KIT DIDATTICO B - PERCORSO SPECIFICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "KIT DIDATTICO B - PERCORSO SPECIFICO"

Transcript

1 KIT DIDATTICO B - PERCORSO SPECIFICO Numero e contesto degli interventi formativi: 10 incontri da ciascuno MODULO 1 CDCA Criticità ambientali presenti sul territorio di Frosinone, impatti sull'agricoltura locale e presenza sul territorio di buone pratiche Competenze in uscita e conoscenze Conoscenza delle principali criticità ambientali sul territorio Capacità di individuare il nesso tra le emergenze ambientali e le contaminazioni e gli impatti possibili sul settore agricolo Conoscenza delle alternative già messe in atto sul territorio Obiettivi del modulo Sensibilizzare i ragazzi sul tema delle emergenze ambientali Fornire ai ragazzi gli strumenti conoscitivi per comprendere gli impatti di tali emergenze sul settore agricolo Sensibilizzare i ragazzi sull'esistenza di pratiche agricole alternative in grado di assumere la funzione di presidio ambientale oltre che di impresa agricola remunerativa. UD1 Le emergenze ambientali legate alla contaminazione dei terreni e delle falde acquifere e il loro impatto sulle attività agricole. UD2 Casi studio di emergenza ambientale nel territorio del Frosinate e del Lazio. UD3 Le buone pratiche ambientali in agricoltura nel Frosinate e nel Lazio. Confronto di gruppo sui contenuti Materiali: documenti, video e presentazioni in

2 MODULO 2 A SUD Gestione sostenibile delle risorse naturali e agricoltura a basso impatto ambientale Competenze in uscita e conoscenze Conoscenza delle tecniche agricole eco-sostenibili Conoscenza delle tecniche di agricoltura integrata e biologica Obiettivi del modulo Fornire ai ragazzi la consapevolezza che la crescita economica deve attuarsi entro i limiti delle possibilità ecologiche degli ecosistemi e delle loro capacità di soddisfare i bisogni delle generazioni future Informare i ragazzi sui vantaggi delle tecniche colturali a ridotto impatto ambientale UD1 Metodi e tecniche che riducono gli effetti inquinanti dell agricoltura con particolare attenzione alla produzione biologica e alla lotta integrata e alle forme di conduzione dei terreni agricoli compatibili con la tutela dell ambiente.. UD2 Pianificazione ambientale della produzione agricola con particolare riferimento alla tutela di ambienti agricoli ad alto valore naturalistico e alla salvaguardia del paesaggio, la conservazione delle razze locali e alla salvaguardia delle risorse genetiche minacciate. UD3 L'agricoltura come presidio ambientale: Metodi di agricoltura integrata e biologica quali strumenti per la salvaguardia dell ambiente e del perseguimento di politiche per lo sviluppo sostenibile dell agricoltura Materiali: analisi di documenti e presentazioni in MODULO 3 AGRICOLTURA CAPODARCO Agricoltura e impresa sociale Competenze in uscita e conoscenze Conoscenza dei principi generali dell agricoltura sociale; Conoscenza delle principali esperienze dell agricoltura sociale; Conoscenza delle politiche regionali di promozione dell agricoltura e del sociale (PSR, Piano regionale politiche sociali) Obiettivi del modulo Trasmettere una conoscenza generale sui principi, la nascita e sviluppo dell agricoltura sociale Fornire strumenti di valutazione e confronto dei modelli operativi e organizzativi tra azienda agricola tradizionale

3 e impresa agricola biosociale Fornire informazioni sulla progettazione di interventi di agricoltura sociale UD 1 - definizione agricoltura sociale UD 2 - buone prassi e strategie di promozione UD 3 - le politiche regionali di agricoltura sociale Didattica frontale con ausili e spazio/tempo per il confronto con allievi Materiali: documenti, video e presentazioni in MODULO 4 AGRICOLTURA CAPODARCO Competenze in uscita e conoscenze Come fare impresa nel settore sociale e solidaristico a partire dall'agricoltura sociale e dagli orti sociali Conoscenza dei sistemi di integrazione degli interventi agricoli, sanitari, sociali Conoscenza degli strumenti per la realizzazione di interventi integrati (protocolli d intesa, convenzioni) Conoscenza di specifiche normative sull impresa sociale Obiettivi del modulo Trasmettere una conoscenza specifica sulle diverse opportunità di integrazione dell agricoltura sociale; Fornire strumenti di progettazione degli interventi integrati : Fornire conoscenze degli strumenti per realizzare gli inserimenti socio lavorativi delle persone svantaggiate UD 1 - L agricoltura sociale e le politiche socio sanitarie UD 2 - Agricoltura sociale e Piani di Zona sociali UD 3 - Le politiche di inserimento socio-lavorativo Didattica frontale con ausili e spazio/tempo per il confronto con allievi Materiali: documenti, video e presentazioni in

4 MODULO 5 A SUD Cultura dell accoglienza, gestione del gruppo e risoluzione dei conflitti Competenze in uscita e conoscenze Conoscenza delle dinamiche inerenti l accoglienza di persone con particolari bisogni nei gruppi di lavoro Conoscenza generale della gestione dei gruppi e dei conflitti Obiettivi del modulo Sensibilizzare sulla cultura del rispetto delle diversità Trasmettere conoscenze specifiche e strumenti operativi sulla gestione di gruppi e dei conflitti UD 1 Cultura dell accoglienza: il rapporto con le persone con particolari bisogni; UD 2 La gestione del gruppo e la gestione dei conflitti, gioco di ruolo Materiali: documenti, video e presentazioni in MODULO 6 AGRICOLTURA CAPODARCO Costruzione della rete territoriale, come saper fare rete e consolidare sinergie sul territorio Competenze in uscita e conoscenze Conoscenza del lavoro di rete; Conoscenza del lavoro interdisciplinare; Conoscenza dei sistemi di commercializzazione diretta produttore consumatore; Obiettivi del modulo Trasmettere conoscenze specifiche sul lavoro di rete Fornire strumenti e conoscenza per la progettazione di una rete commerciale UD 1 - I nodi di una rete territoriale UD 2 - le relazioni tra impresa sociale, Pubblica Amministrazione, imprese profit e cittadini UD 3 - Una diversa rete commerciale (dal produttore al consumatore responsabile, i GAS) Didattica frontale con ausili e spazio/tempo per il confronto con allievi Materiali: documenti, video e presentazioni in

5 MODULO 7 ECOSISTEMI per CESES Green jobs e i nuovi mestieri legati alla terra Competenze in uscita e conoscenze Conoscenza delle nuove professioni green Capacità di individuare lavori innovativi attraverso il trasferimento delle competenze dall ottica tradizionale a quella dello sviluppo sostenibile Competenze su nuove tecnologie e approfondimento sulla filiera agroalimentare Obiettivi del modulo Sensibilizzare i ragazzi sul tema dei green jobs Fornire ai ragazzi un quadro completo delle professioni green con particolare riguardo al settore agricolo Informare e formare i ragazzi sulle opportunità che il green jobs può sviluppare all interno del mercato del lavoro, e favorire la nascita di nuove competenze finalizzate a sviluppare e valorizzare le risorse e le potenzialità del territorio in un ottica innovativa e sostenibile. UD1 Concetto di green jobs e contesto di riferimento, l innovazione alla base delle nuove attività e nuove competenze professionali green UD2 I settori green che caratterizzano l economia italiana e le professionalità più richieste dal mercato UD3 Il settore dell agricoltura: analisi dei principali mestieri legati alla terra, dall agricoltore bio all account verde, gioco di ruolo sui green jobs Materiali: documenti, video e presentazioni in MODULO 8 ECOSISTEMI PER CESES Green Procurement Competenze in uscita e conoscenze Sensibilizzare i ragazzi sull importanza e l efficacia del green procurement a livello globale Competenze sulla riduzione degli sprechi e sulla riduzione degli impatti ambientali Capacità di inserire i criteri ecologici e sociali in particolare per le imprese sociali agricole Obiettivi del modulo Acquisire conoscenze base per comprendere la trasversalità e l influenza del green procurement Formare i ragazzi sul concetto e l utilità del green

6 procurement e sull utilizzo degli strumenti fondamentali per la sua attuazione UD1 Definizione di green procurement : focus sulla riqualificazione in senso ambientale e sociale della spesa per beni e servizi e l importanza per i cambiamenti climatici UD2 - La cassetta degli attrezzi: una panoramica sugli strumenti più utili per effettuare gli acquisti sostenibili UD3 Casi studio di acquisti sostenibili Questionario di valutazione collettiva con domande a risposta multipla in modalità partecipata Supporti didattici Presentazioni in power point, illustrazione di documenti sul green procurement MODULO 9 ECOSISTEMI PER CESES Come riorganizzare il servizio di ristorazione e distribuzione dei pasti secondo i criteri ecologici e sociali al fine di ridurne gli impatti ambientali Competenze in uscita e conoscenze Conoscenza dei criteri ecologici e sociali per il servizio di ristorazione Competenze utili per la valutazione degli aspetti Mensa sostenibile Capacità di inserire i criteri ecologici e sociali per la selezione dei candidati che espleteranno il servizio di mensa sostenibile Obiettivi del modulo Fornire gli strumenti utili per riorganizzare, valutare e selezionare il servizio di ristorazione I ragazzi saranno in grado di conoscere l importanza della riduzione degli impatti ambientali e le conseguenze benefiche per l ambiente a livello globale UD1 - I criteri ecologici e sociali per il servizio di ristorazione UD2 - La valutazione degli aspetti principali della Mensa sostenibile ad esempio: utilizzo di cibi e bevande biologici e provenienti dal circuito del commercio equo e solidale; somministrazione di pasti multiculturali; macchine da cucina a risparmio energetico; politiche di riduzione dei rifiuti, etc. UD3 - Esempi di Mense sostenibili in Italia Supporti didattici Questionario di valutazione collettiva con domande a risposta multipla in modalità partecipata Video, illustrazione di documenti di indagine sul settore di riferimento, presentazioni in power point

7 MODULO 10 A SUD / AGRICOLTURA CAPODARCO Dall'idea all'impresa: modalità di finanziamento pubblico, incentivi alle imprese sociali giovani e strategie di promozione dell'impresa sociale Competenze in uscita e conoscenze Conoscenza delle strategie di comunicazione e promozione dell'impresa Conoscenza dei vari canali di finanziamento pubblico alle nuove imprese sociali Obiettivi del modulo Fornire ai ragazzi le competenze necessarie a sviluppare una strategia di promozione per la propria impresa Informare i ragazzi sui vari canali di finanziamento, startup e incentivo alla creazione di nuove imprese sociali in agricoltura Fornire ai ragazzi le competenze necessarie ad accedere a bandi e opportunità di finanziamento UD1 Gli strumenti di comunicazione e promozione di un'impresa sociale agricola UD2 Le misure pubbliche di finanziamento a cui possono accedere le imprese sociali (bandistica; start-up; incentivi; canali di finanziamento europei). e laboratorio pratico Materiali: documenti e presentazioni in

Consultazione sulla Food Policy nelle 9 zone

Consultazione sulla Food Policy nelle 9 zone Consultazione sulla Food Policy nelle zone Ecco i principali temi emersi nelle discussioni sulla Food Policy avvenuta nelle zone di Milano tra il e il maggio 0 TEMA ZONA EDUCAZIONE Educazione alimentare

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA

IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : il SISTEMA AGROALIMENTARE come RISORSA per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA VERSO Gennaio 2014 A cura di: Fondazione Cogeme Onlus Federazione Provinciale Coldiretti

Dettagli

Politica Agricola Comune (PAC)

Politica Agricola Comune (PAC) Politica Agricola Comune (PAC) La Politica Agricola Comune (PAC) rappresenta l'insieme delle regole che l'unione europea, fin dalla sua nascita, ha inteso darsi riconoscendo la centralità del comparto

Dettagli

CREA: le politiche per l'agroalimentare e la carta di Milano: conflitti o sinergie?

CREA: le politiche per l'agroalimentare e la carta di Milano: conflitti o sinergie? CREA: le politiche per l'agroalimentare e la carta di Milano: conflitti o sinergie? EXPO: PARLATO (CREA), DA RICERCA STRUMENTI AGROALIMENTARI PER NUOVE POLITICHE 7591-08:10:15/14:52 - milano, (agra press)

Dettagli

L agricoltura sociale. dalla fragilità al progresso.. A cura della Segreteria Particolare del Consigliere Giuseppe Simeone Roma, 1 luglio 2015

L agricoltura sociale. dalla fragilità al progresso.. A cura della Segreteria Particolare del Consigliere Giuseppe Simeone Roma, 1 luglio 2015 L agricoltura sociale dalla fragilità al progresso.. A cura della Segreteria Particolare del Consigliere Giuseppe Simeone Roma, 1 luglio 2015 Il PSR 2007-2013: i risultati raggiunti Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Processi partecipativi per un economia locale sostenibile nel Parco Agricolo Sud Milano

Processi partecipativi per un economia locale sostenibile nel Parco Agricolo Sud Milano Engaging local communities in nature conservation developing toolbox L Aquila october 12, 2012 Processi partecipativi per un economia locale sostenibile nel Parco Agricolo Sud Milano Marisa Cengarle Forum

Dettagli

Progetto di legge n. 83/9^

Progetto di legge n. 83/9^ Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Progetto di legge n. 83/9^ Norme per il sostegno dei gruppi di acquisto solidale (GAS), dei gruppi organizzati per la domanda offerta, e la promozione

Dettagli

Scheda informative sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Veneto

Scheda informative sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Veneto Scheda informative sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Veneto Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Regione Veneto è stato formalmente adottato dalla Commissione Europea il 26

Dettagli

AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE

AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE Milano, 18 novembre 2014 Alessandro Pezzotta Struttura Programmazione ed attuazione dello sviluppo rurale PSR 2014-2020: OBIETTIVI - priorità 1: stimolare

Dettagli

Tema : Contrasto alla Violenza contro la Donna

Tema : Contrasto alla Violenza contro la Donna CONSIGLIO NAZIONALE DELEGATE 16-18 maggio 2014 TRIESTE Tema : Contrasto alla Violenza contro la Donna Segnalazioni : 1. inserimento nel BLOG del Sito Nazionale del Modello di Approccio Integrato al Contrasto

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR Indice dei contenuti 1. Premessa 2. Prima fase del percorso

Dettagli

Le misure del nuovo PSR

Le misure del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani ARIA- SUOLO: NOVITA' PER IL PSR 2014-2020 Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia

Dettagli

Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI. Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca

Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI. Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Il processo di programmazione a che punto siamo PARTENARIATO Strategia

Dettagli

CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM

CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM Il presente concorso offre a 30 imprese l opportunità di partecipare gratuitamente al Forum CompraVerde BuyGreen di Milano ed è rivolto a tutte le micro,

Dettagli

COMMERCIALIZZAZIONE E MARKETING DEI PRODOTTI BIOLOGICI. Adattato E-Learning PROGETTO GREENFOOD 2010-1-ES1-LEO05-20948

COMMERCIALIZZAZIONE E MARKETING DEI PRODOTTI BIOLOGICI. Adattato E-Learning PROGETTO GREENFOOD 2010-1-ES1-LEO05-20948 COMMERCIALIZZAZIONE E MARKETING DEI PRODOTTI BIOLOGICI Adattato E-Learning PROGETTO GREENFOOD 2010-1-ES1-LEO05-20948 INDICE INTRODUZIONE... 3 Unità didattica 3.1 Strategie di Marketing per i prodotti biologici...

Dettagli

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Obiettivi della Misura 124 (1) La Misura ha sostenuto progetti di cooperazione per lo sviluppo e la sperimentazione

Dettagli

Dalla Scuola alla Terra

Dalla Scuola alla Terra Alice Castello (Vc), 29/01/2014 Dalla Scuola alla Terra http://semidiserra.altervista.org semidiserra@gmail.com Gruppo organizzatore: Pancrazio Bertaccini Renato De Regibus Ettore Macchieraldo Carlo Dante

Dettagli

STILI DI VITA COSA SONO?

STILI DI VITA COSA SONO? STILI DI VITA COSA SONO? PICCOLE AZIONI PER GRANDI CAMBIAMENTI guardare le cose da un altro punto di vista incentivare una economia pensare a cosa solidale ci rende veramente felici rispettare l ambiente

Dettagli

POSITION PAPER DEL CLUSTER SPRING SULLA PROMOZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DI ATTIVITÀ A SUPPORTO DELLA BIOECONOMIA IN CAMPO FORMATIVO/EDUCATIVO

POSITION PAPER DEL CLUSTER SPRING SULLA PROMOZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DI ATTIVITÀ A SUPPORTO DELLA BIOECONOMIA IN CAMPO FORMATIVO/EDUCATIVO POSITION PAPER DEL CLUSTER SPRING SULLA PROMOZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DI ATTIVITÀ A SUPPORTO DELLA BIOECONOMIA IN CAMPO FORMATIVO/EDUCATIVO Novembre 2015 Obiettivi del documento In questo position paper

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.V. GRAVINA CROTONE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.V. GRAVINA CROTONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.V. GRAVINA VIA UGO FOSCOLO CROTONE ANNO SCOLASTICO 2011-2012 MATERIA DI INSEGNAMENTO : GEOGRAFIA CLASSE I SEZIONE C DOCENTE : SIMONETTA RIOLO INDIRIZZO : SCIENZE UMANE

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

DSU Toscana AOT di Firenze

DSU Toscana AOT di Firenze DSU Toscana AOT di Firenze Il DSU Toscana realizza servizi e interventi affinché tutti gli studenti possano superare le difficoltà materiali e raggiungere i gradi più alti degli studi (articoli 3 e 34

Dettagli

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese Manifesto per l adesione delle aziende Il Distretto Neorurale delle tre acque di Milano

Dettagli

G.A.S. Gruppi d Acquisto Solidale

G.A.S. Gruppi d Acquisto Solidale G.A.S. Gruppi d Acquisto Solidale Un gruppo d acquisto si forma quando alcune persone decidono di consociare i propri acquisti, a fini economici e/o logistici. Si tratta di un aggregazione assolutamente

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

consumo responsabile e solidale

consumo responsabile e solidale FORUM AMBIENTE FORUM AMBIENTE DEL PARTITO DEMOCRATICO consumo responsabile e solidale Sintesi a cura di: Daniele Ara Hanno collaborato ai lavori del Forum per il Consumo responsabile: Roberto Pagliuca,

Dettagli

Figure Professionali. «Agricoltura e Agroenergie» AGRONOMO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali. «Agricoltura e Agroenergie» AGRONOMO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Agricoltura e Agroenergie» AGRONOMO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L'agronomo è una figura professionale caratterizzata da una tale ampiezza di competenze (individuate dalla

Dettagli

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015 PSR 2014-2020 Le novità Bologna 22 maggio 2015 Le condizionalità Ex ante Reg. Ue 1303/2013 - Articolo 2 Definizioni 33) "condizionalità ex ante applicabile": rappresenta un pre- requisito per l'efficace

Dettagli

Il Treno Verde arriva in Emilia-Romagna Appuntamento domani (sabato 28 marzo) al e ore 10 al binario 1 della stazione centrale

Il Treno Verde arriva in Emilia-Romagna Appuntamento domani (sabato 28 marzo) al e ore 10 al binario 1 della stazione centrale Parma, 27 marzo 2015 Comunicato stampa Il Treno Verde arriva in Emilia-Romagna Tornare alla Terra per seminare futuro: da sabato 28 a lunedì 30 marzo lo speciale convoglio di Legambiente e Ferrovie dello

Dettagli

Presentazione Filiera Agricola Biologica IRIS DALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALLA TRASFORMAZIONE Un modello di economia solidale Con principi di mutualità

Presentazione Filiera Agricola Biologica IRIS DALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALLA TRASFORMAZIONE Un modello di economia solidale Con principi di mutualità Presentazione Filiera Agricola Biologica IRIS DALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALLA TRASFORMAZIONE Un modello di economia solidale Con principi di mutualità ed autogesione IL PROGETTO IRIS E UN PROGETTO DI ECONOMIA

Dettagli

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 Dotazione finanziaria SPESA PUBBLICA: 1.092 Meuro FEASR: 471,3 Meuro STATO: 434,5 Meuro REGIONE: 186,2 Meuro (ca. 26 Meuro/anno) 2014 2015 2016 2017

Dettagli

PROGRAMMA. Docente: Prof. Mario Pianta (Università Urbino Economia) Periodo: 06 Novembre 2008 Orario: 10:00-13:00; 14:00-17:00 Durata: 6 ore

PROGRAMMA. Docente: Prof. Mario Pianta (Università Urbino Economia) Periodo: 06 Novembre 2008 Orario: 10:00-13:00; 14:00-17:00 Durata: 6 ore PROGRAMMA Modulo 1) Economia dello sviluppo: teorie economiche prevalenti, istituzioni e ruolo del commercio internazionale nello sviluppo economico a livello locale. Docente: Prof. Mario Pianta (Università

Dettagli

TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ

TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ Dossier n. 68 Ufficio Documentazione e Studi 23 dicembre 2014 TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ AGRARIA E ALIMENTARE PREMESSA La tutela e la salvaguardia delle risorse genetiche per l alimentazione

Dettagli

IN FRIULI VENEZIA GIULIA UNA PROPOSTA DI LEGGE SUGLI OGM CONDIVISA DA 57 ASSOCIAZIONI ED ENTI

IN FRIULI VENEZIA GIULIA UNA PROPOSTA DI LEGGE SUGLI OGM CONDIVISA DA 57 ASSOCIAZIONI ED ENTI IN FRIULI VENEZIA GIULIA UNA PROPOSTA DI LEGGE SUGLI OGM CONDIVISA DA 57 ASSOCIAZIONI ED ENTI Il 7 aprile è stata presentata in conferenza stampa nella sala Pasolini del palazzo della Regione a Udine,

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DELL INTERVENTO FORMATIVO

SPECIFICHE TECNICHE DELL INTERVENTO FORMATIVO SPECIFICHE TECNICHE DELL INTERVENTO FORMATIVO (art. 68 D. Lgs. 163/2006) ALLEGATO A FINALITÀ L intervento formativo richiesto deve essere finalizzato a formare il giovane imprenditore agricolo in maniera

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Verso una nuova Politica Agricola Comune

Verso una nuova Politica Agricola Comune Verso una nuova Politica Agricola Comune La Politica Agricola Comune (PAC) dell Unione Europea, così come è stata pensata e gestita fino a oggi, presenta elementi di notevole criticità, che incidono negativamente

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

Decalogo delle Buone Pratiche

Decalogo delle Buone Pratiche SOVRANITA ALIMENTARE: Decalogo delle Buone Pratiche Il progetto è realizzato con il contributo dell Unione Europea: Buone Pratiche Promuovi l educazione alimentare e l educazione al consumo consapevole

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Sostenibilità e Green Jobs Concorso nazionale per scuole di ogni ordine e grado

Sostenibilità e Green Jobs Concorso nazionale per scuole di ogni ordine e grado PREMESSA Sostenibilità e Green Jobs Concorso nazionale per scuole di ogni ordine e grado Secondo i calcoli dell impronta ecologica (Living Planet Report) la domanda ha superato l offerta: cioè molti paesi,

Dettagli

Esempi di sistemi distributivi locali

Esempi di sistemi distributivi locali Corbetta - 10.02.2012 Esempi di sistemi distributivi locali Andrea Calori - Politecnico di Milano Concetto di filiera corta in diversi contesti Corto come locale/vicino Corto come meno intermediato diminuzione

Dettagli

Sostenibilità e Green Jobs Concorso nazionale per scuole di ogni ordine e grado

Sostenibilità e Green Jobs Concorso nazionale per scuole di ogni ordine e grado PREMESSA Sostenibilità e Green Jobs Concorso nazionale per scuole di ogni ordine e grado Secondo i calcoli dell impronta ecologica (Living Planet Report) la domanda ha superato l offerta: cioè molti paesi,

Dettagli

AgriArt Castelli Romani

AgriArt Castelli Romani #1 Copertina AgriArt Castelli Romani PER UN ECOSISTEMA SOSTENIBILE Un territorio come sistema di relazioni INBAR Istituto Nazionale di BioARchitettura - Castelli Romani 13 luglio 2015 - Frascati #2 Problema

Dettagli

Questionario B - Sito UNESCO Porto Venere, Cinque Terre e Isole

Questionario B - Sito UNESCO Porto Venere, Cinque Terre e Isole Questionario B - Sito UNESCO Porto Venere, Cinque Terre e Isole Il sito UNESCO Porto Venere, Cinque Terre e Isole (Palmaria, Tino e Tinetto) è stato iscritto tra i siti del Patrimonio dell Umanità dell

Dettagli

Bisaccia del Viandante

Bisaccia del Viandante PROGETTO DI COOPERAZIONE INTERTERRITORIALE I CAMMINI D EUROPA RETE EUROPEA DI STORIA, CULTURA E TURISMO Richiesta di adesione alla Bisaccia del Viandante Prodotti AGRO-ALIMENTARI Al fine di richiedere

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

Le 100 idee dei milanesi sulla Food Policy

Le 100 idee dei milanesi sulla Food Policy Le 100 idee dei milanesi sulla Food Policy Il percorso di consultazione sulla Food Policy è cominciato a marzo 2015. Ci sono stati incontri con esponenti del terzo settore, di aziende e start-up del cibo,

Dettagli

Confederazione Italiana Agricoltori. Il territorio come destino. Contributo n 106

Confederazione Italiana Agricoltori. Il territorio come destino. Contributo n 106 Confederazione Italiana Agricoltori Il territorio come destino Contributo n 106 EXPO 2015 NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA IL TERRITORIO COME DESTINO IL CONTRIBUTO DELLA CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI

Dettagli

Programma di studio Economia e Politica Agraria CdL Produzioni Animali

Programma di studio Economia e Politica Agraria CdL Produzioni Animali Università degli Studi di Perugia Programma di studio Economia e Politica Agraria CdL Produzioni Animali Rossella Pampanini Dip. di Scienze Economico-estimative e degli alimenti, Università di Perugia

Dettagli

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale WORLD FOOD DAY 2014 Roma - 29 Ottobre Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Il ruolo

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE PROGETTO GIARDINO

SCHEDA DI PROGETTAZIONE PROGETTO GIARDINO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di MALCESINE Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di I Grado Via Campogrande, 1 37018 Malcesine VR Telefono 0457400157 Fax 0456570669 www.icsmalcesine.it

Dettagli

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014 PSR 2014-2020 La Struttura e i contenuti del futuro programma Bologna - luglio 2014 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Europa 2020: linee guida generali Quadro Strategico Nazionale (QSC), Position Paper, e l Accordo

Dettagli

Capitalizzare la qualità ambientale sul mercato

Capitalizzare la qualità ambientale sul mercato Capitalizzare la qualità ambientale sul mercato Trentino Green Network Territorio Clienti Qualità ambientale Comunità locale Portatori di interesse Qualità ambientale Territorio Paesaggio rurale Pacchetti

Dettagli

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Progetto NuovisPazzi Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Luogo: Padiglione Lavanderia, Ex O.P. Antonini di Limbiate ( Loc. Mombello) Premessa: Non

Dettagli

PSR 2014-2020 Ruolo, organizzazione e obiettivi dell agroalimentare pugliese SEMINARIO

PSR 2014-2020 Ruolo, organizzazione e obiettivi dell agroalimentare pugliese SEMINARIO Accademia dei Georgofili Sezione Sud Est SEMINARIO PSR 2014-2020 Ruolo, organizzazione e obiettivi dell agroalimentare pugliese Venerdì 29 gennaio 2016 - ore 14,30 Hotel Hilton Garden Inn Lecce, Via Cosimo

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Il PSR 2014-2020 della Toscana

Il PSR 2014-2020 della Toscana Il PSR 2014-2020 della Toscana Roberto Pagni Regione Toscana Conferenza: Le opportunità offerte dalla nuova programmazione dei PSR per lo sviluppo sostenibile delle aree rurali, IFOA-AIAB Perugia, 21 novembre

Dettagli

ECCO GLI ARGOMENTI PER L'ANNO PROSSIMO

ECCO GLI ARGOMENTI PER L'ANNO PROSSIMO co NSUMO CRITICO PDOTTI BIOLOGIC!E A KM ZERO colt rvramo INSIEME PIANTEO FFICINALI ECCO GLI ARGOMENTI PER L'ANNO PROSSIMO BIODIVERSITA INTERAZIONE PIANTE-ANIMALI CATENE ALIMENTARI NELLA LOTTA BIOLOGICA

Dettagli

Le linee strategiche del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020

Le linee strategiche del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA Le linee strategiche del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Lorenzo Bisogni Incontro con i Sindaci delle 5 Province settembre 2015 1 I temi della relazione Le strategie

Dettagli

Realtà e prospettive del biologico per un agricoltura sostenibile. Paolo Carnemolla Il Biologico verso l Expo 2015 Bologna 06 settembre 2013

Realtà e prospettive del biologico per un agricoltura sostenibile. Paolo Carnemolla Il Biologico verso l Expo 2015 Bologna 06 settembre 2013 Realtà e prospettive del biologico per un agricoltura sostenibile Paolo Carnemolla Il Biologico verso l Expo 2015 Bologna 06 settembre 2013 Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita Serve un sistema agroalimentare

Dettagli

La scuola e le Fattorie Didattiche Percorsi di sperimentazione didattica

La scuola e le Fattorie Didattiche Percorsi di sperimentazione didattica La scuola e le Fattorie Didattiche Percorsi di sperimentazione didattica Sicurezza e qualità alimentare, educazione alimentare, sostenibilità dell agricoltura. Un terreno di cittadinanza attiva Aree tematiche

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1)ENTE PROPONENTE IL PROGETTO: Arci Servizio Civile Nazionale Informazioni aggiuntive per i cittadini: Sede centrale: Indirizzo:

Dettagli

SVILUPPO RURALE 2014-2020

SVILUPPO RURALE 2014-2020 MISURE PER LA COMPETITIVITÀ E www.ismea.it www.ismeaservizi.it 30 Maggio 2014 Reg. (CE) n. 1305/2013 Il nuovo Regolamento per lo Sviluppo Rurale 2014-2020 si fonda su: 3 OBIETTIVI STRATEGICI 6 PRIORITA

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

STATUTO BIO-DISTRETTO DI GREVE IN CHIANTI E DEL TERRITORIO DELL ECCELLENZA VITIVINICOLA BIO DI PANZANO IN CHIANTI. ART. 1 Sede

STATUTO BIO-DISTRETTO DI GREVE IN CHIANTI E DEL TERRITORIO DELL ECCELLENZA VITIVINICOLA BIO DI PANZANO IN CHIANTI. ART. 1 Sede STATUTO BIO-DISTRETTO DI GREVE IN CHIANTI E DEL TERRITORIO DELL ECCELLENZA VITIVINICOLA BIO DI PANZANO IN CHIANTI ART. 1 Sede La sede legale del bio-distretto di Greve in Chianti e del Territorio dell

Dettagli

Appuntamento martedì 7 aprile, alle ore 11, al binario 1 della stazione di Cuneo per l inaugurazione della tappa

Appuntamento martedì 7 aprile, alle ore 11, al binario 1 della stazione di Cuneo per l inaugurazione della tappa Cuneo, 3 aprile 2015 Comunicato stampa Il Treno Verde arriva in Piemonte Tornare alla Terra per seminare futuro: da martedì 7 a giovedì 9 aprile lo speciale convoglio di Legambiente e Ferrovie dello Stato

Dettagli

Zanardi Bio Social coltivare, produrre, distribuire e lavorare

Zanardi Bio Social coltivare, produrre, distribuire e lavorare Zanardi Bio Social coltivare, produrre, distribuire e lavorare ZANARDI BIO raggruppa 4 progetti e una vasta rete di attori del territorio attivi nell inclusione sociale, nella promozione di uno stile di

Dettagli

La nuova PAC per la Sardegna

La nuova PAC per la Sardegna Università di Sassari Associazione Studenti di Agraria La nuova PAC per la Sardegna Vincenzo Lenucci Area Economica e Centro Studi - Confagricoltura Aula Magna Dipartimento di Agraria Sassari, venerdì

Dettagli

VERSO UNA NUOVA POLITICA AGRICOLA COMUNE

VERSO UNA NUOVA POLITICA AGRICOLA COMUNE VERSO UNA NUOVA POLITICA AGRICOLA COMUNE Il documento di posizione di Slow Food sulla PAC - Sintesi - IT Verso una nuova Politica Agricola Comune La Politica Agricola Comune (PAC) dell Unione Europea,

Dettagli

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Misura 4 - Investimenti materiali (art. 17) La misura punta al miglioramento delle prestazioni economiche e ambientali delle aziende agricole e delle imprese rurali Finalità: rendere più efficiente il

Dettagli

Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione collettiva

Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione collettiva Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione collettiva Tutela della salute dell utente e salvaguardia dell ambiente Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) Dipartimento di Prevenzione -ASUR Marche

Dettagli

Scheda 1 «Eco-innovazioni»

Scheda 1 «Eco-innovazioni» Scheda 1 «Eco-innovazioni» ECO-INNOVAZIONI E GREEN ECONOMY: CONCETTI GREEN JOBS Formazione e Orientamento ECO-INNOVAZIONI E GREEN ECONOMY: CONCETTI Si definisce eco-innovazione qualsiasi forma di innovazione

Dettagli

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A COOPERAZIONE CATALOGO ISMEA 2014 B A N D O P R O M O Z I O N E D E L L O S P I R I T O E D E L L A C U L T U R A D I M P R E S A PUNTI VENDITA MULTI FUNZIONALITà

Dettagli

Quale formazione per i green jobs

Quale formazione per i green jobs Quale formazione per i green jobs Romano Calvo Spunti di riflessione tratti da: Regione Lombardia Ricerca-azione per la definizione di competenze spendibili nella green economy Regione Liguria Laboratorio

Dettagli

SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA

SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA Rovato, 13 novembre 2013 SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLE FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA Michele Donati Dipartimento di Bioscienze Università degli Studi di Parma Il nuovo imprenditore agricolo L agricoltore

Dettagli

Dire 09-06-14 18:37 (LZ) AGRICOLTURA. AVENALI: BENE LIBRO 'LA TERRA CHE VOGLIAMO' 1

Dire 09-06-14 18:37 (LZ) AGRICOLTURA. AVENALI: BENE LIBRO 'LA TERRA CHE VOGLIAMO' 1 Indice Dire 09-06-14 18:37 (LZ) AGRICOLTURA. AVENALI: BENE LIBRO 'LA TERRA CHE VOGLIAMO' 1 Omniroma TEXT 09-06-14 18:04 Omniroma-AGRICOLTURA, AVENALI (PL): "PROMUOVERE PRODOTTI DA FILIERA CORTA" 2 Internet

Dettagli

L AGRICOLTURA SOCIALE IN VALDERA

L AGRICOLTURA SOCIALE IN VALDERA Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Crespina, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola e Azienda USL n.5 CONSORZIO PUBBLICO

Dettagli

Scheda 3. «Agricoltura e Agroenergie» L AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 3. «Agricoltura e Agroenergie» L AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 3 «Agricoltura e Agroenergie» L AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il concetto di multifunzionalità è comparso nelle politiche internazionali, nel dibattito in seno

Dettagli

utilizzare in classe IL KIT COME

utilizzare in classe IL KIT COME COME utilizzare IL KIT in classe Tutte le attività interattive che si trovano nel software affrontano in modo diversificato e sfaccettato i temi dell agricoltura sostenibile, sovranità alimentare, sostenibilità

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO ORTO IN CONDOTTA

SCHEDA DI PROGETTO ORTO IN CONDOTTA ALLEGATO A SCHEDA DI PROGETTO ORTO IN CONDOTTA 1. IL TEMA L Orto in Condotta Realizzazione di orti per promuovere e sviluppare l educazione alimentare e ambientale nelle scuole. Costituzione di una comunità

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA

Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA Birulò GAS Fratello Sole GAS Amici di Banca Etica GasSestri GAS Castelletto GAS Impronta GasOsa Gaspacho GAS Le Primule Gas Levante

Dettagli

BREVE INFO PROGRAMMA SVILUPPO RURALE CROAZIA - I PRIMI RISULTATI DEI BANDI PUBBLICATI. DESK FONDI STRUTTURALI ICE ZAGABRIA Croazia

BREVE INFO PROGRAMMA SVILUPPO RURALE CROAZIA - I PRIMI RISULTATI DEI BANDI PUBBLICATI. DESK FONDI STRUTTURALI ICE ZAGABRIA Croazia BREVE INFO PROGRAMMA SVILUPPO RURALE CROAZIA - I PRIMI RISULTATI DEI BANDI PUBBLICATI DESK FONDI STRUTTURALI ICE ZAGABRIA Croazia Programma Sviluppo Rurale introduzione La prima bozza del Programma per

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Piano degli indicatori e dei risultati attesi 2013

Piano degli indicatori e dei risultati attesi 2013 PROGRAMMA Centro di Responsabilità Responsabile 2013_17 AGRICOLTURA DE CRESCENZO ANTONIO AGRICOLTURA Piano degli indicatori e dei risultati attesi 2013 PROGRAMMA AGRICOLTURA CENTRO DI RESPONSABILITA' AGRICOLTURA

Dettagli

I GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE

I GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE I GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE Esperienze e prospettive in Italia Milano, 15 maggio 2012 E nel modo con cui spendiamo il denaro ed è nelle cose in cui impegniamo le energie ed il tempo, che le nostre idee,

Dettagli

Spiga & Madia Campagna 2009-10 dal partenariato locale tra produttori e consumatori, nuovo modelli di comunità

Spiga & Madia Campagna 2009-10 dal partenariato locale tra produttori e consumatori, nuovo modelli di comunità Spiga & Madia Campagna 2009-10 dal partenariato locale tra produttori e consumatori, nuovo modelli di comunità CATENA DEL VALORE DELLE PRODUZIONI AGRICOLE (Stati Uniti d America 2001) Materie prime Lavoro

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Le opportunità per le aziende agricole FINANZIAMENTI IN AGRICOLTURA FINANZIAMENTI COMUNITARI I PILASTRO Politica dei Mercati OCM PAC II PILASTRO Sviluppo rurale -

Dettagli

IL PARCO DELLA BIODIVERSITA' E IL PADIGLIONE DEL BIOLOGICO A EXPO

IL PARCO DELLA BIODIVERSITA' E IL PADIGLIONE DEL BIOLOGICO A EXPO EXPO MILANO 2015 NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA BOLOGNA FIERE Official Partner Expo Milano 2015 IL PARCO DELLA BIODIVERSITA' E IL PADIGLIONE DEL BIOLOGICO A EXPO Roma, 23 aprile 2015 IL PARCO

Dettagli

Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia

Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia I sostegni alle imprese agricole per la competitività e la diversificazione dei redditi Zola Predosa 29 ottobre 2011 Zola fa agricoltura

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 228 19/05/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 7616 DEL 13/05/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA Prot. n.

Dettagli

IL PIANO REALIZZATIVO

IL PIANO REALIZZATIVO NOT ONLY JUNK FOOD Progetto di: Combedi Eleonora, Del Pero Lucrezia, Di Franco Mariano Pio, Ieva Federica. Con l ausilio di Chiara Tomasone e Bruno Conte. IL PIANO REALIZZATIVO Il Liceo Parini ha sede

Dettagli

Migliorare la sostenibilità territoriale attraverso il sistema del cibo:

Migliorare la sostenibilità territoriale attraverso il sistema del cibo: Osservatorio CORES CONSUMI, RETI E PRATICHE DI ECONOMIE SOSTENIBILI Migliorare la sostenibilità territoriale attraverso il sistema del cibo: Dalle spinte dal basso verso nuove forme di governance? Il caso

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli