3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI"

Transcript

1 3. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: LE INTERRELAZIONI 3.1 Le componenti del Sistema Pesca ad Ancona Il concetto di sistema applicato all economia della pesca ad Ancona Per lo studio dell economia della pesca ad Ancona viene applicato un approccio sistemico anziché distrettuale. Infatti, nonostante la recente introduzione, attraverso il decreto legislativo n. 226 del 18 maggio , dei distretti di pesca 2, non sono state ancora definite a livello regionale le modalità di identificazione, delimitazione e gestione di questi ultimi, così come previsto dall art. 4, 2 comma del decreto 3. Al di là di questa formalità burocratico-legislativa, occorre premettere che il concetto di distretto, così come introdotto dal decreto ed applicato alla pesca, non corrisponde a ciò che abitualmente s intende come tale, ovvero un identità economica, sociale, culturale e territoriale che si forma spontaneamente in un area regionale, ma come uno organo di governo del territorio in grado «di assicurare la gestione razionale delle risorse biologiche, in attuazione del principio di sostenibilità 4». L approccio sistemico utilizzato si applica allo studio della pesca ad Ancona, quale parte del sistema economico e sociale regionale. Come sistema socio-territoriale, ovvero insieme di enne (n) elementi in relazione fra loro, il territorio e l ambiente, inteso quest ultimo come sistema relazionale esterno ad esso, si analizzano le interrelazioni fra i soggetti considerati, l ambiente, come appena inteso, e il territorio, visto sia come spazio geografico di riferimento dal quale il sistema attinge e immette 1 In Supplemento ordinario alla G.U n. 137 del 15 giugno Il distretto di pesca è stato introdotto dal V Piano Triennale della Pesca e Acquacoltura (1996). 3 «Le modalità di identificazione, delimitazione e gestione dei distretti di pesca sono definite, su proposta della regione o delle regioni interessate, con decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali, di concerto con il Ministro dell ambiente, sentite le associazioni nazionali di catergoria», art. 4, 2 comma, D.lgs 226/ Art. 4, 1 comma, D.lgs 226/

2 materia ed energia che come elemento di coniugazione fra i soggetti del sistema e non. Si esaminano così i rapporti fra gli attori del Sistema Pesca Ancona sia strettamente connessi alla struttura della filiera ittica, che va dalla cattura del prodotto fino alla sua somministrazione al consumatore finale, che di tutto ciò che ruota attorno a tale sfera produttiva, ovvero la ricerca, la formazione, la promozione, la valorizzazione e l associazionismo, in relazione all ambiente dello stesso, che nel presente studio coincide con l ambito istituzionale (U.E, Stato, Regione Marche), e al territorio. Limitatamente a quest ultimo aspetto, nel Sistema Pesca Ancona si nota una cospicua presenza degli attori (elementi del sistema) nell area portuale, come in parte riportato nella cartina di seguito riportata, dove si concentra il 61% dei soggetti studiati. In dettaglio, nella Zona Industriale del Porto di Ancona (ZIPA), tra gli attori esaminati, sono presenti: la Big Mar/F.lli Mancini; la Vis Industrie alimentari Spa; il P.I.F; l Associazione Produttori Pesca di Ancona; la Co.pe.mo; l AGCI Pesca; la Cooperativa Pescatori e Motopescherecci; il Consorzio Servizi Integrati per la Pesca Marche. Nell area demaniale del porto adiacente alla ZIPA si concentra un altra parte degli operatori economici ittici esaminati: la Flotta locale; il Co.ge.vo; il mercato ittico Mer.it.an ; il mercato ittico gestito dal Consorzio Pesca Ancona; il Consorzio Pesca Ancona; il CNR-Irpem; l ERF; il Gazzettino della pesca. Infine, nell area demaniale fra la Stazione Ferroviaria Marittima di Ancona e la Fincantieri si collocano invece: l Autorità Portuale; l Istituto Tecnico Nautico A. Elia ; la Capitaneria di Porto. 402

3 Cartina del Porto di Ancona 403 Fonte: Autorità Portuale di Ancona

4 Il 32% degli attori del sistema pesca si localizza ad Ancona 5 o nei pressi 6, mentre il restante 7% fuori da Ancona, rappresentato dalla Federcoopesca di Civitanova Marche e Federpesca-Servizi di Fano. Il sistema pesca Ancona si compone di attori che svolgono attività dirette, ovvero che necessitano della presenza del mare per essere esercitate (il riferimento è all attività di pesca, oltre al turismo e al trasporto marittimo), e attori che svolgono attività indirette, ovvero attività economiche e non che hanno interrelazioni con quelle dirette, che nel nostro studio corrispondono alla pesca in mare. Le principali attività indirette individuate sono: a) la lavorazione, la trasformazione e la commercializzazione all ingrosso e al dettaglio; b) l assistenza tecnica e i servizi a supporto della pesca; c) la gestione e l organizzazione dell offerta; d) l associazionismo; e) la ricerca scientifica; f) la promozione e la formazione; g) controlli, vincoli e obblighi Obiettivi e metodologia della ricerca Questa parte dello studio è finalizzata a ricostruire le relazioni fra gli attori osservati nell ambito del Sistema Pesca Ancona e a capire così le dinamiche economiche, finanziarie, formali e informali di comportamento dello stesso. Innanzitutto si è proceduto all individuazione degli attori in gioco, avendo effettuato una prima e opportuna selezione delle aziende di commercializzazione, lavorazione e trasformazione orientata verso quelle più rappresentative del sistema o comunque d interesse ai fini della ricerca, senza escludere l ipotesi di ampliamenti o riduzioni future dello stesso. Dopodiché si sono suddivisi gli attori per gruppi: 5 Al di fuori dell area portuale si trovano: Asl, Assam, Associazione Alessandro Bartola, Associazione Nazionale Città del Pesce di Mare, Aspea, Lega Pesca, Rina, Università degli Studi di Ancona. 6 La Portonovo Cooperativa fra pescatori e la Portonovo Pesca s.r.l si trovano a Portonovo. 404

5 Gruppo A - Mercati ittici; Gruppo B - Strutture di commercializzazione, lavorazione e trasformazione; Gruppo C - Strutture di servizio e di supporto; Gruppo D - Strutture di gestione dell offerta; Gruppo E - Associazionismo; Gruppo F - Strutture di ricerca scientifica, formazione e promozione nel settore ittico; Gruppo G - Autorità di controllo. Fra luglio e ottobre 2002, si sono svolte interviste dirette ad ogni singolo soggetto, dalle quali sono state tratte informazioni, integrate con altrettante rilevate sui rispettivi siti web o altra fonte, opportunamente elaborate in schede individuali, che ne riportano la struttura, l attività, i finanziamenti e gli investimenti, le interrelazioni formali e informali, ai fini di ricostruire il comportamento del Sistema Pesca Ancona in termini di: 1. flussi di prodotto; 2. flussi di servizio; 3. gestione dell offerta; 4. ruolo dell associazionismo; 5. attività di ricerca, promozione e formazione nel settore ittico; 6. interrelazioni formali (controlli, vincoli e obblighi); 7. interrelazioni informali (ad esempio collaborazioni occasionali, scambio di informazioni). La tabella 3.1 mostra l elenco degli attori intervistati suddivisi per gruppi, la cui rappresentazione grafica è contenuta nella figura 3.1. Dopo questa descrizione sull approccio metodologico utilizzato, si prosegue con un analisi delle numerose tipologie di interrelazioni esistenti tra gli attori, emerse nel corso delle interviste. Le informazioni, relative ad ogni singolo attore intervistato, sono contenute nel capitolo 4, dove vengono riportate delle schede dettagliate per tutti i soggetti del Sistema Pesca Ancona. 405

6 Tab Soggetti del Sistema Pesca Ancona divisi per gruppi A Mercati ittici GRUPPO Mercato ittico Mer.it.an Mercato ittico di Ancona SOGGETTI B Strutture di commercializzazione, lavorazione e trasformazione Co.pe.mo Portonovo Cooperativa fra Pescatori e Portonovo Pesca S.r.l Big Mar/F.lli Mancini Vis Industrie Alimentari S.p.A C Strutture di servizio e di supporto Cooperativa Pescatori e Motopescherecci Consorzio Servizi Integrati per la Pesca Marche D Strutture di gestione dell offerta CO.GE.VO di Ancona Associazione Produttori Pesca (APP) di Ancona E Associazionismo Lega Pesca AGCI Pesca Federcoopesca Federpesca F Strutture di ricerca scientifica, promozione e formazione nel settore ittico CNR-Irpem Assam Aspea Associazione Alessandro Bartola Università degli Studi di Ancona Master in Economia della pesca e gestione delle risorse ittiche Istituto Tecnico Nautico A. Elia ERF Gazzettino della Pesca Associazione Nazionale Città del Pesce di Mare G Autorità di controllo Capitaneria di Porto Autorità portuale UVAC/PIF ASL R.I.N.A 406

7 Fig Rappresentazione grafica del Sistema Pesca Ancona Autorità di controllo CAPITANERIA DI PORTO AUTORITA PORTUALE RINA PIF E UVAC Attori istituzionali: ambiente del sistema UNIONE EUROPEA STATO REGIONE MARCHE Strutture di commercializzazione, Flotta locale Mercati ittici lavorazione e trasformazione STRASCICO MERCATO ITTICO MER.IT.AN CO.PE.MO Associazionismo LEGA PESCA AGCI PESCA FEDERCOOPESCA FEDERPESCA ASL VOLANTE MERCATO ITTICO DI ANCONA PORTONOVO PESCA S.R.L DRAGHE BIG MAR/F.LLI MANCINI PICCOLA PESCA COOP. PORTONOVO FRA PESCATORI CONSORZIO PESCA ANCONA Organizzazione dei Flotta non locale VIS INDUSTRIE ALIMENTARI SPA produttori Importazioni Esportazioni APP DI ANCONA ALTRE IMPRESE DI COMMERCIALIZZAZIONE Strutture di supporto e di servizio DETTAGLIO FISSO GROSSISTI AMBULANTI G.D.O COOPERATIVA PESCATORI E MOTOPESCHERECCI Consorzio di autogestione dei molluschi bivalvi CO.GE.VO Attività di ricerca, promozione e formazione Ricerca Scientifica Formazione Promozione e Valorizzazione CNR-IRPEM IST. TECNICO NAUTICO A. ELIA ERF CONSORZIO SERVIZI INTEGRATI PER LA PESCA MARCHE ASSAM ASPEA ASSOCIAZIONE ALESSANDRO BARTOLA 407 MASTER IN ECONOMIA DELLA PESCA E GESTIONE DELLE RISORSE ITTICHE GAZZETTINO DELLA PESCA ASSOC. NAZIONALE CITTA DEL PESCE DI MARE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA

8 3.2 Interrelazioni economiche e flussi di prodotto La pesca ad Ancona La flotta La flotta anconetana negli anni ha subito una profonda evoluzione, che continua tuttora. Negli anni Quaranta la marineria locale era, infatti, principalmente costituita da paranze e lance; le prime erano delle barche in legno, con vela, della capacità di circa tonnellate, adoperate talvolta per il piccolo cabotaggio 7 ma soprattutto per la pesca con la rete a strascico sulle coste adriatiche. Le seconde invece erano delle piccole imbarcazioni a remi usate per la pesca sotto costa; tali battelli consentivano l utilizzo di tutti gli attrezzi da posta, quali reti a tramaglio, nasse, palangari e lenze. La pesca in quel periodo era considerata un attività secondaria, atta ad integrare il reddito di agricoltori, carrettieri o facchini del porto, che pescavano solamente in quei periodi in cui c era abbondanza di risorse. La flotta ha iniziato ad avere rilievo economico solamente con l introduzione dei motopescherecci all indomani della seconda guerra mondiale; lo strascico in particolare ha conosciuto il massimo sviluppo negli anni 60-70, mentre le draghe idrauliche nel decennio successivo. Sulla base dei dati dell Archivio Licenze Pesca (ALP), forniti dalla Direzione generale per la pesca e l acquacoltura e aggiornati al 30 giugno 2002, la flotta marchigiana è composta da imbarcazioni 8, per un tonnellaggio pari a ,9 tsl e una potenza motore pari a ,6 kw (tabella 3.2). La flotta marchigiana, in particolare, è suddivisa nei tre compartimenti marittimi di Ancona, Pesaro e San Benedetto del Tronto, definiti dalle giurisdizioni territoriali delle corrispondenti Capitanerie di porto. Il Compartimento marittimo di Ancona, nello specifico, è delimitato al nord dalla foce del fiume Cesano e al sud dalla foce del fiume Chienti; al suo interno, quindi, oltre al porto di Ancona comprende anche gli uffici locali di Numana e Senigallia, l ufficio circondariale marittimo di Civitanova Marche, la delegazione di spiaggia di Portorecanati. 7 Navigazione costiera per fini commerciali. 8 Nel paragrafo del presente studio, nell analizzare la struttura produttiva della pesca nelle Marche, al 31/12/2000 risultano in attività nella regione battelli, per un tonnellaggio di tsl e kw. Tali dati, provenienti sempre dall ALP, se confrontati con quelli ottenuti dalla Direzione generale per la pesca e l acquacoltura al 30/06/2002, mettono in evidenza l uscita dalla flotta marchigiana di 208 battelli, per i ritiri legati al IV POP. 408

9 Sulla base di questa delimitazione, si stima che ben 502 imbarcazioni, pari al 46,6% della flotta marchigiana, sono iscritte nel Compartimento marittimo di Ancona, 316 nel Compartimento di San Benedetto (29,3%) e 260 in quello di Pesaro (24,1%). La ripartizione di Ancona detiene inoltre il primato, rispetto agli altri compartimenti, anche in termini di tonnellaggio e di potenza motore, che con ,2 tsl e ,4 kw rappresentano rispettivamente il 55,9% e il 51,8% (grafico 3.1). Tab Flotta marchigiana al 30/06/2002 Compartimento marittimo Battelli Tsl Kw Ufficio/delegazione Ancona , ,8 Senigallia , ,9 Civitanova Marche , ,2 Porto Recanati 17 32,0 355,3 Numana 20 33,7 407,2 Totale Ancona , ,4 Pesaro , ,4 Fano , ,2 Marotta , ,0 Gabicce , ,9 Totale Pesaro , ,5 San Benedetto del Tronto , ,9 Cupra Marittima , ,2 Pedaso 8 59,9 656,0 Porto San Giorgio , ,7 Totale San Benedetto del Tronto , ,7 TOT. REGIONE MARCHE , ,6 Fonte: Nostra elaborazione su dati della Direzione generale per la pesca e l acquacoltura Graf Ripartizione % battelli, Tsl e Kw per compartimento al 30/06/2002 kw 51,8 20,8 27,4 tsl 55,9 17,1 27,0 battelli 46,6 24,1 29,3 0% 20% 40% 60% 80% 100% Ancona Pesaro San Benedetto Fonte:Nostra elaborazione su dati della Direzione generale per la pesca e l acquacoltura In particolare, la marineria di Ancona è la più importante in tutta la regione: con 244 battelli e un tonnellaggio pari a 6.202,8 tsl, incide sulla flotta dell intero compartimento rispettivamente per il 49% e per il 62%; se poi si considera l intera flotta marchigiana essa rappresenta oltre un terzo 409

10 della sua capacità di pesca. Le altre marinerie di un certo rilievo, appartenenti al Compartimento di Ancona, sono quelle di Civitanova Marche e di Senigallia, che contano rispettivamente 135 e 86 battelli e un tonnellaggio di e 567 tsl; Porto Recanati e Numana, infine, hanno una flotta composta da poche decine di unità (tabella 3.2). Si deve inoltre considerare che ciascuna imbarcazione può possedere licenze per più sistemi di pesca. Dai dati della Direzione generale per la pesca e l acquacoltura emerge, infatti, che a fronte di imbarcazioni sono state concesse licenze (tabella 3.3). La prassi dell indicare più attrezzi con il possesso di più licenze è legata all esigenza di seguire i ritmi biologici-stagionali delle specie; inoltre, qualora le catture scendano ad un livello insoddisfacente per il pescatore, questo, cambiando attrezzo, può tentare maggiori rendimenti con un tipo di pesca differente. Sulla base dei criteri di aggregazione utilizzati dall ALP, i sistemi di pesca sono aggregati nel seguente modo: - lo strascico (reti a strascico e sciabica); - la circuizione; - la volante; - le draghe idrauliche (draghe, rastrelli e traino molluschi); - la piccola pesca (reti da posta, derivati, palangari, lenze, arpioni, unità asservite, ferrettare, appoggio, navi ausiliarie). Tab Numero delle licenze di pesca per compartimento marittimo di appartenenza al 30/06/2002 Compartimento marittimo Licenze pesca Ufficio/ delegazione Strascico Circuizione Volante Draghe Piccola Pesca Totale Ancona Senigallia Civitanova Marche Porto Recanati Numana Totale Ancona Pesaro Fano Marotta Gabicce Totale Pesaro San Benedetto Civitanova Marche Cupra Marittima Pedaso Porto San Giorgio Totale San Benedetto TOT. REGIONE MARCHE Fonte: Nostra elaborazione su dati della Direzione generale per la pesca e l acquacoltura 410

11 Graf Composizione % dei sistemi di pesca per compartimento di appartenenza al 30/06/ ,4 64,5 57,6 % ,2 23,4 18,6 15,0 5,8 7,9 10,7 4,7 4,4 1,9 3,9 0,2 Ancona Pesaro San Benedetto strascico circuizione volante draghe piccola pesca Fonte: Nostra elaborazione su dati della Direzione Generale pesca e acquacoltura La maggior parte delle imbarcazioni di ciascun compartimento (50-60%) è autorizzata a praticare il sistema della piccola pesca; si rileva inoltre che i sistemi dello strascico e della volante, le cui barche generalmente hanno una dimensione più elevata, hanno un incidenza maggiore nel compartimento di Ancona. La marineria di Ancona, nello specifico, detiene 483 licenze (tabella 3.3) che in particolare riguardano il sistema della piccola pesca (260), seguito dallo strascico (122), i quali incidono sul compartimento rispettivamente per il 52% e il 46% e sul dato regionale per il 21% e il 24%. Seguono inoltre la volante (39 licenze), la circuizione (34) e le draghe idrauliche (28), che incidono sul compartimento rispettivamente per l 89%, il 63% e il 38% e sulla regione per il 68%, il 33% e il 12%. La piccola pesca e lo strascico sono i sistemi prevalenti anche nelle marinerie di Civitanova Marche e Senigallia; nella flotta dell ufficio locale di Senigallia anche le draghe idrauliche hanno un incidenza piuttosto rilevante. In ultimo, emerge che le imbarcazioni di Porto Recanati e Numana non possiedono alcuna licenza per il sistema della volante e della draghe idrauliche. Infine, riguardo agli altri compartimenti marchigiani è opportuno evidenziare il peso ricoperto dalle draghe idrauliche a San Benedetto del Tronto, la cui marineria è notoriamente dedita alla pesca dei molluschi bivalvi. 411

12 Le catture In questo paragrafo viene presa in esame la produzione ittica nei compartimenti marittimi marchigiani e in particolare in quello di Ancona, sulla base delle statistiche fornite dall ISTAT. Si discute molto in merito alla veridicità di tali stime, ottenute a partire dai quantitavi sbarcati e commercializzati nei mercati alla produzione, poiché si ritiene che una gran parte del pesce sbarcato sfugga al conteggio, dato che non esistono particolari vincoli sui punti di sbarco in cui può avvenire la commercializzazione. Il fatto che i dati Istat sottostimano la reale consistenza del pescato trova conferma anche nel confronto con i dati Irepa a livello regionale, i quali valutano una produzione sensibilmente superiore. Al di là di questa precisazione, l Istat suddivide le specie di pesce in tre macroclassi: pesci, molluschi e crostacei 9. Nel 2000, ultimo dato disponibile, la produzione ittica marchigiana è stata pari a tonnellate; con tonnellate, il 70,2% delle catture è stato realizzato nel compartimento di Ancona, seguito da San Benedetto con tonnellate (24,7%) e in ultimo da Pesaro con tonnellate (5,1%) (tabella 3.4 e grafico 3.3). Tab Catture per compartimento marittimo (2000) Tonnellate Prodotti San Benedetto Ancona Pesaro Marche Italia Pesci Molluschi Crostacei Totale Fonte: Nostra elaborazione su dati Istat Graf Incidenza dei tre compartimenti nella produzione marchigiana Pesaro 5,1% San Benedetto 24,7% Ancona 70,2% Fonte: Nostra elaborazione su dati Istat 9 La suddivisione in dettaglio delle catture per tutte le 47 specie considerate dall Istat è riportata in appendice. 412

13 In generale, quindi, il compartimento marittimo di Ancona riveste un ruolo di rilievo per la produzione ittica regionale, che raggiunge la massima incidenza per la categoria di molluschi, la cui produzione rappresenta più dell 82% del corrispettivo dato marchigiano. Anche le altre due categorie tuttavia contribuiscono più del 60% alla produzione regionale. Il mix produttivo varia sensibilmente in ciascuno dei compartimenti considerati; Ancona, in particolare, come è già emerso, si distingue per il maggior peso ricoperto dai molluschi, che rappresentano più del 50% della produzione del compartimento, seguiti dai pesci (45,3%) e infine dai crostacei, che detengono una percentuale del tutto esigua, in linea con il dato nazionale e regionale (grafico 3.4). I compartimenti di San Benedetto e Pesaro hanno invece una composizione delle catture più simile rispetto al dato marchigiano e italiano, con un peso prioritario dei pesci, seguiti dai molluschi e infine dai crostacei. Esistono, tuttavia, delle sensibili differenze anche in questi comparti; in particolare San Benedetto registra una percentuale superiore alla media per i pesci, mentre Pesaro per i crostacei. Graf Composizione delle catture all interno di ogni compartimento nelle Marche e Italia % ,7 25,0 4,3 45,3 50,1 4,7 59,1 24,0 16,9 52,3 42,5 5,2 52,1 40,6 San Benedetto Ancona Pesaro Marche Italia Pesci Molluschi Crostacei 7,2 Fonte:Nostra elaborazione su dati Istat Dal 1997 al 2000, la produzione sbarcata ha avuto un andamento sostanzialmente omogeneo nei compartimenti considerati, in modo particolare in quelli di Ancona e San Benedetto; entrambi, infatti, nei primi anni considerati hanno registrato una flessione, che ha toccato un picco massimo nel 1999 in concomitanza con il fermo bellico, a seguito del quale la produzione ha evidenziato una sensibile ripresa. Nel compartimento di Pesaro, nonostante il trend sia stato lo stesso, le variazioni sono state più contenute. Si può inoltre osservare che il distacco 413

14 fra la produzione del compartimento anconetano e quella degli altri compartimenti si è mantenuta costante in tutti gli anni considerati (grafico 3.5). Graf Evoluzione della produzione per compartimento nel periodo (tonn) Ancona San Benedetto Pesaro Fonte: Nostra elaborazione su dati Istat Di seguito (tabella 3.5) verrà fatta un analisi più particolareggiata per quanto riguarda il compartimento marittimo di Ancona: in questo caso il pescato sbarcato è disaggregato in un maggior numero di categorie. Tab Produzione sbarcata nel compartimento di Ancona ( ) Ancona Peso% Incidenza % Var% Prodotti su tot. Reg /99 00/97 Alici o acciughe ,5 68,0 27,0-36,7 Sarde o sardine ,6 61,7-17,0-24,5 Sgombri ,7 55,8 2,7-1,3 Caponi e scorfani ,9 69,2 70,3 410,8 Cefali o muggini ,7 96,3-37,7 282,9 Merluzzi o naselli ,9 43,0-13,0-15,0 Rane pescatrici ,7 59,4 152,5 263,4 Sogliole ,3 74,6-9,0-10,2 Triglie ,5 62,4 25,1 56,6 Altri pesci ,4 33,7-9,8-56,0 Calamari ,4 64,7-4,1-37,5 Polpi ,2 92,4 10,3 15,6 Seppie ,6 74,7-28,5-68,9 Mitili o cozze ,5 93,2 115,3 190,4 Moscardini ,4 23,7 42,7 110,6 Totani ,5 43,9 17,3 49,4 Vongole ,4 85,1 1,7 27,5 Altri molluschi ,0 91,2 41,0-36,6 (segue) 414

15 Ancona Peso% Incidenza % Var% Prodotti su tot. Reg /99 00/97 Gamberi bianchi e mazzancolle ,4 77,6 24,7-44,9 Pannocchie ,0 69,4 8,2 22,8 Scampi ,9 47,8 7,2 55,2 Altre specie ,3 52,7-53,2-58,8 Totale ,0 70,2 8,3-10,6 Fonte: Nostra elaborazione su dati Istat In base a questo dettaglio emerge che alcune specie hanno un incidenza sul dato regionale superiore alla media; in particolare si riconferma il ruolo ricoperto dai molluschi e in particolare cozze e vongole, tra i molluschi bivalvi, seppie e polpi tra i molluschi cefalopodi. Un incidenza superiore alla media si registra inoltre anche per i gamberi bianchi e le mazzancolle tra i crostacei. Tra i pesci, emerge il peso rilevante delle catture di alici, scorfani, cefali, sogliole e triglie. Nel 2000 invece nel compartimento di Ancona le catture di tonni, di gamberi rossi, di aragoste e astici sono state praticamente nulle. All interno del Compartimento marittimo di Ancona, la specie che ha il maggior peso è sicuramente costituita dalle vongole, che rappresentano il 41,4% delle catture complessive (8.988 tonnellate nel 2000), seguita dalle alici con il 27,5% (5.985 tonnellate). La produzione complessiva anconetana nell ultimo anno ha recuperato in parte la riduzione avvenuta negli anni precedenti; in particolare, l aumento è da attribuire alle maggiori catture di alici, triglie, cozze e vongole. 415

16 Appendice statistica Tab Produzione sbarcata per compartimento (tonnellate) 1997 S. BENEDETTO ANCONA PESARO MARCHE ITALIA 01 - Alici o acciughe Sarde o sardine Sgombri 93, Totale pesci Tonni Aguglie 0, Anguille Bisi o tombarello Boghe o bobe 14,5 6, Caponi e scorfani 8, Cefali o muggini 141, Cernie. 1,3 1 2, Dentici o pagri 0, Ghiozzi 6,5 67, Latterini. 9, , Leccie e ricciole. 0, Mendole o menole. 5, Merluzzi o naselli Ombrine e corvine 0,5 3, Orate. 7, Pagelli 8, Palamite , Palombi e gattucci 2,9 17, Potassoli 45,3 122, Pesci spada Rane pescatrici 38, Razze e squadri 8,4 11, Rombi ed altri 6, Saraghi 0 0, Sogliole 25, Spigole 1,1 8, Sugarelli o suri 157,2 99, Triglie Altre specie Totale altri pesci TOTALE PESCI Calamari 50,5 127, Polpi Seppie 156, Totale Ca.Po.Se. 215,9 1469, , , Mitili o cozze Moscardini , Totani Vongole Altre specie 19, Totale altri molluschi TOTALE MOLLUSCHI Aragoste ed astici 0, Gamberi bianchi e 12,3 149, Gamberi rossi 3 38, Pannocchie Scampi Altre specie , TOTALE CROSTACEI TOTALE GENERALE Fonte: Istat 416

17 Tab Produzione sbarcata per compartimento (tonnellate) 1998 S. BENEDETTO ANCONA PESARO MARCHE ITALIA 01 - Alici o acciughe Sarde o sardine Sgombri Totale pesci Tonni Aguglie Anguille Bisi o tombarello Boghe o bobe Caponi e scorfani Cefali o muggini Cernie Dentici o pagri Ghiozzi Latterini Leccie e ricciole Mendole o menole Merluzzi o naselli Ombrine e corvine Orate Pagelli Palamite Palombi e gattucci Potassoli Pesci spada Rane pescatrici Razze e squadri Rombi ed altri Saraghi 0 0,3 0,3 0, Sogliole Spigole Sugarelli o suri Triglie Altre specie Totale altri pesci TOTALE PESCI Calamari Polpi Seppie Totale Ca.Po.Se Mitili o cozze Moscardini Totani Vongole Altre specie Totale altri molluschi TOTALE MOLLUSCHI Aragoste ed astici Gamberi bianchi e Gamberi rossi Pannocchie Scampi Altre specie TOTALE CROSTACEI TOTALE GENERALE Fonte: Istat 417

18 Tab Produzione sbarcata per compartimento (tonnellate) 1999 S. BENEDETTO ANCONA PESARO MARCHE ITALIA 01 - Alici o acciughe Sarde o sardine Sgombri Totale pesci Tonni Aguglie Anguille Bisi o tombarello Boghe o bobe Caponi e scorfani Cefali o muggini Cernie Dentici o pagri Ghiozzi Latterini Leccie e ricciole Mendole o menole Merluzzi o naselli Ombrine e corvine Orate Pagelli Palamite Palombi e gattucci Potassoli Pesci spada Rane pescatrici Razze e squadri Rombi ed altri Saraghi Sogliole Spigole Sugarelli o suri Triglie Altre specie Totale altri pesci TOTALE PESCI Calamari Polpi Seppie Totale Ca.Po.Se Mitili o cozze Moscardini Totani Vongole Altre specie Totale altri molluschi TOTALE MOLLUSCHI Aragoste ed astici Gamberi bianchi e Gamberi rossi Pannocchie Scampi Altre specie TOTALE CROSTACEI TOTALE GENERALE Fonte: Istat 418

19 Tab Produzione sbarcata per compartimento (tonnellate) 2000 S. BENEDETTO ANCONA PESARO MARCHE ITALIA 01 - Alici o acciughe , Sarde o sardine , Sgombri 76, , Totale pesci Tonni 0, Aguglie Anguille 0 0,1 0, Bisi o tombarello Boghe o bobe 7,8 5,6 2, Caponi e scorfani 30, , Cefali o muggini 3, , Cernie , Dentici o pagri 0 0,1 1, Ghiozzi 4,1 48,8 32, Latterini 0 0, Leccie e ricciole 0 0,2 0, Mendole o menole Merluzzi o naselli , Ombrine e corvine 0 1,2 0, Orate 0 1,4 0, Pagelli 0,3 0,1 5, Palamite 468 8, Palombi e gattucci 1 16,6 80, Potassoli o mel 31 88,1 43, Pesci spada 0 0,5 0, Rane pescatrici 84, , Razze e squadri 4 10,5 3, Rombi ed altri 4,5 55,3 5, Saraghi 0 0 0, Sogliole 47, , Spigole 0 0,7 0, Sugarelli o suri 70,1 34,9 7, Triglie Altre specie Totale altri pesci TOTALE PESCI Calamari 21,8 79,6 21, Polpi 4, , Seppie , Totale Ca.Po.Se 85,5 692,5 95,8 873, Mitili o cozze , Moscardini ,6 10, Totani Vongole Altre specie , Totale altri molluschi TOTALE MOLLUSCHI Aragoste ed astici. 0, Gamberi bianchi e 14,6 82,3 9, Gamberi rossi 0 1,7 41, Pannocchie Scampi , Altre specie 11, , TOTALE CROSTACEI TOTALE GENERALE Fonte: Istat 419

20 Le imprese I dati sulle imprese di pesca del Comune di Ancona sono stati forniti dalla Camera di Commercio dell industria, dell agricoltura e artigianato di Ancona. Al 31 dicembre 2001, risultano iscritte 133 imprese nel settore della pesca, piscicoltura e servizi connessi; una percentuale esigua rispetto al totale delle imprese attive nel comune (1,7%), ma tuttavia significativa se rapportata al dato provinciale. Si può, infatti, osservare che quasi il 66% delle imprese di pesca della provincia di Ancona è localizzata nel capoluogo (tabella 3.10). Tab Imprese attive per settore Ateco nel comune di Ancona al 31/12/01 Settore Ateco Totale Peso % Incidenza % su totale Provincia Ancona A. Agricoltura caccia e silvicoltura 624 7,8 6,5 B. Pesca, piscicoltura e servizi connessi 133 1,7 65,8 C. Estrazione di minerali 2 0,0 13,3 D. Attività manifatture 759 9,4 13,8 E. Produzione 2 0,0 16,7 F. Costruzione 612 7,6 14,3 G. Commercio all'ingrosso. e al dettaglio Riparazione dei beni personali e per la casa ,9 29,6 H. Alberghi e ristoranti 331 4,1 21,5 I. Trasporti, magazzinaggio e comunicazione 311 3,9 19,8 J. Intermediazione monetaria e finanziaria 348 4,3 33,5 K. Attiv. immob, noleggio, informaica, ricerca ,9 31,2 M. Istruzione 34 0,4 30,9 N. Sanità e altri servizi sociali 35 0,4 35,7 O. Altri servizi pubblici, sociali e personali 431 5,4 23,7 P. Servizi domestici presso famiglie e convivenze 0 0,0 0,0 X. Imprese non classificate 97 1,2 23,8 Totale ,8 Fonte: Nostra elaborazione su dati C.C.I.A.A. Come si può osservare dalla tabella 3.11, ben 129 imprese delle iscritte nel comune, sono dedite alla pesca marittima e danno lavoro a 274 degli occupati del capoluogo, pari al 96% della manodopera complessiva. Le restanti 3 unità attive, invece, sono iscritte nel comparto dei servizi connessi e sono le uniche imprese della provincia ad esercitare in questo settore. Nessuna impresa invece opera nella piscicoltura. 10 Da questo momento in poi non viene considerata una società di persone, poiché al momento dell iscrizione non ha dichiarato la tipologia di attività svolta. 420

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

4. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: GLI ATTORI

4. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: GLI ATTORI 4. IL SISTEMA PESCA AD ANCONA: GLI ATTORI 4.1 Le schede In questo capitolo vengono presentate le schede elaborate per ogni singolo attore, suddivise per gruppi, del Sistema Pesca Ancona. In esse si descrive

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013

EXECUTIVE SUMMARY. Maggio 2013 Maggio 2013 EXECUTIVE SUMMARY Il check up del settore ittico nazionale per il 2012 mostra tutti i segni di una difficoltà che, se già di per sé sembra assumere carattere strutturale, è stata aggravata

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Studi di settore IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Analisi dell offerta, della domanda e della distribuzione al dettaglio Il settore ittico in Italia I principali indicatori del settore

Dettagli

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi

03.11.00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03.12.00 Pesca in acque dolci e servizi connessi 04 03..00 Pesca in acque marine e lagunari e servizi connessi 03..00 Pesca in acque dolci e servizi connessi barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) DOMICILIO

Dettagli

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa.

IREPA Onlus, Via S. Leonardo 73, 84131 Salerno tel. 089/338978 - fax 089/330835 - e-mail irepa@irepa.org - sito web http://www.irepa. L Irepa Onlus, Istituto di ricerche economiche per la pesca e l acquacoltura, è un organizzazione non lucrativa di utilità sociale, dotata di personalità giuridica, ed opera in convenzione con l Università

Dettagli

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA

DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO RAPPORTO ANNUALE 2009 SULLA PESCA E SULL ACQUACOLTURA IN SICILIA ABSTRACT DEL RAPPORTO CAPITOLO I - Quadro generale socio-economico

Dettagli

Statistiche sulla pesca e zootecnia

Statistiche sulla pesca e zootecnia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 3 Settore Agricoltura Statistiche sulla pesca e zootecnia Anno 2001 Informazioni n. 27-2003 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali. Aggiornamento della valutazione intermedia

Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali. Aggiornamento della valutazione intermedia Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali Servizio di valutazione indipendente intermedia del Programma Operativo della Regione Autonoma della Sardegna 2000-2006 Aggiornamento della valutazione intermedia

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

Business Questionnaire

Business Questionnaire Allegato B Transnational Networking and Cooperation Initiatives for the Development of coastal SMEs in the Balkan Adriatic Region - CONNECT PROJECT L. 84/01 Business Questionnaire Rivolto alle PMI locali

Dettagli

UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006

UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006 UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006 FEP - Fondo Europeo per la Pesca 2007-2013 MISURA 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone

Dettagli

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI Per il monitoraggio degli acquisti di prodotti ittici delle famiglie italiane, l Ismea si avvale di un Panel famiglie gestito

Dettagli

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE

PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE CONSORZIO DI RIPOPOLAMENTO ITTICO GOLFO DI PATTI Piano Operativo Regionale 2000-2006 Misura 4.17. sottomisura A Promozione PROGETTO POSEIDON PROMOZIONE Attività A500 Azioni volte all attivazione di campagne

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

Report ittico 17 dicembre 2012

Report ittico 17 dicembre 2012 Report ittico 17 dicembre 2012 1. Il l settore ittico in i Italia nel 2011 1.1 Il settore in sintesi Si è accentuata, nel 2011, la flessione della produzione ittica in Italia; secondo i dati Irepa, le

Dettagli

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009

Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale sulla Pesca e sull Acquacoltura in Sicilia 2009 Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari

Dettagli

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza BAMPE IL MARE E I SUOI PRODOTTI Dr. Agr. Paolo Rosatelli Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Risorse Ittiche Scuola ELEMENTARE

Dettagli

SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative

SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative SFOP - Programmazione 2000-2006 Indicatori di risultato e impatto Fonti e note esplicative E IMPATTO Nota introduttiva Lo SFOP (Strumento Finanziario di Orientamento per la Pesca) finanzia gli interventi

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

Le produzioni ittiche

Le produzioni ittiche Capitolo ventottesimo Le produzioni ittiche La pesca La situazione mondiale e comunitaria La pesca mondiale, secondo i dati Fao, ammonta nel 2012 a poco più di 91 milioni di tonnellate, registrando una

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA

Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA PESCA OSSERVATORIO DELLA PESCA DEL MEDITERRANEO Rapporto Annuale

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

DISCIPLINARE CONSORZIO PESCA ANCONA

DISCIPLINARE CONSORZIO PESCA ANCONA DISCIPLINARE Indice Emissione del 09.01.2007 2 1. INTRODUZIONE OP con sede in via Molo Mondracchio, s.n 60125 Ancona (indirizzo internet www.conpesca.it) L OP, ai sensi e per gli effetti delle norme comunitarie

Dettagli

Gruppo di Azione Costiera MARCHE NORD. Piano di Sviluppo Locale

Gruppo di Azione Costiera MARCHE NORD. Piano di Sviluppo Locale Gruppo di Azione Costiera MARCHE NORD Piano di Sviluppo Locale Variante approvata dal Consiglio Direttivo del 06/08/2012 Integrata con osservazioni della commissione regionale del 05/09/2012 REGIONE MARCHE

Dettagli

Introduzione 2. 1. La pesca costiera artigianale 2

Introduzione 2. 1. La pesca costiera artigianale 2 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA PIANO D AZIONE PER LO SVILUPPO, LA COMPETITIVITA E LA SOSTENIBILITA DELLA PESCA COSTIERA ARTIGIANALE AI SENSI DEL REG. (CE) 508/2014 art.18, comma 1, lettera i INDICE

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI 2000-2010

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI 2000-2010 GABICCE MARE: DALLA SOSTENIBILITA IL FUTURO Per un territorio attraente e competitivo INDICATORI SOCIO-ECONOMICI 2-21 A cura di Europa Inform Consulting Ottobre 21 Introduzione Dieci anni fa, esattamente

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO

ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO XXV CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI ANALISI ECONOMICA DELLO SFORZO DI PESCA NEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI REGGIO CALABRIA.(*) Massimo BALDARI, Giovanni GULISANO e Monica PALLADINO DiSTAfA Dipartimento

Dettagli

Il sistema economico locale: industria e terziario

Il sistema economico locale: industria e terziario Capitolo 6 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 6 Il sistema economico locale: industria e terziario In questo capitolo sono presentati gli indicatori

Dettagli

ALLEGATO I. Tabelle statistiche e grafici

ALLEGATO I. Tabelle statistiche e grafici ALLEGATO I Tabelle statistiche e grafici Valutazio ex-ante ambientale Figura I.1. Andamento del numero di pescherecci lle Regioni Obiettivo 1, anni 1996- N. battell 5000 4500 4000 3500 3000 2500 1500 1000

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE I principali flussi commerciali nell Unione Europea e in Italia Convegno «Qualità e sicurezza dei prodotti d acquacoltura: regolamenti, controlli e

Dettagli

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA 1 I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA PAG. 1. INTRODUZIONE 4 1.1 Gli Obiettivi generali del piano 4 1.2 Conservazione

Dettagli

DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE. MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA

DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE. MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA DIAGNOSI DELLA DIMENSIONE DI PESCA REGIONALE MAPPE DELLE COMUNITà COSTIERE DIPENDENTI DALLE ATTIVITà DI PESCA Tipologia dell area (isola, zona scarsamente popolata, piccolo porto di pesca isolato o adiacente

Dettagli

I CONSUMI ITTICI NEI PRINCIPALI PAESI EUROPEI

I CONSUMI ITTICI NEI PRINCIPALI PAESI EUROPEI Ismea I CONSUMI ITTICI NEI PRINCIPALI PAESI EUROPEI Spagna, Francia, Germania, Grecia, Regno Unito, Paesi Bassi, Norvegia 2008 Responsabile della ricerca Ezio Castiglione Responsabile scientifico Giorgio

Dettagli

Il settore nautico per lo sviluppo turistico del territorio. Tonino Pencarelli

Il settore nautico per lo sviluppo turistico del territorio. Tonino Pencarelli Il settore nautico per lo sviluppo turistico del territorio Tonino Pencarelli Urbino, maggio 2008 Obiettivo del progetto e gruppo di lavoro Delineare le opportunità di sviluppo della portualità turistica

Dettagli

Capitolo 6 Il sistema informativo della filiera ittica

Capitolo 6 Il sistema informativo della filiera ittica Capitolo 6 Il sistema informativo della filiera ittica Introduzione Spagnolo M. I sistemi informativi relativi al settore della pesca svolgono un ruolo centrale di supporto alla elaborazione e definizione

Dettagli

La sostenibilità della risorsa quota di pescato 104 giorni l anno 8.000 km di costa

La sostenibilità della risorsa quota di pescato 104 giorni l anno 8.000 km di costa La sostenibilità della risorsa Oggi il quadro delle risorse ittiche dell Adriatico è drammatico. Anni di supersfruttamento delle risorse ittiche hanno causato dei gravissimi gap riproduttivi in tutte le

Dettagli

A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO

A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO A.4.1 Le unità locali Le unità locali presenti sul territorio della provincia di Ferrara, al Censimento dell Industria e dei Servizi 2001, erano 32.101, in aumento, rispetto al

Dettagli

SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012

SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012 Maria Severina

Dettagli

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA

I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA 1 I PROGRAMMA NAZIONALE TRIENNALE DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA PAG. 1. INTRODUZIONE 4 1.1 Gli Obiettivi generali del piano 4 1.2 Conservazione

Dettagli

deliberazione n. 118

deliberazione n. 118 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA VIII LEGISLATURA deliberazione n. 118 PIANO TRIENNALE REGIONALE PER LA PESCA E L ACQUACOLTURA 2009/2011 LEGGE REGIONALE 13 MAGGIO 2004, N. 11, ARTICOLO 4 ESTRATTO

Dettagli

I capitoli dell'indice (che si trova alle pagine 9 e 10)

I capitoli dell'indice (che si trova alle pagine 9 e 10) ò essere letto con Acrobat Reader 4.0, ma è del rendimento e dell'interattività. È conveniente per una buona lettura scegliere l'opzione Continuopagine affiancate dal Menu "Vista" I capitoli dell'indice

Dettagli

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta Stampa Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua

Dettagli

Dipendenti a tempo pieno Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito Apprendisti

Dipendenti a tempo pieno Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito Apprendisti 0 50.0.00 - Trasporto marittimo e costiero di passeggeri 50.0.00 - Trasporto marittimo e costiero di merci 50.0.00 - Trasporto di passeggeri per vie d'acqua interne (inclusi i trasporti lagunari) 50.40.00

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N 1639 DEL 02/10/1968 PESCA SPORTIVA Nelle righe che seguono tratteremo gli aspetti della pesca sportiva in mare riferendoci a quanto è previsto tuttora dalla legislazione

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Andamento delle attività economiche Sedi di imprese e localizzazioni

Dettagli

Il settore ittico nell Alto Adriatico

Il settore ittico nell Alto Adriatico Il settore ittico nell Alto Adriatico Organizzazione della commercializzazione 㫇㫉㫆㪾㪼㫋㫋㫆 Prospettive e sviluppi dei mercati ittici in Croazia ISTRIAN DEVELOPMENT AGENCY PRIMORSKO-GORANSKA åupanija ISTARSKA

Dettagli

La sostenibilità economica dei grandi eventi e i rischi di speculazione immobiliare Roberto Camagni Politecnico di Milano

La sostenibilità economica dei grandi eventi e i rischi di speculazione immobiliare Roberto Camagni Politecnico di Milano Grandi eventi e legacy: Rischi e opportunità per la competizione urbana nel mercato mondiale prima e dopo la crisi globale Politecnico di Milano, 18-20 novembre 2010 La sostenibilità economica dei grandi

Dettagli

EMBARGO FINO ALLE 11 DEL 27/04/07

EMBARGO FINO ALLE 11 DEL 27/04/07 PESCE, ALLA RICERCA DELLE ETICHETTE PERDUTE III RAPPORTO MDC SU SICUREZZA ALIMENTARE E PRODOTTI ITTICI Aprile 2007 EMBARGO FINO ALLE 11 DEL 27/04/07 PESCE, ALLA RICERCA DELLE ETICHETTE PERDUTE III RAPPORTO

Dettagli

Regolamento n.1224/09 Controllo Pesca

Regolamento n.1224/09 Controllo Pesca Regolamento n.1224/09 Controllo Pesca ATTO ESECUTIVO MIPAAF SIN PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI INTEGRAZIONE DELLE COMPONENTI HARDWARE E SOFTWARE NECESSARIE PER L EVOLUZIONE DELLE MODALITÀ DI COMUNICAZIONE

Dettagli

Provincia di Salerno. UN MARE di qualità. Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno

Provincia di Salerno. UN MARE di qualità. Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno Provincia di Salerno UN MARE di qualità Studio per la protezione e valorizzazione delle produzioni ittiche di qualità della Provincia di Salerno Un mare di qualità Studio per la protezione e valorizzazione

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO PRODOTTI ECCELLENTI di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE IN ITALY Il MARE generoso di PORTO SANTO PORTOSANTOSPIRITO La domanda l abbiamo rivolta a uno chef che di fresco se ne intende e nella cui

Dettagli

$UW $0%,72',$33/,&$=,21(

$UW $0%,72',$33/,&$=,21( 5(*2/$0(172 '(*/,$3352',',81,7$ $9(/$$',%,7($/&+$57(51$87,&235(662/$ '$56(1$$&721'(/32572',1$32/, $0%,72',$33/,&$=,21( Il presente regolamento disciplina, a titolo sperimentale, l uso delle banchine portuali

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004)

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004) Al Dipartimento di Prevenzione Azienda USL di Frosinone S.S Ispezione degli alimenti di o.a Distretto per il tramite dello SUAP in forma Associata della XIV Comunità Montana Valle di Comino SCIA Segnalazione

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE EMILIA ROMAGNA

FEDERAZIONE REGIONALE EMILIA ROMAGNA FEDERAZIONE REGIONALE EMILIA ROMAGNA Analisi della dinamica e dell evoluzione occupazionale nella Regione Emilia Romagna e della capacità da parte della cooperazione regionale di soddisfare in maniera

Dettagli

PESCE FRESCO FORSE QUASI

PESCE FRESCO FORSE QUASI PESCE FRESCO FORSE QUASI I Rapporto su sicurezza alimentare e prodotti ittici in Italia Dicembre 2004 Movimento Difesa del Cittadino Progetto Salute&Gusto Pesce fresco...forse quasi I Rapporto su sicurezza

Dettagli

ISMEA Il settore ittico in Italia Check-up 2010

ISMEA Il settore ittico in Italia Check-up 2010 SMEA l settore ittico in talia Check-up 2010 Responsabile della ricerca Egidio Sardo Responsabile della redazione Fabio Del Bravo Coordinamento operativo Francesca Carbonari Redazione: Sabrina Navarra

Dettagli

circa un terzo dell Economia del Mare è spiegato dal trasporto marittimo, un settore nel quale sono occupate quasi 200 mila persone e che ha prodotto

circa un terzo dell Economia del Mare è spiegato dal trasporto marittimo, un settore nel quale sono occupate quasi 200 mila persone e che ha prodotto PREMESSO CHE il sistema dell Economia del Mare rappresenta una inestimabile risorsa economica di non facile definizione alla luce del suo lungo raggio di espansione all interno del sistema produttivo globale.

Dettagli

LE CARATTERISTICHE ECONOMICHE ED IL QUADRO EVOLUTIVO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE

LE CARATTERISTICHE ECONOMICHE ED IL QUADRO EVOLUTIVO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana COMUNE DI EMPOLI LE CARATTERISTICHE ECONOMICHE ED IL QUADRO EVOLUTIVO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE novembre 2006 1. I PRINCIPALI INDICATORI MACROECONOMICI

Dettagli

potenzialmente legato al consumo dell alimento e a garantirne l idoneità al consumo umano.

potenzialmente legato al consumo dell alimento e a garantirne l idoneità al consumo umano. LINEE GUIDA ALL ACQUISTO DI PRODOTTI ITTICI E MOLLUSCHI BIVALVI REGOLE E CONTROLLI Il cosiddetto Pacchetto Igiene raccoglie i Regolamenti Comunitari in materia di Igiene degli Alimenti, comprendendo tutta

Dettagli

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa Allegato I La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro Premessa La formazione alla sicurezza svolta in aula ha rappresentato tradizionalmente il modello di formazione in grado di garantire

Dettagli

Commercio Interno Interno15

Commercio Interno Interno15 15 Commercio Interno Interno15 COMMERCIO INTERNO All interno di questa sezione vengono riportate le tabelle riguardanti il commercio nella Regione nell anno 2007, in particolare: il commercio al dettaglio

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario 2.1 Il terziario a Roma: dimensioni e tendenze evolutive 2.2 Caratteristiche della realtà romana 2.3 Le attività del terziario nel comune di Roma:

Dettagli

Il Pesce nella Rete. Food Marketing Consulting

Il Pesce nella Rete. Food Marketing Consulting Il Pesce nella Rete 1 Un approccio organico 2 Considerando i rapporti tra Pesca e territorio Pesca e tradizione enogastronomica Pesca, pescatori e infrastrutture come elementi caratterizzanti di un paesaggio

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

1. IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA

1. IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA Il commercio nella provincia di Bologna - anno 2010 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna IL COMMERCIO NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA - anno 2010 - Consistenza 1. IL COMMERCIO

Dettagli

3 LE CARATTERISTICHE COMMERCIALI E LOGISTICHE DELLA DISTRIBUZIONE MODERNA IN VENETO (Luca Lanini, Marina Montedoro)

3 LE CARATTERISTICHE COMMERCIALI E LOGISTICHE DELLA DISTRIBUZIONE MODERNA IN VENETO (Luca Lanini, Marina Montedoro) 3 LE CARATTERISTICHE COMMERCIALI E LOGISTICHE DELLA DISTRIBUZIONE MODERNA IN VENETO (Luca Lanini, Marina Montedoro) 3.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Il lavoro sul campo ha contemplato anche un

Dettagli

OSSERVATORIO STATISTICO

OSSERVATORIO STATISTICO OSSERVATORIO STATISTICO IN INTERPORTO BOLOGNA IL TRASPORTO CAMIONISTICO DI MERCI IN INTERPORTO BOLOGNA INDAGINE ANNUALE 2013 EXECUTIVE REPORT ES1. Il movimento merci dell Interporto di Bologna nel 2013

Dettagli

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP Nella seduta del 21 dicembre 2011 la Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Realizzato per Regione Liguria da Osservatorio Ligure Pesca

Dettagli

Allegato C Classificazione dei settori di intervento

Allegato C Classificazione dei settori di intervento Allegato C Classificazione dei settori di intervento L'accluso elenco dei campi d'intervento dei Fondi strutturali, compilato ai sensi dell'articolo 36 della proposta di regolamento generale, intende fornire

Dettagli

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità MCE 2012 La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo Cattaneo - LIUC 1 Distribuzione

Dettagli

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. questioni aperte e difficoltà applicative

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. questioni aperte e difficoltà applicative IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA questioni aperte e difficoltà applicative CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE Titolo V Reg. CE 1224/09 Titolo IV Reg. UE 404/11 DM 10 novembre 2011 DD 28 dicembre 2011

Dettagli

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI Modulo integrativo per le classi seconde i prodotti ittici PESCI DI MARE, D ACQUA DOLCE E MISTA I pesci I pesci sono prodotti ittici, sono vertebrati e non vanno confusi con i crostacei e molluschi, che

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

PROBLEMATICHE DI APPLICAZIONE AL SETTORE PESCA DELLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA DEL LAVORO.

PROBLEMATICHE DI APPLICAZIONE AL SETTORE PESCA DELLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA DEL LAVORO. PROBLEMATICHE DI APPLICAZIONE AL SETTORE PESCA DELLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA DEL LAVORO. Mauro Gaggero - FEDERCOOPESCA Premessa. Prima di trattare l argomento specifico vorrei brevemente illustrare cosa

Dettagli

La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE

La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE Lezione 4 MISURA 3.1 Azioni collettive Progetto La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE TITOLO V: CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE Principi generali SM

Dettagli

1) Pesce fresco? NAS, Guardia di Finanza Asl Guardia Costiera rete nazionale Sedi Movimento Difesa del Cittadino

1) Pesce fresco? NAS, Guardia di Finanza Asl Guardia Costiera rete nazionale Sedi Movimento Difesa del Cittadino 1) Pesce fresco? La gastronomia italiana si distingue da sempre per la ricchezza, la genuinità e la bontà delle carni (siano esse di allevamento o di cacciagione) dei prodotti ortofrutticoli e di quelli

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG77U ATTIVITÀ 61.10.0 TRASPORTI MARITTIMI E COSTIERI TRASPORTI PER VIE D ACQUA INTERNE (COMPRESI ATTIVITÀ 61.20.0 ATTIVITÀ 63.22.

STUDIO DI SETTORE TG77U ATTIVITÀ 61.10.0 TRASPORTI MARITTIMI E COSTIERI TRASPORTI PER VIE D ACQUA INTERNE (COMPRESI ATTIVITÀ 61.20.0 ATTIVITÀ 63.22. STUDIO DI SETTORE TG77U ATTIVITÀ 61.10.0 TRASPORTI MARITTIMI E COSTIERI ATTIVITÀ 61.20.0 TRASPORTI PER VIE D ACQUA INTERNE (COMPRESI I TRASPORTI LAGUNARI) ATTIVITÀ 63.22.0 ALTRE ATTIVITÀ CONNESSE AI TRASPORTI

Dettagli

PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012)

PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012) PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012) ATTUAZIONE DELLE MISURE DI SECURITY NEL PORTO DI ANCONA La misure di security intese come le attività preventive

Dettagli

MARE SICURO" Il decalogo del Bagnante "MARE SICURO" In acquascooter Per guidare l acquascooter occorre: "MARE SICURO" In Windsurf Ricordati di:

MARE SICURO Il decalogo del Bagnante MARE SICURO In acquascooter Per guidare l acquascooter occorre: MARE SICURO In Windsurf Ricordati di: MARE SICURO" - Il decalogo del Bagnante 1 Non fare il bagno se non sei in perfette condizioni psicofisiche; 2 Anche se sei un buon nuotatore non forzare il tuo fisico; 3 Dopo una lunga esposizione al sole

Dettagli

Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo

Reti per la pesca di alici, sarde, costardelle, cicerelli e alaccie: il cianciolo SELETTIVITA' DEGLI ATTREZZI DA PESCA CARATTERISTICHE DEI SISTEMI DI PESCA: CIRCUIZIONE I più usati attrezzi da circuizione sono: il cianciolo per il pesce azzurro (acciughe e sardine) e la tonnara volante

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 2 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità semestrale 1 Numero e

Dettagli

1 Centro Studi,Unione Camere Commercio industria Artigianato Agricoltura del Piemonte.

1 Centro Studi,Unione Camere Commercio industria Artigianato Agricoltura del Piemonte. Rapporti economici tra Piemonte e Francia: il punto di vista italiano A cura di Barbara Barazza responsabile Settore Studi, Statistica e Documentazione Camera di commercio di Torino E con vivo piacere

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

VM21D. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2012. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VM21D. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2012. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2013 VM21D 46.32.10 Commercio all'ingrosso di carne fresca, congelata

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA IALIANA Regione Calabrri ia Fondii Sttrrutttturralii 2000 -- 2006 POR Calabria N 11 99 99 99 II 11 66 11 PP O 00 00 66 A L L E G A O 4 II p o tt e s ii d ii II

Dettagli