Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]"

Transcript

1 La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni hiare e "sensate", e quindi quello di ui abbiamo bisogno è adottare uno shema logio, imparare a ragionare su quello he vogliamo fare e ome fare per ottenere il risultato desiderato. Quindi, dal mio punto di vista, imparare a programmare è un po' ome imparare ad andare in biiletta, una volta imparato non lo dimentihi più, inoltre più esperienza aquisisi e più puoi sbizzarrirti on la bii. Una volta imparato a strutturare un programma poi puoi passare tranquillamente da un linguaggio all'altro e solo l'esperienza he maturerai ti permetterà di sfruttare a meglio uno o l'altro linguaggio. Per questo motivo per la spiegazione dei vari punti, inizialmente, adotterò ome sistema: Srittura logia Traduzione in Fortran Suessivamente introdurremo direttamente del odie Fortran erando di apirne il funzionamento. Prima di addentrari negli esempi è neessario fare una premessa sulla sintassi del Fortran. Ogni linguaggio di programmazione ha un proprio lessio ed una propria struttura da utilizzare per poter srivere un programma, quella del Fortran è la seguente: Colonna C Commento * Continuazione riga Desrizione! Viene ignorato tutto quello he viene sritto dopo questo arattere [etihett a] Etihetta utilizzata per: Cili Salti Comandi Comandi fortran Dalla tabella si evine he la prima olonna è utilizzata per indiare al ompilatore he quella riga può essere: 1. Un ommento. Un ommento non è altro he una frase, o una desrizione, he serve a desrivere l'operazione/i he andremo ad effettuare dopo quel punto. Possiamo onsiderare un ommento ome una nota, ome una speie di promemoria di quello he abbiamo sritto subito dopo. 2. *. Alessandro Senese - 1

2 Nel fortan le istruzioni possono essere sritte tra la olonna 7 e 74 della riga, tutto quello he viene sritto dopo viene ignorato. Quindi se una riga è > di 67 aratteri va suddivisa in due o più righe, e in questo aso dobbiamo dire al ompilatore he la riga he stiamo srivo non è altro he il seguito di quella preedente. 3.!. E' una sorta di ommento, on l'unia differenza he può essere utilizzato a partire da qualsiasi olonna, anhe al termine di un'istruzione 4. ETICHETTE Servono ad identifiare l'inizio di un bloo di istruzioni I punti sopra itati diventeranno più hiari suessivamente man mano he verranno utilizzati. Bisogna solo riordarsi he tutti i programmi: 1. sono omposti da un bloo prinipale definito ome: program [nome del programma] dove a [nome del programma] va sostituito il nome he si è selto senza spazi 2. i omandi iniziano alla olonna 7 (quindi inserire 7 spazi prima di ogni omando) 3. terminano on l'istruzione: N.B. Per srivere un programma in fortran è possibile utilizzare anhe il Bloo note di Windows. Iniziamo on qualhe esempio: 1. Ciao mondo Obiettivo: visualizzare sullo shermo la frase iao mondo Ora dobbiamo sviluppare la parte logia, ioè osa dobbiamo dire al ompilatore per ottenere l'obiettivo preselto: Logia: 1. inizio programma 2. srivi Ciao mondo 3. fine programma Come potete vedere questo esempio è sempliissimo, ora traduiamo il nostro odie in fortran Alessandro Senese - 2

3 Parte logia Traduzione in Fortan inizio programma program iao_mondo srivi Ciao mondo write (*, *) 'Ciao mondo' fine programma Analizzando il odie vediamo he la parola srivi va tradotta nel omando write (*, *) 2. Variabili Nei programmi si ha la neessità di memorizzare le informazioni per poi rerle disponibili suessivamente. Il funzionamento è analogo al nostro modo di agire, quando vediamo o asoltiamo qualosa, il nostro ervello memorizza l'informazione per poi rerla disponibile quando la rihiediamo. Quindi ogni qualvolta abbiamo bisogno di salvare un'informazione faiamo riorso alle variabili. La sintassi di definizione di una variabile è: [tipo] [nome] il nome da utilizzare per una variabile è a nostra selta ed è preferibile he sia espliativo. In Fortran esistono vari tipi di variabili a seonda del dato he possono ontenere : integer real harater Può ontenere numeri interi dell'intervallo: a Può ontenere anhe numeri on deimali Può ontenere sia aratteri he numeri Esempio: Obiettivo: hiedere all'utente di inserire un numero Obiettivo: visualizzare il numero digitato Appliazione logia: inizio programma variabile n srivi Inserire un numero Alessandro Senese - 3

4 atti un numero n srivi Hai inserito il numero: n fine Come potete vedere l'operazione hiedi all'utente di inserire un numero è stata divisa in due punti, perhè dobbiamo prima stampare un avviso per l'utente e poi attere una sua risposta. Stabilite le operazioni da fare implementiamo il odie: Logia inizio programma program due Fortran variabile numero integer numero srivi Inserire un numero write (*, *) 'Inserire un numero' atti un numero read (*, *) numero Srivi Hai inserito il numero [numero Fine write (*, *) 'Hai inserito il numero', numero Analizziamo il odie sorgente: program due integer numero per memorizzare il numero digitato dalla tastiera è neessario utilizzare una variabile. In questo aso il nome numero può memorizzare numeri interi. write (*, *) 'Inserire un numero' Srive sul video Inserire un numero read (*, *) numero L'azione preedente può essere tradotta ome: leggi da tastiera e memorizza quanto digitato nella variabile numero la parola atti va tradotta on read. La struttura dell'istruzione read è: read(*, *) [NOME VARIABILE DOVE MEMORIZZARE IL VALORE] Alessandro Senese - 4

5 write (*, *) 'Hai inserito il numero: ', numero Questo omando srive sul video Hai inserito il numero: seguito dal valore ontenuto nella variabile numero. Quindi la struttura dell'istruzione write è: write (*, *) '[TESTO DA VISUALIZZARE]', [VARIABILE] dove, om'è possibile vedere dall'esempio preedente, la parte [VARIABILE] è faoltativa. Fine del programma 3. Utilizzo delle variabili Abbiamo visto he le variabili sono utilizzate per ontenere dei valori. Questi valori possono essere: 1. digitati dall'utilizzatore del programma 2. definiti da hi srive il programma 3. un risultato di un'operazione. Nell'esempio preedente abbiamo analizzato il primo punto: read (*, *) numero ora i ouperemo degli altri due. 2. real pi = 3.14 Cosa abbiamo fatto? Abbiamo solo indiato al ompilatore he i serve una variabile di tipo real (ioè he può ontenere numeri on deimali) di nome pi e he tale variabile deve ontenere il valore Quindi se abbiamo la neessità di assegnare un valore speifio ad una variabile basta sempliemente utilizzare la seguente sintassi: [tipo] [nome della variabile] = [valore da assegnare] Alessandro Senese - 5

6 un sempliissimo esempio: program pigreo real pi = 3.14 write (*, *) 'Il valore di PI è: ', pi 3. Una volta definita una variabile di tipo real o integer, è possibile utilizzarla per effettuare operazioni matematihe. Di seguito un esempio dove mostro anhe l'utilizzo dei ommenti: program operazioni E' possibile dihiarare più variabili sullo stesso rigo separate dalla virgola real numero, doppio Chiedo all'operatore di inserire un numero write (*, *) 'Inserisi un numero:' read (*, *) numero una volta ottenuto il numero, memorizzo nella variabile DOPPIO il risultato dell'operazione NUMERO * 2 doppio = numero * 2 write (*, *) 'Il doppio di: ', x, 'è: ', doppio Alessandro Senese - 6

7 Array Immaginiamo di avere una lista della spesa tipo: 1. Pane 2. Latte 3. Pasta 4. Carne 5. et. Per poter gestire le voi preedenti dovremo avere a disposizione 5 variabili tipo: riga1, riga2, riga3, riga4, riga5 oltre ad essere somoda ome soluzione, è anhe ompliata da gestire nel momento in ui vogliamo aumentare il numero di righe. Come soluzione al problema utilizziamo gli array. La sintassi è la seguente: [tipo di dato] [nome] ([numero di righe], [numero di olonne]) ome vedete il modo in ui si definise un array è uguale a ome và definita una variabile, l'unia differenza è he bisogna speifiare il numero di righe e olonne (faoltativo) di ui è ostituita la tabella. Esempio: integer righe(10) per poter aedere, in lettura o srittura, agli elementi di un array basta usare la sintassi: array(riga, olonna) Memorizzo il valore di READ nella prima riga della tabella read (*, *) riga(1) Visualizzo il ontenuto della prima riga della tabella write (*, *) riga(1) Esempio di tabella bidimensionale 2x2 2 righe e 2 olonne integer tabella(2, 2) tabella(2, 2) = 20 write(*,*) 'Il valore di riga 2, olonna 2 è:', tabella(2, 2) Alessandro Senese - 7

8 Un esempio pratio verrà desritto insieme ai ili Cili osa sono e a osa servono? Il ilo è un bloo di istruzioni he viene ripetuto n volte. Per esempio, immaginiamo di voler memorizzare/visualizzare i valori di/in una tabella, dovremo srivere tipo: Memorizzazione Read(*, *) riga(1) Read(*, *) riga(2) Read(*, *) riga(3) Read(*, *) riga(4). Read(*, *) riga(n) Visualizzazione Write(*, *) riga(1) Write(*, *) riga(1) Write(*, *) riga(1) Write(*, *) riga(1). Write(*, *) riga(n) Pratiamente dovremmo srivere una riga per ogni elemento della tabella su ui stiamo operando... Troppo omplesso da fare, i serviamo dei ili, quindi l'esempio preedente risulterà: Memorizzazione Do 10 i=1, n Read(*, *) riga(i) 10 ontinue Visualizzazione Do 10 i=1, n write(*, *) riga(i) 10 ontinue Come possiamo subito vedere, utilizzando i ili, non solo riduiamo notevolmente la quantità di odie sritta, ma possiamo modifiarne i limiti ambiando una sola riga. La struttura di un ilo è la seguente: do [etihetta] [varibile]=[valore min], [valore max] etihetta india l'ultima riga del ilo, he deve essere ontraddistinta dal omando ontinue. L'etihetta va definita nella olonna 1-6 del odie sorgente. Non è possibile utilizzare 2 volte la stessa etihetta Variabile è la variabile da utilizzare nel ilo valore min, valore max rappresentano l'invertallo dei valori he assume la variabile indiata. Stampiamo i primi 10 numeri: program ilo integer i Alessandro Senese - 8

9 La variabile i assumerà i valori 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 do 4 i=1, 10 write (*, *) i 4 ontinue il listato preedente stamperà a video le righe: Ora vediamo un esempio su ome utilizzare un array all'interno di un ilo. program array Creo una tabella di 5 elementi integer numeri(5) write(*, *) 'Inserire 5 numeri:' Mi serve un ilo he va da 1 a 5 do 4 i=1, 5 read(*, *) numeri(i) 4 ontinue Stampo i 5 numeri immessi write(*, *) 'Hai digitato:' do 5 i=1, 5 write(*, *) i, numeri(5) 5 ontinue Alessandro Senese - 9

10 Selte e deisioni Servono ad adattare il funzionamento del programma al verifiarsi di determinate ondizioni. IF-THEN-ELSE La sintassi del bloo è la seguente: IF ([ondizione]) THEN istruzioni da eseguire se la ondizione è vera ELSE istruzioni da eseguire se la ondizione è falsa. END IF una ondizione non è altro he una verifia tra due o più valori. Esempio: Supponiamo di aver definito una variabile INTGER di nome x qui verifihiamo se il suo valore è maggiore (GT = GREAT THAN) di 5 if (x.gt.5) then write (*, *) 'il valore: ', x, 'è maggiore di 5' se la ondizione preedente non è vera, verrà eseguito il bloo ELSE else write (*, *) 'il valore: ', x, 'è minore di 5' if gli operatori di verifia tra le variabili sono: Operatore Desrizione Esempio gt Maggiore di x.gt.5 ge Maggiore uguale x.ge.5 lt Minore di x.lt.5 le Minore uguale x.le.5 eq Uguale a x.eq.5 ne Diverso da x.ne.5 Se si vuole verifiare più di una ondizione è neessario rahiudere ogni ondizione in parentesi e utilizzare tra di loro i seguenti operatori di onfronto: Operatore Desrizione Esempio.AND. Resituise VERO se e solo se entrambe le ondizioni ((x.ge.1).and.(x.le.10)) Alessandro Senese - 10

11 .OR. verifiate risultano VERE Verifia he almeno una delle due ondizioni sia vera ((x.ge.1).or.(x.le.10)) Esempio, verifihiamo he il numero immesso sia ompreso tra 1 e 10 program if integer numero write (*, *) 'Inserire un numero ompreso tra 1 e 10' read (*, *) numero Verifihiamo he numero sia >= di 1 e <= di 10 if ((numero.ge.1).and.(numero.le.10)) then write (*, *) 'Hai digitato: ', numero else write (*, *) 'Il numero inserito non è ompreso nell'intervallo [1-10]' if Alessandro Senese - 11

12 Funzioni e subroutine Le funzioni e subroutine vengono utilizzate per identifiare un bloo di istruzioni he può essere riutilizzato una o più volte. Faiamo un esempio per rere meglio l'idea. Immaginiamo di avere 3 array: integer uno(5), due(5), tre(5) per riempire e visualizzare i tre array dovremo reare 3 blohi distinti di istruzioni: Riempimento array UNO do 10 i=1, 5 read(*, *) uno(i) 10 ontinue Riempimento array DUE do 20 i=1, 5 read(*, *) due(i) 20 ontinue Riempimento array TRE do 30 i=1, 5 read(*, *) tre(i) 30 ontinue Lo stesso proedimento andrebbe fatto per la visualizzazione del ontenuto degli array (sostituo read on write). Per semplifiare il tutto possiamo utilizzare le subroutine. La loro sintassi è la seguente: subroutine [nome]([variabili])... nome è un nome selto da noi, da riordarsi he non può ontenere spazi variabili india l'argomento della subroutine, ioè il nome delle variabili he bisogna passargli. Alessandro Senese - 12

13 End india il termine della subroutine Risriviamo l'esempio preedente utilizzando le subroutine: la subroutine leggi_valori memorizza nell'array digitati dall'utente tra parentesi va speifiato quanti argomenti deve rievere in ingresso la nostra funzione. in questo aso una sola variabile he identifihiamo on v, anhe qui il nome della variabile è a nostra selta. subroutine leggi_valori(v) a questo punto dobbiamo speifiare di he tipo è la variabile v è un vettore (o array) di interi di 5 elementi integer v(5) write (*, *) 'Inserire 5 valori' do 10 i=1, 5 read(*, *) v(i) 10 ontinue subroutine srivi_valori(v) integer v(5) do 20 i=1, 5 write(*, *) v(i) 20 ontinue program subroutine il omando EXTERNAL india al ompilatore la presenza di subroutine o funzioni aventi i nomi indiati ome argomento external leggi_valori, srivi_valori integer uno(5), due(5), tre(5) Alessandro Senese - 13

14 ora sostituiso i 3 blohi dell'esempio preedente on una hiamata alla subroutine leggi_valori. una subroutine va hiamata on l'istruzione CALL. I valori dei vettori uno, due, tre, verranno modifiati dalla subroutine leggi_voto all leggi_voti(uno) all leggi_voti(due) all leggi_voti(tre) stampiamo i valori dei 3 vettori all srivi_voto(uno) all srivi_voto(due) all srivi_voto(tre) Ora il programma è sia più orto he più legibile. La sintassi delle funtion è la seguente: [tipo di dato] [nome della funzione] ([argomento])... [nome della funzione] = [valore da restituire] le funtion sono ome le subroutine, on l'unia differenza he ritornano un valore di tipo [tipo di dato] eseguo la media tra gli elementi di un vettore. in questo aso ho bisogno di un numero on deimali, quindi utilizzo il tipo real real media(v) anhe qui ho bisogno di speifiare la natura della variabile v integer v(5) la variabile m, la utilizzo per il alolo della media Alessandro Senese - 14

15 real m=0.0 do 10 i=1, 5 m = m + v(i) 10 ontinue per restituire un valore devo srivere he: [nome della funzione] = [valore] quindi, in questo aso: media = m / 5 media = m / 5 orpo prinipale del programma program media anhe per le funtion è neessario indiarne la presenza on il omando external external media integer v(5) real m write (*, *) 'Inserisi 5 valori' do 20 i=1, 5 read(*, *) v(i) 20 ontinue La variabile m onterrà il valore restituito dalla funzione media ome vedete qui non è neessario il rihiamo all m = media(v) write (*, *) 'La media vale: ', m in questo aso è possibile anhe srivere direttamente: write (*, *) 'La media vale: ', media(v) Alessandro Senese - 15

16 Alessandro Senese - 16

17 Esempi vari La parte teoria è terminata, ora i divertiremo e ommenteremo qualhe esempio: subroutine he rihiede l'immissione di un voto ompreso tra 18 e 30 subroutine leggi_voto(v,n) Indio ome sono fatti v ed n integer v(5),n Ripeto la domanda "immetti un voto" da 1 a n volte il ilo verrà ripetuto fino all'etihetta nr 4 do 4 i=1,n qui ho identifiato questa riga on l'etihetta 2 2 write(*,*) 'Immetti il voto n: ', i read(*,*) v(i) Controllo he il valore immesso sia ompreso tra 18 e 30 if ((v(i).lt.18).or. (v(i).gt.30)) then write (*, *) ' ERRORE: INSERIRE UN VOTO TRA 18 E 30' Non posso aettare il valore immesso quindi ripeto la domanda per fare iò, dio al ompilatore he deve saltare (goto) all'etihetta 2 goto 2 in questo aso non mi interessa valutare il aso in ui la ondizione dell'if e falso, perhè vuol dire he ho immesso un valore tra [18, 30], quindi ignoro la ondizione else if 4 ontinue funzione he mi fa la media e dati gli argomenti v ed n restituise un numero deimale Alessandro Senese - 17

18 real funtion somma_media(v,n) integer v(5), n, somma somma=0 Il ilo và ripetuto N volte do 6 i=1, n somma = somma + v(i) 6 ontinue Qui indio il valore he deve restituire la mia funzione somma_media = somma / n program pollon indio al ompilatore quali subroutine / funtion sono definite external leggi_voto,somma_media integer v(5),n real media 3 write(*,*) "Quanti voti mi dai?" read(*,*) n Verifio he il numero digitato sia ompreso tra [1, 5] e he quindi n non sia minore di 1 o maggiore di 5 if ((n.lt.1).or.(n.gt.5)) then write (*, *) 'Inserire un numero da 1 a 5' Il numero immesso non è aettabile, ritorno al punto 3 goto 3 if Chiamo la subroutine he mi legge i voti immessi dall'utente all leggi_voto(v,n) media = somma_media(v, n) write(*,*)"la media è?", media A seonda della media restituita, visualizzo un messaggio Alessandro Senese - 18

19 if(media.ge.26) then!media è >= di 26? write (*, *) 'Uao, hi l'avrebbe mai detto' else!media è < 26 write (*, *) 'O fai seriamente, o è ora he vai a zappare :D' Alessandro Senese - 19

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Manuale di riferimento

Manuale di riferimento Manuale di riferimento Copyright 2011 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati è un marhio di JetLab S.r.l. Mirosoft, Windows, Windows NT, Windows XP, Windows Vista, Windows 7 e il logo di Windows

Dettagli

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i Esercizi PHP 1. Scrivere uno script PHP che produca in output: 1. La tabellina del 5 2. La tavola Pitagorica contenuta in una tabella 3. La tabellina di un numero ricevuto in input tramite un modulo. Lo

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Permette di ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni finchè non viene verificata una condizione logica. Sintassi istruzione_1...

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Analisi funzionale. Riccarda Rossi Lezione 9

Analisi funzionale. Riccarda Rossi Lezione 9 Riarda Rossi Lezione 9 Caratterizzazione della onvergenza debole in L p (Ω) Siano 1 < p < e {f n}, f L p (Ω): allora f n f in L p (Ω) Teorema di ompattezza debole in L p (Ω) Teorema Siano 1 < p < e {f

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DORO Analisi e verifia di sezioni in.a., preompresso/post-teso e miste aiaio-alestruzzo v. 3.01.29 del 17 marzo 2015 dott. ing. FERRARI Alberto www.ferrarialberto.it GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

Fortran per Ingegneri

Fortran per Ingegneri Fortran per Ingegneri Lezione 5 A.A. 0/04 Ing. Davide Vanzo davide.vanzo@unitn.it Ing. Simone Zen simone.zen@unitn.it ufficio: Laboratorio didattico di modellistica ambientale ( piano) Tel interno: 488

Dettagli

La somma di 12 e 30 è 42

La somma di 12 e 30 è 42 Nuovo Esercizio Supponendo che: all operazione somma corrisponda il numero 1 all operazione differenza corrisponda il numero 2 all operazione modulo corrisponda il numero 3 all operazione divisione intera

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo stituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di nformatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dal Problema all'algoritmo Pr.: 001 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli

Controllo di Gestione (CdG)

Controllo di Gestione (CdG) Controllo di Gestione (CdG) Controllo di gestione (CdG) Controllo dei risultati a. Condizioni di fattiilità ed effiaia. Elementi. Grado di rigidità d. Potenzialità e. Svantaggi f. Profili istituzionali

Dettagli

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE Il problema Un computer è usato per risolvere dei problemi Prenotazione di un viaggio Compilazione e stampa di un certificato in un ufficio comunale Preparazione

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti Funzioni matlab per la gestione dei file Informatica B Prof. Morzenti File Contenitori di informazione permanenti Sono memorizzati su memoria di massa Possono continuare a esistere indipendentemente dalla

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione Pipeline Processori RISC Salti Appendice A: Storia Bibliografia Versione con i frame Versione in pdf Architettura del processore Una possibile

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Linguaggio di bash per esempi. Tre modi per quotare. Esempio. quotare: significa trattare caratteri speciali come normali caratteri

Linguaggio di bash per esempi. Tre modi per quotare. Esempio. quotare: significa trattare caratteri speciali come normali caratteri Linguaggio di bash per esempi Tre modi per quotare quotare: signica trattare caratteri speciali come normali caratteri es. di aratteri speciali: $, blank, apici, 1. backslash: per quotare un solo carattere

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Polinomi: Definizione... Un polinomio è un oggetto nativo in Scilab Si crea,

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Scuola Specializzazione Istruzione Superiore Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Michele Batocchi ITC Vittorio Emanuele II Perugia A.S. 2007/2008 Introduzione

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Fondamenti di Informatica Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Array in Java - creazione La creazione fa una inizializzazione implicita: num = new int[10]; con valore 0 per int e double,

Dettagli

Traduzione di TeamLab in altre lingue

Traduzione di TeamLab in altre lingue Lingue disponibili TeamLab è disponibile nelle seguenti lingue nel mese di gennaio 2012: Traduzioni complete Lingue tradotte parzialmente Inglese Tedesco Francese Spagnolo Russo Lettone Italiano Cinese

Dettagli

Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com

Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com 1 2 Esercizio 1 Scrivere un programma che legga due array di interi da tastiera dica

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Compilare il primo programma. Primo programma in C. Esercizio Somma due numeri. Compilare il primo programma. Analisi. Analisi

Compilare il primo programma. Primo programma in C. Esercizio Somma due numeri. Compilare il primo programma. Analisi. Analisi Primo in C Un semplice L ambiente di sviluppo Dev-C++ Codifica del Compilazione e correzione errori Esecuzione e verifica 2 Esercizio Somma due numeri Si realizzi un in linguaggio C che acquisisca da tastiera

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 MODULI GRAPH, DOS E CRT Una volta entrati in ambiente DEV-Pascal possiamo cominciare ad editare un programma nel modo che conosciamo. Se dobbiamo far uso

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed 1 Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed Laboratorio di Sistemi Operativi I Anno Accademico 2008-2009 Copyright 2005-2007 Francesco Pedullà, Massimo Verola Copyright 2001-2005 Renzo Davoli,

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

AREA RETTANGOLO LIRE IN EURO

AREA RETTANGOLO LIRE IN EURO AREA RETTANGOLO Private Sub Area() Dim h As Integer h = InputBox("altezza") b = InputBox("base") A = b * h MsgBox( L area del Rettangolo è : & A) LIRE IN EURO Dim lire As Double Dim euro As Double lire

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

Breve guida all uso di AMPL

Breve guida all uso di AMPL Breve guida all uso di AMPL Renato Bruni AMPL (A Modeling Language for Mathematical Programming) è un linguaggio di modellazione per la programmazione matematica. Serve ad esprimere un problema di ottimizzazione

Dettagli

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++ IL LINGUAGGIO C++ Note sull'uso di DevC++ Requisiti di sistema per Dev-C++ - Sistema operativo Microsoft Windows 95, 98, Millenium Edition, NT 4, 2000 o XP - RAM: 8 Mb (consigliati almeno 32 Mb) - CPU:

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Elenco delle funzioni di OpenOffice.org Calc

Elenco delle funzioni di OpenOffice.org Calc Elenco delle funzioni di OpenOffice.org Calc OpenOffice.org Calc è un foglio elettronico che potete utilizzare per eseguire calcoli, nonché per analizzare e per gestire i vostri dati. Con Calc potete inoltre

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Documentazione tecnica

Documentazione tecnica Documentazione tecnica Come spedire via Post 1.1) Invio di Loghi operatore 1.2) Invio delle Suonerie (ringtone) 1.3) Invio di SMS con testo in formato UNICODE UCS-2 1.4) Invio di SMS multipli 1.5) Simulazione

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Comandi di Input/Output in Matlab

Comandi di Input/Output in Matlab Comandi di Input/Output in Matlab Il comando format controlla la configurazione numerica dei valori esposta da MAT- LAB; il comando regola solamente come i numeri sono visualizzati o stampati, non come

Dettagli

Corso di Perl. Contatti. Indice. Michele Beltrame. Web. http://www.perl.it. Mail. info@perl.it. Newsgroup. news://it.comp.lang.

Corso di Perl. Contatti. Indice. Michele Beltrame. Web. http://www.perl.it. Mail. info@perl.it. Newsgroup. news://it.comp.lang. Michele Beltrame Corso di Perl Questo corso a puntate è stato pubblicato sui numeri 75,76,77,78,79,80,81,82,83,84 (2000-2001) della rivista Dev ed è in questo sito (http://www.perl.it) per autorizzazione

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli