RELAZIONE TECNICA 1^ PARTE. n. Q METROTRANVIA MILANO PARCO NORD SEREGNO PROGETTO DEFINITIVO. Milano, febbraio 2006 Q

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA 1^ PARTE. n. Q81-0003 METROTRANVIA MILANO PARCO NORD SEREGNO PROGETTO DEFINITIVO. Milano, febbraio 2006 Q81-0003"

Transcript

1 METROTRANVIA MILANO PARCO NORD SEREGNO PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA 1^ PARTE n. Q Milano, febbraio 2006 Q

2 DATA COM N REV DESCR REDAT VERIF ACQ APPR Q Emissione M. Branca M. Branca E. Ferrari - E. Melzi - E. Maistro - G. Brega - L. Pinardi M. Guzzi S. Viganò M. Branca S. Viganò Febbraio 2006 Q PROGETTO DEFINITIVO S. Viganò IL DIRETTORE TECNICO IL RESP. DELLA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DOTT. ING. BRUNO CAVAGNA DOTT. ING. MASSIMO GUZZI Ordine degli Ingegneri Bergamo n 1917 Ordine degli Ingegneri Milano n Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 2 di 118

3 INDICE 1^ PARTE 1. INTRODUZIONE Premessa Antefatti e sviluppi del progetto Contenuti dell intervento IPOTESI DI ESERCIZIO STANDARD DI PROGETTAZIONE Premessa Standard di tracciato Interfaccia ruota-rotaia Curve planimetriche Sopraelevazione delle curve Raccordi di transizione Rampe di sopraelevazione Andamento altimetrico Distanze minime degli ostacoli fissi dal materiale rotabile e interbinario Fermate DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Introduzione Comune di Milano Comune di Bresso Dal confine comunale con Milano alla fermata Bresso-Giovanni XXIII Dalla fermata Bresso-Giovanni XXIII alla fermata Bresso-Ariosto Dalla fermata Bresso-Ariosto alla fermata Bresso-Rivolta Dalla fermata Bresso-Rivolta alla fermata Bresso-Lurani Dalla fermata Bresso-Lurani alla fermata Bresso-Pascoli Dalla fermata Bresso-Pascoli al confine con Cusano Milanino Comune di Cormano Comune di Cusano Milanino Dal confine comunale con Bresso alla fermata Cusano M.-Marconi 36 Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 3 di 118

4 Dalla fermata Cusano M.-Marconi alla fermata Cusano M.-Matteotti Dalla fermata Cusano M.-Matteotti alla fermata Cusano M.-Aprica Dalla fermata Cusano M.-Aprica al confine comunale con Paderno Dugnano Comune di Paderno Dugnano Dal confine comunale con Cusano Milanino alla fermata Paderno D.-Paisiello Dalla fermata Paderno D.-Paisiello al capolinea intermedio di Calderara Dal capolinea intermedio di Calderara al confine comunale con Nova Milanese Comune di Nova Milanese Dal confine comunale con Paderno Dugnano al Canale Villoresi Dal canale Villoresi alla fermata Nova-Vertua Dalla fermata Nova-Vertua al confine comunale con Desio Comune di Desio Dal confine comunale con Nova Milanese alla fermata Desio-Togliatti Dalla fermata Desio-Togliatti alla fermata Desio-Pietro da Desio Dalla fermata Desio-Pietro da Desio alla fermata Desio-Stadio Dalla fermata Desio-Stadio alla fermata Desio-Gabellini Dalla fermata Desio-Gabellini all intersezione fra via Mazzini e via SS. Siro e Materno Dall intersezione fra via Mazzini e via SS. Siro e Materno al confine comunale con Seregno Comune di Seregno Dal confine comunale con Desio alla fermata Seregno-Platone Dalla fermata Seregno-Platone alla fermata Seregno-Edison Dalla fermata Seregno-Edison al capolinea di Seregno FS Inquadramento idrogeologico Note sull idrologia dell alto Milanese Note sulla geologia dell'area milanese OPERE STRUTTURALI Sottopasso ciclo-pedonale realizzato con monolite a spinta sotto l autostrada A Tombinature del canale Villoresi e del suo derivatore Tombinatura del derivatore del Canale Villoresi Ampliamento della tombinatura del Canale Villoresi Demolizione sottopasso pedonale di via Milano di Desio 64 Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 4 di 118

5 5.4. Interventi di adeguamento dello scalo merci di Seregno Sottostazioni elettriche Sottostazioni elettriche fuori terra Sottostazioni elettriche interrate Fondazioni delle pensiline SOTTOSERVIZI E VIABILITÀ Sistemazione dei sottoservizi Viabilità e sistemazioni superficiali Generalità Cordonature stradali e delimitazioni laterali della sede tranviaria Intersezioni a rotatoria Attraversamenti pedonali SOVRASTRUTTURA TRANVIARIA Tipologia della sovrastruttura tranviaria Binario su platea in c.a. con rotaie a gola Materiali Binario su platea in c.a. a massa flottante con rotaie a gola Materiali Binario su ballast Binario con rotaie 50 UNI Binario con rotaie a gola Binari inerbiti su platea in c.a Materiali per il binario inerbito con rotaie 50 UNI Materiali per il binario inerbito con rotaie Ic Binario inerbito su ballast Scambi e intersezioni Posa su platea in c.a Posa su ballast Opere di completamento dei binari pavimentati Drenaggio delle sedi tranviarie pavimentate Pavimentazioni delle sedi tranviarie Applicazione dei vari tipi di armamento lungo la linea 92 Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 5 di 118

6 8. PENSILINE DELLE FERMATE DEPOSITO-OFFICINA Introduzione Presenza di elettrodotti ad alta tensione Caratteristiche principali Edifici principali Capannone rimessa-officina tram Centrale termica Sottostazione elettrica Edificio depuratore Reti di scarico delle acque bianche, nere e di processo lavorativo Armamento Binario sul solettone del capannone rimessa-officina Binario su pilastrini Apparecchi del binario: scambi, pettini e intersezioni Impianti civili Impianti antincendio Impianti idrico-sanitari Impianti termici Impianto aria compressa Impianti speciali Tornio in fossa Impianto di lavaggio automatico Impianto di sollevamento dei rotabili Impianto per il riempimento delle sabbiere dei rotabili Carroponte Gru a bicicletta 117 Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 6 di 118

7 INDICE 2^ PARTE 10. IMPIANTI Alimentazione elettrica di linea Descrizione generale Dimensionamento del sistema di alimentazione Architettura delle sottostazioni elettriche Sezionatori di linea e cavi alimentatori Dorsale MT Linea di contatto Standard prestazionali Andamento altimetrico della linea di contatto Poligonazione Caratteristiche costruttive della linea di contatto Linea di contatto in corrispondenza degli scambi Linea di contatto in deposito Comando scambi e segnalamento Premessa Impianto di segnalamento Deposito Impianto di comando scambi Casse di manovra Dispositivi di bordo Sistemi di ausilio all esercizio: semafori stradali e tranviari Generalità Localizzazione degli interventi Opere Caratteristiche tecniche Impianti elettrici di linea Alimentazione degli impianti di fermata Quadro Elettrico impianti di fermata Impianto d illuminazione di fermata Impianto F.M. di fermata Rete di terra di fermata Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 7 di 118

8 Alimentazione riscaldamento scambi Segnalamento/comando scambi e casse di manovra Normativa di riferimento Impianti elettrici del deposito Alimentazioni Cabina elettrica 23/0,4 kv Gruppo elettrogeno Quadri di distribuzione Gruppo statico di continuità Cavi Impianti di messa a terra Impianti di motorizzazione dei cancelli, portoni e flap Alimentazione riscaldamento scambi Impianti d illuminazione Impianto prese F.M Impianto antintrusione Impianto rivelazione fumi/sprinkler Impianto fotovoltaico Normativa di riferimento Sistemi di gestione centralizzati Introduzione Sistema di assistenza all esercizio (SAE) Funzionalità del Posto di Controllo Localizzazione dei veicoli Sistema di bordo Sistema di informazione ai passeggeri (SIV) Asservimento semaforico Logica di sistema: considerazioni generali Architettura Dotazione a bordo dei Veicoli Calcolo della priorità Impianto radio Impianti Telecomunicazioni e Sistema Teleoperazioni Impianti Audio-Video Cavi di telecomunicazione Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 8 di 118

9 Sistema di Trasmissione Armadi di contenimento delle apparecchiature Rete Telefonica Sistema di teleoperazioni Sistema di Sincronizzazione Sistema di registrazione delle conversazioni Impianti di Deposito Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 9 di 118

10 1. INTRODUZIONE 1.1. PREMESSA Il progetto di riqualificazione della tranvia interurbana Milano Desio, con prolungamento a Seregno, prevede la trasformazione dell attuale, obsoleto impianto tranviario in una nuova metrotranvia (o tranvia veloce ( 1 ) ), con rifacimento radicale dell attuale impianto, sia per quanto attiene le vie di corsa e la tecnologia impiantistica, sia per quanto riguarda la tipologia dei rotabili e i criteri stessi di esercizio. La linea serve la direttrice storica della Valassina. Come l attuale tranvia interurbana, la nuova metrotranvia si sviluppa prevalentemente lungo la ex S.P. n. 9. Nella parte interessata dalla metrotranvia la competenza della strada è passata dalla Provincia ai Comuni. Nell ultimo tratto, da Desio al capolinea di Seregno FS, la nuova linea abbandona il percorso della vecchia tranvia interurbana (attuale Milano Desio e cessata Desio Seregno Carate), per servire l ospedale di Desio e per realizzare l interscambio con la stazione ferroviaria di Seregno. L intervento in questione assume una dimensione di livello sovracomunale, interessando i Comuni di Milano, Bresso, Cormano, Cusano Milanino, Paderno Dugnano, Nova Milanese, Desio e Seregno, e s inquadra nel contesto di una pianificazione strategica d ambito regionale e provinciale. La nuova linea ha uno sviluppo di circa 14,3 km, con una prima parte a doppio binario, da Parco Nord a Paderno Dugnano località Calderara (5,6 km), mentre la seconda parte della linea, da Calderara a Seregno FS (8,7 km) è a singolo binario con raddoppi per gli incroci. Di fatto, dell attuale tranvia interurbana viene riutilizzato il solo sedime, che viene reso disponibile per la completa riorganizzazione degli spazi: sede tranviaria, viabilità, spazi pedonali, ecc. Infatti, la vecchia tranvia si sviluppa prevalentemente su marciatram lungo il lato orientale della ex S.P. Valassina, collocazione che storicamente origina ( 1 ) Secondo i termini e le definizioni della norma UNI Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 10 di 118

11 dai tempi in cui i paesi serviti erano separati da aperta campagna. Questa collocazione della tranvia non è più compatibile con la densissima urbanizzazione del territorio. In particolare, risulta estremamente critica per la sicurezza e la velocità del servizio la quantità di attraversamenti (strade laterali e passi carrabili). Per cui è stata fatta la scelta di collocare la nuova metrotranvia in sede propria su un parterre a centro strada, con due carreggiate laterali per i due sensi di marcia, sulle quali si immettono tutte le strade laterali e i passi carrabili. L intervento comprende la realizzazione di un nuovo deposito tranviario, ubicato al confine fra i Comuni di Desio e Seregno, che sostituirà il deposito esistente a nord del centro di Desio. L intervento, condiviso tra i vari Enti interessati, permette il miglioramento del livello delle prestazioni quantitative e qualitative (tempi di spostamento più rapidi, servizio più frequente e regolare, rotabili più confortevoli, incremento dell offerta) di un infrastruttura obsoleta che oggi non risulta attrattiva per l utenza ANTEFATTI E SVILUPPI DEL PROGETTO In data 4 febbraio 2004 è stato sottoscritto l Accordo tra Regione Lombardia, Provincia di Milano, Comuni di Milano, Bresso, Cormano, Cusano Milanino, Paderno Dugnano, Nova Milanese, Desio e Seregno in ordine alla riqualificazione della tranvia Milano Desio con prolungamento a Seregno. Nell ambito degli impegni dei Soggetti sottoscrittori il Comune di Milano, per il tramite di Metropolitana Milanese S.p.A. (MM), in relazione alla convenzione in essere tra il Comune stesso e MM, si è impegnato a predisporre il progetto definitivo e la relazione di impatto ambientale. Questo accordo fa seguito a un iter programmatorio di cui si richiamano le principali deliberazioni: il Protocollo di Intesa, sottoscritto il 9 ottobre 2000, tra Regione Lombardia, Provincia di Milano, Comuni di Milano, Bresso, Cormano, Cusano Milanino, Desio, Paderno Dugnano, Nova Milanese in ordine alla Riqualificazione del sistema di trasporto pubblico lungo la direttrice della tranvia Milano Desio ; Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 11 di 118

12 l Accordo, sottoscritto il 31 gennaio 2001 tra i medesimi Enti sottoscrittori del Protocollo d Intesa sopra citato, a seguito del quale è stato redatto lo studio di fattibilità da parte di MM; il Protocollo di Intesa per la definizione degli interventi a completamento e adeguamento del sistema dei trasporti su ferro per l area della Brianza, sottoscritto il 13 febbraio 2001 da parte di Ministero dei Trasporti e della Navigazione, Regione Lombardia, Provincia di Milano, Provincia di Lecco e Comuni interessati, in cui le parti si impegnano, tra l altro, a verificare le ipotesi di riqualificazione del sistema di trasporto pubblico lungo le direttrici delle attuali tranvie interurbane Milano Limbiate e Milano Desio; l Integrazione al Protocollo d Intesa del 9 ottobre 2000, sottoscritta il 4 luglio 2001, per l estensione dello studio di fattibilità e del progetto preliminare relativamente al prolungamento della tranvia da Desio a Seregno e la conseguente Integrazione dell Accordo, sottoscritta il 26 luglio 2001; nel febbraio 2003 MM ha consegnato il Progetto Preliminare della metrotranvia Milano Parco Nord Seregno CONTENUTI DELL INTERVENTO Le infrastrutture di trasporto come le metrotranvie interagiscono direttamente con l ambiente urbano caratterizzandone l immagine, la fruibilità e la funzionalità. Come tali devono essere compatibili con il contesto attraversato; anzi, come nei migliori esempi stranieri, la metrotranvia costituisce un occasione importante, difficilmente ripetibile: di riqualificazione dell'arredo, del tessuto urbano e dell'immagine della città; per attivare politiche di riduzione del traffico; per rivitalizzare alcune aree urbane. Le prestazioni di alto livello di questo sistema di trasporto pubblico, soprattutto in termini di velocità commerciale, sono in primis garantite dall adozione di una sede propria lungo quasi tutta la linea, tale da limitare al minimo l interferenza delle vie di corsa con il traffico ordinario. Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 12 di 118

13 Nelle sue linee generali, il disegno di progetto della metrotranvia ottempera alle esigenze e alle finalità precipue di: realizzare una linea di trasporto pubblico in grado di garantire elevate prestazioni a beneficio dell attrattività del sistema e dell economia di esercizio, adottando idonee soluzioni infrastrutturali e dotazioni impiantistiche corrispondenti allo stato dell arte; omogeneizzare la nuova linea alla metrotranvia Nord di Milano, facendone propri gli standard di progetto e prevedendo la continuità d esercizio; realizzare un infrastruttura commisurata alla natura e all entità della domanda di trasporto lungo le varie sezioni della direttrice interessata; organizzare un assetto di rete integrata, facilitando le corrispondenze intermodali con altri sistemi forti pubblici e privati (in primo luogo: M3 a Maciachini e sistema ferroviario a Seregno FS); inserire adeguatamente, e senza particolari effetti compromissori, la linea nei contesti urbani interessati, evitando soprattutto di determinare uno sconveniente e spiacevole effetto-barriera; garantire, in ogni caso, condizioni di sicurezza, tanto nei riguardi della circolazione veicolare, quanto nei confronti dei movimenti pedonali; realizzare, in definitiva, un intervento sostanziale che coinvolge gli assi viari interessati nella loro globalità: un progetto che prevede la modifica dell assetto viabilistico esistente, la ricalibratura delle sedi stradali e l eventuale occupazione di spazi limitrofi, l individuazione e la delimitazione degli spazi dedicati al trasporto pubblico e di quelli destinati al trasporto privato, alla sosta e alla pedonalità. I contenuti progettuali della linea di trasporto prevedono, all interno dei contesti urbani e lungo gli assi viari percorsi, un intervento che interessa tutte le componenti dello spazio urbano compreso fra le cortine edificate: le pavimentazioni, il verde, i sottoservizi, l illuminazione pubblica, l arredo e, anche, in alcuni casi puntuali, le sistemazioni viabilistiche al contorno. In sostanza, il progetto della nuova metrotranvia porta con sé pure la ridefinizione dell assetto viario coinvolto e, a corollario imprescindibile, la risistemazione e il ridisegno delle componenti ambientali della città. In termini più strettamente operativi e in linea generale, le opere da realizzare riguarderanno: Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 13 di 118

14 lo smantellamento degli attuali impianti della tranvia interurbana e delle attuali pavimentazioni stradali lungo l asse viario interessato dall intervento; la realizzazione degli interventi strutturali necessari per l esecuzione della sede e la costruzione delle opere accessorie (es. SSE); lo spostamento eventuale e la sistemazione dei sottoservizi (es. fognature, tubazioni, cavi, ecc.); la formazione del piano di regolamento dei binari e dei sistemi di drenaggio della sede tranviaria; la costruzione del cavidotto tranviario lungo l intera linea; la ristrutturazione delle sedi stradali esistenti e/o la realizzazione di nuove carreggiate, secondo quanto previsto dall elaborato progettuale; la formazione delle cordonature stradali, delle pavimentazioni degli spazi pedonali, delle banchine di fermata; la posa dei binari e dei relativi rivestimenti (pavimentazioni o manto erboso); il sistema di trazione elettrica, comprensivo di sottostazione elettrica, alimentatori, linea aerea di contatto; gli impianti elettrici e speciali (casse di manovra degli scambi, sistema di radiocomando degli scambi, impianto audio-video, sistema di teleoperazioni, sistema di trasmissione SDH, cavi di telecomunicazione); le opere di finitura di fermata (pensilina, transenne e gli altri elementi di arredo delle fermate) e l installazione degli impianti nelle fermate; la messa a dimora di alberature e la sistemazione degli spazi a verde. Tutte queste opere devono essere realizzate causando il minore disturbo possibile all ambiente delle città, contenendo il rumore e le emissioni di polveri, nonché arrecando i minori intralci possibili alla circolazione viabilistica locale e alla pedonalità in zona. Al riguardo e nello specifico, in fase di esecuzione dei lavori saranno comunque garantite e salvaguardate sia la continuità del traffico pubblico e privato, sia la movimentazione pedonale o con opere provvisorie o con opportune deviazioni di percorso. Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 14 di 118

15 2. IPOTESI DI ESERCIZIO La nuova linea Milano Parco Nord Seregno si collega con la metrotranvia Nord di Milano, ovvero l attuale linea 4 Castello Parco Nord, costituendo un unica infrastruttura della lunghezza di circa 22 km. L ipotesi di esercizio su cui si basa il progetto prevede i seguenti due servizi: Milano Castello Paderno Dugnano località Calderara (circa 13 km), esercito con tram del parco urbano di Milano, ovvero con vetture monodirezionali; Milano Maciachini M3 Seregno FS (circa 18 km), esercito con nuovi tram bidirezionali, ovvero con cabine di guida a entrambe le estremità e porte su entrambi i lati. La prima parte della nuova linea, da Milano Parco Nord a Calderara, è a doppio binario (salvo un breve tratto a singolo binario in corrispondenza del sottovia dell autostrada A4), per cui il regime della marcia è a vista a tutti gli effetti, come sulla rete tranviaria urbana di Milano. Invece la seconda parte della linea, da Calderara a Seregno, essendo a singolo binario con raddoppi per gli incroci, richiede un impianto di segnalamento per garantire la sicurezza dei tram che impegnano le tratte a singolo binario, ferma restando la marcia a vista per quanto riguarda il distanziamento fra tram e la libertà della via. Tali caratteristiche richiedono che l esercizio sia opportunamente disciplinato nel regolamento di esercizio. Avendo inoltre stabilito che, per garantire un elevato livello di sicurezza, tale impianto di segnalamento debba comprendere dispositivi che prevengano l indebita immissione nelle tratte a singolo binario in caso di mancato rispetto dei segnali a via impedita (errore umano), i tram destinati a fare servizio su questa parte della linea, oltre che bidirezionali, devono anche essere equipaggiati con le apparecchiature di bordo del segnalamento. Anche i tram specializzati per la seconda parte della linea avranno lunghezza massima di 35 m, larghezza di 2,40 m e pavimento basso, in analogia con i più recenti tram a grande capacità del parco urbano di Milano. Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 15 di 118

16 Per entrambi i servizi (Milano Castello Calderara e Milano Maciachini M3 Seregno FS) si prevede una frequenza massima nelle ore di punta di 8 minuti; per cui nella tratta Maciachini M3 Calderara si avrà una frequenza massima di 4 minuti. Per esercire il servizio Milano Castello Calderara si stima che siano necessarie circa 12 vetture, che possono essere attinte dal parco tranviario urbano di Milano. Per il servizio Milano Maciachini M3 Seregno FS si stima un fabbisogno di 14 vetture, di nuova acquisizione; per cui, considerando anche le scorte, il quadro economico del progetto comprende 18 vetture tranviarie bidirezionali. Il deposito tranviario ( 9) è dimensionato per ospitare tutti i tram bidirezionali, nonché una buona parte di quelli destinati al servizio Milano Castello Calderara. L ipotesi di rimessare anche una parte di tram monodirezionali consente di minimizzare i percorsi a vuoto a inizio e fine turni, ma comporta che anche queste vetture vengano equipaggiate con i dispositivi di bordo del segnalamento. Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 16 di 118

17 3. STANDARD DI PROGETTAZIONE 3.1. PREMESSA Il progetto della tranvia coinvolge tutte le componenti dello spazio urbano: le pavimentazioni, il verde, i sottoservizi, l illuminazione pubblica, l arredo, ecc. In vari tratti della linea l intervento è da facciata a facciata, ovvero interessa tutto lo spazio compreso fra le cortine edificate. I principali standard di progettazione, sia per la parte più strettamente tranviaria sia per quella di sistemazione urbana, sono quelli sviluppati e via via affinati per le metrotranvie già realizzate (metrotranvie Nord, Sud e Testi Bicocca Precotto), in costruzione (Milano Cinisello) e in avanzato stadio di progettazione (estensione della linea 15 a Rozzano). Soluzioni particolari, soprattutto per quanto riguarda le sistemazioni superficiali, sono state studiate d intesa con i Comuni interessati STANDARD DI TRACCIATO INTERFACCIA RUOTA-ROTAIA I dati che caratterizzano la rete tranviaria urbana di Milano sono i seguenti: scartamento del binario di 1445 mm, come da UNI 3648; rotaie a gola a norma UNI 3142 e rotaie Vignole del tipo 50 UNI 3141; profilo ruota a norma UNI 3332; distanza tra le facce interne dei cerchioni di 1392 mm. Il suddetto profilo ruota, con larghezza del cerchione di soli 84 mm e altezza del bordino di soli 18 mm, risulta particolarmente penalizzante. In particolare: Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 17 di 118

18 nelle curve richiede l adozione di rotaie a gola (fino a oggi del tipo UNI 3142 Ic); negli scambi e nelle intersezioni richiede l adozione di cuori a gola portante. Per la metrotranvia in questione si possono ipotizzare due alternative: estendervi i suddetti standard della rete tranviaria urbana; dotare i rotabili ( 2) di ruote con cerchioni più larghi e bordini più consistenti. Ciò consentirebbe: di impiegare rotaie Vignole anche in curva, limitando l uso delle rotaie a gola (Ri 60 o simili) alle tratte in sede promiscua; di realizzare la maggiore parte degli scambi e delle intersezioni con cuori a gola profonda, cioè con appoggio tramite la tavola di rotolamento. In questa seconda ipotesi dovrebbe essere verificato che i rotabili dotati dei cerchioni suddetti siano in grado di circolare liberamente sul resto delle rete urbana. A quest ultimo proposito, si evidenzia che: gli attuali tram interurbani della linea Milano Desio hanno cerchioni larghi 110 mm e altezza del bordino di 23 mm; gli scambi e le intersezioni della metrotranvia Nord Maciachini Parco Nord sono dimensionati per permettere la circolazione anche dei rodiggi dei tram interurbani. Inoltre su questa linea sono stati adottati giunti elastici fra rotaie e pavimentazioni atti a prevenire l urto fra cerchioni larghi (fino a 110 mm) e le adiacenti pavimentazioni CURVE PLANIMETRICHE La rete tranviaria di Milano presenta i seguenti raggi di curva ( 2 ): minimo normale in linea 18 m ( 3 ) minimo assoluto 15 m Il raggio minimo che è opportuno adottare per linee nuove è di 25 m ( 4 ). ( 2 ) Raggi misurati sulla rotaia esterna. A Milano non era uso considerare la mezzeria del binario. ( 3 ) Con minimi eccezionali ancora inferiori. Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 18 di 118

19 SOPRAELEVAZIONE DELLE CURVE In sede propria, non carrabile, le curve sono sopraelevate secondo la pratica delle ferrovie, delle metropolitane e appunto delle tranvie moderne. La sopraelevazione è verificata, rispetto alla velocità di progetto, sulla base del valore massimo dell accelerazione centrifuga non compensata di 0,9 m/s², secondo la formula: essendo: a c = 2 V h 2 3, 6 R 153 ac V l accelerazione centrifuga non compensata, in m/s²; la velocità di percorrenza della curva, in km/h; R il raggio della curva, in m; h la sopraelevazione, in mm. In sede promiscua, carrabile, la sopraelevazione del binario è limitata ad entità molto piccole, per questioni di compatibilità con il traffico veicolare RACCORDI DI TRANSIZIONE Le curve sono dotate di raccordi di transizione (clotoidi), se trattasi di curve di piccolo raggio, per le quali è maggiormente sentita la necessità di una gradualità di transizione dal rettilineo alla curva circolare. La clotoide ha equazione: con: A 2 = R L A parametro della clotoide, in m; R raggio della curva circolare, al termine della curva di transizione. Le curve di raggio grande (maggiore di 200 m) sono archi di circonferenza, senza raccordi di transizione, che sarebbero superflui, date le velocità sviluppabili in contesto urbano. Le curve di raggio medio ( m) sono dotate di raccordo se si trovano in ( 4 ) Da qui in avanti ci si riferisce al raggio misurato sulla mezzeria del binario, salvo altrimenti specificato. Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 19 di 118

20 sede propria, con aspettativa di velocità relativamente elevata e con sovraelevazione cospicua; al contrario, non sono dotate di raccordi se si trovano in contesti viabilistici dove la velocità è comunque limitata RAMPE DI SOPRAELEVAZIONE Se la curva è dotata di raccordi di transizione planimetrici, il raccordo di sopraelevazione è effettuato lungo gli stessi raccordi planimetrici. La pendenza di sopraelevazione massima è di 3 mm/m. Se la curva non è dotata di raccordi di transizione, la rampa di sopraelevazione si sviluppa nel tratto di rettilineo adiacente alla tangenza. Similmente, se il raccordo di transizione esiste, ma non è lungo a sufficienza per rispettare la suddetta pendenza di sopraelevazione massima, la rampa di sopraelevazione sconfina sul rettilineo per la parte che non riesce ad essere contenuta nel raccordo. Se infine, trovandosi in uno dei casi di cui al precedente capoverso, il rettilineo interposto tra la curva in esame e la curva successiva non è sufficientemente lungo per ospitare la rampa di sopraelevazione, questa deve sconfinare sulla curva circolare ANDAMENTO ALTIMETRICO In sede di definizione delle caratteristiche delle metrotranvie, ATM e MM si sono date lo standard del 6% come pendenza massima per metrotranvie destinate ad essere percorse soltanto da materiale rotabile nuovo. Di fatto però, nei progetti delle metrotranvie già sviluppati, la pendenza è stata contenuta entro valori minori, allo scopo di consentire la circolazione di tutte le vetture del parco esistente senza limitazioni; la pendenza massima realmente adottata, pari al 43, si riscontra sulla metrotranvia viale F. Testi Bicocca Precotto. Nel caso della metrotranvia Milano Parco Nord Seregno la linea segue l altimetria delle strade o del piano campagna, per cui non vi sono pendenze significative. Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 20 di 118

21 DISTANZE MINIME DEGLI OSTACOLI FISSI DAL MATERIALE ROTABILE E INTERBINARIO Distanze minime degli ostacoli fissi dal materiale rotabile Il progetto rispetta le distanze prescritte dalla norma UNI 7156, sulla base delle dimensioni dei rotabili più ingombranti del parco ATM. Questi sono le vetture: tipo 4800 agli effetti degli spostamenti del ventre e della testata dal lato dell interbinario (a quest ultimo proposito la coda risulta leggermente più ingombrante della testata anteriore); tipo 4900 agli effetti degli spostamenti della testata dal lato del marciapiede (per via della caratteristica testata asimmetrica). Tutti gli altri rotabili del parco ATM rientrano nell inviluppo degli ingombri delle vetture suddette. Anche le nuove vetture a pavimento ribassato rientrano in tale inviluppo Interbinario L interasse normale tra i due binari di linea è pari a 3,045 m, corrispondente all intervia di 1,6 m, come d uso per le nuove costruzioni sulla rete tranviaria di Milano. L interasse fra i binari di linea viene adeguatamente maggiorato sulle curve di piccolo raggio (fino a 50 m), onde rispettare la distanza tra due tram che si incrociano prescritta dalla norma UNI Tale allargamento dell intervia è calcolato sulla base delle dimensioni dei rotabili più ingombranti del parco ATM (vedi precedente ). Q ^ parte Rev. 1 Febbraio 2006 Pag. 21 di 118

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

doc. 8A2v Relazione Opere di Urbanizzazione

doc. 8A2v Relazione Opere di Urbanizzazione Gruppo Pasini S.p.a. Programma Integrato di Intervento Ex E.Marelli - Proposta di Variante Relazione Opere di Urbanizzazione Progettisti: Gruppo Pasini S.p.a. V.le Edison 50 2099 Sesto San Giovanni (MI)

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

RENDICONTO DI FINE MANDATO

RENDICONTO DI FINE MANDATO MAGGIO 2014 RENDICONTO DI FINE MANDATO ASSESSORATO LL.PP. E VIABILITA ANNO 2009 Sistemazione aiuola via Zanchi per messa in sicurezza fermata ATB Manutenzione straordinaria spalcatura barriera verde Impianti

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

T.Esposito R.Mauro M.Corradini LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI

T.Esposito R.Mauro M.Corradini LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI Luglio 2007 La presente monografia costituisce l aggiornamento del Cap.11 del testo T.Esposito,

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Impatti. Volu mi. Veloci tà

Impatti. Volu mi. Veloci tà I risultati conseguiti dagli interventi di moderazione del traffico Nella determinazione dei dati sull incidenza sulla velocità vanno tenuti presenti il luogo e il tempo del rilevamento: i conducenti rallentano

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Convenzione sulla circolazione stradale

Convenzione sulla circolazione stradale Convenzione sulla circolazione stradale Conclusa a Vienna l 8 novembre 1968 Le Parti contraenti, nell intento di facilitare la circolazione stradale internazionale e di accrescere la sicurezza nelle strade

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 luglio 2002 (Pubblicato sulla GU n. 226 del 26-9-2002- Suppl. Straordinario) Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate AP AU nr. 11/2015 AVVISO AGLI UTENTI Data emissione 21 Gennaio 2015 Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate Si informa la Gentile Clientela che a partire

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 03 del 19 gennaio 2005

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli