3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI"

Transcript

1 3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3.1 Le componenti del Sistema Pesca ad Ancona Il concetto di sistema applicato all economia della pesca ad Ancona Per lo studio dell economia della pesca ad Ancona viene applicato un approccio sistemico anziché distrettuale. Infatti, nonostante la recente introduzione, attraverso il decreto legislativo n. 226 del 18 maggio , dei distretti di pesca 2, non sono state ancora definite a livello regionale le modalità di identificazione, delimitazione e gestione di questi ultimi, così come previsto dall art. 4, 2 comma del decreto 3. Al di là di questa formalità burocratico-legislativa, occorre premettere che il concetto di distretto, così come introdotto dal decreto ed applicato alla pesca, non corrisponde a ciò che abitualmente s intende come tale, ovvero un identità economica, sociale, culturale e territoriale che si forma spontaneamente in un area regionale, ma come uno organo di governo del territorio in grado «di assicurare la gestione razionale delle risorse biologiche, in attuazione del principio di sostenibilità 4». L approccio sistemico utilizzato si applica allo studio della pesca ad Ancona, quale parte del sistema economico e sociale regionale. Come sistema socio-territoriale, ovvero insieme di enne (n) elementi in relazione fra loro, il territorio e l ambiente, inteso quest ultimo come sistema relazionale esterno ad esso, si analizzano le interrelazioni fra i soggetti considerati, l ambiente, come appena inteso, e il territorio, visto sia come spazio geografico di riferimento dal quale il sistema attinge e immette 1 In Supplemento ordinario alla G.U n. 137 del 15 giugno Il distretto di pesca è stato introdotto dal V Piano Triennale della Pesca e Acquacoltura (1996). 3 «Le modalità di identificazione, delimitazione e gestione dei distretti di pesca sono definite, su proposta della regione o delle regioni interessate, con decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali, di concerto con il Ministro dell ambiente, sentite le associazioni nazionali di catergoria», art. 4, 2 comma, D.lgs 226/ Art. 4, 1 comma, D.lgs 226/

2 materia ed energia che come elemento di coniugazione fra i soggetti del sistema e non. Si esaminano così i rapporti fra gli attori del Sistema Pesca Ancona sia strettamente connessi alla struttura della filiera ittica, che va dalla cattura del prodotto fino alla sua somministrazione al consumatore finale, che di tutto ciò che ruota attorno a tale sfera produttiva, ovvero la ricerca, la formazione, la promozione, la valorizzazione e l associazionismo, in relazione all ambiente dello stesso, che nel presente studio coincide con l ambito istituzionale (U.E, Stato, Regione Marche), e al territorio. Limitatamente a quest ultimo aspetto, nel Sistema Pesca Ancona si nota una cospicua presenza degli attori (elementi del sistema) nell area portuale, come in parte riportato nella cartina di seguito riportata, dove si concentra il 61% dei soggetti studiati. In dettaglio, nella Zona Industriale del Porto di Ancona (ZIPA), tra gli attori esaminati, sono presenti: la Big Mar/F.lli Mancini; la Vis Industrie alimentari Spa; il P.I.F; l Associazione Produttori Pesca di Ancona; la Co.pe.mo; l AGCI Pesca; la Cooperativa Pescatori e Motopescherecci; il Consorzio Servizi Integrati per la Pesca Marche. Nell area demaniale del porto adiacente alla ZIPA si concentra un altra parte degli operatori economici ittici esaminati: la Flotta locale; il Co.ge.vo; il mercato ittico Mer.it.an ; il mercato ittico gestito dal Consorzio Pesca Ancona; il Consorzio Pesca Ancona; il CNR-Irpem; l ERF; il Gazzettino della pesca. Infine, nell area demaniale fra la Stazione Ferroviaria Marittima di Ancona e la Fincantieri si collocano invece: l Autorità Portuale; l Istituto Tecnico Nautico A. Elia ; la Capitaneria di Porto. 402

3 Cartina del Porto di Ancona 403 Fonte: Autorità Portuale di Ancona

4 Il 32% degli attori del sistema pesca si localizza ad Ancona 5 o nei pressi 6, mentre il restante 7% fuori da Ancona, rappresentato dalla Federcoopesca di Civitanova Marche e Federpesca-Servizi di Fano. Il sistema pesca Ancona si compone di attori che svolgono attività dirette, ovvero che necessitano della presenza del mare per essere esercitate (il riferimento è all attività di pesca, oltre al turismo e al trasporto marittimo), e attori che svolgono attività indirette, ovvero attività economiche e non che hanno interrelazioni con quelle dirette, che nel nostro studio corrispondono alla pesca in mare. Le principali attività indirette individuate sono: a) la lavorazione, la trasformazione e la commercializzazione all ingrosso e al dettaglio; b) l assistenza tecnica e i servizi a supporto della pesca; c) la gestione e l organizzazione dell offerta; d) l associazionismo; e) la ricerca scientifica; f) la promozione e la formazione; g) controlli, vincoli e obblighi Obiettivi e metodologia della ricerca Questa parte dello studio è finalizzata a ricostruire le relazioni fra gli attori osservati nell ambito del Sistema Pesca Ancona e a capire così le dinamiche economiche, finanziarie, formali e informali di comportamento dello stesso. Innanzitutto si è proceduto all individuazione degli attori in gioco, avendo effettuato una prima e opportuna selezione delle aziende di commercializzazione, lavorazione e trasformazione orientata verso quelle più rappresentative del sistema o comunque d interesse ai fini della ricerca, senza escludere l ipotesi di ampliamenti o riduzioni future dello stesso. Dopodiché si sono suddivisi gli attori per gruppi: 5 Al di fuori dell area portuale si trovano: Asl, Assam, Associazione Alessandro Bartola, Associazione Nazionale Città del Pesce di Mare, Aspea, Lega Pesca, Rina, Università degli Studi di Ancona. 6 La Portonovo Cooperativa fra pescatori e la Portonovo Pesca s.r.l si trovano a Portonovo. 404

5 Gruppo A - Mercati ittici; Gruppo B - Strutture di commercializzazione, lavorazione e trasformazione; Gruppo C - Strutture di servizio e di supporto; Gruppo D - Strutture di gestione dell offerta; Gruppo E - Associazionismo; Gruppo F - Strutture di ricerca scientifica, formazione e promozione nel settore ittico; Gruppo G - Autorità di controllo. Fra luglio e ottobre 2002, si sono svolte interviste dirette ad ogni singolo soggetto, dalle quali sono state tratte informazioni, integrate con altrettante rilevate sui rispettivi siti web o altra fonte, opportunamente elaborate in schede individuali, che ne riportano la struttura, l attività, i finanziamenti e gli investimenti, le interrelazioni formali e informali, ai fini di ricostruire il comportamento del Sistema Pesca Ancona in termini di: 1. flussi di prodotto; 2. flussi di servizio; 3. gestione dell offerta; 4. ruolo dell associazionismo; 5. attività di ricerca, promozione e formazione nel settore ittico; 6. interrelazioni formali (controlli, vincoli e obblighi); 7. interrelazioni informali (ad esempio collaborazioni occasionali, scambio di informazioni). La tabella 3.1 mostra l elenco degli attori intervistati suddivisi per gruppi, la cui rappresentazione grafica è contenuta nella figura 3.1. Dopo questa descrizione sull approccio metodologico utilizzato, si prosegue con un analisi delle numerose tipologie di interrelazioni esistenti tra gli attori, emerse nel corso delle interviste. Le informazioni, relative ad ogni singolo attore intervistato, sono contenute nel capitolo 4, dove vengono riportate delle schede dettagliate per tutti i soggetti del Sistema Pesca Ancona. 405

6 Tab Soggetti del Sistema Pesca Ancona divisi per gruppi A Mercati ittici GRUPPO Mercato ittico Mer.it.an Mercato ittico di Ancona SOGGETTI B Strutture di commercializzazione, lavorazione e trasformazione Co.pe.mo Portonovo Cooperativa fra Pescatori e Portonovo Pesca S.r.l Big Mar/F.lli Mancini Vis Industrie Alimentari S.p.A C Strutture di servizio e di supporto Cooperativa Pescatori e Motopescherecci Consorzio Servizi Integrati per la Pesca Marche D Strutture di gestione dell offerta CO.GE.VO di Ancona Associazione Produttori Pesca (APP) di Ancona E Associazionismo Lega Pesca AGCI Pesca Federcoopesca Federpesca F Strutture di ricerca scientifica, promozione e formazione nel settore ittico CNR-Irpem Assam Aspea Associazione Alessandro Bartola Università degli Studi di Ancona Master in Economia della pesca e gestione delle risorse ittiche Istituto Tecnico Nautico A. Elia ERF Gazzettino della Pesca Associazione Nazionale Città del Pesce di Mare G Autorità di controllo Capitaneria di Porto Autorità portuale UVAC/PIF ASL R.I.N.A 406

7 Fig Rappresentazione grafica del Sistema Pesca Ancona Autorità di controllo CAPITANERIA DI PORTO AUTORITA PORTUALE RINA PIF E UVAC Attori istituzionali: ambiente del sistema UNIONE EUROPEA STATO REGIONE MARCHE Strutture di commercializzazione, Flotta locale Mercati ittici lavorazione e trasformazione STRASCICO MERCATO ITTICO MER.IT.AN CO.PE.MO Associazionismo LEGA PESCA AGCI PESCA FEDERCOOPESCA FEDERPESCA ASL VOLANTE MERCATO ITTICO DI ANCONA PORTONOVO PESCA S.R.L DRAGHE BIG MAR/F.LLI MANCINI PICCOLA PESCA COOP. PORTONOVO FRA PESCATORI CONSORZIO PESCA ANCONA Organizzazione dei Flotta non locale VIS INDUSTRIE ALIMENTARI SPA produttori Importazioni Esportazioni APP DI ANCONA ALTRE IMPRESE DI COMMERCIALIZZAZIONE Strutture di supporto e di servizio DETTAGLIO FISSO GROSSISTI AMBULANTI G.D.O COOPERATIVA PESCATORI E MOTOPESCHERECCI Consorzio di autogestione dei molluschi bivalvi CO.GE.VO Attività di ricerca, promozione e formazione Ricerca Scientifica Formazione Promozione e Valorizzazione CNR-IRPEM IST. TECNICO NAUTICO A. ELIA ERF CONSORZIO SERVIZI INTEGRATI PER LA PESCA MARCHE ASSAM ASPEA ASSOCIAZIONE ALESSANDRO BARTOLA 407 MASTER IN ECONOMIA DELLA PESCA E GESTIONE DELLE RISORSE ITTICHE GAZZETTINO DELLA PESCA ASSOC. NAZIONALE CITTA DEL PESCE DI MARE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA

8 3.2 Interrelazioni economiche e flussi di prodotto La pesca ad Ancona La flotta La flotta anconetana negli anni ha subito una profonda evoluzione, che continua tuttora. Negli anni Quaranta la marineria locale era, infatti, principalmente costituita da paranze e lance; le prime erano delle barche in legno, con vela, della capacità di circa tonnellate, adoperate talvolta per il piccolo cabotaggio 7 ma soprattutto per la pesca con la rete a strascico sulle coste adriatiche. Le seconde invece erano delle piccole imbarcazioni a remi usate per la pesca sotto costa; tali battelli consentivano l utilizzo di tutti gli attrezzi da posta, quali reti a tramaglio, nasse, palangari e lenze. La pesca in quel periodo era considerata un attività secondaria, atta ad integrare il reddito di agricoltori, carrettieri o facchini del porto, che pescavano solamente in quei periodi in cui c era abbondanza di risorse. La flotta ha iniziato ad avere rilievo economico solamente con l introduzione dei motopescherecci all indomani della seconda guerra mondiale; lo strascico in particolare ha conosciuto il massimo sviluppo negli anni 60-70, mentre le draghe idrauliche nel decennio successivo. Sulla base dei dati dell Archivio Licenze Pesca (ALP), forniti dalla Direzione generale per la pesca e l acquacoltura e aggiornati al 30 giugno 2002, la flotta marchigiana è composta da imbarcazioni 8, per un tonnellaggio pari a ,9 tsl e una potenza motore pari a ,6 kw (tabella 3.2). La flotta marchigiana, in particolare, è suddivisa nei tre compartimenti marittimi di Ancona, Pesaro e San Benedetto del Tronto, definiti dalle giurisdizioni territoriali delle corrispondenti Capitanerie di porto. Il Compartimento marittimo di Ancona, nello specifico, è delimitato al nord dalla foce del fiume Cesano e al sud dalla foce del fiume Chienti; al suo interno, quindi, oltre al porto di Ancona comprende anche gli uffici locali di Numana e Senigallia, l ufficio circondariale marittimo di Civitanova Marche, la delegazione di spiaggia di Portorecanati. 7 Navigazione costiera per fini commerciali. 8 Nel paragrafo del presente studio, nell analizzare la struttura produttiva della pesca nelle Marche, al 31/12/2000 risultano in attività nella regione battelli, per un tonnellaggio di tsl e kw. Tali dati, provenienti sempre dall ALP, se confrontati con quelli ottenuti dalla Direzione generale per la pesca e l acquacoltura al 30/06/2002, mettono in evidenza l uscita dalla flotta marchigiana di 208 battelli, per i ritiri legati al IV POP. 408

9 Sulla base di questa delimitazione, si stima che ben 502 imbarcazioni, pari al 46,6% della flotta marchigiana, sono iscritte nel Compartimento marittimo di Ancona, 316 nel Compartimento di San Benedetto (29,3%) e 260 in quello di Pesaro (24,1%). La ripartizione di Ancona detiene inoltre il primato, rispetto agli altri compartimenti, anche in termini di tonnellaggio e di potenza motore, che con ,2 tsl e ,4 kw rappresentano rispettivamente il 55,9% e il 51,8% (grafico 3.1). Tab Flotta marchigiana al 30/06/2002 Compartimento marittimo Battelli Tsl Kw Ufficio/delegazione Ancona , ,8 Senigallia , ,9 Civitanova Marche , ,2 Porto Recanati 17 32,0 355,3 Numana 20 33,7 407,2 Totale Ancona , ,4 Pesaro , ,4 Fano , ,2 Marotta , ,0 Gabicce , ,9 Totale Pesaro , ,5 San Benedetto del Tronto , ,9 Cupra Marittima , ,2 Pedaso 8 59,9 656,0 Porto San Giorgio , ,7 Totale San Benedetto del Tronto , ,7 TOT. REGIONE MARCHE , ,6 Fonte: Nostra elaborazione su dati della Direzione generale per la pesca e l acquacoltura Graf Ripartizione % battelli, Tsl e Kw per compartimento al 30/06/2002 kw 51,8 20,8 27,4 tsl 55,9 17,1 27,0 battelli 46,6 24,1 29,3 0% 20% 40% 60% 80% 100% Ancona Pesaro San Benedetto Fonte:Nostra elaborazione su dati della Direzione generale per la pesca e l acquacoltura In particolare, la marineria di Ancona è la più importante in tutta la regione: con 244 battelli e un tonnellaggio pari a 6.202,8 tsl, incide sulla flotta dell intero compartimento rispettivamente per il 49% e per il 62%; se poi si considera l intera flotta marchigiana essa rappresenta oltre un terzo 409

10 della sua capacità di pesca. Le altre marinerie di un certo rilievo, appartenenti al Compartimento di Ancona, sono quelle di Civitanova Marche e di Senigallia, che contano rispettivamente 135 e 86 battelli e un tonnellaggio di e 567 tsl; Porto Recanati e Numana, infine, hanno una flotta composta da poche decine di unità (tabella 3.2). Si deve inoltre considerare che ciascuna imbarcazione può possedere licenze per più sistemi di pesca. Dai dati della Direzione generale per la pesca e l acquacoltura emerge, infatti, che a fronte di imbarcazioni sono state concesse licenze (tabella 3.3). La prassi dell indicare più attrezzi con il possesso di più licenze è legata all esigenza di seguire i ritmi biologici-stagionali delle specie; inoltre, qualora le catture scendano ad un livello insoddisfacente per il pescatore, questo, cambiando attrezzo, può tentare maggiori rendimenti con un tipo di pesca differente. Sulla base dei criteri di aggregazione utilizzati dall ALP, i sistemi di pesca sono aggregati nel seguente modo: - lo strascico (reti a strascico e sciabica); - la circuizione; - la volante; - le draghe idrauliche (draghe, rastrelli e traino molluschi); - la piccola pesca (reti da posta, derivati, palangari, lenze, arpioni, unità asservite, ferrettare, appoggio, navi ausiliarie). Tab Numero delle licenze di pesca per compartimento marittimo di appartenenza al 30/06/2002 Compartimento marittimo Licenze pesca Ufficio/ delegazione Strascico Circuizione Volante Draghe Piccola Pesca Totale Ancona Senigallia Civitanova Marche Porto Recanati Numana Totale Ancona Pesaro Fano Marotta Gabicce Totale Pesaro San Benedetto Civitanova Marche Cupra Marittima Pedaso Porto San Giorgio Totale San Benedetto TOT. REGIONE MARCHE Fonte: Nostra elaborazione su dati della Direzione generale per la pesca e l acquacoltura 410

11 Graf Composizione % dei sistemi di pesca per compartimento di appartenenza al 30/06/ ,4 64,5 57,6 % ,2 23,4 18,6 15,0 5,8 7,9 10,7 4,7 4,4 1,9 3,9 0,2 Ancona Pesaro San Benedetto strascico circuizione volante draghe piccola pesca Fonte: Nostra elaborazione su dati della Direzione Generale pesca e acquacoltura La maggior parte delle imbarcazioni di ciascun compartimento (50-60%) è autorizzata a praticare il sistema della piccola pesca; si rileva inoltre che i sistemi dello strascico e della volante, le cui barche generalmente hanno una dimensione più elevata, hanno un incidenza maggiore nel compartimento di Ancona. La marineria di Ancona, nello specifico, detiene 483 licenze (tabella 3.3) che in particolare riguardano il sistema della piccola pesca (260), seguito dallo strascico (122), i quali incidono sul compartimento rispettivamente per il 52% e il 46% e sul dato regionale per il 21% e il 24%. Seguono inoltre la volante (39 licenze), la circuizione (34) e le draghe idrauliche (28), che incidono sul compartimento rispettivamente per l 89%, il 63% e il 38% e sulla regione per il 68%, il 33% e il 12%. La piccola pesca e lo strascico sono i sistemi prevalenti anche nelle marinerie di Civitanova Marche e Senigallia; nella flotta dell ufficio locale di Senigallia anche le draghe idrauliche hanno un incidenza piuttosto rilevante. In ultimo, emerge che le imbarcazioni di Porto Recanati e Numana non possiedono alcuna licenza per il sistema della volante e della draghe idrauliche. Infine, riguardo agli altri compartimenti marchigiani è opportuno evidenziare il peso ricoperto dalle draghe idrauliche a San Benedetto del Tronto, la cui marineria è notoriamente dedita alla pesca dei molluschi bivalvi. 411

12 Le catture In questo paragrafo viene presa in esame la produzione ittica nei compartimenti marittimi marchigiani e in particolare in quello di Ancona, sulla base delle statistiche fornite dall ISTAT. Si discute molto in merito alla veridicità di tali stime, ottenute a partire dai quantitavi sbarcati e commercializzati nei mercati alla produzione, poiché si ritiene che una gran parte del pesce sbarcato sfugga al conteggio, dato che non esistono particolari vincoli sui punti di sbarco in cui può avvenire la commercializzazione. Il fatto che i dati Istat sottostimano la reale consistenza del pescato trova conferma anche nel confronto con i dati Irepa a livello regionale, i quali valutano una produzione sensibilmente superiore. Al di là di questa precisazione, l Istat suddivide le specie di pesce in tre macroclassi: pesci, molluschi e crostacei 9. Nel 2000, ultimo dato disponibile, la produzione ittica marchigiana è stata pari a tonnellate; con tonnellate, il 70,2% delle catture è stato realizzato nel compartimento di Ancona, seguito da San Benedetto con tonnellate (24,7%) e in ultimo da Pesaro con tonnellate (5,1%) (tabella 3.4 e grafico 3.3). Tab Catture per compartimento marittimo (2000) Tonnellate Prodotti San Benedetto Ancona Pesaro Marche Italia Pesci Molluschi Crostacei Totale Fonte: Nostra elaborazione su dati Istat Graf Incidenza dei tre compartimenti nella produzione marchigiana Pesaro 5,1% San Benedetto 24,7% Ancona 70,2% Fonte: Nostra elaborazione su dati Istat 9 La suddivisione in dettaglio delle catture per tutte le 47 specie considerate dall Istat è riportata in appendice. 412

13 In generale, quindi, il compartimento marittimo di Ancona riveste un ruolo di rilievo per la produzione ittica regionale, che raggiunge la massima incidenza per la categoria di molluschi, la cui produzione rappresenta più dell 82% del corrispettivo dato marchigiano. Anche le altre due categorie tuttavia contribuiscono più del 60% alla produzione regionale. Il mix produttivo varia sensibilmente in ciascuno dei compartimenti considerati; Ancona, in particolare, come è già emerso, si distingue per il maggior peso ricoperto dai molluschi, che rappresentano più del 50% della produzione del compartimento, seguiti dai pesci (45,3%) e infine dai crostacei, che detengono una percentuale del tutto esigua, in linea con il dato nazionale e regionale (grafico 3.4). I compartimenti di San Benedetto e Pesaro hanno invece una composizione delle catture più simile rispetto al dato marchigiano e italiano, con un peso prioritario dei pesci, seguiti dai molluschi e infine dai crostacei. Esistono, tuttavia, delle sensibili differenze anche in questi comparti; in particolare San Benedetto registra una percentuale superiore alla media per i pesci, mentre Pesaro per i crostacei. Graf Composizione delle catture all interno di ogni compartimento nelle Marche e Italia % ,7 25,0 4,3 45,3 50,1 4,7 59,1 24,0 16,9 52,3 42,5 5,2 52,1 40,6 San Benedetto Ancona Pesaro Marche Italia Pesci Molluschi Crostacei 7,2 Fonte:Nostra elaborazione su dati Istat Dal 1997 al 2000, la produzione sbarcata ha avuto un andamento sostanzialmente omogeneo nei compartimenti considerati, in modo particolare in quelli di Ancona e San Benedetto; entrambi, infatti, nei primi anni considerati hanno registrato una flessione, che ha toccato un picco massimo nel 1999 in concomitanza con il fermo bellico, a seguito del quale la produzione ha evidenziato una sensibile ripresa. Nel compartimento di Pesaro, nonostante il trend sia stato lo stesso, le variazioni sono state più contenute. Si può inoltre osservare che il distacco 413

14 fra la produzione del compartimento anconetano e quella degli altri compartimenti si è mantenuta costante in tutti gli anni considerati (grafico 3.5). Graf Evoluzione della produzione per compartimento nel periodo (tonn) Ancona San Benedetto Pesaro Fonte: Nostra elaborazione su dati Istat Di seguito (tabella 3.5) verrà fatta un analisi più particolareggiata per quanto riguarda il compartimento marittimo di Ancona: in questo caso il pescato sbarcato è disaggregato in un maggior numero di categorie. Tab Produzione sbarcata nel compartimento di Ancona ( ) Ancona Peso% Incidenza % Var% Prodotti su tot. Reg /99 00/97 Alici o acciughe ,5 68,0 27,0-36,7 Sarde o sardine ,6 61,7-17,0-24,5 Sgombri ,7 55,8 2,7-1,3 Caponi e scorfani ,9 69,2 70,3 410,8 Cefali o muggini ,7 96,3-37,7 282,9 Merluzzi o naselli ,9 43,0-13,0-15,0 Rane pescatrici ,7 59,4 152,5 263,4 Sogliole ,3 74,6-9,0-10,2 Triglie ,5 62,4 25,1 56,6 Altri pesci ,4 33,7-9,8-56,0 Calamari ,4 64,7-4,1-37,5 Polpi ,2 92,4 10,3 15,6 Seppie ,6 74,7-28,5-68,9 Mitili o cozze ,5 93,2 115,3 190,4 Moscardini ,4 23,7 42,7 110,6 Totani ,5 43,9 17,3 49,4 Vongole ,4 85,1 1,7 27,5 Altri molluschi ,0 91,2 41,0-36,6 (segue) 414

15 Ancona Peso% Incidenza % Var% Prodotti su tot. Reg /99 00/97 Gamberi bianchi e mazzancolle ,4 77,6 24,7-44,9 Pannocchie ,0 69,4 8,2 22,8 Scampi ,9 47,8 7,2 55,2 Altre specie ,3 52,7-53,2-58,8 Totale ,0 70,2 8,3-10,6 Fonte: Nostra elaborazione su dati Istat In base a questo dettaglio emerge che alcune specie hanno un incidenza sul dato regionale superiore alla media; in particolare si riconferma il ruolo ricoperto dai molluschi e in particolare cozze e vongole, tra i molluschi bivalvi, seppie e polpi tra i molluschi cefalopodi. Un incidenza superiore alla media si registra inoltre anche per i gamberi bianchi e le mazzancolle tra i crostacei. Tra i pesci, emerge il peso rilevante delle catture di alici, scorfani, cefali, sogliole e triglie. Nel 2000 invece nel compartimento di Ancona le catture di tonni, di gamberi rossi, di aragoste e astici sono state praticamente nulle. All interno del Compartimento marittimo di Ancona, la specie che ha il maggior peso è sicuramente costituita dalle vongole, che rappresentano il 41,4% delle catture complessive (8.988 tonnellate nel 2000), seguita dalle alici con il 27,5% (5.985 tonnellate). La produzione complessiva anconetana nell ultimo anno ha recuperato in parte la riduzione avvenuta negli anni precedenti; in particolare, l aumento è da attribuire alle maggiori catture di alici, triglie, cozze e vongole. 415

16 Appendice statistica Tab Produzione sbarcata per compartimento (tonnellate) 1997 S. BENEDETTO ANCONA PESARO MARCHE ITALIA 01 - Alici o acciughe Sarde o sardine Sgombri 93, Totale pesci Tonni Aguglie 0, Anguille Bisi o tombarello Boghe o bobe 14,5 6, Caponi e scorfani 8, Cefali o muggini 141, Cernie. 1,3 1 2, Dentici o pagri 0, Ghiozzi 6,5 67, Latterini. 9, , Leccie e ricciole. 0, Mendole o menole. 5, Merluzzi o naselli Ombrine e corvine 0,5 3, Orate. 7, Pagelli 8, Palamite , Palombi e gattucci 2,9 17, Potassoli 45,3 122, Pesci spada Rane pescatrici 38, Razze e squadri 8,4 11, Rombi ed altri 6, Saraghi 0 0, Sogliole 25, Spigole 1,1 8, Sugarelli o suri 157,2 99, Triglie Altre specie Totale altri pesci TOTALE PESCI Calamari 50,5 127, Polpi Seppie 156, Totale Ca.Po.Se. 215,9 1469, , , Mitili o cozze Moscardini , Totani Vongole Altre specie 19, Totale altri molluschi TOTALE MOLLUSCHI Aragoste ed astici 0, Gamberi bianchi e 12,3 149, Gamberi rossi 3 38, Pannocchie Scampi Altre specie , TOTALE CROSTACEI TOTALE GENERALE Fonte: Istat 416

17 Tab Produzione sbarcata per compartimento (tonnellate) 1998 S. BENEDETTO ANCONA PESARO MARCHE ITALIA 01 - Alici o acciughe Sarde o sardine Sgombri Totale pesci Tonni Aguglie Anguille Bisi o tombarello Boghe o bobe Caponi e scorfani Cefali o muggini Cernie Dentici o pagri Ghiozzi Latterini Leccie e ricciole Mendole o menole Merluzzi o naselli Ombrine e corvine Orate Pagelli Palamite Palombi e gattucci Potassoli Pesci spada Rane pescatrici Razze e squadri Rombi ed altri Saraghi 0 0,3 0,3 0, Sogliole Spigole Sugarelli o suri Triglie Altre specie Totale altri pesci TOTALE PESCI Calamari Polpi Seppie Totale Ca.Po.Se Mitili o cozze Moscardini Totani Vongole Altre specie Totale altri molluschi TOTALE MOLLUSCHI Aragoste ed astici Gamberi bianchi e Gamberi rossi Pannocchie Scampi Altre specie TOTALE CROSTACEI TOTALE GENERALE Fonte: Istat 417

18 Tab Produzione sbarcata per compartimento (tonnellate) 1999 S. BENEDETTO ANCONA PESARO MARCHE ITALIA 01 - Alici o acciughe Sarde o sardine Sgombri Totale pesci Tonni Aguglie Anguille Bisi o tombarello Boghe o bobe Caponi e scorfani Cefali o muggini Cernie Dentici o pagri Ghiozzi Latterini Leccie e ricciole Mendole o menole Merluzzi o naselli Ombrine e corvine Orate Pagelli Palamite Palombi e gattucci Potassoli Pesci spada Rane pescatrici Razze e squadri Rombi ed altri Saraghi Sogliole Spigole Sugarelli o suri Triglie Altre specie Totale altri pesci TOTALE PESCI Calamari Polpi Seppie Totale Ca.Po.Se Mitili o cozze Moscardini Totani Vongole Altre specie Totale altri molluschi TOTALE MOLLUSCHI Aragoste ed astici Gamberi bianchi e Gamberi rossi Pannocchie Scampi Altre specie TOTALE CROSTACEI TOTALE GENERALE Fonte: Istat 418

19 Tab Produzione sbarcata per compartimento (tonnellate) 2000 S. BENEDETTO ANCONA PESARO MARCHE ITALIA 01 - Alici o acciughe , Sarde o sardine , Sgombri 76, , Totale pesci Tonni 0, Aguglie Anguille 0 0,1 0, Bisi o tombarello Boghe o bobe 7,8 5,6 2, Caponi e scorfani 30, , Cefali o muggini 3, , Cernie , Dentici o pagri 0 0,1 1, Ghiozzi 4,1 48,8 32, Latterini 0 0, Leccie e ricciole 0 0,2 0, Mendole o menole Merluzzi o naselli , Ombrine e corvine 0 1,2 0, Orate 0 1,4 0, Pagelli 0,3 0,1 5, Palamite 468 8, Palombi e gattucci 1 16,6 80, Potassoli o mel 31 88,1 43, Pesci spada 0 0,5 0, Rane pescatrici 84, , Razze e squadri 4 10,5 3, Rombi ed altri 4,5 55,3 5, Saraghi 0 0 0, Sogliole 47, , Spigole 0 0,7 0, Sugarelli o suri 70,1 34,9 7, Triglie Altre specie Totale altri pesci TOTALE PESCI Calamari 21,8 79,6 21, Polpi 4, , Seppie , Totale Ca.Po.Se 85,5 692,5 95,8 873, Mitili o cozze , Moscardini ,6 10, Totani Vongole Altre specie , Totale altri molluschi TOTALE MOLLUSCHI Aragoste ed astici. 0, Gamberi bianchi e 14,6 82,3 9, Gamberi rossi 0 1,7 41, Pannocchie Scampi , Altre specie 11, , TOTALE CROSTACEI TOTALE GENERALE Fonte: Istat 419

20 Le imprese I dati sulle imprese di pesca del Comune di Ancona sono stati forniti dalla Camera di Commercio dell industria, dell agricoltura e artigianato di Ancona. Al 31 dicembre 2001, risultano iscritte 133 imprese nel settore della pesca, piscicoltura e servizi connessi; una percentuale esigua rispetto al totale delle imprese attive nel comune (1,7%), ma tuttavia significativa se rapportata al dato provinciale. Si può, infatti, osservare che quasi il 66% delle imprese di pesca della provincia di Ancona è localizzata nel capoluogo (tabella 3.10). Tab Imprese attive per settore Ateco nel comune di Ancona al 31/12/01 Settore Ateco Totale Peso % Incidenza % su totale Provincia Ancona A. Agricoltura caccia e silvicoltura 624 7,8 6,5 B. Pesca, piscicoltura e servizi connessi 133 1,7 65,8 C. Estrazione di minerali 2 0,0 13,3 D. Attività manifatture 759 9,4 13,8 E. Produzione 2 0,0 16,7 F. Costruzione 612 7,6 14,3 G. Commercio all'ingrosso. e al dettaglio Riparazione dei beni personali e per la casa ,9 29,6 H. Alberghi e ristoranti 331 4,1 21,5 I. Trasporti, magazzinaggio e comunicazione 311 3,9 19,8 J. Intermediazione monetaria e finanziaria 348 4,3 33,5 K. Attiv. immob, noleggio, informaica, ricerca ,9 31,2 M. Istruzione 34 0,4 30,9 N. Sanità e altri servizi sociali 35 0,4 35,7 O. Altri servizi pubblici, sociali e personali 431 5,4 23,7 P. Servizi domestici presso famiglie e convivenze 0 0,0 0,0 X. Imprese non classificate 97 1,2 23,8 Totale ,8 Fonte: Nostra elaborazione su dati C.C.I.A.A. Come si può osservare dalla tabella 3.11, ben 129 imprese delle iscritte nel comune, sono dedite alla pesca marittima e danno lavoro a 274 degli occupati del capoluogo, pari al 96% della manodopera complessiva. Le restanti 3 unità attive, invece, sono iscritte nel comparto dei servizi connessi e sono le uniche imprese della provincia ad esercitare in questo settore. Nessuna impresa invece opera nella piscicoltura. 10 Da questo momento in poi non viene considerata una società di persone, poiché al momento dell iscrizione non ha dichiarato la tipologia di attività svolta. 420

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

PESCE FRESCO FORSE QUASI

PESCE FRESCO FORSE QUASI PESCE FRESCO FORSE QUASI I Rapporto su sicurezza alimentare e prodotti ittici in Italia Dicembre 2004 Movimento Difesa del Cittadino Progetto Salute&Gusto Pesce fresco...forse quasi I Rapporto su sicurezza

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

S.E.Port. s.r.l. al servizio del Porto di Civitavecchia VII

S.E.Port. s.r.l. al servizio del Porto di Civitavecchia VII S.E.Port. s.r.l. al servizio del Porto di Civitavecchia Premessa L Autorità Portuale di Civitavecchia ha da tempo avviato un processo di ammodernamento del Porto affinché assuma le connotazioni di un moderno

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità

i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità sommario prepararsi all acqvisto 4 passi per compilare la lista della spesa 1 ~ Individuare

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI Il sottoscritto... nato a...il... e residente a...provincia di... in via... n C.A.P.. recapito telefonico.../... CHIEDE di essere iscritto, nella Gente di Mare di... categoria

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria Una guida per diportisti e operatori REGIONE LIGURIA nautica& FISCO a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria UCINA nautica& FISCO Una guida per diportisti e operatori

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Le cadute dall alto per l attività di lavoro marittimo: studio della casistica nosologica ed ipotesi di interventi preventivi

Le cadute dall alto per l attività di lavoro marittimo: studio della casistica nosologica ed ipotesi di interventi preventivi Le cadute dall alto per l attività di lavoro marittimo: studio della casistica nosologica ed ipotesi di interventi preventivi Navigazione Edizione 2013 Pubblicazione realizzata con il contributo del Ministero

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Il ristorante. Marco Mazzanti

Il ristorante. Marco Mazzanti Il ristorante I colori del mare, i sapori della tradizione la calda accoglienza e la cantina generosa sono le note caratteristiche della Tartana. Benvenuti nel nostro ristorante. Marco Mazzanti Il mare

Dettagli

TITOLO I DELL'ORDINAMENTO DELLA PESCA IN GENERALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. ARTICOLO 1 Sfera di applicazione

TITOLO I DELL'ORDINAMENTO DELLA PESCA IN GENERALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. ARTICOLO 1 Sfera di applicazione D.P.R. n 1639 del 2 ottobre 1968 recante "Regolamento per l'esecuzione della Legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima" (come modificato da vari D.P.R. e Decreti ministeriali)

Dettagli