PROPOSTE ARTISTICHE E LABORATORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTE ARTISTICHE E LABORATORI"

Transcript

1 PROPOSTE ARTISTICHE E LABORATORI SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO PR. PROPEDEUTICA DEL TEATRO ED EURITMIA (1-2 ) - PR. TEATRO ED EURITMIA ( ) - PR. FOTOGRAFIA E DIREZIONE D ARTE. FOTO DI CLASSE E RITRATTO D AUTORE - PR.INFIORATA

2

3 PROGETTO FOTOGRAFIA E DIREZIONE D ARTE Educazione alla bellezza, armonia ed arte attraverso la fotografia d autore. Ritratto di classe.

4 OBBIETTIVI GENERALI - Alimentare la passione per la fotografia come arte. - Educare al valore del ritratto come espressione d arte. - Svelare l ambizione di Narciso ovvero perché produrre delle immagini di noi? - Stimolare il processo creativo nel racconto del sé. OBBIETTIVI SPECIFICI - Presentare la figura del fotografo professionista e del direttore d arte; scoprirne ruoli e funzioni nell industria artistica. - Analisi dei grandi fotografi e dei maggiori direttori d arte. - Ideazione e creazione del ritratto di ogni singolo studente. - Ideazione e creazione della Foto di classe. - Allestimento di una mostra. Swonderful PHOTO AND ART DIRECTION

5 PROPOSTA DIDATTICA TEORIA (1 incontro) Fotografia Com è nata la fotografia?brevi cenni storici. La scatola magica: la camera oscura. Come funziona la macchina fotografica. Le fasi del processo fotografico: dalla scelta della storia allo scatto. Il taglio fotografico. Le regole della composizione (Inquadratura e punto di vista) Fotografia in bianco e nero e a colori. La luce naturale o artificiale. Grandi autori Uso pratico e poetico della fotografia: Il ritratto e la Foto di classe (Cosa voglio raccontare di me?come rappresentare la classe e la sua energia. L insegnante) Direzione d arte La Direzione d arte nella fotografia: la fusione estetica La bellezza L uso narrativo del colore Analisi di fotografie d arte La composizione innovativa Art style Moda, cinema e teatro (analisi materiale) Prova di composizione: il ritratto (simulazione guidata con un modello e materiali di scenografia. Lo scatto) PRATICA (2 incontro) Ritratto di ogni singolo studente con luce da studio e direzione d arte (vestiario e scenografia). Foto di classe. MOSTRA Esposizione del materiale fotografico ed installazione durante la celebrazione comunitaria di fine anno. Swonderful PHOTO AND ART DIRECTION

6 METODOLOGIA Lezione teorica con materiale fotografico, slide show, cartaceo. Laboratorio fotografico e di Direzione d arte: Studio del personaggio, messa in scena della posa, play role, scatto. VALUTAZIONE Ricerca individuale e di gruppo sulla fotografia e sulla Direzione d arte. Bozzetti e proposte. Scatto finale del ritratto e della foto di classe. Questionario di valutazione per gli studenti e gli insegnanti. MATERIALE/SPAZI A CARICO DELLA SCUOLA O ISTITUZIONE Teatro o aula magna. Impianto audio e videoproiettore. Schermo per la proiezione. Spazio espositivo. Swonderful PHOTO AND ART DIRECTION

7 SCHEMA TECNICO Incontri di programmazione e valutazione con gli insegnanti Incontri di laboratorio con gli studenti N 2 di 30 minuti cadauno 1 Teorico di 1ora e mezza. 1 Pratico di 2 ore e mezza per classe Tot. ore 1 Tot. ore 4 Tot. degli incontri N 4 Tot. ore 5 Tempistica di sviluppo del progetto Maggio/Giugno 2015 Costo del progetto 1 edizione gratuita. A carico della scuola saranno le spese d installazione della mostra (sviluppo e stampa delle fotografie e supporti.) CONTATTO Isabella Prealoni Swonderful PHOTO AND ART DIRECTION

8 INFIORATA EVENTI SPECIALI LABORATORIO E ISTALLAZIONE D ARTE, SABBIA E COLORE Per la Scuola Primaria e Secondaria

9 INFIORATA Di cosa si tratta L INFIORATA è un antica istallazione artistica nella quale con fiori di colori vivaci si colorano disegni fatti sulle strade o nelle piazze. Quest arte è diffusa soprattutto nel centro Italia e accompagna cerimonie e feste popolari valorizzando momenti d integrazione e comunicazione tra la comunità. Il pubblico dell Infiorata non è mai uno spettatore passivo, anzi diventa collaboratore dell evento artistico e partecipa nella colorazione. INFIORATA EN LAS ESCUELAS PROPUESTA DIDACTICA L obiettivo dell INFIORATA nella scuola è di favorire l integrazione e la comunicazione tra gli studenti, lavorando sulla stessa proposta artistica e diffondendo allo stesso tempo un arte antica. Al giorno d oggi al posto dei fiori freschi si usano materiali di basso impatto ambientale insieme a materiali di riciclo. L INFIORATA si crea su una pavimentazione riempiendo di segatura e sabbia colorata le parti di un disegno fatto in precedenza con gessetti colorati. I colori sono brillanti e la tecnica di colorazione segue l antico rituale di precisione. Creare questa istallazione artistica in una piazza, cortile o strada significa modificare la percezione dello spazio urbano in differenti livelli: visivo, percettivo, vivenziale attraverso l esperienza del fare l INFIORATA stessa. Alla fine del processo creativo l INFIORATA rimarrà alla comunità, ai bambini e ai maestri, a coloro che si lasceranno affascinare dai colori delle emozioni.

10 INFIORATA

11 METODOLOGIA E ATTIVITA Presentazione della tradizione dell INFIORATA Colorazione della sabbia Scelta del tema dell istallazione artistica Ricerca e ideazione personale Ricerca e ideazione in piccoli gruppi Ricerca e ideazione nel gruppo-classe Documentazione fotografica e video del laboratorio Istallazione dell INFIORATA Momento comunitario di presentazione dell opera EVENTI SPECIALI Quando fare un INFIORATA a scuola? Moduli didattici di arte: Studio di un autore/pittore e riproduzione del suo stile Modulo didattico di Educazione civica: Studio del disegno urbano Feste e celebrazioni: Festa della Primavera, Festa della famiglia, Festa dei nonni, Festa del quartiere, Giorno della Poesia, Giorno dell acqua. Manifestazioni Attività di apertura e chiusura della scuola; presentazione delle attività.

12 MATERIALE A CARICO DE LLA SCUOLA O ISTITUZIONE Spazio di 36 MQ (6x6) chiuso dalla circolazione (cortile della scuola, strada, piazza, corridoi interni, aule). La superficie su cui realizzare l INFIORATA deve essere regolare e piana. Il prato non è adatto a questo tipo d istallazione artistica. SCHEMA TECNICO Incontri di programmazione Incontri del laboratorio con gli studenti N 1 di 1 ora Tot. Ore 1 N 2 di 3 ore ciascuno +1 incontro di 3 ore per l opera finale Tot. Ore 9 Totale di incontri N 4 Tot. Ore 10 Periodo di sviluppo del laboratorio Costo del progetto In relazione alle esigenze della scuola. Anno scol Da definire con la scuola/istituzione in base al numero di partecipanti

13 TEATRO ED EURITMIA LABORATORIO D INTERPRETAZIONE TEATRALE E DI SIMBOLISMO COLLETTIVO Rivolto alle classi

14 OBIETTIVI GENERALI Conoscere il mondo del teatro e dell euritmia: espressioni artistiche e culturali. Praticare la recitazione come mezzo per l espressione del sé. Stimolare le qualità personali degli studenti attraverso la collaborazione e la creazione di gruppo. Indurre gli studenti allo studio della recitazione teatrale, sviluppando così capacità artistiche, di concentrazione, di collaborazione e di costruzione di un obiettivo (messa in scena di un opera). OBIETTIVI SPECIFICI Conoscere il corpo e le varie forme cui può tendere valorizzando l interpretazione teatrale, l euritmia e l espressione corporea. Pensare al sé attraverso il personaggio teatrale. Vivere il teatro del movimento : pensare, ragionare, creare con la propria volontà. Messa in scena di uno spettacolo favorendo la partecipazione attiva in tutto gli ambiti artistici (regia, recitazione, direzione d arte, illuminazione, vestiario.)

15 PROPOSTA DIDATTICA Laboratorio di euritmia Quando ci immergiamo nei suoni e nelle note cerchiamo di rappresentarli attraverso gesti euritmici facendo capo a tutta la forza d animo e all espressione del corpo, creando una danza del movimento unica, precisa, descrittiva dell arte della musica e dell interpretazione. Il fine ultimo delle lezioni di euritmia è creare una cultura del corpo e della sua espressione stimolando gli studenti e la loro volontà ad interpretare simboli poetici. Gli studenti si esibiranno in gesti archetipici, movimenti di scena individuali e di gruppo, imparando a sviluppare un attenzione reciproca affinché la gamma di movimenti, in continua trasformazione, possa risuonare in armonia. Attività e stadi: - Avvicinamento al suono come principio del movimento: creazioni coreografiche ritmiche e corporee. - La danza degli strumenti musicali: alla scoperta dei suoni puri prodotti con strumenti musicali e con il nostro corpo. - Il simbolismo collettivo: attraverso l arte e la maturazione dell espressione personale si raggiungeranno situazioni simboliche collettive, dove i ruoli tra i vari studenti diverranno complementari. Laboratorio d interpretazione teatrale Attività e stadi: - La drammatizzazione: l uso espressivo di diverse tecniche e materiali che vengono prima conosciuti, elaborati e poi trasformati in azione scenica. - La fabulazione e il gioco di ruoli. - Il training e il rilassamento: la preparazione al lavoro dell attore - L imitazione. Il gesto e il suono. - Salire sul palcoscenico: recitare. - La voce dell attore. L ascolto dell altro. - L attore e lo spazio. Il metodo dell azione fisica. - L attore e la relazione con il compagno. L integrazione e la collaborazione. - L improvvisazione. La concentrazione. - Dietro al palcoscenico: le luci, i costumi, le scenografie, le musiche. Aspetti e ruoli fondamentali della messa in scena. - L immaginazione e la fantasia. - Allestimento scenico: elaborazione artistica e messa in scena dell opera.

16 METODOLOGIA Training all inizio di ogni incontro. Circolo delle proposte e dell ascolto. Esercizi di euritmia, recitazione ed espressione corporea. Interpretazione e drammatizzazione. VALUTAZIONE Esercizi pratici individuali e di gruppo durante il laboratorio. Diario di bordo del docente teatrale. Incontri con i docenti. Elaborati artistici degli studenti: racconti, disegni, narrazioni. Esercizi di drammatizzazione e, dove prevista, messa in scena dell opera finale. MATERIALE A CARICO DELLA SCUOLA O ISTITUZIONE Teatro o salone in cui muoversi liberamente. Impianto audio e luce.

17 TABELLA TECNICA Incontri di programmazione e valutazione con i docenti (scelta dell opera in relazione alla didattica scolastica/analisi del gruppo classe/confronti/documentazione) N 3 di 1 ora ciascuno Tot. Ore 3 Incontri di laboratorio con gli studenti N 15 di 1 ora ciascuno+ 1 incontro di 2 ore per lo spettacolo finale Tot. Ore 17 Incontri totali del laboratorio N 19 Tot. Ore 20 Periodo di sviluppo del laboratorio Costi del laboratorio In relazione alle esigenze della scuola. Anno scol Da definire con la scuola/istituzione

18 PROPEDEUTICA DI TEATRO ED EURITMIA LABORATORIO DI GIOCO-TEATRO E DANZA EURITMICA Rivolto alle classi 1-2

19 OBIETTIVI GENERALI Sperimentare il Gioco-Teatro: il gioco simbolico diventa scenico. Favorire lo sviluppo dell attività rappresentativa. Stimolare le qualità personali degli studenti attraverso la collaborazione e la creazione di gruppo. Educare all armonia del movimento: cenni euritmici. OBIETTIVI SPECIFICI Vivere esperienze di Gioco-Teatro: il gioco simbolico, il pensiero magico - animistico, la storia, l ambiente della fantasia. La trasformazione: come il materiale scenografico e la fantasia creano l arte del Gioco - teatro. Rispondere ai bisogni cognitivi-affettivi- emotivi dei bambini del 1 e 2 ciclo fornendo preziosi stimoli e strumenti che facilitino l espressione del gioco di finzione nel quale i bambini sono liberi di essere registi ed attori ma non vincolati da una drammaturgia (elemento che richiede capacità che non appartengono a questa fascia di età.)

20 PROPOSTA DIDATTICA Cenni euritmici Quando ci immergiamo nei suoni e nelle note cerchiamo di rappresentarli attraverso gesti euritmici facendo capo a tutta la forza d animo e all espressione del corpo, creando una danza del movimento unica, precisa, descrittiva dell arte della musica e dell interpretazione. Il fine ultimo delle lezioni di euritmia è creare una cultura del corpo e della sua espressione stimolando gli studenti e la loro volontà ad interpretare simboli poetici. Gli studenti si esibiranno in gesti archetipici, movimenti di scena individuali e di gruppo, imparando a sviluppare un attenzione reciproca affinché la gamma di movimenti, in continua trasformazione, possa risuonare in armonia. Attività e stadi: - L armonia del movimento. - Come danzare ritmicamente una poesia o una filastrocca. - Musica dal vivo: danza narrativa del suono puro. Laboratorio di Gioco - teatro Attività e stadi: - Il gioco finzione: la differenza tra il gioco naturale e il gioco teatrale. - Oggetti e materiali dell animazione teatrale: pupazzi, scenografie, luci colorate, telo d ombre, trucchi. - La storia come codice comune dell esperienza di gruppo. - Il vissuto reale e fantastico del bambino nel gioco. - Lo spazio fantastico. - L oggetto simbolo: lo strumento teatrale carico di pregnanza, sia percettiva che simbolica, usato per creare storie, coreografie, piccoli spettacoli. - Le sagome di cartone. - Le illustrazioni di Emanuele Luzzati. - Il travestimento: stoffe di vari tessuti, forme, colori. - Il trucco e le infinite possibilità di gioco psicomotorio e fantastico.

21 METODOLOGIA Training all inizio di ogni incontro. Circolo delle proposte e dell ascolto. Simulazione di Gioco - teatro, danza e cenni euritmici. Musica dal vivo. VALUTAZIONE Esercizi pratici individuali e di gruppo durante il laboratorio. Diario di bordo del docente teatrale. Elaborati artistici degli studenti: racconti, disegni, narrazioni. Incontri con i docenti. MATERIALE A CARICO DELLA SCUOLA O ISTITUZIONE Teatro o salone in cui muoversi liberamente. Impianto audio e luce.

22 TABELLA TECNICA Incontri di programmazione e valutazione con i docenti (scelta dell opera in relazione alla didattica scolastica/analisi del gruppo classe/confronti/documentazione) N 2 di 1 ora ciascuno Tot. Ore 2 Incontri di laboratorio con gli studenti N 12 di 1 ora ciascuno Tot. Ore 12 Incontri totali del laboratorio N 14 Tot. Ore 14 Periodo di sviluppo del laboratorio Costi del laboratorio In relazione alle esigenze della scuola. Anno scol Da definire con la scuola/istituzione

23 PROPOSTE ARTISTICHE E LABORATORI Scuola secondaria inferiore e superiore ANNO ACCADEMICO PR. CINEMA E TEATRO IN LINGUA: spagnolo, inglese - PROGETTO TEATRO ED EURITMIA - PROGETTO CINEMA - PROGETTO CINEMA&TEATRO IN LINGUA STRANIERA - PROGETTO INFIORATA

24

25 TEATRO ED EURITMIA LABORATORIO D INTERPRETAZIONE TEATRALE E AZIONE POETICA

26 OBIETTIVI GENERALI Conoscere il mondo del teatro e dell euritmia: espressioni artistiche e culturali. Praticare la recitazione come mezzo per l espressione del sé. Stimolare le qualità personali degli studenti attraverso la collaborazione e la creazione di gruppo. Indurre gli studenti allo studio della recitazione teatrale, sviluppando così capacità artistiche, di concentrazione, di collaborazione e di costruzione di un obiettivo (messa in scena di un opera). OBIETTIVI SPECIFICI Conoscere il corpo e le varie forme cui può tendere valorizzando l interpretazione teatrale, l euritmia e l espressione corporea. Elaborazione delle emozioni ed esteriorizzazione dei sentimenti. Raccontare il sé e il personaggio teatrale. Sviluppare capacità di lettura e analisi di un opera teatrale, dei personaggi. Studiare e costruire elementi scenografici; cenni di direzione d arte. Messa in scena di uno spettacolo favorendo la partecipazione attiva in tutto gli ambiti artistici (regia, recitazione, direzione d arte, illuminazione, vestiario.)

27 PROPOSTA DIDATTICA Laboratorio di euritmia Quando ci immergiamo nei suoni e nelle note cerchiamo di rappresentarli attraverso gesti euritmici facendo capo a tutta la forza d animo e all espressione del corpo, creando una danza del movimento unica, precisa, descrittiva dell arte della musica e dell interpretazione. Il fine ultimo del laboratorio è di creare una cultura del corpo e della sua espressione stimolando gli studenti e la loro volontà ad interpretare simboli poetici. Gli studenti si esibiranno in gesti archetipici, movimenti di scena individuali e di gruppo, imparando a sviluppare un attenzione reciproca affinché la gamma di movimenti, in continua trasformazione, possa risuonare in armonia. Attività e stadi: - Avvicinamento al suono come principio del movimento. Creazioni coreografiche ritmiche e corporee. - Conoscenza dei suoni del corpo e di alcuni strumenti musicali. - Conoscenza della propagazione del suono. - Interpretazione poetica. Laboratorio d interpretazione teatrale Attività e stadi: - Presentazione del gruppo. Il training e il rilassamento. - L imitazione. Il gesto e il suono. - Storia del teatro contemporaneo: dal teatro dell azione fisica di K.S. Stanislavskij al teatro dell assurdo di E.Ionesco, S. Beckett e A.Campanile al teatro povero di J. Grotowski. - Salire sul palcoscenico. Recitazione. La biomeccanica. - La voce dell attore. L ascolto dell altro. - L attore e lo spazio. Il metodo dell azione fisica. - L attore e la relazione con il compagno. I cinque sensi. - L improvvisazione. La concentrazione. - L immaginazione e la fantasia. - Il tempo e il ritmo. - L estetica di un opera. - La scenografia e la direzione d arte. - Elementi di regia. - Elaborazione artistica e messa in scena dell opera. Drammaturgia di un testo.

28 METODOLOGIA Training all inizio di ogni incontro. Circolo delle proposte e dell ascolto. Esercizi di euritmia, recitazione ed espressione corporea. Interpretazione e drammatizzazione. VALUTAZIONE Esercizi pratici individuali e di gruppo durante il laboratorio. Diario di bordo del docente teatrale e degli studenti. Messa in scena di corti teatrali e dell opera finale. MATERIALE A CARICO DE LLA SCUOLA O ISTITUZIONE Teatro o salone in cui muoversi liberamente. Impianto audio e illuminazione.

29 SCHEDA TECNICA Incontri di programmazione e valutazione con i docenti (scelta dell opera in relazione alla didattica scolastica/analisi del gruppo classe/confronti/documentazione) Incontri di laboratorio con gli studenti N 3 di 1 ora ciascuno Tot. Ore 3 N 15 di 2 ore ciascuno + 3 ore per lo spettacolo finale Tot. Ore 33 Incontri totali del laboratorio N 19 Tot. ore 36 Periodo di sviluppo del laboratorio Costi del laboratorio In relazione alle esigenze della scuola. Anno scol Da definire con la scuola/istituzione

30 LABORATORIO DI CINEMA E RECITAZIONE

31 OBIETTIVI GENERALI Stimolare artisticamente e tecnicamente i giovani. Conoscere l ingranaggio cinematografico nelle sue cinque aree d azione. Acquisire competenze basiche di rodaggio e montaggio. Introdurre i giovani allo studio della recitazione cinematografica. Sviluppare le capacità dei giovani di lavorare in gruppo applicando la teoria alla pratica. OBJETIVOS ESPECIFICOS Esercizio di visualizzazione e costruzione in gruppo di una meta comune che stimoli le competenze e i talenti individuali. Sviluppare la relazione esistente tra la capacità di percezione e il potere d espressione. Conoscere il proprio corpo attraverso l interpretazione e l uso della voce.

32 PROPUESTA DIDACTICA Presentazione della storia del Cinema Attività e fasi del laboratorio: 1 : Conoscenza del gruppo e del suo immaginario cinematografico 2 : Le aree nel cinema. Esercizio di scrittura e visualizzazione di una storia. 3 : La costruzione di un progetto: dall idea alla realizzazione. Lavorare in gruppo. 4 : Sentire attraverso le immagini, vedere con i suoni. 5 : Il piano e la sua importanza. Gli obiettivi per raccontare una storia. 6 : L attore nel cinema. 7 : Il documentario. 8 : Il videoarte. 9 : Inizio, sviluppo, fine: raccontare una storia. Scrittura di un cortometraggio-videoarte 10 : Il set e la sua organizzazione. Le riprese. 11 : Il montaggio. Messa in scena di cortometraggi.

33 METODOLOGIA Training all inizio di ciascun incontro. Circolo delle proposte e dell ascolto. Esercizi di recitazione e dizione. Laboratorio frontale (visione di video, lettura interpretata di testi, discussioni.) Recitazione. EVALUACION Esercizi pratici individuali e di gruppo durante il laboratorio. Letture e lavoro di documentazione. Messa in scena dei cortometraggi. MATERIAL A CARGO DE LA ESCUELA O INSTITUCION Teatro o salone in cui muoversi liberamente. Impianto audio e illuminazione. Proiettore video.

34 SCHEDA TECNICA Incontri di programmazione e valutazione con i docenti Incontri di laboratorio con gli studenti N 2 di 1 ora ciascuno N 15 di 2 ore ciascuno Tot. ore 2 Tot. ore 30 Totale degli incontri del laboratorio Periodo di sviluppo del laboratorio Costo del progetto N 17 Tot. ore 32 In relazione alle esigenze della scuola. Anno scol Da definire con la scuola/istituzione

FOTOGRAFIA & DIREZIONE D ARTE

FOTOGRAFIA & DIREZIONE D ARTE FOTOGRAFIA & DIREZIONE D ARTE Educare alla bellezza, armonia ed arte attraverso la fotografia d autore. A cura di Alessandro Ceci e Isabella Prealoni Swonderful Photo and Art Studio PARMA - Anno scolastico

Dettagli

Il palcoscenico ti chiama? Questo è un lavoro per il CFA!

Il palcoscenico ti chiama? Questo è un lavoro per il CFA! Il palcoscenico ti chiama? Questo è un lavoro per il CFA! Corsi di danza, canto, recitazione e cinema. di Luca Bizzarri Buon compleanno CFA! A settembre 2012 il Centro di Formazione Artistica di Luca Bizzarri

Dettagli

Ente di formazione con accreditamento al MIUR, decreto del 5/7/2013 Direttiva Ministeriale n. 90/2003

Ente di formazione con accreditamento al MIUR, decreto del 5/7/2013 Direttiva Ministeriale n. 90/2003 LE PRATICHE TEATRALI COME STRUMENTO EDUCATIVO Corso di aggiornamento per gli insegnanti della scuola dell infanzia Corso di 40 ore: 12 ore teoriche 28 ore di esercitazione guidata IL GIOCO SIMBOLICO DAI

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

SCHEDA PROGETTO L Settore Spettacolo

SCHEDA PROGETTO L Settore Spettacolo SCHEDA PROGETTO L Settore Spettacolo 1. Figura: Attore L attore (teatrale, cinematografico, radiotelevisivo, ecc.) è colui che è chiamato ad interpretare un ruolo in una produzione artistica (teatrale,

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA

DESCRIZIONE SINTETICA ALL A REGISTA DESCRIZIONE SINTETICA Il Regista è in grado di curare l'ideazione e la realizzazione di uno spettacolo dal vivo o di un opera coordinando il lavoro tecnico ed artistico di un gruppo di professionisti

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE E POTENZIAMENTO MUSICALE

LABORATORIO TEATRALE E POTENZIAMENTO MUSICALE LABORATORIO TEATRALE E POTENZIAMENTO MUSICALE A.S.2015-2016 ESPERIENZE DIDATTICHE (Infanzia Belforte) Giochiamo in musica (Infanzia Caldarola) A TAVOLA IN MUSICA (Infanzia Camporotondo) Facciamo festa

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE (a cura del docente responsabile Prof.ssa Marina d Errico)

RELAZIONE INIZIALE (a cura del docente responsabile Prof.ssa Marina d Errico) Codice meccanografico: F G P S 0 4 0 0 0 4 Anno scolastico 2012 / 2013 Liceo Scientifico Statale G.Marconi Via Danimarca, 25-71122 FOGGIA PROGETTI INTEGRATIVI DI ISTITUTO (Definizione breve dell intervento):

Dettagli

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Accoglienza laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Obiettivi generali affiatare il gruppo-classe recentemente formatosi stimolare e facilitare le relazioni superare le resistenze

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 TEATRO DEL VENTO SNC Via Valle, 3 24030 Villa d'adda (BG) tel/fax 035/799829 348/3117058 contatto Chiara Magri info@teatrodelvento.it www.teatrodelvento.it A SCUOLA

Dettagli

danza, canto e recitazione

danza, canto e recitazione Ansia da palcoscenico? Niente paura, la curiamo al CFA. danza, canto e recitazione di Luca Bizzarri Il CFA, Centro di Formazione Artistica, apre i battenti a Genova nel 2008. Nel cuore del centro storico,

Dettagli

LE MOSTRE DI "SCIENZA DELL'ARTE"

LE MOSTRE DI SCIENZA DELL'ARTE LE MOSTRE "SCIENZA DELL'ARTE" "SDA SPETTACOLO" SCUOLA RECITAZIONE E REGIA Direttore: Marco Rossati Anno Scolastico 2009-2010 STIAMO PER INIZIARE I COLLOQUI E I PROVINI PER FORMARE IL CAST DE LE NOZZE FIGARO

Dettagli

Dal 2011 Cinecittà ha strutturato un progetto specifico di Attività educative destinato alle scuole.

Dal 2011 Cinecittà ha strutturato un progetto specifico di Attività educative destinato alle scuole. Alla scoperta di Cinecittà e del cinema. Dal 2011 Cinecittà ha strutturato un progetto specifico di Attività educative destinato alle scuole. Il nostro obiettivo è quello di offrire proposte didattiche

Dettagli

Corso superiore di recitazione

Corso superiore di recitazione Corso superiore di recitazione Laboratorio propedeutico all'avviamento professionale 3 ore al giorno per 3 volte alla settimana 3 nuovi modi di vivere la nostra scuola: AGILITA', PROFESSIONALITA' E COMPLETEZZA

Dettagli

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica PROGETTO Istituto Comprensivo di San Stino di Livenza Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza Titolo del progetto annuale 2015/ 2016 Giochiamo alla musica Responsabile progetto:

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Corso FARE CINEMA: L ATTORE

Corso FARE CINEMA: L ATTORE CREARE FUTURO Nuove competenze culturali e creative per lo sviluppo delle imprese e dei territori dell Emilia-Romagna colpiti dal sisma Attività formativa COLTIVARE IMMAGINARI Corso FARE CINEMA: L ATTORE

Dettagli

LE STORIE DELLA CAMERA BLU

LE STORIE DELLA CAMERA BLU LE STORIE DELLA CAMERA BLU Il nome del progetto nasce dalla modalità video utilizzata per le riprese, svolte a conclusione del laboratorio. La Camera Blu è infatti una struttura smontabile, costituita

Dettagli

Anno Accademico 2015. 2016

Anno Accademico 2015. 2016 Anno Accademico 2015. 2016!!!!! DODICESIMO ANNO!!!!! All Educatorio della Provvidenza di Torino SCUOLA DI RECITAZIONE E DELLE FIGURE Corsi di recitazione anche con l ausilio delle figure per Ragazzi e

Dettagli

La foto di scena - G. Prisco

La foto di scena - G. Prisco Obiettivi e problematiche della foto di scena In pratica: quando si fotografa, e con quali attrezzature Documentare l evento: equilibrio tra fattori Un caso di studio: Dove andate, Softmachine? Una variante:

Dettagli

Centro Formazione Musicale Corpo Musicale S. Cecilia Barasso NOI CFM

Centro Formazione Musicale Corpo Musicale S. Cecilia Barasso NOI CFM Centro Formazione Musicale Corpo Musicale S. Cecilia Barasso NOI CFM 2015-2016 Il centro di formazione musicale - CFM - nasce a Barasso nel 1993 come progetto didattico del Corpo Musicale S.Cecilia. Si

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

OGGETTO: Progetto OVER THE RAINBOW doposcuola educativo didattico per attività/servizio di Dopo Scuola 13.35 16.20, per l anno scolastico 2015/2016.

OGGETTO: Progetto OVER THE RAINBOW doposcuola educativo didattico per attività/servizio di Dopo Scuola 13.35 16.20, per l anno scolastico 2015/2016. Allegati n 3 SPETTABILE COMITATO GENITORI E.DANDINI e ISTITUTO COMPRENSIVO FRASCATI OGGETTO: Progetto OVER THE RAINBOW doposcuola educativo didattico per attività/servizio di Dopo Scuola 13.35 16.20, per

Dettagli

Doposcuola in orario pomeridiano dal Lunedì al Venerdì per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni.

Doposcuola in orario pomeridiano dal Lunedì al Venerdì per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. Doposcuola in orario pomeridiano dal Lunedì al Venerdì per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. Attività proposte: Recupero Compiti Introduzione al Latino Laboratorio teatrale Laboratorio musicale Laboratorio

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE GET Centro per la Ricerca e la Didattica dell Immagine -*-

COOPERATIVA SOCIALE GET Centro per la Ricerca e la Didattica dell Immagine -*- COOPERATIVA SOCIALE GET Centro per la Ricerca e la Didattica dell Immagine -*- IL PROGETTO ACCADEMIA DEL CINEMA RAGAZZI ENZITETO è partito nell ottobre 2005 grazie ad un finanziamento della 1^ Circoscrizione

Dettagli

TEMATICA: fotografia

TEMATICA: fotografia TEMATICA: fotografia utilizzare la fotografia e il disegno per permettere ai bambini di reinventare una città a loro misura, esaltando gli aspetti del vivere civile; Obiettivi: - sperimentare il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO A. BATTELLI NOVAFELTRIA

ISTITUTO COMPRENSIVO A. BATTELLI NOVAFELTRIA ISTITUTO COMPRENSIVO A. BATTELLI NOVAFELTRIA Scheda progetto prevista dall art. 2 c. 6 D. 44del 01/02/01 Da allegare al Programma Annuale SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE PROGETTAZIONE PERIODO: Settembre - Ottobre COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: competenze sociali e civiche comunicazione nella madrelingua imparare ad imparare

Dettagli

ORARIO. SCUOLA SECONDARIA Lunedì ISTITUTO COMPRENSIVO 8.25-13.35. Martedì 8.25-16.30. Mercoledì 8.25 13.30. Giovedì 8.25 13.30. Venerdì 8.25 16.

ORARIO. SCUOLA SECONDARIA Lunedì ISTITUTO COMPRENSIVO 8.25-13.35. Martedì 8.25-16.30. Mercoledì 8.25 13.30. Giovedì 8.25 13.30. Venerdì 8.25 16. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO All interno del Primo Ciclo, la Scuola Secondaria di 1 grado accoglie allievi nel periodo della pre-adolescenza, ne prosegue l'orientamento educativo, eleva il livello

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie Introduzione Il presente progetto si riferisce alla strutturazione di un percorso laboratoriale teatrale ai ragazzi delle scuole primarie, con il quale

Dettagli

PICCOLI CREATIVI La Matita Magica

PICCOLI CREATIVI La Matita Magica PICCOLI CREATIVI La Matita Magica Centro Educativa Gianfranco Zavalloni Comune di Cesena Insegnanti di scuola dell infanzia e primaria Educatori Genitori e interessati. Conoscere il pensiero laterale per

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE UGO FOSCOLO GENOVA RIVAROLO PROGETTO PER UN LABORATORIO TEATRALE NEI CORSI E M TEMPO PROLUNGATO

SCUOLA MEDIA STATALE UGO FOSCOLO GENOVA RIVAROLO PROGETTO PER UN LABORATORIO TEATRALE NEI CORSI E M TEMPO PROLUNGATO SCUOLA MEDIA STATALE UGO FOSCOLO GENOVA RIVAROLO PROGETTO PER UN LABORATORIO TEATRALE NEI CORSI E M TEMPO PROLUNGATO MOVIMENTO E'. Conquista della padronanza di sé. Valorizzazione dell'espressività corporea

Dettagli

è arrivata l estate!

è arrivata l estate! l estate! è arrivata PANTONE 179 PC Le Associazioni di Alba e di Mondovì da anni si occupano di valorizzazione del territorio e di formazione e avvicinamento alla storia, all arte e ai beni culturali.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA COLLODI GEBBIONE PROGETTO LABORATORIO TEATRALE

SCUOLA PRIMARIA COLLODI GEBBIONE PROGETTO LABORATORIO TEATRALE SCUOLA PRIMARIA COLLODI GEBBIONE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE (INS. LABATE, BARRECA, STELITANO, CASILI, MAURO) (ESP. EST. MARINO TERESA) PROPOSTA PROGETTUALE DI LABORATORIO TEATRALE

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA giocare con l arte arte e natura ART artemania - parole che dicono, parole che raccontano - storie per scoprire - musica in gioco e

Dettagli

Progetto Attività parascolastiche condotte in forma ludica

Progetto Attività parascolastiche condotte in forma ludica Il Progetto può essere svolto in collaborazione con le Scuole e/o con le Amministrazioni Comunali interessate Via De Rada - Cosenza Per info: Mario Malizia Tel. 330700022 E-Mail: info@mariomalizia.it Progetto

Dettagli

CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN ARTE CINEMATOGRAFICA

CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN ARTE CINEMATOGRAFICA CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN ARTE CINEMATOGRAFICA Un cinema fatto di contenuti e sperimentazione. Il cinema è un mondo composto da linguaggi differenti, ognuno nato per realizzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE ITALO CALVINO NOALE (VE) Anno scolastico 2013/2014. Sezione E PROGETTAZIONE DI SEZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO NOALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE ITALO CALVINO NOALE (VE) Anno scolastico 2013/2014. Sezione E PROGETTAZIONE DI SEZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO NOALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE ITALO CALVINO NOALE (VE) Anno scolastico 2013/2014 Sezione E PROGETTAZIONE DI SEZIONE Insegnanti titolari: Trevisanello Lucia Rosso Patrizia SITUAZIONE

Dettagli

LA NECESSITA' DELL'ARTE: L'AZIONE TEATRALE NEL PROCESSO EDUCATIVO E DI CRESCITA

LA NECESSITA' DELL'ARTE: L'AZIONE TEATRALE NEL PROCESSO EDUCATIVO E DI CRESCITA LA NECESSITA' DELL'ARTE: L'AZIONE TEATRALE NEL PROCESSO EDUCATIVO E DI CRESCITA Considerazioni generali Il progetto La necessità dell'arte nasce come metodologia pedagogica nell'ambito della formazione

Dettagli

POLO ARTISTICO. LiceoArtisticoLiceoMusicaleCoreutico. Misticoni-Bellisario - Pescara CREATI

POLO ARTISTICO. LiceoArtisticoLiceoMusicaleCoreutico. Misticoni-Bellisario - Pescara CREATI POLO ARTISTICO LiceoArtisticoLiceoMusicaleCoreutico Misticoni-Bellisario - Pescara CREATI Il Liceo Artistico, Musicale e Coreutico Misticoni Bellisario è organizzato operativamente in due sedi: V. Bellisario

Dettagli

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA DI BINAGO A.S. 2015-2016

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA DI BINAGO A.S. 2015-2016 PROGETTI SCUOLA PRIMARIA DI BINAGO A.S. 2015-2016 PROGETTO ACCOGLIENZA E CONTINUITA Classi prime seconde terza quarte quinte Favorire un sereno inserimento degli alunni nelle nuove realtà scolastiche Creare

Dettagli

Mi fido di te LABORATORIO-SPETTACOLO SUL RISPETTO E LA FIDUCIA VERSO GLI ALTRI

Mi fido di te LABORATORIO-SPETTACOLO SUL RISPETTO E LA FIDUCIA VERSO GLI ALTRI Mi fido di te LABORATORIO-SPETTACOLO SUL RISPETTO E LA FIDUCIA VERSO GLI ALTRI Perché questo laboratorio-spettacolo? Per educare un bambino ci vuole un intero villaggio, recita un noto proverbio africano.

Dettagli

Progetto LETTURA a.s. 2015/2016. SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA sintesi progetto-attività

Progetto LETTURA a.s. 2015/2016. SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA sintesi progetto-attività SEZIONE 1 DESCRITTIVA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA DE GASPERI Promuovere la realizzazione di strategie volte a creare relazioni tra i diversi saperi SCHEDA DI IDENTIFICAZIONE ATTIVITÀ-PROGETTO 1.1 Denominazione

Dettagli

Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole

Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole Anno scolastico 2010 / 2011 A cura delle operatori teatrali della compagnia Il Volo di Jonathan LABORATORIO TEATRALE PER BAMBINI...fare teatro significa esprimersi

Dettagli

Progetto MUSICA 2020. I.C. Mazzini Castelfidardo

Progetto MUSICA 2020. I.C. Mazzini Castelfidardo Progetto MUSICA 2020 I.C. Castelfidardo Nel Comune di Castelfidardo è radicata la motivazione all educazione musicale, visto che la produzione degli strumenti musicali, costituisce una colonna portante

Dettagli

CHI E DI SCENA: LA SCUOLA LABORATORIO TEATRALE ANNUALE

CHI E DI SCENA: LA SCUOLA LABORATORIO TEATRALE ANNUALE CHI E DI SCENA: LA SCUOLA LABORATORIO TEATRALE ANNUALE A Cura di Alessandro Parise Cristiano Leopardi Direzione: Sergio Smorfa Presentazione laboratorio teatrale per Scuole Elementari, Scuole Medie Inferiori

Dettagli

INFORMAZIONI Prof.ssa Manuela Roggiani accademia.musicale@collegiorotondi.it

INFORMAZIONI Prof.ssa Manuela Roggiani accademia.musicale@collegiorotondi.it CORSI E ATTIVITÀ 2014-2015 INFORMAZIONI Prof.ssa Manuela Roggiani accademia.musicale@collegiorotondi.it ISCRIZIONI modulo on-line sul sito del collegio www.collegiorotondi.it sezione: campus 2 L Accademia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE PROGETTUALI SCENOGRAFICHE Prof. E.

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA.

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA. Cari insegnanti, PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA. dal 2011 Cinecittà si Mostra ha avviato un progetto specifico di

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

( 3 ) 2008-2009 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

( 3 ) 2008-2009 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO n. 3a (Progettazione) di CIERVO Valentina ( bambini di 3 anni ) Anno Scolastico 2008-2009 Faccio teatro e mi sento attore Da aprile a giugno 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

obiettivi educare al cinema fornendo ai bambini i primi

obiettivi educare al cinema fornendo ai bambini i primi UN LIBRO UN FILM Un libro un film è un esperienza che nasce come percorso di educazione alla lettura e all immagine. Il progetto punta a far familiarizzare i ragazzi con gli elementi di base della narrazione,

Dettagli

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE L arrivo del Natale porta nella Scuola dell Infanzia inevitabili suggestioni di festa, di regali e di sorprese, esercita un fascino particolare nella

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

L Orma presenta. Progetto Musical. Progetto di attività motoria teatrale musicale. Anno scolastico 2013/14

L Orma presenta. Progetto Musical. Progetto di attività motoria teatrale musicale. Anno scolastico 2013/14 presenta Progetto Musical Progetto di attività motoria teatrale musicale Anno scolastico 2013/14 Nella sintesi tra attività motoria, ritmico - musicale e teatrale, il Percorso Didattico Musical ha l intento

Dettagli

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il tema scelto vuole trasmettere ai bambini l importanza del patrimonio letterario classico. Inoltre, presentando la figura dell EROE,

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive. Magia dell'opera.

Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive. Magia dell'opera. Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive Il Barbiere di Siviglia Gioachino Rossini Edizione 2009 L edizione 2009 del progetto Magia dell

Dettagli

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA Rodari Walt Disney Peter Pan/Quattroponti A.S. 2012-2013

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA Rodari Walt Disney Peter Pan/Quattroponti A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 4 OVEST PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA Rodari Walt Disney Peter Pan/Quattroponti A.S. 2012-2013 Il linguaggio è una sorta di utensile, l utensile più avanzato che noi abbiamo,

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CAMPI D ESPERIENZA: IMMAGINI SUONI E COLORI (TEATRO) Padroneggiare gli strumenti Seguire spettacoli di vario Rappresentare situazioni attraverso necessari ad un utilizzo dei tipo(teatrali,musicali il gioco

Dettagli

Giocare con i ritmi e con i suoni - Strumento Coro voci bianche - Danza classica e moderna Teatro, Danza, Colore!

Giocare con i ritmi e con i suoni - Strumento Coro voci bianche - Danza classica e moderna Teatro, Danza, Colore! Civico Istituto di Musica Danza e Teatro Città di San Donato Milanese G.B. Sammartini Assessorato alla Cultura Giocare con i ritmi e con i suoni - Strumento Coro voci bianche - Danza classica e moderna

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo Prof. E. Galimberti SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE PROGETTUALI SCENOGRAFICHE

Dettagli

Scuola Paolo Grassi Fondazione Scuole Civiche di Milano Via Salasco 4 20136 Milano Tel. 02.58302813 Fax 02. 36661431 info_teatro@scmmi.

Scuola Paolo Grassi Fondazione Scuole Civiche di Milano Via Salasco 4 20136 Milano Tel. 02.58302813 Fax 02. 36661431 info_teatro@scmmi. Scuola Paolo Grassi Fondazione Scuole Civiche di Milano Via Salasco 4 20136 Milano Tel. 02.58302813 Fax 02. 36661431 info_teatro@scmmi.it Tutte le informazioni sulle iscrizioni sono reperibili nel sito

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il teatro dietro le quinte: la scenotecnica

Il teatro dietro le quinte: la scenotecnica Il teatro dietro le quinte: la scenotecnica (Gaetano Oliva, Il teatro dietro le quinte: la scenotecnica, Scuola materna per l educazione dell infanzia, anno LXXXVIII n 14, 10 aprile 2001, pp. 18-19). Come

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

RE) CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA E MUSICALE

RE) CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA E MUSICALE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA con riferimento alle Competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 declinato nelle microabilità di ogni annualità (a cura di Franca DA RE) CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL INDIRIZZO AUDIOVISIVO MULTIMEDIALE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGETTAZIONE E LABORATORIO MULTIMEDIALE AUDIOVISIVI

DIPARTIMENTO DELL INDIRIZZO AUDIOVISIVO MULTIMEDIALE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGETTAZIONE E LABORATORIO MULTIMEDIALE AUDIOVISIVI DIPARTIMENTO DELL INDIRIZZO AUDIOVISIVO MULTIMEDIALE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 DISCIPLINA: CLASSE PROGETTAZIONE E LABORATORIO MULTIMEDIALE AUDIOVISIVI : 3^ - 4^ - 5^ 1. OBIETTIVI FORMATIVI/EDUCATIVI

Dettagli

CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE

CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE Istituto Comprensivo di Buja CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE Scuola dell infanzia Dati identificativi Scuola primaria di Scuola secondaria di primo grado Campo/i: I DISCORSI E LE PAROLE Area: Disciplina/e:

Dettagli

Scheda progetto: BIBLIOTECA. Descrizione del progetto

Scheda progetto: BIBLIOTECA. Descrizione del progetto Scheda progetto: BIBLIOTECA SCUOLA Incisa Scapaccino Leggere è bello Toselli - Familiarizzare con i libri per promuovere il piacere della lettura - Acquisire fiducia nelle proprie capacità comunicative

Dettagli

Riconoscere suoni familiari. Saper riconoscere alcuni parametri del suono: (durata e intensità).

Riconoscere suoni familiari. Saper riconoscere alcuni parametri del suono: (durata e intensità). ISTITUTO COMPRENSIVO DONADONI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2015/2016 DISCIPLINA MUSICA CLASSI PRIME Distinguere ed esplorare eventi sonori. Utilizzare la voce in varie situazioni. Eseguire in gruppo semplici brani

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR MASTER 2013 Tecnologie digitali e metodologie sullo spettacolo direttore scientifico da Antonella Ottai Il Centro Teatro Ateneo, insieme con il Dipartimento

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza.

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza. CLASSE 1^ altri. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza. Esprimersi attraverso la musica utilizzando diverse modalità. Cogliere all ascolto gli aspetti espressivi

Dettagli

Area didattica e divulgazione. Brindiamo all opera!

Area didattica e divulgazione. Brindiamo all opera! Brindiamo all opera! Percorso didattico di ascolto musicale e concorso di arte visiva per le scuole Primarie di Milano e Provincia Brindiamo all opera! a.f. 2014/2015 La Fondazione Accademia Teatro alla

Dettagli

Corso di Laurea in Musica e Spettacolo

Corso di Laurea in Musica e Spettacolo 1 Corso di Laurea in Musica e Spettacolo (Classe delle Lauree in Scienze e tecnologie delle Arti figurative, della Musica, dello Spettacolo e della Moda, classe 23) Regolamento didattico Art. 1. Denominazione

Dettagli

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi.

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi. ABC ORCHESTRA: UN ORCHESTRA IN OGNI SCUOLA Le orchestre sono molto più che strutture artistiche, ma modello di vita sociale perché cantare e suonare assieme significa coesistere profondamente e intimamente

Dettagli

PERIODO E ORARI DI ATTIVITA Da novembre a maggio ore 9,30-11,30. SEDE ATTIVITA Areabambini Gialla. COSTO ATTIVITA Gratuito

PERIODO E ORARI DI ATTIVITA Da novembre a maggio ore 9,30-11,30. SEDE ATTIVITA Areabambini Gialla. COSTO ATTIVITA Gratuito TEATRO E NARRAZIONE AREABAMBINI GIALLA Via degli Armeni, 5 Tel 0573-32640 LINEE GUIDA E OBIETTIVI EDUCATIVI Tutti gli itinerari condividono il presupposto che per il bambino ogni esperienza è frutto di

Dettagli

SCUOLA DI MUSICA ELETTRONICA

SCUOLA DI MUSICA ELETTRONICA DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI MUSICA ELETTRONICA DCPL 34 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN MUSICA ELETTRONICA Indirizzo regia del suono Obiettivi formativi

Dettagli

Scuola Comunale dell Infanzia

Scuola Comunale dell Infanzia Direzione Municipalità Venezia Murano Burano Servizi Educativi Territoriali Scuola Comunale dell Infanzia Progetto (lavoro di intersezione). Anno scolastico 2014.15 PROGETTO: STORIE DI OGGETTI SCUOLA DELL

Dettagli

Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia

Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia Cristina Donnini Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia Questo progetto è nato dalla richiesta delle maestre della scuola dell infanzia Sorelle Agazzi di La California (Livorno)

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA sviluppare il senso dell'identità personale è consapevole delle differenze e sa averne rispetto conoscere le regole di convivenza e saperle rispettare Il bambino vive positivamente

Dettagli

Team building e volontariato aziendale: nuove proposte per la crescita delle imprese

Team building e volontariato aziendale: nuove proposte per la crescita delle imprese Team building e volontariato aziendale: nuove proposte per la crescita delle imprese Definizioni di volontariato di impresa Il coinvolgimento del personale di un'impresa nella comunità attraverso forme

Dettagli

PROGETTO (triennale)

PROGETTO (triennale) PROGETTO (triennale) Istituto Comprensivo di San Stino di Livenza Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell Infanzia: J.Piaget 1 Titolo del progetto Felicità a colori Un Bambino creativo è un bambino felice.

Dettagli