ISSN N. 02 / 2009 PROFESSIONE GEOLOGO RIVISTA UFFICIALE DELL ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DELLA LIGURIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISSN 2037-4097 N. 02 / 2009 PROFESSIONE GEOLOGO RIVISTA UFFICIALE DELL ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DELLA LIGURIA"

Transcript

1 ISSN N. 02 / 2009 Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale -70% CB-NO/GENOVA n. 2 anno 2009 PROFESSIONE RIVISTA UFFICIALE DELL ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DELLA LIGURIA

2

3 3

4 4 SOMMARIO 5 Gli Editoriali - di Giuliano Antonielli e di Carlo Malgarotto 7 Attivazione e riattivazione di fenomeni franosi in Provincia della Spezia in seguito alla crisi meteorologica dell'inverno Proposte per la redazione di una nuova circolare applicativa per gli studi geologici a supporto dei Piani Urbanistici Comunali della Liguria 35 Considerazioni geotecniche su palificazioni battute per fondazioni di ponti 46 Riassunti Tesi di Laurea 55 Professione : Conferenza dei Presidenti degli Ordini Regionali dei Geologi Messina 26 Novembre Geofoto PG PROFESSIONE Rivista semestrale dell Ordine Regionale dei Geologi della Liguria - n.2 del impaginato nel dicembre 2009 Editore Ordine Regionale dei Geologi della Liguria Sede Legale Via XXV Aprile 4/ Genova Tel Direttore responsabile Carlo Malgarotto Presidente del Comitato di redazione Guido Paliaga Comitato di redazione Roberto Cabella (Università di Genova), Andrea Cevasco (Università di Genova), Laura Crispini (Università di Genova), Francesco Faccini (Università di Genova), Marco Ferrari (Università di Genova), Luana Isella (Libero Professionista), Gian Mario Molin (Università di Padova), Roberto Pedone (D Appolonia), Michele Piazza (Università di Genova), Federico Pittaluga (Libero Professionista), Marino Vetuschi Zuccolini (Università di Genova) Segretario di redazione Alessandro Monti Impaginazione Alessandro Monti e Massimiliano Testa Stampa GRAFICHE FASSICOMO Cooperativa a r.l. Via Imperiale Genova Autorizzazione Tribunale di Genova n. 37/93 del 17/11/1993 Decreto Tribunale di Genova n. 31/08 del 10 ottobre 2008 di variazione nel Registro Stampa n.37/93

5 5 L EDITORIALE di Giuliano Antonielli Presidente dell Ordine Regionale dei Geologi della Liguria Care Colleghe, Cari Colleghi, Scrivere l editoriale in questo periodo dell anno significa dare uno sguardo indietro ed una sbirciata in avanti. Il 2009 è stato un anno che ha portato a livello locale il rinnovo del Consiglio dell Ordine e a livello nazionale lutti (terremoto dell Abruzzo, colate di fango del Messinese e di Ischia) e novità (l entrata in vigore delle NTC 2008). Anzi il sisma abruzzese, come spesso accade in Italia (Friuli, Irpinia, Sarno), ha accelerato l entrata in vigore delle NTC con mesi di anticipo rispetto al previsto. L ORGL ha cercato di ovviare alle inevitabili difficoltà che questa accelerazione ha comportato organizzando due giornate informative tenute dal Prof. Aiello del CGT di Siena (le dispense sono scaricabili sul sito dell ORGL) che hanno ottenuto un grosso successo di partecipazione e di gradimento da parte degli Iscritti. Inoltre il Consiglio ha ritenuto opportuno, sempre sulla scorta delle lezioni del Prof. Aiello, di predisporre la Traccia per la redazione della relazione geologica e della relazione geotecnica facenti parte di un progetto per costruzioni per venire incontro alle richieste degli iscritti. L argomento è tuttora oggetto di ampie discussioni all interno della categoria e sono state istituite due commissioni (una interordini, l altra CNG- OORR). All inizio del 2010 dovrebbero vedere la luce quei documenti che, si spera, potranno finalmente fare un po più di chiarezza sulle norme che hanno portato confusione interpretativa non solo nei liberi professionisti ( e non solo geologi), ma anche negli Enti Pubblici. A parte i problemi interpretativi, le NTC 2008 devono comunque essere un ulteriore occasione per noi geologi per ribadire la nostra professionalità troppo spesso sottovalutata in passato, ma che è sempre più apprezzata dalle altre figure professionali con cui quotidianamente interagiamo. Una professionalità che ci siamo conquistati sul campo tra mille difficoltà e di cui dobbiamo andare fieri. Una professionalità che è stata pienamente riconosciuta dalla gente e dalle autorità del Messinese colpite dai tragici eventi alluvionali che alla conferenza stampa di Scaletta Zanclea del 26/11/09 (vedere documento a pag. 55) hanno invitato per quella giornata, non solo commemorativa, unicamente i presidenti degli OORR dei Geologi riconoscendo nei geologi i veri tecnici del territorio. In quella sede sono stati ricordati i punti che ormai noi conosciamo a memoria e che ripetiamo ad ogni evento tragico: il territorio si difende con la conoscenza approfondita del territorio stesso, con una svolta culturale nella gestione dell ambiente e con un oculato uso delle risorse, che devono essere indirizzati alla prevenzione, come ha ricordato anche il Presidente Napolitano. E stato quindi con grande piacere che noi geologi presenti quel giorno abbiamo raccolto gli applausi della popolazione presente che, al grido grazie ai geologi, viva i geologi, ha zittito l intervento un po dissonante di un politico locale. Ecco, la gente comune ci riconosce un ruolo importante in questo Paese. Impegniamoci a fondo per meritare questa fiducia e per dimostrare a chi ancora non crede completamente nella professionalità del geologo che, senza di noi, è impossibile una gestione corretta del territorio e del costruire. Il 2009 è stato sicuramente un anno per certi versi complesso, il 2010 si preannuncia altrettanto ricco di novità, che ci auguriamo positive. L unica cosa che mi sento di garantirvi è che il nuovo Consiglio, come peraltro tutti quelli passati, si impegnerà sempre al massimo e cercherà di essere ancora più presente e propositivo sia a livello locale che nazionale. Come al solito mi sono dilungato un po - per la disperazione dei redattori (che non ringrazierò mai abbastanza) - e quindi vi lascio porgendovi i miei migliori auguri per l anno 2010.

6 6 L EDITORIALE di Carlo Malgarotto Direttore responsabile della rivista PG-Professione Geologo Cari Colleghe e Colleghi, il recente avvento delle NTC (Norme Tecniche Costruzioni DM ) ha portato con sé confusione e dubbi sull'applicazione della norma stessa. Purtroppo, gli Enti Pubblici preposti al controllo hanno risposto in maniera disarticolata, rendendo estremamente difformi i comportamenti da luogo a luogo del nostro paese. Nella stessa difficoltà si trovano anche i colleghi presenti nelle commissioni edilizie, infatti ci sono Comuni in cui le Norme Geologiche d'attuazione dei PRG o PUC cozzano con quelle dei Piani di Bacino e con le nuove NTC. Per la redazione delle Norme Geologiche d'attuazione dei nuovi PUC la normativa regionale è ancora ferma alla circolare del 1987, diventa quindi auspicabile la realizzazione di una pianificazione seria e responsabile che consenta finalmente di prevenire invece che curare il territorio, sia in termini sismici che di dissesto idrogeologico. Nella confusione normativa attuale alcuni tentano di sfruttare la situazione a favore di specifici ambiti professionali. Ad esempio sul nostro sito internet trovate la lettera inviata al Servizio Difesa del Suolo della Provincia della Spezia in seguito ad una impropria richiesta di integrazioni contenente la richiesta di relazione geotecnica a firma dello strutturista in evidente contrasto con il DPR 328/2001. Molta confusione anche sulle competenze, quindi, che non sono state cambiate dalle NTC che sono una norma di rango inferiore rispetto ad un Decreto del Presidente della Repubblica. In questo quadro, la nostra categoria non deve essere svuotata della propria importanza, del proprio ruolo all'interno della nostra società, non come Cassandre ma come esperti del territorio, della sua intima costituzione e dei fenomeni che vi accadono. In tal senso resto sempre stupefatto e amareggiato quando a parlare di questioni squisitamente geologiche non ci sono dei colleghi ma altre figure professionali. Proprio nella comunicazione con l'esterno vertono gli sforzi del nuovo Consiglio dell'orgl, che punta ad una corretta informazione del cittadino, sui quali vi terrò informati in merito agli sviluppi ed ai progetti che sono già in itinere. Buona Lettura.

7 7 Attivazione e riattivazione di fenomeni franosi in Provincia della Spezia in seguito alla crisi meteorologica dell'inverno Landslides activations in La Spezia area as consequence of adverse metereological condition in the winter Marco Del Soldato Provincia della Spezia, Settore 07 Difesa del Suolo, Servizio Piani di Bacino Via xxiv Maggio, LA SPEZIA Parole chiave: crisi metereologica, frane, interferometria radar a terra, modello geologico, somma urgenza. Key words: Adverse meteorological condition, Landslides, Ground Based-Interferometric Synthetic Aperture Radar (GB-InSAR), Geological and Geomorphological framework RIASSUNTO Sono presentati, in questa sede, i risultati di una serie di indagini ed interventi eseguiti sulla rete stradale della Provincia, in collaborazione con i colleghi del Settore 10 - Servizio Viabilità, a seguito del manifestarsi di una lunga sequela di collassi e danneggiamenti che hanno colpito le sedi viabili, innescati dalle forti e prolungate piogge dell inverno È evidente come le opere viarie siano risultate spesso l oggetto del danno e non la causa scatenante, che va ricercata nelle avverse condizioni meteo e nelle modifiche antropiche indotte al contorno delle sedi stradali. È, altresì, evidente come, spesso, altra concausa fondamentale e scatenante sia stata l imperfetta manutenzione della rete stradale prodotta dalla perniciosa, insufficiente disponibilità economica e, purtroppo, anche da una definizione delle priorità degli inteventi ordinari pesantemente inficiata da ingerenze politiche. ABSTRACT This study presents the results of a set of analysis and interventions accomplished in collaboration with some partners of Street Service, as consequence of a long sequence of landslides and damages of provincial roads which were caused by intense and prolonged rainfall in the winter It is evident that the road constructions are the object of landslides and not the reason for them. The real cause is the geological and geomorphological framework, the adverse meteorological conditions and the anthropic modification of areas near the roads. The imperfect maintenance of road net is a secondary and decisive reason of landslides. This is commonly due to insufficient economic resources and also by low political attention in defining the correct priorities of the ordinary maintenance interventions.

8 8 Analisi meteorologica Le analisi del CNR sull'andamento termopluviometrico italiano, per la stagione invernale 2008/2009, mostrano un trimestre (dicembrefebbraio) allineato sull andamento termico corrente consolidato, ma con una caratteristica prerogativa di forte piovosità: è stata una delle stagioni più piovose dal 1805 a oggi, seconda solo all inverno del Se l'inverno del 1805 resta il più piovoso fino ad oggi, con un anomalia complessiva di pioggia doppia della media, è necessario considerare che, a quell'epoca, erano pochissimi gli Osservatori Meteorologici in Italia, e quindi i dati del 1805 sono stati necessariamente rivalutati con metodi matematici di interpolazione per poter essere giudiziosamente comparati. L'anomalia complessiva di pioggia dell inverno scorso è stata, comunque, pari al +59%, il che pone il periodo tra i primi dieci nella classifica dei più piovosi degli ultimi 200 anni: per la precisione si colloca al 9 posto, ma va osservato che i primi 8 sono compresi fra il 1800 ed il 1847, periodo che alcuni metereologi chiamano addirittura la Piccola Età Glaciale. Per gli amanti delle statistiche va ricordato che: - è piovuto 68 giorni su 90, fra Nord, Centro e Sud a fronte di una media, degli ultimi 20 anni, compresa fra 10 e 25 giorni su 90; - su base nazionale sono caduti circa 280 mm di pioggia complessivi, valore che rappresenta il top point degli ultimi 30 anni, a fronte di una media di 166 mm (+68%). Particolarmente piovose sono state le regioni di Nordovest (266 mm caduti, a fronte di una media di 130 mm, con un +104%), seguite dalla Sardegna (217 mm contro una media di 120 mm, pari a +81%), la Sicilia (335 mm contro una media di 187 mm, pari a +79%), il Sud (350 mm contro una media di 207 mm, pari a +59%), il Centro (301 mm a fronte di una media di 197 mm, pari a +53%) e le regioni di Nordest (200 mm contro una media di 136 mm, pari a + 47%); - pioggia record è stata registrata a Roma con valori che non trovano riscontro dal La pioggia caduta in 6 settimane ha eguagliato quella attesa in sei mesi. Dal 28 ottobre al 15 dicembre, in soli 45 giorni sono caduti sulla Capitale 400,7 mm, pari al 43% della precipitazione media annua. Questo trend di piovosità è cominciato nell'ultima decade di novembre e spesso, durante il periodo fra dicembre e febbraio, la pioggia è evoluta in neve fino alle quote di pianura, su Piemonte e Lombardia. Dal punto di vista dell innevamento la stagione è stata certamente eccezionale come confermano i consistenti spessori rilevati alle quote medie su tutto l'arco Alpino e sull'appennino. Valga un esempio per tutti: oltre tre metri di neve compatta, misurati al centro di Prato della Cipolla (circa 1600 metri s.l.m.), sopra Santo Stefano d Aveto, che hanno degnamente innaugurato il nuovo impianto di risalita ed il rifacimento del rifugio che ha ospitato, il 1 marzo scorso, il Primo Convegno di Climatologia dedicato alla Val d Aveto. Ma se da un lato sono stati misurati enormi accumuli nelle località di media montagna (oltre 5 metri, generalmente, al di sopra dei 1000 metri in Veneto), è altrettanto vero che alle quote più alte il primato spetta all'inverno 2000/2001 con il maggiore accumulo degli ultimi trentadue anni oltre i 2500 metri, sulle Alpi Lombarde. Ma torniamo alle piogge: il trimestre dicembre 2008-febbraio 2009 è stato il periodo che ha fatto registrare il maggior surplus pluviometrico sull'italia, con valori percentuali di piovosità che superano il 200% della media al Nord e tra Campania e Abruzzo. A differenza degli anni passati, almeno degli ultimi, le perturbazioni atlantiche sono penetrate abbastanza profondamente nell area mediterranea generando depressioni e maltempo prolungato su gran parte del centro-nord d Italia, fino alla fine di febbraio: frequenti ed abbondanti nevicate nella Liguria interna, ma anche immediato retroterra soprattutto di levante, e costa flagellata dalla pioggia e dalla Tramontana Scura. Molto nel dettaglio si possono leggere i dati di pioggia rilevati dal pluviometro messo in opera dalla Provincia nel sistema di monitoraggio della frana di Castagnola (Figura 1), in Comune di Framura.

9 9 Figura 1 - Andamento pluviometrico dal primo gennaio 2008 alla fine di marzo 2009, rilevato nella stazione di monitoraggio strumentale della frana di Castagnola (Comune di Framura, Liguria Orientale). Tabella 1 - Pianura alluvionale di Sarzana, località San Bartolomeo, compresa fra il Canale di Turì ed il Fiume Magra: escursione della superficie freatica misurata in corrispondenza di cinque piezometri allestiti in fase di indagine geologica e geotecnica.

10 10 L andamento conferma quello descritto più in generale sopra: dopo un settembre poco piovoso, la crisi meteorologica comincia nei primissimi giorni di novembre con eventi anche intensi (70-75 mm/giorno), ma soprattutto ripetitivi. Il fenomeno si incrementa poi dalla metà di gennaio 2009 con un top point principale di oltre 150 mm/giorno ed altri due secondari di 90 e 60 mm/giorno, per poi andare a diradarsi ed attenuarsi fino alla metà di marzo. Come è facilmente intuibile le conseguenze a questa situazione sono state numerose, variegate e, talvolta, molto incisive soprattutto sulla rete stradale provinciale. Numerose frane di varia dimensione hanno spesso ostruito le carreggiate e danneggiato le opere infrastrutturali e quelle di presidio. Ma i risentimentimenti sono stati molto incisivi anche sulle aree più fragili del territorio con, primo fra tutti e più importante, quello che è stato documentato dettagliatamente in corrispondenza della vasta frana di Castagnola che ha visto accelerare in maniera repentina e duratura (almeno per tutto il mese di febbraio) la sua velocità di scivolamento, tenuta costantemente sotto controllo dalle strumentazioni in sottosuolo, da quelle sugli edifici e mediante interferometria radar a terra. Un ultima informazione che, seppure indiretta rispetto alle situazioni descritte, è significativa dei risentimenti alla crisi meteorologica è l oscillazione subita dalle falde freatiche. In particolare è stato documentato il forte innalzamento della superficie freatica nell area di San Bartolomeo a Sarzana che il Servizio Piani di Bacino della Provincia della Spezia ha seguito in dettaglio monitorando i cinque piezometri posti in opera, nel luglio 2009, per conto della A.S.L.5. I dati storici diretti riferivano la superficie freatica posta, in zona, alla profondità di circa 4,50 5,00 metri dal p. di c. (Mascardi C a e b; Brozzo G. 1994). I risultati sperimentali raccolti fra il luglio 2008 e l aprile 2009 (quindi molto prima, a cavallo e dopo la crisi meteorologica) presentano un gap molto più ampio: in particolare la superficie freatica è stata documentata a profondità di circa 10 metri dal p. di c. (compensando le differenze Altimetriche della zona) durante il periodo siccitoso, ma è significativamente risalita fino ad almeno 3,00-3,50 metri dal p. di c. durante ed a seguito della crisi meteorologica, con un escursione di 6,50-7,00 metri, difficilmente immaginabile a priori per una piana alluvionale come quella compresa fra il Canale di Turì ed il Fiume Magra. I risentimenti diretti sulla frana di Castagnola Prima di illustrare l influenza che la crisi meteorologica ha indotto sul territorio di Castagnola (superficie della frana circa mq, per un volume di materiale in movimento stimato in 40,2 milioni di mc.; su cui vivono oltre 300 dei 725 residenti di tutto il Comune di Framura - dati in un centinaio edifici residenziali) è opportuno ricordare sommariamente le indagini eseguite per la caratterizzazione del fenomeno e descrivere brevemente il modello geologico ricostruito (Figura 2). Le emergenze di instabilità del territorio sono ampiamente documentate in letteratura geologica, geomorfologica e geotecnica, ma anche storica, archivistica, cronachistica ed amministrativa (Del Soldato, 2005). Le indagini svolte nella regione sono state inizialmente limitate ai rilevamenti per la redazione di cartografie geologiche di corredo a pubblicazioni scientifiche (Decandia F.A. e Elter P., 1972; Cortesogno L., Galbiati B., Principi G. e Vercesi del Castellazzo G., 1981; Brandolini P.G. e Terranova R., 1995) o strumenti urbanistici (Previdi e Simonelli, 1993). Solo dai primi anni di questo secolo sono state predisposte indagini più dirette, a cominciare da quelle classiche mediante carotaggi e letture inclinometriche (Eptaconsult per la Comunità Montana della Riviera Spezzina) a quelle sperimentali (Università degli Studi di Firenze, Centro di Eccellenza del Dipartimento di Scienze della Terra per Provinciale della Spezia) mediante interferometria radar satellitare (Casagli et Alii, 2004) ed interferometria radar con strumento a terra (Ground Based Interferometric Synthetic Aperture Radar; GB-InSAR).

11 11 Figura 2 - Il modello geologico della frana di Castagnola ricostruito sulla base delle indagini dirette disponibili (Del Soldato, 2005). Figura 3 - Dati acquisiti dai fessurimetri del sistema di monitoraggio della Provincia di La Spezia in cui si evidenzia un incremento della velocità. Le frecce arancioni indicano l inizio del monitoraggio GB-InSAR periodical check, la freccia viola e la relativa area ombreggiata indicano il periodo di monitoraggio in continuo (Casagli, 2008).

12 12 Inizialmente, l indagine affidata allo strumento posto in opera dalla Soc. LisaLab s.r.l., è stata programmata con metodologia periodical check, applicabile in zona data la modesta copertura vegetale, ma soprattutto per l esiguità dei fondi a disposizione. Dopo la prima campagna di rilevamento eseguita nell ottobre 2008, è stata programmata una seconda campagna fra il 10 e il 18 Febbraio In questo periodo è stato evidenziato un movimento entro il settore sud-orientale della frana, caratterizzato da velocità variabili tra circa 0.03 mm/h e 0.1 mm/h. Contemporaneamente sono stati osservati e confermati i movimenti da due fessurimetri (Figura 3) e dalla colonna inclinometrica della rete di monitoraggio posta in opera dalla società FIELD s.r.l. per conto della Provincia di La Spezia. Ma ancora più significativa è stata la comparazione fra gli spostamenti ed i dati pluviometrici registrati nella stazione di Castagnola, strumenti che fanno parte del sistema di monitoraggio convenzionale ancora attivo nella località (almeno fin quando lo consentiranno gli stanziamenti regionali). In realtà dopo il riscontro dell accelerazione del movimento verso valle della frana è stato deciso di mantenere in opera anche il radar a terra, soprattutto persistendo le condizioni di intensa e durevole piovosità. Conseguentemente è stata anticipata la terza campagna di monitoraggio dello schema periodical check in modo da seguire in continuità l evoluzione del movimento. Il 23 febbraio 2009 è stato nuovamente installato il sistema GB-InSAR che ha monitorato in continuo fino al 2 marzo I risultati ottenuti dalle misure GB-InSAR hanno evidenziato come le deformazioni abbiano interessato omogeneamente tutto il settore sudorientale della frana, con velocità medie superiori a 0.05 mm/h (pari a 1.2 mm/giorno). Ancora, le serie temporali degli spostamenti registrati dal sistema GB-InSAR di alcuni punti ritenuti significativi hanno palesato come i tassi di deformazione si siano mantenuti costanti durante tutto il periodo di monitoraggio compreso tra l 11 febbraio ed il 2 marzo Più in particolare, è stato possibile identificare un settore orientale caratterizzato da velocità di circa 2.25 mm/giorno ( m/s) ed uno occidentale caratterizzato da velocità minori pari a 0.55 mm/giorno ( m/s). infine è evidente come il marcato incremento di velocità registrato a partire da gennaio 2009 possa essere correlato alle precipitazioni che hanno superato gli 850 mm in circa 4 mesi ed abbia incrementato i trend di spostamento anche degli strumenti tradizionali presenti in zona (inclinometri e fessurimetri). I risentimenti diretti sulla rete stradale della Provincia Passeremo ora in rassegna alcuni fenomeni significativi che hanno interessato la rete stradale gestita dalla Provincia e che hanno impegnato per lunghi mesi tutto il personale tecnico dedicato, sia in fase di emergenza che di intervento in somma urgenza che, infine, di progettazione dei successivi interventi di ripristino o messa in sicurezza, in qualche caso, anche dei versanti incipienti. La frana in località Bozzantina (Strada Provinciale n. 17 della Val Graveglia). Si tratta di una criticità di versante che periodicamente si ripresenta. Dal punto di vista geologico, lungo il versante sono affiorano i terreni Pliocenico (?) Pleistocenici della paleovalle di Pian di Barca (Sintema di Pian di Barca) costituiti da conglomerati alluvionali polimodali, intensamente alterati, con elementi prevalentemente arenacei di diametro massimo fino ad un metro, generalmente amalgamati. In particolare, in corrispondenza del versante (collassato) a monte della strada, il grado di alterazione è tale che il complesso alluvionale appare generalmente sciolto ed assimilabile a ciottoli di dimensioni da decimetriche a metriche immersi in una matrice sabbioso fine limosa e diffusamente impregnati di acqua. Pochi metri più a monte della nicchia di distacco riattivatasi durante l ultimo evento di frana, ed al limite del terrazzo morfologico (ma ad evidente modificazione antropica) edificato, si materializza il contatto tettonico (per faglia) con la Formazione delle Arenarie di Monte Gottero (argot).

13 13 Nel caso specifico non è corretto parlare di rimobilizzazione di un precedente fenomeno franoso poiché, seppure il versante incipiente sulla Strada Provinciale n. 17 sia stato oggetto in passato di almeno altri due fenomeni analoghi (1995 e 2004), era sempre stato provveduto al disgaggio radicale, alla protezione della carreggiata (prima con un muro al piede del versante, poi con il sopralzo e la tirantatura del medesimo) ed alla risistemazione della porzione compresa fra il muro e la scarpata principale (con rimodellazione ed imposta di viminate). Durante tutti i sopralluoghi eseguiti a seguito delle nuove manifestazioni di instabilità (febbraio 2004, 2008 e gennaio 2009) è stata ricostruita e confermata la ricorrente meccanica ed il relativo complesso di concause che hanno determinato il rilascio delle successive frane riferibili alla tipologia del colamento di fango di Varnes. In particolare, oltre all innesco imputabile alle piogge particolarmente intense e prolungate, il fattore predisponente principale è stato il grado di imbibizione del deposito sciolto indotto dalla presenza di una risorgiva in corrispondenza del ciglio di distacco, mai captata e deviata, e soprattutto dallo scarico diretto nel terreno delle gronde dei pluviali dell edificio immediatamente a monte del coronamento. Conferma definitiva di tale diagnosi sono i due fotogrammi (Figura 4) dei voli aerofotografici del 1974 e del 1995 dai quali si evidenzia come la Strada Provinciale n. 17 sia stata interrotta dal primo mud folw (che insieme ai fenomeni successivi, complessivamente, hanno mobilizzato circa mc di materiale su una superficie di circa 500 di mq) rilascatosi solo a seguito della costruzione dell edificio posto a monte, per altro oggi non ancora terminato. La frana in località Capoluogo del Comune di Maissana (Strada Provinciale n. 52, Torza Tavarone Maissana). Anche in questo caso, come nel precedente, si è trattato di un vasto movimento di versante che ha completamente ostruito la carreggiata stradale, trascinando nel colamento della potente coltre sciolta superficiale (mud flow) disposta su uno zoccolo di substrato argilloscistoso (Formazione degli Scisti della Val Lavagna; Marroni e Meccheri, 1990), alberi e muretti reggifasce. In realtà la coltre sciolta superficale presente lungo il versante a monte della strada è il risultato dell accumulo e della sovrapposizione di diversi vasti e potenti corpi di antica frana (paleofrane) litologicamente, geneticamente e cronologicamente riferibili ad almeno due differenti tipologie di eventi successivi, dei quali il secondo caratterizzato, a sua volta, da scorrimenti più o meno coevi che si sono sovrapposti, completamente o parzialmente, al primo. Nel complesso le differenti paleofrane coprono una superficie totale di mila mq ed assommano ad un volume complessivo, stimato, di mila mc, dei quali si è liquefatta, durante l evento descritto, una porzione estremamente modesta (circa mq) e corticale (circa mc di materiale). La prima delle almeno due fasi riconoscibili è da riferire al più antico e violento fenomeno di frana. Si tratta di un corpo detritico, apparentemente oggi sub-tabulare, di spessore compreso fra 3 e 5 metri, che riposa direttamente sul bed rock in facies di Scisti della Val Lavagna. È costituito da matrice essenzialmente argilloso siltosa bruna con abbondante scheletro compreso nelle pezzature da ghiaia a blocchi di dimensione fino al mezzo metro cubo, di prevalenti diaspri, ma anche di Calcari a Calpionelle e, meno frequenti, Arenarie di Monte Gottero ed ofioliti in facies di microgabbri e ferrogabbri. Un elemento originale della struttura morfologica dei clasti è il diverso grado di elaborazione che caratterizza i differenti elementi litologici: poco elaborati ed a spigoli sub-arrotondati i diaspri, che si raccolgono nelle pezzature fino a ciottoli, e molto elaborate, arrotondate, le altre litologie e, soprattutto, i ciottoli arenacei ed ofiolitici: aspetto che può essere indice di un trasporto più prolungato o della rimobilizzazione di materiale precedentemente colluviato oppure, infine ma non ultimo per importanza, di elementi rielaborati per uso antropico in epoca preistorica. Molto più potenti ed estesi sono risultati i corpi detritici appartenenti alla seconda tipologia di deposito, che costituisce i quattro corpi di antiche frane, per altro non del tutto stabilizzati.

14 14 Figura 4 - Stralcio del fotogramma 551, volo 15 ripreso nel 1974 dal quale si evince la presenza della Strada Provinciale n. 17 precedentemente alla costruzione dell'edificio sul mappale 58, foglio 2 del Comune di Riccò del Golfo (a) e stralcio del fotogramma 1183, volo 30 ripreso nel 1995 dal quale si evince la presenza dell'edificio sul mappale 58, foglio 2 del Comune di Riccò del Golfo e la traccia evidente della frana che ha interessato il versante compreso fra l edificio medesimo e la Strada Provinciale n. 17 (b).

15 15 Innanzitutto è evidente come questi ricoprano quello descritto in precedenza, caratterizzato dalla presenza di diaspri ed ofioliti, e pertanto gli siano cronologicamente successivi. Ad ulteriore conferma della differenza genetica e di provenienza di questi corpi maggiori è la monogenicità composizionale dei calsti (scheletro grossolano in ciottoli e grossi blocchi fino a metrici di calcari scuri del tipo a Palombini). Solo sporadicamente si ravvisano elementi bianchi di Calcari a Calpionelle ed occasionali elementi di diaspro. In sede di perforazione dei fori drenanti (eseguita con metodologia a distruzione di nucleo) è stato verificato che il piede del corpo detritico in corrispondenza del quale si è verificato l ultimo fenomeno di frana (riattivazione parziale) raggiunge la potenza di una decina di metri. La risistemazione del corpo di frana, iniziata immediatamente con proceduta di somma urgenza a causa della completa interruzione della Strada Provinciale, ha creato non pochi problemi per la continua ed irrisolvibile (anche mediante drenaggi profondi) impregnazione idrica connessa a scorrimenti sottocutanei emergenti in distribuite scaturigini variamente localizzate. Se in prima analisi detta situazione è stata interpretata come il risultato della intensa e prolungata crisi meteorologica, il perdurare della saturazione e dei conseguenti stillicidi di piccoli colamenti ancora durante i mesi successivi, aciutti, ha condizionato la ricerca di ulteriore e differente concausa. L unica circostanza, precedentemente trascurata per la oggettiva distanza dalla frana che la faceva ritenere ininfluente, poteva essere rappresentata solo dallo scarico degli sfioratori di troppo pieno di due grossi serbatoi (uno di servizio all acquedotto del Comune di Maissana ed uno di un acquedotto consortile agricolo), che riversavano non meno di 4 l/sec in un valletto prossimo, ma esterno, al dissesto. Le notevoli lontananza e dislivello fra i punti di immissione (tombino di sottopasso stradale) ed emergenza (ciglio di distacco ed arretramento attivo della frana) avevano consentito di sottovalutare un rapporto diretto fra le due situazioni che, al contrario, è stato confermato ed inequivocabilmente comprovato dall emersione, dopo sole 22 ore, in corrispondenza delle emergenze idriche alla testa della frana, del tracciante (Fluoresceina sodica) immesso nel punto di scarico dei due troppo pieno (Figura 5). Ancora una volta la ricostruzione dettagliata del modello geologico locale, convenientemente esteso e l utilizzo di indagini dirette, hanno rivelato come la strada provinciale sia stata oggetto e non causa del dissesto di versante. La frana in località Fornello del Comune di Rocchetta Vara. Esempio di colamento di fango (mud flows di Varnes) ancora più tipico è quello che si è manifestato lungo la Strada Provinciale n. 60 Cavanella Vara-Veppo in località Fornello del Comune di Rocchetta Vara e che ha coinvolto mc di materiale completamente liquefatto. Bisogna premettere che, dal punto di vista geologico, l area è inserita nel dominio della Formazione delle Arenarie del Monte Gottero costituite da strati e banchi di arenarie massive medio-grossolane e turbiditiche a grana mediamente fine, variamente alternate a strati di argilliti e siltiti nerastre o violacee e che lo stato di conservazione dei litotipi, soprattutto di quelli più consistenti, arenacei, è apparso profondamente compromesso, con vasti affioramenti di materiali intimamente disaggregati e di spessore anche rilevante. Le prolungate piogge dell inverno hanno ulteriormente degenerato le caratteristiche geotecniche della roccia producendo la forte imbibizione della fase sciolta. In reltà oltre alla pioggia battente hanno sortito amplificazione dell effetto finale anche le copiose acque ruscellanti lungo la carreggiata, non più contenute completamente nelle canale di scolo, e le frequenti emergenze idriche non completamente recapitate negli impluvi secondari. Effetto derivato è stata l imbibizione dei materiali che ha indotto la fluidificazione della coltre sciolta, essenzialmente sabbiosa fine con poco scheletro, la quale si è recapitata sulla carreggiata inferiore producendo, fra l altro, lo scalzamento della carreggiata superiore (Figura 6).

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

IG INGEGNERIA GEOTECNICA

IG INGEGNERIA GEOTECNICA INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DELLA TORRE DI BARBARESCO (CN) E DEL SOTTOSTANTE COSTONE ROCCIOSO Attività professionali svolte e/o in corso: Progetto esecutivo delle opere di sostegno e di fondazione Località:

Dettagli

SCHEDA PER IL CENSIMENTO DELLE FRANE

SCHEDA PER IL CENSIMENTO DELLE FRANE SCHEDA PER IL CENSIMENTO DELLE FRANE 1 - DATI GENERALI N di riferimento (1) 001-Sv-d Data di compilazione 12/10/02 Rilevatore Tipo di rilevamento (2) Diretto Coordinate Gauss-Boaga da CTR Latitudine 1478867.53

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC R E G I O N E A U T O N O M A D E L L A V A L L E D A O S T A COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE COMPRENSORIALI IN COMUNE DI LA SALLE A SERVIZIO DELLA COMUNITÀ MONTANA

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 03/09

VARIANTE STRUTTURALE 03/09 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTANERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE STRUTTURALE 03/09 (ai sensi art. 1 L.R. 1/07) RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA SULLE AREE DII NUOVA ESPANSIIONE

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti del quadro conoscitivo Studio geologico,idrogeologico e geotecnico finalizzato alla verifica delle condizioni di stabilità e progetto

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Saie Built Academy: scienze e tecnologie per costruire città e territorio Bologna 22 Ottobre 2014 Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Matteo Berti Dipartimento BIGEA -

Dettagli

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE E AMBIENTALI SEDE DI COMO PROGETTO DI DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI IN LOC. FILIPPA DEL COMUNE DI CAIRO MONTENOTTE (SV) Studi e indagini

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

COMUNE DI CASTELLINA M.ma Provincia di Pisa

COMUNE DI CASTELLINA M.ma Provincia di Pisa Studio di Geologia COMUNE DI CASTELLINA M.ma Provincia di Pisa Variante al Regolamento Urbanistico INDAGINI GEOLOGICO TECNICHE ai sensi del D.P.G.R. 53/R del 25/10/2011 di supporto alla fattibilità degli

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 OGGETTO: Competenze del Geologo in materia di progettazione,

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE.

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE. Studio di Ingegneria Civile Dott. Ing. Massimo Carli Studio di Geologia Tecnica Dott. Geol. Roberto Castellano Via Matteotti n 18, 18014 Ospedaletti (IM) Via Manzoni n 75, 18038 Sanremo (IM) Tel. 0184/689368

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

GEOLOGO MARCO MARCATO

GEOLOGO MARCO MARCATO GEOLOGO MARCO MARCATO RELAZIONE GEOLOGICA-GEOTECNICA CON INDAGINI GEOLOGICHE. INDICE 1. PREMESSA..... pag. 1 2. QUADRO DEI VINCOLI IDROGEOLOGICI.. 2 3. RELAZIONE GEOLOGICA 3 3.1 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO Dr. Geol. Daniela Alario - Dr. Geol. Ambrogio

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

VICENZA. Altissimo. Frana in più comuni. ex Cod. PAI. Nome. Autorità di bacino nazionale del Fiume Adige -Aree in dissesto da versante- VARIANTE

VICENZA. Altissimo. Frana in più comuni. ex Cod. PAI. Nome. Autorità di bacino nazionale del Fiume Adige -Aree in dissesto da versante- VARIANTE - 572 - Nome Cod. IFFI ex Cod. PAI P1 P2 P3 P4 Frana in più comuni VICENZA Altissimo Toldo 240149200 Nuova Autorità di bacino nazionale del Fiume Adige -Aree in dissesto da versante- VARIANTE - 573 - -

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag. 2 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag. 3 5. RISULTATI PROVE DI LABORATORIO / IN SITO pag. 4 6.

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma.

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Il 26 marzo 2015, intorno alle ore 12.00, è avvenuto il crollo di una porzione del versante, alto una decina di metri, prospiciente il giardino

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE Affidamento del servizio di redazione degli studi geologici, geotecnici, sismici, idrologici ed idraulici e delle relative indagini in sito e in laboratorio, a supporto delle attività di progettazione

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli

STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO

STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO Corso Specialistico di Formazione Professionale sul Recupero di Edifici Esistenti in Muratura Bologna, 11 marzo 2011 STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO (CON

Dettagli

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali INGV - Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione

Dettagli

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE COMUNE DI PIAN DI SCÒ PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 AI SENSI AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 25 OTTOBRE 2011 N. 53/R LUNGARNO GUIDO RENI N. 55 52027 SAN GIOVANNI

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI RELAZIONE GEOLOGICA E GEOLOGICO-TECNICA Contenuti: Illustrazione degli

Dettagli

INDICE INDICE DELLE TAVOLE DEL TESTO

INDICE INDICE DELLE TAVOLE DEL TESTO INDICE 1. PREMESSA Pag. 3 2. NOTE ESPLICATIVE ALLA CARTA DELLE MICROZONE OMOGENEE IN PROSPETTIVA SISMICA (LIVELLO1) Pag. 4 3. NOTE ESPLICATIVE ALLA CARTA DELLA FATTIBILITÀ DELLE SCHEDE DELLA VARIANTE Pag.

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO Allegato B COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE ED ADEGUAMENTO AI SENSI DELLA L.R. 12/05 VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

COMUNE DI OLBIA INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOTENICO PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLA STABILITA DEI VERSANTI DELLA DISCARICA

COMUNE DI OLBIA INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOTENICO PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLA STABILITA DEI VERSANTI DELLA DISCARICA COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO RETE DII MONIITORAGGIIO PER LA STABIILIITA DELLA DIISCARIICA DII SPIIRIITO SANTO IIN OLBIIA 2 COMUNE DI OLBIA RETE DI MONITORAGGIO PER LA STABILITA DELLA DISCARICA

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA APPENDICE A Pagina 1 di 29 1 Capoluogo, via degli Imberti Tavola in scala 1:2.000 1 AT1 Area di trasformazione per nuova edificazione ad uso residenziale. calcareniti; suoli di copertura derivati dal disfacimento

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

di un intervento di stabilizzazione

di un intervento di stabilizzazione La caratterizzazione geofisica finalizzata alla progettazione di un intervento di stabilizzazione M. Bavusi, G. Potenza1 1, D. Lacava 2, E.F. Finizio, S. Laurita, G. Calvello 3 G. Colangelo 4 1 G. & G.I.S.

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni Norma di riferimento: D.g.r. 30 novembre 2011 - n. IX/2616 Aggiornamento dei Criteri

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone INDAGINI GEOLOGICHE INTEGRATIVE A cura di Diego TALOZZI Geologo e Ingegnere libero professionista. Gennaio 2009 1 INDAGINI

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO"

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO" LAVORI: Intervento n. 36: adeguamento idraulico attraversamenti Rio Galli, copertura ial km 0+000, ponticello

Dettagli

Application: the Giumello Landslide

Application: the Giumello Landslide Application: the Giumello Landslide Extract from a meeting in Lecco about landslides By M. Papini www.engeology.eu LA FRANA DEL GIUMELLO EVENTO ALLUVIONALE Novembre 2002 FINALITA DEL LAVORO Riconoscere

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B.

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. ISTRUZIONI TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA L.R. 6 AGOSTO 1997 N. 38 - NORME PER L ESERCIZIO

Dettagli

MONITORAGGIO DELLE OPERE E PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

MONITORAGGIO DELLE OPERE E PROGRAMMA DI MANUTENZIONE MONITORAGGIO DELLE OPERE E PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Ad integrazione del Piano di Manutenzione (All.C7) del Progetto Esecutivo, si produce la presente relazione ai fini delle prescrizioni vigenti nelle

Dettagli

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Regione Lombardia Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della L. R. per il Governo del Territorio del 11.03.2005 n 12 Gennaio 2008 NORME GEOLOGICHE DI PIANO

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE Realizzazione del prodotto Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni Revisione Data Oggetto Revisione 1 13/02/2008 Prima emissione INDICE 1. Scopo ed Obiettivi 2. Campo di applicazione

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA Dott. Geol. Antonio Forini Dott. Geol. Sara Serena Fabris Dott. Geol. Carlo Ricci PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA PIANO

Dettagli

In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto

In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto 120 Comune di Piandimeleto - Pesaro Urbino In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto di procedere

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO N. 2 ART. 6 LR N.11/2004 AZIENDA AGRICOLA BERTAGNA E. e SAURO P. Riqualificazione ambientale con demolizione opera incongrua

Dettagli

MONITORAGGIO FRANA SLAVINAC - COMUNE DI LONA-LASES RELAZIONE

MONITORAGGIO FRANA SLAVINAC - COMUNE DI LONA-LASES RELAZIONE MONITORAGGIO FRANA SLAVINAC - COMUNE DI LONA-LASES RELAZIONE 1. Premessa La relazione presenta i dati aggiornati relativi al monitoraggio del versante Slavinac. Il movimento franoso, in superficie, è stato

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 52 in data: 09.10.2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: INTERVENTO DI CONSOLIDAMENTO FRANA E RIPRISTINO DELLA

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO

PROVINCIA DI SAVONA ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO PROVINCIA DI SAVONA ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO PIANO DI BACINO STRALCIO SUL RISCHIO IDROGEOLOGICO (ai sensi dell art.1, comma 1, del D.L. 180/1998 convertito in L. 267/1998) Caratteristiche idrauliche

Dettagli

- I fabbricati e la viabilità interna devono essere disposti limitando la lunghezza degli allineamenti nel senso di scorrimento delle acque.

- I fabbricati e la viabilità interna devono essere disposti limitando la lunghezza degli allineamenti nel senso di scorrimento delle acque. 12/8 CONDIZIONAMENTI IDROGEOLOGICI 1. Il P.R.G.C. individua alla tav. P3a-b Carta di Sintesi geomorfologica le aree in cui le condizioni idrogeomorfologiche impongono limitazioni agli interventi consentiti

Dettagli

già Unica eccezione il substrato:

già Unica eccezione il substrato: Da Standard MS_3.0 La carta delle MOPS è costruita sulla base degli elementi predisponenti alle amplificazioni e alle instabilità sismiche già riportati nella CGT_MS. Ciò che differenzia la CGT dalle MOPS

Dettagli

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione COMUNE DI NOCERA INFERIORE Sala Polifunzionale della Galleria Maiorino Nocera Inferiore 14 aprile 2011 Incontro informativo sul rischio da frana a Nocera Inferiore Valutazione del rischio, sistemi di allertamento

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI. 2 7.5.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 il seguente Regolamento: INDICE

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI. 2 7.5.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 il seguente Regolamento: INDICE 2 7.5.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 il seguente Regolamento: SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 aprile 2007, n. 26/R Regolamento

Dettagli

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA CONVENZIONE DI RICERCA PER LA REDAZIONE DELLA MAPPA DEL RISCHIO SISMICO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA Premessa Il presente rapporto viene redatto alla chiusura

Dettagli

Ferrara, 24 settembre 09

Ferrara, 24 settembre 09 Esperienze di realizzazione e certificazione campi sonde: problematiche operative, aspetti geologici e ambientali, garanzia di qualità e resa termica nel tempo. Proposte di redazione di standard di lavoro

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO 5. INQUADRAMENTO GEOTECNICO 1 1. PREMESSA La presente relazione ha come

Dettagli

L opera è finalizzata alla laminazione delle piene del torrente Meduna. Orgnese. Solimbergo. Colle. Ubicazione sbarrament previsto

L opera è finalizzata alla laminazione delle piene del torrente Meduna. Orgnese. Solimbergo. Colle. Ubicazione sbarrament previsto LABORATORIO Livenza 2007 2 Workshop - 29 ottobre 2007 INVASO DI COLLE PER LA LAMINAZIONE DELLE PIENE DEL TORRENTE MEDUNA - COMUNE DI ARBA (PN) Le problematiche geologiche, idrogeologiche e geotecniche

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

Prescrizioni delle NTC (2008)

Prescrizioni delle NTC (2008) La progettazione di fondazioni di edifici in terreni ad alta instabilità Prescrizioni delle NTC (2008) Stefano Aversa Università degli studi di Napoli Parthenope Associazione Geotecnica Italiana Bologna

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO Marcello Benedini Giuseppe Gisotti Indice pag. 11 Introduzione Scopi e necessità della protezione idrogeologica 17 l. Parte prima.

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli