Project Management. Project Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project Management. Project Management"

Transcript

1 Project Management OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, Padova tel: fax: web: Il contesto Pagina 1

2 Il contesto I cambiamenti nei prossimi cinque anni saranno maggiori che negli ultimi cinquanta anni Stai cambiando velocemente quanto velocemente sta cambiando il tuo Cliente? Daniel Burrus Il contesto Recentemente abbiamo riesaminato il valore complessivo di ciò che forniamo ai nostri Clienti. Penso che sia qualche cosa che va oltre il valore materiale dei nostri prodotti, abbiamo chiamato questo valore: prestazione oltre le aspettative. Abbiamo realizzato ciò investendo nell ingegneria e nelle competenze in Project Management. William Doey Jr., President of IKON Design Pagina 2

3 Il contesto Prodotto Mercato Servizio Organizzazione Mercato Il contesto? Gantt Pagina 3

4 Il contesto L aumento della complessità tecnica dei prodotti e dei processi, la consistente diminuzione del time to market e dei margini ed il bisogno di competenze interfunzionali fanno del Project Management un importante strumento nelle mani delle organizzazioni che ne capiscono l importanza (Business Horizons, Pinto & Kharbanda) Il contesto Complessità, tempi e costi ristretti sono comuni ai progetti più che alle dimensioni della impresa. L elemento critico è il rapporto tra la complessità del progetto e la dimensione dell azienda. Bisogna sviluppare una metodologia che sia di aiuto nella gestione di tanti progetti piccoli attivi contemporaneamente. Pagina 4

5 Il progetto Pagina 5

6 Il Progetto Un Progetto è uno sforzo temporaneo intrapreso per sviluppare un prodotto o un servizio unico. Project Management Institute temporaneo: unico: perché ogni progetto ha un inizio e una fine perché il prodotto o servizio risultante è differente da tutti gli altri prodotti o servizi simili Il Progetto Un progetto è un lavoro che viene eseguito una sola volta James Lewis Un progetto è un sogno al quale si destinano risorse prof. Amietta Progetto non è un attributo intrinseco di una attività, ma il modo con cui noi decidiamo di gestirla prof. Giovanni Bernardi Un Progetto è una delega temporanea finalizzata al raggiungimento di uno specifico obiettivo. Giorgio Beghini Pagina 6

7 Il Progetto Un progetto è uno sforzo complesso, di regola di durata inferiore a tre anni, comportante compiti interrelati eseguiti da varie organizzazioni, con obiettivi, schedulazioni e budget ben definiti. (Archibald). con un con un con specifici richiedente definito in una appartenente ad una con un preciso con una precisa con una assegnata NOME RISULTATO DEFINITO (COSA) OBIETTIVI (PERCHE ) RISORSE con competenze (CHI) CLASSE - DIMENSIONE TIPOLOGIA INIZIO FINE PRIORITÀ QUANDO Il Progetto Ristrutturazione di uno stabile Preparazione ed erogazione di un corso di formazione Apertura di un nuovo ufficio o filiale Sviluppo di un nuovo farmaco Sviluppo di una applicazione software Preparazione di un nuovo catalogo o collezione Apertura di una nuova clinica Realizzazione di un nuovo elettrodomestico Realizzazione di nuova procedura, legge... Predisposizione di attività estive per bambini Assistenza personalizzata alla persona Operazione di pubblica sicurezza Progetto di sviluppo finanziato Viaggio organizzato. Pagina 7

8 Il Project Management è l'arte e la scienza di lavorare assieme in un clima di innovazione. Project Management is a state of mind. ing. Walter Quercioli Pagina 8

9 Il Project Management è una applicazione di: conoscenza, capacità strumenti e tecniche per realizzare attività al fine di raggiungere e superare i bisogni e le aspettative degli stakeholders (coloro che hanno interessi) al progetto. Raggiungere e superare i bisogni e le aspettative degli stakeholders sul progetto implica mediare le richieste tra: Scope, time, cost e quality Stakeholders con differenti bisogni ed aspettative Requisiti identificati (bisogni) e requisiti non identificabili (attese) Quelli che si innamorano di pratica senza scienza, son come il nocchiere ch entra in un naviglio senza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada. Sempre la pratica deve essere edificata sopra la bona teoria. Leonardo da Vinci Pagina 9

10 Il Project Management è un insieme di metodologie e direttive, fondamentalmente logiche, per raggiungere gli obiettivi di un progetto sotto la leadership di un Project Manager Lo scopo del Project Management è di sviluppare una metodologia per PIANIFICARE DIRIGERE CONTROLLARE in modo da conseguire un obiettivo con vincoli di tempo, costi, qualità. controllo fi gestione fi governo di progetto Work Shop: Gestione del Progetto Viaggio in barca a vela Pagina 10

11 Le Aree del Project Management Le Aree della Gestione Progetti La metodologia della Gestione Progetti MISURE Quality Scope Time Cost Pagina 11

12 Le Aree del Project Management Per che cosa mi sto impegnando PROJECT SCOPE MANAGEMENT (ambito / ampiezza / dimensione / campo d azione) Sono le attività necessarie ad assicurare che il progetto contenga tutto e solo il lavoro necessario al suo completamento. Definisce e controlla cosa è o non è compreso nel progetto. PROJECT TIME MANAGEMENT Sono le attività necessarie per assicurare il completamento del progetto nei tempi prestabiliti. Le Aree del Project Management PROJECT COST MANAGEMENT Sono le attività necessarie ad assicurare che il progetto sia completato entro il budget approvato. PROJECT QUALITY MANAGEMENT Sono le attività necessarie ad assicurare che il progetto soddisfi i bisogni per cui e stato intrapreso. Comprende ed implementa tutte le attività di gestione che determinano le politiche di qualità, gli obiettivi e le responsabilità. Pagina 12

13 Le Aree della Gestione Progetti La metodologia della Gestione Progetti Procurement Quality Risk Scope Human Resource Time Communications Cost Le Aree del Project Management PROJECT HUMAN RESOURCE MANAGEMENT Sono le attività necessarie per ottenere un inserimento ottimale di tutti coloro che sono coinvolti nel progetto e una loro collaborazione attiva il più efficace possibile. PROJECT COMMUNICATIONS MANAGEMENT Sono le attività che assicurano la tempestiva e appropriata produzione, raccolta, diffusione e conservazione delle informazioni di progetto. Sono considerati i rapporti critici tra le persone, le idee e le informazioni necessarie per il successo. Pagina 13

14 Le Aree del Project Management PROJECT RISK MANAGEMENT Sono le attività legate all identificazione, all analisi e alle risposte alle criticità del progetto. Comprende la massimizzazione dei risultati degli eventi positivi e la minimizzazione delle conseguenze di eventi avversi. PROJECT PROCUREMENT MANAGEMENT Sono le attività richieste per acquisire beni e servizi dall esterno dell organizzazione. Le Aree del Project Management Procurement Quality Integration Risk Scope Human Resource Time Communications Cost Pagina 14

15 Le Aree del Project Management PROJECT INTEGRATION MANAGEMENT Sono le attività necessarie ad assicurare che i vari elementi del progetto siano opportunamente coordinati. Implica mediare tra obiettivi e alternative per favorire i bisogni o le aspettative degli stakeholders. Attività di gestione dei Progetti OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, Padova tel: fax: web: Pagina 15

16 Attività di gestione dei Progetti Le attività di gestione Le attività di gestione Attività di gestione dei Progetti Pagina 16

17 Le attività di gestione Start-up Attività di gestione dei Progetti Perche Avvio Cosa Controllo Overview PM Scostamenti Come Pianificazione Avanzamento Performance Avanzamento Piano di progetto Esecuzione Chiusura Close-out Le attività di gestione Attività di gestione dei Progetti Avvio riconoscimento ed impegno per far iniziare il progetto Pianificazione predisposizione e mantenimento di uno schema di lavoro per realizzare i requisiti di progetto Esecuzione coordinamento delle persone e delle altre risorse per svolgere il piano Controllo garanzia del raggiungimento degli obiettivi di progetto monitorando e misurando gli avanzamenti e predisponendo le eventuali azioni correttive Chiusura formalizzazione dell accettazione del progetto in modo di poterlo considerare chiuso Pagina 17

18 Scope definition Ehi! Da questa parte!! Definizione dei requisiti Progettazione Realizzazione Test Produzione Attività di gestione dei Progetti La baseline Pagina 18

19 La baseline Attività di gestione dei Progetti Team P M Inizio Idea Progettazione Sviluppo Chiusura Start-up Avanzamento Close-out Project Charter Pianificazione Direzione esecuzione Controllo P1 P2 P3 P4 P5 P6 P7 Piano corrente Close Direttive per i prossimi progetti Processo di sviluppo Processo di supporto Documenti Piano di riferimento Motivi di insuccesso di Progetti Pagina 19

20 Motivi di insuccesso di progetto Sottostima della complessità e dimensione del progetto Mancanza di comunicazione Mancanza di integrazione nella gestione di: tempi, costi, risorse finanziarie e configurazione Assenza controlli misurabili Aggiunta o modifica di requisiti (non gestiti) Effettiva implementazione non basta un bellissimo piano Eccessiva fiducia del tool software Differenti aspettative tra cliente e fornitore Motivi di insuccesso di progetto Mancanza di cooperazione tra cliente e fornitore Mancanza di formazione Mancanza di commitment del top management Mancanza di pianificazione Mancanza di incentivi e penalità Mancanza del project manager Mancanza di schedulazione Inadeguatezza delle risorse Inadeguatezza di analisi dei rischi e delle criticità Inadeguatezza del sistema informativo di gestione Pagina 20

21 Initiating L attivazione del progetto OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, Padova tel: fax: web: Initiating: L attivazione del progetto Le attività di avvio Pagina 21

22 Le attività di avvio Initiating: L attivazione del progetto Riconoscimento ed impegno per far iniziare il progetto Initiating Processes SCOPE 5.1 Initiation Initiation è l attività con la quale il progetto è formalmente affidato all organizzazione Risultati: Project Manager Vincoli (interni - esterni) Project Charter (requisiti del business e requisiti del prodotto) Le attività di avvio Initiating: L attivazione del progetto Misurabili Obiettivi Risultati Finalità Vincoli Pagina 22

23 Planning Il processo di pianificazione OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, Padova tel: fax: web: Le attività di pianificazione Pagina 23

24 Le attività di pianificazione Scope 5.2 Scope Planning Scope 5.3 Scope Definition Quality 8.1 Quality Planning Communication 10.1 Communication Planning Time 6.1 Activity Definition Cost 7.1 Resource Planning Human Resources 9.1 Organizational Planning Risk 11.2 Risk Identification Planning Processes? Core Processes Time 6.2 Activity Sequencing Time 6.3 Activity Duration Estimating Cost 7.2 Cost Estimating Risk 11.1 Risk Management Planning Facilitating Processes Human Resources 9.2 Staff Acquisition Risk 11.3 Qualitative Risk Analysis Time 6.4 Schedule Development Reticolo attività Human Resources 12.1 Procurement Planning Risk 11.4 Quantitative Risk Analysis Cost 7.3 Cost Budgeting Integration 4.1 Project Plan Development Procurement 12.2 Solicitation Planning Risk 11.5 Risk Response Planning Le attività di pianificazione Predisposizione e mantenimento di uno schema di lavoro per realizzare i requisiti di progetto Scope Planning Formalizzazione degli obiettivi globali del progetto quale base per le decisioni future Scope Definition Scomposizione del progetto principale in componenti più piccole e meglio gestibili (WBS) Activity Definition Definizione delle specifiche attività che devono essere eseguite per ottenere i vari deliverables del progetto Resource Planning Determinazione di quali risorse (persone, materiali, strumenti) e in quale quantità dovranno essere usate per eseguire le attività di progetto Activity Sequencing Definizione e documentazione dei legami di precedenza tra le attività Pagina 24

25 Le attività di pianificazione Activity Duration Estimating Stima della durata necessaria per completare le attività Cost Estimating Realizzazione della stima dei costi delle risorse che risultano necessarie per realizzare il progetto. Risk Management Planning Azione per stabilire come affrontare la gestione dei rischi nel progetto. Il risultato é il Risk Management Plan Schedule Development Determinazione delle date di inizio e di fine delle attività Cost Budgeting Generazione della baseline di costo Project Plan Development Creazione del documento che guida sia l esecuzione che il controllo del progetto Le attività di pianificazione Quality Planning Identificazione degli standard di qualità che sono rilevanti per il progetto e definizione delle attività per poterli soddisfare Organizational Planning Identificazione, documentazione ed assegnazione dei ruoli, responsabilità e rapporti reciproci di progetto Staff Acquisition Reperimento del team di progetto mediante negoziazione del Project Manager con i responsabili funzionali o altri Project Manager. Potrebbe verificarsi la necessità di un eventuale approvvigionamento esterno Procurement Planning Determinazione di ciò che si deve acquisire e quando lo si deve acquisire Solicitation Planning Documentazione dei requisiti di prodotto ed identificazione delle potenziali fonti di approvvigionamento Pagina 25

26 Le attività di pianificazione Communications Planning Determinazione del fabbisogno di informazioni e comunicazioni degli stakeholder: a chi necessitano le informazioni, quando ne necessitano e come dovranno essere fornite Risk Identification Determinazione di quali rischi possono influenzare il progetto e sviluppo della relativa documentazione delle loro caratteristiche Qualitative Risk Analysis Sviluppo dell analisi qualitativa e le valutazione delle priorità degli effetti sugli obiettivi di progetto Quantitative Risk Analysis Misurazione della probabilità e dell impatto dei rischi e della stima della loro implicazione sugli obiettivi di progetto Risk Response Planning Sviluppo di procedure e applicazione di tecniche al fine di aumentare le opportunità e ridurre le minacce dei rischi sugli obiettivi di progetto Definizione di Wbs Pagina 26

27 Definizione di Wbs La Work Breakdown Structure è una struttura orientata ai risultati che raggruppa gli elementi di progetto al fine di organizzare e definire il campo d azione (scope) complessivo del progetto: il lavoro non inserito nella Wbs è escluso dal progetto. Ogni livello di scomposizione rappresenta un ulteriore grado di dettaglio dell elemento di progetto. Gli elementi di progetto possono essere sia prodotti che servizi. La Wbs è spesso utilizzata per sviluppare o confermare la comune comprensione del campo d azione del progetto. Gli elementi dell ultimo livello sono spesso chiamati Work Package. I Work Package possono essere ulteriormente scomposti in attività Definizione di Wbs Prima regola: l evidenza Non accogliere mai nulla per vero che non conoscessi esser tale per evidenza. Seconda regola: l analisi Dividere ogni problema preso a studiare in tante parti minori quante fosse possibile e necessario per meglio risolverlo. Terza regola: la sintesi Condurre con ordine i pensieri, cominciando dagli oggetti più semplici e più facili a conoscere, per salire a poco a poco sino alla conoscenza dei più complessi. Quarta regola: il controllo Far dovunque enumerazioni così complete e revisioni così complete e rassegne così generali, da esser sicuro di non aver tralasciato nulla. Discorso sul metodo, 1637 Cartesio Pagina 27

28 Esempio di Wbs: la festa di compleanno Esempio di Wbs: la festa di compleanno Obiettivo: festeggiare il compleanno Risultati da realizzare: Organizzare una cena per 20 persone Preparare un ambiente con musica Esempio di Wbs: la festa di compleanno 1.1 Coordinamento avvisare gli invitati Tavolo 1.2 Ambiente predisporre il tavolo apparecchiare il tavolo portare pane, olio, aceto sparecchiare il tavolo lavare i piatti Preparazione Cena Musica selezionare le cassette accendere la musica Vino acquistare il vino mettere il vino in frigorifero stappare il vino scaraffare il vino servire il vino 1.3 Menù Spaghetti acquistare gli spaghetti far bollire l'acqua cucinare gli spaghetti scolare gli spaghetti scaldare il sugo mescolare gli spaghetti servire gli spaghetti Bistecche acquistare le bistecche scaldare la piastra cucinare le bistecche condire le bistecche servire le bistecche Insalata acquistare l'insalata lavare l'insalata condire l'insalata servire l'insalata Pagina 28

29 Esempio di Wbs: la festa di compleanno 1.1 Coordinamento avvisare gli invitati Tavolo 1.2 Ambiente predisporre il tavolo apparecchiare il tavolo portare pane, olio, aceto sparecchiare il tavolo lavare i piatti Preparazione Cena Musica selezionare le cassette accendere la musica Vino acquistare il vino mettere il vino in frigorifero stappare il vino scaraffare il vino servire il vino 1.3 Menù Spaghetti acquistare gli spaghetti far bollire l'acqua cucinare gli spaghetti scolare gli spaghetti scaldare il sugo mescolare gli spaghetti servire gli spaghetti Bistecche acquistare le bistecche scaldare la piastra cucinare le bistecche condire le bistecche servire le bistecche Insalata acquistare l'insalata lavare l'insalata condire l'insalata servire l'insalata Esempio di Wbs: la festa di compleanno 1.1 Coordinamento avvisare gli invitati Tavolo 1.2 Ambiente predisporre il tavolo apparecchiare il tavolo portare pane, olio, aceto sparecchiare il tavolo lavare i piatti Preparazione Cena Musica selezionare le cassette accendere la musica Vino acquistare il vino mettere il vino in frigorifero stappare il vino scaraffare il vino servire il vino 1.3 Menù Spaghetti acquistare gli spaghetti far bollire l'acqua cucinare gli spaghetti scolare gli spaghetti scaldare il sugo mescolare gli spaghetti servire gli spaghetti Bistecche acquistare le bistecche scaldare la piastra cucinare le bistecche condire le bistecche servire le bistecche Insalata acquistare l'insalata lavare l'insalata condire l'insalata servire l'insalata Pagina 29

30 Esempio di Wbs: la festa di compleanno 1.1 Coordinamento avvisare gli invitati Tavolo 1.2 Ambiente predisporre il tavolo apparecchiare il tavolo portare pane, olio, aceto sparecchiare il tavolo lavare i piatti Preparazione Cena Musica selezionare le cassette accendere la musica Vino acquistare il vino mettere il vino in frigorifero stappare il vino scaraffare il vino servire il vino 1.3 Menù Spaghetti acquistare gli spaghetti far bollire l'acqua cucinare gli spaghetti scolare gli spaghetti scaldare il sugo mescolare gli spaghetti servire gli spaghetti Bistecche acquistare le bistecche scaldare la piastra cucinare le bistecche condire le bistecche servire le bistecche Insalata acquistare l'insalata lavare l'insalata condire l'insalata servire l'insalata Esempio di Wbs: la festa di compleanno 1.1 Coordinamento avvisare gli invitati Tavolo 1.2 Ambiente predisporre il tavolo apparecchiare il tavolo portare pane, olio, aceto sparecchiare il tavolo lavare i piatti Preparazione Cena Musica selezionare le cassette accendere la musica Vino acquistare il vino mettere il vino in frigorifero stappare il vino scaraffare il vino servire il vino 1.3 Menù Spaghetti acquistare gli spaghetti far bollire l'acqua cucinare gli spaghetti scolare gli spaghetti scaldare il sugo mescolare gli spaghetti servire gli spaghetti Bistecche acquistare le bistecche scaldare la piastra cucinare le bistecche condire le bistecche servire le bistecche Insalata acquistare l'insalata lavare l'insalata condire l'insalata servire l'insalata Pagina 30

31 Bicycle Bike 2000 Integrazione Esempi di Wbs Pagina 31

32 Esempi di Wbs Gestione Progetto Sviluppare i reports Relazionare il cliente Avanzare il progetto Urbanizzazioni primarie Realizzare la Rete Viaria Realizzare i parcheggi Realizzare la rete idrica Realizzare le fognature Realizzare spazi verdi Realizzare la rete elettrica Urbanizzazioni secondarie Realizzare le scuole Realizzare mercati di quartiere Istituire le delegazioni comunali Centro residenziale Fondamenta Scavare le fondazioni Gettare il cemento Costruire il solaio della cantina Casa A Corpo casa Elevare i muri Posare i tavolati interni Intonacare i muri esterni Rivestire la facciata Intonacare i muri interni Unità abitative Comparto 1 Comparto 2 Casa B Coperture Posare il solaio di copertura Attendere la maturazione del solaio Realizzare il tetto Main Mission Le attività Pagina 32

33 Le attività Nel reticolo le attività devono essere descritte in modo da essere: CONTROLLABILI: devono essere assegnate ad un responsabile GESTIBILI: devono tipicamente avere una durata breve BUONO: dal giorno ad un mese INSUFFICIENTE: 3 mesi o più MISURABILI: devono generare un output tale da essere misurato BUONO: rilascio di 10 disegni, rilascio di un documento, consegna di due unità (elementi fisici) INSUFFICIENTE: completare la progettazione SIGNIFICATIVE: devono essere chiari i requisiti di ciò che si vuole ottenere BUONO: Assemblare il prototipo hardware, eseguire il test INSUFFICIENTE: emettere un report di avanzamento I milestone Elemento che riassume le attività relative ad una funzione che interagiscono con un altra Funzione b Funzione a Pagina 33

34 La schedulazione delle attività e delle risorse La schedulazione delle attività e delle risorse Legame di precedenza Fine - Inizio (FI) ATTIVITA A FI (-3) ATTIVITA B B può iniziare solo dopo che sono trascorsi n periodi da quando A è finita B non può iniziare finché non sono trascorsi almeno n periodi da quando A è finita Pagina 34

35 La schedulazione delle attività e delle risorse Legame di precedenza Inizio - Inizio (II) ATTIVITA A II (+4) ATTIVITA B B può iniziare solo dopo che sono trascorsi n periodi da quando A è iniziata B non può iniziare finché non sono trascorsi almeno n periodi da quando A è iniziata La schedulazione delle attività e delle risorse Legame di precedenza Inizio - Fine (IF) ATTIVITA B ATTIVITA A IF (+4) B può finire solo dopo che sono trascorsi n periodi da quando A è iniziata B non può finire finché non sono trascorsi almeno n periodi dall inizio di A Pagina 35

36 La schedulazione delle attività e delle risorse Legame di precedenza Fine - Fine (FF) ATTIVITA A ATTIVITA B FF (+4) B può finire solo dopo che sono trascorsi n periodi da quando A è finita B non può finire finché non sono trascorsi almeno n periodi dalla fine di A Schedulazione CPM: Forward Pass 1 A 10 gg C B 5 gg E 10 gg gg D 10 gg F Date minime gg Pagina 36

37 Schedulazione CPM: Backflow Pass 1 A 10 gg B C 10 gg gg D 10 gg E 5 gg 30 F 31 Date ultime 10 gg Critical Path Methods definitions Early Start (ES): il primo momento possibile in cui un attività può cominciare in base alla sequenza logica Early Finish (EF): il primo momento possibile in cui un attività può finire in base alla sequenza logica Late Start (LS): l ultimo momento possibile in cui un attività può cominciare senza ritardare il completamento del progetto Late Finish (LF): l ultimo momento possibile in cui un attività può finire senza ritardare il completamento del progetto Pagina 37

38 Schedulazione CPM: Total Float 1 A 10 gg C B 5 gg E 10 gg TF= gg 30 D TF=10 10 gg 31 F gg Critical Path Methods definitions Tipi di float (slack) che possono essere associati alle attività Total Float (TF): tempo di cui un attività può ritardare (o allungare la sua durata) senza ritardare il completamento del progetto TF = LS - ES = LF - EF Free Float (FF): tempo di cui un attività può ritardare (o allungare la sua durata) senza ritardare l inizio di ogni altra attività FT = MINsuc(ES) - EF - 1 Pagina 38

39 Schedulazione CPM: Free Float 1 A 10 gg C B 5 gg E 10 gg gg 30 D FF=10 10 gg 31 F gg La schedulazione delle attività e delle risorse Ore / giorno 16 8 DUR. 1g Acquistare colore imbianchino DUR. 1g Dipingere cucina imbianchino DUR. 2g Dipingere salotto imbianchino D1 D2 4 3 DUR. 1g Pulire pavimenti imbianchino 1 2 Pagina 39

40 Schedulazione a risorse limitate Ore / giorno 8 DUR. 1g Acquistare colore imbianchino DUR. 1g Dipingere cucina imbianchino DUR. 2g Dipingere salotto imbianchino DUR. 1g Pulire pavimenti imbianchino Schedulazione a risorse limitate Ore / giorno 8 DUR. 1g Acquistare colore imbianchino DUR. 2g Dipingere salotto imbianchino DUR. 1g Dipingere cucina imbianchino DUR. 1g Pulire pavimenti imbianchino Pagina 40

41 Executing L esecuzione e la direzione OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, Padova tel: fax: web: Le attività di esecuzione Executing: La direzione e la comunicazione Procurement 12.3 Solicitation Executing Processess Integration 4.2 Project Plan Execution Facilitating Processes Quality 8.2 Quality Assurance Procurement 12.4 Source Selection Human Resources 9.3 Team Development Communications 10.2 Information Distribution Procurement 12.5 Contract Administration Pagina 41

42 Controlling L aggiornamento del progetto OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, Padova tel: fax: web: Le attività di controllo Controlling: L aggiornamento del progetto Communications 10.3 Performance Reporting Scope 5.4 Scope Verification Cost 7.4 Cost Control Controlling Processess Facilitating Processes Scope 5.5 Scope Change Control Quality 8.3 Quality Control Integration 4.3 Integrated Change Control Time 6.5 Schedule Control Risk 11.6 Risk Monitoring and Control Pagina 42

43 Closing La chiusura del progetto OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, Padova tel: fax: web: Le attività di chiusura Closing: La chiusura del progetto Procurement 12.6 Contract Closeout Integration Analisi critica Closing Processes Communications 10.4 Administrative Closure Human Resource Festa Pagina 43

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI ANNO ACCADEMICO 2007/2008 MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO IN PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI presso la Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi di Brescia MASTER

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità Gemma Catolino, Elisa D Eugenio, Davide De Chiara, Alessandro Longo Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali - Management & Information

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli