Chiodi, martelli e conigli verdi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chiodi, martelli e conigli verdi"

Transcript

1 Xxxx Xxx Arte e scienza: una collaborazione curiosa e talvolta difficile tesa ad ampliare gli orizzonti della nostra conoscenza Chiodi, martelli e conigli verdi di Silvia Casini Potrà sembrare un paragone ardito, ma in ambito lavorativo l artista e lo scienziato sono accomunati in primo luogo dall uso della fantasia. Così come l arte moderna reinventa oggetti della quotidianità e persino rifiuti facendone opere, più o meno concettuali, che allietano i nostri sensi, così, oggi, la scienza porta le sue tecnologie fuori dal laboratorio, applicandole ad altri settori dello scibile umano in maniera prima impensabile. Ecco un curioso esempio di collaborazione tra arte e scienza. The Free Universal Construction Kit di Golan Levin e Shawn Sims.

2 Tra due culture Arte e scienza Arte, scienza, impresa: nasce Arscientia In senso orario: un particolare di Skull II, specchio di bronzo ricavato da risonanza magnetica; fotografia di Skull II, monolite in bronzo, scultura di Marc Didou; immagine tratta dal film Weighing... and Wanting di William Kentridge, cortesia del Museo di Arte Contemporanea di San Diego; immagine sagittale del cervello ottenuta tramite risonanza magnetica. Il neuroscienziato Steven Rose sostiene che quando stringiamo tra le mani un martello, ogni cosa finisce per sembrare un chiodo: l uso che facciamo dello strumento, cioè, plasma il mondo e talvolta semplifica in modo riduttivo la nostra percezione di esso (Rose, 2005). Questo esempio facilmente intuibile è esteso da Rose a tutti quegli strumenti che fanno parte della quotidianità dello scienziato all interno di un laboratorio. Si pensi a una tecnologia complessa proveniente dall ambito biomedicale, la risonanza magnetica nucleare (RMN), capace di generare immagini che permettono di accedere in modo non invasivo alla morfologia e fisiologia del corpo umano, cervello compreso. La RMN viene usata per scopi di ricerca o diagnostico-terapeutici: le immagini prodotte sono perciò interpretate come prove di una condizione di normalità o deviazione rispetto alla norma. Cosa accadrebbe se, contrariamente all uso prescritto, togliessimo quello stesso strumento dal suo contesto originario e lo usassimo in maniera alternativa all uso abituale? Nella maggior parte dei casi, questo è il punto di partenza per avviare esperimenti a cavallo tra arte e scienza. Un utilizzo diverso delle tecnologia della risonanza magnetica e delle immagini prodotte è, per esempio, al centro di alcuni progetti avviati da numerosi artisti, più o meno noti a livello internazionale. Alcuni hanno utilizzato la RMN per ripensare il loro modo di fare scultura (Marc Didou), altri hanno usato la tecnologia e le immagini per indagare questioni legate all identità personale e alla pratica del ritratto (Justine Cooper, Angela Palmer, Suzanne Anker), alcuni, infine, hanno utilizzato le immagini della RMN per esplorare 5 n.28 Dicembre 2012 la corrispondenza tra paesaggi esterni e interiori (William Kentridge). Nella scienza odierna, gli strumenti tecnologici giocano un ruolo fondamentale non solo nella pratica quotidiana del laboratorio, ma anche nella elaborazione delle teorie scientifiche, al punto che è usuale parlare di tecno-scienza. Questo termine è stato coniato alla fine degli anni Settanta dal filosofo belga Gilbert Hottois e poi approfondito criticamente da sociologi della scienza come Bruno Latour e dalla filosofa femminista Donna Haraway, autrice del famoso Manifesto Cyborg (1985). Negli ultimi anni, tecnologie anche molto diverse tra loro stanno convergendo: un esempio sono le nanotecnologie a cui lavorano non soltanto scienziati di ambiti disciplinari diversi (chimici, fisici, biologi, ingegneri ecc.) ma anche esperti delle scienze umane e sociali (filosofi, sociologi, bioeticisti). La conoscenza scientifica sempre più specialistica e le innovazioni tecnologiche mettono l umanità di fronte a sfide (e, talvolta, vere e proprie controversie) che riguardano la salute, l ambiente, l economia, il corpo umano, la relazione tra le persone. Per affrontare queste sfide non basta il sapere scientifico da solo, né quello umanistico-artistico. Questo è il terreno da cui nasce Arscientia - Arte, Scienza e Impresa, una nuovo format, creato da due aziende veneziane, Picapao e Fondaco, per incrociare i territori di arte, scienza e impresa e apprezzarne le potenzialità d innovazione. Attraverso un concorso a premi e momenti di dialogo su tendenze e scenari tra arte e scienza, si vuole esortare i giovani creativi a credere nelle proprie idee e a strutturarle perché diventino progetti reali. Arscientia si sviluppa attraverso due formule principali: i Dialoghi a Venezia e gli Eventi in diverse città del Nordest. Nei Dialoghi si conversa con i creativi (scienziati, impren-

3 Particolare dell installazione opera frutto della collaborazione tra l artista Victoria Vesna e lo scienziato esperto di nanotecnologie James Gimzewski. ditori, artisti locali e internazionali) nella prestigiosa cornice dell Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti di Venezia. Negli Eventi, che si svolgono a Treviso, Vicenza, Verona e Trieste nelle filiali di Veneto Banca, sponsor principale del progetto, ci si mette alla prova in prima persona grazie a un business game e ci si prepara al meglio per partecipare al Premio Arscientia. Una collaborazione storica L esistenza di un rapporto tra arte e scienza non desta sorpresa né costituisce una caratteristica unica del nostro tempo, nonostante un certo scetticismo da sempre accompagni i tentativi di dialogo tra i due saperi. The two cultures (Le due culture) fu il titolo dato alla Rede Lecture pronunciata a Cambridge nel 1959 da Charles Percy Snow, scienziato e scrittore britannico. In quella circostanza, Snow circoscrisse le sue considerazioni alla scienza e alla letteratura, tralasciando le arti, sottolineando quanto la cultura letteraria del suo tempo fosse ignorante di scienza e come ciò costituisse una sorta di vanto per gli intellettuali umanisti. In seguito alle reazioni polemiche suscitate dalla sua prima conferenza, dopo qualche anno egli ipotizzò - senza spiegare in che cosa di fatto consistesse - una terza cultura capace di favorire il dialogo tra scienziati e letterati. Oggi l espressione le due culture è entrata nel vocabolario comune per designare sia la scienza che le arti, intese in senso ampio. Per comprendere la situazione attuale, è utile inquadrare storicamente la relazione tra arte e scienza. Solo dal 1800 in poi arte e scienza sono diventate due ambiti di sapere autonomi. Prima di allora, arte e scienza, pur essendo due attività distinte, condividevano lo stesso orizzonte epistemologico. La scienza, infatti, non costituiva un campo di sapere a sé stante, ma coincideva con la filosofia naturale, come ha sottolineato Pickstone (2000). L arte faceva a sua volta parte della filosofia naturale come testimoniano, per esempio, il trattato De humani corporis fabrica redatto nel 1543 da Vesalius, anatomista fiammingo, le cui dissezioni e descrizioni del corpo umano contribuirono a gettare le basi della anatomia moderna. Le incisioni su legno delle tavole anatomiche di Vesalius, che coniugano precisione scientifica, valore estetico e rimandi allegorici, sono forse il primo frutto tangibile della collaborazione tra artisti e scienziati. Nel Rinascimento, 6 n.28 Dicembre 2012

4 Goccia di ferro fluido del diametro di 3 cm su superficie di vetro e foglio di carta gialla, sette magneti sotto al foglio danno forma alla goccia. [Immagine: foto di Felice Frankel] architetti, artisti e umanisti come Filippo Brunelleschi, Leonardo da Vinci e Leon Battista Alberti si confrontano in modo sistematico soprattutto con la scienza della percezione visiva, come testimoniano le loro opere, in cui è evidente l impiego della prospettiva e di macchine per la visione. È a partire dalla seconda metà dell Ottocento che arte e scienza si affermano come due distinte modalità di approccio al mondo e conoscenza dello stesso. La concezione romantica dell art pour l art e il periodo delle avanguardie storiche di inizio Novecento hanno sì permesso alle arti di coltivare la ricerca dell originalità e dell indipendenza più radicali, ma le hanno allontanate dalla scienza che, sola, vanta un primato di tipo epistemologico. In questo periodo, infatti, è alla scienza che si richiede di dare risposte efficaci alle questioni più urgenti. L arte, pur indispensabile in quanto attività culturale e capace talvolta di anticipare cambiamenti socio-politici, ha un ruolo conoscitivo marginale, offre cioè suggestioni e non soluzioni alle questioni che solo la tecno-scienza sembra in grado di affrontare: la spiegazione dei fenomeni fisici, il funzionamento del cervello e così via. A partire dal 1990, si sono moltiplicate iniziative sulla fertilizzazione tra scienza e arte: mostre, festival, borse di studio, percorsi di dottorato, collaborazioni tra scienziati e artisti. Nel 1998 venne creato nel Regno Unito il NESTA, il Fondo Nazionale per la Scienza, la Tecnologia e l Arte; l anno successivo fu creato il consorzio arte-scienza. Il rapporto Immaginazione e Comprensione pubblicato nel 2001 mostra, dati alla mano, come la separazione tra arte, scienza ed educazione sia causa di rallentamento economico, incoraggiando perciò progetti di collaborazione tra artisti, scienziati e università capaci di produrre risultati innovativi. Gli artisti nel laboratorio Nasce così una categoria di artisti che lavora a stretto contatto con gli scienziati nei laboratori di ricerca, utilizzando la strumentazione scientifica messa a disposizione. Gli anglosassoni, i primi a promuovere queste collaborazioni, li definiscono come artists in the lab. Essi collaborano con gli scienziati spinti da motivazioni diverse che qui possiamo provare a riassumere. Innanzitutto, entrare nel laboratorio di uno scienziato è l unico modo per poter accedere a strumenti e immagini altrimenti non facilmente disponibili. Le immagini svolgono un ruolo sempre più importante nella routine degli scienziati, al punto che si è parlato di una svolta visiva della scienza a partire dal Questo accade anche quando non di immagini vere e proprie si tratta, quanto piuttosto di modelli capaci di descrivere fenomeni scientifici non percepibili a occhio nudo. Lo storico dell arte James Elkins, uno dei primi a interessarsi della relazione tra arte e scienza, sostiene che oggi le immagini più interessanti sono create dagli scienziati e non dagli artisti, portando come esempio le immagini ottenute dai microscopi a forza atomica o a scansione di sonda utilizzati nelle nanotecnologie. In secondo luogo, le opere nate da una collaborazione tra artisti e scienziati possono sviluppare nel pubblico non soltanto una migliore comprensione di alcuni fenomeni scientifici, ma anche una riflessione critica circa le implicazioni sociali della ricerca scientifica. Infine, una delle ragioni del successo di queste sinergie consiste nella fragilità del singolo nell affrontare le sfide e la complessità dei problemi del nostro mondo sotto la spinta della tecnologia. Da un lato, nel laboratorio l attenzione si concentra su dettagli singoli e il procedere scientifico per ipotesi da verificare con esperimenti ben definiti può ridurre la tensione artistica generata dal confronto con la complessità del mondo. Dall altro, la collaborazione con l artista aiuterebbe lo scienziato a esplorare metodi ibridi e addirittura a mettere in discussione il sistema sperimentale medesimo. Grazie alla collaborazione con gli artisti, infatti, gli scienziati possono sperimentare uno spazio di 7 n.28 Dicembre 2012

5 Tra due culture Arte e scienza Fotografia di Patrick Bolger, particolare dell installazione Hyperbolic Crochet Coral Reef creata da Margaret Wertheim, cortesia della Science Gallery Dublin. 8 libertà lontano dal rigoroso, e sovente necessario, processo di scrutinio scientifico. Gli artisti indicano nuovi comportamenti, applicazioni inattese capaci di mettere in discussione l oggetto di indagine del sistema sperimentale stesso. Il metodo scientifico è un sistema chiuso e delimitato, adatto alla semplificazione di fenomeni complessi da analizzare, ma esso, al tempo stesso, deve sempre poggiare sull orizzonte epistemologico di altri sistemi e sfondi che potrebbero contribuire a ridefinire l oggetto dell esperimento e, di conseguenza, il metodo con cui viene studiato (Rheinberg, 1997). È opportuno sottolineare come alcuni di questi artisti nel laboratorio non vogliano essere definiti tali, poiché convinti che arte e scienza siano e debbano rimanere distinte. Suggerire che l arte e la scienza siano correlate potrebbe risultare pericoloso. Le immagini scientifiche possono essere molto belle e probabilmente artistiche, ma non sono arte, e l arte non è scienza sostiene la fotografa scientifica americana Felice Frankel, le cui immagini ricche di dettagli, quasi tattili, hanno conquistato le copertine di prestigiose riviste scientifiche tra cui Nature e Scientific American. Sostenere lo sviluppo di collaborazioni tra arte e scienza non significa, tuttavia, cancellare le specificità e metodi di que- n.28 Dicembre 2012 sti saperi. Significa piuttosto essere aperti alla possibilità che da queste collaborazioni nascano processi e prodotti non facilmente identificabili come scienza o come arte, dei veri e propri ibridi, insomma. La Science Gallery del Trinity College di Dublino, diretta da Michael John Gorman e il Le Laboratoire di Parigi, fondato nel 2007 da David Edwards con la collaborazione dell Università di Harvard, sono due fiori all occhiello nell ambito della sperimentazione tra scienza, arte e, talvolta, impresa. Entrambi sono spazi di incontro e progettazione culturale condivisa dove professionisti di ambiti diversi lavorano a stretto contatto per arrivare a mostre e prodotti finiti. Alcune creazioni sono state brevettate, è il caso di Le Whif, definito da Edwards come un approccio nuovo e delizioso al cibo, un fischietto-aereosol per degustare gli alimenti respirandoli. Esempi eclatanti di prodotti e processi ibridi sono quelli provenienti dalla ricerca genomica che offre agli artisti la possibilità di lavorare con materiali e tessuti viventi. Nel 2000 il brasiliano Eduardo Kac realizza un coniglio con un gene di medusa, GFP Bunny, che diventa verde se esposto a un certo tipo di luce e che costituisce uno dei primi esempi di arte transgenica, ossia la creazione di un essere vivente organico, totalmente artificiale, a scopi artistici (P. L.

6 Particolare dell installazione per la mostra dedicata a Le Whif al Le Laboratoire, Paris. Fotografia dello spray al cioccolato Le Whif inventato da David Edwards, sfrutta la tecnologia dell aerosol e assomiglia a un fischietto. Capucci). Il coniglio verde di Kac è solo una delle creazioni realizzate da un esponente della BioArt, o arte transgenica. Esistono infatti sempre più centri specializzati nel binomio arte/biotecnologia: SymbioticA, ad esempio, fondato da Oron Catts e Ionat Zurr presso la University of Western Australia, opera all interno della facoltà di anatomia e biologia umana e organizza residenze per artisti, scienziati e filosofi. A sottolineare l importanza della collaborazione tra professionisti diversi è Paola Antonelli, senior curator del dipartimento di Architettura e Design del MoMa di New York che nel 2008 ha ospitato la mostra Design and the Elastic Mind: La maggior parte dei biodesigner non corrisponde alla figura dello scienziato pazzo che, in emulazione di Dio, si impegna a creare un nuovo essere, personificazione dell imminente scontro finale: alcuni lavorano con organismi visibili come piante e animali, altri con batteri e cellule, altri ancora perseguono la creazione di nuovi sistemi viventi manipolando il Dna. Nessuno di loro, tuttavia, opera da solo in una terra di nessuno dell etica, preferendo lavorare in gruppo e far parte di team che comprendono fisici, matematici, tecnici informatici, ingegneri, chimici e specialisti in bioetica. A volte anche economisti e filosofi. Il collettivo SymbioticA sostiene ed ospita, tra gli altri, Tissue Culture, un progetto artistico di ricerca sull uso delle tecnologie del tessuto organico come mezzo per una nuova espressione artistica e come strumento per migliorare la qualità della vita. Per descrivere i loro strumenti di lavoro, Catts e Zurr hanno coniato il termine semi-vivente. Se le cose di cui ci circondiamo ogni giorno fossero nello stesso tempo prodotti ed entità viventi, in crescita, cominceremo ad assumere un atteggiamento più responsabile nei confronti del nostro ambiente, e a tenere a freno il nostro consumismo distruttivo afferma l artistico duo. Ciò detto, molti esperimenti del nostro tempo nati dalla collaborazione arte-scienza in realtà non influiscono o non lasciano tracce durature sulla pratica dell artista o su quella dello scienziato. Troppo spesso collaborazioni di questo tipo non si sviluppano in esperienze autonome e vitali - scientifiche o artistiche - indipendenti da risultati commerciali e scientifici o, in caso affermativo, quei risultati non sono facilmente rintracciabili al di fuori di mostre o simposi temporanei (Dorfles, 2001). L osservatore aggiunto L osservatore-aggiunto (dall espressione inglese attached-observer) - una professionalità presa dall antropologia e dalla ricerca etnografica sul campo - rappresenta il tentativo di comprendere il processo e non solamente i risultati di queste collaborazioni. L introduzione di un terzo agente tra l artista e lo scienziato ha il merito di focalizzare l attenzione sulle forme della collaborazione stessa non solo in maniera retrospettiva, ma mentre la collaborazione è in corso nel laboratorio (Leach, 2006: ). Le parole chiave sono processo - non risultato - e interazione tra le persone coinvolte. L osservatore-aggiunto agisce da testimone e a volte anche da partecipante al progetto: stimola le domande, mette in discussione l interazione stessa, esplora nuove possibili direzioni di ricerca per l artista e per lo scienziato come singoli, una volta conclusa la collaborazione a un progetto specifico (Mandelbrojt, 1994). Come afferma l antropologo sociale James Leach: quelle nuove direzioni, forse più di qualsiasi risultato fisico finito, sono un prodotto genuino della collaborazione, impensabile senza il rapporto particolare tra i partecipanti (2006: 449). Arte e scienza: le nuove sfide Il dibattito che sta infervorando le discussioni tra lettori e autori della rivista Leonardo - The Journal of Art, Science and Technology del gruppo SEAD (Network for Sciences, Engineering, Arts and Design) riguarda le sfide che dovranno affrontare quanti vogliano esplorare il territorio di intersezione tra arte e scienza e cimentarsi in prima persona con un progetto o una ricerca in questo settore. Tra gli italiani che partecipano al dibattito (pochissimi, per la verità), vi è Michele Emmer, insigne matematico e regista, autore di numerosi libri che esplorano i concetti di spazio e forma tra scienza e arte. Queste sono alcune delle sfide più urgenti, in rigoroso ordine sparso: 9 n.28 Dicembre 2012

7 Piccola biblioteca per orientarsi tra arte e scienza ARENDS, BERGIT and THACKARA, DAVINA. (Eds.) Experiment: Conversations in Art and Science. London: Wellcome Trust. DORFLES, GILLO Ultime Tendenze nell Arte Oggi: dall Informale al Neo-Oggettuale. Milano: Feltrinelli. EDE, SIÂN Art and Science. London: I.B. Tauris & Company. EDWARDS, DAVID Artscience. Creativity in the post-google Generation. Harvard University Press. ELKINS, JAMES Six Stories at the End of Representation. Chicago: Chicago University Press. EMMER, MICHELE Visibili armonie. Teatro, cinema, arte, matematica. Bollati Boringhieri. LEACH, JAMES Extending Contexts, Making Possibilities: An Introduction to Evaluating the Projects. Leonardo MANDELBROJT, JACQUES Art and Science: Similarities, Differences and Interactions. Leonardo RHEINBERGER, HANS-JÖRG Experimental Complexity in Biology: Some Epistemological and Historical Remarks. Philosophy of Science. December Supplement ROSE, STEVEN The 21st Century Brain. Explaining, Mending and Manipulating the Mind. London: Jonathan Cape-Random House. SNOW, CHARLES P The Two Cultures. Cambridge: Cambridge UP. Fotografia di GFP Bunny, opera d arte transgenica realizzata da Eduardo Kac mediante una mutazione sintetica del gene GFP della fluorescenza della medusa Aequorea victoria. Il coniglio albino, se esposto a una luce particolare, diviene verde fluorescente. 1. La valutazione delle collaborazioni tra artisti e scienziati. Quando è possibile giudicare se una collaborazione ha avuto successo o meno? È sempre necessario arrivare a un risultato, a un opera finita, oppure è meglio concentrarsi sul processo, sulla collaborazione nel suo svolgersi? Qui entra in gioco la necessità di valutare le collaborazioni stesse senza irrigidirle in un protocollo e garantendo la massima libertà di sperimentazione e creazione. 2. Il ripensamento del sistema formativo nella sua totalità. L innovazione pedagogico-educativa riguarda l insegnamento interdisciplinare e le diverse modalità di apprendimento. In Italia, per esempio, dalla Riforma Gentile del 1932 la separazione tra sapere umanistico e scientifico continua a prevalere nei programmi formativi della scuola dell obbligo e della formazione universitaria. Anche quando ciò non dovesse accadere - esistono, infatti, alcuni programmi di dottorato inter-disciplinari - i concorsi accademici per ricercatori sono promulgati seguendo rigorosamente i settori disciplinari. 3. Il ruolo dell impresa nei progetti tra arte e scienza nella situazione di crisi globale economico-sociale. L impresa deve semplicemente esercitare un ruolo di facilitatore e sostenitore di questi progetti (principalmente attraverso sponsorizzazioni), oppure è possibile un ripensamento delle modalità di fare impresa grazie allo sviluppo di collaborazioni tra arte e scienza? 4. Proprietà intellettuale e diritti d autore. Le scienze, l ingegneria, l arte, il design e le discipline umanistiche hanno sviluppato approcci molto diversi tra loro per affrontare il nodo della proprietà intellettuale, dei diritti d autore, dei brevetti. A volte queste diversità d approccio possono causare ostacoli alla condivisione delle informazioni se non, addirittura, controversie vere e proprie. Una delle questioni più annose riguarda l attribuzione della proprietà intellettuale ai fini di eventuali applicazioni commerciali e dell individuazione di criteri per promuovere o meno la carriera lavorativa dei singoli all interno delle organizzazioni di appartenenza. Lasciando al lettore il compito di riflettere su queste piccole grandi sfide, ritorniamo, in conclusione, all affermazione di Rose che ha aperto questo articolo: se abbiamo in mano un martello, tutto ci apparirà più o meno in termini di chiodo. Se l utilizzo artistico di uno strumento scientifico non è di per sé in grado di conservare la complessità del fenomeno investigato, tuttavia, le collaborazioni tra artisti e scienziati potrebbero risultare un modo efficace per stringere in mano il martello senza ridurre il mondo a un semplice chiodo. Silvia Casini Coordinatore scientifico progetto Arscientia Picapao srl 10 n.28 Dicembre 2012

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA - VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Osserva persone e oggetti nell ambiente circostante 2. Classifica, identifica relazioni, produce

Dettagli

CURRICOLO SCIENZE SCUOLA PRIMARIA Classe 1, 2, 3

CURRICOLO SCIENZE SCUOLA PRIMARIA Classe 1, 2, 3 CURRICOLO SCIENZE SCUOLA PRIMARIA Classe 1, 2, 3 Nuclei tematici Scienza della materia Traguardi per lo sviluppo della competenza L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità verso fenomeni del mondo fisico

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE.

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE. Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Accademia G. Carrara di Belle Arti Bergamo Scheda informativa

Accademia G. Carrara di Belle Arti Bergamo Scheda informativa Accademia G. Carrara di Belle Arti Bergamo Scheda informativa Nata dalla volontà di Giacomo Carrara alla fine del Settecento come Scuola di Pittura, dal 1958 l Accademia di Belle Arti Giacomo Carrara è

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

CARTA ICOMOS DI ENAME

CARTA ICOMOS DI ENAME TERZA VERSIONE RIVEDUTA 5 Luglio 2005 CARTA ICOMOS DI ENAME PER L INTERPRETAZIONE DEI SITI DEL PATRIMONIO CULTURALE Preambolo Obiettivi Principi PREAMBOLO Cosi come la Carta di Venezia ha stabilito il

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

VI. Il settore educazione fisica e sportiva

VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva 263 1. Obiettivi del settore Le ricerche effettuate in questi ultimi decenni hanno permesso all educazione fisica

Dettagli

SSAS Scuola superiore di studi avanzati

SSAS Scuola superiore di studi avanzati SSAS Scuola superiore di studi avanzati a.a. 2015/2016 1 Scuola Superiore di Studi Avanzati Ogni Allievo è seguito sia da un tutor che da un relatore specializzato per l approfondimento di un progetto

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA) /ESPERIENZE LA CONOSCENZA DEL MONDO L alunno osserva con curiosità lo svolgersi dei più comuni fenomeni, ne immagina e ne verifica le cause, rendendosi sempre più

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

TRIESTE CITTÀ DELLA CONOSCENZA PIAZZA UNITÀ D ITALIA Da venerdì 26 a domenica 28 settembre GAZEBO UNIVERSITÀ DI TRIESTE!

TRIESTE CITTÀ DELLA CONOSCENZA PIAZZA UNITÀ D ITALIA Da venerdì 26 a domenica 28 settembre GAZEBO UNIVERSITÀ DI TRIESTE! TRIESTE CITTÀ DELLA CONOSCENZA PIAZZA UNITÀ D ITALIA Da venerdì 26 a domenica 28 settembre GAZEBO UNIVERSITÀ DI TRIESTE Orari di apertura: Venerdì 26 settembre, ore 9.00-22.00 Sabato 27 settembre, ore

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO. Il Sistema Moda

IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO. Il Sistema Moda IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO Il Sistema Moda S. M. comprende tutte le imprese della filiera Tessile- Abbigliamento Accessori: - filatura, tessitura e lavorazione (fibre naturali, artificiali e sintetiche);

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

( Fondazione Pescarabruzzo)

( Fondazione Pescarabruzzo) ISIA ROMA DESIGN MASTER IN DESIGN DELL ACCOGLIENZA ( allegato C) Livello Primo livello AFAM, ( MIUR) Alta Formazione Artistica e Musicale Anno di attivazione Anno Accademico 2008/09 Istituzione ISIA ROMA

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI 2012

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 FISM VENEZIA 2012 1 Il DPR 89/2009 prevedeva che le Indicazionidel 2007 potevano essere riviste dopo il triennio 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012. La Circolare Ministeriale n 101 del 4 novembre 2011 ha

Dettagli

PROGETTO SCIENZE CLASSI PRIME SECONDARIA I GRADO A.S. 2013/2014

PROGETTO SCIENZE CLASSI PRIME SECONDARIA I GRADO A.S. 2013/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Via San Francesco 5 20061 CARUGATE (MI) tel. 02.92151388 02.9253970 02.9252433 FAX 02.9253741 e-mail segreteria: miic8bj003@istruzione.it

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO Carlo Fiorentini La collaborazione ci ha portato ad individuare 5 aspetti caratterizzanti l educazione ambientale 1.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATORE: prof. Alessandro Pepe COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE Pepe Alessandro

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO

PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO Le attività e i percorsi proposti per la scuola primaria e secondaria di I grado tendono, con metodologie e strumenti differenti per i due livelli, a esercitare e

Dettagli

Incontrare i libri. Proposte per una cultura senza confini

Incontrare i libri. Proposte per una cultura senza confini In un ciclo di sette incontri da ottobre 2007 a maggio 2008 saranno presentati alcuni volumi recentemente pubblicati dall editore Einaudi ed inerenti a diverse tematiche di attualità in campo scientifico

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Open Access e condivisione delle conoscenze: l impatto del modello nelle comunità di apprendimento

Open Access e condivisione delle conoscenze: l impatto del modello nelle comunità di apprendimento Open Access e condivisione delle conoscenze: l impatto del modello nelle comunità di apprendimento Principale ricercatore: Anna Maria Tammaro Componenti Gruppo di ricerca: Fabrizia Bevilacqua, Monica Vezzosi,

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

La digestione e i probiotici i.lab Alimentazione 6 e 10 ottobre 2011 Programma educativo gratuito per insegnanti e studenti

La digestione e i probiotici i.lab Alimentazione 6 e 10 ottobre 2011 Programma educativo gratuito per insegnanti e studenti Caro Prof ti scrivo è la newsletter che il Museo ha pensato per te. Se lo desideri, potrai riceverla nella tua casella e-mail. Novità, approfondimenti e occasioni speciali per te con la tua classe, per

Dettagli

Disegnare il corpo umano

Disegnare il corpo umano L importanza dell anatomia artistica Un rinnovato interesse per lo studio dell anatomia artistica risiede nel fatto che è fondamento di questa disciplina tradurre la ricerca teorica attraverso quella operativa,

Dettagli

Dalle macchie all intreccio di colori

Dalle macchie all intreccio di colori I colori intorno a noi Se il mondo non fosse colorato La magia dei colori Alla scoperta delle opere d arte Dalle macchie all intreccio di colori Mescola, dipingi, disegna, modella... laboratorio creativo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell.

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell. Spett.le Dott. Beccari Direttore di IAL Lombardia Alla cortese attenzione Del Direttore dott. Beccari Oggetto: Quanto si propone è diretta emanazione del progetto Alla faccia del disagio!, esso ha generato

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

Museo Cantonale d Arte e Museo d Arte di Lugano: creazione di un museo unico

Museo Cantonale d Arte e Museo d Arte di Lugano: creazione di un museo unico Messaggio Museo unico, Allegato 03, Rapporto GDL Museo unico p. 1 Museo Cantonale d Arte e Museo d Arte di Lugano: creazione di un museo unico Rapporto del Gruppo di lavoro RG 4632, novembre 2013 Premessa

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

PROGETTO PER UN LABORATORIO DI TERAPEUTICA ARTISTICA

PROGETTO PER UN LABORATORIO DI TERAPEUTICA ARTISTICA PROGETTO PER UN LABORATORIO DI TERAPEUTICA ARTISTICA La Terapeutica Artistica a Brera Sono ormai sette anni che all Accademia di Belle Arti di Brera si è istituito un Biennio in Teoria e Pratica della

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-65 Scienze dello spettacolo e produzione multimediale

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-65 Scienze dello spettacolo e produzione multimediale Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Università degli Studi ROMA TRE LM-65 - Scienze dello spettacolo e produzione multimediale Cinema, televisione e produzione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. Le neuroscienze in cucina e in laboratorio. Esperimenti e approfondimenti per la didattica in classe.

CORSO DI FORMAZIONE. Le neuroscienze in cucina e in laboratorio. Esperimenti e approfondimenti per la didattica in classe. CORSO DI FORMAZIONE Le neuroscienze in cucina e in laboratorio. Esperimenti e approfondimenti per la didattica in classe Il corso di formazione rientra nel programma della Fondazione Golinelli Educare

Dettagli

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b PER Polo Tecnologico di Andrea Galvani Via Roveredo, 0/b Innovazione, Innovazione per il business è un ciclo di incontri di formazione breve indirizzati ai decisori aziendali per stimolare le capacità

Dettagli

TREASURE ROOMS. ARTISTA E PRODUZIONE Mauro Fiorese In collaborazione con Boxart, Verona (IT)

TREASURE ROOMS. ARTISTA E PRODUZIONE Mauro Fiorese In collaborazione con Boxart, Verona (IT) TREASURE ROOMS ARTISTA E PRODUZIONE In collaborazione con Boxart, Verona (IT) INDICE 1. OPERE 2. Mission 3. Sedi e poli museali coinvolti 4. CV OPERE Depositi del Museo di Castelvecchio - Verona, 2014

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO Scuole dell Infanzia I.C. Igea Marina Anno scolastico 2014/2015 Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico una scuola è uno spazio speciale in cui gli esseri

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe I Scuola Primaria CONOSCERE CON I SENSI. Esplorare l ambiente attraverso i sensi Senso formativo del percorso L argomento degli organi di senso viene trattato

Dettagli

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE E VALORIZZAZIONE Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico DEL PATRIMONIO ARTISTICO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Discipline della Valorizzazione

Dettagli

Vessel, uno spazio non profit per l arte contemporanea in

Vessel, uno spazio non profit per l arte contemporanea in home contatti redazione collabora Tafter Cultura è Sviluppo newsletter rss feed Martedì, 19 Aprile 2011 News Appuntamenti Opportunità Articoli Primo Piano A proposito di... Miss Marple Rubriche Libri Risorse

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Editoriale http://www.humana-mente.it Biblioteca Filosofica 2007 - Humana.Mente, Periodico trimestrale di Filosofia, edito dalla

Dettagli

Scienze umane 89 89 89 89 89

Scienze umane 89 89 89 89 89 Scienze umane 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Scienze umane 89 89 89 89 89 Premessa generale Il ruolo delle Scienze Umane nella formazione liceale Le scienze umane si sono costituite a partire

Dettagli

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Paciolo D Annunzio liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Sede 2 Sede: Via Alfieri 43036 Fidenza(PR) tel +039 0524 526102 www.paciolo-dannunzio.gov.it VISITE GUIDATE (su prenotazione) MICROSTAGE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI Ministero dell Istruzione, dell Università, della Ricerca LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI di PISA e CASCINA Via San Frediano, 13 56126 PISA - Tel. 050 580501 - Fax 050 580601 Via Tosco Romagnola, 242 56021

Dettagli

SUPERCOMET: UNO STRUMENTO MULTIMEDIALE PER L INSEGNAMENTO DELLA SUPERCONDUTTIVITÀ. Sperimentazione e innovazione didattica scientifica nella scuola

SUPERCOMET: UNO STRUMENTO MULTIMEDIALE PER L INSEGNAMENTO DELLA SUPERCONDUTTIVITÀ. Sperimentazione e innovazione didattica scientifica nella scuola SUPERCOMET: UNO STRUMENTO MULTIMEDIALE PER L INSEGNAMENTO DELLA SUPERCONDUTTIVITÀ Sperimentazione e innovazione didattica scientifica nella scuola Vilma Capocchiani Unità di Ricerca Didattica dell Università

Dettagli

SPAZIO PERMANENTE BRUNO MUNARI

SPAZIO PERMANENTE BRUNO MUNARI MUNLAB SPAZIO PERMANENTE BRUNO MUNARI CORSI DI INTRODUZIONE AL METODO ANNO SCOLASTICO 2008 MunLab è il nuovo spazio permanente a Milano per conoscere e sperimentare il Metodo Bruno Munari. Nel nome è racchiusa

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

MANIFESTO DELLA SEZIONE SCUOLA DELLA CONSULTA DI BIOETICA ONLUS

MANIFESTO DELLA SEZIONE SCUOLA DELLA CONSULTA DI BIOETICA ONLUS MANIFESTO DELLA SEZIONE SCUOLA DELLA CONSULTA DI BIOETICA ONLUS 1. La sezione Scuola è un gruppo di studio e di lavoro della Consulta di Bioetica Onlus che persegue finalità e valori espressi nello statuto

Dettagli

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale RISULTATI E PROSPETTIVE Antonio Danieli Direttore Generale Fondazione Golinelli GLI ATTORI Promotori

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman Recensione a cura di Anna Lisa Pani Daniel Goleman, ha sviluppato il lavoro avviato nel libro Intelligenza

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

Accademia di Belle Arti Biennio Specialistico Sperimentale

Accademia di Belle Arti Biennio Specialistico Sperimentale Accademia di Belle Arti Biennio Specialistico Sperimentale Articolazione del percorso formativo Scopo del corso è di consentire agli studenti in possesso di Diploma d Accademia di proseguire e completare

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

testo di Roberto Mutti 10 aprile - 4 maggio 2008

testo di Roberto Mutti 10 aprile - 4 maggio 2008 F L O R E N C E D I B E N E D E T T O S T R E E T W I S E M A N H A T T A N testo di Roberto Mutti 10 aprile - 4 maggio 2008 I L S O L E A R T E C O N T E M P O R A N E A V O L U M E XI NEW YORK, UN PALCOSCENICO

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2014/2015 CLASSE I I D

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2014/2015 CLASSE I I D ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2014/2015 CLASSE I I D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATRICE: prof.ssa Serena Crivellari

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Architettura d interni Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

Liceo Classico E. Cairoli Varese

Liceo Classico E. Cairoli Varese ESA BAC Esame di Stato = Baccalauréat Liceo Classico E. Cairoli Varese Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d

Dettagli

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Un obiettivo di questi progetti speciali è dimostrare che la conoscenza dell arte può essere favorita da varie modalità d apprendimento; tale

Dettagli

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi 2011-2012 Modulo 8 Ancora un altra tradizione di ricerca in biologia: Gregor Mendel, gli ibridatori e la riscoperta di Mendel nel Novecento

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

ARTMAT Matematicando con l arte CLASSI 2-3 - 4

ARTMAT Matematicando con l arte CLASSI 2-3 - 4 ARTMAT Matematicando con l arte CLASSI 2-3 - 4 Le classi 2-3 - 4 della scuola primaria dell istituto comprensivo di Certaldo collocano questo percorso all interno della programmazione di classe annuale.

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità Progetto Titolo Mut(u)azioni tra arte e scienza: I Licei Artistici dell Umbria, i Musei scientifici dell Ateneo e l Accademia di Belle Arti di Perugia esplorano e sperimentano le interazioni possibili

Dettagli

Servizio Bibliotecario Provinciale di Vicenza. Da cosa. nasce cosa

Servizio Bibliotecario Provinciale di Vicenza. Da cosa. nasce cosa Servizio Bibliotecario Provinciale di Vicenza Da cosa nasce cosa Cosa abbiamo fatto per la promozione della lettura Abbiamo creato un gruppo di lavoro su base volontaria che si è dato alcuni impegni su

Dettagli

SCULTURA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

SCULTURA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano SCULTURA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano L Accademia di Belle Arti di Brera nasce nel 1776, attraverso il tempo muta, soggiogata come tutto ai desideri degli uomini, i quali la usano e l arricchiscono

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

Il cervello è un computer?

Il cervello è un computer? Corso di Intelligenza Artificiale a.a. 2012/13 Viola Schiaffonati Il cervello è un computer? Definire l obiettivo L obiettivo di queste due lezioni è di analizzare la domanda, apparentemente semplice,

Dettagli

CARLO RATTI 16 NOVEMBRE 2011 ORE 18.30 EVENTO FINALE PROGETTO EUROPEO MMOVE CENTRO INTERNAZIONALE LORIS MALAGUZZI

CARLO RATTI 16 NOVEMBRE 2011 ORE 18.30 EVENTO FINALE PROGETTO EUROPEO MMOVE CENTRO INTERNAZIONALE LORIS MALAGUZZI CARLO RATTI 16 NOVEMBRE 2011 ORE 18.30 EVENTO FINALE PROGETTO EUROPEO MMOVE CENTRO INTERNAZIONALE LORIS MALAGUZZI Carlo Ratti è partner di uno studio con sede a Torino e insegna al Massachusetts Institute

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCIENZE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA CLASSE

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Anno scolastico 2013-2014

Anno scolastico 2013-2014 OFFERTA DIDATTICA SCUOLE Anno scolastico 2013-2014 TECHNOTOWN offre al mondo della scuola - percorsi tematici della durata complessiva di circa 1 ora e 20 minuti, mirati alla scuola Primaria (classi III-V

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

POLO DI BOLOGNA/EMILIA ROMAGNA I LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE

POLO DI BOLOGNA/EMILIA ROMAGNA I LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE Polo di /Emilia Romagna I Lincei per una nuova didattica nella scuola: Una rete nazionale POLO DI BOLOGNA/EMILIA ROMAGNA I LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE 1. OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SCUOLE COINVOLTE CAPOFILA I.C. VIA N. M. NICOLAI

TITOLO DEL PROGETTO SCUOLE COINVOLTE CAPOFILA I.C. VIA N. M. NICOLAI MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO 2013-2014 PROGETTI DI FORMAZIONE E RICERCA TITOLO DEL PROGETTO «PER UNA COMUNITA CHE COSTRUISCE SAPERI E PRATICA CITTADINANZA» SCUOLE COINVOLTE CAPOFILA I.C. VIA N. M. NICOLAI

Dettagli

Questionario sulla applicazione della Road map per l educazione artistica

Questionario sulla applicazione della Road map per l educazione artistica Questionario sulla applicazione della Road map per l educazione artistica N.B. La preghiamo di leggere con attenzione le istruzioni per ogni quesito, considerando che certe domande necessitano di risposte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE E TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO Ambito disciplinare SCIENZE SCIENZE E TECNOLOGIA

Dettagli