Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]"

Transcript

1 La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni hiare e "sensate", e quindi quello di ui abbiamo bisogno è adottare uno shema logio, imparare a ragionare su quello he vogliamo fare e ome fare per ottenere il risultato desiderato. Quindi, dal mio punto di vista, imparare a programmare è un po' ome imparare ad andare in biiletta, una volta imparato non lo dimentihi più, inoltre più esperienza aquisisi e più puoi sbizzarrirti on la bii. Una volta imparato a strutturare un programma poi puoi passare tranquillamente da un linguaggio all'altro e solo l'esperienza he maturerai ti permetterà di sfruttare a meglio uno o l'altro linguaggio. Per questo motivo per la spiegazione dei vari punti, inizialmente, adotterò ome sistema: Srittura logia Traduzione in Fortran Suessivamente introdurremo direttamente del odie Fortran erando di apirne il funzionamento. Prima di addentrari negli esempi è neessario fare una premessa sulla sintassi del Fortran. Ogni linguaggio di programmazione ha un proprio lessio ed una propria struttura da utilizzare per poter srivere un programma, quella del Fortran è la seguente: Colonna C Commento * Continuazione riga Desrizione! Viene ignorato tutto quello he viene sritto dopo questo arattere [etihett a] Etihetta utilizzata per: Cili Salti Comandi Comandi fortran Dalla tabella si evine he la prima olonna è utilizzata per indiare al ompilatore he quella riga può essere: 1. Un ommento. Un ommento non è altro he una frase, o una desrizione, he serve a desrivere l'operazione/i he andremo ad effettuare dopo quel punto. Possiamo onsiderare un ommento ome una nota, ome una speie di promemoria di quello he abbiamo sritto subito dopo. 2. *. Alessandro Senese - 1

2 Nel fortan le istruzioni possono essere sritte tra la olonna 7 e 74 della riga, tutto quello he viene sritto dopo viene ignorato. Quindi se una riga è > di 67 aratteri va suddivisa in due o più righe, e in questo aso dobbiamo dire al ompilatore he la riga he stiamo srivo non è altro he il seguito di quella preedente. 3.!. E' una sorta di ommento, on l'unia differenza he può essere utilizzato a partire da qualsiasi olonna, anhe al termine di un'istruzione 4. ETICHETTE Servono ad identifiare l'inizio di un bloo di istruzioni I punti sopra itati diventeranno più hiari suessivamente man mano he verranno utilizzati. Bisogna solo riordarsi he tutti i programmi: 1. sono omposti da un bloo prinipale definito ome: program [nome del programma] dove a [nome del programma] va sostituito il nome he si è selto senza spazi 2. i omandi iniziano alla olonna 7 (quindi inserire 7 spazi prima di ogni omando) 3. terminano on l'istruzione: N.B. Per srivere un programma in fortran è possibile utilizzare anhe il Bloo note di Windows. Iniziamo on qualhe esempio: 1. Ciao mondo Obiettivo: visualizzare sullo shermo la frase iao mondo Ora dobbiamo sviluppare la parte logia, ioè osa dobbiamo dire al ompilatore per ottenere l'obiettivo preselto: Logia: 1. inizio programma 2. srivi Ciao mondo 3. fine programma Come potete vedere questo esempio è sempliissimo, ora traduiamo il nostro odie in fortran Alessandro Senese - 2

3 Parte logia Traduzione in Fortan inizio programma program iao_mondo srivi Ciao mondo write (*, *) 'Ciao mondo' fine programma Analizzando il odie vediamo he la parola srivi va tradotta nel omando write (*, *) 2. Variabili Nei programmi si ha la neessità di memorizzare le informazioni per poi rerle disponibili suessivamente. Il funzionamento è analogo al nostro modo di agire, quando vediamo o asoltiamo qualosa, il nostro ervello memorizza l'informazione per poi rerla disponibile quando la rihiediamo. Quindi ogni qualvolta abbiamo bisogno di salvare un'informazione faiamo riorso alle variabili. La sintassi di definizione di una variabile è: [tipo] [nome] il nome da utilizzare per una variabile è a nostra selta ed è preferibile he sia espliativo. In Fortran esistono vari tipi di variabili a seonda del dato he possono ontenere : integer real harater Può ontenere numeri interi dell'intervallo: a Può ontenere anhe numeri on deimali Può ontenere sia aratteri he numeri Esempio: Obiettivo: hiedere all'utente di inserire un numero Obiettivo: visualizzare il numero digitato Appliazione logia: inizio programma variabile n srivi Inserire un numero Alessandro Senese - 3

4 atti un numero n srivi Hai inserito il numero: n fine Come potete vedere l'operazione hiedi all'utente di inserire un numero è stata divisa in due punti, perhè dobbiamo prima stampare un avviso per l'utente e poi attere una sua risposta. Stabilite le operazioni da fare implementiamo il odie: Logia inizio programma program due Fortran variabile numero integer numero srivi Inserire un numero write (*, *) 'Inserire un numero' atti un numero read (*, *) numero Srivi Hai inserito il numero [numero Fine write (*, *) 'Hai inserito il numero', numero Analizziamo il odie sorgente: program due integer numero per memorizzare il numero digitato dalla tastiera è neessario utilizzare una variabile. In questo aso il nome numero può memorizzare numeri interi. write (*, *) 'Inserire un numero' Srive sul video Inserire un numero read (*, *) numero L'azione preedente può essere tradotta ome: leggi da tastiera e memorizza quanto digitato nella variabile numero la parola atti va tradotta on read. La struttura dell'istruzione read è: read(*, *) [NOME VARIABILE DOVE MEMORIZZARE IL VALORE] Alessandro Senese - 4

5 write (*, *) 'Hai inserito il numero: ', numero Questo omando srive sul video Hai inserito il numero: seguito dal valore ontenuto nella variabile numero. Quindi la struttura dell'istruzione write è: write (*, *) '[TESTO DA VISUALIZZARE]', [VARIABILE] dove, om'è possibile vedere dall'esempio preedente, la parte [VARIABILE] è faoltativa. Fine del programma 3. Utilizzo delle variabili Abbiamo visto he le variabili sono utilizzate per ontenere dei valori. Questi valori possono essere: 1. digitati dall'utilizzatore del programma 2. definiti da hi srive il programma 3. un risultato di un'operazione. Nell'esempio preedente abbiamo analizzato il primo punto: read (*, *) numero ora i ouperemo degli altri due. 2. real pi = 3.14 Cosa abbiamo fatto? Abbiamo solo indiato al ompilatore he i serve una variabile di tipo real (ioè he può ontenere numeri on deimali) di nome pi e he tale variabile deve ontenere il valore Quindi se abbiamo la neessità di assegnare un valore speifio ad una variabile basta sempliemente utilizzare la seguente sintassi: [tipo] [nome della variabile] = [valore da assegnare] Alessandro Senese - 5

6 un sempliissimo esempio: program pigreo real pi = 3.14 write (*, *) 'Il valore di PI è: ', pi 3. Una volta definita una variabile di tipo real o integer, è possibile utilizzarla per effettuare operazioni matematihe. Di seguito un esempio dove mostro anhe l'utilizzo dei ommenti: program operazioni E' possibile dihiarare più variabili sullo stesso rigo separate dalla virgola real numero, doppio Chiedo all'operatore di inserire un numero write (*, *) 'Inserisi un numero:' read (*, *) numero una volta ottenuto il numero, memorizzo nella variabile DOPPIO il risultato dell'operazione NUMERO * 2 doppio = numero * 2 write (*, *) 'Il doppio di: ', x, 'è: ', doppio Alessandro Senese - 6

7 Array Immaginiamo di avere una lista della spesa tipo: 1. Pane 2. Latte 3. Pasta 4. Carne 5. et. Per poter gestire le voi preedenti dovremo avere a disposizione 5 variabili tipo: riga1, riga2, riga3, riga4, riga5 oltre ad essere somoda ome soluzione, è anhe ompliata da gestire nel momento in ui vogliamo aumentare il numero di righe. Come soluzione al problema utilizziamo gli array. La sintassi è la seguente: [tipo di dato] [nome] ([numero di righe], [numero di olonne]) ome vedete il modo in ui si definise un array è uguale a ome và definita una variabile, l'unia differenza è he bisogna speifiare il numero di righe e olonne (faoltativo) di ui è ostituita la tabella. Esempio: integer righe(10) per poter aedere, in lettura o srittura, agli elementi di un array basta usare la sintassi: array(riga, olonna) Memorizzo il valore di READ nella prima riga della tabella read (*, *) riga(1) Visualizzo il ontenuto della prima riga della tabella write (*, *) riga(1) Esempio di tabella bidimensionale 2x2 2 righe e 2 olonne integer tabella(2, 2) tabella(2, 2) = 20 write(*,*) 'Il valore di riga 2, olonna 2 è:', tabella(2, 2) Alessandro Senese - 7

8 Un esempio pratio verrà desritto insieme ai ili Cili osa sono e a osa servono? Il ilo è un bloo di istruzioni he viene ripetuto n volte. Per esempio, immaginiamo di voler memorizzare/visualizzare i valori di/in una tabella, dovremo srivere tipo: Memorizzazione Read(*, *) riga(1) Read(*, *) riga(2) Read(*, *) riga(3) Read(*, *) riga(4). Read(*, *) riga(n) Visualizzazione Write(*, *) riga(1) Write(*, *) riga(1) Write(*, *) riga(1) Write(*, *) riga(1). Write(*, *) riga(n) Pratiamente dovremmo srivere una riga per ogni elemento della tabella su ui stiamo operando... Troppo omplesso da fare, i serviamo dei ili, quindi l'esempio preedente risulterà: Memorizzazione Do 10 i=1, n Read(*, *) riga(i) 10 ontinue Visualizzazione Do 10 i=1, n write(*, *) riga(i) 10 ontinue Come possiamo subito vedere, utilizzando i ili, non solo riduiamo notevolmente la quantità di odie sritta, ma possiamo modifiarne i limiti ambiando una sola riga. La struttura di un ilo è la seguente: do [etihetta] [varibile]=[valore min], [valore max] etihetta india l'ultima riga del ilo, he deve essere ontraddistinta dal omando ontinue. L'etihetta va definita nella olonna 1-6 del odie sorgente. Non è possibile utilizzare 2 volte la stessa etihetta Variabile è la variabile da utilizzare nel ilo valore min, valore max rappresentano l'invertallo dei valori he assume la variabile indiata. Stampiamo i primi 10 numeri: program ilo integer i Alessandro Senese - 8

9 La variabile i assumerà i valori 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 do 4 i=1, 10 write (*, *) i 4 ontinue il listato preedente stamperà a video le righe: Ora vediamo un esempio su ome utilizzare un array all'interno di un ilo. program array Creo una tabella di 5 elementi integer numeri(5) write(*, *) 'Inserire 5 numeri:' Mi serve un ilo he va da 1 a 5 do 4 i=1, 5 read(*, *) numeri(i) 4 ontinue Stampo i 5 numeri immessi write(*, *) 'Hai digitato:' do 5 i=1, 5 write(*, *) i, numeri(5) 5 ontinue Alessandro Senese - 9

10 Selte e deisioni Servono ad adattare il funzionamento del programma al verifiarsi di determinate ondizioni. IF-THEN-ELSE La sintassi del bloo è la seguente: IF ([ondizione]) THEN istruzioni da eseguire se la ondizione è vera ELSE istruzioni da eseguire se la ondizione è falsa. END IF una ondizione non è altro he una verifia tra due o più valori. Esempio: Supponiamo di aver definito una variabile INTGER di nome x qui verifihiamo se il suo valore è maggiore (GT = GREAT THAN) di 5 if (x.gt.5) then write (*, *) 'il valore: ', x, 'è maggiore di 5' se la ondizione preedente non è vera, verrà eseguito il bloo ELSE else write (*, *) 'il valore: ', x, 'è minore di 5' if gli operatori di verifia tra le variabili sono: Operatore Desrizione Esempio gt Maggiore di x.gt.5 ge Maggiore uguale x.ge.5 lt Minore di x.lt.5 le Minore uguale x.le.5 eq Uguale a x.eq.5 ne Diverso da x.ne.5 Se si vuole verifiare più di una ondizione è neessario rahiudere ogni ondizione in parentesi e utilizzare tra di loro i seguenti operatori di onfronto: Operatore Desrizione Esempio.AND. Resituise VERO se e solo se entrambe le ondizioni ((x.ge.1).and.(x.le.10)) Alessandro Senese - 10

11 .OR. verifiate risultano VERE Verifia he almeno una delle due ondizioni sia vera ((x.ge.1).or.(x.le.10)) Esempio, verifihiamo he il numero immesso sia ompreso tra 1 e 10 program if integer numero write (*, *) 'Inserire un numero ompreso tra 1 e 10' read (*, *) numero Verifihiamo he numero sia >= di 1 e <= di 10 if ((numero.ge.1).and.(numero.le.10)) then write (*, *) 'Hai digitato: ', numero else write (*, *) 'Il numero inserito non è ompreso nell'intervallo [1-10]' if Alessandro Senese - 11

12 Funzioni e subroutine Le funzioni e subroutine vengono utilizzate per identifiare un bloo di istruzioni he può essere riutilizzato una o più volte. Faiamo un esempio per rere meglio l'idea. Immaginiamo di avere 3 array: integer uno(5), due(5), tre(5) per riempire e visualizzare i tre array dovremo reare 3 blohi distinti di istruzioni: Riempimento array UNO do 10 i=1, 5 read(*, *) uno(i) 10 ontinue Riempimento array DUE do 20 i=1, 5 read(*, *) due(i) 20 ontinue Riempimento array TRE do 30 i=1, 5 read(*, *) tre(i) 30 ontinue Lo stesso proedimento andrebbe fatto per la visualizzazione del ontenuto degli array (sostituo read on write). Per semplifiare il tutto possiamo utilizzare le subroutine. La loro sintassi è la seguente: subroutine [nome]([variabili])... nome è un nome selto da noi, da riordarsi he non può ontenere spazi variabili india l'argomento della subroutine, ioè il nome delle variabili he bisogna passargli. Alessandro Senese - 12

13 End india il termine della subroutine Risriviamo l'esempio preedente utilizzando le subroutine: la subroutine leggi_valori memorizza nell'array digitati dall'utente tra parentesi va speifiato quanti argomenti deve rievere in ingresso la nostra funzione. in questo aso una sola variabile he identifihiamo on v, anhe qui il nome della variabile è a nostra selta. subroutine leggi_valori(v) a questo punto dobbiamo speifiare di he tipo è la variabile v è un vettore (o array) di interi di 5 elementi integer v(5) write (*, *) 'Inserire 5 valori' do 10 i=1, 5 read(*, *) v(i) 10 ontinue subroutine srivi_valori(v) integer v(5) do 20 i=1, 5 write(*, *) v(i) 20 ontinue program subroutine il omando EXTERNAL india al ompilatore la presenza di subroutine o funzioni aventi i nomi indiati ome argomento external leggi_valori, srivi_valori integer uno(5), due(5), tre(5) Alessandro Senese - 13

14 ora sostituiso i 3 blohi dell'esempio preedente on una hiamata alla subroutine leggi_valori. una subroutine va hiamata on l'istruzione CALL. I valori dei vettori uno, due, tre, verranno modifiati dalla subroutine leggi_voto all leggi_voti(uno) all leggi_voti(due) all leggi_voti(tre) stampiamo i valori dei 3 vettori all srivi_voto(uno) all srivi_voto(due) all srivi_voto(tre) Ora il programma è sia più orto he più legibile. La sintassi delle funtion è la seguente: [tipo di dato] [nome della funzione] ([argomento])... [nome della funzione] = [valore da restituire] le funtion sono ome le subroutine, on l'unia differenza he ritornano un valore di tipo [tipo di dato] eseguo la media tra gli elementi di un vettore. in questo aso ho bisogno di un numero on deimali, quindi utilizzo il tipo real real media(v) anhe qui ho bisogno di speifiare la natura della variabile v integer v(5) la variabile m, la utilizzo per il alolo della media Alessandro Senese - 14

15 real m=0.0 do 10 i=1, 5 m = m + v(i) 10 ontinue per restituire un valore devo srivere he: [nome della funzione] = [valore] quindi, in questo aso: media = m / 5 media = m / 5 orpo prinipale del programma program media anhe per le funtion è neessario indiarne la presenza on il omando external external media integer v(5) real m write (*, *) 'Inserisi 5 valori' do 20 i=1, 5 read(*, *) v(i) 20 ontinue La variabile m onterrà il valore restituito dalla funzione media ome vedete qui non è neessario il rihiamo all m = media(v) write (*, *) 'La media vale: ', m in questo aso è possibile anhe srivere direttamente: write (*, *) 'La media vale: ', media(v) Alessandro Senese - 15

16 Alessandro Senese - 16

17 Esempi vari La parte teoria è terminata, ora i divertiremo e ommenteremo qualhe esempio: subroutine he rihiede l'immissione di un voto ompreso tra 18 e 30 subroutine leggi_voto(v,n) Indio ome sono fatti v ed n integer v(5),n Ripeto la domanda "immetti un voto" da 1 a n volte il ilo verrà ripetuto fino all'etihetta nr 4 do 4 i=1,n qui ho identifiato questa riga on l'etihetta 2 2 write(*,*) 'Immetti il voto n: ', i read(*,*) v(i) Controllo he il valore immesso sia ompreso tra 18 e 30 if ((v(i).lt.18).or. (v(i).gt.30)) then write (*, *) ' ERRORE: INSERIRE UN VOTO TRA 18 E 30' Non posso aettare il valore immesso quindi ripeto la domanda per fare iò, dio al ompilatore he deve saltare (goto) all'etihetta 2 goto 2 in questo aso non mi interessa valutare il aso in ui la ondizione dell'if e falso, perhè vuol dire he ho immesso un valore tra [18, 30], quindi ignoro la ondizione else if 4 ontinue funzione he mi fa la media e dati gli argomenti v ed n restituise un numero deimale Alessandro Senese - 17

18 real funtion somma_media(v,n) integer v(5), n, somma somma=0 Il ilo và ripetuto N volte do 6 i=1, n somma = somma + v(i) 6 ontinue Qui indio il valore he deve restituire la mia funzione somma_media = somma / n program pollon indio al ompilatore quali subroutine / funtion sono definite external leggi_voto,somma_media integer v(5),n real media 3 write(*,*) "Quanti voti mi dai?" read(*,*) n Verifio he il numero digitato sia ompreso tra [1, 5] e he quindi n non sia minore di 1 o maggiore di 5 if ((n.lt.1).or.(n.gt.5)) then write (*, *) 'Inserire un numero da 1 a 5' Il numero immesso non è aettabile, ritorno al punto 3 goto 3 if Chiamo la subroutine he mi legge i voti immessi dall'utente all leggi_voto(v,n) media = somma_media(v, n) write(*,*)"la media è?", media A seonda della media restituita, visualizzo un messaggio Alessandro Senese - 18

19 if(media.ge.26) then!media è >= di 26? write (*, *) 'Uao, hi l'avrebbe mai detto' else!media è < 26 write (*, *) 'O fai seriamente, o è ora he vai a zappare :D' Alessandro Senese - 19

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Operazioni di input e output in Fortran 90

Operazioni di input e output in Fortran 90 Operazioni di input e output in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica

Dettagli

PROMEMORIA: Come creare, compilare ed eseguire programmi in Fortran 95

PROMEMORIA: Come creare, compilare ed eseguire programmi in Fortran 95 Corso di Laurea in Matematica - Laboratorio di Programmazione gr.2 a.a. 2014/15 SECONDA esercitazione in laboratorio --- Creazione e modifica di files ASCII per mezzo del programma gedit. --- Uso del compilatore

Dettagli

1. Elementi di Calcolo Combinatorio.

1. Elementi di Calcolo Combinatorio. . Elementi di Calolo Combinatorio. Prinipio Base del Conteggio Supponiamo he si devono ompiere due esperimenti. Se l esperimento uno può assumere n risultati possibili, e per ognuno di questi i sono n

Dettagli

GUIDA BASE DI PASCAL

GUIDA BASE DI PASCAL 1 GUIDA BASE DI PASCAL Un algoritmo, nel suo significato più ampio, è sequenza logica di istruzioni elementari (univocamente interpretabili) che, eseguite in un ordine stabilito, permettono la soluzione

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX Aggiornato al 11 gennaio 2006 Ermes ZANNONI (ermes@zannoni.to.it) (http://www.zannoni.to.it) Indice : 1. Introduzione 2. La Shell 2.1 Comandida Shell 2.1.1 File e directory

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

Matematica in laboratorio

Matematica in laboratorio Unità 1 Attività guidate Attività 1 Foglio elettronico Divisibilità tra numeri naturali Costruisci un foglio di lavoro per determinare se a è divisibile per b, essendo a e b due numeri naturali, con a

Dettagli

Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12};

Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12}; ESERCIZI 2 LABORATORIO Problema 1 Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12}; Chiede all'utente un numero e, tramite ricerca

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

f Le trasformazioni e il trattamento dell aria

f Le trasformazioni e il trattamento dell aria f Le trasformazioni e il trattamento dell aria 1 Generalità Risolvendo il sistema (1) rispetto ad m a si ottiene: () Pertanto, il punto di misela sul diagramma psirometrio è situato sulla ongiungente dei

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Introduzione a Python Dottore Paolo Parisen Toldin - parisent@cs.unibo.it Argomenti trattati Che cosa è python Variabili Assegnazione Condizionale Iterazione in una lista di

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

MANUALE IMMEDIATO DI HTML

MANUALE IMMEDIATO DI HTML MANUALE IMMEDIATO DI HTML Realizzato da NiktorTheNat Iniziato il giorno 9 aprile 2010 - terminato il giorno 22 aprile 2010 email autore: niktorthenat@tiscali.it canale youtube: http://www.youtube.com/user/niktorthenat

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

Piccola premessa. Ma ora passiamo subito al dunque e leggete le prime lezioni.

Piccola premessa. Ma ora passiamo subito al dunque e leggete le prime lezioni. Piccola premessa Questa piccola guida non pretende di essere sostitutiva ad altre sicuramente migliori e più complete, ma solamente una introduzione per chi si avvicina a PHP. Spero che quanto leggerete

Dettagli

ISTRUZIONI VELOCI DI PYTHON Versione 1.0 - (manuale realizzato con Google Documenti)

ISTRUZIONI VELOCI DI PYTHON Versione 1.0 - (manuale realizzato con Google Documenti) ISTRUZIONI VELOCI DI PYTHON Versione 1.0 - (manuale realizzato con Google Documenti) Realizzato da NiktorTheNat e diffuso in rete da: 8thPHLOOR Iniziato il giorno 8 febbraio 2010 - terminato il giorno

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 5 - Pag. 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 5 - Pag. 1 Diaz - Appunti di Statistia - AA 001/00 - edizione 9/11/01 Cap. 5 - Pag. 1 Capitolo 5. Chi quadro. Goodness-of-fit test. Test di simmetria. Taelle. Taelle m n. Correzione per la ontinuità. Test esatto

Dettagli

Breve riepilogo della puntata precedente:

Breve riepilogo della puntata precedente: Breve riepilogo della puntata precedente: 1. In C, il passaggio dei parametri alle funzioni avviene sempre per copia, ovvero il valore del parametro viene copiato all'interno della variabile che rappresenta

Dettagli

Modelli di base per la politica economica

Modelli di base per la politica economica Modelli di base per la politia eonomia Capitolo Marella Mulino Modelli di base per la politia eonomia Corso di Politia eonomia a.a. 22-23 Modelli di base per la politia eonomia Capitolo Capitolo Modello

Dettagli

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 4: Operatori, Array, Controlli e Cicli

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 4: Operatori, Array, Controlli e Cicli Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL Lezione 4: Operatori, Array, Controlli e Cicli Argomenti della lezione In questa lezione si riprenderà il concetto di Array, nel suo aspetto basilare, ed in particolare

Dettagli

PRINCIPIO BASE DEL CONTEGGIO

PRINCIPIO BASE DEL CONTEGGIO Calolo ombinatorio PRINCIPIO BASE DEL CONTEGGIO Se dobbiamo ompiere due esperimenti onseutivi ed il primo esperimento può assumere N risultati diversi e per ognuno di questi il seondo esperimento ne può

Dettagli

Portale dei Medici. Manuale Utente - Medico SIS PRJ032. Progetto APMMG. 1 Interno 2 Pubblico Controllato 3 Pubblico 9 Non Classificato

Portale dei Medici. Manuale Utente - Medico SIS PRJ032. Progetto APMMG. 1 Interno 2 Pubblico Controllato 3 Pubblico 9 Non Classificato SIS PRJ32 Portale dei Medii Manuale Utente - Medio eimedii_medio_prj32_f1.do 1. Riservato 1 SIS PRJ32 Informazioni legali Tutti i diritti sono riservati Questo doumento ontiene informazioni di proprietà

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

SMS IN. Rules SMS IN. Rules. Geodrop. Geodrop

SMS IN. Rules SMS IN. Rules. Geodrop. Geodrop SMS IN Rules SMS IN Rules } Geodrop Geodrop SMS In 2.3 Regole per la manipolazione dei messaggi Guida alla scrittura di condizioni complesse Guida alle condizioni complesse v1.0-it, 7 Dicembre 2012 Indice

Dettagli

MOMENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO

MOMENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO x 1 x ISTITUZIONI DI INGEGNERIA AEROSAZIALE OENTI E CENTRAGGIO VELIVOLO OENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO er il alolo delle prestazioni in volo orizzontale rettilineo ed uniforme, il velivolo può essere

Dettagli

Conosci i tuoi diritti?

Conosci i tuoi diritti? Co nosi Dublino i dublino italiano Il Regolamento Dublino e la proedura di asilo in Italia i i tuoi diritti Guida per rihiedenti asilo Progetto ofinanziato da UNIONE EUrOPEA Fondo Europeo per i Rifugiati

Dettagli

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle Foglio di calcolo Il foglio di calcolo: Excel I dati inseriti in Excel sono organizzati in Cartelle di lavoro a loro volta suddivise in Fogli elettronici. I fogli sono formati da celle disposte per righe

Dettagli

[MANUALE VISUAL BASIC SCUOLA24ORE PROF.SSA PATRIZIA TARANTINO] 14 dicembre 2008

[MANUALE VISUAL BASIC SCUOLA24ORE PROF.SSA PATRIZIA TARANTINO] 14 dicembre 2008 Se devo memorizzare più valori che sono in qualche modo parenti dal punto di vista logico, posso usare il concetto di vettore di variabili (array). Ad esempio, se devo memorizzare le temperature di tutti

Dettagli

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante Tiipii dii Datii iin Viisuall Basiic Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante l'esecuzione di un'applicazione. Alle variabili è associato un nome, utilizzato

Dettagli

ICEC Istituto di Certificazione per l area pelle

ICEC Istituto di Certificazione per l area pelle No:marhio_ICEC_r03_ie.do Approved by PRES. ICEC Date: 16.09.2010 Replaes: 02 Page 1 di 10 Regole d uso dei marhi di ertifiazione ICEC INDICE 1. Sopo e ampo di appliazione 1.1 Marhi di Certifiazione ISO

Dettagli

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELLE SCORTE

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELLE SCORTE CBM a.s. 212/213 PROBLEMA DELLE SCORTE Chiamiamo SCORTA ogni riserva di materiali presente all interno del sistema produttivo in attesa di essere sottoposto ad un proesso di trasformazione o di distribuzione.

Dettagli

Introduzione al Foglio Elettronico

Introduzione al Foglio Elettronico Microsoft Excel Introduzione al Foglio Elettronico Il Foglio Elettronico Si presenta come una grande tabella su un foglio di carta Le celle contengono differenti dati Numeri Testo Date Ecc I dati possono

Dettagli

Come convertire un file in Spool in un documento Pdf personalizzato

Come convertire un file in Spool in un documento Pdf personalizzato Come onvertire un file in Spool in un doumento Pdf personalizzato Copyright 2010 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati Copyright 2011 2015 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati è un marhio di

Dettagli

EXCEL FUNZIONI PRINCIPALI

EXCEL FUNZIONI PRINCIPALI EXCEL FUNZIONI PRINCIPALI Funzione SE() Sintassi: SE(VERIFICA, VALORE SE VERO, VALORE SE FALSO): verifica un valore e ritorna una risposta in base al risultato vero/falso Esempio: =SE(A2=15; "OK"; "NO")

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Conosci i tuoi diritti?

Conosci i tuoi diritti? Il Regolamento Dublino e la proedura di asilo in Italia italiano Conos Guida per rihiedenti asilo Progetto ofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per i Rifugiati 2008 2013 P.A. 2010 - Azione 1.A Gente

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 9)

Corso di Visual Basic (Parte 9) Corso di Visual Basic (Parte 9) di Maurizio Crespi La nona lezione del corso dedicato alla programmazione in Visual Basic si pone lo scopo di illustrare le funzioni definibili dall'utente e il concetto

Dettagli

Gli ARRAY in FORTRAN 90

Gli ARRAY in FORTRAN 90 ELEMENTI DI PROGRAMMAZIONE Gli ARRAY in FORTRAN 90 Un ARRAY è un AGGREGATO di più DATI dello stesso TIPO (interi, reali, etc), ognuno univocamente individuato dal valore di uno oppure due.. e fino a sette

Dettagli

EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO

EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO BARRE PRINCIPALI GESTIONE FILE BARRA DEI MENU BARRA STANDARD Nuovo: si crea un nuovo foglio Apri: si carica un foglio da

Dettagli

qui possiamo scegliere se creare un nuovo Database oppure aprire un Database già esistente. Fatto ciò avremo questa seconda schermata:

qui possiamo scegliere se creare un nuovo Database oppure aprire un Database già esistente. Fatto ciò avremo questa seconda schermata: Creare un Database completo per la gestione del magazzino. Vedremo di seguito una guida pratica su come creare un Database per la gestione del magazzino e la rispettiva spiegazione analitica: Innanzitutto

Dettagli

Laboratorio di Informatica Lezione 2

Laboratorio di Informatica Lezione 2 Laboratorio di Informatica Lezione 2 Cristian Consonni 30 settembre 2015 Cristian Consonni Laboratorio di Informatica, Lezione 2 1 / 42 Outline 1 Commenti e Stampa a schermo 2 Strutture di controllo 3

Dettagli

Lezione nr. 7. >> Come posso recuperare un valore da un campo TEXT?

Lezione nr. 7. >> Come posso recuperare un valore da un campo TEXT? Lezione nr. 7 >> Come posso recuperare i valori di un modulo web? Siamo finalmente giunti alla lezione che inizierà ad introdurti nel mondo della programmazione web avanzata. Niente di difficile, ovviamente,

Dettagli

Access INTRODUZIONE. Cos'è un Database? Probabilmente il modo migliore per spiegarlo è attraverso un esempio: una rubrica telefonica.

Access INTRODUZIONE. Cos'è un Database? Probabilmente il modo migliore per spiegarlo è attraverso un esempio: una rubrica telefonica. Access INTRODUZIONE Cos'è un Database? Probabilmente il modo migliore per spiegarlo è attraverso un esempio: una rubrica telefonica. Nome Indirizzo Città CAP PR Tel ITIS Amedeo Avogadro c. San Maurizio,

Dettagli

Lezione nr. 8. Allora ecco come fare per recuperare le ultime tre tipologie di campo che ci sono rimaste da vedere.

Lezione nr. 8. Allora ecco come fare per recuperare le ultime tre tipologie di campo che ci sono rimaste da vedere. Lezione nr. 8 Ciao e benvenuto all ultima lezione del corso base. Innanzitutto voglio complimentarti con te per essere arrivato fino a qui. E stato un percorso un po duro e sei stato bravo nel superare

Dettagli

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata Esempi di Problema: Prendere un Caffè al Distributore Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica, e Programmi D. Gubiani

Dettagli

Introduzione alla tecnica di Programmazione Dinamica

Introduzione alla tecnica di Programmazione Dinamica Universitá degli Studi di Salerno Corso di Algoritmi Prof. Ugo Vaccaro Anno Acc. 2014/15 p. 1/37 Sommario della lezione Introduzione alla tecnica di Programmazione Dinamica Esempio di applicazione n. 1:

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

Libri di testo (suggeriti)

Libri di testo (suggeriti) AVVISO: dal prossimo mercoledì, faremo lezione 14:00 16:00 Fino ad avviso contrario, sempre nell aula P2 Sito del corso http://www.di.unisa.it/professori/zizza/lab_bio/inizio.htm Libri di testo (suggeriti)

Dettagli

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione Automatizzare i compiti ripetitivi I file batch Anno accademico 2000-01 1 Spesso capita di dover eseguire ripetutatmente una data sequenza di comandi Introdurli uno a uno da tastiera è un processo lento

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO A SERVIZIO DI UN SOTTOPASSO

DIMENSIONAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO A SERVIZIO DI UN SOTTOPASSO DIMENSIONAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO A SERVIZIO DI UN SOTTOPASSO Appliazione: Dimensionare l impianto di sollevamento per il sottopasso illustrato alle figure 3.60 e 3.61. Elaborazione delle

Dettagli

Corso di controllo numerico (Cnc iso)

Corso di controllo numerico (Cnc iso) Corso di controllo numerico (Cnc iso) A cura di Ferrarese Adolfo. - Copyright 2007 - Ferrarese Adolfo - Tutti i diritti riservati - 1 Prefazione: Il corso si articola in 8 sezioni: 7 lezioni più un'ampia

Dettagli

Procedura per creare un archivio storico locale nelle 24 ore giornaliere

Procedura per creare un archivio storico locale nelle 24 ore giornaliere Procedura per creare un archivio storico locale nelle 24 ore giornaliere La seguente procedura ha lo scopo di illustrare il metodo di creazione di un archivio storico fotografico nell arco delle 24 ore

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Permette di ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni finchè non viene verificata una condizione logica. Sintassi istruzione_1...

Dettagli

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI e AZIONAMENTI ELETTRICI INTRODUZIONE A MATLAB Ing. Alberto Bellini Tel. 0522 522626 e-mail: alberto.bellini@unimore.it

Dettagli

METODI per effettuare previsioni con analisi di tipo WHAT-IF

METODI per effettuare previsioni con analisi di tipo WHAT-IF METODI per effettuare previsioni con analisi di tipo WHAT-IF 1. TABELLA DATI Una tabella di dati è un intervallo che mostra come la modifica di alcuni valori nelle formule ne influenza i risultati. Le

Dettagli

Esercizio 1. Esercizi 5. Esercizio 3. Esercizio 2 CICLI

Esercizio 1. Esercizi 5. Esercizio 3. Esercizio 2 CICLI Esercizi 5 Esercizio 1 Realizzare una funzione che, chiesto all utente un numero intero pari a N, ricavi e stampi a video tutte le terne pitagoriche con i cateti minori o uguali ad N. CICLI Una terna pitagorica

Dettagli

APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL

APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL APPUNTI SUL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PASCAL In informatica il Pascal è un linguaggio di programmazione creato da Niklaus Wirth ed é un linguaggio di programmazione strutturata. I linguaggi di programmazione

Dettagli

Metodologie di programmazione in Fortran 90

Metodologie di programmazione in Fortran 90 Metodologie di programmazione in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2007/2008 Fortran 90: Metodologie di programmazione DIS - Dipartimento di

Dettagli

Prof. Nicola Cappuccio ing.nicola.cappuccio@gmail.com

Prof. Nicola Cappuccio ing.nicola.cappuccio@gmail.com Excel e le sue Funzioni Guida Pratica per la realizzazione di Progetti Prof. Nicola Cappuccio ing.nicola.cappuccio@gmail.com Ing. Nicola Cappuccio 1 Sommario INT (funzione INT)... 3 Descrizione... 3 Sintassi...

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 8)

Corso di Visual Basic (Parte 8) Corso di Visual Basic (Parte 8) di MAURIZIO CRESPI Questo mese il corso di programmazione in Visual Basic focalizza la propria attenzione sulle procedure, talvolta dette subroutine L oggetto dell ottava

Dettagli

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag