CLASSE 5^ SEZ. A AFM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSE 5^ SEZ. A AFM"

Transcript

1 MINISTERO DELL ISTRUZIONE - DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "L. FAZZINI V. GIULIANI" Loc. Macchia di Mauro Vieste (FG) - Tel Fax FGIS00400G Cod.Fisc sito web: DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. S. 2014/2015 CLASSE 5^ SEZ. A AFM DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ( art.5 comma 2 D.P.R. del 23/7/1998 n.323) PERCORSO FORMATIVO COMPLESSIVO DELLA CLASSE 5^ Sez. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Elaborato e deliberato dal Consiglio di Classe nella seduta del 15 maggio 2015 Il Coordinatore della classe Il Dirigente scolastico ( Prof.ssa Ewa Gil ) ( Prof. Valentino Distolfo ) 1

2 DOCUMENTO PREDISPOSTO DAL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZ. A A.S. 2014/2015 Coordinatrice di Classe Prof. ssa Ewa Gil Contenuto: 1. Presentazione del Consiglio di Classe, Materie. pag Elenco dei docenti.. pag Presentazione della Classe.. pag Tabella dei crediti e debiti formativi. pag Obiettivi trasversali realizzati nel percorso didattico...pag Tipologie delle prove, criteri di valutazione pag Scheda informativa relativa alle prove integrate svolte.. pag Contenuti e percorsi disciplinari.. pag Allegati.. pag. 14 A) Libri di testo in uso.. pag. 15 B) Tabella dei crediti. pag. 16 C) Simulazione 3. Prova. pag. 17 D) Programmi disciplinari pag. 24 2

3 Il Consiglio di Classe della 5^ sez. A dell ITSE indirizzo AFM Giuliani di Vieste, nella seduta del c.d.c. del 15 maggio 2015, regolarmente convocato, alla presenza dei proff.: MATERIA Italiano Storia Lingua e Civiltà Inglese Lingua e Civiltà Tedesca Matematica e Laboratorio Economia aziendale Diritto Scienza delle Finanze Educazione Fisica Religione Informatica DOCENTE Prof.ssa Calderisi Lucia Prof.ssa Corso Giuseppe Prof.ssa Gil Ewa Prof. Paolino Roberto Prof.ssa Mastrovalerio Luigi Prof. Pastore Francesco Prof. Fusillo Vincenzo Prof.ssa Rado Maria Prof.Auciello Ciriaco (limitatamente all alunno DECARLO SAMUELE) ha deliberato di formulare ed approvare il seguente documento sul percorso formativo compiuto dalla classe nell anno scolastico 2014/2015, da consegnare al Presidente della Commissione degli Esami di Stato. Tale documento sarà affisso all albo in data 15 maggio 2015 pubblicato sul sito della scuola ed una copia sarà consegnata alla classe. A - Dati di presentazione della Classe Quadro orario delle materie di studio nel quinquennio Materie I II III IV V ITALIANO STORIA LINGUA E CIVILTA INGLESE LINGUA E CIVILTA TEDESCA MATEMATICA SCIENZA INTEGRATE (Sc.della Terra e Biologia) SCIENZE INTEGRATE (Fisica) SCIENZE INTEGRATE (Chimica) DIRITTO ED ECONOMIA DIRITTO ECONOMIA POLITICA ECONOMIA AZIENDALE SCIENZA DELLE FINANZE INFORMATICA GEOGRAFIA 3 3 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE/ATTIVITA ALTERNATIVE Ore settimanali totali

4 DOCENTI DELLA CLASSE PRESIDE Materia Italiano Storia Lingua e Civiltà Inglese Lingua e Civiltà tedesca Matematica Diritto ed economia Diritto Geografia CLASSE 1^ a.s. 2010/11 CLASSE 2^ a.s.2011/12. CLASSE 3^ a.s. 2012/13 CLASSE 4^ a.s. 2013/14 CLASSE 5^ a.s. 2014/15 Solitro M. Solitro M. Solitro M. Calderisi L. Calderisi L. Solitro M. Martino M. Solitro M. Calderisi L. Calderisi L. Caldarola N. Caldarola N. Corso G. Corso G. Corso G. Siena M.C. Siena M.C. Maiorano L. Siena M.C. Gil E. Lapiccirella T. Paolino R. Grana M. Lapiccirella T. Paolino R. Di Milo D. Di Milo D Pastore Pastore Pastore Di Paola Ventrella M. - - Diritto ed Economia Pastore F. Economia politica - Pastore F Pastore F. Pastore F. Economia aziendale Mastrovalerio L. Mastrovalerio L. Montevcalvo A. Mastrovalerio L. Mastrovalerio L. Scienza d. Finanze Pastore F. Economia Aziendale Informatica Vocale A. Mastrovalerio L. Montecalvo A. Montecalvo A. Matrovalewrio L. Rinaldi N. Rinaldi N. Auciello C. Auciello C. - Sienze Integrate (Sc. della Terra e Biologia) Giagnorio. Laganella M Scienze integrate (chimica) - Bordani M Scienze integrate (fisica) Gimma Scienze motorie Fusillo V. Clemente G. Fusillo V. Fusillo V. Fusillo V. Religione Rado M Vescera T. Rado M. Rado M. Rado M. 4

5 Numero alunni Numero alunni ripetenti Numero alunni promossi dalla 4^ in 5^ per meriti propri Presentazione della classe Numero alunni promossi dalla 4^ in 5^ con debito formativo Numero alunni con corso di studio regolare Numero alunni con corso di studio irregolare Elenco dei candidati N COGNOME NOME 1 De Carlo Samuele 2 De Leo Maurizio 3 Demaria Maurizia 4 Gentile Francesco 5 Langi Chiara 6 Lopriore Lavinia 7 Mione Davide 8 Monaco Federico 9 Papagni Roberto 10 Protano Antonella 11 Ruggieri Giannicola 12 Santoro Matteo 13 Troia Marco 14 Troia Sante 15 Valerio Elisabetta 16 Vieste Daniele Composizione: La classe è attualmente formata da 16 alunni di cui 11 maschi. Un alunno si è ritirato nel corso dell anno scolastico. Ripetenti: Gli alunni che hanno avuto un regolare percorso scolastico sono 9; i restanti hanno avuto almeno una ripetenza nella loro carriera scolastica. Continuità didattica: Il C.d.C. ha subito nell arco del quinquennio numerose variazioni. Livelli di partenza: I livelli di partenza sono stati accertati, nelle diverse materie, in vario modo. I discenti, ad eccezione di alcuni, hanno mostrato lacune e carenze in diverse discipline con livelli cognitivi superficiali e frammentari. Profilo disciplinare: Dal punto di vista disciplinare la classe non ha presentato problemi ; gli alunni hanno avuto una condotta corretta e quasi sempre rispettosa del regolamento dell Istituto. Si sono verificate invece molte irregolarità per quel che riguarda la frequenza. 5

6 Profilo didattico della classe: la classe è risultata eterogenea nella motivazione allo studio, nella partecipazione e nel profitto. Sul piano didattico il suo percorso formativo - culturale è stato contraddistinto dalla mancanza di continuità didattica in molte discipline; al 5^ anno sono sorte difficoltà anche in economia aziendale a causa del susseguirsi di tre insegnanti nel corso dell anno. In merito alle conoscenze, capacità e competenze non vi è stato un impegno sistematico ed attento per cui diversi studenti, pur dotati di capacità, presentano un livello di preparazione mediamente accettabile. Nella classe comunque, si distinguono alcuni elementi che per impegno e per rendimento hanno raggiunto buoni risultati. Buona parte ha ottenuto un profitto appena sufficiente. Lo sviluppo dei programmi si è chiaramente adeguato alle esigenze degli alunni, con obiettivi calibrati sugli stessi nonché sulla esiguità del tempo effettivo a disposizione della didattica (vedi attività extracurriculari ed integrative). Va segnalata la situazione dell alunno DE CARLO SAMUELE che ha frequentato per 4 anni l Istituto Tecnico di Brindisi- indirizzo Amministrazione, Finanza,Marketing, articolazione Sistemi Informativi Aziendali, dove non era previsto lo studio della 2^ Lingua straniera compresa nei programmi dell Istituto Fazzini- Guliani. Pertanto, allo studente è stato assegnato in qualità di tutor il prof. AUCIELLO Ciriaco, docente di Informatica, il quale durante l ora di tedesco (materia non caratterizzante) ha svolto il programma di informatica per affrontare l Esame di Stato. I risultati delle due simulazioni della 3^ prova sono stati positivi. CLIL. Non essendoci docenti di DNL in possesso delle necessarie competenze linguistiche e metodologiche (livello di certificazione B2), il consiglio di classe ha programmato un percorso sperimentale interdisciplinare CLIL coinvolgendo la lingua inglese e la scienza delle finanze e avviando il progetto intitolato Business theory. Banking. Il percorso scelto può essere oggetto di accertamenti del profitto anche all esame di Stato nella prova orale. L esame d Stato: nel corso dell anno sono state svolte le simulazioni delle prove scritte : una per la 1.prova (italiano), una per la 2.prova (economia aziendale) e due per la 3.prova. ATTIVITA EXTRACURRICULARI ED INTEGRATIVE. Gli alunni hanno partecipato alle numerose attività : 1)Alternanza Scuola-Lavoro e tirocini presso le aziende; 2) Soggiorno linguistico di 3 settimane a Edimburgo e Francoforte con le certificazioni linguistiche; 3) Il treno della memoria 4) Viaggi d istruzione a Budapest, Napoli e Caserta nonché un uscita didattica a Salerno; 5) L orientamento in uscita con la partecipazione alla fiera annuale sull orientamento Job Orienta a Verona e agli incontri con rappresentanti delle università ; 6) Progetto di educazione alla legalità; 7) Partecipazione al Presepe vivente ed altre manifestazioni teatrali. 6

7 Tabella dei debiti relativi ai primi 4 anni e DEI CREDITI SCOLASTICI RELATIVI AL 3 E 4 ANNO Classe 1 Classe 2 Classe 3 CRE DIT O Classe 4 N ALUNNI DEBITI DEBITI DEBITI DEBITI CR E DI T O CR. TOT. 3-4 anno 1 DECARLO S DE LEO M DEMARIA M. - - Inglese GENTILE F Inglese LANGI CH. - Matematica 4 Inglese LOPRIORE L Inglese MIONE D. - - Ec.politica MONACO F. Tedesco PAPAGNI R. - - Diritto PROTANO A Inglese RUGGIERI G. - Inglese Tedesco- Matematica SANTORO M Inglese TROIA M TROIA S. - Ital.-Inglese- Tedesco - 5 Inglese VALERIO E VIESTE D. - - Storia-Ec.politica (*) Debito scolastico recuperato 7

8 B - Obiettivi trasversali realizzati nel percorso didattico della classe 1. Profilo professionale Il diplomato dell ITSE indirizzo AFM, oltre a possedere una consistente cultura generale accompagnata da buone capacità linguistico - interpretative, deve evidenziare conoscenze riguardo ai processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, contabile. In particolare, egli deve essere in grado di redigere ed interpretare i documenti aziendali e seguirne l evoluzione dal punto di vista fiscale, economico e tecnologico. 2. Conoscenze. a) Buona cultura generale, accompagnata da capacità linguistico-espressive e logico-interpretative. b) Conoscenza sistematica dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico,giuridico e contabile, con particolare riguardo ai fenomeni della mondializzazione dell economia e della divisione internazionale del lavoro. c) Conoscenza pratica relativa ai rapporti tra l azienda e l ambiente in cui si opera. 3. Competenze Al termine degli studi, lo studente deve essere in grado di: a) utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili, per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali; b) redigere ed interpretare i documenti aziendali; c) cogliere i problemi su scala planetaria e, nello stesso tempo, analizzarli, secondo le loro articolazioni settoriali, spaziali ed in prospettiva storica. 4. Capacità. Lo studente deve anche saper: a) analizzare situazioni per rappresentarle con modelli funzionali ai problemi ad alle risorse tecniche disponibili. b) comunicare in maniera efficace ed efficiente, utilizzando appropriati linguaggi tecnici. 5. Metodologie didattiche. Le metodologie didattiche delle singole discipline sono state concordate nei consigli di classe nella fase di programmazione annuale, cercando di evitare un impostazione troppo soggettiva e solo teorica. Per la loro articolazione si rimanda al piano di lavoro elaborato dai singoli docenti. Quando, nell attività didattica, sono emerse lacune o difficoltà di apprendimento, si sono attuate varie modalità di recupero: attività di consolidamento, anche in orario extra-scolastico. Nella seconda parte dell anno è stato attivato lo sportello didattico per le discipline tecnico-professionali soprattutto per consentire il recupero di debiti formativi e il consolidamento di conoscenze acquisite. 6. Strumenti, spazi e tempi didattici. Nell attività didattica, nel corso degli anni si sono utilizzati laboratori, attrezzature e aule speciali, di cui l Istituto è dotato: - Sala televisione; - Sala multimediale - Laboratorio di Informatica. 7. VERIFICHE, RECUPERO 7.1 Verifiche formative Durante lo svolgimento del lavoro didattico sono state svolte verifiche formative, utili al docente per monitorare e controllare il processo di apprendimento degli studenti, accertando i livelli conseguiti. Come strumento, è stata generalmente utilizzata la breve interrogazione. 7.2 Verifiche sommative 8

9 Nel corso dell'anno sono state effettuate verifiche con carattere valutativo. Sono state utilizzate interrogazioni, prove strutturate, trattazioni sintetiche di argomenti, domande a risposta singola, produzioni scritte. 7.3 Recupero Sono state svolte attività di recupero in itinere ogni volta che se n'è ravvisata la necessità, consistenti nella ripetizione della lezione e o nell'impostazione diversa della stessa. 8. Valutazione. Il Consiglio di Classe, nella valutazione si è riferito ai criteri di corrispondenza tra voti, livelli di conoscenza, già definiti nella programmazione iniziale, che vengono così riportati: Conoscenze/abilità/competenze Voti L allievo ha acquisito qualche conoscenza, ma non le abilità di base richieste. Commette, quindi, molti e gravi errori nella esecuzione dei compiti assegnati e si esprime in modo scorretto, con termini generici e del tutto 1/3 impropri. L allievo dimostra una carente conoscenza degli argomenti proposti. Possiede qualche abilità, che non è però in grado di utilizzare in modo autonomo neppure nell esecuzione di compiti semplici, nello svolgimento dei 4 quali commette gravi errori. Si esprime in modo spesso scorretto ed usa termini generici ed impropri. L allievo conosce gli argomenti proposti in modo superficiale e frammentario. Dimostra, nell esecuzione di compiti semplici, di possedere alcune abilità, che utilizza tuttavia con incertezza. Commette errori 5 nell esecuzione dei lavori assegnati. Si esprime a volte in modo scorretto ed usa termini generici e/o non sempre appropriati. L allievo conosce gli aspetti essenziali degli argomenti proposti. Esegue senza errori compiti semplici, ma dimostra scarse abilità in quelli complessi. Si esprime in modo sostanzialmente corretto, ma poco scorrevole. 6 La terminologia è a volte generica. L allievo conosce gli argomenti proposti. Commette qualche errore nell esecuzione dei compiti assegnati, che comunque svolge con strategie generalmente adeguate. Si esprime in modo corretto, usando una 7 terminologia quasi sempre adeguata. L allievo conosce e sa applicare i contenuti disciplinari, dimostrando abilità nelle procedure, sia pure con lievi imprecisioni. Si esprime in modo corretto e scorrevole, usando una terminologia appropriata. 8 L allievo padroneggia tutti gli argomenti proposti e sa organizzare le conoscenze in modo autonomo in situazione nuove senza commettere errori o imprecisioni. Si esprime in modo corretto e scorrevole, usando 9 un linguaggio ricco ed appropriato. L allievo padroneggia tutti gli argomenti, dimostrando capacità di operare gli opportuni collegamenti interdisciplinari e utilizzando correttamente specifici registri linguistici. E in grado di affrontare con 10 sicurezza situazione nuove e analizzare criticamente contenuti e procedure. Per quanto riguarda gli aspetti delle metodologie e strategie didattiche specificamente riferiti alle singole discipline si rinvia alle relazioni finali di ciascun insegnante. Per il credito scolastico, il Consiglio di Classe ha tenuto conto: 1) della partecipazione all attività didattica; 2) della partecipazione alla vita scolastica; 3) delle attività integrative; 4) del credito formativo 9

10 C) TIPOLOGIE DELLE PROVE E CRITERI DI IMPOSTAZIONE Gli alunni hanno affrontato due simulazioni delle tre prove scritte degli esami di Stato. Per quel che riguarda Italiano, durante l intero anno scolastico, oltre a tema tradizionale di argomento storico ( tipologia C) e di ordine generale ( tipologia D), gli alunni sono stati chiamati ad analizzare un testo di letteratura ( tipologia A) ed a redigere un saggio breve o un articolo di giornale ( tipologia B). Correzione e la valutazione della 1^ prova scritta: Italiano Candidato: Classe Tipologia della prova A B1 B2 B3 B4 C D Elementi della prova Descrittori Punti Punteggio - Comprensione del testo -Pertinenza alla traccia fino a 5/15 (Livello di Qualità del contenuto -Ampiezza dello svolgimento sufficienza = 3) -Approccio originale e personale Organizzazione del contenuto Stile Grammatica e ortografia -Ordine e organicità -Coerenza e coesione - Analisi e sintesi Competenza testuale competenza lessicale -Correttezza nell impiego delle strutture morfosintattiche fino a 4/15 (Livello di sufficienza = 3) fino a 3/15 (Livello di sufficienza = 2) fino a 3/15 (Livello di sufficienza = 2) Ai sensi dell articolo 15 dell O.M. n 38 dell alla prova giudicata sufficiente non può essere attribuito un punteggio inferiore a 10. Classe: Candidato: Punteggio totale attribuito dalla commissione alla prima prova /1 10

11 Correzione e la valutazione della 2^ prova scritta: Economia aziendale. Indicatori Descrittori Punteggi Competenze Linguistiche Conoscenze Proprietà morfosintattica e capacità di utilizzare il lessico specifico. Correttezza e pertinenza dei contenuti. Inadeguate e confuse 1 Corrette ed essenziali 2 Complete ed approfondite 3 Inadeguate e confuse 3 Corrette ed essenziali 6 Complete ed approfondite 9 Capacità elaborative logicocritiche-creative Sviluppo e coerenza delle argomentazioni, elaborazione personale. Inadeguate e confuse 1 Corrette ed essenziali 2 Complete ed approfondite 3 Economia aziendale le verifiche scritte hanno riguardato i temi ministeriali degli anni precedenti, in modo da abituare i discenti alla comprensione ed all elaborazione degli stessi. Griglia di misurazione della seconda prova: Economia aziendale Punteggio totale attribuito dalla commissione alla seconda prova /1 11

12 SIMULAZIONE TERZA PROVA TIPOLOGIE: - (C+ B) n.4 quesiti a scelta multipla con 4 opzioni per ogni domanda e n. 2 domande a risposta aperta DISCIPLINE: Storia, Lingua e Civiltà Inglese, Matematica e Laboratorio, Diritto, Geografia Economica VALUTAZIONE L attribuzione del voto finale della prova scaturirà dalla somma aritmetica dei punteggi, espressi in quindicesimi, riportati in ogni singola materia (Allegato C). La prova è costituita da quattro quesiti a risposta multipla con quattro alternative di cui una sola esatta e due domande a risposta aperta. A ciascun quesito a risposta multipla verrà assegnato un punteggio di 0,25 per un totale di 1 punto; a ciascuna domanda aperta verrà assegnato n. 1 punto per un totale di due punti ; punteggio totale per disciplina n.3 punti; L elaborato deve essere consegnato entro 120 minuti dalla dettatura. Non è consentito l uso di manuali e testi di alcun genere ad eccezione della calcolatrice e dei vocabolari per lingue straniere. Non è consentito lasciare l aula prima che la prova sia terminata. VALUTAZIONE: Griglia di misurazione della terza prova - Quesiti a risposta multipla : punteggio 0,25 per ogni risposta corretta - Domande a risposta aperta : punteggio 1.00 per ogni risposta completa. PUNTEGGIO STORIA DIRITTO INGLESE TEDESCO MATEMATICA TOTALE Classe: Candidato: Punteggio totale attribuito dalla commissione alla terza prova /15 12

13 Interrogazione orale Trattazione sintetica scritta di argomenti Quesiti a risposta singola Quesiti a risposta multipla Test Vero/Falso Test a completamento Problemi a soluzione rapida Casi pratici e professionali Sviluppo di progetti Produzioni in lingua italiana Produzione in lingua straniera Esercitazioni pratiche Domande a risposta aperta Esercizi Gli elementi tenuti presenti per la valutazione periodica e finale sono stati: livello di conoscenze e competenze, metodo di studio, partecipazione, impegno, progresso, livello della classe, situazione personale TIPI DI VERIFICA Materie A Italiano X X X X X X B Storia X X X X X C Matematica X X X X X X X X X D Inglese X X X X X X X X X E Educazione fisica X X X F Religione X X X X X G Economia Aziendale X X X X X X X X H Diritto X X X X X X Scienza delle I Finanze X X X X X X L Tedesco X X X X X X M Geografia Economica X X X X Segnare con una crocetta (carattere X) le tipologie utilizzate Analisi e commento di un testo Sviluppo di argomenti (Saggio breve) X Argomenti di carattere storico X Sviluppo di argomenti (Articolo di giornale X) Tema di ordine generale X Segnare con una crocetta (carattere X) le tipologie utilizzate Produzioni in lingua su di un tema assegnato X Esercizi di traduzione Italiano-lingua X Esercizi di traduzione lingua-italiano X Esercizi di comprensione X 13

14 C - Contenuti e percorsi disciplinari 1. Italiano 5. Matematica 2. Storia 6. Economia Aziendale 9. Scienze motorie 3. Lingua e Civiltà Inglese 7. Diritto 10. Religione 4. Lingua e Civiltà Tedesca 8. Scienza delle Finanze D - Documenti allegati a) Elenco libri di testo; b) Tabella dei crediti ; c) Simulazione 3.prova; d) Programmi disciplinari; 14

15 ALLEGATO A) Libri di testo in uso nella classe 5^A ITSE AFM MATERIA CODICE AUTORE TITOLO VOLUME EDITORE RELIGIONE ITALIANO LETTERATURA ITALIANO Marinoni G. Cassinotti Cataldi, Angiolini Mezzadrelli MATEMATICA Trovato Mario ECONOMIA AZIENDALE Astolfi Barale Ricci Domanda dell uomo(la) - Quinquennio corso di religione cattolica per il quinquennio Marietti Scuola Letteratura e i saperi 3 Palumbo Prima prova-ci perla maturità. Metodi e strumenti di matematica generale e applicata IGEA 3 Entriamo in azienda 3 3 Petrini Ghisetti & Corvi Editori Tramontana(RCS Libri) DIRITTO M. Capiluppi Nuovo corso di diritto 3 Tramontana SCIENZA DELLE FINANZE Gilbert Alfredo Scienza delle finanze e diritto tributario Edizioni Lattes STORIA Bertini Alla ricerca del presente Mursia Scuola EDUC. FISICA Rampa A. Salvetti M.C. Sport e salute Juvenilia LINGUA E CIVILTA INGLESE Cumini, Bowen Pallini L. TEDESCO Delor R. Foschi A. Hepp M. Business Globe Digital Edition. Going for grammar Grammatica-Inglese per italiani Wirtschaft Online Petrini Cideb Valmartina 15

16 ALLEGATO B) TABELLA DEI CREDITI ( Decreto Ministeriale n. 99 del 16 dicembre 2009 ) MEDIA DEI VOTI 3 anno 4 anno 5 anno M = <M<= <M<= <M<= <M= VOTI in decimi TABELLA DI CONVERSIONE DEI VOTI Voti in quindicesimi Voti in trentesimi ,5 3 7, ,5 5 10, ,5 7 13, ,5 9 16, , , , , CREDITO SCOLASTICO SCRITTI ORALI TOTALE MAX

17 ALLEGATO C ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "L. FAZZINI V. GIULIANI" LOC. MACCHIA DI MAURO VIESTE (FG) - TEL FAX FGIS00400G Cod.Fisc sito web: SIMULAZIONE 3.PROVA ESAME DI STATO A.S. 2014/2015 Classe V A AFM Candidato Data : DISCIPLINE: Storia, Diritto, Inglese, Tedesco, Matematica TIPOLOGIA: C + B : per ogni disciplina 4 quesiti a risposta multipla con quattro opzioni e per ogni disciplina 2 domande a risposta aperta (max 5 righe). Durata prova: 2 ore. Non è consentito lasciare l aula prima che siano trascorsi 60 minuti. Importante: è consentito l uso dei vocabolari. Non sono consentite correzioni, l uso della matita né l uso della penna rossa. VALUTAZIONE: - Quesiti a risposta multipla : punteggio 0,25 per ogni risposta corretta - Domande a risposta aperta : punteggio 1.00 per ogni risposta completa. PUNTEGGIO STORIA DIRITTO INGLESE TEDESCO MATEMATICA TOTALE PUNTEGGIO TOTALE: 17

18 STORIA 1) La Terza Internazionale è: a)una organizzazione comprendente tutti i dirigenti dei partiti socialisti e socialdemocratici b)una organizzazione comprendente le frange rivoluzionarie dei partiti socialisti e socialdemocratici c))una organizzazione fondata dal partito comunista russo d)l'inno ufficiale dei partiti socialisti e socialdemocratici 2) La Secessione dell'aventino è: a)l'abbandono del Parlamento da parte dei deputati di opposizione in seguito all'assassinio di Matteotti b) la protesta degli italiani nei confronti delle spedizioni punitive delle "squadracce fasciste" c) l'evocazione storica dell'"apologo delle membra" di Menenio Agrippa d)la denuncia delle irregolarità elettorali del regime fascista 3) Le Tesi di Aprile sono: a) un documento storico contenente il pensiero politico di Lenin b) il programma politico di Lenin fondato sulla dittatura del proletariato c)programma di istituzione dei Soviet d) la valutazione politica della Rivoluzione russa di Ottobre 4) Le costanti storiche che determinano l'affermarsi di regimi autoritari sono: a)inflazione- disoccupazione- bassi salari- debolezza politica- malcontento popolare b) crisi dei regimi democratici- corruzione- dominio dell'economia sulla politica c) disinteresse dello Stato per la "Questione sociale" d)errate politiche di governi determinate dalle leadership politiche 5) Quali furono le linee di protesta tracciate da Yasser Arafat per ridare la terra sottratta ai Palestinesi? 6) Krusciov, Gorbaciov e Elsin sono i capi di governo russi che hanno attraversato la dissoluzione dell'urss. Quali sono stati i loro contributi politici? 18

19 DIRITTO Risposte multiple Indica la risposta esatta. 1. I gruppi parlamentari: a. sono determinati per legge b. devono essere formati da un numero uguale di senatori o di deputati c. sono uguali nella Camera dei deputati e nel Senato della Repubblica d. comprendono anche un gruppo misto 2. La controfirma ministeriale degli atti presidenziali non è necessaria per: a. la nomina del nuovo Governo b. lo scioglimento anticipato delle Camere c. un messaggio formale del Presidente della Repubblica al Parlamento d. le dimissioni del Capo dello Stato 3. Di regola le fasi attraverso le quali si svolge una crisi di governo sono nell ordine: a. l incarico di formare il nuovo Governo, le consultazioni, l accettazione dell incarico, le dimissioni del precedente Governo, la nomina del nuovo Governo, il giuramento e la fiducia del Parlamento b. le dimissioni del precedente Governo, le consultazioni, l incarico di formare il nuovo Governo, l accettazione dell incarico, la nomina e il giuramento del nuovo Governo, la fiducia del Parlamento c. le dimissioni del precedente Governo, le consultazioni, l incarico di formare il nuovo Governo, l accettazione dell incarico, la fiducia del Parlamento, la nomina del nuovo Governo e il giuramento d. l incarico di formare il nuovo Governo, l accettazione dell incarico, le dimissioni del precedente Governo, le consultazioni, la fiducia del Parlamento, la nomina del nuovo Governo e il giuramento 4. Un singolo cittadino: a. può sollevare una questione di legittimità costituzionale soltanto se è parte in un processo b. può ricorrere direttamente alla Corte costituzionale c. non può sollevare una questione di legittimità costituzionale d. può ricorrere direttamente alla Corte costituzionale contro una legge dello Stato o di una Regione DOMANDE A RISPOSTA APERTA ( Tipologia B) 1. Sintetizza l iter procedurale di un referendum abrogativo 2. Illustra la disciplina costituzionale dei decreti legge. 19

20 INGLESE 1. Transport by air is: a) The most expensive form of transport. b) The fastest form of transport. c) The predominant form of inland transport. d) The predominant form of transport. 2. A shareholder is: a) The owner of the public shares of the company. b) The owner of the private shares of the company. c) The owner of a number of shares. d) A manager of the company. 3. Insurances are: a) Compulsory. b) Voluntary. c) Need a premium to be paid. d) Cover a risk for free. 4. Marketing is a process that: a) identifies the needs and wants of costumers. b) Convinces a costumer to buy new products. c) Advertises a product. d) Is necessary to sell a product. 5. The target market influences the nature of a product, the price, where it is sold and its marketing. Can you explain this by providing examples of your own? 6. What are the terms the seller and the buyer generally negotiate before signing a sale contract? 20

21 1. Die Anfrage wird a) vom Käufer geschrieben b) vom Verkäufer geschrieben c) von der Firma geschrieben d) von der Versandfirma geschrieben. TEDESCO 2.Deutschland muss einführen: a) Maschinen, Elektrogeräte, chemische Produkte b) italienische Schuhe c) Erdgas, Erdöl, Nahrungsmittel, Agrarprodukte, Genussmittel d) Autos, technische Anlagen. 3. Der Bundesrat ist: a) das deutsche föderative Parlament b) die 2. Kammer des deutschen Parlaments c) das Parlament eines Landes d) die deutsche Regierung. 4. Der Marshall-Plan war: a) USA wirtschaftliches Hilfsprogramm für Europa b) Sowjetunion wirtschaftliches Hilfsprogramm für Europa c) USA Hilfsprogramm für die Sowjetunion d) USA wirtschaftliches Hilfsprogramm für die BRD. 5. Wie war die Lage Deutschland nach dem 2. Weltkrieg? 6. Was ist eine Bestellung (von wem wird geschrieben, welche Elemente enthält etc ) 21

22 MATEMATICA A)Definire matematicamente il concetto di funzione B)Spiegare i passaggi per calcolare i punti di massimo e di minimo nelle funzioni in una variabile 1) In un sistema di assi cartesiani le soluzioni della disequazione 2x y 200 corrispondono: ad un insieme di punti che individuano una retta ad un insieme di punti che individuano un poligono ammissibile ad un insieme di punti che individuano il semipiano delimitato dalla retta di equazione 2x y 200 e contenente il punto P (80,50) ad un insieme di punti che individuano il semipiano delimitato dalla retta di equazione 2x y 200 e contenente il punto Q (50,80). 2 2) Quale, tra le soluzioni proposte, caratterizza la parabola di equazione y x 2x 3 il vertice cade nel I Quadrante;l asse di simmetria è parallelo all asse Y;non interseca l asse delle ascisse; ha il vertice nell origine degli assi; l asse di simmetria coincide con l asse Y;interseca l asse delle ascisse in due punti distinti; il suo vertice appartiene al I Quadrante; l asse di simmetria è parallelo all asse delle ordinate;interseca l asse X in due punti distinti; il suo vertice appartiene al I Quadrante; l asse di simmetria è parallelo all asse delle ordinate; interseca l asse delle ascisse in un solo punto. 3) L equazione x = 1, nello spazio cartesiano, rappresenta: - il piano xy; - il piano xz; - il piano yz; - nessuno dei piano precedenti 4) Una linea di livello è: una proiezione ortogonale di due rette aventi la stessa ascissa e la stessa ordinata; la rappresentazione grafica della derivata seconda di una funzione di due variabili; 22

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA)

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) DOCUMENTO ELABORATO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a sez.c indirizzo "SIA" ESAMI DI STATO Conclusivi dei corsi di istruzione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli