Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]"

Transcript

1 La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni hiare e "sensate", e quindi quello di ui abbiamo bisogno è adottare uno shema logio, imparare a ragionare su quello he vogliamo fare e ome fare per ottenere il risultato desiderato. Quindi, dal mio punto di vista, imparare a programmare è un po' ome imparare ad andare in biiletta, una volta imparato non lo dimentihi più, inoltre più esperienza aquisisi e più puoi sbizzarrirti on la bii. Una volta imparato a strutturare un programma poi puoi passare tranquillamente da un linguaggio all'altro e solo l'esperienza he maturerai ti permetterà di sfruttare a meglio uno o l'altro linguaggio. Per questo motivo per la spiegazione dei vari punti, inizialmente, adotterò ome sistema: Srittura logia Traduzione in Fortran Suessivamente introdurremo direttamente del odie Fortran erando di apirne il funzionamento. Prima di addentrari negli esempi è neessario fare una premessa sulla sintassi del Fortran. Ogni linguaggio di programmazione ha un proprio lessio ed una propria struttura da utilizzare per poter srivere un programma, quella del Fortran è la seguente: Colonna C Commento * Continuazione riga Desrizione! Viene ignorato tutto quello he viene sritto dopo questo arattere [etihett a] Etihetta utilizzata per: Cili Salti Comandi Comandi fortran Dalla tabella si evine he la prima olonna è utilizzata per indiare al ompilatore he quella riga può essere: 1. Un ommento. Un ommento non è altro he una frase, o una desrizione, he serve a desrivere l'operazione/i he andremo ad effettuare dopo quel punto. Possiamo onsiderare un ommento ome una nota, ome una speie di promemoria di quello he abbiamo sritto subito dopo. 2. *. Alessandro Senese - 1

2 Nel fortan le istruzioni possono essere sritte tra la olonna 7 e 74 della riga, tutto quello he viene sritto dopo viene ignorato. Quindi se una riga è > di 67 aratteri va suddivisa in due o più righe, e in questo aso dobbiamo dire al ompilatore he la riga he stiamo srivo non è altro he il seguito di quella preedente. 3.!. E' una sorta di ommento, on l'unia differenza he può essere utilizzato a partire da qualsiasi olonna, anhe al termine di un'istruzione 4. ETICHETTE Servono ad identifiare l'inizio di un bloo di istruzioni I punti sopra itati diventeranno più hiari suessivamente man mano he verranno utilizzati. Bisogna solo riordarsi he tutti i programmi: 1. sono omposti da un bloo prinipale definito ome: program [nome del programma] dove a [nome del programma] va sostituito il nome he si è selto senza spazi 2. i omandi iniziano alla olonna 7 (quindi inserire 7 spazi prima di ogni omando) 3. terminano on l'istruzione: N.B. Per srivere un programma in fortran è possibile utilizzare anhe il Bloo note di Windows. Iniziamo on qualhe esempio: 1. Ciao mondo Obiettivo: visualizzare sullo shermo la frase iao mondo Ora dobbiamo sviluppare la parte logia, ioè osa dobbiamo dire al ompilatore per ottenere l'obiettivo preselto: Logia: 1. inizio programma 2. srivi Ciao mondo 3. fine programma Come potete vedere questo esempio è sempliissimo, ora traduiamo il nostro odie in fortran Alessandro Senese - 2

3 Parte logia Traduzione in Fortan inizio programma program iao_mondo srivi Ciao mondo write (*, *) 'Ciao mondo' fine programma Analizzando il odie vediamo he la parola srivi va tradotta nel omando write (*, *) 2. Variabili Nei programmi si ha la neessità di memorizzare le informazioni per poi rerle disponibili suessivamente. Il funzionamento è analogo al nostro modo di agire, quando vediamo o asoltiamo qualosa, il nostro ervello memorizza l'informazione per poi rerla disponibile quando la rihiediamo. Quindi ogni qualvolta abbiamo bisogno di salvare un'informazione faiamo riorso alle variabili. La sintassi di definizione di una variabile è: [tipo] [nome] il nome da utilizzare per una variabile è a nostra selta ed è preferibile he sia espliativo. In Fortran esistono vari tipi di variabili a seonda del dato he possono ontenere : integer real harater Può ontenere numeri interi dell'intervallo: a Può ontenere anhe numeri on deimali Può ontenere sia aratteri he numeri Esempio: Obiettivo: hiedere all'utente di inserire un numero Obiettivo: visualizzare il numero digitato Appliazione logia: inizio programma variabile n srivi Inserire un numero Alessandro Senese - 3

4 atti un numero n srivi Hai inserito il numero: n fine Come potete vedere l'operazione hiedi all'utente di inserire un numero è stata divisa in due punti, perhè dobbiamo prima stampare un avviso per l'utente e poi attere una sua risposta. Stabilite le operazioni da fare implementiamo il odie: Logia inizio programma program due Fortran variabile numero integer numero srivi Inserire un numero write (*, *) 'Inserire un numero' atti un numero read (*, *) numero Srivi Hai inserito il numero [numero Fine write (*, *) 'Hai inserito il numero', numero Analizziamo il odie sorgente: program due integer numero per memorizzare il numero digitato dalla tastiera è neessario utilizzare una variabile. In questo aso il nome numero può memorizzare numeri interi. write (*, *) 'Inserire un numero' Srive sul video Inserire un numero read (*, *) numero L'azione preedente può essere tradotta ome: leggi da tastiera e memorizza quanto digitato nella variabile numero la parola atti va tradotta on read. La struttura dell'istruzione read è: read(*, *) [NOME VARIABILE DOVE MEMORIZZARE IL VALORE] Alessandro Senese - 4

5 write (*, *) 'Hai inserito il numero: ', numero Questo omando srive sul video Hai inserito il numero: seguito dal valore ontenuto nella variabile numero. Quindi la struttura dell'istruzione write è: write (*, *) '[TESTO DA VISUALIZZARE]', [VARIABILE] dove, om'è possibile vedere dall'esempio preedente, la parte [VARIABILE] è faoltativa. Fine del programma 3. Utilizzo delle variabili Abbiamo visto he le variabili sono utilizzate per ontenere dei valori. Questi valori possono essere: 1. digitati dall'utilizzatore del programma 2. definiti da hi srive il programma 3. un risultato di un'operazione. Nell'esempio preedente abbiamo analizzato il primo punto: read (*, *) numero ora i ouperemo degli altri due. 2. real pi = 3.14 Cosa abbiamo fatto? Abbiamo solo indiato al ompilatore he i serve una variabile di tipo real (ioè he può ontenere numeri on deimali) di nome pi e he tale variabile deve ontenere il valore Quindi se abbiamo la neessità di assegnare un valore speifio ad una variabile basta sempliemente utilizzare la seguente sintassi: [tipo] [nome della variabile] = [valore da assegnare] Alessandro Senese - 5

6 un sempliissimo esempio: program pigreo real pi = 3.14 write (*, *) 'Il valore di PI è: ', pi 3. Una volta definita una variabile di tipo real o integer, è possibile utilizzarla per effettuare operazioni matematihe. Di seguito un esempio dove mostro anhe l'utilizzo dei ommenti: program operazioni E' possibile dihiarare più variabili sullo stesso rigo separate dalla virgola real numero, doppio Chiedo all'operatore di inserire un numero write (*, *) 'Inserisi un numero:' read (*, *) numero una volta ottenuto il numero, memorizzo nella variabile DOPPIO il risultato dell'operazione NUMERO * 2 doppio = numero * 2 write (*, *) 'Il doppio di: ', x, 'è: ', doppio Alessandro Senese - 6

7 Array Immaginiamo di avere una lista della spesa tipo: 1. Pane 2. Latte 3. Pasta 4. Carne 5. et. Per poter gestire le voi preedenti dovremo avere a disposizione 5 variabili tipo: riga1, riga2, riga3, riga4, riga5 oltre ad essere somoda ome soluzione, è anhe ompliata da gestire nel momento in ui vogliamo aumentare il numero di righe. Come soluzione al problema utilizziamo gli array. La sintassi è la seguente: [tipo di dato] [nome] ([numero di righe], [numero di olonne]) ome vedete il modo in ui si definise un array è uguale a ome và definita una variabile, l'unia differenza è he bisogna speifiare il numero di righe e olonne (faoltativo) di ui è ostituita la tabella. Esempio: integer righe(10) per poter aedere, in lettura o srittura, agli elementi di un array basta usare la sintassi: array(riga, olonna) Memorizzo il valore di READ nella prima riga della tabella read (*, *) riga(1) Visualizzo il ontenuto della prima riga della tabella write (*, *) riga(1) Esempio di tabella bidimensionale 2x2 2 righe e 2 olonne integer tabella(2, 2) tabella(2, 2) = 20 write(*,*) 'Il valore di riga 2, olonna 2 è:', tabella(2, 2) Alessandro Senese - 7

8 Un esempio pratio verrà desritto insieme ai ili Cili osa sono e a osa servono? Il ilo è un bloo di istruzioni he viene ripetuto n volte. Per esempio, immaginiamo di voler memorizzare/visualizzare i valori di/in una tabella, dovremo srivere tipo: Memorizzazione Read(*, *) riga(1) Read(*, *) riga(2) Read(*, *) riga(3) Read(*, *) riga(4). Read(*, *) riga(n) Visualizzazione Write(*, *) riga(1) Write(*, *) riga(1) Write(*, *) riga(1) Write(*, *) riga(1). Write(*, *) riga(n) Pratiamente dovremmo srivere una riga per ogni elemento della tabella su ui stiamo operando... Troppo omplesso da fare, i serviamo dei ili, quindi l'esempio preedente risulterà: Memorizzazione Do 10 i=1, n Read(*, *) riga(i) 10 ontinue Visualizzazione Do 10 i=1, n write(*, *) riga(i) 10 ontinue Come possiamo subito vedere, utilizzando i ili, non solo riduiamo notevolmente la quantità di odie sritta, ma possiamo modifiarne i limiti ambiando una sola riga. La struttura di un ilo è la seguente: do [etihetta] [varibile]=[valore min], [valore max] etihetta india l'ultima riga del ilo, he deve essere ontraddistinta dal omando ontinue. L'etihetta va definita nella olonna 1-6 del odie sorgente. Non è possibile utilizzare 2 volte la stessa etihetta Variabile è la variabile da utilizzare nel ilo valore min, valore max rappresentano l'invertallo dei valori he assume la variabile indiata. Stampiamo i primi 10 numeri: program ilo integer i Alessandro Senese - 8

9 La variabile i assumerà i valori 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 do 4 i=1, 10 write (*, *) i 4 ontinue il listato preedente stamperà a video le righe: Ora vediamo un esempio su ome utilizzare un array all'interno di un ilo. program array Creo una tabella di 5 elementi integer numeri(5) write(*, *) 'Inserire 5 numeri:' Mi serve un ilo he va da 1 a 5 do 4 i=1, 5 read(*, *) numeri(i) 4 ontinue Stampo i 5 numeri immessi write(*, *) 'Hai digitato:' do 5 i=1, 5 write(*, *) i, numeri(5) 5 ontinue Alessandro Senese - 9

10 Selte e deisioni Servono ad adattare il funzionamento del programma al verifiarsi di determinate ondizioni. IF-THEN-ELSE La sintassi del bloo è la seguente: IF ([ondizione]) THEN istruzioni da eseguire se la ondizione è vera ELSE istruzioni da eseguire se la ondizione è falsa. END IF una ondizione non è altro he una verifia tra due o più valori. Esempio: Supponiamo di aver definito una variabile INTGER di nome x qui verifihiamo se il suo valore è maggiore (GT = GREAT THAN) di 5 if (x.gt.5) then write (*, *) 'il valore: ', x, 'è maggiore di 5' se la ondizione preedente non è vera, verrà eseguito il bloo ELSE else write (*, *) 'il valore: ', x, 'è minore di 5' if gli operatori di verifia tra le variabili sono: Operatore Desrizione Esempio gt Maggiore di x.gt.5 ge Maggiore uguale x.ge.5 lt Minore di x.lt.5 le Minore uguale x.le.5 eq Uguale a x.eq.5 ne Diverso da x.ne.5 Se si vuole verifiare più di una ondizione è neessario rahiudere ogni ondizione in parentesi e utilizzare tra di loro i seguenti operatori di onfronto: Operatore Desrizione Esempio.AND. Resituise VERO se e solo se entrambe le ondizioni ((x.ge.1).and.(x.le.10)) Alessandro Senese - 10

11 .OR. verifiate risultano VERE Verifia he almeno una delle due ondizioni sia vera ((x.ge.1).or.(x.le.10)) Esempio, verifihiamo he il numero immesso sia ompreso tra 1 e 10 program if integer numero write (*, *) 'Inserire un numero ompreso tra 1 e 10' read (*, *) numero Verifihiamo he numero sia >= di 1 e <= di 10 if ((numero.ge.1).and.(numero.le.10)) then write (*, *) 'Hai digitato: ', numero else write (*, *) 'Il numero inserito non è ompreso nell'intervallo [1-10]' if Alessandro Senese - 11

12 Funzioni e subroutine Le funzioni e subroutine vengono utilizzate per identifiare un bloo di istruzioni he può essere riutilizzato una o più volte. Faiamo un esempio per rere meglio l'idea. Immaginiamo di avere 3 array: integer uno(5), due(5), tre(5) per riempire e visualizzare i tre array dovremo reare 3 blohi distinti di istruzioni: Riempimento array UNO do 10 i=1, 5 read(*, *) uno(i) 10 ontinue Riempimento array DUE do 20 i=1, 5 read(*, *) due(i) 20 ontinue Riempimento array TRE do 30 i=1, 5 read(*, *) tre(i) 30 ontinue Lo stesso proedimento andrebbe fatto per la visualizzazione del ontenuto degli array (sostituo read on write). Per semplifiare il tutto possiamo utilizzare le subroutine. La loro sintassi è la seguente: subroutine [nome]([variabili])... nome è un nome selto da noi, da riordarsi he non può ontenere spazi variabili india l'argomento della subroutine, ioè il nome delle variabili he bisogna passargli. Alessandro Senese - 12

13 End india il termine della subroutine Risriviamo l'esempio preedente utilizzando le subroutine: la subroutine leggi_valori memorizza nell'array digitati dall'utente tra parentesi va speifiato quanti argomenti deve rievere in ingresso la nostra funzione. in questo aso una sola variabile he identifihiamo on v, anhe qui il nome della variabile è a nostra selta. subroutine leggi_valori(v) a questo punto dobbiamo speifiare di he tipo è la variabile v è un vettore (o array) di interi di 5 elementi integer v(5) write (*, *) 'Inserire 5 valori' do 10 i=1, 5 read(*, *) v(i) 10 ontinue subroutine srivi_valori(v) integer v(5) do 20 i=1, 5 write(*, *) v(i) 20 ontinue program subroutine il omando EXTERNAL india al ompilatore la presenza di subroutine o funzioni aventi i nomi indiati ome argomento external leggi_valori, srivi_valori integer uno(5), due(5), tre(5) Alessandro Senese - 13

14 ora sostituiso i 3 blohi dell'esempio preedente on una hiamata alla subroutine leggi_valori. una subroutine va hiamata on l'istruzione CALL. I valori dei vettori uno, due, tre, verranno modifiati dalla subroutine leggi_voto all leggi_voti(uno) all leggi_voti(due) all leggi_voti(tre) stampiamo i valori dei 3 vettori all srivi_voto(uno) all srivi_voto(due) all srivi_voto(tre) Ora il programma è sia più orto he più legibile. La sintassi delle funtion è la seguente: [tipo di dato] [nome della funzione] ([argomento])... [nome della funzione] = [valore da restituire] le funtion sono ome le subroutine, on l'unia differenza he ritornano un valore di tipo [tipo di dato] eseguo la media tra gli elementi di un vettore. in questo aso ho bisogno di un numero on deimali, quindi utilizzo il tipo real real media(v) anhe qui ho bisogno di speifiare la natura della variabile v integer v(5) la variabile m, la utilizzo per il alolo della media Alessandro Senese - 14

15 real m=0.0 do 10 i=1, 5 m = m + v(i) 10 ontinue per restituire un valore devo srivere he: [nome della funzione] = [valore] quindi, in questo aso: media = m / 5 media = m / 5 orpo prinipale del programma program media anhe per le funtion è neessario indiarne la presenza on il omando external external media integer v(5) real m write (*, *) 'Inserisi 5 valori' do 20 i=1, 5 read(*, *) v(i) 20 ontinue La variabile m onterrà il valore restituito dalla funzione media ome vedete qui non è neessario il rihiamo all m = media(v) write (*, *) 'La media vale: ', m in questo aso è possibile anhe srivere direttamente: write (*, *) 'La media vale: ', media(v) Alessandro Senese - 15

16 Alessandro Senese - 16

17 Esempi vari La parte teoria è terminata, ora i divertiremo e ommenteremo qualhe esempio: subroutine he rihiede l'immissione di un voto ompreso tra 18 e 30 subroutine leggi_voto(v,n) Indio ome sono fatti v ed n integer v(5),n Ripeto la domanda "immetti un voto" da 1 a n volte il ilo verrà ripetuto fino all'etihetta nr 4 do 4 i=1,n qui ho identifiato questa riga on l'etihetta 2 2 write(*,*) 'Immetti il voto n: ', i read(*,*) v(i) Controllo he il valore immesso sia ompreso tra 18 e 30 if ((v(i).lt.18).or. (v(i).gt.30)) then write (*, *) ' ERRORE: INSERIRE UN VOTO TRA 18 E 30' Non posso aettare il valore immesso quindi ripeto la domanda per fare iò, dio al ompilatore he deve saltare (goto) all'etihetta 2 goto 2 in questo aso non mi interessa valutare il aso in ui la ondizione dell'if e falso, perhè vuol dire he ho immesso un valore tra [18, 30], quindi ignoro la ondizione else if 4 ontinue funzione he mi fa la media e dati gli argomenti v ed n restituise un numero deimale Alessandro Senese - 17

18 real funtion somma_media(v,n) integer v(5), n, somma somma=0 Il ilo và ripetuto N volte do 6 i=1, n somma = somma + v(i) 6 ontinue Qui indio il valore he deve restituire la mia funzione somma_media = somma / n program pollon indio al ompilatore quali subroutine / funtion sono definite external leggi_voto,somma_media integer v(5),n real media 3 write(*,*) "Quanti voti mi dai?" read(*,*) n Verifio he il numero digitato sia ompreso tra [1, 5] e he quindi n non sia minore di 1 o maggiore di 5 if ((n.lt.1).or.(n.gt.5)) then write (*, *) 'Inserire un numero da 1 a 5' Il numero immesso non è aettabile, ritorno al punto 3 goto 3 if Chiamo la subroutine he mi legge i voti immessi dall'utente all leggi_voto(v,n) media = somma_media(v, n) write(*,*)"la media è?", media A seonda della media restituita, visualizzo un messaggio Alessandro Senese - 18

19 if(media.ge.26) then!media è >= di 26? write (*, *) 'Uao, hi l'avrebbe mai detto' else!media è < 26 write (*, *) 'O fai seriamente, o è ora he vai a zappare :D' Alessandro Senese - 19

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 5 - Pag. 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 5 - Pag. 1 Diaz - Appunti di Statistia - AA 001/00 - edizione 9/11/01 Cap. 5 - Pag. 1 Capitolo 5. Chi quadro. Goodness-of-fit test. Test di simmetria. Taelle. Taelle m n. Correzione per la ontinuità. Test esatto

Dettagli

Conosci i tuoi diritti?

Conosci i tuoi diritti? Co nosi Dublino i dublino italiano Il Regolamento Dublino e la proedura di asilo in Italia i i tuoi diritti Guida per rihiedenti asilo Progetto ofinanziato da UNIONE EUrOPEA Fondo Europeo per i Rifugiati

Dettagli

Conosci i tuoi diritti?

Conosci i tuoi diritti? Il Regolamento Dublino e la proedura di asilo in Italia italiano Conos Guida per rihiedenti asilo Progetto ofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per i Rifugiati 2008 2013 P.A. 2010 - Azione 1.A Gente

Dettagli

ICEC Istituto di Certificazione per l area pelle

ICEC Istituto di Certificazione per l area pelle No:marhio_ICEC_r03_ie.do Approved by PRES. ICEC Date: 16.09.2010 Replaes: 02 Page 1 di 10 Regole d uso dei marhi di ertifiazione ICEC INDICE 1. Sopo e ampo di appliazione 1.1 Marhi di Certifiazione ISO

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

MISURE DI RESISTENZA CON IL METODO DI CONFRONTO DELLE CADUTE DI TENSIONE

MISURE DI RESISTENZA CON IL METODO DI CONFRONTO DELLE CADUTE DI TENSIONE MISUR DI RSISTNZA CON IL MTODO DI CONFRONTO DLL CADUT DI TNSION 1. Premessa Oggigiorno esistono strumenti ompatti e semplii da utilizzare per la misura di resistenza: gli ohmetri (parte integrante dei

Dettagli

Operazioni di input e output in Fortran 90

Operazioni di input e output in Fortran 90 Operazioni di input e output in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica

Dettagli

MOMENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO

MOMENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO x 1 x ISTITUZIONI DI INGEGNERIA AEROSAZIALE OENTI E CENTRAGGIO VELIVOLO OENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO er il alolo delle prestazioni in volo orizzontale rettilineo ed uniforme, il velivolo può essere

Dettagli

Portale dei Medici. Manuale Utente - Medico SIS PRJ032. Progetto APMMG. 1 Interno 2 Pubblico Controllato 3 Pubblico 9 Non Classificato

Portale dei Medici. Manuale Utente - Medico SIS PRJ032. Progetto APMMG. 1 Interno 2 Pubblico Controllato 3 Pubblico 9 Non Classificato SIS PRJ32 Portale dei Medii Manuale Utente - Medio eimedii_medio_prj32_f1.do 1. Riservato 1 SIS PRJ32 Informazioni legali Tutti i diritti sono riservati Questo doumento ontiene informazioni di proprietà

Dettagli

f Le trasformazioni e il trattamento dell aria

f Le trasformazioni e il trattamento dell aria f Le trasformazioni e il trattamento dell aria 1 Generalità Risolvendo il sistema (1) rispetto ad m a si ottiene: () Pertanto, il punto di misela sul diagramma psirometrio è situato sulla ongiungente dei

Dettagli

ISTRUZIONI VELOCI DI PYTHON Versione 1.0 - (manuale realizzato con Google Documenti)

ISTRUZIONI VELOCI DI PYTHON Versione 1.0 - (manuale realizzato con Google Documenti) ISTRUZIONI VELOCI DI PYTHON Versione 1.0 - (manuale realizzato con Google Documenti) Realizzato da NiktorTheNat e diffuso in rete da: 8thPHLOOR Iniziato il giorno 8 febbraio 2010 - terminato il giorno

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Modelli di base per la politica economica

Modelli di base per la politica economica Modelli di base per la politia eonomia Capitolo Marella Mulino Modelli di base per la politia eonomia Corso di Politia eonomia a.a. 22-23 Modelli di base per la politia eonomia Capitolo Capitolo Modello

Dettagli

Piccola premessa. Ma ora passiamo subito al dunque e leggete le prime lezioni.

Piccola premessa. Ma ora passiamo subito al dunque e leggete le prime lezioni. Piccola premessa Questa piccola guida non pretende di essere sostitutiva ad altre sicuramente migliori e più complete, ma solamente una introduzione per chi si avvicina a PHP. Spero che quanto leggerete

Dettagli

1. Elementi di Calcolo Combinatorio.

1. Elementi di Calcolo Combinatorio. . Elementi di Calolo Combinatorio. Prinipio Base del Conteggio Supponiamo he si devono ompiere due esperimenti. Se l esperimento uno può assumere n risultati possibili, e per ognuno di questi i sono n

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

LAVORO A TEMPO PARZIALE

LAVORO A TEMPO PARZIALE N. 2 a ura del Dipartimento di Diritto del Lavoro e delle Relazioni Industriali avv. Luiano Rahi - avv. Frano Fabris avv. Barbara De Benedetti - avv. Vanessa Perazzolo dott. Matteo Azzurro IN QUESTO NUMERO:

Dettagli

MANUALE IMMEDIATO DI HTML

MANUALE IMMEDIATO DI HTML MANUALE IMMEDIATO DI HTML Realizzato da NiktorTheNat Iniziato il giorno 9 aprile 2010 - terminato il giorno 22 aprile 2010 email autore: niktorthenat@tiscali.it canale youtube: http://www.youtube.com/user/niktorthenat

Dettagli

PRINCIPIO BASE DEL CONTEGGIO

PRINCIPIO BASE DEL CONTEGGIO Calolo ombinatorio PRINCIPIO BASE DEL CONTEGGIO Se dobbiamo ompiere due esperimenti onseutivi ed il primo esperimento può assumere N risultati diversi e per ognuno di questi il seondo esperimento ne può

Dettagli

PROMEMORIA: Come creare, compilare ed eseguire programmi in Fortran 95

PROMEMORIA: Come creare, compilare ed eseguire programmi in Fortran 95 Corso di Laurea in Matematica - Laboratorio di Programmazione gr.2 a.a. 2014/15 SECONDA esercitazione in laboratorio --- Creazione e modifica di files ASCII per mezzo del programma gedit. --- Uso del compilatore

Dettagli

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELLE SCORTE

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELLE SCORTE CBM a.s. 212/213 PROBLEMA DELLE SCORTE Chiamiamo SCORTA ogni riserva di materiali presente all interno del sistema produttivo in attesa di essere sottoposto ad un proesso di trasformazione o di distribuzione.

Dettagli

http://solutions.brother.com

http://solutions.brother.com PROGRAMMA PER LA CREAZIONE DI RICAMI Manuale d istruzione Visitare il sito http://solutions.brother.om per ottenere supporto sui prodotti e per le domande frequenti (FAQ). INFORMAZIONI IMPORTANTI: NORMATIVE

Dettagli

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante Tiipii dii Datii iin Viisuall Basiic Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante l'esecuzione di un'applicazione. Alle variabili è associato un nome, utilizzato

Dettagli

Il corpo nero e la temperatura dei corpi celesti di Daniele Gasparri

Il corpo nero e la temperatura dei corpi celesti di Daniele Gasparri Il orpo nero e la temperatura dei orpi elesti di Daniele Gasparri Gli sienziati del diiannovesimo seolo, attraverso degli esperimenti, soprirono una osa estremamente interessante: prendendo un orpo qualsiasi

Dettagli

PROVE SU UN TRASFORMATORE TRIFASE

PROVE SU UN TRASFORMATORE TRIFASE LOATOIO DI MACCHINE ELETTICHE POVE SU UN TASFOMATOE TIFASE MISUE DI ESISTENZA DEGLI AVVOLGIMENTI POVE SUL TASFOMATOE TIFASE Contenuti Le prove di laboratorio he verranno prese in esame riguardano: la misura

Dettagli

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX Aggiornato al 11 gennaio 2006 Ermes ZANNONI (ermes@zannoni.to.it) (http://www.zannoni.to.it) Indice : 1. Introduzione 2. La Shell 2.1 Comandida Shell 2.1.1 File e directory

Dettagli

GUIDA BASE DI PASCAL

GUIDA BASE DI PASCAL 1 GUIDA BASE DI PASCAL Un algoritmo, nel suo significato più ampio, è sequenza logica di istruzioni elementari (univocamente interpretabili) che, eseguite in un ordine stabilito, permettono la soluzione

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 9)

Corso di Visual Basic (Parte 9) Corso di Visual Basic (Parte 9) di Maurizio Crespi La nona lezione del corso dedicato alla programmazione in Visual Basic si pone lo scopo di illustrare le funzioni definibili dall'utente e il concetto

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

CORSO PER ESAMI PATENTE RADIOAMATORE, ANNO 2014. INCONTRO 1

CORSO PER ESAMI PATENTE RADIOAMATORE, ANNO 2014. INCONTRO 1 A... ASSOCAZONE ADOAMATO TALAN SEZONE D VNC COSO PE ESAM PATENTE ADOAMATOE, ANNO 2014. NCONTO 1 Benvenuto ai uturi OM, o HAM, osì almeno i auguriamo. È un orso ridotto, on l obiettivo di superare l esame

Dettagli

Movimento nei fluidi : prima parte Applicazioni della meccanica dei fluidi

Movimento nei fluidi : prima parte Applicazioni della meccanica dei fluidi In questa sezione vi sono argomenti he non fanno normalmente parte di un orso tradizionale di Fisia. Si tratta di una breve esursione nei viini ampi della biologia e della zoologia: appliazioni delle leggi

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 8)

Corso di Visual Basic (Parte 8) Corso di Visual Basic (Parte 8) di MAURIZIO CRESPI Questo mese il corso di programmazione in Visual Basic focalizza la propria attenzione sulle procedure, talvolta dette subroutine L oggetto dell ottava

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12};

Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12}; ESERCIZI 2 LABORATORIO Problema 1 Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12}; Chiede all'utente un numero e, tramite ricerca

Dettagli

LEGGE 14 NOVEMBRE 1995, N.

LEGGE 14 NOVEMBRE 1995, N. Relazione tenia (riferimento delibera 204/99) PRESUPPOSTI E FONDAMENTI DEL PROVVEDIMENTO PER LA REGOLAZIONE DELLA TARIFFA BASE, DEI PARAMETRI E DEGLI ALTRI ELEMENTI DI RIFERIMENTO PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

! Una gerarchia ricorsiva deriva dalla presenza di una ricorsione o ciclo (un anello nel caso più semplice) nello schema operazionale.

! Una gerarchia ricorsiva deriva dalla presenza di una ricorsione o ciclo (un anello nel caso più semplice) nello schema operazionale. Gerarhie Riorsive! Una gerarhia riorsiva eriva alla presenza i una riorsione o ilo (un anello nel aso più semplie) nello shema operazionale.! Esempio i shema operazionale on anello:! Rappresentazione sullo

Dettagli

4.3.1. Stato limite di fessurazione.

4.3.1. Stato limite di fessurazione. DM 9/1/1996 4.3.1. Stato limite di fessurazione. 4.3.1. STATO LIMITE DI FESSURAZIONE. 4.3.1.1. Finalità. Per assiurare la funzionalità e la durata delle strutture è neessario: - prefissare uno stato limite

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

Corso di TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI. L energia eolica: il vento

Corso di TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI. L energia eolica: il vento POLITECNICO DI BARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA Corso di TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOABILI L energia eolia: il vento A.A. 203/4 Tenologie delle Energie

Dettagli

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata Esempi di Problema: Prendere un Caffè al Distributore Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica, e Programmi D. Gubiani

Dettagli

Come convertire un file in Spool in un documento Pdf personalizzato

Come convertire un file in Spool in un documento Pdf personalizzato Come onvertire un file in Spool in un doumento Pdf personalizzato Copyright 2010 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati Copyright 2011 2015 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati è un marhio di

Dettagli

Capitolo. Calcoli finanziari

Capitolo. Calcoli finanziari Capitolo Caloli finanziari 19 19-1 Prima di eseguire i aloli finanziari 19-2 Caloli di interesse semplie 19-3 Caloli di interesse omposto 19-4 Valutazione di investimenti 19-5 Ammortamento di un prestito

Dettagli

Fig. 1. Fig. 2. = + +ωc

Fig. 1. Fig. 2. = + +ωc Rifasamento monofase Sia dato i iruito di fig. 1 ostituito da un generatore di tensione indipendente reae di f.e.m. ed impedenza serie Z, da una inea di aimentazione di impedenza Z e da un ario + (a maggior

Dettagli

Serializzazione degli imballaggi farmaceutici:

Serializzazione degli imballaggi farmaceutici: Serializzazione degli imballaggi farmaeutii: Valutazione delle tenologie di odifia per la stampa di odii alfanumerii e DataMatrix di alta qualità SERIALIZZAZIONE DEGLI IMBALLAGGI FARMACEUTICI: Valutazione

Dettagli

DISPENSE (minime) DI EXCEL

DISPENSE (minime) DI EXCEL DISPENSE (minime) DI EXCEL 1 Operatori di calcolo delle formule Gli operatori specificano il tipo di calcolo che si desidera eseguire sugli elementi di una formula. Sono disponibili quattro diversi tipi

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO A SERVIZIO DI UN SOTTOPASSO

DIMENSIONAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO A SERVIZIO DI UN SOTTOPASSO DIMENSIONAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO A SERVIZIO DI UN SOTTOPASSO Appliazione: Dimensionare l impianto di sollevamento per il sottopasso illustrato alle figure 3.60 e 3.61. Elaborazione delle

Dettagli

Impianto di pressurizzazione e condizionamento

Impianto di pressurizzazione e condizionamento Capitolo 8 Impianto di pressurizzazione e ondizionamento Capitolo 8 Impianto di pressurizzazione e ondizionamento Queste dispense possono essere liberamente sariate dal sito internet del Politenio di Milano.

Dettagli

[MANUALE VISUAL BASIC SCUOLA24ORE PROF.SSA PATRIZIA TARANTINO] 14 dicembre 2008

[MANUALE VISUAL BASIC SCUOLA24ORE PROF.SSA PATRIZIA TARANTINO] 14 dicembre 2008 Se devo memorizzare più valori che sono in qualche modo parenti dal punto di vista logico, posso usare il concetto di vettore di variabili (array). Ad esempio, se devo memorizzare le temperature di tutti

Dettagli

CARTA QUALITÁ PNDB. Mod 10.02_Richiesta_marchio_Turismo_Ristoranti_rev00_30092010.do c Pag 1 di 12. Richiedente:. Riservato all Ufficio

CARTA QUALITÁ PNDB. Mod 10.02_Richiesta_marchio_Turismo_Ristoranti_rev00_30092010.do c Pag 1 di 12. Richiedente:. Riservato all Ufficio 10.02_Rihiesta_marhio_Turismo_Ristoranti_rev00_30092010.do Pag 1 di 12 CARTA QUALITÁ PNDB Modulo di rihiesta della onessione d uso del marhio Settori ATTIVITÁ TURISTICHE MENÚ DEL PARCO Campanula d Oro

Dettagli

CALDAIA A CONDENSAZIONE abbinata ai sistemi Idea.Eco.Solar. Istruzioni per l installazione e la manutenzione

CALDAIA A CONDENSAZIONE abbinata ai sistemi Idea.Eco.Solar. Istruzioni per l installazione e la manutenzione CALDAIA A CONDENSAZIONE abbinata ai sistemi Idea.Eo.Solar Istruzioni per l installazione e la manutenzione Complimenti per la selta. WARNING La Vostra aldaia è modulante a regolazione e aensione elettronia.

Dettagli

IMPOSTE DIRETTE (IRPEF) SOSTITUTI D IMPOSTA

IMPOSTE DIRETTE (IRPEF) SOSTITUTI D IMPOSTA Milano, 17 novembre 2014 a ura di Dott. Alessandro Gulisano Avv. Aura Moraglia Dott. Gianpiero Notarangelo IMPOSTE DIRETTE (IRPEF) SOSTITUTI D IMPOSTA Art. 1 - Dihiarazione dei redditi preompilata Art.

Dettagli

Lezione nr. 8. Allora ecco come fare per recuperare le ultime tre tipologie di campo che ci sono rimaste da vedere.

Lezione nr. 8. Allora ecco come fare per recuperare le ultime tre tipologie di campo che ci sono rimaste da vedere. Lezione nr. 8 Ciao e benvenuto all ultima lezione del corso base. Innanzitutto voglio complimentarti con te per essere arrivato fino a qui. E stato un percorso un po duro e sei stato bravo nel superare

Dettagli

Il mercato dei beni. Identità reddito-spesa Il consumo L equilibrio Il moltiplicatore L equilibrio come uguaglianza investimento=risparmio

Il mercato dei beni. Identità reddito-spesa Il consumo L equilibrio Il moltiplicatore L equilibrio come uguaglianza investimento=risparmio l merato dei beni dentità reddito-spesa l onsumo L equilibrio l moltipliatore L equilibrio ome uguaglianza investimento=risparmio ntroduzione Cambiamenti nella domanda portano a. Cambiamenti nella produzione,

Dettagli

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Cenni preliminari... 1 Elementi sullo schermo... 2 Creazione di una cartella di lavoro... 3 Utilizzo di celle e intervalli... 3 Gestione della cartella

Dettagli

Introduzione al Foglio Elettronico

Introduzione al Foglio Elettronico Microsoft Excel Introduzione al Foglio Elettronico Il Foglio Elettronico Si presenta come una grande tabella su un foglio di carta Le celle contengono differenti dati Numeri Testo Date Ecc I dati possono

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL

APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL In informatica il Pascal è un linguaggio di programmazione creato da Niklaus Wirth ed é un linguaggio di programmazione strutturata. I linguaggi di programmazione

Dettagli

Breve riepilogo della puntata precedente:

Breve riepilogo della puntata precedente: Breve riepilogo della puntata precedente: 1. In C, il passaggio dei parametri alle funzioni avviene sempre per copia, ovvero il valore del parametro viene copiato all'interno della variabile che rappresenta

Dettagli

Il foglio elettronico: la griglia; foglio e cartella di lavoro; barre dei menu; comandi di editing; comandi sui file e stampa di un foglio

Il foglio elettronico: la griglia; foglio e cartella di lavoro; barre dei menu; comandi di editing; comandi sui file e stampa di un foglio 1 di 1 FOGLI ELETTRONICI Argomenti trattati: Il foglio elettronico: la griglia; foglio e cartella di lavoro; barre dei menu; comandi di editing; comandi sui file e stampa di un foglio Formattazione: modifica

Dettagli

2.7.2 Il processo "Stampa unione" in Word

2.7.2 Il processo Stampa unione in Word 2.7 Stampa unione 1 2.7.1 I comandi Word per la Stampa unione I comandi Word per la stampa unione, indicati nella tabella di figura, sono atipici rispetto agli altri comandi Word, nel senso che esiste

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE a a a a a COMPETENZE DI CITTADINANZA Aquisire e interpretare l informazione Individuare ollegamenti e relazioni Agire in modo autonomo e responsaile Individuare ollegamenti e relazioni Aquisire e interpretare

Dettagli

PROVA DI LABORATORIO # 5

PROVA DI LABORATORIO # 5 PROVA DI LABORATORIO # 5 DEL 03/11/1998 Corso di Tenia delle Alte Tensioni ANALISI DELLA CURVA DI PASCHEN IN ARIA E IN SF 6. VERIFICHE DI MASSIMA E NUMERICA DI UN CIRCUITO MOLTIPLICATORE DI MARX Si intende

Dettagli

Prof. Nicola Cappuccio ing.nicola.cappuccio@gmail.com

Prof. Nicola Cappuccio ing.nicola.cappuccio@gmail.com Excel e le sue Funzioni Guida Pratica per la realizzazione di Progetti Prof. Nicola Cappuccio ing.nicola.cappuccio@gmail.com Ing. Nicola Cappuccio 1 Sommario INT (funzione INT)... 3 Descrizione... 3 Sintassi...

Dettagli

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i Esercizi PHP 1. Scrivere uno script PHP che produca in output: 1. La tabellina del 5 2. La tavola Pitagorica contenuta in una tabella 3. La tabellina di un numero ricevuto in input tramite un modulo. Lo

Dettagli

IL MERCATO DEI BENI. Identità reddito-spesa Il consumo L equilibrio Il moltiplicatore L equilibrio come uguaglianza investimento = risparmio

IL MERCATO DEI BENI. Identità reddito-spesa Il consumo L equilibrio Il moltiplicatore L equilibrio come uguaglianza investimento = risparmio IL MERCAO DEI BENI Identità reddito-spesa Il onsumo L equilibrio Il moltipliatore L equilibrio ome uguaglianza investimento = risparmio INRODUZIONE Cambiamenti nella domanda portano a. Cambiamenti nella

Dettagli

Istituto Alberghiero De Filippi - Varese Laboratorio di Informatica Corso ECDL MODULO 4 ECDL. Foglio Elettronico

Istituto Alberghiero De Filippi - Varese Laboratorio di Informatica Corso ECDL MODULO 4 ECDL. Foglio Elettronico Istituto Alberghiero De Filippi - Varese Laboratorio di Informatica Corso ECDL MODULO 4 ECDL Foglio Elettronico Microsoft Excel Il foglio di elettronico permette di manipolare in modo rapido dei dati;

Dettagli

Lezione nr. 3. >> Le basi della tecnologia PHP per scrivere applicazioni per il web.

Lezione nr. 3. >> Le basi della tecnologia PHP per scrivere applicazioni per il web. Lezione nr. 3 >> Le basi della tecnologia PHP per scrivere applicazioni per il web. Ciao, spero tu abbia installato l editor di testo preferito o quello che ti ho consigliato e che tu sia riuscito a creare

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

Gli ARRAY in FORTRAN 90

Gli ARRAY in FORTRAN 90 ELEMENTI DI PROGRAMMAZIONE Gli ARRAY in FORTRAN 90 Un ARRAY è un AGGREGATO di più DATI dello stesso TIPO (interi, reali, etc), ognuno univocamente individuato dal valore di uno oppure due.. e fino a sette

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

CAPITOLO 15 CAPACITÀ PORTANTE DELLE FONDAZIONI SUPERFICIALI

CAPITOLO 15 CAPACITÀ PORTANTE DELLE FONDAZIONI SUPERFICIALI CAPITOLO 15 La fondazione è uella parte della struttura he trasmette il ario dell opera al terreno sottostante. La superfiie di ontatto tra la base della fondazione e il terreno è detta piano di posa.

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Introduzione alla programmazione in FORTRAN. Università degli Studi di Padova Corso di Calcolo Numerico per Ingegneria Meccanica - Sede di Vicenza

Introduzione alla programmazione in FORTRAN. Università degli Studi di Padova Corso di Calcolo Numerico per Ingegneria Meccanica - Sede di Vicenza Introduzione alla programmazione in FORTRAN Università degli Studi di Padova orso di alcolo Numerico per Ingegneria Meccanica - Sede di Vicenza a.a.2005/2006 DISPENSA Programmare in Fortran Questa dispensa

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

Matematica in laboratorio

Matematica in laboratorio Unità 1 Attività guidate Attività 1 Foglio elettronico Divisibilità tra numeri naturali Costruisci un foglio di lavoro per determinare se a è divisibile per b, essendo a e b due numeri naturali, con a

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

CALDAIA A CONDENSAZIONE

CALDAIA A CONDENSAZIONE CALDAIA A CONDENSAZIONE abbinata ai sistemi RinNOVA Solar Tank Note d impiego e Tenihe per l installazione Complimenti per la selta. WARNING La Vostra aldaia è modulante a regolazione e aensione elettronia.

Dettagli

Come creare un Pdf con un Barcode e una Immagine

Come creare un Pdf con un Barcode e una Immagine Come reare un Pdf on un Barode e una Immagine Copyright 2010 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati Copyright 2011 2015 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati è un marhio di JetLab S.r.l. Mirosoft,

Dettagli

IL MERCATO DEI BENI. Identità reddito-spesa Il consumo L equilibrio Il moltiplicatore L equilibrio come uguaglianza investimento=risparmio

IL MERCATO DEI BENI. Identità reddito-spesa Il consumo L equilibrio Il moltiplicatore L equilibrio come uguaglianza investimento=risparmio L MERCAO DE BEN dentità reddito-spesa l onsumo L equilibrio l moltipliatore L equilibrio ome uguaglianza investimento=risparmio NRODUZONE Cambiamenti nella domanda portano a. Cambiamenti nella produzione,

Dettagli

Inizio. Guida di installazione FAX-2840 / FAX-2845 FAX-2940. dalla confezione e verifica dei componenti. Nota

Inizio. Guida di installazione FAX-2840 / FAX-2845 FAX-2940. dalla confezione e verifica dei componenti. Nota Guida di installazione rapida Inizio FAX-2840 / FAX-2845 FAX-2940 Leggere innanzi tutto la Guida di siurezza prodotto e quindi la presente Guida di installazione rapida per onosere le proedure orrette

Dettagli

qui possiamo scegliere se creare un nuovo Database oppure aprire un Database già esistente. Fatto ciò avremo questa seconda schermata:

qui possiamo scegliere se creare un nuovo Database oppure aprire un Database già esistente. Fatto ciò avremo questa seconda schermata: Creare un Database completo per la gestione del magazzino. Vedremo di seguito una guida pratica su come creare un Database per la gestione del magazzino e la rispettiva spiegazione analitica: Innanzitutto

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Fondamenti di TLC - Prof. G. Shemra Corso di Fondamenti di Teleomuniazioni 8 MODULAZIONI DIGITALI Prof. Giovanni Shemra 1 Fondamenti di TLC - Prof. G. Shemra Struttura della lezione Modulazioni digitali

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Introduzione a Python Dottore Paolo Parisen Toldin - parisent@cs.unibo.it Argomenti trattati Che cosa è python Variabili Assegnazione Condizionale Iterazione in una lista di

Dettagli

Replicare tutte le cartelle pubbliche in un altro server

Replicare tutte le cartelle pubbliche in un altro server Identificativo articolo: 822931 - Ultima modifica: mercoledì 12 marzo 2008 - Revisione: 13.0 Come rimuovere il primo computer Exchange Server 2003 dal gruppo amministrativo Per visualizzare l'articolo

Dettagli

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo Pratica 3 Creare e salvare un documento Creare e salvare un file di testo Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi Luglio 2015 Realizzato da RTI Ismo

Dettagli

Timo, il tuo assistente vocale che è disposto ad imparare GUIDA ALL'UTILIZZO

Timo, il tuo assistente vocale che è disposto ad imparare GUIDA ALL'UTILIZZO Timo, il tuo assistente vocale che è disposto ad imparare GUIDA ALL'UTILIZZO Cosa è Timo? Lista comandi Operare su funzioni del computer Informazioni personali Indice Cosa è Timo? Timo è l'assistente virtuale

Dettagli

Il fido e i finanziamenti bancari

Il fido e i finanziamenti bancari Modulo 7 Il fido e i finanziamenti anari 65 I destinatari del Modulo sono gli studenti he, dopo aver analizzato e appreso le aratteristihe fondamentali dell attività delle aziende di redito, le loro funzioni

Dettagli

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione Automatizzare i compiti ripetitivi I file batch Anno accademico 2000-01 1 Spesso capita di dover eseguire ripetutatmente una data sequenza di comandi Introdurli uno a uno da tastiera è un processo lento

Dettagli

Il reddito di equilibrio

Il reddito di equilibrio IL Moltipliatore Il reddito di equilibrio Riordiamo gli agenti: Famiglie, he onsumano (e risparmiano) Imprese, he investono e produono Stato, he spende G e riava T Il reddito di equilibrio: Y = [ 0 + I

Dettagli

MDRSystem di Rosario Medaglia Modulo 5 Database IL DATABASE ACCESS

MDRSystem di Rosario Medaglia Modulo 5 Database IL DATABASE ACCESS IL DATABASE ACCESS COS'E' UN DATABASE Un DATABASE è un archivio di dati. Una rubrica telefonica è un database. Uno schedario cartaceo dove vengono memorizzati i libri di una biblioteca è un database. Questi

Dettagli

6.1 PROVA DI CARICO STATICA SU PALI DI FONDAZIONE

6.1 PROVA DI CARICO STATICA SU PALI DI FONDAZIONE 6 PROVE SULLE FONDAZIONI 6.1 PROVA DI CARICO STATICA SU PALI DI FONDAZIONE Il omportamento di un palo di fondazione è influenzato in maniera determinante dalla tenologia eseutiva (palo battuto prefabbriato,

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

Esercizio no.1 soluzione a pag.3

Esercizio no.1 soluzione a pag.3 Edutenia.it Modulazioni digitali eserizi risolti 1 Eserizio no.1 soluzione a pag.3 Quanti bit sono neessari per trasmettere 3 simboli e quale è la veloità di modulazione e la veloità di trasmissione se

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI LABORATORIO DI CALCOLO AVANZATO

APPUNTI DEL CORSO DI LABORATORIO DI CALCOLO AVANZATO APPUNTI DEL CORSO DI LABORATORIO DI CALCOLO AVANZATO Concetti fondamentali di FORTRAN 90 MARCO LIMONGI Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio Astronomico di Roma 1. CONCETTI FONDAMENTALI DI FORTRAN

Dettagli

simmetria sferica. L intensità (potenza per unità di superficie) a distanza L vale allora I = P / 4π L

simmetria sferica. L intensità (potenza per unità di superficie) a distanza L vale allora I = P / 4π L Fisia Generale Modulo di Fisia II A.A. -5 seritaione OND LTTROMAGNTICH Gb. Si onsideri un onda elettromagnetia piana sinusoidale he si propaga nel vuoto nella direione positiva dell asse x. La lunghea

Dettagli

Laboratorio di Informatica Lezione 2

Laboratorio di Informatica Lezione 2 Laboratorio di Informatica Lezione 2 Cristian Consonni 30 settembre 2015 Cristian Consonni Laboratorio di Informatica, Lezione 2 1 / 42 Outline 1 Commenti e Stampa a schermo 2 Strutture di controllo 3

Dettagli

INFORMATICA E COMPUTER : INTRODUZIONE

INFORMATICA E COMPUTER : INTRODUZIONE INFORMATICA E COMPUTER : INTRODUZIONE! Informatica: dal francese, informatique informat(ion) (automat)ique [termine coniato dall'ingegnere francese Philippe Dreyfus nel 1962] è la scienza che studia i

Dettagli

Script di connessione a Internet

Script di connessione a Internet Script di connessione a Internet Creazione di script per l'accesso a Internet Copyright Psion Computers Plc 1997-2000 La riproduzione totale o parziale, compreso l'impiego in sistemi in grado di eseguire

Dettagli