Il lavoro clinico nel campo dell'adozione: i protagonisti del processo adottivo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il lavoro clinico nel campo dell'adozione: i protagonisti del processo adottivo"

Transcript

1 Il lavoro clinico nel campo dell'adozione: i protagonisti del processo adottivo Ondina Greco Provincia di Lecce Corso di alta formazione e specializzazione I PERCORSI PER LE ADOZIONI NAZIONALI E INTERNAZIONALI: IL SISTEMA DELLE RELAZIONI, I RAPPORTI TRA I SERVIZI E LE FAMIGLIE. Lecce, 16 maggio 2014

2 Essere adottato è essere accolto dopo essere stato lasciato il termine lasciare ha, tra le altre, due accezioni significative: essere abbandonati essere affidati a qualcuno L adozione nasce dunque come aporia da risolvere

3 I protagonisti dell adozione La famiglia di nascita e l ambiente di origine Il bambino che viene adottato La coppia di genitori adottivi e l ambiente di arrivo Gli operatori psicosociali e giuridici del paese/del territorio di provenienza e di quello di arrivo.

4 I protagonisti dell adozione La famiglia di nascita e l ambiente di origine Pur nella variabilità delle situazioni, è una costante nell adozione la certezza della presenza di un prima dell adozione, costituito dalla famiglia di nascita che ha tenuto con sé più o meno a lungo e in modo più o meno adeguato il figlio, e dai caregivers transitori che si sono presi cura del bambino in attesa di adozione. Tale presenza - a volte costantemente visibile nella differenza etnica - dopo l adozione comunque permane a livello simbolico, ed è profondamente presente nelle fantasie e nei pensieri del bambino e dei suoi genitori adottivi.

5 I protagonisti dell adozione Il figlio adottato

6 Il modello bisogni-competenze (Palacios 2010) Tre tipi di bisogni specifici del bambino adottato: 1) bisogni legati al passato: Problema dello sviluppo fisico e della salute, difficoltà relative all adattamento alle abitudini e alle routine quotidiane; Difficoltà nello sviluppo emotivo a causa di precedenti esperienze di maltrattamenti, di attaccamento inadeguato, di periodi di istituzionalizzazione; Ritardi nello sviluppo psicomotorio, linguistico e cognitivo; Difficoltà nelle relazioni con gli adulti e con i pari derivanti da forme di relazioni apprese che possono essere problematiche; Modalità con cui è effettuata la preparazione del bambino all adozione e alla separazione dalle persone che per lui sono state significative fino al momento antecedente l adozione. 2) bisogni legati all instaurare relazioni, all adattamento e all integrazione: Passaggio da un Paese all altro, dall istituto a una famiglia; Importanza di attaccamento sicuro e integrazione in famiglia e nel gruppo dei pari; Apprendimento di nuove norme e necessità di superamento di problemi comportamentali e di apprendimento al momento dell inserimento scolastico. 3) bisogni legati allo status adottivo: Necessità di conoscere e accettare la propria storia personale; Necessità di considerare lo status adottivo come caratteristica stabile della propria identità (connessione tra due famiglie = doppia origine ); Necessità di elaborare sofferenze presenti e passate; Necessità di elaborare i temi connessi all identità etnica; Necessità di sostegno nella ricerca delle origini.

7 Esperienze di cambiamento e sentimento di sicurezza La riflessione della psicologia psicoanalitica (Sandler, 1998) ha sottolineato come le esperienze pregresse costituiscano la base del sentimento di sicurezza, radicato in ciò che conosciamo e a cui siamo abituati, anche se a volte si tratta di esperienze non completamente positive. L operazione allontanamento-sostituzione non è dunque automatica! Occorre che le esperienze passate ciò che c è stato, ciò che è mancato, ciò che è stato immaginato - trovino un luogo per essere comprese e significate, permettendo la tessitura di un "fil rouge" che leghi gli eventi, i luoghi e le persone della propria vita

8 L assenza presente Se c è una perdita (Winnicott (1971), è possibile conservare qualcosa dell immagine dell oggetto perduto ed elaborarne il lutto. elaborare il lutto significa mantenere l essenza del legame perduto attraverso la sua trascrizione in termini simbolici (Losso e Losso, 2006). In altri termini, si potrebbe dire che ciò che è stato perduto deve trovare modalità simboliche per assicurare la continuità della propria presenza (Greco, 2013). André Green (1998), riprendendo la riflessione di Winnicott, per far comprendere meglio il ruolo del negativo utilizza l affascinante metafora delle mani negative. Sulle pareti delle caverne, i primitivi (come fanno i bambini alla scuola materna) realizzavano il disegno delle mani in due modi: o intingevano le mani nella pittura e le appoggiavano sulle pareti, oppure appoggiavano le mani e stendevano tutt intorno il colore. In quest ultimo caso, ciò che appariva era l assenza della mano. Se il processo di simbolizzazione è bloccato, la rappresentazione del vuoto ciò che c è stato, non c è più e non può essere pensato né pianto - può diventare il centro della vita psicologica e, nelle situazioni più gravi, può funzionare da buco nero che attrae e distrugge i pensieri. perché è la stessa cornice che pensa i pensieri ad essere danneggiata (Bion, 1970).

9

10 Un nuovo attaccamento: un processo non sempre lineare Le figure di accudimento rispondono ai segnali del bambino (messi in moto dal bisogno di attaccamento) prendendolo in braccio, accarezzandolo, nutrendolo e dando un senso alle sue esperienze (Bowlby, 1973, 1980) Le interazioni quotidiane costruiscono nei bambini i modelli operativi interni dell interazione con l altro.

11

12 Il nuovo attaccamento si costruisce a partire dalle modalità già apprese. Secondo Bowlby (1980) rappresentazioni diverse danno vita a modelli multipli nella mente dei bambini, che assorbono maggiore energia rispetto a quella richiesta da un modello interno unitario e ben funzionante, costituito da rappresentazioni coerenti. Modelli multipli comportamenti contraddittori dello stesso caregiver molteplicità dei caregiver sperimentati Uno dei possibili costi, messi in luce dalla ricerca sull infanzia (Steele e al., 2003), è l ipervigilanza del bambino nei confronti dello stato della mente caregiver con cui al momento si trova ad interagire. Ma potenzialmente lo stato di ipervigilanza, mobilitato dall ingresso in una nuova famiglia, potrebbe avere come conseguenza per il minore anche una grande apertura e capacità di attenzione per cercare di cogliere sia le nuove modalità di gestire ed impostare i riti della quotidianità sia anche la diversa qualità dei modelli di attaccamento circolanti nella nuova famiglia. (Saviane, 2011)

13 Il passaggio da una rete relazionale ad un altra, da un universo simbolico, veicolato da specifici significati e rituali, ad un altro, porta ad inserire il bambino in un area straniera, in un processo migratorio concreto e simbolico - in una diversa regione culturale e linguistica. Il cambiamento del contesto familiare (ambientale, linguistico, climatico ) Questa consapevolezza richiede che ci si prenda cura della gradualità del passaggio. Si tratta di un passaggio d informazioni circa le abitudini del bambino, circa i riti serali, del sonno e della pappa, ma, prima ancora, si tratta essenzialmente del riconoscimento della potenziale parità della capacità di cura dei caregiver, ossia della reciproca legittimazione delle capacità genitoriali e di legame. È infatti la mancanza di tale reciproca legittimazione che può far provare al bambino, nel passaggio da una famiglia all altra, la sensazione di cadere nel vuoto, anziché quella di essere sostenuto in una rete all interno della quale è possibile muoversi senza che ogni volta si perda tutto ciò che è stato acquisito nel passato.(greco, 2011) Solo uno sguardo meta-familiare (Sager et al., 1981; Hajal, Rosenberg, 1991, Greco, 2006) riesce a mantenere aperto ed evidente lo spazio bipolare in cui l adozione prende forma e in cui si svolge tutto il suo percorso.

14 Quali le possibilità di recupero? L adozione è la miglior soluzione per un bambino che non può essere cresciuto dalla propria famiglia (Juffer, Van Ijzendoorn,2010) tra gli adottati, un gruppo mostra, rispetto alla norma, un incidenza più alta di problemi scolastici e psicologici (Brodzinsky, 2010)

15 I protagonisti dell adozione La coppia di genitori adottivi, la famiglia estesa e l ambiente di arrivo

16 Il modello bisogni-competenze (Palacios 2010) Le competenze che i genitori adottivi devono possedere per rispondere adeguatamente ai bisogni del bambino: capacità legate alla storia e alle caratteristiche personali e familiari (es. stabilire relazioni di attaccamento sicure e durature; saper far fronte a frustrazioni, stress, conflitti e difficoltà; saper posporre i propri bisogni a quelli del bambino; stabilire relazioni di supporto, cooperazione e mutuo-aiuto, ecc ); capacità legate alle condizioni e circostanze di vita (es. saper rispondere adeguatamente ai bisogni del figlio durante infanzia, adolescenza, giovinezza, età adulta; capacità di adattamento alla nuova situazione familiare; capacità di disporre di reti familiari, sociali e professionali di supporto, ecc ); capacità legate al progetto di adozione (comprensione dell adozione come risposta ad un bisogno del bambino; adeguatezza della motivazione; apertura, realismo e flessibilità del progetto di adozione, ecc ); capacità legate alle competenze educative, sia generali (es. protezione, sensibilità, empatia, ecc ) sia specificatamente legate all adozione (es. capacità di evitare la ripetizione di modelli di relazione inadeguati; di offrire un contesto che favorisca un legame affettivo sicuro e duraturo; capacità di instaurare e sostenere nel tempo un adeguata comunicazione riguardo al passato antecedente l adozione e all adozione stessa, ecc ); capacità legate all apertura all intervento professionale (es. fruizione di un percorso di formazione precedente l adozione; capacità di ricercare l aiuto professionale )

17 competenza chiave la capacità di relazione

18 In-contro La parola incontro è composta di due parole contrapposte: in (particella di moto che significa verso) e contro. Si tratta dunque di un ossimoro (figura retorica che unisce due concetti contrapposti): incontrare vuol dire andare verso chi mi viene contro oppure andare contro a chi viene verso di me In una parola, essere in relazione significa incontrare chi si contrappone a me, cioè chi è diverso da me!

19 Il legame sotto la lente La riflessione psicoanalitica ci ricorda che ogni relazione significativa è in qualche modo una relazione di ruolo, poiché ciascun partner inconsciamente cerca di indurre l altro significativo ad assumere un ruolo specifico, sulla base dei propri bisogni e desideri e si sintonizza sulla risposta di ruolo dell altro (J. Sandler, A. M. Sandler, 2002) il confine tra funzionalità e disfunzionalità è segnato dall entità e dalla rigidità versus flessibilità di tale induzione - messa più volte alla prova dal cambiamento della realtà interna ed esterna dei partner. Lo studio di coppia si rivela allora come uno spazio potenziale per ripensare, almeno per qualche aspetto, a se stessi come individuo e come coppia, in termini di capacità di rispettare e valorizzare la diversità

20 E quando arriva un figlio? La genitorialità è una funzione complessa a livello culturale a livello relazionale a livello intrapsichico

21 Il livello culturale Ieri genitori per caso Per i genitori la nascita casuale del figlio sgravava i genitori da particolari aspettative a suo riguardo (Bettelheim, 1986) Per i figli riconoscersi come frutto del caso rendeva più facile il processo di distacco e di individuazione rispetto ai propri genitori. Oggi genitori per scelta Per i genitori La cultura di oggi, enfatizzando il processo di "scelta" del figlio come unico fattore in gioco, amplifica in modo dirompente la responsabilità dei genitori. Se mio figlio ha delle difficoltà, vuol dire che io che l ho strenuamente voluto ho sbagliato (o sono sbagliato.) Per i figli riconoscersi pensati già prima di nascere fa sentire il peso delle aspettative che gravano su di sé e che tendono ad essere vissute con timore e perenne senso di inadeguatezza: Sono veramente/ posso essere la persona che i miei genitori desideravano? domanda che non si poneva il figlio di una volta, frutto del caso, che doveva la vita alla vita (non in primis ai suoi genitori!), all oggettività del processo vitale (Gauchet, 2010).

22 E le coppie adottive? Se le riflessioni di Gauchet valgono in generale per le coppie contemporanee, a fortiori valgono per le coppie adottive, le quali, per il complesso itinerario previsto dalla legge e per la lunga attesa tra l'idoneità e l'arrivo del bambino, vivono con maggior intensità e devono mantenere più a lungo l impegno di "scelta" del figlio atteso.

23 Il livello interpersonale. La danza relazionale La regolazione dello spazio relazionale è un compito centrale per la famiglia (Grotevant, 2011) Questa danza relazionale ruota attorno alla distanza emozionale: si tratta di una dinamica tra bisogni di connessione e bisogni di separatezza, che dipende dai bisogni di ciascuno e dalla fase del ciclo di vita attuale. Ogni individuo ha un area di tolleranza (comfort zone) tra separazione e connessione: 1. buon incastro spontaneo tra i bisogni di ciascuno 2. una persona invade lo spazio delle altre 3. negoziazione della reciproca distanza/vicinanza Tale regolazione della distanza è un processo che dura tutta la vita, influenzato da eventi prevedibili e imprevedibili, ed è un processo parallelo alla rappresentazione dei confini familiari (Greco, 2006) L origine adottiva si pone sul versante della diversità/distanza!

24 Il livello intrapsichico Diventare genitori è un processo che nasce da un doppio movimento di identificazione (Darchis, 2009) da un lato con il bambino che si è stati e con quello che si sarebbe voluti essere, dall'altro con i genitori che si sono avuti e con quelli che si avrebbe voluto avere e disegna il territorio in cui si costruisce la genitorialità per ogni genitore. La rappresentazione della propria esperienza come figli è quindi una delle aree cruciali all arrivo del bambino.

25 Quale figlio aspettiamo? La madre Figlio immaginario (figlio costruito per il suo compagno) figlio fantasticato (figlio creato dall inconscio della madre come figlio del nonno materno) (Lebovici,1989) Il padre Nel territorio tra la rivisitazione della propria infanzia e l identificazione/controidentificazione con le figure genitoriali, anche il padre sviluppa fantasie e aspettative relative al figlio che verrà

26 un figlio mio che non è mio la tempestosa traversata dalle aspettative alla realtà

27 La dialettica tra fantasia e realtà A livello intrapsichico la rottura della tensione tra fantasia e realtà è in ogni relazione un fatto frequente; ciò che conta, è la capacità di riparare o di ristabilire la relazione interpersonale, intesa come dialogo tra due soggetti riconosciuti di pari dignità (Benjamin, 1996) l uomo vive simultaneamente in due società: una composta di persone esterne a noi, ed una composta di personaggi della fantasia inconscia passiamo molto del nostro tempo cercando di modificare noi stessi e gli altri così da rendere minima la discrepanza tra i due mondi (Sandler & Sandler, 2002)

28 Museo della bambola e del giocattolo, Rocca Borromeo di Angera, 1990

29 COMPITI DI SVILUPPO DELLA FAMIGLIA ADOTTIVA per i genitori: Costruire la genitorialità adottiva e legare tra loro le generazioni facendo diventare familiare un'origine diversa per il figlio: Costruire la filiazione adottiva e riconoscersi appartenente alla nuova storia familiare senza negare la propria diversa origine Mediare con il sociale: sostenere il figlio nel processo di inserimento nel mondo sociale ENTITLEMENT (Cohen, Cohen, Duvall, 1996) Autorizzarsi e autorizzare il coniuge la titolarità per esercitare il ruolo di genitore ENTITLEMENT sentirsi e costituirsi come figlio e come erede danzando insieme alla ricerca della giusta distanza e vicinanza

30 La famiglia estesa può facilitare l inserimento del figlio nella nuova famiglia, stemperando le tensioni tra genitori e figlio, in quanto più lontana dall area del conflitto (le due coppie di genitori) (Film Vai e vivrai ; Il figlio dell altra ) può offrire una molteplicità di modelli, concreti e relazionali (superando il rischio di una visione claustrofobica!) e l ambiente di arrivo può offrire un modello di integrazione possibile o può rendere molto difficile il processo integrativo al bambino adottato, soprattutto se di diversa etnia! (vedi costruzione dell identità etnica) può facilitare l inserimento del bambino nella scuola, nei gruppi sportivi, all oratorio o in gruppi di aggregazione.

31 LAVORO DI GRUPPO

32 Famiglia di nascita

33 Famiglia adottiva

34 Famiglia di nascita

35 Famiglia adottiva

36 Quale immagine della famiglia di nascita hanno i futuri genitori adottivi? E gli operatori? da tale immagine dipendono Il giudizio sulla storia pre-adottiva L attribuzione della responsabilità dell abbandono L immagine del figlio adottato: dono prezioso o bambino rotto, da salvare? L immagine del genitore adottivo: entra nella relazione come simultaneamente creditore e debitore, oppure è il salvatore eroico a cui è dovuta per sempre una restituzione? E da parte di chi?

37 I protagonisti dell adozione gli operatori

38 Gli operatori del paese/zona di origine Sono chiamati a garantire la correttezza della procedura adottiva costruire e conservare documenti della storia preadottiva (fotografie, giocattoli, piccoli oggetti ), che potranno fare da base al processo di simbolizzazione del figlio adottivo prendersi cura del passaggio del bambino tra i caregiver transitori e la famiglia adottiva collaborare con la Commissione per l Adozione Internazionale e con gli enti autorizzati per costruire buone prassi

39 Gli operatori in Italia Sono chiamati a: gestire con sempre maggiore competenza lo studio di coppia per la valutazione dell idoneità (dagli anni 80: approccio della SELF-SELECTION >>>forte enfasi sulla preparazione e sul processo di riflessione delle coppie su di sé e sulle proprie capacità: incontri di formazione di gruppo con partecipazione attiva delle coppie al processo di valutazione) (Palacios, 2010) potenziare la collaborazione tra operatori psicosociali e giuridici per costruire un linguaggio condiviso sperimentare nuove forme di accompagnamento delle famiglie adottive nel postadozione, attuando una logica di prevenzione

40 Le dimensioni dello studio di coppia Le relazioni con l ambiente sociale Il legame di coppia, aspetti affettivi ed etici Le relazioni familiari, intra e inter-generazionali La prefigurazione del bambino - la relazione con il figlio (in presenza di figli naturali della futura coppia adottiva)

41 Valutare aspetti di carenza/ risorsa individuali; di coppia; di famiglia; sociali Carenze Fragilità individuali di ciascun coniuge (autonomia, maturità relazionale: area della coppia e del rapporto sentimentale, area delle relazioni con la /le famiglie d origine, area dei rapporti amicali ) Povertà / rigidità delle modalità relazionali di coppia Risorse resilienza individuale/ aree funzionali (p. es. lavoro) cooperazione concreta e/o emotiva di coppia supporto famiglia estesa supporto amicale/ comunitario flessibilità e potenzialità di cambiamento (capacità di utilizzare lo spazio degli incontri per innescare un processo di pensiero individuale e di coppia)

42 Dalla valutazione all accompagnamento della coppia Un attento processo diagnostico - prognostico richiede diverse fonti di informazione compresenza di più osservatori (prezioso il confronto tra diversi punti di vista!) coinvolgimento attivo della coppia perché prenda le mosse un processo di verifica/falsificazione delle prime ipotesi sia descrittive sia interpretative

43 Lo studio di coppia: gli strumenti fondamentali Ascolto dell altro/ di sé Osservazione (dell interazione tra i coniugi; delle interazioni coniugi/operatori; osservazione delle interazioni familiari nell ambiente naturale: visita domiciliare ) Utilizzo integrato di strumenti diversi di osservazione e di ascolto (self report e observational) per creare uno spazio nel quale possano emergere le rappresentazioni latenti, che sono il reale motore delle azioni e delle relazioni. La richiesta di eseguire un compito (grafico od espressivo) può consentire di aggirare le difese più consuete e permettere ai coniugi di esprimere più di quanto si sarebbero concessi nei discorsi di fronte agli operatori. Unire al colloquio strumenti non verbali, come test grafico proiettivi o strumenti espressivi aiuta a superare l inevitabile tendenza dei coniugi alla desiderabilità sociale

44 Bibliografia J. Benjamin Soggetti d'amore. Genere, identificazione, sviluppo erotico, Cortina, Milano, 1996 Bing E., Conjoint Family Drawing Family Process, 1970; 9: Brodzinsky D.M., Smith D.W., Brodzinsky A.B. (1998), Children s Adjustment to Adoption: Developmental and Clinical Issues, Sage Publications (CA). Burns R. e Kaufman S.H., (1970), Kinetic Family Drawings (K-F-D), New York, Brunner Mezel, Greco O. (2006), Il lavoro clinico con le famiglie complesse. Il test della Doppia Luna nella ricerca e nella terapia, Franco Angeli, Milano. Greco O. (2010) Abitare la complessità: la dimora della famiglia adottiva in R. Rosnati (a cura di) Il legame adottivo. Contributi internazionali per la ricerca e l intervento, Unicopli, Milano, O. Greco, I. Comelli, R. Iafrate (2011)Tra le braccia un figlio non tuo. Operatori e famiglie nell affidamento di neonati, Franco Angeli, Milano. O. Greco (2013), Il figlio adottato e la sua doppia origine, n. 30, pp , ISSN Grotevant H.D. (2011) Emotional distance regulation over the life course in adoptive kinship networks, in Wrobel G., Neil E (eds.), International Advances in Adoption Research for Practice, London: Wiley. F. Juffer, M.H. van IJzendoorn (2010) L adozione come opportunità di recupero per I bambini in R. Rosnati (a cura di) Il legame adottivo, Unicopli, Milano. Losso, R., Losso, A. (2006). Divorce terminable and interminable, in J. Scharff, D. E. Scharff (a cura di), New paradigms for treating relationships (pp ), Lanham: Jason Aronson Hartman A, Laird J., Family-centered social work practice, Free Press, 1983 R. Kaes Il complesso fraterno, Borla, Roma, 2009 M. Karpel (1983), Individuazione. Dalla fusione al dialogo, in V. Cigoli (a cura di), Terapia familiare: l'orientamento psicoanalitico, Franco Angeli, Milano. Maguire (1989) il lavoro sociale di rete J. Palacios Valutazione di idoneità per l adozione basata sul modello bisogno - competenza in R.Rosnati (a cura di) ) Il legame adottivo. Contributi internazionali per la ricerca e l intervento, Unicopli, Milano, 2010 Reiss D. The Family s Construction of Reality, Harvard University Press, Cambridge, 1981 J. Sandler, A.M.Sandler Gli oggetti interni. Una rivisitazione, Franco Angeli, Milano, 2002 Scabini E., Cigoli V. (2000), Il famigliare, Raffaello Cortina, Milano

45 Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia Per informazioni Dott.ssa L. Roncari

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

Lo specifico del lavoro psicologico nell accompagnamento della coppia all adozione

Lo specifico del lavoro psicologico nell accompagnamento della coppia all adozione Lo specifico del lavoro psicologico nell accompagnamento della coppia all adozione Dott.ssa Maria Berica Tortorani Psicologa-Psicoterapeuta ASL 3 Pistoia Operatrice-formatrice Area Vasta per l adozione

Dettagli

EVENTO CRITICO Formazione della coppia. Matrimonio COMPITI DI SVILUPPO

EVENTO CRITICO Formazione della coppia. Matrimonio COMPITI DI SVILUPPO Formazione della coppia Matrimonio Compiti di sviluppo coniugale Costruire una nuova identità di coppia Negoziare sui vari aspetti della vita quotidiana Attuare un rapporto di reciprocità nel rispetto

Dettagli

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca Ondina Greco Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla famiglia Università Cattolica, Milano ondina.greco@unicatt.it Provincia di Lecce Corso

Dettagli

Relatore: Paula Eleta

Relatore: Paula Eleta A scuola nessuno è straniero Firenze, 30 settembre 2011 Sessione: L integrazione comincia dai più piccoli Una scuola aperta che guarda al futuro Percorsi interculturali e di integrazione presso le Scuole

Dettagli

RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO. Jesús Palacios Università di Siviglia

RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO. Jesús Palacios Università di Siviglia RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO Jesús Palacios Università di Siviglia Milano, 10 giugno, 2011 Ricerca sull adozione La ricerca sull adozione é un fenomeno relativamente recente Si

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

IL LAVORO SOCIALE NEL SETTORE DELL INFANZIA E DELLA FAMIGLIA: VERSO NUOVI SAPERI

IL LAVORO SOCIALE NEL SETTORE DELL INFANZIA E DELLA FAMIGLIA: VERSO NUOVI SAPERI IL LAVORO SOCIALE NEL SETTORE DELL INFANZIA E DELLA FAMIGLIA: VERSO NUOVI SAPERI FAMIGLIE : QUALI INTERVENTI VERSO UN MODELLO OPERATIVO INTEGRATO Architettura della scheda. Nelle famiglie multiproblematiche

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare A cura di Dr.ssa BOVE Daniela Laura Cooperativa Sociale AMANI Comune di Brindisi Roma, 18 Gennaio 2010 cambiamenti

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

La valutazione della genitorialità negli interventi degli operatori sociali: la prospettiva trigenerazionale

La valutazione della genitorialità negli interventi degli operatori sociali: la prospettiva trigenerazionale Istituto di Terapia Familiare di Siena www.itfs.it La valutazione della genitorialità negli interventi degli operatori sociali: la prospettiva trigenerazionale Milano 8 Giugno 2012 Dino Mazzei Cum-ludere

Dettagli

Confronto su alcune domande:

Confronto su alcune domande: Confronto su alcune domande: Possono esistere più madri? Possono esistere più padri? Nella nostra società è veramente cambiato il compito dei genitori? Fabrizia Alliora 8 Novembre 2013 Cosa significa essere

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze... SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze....4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI TRE ANNI...4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

L adozione di un bambino già grande e l arrivo dell adolescenza Marco Chistolini Adolescenza adottiva L adozione è una condizione esistenziale che ha tratti comuni e profonde differenze. Questo assunto

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

IL COLORE DELLE EMOZIONI

IL COLORE DELLE EMOZIONI LABORATORIO ESPRESSIVO IL COLORE DELLE EMOZIONI I bambini lo dicono con il colore PREMESSA Il ruolo che ha l adulto nello sviluppo affettivo di un bambino è determinante; il suo atteggiamento, le sue aspettative,

Dettagli

PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA. Psicologa Acone Silvana

PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA. Psicologa Acone Silvana PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA Psicologa Acone Silvana L ADOLESCENTE: CHI SONO? Il compito dell adolescente è quello di "individuarsi" rispetto alla propria famiglia. Emanciparsi

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA

PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA EDUCATIVO-PREVENTIVA anno scolastico 2012/2013 Scuola dell Infanzia Don Antonio Dalla Croce Monteforte d Alpone a cura di: Sara Franchi PREMESSA La proposta di questo progetto

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA)

COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA) 30 OTTOBRE 2011 Gruppo Famiglie Adottive Roseto degli Abruzzi (TE) Affiliato LE RADICI E LE ALI COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA) CICLO VITALE DELLA COPPIA

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

I Servizi per la Famiglia: Aspetti psicosociali. CAMPAGNA Tam. Tam nidi. Grottaferrata 22 Novembre 2008. Patrizia Pisano

I Servizi per la Famiglia: Aspetti psicosociali. CAMPAGNA Tam. Tam nidi. Grottaferrata 22 Novembre 2008. Patrizia Pisano I Servizi per la Famiglia: Aspetti psicosociali CAMPAGNA Tam Tam nidi Grottaferrata 22 Novembre 2008 Patrizia Pisano C O M U N I ATTORI DEL TERRITORIO progettazione-realizzazione realizzazione Area Minori

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

L HOME VISITING COME ESPERIENZA DI RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO SÉ MATERNO. Sara Vessella

L HOME VISITING COME ESPERIENZA DI RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO SÉ MATERNO. Sara Vessella L HOME VISITING COME ESPERIENZA DI RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO SÉ MATERNO Sara Vessella GENOGRAMMA DELLA FAMIGLIA NUCLEARE S. 42 anni parrucchiera A. 42 anni imbianchino V. neonato Invio: Ospedale Careggi

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

Il lavoro clinico e sociale con le famiglie accoglienti: affido e adozione III edizione

Il lavoro clinico e sociale con le famiglie accoglienti: affido e adozione III edizione ALTA SCUOLA DI PSICOLOGIA AGOSTINO GEMELLI Master universitario di secondo livello per formare esperti in Il lavoro clinico e sociale con le famiglie accoglienti: affido e adozione III edizione Master

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE ASPETTI DELLA MALATTIA Il tipo di malattia La gravità Il livello di cronicità L impatto sociale della

Dettagli

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi 1 Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi INTRODUZIONE L Associazione Family Time nasce con l obiettivo di offrire un contributo alla tutela dei minori e delle loro famiglie.

Dettagli

Buone pratiche per la valutazione della genitorialità

Buone pratiche per la valutazione della genitorialità Ordine degli Psicologi dell Emilia-Romagna Buone pratiche per la valutazione della genitorialità Manuela Colombari perché buone pratiche? Violazioni deontologiche in particolare per: 1- scarsa considerazione

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO PROGETTO ACCOGLIENZA MOTIVAZIONE L Ingresso alla Scuola dell Infanzia costituisce l inizio di un nuovo cammino, che vede il bambino il più delle volte alla sua prima esperienza

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Dott.ssa Eleonora Giannelli

Dott.ssa Eleonora Giannelli Dott.ssa Eleonora Giannelli Tratteremo: La scelta del partner Il cambiamento nella coppia Coppie sane e disfunzionali: quale differenza? Transazione alla genitorialità Premesse sistemiche Il colloquio

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Essere Adolescenti e figli di genitori separati

Essere Adolescenti e figli di genitori separati Adolescenti e processi d aiuto Firenze 13-14 Gennaio 2011 Essere Adolescenti e figli di genitori separati Giancarlo Francini psicoterapeuta - Istituto di Terapia Familiare di Firenze Associazione Co.Me.Te

Dettagli

Ciclo di seminari aperti a.a. 2014/2015

Ciclo di seminari aperti a.a. 2014/2015 Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia ALTA SCUOLA DI PSICOLOGIA AGOSTINO GEMELLI Master Il lavoro clinico e sociale con le famiglie accoglienti: affido e adozione Ciclo di seminari aperti a.a.

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

L affido, una delle risposte possibili

L affido, una delle risposte possibili Associazione Centro Studi Psicologia Sistemica Infanzia, Adolescenza, Adulti Centro Co.Me.Te. Arezzo - Cortona Consulenza, Mediazione, Terapia L affido, una delle risposte possibili Sportello B.E.S. Scuola

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

Scuola dell Infanzia San Francesco

Scuola dell Infanzia San Francesco Scuola dell Infanzia San Francesco 1 PROGETTO ACCOGLIENZA FINALITA L obiettivo del progetto è di rendere piacevole l ingresso o il ritorno a scuola dei bambini, superare quindi serenamente la paura della

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Campo d Esperienza: IL SE E L ALTRO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Manifestare il senso dell

Dettagli

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati.

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Rubbettino Università, Soveria Mannelli 2009 Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Diversi sono tuttavia

Dettagli

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Genova e gli affidi familiari Come città aderente alla sperimentazione

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

ALLARME ROSSO: ARRIVANO I SUOCERI

ALLARME ROSSO: ARRIVANO I SUOCERI ALLARME ROSSO: ARRIVANO I SUOCERI Costanza Marzotto, psicologa, mediatrice familiare Servizio di psicologia clinica coppia e famiglia, Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia, Università Cattolica

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Scainelli Stefania e Pallotti Alessandra PREMESSA - L INGRESSO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L ingresso alla Scuola dell Infanzia è una tappa

Dettagli

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata Lo psicologo e il Distretto Sociale 1 Atti del convegno AUPI su Il lavoro dello psicologo nell U.S.L.: specificità ed integrazione con altre figure professionali. Ritengo utile fare alcune premesse al

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE. Sabrina Marzo, Psicologa, Torino

I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE. Sabrina Marzo, Psicologa, Torino I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE Sabrina Marzo, Psicologa, Torino Riassunto La diffusione delle famiglie ricostituite e la presenza di diritti e responsabilità risultanti conflittuali per la complessità

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI DISAGIO ED EDUCAZIONE Educazione come elemento fondamentale della risposta al disagio coniugando il concetto di cura con quello di promozione della persona.

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA

CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA A.I.E.D Associazione Italiana Educazione Demografica Sezione Livia Bottardi Milani - Brescia CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA Condotto da: Valentina Cornali, ostetrica Dott.ssa Nadia Ghirardi, psicologa

Dettagli

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus PRINCIPI DELL INTERVENTO EFFICACE NEI CASI DI SOSPETTO ABUSO

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE Legge 184/83 E la prima normativa specifica che disciplina l adozione e l affidamento dei minori. Legge 28 marzo 2001 n.149 Disciplina dell adozione

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Sport e benessere psicofisico dell adolescente. Giuseppina Speltini Università di Bologna

Sport e benessere psicofisico dell adolescente. Giuseppina Speltini Università di Bologna Sport e benessere psicofisico dell adolescente Giuseppina Speltini Università di Bologna Adolescenza e società contemporanea Adolescenza prolungata, soprattutto in Italia rispetto agli altri Paesi UE Segni

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

Messina, 18 marzo 2010. Gioacchino Lavanco. Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo

Messina, 18 marzo 2010. Gioacchino Lavanco. Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo Messina, 18 marzo 2010 Linguaggio criminale e sentire mafioso PROBLEMI SOCIALI E PROBLEMI PSICOLOGICI Gioacchino Lavanco Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo SOMMARIO: INTRODUZIONE

Dettagli

Bambini adottivi a scuola Presentazione Linee di indirizzo MIUR. 14 Maggio 2015 Auditorium IS Quarenghi 14.30-17-30

Bambini adottivi a scuola Presentazione Linee di indirizzo MIUR. 14 Maggio 2015 Auditorium IS Quarenghi 14.30-17-30 Bambini adottivi a scuola Presentazione Linee di indirizzo MIUR 14 Maggio 2015 Auditorium IS Quarenghi 14.30-17-30 Premessa Un buon successo scolastico passa attraverso la costituzione di una RETE relazionale

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande. Dirigente Scolastico Lucia Palazzo. Insieme si può

Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande. Dirigente Scolastico Lucia Palazzo. Insieme si può Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande Dirigente Scolastico Lucia Palazzo Insieme si può L Istituzione scolastica ha proposto l incontro con la Cooperativa sociale Promozione di Acireale per promuovere

Dettagli

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella In una scuola che ormai è concepita come luogo non solo deputato alla trasmissione del sapere, ma anche connesso

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011 L accompagnamento della famiglia affidataria Difficoltà delle FA Con il minore accolto Con i Servizi All interno della propria famiglia - difficoltà individuali - difficoltà di coppia - difficoltà con

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Nonni si nasce o si diventa?

Nonni si nasce o si diventa? Nonni si nasce o si diventa? Riflessioni perché la Nonnitudine sia uno status di vita occasione di Vita! I nonni Ci sono delle cose che solo i nonni sanno, son storie più lontane di quelle di quest anno.

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO Premessa ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO L asilo nido MATER è stato adeguato per l accoglienza di n. 24 bambini della fascia di età da 12 a 36 mesi. Uno spazio è poi riservato a un piccolo numero di

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli