ISSN N. 02 / 2009 PROFESSIONE GEOLOGO RIVISTA UFFICIALE DELL ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DELLA LIGURIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISSN 2037-4097 N. 02 / 2009 PROFESSIONE GEOLOGO RIVISTA UFFICIALE DELL ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DELLA LIGURIA"

Transcript

1 ISSN N. 02 / 2009 Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale -70% CB-NO/GENOVA n. 2 anno 2009 PROFESSIONE RIVISTA UFFICIALE DELL ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DELLA LIGURIA

2

3 3

4 4 SOMMARIO 5 Gli Editoriali - di Giuliano Antonielli e di Carlo Malgarotto 7 Attivazione e riattivazione di fenomeni franosi in Provincia della Spezia in seguito alla crisi meteorologica dell'inverno Proposte per la redazione di una nuova circolare applicativa per gli studi geologici a supporto dei Piani Urbanistici Comunali della Liguria 35 Considerazioni geotecniche su palificazioni battute per fondazioni di ponti 46 Riassunti Tesi di Laurea 55 Professione : Conferenza dei Presidenti degli Ordini Regionali dei Geologi Messina 26 Novembre Geofoto PG PROFESSIONE Rivista semestrale dell Ordine Regionale dei Geologi della Liguria - n.2 del impaginato nel dicembre 2009 Editore Ordine Regionale dei Geologi della Liguria Sede Legale Via XXV Aprile 4/ Genova Tel Direttore responsabile Carlo Malgarotto Presidente del Comitato di redazione Guido Paliaga Comitato di redazione Roberto Cabella (Università di Genova), Andrea Cevasco (Università di Genova), Laura Crispini (Università di Genova), Francesco Faccini (Università di Genova), Marco Ferrari (Università di Genova), Luana Isella (Libero Professionista), Gian Mario Molin (Università di Padova), Roberto Pedone (D Appolonia), Michele Piazza (Università di Genova), Federico Pittaluga (Libero Professionista), Marino Vetuschi Zuccolini (Università di Genova) Segretario di redazione Alessandro Monti Impaginazione Alessandro Monti e Massimiliano Testa Stampa GRAFICHE FASSICOMO Cooperativa a r.l. Via Imperiale Genova Autorizzazione Tribunale di Genova n. 37/93 del 17/11/1993 Decreto Tribunale di Genova n. 31/08 del 10 ottobre 2008 di variazione nel Registro Stampa n.37/93

5 5 L EDITORIALE di Giuliano Antonielli Presidente dell Ordine Regionale dei Geologi della Liguria Care Colleghe, Cari Colleghi, Scrivere l editoriale in questo periodo dell anno significa dare uno sguardo indietro ed una sbirciata in avanti. Il 2009 è stato un anno che ha portato a livello locale il rinnovo del Consiglio dell Ordine e a livello nazionale lutti (terremoto dell Abruzzo, colate di fango del Messinese e di Ischia) e novità (l entrata in vigore delle NTC 2008). Anzi il sisma abruzzese, come spesso accade in Italia (Friuli, Irpinia, Sarno), ha accelerato l entrata in vigore delle NTC con mesi di anticipo rispetto al previsto. L ORGL ha cercato di ovviare alle inevitabili difficoltà che questa accelerazione ha comportato organizzando due giornate informative tenute dal Prof. Aiello del CGT di Siena (le dispense sono scaricabili sul sito dell ORGL) che hanno ottenuto un grosso successo di partecipazione e di gradimento da parte degli Iscritti. Inoltre il Consiglio ha ritenuto opportuno, sempre sulla scorta delle lezioni del Prof. Aiello, di predisporre la Traccia per la redazione della relazione geologica e della relazione geotecnica facenti parte di un progetto per costruzioni per venire incontro alle richieste degli iscritti. L argomento è tuttora oggetto di ampie discussioni all interno della categoria e sono state istituite due commissioni (una interordini, l altra CNG- OORR). All inizio del 2010 dovrebbero vedere la luce quei documenti che, si spera, potranno finalmente fare un po più di chiarezza sulle norme che hanno portato confusione interpretativa non solo nei liberi professionisti ( e non solo geologi), ma anche negli Enti Pubblici. A parte i problemi interpretativi, le NTC 2008 devono comunque essere un ulteriore occasione per noi geologi per ribadire la nostra professionalità troppo spesso sottovalutata in passato, ma che è sempre più apprezzata dalle altre figure professionali con cui quotidianamente interagiamo. Una professionalità che ci siamo conquistati sul campo tra mille difficoltà e di cui dobbiamo andare fieri. Una professionalità che è stata pienamente riconosciuta dalla gente e dalle autorità del Messinese colpite dai tragici eventi alluvionali che alla conferenza stampa di Scaletta Zanclea del 26/11/09 (vedere documento a pag. 55) hanno invitato per quella giornata, non solo commemorativa, unicamente i presidenti degli OORR dei Geologi riconoscendo nei geologi i veri tecnici del territorio. In quella sede sono stati ricordati i punti che ormai noi conosciamo a memoria e che ripetiamo ad ogni evento tragico: il territorio si difende con la conoscenza approfondita del territorio stesso, con una svolta culturale nella gestione dell ambiente e con un oculato uso delle risorse, che devono essere indirizzati alla prevenzione, come ha ricordato anche il Presidente Napolitano. E stato quindi con grande piacere che noi geologi presenti quel giorno abbiamo raccolto gli applausi della popolazione presente che, al grido grazie ai geologi, viva i geologi, ha zittito l intervento un po dissonante di un politico locale. Ecco, la gente comune ci riconosce un ruolo importante in questo Paese. Impegniamoci a fondo per meritare questa fiducia e per dimostrare a chi ancora non crede completamente nella professionalità del geologo che, senza di noi, è impossibile una gestione corretta del territorio e del costruire. Il 2009 è stato sicuramente un anno per certi versi complesso, il 2010 si preannuncia altrettanto ricco di novità, che ci auguriamo positive. L unica cosa che mi sento di garantirvi è che il nuovo Consiglio, come peraltro tutti quelli passati, si impegnerà sempre al massimo e cercherà di essere ancora più presente e propositivo sia a livello locale che nazionale. Come al solito mi sono dilungato un po - per la disperazione dei redattori (che non ringrazierò mai abbastanza) - e quindi vi lascio porgendovi i miei migliori auguri per l anno 2010.

6 6 L EDITORIALE di Carlo Malgarotto Direttore responsabile della rivista PG-Professione Geologo Cari Colleghe e Colleghi, il recente avvento delle NTC (Norme Tecniche Costruzioni DM ) ha portato con sé confusione e dubbi sull'applicazione della norma stessa. Purtroppo, gli Enti Pubblici preposti al controllo hanno risposto in maniera disarticolata, rendendo estremamente difformi i comportamenti da luogo a luogo del nostro paese. Nella stessa difficoltà si trovano anche i colleghi presenti nelle commissioni edilizie, infatti ci sono Comuni in cui le Norme Geologiche d'attuazione dei PRG o PUC cozzano con quelle dei Piani di Bacino e con le nuove NTC. Per la redazione delle Norme Geologiche d'attuazione dei nuovi PUC la normativa regionale è ancora ferma alla circolare del 1987, diventa quindi auspicabile la realizzazione di una pianificazione seria e responsabile che consenta finalmente di prevenire invece che curare il territorio, sia in termini sismici che di dissesto idrogeologico. Nella confusione normativa attuale alcuni tentano di sfruttare la situazione a favore di specifici ambiti professionali. Ad esempio sul nostro sito internet trovate la lettera inviata al Servizio Difesa del Suolo della Provincia della Spezia in seguito ad una impropria richiesta di integrazioni contenente la richiesta di relazione geotecnica a firma dello strutturista in evidente contrasto con il DPR 328/2001. Molta confusione anche sulle competenze, quindi, che non sono state cambiate dalle NTC che sono una norma di rango inferiore rispetto ad un Decreto del Presidente della Repubblica. In questo quadro, la nostra categoria non deve essere svuotata della propria importanza, del proprio ruolo all'interno della nostra società, non come Cassandre ma come esperti del territorio, della sua intima costituzione e dei fenomeni che vi accadono. In tal senso resto sempre stupefatto e amareggiato quando a parlare di questioni squisitamente geologiche non ci sono dei colleghi ma altre figure professionali. Proprio nella comunicazione con l'esterno vertono gli sforzi del nuovo Consiglio dell'orgl, che punta ad una corretta informazione del cittadino, sui quali vi terrò informati in merito agli sviluppi ed ai progetti che sono già in itinere. Buona Lettura.

7 7 Attivazione e riattivazione di fenomeni franosi in Provincia della Spezia in seguito alla crisi meteorologica dell'inverno Landslides activations in La Spezia area as consequence of adverse metereological condition in the winter Marco Del Soldato Provincia della Spezia, Settore 07 Difesa del Suolo, Servizio Piani di Bacino Via xxiv Maggio, LA SPEZIA Parole chiave: crisi metereologica, frane, interferometria radar a terra, modello geologico, somma urgenza. Key words: Adverse meteorological condition, Landslides, Ground Based-Interferometric Synthetic Aperture Radar (GB-InSAR), Geological and Geomorphological framework RIASSUNTO Sono presentati, in questa sede, i risultati di una serie di indagini ed interventi eseguiti sulla rete stradale della Provincia, in collaborazione con i colleghi del Settore 10 - Servizio Viabilità, a seguito del manifestarsi di una lunga sequela di collassi e danneggiamenti che hanno colpito le sedi viabili, innescati dalle forti e prolungate piogge dell inverno È evidente come le opere viarie siano risultate spesso l oggetto del danno e non la causa scatenante, che va ricercata nelle avverse condizioni meteo e nelle modifiche antropiche indotte al contorno delle sedi stradali. È, altresì, evidente come, spesso, altra concausa fondamentale e scatenante sia stata l imperfetta manutenzione della rete stradale prodotta dalla perniciosa, insufficiente disponibilità economica e, purtroppo, anche da una definizione delle priorità degli inteventi ordinari pesantemente inficiata da ingerenze politiche. ABSTRACT This study presents the results of a set of analysis and interventions accomplished in collaboration with some partners of Street Service, as consequence of a long sequence of landslides and damages of provincial roads which were caused by intense and prolonged rainfall in the winter It is evident that the road constructions are the object of landslides and not the reason for them. The real cause is the geological and geomorphological framework, the adverse meteorological conditions and the anthropic modification of areas near the roads. The imperfect maintenance of road net is a secondary and decisive reason of landslides. This is commonly due to insufficient economic resources and also by low political attention in defining the correct priorities of the ordinary maintenance interventions.

8 8 Analisi meteorologica Le analisi del CNR sull'andamento termopluviometrico italiano, per la stagione invernale 2008/2009, mostrano un trimestre (dicembrefebbraio) allineato sull andamento termico corrente consolidato, ma con una caratteristica prerogativa di forte piovosità: è stata una delle stagioni più piovose dal 1805 a oggi, seconda solo all inverno del Se l'inverno del 1805 resta il più piovoso fino ad oggi, con un anomalia complessiva di pioggia doppia della media, è necessario considerare che, a quell'epoca, erano pochissimi gli Osservatori Meteorologici in Italia, e quindi i dati del 1805 sono stati necessariamente rivalutati con metodi matematici di interpolazione per poter essere giudiziosamente comparati. L'anomalia complessiva di pioggia dell inverno scorso è stata, comunque, pari al +59%, il che pone il periodo tra i primi dieci nella classifica dei più piovosi degli ultimi 200 anni: per la precisione si colloca al 9 posto, ma va osservato che i primi 8 sono compresi fra il 1800 ed il 1847, periodo che alcuni metereologi chiamano addirittura la Piccola Età Glaciale. Per gli amanti delle statistiche va ricordato che: - è piovuto 68 giorni su 90, fra Nord, Centro e Sud a fronte di una media, degli ultimi 20 anni, compresa fra 10 e 25 giorni su 90; - su base nazionale sono caduti circa 280 mm di pioggia complessivi, valore che rappresenta il top point degli ultimi 30 anni, a fronte di una media di 166 mm (+68%). Particolarmente piovose sono state le regioni di Nordovest (266 mm caduti, a fronte di una media di 130 mm, con un +104%), seguite dalla Sardegna (217 mm contro una media di 120 mm, pari a +81%), la Sicilia (335 mm contro una media di 187 mm, pari a +79%), il Sud (350 mm contro una media di 207 mm, pari a +59%), il Centro (301 mm a fronte di una media di 197 mm, pari a +53%) e le regioni di Nordest (200 mm contro una media di 136 mm, pari a + 47%); - pioggia record è stata registrata a Roma con valori che non trovano riscontro dal La pioggia caduta in 6 settimane ha eguagliato quella attesa in sei mesi. Dal 28 ottobre al 15 dicembre, in soli 45 giorni sono caduti sulla Capitale 400,7 mm, pari al 43% della precipitazione media annua. Questo trend di piovosità è cominciato nell'ultima decade di novembre e spesso, durante il periodo fra dicembre e febbraio, la pioggia è evoluta in neve fino alle quote di pianura, su Piemonte e Lombardia. Dal punto di vista dell innevamento la stagione è stata certamente eccezionale come confermano i consistenti spessori rilevati alle quote medie su tutto l'arco Alpino e sull'appennino. Valga un esempio per tutti: oltre tre metri di neve compatta, misurati al centro di Prato della Cipolla (circa 1600 metri s.l.m.), sopra Santo Stefano d Aveto, che hanno degnamente innaugurato il nuovo impianto di risalita ed il rifacimento del rifugio che ha ospitato, il 1 marzo scorso, il Primo Convegno di Climatologia dedicato alla Val d Aveto. Ma se da un lato sono stati misurati enormi accumuli nelle località di media montagna (oltre 5 metri, generalmente, al di sopra dei 1000 metri in Veneto), è altrettanto vero che alle quote più alte il primato spetta all'inverno 2000/2001 con il maggiore accumulo degli ultimi trentadue anni oltre i 2500 metri, sulle Alpi Lombarde. Ma torniamo alle piogge: il trimestre dicembre 2008-febbraio 2009 è stato il periodo che ha fatto registrare il maggior surplus pluviometrico sull'italia, con valori percentuali di piovosità che superano il 200% della media al Nord e tra Campania e Abruzzo. A differenza degli anni passati, almeno degli ultimi, le perturbazioni atlantiche sono penetrate abbastanza profondamente nell area mediterranea generando depressioni e maltempo prolungato su gran parte del centro-nord d Italia, fino alla fine di febbraio: frequenti ed abbondanti nevicate nella Liguria interna, ma anche immediato retroterra soprattutto di levante, e costa flagellata dalla pioggia e dalla Tramontana Scura. Molto nel dettaglio si possono leggere i dati di pioggia rilevati dal pluviometro messo in opera dalla Provincia nel sistema di monitoraggio della frana di Castagnola (Figura 1), in Comune di Framura.

9 9 Figura 1 - Andamento pluviometrico dal primo gennaio 2008 alla fine di marzo 2009, rilevato nella stazione di monitoraggio strumentale della frana di Castagnola (Comune di Framura, Liguria Orientale). Tabella 1 - Pianura alluvionale di Sarzana, località San Bartolomeo, compresa fra il Canale di Turì ed il Fiume Magra: escursione della superficie freatica misurata in corrispondenza di cinque piezometri allestiti in fase di indagine geologica e geotecnica.

10 10 L andamento conferma quello descritto più in generale sopra: dopo un settembre poco piovoso, la crisi meteorologica comincia nei primissimi giorni di novembre con eventi anche intensi (70-75 mm/giorno), ma soprattutto ripetitivi. Il fenomeno si incrementa poi dalla metà di gennaio 2009 con un top point principale di oltre 150 mm/giorno ed altri due secondari di 90 e 60 mm/giorno, per poi andare a diradarsi ed attenuarsi fino alla metà di marzo. Come è facilmente intuibile le conseguenze a questa situazione sono state numerose, variegate e, talvolta, molto incisive soprattutto sulla rete stradale provinciale. Numerose frane di varia dimensione hanno spesso ostruito le carreggiate e danneggiato le opere infrastrutturali e quelle di presidio. Ma i risentimentimenti sono stati molto incisivi anche sulle aree più fragili del territorio con, primo fra tutti e più importante, quello che è stato documentato dettagliatamente in corrispondenza della vasta frana di Castagnola che ha visto accelerare in maniera repentina e duratura (almeno per tutto il mese di febbraio) la sua velocità di scivolamento, tenuta costantemente sotto controllo dalle strumentazioni in sottosuolo, da quelle sugli edifici e mediante interferometria radar a terra. Un ultima informazione che, seppure indiretta rispetto alle situazioni descritte, è significativa dei risentimenti alla crisi meteorologica è l oscillazione subita dalle falde freatiche. In particolare è stato documentato il forte innalzamento della superficie freatica nell area di San Bartolomeo a Sarzana che il Servizio Piani di Bacino della Provincia della Spezia ha seguito in dettaglio monitorando i cinque piezometri posti in opera, nel luglio 2009, per conto della A.S.L.5. I dati storici diretti riferivano la superficie freatica posta, in zona, alla profondità di circa 4,50 5,00 metri dal p. di c. (Mascardi C a e b; Brozzo G. 1994). I risultati sperimentali raccolti fra il luglio 2008 e l aprile 2009 (quindi molto prima, a cavallo e dopo la crisi meteorologica) presentano un gap molto più ampio: in particolare la superficie freatica è stata documentata a profondità di circa 10 metri dal p. di c. (compensando le differenze Altimetriche della zona) durante il periodo siccitoso, ma è significativamente risalita fino ad almeno 3,00-3,50 metri dal p. di c. durante ed a seguito della crisi meteorologica, con un escursione di 6,50-7,00 metri, difficilmente immaginabile a priori per una piana alluvionale come quella compresa fra il Canale di Turì ed il Fiume Magra. I risentimenti diretti sulla frana di Castagnola Prima di illustrare l influenza che la crisi meteorologica ha indotto sul territorio di Castagnola (superficie della frana circa mq, per un volume di materiale in movimento stimato in 40,2 milioni di mc.; su cui vivono oltre 300 dei 725 residenti di tutto il Comune di Framura - dati in un centinaio edifici residenziali) è opportuno ricordare sommariamente le indagini eseguite per la caratterizzazione del fenomeno e descrivere brevemente il modello geologico ricostruito (Figura 2). Le emergenze di instabilità del territorio sono ampiamente documentate in letteratura geologica, geomorfologica e geotecnica, ma anche storica, archivistica, cronachistica ed amministrativa (Del Soldato, 2005). Le indagini svolte nella regione sono state inizialmente limitate ai rilevamenti per la redazione di cartografie geologiche di corredo a pubblicazioni scientifiche (Decandia F.A. e Elter P., 1972; Cortesogno L., Galbiati B., Principi G. e Vercesi del Castellazzo G., 1981; Brandolini P.G. e Terranova R., 1995) o strumenti urbanistici (Previdi e Simonelli, 1993). Solo dai primi anni di questo secolo sono state predisposte indagini più dirette, a cominciare da quelle classiche mediante carotaggi e letture inclinometriche (Eptaconsult per la Comunità Montana della Riviera Spezzina) a quelle sperimentali (Università degli Studi di Firenze, Centro di Eccellenza del Dipartimento di Scienze della Terra per Provinciale della Spezia) mediante interferometria radar satellitare (Casagli et Alii, 2004) ed interferometria radar con strumento a terra (Ground Based Interferometric Synthetic Aperture Radar; GB-InSAR).

11 11 Figura 2 - Il modello geologico della frana di Castagnola ricostruito sulla base delle indagini dirette disponibili (Del Soldato, 2005). Figura 3 - Dati acquisiti dai fessurimetri del sistema di monitoraggio della Provincia di La Spezia in cui si evidenzia un incremento della velocità. Le frecce arancioni indicano l inizio del monitoraggio GB-InSAR periodical check, la freccia viola e la relativa area ombreggiata indicano il periodo di monitoraggio in continuo (Casagli, 2008).

12 12 Inizialmente, l indagine affidata allo strumento posto in opera dalla Soc. LisaLab s.r.l., è stata programmata con metodologia periodical check, applicabile in zona data la modesta copertura vegetale, ma soprattutto per l esiguità dei fondi a disposizione. Dopo la prima campagna di rilevamento eseguita nell ottobre 2008, è stata programmata una seconda campagna fra il 10 e il 18 Febbraio In questo periodo è stato evidenziato un movimento entro il settore sud-orientale della frana, caratterizzato da velocità variabili tra circa 0.03 mm/h e 0.1 mm/h. Contemporaneamente sono stati osservati e confermati i movimenti da due fessurimetri (Figura 3) e dalla colonna inclinometrica della rete di monitoraggio posta in opera dalla società FIELD s.r.l. per conto della Provincia di La Spezia. Ma ancora più significativa è stata la comparazione fra gli spostamenti ed i dati pluviometrici registrati nella stazione di Castagnola, strumenti che fanno parte del sistema di monitoraggio convenzionale ancora attivo nella località (almeno fin quando lo consentiranno gli stanziamenti regionali). In realtà dopo il riscontro dell accelerazione del movimento verso valle della frana è stato deciso di mantenere in opera anche il radar a terra, soprattutto persistendo le condizioni di intensa e durevole piovosità. Conseguentemente è stata anticipata la terza campagna di monitoraggio dello schema periodical check in modo da seguire in continuità l evoluzione del movimento. Il 23 febbraio 2009 è stato nuovamente installato il sistema GB-InSAR che ha monitorato in continuo fino al 2 marzo I risultati ottenuti dalle misure GB-InSAR hanno evidenziato come le deformazioni abbiano interessato omogeneamente tutto il settore sudorientale della frana, con velocità medie superiori a 0.05 mm/h (pari a 1.2 mm/giorno). Ancora, le serie temporali degli spostamenti registrati dal sistema GB-InSAR di alcuni punti ritenuti significativi hanno palesato come i tassi di deformazione si siano mantenuti costanti durante tutto il periodo di monitoraggio compreso tra l 11 febbraio ed il 2 marzo Più in particolare, è stato possibile identificare un settore orientale caratterizzato da velocità di circa 2.25 mm/giorno ( m/s) ed uno occidentale caratterizzato da velocità minori pari a 0.55 mm/giorno ( m/s). infine è evidente come il marcato incremento di velocità registrato a partire da gennaio 2009 possa essere correlato alle precipitazioni che hanno superato gli 850 mm in circa 4 mesi ed abbia incrementato i trend di spostamento anche degli strumenti tradizionali presenti in zona (inclinometri e fessurimetri). I risentimenti diretti sulla rete stradale della Provincia Passeremo ora in rassegna alcuni fenomeni significativi che hanno interessato la rete stradale gestita dalla Provincia e che hanno impegnato per lunghi mesi tutto il personale tecnico dedicato, sia in fase di emergenza che di intervento in somma urgenza che, infine, di progettazione dei successivi interventi di ripristino o messa in sicurezza, in qualche caso, anche dei versanti incipienti. La frana in località Bozzantina (Strada Provinciale n. 17 della Val Graveglia). Si tratta di una criticità di versante che periodicamente si ripresenta. Dal punto di vista geologico, lungo il versante sono affiorano i terreni Pliocenico (?) Pleistocenici della paleovalle di Pian di Barca (Sintema di Pian di Barca) costituiti da conglomerati alluvionali polimodali, intensamente alterati, con elementi prevalentemente arenacei di diametro massimo fino ad un metro, generalmente amalgamati. In particolare, in corrispondenza del versante (collassato) a monte della strada, il grado di alterazione è tale che il complesso alluvionale appare generalmente sciolto ed assimilabile a ciottoli di dimensioni da decimetriche a metriche immersi in una matrice sabbioso fine limosa e diffusamente impregnati di acqua. Pochi metri più a monte della nicchia di distacco riattivatasi durante l ultimo evento di frana, ed al limite del terrazzo morfologico (ma ad evidente modificazione antropica) edificato, si materializza il contatto tettonico (per faglia) con la Formazione delle Arenarie di Monte Gottero (argot).

13 13 Nel caso specifico non è corretto parlare di rimobilizzazione di un precedente fenomeno franoso poiché, seppure il versante incipiente sulla Strada Provinciale n. 17 sia stato oggetto in passato di almeno altri due fenomeni analoghi (1995 e 2004), era sempre stato provveduto al disgaggio radicale, alla protezione della carreggiata (prima con un muro al piede del versante, poi con il sopralzo e la tirantatura del medesimo) ed alla risistemazione della porzione compresa fra il muro e la scarpata principale (con rimodellazione ed imposta di viminate). Durante tutti i sopralluoghi eseguiti a seguito delle nuove manifestazioni di instabilità (febbraio 2004, 2008 e gennaio 2009) è stata ricostruita e confermata la ricorrente meccanica ed il relativo complesso di concause che hanno determinato il rilascio delle successive frane riferibili alla tipologia del colamento di fango di Varnes. In particolare, oltre all innesco imputabile alle piogge particolarmente intense e prolungate, il fattore predisponente principale è stato il grado di imbibizione del deposito sciolto indotto dalla presenza di una risorgiva in corrispondenza del ciglio di distacco, mai captata e deviata, e soprattutto dallo scarico diretto nel terreno delle gronde dei pluviali dell edificio immediatamente a monte del coronamento. Conferma definitiva di tale diagnosi sono i due fotogrammi (Figura 4) dei voli aerofotografici del 1974 e del 1995 dai quali si evidenzia come la Strada Provinciale n. 17 sia stata interrotta dal primo mud folw (che insieme ai fenomeni successivi, complessivamente, hanno mobilizzato circa mc di materiale su una superficie di circa 500 di mq) rilascatosi solo a seguito della costruzione dell edificio posto a monte, per altro oggi non ancora terminato. La frana in località Capoluogo del Comune di Maissana (Strada Provinciale n. 52, Torza Tavarone Maissana). Anche in questo caso, come nel precedente, si è trattato di un vasto movimento di versante che ha completamente ostruito la carreggiata stradale, trascinando nel colamento della potente coltre sciolta superficiale (mud flow) disposta su uno zoccolo di substrato argilloscistoso (Formazione degli Scisti della Val Lavagna; Marroni e Meccheri, 1990), alberi e muretti reggifasce. In realtà la coltre sciolta superficale presente lungo il versante a monte della strada è il risultato dell accumulo e della sovrapposizione di diversi vasti e potenti corpi di antica frana (paleofrane) litologicamente, geneticamente e cronologicamente riferibili ad almeno due differenti tipologie di eventi successivi, dei quali il secondo caratterizzato, a sua volta, da scorrimenti più o meno coevi che si sono sovrapposti, completamente o parzialmente, al primo. Nel complesso le differenti paleofrane coprono una superficie totale di mila mq ed assommano ad un volume complessivo, stimato, di mila mc, dei quali si è liquefatta, durante l evento descritto, una porzione estremamente modesta (circa mq) e corticale (circa mc di materiale). La prima delle almeno due fasi riconoscibili è da riferire al più antico e violento fenomeno di frana. Si tratta di un corpo detritico, apparentemente oggi sub-tabulare, di spessore compreso fra 3 e 5 metri, che riposa direttamente sul bed rock in facies di Scisti della Val Lavagna. È costituito da matrice essenzialmente argilloso siltosa bruna con abbondante scheletro compreso nelle pezzature da ghiaia a blocchi di dimensione fino al mezzo metro cubo, di prevalenti diaspri, ma anche di Calcari a Calpionelle e, meno frequenti, Arenarie di Monte Gottero ed ofioliti in facies di microgabbri e ferrogabbri. Un elemento originale della struttura morfologica dei clasti è il diverso grado di elaborazione che caratterizza i differenti elementi litologici: poco elaborati ed a spigoli sub-arrotondati i diaspri, che si raccolgono nelle pezzature fino a ciottoli, e molto elaborate, arrotondate, le altre litologie e, soprattutto, i ciottoli arenacei ed ofiolitici: aspetto che può essere indice di un trasporto più prolungato o della rimobilizzazione di materiale precedentemente colluviato oppure, infine ma non ultimo per importanza, di elementi rielaborati per uso antropico in epoca preistorica. Molto più potenti ed estesi sono risultati i corpi detritici appartenenti alla seconda tipologia di deposito, che costituisce i quattro corpi di antiche frane, per altro non del tutto stabilizzati.

14 14 Figura 4 - Stralcio del fotogramma 551, volo 15 ripreso nel 1974 dal quale si evince la presenza della Strada Provinciale n. 17 precedentemente alla costruzione dell'edificio sul mappale 58, foglio 2 del Comune di Riccò del Golfo (a) e stralcio del fotogramma 1183, volo 30 ripreso nel 1995 dal quale si evince la presenza dell'edificio sul mappale 58, foglio 2 del Comune di Riccò del Golfo e la traccia evidente della frana che ha interessato il versante compreso fra l edificio medesimo e la Strada Provinciale n. 17 (b).

15 15 Innanzitutto è evidente come questi ricoprano quello descritto in precedenza, caratterizzato dalla presenza di diaspri ed ofioliti, e pertanto gli siano cronologicamente successivi. Ad ulteriore conferma della differenza genetica e di provenienza di questi corpi maggiori è la monogenicità composizionale dei calsti (scheletro grossolano in ciottoli e grossi blocchi fino a metrici di calcari scuri del tipo a Palombini). Solo sporadicamente si ravvisano elementi bianchi di Calcari a Calpionelle ed occasionali elementi di diaspro. In sede di perforazione dei fori drenanti (eseguita con metodologia a distruzione di nucleo) è stato verificato che il piede del corpo detritico in corrispondenza del quale si è verificato l ultimo fenomeno di frana (riattivazione parziale) raggiunge la potenza di una decina di metri. La risistemazione del corpo di frana, iniziata immediatamente con proceduta di somma urgenza a causa della completa interruzione della Strada Provinciale, ha creato non pochi problemi per la continua ed irrisolvibile (anche mediante drenaggi profondi) impregnazione idrica connessa a scorrimenti sottocutanei emergenti in distribuite scaturigini variamente localizzate. Se in prima analisi detta situazione è stata interpretata come il risultato della intensa e prolungata crisi meteorologica, il perdurare della saturazione e dei conseguenti stillicidi di piccoli colamenti ancora durante i mesi successivi, aciutti, ha condizionato la ricerca di ulteriore e differente concausa. L unica circostanza, precedentemente trascurata per la oggettiva distanza dalla frana che la faceva ritenere ininfluente, poteva essere rappresentata solo dallo scarico degli sfioratori di troppo pieno di due grossi serbatoi (uno di servizio all acquedotto del Comune di Maissana ed uno di un acquedotto consortile agricolo), che riversavano non meno di 4 l/sec in un valletto prossimo, ma esterno, al dissesto. Le notevoli lontananza e dislivello fra i punti di immissione (tombino di sottopasso stradale) ed emergenza (ciglio di distacco ed arretramento attivo della frana) avevano consentito di sottovalutare un rapporto diretto fra le due situazioni che, al contrario, è stato confermato ed inequivocabilmente comprovato dall emersione, dopo sole 22 ore, in corrispondenza delle emergenze idriche alla testa della frana, del tracciante (Fluoresceina sodica) immesso nel punto di scarico dei due troppo pieno (Figura 5). Ancora una volta la ricostruzione dettagliata del modello geologico locale, convenientemente esteso e l utilizzo di indagini dirette, hanno rivelato come la strada provinciale sia stata oggetto e non causa del dissesto di versante. La frana in località Fornello del Comune di Rocchetta Vara. Esempio di colamento di fango (mud flows di Varnes) ancora più tipico è quello che si è manifestato lungo la Strada Provinciale n. 60 Cavanella Vara-Veppo in località Fornello del Comune di Rocchetta Vara e che ha coinvolto mc di materiale completamente liquefatto. Bisogna premettere che, dal punto di vista geologico, l area è inserita nel dominio della Formazione delle Arenarie del Monte Gottero costituite da strati e banchi di arenarie massive medio-grossolane e turbiditiche a grana mediamente fine, variamente alternate a strati di argilliti e siltiti nerastre o violacee e che lo stato di conservazione dei litotipi, soprattutto di quelli più consistenti, arenacei, è apparso profondamente compromesso, con vasti affioramenti di materiali intimamente disaggregati e di spessore anche rilevante. Le prolungate piogge dell inverno hanno ulteriormente degenerato le caratteristiche geotecniche della roccia producendo la forte imbibizione della fase sciolta. In reltà oltre alla pioggia battente hanno sortito amplificazione dell effetto finale anche le copiose acque ruscellanti lungo la carreggiata, non più contenute completamente nelle canale di scolo, e le frequenti emergenze idriche non completamente recapitate negli impluvi secondari. Effetto derivato è stata l imbibizione dei materiali che ha indotto la fluidificazione della coltre sciolta, essenzialmente sabbiosa fine con poco scheletro, la quale si è recapitata sulla carreggiata inferiore producendo, fra l altro, lo scalzamento della carreggiata superiore (Figura 6).

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA LEGGI FONDAMENTALI DELLE NORMESISMICHE SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME SISMICHE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA Giacomo Di Pasquale, Dipartimento della Protezione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali.

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili di protezione contro le frane superficiali in pendii instabili: -

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Gregorio Mannucci & Luca Dei Cas ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia U.O. Suolo e Servizio Geologico Barzio- 23 settembre 2010

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli