Il lavoro clinico nel campo dell'adozione: i protagonisti del processo adottivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il lavoro clinico nel campo dell'adozione: i protagonisti del processo adottivo"

Transcript

1 Il lavoro clinico nel campo dell'adozione: i protagonisti del processo adottivo Ondina Greco Provincia di Lecce Corso di alta formazione e specializzazione I PERCORSI PER LE ADOZIONI NAZIONALI E INTERNAZIONALI: IL SISTEMA DELLE RELAZIONI, I RAPPORTI TRA I SERVIZI E LE FAMIGLIE. Lecce, 16 maggio 2014

2 Essere adottato è essere accolto dopo essere stato lasciato il termine lasciare ha, tra le altre, due accezioni significative: essere abbandonati essere affidati a qualcuno L adozione nasce dunque come aporia da risolvere

3 I protagonisti dell adozione La famiglia di nascita e l ambiente di origine Il bambino che viene adottato La coppia di genitori adottivi e l ambiente di arrivo Gli operatori psicosociali e giuridici del paese/del territorio di provenienza e di quello di arrivo.

4 I protagonisti dell adozione La famiglia di nascita e l ambiente di origine Pur nella variabilità delle situazioni, è una costante nell adozione la certezza della presenza di un prima dell adozione, costituito dalla famiglia di nascita che ha tenuto con sé più o meno a lungo e in modo più o meno adeguato il figlio, e dai caregivers transitori che si sono presi cura del bambino in attesa di adozione. Tale presenza - a volte costantemente visibile nella differenza etnica - dopo l adozione comunque permane a livello simbolico, ed è profondamente presente nelle fantasie e nei pensieri del bambino e dei suoi genitori adottivi.

5 I protagonisti dell adozione Il figlio adottato

6 Il modello bisogni-competenze (Palacios 2010) Tre tipi di bisogni specifici del bambino adottato: 1) bisogni legati al passato: Problema dello sviluppo fisico e della salute, difficoltà relative all adattamento alle abitudini e alle routine quotidiane; Difficoltà nello sviluppo emotivo a causa di precedenti esperienze di maltrattamenti, di attaccamento inadeguato, di periodi di istituzionalizzazione; Ritardi nello sviluppo psicomotorio, linguistico e cognitivo; Difficoltà nelle relazioni con gli adulti e con i pari derivanti da forme di relazioni apprese che possono essere problematiche; Modalità con cui è effettuata la preparazione del bambino all adozione e alla separazione dalle persone che per lui sono state significative fino al momento antecedente l adozione. 2) bisogni legati all instaurare relazioni, all adattamento e all integrazione: Passaggio da un Paese all altro, dall istituto a una famiglia; Importanza di attaccamento sicuro e integrazione in famiglia e nel gruppo dei pari; Apprendimento di nuove norme e necessità di superamento di problemi comportamentali e di apprendimento al momento dell inserimento scolastico. 3) bisogni legati allo status adottivo: Necessità di conoscere e accettare la propria storia personale; Necessità di considerare lo status adottivo come caratteristica stabile della propria identità (connessione tra due famiglie = doppia origine ); Necessità di elaborare sofferenze presenti e passate; Necessità di elaborare i temi connessi all identità etnica; Necessità di sostegno nella ricerca delle origini.

7 Esperienze di cambiamento e sentimento di sicurezza La riflessione della psicologia psicoanalitica (Sandler, 1998) ha sottolineato come le esperienze pregresse costituiscano la base del sentimento di sicurezza, radicato in ciò che conosciamo e a cui siamo abituati, anche se a volte si tratta di esperienze non completamente positive. L operazione allontanamento-sostituzione non è dunque automatica! Occorre che le esperienze passate ciò che c è stato, ciò che è mancato, ciò che è stato immaginato - trovino un luogo per essere comprese e significate, permettendo la tessitura di un "fil rouge" che leghi gli eventi, i luoghi e le persone della propria vita

8 L assenza presente Se c è una perdita (Winnicott (1971), è possibile conservare qualcosa dell immagine dell oggetto perduto ed elaborarne il lutto. elaborare il lutto significa mantenere l essenza del legame perduto attraverso la sua trascrizione in termini simbolici (Losso e Losso, 2006). In altri termini, si potrebbe dire che ciò che è stato perduto deve trovare modalità simboliche per assicurare la continuità della propria presenza (Greco, 2013). André Green (1998), riprendendo la riflessione di Winnicott, per far comprendere meglio il ruolo del negativo utilizza l affascinante metafora delle mani negative. Sulle pareti delle caverne, i primitivi (come fanno i bambini alla scuola materna) realizzavano il disegno delle mani in due modi: o intingevano le mani nella pittura e le appoggiavano sulle pareti, oppure appoggiavano le mani e stendevano tutt intorno il colore. In quest ultimo caso, ciò che appariva era l assenza della mano. Se il processo di simbolizzazione è bloccato, la rappresentazione del vuoto ciò che c è stato, non c è più e non può essere pensato né pianto - può diventare il centro della vita psicologica e, nelle situazioni più gravi, può funzionare da buco nero che attrae e distrugge i pensieri. perché è la stessa cornice che pensa i pensieri ad essere danneggiata (Bion, 1970).

9

10 Un nuovo attaccamento: un processo non sempre lineare Le figure di accudimento rispondono ai segnali del bambino (messi in moto dal bisogno di attaccamento) prendendolo in braccio, accarezzandolo, nutrendolo e dando un senso alle sue esperienze (Bowlby, 1973, 1980) Le interazioni quotidiane costruiscono nei bambini i modelli operativi interni dell interazione con l altro.

11

12 Il nuovo attaccamento si costruisce a partire dalle modalità già apprese. Secondo Bowlby (1980) rappresentazioni diverse danno vita a modelli multipli nella mente dei bambini, che assorbono maggiore energia rispetto a quella richiesta da un modello interno unitario e ben funzionante, costituito da rappresentazioni coerenti. Modelli multipli comportamenti contraddittori dello stesso caregiver molteplicità dei caregiver sperimentati Uno dei possibili costi, messi in luce dalla ricerca sull infanzia (Steele e al., 2003), è l ipervigilanza del bambino nei confronti dello stato della mente caregiver con cui al momento si trova ad interagire. Ma potenzialmente lo stato di ipervigilanza, mobilitato dall ingresso in una nuova famiglia, potrebbe avere come conseguenza per il minore anche una grande apertura e capacità di attenzione per cercare di cogliere sia le nuove modalità di gestire ed impostare i riti della quotidianità sia anche la diversa qualità dei modelli di attaccamento circolanti nella nuova famiglia. (Saviane, 2011)

13 Il passaggio da una rete relazionale ad un altra, da un universo simbolico, veicolato da specifici significati e rituali, ad un altro, porta ad inserire il bambino in un area straniera, in un processo migratorio concreto e simbolico - in una diversa regione culturale e linguistica. Il cambiamento del contesto familiare (ambientale, linguistico, climatico ) Questa consapevolezza richiede che ci si prenda cura della gradualità del passaggio. Si tratta di un passaggio d informazioni circa le abitudini del bambino, circa i riti serali, del sonno e della pappa, ma, prima ancora, si tratta essenzialmente del riconoscimento della potenziale parità della capacità di cura dei caregiver, ossia della reciproca legittimazione delle capacità genitoriali e di legame. È infatti la mancanza di tale reciproca legittimazione che può far provare al bambino, nel passaggio da una famiglia all altra, la sensazione di cadere nel vuoto, anziché quella di essere sostenuto in una rete all interno della quale è possibile muoversi senza che ogni volta si perda tutto ciò che è stato acquisito nel passato.(greco, 2011) Solo uno sguardo meta-familiare (Sager et al., 1981; Hajal, Rosenberg, 1991, Greco, 2006) riesce a mantenere aperto ed evidente lo spazio bipolare in cui l adozione prende forma e in cui si svolge tutto il suo percorso.

14 Quali le possibilità di recupero? L adozione è la miglior soluzione per un bambino che non può essere cresciuto dalla propria famiglia (Juffer, Van Ijzendoorn,2010) tra gli adottati, un gruppo mostra, rispetto alla norma, un incidenza più alta di problemi scolastici e psicologici (Brodzinsky, 2010)

15 I protagonisti dell adozione La coppia di genitori adottivi, la famiglia estesa e l ambiente di arrivo

16 Il modello bisogni-competenze (Palacios 2010) Le competenze che i genitori adottivi devono possedere per rispondere adeguatamente ai bisogni del bambino: capacità legate alla storia e alle caratteristiche personali e familiari (es. stabilire relazioni di attaccamento sicure e durature; saper far fronte a frustrazioni, stress, conflitti e difficoltà; saper posporre i propri bisogni a quelli del bambino; stabilire relazioni di supporto, cooperazione e mutuo-aiuto, ecc ); capacità legate alle condizioni e circostanze di vita (es. saper rispondere adeguatamente ai bisogni del figlio durante infanzia, adolescenza, giovinezza, età adulta; capacità di adattamento alla nuova situazione familiare; capacità di disporre di reti familiari, sociali e professionali di supporto, ecc ); capacità legate al progetto di adozione (comprensione dell adozione come risposta ad un bisogno del bambino; adeguatezza della motivazione; apertura, realismo e flessibilità del progetto di adozione, ecc ); capacità legate alle competenze educative, sia generali (es. protezione, sensibilità, empatia, ecc ) sia specificatamente legate all adozione (es. capacità di evitare la ripetizione di modelli di relazione inadeguati; di offrire un contesto che favorisca un legame affettivo sicuro e duraturo; capacità di instaurare e sostenere nel tempo un adeguata comunicazione riguardo al passato antecedente l adozione e all adozione stessa, ecc ); capacità legate all apertura all intervento professionale (es. fruizione di un percorso di formazione precedente l adozione; capacità di ricercare l aiuto professionale )

17 competenza chiave la capacità di relazione

18 In-contro La parola incontro è composta di due parole contrapposte: in (particella di moto che significa verso) e contro. Si tratta dunque di un ossimoro (figura retorica che unisce due concetti contrapposti): incontrare vuol dire andare verso chi mi viene contro oppure andare contro a chi viene verso di me In una parola, essere in relazione significa incontrare chi si contrappone a me, cioè chi è diverso da me!

19 Il legame sotto la lente La riflessione psicoanalitica ci ricorda che ogni relazione significativa è in qualche modo una relazione di ruolo, poiché ciascun partner inconsciamente cerca di indurre l altro significativo ad assumere un ruolo specifico, sulla base dei propri bisogni e desideri e si sintonizza sulla risposta di ruolo dell altro (J. Sandler, A. M. Sandler, 2002) il confine tra funzionalità e disfunzionalità è segnato dall entità e dalla rigidità versus flessibilità di tale induzione - messa più volte alla prova dal cambiamento della realtà interna ed esterna dei partner. Lo studio di coppia si rivela allora come uno spazio potenziale per ripensare, almeno per qualche aspetto, a se stessi come individuo e come coppia, in termini di capacità di rispettare e valorizzare la diversità

20 E quando arriva un figlio? La genitorialità è una funzione complessa a livello culturale a livello relazionale a livello intrapsichico

21 Il livello culturale Ieri genitori per caso Per i genitori la nascita casuale del figlio sgravava i genitori da particolari aspettative a suo riguardo (Bettelheim, 1986) Per i figli riconoscersi come frutto del caso rendeva più facile il processo di distacco e di individuazione rispetto ai propri genitori. Oggi genitori per scelta Per i genitori La cultura di oggi, enfatizzando il processo di "scelta" del figlio come unico fattore in gioco, amplifica in modo dirompente la responsabilità dei genitori. Se mio figlio ha delle difficoltà, vuol dire che io che l ho strenuamente voluto ho sbagliato (o sono sbagliato.) Per i figli riconoscersi pensati già prima di nascere fa sentire il peso delle aspettative che gravano su di sé e che tendono ad essere vissute con timore e perenne senso di inadeguatezza: Sono veramente/ posso essere la persona che i miei genitori desideravano? domanda che non si poneva il figlio di una volta, frutto del caso, che doveva la vita alla vita (non in primis ai suoi genitori!), all oggettività del processo vitale (Gauchet, 2010).

22 E le coppie adottive? Se le riflessioni di Gauchet valgono in generale per le coppie contemporanee, a fortiori valgono per le coppie adottive, le quali, per il complesso itinerario previsto dalla legge e per la lunga attesa tra l'idoneità e l'arrivo del bambino, vivono con maggior intensità e devono mantenere più a lungo l impegno di "scelta" del figlio atteso.

23 Il livello interpersonale. La danza relazionale La regolazione dello spazio relazionale è un compito centrale per la famiglia (Grotevant, 2011) Questa danza relazionale ruota attorno alla distanza emozionale: si tratta di una dinamica tra bisogni di connessione e bisogni di separatezza, che dipende dai bisogni di ciascuno e dalla fase del ciclo di vita attuale. Ogni individuo ha un area di tolleranza (comfort zone) tra separazione e connessione: 1. buon incastro spontaneo tra i bisogni di ciascuno 2. una persona invade lo spazio delle altre 3. negoziazione della reciproca distanza/vicinanza Tale regolazione della distanza è un processo che dura tutta la vita, influenzato da eventi prevedibili e imprevedibili, ed è un processo parallelo alla rappresentazione dei confini familiari (Greco, 2006) L origine adottiva si pone sul versante della diversità/distanza!

24 Il livello intrapsichico Diventare genitori è un processo che nasce da un doppio movimento di identificazione (Darchis, 2009) da un lato con il bambino che si è stati e con quello che si sarebbe voluti essere, dall'altro con i genitori che si sono avuti e con quelli che si avrebbe voluto avere e disegna il territorio in cui si costruisce la genitorialità per ogni genitore. La rappresentazione della propria esperienza come figli è quindi una delle aree cruciali all arrivo del bambino.

25 Quale figlio aspettiamo? La madre Figlio immaginario (figlio costruito per il suo compagno) figlio fantasticato (figlio creato dall inconscio della madre come figlio del nonno materno) (Lebovici,1989) Il padre Nel territorio tra la rivisitazione della propria infanzia e l identificazione/controidentificazione con le figure genitoriali, anche il padre sviluppa fantasie e aspettative relative al figlio che verrà

26 un figlio mio che non è mio la tempestosa traversata dalle aspettative alla realtà

27 La dialettica tra fantasia e realtà A livello intrapsichico la rottura della tensione tra fantasia e realtà è in ogni relazione un fatto frequente; ciò che conta, è la capacità di riparare o di ristabilire la relazione interpersonale, intesa come dialogo tra due soggetti riconosciuti di pari dignità (Benjamin, 1996) l uomo vive simultaneamente in due società: una composta di persone esterne a noi, ed una composta di personaggi della fantasia inconscia passiamo molto del nostro tempo cercando di modificare noi stessi e gli altri così da rendere minima la discrepanza tra i due mondi (Sandler & Sandler, 2002)

28 Museo della bambola e del giocattolo, Rocca Borromeo di Angera, 1990

29 COMPITI DI SVILUPPO DELLA FAMIGLIA ADOTTIVA per i genitori: Costruire la genitorialità adottiva e legare tra loro le generazioni facendo diventare familiare un'origine diversa per il figlio: Costruire la filiazione adottiva e riconoscersi appartenente alla nuova storia familiare senza negare la propria diversa origine Mediare con il sociale: sostenere il figlio nel processo di inserimento nel mondo sociale ENTITLEMENT (Cohen, Cohen, Duvall, 1996) Autorizzarsi e autorizzare il coniuge la titolarità per esercitare il ruolo di genitore ENTITLEMENT sentirsi e costituirsi come figlio e come erede danzando insieme alla ricerca della giusta distanza e vicinanza

30 La famiglia estesa può facilitare l inserimento del figlio nella nuova famiglia, stemperando le tensioni tra genitori e figlio, in quanto più lontana dall area del conflitto (le due coppie di genitori) (Film Vai e vivrai ; Il figlio dell altra ) può offrire una molteplicità di modelli, concreti e relazionali (superando il rischio di una visione claustrofobica!) e l ambiente di arrivo può offrire un modello di integrazione possibile o può rendere molto difficile il processo integrativo al bambino adottato, soprattutto se di diversa etnia! (vedi costruzione dell identità etnica) può facilitare l inserimento del bambino nella scuola, nei gruppi sportivi, all oratorio o in gruppi di aggregazione.

31 LAVORO DI GRUPPO

32 Famiglia di nascita

33 Famiglia adottiva

34 Famiglia di nascita

35 Famiglia adottiva

36 Quale immagine della famiglia di nascita hanno i futuri genitori adottivi? E gli operatori? da tale immagine dipendono Il giudizio sulla storia pre-adottiva L attribuzione della responsabilità dell abbandono L immagine del figlio adottato: dono prezioso o bambino rotto, da salvare? L immagine del genitore adottivo: entra nella relazione come simultaneamente creditore e debitore, oppure è il salvatore eroico a cui è dovuta per sempre una restituzione? E da parte di chi?

37 I protagonisti dell adozione gli operatori

38 Gli operatori del paese/zona di origine Sono chiamati a garantire la correttezza della procedura adottiva costruire e conservare documenti della storia preadottiva (fotografie, giocattoli, piccoli oggetti ), che potranno fare da base al processo di simbolizzazione del figlio adottivo prendersi cura del passaggio del bambino tra i caregiver transitori e la famiglia adottiva collaborare con la Commissione per l Adozione Internazionale e con gli enti autorizzati per costruire buone prassi

39 Gli operatori in Italia Sono chiamati a: gestire con sempre maggiore competenza lo studio di coppia per la valutazione dell idoneità (dagli anni 80: approccio della SELF-SELECTION >>>forte enfasi sulla preparazione e sul processo di riflessione delle coppie su di sé e sulle proprie capacità: incontri di formazione di gruppo con partecipazione attiva delle coppie al processo di valutazione) (Palacios, 2010) potenziare la collaborazione tra operatori psicosociali e giuridici per costruire un linguaggio condiviso sperimentare nuove forme di accompagnamento delle famiglie adottive nel postadozione, attuando una logica di prevenzione

40 Le dimensioni dello studio di coppia Le relazioni con l ambiente sociale Il legame di coppia, aspetti affettivi ed etici Le relazioni familiari, intra e inter-generazionali La prefigurazione del bambino - la relazione con il figlio (in presenza di figli naturali della futura coppia adottiva)

41 Valutare aspetti di carenza/ risorsa individuali; di coppia; di famiglia; sociali Carenze Fragilità individuali di ciascun coniuge (autonomia, maturità relazionale: area della coppia e del rapporto sentimentale, area delle relazioni con la /le famiglie d origine, area dei rapporti amicali ) Povertà / rigidità delle modalità relazionali di coppia Risorse resilienza individuale/ aree funzionali (p. es. lavoro) cooperazione concreta e/o emotiva di coppia supporto famiglia estesa supporto amicale/ comunitario flessibilità e potenzialità di cambiamento (capacità di utilizzare lo spazio degli incontri per innescare un processo di pensiero individuale e di coppia)

42 Dalla valutazione all accompagnamento della coppia Un attento processo diagnostico - prognostico richiede diverse fonti di informazione compresenza di più osservatori (prezioso il confronto tra diversi punti di vista!) coinvolgimento attivo della coppia perché prenda le mosse un processo di verifica/falsificazione delle prime ipotesi sia descrittive sia interpretative

43 Lo studio di coppia: gli strumenti fondamentali Ascolto dell altro/ di sé Osservazione (dell interazione tra i coniugi; delle interazioni coniugi/operatori; osservazione delle interazioni familiari nell ambiente naturale: visita domiciliare ) Utilizzo integrato di strumenti diversi di osservazione e di ascolto (self report e observational) per creare uno spazio nel quale possano emergere le rappresentazioni latenti, che sono il reale motore delle azioni e delle relazioni. La richiesta di eseguire un compito (grafico od espressivo) può consentire di aggirare le difese più consuete e permettere ai coniugi di esprimere più di quanto si sarebbero concessi nei discorsi di fronte agli operatori. Unire al colloquio strumenti non verbali, come test grafico proiettivi o strumenti espressivi aiuta a superare l inevitabile tendenza dei coniugi alla desiderabilità sociale

44 Bibliografia J. Benjamin Soggetti d'amore. Genere, identificazione, sviluppo erotico, Cortina, Milano, 1996 Bing E., Conjoint Family Drawing Family Process, 1970; 9: Brodzinsky D.M., Smith D.W., Brodzinsky A.B. (1998), Children s Adjustment to Adoption: Developmental and Clinical Issues, Sage Publications (CA). Burns R. e Kaufman S.H., (1970), Kinetic Family Drawings (K-F-D), New York, Brunner Mezel, Greco O. (2006), Il lavoro clinico con le famiglie complesse. Il test della Doppia Luna nella ricerca e nella terapia, Franco Angeli, Milano. Greco O. (2010) Abitare la complessità: la dimora della famiglia adottiva in R. Rosnati (a cura di) Il legame adottivo. Contributi internazionali per la ricerca e l intervento, Unicopli, Milano, O. Greco, I. Comelli, R. Iafrate (2011)Tra le braccia un figlio non tuo. Operatori e famiglie nell affidamento di neonati, Franco Angeli, Milano. O. Greco (2013), Il figlio adottato e la sua doppia origine, n. 30, pp , ISSN Grotevant H.D. (2011) Emotional distance regulation over the life course in adoptive kinship networks, in Wrobel G., Neil E (eds.), International Advances in Adoption Research for Practice, London: Wiley. F. Juffer, M.H. van IJzendoorn (2010) L adozione come opportunità di recupero per I bambini in R. Rosnati (a cura di) Il legame adottivo, Unicopli, Milano. Losso, R., Losso, A. (2006). Divorce terminable and interminable, in J. Scharff, D. E. Scharff (a cura di), New paradigms for treating relationships (pp ), Lanham: Jason Aronson Hartman A, Laird J., Family-centered social work practice, Free Press, 1983 R. Kaes Il complesso fraterno, Borla, Roma, 2009 M. Karpel (1983), Individuazione. Dalla fusione al dialogo, in V. Cigoli (a cura di), Terapia familiare: l'orientamento psicoanalitico, Franco Angeli, Milano. Maguire (1989) il lavoro sociale di rete J. Palacios Valutazione di idoneità per l adozione basata sul modello bisogno - competenza in R.Rosnati (a cura di) ) Il legame adottivo. Contributi internazionali per la ricerca e l intervento, Unicopli, Milano, 2010 Reiss D. The Family s Construction of Reality, Harvard University Press, Cambridge, 1981 J. Sandler, A.M.Sandler Gli oggetti interni. Una rivisitazione, Franco Angeli, Milano, 2002 Scabini E., Cigoli V. (2000), Il famigliare, Raffaello Cortina, Milano

45 Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia Per informazioni Dott.ssa L. Roncari

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza.

L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza. L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza. Stefania Alfano* Rosa Miniaci** * Psicologa-Specialista in Psicoterapia Familiare ** Psicologa- Psicoterapeuta sistemico-relazionale in formazione

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Indice. Presentazione 9 Introduzione 11. Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29

Indice. Presentazione 9 Introduzione 11. Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29 Indice Presentazione 9 Introduzione 11 PRIMA PARTE Identificazione della figura del padre Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29 SECONDA

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

LA GENITORIALITA. affettiva regolativa, normativa, predittiva, rappresentativa significante fantasmatica. differenziale triadica transgenerazionale.

LA GENITORIALITA. affettiva regolativa, normativa, predittiva, rappresentativa significante fantasmatica. differenziale triadica transgenerazionale. LA GENITORIALITA La genitorialità rappresenta una funzione assai complessa che incorpora in sé, sia aspetti individuali, relativi quindi alla nostra idea (in parte conscia e in parte inconscia) di come

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Sono lieta di presentare al pubblico di lingua italiana l interessante contributo di Fordham a una patologia complessa come l autismo infantile. La pubblicazione di questo

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

IL MONDO INTERNO DEL BAMBINO: l uso della fiaba per la ricerca di significato.

IL MONDO INTERNO DEL BAMBINO: l uso della fiaba per la ricerca di significato. IL MONDO INTERNO DEL BAMBINO: l uso della fiaba per la ricerca di significato. Andrea Beretta Sandra Vannucchi Introduzione Molti studiosi, da A. Freud e M. Klein in poi, hanno sottolineato l importanza

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli