SCOMMESSE La moltiplicazione del capitale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCOMMESSE La moltiplicazione del capitale"

Transcript

1 Progetto Saper Vincere SCOMMESSE La moltiplicazione del capitale Partire con una piccola cifra e puntare a guadagni stratosferici si può. A patto di adottare i dovuti accorgimenti. Sfruttare al meglio i diversi tipi di sistema per compensare i limiti del pronostico. Vincere spesso senza concedere più del dovuto al banco in termini di vantaggio matematico 1

2 Introduzione Vincenzo Carchidi La Moltiplicazione del Capitale Il concetto di moltiplicazione del capitale dovrebbe essere ma non è! alla base di ogni sana attività speculativa e, per quanto ci riguarda più da vicino, di tutto ciò che può essere considerato gioco scientifico. La realtà dei fatti è che un gran numero di giocatori dichiara apertamente di voler puntare a vincere poco ma spesso, affermando, al tempo stesso, di preferire una condotta a basso rischio. In realtà la politica poco ma spesso sarebbe praticabile solo in presenza di un gioco matematicamente vantaggioso per lo scommettitore, laddove invece sappiamo bene che (quasi) tutti i giochi favoriscono apertamente il banco. Dunque la prospettiva di vincere poco ma spesso risulta in ogni caso illusoria, e fra l altro difficilmente compatibile con il basso rischio. Dovrebbe essere anche una semplice questione di definizioni: il rischio non può essere basso se non è proporzionalmente contenuta la posta che viene messa in gioco. Scommettere su un esito facile significa magari incassare spesso, ma non certo guadagnare, cioè assumere una posizione davvero vincente nel tempo. Ciò di cui bisogna rendersi conto è che in un gioco matematicamente svantaggioso (come quello relativo alle Scommesse sul Calcio) la vincita frequente non è indizio di un criterio sistemistico autenticamente valido, ma, al contrario, di un metodo pericolosamente illusorio. L idea che vincere spesso equivalga a guadagnare si basa infatti su un grossolano equivoco emotivo prima ancora che logico. 2

3 A tutti infatti piace avere gratificazioni frequenti, anche se minime, mentre appare meno allettante la prospettiva di un attesa incerta per un obiettivo più ambizioso (e perciò stesso meno probabile). Fatto sta che l obiettivo di questa pubblicazione non è quello di puntare alle vincite frequenti (e per ciò stesso piccole, almeno in proporzione alla somma giocata), ma quello di portare avanti le strategie più adatte per ottenere obiettivi importanti, a volte addirittura superlativi, anche se non sempre facili da realizzare. Bisogna infatti essere consapevoli del fatto che muoversi in questa prospettiva vuol dire inevitabilmente spendere (poco) quasi tutti i giorni e incassare (tanto, o anche tantissimo) solo di tanto in tanto. Ma posso assicurare che ne vale davvero la pena! Andiamo sul concreto. Nella prima parte di questo e-book parlerò dei sistemi orizzontali, nella seconda parte dei sistemi verticali e nella terza ed ultima parte delle tecniche specifiche per mettere in atto, appunto, la moltiplicazione del capitale. Chi avrà la costanza di seguirmi e, soprattutto, di mettere in pratica i suggerimenti contenuti in questa guida, potrà di fatto trasformare il gioco delle Scommesse in una sorta di piccolo Totocalcio, che potrà presto rivelarsi alquanto redditizio 3

4 Parte prima I sistemi orizzontali Vengono definiti orizzontali i sistemi concepiti secondo il modello del Totocalcio, ossia quelli che prevedono la possibilità di esiti diversi per lo stesso incontro. Nella loro applicazione tradizionale tali sistemi possono mettere in gioco, oltre ai singoli segni 1, x e 2, anche le doppie 1x, 12 e x2 o addirittura la tripla 1x2. Nel caso delle Scommesse, giocare sulla tripla chiaramente non ha senso (a meno che non si trovino, presso diversi gestori, quote tali da garantire un guadagno matematico: il famoso sure bet ); ma io ho avuto modo più volte di sconsigliare categoricamente anche l uso delle doppie, specialmente sotto forma di doppia chance, dal momento che al limite sarebbe normalmente più vantaggioso spezzare la giocata su due diversi gestori, cercando per ciascun segno la quota più conveniente. Ma il discorso importante non è questo. La verità è che quando i sistemi orizzontali vengono applicati alle Scommesse è saggio valorizzare nel migliore dei modi la grande opportunità offerta da questo tipo di gioco. Mi spiego. Quando una variante (è questa la definizione generica di doppie e triple e, all occorrenza, anche di quadruple, quintuple e cosi via ) viene applicata ad un gioco tipo Totocalcio, si ha già in partenza la certezza che solo uno degli esiti posti in gioco potrà andare, nel migliore dei casi, a buon fine. 4

5 E così, nel momento in cui io indovino una doppia 1x, mi ritrovo ad aver azzeccato uno dei due segni (per i quali lo sottolineo ho pagato in termini di spesa e/o di quota) ma, inevitabilmente, ad avere sbagliato l altro. In poche parole una delle due possibilità messe in gioco (ossia il 50% del tutto) risulta perdente in partenza. La situazione ovviamente si complica, con progressione geometrica, ossia in modo esponenziale, se il numero delle partite con varianti aumenta. Tanto per dare una piccola idea un sistema con 4 doppie implica già la certezza matematica che almeno 15 delle 16 combinazioni complessivamente sviluppate saranno perdenti! E naturalmente vale poco l obiezione che ho più volte sentito provenire anche dalla bocca di scommettitori abituali: Che mi importa? Magari le indovinassi le 4 doppie, perché comunque farei una bella vincita. Le cose purtroppo non stanno così, perché i conti bisogna imparare a farli alla distanza ed il concetto di bella vincita non può prescindere dalla considerazione (che dovrebbe essere ovvia, ma spesso invece non lo è!) del fatto che il banco non è un istituto di beneficienza, ma un avversario temibile con cui ci confrontiamo in condizioni di svantaggio matematico e al quale quindi non possiamo concedere ulteriori benefici. Al di là delle operazioni effettuabili a livello di pronostico (sulle quali mi sono ampiamente soffermato nel mio e-book Arricchirsi con le scommesse ) noi abbiamo a disposizione un solo metodo efficace per battere davvero il banco, ossia per realizzare un guadagno effettivo sulla lunga distanza: metterlo alla corda giocando con i suoi soldi e non con i nostri! Intendiamoci: non è possibile trovare la formula che ci consenta di scommettere gratis e senza rischio alcuno. Risulta invece attuabile ed anzi necessaria una 5

6 strategia che punti a ribaltare lo svantaggio iniziale e, come dicevo, a mettere alle corde il banco. Tanto per dirla in sintesi, si tratta di giocare poco per vincere tanto, che è l esatto contrario di ciò che solitamente avviene e di ciò che giustamente piace al banco (il quale basa i propri guadagni non sui pronostici ma sul vantaggio matematico assicuratogli dall intero meccanismo, e quindi sa bene che più è alto il monte giocate e più elevato sarà alla lunga il suo guadagno). Ma noi non siamo dalla parte del banco, bensì dello scommettitore. E per offrire allo scommettitore la concreta possibilità di uscire trionfatore da un gioco che di per sé sarebbe perdente, non posso che suggerire una condotta di gioco tesa a ridurre i vantaggi del gestore ed a fornire a chi gioca le linee di condotta che possono davvero portare a un ribaltamento delle prospettive. In tale ottica prima regola d oro è la seguente: più alto è il rapporto fra la vincita a cui si punta e la cifra che si mette in gioco, più il vantaggio del banco risulta diluito e più le opportunità di (grandi) vincite aumentano per lo scommettitore, il quale, fra l altro, potrà avvantaggiarsi non poco del fatto di dover puntare solo somme piccole, almeno relativamente. Insomma, puntare a vincere 200 scommettendo 2 (rapporto 100 a 1), non è la stessa cosa che puntare alla stessa vincita scommettendo 200 (rapporto 1 a 1). Certo, guadagnare una cifra equivalente a quella giocata (come si potrebbe fare, ad esempio, azzeccando un esito con quota 2,00) è molto più semplice che guadagnare una cifra 100 volte più grande. Ci mancherebbe altro! 6

7 Resta il fatto che puntare su un esito (o combinazione di esiti) che vale 100 volte la posta significa mettere a rischio una cifra irrisoria (nell esempio si tratta di 2 ) a fronte di una possibile vincita significativa (200 ). Quindi, com è ovvio, la minore probabilità viene compensata dalla maggiore remunerazione, e viceversa. A un primo esame, perciò, si potrebbe essere portati a pensare che le due soluzioni siano in qualche modo equivalenti, perché quello che guadagni da una parte lo perdi dall altra, ed è solo una questione di coperta corta in cui una scelta vale l altra. In realtà non è così per tante ragioni, prima delle quali quella relativa al fatto che quasi sempre se la valutazione delle quote è operata con criterio il rapporto remunerazione/probabilità favorisce gli esiti più difficili. Ma il punto qui è un altro, ossia la radicale differenza fra le prospettive offerte dalle due diverse ipotesi di gioco. Facciamo subito un confronto significativo fra la scelta di effettuare un unica giocata da 200, come quella dell esempio precedente, e quella di effettuare invece 100 giocate da 2 e andiamo a verificare per quale ragione il costo è lo stesso, ma le opportunità sono assolutamente diverse. Se io metto in opera la prima soluzione (punto 200 su un esito con quota 2,00), fermo restando il rischio complessivo (200 appunto), posso, nel migliore dei casi, raddoppiare il mio capitale e portarlo così a 400. Nel caso delle 100 giocate da 2, invece, la situazione non sta affatto così: infatti io potrei vincere non una ma tante scommesse con quota 100,00, e quindi incassare anche molto di più dei 200 che rappresentano il tetto massimo della scommessa alla 7

8 pari. In linea teorica potrei, per assurdo, vincere tutte e 100 le scommesse e quindi incassare fino a Euro! Sia ben chiaro, sto facendo riferimento a un caso estremo, ma ciò non toglie che il fatto sostanziale risulti adeguatamente evidenziato: con una sola giocata da 200 e un obiettivo di vincita di pari importo l esito migliore non può comunque eccedere i 400 complessivi (fra posta e guadagno), mentre con 100 giocate da 2 non ci sono limiti alla provvidenza a patto che E qui torniamo finalmente ai sistemi orizzontali (anche se lo stesso discorso verrà poi esteso anche a quelli verticali). Riparto proprio dagli ultimi puntini sospensivi: a patto che. Infatti la condizione essenziale affinché tutto il discorso stia in piedi è che le 100 combinazioni da 2 considerate nell esempio risultino reciprocamente compatibili, a differenza da quello che avevamo visto per i sistemi orizzontali modellati sul tipo Totocalcio. In poche parole, il fatto che una scommessa risulti vincente non deve pregiudicare la possibilità che le altre (meglio ovviamente se si tratta di tutte le altre!) possano essere a loro volta vincenti. E una situazione del genere la si può ottenere in due modi: o giocando, anche in tempi diversi, 100 scommesse indipendenti l una dall altra, oppure strutturando dei sistemi che garantiscano l assoluta compatibilità delle combinazioni ai fini di un possibile ottenimento di vincite multiple contemporanee. Come vedremo più avanti, i sistemi verticali questa caratteristica essenzialmente la incorporano nella loro stessa struttura; per quanto riguarda invece i sistemi 8

9 orizzontali di cui ci stiamo occupando adesso è necessario adottare accorgimenti idonei e precisi. Ai fini della moltiplicazione del capitale i sistemi orizzontali non devono essere gestiti alla stregua del Totocalcio (dove se, ad esempio, esce il segno 1 sappiamo già che non può uscire né il segno x né il segno 2 ), bensì come un mosaico di esiti reciprocamente compatibili. Esempio: segno finale 1, segno del 1 tempo x, somma gol 3, entrambe le squadre vanno in gol, risultato esatto 2-1. L ipotesi appena tracciata presenta cinque esiti diversi, con la particolarità che se ne può tranquillamente verificare più di uno contemporaneamente. Addirittura si possono verificare tutti e cinque, come nella fattispecie avverrebbe se la squadra di casa vincesse 2-1 dopo aver concluso in parità (0-0 oppure 1-1) il 1 tempo. Adesso immaginiamo di abbinare una seconda partita impostata in maniera analoga e poi una terza partita con quattro possibili esiti anziché cinque. A questo punto ci troveremmo in mano un sistema composto esattamente da 100 combinazioni in terzina (5x5x4=100), che realizzerebbe in pieno l ipotetica giocata da composta da 100 scommesse da 2, così come citata nell esempio. A questo punto provate semplicemente a immaginare che sulle 2 delle 3 partite venga indovinato il risultato esatto (e, di conseguenza, anche il segno finale e la somma gol, visto che abbiamo scelto di utilizzare solo combinazioni reciprocamente compatibili) e sulla rimanente anche uno soltanto dei possibili esiti. In questo caso ci ritroveremmo ad avere almeno 9 combinazioni vincenti (quelle in cui si abbinano, appunto, segno finale, risutato esatto e somma gol), molte delle quali certamente di ottima quota, e senza pregiudizio anzi! per la possibilità di averne molte di più. 9

10 Se si considera che spesso basterebbe anche una sola combinazione vincente per andare quasi certamente in guadagno, non è difficile apprezzare le potenzialità di rendimento di un sistema orizzontale così concepito (voglio ricordare che in linea di principio potrebbero risultare vincenti anche tutte e 100 le scommesse). Detto questo, vi presento di seguito un esempio di schema per l impostazione di un sistema orizzontale in terzine. Se volete potete utilizzarlo per una giocata effettiva o semplicemente per acquisire dimestichezza con il funzionamento del concetto fondamentale! di compatibilità. Io consiglio di iniziare ad esercitarsi partendo da un ipotetico risultato esatto (anche se di fatto non lo si mette in gioco), in quanto nel risultato esatto sono comprese già le altre situazioni compatibili, ad eccezione del solo 1 tempo, che rappresenta l unico esito in buona parte indipendente dagli altri. Infatti, se su un dato incontro si ipotizza, ad esempio, un risultato esatto di tipo 2-1, va da sé che per avere le caratteristiche della compatibilità bisognerà scegliere Over, Gol, Somma Gol = 3, oltre, ovviamente, al segno finale 1. Incontro Finale 1 tempo Under/Over Somma Gol Gol/No Gol Ris. esatto Da notare che nell esempio appena proposto non è necessario che si realizzi davvero il 2-1 per indovinare comunque diverse altre combinazioni. Tanto per dire, con il 3-0 si indovinerebbe comunque il segno 1, l Over e la Somma Gol, e con l 1-2, ossia 10

11 con il risultato diametralmente opposto rispetto a quello pronosticato, ci si troverebbe a sbagliare soltanto il segno finale (azzeccando, in compenso, oltre agli altri esiti, anche l opzione Gol/No Gol). Naturalmente le varianti costano, perché le combinazioni da mettere in gioco crescono secondo un processo di moltiplicazione. Così, se dovessimo completare per tutte e 3 le partite dell esempio tutte e 6 gli esiti pronosticabili, il nostro sistemino in terzine andrebbe a sviluppare 6 x 6 x 6 = 216 combinazioni. Non è necessario, ovviamente, cimentarsi in giocate così impegnative (anche se potenzialmente molto redditizie). Ci si può muovere agevolmente fra un infinità di soluzioni intermedie, o si può preferire direttamente il sistemino tipo di 8 colonne, che presenta il seguente sviluppo: Incontro Io consiglio di applicare questo schema con la massima libertà di personalizzazione, destinando, ad esempio, le celle rosse agli esiti finali e le celle azzurre ai primi tempi, oppure agli Under/Over, o comunque a categorie di esiti in buona parte indipendenti da quelli contenuti, appunto, nelle celle rosse. In tal modo si otterranno molte condizioni compatibili e crescerà, conseguentemente, la probabilità di andare a segno, ferma restando quella di conseguire tante vincite contemporaneamente. 11

12 Parte seconda I sistemi verticali A differenza di quelli orizzontali, i sistemi verticali, fatte salve eccezioni che non considereremo in questo e-book, non esigono alcun particolare accorgimento perché sviluppino soltanto combinazioni reciprocamente compatibili: in un tipico sistema verticale tutte le colonne messe in gioco sono potenzialmente vincenti, e quindi non esiste alcuna limitazione al numero delle vincite ottenibili, se non quella ovviamente correlata alla quantità delle combinazioni stesse. Non solo: la maggior parte delle piattaforme di gioco professionali on line prevede lo sviluppo automatico di questa tipologia di sistemi, nel senso che, una volta immesse le condizioni, sarà emessa un unica ricevuta che sintetizza (e spesso consente anche di visualizzare) tutto lo svolgimento. I sistemi verticali esprimono indubbiamente la formula di gioco più immediata e razionale nell ambito delle Scommesse, in quanto consentono, ad un tempo, di realizzare spettacolari en plein in condizioni ottimali, e comunque di incassare premi di consolazione a volte anche molto consistenti quando il pronostico risulta solo parzialmente esatto. Quello che segue è lo schema tipico di un sistema verticale di 6 partite: Partita 1 Finale x Partita 2 1 tempo 1 Partita 3 Over Partita 4 Somma 4 Partita 5 Gol Partita 6 Ris. Es

13 Come si vede, ho volutamente considerato (impiegando gli stessi colori utilizzati per gli schemi dei sistemi orizzontali ) una gran varietà di esiti pronosticabili, dal segno finale per la partita 1 al risultato esatto per la partita 6. Tutto ciò per sottolineare che in un sistema verticale non ha importanza il tipo di esito pronosticato, ma il fatto che a ciascuna partita venga abbinata una sola previsione (diversamente si otterrebbe un sistema al tempo stesso orizzontale e verticale, ossia un sistema misto, di cui però non ci occuperemo in questa sede). La sestina proposta sopra fa evidente riferimento a una situazione in cui, piuttosto indipendentemente dalla tipologia delle singole partite, indovinare tutti i 6 esiti previsti significherebbe incassare una somma verosimilmente elevata. Per contro, si intuisce che non è facile riuscire spesso in una simile impresa, considerando che comunque c è di mezzo, nella fattispecie, un risultato esatto e una somma gol, cioè degli esiti certamente problematici da prevedere. La risposta migliore a situazioni come queste è proprio il sistema verticale, grazie al quale, ad esempio, è possibile far girare soltanto un certo numero di partite fra quelle complessivamente pronosticate. Nella fattispecie potremmo pensare di mettere in rotazione 3 qualsiasi partite delle 6 complessivamente elencate. Tradotta in termini pratici, la cosa è questa: anziché mettere in gioco una sola sestina secca, magari da 40, andremo ad effettuare 20 scommesse in terzine da 2 (fra poco vedremo perché esattamente 20), una per ciascuna delle possibili rotazioni di 3 partite su 6. Spenderemo così la stessa cifra complessiva (in questo esempio 40 ), ma andremmo incontro a prospettive estremamente diverse. Intanto, nel caso che la vincita della sestina si trovasse (come è probabile) ad eccedere i massimali consentiti, la giocata in terzine risolverebbe un primo problema pratico. Ma il punto non è questo: la differenza sostanziale sta nel fatto che giocando 13

14 la sestina secca ci basterebbe sbagliare anche uno solo (magari il più banale) dei 6 esiti per ritrovarci automaticamente a bocca asciutta, mentre giocando in terzine ci basterebbe azzeccare anche solo 3 dei 6 esiti per avere una vincita, che in qualche caso può essere già nettamente superiore rispetto all intera spesa sostenuta. Se invece di esiti ne indoviniamo 4, allora saranno 4 anche le terzine vincenti; e se ne indovineremo 5 su 6 avremo 10 vincite; indovinandole tutte e 6 avremo 20 colonne vincenti su 20 colonne giocate! Un meccanismo di questo genere, come vedremo, è proprio alla base del processo di moltiplicazione del capitale di cui ci occuperemo più avanti: ci troviamo in una condizione in cui vincere è facile, vincere bene è abbastanza probabile, e stravincere è comunque possibile. E sono proprio questi gli ingredienti necessari per impostare il nostro discorso in maniera ottimale. Ma intanto andiamo avanti sul discorso dei sistemi verticali. Non c è necessità di indugiare sulle modalità di sviluppo, visto che, come dicevo, ogni buona piattaforma on line dispone degli automatismi necessari. Parlerò piuttosto dei metodi per calcolare rapidamente sia il numero di combinazioni che le vincite ottenibili. Dicevo, poco fa, che un sistema di 6 partite sviluppa esattamente 20 terzine. Come ho fatto questo calcolo? Ve lo spiego subito, semplificando al massimo la formula matematica basata sui fattoriali e traducendo il tutto in parole presumibilmente semplici. La terzina è composta da 3 partite? Bene, allora io moltiplico 3 x 2 x 1 e ottengo come risultato 6; la sestina è composta da 6 partite, allora io moltiplico 6 x 5 x 4 e ottengo 120. In pratica, moltiplico, a scalare di un unità, i numeri decrescenti delle 14

15 combinazioni da mettere in gioco (in questo caso terzine), e poi la stessa quantità di numeri decrescenti dell insieme complessivo (in questo caso una sestina). A questo punto io divido il numero più alto (120) per il numero più basso (6) e ottengo esattamente la quantità di combinazioni del sistema (appunto, 20). Faccio un altro esempio, leggermente più complesso, tanto per rendere più profonda la comprensione del meccanismo. Quante quartine girano su 8 partite? Visto che parliamo di quartine io moltiplico 4 x 3 x 2 x 1 e ottengo come risultato 24 (in realtà la moltiplicazione x 1 non servirebbe, ma ho evitato di introdurre elementi di complicazione); visto che stiamo lavorando su un ottina io moltiplico 8 x 7 x 6 x 5 e ottengo come risultato 1.680; quindi divido per 24 e ottengo 70, tante quante sono le possibili rotazioni di 4 partite su 8. Chiaro? Ovviamente chi ha una certa praticità con i processi di semplificazione può calcolare più rapidamente, ma non è certo questo il problema più grande. Per quanto attiene al calcolo delle vincite ottenibili, la procedura è abbastanza simile, con la differenza che le combinazioni in gioco vanno confrontate non con l insieme delle partite ma con le sole partite indovinate. Mi spiego tornando all esempio delle 20 terzine rotanti su 6 partite. Immaginiamo di aver indovinato 4 partite, sapremo, come dicevo, di avere ottenuto 4 vincite, in quanto stiamo giocando in terzine (e quindi 3 x 2 x 1 = 6) e abbiamo indovinato 4 partite (e quindi 4 x 3 x 2 = 24, e poi 24 : 6 = 4). E quante vincite otterremo indovinando 6 quartine nelle 8 partite ipotizzate nel nostro secondo esempio? Dunque, partiamo dalle quartine (4 x 3 x 2 x 1 = 24) e poi prendiamo i 4 numeri decrescenti rispetto alla sestina di risultati esatti (6 x 5 x 4 x 3 = 15

16 360); dividendo 360 per 24 si ottiene 15. E sono infatti 15 le quartine vincenti in presenza di 6 esiti indovinati. Adesso che questi punti fondamentali dovrebbero essere sufficientemente chiari, la valutazione delle opportunità di gioco dovrebbe risultare agevole in vista di quello che è il nostro obiettivo dichiarato, ossia l ottenimento di una concreta e consistente moltiplicazione del capitale investito. 16

17 Parte terza Vincenzo Carchidi La Moltiplicazione del Capitale La moltiplicazione del capitale La moltiplicazione del capitale attraverso le scommesse non è una possibilità astratta o teorica, bensì una metodologia concreta e pratica che certamente richiede impegno e perseveranza, ma in compenso può condurre a risultati davvero eclatanti, ed in particolare può consentire anche a chi investe somme non troppo elevate di ottenere profitti piuttosto considerevoli (e certamente sconosciuti almeno nel tempo a chi scommette in maniera tradizionale). La tecnica che propongo mira alla vincita senza limite, o, per essere più chiari, senza limite teorico, nel senso che sapremo in partenza il costo di ogni nostro tentativo, mentre non esisterà alcun tetto massimo con cui dover fare i conti nemmeno i limiti imposti dai singoli gestori, perché nel caso ci dovesse capitare la fortunata ipotesi di arrivare a cifre da capogiro nulla ci impedirebbe di distribuire le puntate su diversi conti (a proposito: il suggerimento di aprire diversi conti, così come riportato nel mio e-book Arricchirsi con le scommesse, è più che mai valido in questa situazione in cui si punta proprio sulla massima moltiplicazione possibile del capitale). Non solo: ho intenzione di mettere concretamente in atto l intero meccanismo tramite il ad uso e consumo esclusivo degli abbonati che intendono seguire nella pratica questa emozionante strategia di investimento prima ancora che di gioco. Intanto vi dico come intendo procedere, il che mi consente di spiegarvi l applicazione pratica della moltiplicazione del capitale. 17

18 Ogni giorno metterò in gioco un sistema verticale in 4 terzine (dove si tratta di indovinare 3 partite su 4) giocabile con una spesa di 8, e/o un sistema orizzontale, basato su 8 terzine (16 ) e caratterizzato dalla presenza di 2 diversi esiti (compatibili) per ciascuno dei 3 incontri. La spesa mensile media della prima operazione è dunque di 240 (8 x 30 giorni) nel primo caso e di 480 (16 x 30 giorni) nel secondo caso. In questo modo io conosco in anticipo l ammontare del mio rischio economico massimo (appunto 240 oppure 480, a seconda della soluzione prescelta), ma non so ancora quanto potrò guadagnare. Di sicuro so che ogni singola giornata vincente contribuirà quanto meno al recupero della spesa e, soprattutto, si proporrà come trampolino di lancio per una possibile impresa travolgente. Infatti, se io oggi ottengo una vincita (o più vincite, come ormai sappiamo che può spesso accadere sia con i sistemi orizzontali che con quelli verticali), domani ai soldi della solita giocata in programma aggiungerò una parte della vincita (ipotizziamo il 50%, ma il parametro è personalizzabile), e quindi svilupperò il mio sistema non più su bollette da 2 ma con giocate di importo superiore, calcolato dividendo l intera cifra disponibile (quella quotidiana più la percentuale prevista sulla vincita precedente) per il numero delle scommesse sviluppate dal sistema. Ovviamente in molti casi occorrerà arrotondare, ma questo non è un problema per noi, anzi! Infatti la parte di vincita non utilizzata (il rimanente 50%) e i residui di questo eventuale arrotondamento andranno direttamente in cassa, provvedendo dapprima a decurtare il costo mensile della giocata e successivamente a consolidare lo sperabile guadagno. Nel frattempo la nuova giocata assumerà una consistenza superiore (o anche molto superiore, in base alla vincita ottenuta nel giorno precedente), e quindi, nel caso di un bis, il nuovo introito sarà a sua volta più elevato in proporzione, e così la 18

19 percentuale da suddividere fra l incremento per il giorno successivo e il residuo da mettere in cassa. E così via Fino a quando? Fino al primo colpo perso, con ciò intendendo la giornata in cui non si ottengono vincite, oppure si ottengono vincite inferiori alla somma giocata (da notare che in quest ultima ipotesi anche questi importi vanno a confluire nella cassa). Ora probabilmente chi non ha fatto esperienza diretta delle cosiddette progressioni in vincita non sa quanto avvincente possa essere l esperienza di un capitale che letteralmente decolla nel giro di pochissime battute, ma posso assicurare che l emozione è piuttosto piacevole e il conto in banca ne beneficia molto! L effetto moltiplicazione è proprio questo: una piccola cifra che diventa sempre più grande e che entra in una spirale virtuosa di progressioni geometriche i cui effetti possono essere a volte inimmaginabili. Pensate alla differenza di aspettative fra lo scommettitore che mette a rischio per vincerne 200 ed il percorso di chi, invece, gioca soltanto pochi soldi e può arrivare a vincere anche cifre impressionanti. Intendiamoci: questo mio metodo di moltiplicazione del capitale implica la necessità di una serie di vincite consecutive, ossia di una sequenza di giorni fortunati, che, ovviamente, può essere ritenuta poco probabile. Ma questo è vero fino a un certo punto, nel senso che certamente non è sempre facile centrare l obiettivo con continuità, ma per contro non sempre è necessario arricchirsi qualche volta può bastare anche semplicemente (stra)vincere! 19

20 Mi spiego: il bello di questo tipo di moltiplicazione del capitale è che perdere una battaglia non significa perdere la guerra, e ciò vale soprattutto nella misura in cui si è già capitalizzata una parte del profitto realizzato. Di fatto, se è vero che non è sempre facile ottenere il massimo (ossia la vincita esagerata) è quasi certo che in presenza di un pronostico appena decente si ottenga quanto meno il recupero, totale o parziale, della somma complessivamente stanziata, ed è altresì probabile che si realizzi comunque un ottimo affare. Dunque, ricapitoliamo le varie fasi dell intero processo di moltiplicazione così come proposta nell esempio operativo: 1) Impostare ogni giorno una giocata orizzontale o verticale 2) Partire da una base di 2 a bolletta e continuare così fino alla prima vincita 3) Al momento della vincita accantonare il 50% della somma incassata 4) Rimettere in gioco l altro 50% ripartendolo fra le giocate del giorno dopo 5) La stessa operazione va ripetuta ogni giorno finché si continua a vincere 6) Ci si ferma solo quando non si vince o si vince meno di quanto si è giocato 7) Si chiudono i conti del ciclo vincente e si riparte dalle giocate di 2 Come dicevo, il metodo è altamente personalizzabile, ma vale la pena di fornire qualche consiglio operativo utile. In particolare si sconsiglia di puntare su esiti con quota troppo bassa: è preferibile correre qualche piccolo rischio in più sul pronostico piuttosto che accontentarsi di vincite troppo modeste. In fin dei conti nei sistemi verticali 3 partite su 4 possono essere azzeccate con relativa facilità anche se presentano una quota media di 2,30 o 2,40; nei sistemi orizzontali conviene invece mettere insieme per la stessa partita sia un esito facilmente pronosticabile che un esito di quota. 20

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX DailyFX Strategies Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini INTRO Dopo anni di ricerca

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI GIOCO DELLA ROULETTE (al Casino Municipale di Campione d Italia) adottato con delib. C.C. n. 83 del 2.12.1993 approvata dal CRC con atto n. 13 in data 4.1.1994

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Lui. Onroignoub! Lei. Come dice, scusi? Lui. Ouroignoub. Ah, mi perdoni. Buongiorno. Credevo che si fosse tutti d accordo a parlare

Dettagli

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 http://einmatman1c.blog.excite.it/permalink/54003 Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 Trovare un numero e' la prima frase e significa che

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Adotta il seguente regolamento:

Adotta il seguente regolamento: REGOLAMENTO RECANTE MODIFICAZIONI AL DECRETO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 19 GIUGNO 2003, n. 179 RECANTE NORME CONCERNENTI I CONCORSI PRONOSTICI SU BASE SPORTIVA, AI SENSI DELL ARTICOLO 16

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA?

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Allegato 1 Confederazione Sindacati Autonomi Lavoratori QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Sono oltre 3 milioni quelli fantasma Alcuni numeri Quando la stampa e gli enti di studio e di ricerca

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI G. FANO (Torino - Italia) SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI 1. - La distinzione, che pareva tradizionale, tra scienze di ragionamento e scienze sperimentali è ormai

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli