEL CICLO PRODUTTIVO DELLA BOVINA DA LATTE AL MINOR COSTO POSSIBILE

11 LA NUTRIZIONE DI BASE CONOSCENZA DEI FABBISOGNI NUTRITIVI E DEL LEAST COST. CONOSCENZE AGRONOMICHE. I REQUISITI CONOSCENZA DELLE SOSTANZE INDESIDERATE ( QUALI- QUANTITATIVE) NEGLI ALIMENTI ZOOTECNICI. CONOSCENZE DELLE TECNICHE DI CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI. COMPETENZE SUL CONTO ECONOMICO. LA CAMPAGNA SI ADATTA AGLI ANIMALI E NON VICEVERSA ( Almeno negli animali da reddito)

12

13

14

15 SOFTWARE PER GESTIRE CNCPS ( IL MODELLO )

16 Possono esistere scuole di pensiero?

17 La Nutrizione Clinica

18 DEFINIZIONI INTERVIENE QUANDO E NECESSARIO ANDARE IN DEROGA AI FABBISOGNI. QUANDO SUSSISTONO CONDIZIONI PATOLOGICHE. QUANDO SPECIFICI NUTRIENTI POSSONO SVOLGERE UN RUOLO PROFILATTICO O TERAPEUTICO ( NUTRACEUTICA).

19 ESEMPI DELLA MEDICINA UMANA DIABETE DI TIPO UNO E DI TIPO DUE. INTOLLERANZE/ALLERGIE ALIMENTARI. L IPERTENSIONE. LO SPORT ETC.

20 ESEMPI DELLA MEDICINA VETERINARIA NUTRIZIONE DEGLI ANIMALI DA REDDITO. NUTRIZIONE & MASTITE. NUTRIZIONE & FERTILITA ( NEBAL ). NUTRIZIONE & IMMUNITA NUTRIZIONE & MALATTIE METABOLICHE.

21 ESEMPI DELLA MEDICINA VETERINARIA DISALLINEAMENTO TEMPORALE TRA RICERCA ED EVOLUZIONE GENETICA. PARATUBERCOLOSI. CLOSTRIDIOSI. L ACIDOSI RUMINALE. LO STRESS DA CALDO.

22 DISALLINEAMENTO TEMPORALE TRA RICERCA ED EVOLUZIONE GENETICA ( SELEZIONE )

23 ULTIMI 10 ANNI INCREMENTO PRODUTTIVO DI KG 883 DI LATTE (+7%) % DI GRASSO % DI PROTEINE

24 FRISONA ITALIANA CAPI FONTE AIA 2009 ( P/V) Grasso 3.79% Proteina 3.48%

25

26 PGA TREND PRODUTTIVI PERIODO FONTE ANAFI

27 CORRELAZIONE TRA GRASSO PERCENTUALE TASSO DI CONCEPIMENTO ALLA PRIMA OVULAZIONE. CORRELAZIONE GENETICA TRA PRODUZIONE E GRASSO PERCENTUALE CON LA CHETOSI SUB-CLINICA.

28 GLI ASSETTI ORMONALI E METABOLICI Inizio lattazione Alta produzione Prolattina ng/ml GH ng/ml Insulina μui/ml Tiroxina ng/ml Glucosio mg/ml NEFA μequi./l BHBA mg/ml Acido lattico mg/ml Bassa produzione Prolattina ng/ml GH ng/ml Insulina μui/ml Tiroxina ng/ml Glucosio mg/ml NEFA μequi./l BHBA mg/ml Acido lattico mg/ml Asciutta

29 GIORNI DELLA PRIMA OVULAZIONE POST-PARTUM E CONCENTRAZIONE PLASMATICA DI ALCUNI FATTORI METABOLICI IN VACCA AD ALTO E BASSO MERITO GENETICO Prima ovulazione Insulina GH BHBA Glucosio Urea Post-partum Basso 21.1 ± ± ± ± ± ± 0.25 Alto 28.2 ± ± ± ± ± ± 0.26 J.Gong & B.Webb

30 Comparazione metabolica ed endocrina del diabete umano con l inizio lattazione della vacca da latte. Diabete tipo 1 Diabete tipo 2 Vacca post-partum Insulina ematica Basso Alto Basso Sensibilità all insulina Basso Basso Basso Glucosio ematico Alto Alto Basso GH ematico Alto Basso Alto IGF-1 ematico Basso Normale Basso GHR epatici Basso Alto Basso Lucy M. 2006

31 Schema della potenziale sequenza fisiologica che può produrre il cambiamento nella fisiologia riproduttiva della vacca d alta produzione EFFETTI ACUTI ( FREQUENZA DEI PASTI ) ALTA INGESTIONE EFFETTI A LUNGO TERMINE ( IPERTROFIA EPATICA ED INTESTINALE ) FLUSSO ELEVATO DI SANGUE AL DIGERENTE FLUSSO ELEVATO DI SANGUE AL FEGATO METABOLISMO ELEVATO DI ESTROGENI E PROGESTERONE RIDUZIONE DI PROGESTERONE ED ESTROGENI EMATICA VARIAZIONI RIPRODUTTIVE INIBIZIONE METABOLISMO ESTROGENI E PROGESTERONE????? SUPPORTO DI ESTROGENI E PROGESTRONE?????? DIMINUZIONE DEL TASSO DI CONCEPIMENTO AUMENTATE PERDITE EMBRIONALI AUMENTO DEL TASSO DI OVULAZIONI MULTIPLE RIDUZIONE DEL COMPORTAMENTO ESTRALE Wilthank 2006

32 FEGATO ( Glicogene) RIPARTIZIONE DEI METABOLITI OSSIDABILI RIPRODUZIONE CIBO METABOLITI OSSIDABILI TERMOREGOLAZIONE MANTENIMENTO CELLULARE LOCOMOZIONE TESSUTO ADIPOSO ( Acidi grassi) CRESCITA PRODUZIONE

33 LE PRIORITA FUNZIONI ESSENZIALI Mantenimento cellulare basale Circolazione. Attività neurale. Produzione di latte FUNZIONI RIDUCIBILI Termoregolazione. Locomozione. Crescita. FUNZIONI SOSPENDIBILI Riproduzione Stoccaggio energetico come grasso

34 INSULINA Carenza d Insulina Diminuisce l uptake di glucosio ( non a livello mammario ) Aumenta il catabolismo proteico Aumenta la lipolisi Iperglicemia. Glicosuria. Diuresi osmotica. Deplezione degli elettroliti. Aumentano gli aminoacidi plasmatici. Aumentano le perdite di azoto con le urine Disidratazione Acidosi Incremento di NEFA plasmatici. Incremento della chetogenesi. Incremento della chetonuria. Incremento della chetonemia. Coma e morte

35 INSULINA L insulina ha un ruolo importante sulla fertilità. In vitro aumenta la produzione di progesterone dalle cellule della granulosa ( potenziando la risposta alla stimolazione delle gonadotropine). L ipo-insulinemia, tipica del NEBAL, deprime l output di estradiolo follicolare. L insulina stimola la sintesi di IGF-1 che sua volta stimola la steroidogenesi follicolare. Una iniezione d insulina induce un brusco calo della produzione di latte. L insulina riduce la produzione di grasso nel latte. Un alta concentrazione di NEFA induce insulino-resistenza.

36 RECETTORI DELL ORMONE SOMATOTROPO E DELL IGF-1 TEX ADIPOSO GH MUSCOLI METABOLISMO FEGATO MIOMETRIO SINTESI ENDOMETRIO IGF-1I IGFBP-3 INIBIZIONE OVIDOTTO IPOTALAMO IPOFISI CORPO LUTEO FOLLICOLO NEB MALNUTRIZIONE PARTO MALATTIE INVECCHIAMENTO IGF OVARICA

37 Variabile Ingestione Vacche geneticamente superiori Più elevata. L ingestione aumenta alcune settimane dopo il parto dopo il picco di lattazione Vacche trattate con somatotropina L ingestione aumenta alcune settimane dopo l aumento del picco di produzione Digeribilità degli alimenti Riserve corporee Scarse differenze Maggior uso delle riserve all inizio lattazione Scarse differenze Aumentato ricorso alle riserve corporee per supportare la maggiore produzione nella prima settimana di somministrazione della somatotropina Mantenimento Minori differenze Nessuna differenza Efficienza parziale della Minori differenze Nessuna differenza sintesi del latte Ghiandola mammaria Maggiore quantità di tessuto secretorio. Non è conosciuta l attività per cellula secretoria. Riproduzione Efficienza Aumentano le esigenze manageriali per ottimizzare le performance riproduttive Aumenta perché il mantenimento rappresenta una piccola proporzione dei nutrienti consumati Aumento del numero delle cellule secretorie. E teorizzato un aumento della capacità di sintesi delle cellule Sconosciuto. E richiesto un buon management riproduttivo. Aumenta perché il mantenimento rappresenta una piccola proporzione dei nutrienti consumati BAUMAN 1987

38

39 UN ESEMPIO TRA TUTTI IL BILANCIO ENERGETICO NEGATIVO DEL POST-PARTUM ( ovvero manca energia )

40 Vacche che perdono un punto o più di BCS ad inizio lattazione hanno un peggioramento del tasso di concepimento. La riduzione della fertilità come conseguenza del NEBAL può essere spiegata da un prolungato anaestro anavulatorio ( Staples et al ). Esiste una correlazione positiva tra inizio dei cicli ovulatori ed incremento del tasso di concepimento ( Buttler 2000 ). Il progesterone aumenta durante i primi due o tre cicli ovulatori post partum ( Villa Godoy et al 1988 )

41 L anaestro occorre quando si perde più del 20 25% del peso iniziale. Il bilancio energetico negativo influenza il follicolo dominante non i follicoli piccoli e medi. Vacche con NEBAL durante i primi 9 giorni post partum, hanno meno progesterone durante i loro primi tre cicli estrali

42 ASSETTO ORMONALE DEL POST-PARTUM GH Prolattina IGF-I, Insulina Tiroxina Leptina Produzione di latte Glucagone Bilancio energetico Mt Mt

43 Fabbisogni energetici Apporti Bilancio Bertics 1992

44 Fabbisogni proteici Apporti Bilancio Bertics 1992

45 IL BILANCIO ENERGETICO NEGATIVO DEL POST-PARTUM LA BOVINA PRODUCE PARTE DEL LATTE UTILIZZANDO LE SUE RISERVE CORPOREE DI PROTEINE, GRASSI, GLUCOSIO E MINERALI. LA BOVINA HMG HA UNA CAPACITA D INGESTIONE ELEVATA. C E UN LIMITE NELLA PRODUZIONE/ ASSORBIMENTO DI PROPIONATI RUMINALI. C E UN LIMITE NELLA GLUCONEOGENESI EPATICA. C E UN LIMITE NELL ASSORBIMENTO INTESTINALE DI GLUCOSIO.

46 INTERVALLO PARTO- ATTIVITA LUTEINICA giorni % PARTO- CONCEPIMENTO giorni NUMERO FECONDAZIONI X GRAVIDANZA < > Darwash 1997

47 Regressione lineare del numero di giorni alla prima ovulazione sul numero di giorni dal nadir del bilancio energetico negativo

48 Numero di giorni alla prima ovulazione in vacche con differenti perdite di BCS nei primi 30 giorni dopo il parto Beam and Buttler 1997

49 NEBAL Bilancio energetico negativo Azione diretta sulla riproduzione Lipidosi epatica o Fatty liver Chetosi clinica e sub-clinica

50

51 PREVISIONE DEL LIVELLO DI FABBISOGNI ED APPORTI DEL GLUCOSIO EMATICO

52 IL BILANCIO ENERGETICO NEGATIVO GLUCONEOGENESI EPATICA LATTOSIO POOL GLUCOSIO AMIDO INTESTINALE ALTRI METABOLITI CICLO DI KREBS LATTE ATP

53 PROPIONATI ( IL 76%) primario regolatore dell ingestione AMINOACIDI GLUCOGENETICI principalmente Alanina LATTATI GLICEROLO i-butirrati n-valerati SINTESI EPATICA DEL GLUCOSIO

54

55 PANCREAS Amilasi AMIDO INTESTINO GLUCOSIO AMIDO CELLULOSE EMICELLULOSE AMIDO( Parte ) CELLULOSE EMICELLULOSE

56 Massimo contributo dei substrati alla gluconeogenesi nel fegato SUBSTRATO CONTRIBUTO MAX % Propionato Aminoacidi Lattato 15 Glicerolo Piccole quantità Seal e Reynolds 1993

57 BILANCIO PROTEICO NEL POST PARTO A.Bell e B.Burhans 1999

58 MOLTO FREQUENTI SONO LE CARENZE PROTEICHE Gli aminoacidi sono un substrato importante per la gluconeogenesi. I più importanti sono Alanina e Glutamina. La leucina stimola la produzione di mrna pancreatico per l Insulina I non utilizzabili sono Lisina e Leucina. La maggiore quantità di aminoacidi deriva dai muscoli scheletrici. Gr 100 di aminoacidi producono gr 58 di glucosio

59 DEFICIT RELATIVO DI CALORIE E PROTEINE ED IMMUNITA La Glutammina è l aminoacido più utilizzato nella gluconeogensi. E carente nel diabete mellito. E carente nell acidosi metabolica. Nel DRCP si osserva una atrofia diffusa del tex linfoide con un declino del 50%delle cellule T circolanti, una ridotta fagocitosi ed immunità cellulo-mediata. Una malattia riduce del 40% l energia disponibile es. Mantenimento ~10 Mcal/die 40% corrisponde a 4 Mcal ossia Kg 2.5 di dieta.

60 LE PROTEINE LABILI QUOTA DI AZOTO COMPLESSIVO PRESENTE NELL ANIMALE CHE PUO ESSERE RIMOSSO E/O ACCUMULATO A SECONDO DELLE NECESSITA TALE FRAZIONE PUO RAPPRESENTARE IL 20% DELL AZOTO TOTALE SI COSTITUISCE/RIPRISTINA IN ASCIUTTA.

61 ACIDOSI RUMINALE SUB-CLINICA

62 ACIDO ACETICO ACIDO PROPIONICO ACIDO BUTIRRICO ACIDO LATTICO

63

64 PRODUZIONE TOTALE GIORNALIERA DI AGV NB : Kg 1 di RDOM produce 7.4 Eq di AGV MATERIA ORGANICA INGERITA OM Varia dal 29% al 67% ossia da Kg 5.7 a 15.4 die 5 MOL di AGV x Kg s.s. ingerita Gr 340±72 AGV x Kg sostanza secca BOVINA BOVINA CHE CHE INGERISCE INGERISCE Kg Kg DI DI SOSTANZA SOSTANZA SECCA SECCA PRODUCE PRODUCE Gr Gr di di AGV AGV MATERIA ORGANICA DEGRADATA RDOM

65 PRODOTTI DALLO STR.BOVIS E LATTOBACILLI

66 CORRELAZIONE TRA ph ED EFFICIENZA NELLA SINTESI PROTEICA MICROBICA ( A ) E FLUSSO DI AZOTO BATTERICO ( B ). Bach 2005

67 EFFETTO DELL INGESTIONE SUL ph RUMINALE Oetzel 2003

68 LA PRODUZIONE DI AGV, DA PARTE DELLA MICROFLORA RUMINALE, SUPERA LA CAPACITA DEL RUMINE DI NEUTRALIZZARLA O DI ASSORBIRLA

69 La superfice dipende dalle dimensioni del rumine, dal riempimento e dalla superficie delle papille H+ > 50 % PARETE DEL RUMINE Il tasso d assorbimento dipende dalla superficie dal ph e dal gradiente di concentrazione.

70 TRASPORTO DEGLI SCFA ( Acidi grassi a corta catena ) ATTRAVERSO L EPITELIO DEL RUMINE HCO3ˉ HPO4 ²ˉ salivari meccanismo di neutralizzazione Forma protonata Forma dissociata prevalente proteine di scambio anionico SCFAˉ /HCO3ˉ assorbimento attivo assorbimento passivo 0.5 mol prodotte x 1 mole di SCFA assorbita Nel tex portale arriva l 85% degli SCFA assorbiti, specie il butirrato. 5 MOL/Kg ss > 4.5 mol di H+ 85% assorbito da qui. pk è 4.9

71 RILASCIO DI PROTONI NEL RUMINE E NEL SANGUE DA PARTE DELL EPITELIO RUMINALE NH3 NH4 + Alcalinizza il citoplasma ACIDIFICA IL CITOPLASMA HSCFA

72 Na+/H+ exchange Clˉ/HCO3ˉ EXCHANGE DEROGA AI FABBISOGNI MINERALI PER DISALLINEAMENTO TEMPORALE RICERCA/SELEZIONE

73 I LIMITI DELLA PRODUZIONE RUMINALE ED ASSORBIMENTO DI PROPIONATO IL PROPIONATO RUMINALE PUO LIMITARE LA CAPACITA D INGESTIONE. IL PROPIONATO NELLA VENA PORTA PUO LIMITARE L INGESTIONE.

74 ENDOTOSSINE Infezioni o infiammazioni mammarie LPS Variazioni dell omeostasi ruminale Infezioni o infiammazioni urogenitali Infezioni intestinali

75 LPS O-SPECIFIC CHAIN: Catena polisaccaridica Costituita da unità CORE OLIGOSACCARIDICO: Tossica LIPIDE A : Porzione glicolipidica Attiva il sistema immunitario

76 ENDOTOSSINE PRINCIPALI GRAM-NEGATIVI PRESENTI NEL RUMINE Bacteroidas ruminicola. Ruminobacter amypophilus. Fibrobacter succinogenes Selelomonas ruminantium. Butyrivibro fibrosolvens. Anaerovibro lipolytica. Megasfera elsdenii. Succinimonas amylolytica. PRINCIPALI BATTERI PRESENTI IN TUTTO IL GIT ( enterobatteri) Patogeni:E.Coli, Salmonella e Yersinia. Opportunisti: Enterobacter, Klebsiella e Shigella.

77 ENDOTOSSINE MECCANISMO D AZIONE TNFα PROSTAGLANDINE PROGESTERONE Stimolato l asse ipotalamo-ipofisi-surrenale ACTH CORTISOLO

78 Possibili mediatori della soppressione endotossica della concentrazione di LH in circolo J.A.Daniel 2003

79 Soppressione endotossica della concentrazione di LH in circolo J.A.Daniel 2003

80 J.A.Daniel 2003

81 INFEZIONI,INFIAMMAZIONI, DANNEGIAMENTO DEI TESSUTI, STRESS LIPOPOLISACCARIDI FRAMMENTI DI CELLULE DANNEGGIATE SEGNALI NEURALI EPITELIO DELLE MUCOSE CHERATINOCITI MACROFAGI CELLULE KUFFER? IPOTALAMO PITUITARIA CORTECCIA SURRENALE GLUCOCORTICOIDI CITOCHINE PRO-INFIAMMATORIE SITI EXTRAEPATICI (GHIANDOLA MAMMARIA,ENTEROCITI) EPATOCITI PARTO GRAVIDANZA ESTROGENI APP POSITIVE ( LOCALI ) APP POSITIVE ( SISTEMICHE) APP NEGATIVE

82 TNF-α E prodotta in massima parte dai macrofagi. Molta è rilasciata dopo il contatto di LPS con i macrofagi. AZIONE IPOTALAMO Stimola. Il rilascio di CRH Riduce l appetito. Induce la febbre ( prostaglandine ) FEGATO Stimola la produzione di APP. Induce insulino-resistenza. Ridotta gluconeogenesi. Accumulo di trigliceridi. MACROFAGI E PMN Dai macrofagi IL- Attiità fagocitaria. Dai macrofagi PGE2 ALTRI TESSUTI Aumenta la resistenza all insulina Il catabolismo proteico e lipidico

83 VARIAZIONI GIORNALIERE DI LPS RUMINALE IN MANZE A CUI VIENE SOMMINISTRATA UNA DIETA CHE INDUCE SARA GOZHO ED AL

84 RAPPORTO TRA CONCENTRAZIONE RUMINALE DI LPS E LIVELLO DI CONCENTRATI GOZHO ED AL

85 EFFETTO DEL RAPPORTO FORAGGI-CONCENTRATI SULLA PRODUZIONE DI APP GOZHO ED AL

86 LPS RUMINALE, TEMPERATURA RETTALE, SIEROAMILOIDE A, APTOGLOBINA E ALTRE VARIABILI IN BOVINE CONTROLLO E SARA. GOZHO ED AL

87 LPS RUMINALE IN BOVINE ALIMENTATE CON UNIFEED E CONCENTRATO PER INDURRE SARA GOZHO ED AL

88 MEDIE SETTIMANALI DI ph RUMINALE E TEMPO < 5.6 IN BOVINE DA LATTE IN PERIODO DI 6 SETTIMANE KHFIPOUR 2009

89 L inganno di S.A.R.A KHFIPOUR 2009

90 KHFIPOUR 2009

91 L epilogo di S.A.R.A KHFIPOUR 2009

92 KHFIPOUR 2009

93 KHFIPOUR 2009

94 15 % 0 % 30 % 45 % 45 % 30 % 15 % 0 % Emmanuel ed al 2008

95 45 % % 0 % Emmanuel ed al 2008

96 45 % 45 % Emmanuel ed al 2008

97 Emmanuel ed al 2008

98 RISPOSTA IN BOVINE DA LATTE ALIMENTATE CON QUOTE CRESCENTI DI ORZO ZEBELI AND AMETAJ 2009

99 ZEBELI AND AMETAJ 2009

100 ZEBELI AND AMETAJ 2009

101 ZEBELI AND AMETAJ 2009

102 ZEBELI AND AMETAJ 2009

103 EFFETTO DELL INDUZIONE SPERIMENTALE DI SARA SUL ph RUMINALE, LA CONCENTRAZIONE DI LPS NEL FLUIDO RUMINALE E DI SAA E APTOGLOBINA NEL SANGUE PERIFERICO J.C.Plaizier ed al. 2009

104 DIAGNOSTICA

105 CLASSIFICAZIONE Acidosi ruminale acuta (ARA) ( ph < 5.0 nocek ph < 5.5 Sauvant ) Acidosi ruminale sub-acuta ( SARA ) ( ph < 5.5 Nocek ) Acidosi ruminale cronica ( ph < 5.6 Owens ph < 6.25 Sauvant)

106 Sintomatologia Basso BCS. Depressa o variabile ingestione. Cali giornalieri della produzione di latte. Diarree transitorie di odore acido. Alta % di riforma per zoppie ( > 45% ) Ulcere soleari in oltre il 10% delle mandria. Presenza di ascessi epatici, pielonefriti e ruminiti. Polipnea. Ridotta immunità. Riduzione del grasso nel latte?????? Elevata percentuale di proteina nel latte???

107 LA RIDUZIONE DEL GRASSO DEL LATTE PER LO SHIFT ACETATO/PROPIONATO? PER AZIONE DELL INSULINA ( LIPOGENETICA)? PER GLI ISOMERI TRANS DEL C 18: 2?

108 LA DIGESTIONE INTESTINALE DEGLI AMIDI MOLTO VANTAGGIOSA AI FINI ENERGETICI. LE VARIABILI IN GIOCO MOLTO ELEVATE. NON CI SONO ANCORA MODELLI MATEMATICI AFFIDABILI.

109 LA DIGESTIONE INTESTINALE DEGLI AMIDI MOLTE LE VARIABILI TIPO DI AMIDO. TRATTAMENTI TECNOLOGICI. QUANTITA DI AMILASI PANCREATICA. CONCENTRAZIONE PROTEICA ALL INTESTINO. VELOCITA DI TRANSITO.

110 GRAZIE PER L ATTENZIONE! BLOG

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI 12 MEETING DEI RESPONSABILI E DEI TECNICI DI LABORATORIO DEL SETTORE LATTIERO CASEARIO 6-7

Dettagli

Aspetti nutrizionali delle bovine da latte ad alta produzione mirati all incremento della fertilità

Aspetti nutrizionali delle bovine da latte ad alta produzione mirati all incremento della fertilità Provincia di Novara-Assistenza Tecnico Zootecnica 21 novembre 2008 Aspetti nutrizionali delle bovine da latte ad alta produzione mirati all incremento della fertilità Prof.Giovanni Savoini Università degli

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione DOSSIER / LE GRANDI TENDENZE La solidità economica delle aziende zootecniche è un obiettivo possibile. Ma per raggiungerlo non è sufficiente far crescere le performance produttive delle bovine: si devono

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici DIMORFIPA Facoltà Medicina Veterinaria BOLOGNA L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici Andrea Formigoni Convegno CRPA Parma, 6 Ottobre 2006 ALIMENTAZIONE AZOTATA L

Dettagli

Diabete e attività fisica

Diabete e attività fisica Diabete e attività fisica Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Tipologia del Diabete Diabete mellito tipo 1 E caratterizzato dalla

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo L equilibrio tra proteolisi e sintesi determina la crescita, l ipertrofia e l atrofia del muscolo L equilibrio è anche importante per l omeostasi generale

Dettagli

MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE. dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE. Prof. Dr. Pier Luigi Rossi

MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE. dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE. Prof. Dr. Pier Luigi Rossi ALICONS SCUOLA DI ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE P R E S E N T A N O MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE Prof. Dr. Pier Luigi Rossi PROGRAMMA 25 CREDITI

Dettagli

Masoero: quale nutrizione azotata

Masoero: quale nutrizione azotata Le posizioni del docente piacentino sulla nutrizione azotata della bovina da latte e sull efficienza di utilizzazione amminoacidica. Da un recente convegno Crpa Alimentazione Masoero: quale nutrizione

Dettagli

Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine

Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Conferenze di zootecnia, assistenza tecnica 2010/2011 Provincia di Novara Armeno 18 febbraio 2011 Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Prof. Giovanni Savoini

Dettagli

Vol. VII Marzo 2012 N 1 BIOCHIMICA E CLINICA DEL TRATTAMENTO AMINOACIDICO

Vol. VII Marzo 2012 N 1 BIOCHIMICA E CLINICA DEL TRATTAMENTO AMINOACIDICO Vol. VII Marzo 2012 N 1 BIOCHIMICA E CLINICA DEL TRATTAMENTO AMINOACIDICO Maurizio Ceccarelli & Coll. International Centre for Study and Research in Aesthetic and Physiological Medicine Con questo temine

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

Destino degli alimenti assorbiti

Destino degli alimenti assorbiti Destino degli alimenti assorbiti Immediatamente utilizzati a scopo energetico (catabolismo) Usati per la sintesi (anabolismo) Immagazzinati Utilizzo dei nutrienti Lipidi Carboidrati Proteine intestino

Dettagli

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Achieving good water quality status in intensive animal production areas ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Pizzighettone 19

Dettagli

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina Definizione dal punto di vista alimentare: Materiale presente negli alimenti lentamente digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tratto gastrointestinale. (D.R. Mertens) 17/10/2012 1 Definizione

Dettagli

Consumo dietetico raccomandato (RDA) di proteine in adolescenti e adulti: 0,9 0,8 0,9 0,8 Grammi al giorno in relazione al peso medio*

Consumo dietetico raccomandato (RDA) di proteine in adolescenti e adulti: 0,9 0,8 0,9 0,8 Grammi al giorno in relazione al peso medio* DOMANDA:Cosa sono le proteine, come introdurle con la dieta (alimenti e integratori)? PROTEINE Le proteine sono macromolecole formate da una sequenza di aminoacidi (essenziali e non essenziali) dettata

Dettagli

Siamo quello che mangiamo

Siamo quello che mangiamo Siamo quello che mangiamo Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dell armonia psico-fisica organismo è una macchina biochimica che consuma carburante

Dettagli

Metabolismo degli amminoacidi. Ciclo dell urea

Metabolismo degli amminoacidi. Ciclo dell urea Metabolismo degli amminoacidi Ciclo dell urea Biosintesi di amminoacidiporfirine, creatina, carnitina, ormoni, nucleotidi Gli amminoacidi possono subire una degradazione ossidativa in 3 diverse situazioni

Dettagli

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi Seminario sul tema: La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Federazione Italiana Rugby Centro Studi FIR Lunedì 14 Gennaio 2008, ore 14.30 Facoltà di Scienze Motorie, Verona Università

Dettagli

Gestione Se l asciutta è breve

Gestione Se l asciutta è breve Ricercatori canadesi, statunitensi e olandesi indagano su come mantenere le bovine produttive e sane anche con un periodo di asciutta inferiore a 60 giorni Gestione Se l asciutta è breve di Roberta Sguerrini

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Il 15 dicembre scorso l ARAV in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Animali dell Università di Padova, ha

Dettagli

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609.

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609. REPORT TECNICO: RISULTATI DELL ANALISI Nella tabella vengono indicati tutti i parametri ed i geni che vengono studiati facendo il test NUTRI-GENOKIT : una guida completa verso l alimentazione personalizzata.

Dettagli

forme diabetiche Diabete di tipo I o magro o giovanile (IDDM): carenza primaria di insulina, più frequente nei giovani e nei bambini. Il deficit insulinico consegue (per predisposizione ereditaria o per

Dettagli

Fertilità Tutta la complessità del rilevamento dei calori

Fertilità Tutta la complessità del rilevamento dei calori I metodi di rilevazione dei calori delle bovine? Sono fondamentalmente di tre tipi: quelli visivi, quelli assistiti e le sincronizzazioni. Ma sono molto diffuse anche le forme miste Fertilità Tutta la

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli

I fattori biologici e tecnologici che influenzano produzione e qualità del latte

I fattori biologici e tecnologici che influenzano produzione e qualità del latte AGGIORNAMENTO PER PERITI AGRARI I fattori biologici e tecnologici che influenzano produzione e qualità del latte Dr. Severino Segato Dr.ssa Roberta De Nardi Dip. di Medicina Animale, Produzioni e Salute

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas dinametan : Foraggi e fatti Una crescente pressione sulla redditivitá e l efficienza

Dettagli

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte.

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Farine animali Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Vengono impiegate in virtù per il loro elevato livello di aminoacidi e minerali ma sono anche ricche

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Biochimica clinica

Domande relative alla specializzazione in: Biochimica clinica Domande relative alla specializzazione in: Biochimica clinica Domanda #1 (codice domanda: n.403) : Nell'ibridazione fluorescente in situ (Fluorescent in situ hybridization "FISH"), che tipo di sonde fluorescenti

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013

Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013 Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013 PRIME CURE pulizia di naso e bocca disinfezione ombelico Sol. Iodata 7% - Betadine NON esterna NO pinze, mollette, legature,

Dettagli

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014 ESERCIZIO FISICO E DIABETE Prof. Nicola Candeloro Campobasso 9 Aprile 2014 Steve Redgrave 5 volte oro olimpico (1984,1988,1992,1996,2000) Diabete tipo 1 Effetti del training sul metabolismo energetico

Dettagli

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Linee di mangimi per vacca da latte Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Indice Perfecta. Perfetto equilibrio tra fonti proteiche naturali per la migliore efficienza produttiva

Dettagli

NUTRIZIONE ANIMALE FATTORI GENETICI PRODUZIONE ANIMALE. FATTORI ECOLOGICI: Clima, suolo

NUTRIZIONE ANIMALE FATTORI GENETICI PRODUZIONE ANIMALE. FATTORI ECOLOGICI: Clima, suolo NUTRIZIONE ANIMALE FATTORI GENETICI PRODUZIONE ANIMALE FATTORI ECOLOGICI: Clima, suolo Le basse temperature asportano energia dall animale domestico. L energia persa dall animale deve essere recuperata

Dettagli

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra DOSSIER / UNIFEED L università americana ha presentato un setaccio da 4 mm utile per la misura della fibra pendf. Da una sperimentazione svolta nel Trentino le sue caratteristiche, la sua applicazione

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Il diabete mellito e la valutazione dell omeostasi glicemica

Il diabete mellito e la valutazione dell omeostasi glicemica Il diabete mellito e la valutazione dell omeostasi glicemica Glicolisi Glicolisi aerobica: Glucosio+6O2+35.5(ADP+Pi)- - > 6CO2+35.5 ATP Glicolidi anaerobica (Ambden- Meyerhof) Glucosio+3(ADP+Pi) - - >

Dettagli

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool Nutrizione E il processo attraverso il quale l organismo utilizza i nutrienti ingeriti con il cibo. La nutrizione valuta: - le interazioni tra organismi viventi e cibo - le azioni ed interazioni dei nutrienti,

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Diabete anche loro possono ammalarsi Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Il diabete Il diabete mellito è una malattia caratterizzata da un aumento dei livelli di zucchero (glucosio)

Dettagli

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo degli aminoacidi I composti azotati L azoto contenuto nella cellula è presente soprattutto negli AMINOACIDI delle proteine e nelle

Dettagli

Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni. Termoregolazione. gravemente compromessa. Termoregolazione

Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni. Termoregolazione. gravemente compromessa. Termoregolazione La termoregolazione -10 C +40 C Limite superiore di sopravvivenza Termoregolazione gravemente compromessa Termoregolazione efficiente Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni Malattie febbrili e

Dettagli

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K Università di Roma Tor Vergata Scienze della Nutrizione umana Biochimica della nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano A.A. 2009-2010 Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K VITAMINA D FONTI dieta: necessita

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto RIZA Sommario Capitolo 1 Le vitamine, sostanze indispensabili al corpo 7 Capitolo 2 La vitamina C: formula, storia

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

Lo svezzamento è l evento più significativo

Lo svezzamento è l evento più significativo STRATEGIE PER MIGLIORARE LA FUNZIONALITÀ INTESTINALE Da vari studi emergono indicazioni per ridurre il più possibile lo stress di tipo nutrizionale, immunologico e psicologico a cui sono soggetti i suinetti

Dettagli

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010 Lezione di alimentazione Claudio Caldini i Una corretta alimentazione non è sufficiente per vincere una gara ma un alimentazione insufficiente può sicuramente farla perdere Prof. Giuseppe Masera Responsabile

Dettagli

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11. I nutrienti. Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11. I nutrienti. Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11 11 I nutrienti Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi I nutrienti che hanno un ruolo importante nel nostro organismo

Dettagli

La salute, per gli animali di allevamento

La salute, per gli animali di allevamento FORAGGICOLTURA inserto SPECIALE Erba medica: un alimento ricco e salutare L erba medica è una coltura fondamentale nell ordinamento foraggiero di una stalla da latte. L importante è impiegare una varietà

Dettagli

Sostituisci 1 o 2 dei tre pasti principali giornalieri con altrattanti shake FORMULA 1 PRO

Sostituisci 1 o 2 dei tre pasti principali giornalieri con altrattanti shake FORMULA 1 PRO SOSTITUTO DEL PASTO PER SPORTIVI Prima dell allenamento, scegli una nutrizione che ti dà sicurezza. Nutrizione bilanciata ricca di carboidrati, proteine, vitamine e minerali, Formula 1 Pro è un sostituto

Dettagli

Corretti regimi nutrizionali nella prescrizione dell esercizio fisico

Corretti regimi nutrizionali nella prescrizione dell esercizio fisico Dipartimento di Scienze della Salute Corretti regimi nutrizionali nella prescrizione dell esercizio fisico Prof. Attilio Parisi Dipartimento di Scienze della Salute Università di Roma Foro Italico Milano

Dettagli

La proteina nella dieta del bovino da carne

La proteina nella dieta del bovino da carne I prezzi delle farine di soia, colza e girasole stanno raggiungendo livelli troppo alti. Di qui l interesse verso approcci alternativi alla questione delle fonti proteiche Alimentazione La proteina nella

Dettagli

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Cavallucci Clarita Medico Veterinario Ph.D. claritacavallucci@alice.it

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Bilancio Per contenere il costo alimentare

Bilancio Per contenere il costo alimentare Consigli tecnici e gestionali per ridurre questo tipo di costo di produzione, dal campo alla mangiatoia Bilancio Per contenere il costo alimentare Le autrici sono del servizio tecnico della Comazoo di

Dettagli

Alimentazione del suino

Alimentazione del suino Alimentazione del suino Corretto razionamento fabbisogni degli animali Momento fisiologico Sesso Clima Tipo di suino (leggero o pesante) Quantità e modalità di distribuzione degli alimenti Tipo genetico

Dettagli

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI 1 Obiettivi della lezione 1) Capire come l organismo converta il cibo che ingeriamo in ATP per fornire ai muscoli l energia che essi necessitano per contrarsi. 2) Esaminare

Dettagli

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Con il 3 opuscolo si conclude la raccolta di note tecniche edita dal Servizio Produzioni Zootecniche dedicata alle problematiche

Dettagli

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!!

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!! Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Il concetto che una caloria è una caloria sta alla base di molte delle strategie proposte per perdere peso In accordo al principio: si mangia troppo ci si muove

Dettagli

realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale tratta da "Invito alla biologia" ed. Zanichelli

realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale tratta da Invito alla biologia ed. Zanichelli realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale tratta da "Invito alla biologia" ed. Zanichelli 1 GLI ORMONI Gli ormoni sono molecole segnale che contribuiscono a coordinare l attività di parti differenti

Dettagli

Una dieta corretta, unita ad allenamenti adeguati, è infatti in grado di migliorare in modo significativo il rendimento sportivo.

Una dieta corretta, unita ad allenamenti adeguati, è infatti in grado di migliorare in modo significativo il rendimento sportivo. IL CIBO DEGLI ATLETI E ovvio supporre che agli atleti di alto livello venga prescritto un regime alimentare dettato dalle più avanzate conoscenze nutrizionali, affinchè possano esprimere il massimo delle

Dettagli

ALIMENTAZIONE DELL ATLETA

ALIMENTAZIONE DELL ATLETA ALIMENTAZIONE DELL ATLETA 1 Linee guida di alimentazione dell atleta L alimentazione ha un ruolo determinante nella pratica sportiva sia nella fase d allenamento che di gara. I principi di alimentazione

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione RUMINAZIONE È DEFINITO COME QUEL COMPLESSO DI ATTIVITÀ AVENTI COME SCOPO LA RI-MASTICAZIONE DI PORZIONI DELLE INGESTA CHE GIÀ HANNO SOGGIORNATO NEL RUMINE SUBENDO PARZIALE DIGESTIONE FERMENTATIVA FASE

Dettagli

Metabolismo GLUCIDICO

Metabolismo GLUCIDICO Metabolismo GLUCIDICO COMPOSIZIONE DI UN ORGANISMO ADULTO Altro 3% Acqua 60% Carboidrati 1% Proteine 16% Lipidi 20% CALORIE TEORICHE PRODOTTE DALL OSSIDAZIONE COMPLETA DEI VARI SUBSTRATI (uomo adulto 70

Dettagli

Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso

Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Meccanismi di comunicazione cellulare Classificazione degli ormoni Tipologie di recettori ghiandola ormone/i principali azioni fisiologiche ipotalamo

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Erba medica: non solo proteine

Erba medica: non solo proteine DAI CAMPI ALLA MANGIATOIA Erba medica: non solo proteine Quando si parla di erba medica nell alimentazione animale, ci si sofferma soprattutto sul suo elevato contenuto di proteine (circa il 20% del peso

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale)

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 53480 CCV: 1ad Data: 07/11/2012

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

SEZIONE 1. I nutrienti 1. NUTRIENTI ENERGETICI 2. NUTRIENTI INORGANICI 3. VITAMINE

SEZIONE 1. I nutrienti 1. NUTRIENTI ENERGETICI 2. NUTRIENTI INORGANICI 3. VITAMINE SEZIONE 1 I nutrienti 1. NUTRIENTI ENERGETICI 2. NUTRIENTI INORGANICI 3. VITAMINE 1. NUTRIENTI ENERGETICI 1.1 GENERALITÀ Da un punto di vista termodinamico, possiamo considerarci un sistema aperto, cioè

Dettagli

Opuscolo n. 1 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI

Opuscolo n. 1 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Opuscolo n. 1 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Il comparto ovino con 12.300 aziende*, 3.300.000 pecore* e 550.000 q.li annui di formaggi prodotti dall'industria lattierocasearia

Dettagli

alimentazione nel marciatore e idratazione SALUZZO Centro Federale La marcia italiana dopo Atene 5 dicembre 2003 Lorenzo Somenzini della Marcia

alimentazione nel marciatore e idratazione SALUZZO Centro Federale La marcia italiana dopo Atene 5 dicembre 2003 Lorenzo Somenzini della Marcia SALUZZO Centro Federale della Marcia 5 dicembre 2003 FEDERAZIONE ITALIANA DI ATLETICA LEGGERA La marcia italiana dopo Atene alimentazione e idratazione nel marciatore Lorenzo Somenzini le esigenze del

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli