PROPOSTE ARTISTICHE E LABORATORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTE ARTISTICHE E LABORATORI"

Transcript

1 PROPOSTE ARTISTICHE E LABORATORI SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO PR. PROPEDEUTICA DEL TEATRO ED EURITMIA (1-2 ) - PR. TEATRO ED EURITMIA ( ) - PR. FOTOGRAFIA E DIREZIONE D ARTE. FOTO DI CLASSE E RITRATTO D AUTORE - PR.INFIORATA

2

3 PROGETTO FOTOGRAFIA E DIREZIONE D ARTE Educazione alla bellezza, armonia ed arte attraverso la fotografia d autore. Ritratto di classe.

4 OBBIETTIVI GENERALI - Alimentare la passione per la fotografia come arte. - Educare al valore del ritratto come espressione d arte. - Svelare l ambizione di Narciso ovvero perché produrre delle immagini di noi? - Stimolare il processo creativo nel racconto del sé. OBBIETTIVI SPECIFICI - Presentare la figura del fotografo professionista e del direttore d arte; scoprirne ruoli e funzioni nell industria artistica. - Analisi dei grandi fotografi e dei maggiori direttori d arte. - Ideazione e creazione del ritratto di ogni singolo studente. - Ideazione e creazione della Foto di classe. - Allestimento di una mostra. Swonderful PHOTO AND ART DIRECTION

5 PROPOSTA DIDATTICA TEORIA (1 incontro) Fotografia Com è nata la fotografia?brevi cenni storici. La scatola magica: la camera oscura. Come funziona la macchina fotografica. Le fasi del processo fotografico: dalla scelta della storia allo scatto. Il taglio fotografico. Le regole della composizione (Inquadratura e punto di vista) Fotografia in bianco e nero e a colori. La luce naturale o artificiale. Grandi autori Uso pratico e poetico della fotografia: Il ritratto e la Foto di classe (Cosa voglio raccontare di me?come rappresentare la classe e la sua energia. L insegnante) Direzione d arte La Direzione d arte nella fotografia: la fusione estetica La bellezza L uso narrativo del colore Analisi di fotografie d arte La composizione innovativa Art style Moda, cinema e teatro (analisi materiale) Prova di composizione: il ritratto (simulazione guidata con un modello e materiali di scenografia. Lo scatto) PRATICA (2 incontro) Ritratto di ogni singolo studente con luce da studio e direzione d arte (vestiario e scenografia). Foto di classe. MOSTRA Esposizione del materiale fotografico ed installazione durante la celebrazione comunitaria di fine anno. Swonderful PHOTO AND ART DIRECTION

6 METODOLOGIA Lezione teorica con materiale fotografico, slide show, cartaceo. Laboratorio fotografico e di Direzione d arte: Studio del personaggio, messa in scena della posa, play role, scatto. VALUTAZIONE Ricerca individuale e di gruppo sulla fotografia e sulla Direzione d arte. Bozzetti e proposte. Scatto finale del ritratto e della foto di classe. Questionario di valutazione per gli studenti e gli insegnanti. MATERIALE/SPAZI A CARICO DELLA SCUOLA O ISTITUZIONE Teatro o aula magna. Impianto audio e videoproiettore. Schermo per la proiezione. Spazio espositivo. Swonderful PHOTO AND ART DIRECTION

7 SCHEMA TECNICO Incontri di programmazione e valutazione con gli insegnanti Incontri di laboratorio con gli studenti N 2 di 30 minuti cadauno 1 Teorico di 1ora e mezza. 1 Pratico di 2 ore e mezza per classe Tot. ore 1 Tot. ore 4 Tot. degli incontri N 4 Tot. ore 5 Tempistica di sviluppo del progetto Maggio/Giugno 2015 Costo del progetto 1 edizione gratuita. A carico della scuola saranno le spese d installazione della mostra (sviluppo e stampa delle fotografie e supporti.) CONTATTO Isabella Prealoni Swonderful PHOTO AND ART DIRECTION

8 INFIORATA EVENTI SPECIALI LABORATORIO E ISTALLAZIONE D ARTE, SABBIA E COLORE Per la Scuola Primaria e Secondaria

9 INFIORATA Di cosa si tratta L INFIORATA è un antica istallazione artistica nella quale con fiori di colori vivaci si colorano disegni fatti sulle strade o nelle piazze. Quest arte è diffusa soprattutto nel centro Italia e accompagna cerimonie e feste popolari valorizzando momenti d integrazione e comunicazione tra la comunità. Il pubblico dell Infiorata non è mai uno spettatore passivo, anzi diventa collaboratore dell evento artistico e partecipa nella colorazione. INFIORATA EN LAS ESCUELAS PROPUESTA DIDACTICA L obiettivo dell INFIORATA nella scuola è di favorire l integrazione e la comunicazione tra gli studenti, lavorando sulla stessa proposta artistica e diffondendo allo stesso tempo un arte antica. Al giorno d oggi al posto dei fiori freschi si usano materiali di basso impatto ambientale insieme a materiali di riciclo. L INFIORATA si crea su una pavimentazione riempiendo di segatura e sabbia colorata le parti di un disegno fatto in precedenza con gessetti colorati. I colori sono brillanti e la tecnica di colorazione segue l antico rituale di precisione. Creare questa istallazione artistica in una piazza, cortile o strada significa modificare la percezione dello spazio urbano in differenti livelli: visivo, percettivo, vivenziale attraverso l esperienza del fare l INFIORATA stessa. Alla fine del processo creativo l INFIORATA rimarrà alla comunità, ai bambini e ai maestri, a coloro che si lasceranno affascinare dai colori delle emozioni.

10 INFIORATA

11 METODOLOGIA E ATTIVITA Presentazione della tradizione dell INFIORATA Colorazione della sabbia Scelta del tema dell istallazione artistica Ricerca e ideazione personale Ricerca e ideazione in piccoli gruppi Ricerca e ideazione nel gruppo-classe Documentazione fotografica e video del laboratorio Istallazione dell INFIORATA Momento comunitario di presentazione dell opera EVENTI SPECIALI Quando fare un INFIORATA a scuola? Moduli didattici di arte: Studio di un autore/pittore e riproduzione del suo stile Modulo didattico di Educazione civica: Studio del disegno urbano Feste e celebrazioni: Festa della Primavera, Festa della famiglia, Festa dei nonni, Festa del quartiere, Giorno della Poesia, Giorno dell acqua. Manifestazioni Attività di apertura e chiusura della scuola; presentazione delle attività.

12 MATERIALE A CARICO DE LLA SCUOLA O ISTITUZIONE Spazio di 36 MQ (6x6) chiuso dalla circolazione (cortile della scuola, strada, piazza, corridoi interni, aule). La superficie su cui realizzare l INFIORATA deve essere regolare e piana. Il prato non è adatto a questo tipo d istallazione artistica. SCHEMA TECNICO Incontri di programmazione Incontri del laboratorio con gli studenti N 1 di 1 ora Tot. Ore 1 N 2 di 3 ore ciascuno +1 incontro di 3 ore per l opera finale Tot. Ore 9 Totale di incontri N 4 Tot. Ore 10 Periodo di sviluppo del laboratorio Costo del progetto In relazione alle esigenze della scuola. Anno scol Da definire con la scuola/istituzione in base al numero di partecipanti

13 TEATRO ED EURITMIA LABORATORIO D INTERPRETAZIONE TEATRALE E DI SIMBOLISMO COLLETTIVO Rivolto alle classi

14 OBIETTIVI GENERALI Conoscere il mondo del teatro e dell euritmia: espressioni artistiche e culturali. Praticare la recitazione come mezzo per l espressione del sé. Stimolare le qualità personali degli studenti attraverso la collaborazione e la creazione di gruppo. Indurre gli studenti allo studio della recitazione teatrale, sviluppando così capacità artistiche, di concentrazione, di collaborazione e di costruzione di un obiettivo (messa in scena di un opera). OBIETTIVI SPECIFICI Conoscere il corpo e le varie forme cui può tendere valorizzando l interpretazione teatrale, l euritmia e l espressione corporea. Pensare al sé attraverso il personaggio teatrale. Vivere il teatro del movimento : pensare, ragionare, creare con la propria volontà. Messa in scena di uno spettacolo favorendo la partecipazione attiva in tutto gli ambiti artistici (regia, recitazione, direzione d arte, illuminazione, vestiario.)

15 PROPOSTA DIDATTICA Laboratorio di euritmia Quando ci immergiamo nei suoni e nelle note cerchiamo di rappresentarli attraverso gesti euritmici facendo capo a tutta la forza d animo e all espressione del corpo, creando una danza del movimento unica, precisa, descrittiva dell arte della musica e dell interpretazione. Il fine ultimo delle lezioni di euritmia è creare una cultura del corpo e della sua espressione stimolando gli studenti e la loro volontà ad interpretare simboli poetici. Gli studenti si esibiranno in gesti archetipici, movimenti di scena individuali e di gruppo, imparando a sviluppare un attenzione reciproca affinché la gamma di movimenti, in continua trasformazione, possa risuonare in armonia. Attività e stadi: - Avvicinamento al suono come principio del movimento: creazioni coreografiche ritmiche e corporee. - La danza degli strumenti musicali: alla scoperta dei suoni puri prodotti con strumenti musicali e con il nostro corpo. - Il simbolismo collettivo: attraverso l arte e la maturazione dell espressione personale si raggiungeranno situazioni simboliche collettive, dove i ruoli tra i vari studenti diverranno complementari. Laboratorio d interpretazione teatrale Attività e stadi: - La drammatizzazione: l uso espressivo di diverse tecniche e materiali che vengono prima conosciuti, elaborati e poi trasformati in azione scenica. - La fabulazione e il gioco di ruoli. - Il training e il rilassamento: la preparazione al lavoro dell attore - L imitazione. Il gesto e il suono. - Salire sul palcoscenico: recitare. - La voce dell attore. L ascolto dell altro. - L attore e lo spazio. Il metodo dell azione fisica. - L attore e la relazione con il compagno. L integrazione e la collaborazione. - L improvvisazione. La concentrazione. - Dietro al palcoscenico: le luci, i costumi, le scenografie, le musiche. Aspetti e ruoli fondamentali della messa in scena. - L immaginazione e la fantasia. - Allestimento scenico: elaborazione artistica e messa in scena dell opera.

16 METODOLOGIA Training all inizio di ogni incontro. Circolo delle proposte e dell ascolto. Esercizi di euritmia, recitazione ed espressione corporea. Interpretazione e drammatizzazione. VALUTAZIONE Esercizi pratici individuali e di gruppo durante il laboratorio. Diario di bordo del docente teatrale. Incontri con i docenti. Elaborati artistici degli studenti: racconti, disegni, narrazioni. Esercizi di drammatizzazione e, dove prevista, messa in scena dell opera finale. MATERIALE A CARICO DELLA SCUOLA O ISTITUZIONE Teatro o salone in cui muoversi liberamente. Impianto audio e luce.

17 TABELLA TECNICA Incontri di programmazione e valutazione con i docenti (scelta dell opera in relazione alla didattica scolastica/analisi del gruppo classe/confronti/documentazione) N 3 di 1 ora ciascuno Tot. Ore 3 Incontri di laboratorio con gli studenti N 15 di 1 ora ciascuno+ 1 incontro di 2 ore per lo spettacolo finale Tot. Ore 17 Incontri totali del laboratorio N 19 Tot. Ore 20 Periodo di sviluppo del laboratorio Costi del laboratorio In relazione alle esigenze della scuola. Anno scol Da definire con la scuola/istituzione

18 PROPEDEUTICA DI TEATRO ED EURITMIA LABORATORIO DI GIOCO-TEATRO E DANZA EURITMICA Rivolto alle classi 1-2

19 OBIETTIVI GENERALI Sperimentare il Gioco-Teatro: il gioco simbolico diventa scenico. Favorire lo sviluppo dell attività rappresentativa. Stimolare le qualità personali degli studenti attraverso la collaborazione e la creazione di gruppo. Educare all armonia del movimento: cenni euritmici. OBIETTIVI SPECIFICI Vivere esperienze di Gioco-Teatro: il gioco simbolico, il pensiero magico - animistico, la storia, l ambiente della fantasia. La trasformazione: come il materiale scenografico e la fantasia creano l arte del Gioco - teatro. Rispondere ai bisogni cognitivi-affettivi- emotivi dei bambini del 1 e 2 ciclo fornendo preziosi stimoli e strumenti che facilitino l espressione del gioco di finzione nel quale i bambini sono liberi di essere registi ed attori ma non vincolati da una drammaturgia (elemento che richiede capacità che non appartengono a questa fascia di età.)

20 PROPOSTA DIDATTICA Cenni euritmici Quando ci immergiamo nei suoni e nelle note cerchiamo di rappresentarli attraverso gesti euritmici facendo capo a tutta la forza d animo e all espressione del corpo, creando una danza del movimento unica, precisa, descrittiva dell arte della musica e dell interpretazione. Il fine ultimo delle lezioni di euritmia è creare una cultura del corpo e della sua espressione stimolando gli studenti e la loro volontà ad interpretare simboli poetici. Gli studenti si esibiranno in gesti archetipici, movimenti di scena individuali e di gruppo, imparando a sviluppare un attenzione reciproca affinché la gamma di movimenti, in continua trasformazione, possa risuonare in armonia. Attività e stadi: - L armonia del movimento. - Come danzare ritmicamente una poesia o una filastrocca. - Musica dal vivo: danza narrativa del suono puro. Laboratorio di Gioco - teatro Attività e stadi: - Il gioco finzione: la differenza tra il gioco naturale e il gioco teatrale. - Oggetti e materiali dell animazione teatrale: pupazzi, scenografie, luci colorate, telo d ombre, trucchi. - La storia come codice comune dell esperienza di gruppo. - Il vissuto reale e fantastico del bambino nel gioco. - Lo spazio fantastico. - L oggetto simbolo: lo strumento teatrale carico di pregnanza, sia percettiva che simbolica, usato per creare storie, coreografie, piccoli spettacoli. - Le sagome di cartone. - Le illustrazioni di Emanuele Luzzati. - Il travestimento: stoffe di vari tessuti, forme, colori. - Il trucco e le infinite possibilità di gioco psicomotorio e fantastico.

21 METODOLOGIA Training all inizio di ogni incontro. Circolo delle proposte e dell ascolto. Simulazione di Gioco - teatro, danza e cenni euritmici. Musica dal vivo. VALUTAZIONE Esercizi pratici individuali e di gruppo durante il laboratorio. Diario di bordo del docente teatrale. Elaborati artistici degli studenti: racconti, disegni, narrazioni. Incontri con i docenti. MATERIALE A CARICO DELLA SCUOLA O ISTITUZIONE Teatro o salone in cui muoversi liberamente. Impianto audio e luce.

22 TABELLA TECNICA Incontri di programmazione e valutazione con i docenti (scelta dell opera in relazione alla didattica scolastica/analisi del gruppo classe/confronti/documentazione) N 2 di 1 ora ciascuno Tot. Ore 2 Incontri di laboratorio con gli studenti N 12 di 1 ora ciascuno Tot. Ore 12 Incontri totali del laboratorio N 14 Tot. Ore 14 Periodo di sviluppo del laboratorio Costi del laboratorio In relazione alle esigenze della scuola. Anno scol Da definire con la scuola/istituzione

23 PROPOSTE ARTISTICHE E LABORATORI Scuola secondaria inferiore e superiore ANNO ACCADEMICO PR. CINEMA E TEATRO IN LINGUA: spagnolo, inglese - PROGETTO TEATRO ED EURITMIA - PROGETTO CINEMA - PROGETTO CINEMA&TEATRO IN LINGUA STRANIERA - PROGETTO INFIORATA

24

25 TEATRO ED EURITMIA LABORATORIO D INTERPRETAZIONE TEATRALE E AZIONE POETICA

26 OBIETTIVI GENERALI Conoscere il mondo del teatro e dell euritmia: espressioni artistiche e culturali. Praticare la recitazione come mezzo per l espressione del sé. Stimolare le qualità personali degli studenti attraverso la collaborazione e la creazione di gruppo. Indurre gli studenti allo studio della recitazione teatrale, sviluppando così capacità artistiche, di concentrazione, di collaborazione e di costruzione di un obiettivo (messa in scena di un opera). OBIETTIVI SPECIFICI Conoscere il corpo e le varie forme cui può tendere valorizzando l interpretazione teatrale, l euritmia e l espressione corporea. Elaborazione delle emozioni ed esteriorizzazione dei sentimenti. Raccontare il sé e il personaggio teatrale. Sviluppare capacità di lettura e analisi di un opera teatrale, dei personaggi. Studiare e costruire elementi scenografici; cenni di direzione d arte. Messa in scena di uno spettacolo favorendo la partecipazione attiva in tutto gli ambiti artistici (regia, recitazione, direzione d arte, illuminazione, vestiario.)

27 PROPOSTA DIDATTICA Laboratorio di euritmia Quando ci immergiamo nei suoni e nelle note cerchiamo di rappresentarli attraverso gesti euritmici facendo capo a tutta la forza d animo e all espressione del corpo, creando una danza del movimento unica, precisa, descrittiva dell arte della musica e dell interpretazione. Il fine ultimo del laboratorio è di creare una cultura del corpo e della sua espressione stimolando gli studenti e la loro volontà ad interpretare simboli poetici. Gli studenti si esibiranno in gesti archetipici, movimenti di scena individuali e di gruppo, imparando a sviluppare un attenzione reciproca affinché la gamma di movimenti, in continua trasformazione, possa risuonare in armonia. Attività e stadi: - Avvicinamento al suono come principio del movimento. Creazioni coreografiche ritmiche e corporee. - Conoscenza dei suoni del corpo e di alcuni strumenti musicali. - Conoscenza della propagazione del suono. - Interpretazione poetica. Laboratorio d interpretazione teatrale Attività e stadi: - Presentazione del gruppo. Il training e il rilassamento. - L imitazione. Il gesto e il suono. - Storia del teatro contemporaneo: dal teatro dell azione fisica di K.S. Stanislavskij al teatro dell assurdo di E.Ionesco, S. Beckett e A.Campanile al teatro povero di J. Grotowski. - Salire sul palcoscenico. Recitazione. La biomeccanica. - La voce dell attore. L ascolto dell altro. - L attore e lo spazio. Il metodo dell azione fisica. - L attore e la relazione con il compagno. I cinque sensi. - L improvvisazione. La concentrazione. - L immaginazione e la fantasia. - Il tempo e il ritmo. - L estetica di un opera. - La scenografia e la direzione d arte. - Elementi di regia. - Elaborazione artistica e messa in scena dell opera. Drammaturgia di un testo.

28 METODOLOGIA Training all inizio di ogni incontro. Circolo delle proposte e dell ascolto. Esercizi di euritmia, recitazione ed espressione corporea. Interpretazione e drammatizzazione. VALUTAZIONE Esercizi pratici individuali e di gruppo durante il laboratorio. Diario di bordo del docente teatrale e degli studenti. Messa in scena di corti teatrali e dell opera finale. MATERIALE A CARICO DE LLA SCUOLA O ISTITUZIONE Teatro o salone in cui muoversi liberamente. Impianto audio e illuminazione.

29 SCHEDA TECNICA Incontri di programmazione e valutazione con i docenti (scelta dell opera in relazione alla didattica scolastica/analisi del gruppo classe/confronti/documentazione) Incontri di laboratorio con gli studenti N 3 di 1 ora ciascuno Tot. Ore 3 N 15 di 2 ore ciascuno + 3 ore per lo spettacolo finale Tot. Ore 33 Incontri totali del laboratorio N 19 Tot. ore 36 Periodo di sviluppo del laboratorio Costi del laboratorio In relazione alle esigenze della scuola. Anno scol Da definire con la scuola/istituzione

30 LABORATORIO DI CINEMA E RECITAZIONE

31 OBIETTIVI GENERALI Stimolare artisticamente e tecnicamente i giovani. Conoscere l ingranaggio cinematografico nelle sue cinque aree d azione. Acquisire competenze basiche di rodaggio e montaggio. Introdurre i giovani allo studio della recitazione cinematografica. Sviluppare le capacità dei giovani di lavorare in gruppo applicando la teoria alla pratica. OBJETIVOS ESPECIFICOS Esercizio di visualizzazione e costruzione in gruppo di una meta comune che stimoli le competenze e i talenti individuali. Sviluppare la relazione esistente tra la capacità di percezione e il potere d espressione. Conoscere il proprio corpo attraverso l interpretazione e l uso della voce.

32 PROPUESTA DIDACTICA Presentazione della storia del Cinema Attività e fasi del laboratorio: 1 : Conoscenza del gruppo e del suo immaginario cinematografico 2 : Le aree nel cinema. Esercizio di scrittura e visualizzazione di una storia. 3 : La costruzione di un progetto: dall idea alla realizzazione. Lavorare in gruppo. 4 : Sentire attraverso le immagini, vedere con i suoni. 5 : Il piano e la sua importanza. Gli obiettivi per raccontare una storia. 6 : L attore nel cinema. 7 : Il documentario. 8 : Il videoarte. 9 : Inizio, sviluppo, fine: raccontare una storia. Scrittura di un cortometraggio-videoarte 10 : Il set e la sua organizzazione. Le riprese. 11 : Il montaggio. Messa in scena di cortometraggi.

33 METODOLOGIA Training all inizio di ciascun incontro. Circolo delle proposte e dell ascolto. Esercizi di recitazione e dizione. Laboratorio frontale (visione di video, lettura interpretata di testi, discussioni.) Recitazione. EVALUACION Esercizi pratici individuali e di gruppo durante il laboratorio. Letture e lavoro di documentazione. Messa in scena dei cortometraggi. MATERIAL A CARGO DE LA ESCUELA O INSTITUCION Teatro o salone in cui muoversi liberamente. Impianto audio e illuminazione. Proiettore video.

34 SCHEDA TECNICA Incontri di programmazione e valutazione con i docenti Incontri di laboratorio con gli studenti N 2 di 1 ora ciascuno N 15 di 2 ore ciascuno Tot. ore 2 Tot. ore 30 Totale degli incontri del laboratorio Periodo di sviluppo del laboratorio Costo del progetto N 17 Tot. ore 32 In relazione alle esigenze della scuola. Anno scol Da definire con la scuola/istituzione

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica DIREZIONE ARTISTICA ISMAEL IVO Choreografic Collision è un laboratorio di ricerca. È un percorso di formazione per stimolare

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Liceo Mazzini - La Spezia a. s. /11 classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Nell ambito della programmazione di Laboratorio della Comunicazione, la nostra classe ha svolto

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE

GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE Autore: Liliana Minutoli PROGETTO DIDATTICO PER APPRENDERE DA SUONI, PAROLE, IMMAGINI, MOVIMENTI CORPOREI A BAMBINI E MAESTRI! Eccoci qui insieme

Dettagli

OGGETTO Proposta Spettacoli

OGGETTO Proposta Spettacoli O n a r t s d i Soc.Coop.Artemente Via Ronchi 12, Ca tania Fax 095.2935784 Mobile 320 0752460 www.onarts.net - info@onarts.net OGGETTO Proposta Spettacoli Con la presente siamo lieti di presentarvi le

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER C O N V E G N O N A Z I O N A L E 16_05_2012 Roma Sala della Comunicazione del MIUR Viale Trastevere 76/a QUANDO LO SPAZIO INSEGNA nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

BOZZA POLITE ECNICO CONSER TIA. O in PREMESSO VISTO. lavoro;

BOZZA POLITE ECNICO CONSER TIA. O in PREMESSO VISTO. lavoro; Ministero dell Istruzionee dell Università e della Ricerca POLISA POLITE ECNICO INTERNAZIONALE "SCIENTIA ET ARS" s.c.a. r.l. CONSER RVATORIO DI MUSICA F.TORREFRANCA DI VIBO VALENT TIA ANNO ACCADEMICO 2013-2014

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Taranto in short. Bando

Taranto in short. Bando Taranto in short Bando L Associazione culturale Mente Acrobatica con il sostegno dell Associazione Palio di Taranto e del Castello Spagnolo di Statte, organizza per il mese di Luglio 2015 la seconda edizione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

AREOPAGO T Teatro Salesiano E

AREOPAGO T Teatro Salesiano E www.cnos-scuola.it sulla schermata del vostro sito compare la finestra seguente con il logo dell Areopago TES AREOPAGO TES TEATROEDUCATIVOSALESIANO avanti Cliccando sulla freccia si accede alla pagina

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Presenta L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Premio IN-BOX 2014 LA CRITICA Uno spettacolo intenso... L'eco del diluvio è dilagata in noi con il suo fragore incontenibile

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ALLA SCOPERTA DEL CIBO E DELLE ABITUDINI ALIMENTARI, IN PARTICOLARE SULLA COLAZIONE DEI BAMBINI IN ETA' SCOLARE

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI N.

AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI N. AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI N. 4 PROPOSTE DI RESIDENZA CREATIVA DA REALIZZARSI NEL PERIODO 1 FEBBRAIO 31 MAGGIO PRESSO IL TEATRO DI VILLA TORLONIA NELL AMBITO DELLE ATTIVITA DEL SISTEMA CASA

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.910.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli