Chiodi, martelli e conigli verdi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chiodi, martelli e conigli verdi"

Transcript

1 Xxxx Xxx Arte e scienza: una collaborazione curiosa e talvolta difficile tesa ad ampliare gli orizzonti della nostra conoscenza Chiodi, martelli e conigli verdi di Silvia Casini Potrà sembrare un paragone ardito, ma in ambito lavorativo l artista e lo scienziato sono accomunati in primo luogo dall uso della fantasia. Così come l arte moderna reinventa oggetti della quotidianità e persino rifiuti facendone opere, più o meno concettuali, che allietano i nostri sensi, così, oggi, la scienza porta le sue tecnologie fuori dal laboratorio, applicandole ad altri settori dello scibile umano in maniera prima impensabile. Ecco un curioso esempio di collaborazione tra arte e scienza. The Free Universal Construction Kit di Golan Levin e Shawn Sims.

2 Tra due culture Arte e scienza Arte, scienza, impresa: nasce Arscientia In senso orario: un particolare di Skull II, specchio di bronzo ricavato da risonanza magnetica; fotografia di Skull II, monolite in bronzo, scultura di Marc Didou; immagine tratta dal film Weighing... and Wanting di William Kentridge, cortesia del Museo di Arte Contemporanea di San Diego; immagine sagittale del cervello ottenuta tramite risonanza magnetica. Il neuroscienziato Steven Rose sostiene che quando stringiamo tra le mani un martello, ogni cosa finisce per sembrare un chiodo: l uso che facciamo dello strumento, cioè, plasma il mondo e talvolta semplifica in modo riduttivo la nostra percezione di esso (Rose, 2005). Questo esempio facilmente intuibile è esteso da Rose a tutti quegli strumenti che fanno parte della quotidianità dello scienziato all interno di un laboratorio. Si pensi a una tecnologia complessa proveniente dall ambito biomedicale, la risonanza magnetica nucleare (RMN), capace di generare immagini che permettono di accedere in modo non invasivo alla morfologia e fisiologia del corpo umano, cervello compreso. La RMN viene usata per scopi di ricerca o diagnostico-terapeutici: le immagini prodotte sono perciò interpretate come prove di una condizione di normalità o deviazione rispetto alla norma. Cosa accadrebbe se, contrariamente all uso prescritto, togliessimo quello stesso strumento dal suo contesto originario e lo usassimo in maniera alternativa all uso abituale? Nella maggior parte dei casi, questo è il punto di partenza per avviare esperimenti a cavallo tra arte e scienza. Un utilizzo diverso delle tecnologia della risonanza magnetica e delle immagini prodotte è, per esempio, al centro di alcuni progetti avviati da numerosi artisti, più o meno noti a livello internazionale. Alcuni hanno utilizzato la RMN per ripensare il loro modo di fare scultura (Marc Didou), altri hanno usato la tecnologia e le immagini per indagare questioni legate all identità personale e alla pratica del ritratto (Justine Cooper, Angela Palmer, Suzanne Anker), alcuni, infine, hanno utilizzato le immagini della RMN per esplorare 5 n.28 Dicembre 2012 la corrispondenza tra paesaggi esterni e interiori (William Kentridge). Nella scienza odierna, gli strumenti tecnologici giocano un ruolo fondamentale non solo nella pratica quotidiana del laboratorio, ma anche nella elaborazione delle teorie scientifiche, al punto che è usuale parlare di tecno-scienza. Questo termine è stato coniato alla fine degli anni Settanta dal filosofo belga Gilbert Hottois e poi approfondito criticamente da sociologi della scienza come Bruno Latour e dalla filosofa femminista Donna Haraway, autrice del famoso Manifesto Cyborg (1985). Negli ultimi anni, tecnologie anche molto diverse tra loro stanno convergendo: un esempio sono le nanotecnologie a cui lavorano non soltanto scienziati di ambiti disciplinari diversi (chimici, fisici, biologi, ingegneri ecc.) ma anche esperti delle scienze umane e sociali (filosofi, sociologi, bioeticisti). La conoscenza scientifica sempre più specialistica e le innovazioni tecnologiche mettono l umanità di fronte a sfide (e, talvolta, vere e proprie controversie) che riguardano la salute, l ambiente, l economia, il corpo umano, la relazione tra le persone. Per affrontare queste sfide non basta il sapere scientifico da solo, né quello umanistico-artistico. Questo è il terreno da cui nasce Arscientia - Arte, Scienza e Impresa, una nuovo format, creato da due aziende veneziane, Picapao e Fondaco, per incrociare i territori di arte, scienza e impresa e apprezzarne le potenzialità d innovazione. Attraverso un concorso a premi e momenti di dialogo su tendenze e scenari tra arte e scienza, si vuole esortare i giovani creativi a credere nelle proprie idee e a strutturarle perché diventino progetti reali. Arscientia si sviluppa attraverso due formule principali: i Dialoghi a Venezia e gli Eventi in diverse città del Nordest. Nei Dialoghi si conversa con i creativi (scienziati, impren-

3 Particolare dell installazione opera frutto della collaborazione tra l artista Victoria Vesna e lo scienziato esperto di nanotecnologie James Gimzewski. ditori, artisti locali e internazionali) nella prestigiosa cornice dell Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti di Venezia. Negli Eventi, che si svolgono a Treviso, Vicenza, Verona e Trieste nelle filiali di Veneto Banca, sponsor principale del progetto, ci si mette alla prova in prima persona grazie a un business game e ci si prepara al meglio per partecipare al Premio Arscientia. Una collaborazione storica L esistenza di un rapporto tra arte e scienza non desta sorpresa né costituisce una caratteristica unica del nostro tempo, nonostante un certo scetticismo da sempre accompagni i tentativi di dialogo tra i due saperi. The two cultures (Le due culture) fu il titolo dato alla Rede Lecture pronunciata a Cambridge nel 1959 da Charles Percy Snow, scienziato e scrittore britannico. In quella circostanza, Snow circoscrisse le sue considerazioni alla scienza e alla letteratura, tralasciando le arti, sottolineando quanto la cultura letteraria del suo tempo fosse ignorante di scienza e come ciò costituisse una sorta di vanto per gli intellettuali umanisti. In seguito alle reazioni polemiche suscitate dalla sua prima conferenza, dopo qualche anno egli ipotizzò - senza spiegare in che cosa di fatto consistesse - una terza cultura capace di favorire il dialogo tra scienziati e letterati. Oggi l espressione le due culture è entrata nel vocabolario comune per designare sia la scienza che le arti, intese in senso ampio. Per comprendere la situazione attuale, è utile inquadrare storicamente la relazione tra arte e scienza. Solo dal 1800 in poi arte e scienza sono diventate due ambiti di sapere autonomi. Prima di allora, arte e scienza, pur essendo due attività distinte, condividevano lo stesso orizzonte epistemologico. La scienza, infatti, non costituiva un campo di sapere a sé stante, ma coincideva con la filosofia naturale, come ha sottolineato Pickstone (2000). L arte faceva a sua volta parte della filosofia naturale come testimoniano, per esempio, il trattato De humani corporis fabrica redatto nel 1543 da Vesalius, anatomista fiammingo, le cui dissezioni e descrizioni del corpo umano contribuirono a gettare le basi della anatomia moderna. Le incisioni su legno delle tavole anatomiche di Vesalius, che coniugano precisione scientifica, valore estetico e rimandi allegorici, sono forse il primo frutto tangibile della collaborazione tra artisti e scienziati. Nel Rinascimento, 6 n.28 Dicembre 2012

4 Goccia di ferro fluido del diametro di 3 cm su superficie di vetro e foglio di carta gialla, sette magneti sotto al foglio danno forma alla goccia. [Immagine: foto di Felice Frankel] architetti, artisti e umanisti come Filippo Brunelleschi, Leonardo da Vinci e Leon Battista Alberti si confrontano in modo sistematico soprattutto con la scienza della percezione visiva, come testimoniano le loro opere, in cui è evidente l impiego della prospettiva e di macchine per la visione. È a partire dalla seconda metà dell Ottocento che arte e scienza si affermano come due distinte modalità di approccio al mondo e conoscenza dello stesso. La concezione romantica dell art pour l art e il periodo delle avanguardie storiche di inizio Novecento hanno sì permesso alle arti di coltivare la ricerca dell originalità e dell indipendenza più radicali, ma le hanno allontanate dalla scienza che, sola, vanta un primato di tipo epistemologico. In questo periodo, infatti, è alla scienza che si richiede di dare risposte efficaci alle questioni più urgenti. L arte, pur indispensabile in quanto attività culturale e capace talvolta di anticipare cambiamenti socio-politici, ha un ruolo conoscitivo marginale, offre cioè suggestioni e non soluzioni alle questioni che solo la tecno-scienza sembra in grado di affrontare: la spiegazione dei fenomeni fisici, il funzionamento del cervello e così via. A partire dal 1990, si sono moltiplicate iniziative sulla fertilizzazione tra scienza e arte: mostre, festival, borse di studio, percorsi di dottorato, collaborazioni tra scienziati e artisti. Nel 1998 venne creato nel Regno Unito il NESTA, il Fondo Nazionale per la Scienza, la Tecnologia e l Arte; l anno successivo fu creato il consorzio arte-scienza. Il rapporto Immaginazione e Comprensione pubblicato nel 2001 mostra, dati alla mano, come la separazione tra arte, scienza ed educazione sia causa di rallentamento economico, incoraggiando perciò progetti di collaborazione tra artisti, scienziati e università capaci di produrre risultati innovativi. Gli artisti nel laboratorio Nasce così una categoria di artisti che lavora a stretto contatto con gli scienziati nei laboratori di ricerca, utilizzando la strumentazione scientifica messa a disposizione. Gli anglosassoni, i primi a promuovere queste collaborazioni, li definiscono come artists in the lab. Essi collaborano con gli scienziati spinti da motivazioni diverse che qui possiamo provare a riassumere. Innanzitutto, entrare nel laboratorio di uno scienziato è l unico modo per poter accedere a strumenti e immagini altrimenti non facilmente disponibili. Le immagini svolgono un ruolo sempre più importante nella routine degli scienziati, al punto che si è parlato di una svolta visiva della scienza a partire dal Questo accade anche quando non di immagini vere e proprie si tratta, quanto piuttosto di modelli capaci di descrivere fenomeni scientifici non percepibili a occhio nudo. Lo storico dell arte James Elkins, uno dei primi a interessarsi della relazione tra arte e scienza, sostiene che oggi le immagini più interessanti sono create dagli scienziati e non dagli artisti, portando come esempio le immagini ottenute dai microscopi a forza atomica o a scansione di sonda utilizzati nelle nanotecnologie. In secondo luogo, le opere nate da una collaborazione tra artisti e scienziati possono sviluppare nel pubblico non soltanto una migliore comprensione di alcuni fenomeni scientifici, ma anche una riflessione critica circa le implicazioni sociali della ricerca scientifica. Infine, una delle ragioni del successo di queste sinergie consiste nella fragilità del singolo nell affrontare le sfide e la complessità dei problemi del nostro mondo sotto la spinta della tecnologia. Da un lato, nel laboratorio l attenzione si concentra su dettagli singoli e il procedere scientifico per ipotesi da verificare con esperimenti ben definiti può ridurre la tensione artistica generata dal confronto con la complessità del mondo. Dall altro, la collaborazione con l artista aiuterebbe lo scienziato a esplorare metodi ibridi e addirittura a mettere in discussione il sistema sperimentale medesimo. Grazie alla collaborazione con gli artisti, infatti, gli scienziati possono sperimentare uno spazio di 7 n.28 Dicembre 2012

5 Tra due culture Arte e scienza Fotografia di Patrick Bolger, particolare dell installazione Hyperbolic Crochet Coral Reef creata da Margaret Wertheim, cortesia della Science Gallery Dublin. 8 libertà lontano dal rigoroso, e sovente necessario, processo di scrutinio scientifico. Gli artisti indicano nuovi comportamenti, applicazioni inattese capaci di mettere in discussione l oggetto di indagine del sistema sperimentale stesso. Il metodo scientifico è un sistema chiuso e delimitato, adatto alla semplificazione di fenomeni complessi da analizzare, ma esso, al tempo stesso, deve sempre poggiare sull orizzonte epistemologico di altri sistemi e sfondi che potrebbero contribuire a ridefinire l oggetto dell esperimento e, di conseguenza, il metodo con cui viene studiato (Rheinberg, 1997). È opportuno sottolineare come alcuni di questi artisti nel laboratorio non vogliano essere definiti tali, poiché convinti che arte e scienza siano e debbano rimanere distinte. Suggerire che l arte e la scienza siano correlate potrebbe risultare pericoloso. Le immagini scientifiche possono essere molto belle e probabilmente artistiche, ma non sono arte, e l arte non è scienza sostiene la fotografa scientifica americana Felice Frankel, le cui immagini ricche di dettagli, quasi tattili, hanno conquistato le copertine di prestigiose riviste scientifiche tra cui Nature e Scientific American. Sostenere lo sviluppo di collaborazioni tra arte e scienza non significa, tuttavia, cancellare le specificità e metodi di que- n.28 Dicembre 2012 sti saperi. Significa piuttosto essere aperti alla possibilità che da queste collaborazioni nascano processi e prodotti non facilmente identificabili come scienza o come arte, dei veri e propri ibridi, insomma. La Science Gallery del Trinity College di Dublino, diretta da Michael John Gorman e il Le Laboratoire di Parigi, fondato nel 2007 da David Edwards con la collaborazione dell Università di Harvard, sono due fiori all occhiello nell ambito della sperimentazione tra scienza, arte e, talvolta, impresa. Entrambi sono spazi di incontro e progettazione culturale condivisa dove professionisti di ambiti diversi lavorano a stretto contatto per arrivare a mostre e prodotti finiti. Alcune creazioni sono state brevettate, è il caso di Le Whif, definito da Edwards come un approccio nuovo e delizioso al cibo, un fischietto-aereosol per degustare gli alimenti respirandoli. Esempi eclatanti di prodotti e processi ibridi sono quelli provenienti dalla ricerca genomica che offre agli artisti la possibilità di lavorare con materiali e tessuti viventi. Nel 2000 il brasiliano Eduardo Kac realizza un coniglio con un gene di medusa, GFP Bunny, che diventa verde se esposto a un certo tipo di luce e che costituisce uno dei primi esempi di arte transgenica, ossia la creazione di un essere vivente organico, totalmente artificiale, a scopi artistici (P. L.

6 Particolare dell installazione per la mostra dedicata a Le Whif al Le Laboratoire, Paris. Fotografia dello spray al cioccolato Le Whif inventato da David Edwards, sfrutta la tecnologia dell aerosol e assomiglia a un fischietto. Capucci). Il coniglio verde di Kac è solo una delle creazioni realizzate da un esponente della BioArt, o arte transgenica. Esistono infatti sempre più centri specializzati nel binomio arte/biotecnologia: SymbioticA, ad esempio, fondato da Oron Catts e Ionat Zurr presso la University of Western Australia, opera all interno della facoltà di anatomia e biologia umana e organizza residenze per artisti, scienziati e filosofi. A sottolineare l importanza della collaborazione tra professionisti diversi è Paola Antonelli, senior curator del dipartimento di Architettura e Design del MoMa di New York che nel 2008 ha ospitato la mostra Design and the Elastic Mind: La maggior parte dei biodesigner non corrisponde alla figura dello scienziato pazzo che, in emulazione di Dio, si impegna a creare un nuovo essere, personificazione dell imminente scontro finale: alcuni lavorano con organismi visibili come piante e animali, altri con batteri e cellule, altri ancora perseguono la creazione di nuovi sistemi viventi manipolando il Dna. Nessuno di loro, tuttavia, opera da solo in una terra di nessuno dell etica, preferendo lavorare in gruppo e far parte di team che comprendono fisici, matematici, tecnici informatici, ingegneri, chimici e specialisti in bioetica. A volte anche economisti e filosofi. Il collettivo SymbioticA sostiene ed ospita, tra gli altri, Tissue Culture, un progetto artistico di ricerca sull uso delle tecnologie del tessuto organico come mezzo per una nuova espressione artistica e come strumento per migliorare la qualità della vita. Per descrivere i loro strumenti di lavoro, Catts e Zurr hanno coniato il termine semi-vivente. Se le cose di cui ci circondiamo ogni giorno fossero nello stesso tempo prodotti ed entità viventi, in crescita, cominceremo ad assumere un atteggiamento più responsabile nei confronti del nostro ambiente, e a tenere a freno il nostro consumismo distruttivo afferma l artistico duo. Ciò detto, molti esperimenti del nostro tempo nati dalla collaborazione arte-scienza in realtà non influiscono o non lasciano tracce durature sulla pratica dell artista o su quella dello scienziato. Troppo spesso collaborazioni di questo tipo non si sviluppano in esperienze autonome e vitali - scientifiche o artistiche - indipendenti da risultati commerciali e scientifici o, in caso affermativo, quei risultati non sono facilmente rintracciabili al di fuori di mostre o simposi temporanei (Dorfles, 2001). L osservatore aggiunto L osservatore-aggiunto (dall espressione inglese attached-observer) - una professionalità presa dall antropologia e dalla ricerca etnografica sul campo - rappresenta il tentativo di comprendere il processo e non solamente i risultati di queste collaborazioni. L introduzione di un terzo agente tra l artista e lo scienziato ha il merito di focalizzare l attenzione sulle forme della collaborazione stessa non solo in maniera retrospettiva, ma mentre la collaborazione è in corso nel laboratorio (Leach, 2006: ). Le parole chiave sono processo - non risultato - e interazione tra le persone coinvolte. L osservatore-aggiunto agisce da testimone e a volte anche da partecipante al progetto: stimola le domande, mette in discussione l interazione stessa, esplora nuove possibili direzioni di ricerca per l artista e per lo scienziato come singoli, una volta conclusa la collaborazione a un progetto specifico (Mandelbrojt, 1994). Come afferma l antropologo sociale James Leach: quelle nuove direzioni, forse più di qualsiasi risultato fisico finito, sono un prodotto genuino della collaborazione, impensabile senza il rapporto particolare tra i partecipanti (2006: 449). Arte e scienza: le nuove sfide Il dibattito che sta infervorando le discussioni tra lettori e autori della rivista Leonardo - The Journal of Art, Science and Technology del gruppo SEAD (Network for Sciences, Engineering, Arts and Design) riguarda le sfide che dovranno affrontare quanti vogliano esplorare il territorio di intersezione tra arte e scienza e cimentarsi in prima persona con un progetto o una ricerca in questo settore. Tra gli italiani che partecipano al dibattito (pochissimi, per la verità), vi è Michele Emmer, insigne matematico e regista, autore di numerosi libri che esplorano i concetti di spazio e forma tra scienza e arte. Queste sono alcune delle sfide più urgenti, in rigoroso ordine sparso: 9 n.28 Dicembre 2012

7 Piccola biblioteca per orientarsi tra arte e scienza ARENDS, BERGIT and THACKARA, DAVINA. (Eds.) Experiment: Conversations in Art and Science. London: Wellcome Trust. DORFLES, GILLO Ultime Tendenze nell Arte Oggi: dall Informale al Neo-Oggettuale. Milano: Feltrinelli. EDE, SIÂN Art and Science. London: I.B. Tauris & Company. EDWARDS, DAVID Artscience. Creativity in the post-google Generation. Harvard University Press. ELKINS, JAMES Six Stories at the End of Representation. Chicago: Chicago University Press. EMMER, MICHELE Visibili armonie. Teatro, cinema, arte, matematica. Bollati Boringhieri. LEACH, JAMES Extending Contexts, Making Possibilities: An Introduction to Evaluating the Projects. Leonardo MANDELBROJT, JACQUES Art and Science: Similarities, Differences and Interactions. Leonardo RHEINBERGER, HANS-JÖRG Experimental Complexity in Biology: Some Epistemological and Historical Remarks. Philosophy of Science. December Supplement ROSE, STEVEN The 21st Century Brain. Explaining, Mending and Manipulating the Mind. London: Jonathan Cape-Random House. SNOW, CHARLES P The Two Cultures. Cambridge: Cambridge UP. Fotografia di GFP Bunny, opera d arte transgenica realizzata da Eduardo Kac mediante una mutazione sintetica del gene GFP della fluorescenza della medusa Aequorea victoria. Il coniglio albino, se esposto a una luce particolare, diviene verde fluorescente. 1. La valutazione delle collaborazioni tra artisti e scienziati. Quando è possibile giudicare se una collaborazione ha avuto successo o meno? È sempre necessario arrivare a un risultato, a un opera finita, oppure è meglio concentrarsi sul processo, sulla collaborazione nel suo svolgersi? Qui entra in gioco la necessità di valutare le collaborazioni stesse senza irrigidirle in un protocollo e garantendo la massima libertà di sperimentazione e creazione. 2. Il ripensamento del sistema formativo nella sua totalità. L innovazione pedagogico-educativa riguarda l insegnamento interdisciplinare e le diverse modalità di apprendimento. In Italia, per esempio, dalla Riforma Gentile del 1932 la separazione tra sapere umanistico e scientifico continua a prevalere nei programmi formativi della scuola dell obbligo e della formazione universitaria. Anche quando ciò non dovesse accadere - esistono, infatti, alcuni programmi di dottorato inter-disciplinari - i concorsi accademici per ricercatori sono promulgati seguendo rigorosamente i settori disciplinari. 3. Il ruolo dell impresa nei progetti tra arte e scienza nella situazione di crisi globale economico-sociale. L impresa deve semplicemente esercitare un ruolo di facilitatore e sostenitore di questi progetti (principalmente attraverso sponsorizzazioni), oppure è possibile un ripensamento delle modalità di fare impresa grazie allo sviluppo di collaborazioni tra arte e scienza? 4. Proprietà intellettuale e diritti d autore. Le scienze, l ingegneria, l arte, il design e le discipline umanistiche hanno sviluppato approcci molto diversi tra loro per affrontare il nodo della proprietà intellettuale, dei diritti d autore, dei brevetti. A volte queste diversità d approccio possono causare ostacoli alla condivisione delle informazioni se non, addirittura, controversie vere e proprie. Una delle questioni più annose riguarda l attribuzione della proprietà intellettuale ai fini di eventuali applicazioni commerciali e dell individuazione di criteri per promuovere o meno la carriera lavorativa dei singoli all interno delle organizzazioni di appartenenza. Lasciando al lettore il compito di riflettere su queste piccole grandi sfide, ritorniamo, in conclusione, all affermazione di Rose che ha aperto questo articolo: se abbiamo in mano un martello, tutto ci apparirà più o meno in termini di chiodo. Se l utilizzo artistico di uno strumento scientifico non è di per sé in grado di conservare la complessità del fenomeno investigato, tuttavia, le collaborazioni tra artisti e scienziati potrebbero risultare un modo efficace per stringere in mano il martello senza ridurre il mondo a un semplice chiodo. Silvia Casini Coordinatore scientifico progetto Arscientia Picapao srl 10 n.28 Dicembre 2012

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

4 th INTERNATIONAL FORUM OF DESIGN AS A PROCESS

4 th INTERNATIONAL FORUM OF DESIGN AS A PROCESS DIVERSITY: DESIGN / HUMANITIES 4 th INTERNATIONAL FORUM OF DESIGN AS A PROCESS LA DIVERSITA: DESIGN/HUMANITIES Incontro tematico scientifico della Rete Latina per lo sviluppo del design dei processi 19-22

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica DIREZIONE ARTISTICA ISMAEL IVO Choreografic Collision è un laboratorio di ricerca. È un percorso di formazione per stimolare

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

The Systems Thinker. DIALOGIC LEADERSHIP William N. Isaacs. Volume 10 Number 1Feb 1999

The Systems Thinker. DIALOGIC LEADERSHIP William N. Isaacs. Volume 10 Number 1Feb 1999 TheSystemsThinker Volume10Number1Feb1999 DIALOGIC LEADERSHIP WilliamN.Isaacs Trad.diJacopoNicelli ProofreadingdiLorenzoCampese 2012SocietyforOrganizationalLearning Quandol annoscorso,lasocietàmonsantoel

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli