Conoscere i protocolli di voce a pacchetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conoscere i protocolli di voce a pacchetti"

Transcript

1 White Paper Conoscere i protocolli di voce a pacchetti Negli ultimi 10 anni, lo stile di comunicazione delle persone e delle organizzazioni è cambiato molto rapidamente. Molti di questi cambiamenti sono dovuti alla crescita esplosiva di Internet e delle applicazioni basate sul protocollo IP. Internet è diventato un mezzo universale di comunicazione e la quantità totale del traffico a pacchetti ha rapidamente surclassato quella del traffico vocale tradizionale (DataQuest, 1998). Alla luce di questi progressi tecnologici, è evidente a chiunque operi nel settore delle telecomunicazioni (carrier, aziende e vendor) che il traffico e i servizi vocali saranno una delle prossime applicazioni principali a sfruttare appieno le potenzialità del protocollo IP. Questa aspettativa si basa sull impatto di un nuovo gruppo di tecnologie, comunemente note come voice over IP (oip) o telefonia IP. La tecnologia oip offre molte funzionalità uniche ai carrier e ai clienti che dipendono dal protocollo IP o da altre reti a pacchetti. Tra i benefici più importanti figurano: Risparmio sui costi Trasferendo il traffico vocale alle reti IP, le aziende possono ridurre o eliminare le spese delle telefonate su linea analogica (PSTN). I service provider e gli utenti finali possono inoltre risparmiare larghezza di banda investendo in capacità extra solo quando è veramente necessario, grazie alla natura distribuita del oip e al contenimento dei costi di operatività che è possibile conseguire facendo confluire il traffico vocale e di dati in un unica rete. Standard aperti e interoperabilità multivendor Adottando standard aperti, sia le aziende che i service provider possono acquistare nuovi prodotti da più vendor ed eliminare così la dipendenza da soluzioni proprietarie. Reti integrate di linee vocali e di dati Trasformando la voce in un altra applicazione IP, le aziende possono effettivamente creare reti integrate di linee vocali e di dati, che non solo offrono la qualità e l affidabilità delle attuali linee analogiche, ma consentono anche alle aziende di sfruttare, in modo rapido e flessibile, le nuove opportunità offerte dalle continue evoluzioni del settore delle comunicazioni. Nel 1995 hanno fatto la loro comparsa sul mercato i primi prodotti oip commerciali, rivolti a quelle aziende che volevano ridurre i costi associati alle telecomunicazioni migrando il traffico vocale sulle reti a pacchetti. I primi a passare alle reti oip hanno adottato soluzioni che consentivano di risparmiare sulle spese di telefonia per sfruttare le normative in favore del traffico IP. Queste prime reti erano supportate soprattutto da tecnologia proprietaria, poiché non erano stati ancora stabiliti degli standard universali. Con l evoluzione di queste reti di telefonia a pacchetti e l emergere delle dipendenze di interconnessione, è sorta la necessità di protocolli oip standard. Diversi gruppi di lavoro hanno accettato la sfida e hanno prodotto standard differenti, ciascuno con le proprie caratteristiche distintive. In particolare, le aziende e i loro clienti si sono ritrovati a dover confrontare le analogie e le differenze tra quattro diversi protocolli con funzione di segnalazione e controllo delle chiamate per il oip: H.323 Media Gateway Control Protocol (MGCP) Copyright Tutti i diritti riservati. Avvisi importanti e dichiarazione di riservatezza. Pag. 1 di 7

2 Session Initiation Protocol (SIP) H.248/Megaco Mentre stavano mettendo a punto soluzioni oip attuabili, i tecnici di rete dovevano stabilire in quale misura questi protocolli fossero efficaci e quali fossero più adatti per particolari reti e applicazioni. Di seguito sono fornite alcune indicazioni e informazioni su questi protocolli IP per dissipare parte della confusione che regna sul mercato. Il mito della grande voce Secondo il mito della grande voce esiste un solo modo per costruire reti vocali e dovrebbe esistere un solo protocollo vocale per ciascuna funzione della rete vocale a pacchetti. Per quanto questa concezione di nirvana della rete sia stata discussa in molti circoli accademici, in realtà vi sono diversi protocolli oip e architetture che continueranno ad esistere nel prossimo futuro e saranno utilizzati per costruire molte reti. Proprio come le attuali reti di dati sono state create usando diversi protocolli e applicazioni, quelle oip di oggi e di domani saranno create con i protocolli e le applicazioni più adatti alle tecnologie associate e alle esigenze aziendali. La domanda che un azienda deve porsi non è: Qual è il protocollo migliore?, ma: Quali servizi vogliamo installare e quali protocolli oip sono maggiormente in grado di supportarli?. La risposta alla prima domanda potrebbe rispecchiare l influsso di un vendor o di un ente regolatore. La risposta alla seconda domanda dipende interamente dai requisiti unici di ogni singola implementazione di rete. Poiché non vi sono due business o reti che siano esattamente identici, ogni azienda avrà una risposta personale alla seconda domanda. Orientarsi nel mondo degli standard oip Il oip è fatto di molti standard e protocolli. È necessario conoscere la terminologia di base per comprendere le applicazioni e l uso del oip. Le definizioni fornite di seguito possono essere un utile punto di partenza (i protocolli sono elencati in ordine alfabetico): H.248. È il risultato della collaborazione tra ITU e Internet Engineering Task Force (IETF). Anche noto come IETF RFC 2885 (Megaco), definisce un architettura centralizzata per la creazione di applicazioni multimediali, compreso il oip. Sotto diversi aspetti, l H.248 si basa sul MGCP e ne rappresenta l estensione. H.323. È una raccomandazione ITU che definisce i sistemi di comunicazione multimediale a pacchetto. In altre parole, l H.323 indica un architettura distribuita per la creazione di applicazioni multimediali, compreso il oip. IETF. Fa riferimento all Internet Engineering Task Force (http://www.ietf.org/), una comunità di tecnici che si è posta l obiettivo di definire il funzionamento di Internet e dei relativi protocolli e degli standard prevalenti. ITU. È l acronimo di International Telecommunication Union (http://www.itu.int/home/index.html), un organizzazione internazionale all interno del sistema delle Nazioni Unite (http://www.unsystem.org/), dove i governi e il settore privato coordinano le reti e i servizi di telecomunicazioni globali. Megaco Anche noto come IETF RFC 2885 e Raccomandazione ITU H.248, definisce un architettura centralizzata per applicazioni multimediali, compreso il oip. Media Gateway Control Protocol (MGCP), o IETF RFC Definisce un architettura centralizzata per applicazioni multimediali, compreso il oip. Real-Time Transport Protocol (RTP), o IETF RFC Indica un protocollo di trasporto per le applicazioni in tempo reale. In particolare, l RTP supporta il traffico audio/media della comunicazione oip. L RTP è utilizzato da tutti i protocolli di segnalazione oip. Session Initiation Protocol (SIP), o IETF RFC Indica un architettura distribuita per applicazioni multimediali, compreso il oip. Copyright Tutti i diritti riservati. Avvisi importanti e dichiarazione di riservatezza. Pag. 2 di 7

3 Architetture centralizzate e distribuite In passato, tutte le reti vocali erano supportate da un architettura centralizzata in cui gli endpoint (i telefoni) erano controllati da switch centralizzati. Sebbene questo modello fosse efficiente per i servizi di base della telefonia, richiedeva un compromesso tra una gestione semplificata e l innovazione degli endpoint e dei servizi. Uno dei benefici offerti dalla tecnologia oip è la possibilità di scegliere tra un architettura centralizzata o distribuita. Questa flessibilità consente alle aziende di creare reti caratterizzate sia dalla gestione semplificata che dall innovazione degli endpoint, a seconda del protocollo utilizzato. In generale, l architettura centralizzata è associata ai protocolli MGCP e H.248/Megaco, che sono stati messi a punto per un dispositivo centralizzato, il media gateway controller o call agent, con funzione di segnalazione e controllo delle chiamate. Il dispositivo centralizzato comunica con i media gateway che instradano e trasmettono le chiamate (le informazioni vocali). In un architettura centralizzata l intelligenza di rete è centralizzata e gli endpoint sono relativamente poco attivi (con funzionalità limitate o addirittura assenti). Sebbene la maggior parte delle architetture centralizzate oip sia supportata da protocolli MGCP o H.248/Megaco, è anche possibile utilizzare protocolli SIP o H.323 con segnalazione da parte di un back-to-back user agent (B2BUA) o di un gatekeeper (GKRCS). Chi è favorevole a un architettura centralizzata oip preferisce questo modello perché consente di centralizzare la gestione, l erogazione e il controllo delle chiamate, semplifica il flusso delle chiamate per replicare le funzionalità vocali precedenti ed è di facile comprensione per i tecnici abituati ai sistemi precedenti. Gli scettici dell architettura centralizzata sostengono che inficia l innovazione degli endpoint e che diventerà un ostacolo nel passaggio ai servizi oip destinati ad abbandonare le funzionalità vocali precedenti. L architettura distribuita è associata ai protocolli H.323 e SIP, che consentono la distribuzione dell intelligenza di rete tra gli endpoint e i dispositivi di controllo delle chiamate. In questo caso, con intelligenza si intende l insieme dello stato e delle funzionalità delle chiamate, l instradamento, la fatturazione o qualsiasi altro aspetto relativo alla gestione delle chiamate. Gli endpoint possono essere gateway oip, telefoni IP, media server o qualsiasi dispositivo che possa dare inizio e concludere una chiamata oip. In una rete H.323 i dispositivi di controllo delle chiamate sono definiti gatekeeper, in una rete SIP sono definiti proxy server o redirect server. Chi è favorevole a un architettura distribuita sostiene che questo modello sia caratterizzato da un elevata flessibilità e che le applicazioni oip possano essere considerate come qualsiasi altra applicazione IP distribuita: consentono di aggiungere intelligenza agli endpoint o ai dispositivi di controllo delle chiamate, a seconda delle esigenze aziendali e tecnologiche della rete. Di solito, l architettura distribuita è ben nota ai tecnici che gestiscono i dati IP. In genere, chi critica l architettura distribuita sostiene che l infrastruttura PSTN esistente è l unico modello di riferimento che dovrebbe essere utilizzato nella replicazione dei servizi vocali precedenti e che le reti distribuite tendono a essere più complesse. H.323 L H.323 è stato originariamente creato per offrire un meccanismo di trasporto delle applicazioni multimediali nelle LAN. Sebbene l H.323 sia ancora utilizzato da numerosi vendor per le applicazioni di videoconferenza, si è evoluto per rispondere alle crescenti esigenze delle reti oip. Per la sua immediata disponibilità e queste caratteristiche innovative, l H.323 è attualmente il protocollo oip più utilizzato per la segnalazione e il controllo delle chiamate, con carrier nazionali e internazionali che lo sfruttano per gestire milioni di minuti di operatività ogni anno. L H.323 è considerato un protocollo contenitore perché definisce tutti gli aspetti della trasmissione delle chiamate, dall esecuzione alla funzione di scambio alla disponibilità di risorse di rete. L H.323 definisce i protocolli RAS (Registration, Admission e Status) per l instradamento delle chiamate, H.225 per l attivazione delle chiamate e H.245 per la funzione di scambio. Copyright Tutti i diritti riservati. Avvisi importanti e dichiarazione di riservatezza. Pag. 3 di 7

4 Figura 1 Reti H.323 Gatekeeper A ACF LRQ LCF Gatekeeper B ACF RRQ/RCF IP Network RRQ/RCF ARQ Gateway A Telefono A H.225 (Q.931) Setup H.225 (Q.931) Segnala e connette H.245 RTP ARQ Gateway B Telefono B L H.323 si basa sul protocollo ISDN (Integrated Services Digital Network) Q.391, che consente di comunicare facilmente con le precedenti reti vocali come la PSTN o SS7 (Signaling System 7). L H.323 viene utilizzato in un architettura distribuita e consente alle aziende di creare reti estese scalabili, resilienti e ridondanti. Rende possibile il collegamento ad altre reti oip e supporta l intelligenza di rete sia a livello di endpoint che di gatekeeper. MGCP/H.248/Megaco I protocolli MGCP e H.248/Megaco sono stati studiati per un architettura che consenta di aggiungere a una rete oip il controllo delle chiamate e i servizi associati. Quindi, un architettura basata su questi protocolli assomiglia molto alle reti e ai servizi PSTN esistenti. I protocolli MGCP e H.248/Megaco definiscono la maggior parte degli aspetti relativi alla segnalazione mediante il modello a pacchetti. I pacchetti identificano la funzionalità attivata più di frequente, come la segnalazione PSTN, la connettività con periferiche di linea e caratteristiche come la trasmissione e la tenuta. Inoltre, il protocollo SDP (Session Definition Protocol) viene impiegato per lo scambio di risorse. Figura 2 Reti MGCP/H.248/Megaco SS7 Call Agent Call Agent IMT PSTN PSTN PRI Gateway di accesso MGCP/H.248/Megaco RTP Copyright Tutti i diritti riservati. Avvisi importanti e dichiarazione di riservatezza. Pag. 4 di 7

5 In un architettura centralizzata, i protocolli MGCP e H.248/Megaco consentono alle aziende di creare reti estese scalabili, resilienti e ridondanti e di comunicare con altre reti oip, aggiungendo intelligenza e caratteristiche al call agent. SIP Il SIP è un protocollo multimediale che potrebbe sfruttare l architettura e i messaggi tipici delle comuni applicazioni Internet. Servendosi di un architettura distribuita che sfrutta gli URL per le definizioni e per gli SMS, SIP tenta di sfruttare il modello Internet per creare reti e applicazioni oip. Inoltre, viene impiegato per il servizio di videoconferenze e per i messaggi in tempo reale. Il protocollo SIP definisce solo la modalità di configurazione e di eliminazione delle sessioni. Usa altri protocolli IETF per definire altri aspetti del oip e delle sessioni multimediali come l SDP per lo scambio di risorse, l URL per gli indirizzi, il DNS (Domain Name System) per l area di provenienza del servizio e il TRIP (Telephony Routing over IP) per l instradamento delle chiamate. Figura 3 Reti SIP Registrazione Trasferimento Database di collocazione SIP Server/servizi Registra "Sono qui" Trasferimento 3xx "Hanno cambiato indirizzo, prova questo" "Dov'è il nome/numero di telefono?" IP SIP Proxy Utente SIP Agenti PROPOSTA "oglio comunicare con un altro UA" Utente SIP Agenti PROPOSTA del proxy "La gestisco io" SIP-GW L IETF ha fatto grandi progressi nella definizione delle estensioni che consentono al SIP di comunicare con le reti vocali convenzionali. Tuttavia, viene impiegato principalmente per creare un ambiente che supporta i modelli di comunicazione di nuova generazione che sfruttano Internet e le relative applicazioni. In un architettura distribuita il SIP consente alle aziende di creare reti estese scalabili, resilienti e ridondanti. Consente inoltre la comunicazione con altre reti oip e aggiunge intelligenza e nuove funzionalità sia a livello di endpoint che di SIP proxy o di redirect server. Protocolli oip di interconnessione Con l installazione delle reti oip a un ritmo sempre più sostenuto, i vendor e i service provider oip continuano ad aggiungere nuove funzionalità. Poiché il supporto cambia a seconda del protocollo e le aziende hanno esigenze diverse, è molto probabile che le reti oip continueranno a basarsi su protocolli multipli. La molteplicità dei protocolli assicura ai clienti la flessibilità necessaria per interconnettere servizi di carrier multipli. L impiego di standard, anche molteplici, semplifica l installazione degli endpoint multivendor e aumenta le opzioni per la gestione e la fornitura delle reti. Copyright Tutti i diritti riservati. Avvisi importanti e dichiarazione di riservatezza. Pag. 5 di 7

6 Le società intenzionate ad estendere la propria rete si trovano a dover scegliere la modalità di interconnessione usando protocolli oip diversi. Spesso queste scelte rientrano in una delle tre categorie: TDM Trasmissione mediante standard TDM (time-division multiplexing Le aziende che adottano questo standard usano strumenti TDM o gateway oip per la comunicazione tra i vari protocolli. Quali sono i benefici di questo modello? Può essere utilizzato fin da oggi. Lo svantaggio è che introduce latenza nella rete oip e richiede un ulteriore passaggio (oip n. 1 <-> TDM <-> oip n. 2). Questo modello è considerato solitamente una soluzione a breve termine fino a quando non saranno disponibili i traduttori di protocollo IP. Architettura di protocollo unica Le aziende che scelgono questo modello adottano un unico protocollo per tutti i sistemi e i servizi oip, semplificando così la gestione dell intera rete. Uno degli svantaggi di questo approccio è l impossibilità di migrare i sistemi esistenti per supportare il nuovo protocollo, con la conseguenza che l azienda potrebbe perdere alcuni dei servizi già attivi. Inoltre, questo modello limita la connettività potenziale verso le altre reti che usano altri protocolli di segnalazione oip. Traduzione del protocollo Le aziende che privilegiano questo modello usano traduttori di protocollo IP per collegare tra loro due o più domini di protocollo oip. I traduttori IP consentono di mantenere la flessibilità associata all utilizzo di due o più protocolli oip, eliminando i problemi di ritardo legati alle interconnessioni TDM extra, e non richiedono la sostituzione completa dei sistemi in uso. Uno degli svantaggi è dato dal fatto che non esiste uno standard per la traduzione del protocollo. Pertanto, non tutti i traduttori di protocollo oip sono identici. L IETF ha tentato di definire un modello per la trasmissione dall H.323 al SIP, ma occorre molto più della creazione di una casella di traduzione del protocollo. Sebbene i protocolli siano simili sotto certi aspetti, presentano anche delle differenze (tabella 1). I vendor dei traduttori di protocollo devono conoscere a fondo tutti i protocolli usati nella rete oip e i diversi componenti oip che sfruttano diversi aspetti del protocollo. Ad esempio, l H.323 e il SIP possono inviare cifre DTMF sia attraverso la segnalazione che il percorso (mediante l RTP). Con l H.323 è possibile usare solo la segnalazione H.245; il SIP non specifica la modalità di trasmissione DTMF. Ciò significa che i dispositivi SIP potrebbero inviare DTMF sul percorso (RFC 2833) e i dispositivi H.323 potrebbero inviare DTMF sulla segnalazione (H.245). Se il traduttore del protocollo oip non è in grado di riconoscere né la segnalazione né il percorso, potrebbe non funzionare in modo appropriato. Tabella 1 I protocolli oip H.323 SIP MGCP/H.248/MEGACO Ente regolatore ITU IETF MGCP/MEGACO IETF; H.248 ITU Architettura Distribuita Distribuita Centralizzata ersione attuale H.323v4 RFC2543-bis07 MGCP 1.0, Megaco, H.248 Controllo delle chiamate Gatekeeper Proxy/Redirect Server Call agent/media gateway controller Endpoint Gateway, terminal User Agent Media gateway Trasporto della segnalazione Protocollo TCP o UDP TCP oder UDP MGCP UDP; Megaco/H.248 entrambi Funzionalità multimediale Sì Sì Sì Trasporto su relay DTMF H.245 (segnalazione) o RFC 2833 (percorso) RFC 2833 (percorso) o INFO (segnalazione) Segnalazione o RFC 2833 (percorso) Trasporto su fax relay T.38 T.38 T.38 Servizi supplementari Forniti dagli endpoint o dall'agente di controllo delle chiamate Forniti dagli endpoint o dall'agente di controllo delle chiamate Forniti dall'agente di controllo delle chiamate Copyright Tutti i diritti riservati. Avvisi importanti e dichiarazione di riservatezza. Pag. 6 di 7

7 Conclusioni - Il Packet oice e il oip riguardano i servizi, non i protocolli Proprio come le aziende scelgono diversi protocolli per le loro reti di dati, sceglieranno diversi protocolli anche per le loro esigenze di oip, a seconda delle necessità aziendali e tecniche. Sebbene la varietà dei protocolli oip abbia portato una certa confusione sul mercato, è proprio la flessibilità dei sistemi vocali oip a fare la differenza rispetto ai sistemi convenzionali. Le aziende sceglieranno i vendor sulla base di tre esigenze fondamentali: i clienti hanno bisogno di vendor che supportino gli standard aperti dei loro prodotti e che sviluppino delle strategie vocali orientate all interoperabilità con tutti i protocolli oip. Senza questa caratteristica, i sistemi oip rischiano di assumere lo stesso carattere proprietario dei precedenti sistemi vocali. I clienti hanno bisogno di prodotti che supportino protocolli multipli. In tal modo, se un azienda ha la necessità di migrare a un protocollo diverso o di aggiungere dispositivi che supportano un altro protocollo, non dovrà effettuare un aggiornamento della rete. I clienti hanno bisogno di soluzioni vocali con supporto end-to-end per tutti i protocolli oip. Pertanto, i vendor devono offrire soluzioni adatte sia ad ambienti monoprotocollo che multiprotocollo La collaborazione con vendor in grado di assicurare questa flessibilità oip consente alle aziende di creare reti scalabili e affidabili con requisiti di nuova generazione Corporate Headquarters 170 West Tasman Drive San Jose, CA USA Tél : NETS (6387) Fax : Europa Cisco Systems Europe 11 Rue Camille Desmoulins Issy-les-Moulineaux Cedex 9 France www-europe.cisco.com Tel.: Fax: America 170 West Tasman Drive San Jose, CA USA Tel.: Fax: Asia-Pacifico Capital Tower 168 Robinson Road N fino a Singapore Tel.: Fax: Le filiali di Cisco Systems sono oltre 200 nel mondo. Gli indirizzi, i numeri di telefono e di fax sono disponibili sul sito Web Arabia Saudita Argentina Australia Austria Belgio Brasile Bulgaria Canada Cile Cina Colombia Corea Costa Rica Croazia Danimarca Emirati Arabi Filippine Finlandia Francia Germania Giappone Grecia Hong Kong India Indonesia Irlanda Israele Italia Lussemburgo Malesia Messico Norvegia Nuova Zelanda Olanda Perù Polonia Portogallo Portorico Regno Unito Repubblica Ceca Romania Russia Scozia Singapore Slovacchia Slovenia Spagna Sud Africa Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Turchia U.S.A. Ucraina enezuela ietnam Zimbabwe Copyright Tutti i diritti riservati. Catalyst, Cisco, Cisco IOS, Cisco Systems e il logo Cisco Systems sono marchi registrati di CiscoSystems, Inc. e/o delle sue affiliate negli Stati Uniti e in altri Paesi. Gli altri marchi citati in questo documento o sul sito Web sono di proprietà dei rispettivi detentori. L uso della parola partner non implica una relazione di partnership tra Cisco e un altra società. (0202R) MSH/JSI/03.02

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Comunicazioni video Avaya

Comunicazioni video Avaya Comunicazioni video Avaya Video ad alta definizione per singoli e gruppi a livello aziendale. Facile utilizzo. Ampiezza di banda ridotta. Scelta di endpoint e funzionalità. Le soluzioni video Avaya sfatano

Dettagli

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di:

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di: Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia in occasione di: 1 Agenda 1 PROGETTO EXPO IS NOW! 2 PROGETTO CIBUS E' ITALIA PADIGLIONE CORPORATE FEDERALIMENTARE/FIERE DI PARMA 3

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Linee guida dell'ocse sulla sicurezza dei sistemi e delle reti d'informazione

Linee guida dell'ocse sulla sicurezza dei sistemi e delle reti d'informazione Linee guida dell'ocse sulla sicurezza dei sistemi e delle reti d'informazione VERSO UNA CULTURA DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO ORGANIZZZIONE PER LA COOPERAZIONE

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte Data Sheet Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

RUSCH: FILI GUIDA IN NITINOL. Tre strati, triplice vantaggio

RUSCH: FILI GUIDA IN NITINOL. Tre strati, triplice vantaggio RUSCH: FILI GUIDA IN NITINOL Tre strati, triplice vantaggio SICUREZZA SUPERIORE Tutti i nostri fili guida in nitinol, con corpo standard o stiff, sono dotati di una punta flessibile di sicurezza che protegge

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Cisco SPA 122 ATA con router

Cisco SPA 122 ATA con router Data Sheet Cisco SPA 122 ATA con router Servizio VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio VoIP (Voice

Dettagli

SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO

SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO SEA, AIR, LOGISTICS AND CARE IL TRASPORTO NEL SUO ELEMENTO RAGGIUNGERE IL FINE, CON OGNI MEZZO. PIÙ CHE UNA FILOSOFIA, UNA PROMESSA. INSPED ERA GLOBALE PRIMA ANCORA CHE SI PARLASSE DI GLOBALIZZAZIONE.

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai Ministri finanziari e ai Governatori delle banche centrali del G20 sull attuazione di Basilea 3 Ottobre 2012 Il presente documento è stato redatto

Dettagli

LA PRIMA E UNICA SOLUZIONE UNIFICATA PER LA SICUREZZA DEI CONTENUTI

LA PRIMA E UNICA SOLUZIONE UNIFICATA PER LA SICUREZZA DEI CONTENUTI LA PRIMA E UNICA SOLUZIONE UNIFICATA PER LA SICUREZZA DEI CONTENUTI È ora di pensare ad una nuova soluzione. I contenuti sono la linfa vitale di ogni azienda. Il modo in cui li creiamo, li utiliziamo e

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli