CLASSE 5^ SEZ. A AFM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSE 5^ SEZ. A AFM"

Transcript

1 MINISTERO DELL ISTRUZIONE - DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "L. FAZZINI V. GIULIANI" Loc. Macchia di Mauro Vieste (FG) - Tel Fax FGIS00400G Cod.Fisc sito web: DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. S. 2014/2015 CLASSE 5^ SEZ. A AFM DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ( art.5 comma 2 D.P.R. del 23/7/1998 n.323) PERCORSO FORMATIVO COMPLESSIVO DELLA CLASSE 5^ Sez. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Elaborato e deliberato dal Consiglio di Classe nella seduta del 15 maggio 2015 Il Coordinatore della classe Il Dirigente scolastico ( Prof.ssa Ewa Gil ) ( Prof. Valentino Distolfo ) 1

2 DOCUMENTO PREDISPOSTO DAL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZ. A A.S. 2014/2015 Coordinatrice di Classe Prof. ssa Ewa Gil Contenuto: 1. Presentazione del Consiglio di Classe, Materie. pag Elenco dei docenti.. pag Presentazione della Classe.. pag Tabella dei crediti e debiti formativi. pag Obiettivi trasversali realizzati nel percorso didattico...pag Tipologie delle prove, criteri di valutazione pag Scheda informativa relativa alle prove integrate svolte.. pag Contenuti e percorsi disciplinari.. pag Allegati.. pag. 14 A) Libri di testo in uso.. pag. 15 B) Tabella dei crediti. pag. 16 C) Simulazione 3. Prova. pag. 17 D) Programmi disciplinari pag. 24 2

3 Il Consiglio di Classe della 5^ sez. A dell ITSE indirizzo AFM Giuliani di Vieste, nella seduta del c.d.c. del 15 maggio 2015, regolarmente convocato, alla presenza dei proff.: MATERIA Italiano Storia Lingua e Civiltà Inglese Lingua e Civiltà Tedesca Matematica e Laboratorio Economia aziendale Diritto Scienza delle Finanze Educazione Fisica Religione Informatica DOCENTE Prof.ssa Calderisi Lucia Prof.ssa Corso Giuseppe Prof.ssa Gil Ewa Prof. Paolino Roberto Prof.ssa Mastrovalerio Luigi Prof. Pastore Francesco Prof. Fusillo Vincenzo Prof.ssa Rado Maria Prof.Auciello Ciriaco (limitatamente all alunno DECARLO SAMUELE) ha deliberato di formulare ed approvare il seguente documento sul percorso formativo compiuto dalla classe nell anno scolastico 2014/2015, da consegnare al Presidente della Commissione degli Esami di Stato. Tale documento sarà affisso all albo in data 15 maggio 2015 pubblicato sul sito della scuola ed una copia sarà consegnata alla classe. A - Dati di presentazione della Classe Quadro orario delle materie di studio nel quinquennio Materie I II III IV V ITALIANO STORIA LINGUA E CIVILTA INGLESE LINGUA E CIVILTA TEDESCA MATEMATICA SCIENZA INTEGRATE (Sc.della Terra e Biologia) SCIENZE INTEGRATE (Fisica) SCIENZE INTEGRATE (Chimica) DIRITTO ED ECONOMIA DIRITTO ECONOMIA POLITICA ECONOMIA AZIENDALE SCIENZA DELLE FINANZE INFORMATICA GEOGRAFIA 3 3 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE/ATTIVITA ALTERNATIVE Ore settimanali totali

4 DOCENTI DELLA CLASSE PRESIDE Materia Italiano Storia Lingua e Civiltà Inglese Lingua e Civiltà tedesca Matematica Diritto ed economia Diritto Geografia CLASSE 1^ a.s. 2010/11 CLASSE 2^ a.s.2011/12. CLASSE 3^ a.s. 2012/13 CLASSE 4^ a.s. 2013/14 CLASSE 5^ a.s. 2014/15 Solitro M. Solitro M. Solitro M. Calderisi L. Calderisi L. Solitro M. Martino M. Solitro M. Calderisi L. Calderisi L. Caldarola N. Caldarola N. Corso G. Corso G. Corso G. Siena M.C. Siena M.C. Maiorano L. Siena M.C. Gil E. Lapiccirella T. Paolino R. Grana M. Lapiccirella T. Paolino R. Di Milo D. Di Milo D Pastore Pastore Pastore Di Paola Ventrella M. - - Diritto ed Economia Pastore F. Economia politica - Pastore F Pastore F. Pastore F. Economia aziendale Mastrovalerio L. Mastrovalerio L. Montevcalvo A. Mastrovalerio L. Mastrovalerio L. Scienza d. Finanze Pastore F. Economia Aziendale Informatica Vocale A. Mastrovalerio L. Montecalvo A. Montecalvo A. Matrovalewrio L. Rinaldi N. Rinaldi N. Auciello C. Auciello C. - Sienze Integrate (Sc. della Terra e Biologia) Giagnorio. Laganella M Scienze integrate (chimica) - Bordani M Scienze integrate (fisica) Gimma Scienze motorie Fusillo V. Clemente G. Fusillo V. Fusillo V. Fusillo V. Religione Rado M Vescera T. Rado M. Rado M. Rado M. 4

5 Numero alunni Numero alunni ripetenti Numero alunni promossi dalla 4^ in 5^ per meriti propri Presentazione della classe Numero alunni promossi dalla 4^ in 5^ con debito formativo Numero alunni con corso di studio regolare Numero alunni con corso di studio irregolare Elenco dei candidati N COGNOME NOME 1 De Carlo Samuele 2 De Leo Maurizio 3 Demaria Maurizia 4 Gentile Francesco 5 Langi Chiara 6 Lopriore Lavinia 7 Mione Davide 8 Monaco Federico 9 Papagni Roberto 10 Protano Antonella 11 Ruggieri Giannicola 12 Santoro Matteo 13 Troia Marco 14 Troia Sante 15 Valerio Elisabetta 16 Vieste Daniele Composizione: La classe è attualmente formata da 16 alunni di cui 11 maschi. Un alunno si è ritirato nel corso dell anno scolastico. Ripetenti: Gli alunni che hanno avuto un regolare percorso scolastico sono 9; i restanti hanno avuto almeno una ripetenza nella loro carriera scolastica. Continuità didattica: Il C.d.C. ha subito nell arco del quinquennio numerose variazioni. Livelli di partenza: I livelli di partenza sono stati accertati, nelle diverse materie, in vario modo. I discenti, ad eccezione di alcuni, hanno mostrato lacune e carenze in diverse discipline con livelli cognitivi superficiali e frammentari. Profilo disciplinare: Dal punto di vista disciplinare la classe non ha presentato problemi ; gli alunni hanno avuto una condotta corretta e quasi sempre rispettosa del regolamento dell Istituto. Si sono verificate invece molte irregolarità per quel che riguarda la frequenza. 5

6 Profilo didattico della classe: la classe è risultata eterogenea nella motivazione allo studio, nella partecipazione e nel profitto. Sul piano didattico il suo percorso formativo - culturale è stato contraddistinto dalla mancanza di continuità didattica in molte discipline; al 5^ anno sono sorte difficoltà anche in economia aziendale a causa del susseguirsi di tre insegnanti nel corso dell anno. In merito alle conoscenze, capacità e competenze non vi è stato un impegno sistematico ed attento per cui diversi studenti, pur dotati di capacità, presentano un livello di preparazione mediamente accettabile. Nella classe comunque, si distinguono alcuni elementi che per impegno e per rendimento hanno raggiunto buoni risultati. Buona parte ha ottenuto un profitto appena sufficiente. Lo sviluppo dei programmi si è chiaramente adeguato alle esigenze degli alunni, con obiettivi calibrati sugli stessi nonché sulla esiguità del tempo effettivo a disposizione della didattica (vedi attività extracurriculari ed integrative). Va segnalata la situazione dell alunno DE CARLO SAMUELE che ha frequentato per 4 anni l Istituto Tecnico di Brindisi- indirizzo Amministrazione, Finanza,Marketing, articolazione Sistemi Informativi Aziendali, dove non era previsto lo studio della 2^ Lingua straniera compresa nei programmi dell Istituto Fazzini- Guliani. Pertanto, allo studente è stato assegnato in qualità di tutor il prof. AUCIELLO Ciriaco, docente di Informatica, il quale durante l ora di tedesco (materia non caratterizzante) ha svolto il programma di informatica per affrontare l Esame di Stato. I risultati delle due simulazioni della 3^ prova sono stati positivi. CLIL. Non essendoci docenti di DNL in possesso delle necessarie competenze linguistiche e metodologiche (livello di certificazione B2), il consiglio di classe ha programmato un percorso sperimentale interdisciplinare CLIL coinvolgendo la lingua inglese e la scienza delle finanze e avviando il progetto intitolato Business theory. Banking. Il percorso scelto può essere oggetto di accertamenti del profitto anche all esame di Stato nella prova orale. L esame d Stato: nel corso dell anno sono state svolte le simulazioni delle prove scritte : una per la 1.prova (italiano), una per la 2.prova (economia aziendale) e due per la 3.prova. ATTIVITA EXTRACURRICULARI ED INTEGRATIVE. Gli alunni hanno partecipato alle numerose attività : 1)Alternanza Scuola-Lavoro e tirocini presso le aziende; 2) Soggiorno linguistico di 3 settimane a Edimburgo e Francoforte con le certificazioni linguistiche; 3) Il treno della memoria 4) Viaggi d istruzione a Budapest, Napoli e Caserta nonché un uscita didattica a Salerno; 5) L orientamento in uscita con la partecipazione alla fiera annuale sull orientamento Job Orienta a Verona e agli incontri con rappresentanti delle università ; 6) Progetto di educazione alla legalità; 7) Partecipazione al Presepe vivente ed altre manifestazioni teatrali. 6

7 Tabella dei debiti relativi ai primi 4 anni e DEI CREDITI SCOLASTICI RELATIVI AL 3 E 4 ANNO Classe 1 Classe 2 Classe 3 CRE DIT O Classe 4 N ALUNNI DEBITI DEBITI DEBITI DEBITI CR E DI T O CR. TOT. 3-4 anno 1 DECARLO S DE LEO M DEMARIA M. - - Inglese GENTILE F Inglese LANGI CH. - Matematica 4 Inglese LOPRIORE L Inglese MIONE D. - - Ec.politica MONACO F. Tedesco PAPAGNI R. - - Diritto PROTANO A Inglese RUGGIERI G. - Inglese Tedesco- Matematica SANTORO M Inglese TROIA M TROIA S. - Ital.-Inglese- Tedesco - 5 Inglese VALERIO E VIESTE D. - - Storia-Ec.politica (*) Debito scolastico recuperato 7

8 B - Obiettivi trasversali realizzati nel percorso didattico della classe 1. Profilo professionale Il diplomato dell ITSE indirizzo AFM, oltre a possedere una consistente cultura generale accompagnata da buone capacità linguistico - interpretative, deve evidenziare conoscenze riguardo ai processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, contabile. In particolare, egli deve essere in grado di redigere ed interpretare i documenti aziendali e seguirne l evoluzione dal punto di vista fiscale, economico e tecnologico. 2. Conoscenze. a) Buona cultura generale, accompagnata da capacità linguistico-espressive e logico-interpretative. b) Conoscenza sistematica dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico,giuridico e contabile, con particolare riguardo ai fenomeni della mondializzazione dell economia e della divisione internazionale del lavoro. c) Conoscenza pratica relativa ai rapporti tra l azienda e l ambiente in cui si opera. 3. Competenze Al termine degli studi, lo studente deve essere in grado di: a) utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili, per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali; b) redigere ed interpretare i documenti aziendali; c) cogliere i problemi su scala planetaria e, nello stesso tempo, analizzarli, secondo le loro articolazioni settoriali, spaziali ed in prospettiva storica. 4. Capacità. Lo studente deve anche saper: a) analizzare situazioni per rappresentarle con modelli funzionali ai problemi ad alle risorse tecniche disponibili. b) comunicare in maniera efficace ed efficiente, utilizzando appropriati linguaggi tecnici. 5. Metodologie didattiche. Le metodologie didattiche delle singole discipline sono state concordate nei consigli di classe nella fase di programmazione annuale, cercando di evitare un impostazione troppo soggettiva e solo teorica. Per la loro articolazione si rimanda al piano di lavoro elaborato dai singoli docenti. Quando, nell attività didattica, sono emerse lacune o difficoltà di apprendimento, si sono attuate varie modalità di recupero: attività di consolidamento, anche in orario extra-scolastico. Nella seconda parte dell anno è stato attivato lo sportello didattico per le discipline tecnico-professionali soprattutto per consentire il recupero di debiti formativi e il consolidamento di conoscenze acquisite. 6. Strumenti, spazi e tempi didattici. Nell attività didattica, nel corso degli anni si sono utilizzati laboratori, attrezzature e aule speciali, di cui l Istituto è dotato: - Sala televisione; - Sala multimediale - Laboratorio di Informatica. 7. VERIFICHE, RECUPERO 7.1 Verifiche formative Durante lo svolgimento del lavoro didattico sono state svolte verifiche formative, utili al docente per monitorare e controllare il processo di apprendimento degli studenti, accertando i livelli conseguiti. Come strumento, è stata generalmente utilizzata la breve interrogazione. 7.2 Verifiche sommative 8

9 Nel corso dell'anno sono state effettuate verifiche con carattere valutativo. Sono state utilizzate interrogazioni, prove strutturate, trattazioni sintetiche di argomenti, domande a risposta singola, produzioni scritte. 7.3 Recupero Sono state svolte attività di recupero in itinere ogni volta che se n'è ravvisata la necessità, consistenti nella ripetizione della lezione e o nell'impostazione diversa della stessa. 8. Valutazione. Il Consiglio di Classe, nella valutazione si è riferito ai criteri di corrispondenza tra voti, livelli di conoscenza, già definiti nella programmazione iniziale, che vengono così riportati: Conoscenze/abilità/competenze Voti L allievo ha acquisito qualche conoscenza, ma non le abilità di base richieste. Commette, quindi, molti e gravi errori nella esecuzione dei compiti assegnati e si esprime in modo scorretto, con termini generici e del tutto 1/3 impropri. L allievo dimostra una carente conoscenza degli argomenti proposti. Possiede qualche abilità, che non è però in grado di utilizzare in modo autonomo neppure nell esecuzione di compiti semplici, nello svolgimento dei 4 quali commette gravi errori. Si esprime in modo spesso scorretto ed usa termini generici ed impropri. L allievo conosce gli argomenti proposti in modo superficiale e frammentario. Dimostra, nell esecuzione di compiti semplici, di possedere alcune abilità, che utilizza tuttavia con incertezza. Commette errori 5 nell esecuzione dei lavori assegnati. Si esprime a volte in modo scorretto ed usa termini generici e/o non sempre appropriati. L allievo conosce gli aspetti essenziali degli argomenti proposti. Esegue senza errori compiti semplici, ma dimostra scarse abilità in quelli complessi. Si esprime in modo sostanzialmente corretto, ma poco scorrevole. 6 La terminologia è a volte generica. L allievo conosce gli argomenti proposti. Commette qualche errore nell esecuzione dei compiti assegnati, che comunque svolge con strategie generalmente adeguate. Si esprime in modo corretto, usando una 7 terminologia quasi sempre adeguata. L allievo conosce e sa applicare i contenuti disciplinari, dimostrando abilità nelle procedure, sia pure con lievi imprecisioni. Si esprime in modo corretto e scorrevole, usando una terminologia appropriata. 8 L allievo padroneggia tutti gli argomenti proposti e sa organizzare le conoscenze in modo autonomo in situazione nuove senza commettere errori o imprecisioni. Si esprime in modo corretto e scorrevole, usando 9 un linguaggio ricco ed appropriato. L allievo padroneggia tutti gli argomenti, dimostrando capacità di operare gli opportuni collegamenti interdisciplinari e utilizzando correttamente specifici registri linguistici. E in grado di affrontare con 10 sicurezza situazione nuove e analizzare criticamente contenuti e procedure. Per quanto riguarda gli aspetti delle metodologie e strategie didattiche specificamente riferiti alle singole discipline si rinvia alle relazioni finali di ciascun insegnante. Per il credito scolastico, il Consiglio di Classe ha tenuto conto: 1) della partecipazione all attività didattica; 2) della partecipazione alla vita scolastica; 3) delle attività integrative; 4) del credito formativo 9

10 C) TIPOLOGIE DELLE PROVE E CRITERI DI IMPOSTAZIONE Gli alunni hanno affrontato due simulazioni delle tre prove scritte degli esami di Stato. Per quel che riguarda Italiano, durante l intero anno scolastico, oltre a tema tradizionale di argomento storico ( tipologia C) e di ordine generale ( tipologia D), gli alunni sono stati chiamati ad analizzare un testo di letteratura ( tipologia A) ed a redigere un saggio breve o un articolo di giornale ( tipologia B). Correzione e la valutazione della 1^ prova scritta: Italiano Candidato: Classe Tipologia della prova A B1 B2 B3 B4 C D Elementi della prova Descrittori Punti Punteggio - Comprensione del testo -Pertinenza alla traccia fino a 5/15 (Livello di Qualità del contenuto -Ampiezza dello svolgimento sufficienza = 3) -Approccio originale e personale Organizzazione del contenuto Stile Grammatica e ortografia -Ordine e organicità -Coerenza e coesione - Analisi e sintesi Competenza testuale competenza lessicale -Correttezza nell impiego delle strutture morfosintattiche fino a 4/15 (Livello di sufficienza = 3) fino a 3/15 (Livello di sufficienza = 2) fino a 3/15 (Livello di sufficienza = 2) Ai sensi dell articolo 15 dell O.M. n 38 dell alla prova giudicata sufficiente non può essere attribuito un punteggio inferiore a 10. Classe: Candidato: Punteggio totale attribuito dalla commissione alla prima prova /1 10

11 Correzione e la valutazione della 2^ prova scritta: Economia aziendale. Indicatori Descrittori Punteggi Competenze Linguistiche Conoscenze Proprietà morfosintattica e capacità di utilizzare il lessico specifico. Correttezza e pertinenza dei contenuti. Inadeguate e confuse 1 Corrette ed essenziali 2 Complete ed approfondite 3 Inadeguate e confuse 3 Corrette ed essenziali 6 Complete ed approfondite 9 Capacità elaborative logicocritiche-creative Sviluppo e coerenza delle argomentazioni, elaborazione personale. Inadeguate e confuse 1 Corrette ed essenziali 2 Complete ed approfondite 3 Economia aziendale le verifiche scritte hanno riguardato i temi ministeriali degli anni precedenti, in modo da abituare i discenti alla comprensione ed all elaborazione degli stessi. Griglia di misurazione della seconda prova: Economia aziendale Punteggio totale attribuito dalla commissione alla seconda prova /1 11

12 SIMULAZIONE TERZA PROVA TIPOLOGIE: - (C+ B) n.4 quesiti a scelta multipla con 4 opzioni per ogni domanda e n. 2 domande a risposta aperta DISCIPLINE: Storia, Lingua e Civiltà Inglese, Matematica e Laboratorio, Diritto, Geografia Economica VALUTAZIONE L attribuzione del voto finale della prova scaturirà dalla somma aritmetica dei punteggi, espressi in quindicesimi, riportati in ogni singola materia (Allegato C). La prova è costituita da quattro quesiti a risposta multipla con quattro alternative di cui una sola esatta e due domande a risposta aperta. A ciascun quesito a risposta multipla verrà assegnato un punteggio di 0,25 per un totale di 1 punto; a ciascuna domanda aperta verrà assegnato n. 1 punto per un totale di due punti ; punteggio totale per disciplina n.3 punti; L elaborato deve essere consegnato entro 120 minuti dalla dettatura. Non è consentito l uso di manuali e testi di alcun genere ad eccezione della calcolatrice e dei vocabolari per lingue straniere. Non è consentito lasciare l aula prima che la prova sia terminata. VALUTAZIONE: Griglia di misurazione della terza prova - Quesiti a risposta multipla : punteggio 0,25 per ogni risposta corretta - Domande a risposta aperta : punteggio 1.00 per ogni risposta completa. PUNTEGGIO STORIA DIRITTO INGLESE TEDESCO MATEMATICA TOTALE Classe: Candidato: Punteggio totale attribuito dalla commissione alla terza prova /15 12

13 Interrogazione orale Trattazione sintetica scritta di argomenti Quesiti a risposta singola Quesiti a risposta multipla Test Vero/Falso Test a completamento Problemi a soluzione rapida Casi pratici e professionali Sviluppo di progetti Produzioni in lingua italiana Produzione in lingua straniera Esercitazioni pratiche Domande a risposta aperta Esercizi Gli elementi tenuti presenti per la valutazione periodica e finale sono stati: livello di conoscenze e competenze, metodo di studio, partecipazione, impegno, progresso, livello della classe, situazione personale TIPI DI VERIFICA Materie A Italiano X X X X X X B Storia X X X X X C Matematica X X X X X X X X X D Inglese X X X X X X X X X E Educazione fisica X X X F Religione X X X X X G Economia Aziendale X X X X X X X X H Diritto X X X X X X Scienza delle I Finanze X X X X X X L Tedesco X X X X X X M Geografia Economica X X X X Segnare con una crocetta (carattere X) le tipologie utilizzate Analisi e commento di un testo Sviluppo di argomenti (Saggio breve) X Argomenti di carattere storico X Sviluppo di argomenti (Articolo di giornale X) Tema di ordine generale X Segnare con una crocetta (carattere X) le tipologie utilizzate Produzioni in lingua su di un tema assegnato X Esercizi di traduzione Italiano-lingua X Esercizi di traduzione lingua-italiano X Esercizi di comprensione X 13

14 C - Contenuti e percorsi disciplinari 1. Italiano 5. Matematica 2. Storia 6. Economia Aziendale 9. Scienze motorie 3. Lingua e Civiltà Inglese 7. Diritto 10. Religione 4. Lingua e Civiltà Tedesca 8. Scienza delle Finanze D - Documenti allegati a) Elenco libri di testo; b) Tabella dei crediti ; c) Simulazione 3.prova; d) Programmi disciplinari; 14

15 ALLEGATO A) Libri di testo in uso nella classe 5^A ITSE AFM MATERIA CODICE AUTORE TITOLO VOLUME EDITORE RELIGIONE ITALIANO LETTERATURA ITALIANO Marinoni G. Cassinotti Cataldi, Angiolini Mezzadrelli MATEMATICA Trovato Mario ECONOMIA AZIENDALE Astolfi Barale Ricci Domanda dell uomo(la) - Quinquennio corso di religione cattolica per il quinquennio Marietti Scuola Letteratura e i saperi 3 Palumbo Prima prova-ci perla maturità. Metodi e strumenti di matematica generale e applicata IGEA 3 Entriamo in azienda 3 3 Petrini Ghisetti & Corvi Editori Tramontana(RCS Libri) DIRITTO M. Capiluppi Nuovo corso di diritto 3 Tramontana SCIENZA DELLE FINANZE Gilbert Alfredo Scienza delle finanze e diritto tributario Edizioni Lattes STORIA Bertini Alla ricerca del presente Mursia Scuola EDUC. FISICA Rampa A. Salvetti M.C. Sport e salute Juvenilia LINGUA E CIVILTA INGLESE Cumini, Bowen Pallini L. TEDESCO Delor R. Foschi A. Hepp M. Business Globe Digital Edition. Going for grammar Grammatica-Inglese per italiani Wirtschaft Online Petrini Cideb Valmartina 15

16 ALLEGATO B) TABELLA DEI CREDITI ( Decreto Ministeriale n. 99 del 16 dicembre 2009 ) MEDIA DEI VOTI 3 anno 4 anno 5 anno M = <M<= <M<= <M<= <M= VOTI in decimi TABELLA DI CONVERSIONE DEI VOTI Voti in quindicesimi Voti in trentesimi ,5 3 7, ,5 5 10, ,5 7 13, ,5 9 16, , , , , CREDITO SCOLASTICO SCRITTI ORALI TOTALE MAX

17 ALLEGATO C ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "L. FAZZINI V. GIULIANI" LOC. MACCHIA DI MAURO VIESTE (FG) - TEL FAX FGIS00400G Cod.Fisc sito web: SIMULAZIONE 3.PROVA ESAME DI STATO A.S. 2014/2015 Classe V A AFM Candidato Data : DISCIPLINE: Storia, Diritto, Inglese, Tedesco, Matematica TIPOLOGIA: C + B : per ogni disciplina 4 quesiti a risposta multipla con quattro opzioni e per ogni disciplina 2 domande a risposta aperta (max 5 righe). Durata prova: 2 ore. Non è consentito lasciare l aula prima che siano trascorsi 60 minuti. Importante: è consentito l uso dei vocabolari. Non sono consentite correzioni, l uso della matita né l uso della penna rossa. VALUTAZIONE: - Quesiti a risposta multipla : punteggio 0,25 per ogni risposta corretta - Domande a risposta aperta : punteggio 1.00 per ogni risposta completa. PUNTEGGIO STORIA DIRITTO INGLESE TEDESCO MATEMATICA TOTALE PUNTEGGIO TOTALE: 17

18 STORIA 1) La Terza Internazionale è: a)una organizzazione comprendente tutti i dirigenti dei partiti socialisti e socialdemocratici b)una organizzazione comprendente le frange rivoluzionarie dei partiti socialisti e socialdemocratici c))una organizzazione fondata dal partito comunista russo d)l'inno ufficiale dei partiti socialisti e socialdemocratici 2) La Secessione dell'aventino è: a)l'abbandono del Parlamento da parte dei deputati di opposizione in seguito all'assassinio di Matteotti b) la protesta degli italiani nei confronti delle spedizioni punitive delle "squadracce fasciste" c) l'evocazione storica dell'"apologo delle membra" di Menenio Agrippa d)la denuncia delle irregolarità elettorali del regime fascista 3) Le Tesi di Aprile sono: a) un documento storico contenente il pensiero politico di Lenin b) il programma politico di Lenin fondato sulla dittatura del proletariato c)programma di istituzione dei Soviet d) la valutazione politica della Rivoluzione russa di Ottobre 4) Le costanti storiche che determinano l'affermarsi di regimi autoritari sono: a)inflazione- disoccupazione- bassi salari- debolezza politica- malcontento popolare b) crisi dei regimi democratici- corruzione- dominio dell'economia sulla politica c) disinteresse dello Stato per la "Questione sociale" d)errate politiche di governi determinate dalle leadership politiche 5) Quali furono le linee di protesta tracciate da Yasser Arafat per ridare la terra sottratta ai Palestinesi? 6) Krusciov, Gorbaciov e Elsin sono i capi di governo russi che hanno attraversato la dissoluzione dell'urss. Quali sono stati i loro contributi politici? 18

19 DIRITTO Risposte multiple Indica la risposta esatta. 1. I gruppi parlamentari: a. sono determinati per legge b. devono essere formati da un numero uguale di senatori o di deputati c. sono uguali nella Camera dei deputati e nel Senato della Repubblica d. comprendono anche un gruppo misto 2. La controfirma ministeriale degli atti presidenziali non è necessaria per: a. la nomina del nuovo Governo b. lo scioglimento anticipato delle Camere c. un messaggio formale del Presidente della Repubblica al Parlamento d. le dimissioni del Capo dello Stato 3. Di regola le fasi attraverso le quali si svolge una crisi di governo sono nell ordine: a. l incarico di formare il nuovo Governo, le consultazioni, l accettazione dell incarico, le dimissioni del precedente Governo, la nomina del nuovo Governo, il giuramento e la fiducia del Parlamento b. le dimissioni del precedente Governo, le consultazioni, l incarico di formare il nuovo Governo, l accettazione dell incarico, la nomina e il giuramento del nuovo Governo, la fiducia del Parlamento c. le dimissioni del precedente Governo, le consultazioni, l incarico di formare il nuovo Governo, l accettazione dell incarico, la fiducia del Parlamento, la nomina del nuovo Governo e il giuramento d. l incarico di formare il nuovo Governo, l accettazione dell incarico, le dimissioni del precedente Governo, le consultazioni, la fiducia del Parlamento, la nomina del nuovo Governo e il giuramento 4. Un singolo cittadino: a. può sollevare una questione di legittimità costituzionale soltanto se è parte in un processo b. può ricorrere direttamente alla Corte costituzionale c. non può sollevare una questione di legittimità costituzionale d. può ricorrere direttamente alla Corte costituzionale contro una legge dello Stato o di una Regione DOMANDE A RISPOSTA APERTA ( Tipologia B) 1. Sintetizza l iter procedurale di un referendum abrogativo 2. Illustra la disciplina costituzionale dei decreti legge. 19

20 INGLESE 1. Transport by air is: a) The most expensive form of transport. b) The fastest form of transport. c) The predominant form of inland transport. d) The predominant form of transport. 2. A shareholder is: a) The owner of the public shares of the company. b) The owner of the private shares of the company. c) The owner of a number of shares. d) A manager of the company. 3. Insurances are: a) Compulsory. b) Voluntary. c) Need a premium to be paid. d) Cover a risk for free. 4. Marketing is a process that: a) identifies the needs and wants of costumers. b) Convinces a costumer to buy new products. c) Advertises a product. d) Is necessary to sell a product. 5. The target market influences the nature of a product, the price, where it is sold and its marketing. Can you explain this by providing examples of your own? 6. What are the terms the seller and the buyer generally negotiate before signing a sale contract? 20

21 1. Die Anfrage wird a) vom Käufer geschrieben b) vom Verkäufer geschrieben c) von der Firma geschrieben d) von der Versandfirma geschrieben. TEDESCO 2.Deutschland muss einführen: a) Maschinen, Elektrogeräte, chemische Produkte b) italienische Schuhe c) Erdgas, Erdöl, Nahrungsmittel, Agrarprodukte, Genussmittel d) Autos, technische Anlagen. 3. Der Bundesrat ist: a) das deutsche föderative Parlament b) die 2. Kammer des deutschen Parlaments c) das Parlament eines Landes d) die deutsche Regierung. 4. Der Marshall-Plan war: a) USA wirtschaftliches Hilfsprogramm für Europa b) Sowjetunion wirtschaftliches Hilfsprogramm für Europa c) USA Hilfsprogramm für die Sowjetunion d) USA wirtschaftliches Hilfsprogramm für die BRD. 5. Wie war die Lage Deutschland nach dem 2. Weltkrieg? 6. Was ist eine Bestellung (von wem wird geschrieben, welche Elemente enthält etc ) 21

22 MATEMATICA A)Definire matematicamente il concetto di funzione B)Spiegare i passaggi per calcolare i punti di massimo e di minimo nelle funzioni in una variabile 1) In un sistema di assi cartesiani le soluzioni della disequazione 2x y 200 corrispondono: ad un insieme di punti che individuano una retta ad un insieme di punti che individuano un poligono ammissibile ad un insieme di punti che individuano il semipiano delimitato dalla retta di equazione 2x y 200 e contenente il punto P (80,50) ad un insieme di punti che individuano il semipiano delimitato dalla retta di equazione 2x y 200 e contenente il punto Q (50,80). 2 2) Quale, tra le soluzioni proposte, caratterizza la parabola di equazione y x 2x 3 il vertice cade nel I Quadrante;l asse di simmetria è parallelo all asse Y;non interseca l asse delle ascisse; ha il vertice nell origine degli assi; l asse di simmetria coincide con l asse Y;interseca l asse delle ascisse in due punti distinti; il suo vertice appartiene al I Quadrante; l asse di simmetria è parallelo all asse delle ordinate;interseca l asse X in due punti distinti; il suo vertice appartiene al I Quadrante; l asse di simmetria è parallelo all asse delle ordinate; interseca l asse delle ascisse in un solo punto. 3) L equazione x = 1, nello spazio cartesiano, rappresenta: - il piano xy; - il piano xz; - il piano yz; - nessuno dei piano precedenti 4) Una linea di livello è: una proiezione ortogonale di due rette aventi la stessa ascissa e la stessa ordinata; la rappresentazione grafica della derivata seconda di una funzione di due variabili; 22

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof Giuseppe Santagata MATERIA Economia aziendale classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 CONOSCENZE 1 Le fasi

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014)

PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014)

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO

ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO UNITA DI APPRENDIMENTO CLASSI3 E AFM, SIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATERIE PRODOTTO FINALE Lo studente dovrà essere in grado di realizzare un idea imprenditoriale,

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDIRIZZO AMM.NE, FINANZA E MARKETING MATERIA: CLASSE: DOCENTE: ECONOMIA AZIENDALE 3^ C VALENTINA CASTELLI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ED ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Conosco

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Patrizia

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 ESAME DI STATO: Documento del consiglio di classe Ammissione e giudizio di ammissione Credito scolastico e formativo La commissione Le prove d esame La

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

Profilo di indirizzo. Integrare competenze scientifiche e tecnologiche di ambito meccanico, dell automazione e dell energia;

Profilo di indirizzo. Integrare competenze scientifiche e tecnologiche di ambito meccanico, dell automazione e dell energia; 27/04/2010 REV 02 INDIRIZZO MECCANICO CLASSE V A A.S. 14-15 Profilo di indirizzo Il perito in MECCANICA È una figura professionale in grado di: Integrare competenze scientifiche e tecnologiche di ambito

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 CLASSE: 1Bcat MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE Prof. MORARA MARCO 1. LIVELLI DI PARTENZA. 1.1. Composizione La classe si compone di 15 studenti (2 femmine

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

Laparelli. Istituto Tecnico Commerciale. Foiano della Chiana. Venerdì 14 dicembre 2012 dalle ore 15,30 alle ore 18,30

Laparelli. Istituto Tecnico Commerciale. Foiano della Chiana. Venerdì 14 dicembre 2012 dalle ore 15,30 alle ore 18,30 Istituto Tecnico Commerciale Laparelli Foiano della Chiana Venerdì 14 dicembre 2012 dalle ore 15,30 alle ore 18,30 Mercoledì 16 Gennaio 2013 dalle ore 15,30 alle ore 18,30 Amministrazione finanza e marketing

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INFORMATICA. DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: III E A.S.: 2013-2014 FINALITA

INFORMATICA. DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: III E A.S.: 2013-2014 FINALITA INFORMATICA DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: III E A.S.: 2013-2014 FINALITA L insegnamento di INFORMATICA nel secondo biennio si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof S. Rizza classe 2 a a/f/m Obtv educativi OBTV didattici trasversali Motivazione

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CONTABILITÀ GESTIONALE

IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CONTABILITÀ GESTIONALE ISTITUTO TECNICO STATALE P. BRANCHINA ADRANO (CT) Programma Classe Quinta Sez. B IGEA Anno Scolastico 2013 2014 Prof. Angelo Leocata Materia d Insegnamento Economia Aziendale LE CARATTERISTICHE DELLE IMPRESE

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA a.s. 2010-2011 Docenti : Margherita Lucchi, Luciana Beretti, Cristina Lanzini, Maria Giuliana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

INFORMATICA. Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze:

INFORMATICA. Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze: INFORMATICA Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze: 1. individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. 2. utilizzare e produrre testi multimediali. 3. analizzare dati ed

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTRUZIONE TECNICA ECONOMICA: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Premessa L elaborazione della programmazione annuale impone al Dipartimento di Scienze motorie e sportive una serie di riflessioni sugli obbiettivi

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali. Restituzione dell esperienza di stage

UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali. Restituzione dell esperienza di stage UNITA DI APPRENDIMENTO 3 Istruzione Professionale Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Utenti destinatari Restituzione dell esperienza di stage Studenti classi quinte Servizi Commerciali Discipline

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 4^

Programmazione annuale docente classi 4^ Fa 02/967.01.431 e-mail: itczappa@itczappa.it sito internet: www.itczappa.it Programmazione annuale docente classi 4^ Docente: Maria Anelli Classi: 4^ sez. A, C Indirizzo: Amministrazione Finanza e Marketing

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

Anno scolastico 2015 / 2016. Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: DEGASPERI EMANUELA

Anno scolastico 2015 / 2016. Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: DEGASPERI EMANUELA Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale ITE Falcone e Borsellino Classe: IV ITE Insegnante: DEGASPERI EMANUELA Materia: LABORATORIO DI INFORMATICA ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

La valutazione degli apprendimenti

La valutazione degli apprendimenti La valutazione degli apprendimenti La valutazione strumento di conoscenza dell alunno per l alunno Valutazione degli apprendimenti e della qualità del sistema educativo di istruzione e di formazione VALUTAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo Profilo Il Diplomato nel Turismo ha competenze specifiche nel comparto delle imprese del settore turistico e competenze generali

Dettagli

Programmazione Annuale Docente Classi 4^

Programmazione Annuale Docente Classi 4^ Fa 02/967.01.431 e-mail: itczappa@itczappa.it sito internet: www.itczappa.it Programmazione Annuale Docente Classi 4^ Docenti : Balletta Giuseppe - Caruso Francesco - Dassisti Giovanni - Muratore Carmela

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI Pagina 1 di 8 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: IGEA 5AR DOCENTE : PINI MARIA GABRIELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 ISIONE SOCIETA DI CAPITALI 2 I CARATTERI DELLE

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE VERBALE n. SCRUTINIO FINALE (CLASSI PRIME E SECONDE del triennio ) Il giorno del mese di dell anno alle ore, nei locali del, si riunisce il Consiglio della Classe, con la sola presenza dei docenti, per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE IIS F E R M I GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it Codice Fiscale 83003590011

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO CLASSI CORSI AFM, RIM, SIA BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: PAGETTI, GOI NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE I QUADRIMESTRE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Sistema Qualità UNI EN ISO 9001 ED 2008. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DOCENTE Classi 5^

Sistema Qualità UNI EN ISO 9001 ED 2008. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DOCENTE Classi 5^ PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DOCENTE Classi 5^ Docenti: Colombo Maria Silvia,Muratore Carmela, Colombo Leonardo, Balletta Giuseppe e Caruso Francesco Classi: 5A Igea, 5B Igea, 5C Igea, 5A Mercurio, 5B Mercurio

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

PIANO DI LAVORO anno scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO anno scolastico 2014-2015 PIANO DI LAVORO anno scolastico 2014-2015 Prof.ssa Bisognin Paola Materia: Economia Aziendale e geo-politica: classe 5^ B RIM CLASSE QUINTA TESTO/I ADOTTATO/I: : Eugenio Astolfi, Lucia Nazzaro, Stefano

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

PROF. BERTELLI STEFANO MATERIA : SCIENZA DELLE FINANZE

PROF. BERTELLI STEFANO MATERIA : SCIENZA DELLE FINANZE Istituto Tecnico Statale Commerciale e per Geometri "E. Fermi" Pontedera - (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-Mail: mail@itcgfermi.it PIANO di LAVORO PROF.

Dettagli

SCHEDA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE. Dipartimento di INFORMATICA Classe 3 Disciplina INFORMATICA

SCHEDA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE. Dipartimento di INFORMATICA Classe 3 Disciplina INFORMATICA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli