LA NUTRIZIONE CLINICA NELLA BOVINA DA LATTE. Alessandro Fantini DVM Dairy Production Medicine Specialist F.P.A. srl

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NUTRIZIONE CLINICA NELLA BOVINA DA LATTE. Alessandro Fantini DVM Dairy Production Medicine Specialist F.P.A. srl www.fantiniprofessionaladvice."

Transcript

1 LA NUTRIZIONE CLINICA NELLA BOVINA DA LATTE Alessandro Fantini DVM Dairy Production Medicine Specialist F.P.A. srl

2 OBIETTIVI 1. RAPPORTO TRA BUIATRA E NUTRIZIONE DELLA VACCA DA LATTE. 2. RAPPORTO TRA BUIATRA E ALIMENTARISTA. ( SINERGIA O CONFLITTO). 3. LA NUTRIZIONE CLINICA DELLA VACCA DA LATTE. ( CLINICAL NUTRITION FOR FOOD ANIMAL )

3 SPESSO SI SENTE NON C E FERTILITA PERCHE MANCA ENERGIA. ( PERCHE NON METTERLA? ) L ECCESSO PROTEICO ( CON QUELLO CHE COSTA! ) E COLPA DELLE MICOTOSSINE. ( QUALI? ) SONO INTOSSICATE. ( DA COSA? ) LE VACCHE SONO SFRUTTATE. ( MA SE MANCA L ENERGIA )

4 DEFINIZIONI LA NUTRIZIONE E QUELLA SCIENZA CHE STUDIA I RAPPORTI ESISTENTI TRA I PRINCIPI NUTRITIVI O NUTRIENTI ED I FABBISOGNI METABOLICI DI UN ORGANISMO VIVENTE. COMPOSTI AZOTATI LIPIDI CARBOIDRATI NON STRUTTURALI VITAMINE MINERALI ACQUA Emicellulosa Cellulosa Lignina ADL ADF NDF LA CELLULA VEGETALE

5 ACQUA COMPOSTI AZOTATI NON PROTEICI NPN PROTEICI Urea,amine,etc. Aminoacidi liberi. Aminoacidi essenziali. Aminoacidi non essenziali. MATERIA ORGANICA ( C,H,O,N) LIPIDI SEMPLICI COMPOSTI Steroli e Acidi grassi. Trigliceridi Fosfolipidi. Cere. ALIMENTO SOSTANZA SECCA CARBOIDRATI COMPOSTI FENOLICI VITAMINE NON STRUTTURALI NSC o NFC STRUTTURALI LIPOSOLUBILI IDROSOLUBILI Zuccheri. Amido. Pectine. Emicellulose Cellulose Lignina,Tannini.etc. Provitamina A. Vitamina A,D2,D3,E,K. Compesso B. Vitamina C. MATERIA INORGANICA (MINERALI) ESSENZIALI POSSIBILI ESSENZIALI MACRO MICRO Ca,Cl,Mg,P,K,Na,S. Cr,Co,Cu,F,I,Fe,Mn,Mo,Se. Ba,Br,Ni,Sr,Sn.V.

6 LA NUTRIZIONE DEI MONOGASTRICI POOL DEI NUTRIENTI SISTEMI ENZIMATICI SANGUE DIRETTAMENTE ASSORBITI

7 LA NUTRIZIONE DEI RUMINANTI POOL DEI NUTRIENTI BY-PASS BIOMASSA AGV SANGUE RUMINE-RETICOLO INTESTINO

8 REQUISITI PER IL NUTRIZIONISTA DEI RUMINANTI ( OLTRE AI FABBISOGNI NUTRITIVI ) CONOSCENZA DELLA CHIMICA E DELLA MICROBIOLOGIA DELLE FERMENTAZIONI RUMINALI. CONOSCENZA DELLE PECULIARITA NELLA FORMAZIONE DEL POOL DEL GLUCOSIO ( GLUCONEOGENESI). CONOSCENZA DELLE PECULIARITA DEI MECCANSIMI D ASSORBIMENTO DEI NUTRIENTI A LIVELLO INTESTINALE ( AMIDI). INTERAZIONI TRA NUTRIZIONE E ASSETTI ORMONALI.

9 LA NUTRIZIONE DEI RUMINANTI NUTRIZIONE DI BASE NUTRIZIONE CLINICA ESISTE UNA PROFONDA ANALOGIA TRA NUTRIZIONE DI BASE E NUTRIZIONE SPORTIVA LA BOVINA E UN ATLETA METABOLICO

10 LA NUTRIZIONE DI BASE DEFINIZIONE APPORTO DI NUTRIENTI NECESSARI ALLE VARIE FASI DEL DEL CICLO PRODUTTIVO DELLA BOVINA DA LATTE AL MINOR COSTO POSSIBILE

11 LA NUTRIZIONE DI BASE CONOSCENZA DEI FABBISOGNI NUTRITIVI E DEL LEAST COST. CONOSCENZE AGRONOMICHE. I REQUISITI CONOSCENZA DELLE SOSTANZE INDESIDERATE ( QUALI- QUANTITATIVE) NEGLI ALIMENTI ZOOTECNICI. CONOSCENZE DELLE TECNICHE DI CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI. COMPETENZE SUL CONTO ECONOMICO. LA CAMPAGNA SI ADATTA AGLI ANIMALI E NON VICEVERSA ( Almeno negli animali da reddito)

12

13

14

15 SOFTWARE PER GESTIRE CNCPS ( IL MODELLO )

16 Possono esistere scuole di pensiero?

17 La Nutrizione Clinica

18 DEFINIZIONI INTERVIENE QUANDO E NECESSARIO ANDARE IN DEROGA AI FABBISOGNI. QUANDO SUSSISTONO CONDIZIONI PATOLOGICHE. QUANDO SPECIFICI NUTRIENTI POSSONO SVOLGERE UN RUOLO PROFILATTICO O TERAPEUTICO ( NUTRACEUTICA).

19 ESEMPI DELLA MEDICINA UMANA DIABETE DI TIPO UNO E DI TIPO DUE. INTOLLERANZE/ALLERGIE ALIMENTARI. L IPERTENSIONE. LO SPORT ETC.

20 ESEMPI DELLA MEDICINA VETERINARIA NUTRIZIONE DEGLI ANIMALI DA REDDITO. NUTRIZIONE & MASTITE. NUTRIZIONE & FERTILITA ( NEBAL ). NUTRIZIONE & IMMUNITA NUTRIZIONE & MALATTIE METABOLICHE.

21 ESEMPI DELLA MEDICINA VETERINARIA DISALLINEAMENTO TEMPORALE TRA RICERCA ED EVOLUZIONE GENETICA. PARATUBERCOLOSI. CLOSTRIDIOSI. L ACIDOSI RUMINALE. LO STRESS DA CALDO.

22 DISALLINEAMENTO TEMPORALE TRA RICERCA ED EVOLUZIONE GENETICA ( SELEZIONE )

23 ULTIMI 10 ANNI INCREMENTO PRODUTTIVO DI KG 883 DI LATTE (+7%) % DI GRASSO % DI PROTEINE

24 FRISONA ITALIANA CAPI FONTE AIA 2009 ( P/V) Grasso 3.79% Proteina 3.48%

25

26 PGA TREND PRODUTTIVI PERIODO FONTE ANAFI

27 CORRELAZIONE TRA GRASSO PERCENTUALE TASSO DI CONCEPIMENTO ALLA PRIMA OVULAZIONE. CORRELAZIONE GENETICA TRA PRODUZIONE E GRASSO PERCENTUALE CON LA CHETOSI SUB-CLINICA.

28 GLI ASSETTI ORMONALI E METABOLICI Inizio lattazione Alta produzione Prolattina ng/ml GH ng/ml Insulina μui/ml Tiroxina ng/ml Glucosio mg/ml NEFA μequi./l BHBA mg/ml Acido lattico mg/ml Bassa produzione Prolattina ng/ml GH ng/ml Insulina μui/ml Tiroxina ng/ml Glucosio mg/ml NEFA μequi./l BHBA mg/ml Acido lattico mg/ml Asciutta

29 GIORNI DELLA PRIMA OVULAZIONE POST-PARTUM E CONCENTRAZIONE PLASMATICA DI ALCUNI FATTORI METABOLICI IN VACCA AD ALTO E BASSO MERITO GENETICO Prima ovulazione Insulina GH BHBA Glucosio Urea Post-partum Basso 21.1 ± ± ± ± ± ± 0.25 Alto 28.2 ± ± ± ± ± ± 0.26 J.Gong & B.Webb

30 Comparazione metabolica ed endocrina del diabete umano con l inizio lattazione della vacca da latte. Diabete tipo 1 Diabete tipo 2 Vacca post-partum Insulina ematica Basso Alto Basso Sensibilità all insulina Basso Basso Basso Glucosio ematico Alto Alto Basso GH ematico Alto Basso Alto IGF-1 ematico Basso Normale Basso GHR epatici Basso Alto Basso Lucy M. 2006

31 Schema della potenziale sequenza fisiologica che può produrre il cambiamento nella fisiologia riproduttiva della vacca d alta produzione EFFETTI ACUTI ( FREQUENZA DEI PASTI ) ALTA INGESTIONE EFFETTI A LUNGO TERMINE ( IPERTROFIA EPATICA ED INTESTINALE ) FLUSSO ELEVATO DI SANGUE AL DIGERENTE FLUSSO ELEVATO DI SANGUE AL FEGATO METABOLISMO ELEVATO DI ESTROGENI E PROGESTERONE RIDUZIONE DI PROGESTERONE ED ESTROGENI EMATICA VARIAZIONI RIPRODUTTIVE INIBIZIONE METABOLISMO ESTROGENI E PROGESTERONE????? SUPPORTO DI ESTROGENI E PROGESTRONE?????? DIMINUZIONE DEL TASSO DI CONCEPIMENTO AUMENTATE PERDITE EMBRIONALI AUMENTO DEL TASSO DI OVULAZIONI MULTIPLE RIDUZIONE DEL COMPORTAMENTO ESTRALE Wilthank 2006

32 FEGATO ( Glicogene) RIPARTIZIONE DEI METABOLITI OSSIDABILI RIPRODUZIONE CIBO METABOLITI OSSIDABILI TERMOREGOLAZIONE MANTENIMENTO CELLULARE LOCOMOZIONE TESSUTO ADIPOSO ( Acidi grassi) CRESCITA PRODUZIONE

33 LE PRIORITA FUNZIONI ESSENZIALI Mantenimento cellulare basale Circolazione. Attività neurale. Produzione di latte FUNZIONI RIDUCIBILI Termoregolazione. Locomozione. Crescita. FUNZIONI SOSPENDIBILI Riproduzione Stoccaggio energetico come grasso

34 INSULINA Carenza d Insulina Diminuisce l uptake di glucosio ( non a livello mammario ) Aumenta il catabolismo proteico Aumenta la lipolisi Iperglicemia. Glicosuria. Diuresi osmotica. Deplezione degli elettroliti. Aumentano gli aminoacidi plasmatici. Aumentano le perdite di azoto con le urine Disidratazione Acidosi Incremento di NEFA plasmatici. Incremento della chetogenesi. Incremento della chetonuria. Incremento della chetonemia. Coma e morte

35 INSULINA L insulina ha un ruolo importante sulla fertilità. In vitro aumenta la produzione di progesterone dalle cellule della granulosa ( potenziando la risposta alla stimolazione delle gonadotropine). L ipo-insulinemia, tipica del NEBAL, deprime l output di estradiolo follicolare. L insulina stimola la sintesi di IGF-1 che sua volta stimola la steroidogenesi follicolare. Una iniezione d insulina induce un brusco calo della produzione di latte. L insulina riduce la produzione di grasso nel latte. Un alta concentrazione di NEFA induce insulino-resistenza.

36 RECETTORI DELL ORMONE SOMATOTROPO E DELL IGF-1 TEX ADIPOSO GH MUSCOLI METABOLISMO FEGATO MIOMETRIO SINTESI ENDOMETRIO IGF-1I IGFBP-3 INIBIZIONE OVIDOTTO IPOTALAMO IPOFISI CORPO LUTEO FOLLICOLO NEB MALNUTRIZIONE PARTO MALATTIE INVECCHIAMENTO IGF OVARICA

37 Variabile Ingestione Vacche geneticamente superiori Più elevata. L ingestione aumenta alcune settimane dopo il parto dopo il picco di lattazione Vacche trattate con somatotropina L ingestione aumenta alcune settimane dopo l aumento del picco di produzione Digeribilità degli alimenti Riserve corporee Scarse differenze Maggior uso delle riserve all inizio lattazione Scarse differenze Aumentato ricorso alle riserve corporee per supportare la maggiore produzione nella prima settimana di somministrazione della somatotropina Mantenimento Minori differenze Nessuna differenza Efficienza parziale della Minori differenze Nessuna differenza sintesi del latte Ghiandola mammaria Maggiore quantità di tessuto secretorio. Non è conosciuta l attività per cellula secretoria. Riproduzione Efficienza Aumentano le esigenze manageriali per ottimizzare le performance riproduttive Aumenta perché il mantenimento rappresenta una piccola proporzione dei nutrienti consumati Aumento del numero delle cellule secretorie. E teorizzato un aumento della capacità di sintesi delle cellule Sconosciuto. E richiesto un buon management riproduttivo. Aumenta perché il mantenimento rappresenta una piccola proporzione dei nutrienti consumati BAUMAN 1987

38

39 UN ESEMPIO TRA TUTTI IL BILANCIO ENERGETICO NEGATIVO DEL POST-PARTUM ( ovvero manca energia )

40 Vacche che perdono un punto o più di BCS ad inizio lattazione hanno un peggioramento del tasso di concepimento. La riduzione della fertilità come conseguenza del NEBAL può essere spiegata da un prolungato anaestro anavulatorio ( Staples et al ). Esiste una correlazione positiva tra inizio dei cicli ovulatori ed incremento del tasso di concepimento ( Buttler 2000 ). Il progesterone aumenta durante i primi due o tre cicli ovulatori post partum ( Villa Godoy et al 1988 )

41 L anaestro occorre quando si perde più del 20 25% del peso iniziale. Il bilancio energetico negativo influenza il follicolo dominante non i follicoli piccoli e medi. Vacche con NEBAL durante i primi 9 giorni post partum, hanno meno progesterone durante i loro primi tre cicli estrali

42 ASSETTO ORMONALE DEL POST-PARTUM GH Prolattina IGF-I, Insulina Tiroxina Leptina Produzione di latte Glucagone Bilancio energetico Mt Mt

43 Fabbisogni energetici Apporti Bilancio Bertics 1992

44 Fabbisogni proteici Apporti Bilancio Bertics 1992

45 IL BILANCIO ENERGETICO NEGATIVO DEL POST-PARTUM LA BOVINA PRODUCE PARTE DEL LATTE UTILIZZANDO LE SUE RISERVE CORPOREE DI PROTEINE, GRASSI, GLUCOSIO E MINERALI. LA BOVINA HMG HA UNA CAPACITA D INGESTIONE ELEVATA. C E UN LIMITE NELLA PRODUZIONE/ ASSORBIMENTO DI PROPIONATI RUMINALI. C E UN LIMITE NELLA GLUCONEOGENESI EPATICA. C E UN LIMITE NELL ASSORBIMENTO INTESTINALE DI GLUCOSIO.

46 INTERVALLO PARTO- ATTIVITA LUTEINICA giorni % PARTO- CONCEPIMENTO giorni NUMERO FECONDAZIONI X GRAVIDANZA < > Darwash 1997

47 Regressione lineare del numero di giorni alla prima ovulazione sul numero di giorni dal nadir del bilancio energetico negativo

48 Numero di giorni alla prima ovulazione in vacche con differenti perdite di BCS nei primi 30 giorni dopo il parto Beam and Buttler 1997

49 NEBAL Bilancio energetico negativo Azione diretta sulla riproduzione Lipidosi epatica o Fatty liver Chetosi clinica e sub-clinica

50

51 PREVISIONE DEL LIVELLO DI FABBISOGNI ED APPORTI DEL GLUCOSIO EMATICO

52 IL BILANCIO ENERGETICO NEGATIVO GLUCONEOGENESI EPATICA LATTOSIO POOL GLUCOSIO AMIDO INTESTINALE ALTRI METABOLITI CICLO DI KREBS LATTE ATP

53 PROPIONATI ( IL 76%) primario regolatore dell ingestione AMINOACIDI GLUCOGENETICI principalmente Alanina LATTATI GLICEROLO i-butirrati n-valerati SINTESI EPATICA DEL GLUCOSIO

54

55 PANCREAS Amilasi AMIDO INTESTINO GLUCOSIO AMIDO CELLULOSE EMICELLULOSE AMIDO( Parte ) CELLULOSE EMICELLULOSE

56 Massimo contributo dei substrati alla gluconeogenesi nel fegato SUBSTRATO CONTRIBUTO MAX % Propionato Aminoacidi Lattato 15 Glicerolo Piccole quantità Seal e Reynolds 1993

57 BILANCIO PROTEICO NEL POST PARTO A.Bell e B.Burhans 1999

58 MOLTO FREQUENTI SONO LE CARENZE PROTEICHE Gli aminoacidi sono un substrato importante per la gluconeogenesi. I più importanti sono Alanina e Glutamina. La leucina stimola la produzione di mrna pancreatico per l Insulina I non utilizzabili sono Lisina e Leucina. La maggiore quantità di aminoacidi deriva dai muscoli scheletrici. Gr 100 di aminoacidi producono gr 58 di glucosio

59 DEFICIT RELATIVO DI CALORIE E PROTEINE ED IMMUNITA La Glutammina è l aminoacido più utilizzato nella gluconeogensi. E carente nel diabete mellito. E carente nell acidosi metabolica. Nel DRCP si osserva una atrofia diffusa del tex linfoide con un declino del 50%delle cellule T circolanti, una ridotta fagocitosi ed immunità cellulo-mediata. Una malattia riduce del 40% l energia disponibile es. Mantenimento ~10 Mcal/die 40% corrisponde a 4 Mcal ossia Kg 2.5 di dieta.

60 LE PROTEINE LABILI QUOTA DI AZOTO COMPLESSIVO PRESENTE NELL ANIMALE CHE PUO ESSERE RIMOSSO E/O ACCUMULATO A SECONDO DELLE NECESSITA TALE FRAZIONE PUO RAPPRESENTARE IL 20% DELL AZOTO TOTALE SI COSTITUISCE/RIPRISTINA IN ASCIUTTA.

61 ACIDOSI RUMINALE SUB-CLINICA

62 ACIDO ACETICO ACIDO PROPIONICO ACIDO BUTIRRICO ACIDO LATTICO

63

64 PRODUZIONE TOTALE GIORNALIERA DI AGV NB : Kg 1 di RDOM produce 7.4 Eq di AGV MATERIA ORGANICA INGERITA OM Varia dal 29% al 67% ossia da Kg 5.7 a 15.4 die 5 MOL di AGV x Kg s.s. ingerita Gr 340±72 AGV x Kg sostanza secca BOVINA BOVINA CHE CHE INGERISCE INGERISCE Kg Kg DI DI SOSTANZA SOSTANZA SECCA SECCA PRODUCE PRODUCE Gr Gr di di AGV AGV MATERIA ORGANICA DEGRADATA RDOM

65 PRODOTTI DALLO STR.BOVIS E LATTOBACILLI

66 CORRELAZIONE TRA ph ED EFFICIENZA NELLA SINTESI PROTEICA MICROBICA ( A ) E FLUSSO DI AZOTO BATTERICO ( B ). Bach 2005

67 EFFETTO DELL INGESTIONE SUL ph RUMINALE Oetzel 2003

68 LA PRODUZIONE DI AGV, DA PARTE DELLA MICROFLORA RUMINALE, SUPERA LA CAPACITA DEL RUMINE DI NEUTRALIZZARLA O DI ASSORBIRLA

69 La superfice dipende dalle dimensioni del rumine, dal riempimento e dalla superficie delle papille H+ > 50 % PARETE DEL RUMINE Il tasso d assorbimento dipende dalla superficie dal ph e dal gradiente di concentrazione.

70 TRASPORTO DEGLI SCFA ( Acidi grassi a corta catena ) ATTRAVERSO L EPITELIO DEL RUMINE HCO3ˉ HPO4 ²ˉ salivari meccanismo di neutralizzazione Forma protonata Forma dissociata prevalente proteine di scambio anionico SCFAˉ /HCO3ˉ assorbimento attivo assorbimento passivo 0.5 mol prodotte x 1 mole di SCFA assorbita Nel tex portale arriva l 85% degli SCFA assorbiti, specie il butirrato. 5 MOL/Kg ss > 4.5 mol di H+ 85% assorbito da qui. pk è 4.9

71 RILASCIO DI PROTONI NEL RUMINE E NEL SANGUE DA PARTE DELL EPITELIO RUMINALE NH3 NH4 + Alcalinizza il citoplasma ACIDIFICA IL CITOPLASMA HSCFA

72 Na+/H+ exchange Clˉ/HCO3ˉ EXCHANGE DEROGA AI FABBISOGNI MINERALI PER DISALLINEAMENTO TEMPORALE RICERCA/SELEZIONE

73 I LIMITI DELLA PRODUZIONE RUMINALE ED ASSORBIMENTO DI PROPIONATO IL PROPIONATO RUMINALE PUO LIMITARE LA CAPACITA D INGESTIONE. IL PROPIONATO NELLA VENA PORTA PUO LIMITARE L INGESTIONE.

74 ENDOTOSSINE Infezioni o infiammazioni mammarie LPS Variazioni dell omeostasi ruminale Infezioni o infiammazioni urogenitali Infezioni intestinali

75 LPS O-SPECIFIC CHAIN: Catena polisaccaridica Costituita da unità CORE OLIGOSACCARIDICO: Tossica LIPIDE A : Porzione glicolipidica Attiva il sistema immunitario

76 ENDOTOSSINE PRINCIPALI GRAM-NEGATIVI PRESENTI NEL RUMINE Bacteroidas ruminicola. Ruminobacter amypophilus. Fibrobacter succinogenes Selelomonas ruminantium. Butyrivibro fibrosolvens. Anaerovibro lipolytica. Megasfera elsdenii. Succinimonas amylolytica. PRINCIPALI BATTERI PRESENTI IN TUTTO IL GIT ( enterobatteri) Patogeni:E.Coli, Salmonella e Yersinia. Opportunisti: Enterobacter, Klebsiella e Shigella.

77 ENDOTOSSINE MECCANISMO D AZIONE TNFα PROSTAGLANDINE PROGESTERONE Stimolato l asse ipotalamo-ipofisi-surrenale ACTH CORTISOLO

78 Possibili mediatori della soppressione endotossica della concentrazione di LH in circolo J.A.Daniel 2003

79 Soppressione endotossica della concentrazione di LH in circolo J.A.Daniel 2003

80 J.A.Daniel 2003

81 INFEZIONI,INFIAMMAZIONI, DANNEGIAMENTO DEI TESSUTI, STRESS LIPOPOLISACCARIDI FRAMMENTI DI CELLULE DANNEGGIATE SEGNALI NEURALI EPITELIO DELLE MUCOSE CHERATINOCITI MACROFAGI CELLULE KUFFER? IPOTALAMO PITUITARIA CORTECCIA SURRENALE GLUCOCORTICOIDI CITOCHINE PRO-INFIAMMATORIE SITI EXTRAEPATICI (GHIANDOLA MAMMARIA,ENTEROCITI) EPATOCITI PARTO GRAVIDANZA ESTROGENI APP POSITIVE ( LOCALI ) APP POSITIVE ( SISTEMICHE) APP NEGATIVE

82 TNF-α E prodotta in massima parte dai macrofagi. Molta è rilasciata dopo il contatto di LPS con i macrofagi. AZIONE IPOTALAMO Stimola. Il rilascio di CRH Riduce l appetito. Induce la febbre ( prostaglandine ) FEGATO Stimola la produzione di APP. Induce insulino-resistenza. Ridotta gluconeogenesi. Accumulo di trigliceridi. MACROFAGI E PMN Dai macrofagi IL- Attiità fagocitaria. Dai macrofagi PGE2 ALTRI TESSUTI Aumenta la resistenza all insulina Il catabolismo proteico e lipidico

83 VARIAZIONI GIORNALIERE DI LPS RUMINALE IN MANZE A CUI VIENE SOMMINISTRATA UNA DIETA CHE INDUCE SARA GOZHO ED AL

84 RAPPORTO TRA CONCENTRAZIONE RUMINALE DI LPS E LIVELLO DI CONCENTRATI GOZHO ED AL

85 EFFETTO DEL RAPPORTO FORAGGI-CONCENTRATI SULLA PRODUZIONE DI APP GOZHO ED AL

86 LPS RUMINALE, TEMPERATURA RETTALE, SIEROAMILOIDE A, APTOGLOBINA E ALTRE VARIABILI IN BOVINE CONTROLLO E SARA. GOZHO ED AL

87 LPS RUMINALE IN BOVINE ALIMENTATE CON UNIFEED E CONCENTRATO PER INDURRE SARA GOZHO ED AL

88 MEDIE SETTIMANALI DI ph RUMINALE E TEMPO < 5.6 IN BOVINE DA LATTE IN PERIODO DI 6 SETTIMANE KHFIPOUR 2009

89 L inganno di S.A.R.A KHFIPOUR 2009

90 KHFIPOUR 2009

91 L epilogo di S.A.R.A KHFIPOUR 2009

92 KHFIPOUR 2009

93 KHFIPOUR 2009

94 15 % 0 % 30 % 45 % 45 % 30 % 15 % 0 % Emmanuel ed al 2008

95 45 % % 0 % Emmanuel ed al 2008

96 45 % 45 % Emmanuel ed al 2008

97 Emmanuel ed al 2008

98 RISPOSTA IN BOVINE DA LATTE ALIMENTATE CON QUOTE CRESCENTI DI ORZO ZEBELI AND AMETAJ 2009

99 ZEBELI AND AMETAJ 2009

100 ZEBELI AND AMETAJ 2009

101 ZEBELI AND AMETAJ 2009

102 ZEBELI AND AMETAJ 2009

103 EFFETTO DELL INDUZIONE SPERIMENTALE DI SARA SUL ph RUMINALE, LA CONCENTRAZIONE DI LPS NEL FLUIDO RUMINALE E DI SAA E APTOGLOBINA NEL SANGUE PERIFERICO J.C.Plaizier ed al. 2009

104 DIAGNOSTICA

105 CLASSIFICAZIONE Acidosi ruminale acuta (ARA) ( ph < 5.0 nocek ph < 5.5 Sauvant ) Acidosi ruminale sub-acuta ( SARA ) ( ph < 5.5 Nocek ) Acidosi ruminale cronica ( ph < 5.6 Owens ph < 6.25 Sauvant)

106 Sintomatologia Basso BCS. Depressa o variabile ingestione. Cali giornalieri della produzione di latte. Diarree transitorie di odore acido. Alta % di riforma per zoppie ( > 45% ) Ulcere soleari in oltre il 10% delle mandria. Presenza di ascessi epatici, pielonefriti e ruminiti. Polipnea. Ridotta immunità. Riduzione del grasso nel latte?????? Elevata percentuale di proteina nel latte???

107 LA RIDUZIONE DEL GRASSO DEL LATTE PER LO SHIFT ACETATO/PROPIONATO? PER AZIONE DELL INSULINA ( LIPOGENETICA)? PER GLI ISOMERI TRANS DEL C 18: 2?

108 LA DIGESTIONE INTESTINALE DEGLI AMIDI MOLTO VANTAGGIOSA AI FINI ENERGETICI. LE VARIABILI IN GIOCO MOLTO ELEVATE. NON CI SONO ANCORA MODELLI MATEMATICI AFFIDABILI.

109 LA DIGESTIONE INTESTINALE DEGLI AMIDI MOLTE LE VARIABILI TIPO DI AMIDO. TRATTAMENTI TECNOLOGICI. QUANTITA DI AMILASI PANCREATICA. CONCENTRAZIONE PROTEICA ALL INTESTINO. VELOCITA DI TRANSITO.

110 GRAZIE PER L ATTENZIONE! BLOG

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI Micropopolazione Ruminale Nel rumine si trovano microrganismi: 1.BATTERI (10 9-10 10 /ml), 2.MICETI (LIEVITI) (10 7 /- 10 8 /ml), 3.PROTOZOI

Dettagli

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI 12 MEETING DEI RESPONSABILI E DEI TECNICI DI LABORATORIO DEL SETTORE LATTIERO CASEARIO 6-7

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE NELL ALIMENTO ph NEL RUMINE Massima quantità di mangimi altamente fermentescibili (come melasso di c.z. e cereali trattati termicamente) determina massimizzazione

Dettagli

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali Prodotti delle Fermentazioni Ruminali GAS Acidi Grassi Volatili CORPI MICROBICI 1) GAS prodotti dalle Fermentazioni Ruminali CO 2 ANIDRIDE CH 4 METANO ANIDRIDE CARBONICA ALTRI (NH 3, H 2 S ) (AMMONIACA,

Dettagli

CAUSE NON INFETTIVE E PARASSITARIE DELL ABORTO NELLA VACCA DA LATTE. LATINA 02 Ottobre 2009. Alessandro Fantini

CAUSE NON INFETTIVE E PARASSITARIE DELL ABORTO NELLA VACCA DA LATTE. LATINA 02 Ottobre 2009. Alessandro Fantini CAUSE NON INFETTIVE E PARASSITARIE DELL ABORTO NELLA VACCA DA LATTE LATINA 02 Ottobre 2009 Alessandro Fantini PERDITE EMBRIONALI E FETALI NELLA VACCA DA LATTE Definizioni I. MORTALITA EMBRIONALE PRECOCE

Dettagli

Aspetti nutrizionali delle bovine da latte ad alta produzione mirati all incremento della fertilità

Aspetti nutrizionali delle bovine da latte ad alta produzione mirati all incremento della fertilità Provincia di Novara-Assistenza Tecnico Zootecnica 21 novembre 2008 Aspetti nutrizionali delle bovine da latte ad alta produzione mirati all incremento della fertilità Prof.Giovanni Savoini Università degli

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA Il calore totale risulta dalla quantità di calore a cui l organismo è esposto (ambiente esterno) più il calore che esso stesso genera (processi metabolici). Esistono dei

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse.

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 7 PANCREAS Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. Isole del Langherans Contengono da poche centinaia

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici DIMORFIPA Facoltà Medicina Veterinaria BOLOGNA L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici Andrea Formigoni Convegno CRPA Parma, 6 Ottobre 2006 ALIMENTAZIONE AZOTATA L

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

La digestione degli alimenti

La digestione degli alimenti La digestione degli alimenti Le sostanze alimentari complesse (lipidi, glucidi, protidi) che vengono introdotte nell organismo, devono subire delle profonde modificazioni che le trasformano in sostanze

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Sistema endocrino 5. Pancreas endocrino. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona

Sistema endocrino 5. Pancreas endocrino. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Sistema endocrino 5. Pancreas endocrino Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Obiettivi Pancreas endocrino: anatomia fisiologica delle

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione DOSSIER / LE GRANDI TENDENZE La solidità economica delle aziende zootecniche è un obiettivo possibile. Ma per raggiungerlo non è sufficiente far crescere le performance produttive delle bovine: si devono

Dettagli

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione non c Ormone ipoglicemizzante, causa un forte abbassamento della glicemia (70-100 mg/100 ml) perché esalta i processi responsabili della sottrazione di glucosio dal sangue e inibisce i processi responsabili

Dettagli

METABOLISMO DEL GLICOGENO

METABOLISMO DEL GLICOGENO METABOLISMO DEL GLICOGENO Struttura del glicogeno DEMOLIZIONE DEL GLICOGENO: GLICOGENOLISI 1) distacco progressivo di unità glucosidiche con formazione di glucosio-1- fosfato: enzima: glicogeno fosforilasi

Dettagli

FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO. Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse

FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO. Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse Richiami anatomo-fisiologici IPOTALAMO GHRH IPOFISI GH IGF-1

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Malnutrizione in Eccesso e in Difetto

Malnutrizione in Eccesso e in Difetto Malnutrizione in Eccesso e in Difetto BMI Peso in KG (Altezza) 2 in m 1 2 3 Whitlock G, Lewington S, Sherliker P, et al. (marzo 2009). Body-mass index and cause-specific mortality in 900 000 adults: collaborative

Dettagli

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti M. Antongiovanni Dipartimento di Scienze Zootecniche 1 Indice degli argomenti La dieta dei ruminanti

Dettagli

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR)

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Sommario Colostro e colostratura Il passaggio dall alimentazione lattea a quella solida:

Dettagli

OBESITA. 11 Aprile 2013

OBESITA. 11 Aprile 2013 OBESITA 11 Aprile 2013 L obesità è una patologia cronica caratterizzata dall eccessivo accumulo di tessuto adiposo nell organismo ed è causata da fattori ereditari e non ereditari che determinano un introito

Dettagli

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo L equilibrio tra proteolisi e sintesi determina la crescita, l ipertrofia e l atrofia del muscolo L equilibrio è anche importante per l omeostasi generale

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

Diabete e attività fisica

Diabete e attività fisica Diabete e attività fisica Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Tipologia del Diabete Diabete mellito tipo 1 E caratterizzato dalla

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA L IPOFISI: IL GH. Prof. F. Carandente L IPOFISI E SITUATA NELLA SELLA TURCICA CHE E UN INCAVO DELL OSSO SFENOIDE DEL CRANIO

ENDOCRINOLOGIA L IPOFISI: IL GH. Prof. F. Carandente L IPOFISI E SITUATA NELLA SELLA TURCICA CHE E UN INCAVO DELL OSSO SFENOIDE DEL CRANIO ENDOCRINOLOGIA L IPOFISI: IL GH Prof. F. Carandente L IPOFISI E SITUATA NELLA SELLA TURCICA CHE E UN INCAVO DELL OSSO SFENOIDE DEL CRANIO E COSTITUITA DA: LOBO ANTERIORE (ADENOIPOFISI) PARTE INTERMEDIA

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole:

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole: I carboidrati costituiscono la fonte di energia principale per lo svolgimento di tutte le funzioni organiche (mantenimento della temperatura corporea, battito cardiaco, funzioni cerebrali, digestione,

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano LATTE E DERIVATI E TUMORE Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano MEDIE (g/die) DI CONSUMO DI LATTICINI IN ITALIA: INDAGINE INRAN-SCAI 2005

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE. dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE. Prof. Dr. Pier Luigi Rossi

MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE. dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE. Prof. Dr. Pier Luigi Rossi ALICONS SCUOLA DI ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE P R E S E N T A N O MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE Prof. Dr. Pier Luigi Rossi PROGRAMMA 25 CREDITI

Dettagli

La Nutrizione. I principi nutritivi, gli alimenti

La Nutrizione. I principi nutritivi, gli alimenti La Nutrizione I principi nutritivi, gli alimenti PERCHÈ MANGIAMO? Prima di rispondere alla domanda proviamo a pensare al corpo umano come ad una meravigliosa macchina. Il nostro organismo, proprio come

Dettagli

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it 7 INFOBIOGAS Montichiari - 28 gennaio 2011 Cos è la fibra? Costituenti

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Pancreas esocrino FUNZIONI:

Pancreas esocrino FUNZIONI: Il pancreas PANCREAS ESOCRINO: secrezione di liquidi ed enzimi digestivi PANCREAS ENDOCRINO: regolazione del metabolismo e dell omeostasi energetica dell organismo FUNZIONI: Pancreas esocrino Neutralizzazione

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

Si possono suddividere in:

Si possono suddividere in: Si possono suddividere in: LIPIDI DI DEPOSITO: si accumulano nelle cellule del tessuto adiposo, sono una riserva energetica, mantengono costante la temperatura del corpo (termogenesi) LIPIDI STRUTTURALI:

Dettagli

FAME, APPETITO E SAZIETA

FAME, APPETITO E SAZIETA FAME, APPETITO E SAZIETA 1 FAME Necessità di un organismo ad assumere cibo Nel sistema nervoso centrale, a livello ipotalamico, si distinguono due zone il centro della fame il centro della sazietà La prima

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

1. Omogenizzazione meccanica del cibo 2. Secrezione di elettroliti 3. Secrezione di enzimi digestivi

1. Omogenizzazione meccanica del cibo 2. Secrezione di elettroliti 3. Secrezione di enzimi digestivi La dieta deve contenere, oltre all acqua, combustibile metabolico, proteine per la crescita e il ricambio delle proteine tissutali, fibre per far massa nel lume intestinale, minerali essenziali per specifiche

Dettagli

Fisiopatologia della Nutrizione e Diagnosi di Malnutrizione

Fisiopatologia della Nutrizione e Diagnosi di Malnutrizione Fisiopatologia della Nutrizione e Diagnosi di Malnutrizione Francesco Lombardi Riabilitazione Neurologica Intensiva Ospedale S. Sebastiano di Correggio AUSL di RE Malnutrizione = Terapia sbagliata non

Dettagli

un'occhiata ai carboidrati...

un'occhiata ai carboidrati... un'occhiata ai carboidrati... quando si parla di carboidrati, molto spesso si fa di tutta l'erba un fascio, cioè non si parla della fonte di provenienza ne della loro diversa azione all'interno del nostro

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra A. Formigoni e A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 8 InfoBiogas- Montichiari (Bs) 19-1- 2012 Obiettivi dei gestori

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

Masoero: quale nutrizione azotata

Masoero: quale nutrizione azotata Le posizioni del docente piacentino sulla nutrizione azotata della bovina da latte e sull efficienza di utilizzazione amminoacidica. Da un recente convegno Crpa Alimentazione Masoero: quale nutrizione

Dettagli

CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE

CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE Nella nostra vita così pressata e a ritmi veloci è facile sentirsi stressati. Stress è una parola inglese entrata nell uso comune largamente

Dettagli

Bioenergetica e fisiologia dell esercizio 8. Risposte all allenamento: adattamenti biochimici e effetti sulla resistenza

Bioenergetica e fisiologia dell esercizio 8. Risposte all allenamento: adattamenti biochimici e effetti sulla resistenza Bioenergetica e fisiologia dell esercizio 8. Risposte all allenamento: adattamenti biochimici e effetti sulla resistenza Prof. Carlo Capelli, Fisiologia Generale e dell Esercizio, Facoltà di Scienze Motorie,

Dettagli

Unità 13 Il sistema endocrino

Unità 13 Il sistema endocrino Unità 13 Il sistema endocrino Obiettivi Comprendere il ruolo del sistema endocrino nel controllo dell organismo Capire le relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Saper distinguere i principali

Dettagli

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi Seminario sul tema: La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Federazione Italiana Rugby Centro Studi FIR Lunedì 14 Gennaio 2008, ore 14.30 Facoltà di Scienze Motorie, Verona Università

Dettagli

forme diabetiche Diabete di tipo I o magro o giovanile (IDDM): carenza primaria di insulina, più frequente nei giovani e nei bambini. Il deficit insulinico consegue (per predisposizione ereditaria o per

Dettagli

Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico

Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico Processo di Organicazione del Carbonio Il metabolismo cellulare e corporeo Processo di rinnovamento e ricambio della materia vivente. Insieme di tutte

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

METABOLISMO DEI GRASSI

METABOLISMO DEI GRASSI Capitolo 27 METABOLISMO DEI GRASSI La maggior parte dell energia conservata in un organismo si trova nei depositi di grasso. In questi corpulenti combattenti di sumo la conservazione di energia sotto forma

Dettagli

Cosa sono i grassi o lipidi?

Cosa sono i grassi o lipidi? Cosa sono i grassi o lipidi? Lipidi da LIPOS = grasso Sostanze organiche di diversa natura con una caratteristica comune: sono insolubili in acqua Importanti costituenti dei tessuti vegetali e animali

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

Non solo la quantità fa la differenza. Scelte consapevoli per una alimentazione corretta

Non solo la quantità fa la differenza. Scelte consapevoli per una alimentazione corretta Non solo la quantità fa la differenza. Scelte consapevoli per una alimentazione corretta Percorso integrato 2 biennio scuola secondaria di secondo grado Liceo Scientifico Martino Filetico Ceccano A cura

Dettagli

GLICOGENOLISI & GLICOGENOSINTESI

GLICOGENOLISI & GLICOGENOSINTESI GLICOGENOLISI & GLICOGENOSINTESI ALIMENTARE Glucosio GLUCONEOGENESI GLICOGENOLISI (epatica) Glicemia: 70-90 mg/100ml ~ 5 mm GLICOGENO Nel fegato fino al 6-10% della massa epatica (~100 grammi) Nel muscolo

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine

Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Conferenze di zootecnia, assistenza tecnica 2010/2011 Provincia di Novara Armeno 18 febbraio 2011 Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Prof. Giovanni Savoini

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

PROFILO DIMAGRIMENTO BASIC (Valutazione dell equilibrio ormonale)

PROFILO DIMAGRIMENTO BASIC (Valutazione dell equilibrio ormonale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 460 Data: 01/01/2013

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

IL DESTINO METABOLICO DEL GLUCOSIO E LA SUA RILEVANZA NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2

IL DESTINO METABOLICO DEL GLUCOSIO E LA SUA RILEVANZA NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IL DESTINO METABOLICO DEL GLUCOSIO E LA SUA RILEVANZA NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 Ambulatorio Malattie Dismetaboliche 2142 soggetti OGTT Ambulatorio Malattie Dismetaboliche 2142 soggetti OGTT 1069 NGT

Dettagli

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio GLUCONEOGENESI Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio CATABOLISMO ANABOLISMO OSSIDAZIONI Produzione di ATP RIDUZIONI Consumo di ATP La GLUCONEOGENESI è un PROCESSO ANABOLICO La gluconeogenesi

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi Degradazione delle proteine della dieta Catabolismo degli aminoacidi LE PROTEINE DELLA DIETA SONO DEGRADATE ENZIMATICAMENTE AD AMINOACIDI LIBERI L ingresso di una proteina nello stomaco stimola la mucosa

Dettagli

Azioni neuroendocrine Apparato riproduttivo Sistema nervoso centrale

Azioni neuroendocrine Apparato riproduttivo Sistema nervoso centrale 1 I progestinici sono composti con attività simile a quella del progesterone e includono il progesterone e agenti simili come il medrossiprogesterone acetato (pregnani), agenti simili al 19-nortestosterone

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 GIORNATA BUIATRICA CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 INTEGRAZIONE CON OMEGA-3 NELLE RAZIONI DI BOVINE DA LATTE Trend fertilità US Holstein

Dettagli

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI.

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI. CARBOIDRATI. I carboidrati rappresentano la principale fonte di energia delle cellule. Essi fungono da combustibile di pronto e facile impiego e di maggior rendimento. I CARBOIDRATI possono essere divisi

Dettagli

Vol. VII Marzo 2012 N 1 BIOCHIMICA E CLINICA DEL TRATTAMENTO AMINOACIDICO

Vol. VII Marzo 2012 N 1 BIOCHIMICA E CLINICA DEL TRATTAMENTO AMINOACIDICO Vol. VII Marzo 2012 N 1 BIOCHIMICA E CLINICA DEL TRATTAMENTO AMINOACIDICO Maurizio Ceccarelli & Coll. International Centre for Study and Research in Aesthetic and Physiological Medicine Con questo temine

Dettagli

Corso di Laurea in Ortottica ed Assistenza Oftalmologica PROGRAMMA. C.I Scienze Biologiche e Biochimiche

Corso di Laurea in Ortottica ed Assistenza Oftalmologica PROGRAMMA. C.I Scienze Biologiche e Biochimiche Corso di Laurea in Ortottica ed Assistenza Oftalmologica PROGRAMMA C.I Scienze Biologiche e Biochimiche Insegnamento: BIOCHIMICA Docente: Prof.ssa Grosso Atomo e particelle sub-atomiche Numero atomico

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015

La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015 In collaborazione con: La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015 Andrea Galli Centro di Ricerca per le Produzioni Foraggere e Lattiero Casearie (FLC, Lodi) Consiglio per la Ricerca

Dettagli

La termoregolazione. I processi vitali avvengono in condizioni ottimali solo in ambito di temperature molto ristrette (circa 37 c.).

La termoregolazione. I processi vitali avvengono in condizioni ottimali solo in ambito di temperature molto ristrette (circa 37 c.). Indice La termoregolazione Il metabolismo energetico Lo stress metabolico: significato e possibili conseguenze La corretta alimentazione ed idratazione dello sportivo Il doping Esigenze nutrizionali PRIMA

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELL UOMO

ALIMENTAZIONE NELL UOMO ALIMENTAZIONE NELL UOMO Alimentazione e Nutrizione Corpo umano come macchina chimica che utilizza l energia chimica degli alimenti (quando si spezzano i legami chimici tra gli atomi che formano le macromolecole

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E L ALIMENTAZIONE LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI DANIELA LIVADIOTTI INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione delle funzioni

Dettagli

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Achieving good water quality status in intensive animal production areas ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Pizzighettone 19

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli