Fallimenti del mercato e intervento pubblico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fallimenti del mercato e intervento pubblico"

Transcript

1 6 Fallimenti del mercato e intervento pubblico Che cosa vedremo in questo capitolo? I principali obiettivi dell intervento pubblico: efficienza sociale ed equità. I casi in cui il mercato non conduce all efficienza sociale: i cosiddetti fallimenti del mercato (esternalità, beni pubblici, monopolio). Le modalità di intervento pubblico: l imposizione di tasse o l emanazione di provvedimenti normativi. Se l intervento dello stato può sempre aggiustare le cose. In tempi recenti, in molti paesi ci si è affidati sempre più al mercato come meccanismo di allocazione delle risorse. Privatizzazioni, deregolamentazioni di industrie, riduzione della spesa pubblica e del gettito fiscale e, in generale, una significativa limitazione dell intervento pubblico in materia economica sono misure adottate diffusamente, non soltanto da governi conservatori, ma anche da governi di centro e di centro-sinistra. In Europa, ad esempio, i primi anni novanta sono stati caratterizzati da una diffusa opera di riequilibrio dei conti pubblici pressoché in tutti i paesi, al fine di avvicinarsi ai requisiti fissati a Maastricht per l ammissione al progetto di moneta comune, e tuttora l esigenza di mantenere il disavanzo pubblico entro determinati limiti condiziona la dimensione della spesa pubblica. Nonostante la crescente fiducia nel mercato, non sempre questo funziona come meccanismo di allocazione efficiente delle risorse. Sebbene le nostre società siano sempre più ricche e prospere, i fiumi, i laghi e i mari sono inquinati, le strade congestionate e spesso invase dai rifiuti, le nostre vite sono dominate dagli interessi delle grandi imprese e la qualità di molti dei prodotti che acquistiamo è scadente. Lo stato, quindi, svolge tuttora un molo fondamentale nell economia: dalla costruzione e manutenzione delle strade, alla fornitura di servizi importanti come l istruzione, l assistenza sanitaria, l ordine pubblico e il sistema giudiziario; dalla protezione sociale sotto forma di pensioni e altre forme di assicurazione sociale, alla tutela della concorrenza e alla regolamentazione delle imprese. In questo capitolo studiamo i principali casi di «fallimenti del mercato» (parr. 1-3). Vedremo quindi come l intervento dello stato possa porre rimedio a tali fallimenti (parr. 4-6). Infine, ci chiederèmo se sia meglio un maggiore o un minore intervento pubblico. Per decidere il livello ottimo di intervento pubblico, è innanzitutto necessario identificare i vari obiettivi sociali che tale intervento si prefigge di raggiungere. I due obiettivi principali identificati dagli economisti sono la massimizzazione del benessere sociale o efficienza sociale e l equità. Il benessere sociale va qui inteso à la Marshall come la somma dei surplus netti di tutti gli individui (consumatori e produttori) appartenenti alla società considerata (che sono quindi valutati su un piano di parità). Equità. Molti sostengono che il libero mercato non è in grado di realizzare una distribuzione equa delle risorse, visto che permette ad alcune persone di vivere nel lusso sfrenato mentre costringe altre alla miseria più nera. 11 significato di equità è, come ovvio, una questione ampiamente dibattuta 135

2 anche in politica. Sebbene in genere la destra, la sinistra e il centro abbiano visioni anche molto diverse in materia, è largamente condivisa l idea che lo stato abbia il dovere di ridistribuire il reddito dai ricchi ai poveri attraverso il sistema fiscale e i trasferimenti pubblici, e forse anche di garantire ai poveri forme di protezione sociale, quali ad esempio un salario minimo e un sussidio di disoccupazione. Pur non volendo trascurare l importanza del dibattito sull equità, che tuttavia riguarda più la sfera politica, ci concentriamo in questo capitolo sull obiettivo dell efficienza sociale, vale a dire sulla massimizzazione del benessere sociale. Efficienza sociale. Se i benefici marginali sociali (BMG S,) di produrre (o consumare) un bene eccedono i corrispondenti costi marginali sociali (CMG S ), allora diciamo che è socialmente efficiente produrre (o consumare) quel bene in misura maggiore. Ad esempio, se i benefici che si ottengono da un maggior numero di autostrade eccedono l incremento di costo ad esso collegato, allora è socialmente efficiente costruire più autostrade. In altri termini tale operazione aumenta il benessere sociale. Se al contrario i costi marginali sociali di produrre (o consumare) un bene eccedono i benefici marginali sociali, allora è socialmente efficiente produrne (o consumare) di meno. Se i benefici marginali sociali di un attività sono uguali ai costi marginali sociali, allora il livello attuale di produzione (consumo) è socialmente ottimale e non va modificato. Quindi, per massimizzare il benessere sociale, bisogna: produrre (consumare) di più se BMG S > CMG S, produrre (consumare) di meno se BMG S, < CMG S, mantenere la produzione (il consumo) al suo livello se BMG S, = CMG S, L efficienza sociale costituisce un esempio di efficienza allocativa: la migliore allocazione delle risorse tra usi alternativi. Nella realtà economica, il mercato conduce raramente all efficienza sociale in modo spontaneo: i benefici marginali sociali di molti beni non uguagliano i corrispondenti costi marginali sociali. In parte ciò è dovuto all esistenza di esternalità, in parte al basso grado di concorrenza dei mercati, in parte alla mancanza di informazioni sia da parte degli acquirenti che dei venditori e in parte al fatto che l aggiustamento dei mercati verso l equilibrio richiede tempo, data la frequente rigidità dei fattori di produzione nel breve periodo. In questo capitolo analizzeremo questi fallimenti del mercato e vedremo che cosa può fare lo stato per correggere la situazione. Illustreremo anche perché lo stesso stato può non riuscire a raggiungere l efficienza sociale. 136

3 1. ESTERNALITÀ E BENI PUBBLICI Che cosa succede se ci sono mercati incompleti? 1.1. Esternalità Il mercato non conduce all efficienza sociale se le azioni di produttori e consumatori hanno effetti diretti sul benessere di altri individui, oltre che sul loro, senza che il mercato ne possa tenere conto. Tali effetti sono noti come esternalità: si tratta di effetti collaterali su terzi dovuti all attività di produzione o di consumo. Le esternalità possono essere positive o negative. Quando altre persone ottengono effetti benefici da una certa attività, si parla di esternalità positive; quando invece ne subiscono gli effetti indesiderati, si parla di esternalità negative. Quindi i costi complessivi per la società (i cosiddetti costi sociali) della produzione di un bene sono dati non solo dai costi privati sostenuti dai produttori tua anche dalle esternalità negative della produzione. Allo stesso modo, i benefici totali per la società (i benefici sociali) dovuti alla produzione di quello stesso bene sono dati non solo dai benefici privati netti dei consumatori ma anche dalle esternalità positive generate nel consumo. Esistono quattro principali tipi di esternalità: esternalità di produzione, positive e negative, esternalità di consumo, positive e negative. Un economia di mercato in genere non riesce a raggiungere l efficienza sociale. Vi sono diversi tipi di fallimento del mercato;questi ultimi forniscono una delle principali motivazioni per l intervento pubblico in economia. Le esternalità sono costi o benefici esterni di cui il mercato non tiene conto. Quando si presentano, un economia di mercato non riesce a raggiungere spontaneamente l efficienza sociale Esternalità negative di produzione (CMG S > CMG) Quando un azienda chimica scarica rifiuti in un fiume o inquina l aria, la comunità sopporta dei costi aggiuntivi rispetto a quelli privati sostenuti dall impresa stessa per svolgere la sua attività. Il costo marginale sociale (CMG S,) della produzione eccede quindi il costo marginale privato (CMG). Graficamente, la curva CMG S sta al di sopra della curva CMG. Ciò viene mostrato nella figura 6.la, in cui si assume che l impresa operi in un mercato perfettamente concorrenziale e sia quindi pricetaker (con una curva di domanda orizzontale). L impresa massimizza il proprio profitto in corrispondenza di q 1, il livello di output per cui il prezzo è uguale al costo marginale (cap. 5, par. 2). Il prezzo rappresenta la cifra che i compratori del bene sono disposti a pagare per averne un unità in più (se non lo fosse non lo comprerebbero) e riflette quindi il loro beneficio marginale. Ipoti2ziamo che non siano presenti esternalità derivanti dal consumo e che quindi il beneficio marginale per i consumatori coincida con il beneficio marginale sociale (BMG S,). L output socialmente ottimo, quello che massimizza il benessere sociale, è q 2, in corrispondenza di p (cioè BMG S ) = CMG S. L impresa, tuttavia, produce q 1 che è superiore all ottimo sociale, in quanto, nel decidere quanto produrre per massimizzare il suo profitto, prende in considerazione solo i suoi costi privati e non anche le esternalità generate. Vi è un eccesso di produzione dal punto di vista dell efficienza sociale. Il problema delle esternalità negative di produzione si verifica nelle economie di mercato perché, ad esempio, alcune particolari risorse naturali non possono essere oggetto di proprietà privata; non si possono prevedere diritti di proprietà sull aria o sull acqua dei fiumi e proprio per questo non si può impedire che vengano utilizzati illegalmente come discarica. L incompletezza dei mercati genera le esternalità; spetta all autorità pubblica neutralizzarle. Altri esempi di esternalità negative di produzione sono: la distruzione di flora e fauna causata da un agricoltura estensiva, le piogge acide causate dai fumi del carbone e i rifiuti radioattivi delle centrali nucleari. 137

4 Esternalità positive di produzione (CMG S, <CMG) Si consideri un impresa di trasporti che investe nella formazione dei propri autisti. Ogni anno alcuni autisti già formati si dimettono per andare a lavorare per le imprese concorrenti. E chiaro che queste ultime, non avendo sostenuto il costo di formazione del nuovo personale, avranno costi inferiori a quelli dell impresa considerata. La società nel suo complesso trae beneficio dell avvenuta formazione (inclusi gli stessi autisti che hanno in tal modo acquisito abilità vendibili sul mercato del lavoro) anche se l impresa che ha investito non ne trae vantaggio. Il Costo marginale sociale della formazione è quindi inferiore al costo marginale privato dell azienda. Nella figura 6. lb, la curva CMG S è più bassa della curva CMG. Il livello di output (il numero di autisti già formati) è q 1, determinato dalla condizione p = CMG, ed è inferiore all ottimo sociale, q 2, che si ha quando p = CMG S. Un altro esempio di esternalità positiva di produzione è dato dalle spese in ricerca e sviluppo. Se altre imprese hanno accesso ai risultati della ricerca, allora chiaramente i benefici si estendono oltre l impresa che la finanzia. Poiché l impresa prende in considerazione soltanto i benefici privati, sceglierà un livello di ricerca inferiore a quello socialmente ottimo. Un ulteriore esempio di questo tipo è dato dagli effetti positivi sulla qualità dell aria di un impresa che svolge un opera di riforestazione Esternalità negative di consumo (BMG S < BMG) La figura 6.2a mostra la funzione del beneficio marginale dell uso di un automobile (BMG) e il suo prezzo (il costo della benzina e il «logoramento» per chilometro) per un individuo. Il beneficio marginale diminuisce all aumentare della distanza percorsa. La distanza ottima percorsa è pari a q 1 chilometri, che corrisponde al punto in cui il beneficio marginale (BMG) del nostro ipotetico automobilista è uguale al prezzo (p). Se infatti il beneficio marginale relativo al consumo di un bene o di un servizio misurato in termini di ammontare massimo che si è disposti a pagare per ogni sua unità eccede il prezzo, il consumatore vorrà consumarne di più. Se invece il beneficio marginale è inferiore al prezzo, il consumatore vorrà consumarne di meno. Il livello ottimo di consumo nell esempio dell automobilista è stabilito dalla condizione BMG = p in q 1 chilometri. Ma l utilizzo dell automobile dà luogo a esternalità negative quali gli scarichi, il traffico, il rumore, ecc., che riducono il beneficio marginale dell intera società legato all uso delle automobili rispetto al 138

5 beneficio marginale privato dell automobilista. Quindi la curva BMG è sempre inferiore alla curva BMG. Assumendo che non ci siano esternalità nella produzione, e che pertanto il costo marginale sociale coincida con il prezzo, il benessere sociale sarà massimo nel punto in cui BMG S, = p, cioè per una distanza percorsa pari a q 2, inferiore rispetto alla distanza percorsa dall automobilista q 1. Quindi, quando ci sono esternalità negative nel consumo, il livello effettivo di consumo sarà troppo elevato dal punto di vista sociale. Altri esempi di esternalità negative nel consumo includono gli effetti sulle altre persone dell ascolto di musica ad alto volume in luoghi pubblici, del consumo, fumo e dei rifiuti solidi urbani Esternalità positive di consumo (BMG S > BMG) Quando alcuni viaggiano in treno e non in automobile, altri beneficiano della riduzione del traffico, degli scarichi e del numero di incidenti sulle strade. Quindi il beneficio marginale sociale del trasporto su rotaia è maggiore del beneficio marginale privato per il singolo viaggiatore. In altre parole, il trasporto ferroviario presenta esternalità positive. In tal caso la curva BMG S, della figura 6.2b è superiore alla curva BMG e il livello di consumo socialmente ottimo (q 2 ) è superiore al livello effettivo (q 1 ). Quindi, in presenza di esternalità positive nel consumo, il livello effettivo di consumo è troppo basso rispetto all ottimo sociale. Altri esempi di esternalità positive nel consumo sono dati dagli effetti positivi sugli altri dell uso di deodoranti o del ricorso alle vaccinazioni. Nel caso di esternalità positive, dunque, la quantità prodotta e consumata sarà troppo bassa rispetto all ottimo sociale. Nel caso di esternalità negative, la quantità prodotta e consumata sarà troppo alta. In entrambi i casi le soluzioni di mercato non portano all uguaglianza tra BMG S e CMG S. Si noti che queste argomentazioni sono state sviluppate in un contesto di concorrenza perfetta, con prezzi stabiliti dal mercato e dati sia per i consumatori che per i produttori. Le esternalità, tuttavia, possono essere presenti anche in mercati di concorrenza imperfetta o di monopolio Beni pubblici Esiste una categoria di beni per i quali le esternalità positive sono talmente elevate rispetto ai benefici privati che il libero mercato, sia esso perfetto o imperfetto, non li produce. Essi sono noti come beni pubblici. Ne sono esempi i fari, i marciapiedi, le dighe, le fognature pubbliche, i pubblici 139

6 servizi come la polizia e persino l attività dello stato. I beni pubblici hanno due importanti caratteristiche: la non-rivalità nel consumo e la non-escludibiità. Se consumiamo una tavoletta di cioccolato, questa non potrà essere consumata da nessun altro. Se, invece, camminiamo lungo un marciapiede o godiamo dei benefici dell illuminazione pubblica, non impediamo ad altri di fare altrettanto. Questa caratteristica è nota come non-dualità nel consumo. I beni pubblici hanno benefici marginali sociali di gran lunga superiori ai corrispondenti benefici privati. Questa loro caratteristica li rende socialmente desiderabili, ma non profittevoli dal punto di vista privato. Ad esempio, nessuno in città sarebbe disposto a pagare da solo per rifare il fondo stradale nella via in cui abita, poiché il beneficio privato sarebbe troppo basso rispetto al costo. Eppure il beneficio sociale di tutti quelli che ci passano sarebbe di gran lunga superiore. Se contribuisco a costruire una diga che protegga la mia casa da un inondazione, arrecherò un beneficio anche ai vicini che non vi hanno contribuito, poiché non posso impedire che traggano anch essi vantaggio dalla diga. Questa caratteristica di non-escludibilità fa sì che gli individui conseguano comunque dei vantaggi e quindi abbiano l incentivo a non contribuire al pagamento. Le persone che ottengono vantaggi dall utilizzo di beni pubblici senza aver contribuito sono definite «free-rider». A livello sociale si pone il problema di evitare, o almeno limitare, tale comportamento. Quando i beni hanno queste due caratteristiche, il libero mercato non li produce. Solo lo stato, dunque, o imprese private finanziate dal governo possono essere disposti a produrre beni pubblici. Si noti che non tutti i beni e servizi prodotti dal settore pubblico rientrano comunque nella categoria di beni pubblici: ad esempio, l istruzione e la sanità sono forniti dal governo, ma possono anche essere, e in alcuni casi lo sono, forniti dal settore privato. 140

7 2. IL POTERE MONOPOLISTICO COME CAUSA DI FALLIMENTO DEL MERCATO Quali problemi generano le grandi imprese? Ogni qualvolta i mercati sono imperfetti, sia che si tratti di monopolio, di monopsnio 1, o di qualche altra forma di concorrenza imperfetta, BMG, non sarà uguale a CMGS, anche in assenza di esternalità. Prendiamo il caso del monopolio. Un monopolista produce una quantità inferiore all output socialmente efficiente (fig. 6.3). Come già noto (cap. 5, par. 3), la sua curva di domanda è decrescente, per cui il ricavo marginale è inferiore al ricavo medio, a sua volta uguale al prezzo. Il profitto del monopolista è massimo quando il ricavo marginale uguaglia il costo marginale, quindi in corrispondenza dell output q 1 e del prezzo P 1 nella figura 6.3. Ma poiché il prezzo è superiore al ricavo marginale, in equilibrio il prezzo deve essere anche superiore al costo marginale. Se non ci sono esternalità, il prezzo coincide con il beneficio marginale sociale e il costo marginale privato con quello sociale e quindi l output socialmente efficiente sarà q 2, dove BMG S = p = CMG,. Poiché q 2 > q 1, il monopolista produce meno dell ottimo sociale Perdita di benessere sociale dovuta al monopolio Surplus del consumatore e del produttore Per analizzare la perdita di benessere associata al monopolio usiamo i concetti di surplus del consumatore e del produttore. Il surplus netto del consumatore (definito nel cap. 2, par. 7.3) è il beneficio complessivo (o «utilità») derivante dal consumo di un dato bene al netto della spesa totale. Il surplus del produttore è dato dal profitto. I due concetti vengono illustrati nella figura 6.4 nella quale è illustrata un industria che può operare alternativamente in concorrenza perfetta o in monopolio alle stesse condizioni di costo. Surplus del consumatore. In concorrenza perfetta l industria produrrà un output Q c al prezzo p c, dove CMG = p = RME, cioè si posizionerà nel punto a. Come sappiamo, il surplus lordo del consumatore è dato dall area sotto la curva di domanda la somma di tutte le aree da 1 a 7. Questo perché ogni punto sulla curva di domanda indica l ammontare massimo che il consumatore è disposto a pagare per ottenere quella data unità del 1 Per monopsonio si intende la situazione di mercato in cui c è un unico soggetto che domanda un bene. Monopolio dal lato della domanda, quindi. 141

8 bene, vale a dire il beneficio marginale del consumo del bene. L area sotto la curva di domanda quindi rappresenta il totale di tutti questi benefici marginali, da un livello di consumo nullo fino a Q c, cioè il beneficio totale di tutti i consumatori. La spesa totale dei consumatori è p c Q c (area ). Il surplus netto del consumatore si ottiene come differenza tra il surplus lordo e la spesa totale: in altre parole, il triangolo formato dall area Surplus del produttore. Il surplus del produttore, o profitto, è la differenza tra il suo ricavo totale e il suo costo totale. Il costo totale è l area sotto la curva CMG, supponendo che non vi siano costi fissi (area 6+7). Infatti ogni punto sulla curva del costo marginale indica quanto costa produrre l ultima unità. L area sotto la curva CMG quindi mostra tutti i costi marginali dal punto in cui l output è nullo fino a Q c, cioè il costo totale. Il ricavo totale è uguale alla spesa dei consumatori e quindi uguale a P C Q C (area ). Il surplus del produttore è quindi l area tra il prezzo e la curva CMG (area 4+5). Benessere sociale. Il benessere sociale, che comprende sia il surplus del consumatore che quello del produttore, è l area tra la curva di domanda e la curva CMG, come indicato dall area ombreggiata Effetti del monopolio sul benessere sociale Cosa accade quando l industria opera in regime di monopolio? L impresa produce in corrispondenza del livello di output per cui CMG = RMG, quindi Q m al prezzo p m ; essa si posiziona nel punto b sulla curva di domanda. Il ricavo totale è p m Q m (area 2+4+6). Il costo totale è l area sotto la curva CMG (area 6). Il surplus del produttore, quindi, è dato dall area 2+4. È chiaramente maggiore del surplus in concorrenza perfetta, dal momento che l area 2 è maggiore dell area 5: i profitti di monopolio sono maggiori dei profitti di concorrenza perfetta. Il surplus netto del consumatore, tuttavia, è molto minore. Con un consumo pari a Q m, il surplus lordo dei consumatori è dato dall area , mentre la spesa è data dall area Il surplus netto è semplicemente la differenza tra le due aree, vale a dire l area 1. Mentre in concorrenza perfetta l area 2 era parte del surplus netto del consumatore, in monopolio essa è parte del profitto del monopolista. Il benessere sociale in monopolio è quindi costituito dalle aree ed è inferiore rispetto al caso di concorrenza perfetta. La monopolizzazione dell industria ha generato 142

9 una perdita di benessere pari alle aree 3+5. Il guadagno del produttore è inferiore alla perdita del consumatore. Tale riduzione di benessere è detta perdita secca Conclusioni Come abbiamo visto, l esistenza di imprese con potere di mercato può anche generare vantaggi sociali, quali il migliore sfruttamento delle economie di scala e maggiori investimenti in ricerca e sviluppo, che possono compensare la perdita netta di benessere appena descritto (cap. 5, par. 3.4). Sarebbe ideale per la società che le imprese fossero abbastanza grandi da poter beneficiare di economie di scala, ma allo stesso tempo venissero persuase o indotte a non aumentare il prezzo rispetto al costo marginale in assenza di esternalità, in modo da produrre nel punto in cui p = CMG. 143

10 3. ALTRI FALLIMENTI DEL MERCATO In quali altri modi può fallire il mercato? 3.1. Ignoranza e incertezza In concorrenza perfetta, per ipotesi, i consumatori, le imprese e i fornitori dei fattori produttivi conoscono esattamente costi e benefici di ogni attività e sanno fare calcoli di ottimizzazione. Invece nel mondo reale c è sempre un elevato grado di ignoranza e incertezza, per cui gli individui non sono in grado di uguagliare benefici e costi marginali. Alcuni beni di consumo durevole vengono acquistati poche volte nella vita. Le automobili, le lavatrici, i televisori rientrano in questa categoria. Quando i consumatori non sono a conoscenza della qualità dei beni prima dell acquisto, si trovano in una posizione contrattuale di debolezza. In tal caso la pubblicità può anche essere ingannevole, convincendo i consumatori del fatto che un dato bene abbia certi benefici che in realtà non ha. Le imprese spesso non conoscono le opportunità di mercato, i prezzi e i costi dei rivali, oppure non possono osservare la produttività dei lavoratori. Molte decisioni economiche sono basate su aspettative di condizioni future. Poiché il futuro non può mai essere noto con certezza, saranno prese molte decisioni che a posteriori risulteranno sbagliate. In alcune situazioni è possibile ottenere informazioni attraverso il mercato. Esistono agenzie che raccolgono e vendono informazioni. In tal caso bisogna decidere se conviene sostenere il costo per ottenere l informazione per assicurarsi i benefici legati all informazione stessa. Purtroppo non sempre si può giudicare l affidabilità o la rilevanza dell informazione che si acquista Immobilità dei fattori e inerzia Anche in mercati di concorrenza perfetta i fattori produttivi potrebbero reagire con ritardo a variazioni della domanda e dell offerta. Il lavoro, ad esempio, potrebbe essere poco mobile, sia in termini geografici che tra settori, dando luogo a situazioni di eccesso di domanda con salari elevati o di eccesso di offerta con la creazione di extraprofitti. Potrebbe trascorrere molto tempo prima di arrivare all equilibrio di lungo periodo. E quindi possibile che l economia si trovi in costante stato di disequilibrio: via via che gli individui rispondono ai segnali di mercato e si muovono verso l equilibrio, quest ultimo si sposta per altri motivi e l ottimo sociale non è mai raggiunto. In situazioni di monopolio o monopsonio, il problema è reso più grave: le imprese o, ad esempio, i sindacati possono erigere barriere per impedire l entrata di nuove imprese o fattori di produzione e proteggere quindi le proprie posizioni di potere. Il problema dell inerzia. Può volerci molto tempo perché gli individui reagiscano a variazioni del contesto economico in cui operano. In tal caso l economia può avere difficoltà a raggiungere l efficienza sociale Protezione degli interessi individuali Soggetti dipendenti da volontà altrui Non sempre gli individui prendono personalmente le proprie decisioni economiche. Essi dipendono spesso da decisioni altrui. I genitori decidono per i figli, ciascun partner per l altro, gli adulti per gli anziani, i manager per gli azionisti, ecc. Il libero mercato risponderà a queste decisioni, siano esse buone o cattive, siano esse prese nell interesse dei soggetti dipendenti oppure no. Tuttavia, lo stato potrebbe considerare necessario offrire tutela a coloro che, volenti o nolenti, dipendono dalle decisioni prese da altri in loro vece. 144

11 Il problema principale-agente Il problema appena descritto non è altro che un esempio di una situazione più generale definita dagli economisti come problema principale-agente. Nelle moderne economie complesse un individuo (il principale) può realizzare un certo obiettivo, o può realizzarlo più facilmente, solo attraverso l azione di un altro (l agente). Ad esempio, se vogliamo andare in vacanza, è più facile rivolgersi a un agenzia di viaggi che non organizzarsi personalmente. Allo stesso modo, se vogliamo acquistare una casa, conviene rivolgersi a un agenzia immobiliare. Si tratta di agenzie che, grazie alle loro conoscenze specifiche, possono far risparmiare tempo ed energie (e che esemplificano i benefici della specializzazione e della divisione del lavoro). Anche le imprese assumono individui con conoscenze e abilità specifiche per svolgere determinati compiti. Esse si rivolgono spesso a società di consulenza o comprano i servizi di imprese specializzate, come le agenzie pubblicitarie. Lo stesso vale per i dipendenti delle imprese, che possono essere considerati agenti dei loro datori di lavoro, ma anche dei loro dirigenti. I giovani manager sono agenti dei manager più anziani, i quali sono agenti dei dirigenti, che a loro volta lo sono degli azionisti. Spesso nelle grandi imprese si trova una catena complessa di relazioni principale-agente. L esempio classico è dato dalle grandi società per azioni in cui, si sostiene, tende a esservi un conflitto di interessi tra i proprietari dell impresa (gli azionisti), che sono i principali, e coloro che la controllano (i manager), che sono agenti degli azionisti. Dal momento che l agente ha i propri obiettivi egoistici, non necessariamente in linea con quelli del principale, anch essi egoistici, queste relazioni presentano un pericolo intrinseco per il principale: c è informazione asimmetrica tra le due parti. L agente conosce particolari rilevanti dal punto di vista economico che il principale non conosce e infatti, è proprio la competenza specifica dell agente che motiva il suo impiego. Il pericolo dunque è che l agente approfitti ditale vantaggio informativo per fare i propri interessi e non quelli del principale. Ad esempio, l agenzia immobiliare che cerca di venderci una casa potrebbe non informarci che i vicini sono rumorosi o che il proprietario è disposto ad accettare un prezzo molto più basso; un commerciante di automobili usate potrebbe non dirci della ruggine presente sul fondo dell auto o della sua storia di inaffidabilità. Cosa può fare il principale per ovviare al problema? Per risolverlo è necessaria la presenza di due elementi: il principale deve avere qualche strumento per controllare la performance dell agente (ad esempio, un impresa potrebbe chiedere ad alcuni esperti esterni all impresa di controllare l operato del suo management); l agente deve avere l incentivo ad agire nell interesse del principale (ad esempio, lo stipendio di un manager potrebbe essere strettamente correlato alla redditività dell impresa). In un mercato concorrenziale, gli interessi dei manager e degli azionisti di solito coincidono. I manager devono garantire l efficienza dell impresa per affrontare la concorrenza, altrimenti potrebbero perdere il posto di lavoro. Tuttavia, in condizioni di monopolio o di oligopolio, dove sono spesso presenti extraprofitti, gli interessi degli azionisti e dei manager possono essere contrapposti. Sarà dunque interesse degli azionisti istituire meccanismi di incentivo che assicurino che i loro agenti, i manager, perseguano l obiettivo della massimizzazione del profitto Decisioni economiche inappropriate Lo stato potrebbe intervenire qualora ritenesse che gli individui debbano essere protetti dagli esiti indesiderati delle proprie decisioni economiche (ad esempio quando in un libero mercato gli individui consumano troppe cose dannose per la loro salute). E possibile scoraggiare il fumo e il consumo di bevande alcoliche, imponendo tasse sul tabacco e sull alcol. In casi più estremi, si possono combattere alcune attività, come la prostituzione, alcuni tipi di gioco d azzardo, la vendita e il consumo di droghe, dichiarandole illegali. D altra parte, lo stato può intervenire quando ritiene che gli individui consumino una quantità troppo bassa di beni da cui trarrebbero benefici, come 145

12 l istruzione, l assistenza sanitaria e le attività sportive. Tali beni sono noti come beni di merito. Il governo li può fornire gratuitamente oppure ne può finanziare la produzione Fino a che punto gli economisti possono consigliare il governo? Non è obiettivo dell economia formulare giudizi sull importanza relativa dei diversi obiettivi sociali. Essa può solo permettere di confrontare, dal punto di vista dell efficienza individuale e sociale, diversi strumenti per raggiungere dati obiettivi. In primo luogo, quindi, occorre che tali obiettivi siano identificati in modo chiaro dalle autorità di politica economica. In secondo luogo, essi devono essere quantificabili in modo da poter confrontare l impatto delle diverse politiche su un dato obiettivo e quindi la loro efficacia nel raggiungerlo. Alcuni obiettivi, come la crescita del reddito nazionale e le variazioni nella distribuzione del reddito, sono relativamente facili da quantificare. Altri, come il benessere della comunità, sono invece praticamente impossibili da misurare. E anche per questo motivo che l economia tende a concentrarsi sugli strumenti che permettono di raggiungere un ristretto gruppo di obiettivi facilmente misurabili. Il pericolo implicito in questo modo di procedere è che gli economisti diano troppo peso al raggiungimento di alcuni obiettivi, trascurandone altri importanti. Alcuni obiettivi sociali possono entrare in conflitto tra loro. Ad esempio, l efficienza economica può essere incompatibile con una maggiore uguaglianza tra i cittadini. Nel caso di simili trade-off l economista può solo chiarire tutti gli effetti, sia desiderati che indesiderati, di una data politica e lasciare che le autorità decidano se i benefici in termini di un obiettivo compensino i costi da sostenere in termini di un altro obiettivo. Quando ci sono più politiche alternative, gli economisti possono confrontare l efficacia relativa ditali diverse politiche e pronunciarsi sull alternativa migliore. In tal caso è possibile affermare che la politica A è preferibile alla politica.6 perché i suoi benefici sono superiori ai costi che genera in termini di tutti gli obiettivi dichiarati. D altra parte, se le stesse due politiche alternative risultano rispettivamente le migliori alternative possibili per due obiettivi diversi, tutto ciò che l economista può fare è illustrare la situazione e lasciare la decisione all autorità. Nella società si manifestano «trade-off» tra obiettivi economici. Ad esempio l obiettivo dell efficienza può entrare in conflitto con quello dell equità sociale. È un esempio di costo-opportunità: il costo di raggiungere un obiettivo può implicare il sacrificio di un altro. L esistenza di tali trade-off implica che le autorità di politica economica non possano raggiungere tutti gli obiettivi ma debbano scegliere quali perseguire e a quali rinunciare. 146

13 4. INTERVENTO PUBBLICO: TASSE E SUSSIDI Tasse e sussidi risolvono il problema delle esternalità? In che modo lo stato può far fronte ai fallimenti del mercato? A un estremo, può sostituirsi completamente al mercato, fornendo direttamente beni e servizi. Una filosofia compatibile con l economia di mercato, invece, è quella di indurre i soggetti privati, quali i produttori, i consumatori o i lavoratori, a comportarsi in un certo modo, ricorrendo a tasse, sussidi, leggi e autorità di regolamentazione. Esaminiamo ora queste forme di intervento pubblico L uso di tasse e sussidi Lo strumento preferito da molti economisti è costituito da tasse e sussidi. Tali strumenti hanno due effetti principali: a) promuovono un più elevato benessere sociale modificando il livello e/o la composizione di produzione e consumo; b) permettono una redistribuzione del reddito. Concentriamoci qui sul primo obiettivo, lasciando invece a corsi più specialistici lo studio del secondo. La presenza di imperfezioni nei mercati impedisce la massimizzazione del benessere sociale: il beneficio marginale sociale (BMG S,) non uguaglia il costo marginale sociale (CMG S ). Ne risulta che, dal punto di vista sociale, occorre modificare il livello di output. E possibile utilizzare tasse e sussidi per correggere queste imperfezioni, seguendo essenzialmente il seguente approccio: prevedere l imposizione di tasse sui beni prodotti in quantità eccessiva e quella di sussidi sui beni prodotti in quantità insufficiente Tasse e sussidi per correggere le esternalità La regola in questo caso è semplice: per correggere l esternalità lo stato deve imporre una tassa uguale alla differenza tra costo marginale sociale e costo marginale privato, ovvero accordare un sussidio uguale alla differenza tra beneficio marginale sociale e beneficio marginale privato. Se, ad esempio, un azienda chimica emette fumi nocivi, inquinando in tal modo l atmosfera, essa genera un esternalità negativa per chi respira quei fumi. Il costo marginale sociale della produzione chimica eccede quindi il costo marginale privato per l impresa: CMG S >CMG. Questo caso è illustrato nella figura 6.5. Il costo marginale dell inquinamento (l esternalità) è dato dalla distanza verticale tra le curve CMG e CMG S. Per semplicità, si assume che l impresa sia price-taker e che dunque produca q 1 dove p = CMG (l output che massimizza il suo profitto); in tal modo essa però non tiene conto del costo dell inquinamento che impone alla società. Imponendo una tassa t per ogni unità prodotta pari al costo marginale dell inquinamento imposto sulla società, lo stato riesce a internalizzare efficacemente l esternalità. L impresa dovrà pagare una somma pari al danno sociale dovuto all esternalità negativa che genera. Essa ora sceglierà di produrre la quantità q 2, vale a dire l output socialmente ottimo in corrispondenza del quale BMG S =CMG S,. Questo tipo di tassa è nota come tassa di Pigou, dal nome dell economista inglese che per primo propose questa manovra correttiva nel corso degli anni venti Tasse e sussidi per correggere il monopolio Se l aspetto del monopolio che il governo intende affrontare è dato dagli extraprofitti dell impresa, allora può imporre una tassa in somma fissa (lumpsum) sul monopolista, vale a dire una tassa indipendente dalla quantità prodotta o dal prezzo praticato. Una tassa in somma fissa, a differenza di una tassa proporzionale alla quantità prodotta (tassa specifica) o al ricavo dell impresa (tassa ad valorem), provoca un aumento dei costi fissi dell impresa e, di conseguenza, non influisce sul suo costo marginale e sulla quantità prodotta dal monopolista. Dato che il monopolista produce una 147

14 quantità inferiore all output socialmente efficiente, lo stato dovrebbe concedergli un sussidio specifico, in modo da incoraggiare una maggiore produzione. Tuttavia, per evitare un ulteriore aumento dei profitti del monopolista, si potrebbe accompagnare il sussidio specifico con una tassa in somma fissa. In tal modo viene corretta la distorsione sulla quantità prodotta dovuta al monopolio, senza però provocare un contestuale aumento dei profitti del monopolista Vantaggi di tasse e sussidi La ragione per cui molti economisti prediligono le tasse e i sussidi come strumenti per correggere le imperfezioni del mercato (specialmente le esternalità) è che essi sono compatibili con un economia di mercato. Tale soluzione, infatti, costringe le imprese a internalizzare i costi sociali delle proprie attività. Inoltre presenta anche il vantaggio di essere flessibile e rapidamente aggiustabile secondo la dimensione del problema: quanto maggiore è la differenza tra costo marginale sociale e costo marginale privato, tanto maggiore sarà l ammontare della tassa. Tale sistema ha anche il pregio di indurre comportamenti desiderabili nel lungo periodo. Ad esempio, le imprese costrette a pagare una tassa per le loro pratiche inquinanti sono incoraggiate a individuare tecnologie più accettabili dal punto di vista sociale. La tassa agisce quindi anche come incentivo a ridurre l inquinamento nel lungo periodo: quanto più l impresa riesce a ridurre l inquinamento che genera, tanto minore sarà l ammontare di tasse che dovrà pagare. Allo stesso modo, quando lo stato sussidia attività che danno luogo a esternalità positive, le imprese hanno incentivo ad aumentarne il livello Svantaggi di tasse e sussidi Impossibilità di imporre tasse o sussidi diversi. Ogni impresa produce diversi tipi e livelli di esternalità e opera in presenza di diversi gradi di concorrenza imperfetta. Dal punto di vista amministrativo sarebbe molto difficile e costoso, se non addirittura impossibile, imporre a ciascuna impresa la sua aliquota specifica particolare (o concedere un particolare sussidio specifico). Anche nel caso dell inquinamento, sarebbe necessario utilizzare diverse aliquote per ciascuna impresa che inquina, quando è possibile misurarne le emissioni, differenziate anche in base alla capacità dell impresa di assorbire l inquinamento senza scaricarlo all esterno e al numero di persone danneggiate. L uso congiunto di tasse in somma fissa e di sussidi specifici al fine di correggere le distorsioni del monopolio su quantità prodotta e profitti il più delle volte risulta impraticabile. Dato che le curve dei costi e dei ricavi sono sostanzialmente diverse da un impresa all altra, bisognerebbe ancora 148

15 utilizzare diversi livelli di tassazione e di sussidio per impresa. Per amministrare un sistema fiscale così complesso, il governo dovrebbe assumere un esercito di ispettori. Difficoltà nel determinare tasse e sussidi. Anche se lo stato decidesse di imporre una tassa diversa da impresa a impresa uguale al suo costo marginale esterno, sarebbe comunque difficile misurare tali costi e accertare la responsabilità della singola impresa. Il danno causato dalle piogge acide a laghi e foreste ha destato preoccupazione sin dall inizio degli anni ottanta. Ma quanto grave è tale danno e quanto durano i suoi effetti? Qual è il suo costo monetario effettivo? Chi sono i responsabili? A queste domande è necessario rispondere con precisione. E perciò impossibile fissare in modo equo la tassa sull inquinamento, ad esempio, di una centrale elettrica a carbone. Nonostante questi problemi, è pur sempre possibile far pagare alle imprese per le emissioni che producono. Ad esempio, esse potrebbero pagare il fumo prodotto dalle loro ciminiere in proporzione all inquinamento da esse realizzato. Sebbene la misura ditale proporzione sia imprecisa, legare la tassazione al danno sociale prodotto rappresenta pur sempre un modo per internalizzare l esternalità. 149

16 5. INTERVENTO PUBBLICO: LEGGI E REGOLAMENTAZIONI Lo stato dovrebbe impedire il comportamento scorretto delle grandi imprese? 5.1. Leggi che vietano o che regolamentano situazioni o comportamenti non desiderabili. Spesso le leggi sono utilizzate per correggere le imperfezioni del mercato. Tali leggi sono principalmente di tre tipi: leggi che proibiscono o regolamentano comportamenti che generano esternalità negative, leggi che scoraggiano le imprese dal fornire informazioni false o fuorvianti e leggi che regolamentano monopoli e oligopoli o che ne impediscono la costituzione Vantaggi delle restrizioni legali Sono solitamente semplici, di facile comprensione e spesso relativamente facili da amministrare. In questo modo, ad esempio, è possibile vietare o limitare numerose attività inquinanti. Quando si ritiene che il pericolo legato a una serie di comportamenti (ad esempio, l uso di diversi composti chimici inquinanti) sia molto serio, o quando la sua entità non è ancora nota, potrebbe essere molto più sicuro vietarli per legge invece di ricorrere alla tassazione. Quando è necessario decidere in fretta si può realizzare un piano di emergenza. Ad esempio, in una città come Atene è stato ritenuto più semplice vietate o limitare l uso di automobili private durante i periodi di emergenza da inquinamento da smog che tassarne l uso. Dal momento che i consumatori, che hanno un informazione incompleta, sono contrattualmente deboli, le leggi che li proteggono possono rendere illegale la vendita di prodotti non sicuri o di scarsa qualità, o la pubblicità ingannevole Svantaggi delle restrizioni legali Il problema principale è che le restrizioni legali tendono ad essere armi piuttosto deboli senza un meccanismo che assicuri l osservanza delle norme. Se, ad esempio, un impresa fosse costretta a ridurre gli scarichi di un composto chimico inquinante in misura pari a 20 tonnellate la settimana, essa non avrebbe alcun incentivo a farlo, a meno che non vi sia un autorità di controllo che applichi forti penalità in caso di inosservanza. Al contrario, se viene imposta una tassa sugli scarichi, quanto più l impresa riduce le emissioni, tanto meno tasse dovrà pagare. La tassazione specifica genera quindi un incentivo continuo a ridurre l inquinamento e a migliorare la sicurezza della tecnologia Istituzioni preposte alla regolamentazione Invece di ricorrere al debole strumento delle restrizioni legali per vietare o limitare diverse attività, si può seguire un approccio più sottile che prevede l istituzione di agenzie di regolamentazione. Una volta identificati i possibili casi di intervento (ad esempio, potenziali casi di inquinamento, di informazioni ingannevoli odi abuso di potere monopolistico), l autorità di regolamentazione dovrebbe condurre un inchiesta e preparare una relazione con i risultati ottenuti dall indagine e le sue proposte di intervento. Potrebbe anche essere investita del potere di rendere esecutive le sue decisioni. In quasi tutti i paesi industrializzati esistono istituti di regolamentazione nei principali settori dei servizi di pubblica utilità (come ad esempio in Italia l Autorità per l energia elettrica e il gas e l Autorità per le garanzie nelle comunicazioni). Un altro esempio è dato dalle autorità antitrust che operano a tutela della concorrenza sui mercati. L Autorità garante della concorrenza e del mercato è stata istituita in Italia nel 1990 e si occupa di indagare i casi di violazione della concorrenza, nella forma di intese, abusi di posizione dominante, concentrazioni e pubblicità ingannevole. Il vantaggio delle autorità di regolamentazione rispetto alle restrizioni legali è che le prime sono in grado di applicare la filosofia del caso per caso, tenendo conto di tutte le circostanze specifiche, con 150

17 il risultato che può essere individuata più facilmente la soluzione appropriata. I problemi di questo approccio, tuttavia, sono che: a) le indagini possono essere costose e richiedere molto tempo; b) solo pochi casi possono essere esaminati con il necessario approfondimento; c) le imprese incriminate possono promettere di tenere un comportamento corretto senza che l istituto di regolamentazione possa effettivamente controllare l implementazione delle restrizioni comminate. 151

18 6. ALTRE FORME DI INTERVENTO PUBBLICO Quali altri strumenti sono a disposizione dello stato? 6.1. Estendere 11 contenuto del diritto di proprietà Una causa dei fallimenti del mercato è data dalla natura del diritto di proprietà. Se qualcuno scarica dei detriti nel vostro giardino, la legge sicuramente vi protegge. È il vostro giardino, la vostra proprietà, pertanto potete pretendere che i detriti siano rimossi. Se tuttavia qualcuno scarica un ammasso di detriti nel proprio giardino, ma confinante con il vostro, cosa potete fare? La vista dalla vostra finestra potrebbe esserne compromessa, ma non avete alcun diritto di proprietà sul giardino confinante. Il diritto di proprietà definisce chi ha la proprietà, gli usi che si possono fare di un particolare bene, i diritti altrui e le modalità di trasferimento. Estendendo il contenuto ditale diritto, è possibile impedire che altri impongano costi aggiuntivi al proprietario, o obbligarli a indennizzarlo se lo fanno. Tuttavia, in molti casi questo tipo di soluzione è del tutto impraticabile. Lo è quando gli individui colpiti sono molti e subiscono un leggero svantaggio, specialmente se i costi indesiderati vengono imposti da un gruppo numeroso di persone. Ad esempio, se fossi disturbato da camion rumorosi che passano vicino casa, non sarebbe possibile negoziare con ciascuna compagnia di trasporti coinvolta. Cosa potrei fare se volessi impedire che i camion passino lungo la strada dove abito, ma il mio vicino preferisse far pagare loro un pedaggio? L estensione del diritto di proprietà diventa una soluzione praticabile quando le persone che impongono costi sono poche, facilmente identificabili e responsabili di costi sociali ben definiti. In questo modo potrebbe essere approvata una legge in materia di riduzione dell inquinamento acustico che mi permetta di impedire ai vicini di ascoltare radio ad alto volume, di organizzare feste rumorose o di turbare in altri modi la quiete della mia casa. Dovrei essere io, parte lesa, a denunciare questi reati all autorità competente; potrei rinunciare a sporgere denuncia qualora mi venga offerta un adeguata compensazione. Ma anche in casi in cui sono coinvolte poche persone potrebbe presentarsi il problema dell azione legale. La parte lesa che ha l onere della prova deve sostenere costi e dedicare tempo per intraprendere l azione legale, e poiché quest ultima non è gratuita, chi è ricco si trova in posizione avvantaggiata, anche perché può ingaggiare i migliori avvocati. Quindi, anche se ho il diritto di citare in giudizio un impresa di grandi dimensioni che scarica rifiuti tossici vicino a casa mia, potrei non avere i mezzi per vincere la causa. Si pone infine la questione dell equità. L estensione del diritto di proprietà privata può favorire le persone più ricche (che tendono ad avere più proprietà) a spese di quelle povere, Il proprietario di una tenuta di campagna potrebbe non gradire che vi passino degli estranei; tuttavia, un eventuale estensione dei diritti di proprietà in modo da escludere il loro passaggio determina effettivamente un incremento del benessere sociale? È certamente possibile risolvere le questioni di equità modificando il contenuto del diritto di proprietà, ma in modo diverso rispetto a quanto finora indicato. Si potrebbero estendere proprietà pubbliche come parchi, spazi aperti, biblioteche ed edifici storici. La proprietà dei ricchi potrebbe essere redistribuita ai poveri, nel qual caso la questione non riguarderebbe tanto i diritti che la proprietà conferisce, quanto piuttosto la variazione della proprietà stessa Maggiore informazione Quando il fallimento del mercato è dovuto a un asimmetria informativa, la fornitura diretta di informazioni da parte del governo odi un agenzia pubblica può correggere tale distorsione. Un esempio è rappresentato dagli uffici di collocamento che forniscono informazioni sui posti di lavoro disponibili, contribuendo a un miglior funzionamento del mercato del lavoro e aumentando l elasticità dell offerta di lavoro. Altri esempi sono costituiti dalle informazioni fornite ai consumatori ad esempio, sugli effetti del fumo o sull assunzione di alcuni alimenti o anche le 152

19 statistiche ufficiali su prezzi, costi, occupazione, andamenti delle vendite, ecc., che consentono alle imprese di pianificare l attività con maggior certezza Fornitura diretta di beni e servizi Per quanto riguarda beni e servizi pubblici, come strade, marciapiedi, illuminazione pubblica e difesa nazionale, il mercato può fallire completamente e non garantirne affatto la fornitura. In questo caso lo stato, gli enti locali o le agenzie pubbliche dovrebbero assumersi l incarico di fornire direttamente tali beni ai cittadini, oppure pagare imprese private per farlo al posto loro. I cittadini pagherebbero l utilizzo di tali beni o servizi attraverso l imposizione fiscale, a livello sia centrale che locale. Ma in che quantità dovrebbero essere forniti i beni pubblici? Come si può identificare il livello di domanda pubblica o di pubblico bisogno? I consumatori dovrebbero pagare interamente quanto consumato? Analizziamo il caso di un bene pubblico puro: una volta che questo viene fornito, il costo marginale di ogni unità aggiuntiva è nullo. Prendiamo l esempio di un faro: una volta costruito e funzionante, non bisogna sostenere alcun costo per permettere a una nave in più di beneficiarne. Anche se fosse possibile far pagare alle navi ciascun passaggio, non sarebbe comunque socialmente desiderabile. Se non vi sono esternalità negative collegate al passaggio di una nave, infatti, il costo marginale sociale è zero. Quindi BMG S = CMG S in corrispondenza di un prezzo uguale a zero. Zero è quindi il prezzo socialmente efficiente. Come ci si dovrebbe regolare nel caso della costruzione di un nuovo bene pubblico, come una nuova strada o un nuovo faro? Come fa lo stato a prendere una decisione razionale? In questo caso il costo marginale non è zero: nuove strade e nuovi fari richiedono denaro per essere costruiti. La soluzione è identificare tutti i costi e benefici del progetto per la società ed effettuarne una valutazione complessiva. Questo metodo è noto come analisi costi-benefici. Esso viene impiegato per valutare la desiderabilità di molti progetti pubblici. Se i benefici sociali del progetto eccedono i costi sociali, allora la sua realizzazione aumenta il benessere sociale. Lo stato, però, potrebbe decidere di fornire direttamente anche beni e servizi che non sono beni pubblici puri (ad esempio, la sanità e l istruzione). Ci sono quattro motivi per cui tali beni sono forniti gratuitamente o sotto costo. Giustizia sociale. La società potrebbe ritenere che tali beni non debbano essere forniti in base alla capacità di acquisto, ma di diritto, in base alla necessità individuale. Forti esternalità positive. Persone diverse dal consumatore potrebbero beneficiare del bene o del servizio; ad esempio, se una persona con una malattia infettiva viene curata, altri avranno il vantaggio di non essere contagiati. Un servizio sanitario gratuito, quindi, contribuisce a combattere la diffusione delle malattie. Individui dipendenti da decisioni altrui. Se l istruzione non fosse gratuita e quindi la sua qualità dipendesse dal denaro speso, e se i genitori potessero decidere quanta acquistarne, allora la qualità dell istruzione dei figli dipenderebbe non soltanto dal reddito dei genitori, ma anche da quanto essi sono interessati all educazione dei figli. Il governo potrebbe quindi scegliere di fornire istruzione gratuita per proteggere i ragazzi dal comportamento di cattivi genitori. Simili argomentazioni valgono nel caso della fornitura gratuita di medicinali e cure dentistiche a tutti i bambini. Ignoranza. I consumatori potrebbero non rendersi conto del beneficio effettivo che trarrebbero da un dato bene. Se dovessero pagare, potrebbero decidere erroneamente di non utilizzare quel bene. La fornitura gratuita di cure mediche può persuadere le persone a consultare i medici prima che un sintomo diventi serio. 153

20 7. PIÙ O MENO INTERVENTO PUBBLICO? Lo stato può aggiustare sempre le cose? L intervento pubblico per rimediare ai fallimenti del mercato può a sua volta creare dei problemi. Il non intervento («laissez faire») o un intervento molto limitato non sono giustificati dalla fiducia nel mercato, ma piuttosto dal fatto che i problemi generati dall intervento pubblico in genere sono maggiori dei problemi che esso vuole risolvere Effetti negativi dell intervento pubblico Eccessi di domanda ed eccessi di offerta. Intervenendo per fissare i prezzi a livelli diversi da quelli di equilibrio, lo stato crea eccessi di domanda o di offerta (si veda cap. 3, par. 6). Se il prezzo viene fissato al di sotto del livello di equilibrio, ci sarà un eccesso di domanda. Ad esempio, se l affitto di case popolari è fissato al di sotto del livello di equilibrio al fine di fornire case ai poveri, la domanda sarà superiore all offerta. In questo caso lo stato dovrà ricorrere al razionamento, alle liste di attesa, ecc., o garantire ad alcuni un trattamento preferenziale. Oppure ancora potrà decidere di adottare un sistema basato sull ordine di arrivo, o permettere la formazione di code. E molto probabile che in queste situazioni si formi il mercato nero. Se invece il prezzo è fissato a un livello superiore all equilibrio, ci sarà un eccesso di offerta. Ad esempio, se il prezzo di generi alimentari è superiore al livello di equilibrio per sostenere i redditi degli agricoltori, l offerta eccederà la domanda. Il governo allora potrebbe decidere di comprare l eccedenza, di venderla a prezzo inferiore su un altro mercato o di adottare una politica delle scorte; alternativamente potrà razionare i produttori consentendo loro di produrre solo una data quota. Scarsa informazione. Lo stato può non conoscere tutti i costi e i benefici delle sue politiche. Potrebbe voler genericamente perseguire gli interessi dei consumatori o della società nel suo complesso e allo stesso tempo non essere a conoscenza dei desideri dei cittadini o interpretare male il loro comportamento. Burocrazia e inefficienza. L intervento dello stato genera costi amministrativi. Quanto più ampio e dettagliato è l intervento, tanto maggiore è il numero di persone e la quantità di risorse necessarie. Tali risorse possono essere male utilizzate. Mancanza di incentivi di mercato. Se l intervento pubblico indebolisce le forze di mercato o ne limita gli effetti (attraverso sussidi, prezzi o salari garantiti, ecc.), può altresì rimuovere utili incentivi. Ad esempio, i sussidi potrebbero consentire a imprese inefficienti di sopravvivere; l assistenza sociale potrebbe scoraggiare l impegno individuale, Il mercato sarà anche imperfetto, ma tende a ricompensare l impegno e incoraggiare l efficienza fornendo all individuo più efficiente remunerazioni maggiori. Variazioni della politica pubblica. Variazioni troppo frequenti delle modalità d intervento pubblico nell economia possono danneggiare le industrie. Infatti, è difficile per le imprese pianificare la propria attività senza poter prevedere le aliquote, i sussidi, i prezzi, i salari minimi, ecc. Assenza di libertà individuale. L intervento dello stato riduce la libertà degli individui nel prendere decisioni economiche. Non tanto perché il perseguimento degli interessi individuali porta al benessere collettivo, quanto per la desiderabilità in sé della massima libertà degli individui nel perseguire i propri interessi con la minima interferenza pubblica, essendo tale minimo confinato all imposizione di leggi che proteggano la vita, la libertà e la proprietà privata Vantaggi del libero mercato Nonostante i mercati siano in realtà lungi dall essere perfetti, essi presentano comunque vantaggi rispetto alla fornitura o alla regolamentazione pubblica. 154

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza economica

Equilibrio generale ed efficienza economica Equilibrio generale ed efficienza economica Analisi dell equilibrio generale Efficienza nello scambio Equità ed efficienza Panoramica sull efficienza nei mercati concorrenziali Perché i mercati falliscono

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato Esternalità I fallimenti del mercato Esternalità Quando una transazione tra un compratore e un venditore condiziona direttamente una terza parte, l effetto che questa subisce viene detto esternalità. In

Dettagli

Le ragioni dell intervento pubblico

Le ragioni dell intervento pubblico Le ragioni dell intervento pubblico 1. COME VALUTARE GLI ESITI DEL MERCATO PRIVATO E DELL INTERVENTO PUBBLICO (L OTTIMO SOCIALE) 2. QUANDO IL MERCATO REALIZZA L OTTIMO SOCIALE 3. QUANTO IL MERCATO FALLISCE

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli

Efficienza, equità e politica economica

Efficienza, equità e politica economica Efficienza, equità e politica economica Abbiamo ora alcuni strumenti (metodologici) che l economia ci offre per analizzare in modo consapevole alcuni effetti che possono derivare da certe misure di POLITICA

Dettagli

Il sistema fiscale. Teoria

Il sistema fiscale. Teoria Il sistema fiscale Teoria Il sistema fiscale: aspetti generali I fallimenti del mercato ci dicono che una serie di beni devono essere prodotti dallo Stato per ragioni di efficienza: difesa (beni pubblici);

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3]

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.4: I fallimenti del mercato [1:cap.3] Docente: Antonio Lopolito tel. 0881-589.417

Dettagli

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 7 Efficienza e scambio Pareto-efficienza L efficienza in senso economico ha una definizione ristretta che prende il nome da un economista italiano (Vilfredo Pareto) una allocazione è efficiente

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus omanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus Il comportamento dei consumatori relativamente ad un certo bene viene, come noto, descritto di solito tramite una curva di domanda: una curva

Dettagli

Lezione 4. Offerta, domanda e analisi di politica economica

Lezione 4. Offerta, domanda e analisi di politica economica Lezione 4. Offerta, domanda e analisi di politica economica Lo Stato può modificare l esito di mercato in due modi fondamentali: regolamentandone l attività (prezzi o quantità massimi o minimi) imponendo

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 ECONOMIA POLITICA TESTO R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 (capp. 2,3,4,5,6,7,8,9,12,13,14,16,17,20,23) introduzione alla

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Beni pubblici Esternalità

Beni pubblici Esternalità Beni pubblici Esternalità Corso di Politica economica a.a.2013-14 prof. Angelo Quarto 1 Economia e risorse scarse L economia si occupa dell allocazione ottimale delle risorse scarse: ossia tra usi alternativi

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

Concetti introduttivi

Concetti introduttivi Concetti introduttivi L Economia studia come gli individui, le imprese, il governo e le altre organizzazioni nella società, formulino le proprie scelte e come queste scelte determinino l utilizzo delle

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A COMPITO TIPO A - QUESTO TESTO DEVE ESSERE RI-CONSEGNATO Cognome: Nome: Matricola: AVVISI IMPORTANTI 1. PROPEDEUTICITA : ogni voto assegnato PRIMA di aver superato gli

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere 1.1 Antonio (A) e Bice (B) consumano due beni, yogurt (y) e wafer (w). I due beni

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Tratto dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

Capitolo 10 Potere di mercato: Monopolio e Monopsonio

Capitolo 10 Potere di mercato: Monopolio e Monopsonio Temi da discutere Capitolo 10 Potere di mercato: e Monopsonio Potere di monopolio Fonti del potere monopolistico Il costo sociale del potere monopolistico Temi da discutere Concorrenza perfetta Monopsonio

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 2 LEZIONE LE RAGIONI DELL INTERVENTO PUBBLICO (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P.

Dettagli

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 9 Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato Forme di concorrenza imperfetta Esistono tre forme di concorrenza imperfetta: 1) Monopolio una singola impresa tratta con molti acquirenti;

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia L oggetto di studio della scienza

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

massimizzazione del benessere sociale

massimizzazione del benessere sociale POLITICA ECONOMICA A.A. 2011-2012 Prof. Francesca Gastaldi TEORIA DELL ECONOMIA DEL BENESSERE (1930-1950) che studia il funzionamento di una economia di produzione e di scambio domandandosi quale debba

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

LA POLITICA MICROECONOMICA I

LA POLITICA MICROECONOMICA I capitolo 6-1 LA POLITICA MICROECONOMICA I LA POLITICA MICROECONOMICA MIRA A REALIZZARE OBIETTIVI DI EFFICIENZA ED EQUITA OPERANDO (A SECONDA DEI CASI) PER: ASSICURARE ESISTENZA E FUNZIONAMENTO DEI MERCATI

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Le cause delle distorsioni Concorrenza insufficiente Rendimenti crescenti di scala

Dettagli

I beni pubblici. Fallimenti del mercato

I beni pubblici. Fallimenti del mercato I beni pubblici Fallimenti del mercato Introduzione Esistono beni che non vengono offerti da imprese private ma, in misura ed in modi diversi, vengono offerti dal settore pubblico. Es. la difesa nazionale,

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Economia dell Informazione. Cap. 12

Economia dell Informazione. Cap. 12 Economia dell Informazione Cap. 12 Informazione completa Significa che non esistono gap informativi rispetto a nessuna delle situazioni connesse agli scambi: sui beni disponibili, sui loro prezzi, sulla

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato I fallimenti del mercato Diritti di proprietà ed esecuzione dei contratti Anche in un economia ideale, caratterizzata da concorrenza perfetta ed efficienza paretiana, gli economisti più liberisti riconoscono

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa 1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa L esecuzione delle operazioni necessarie all impresa per svolgere il suo compito, cioè combinare fattori di produzione per ottenere un profitto, richiede

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

Lezione XI: Relazioni verticali

Lezione XI: Relazioni verticali Lezione XI: Relazioni verticali In molti casi i clienti delle imprese non sono consumatori finali ma altre imprese (intermediarie o di trasformazione): si pen- si alla catena produttore/grossista/dettagliante

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Relazioni verticali Introduzione Vantaggi e svantaggi dell integrazione

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Essendo volontario, lo scambio avviene se almeno un certo numero di partecipanti ottiene un certo grado di soddisfazione.

Essendo volontario, lo scambio avviene se almeno un certo numero di partecipanti ottiene un certo grado di soddisfazione. Giuseppe Bertola Il mercato Il Mulino 2011 Cap.1 Gli ingredienti del mercato Lo scambio volontario tra persone è fonte di enormi benefici. Essendo volontario differisce nelle motivazioni dal furto e dal

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2.

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2. CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO 1. Scarsa numerosità degli operatori 2. Rendimenti di scala crescenti 3. Barriere o costi di entrata e uscita A. Mercati non concorrenziali 4. Presenza di accordi e intese

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

8. ESTERNALITÀ, BENI PUBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA

8. ESTERNALITÀ, BENI PUBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA 8. ESTERNALITÀ, BENI UBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA 8.1. Un fenomeno di esternalità positiva può essere segnalato, in equilibrio di concorrenza perfetta, dal fatto che 1) Il beneficio marginale sociale

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

Esercitazione 2 di Economia Pubblica CLEF Soluzioni Tutor Dottor Matteo Maria Cati A.A.: 2012-2013

Esercitazione 2 di Economia Pubblica CLEF Soluzioni Tutor Dottor Matteo Maria Cati A.A.: 2012-2013 Esercitazione 2 di Economia Pubblica CLEF Soluzioni Tutor Dottor Matteo Maria Cati A.A.: 2012-2013 Esercizio 1: Esternalità Un impresa A adotta un sistema di produzione rumoroso, che genera un inquinamento

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Economia e Politica economica nei mercati globali

Economia e Politica economica nei mercati globali Economia e Politica economica nei mercati globali Prof. S. Papa Management e comunicazione d impresa Facoltà di Scienze della Comunicazione Prima parte Teoria del commercio internazionale Argomenti Teoria

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Tipologie di discriminazione Prezzi non

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Il commercio internazionale (cap. 12)

Il commercio internazionale (cap. 12) Il commercio internazionale (cap. 12) Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali I vantaggi

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Lezione 4: l'approccio economico tradizionale ai diritti di proprietà intellettuale. Il confronto tra gli incentivi in concorrenza e in monopolio.

Lezione 4: l'approccio economico tradizionale ai diritti di proprietà intellettuale. Il confronto tra gli incentivi in concorrenza e in monopolio. Lezione 4: l'approccio economico tradizionale ai diritti di proprietà intellettuale. Il confronto tra gli incentivi in concorrenza e in monopolio. 1) Approccio economico tradizionale alla questione della

Dettagli

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 33/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 33/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 33/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento

Dettagli