Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli"

Transcript

1 Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente un SUPPORTO ALLA DIDATTICA e NON SOSTITUISCE lo studio dell argomento sulle dispense e/o sui testi consigliati Anno Accademico

2 Livellazioni Operazioni di MISURA del DISLIVELLO fra due punti. DISLIVELLO (ortometrico) fra due punti: differenza di QUOTA definita ORTOMETRICA fra i punti. QUOTA ORTOMETRICA di un punto: distanza del punto dal geoide (superficie equipotenziale di riferimento), misurata lungo la linea di forza passante per il punto stesso. AB = Q B - Q A = - (Q A -Q B ) = - BA NOTA/1: il dislivello è un segmento orientato, la quota del punto B è data dalla somma algebrica di Q A e del dislivello Q AB NOTA/2: la misura di dislivello non implica la misura della quota, ma fornisce una relazione tra i valori di quota di due punti

3 Livellazioni Esistono diversi tipi di livellazione; la distinzione è dettata dagli strumenti utilizzati per l esecuzione delle operazioni di misura. Schematicamente è possibile individuare: Livellazioni indipendenti dalla distanza: Livellazione GEOMETRICA livello, stadie, micrometro e lamina pp; Livellazioni dipendenti dalla distanza: Livellazione TRIGONOMETRICA stazione totale;

4 Livellazioni Strumenti di misura Livello automatico Leica NA828 Ingrandimento cannocchiale: 28X Diametro dell obiettivo: 40 mm Accuratezza: 1,5 mm/km (0,7 mm/km con lamina pp)

5 Livellazione geometrica E di gran lunga il metodo di misura dei dislivelli più preciso tra quelli usati in operazioni topografiche Il livello utilizza come strumento di puntamento il cannocchiale Con il livello si definisce un asse ottico orizzontale La determinazione del dislivello è operata collimando le stadie (aste graduate) per differenza tra i valori rilevati QA+LA=QB+LB AB =QB- QA= LA- LB

6 Il livello Livello con orizzontamento automatico dell asse di collimazione Idea non nuova: Ottenere una visuale orizzontale Schema innovativo: Fondazione Carl Zeiss, 1950 f P O O Centro obbiettivo R Centro reticolo < 0,5 P Oggetto puntiforme all infinito C s s C R R

7 Il livello In generale 3 elementi sono necessari per realizzare un compensatore: - Un elemento fisso (~prisma) -Un elemento mobile che possa assumere la direzione della verticale o dell orizzontale (pendolo) -Un dispositivo di smorzamento delle oscillazioni (ad aria o magnetico)

8 Il livello

9 Il livello Condizioni per il corretto impiego dei livelli automatici - Livella sferica rettificata e, a bolla centrata, la tangente centrale deve essere normale all asse del livello - Un raggio incidente nel punto principale anteriore O dell obbiettivo deve sempre cadere nel centro R del reticolo Sulle precedenti condizioni influiscono alcune cause d errore: - Errore residuo di orizzontamento dell asse di collimazione - Errore dovuti a spostamento in altezza dell obbiettivo - Sovracompensazione del sistema pendolare (per attrito o isteresi)

10 Classificazione dei livelli In relazione alle accuratezze (sqm su una livellazione di lunghezza 1km in andata e ritorno) si distingue in: livelli di bassa precisione o da cantiere k > 5 mm livelli da ingegneria: 2 mm F Gk < 5 m livelli di precisione: 0,5 mm F Gk < 2 mm livelli di alta precisione: Gk < 0,5 mm G 2 di n battute= G G G2 n = n G2 b singola battuta n=10 battute 5 in andata e 5 in ritorno G totale = 2 mm G b = radq (4 / 10) = 0,63 mm Gtotale = 0,2 mm Gb = radq (0,004 / 10) = 0,006 mm

11 livelli Automatici Non automatici

12 Il livello I livelli automatici utilizzano una livella sferica per posizionare il livello sull orizzontale con l accuratezza sufficiente perché entri in azione il compensatore Esistono anche livelli NON automatici che utilizzano solo una livella sferica per la definizione della verticale. In questo caso si tratta di livelli di bassa precisione Esistono anche livelli NON automatici di altissima precisione, che utilizzano solo una livella torica semplice o torica a coincidenza di immagini per la per la definizione della verticale. In questo caso il livello risulta molto sensibile alle variazioni termiche che influenzano la stabilità del treppiede di supporto del livello. Dunque tali strumenti vengono soprattutto impiegati in laboratori posizionati su pilastri fissi (es. Wild N3)

13 Il livello Strumenti di misura Zeiss Ni1 Automatico a lettura ottico-meccanica Oculare per la lettura del micrometro Asse ottico Oculare con reticolo Lamina piano parallela Viti calanti

14

15 Lettura elettronica alla stadia Leica Wild Na2002

16 Il livello La livella torica in livelli non automatici Fiala di vetro con la superficie esterna toroidale Contiene liquido a bassa viscosità in equilibrio con il proprio vapore (la bolla non è d aria!) La fiala è graduata (2 mm) E più sensibile della livella sferica Sensibilità: angolo di rotazione della livella corrispondente allo spostamento della bolla di 1mm sulla graduazione. La livella torica serve a rendere orizzontali (o verticali) assi. Nel livello la livella torica è utilizzata per rendere orizzontale l asse di collimazione e il piano descritto da tale asse durante la rotazione Questo è possibile operando in sequenza su due assi ortogonali appartenenti al piano stesso.

17 La stadia Per livellazioni di precisione modesta si utilizzano stadie in legno, graduate e provviste di livella sferica. Per livellazioni di precisione e alta precisione sono necessarie stadie con caratteristiche di precisione e stabilità termica superiori Le stadie per la livellazione di alta precisione sono costituite da cassette in legno o alluminio entro cui sono posti e fissati nastri in acciaio speciale invar. La graduazione, che può essere diritta o rovescia, singola o doppia, è costituita da tratti di spessore non superiore ad 1 mm ed è tracciata con errore residuo inferiore al centesimo di mm

18 Stadia in acciaio Invar Le accuratezze riportate sono raggiungibili solo con l utilizzo di accessori aventi specifiche caratteristiche : stadie graduate (le più stabili sono in acciaio INVAR Q = 1 1, ) micrometri per la lettura alle stadie (lamina pp anteposta all obbiettivo, ) Per un T T di 30 per una l = 2 metri T l = Q TT l = = 0,06 mm

19 Livellazione geometrica La stadia Graduazione singola centimetrata diritta Graduazione singola centimetrata rovescia La tacca nera copre 1 cm 120,0 Il valore di riferimento è letto sulla punta esterna delle tacche decimetriche Graduazione doppia, mezzocentimetrata, diritta

20 I sostegni telescopici

21 Piazza dei Miracoli e Torre di Pisa Metodologie di controllo Movimenti altimetrici

22

23 Piazza dei Miracoli e Torre di Pisa Metodologie di controllo

24

25

26 Piazza dei Miracoli e Torre di Pisa Livellazione parziale - schema Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale e del Rilevamento Sezione Rilevamento NORD

27 Piazza dei Miracoli e Torre di Pisa

28 Piazza dei Miracoli e Torre di Pisa Metodologie di controllo Movimenti altimetrici

29 La lettura alla stadia Lettura diretta (a stima o con lamina) Lettura elettronica

30 Livellazione geometrica La stadia Graduazione singola centimetrata diritta Graduazione singola centimetrata rovescia La tacca nera copre 1 cm 120,0 Il valore di riferimento è letto sulla punta esterna delle tacche decimetriche Graduazione doppia, mezzocentimetrata, diritta

31 Il livello LASTRA PIANO PARALLELA

32 Il livello LASTRA PIANO PARALLELA d s

33 Lastra piano parallela Da essa dipende la scelta del mezzo centimetro come intervallo di graduazione spesso adottato sul nastro Invar delle stadie per livellazioni di precisione La scelta del mezzo centimetro deriva infatti dal dimensionamento e dalla rotazione della lastra d = s sin (i r) / cos r / s i (n-1) / n per angoli < 5 gon d [mm] n i s [mm] 5 (±2,5) 1,52 ±10 41,4 5 (±2,5) 1,52 ±20 20,0 5 (±2,5) 1,52 ±30 12,7 10 (±5) 1,52 ±20 40,0

34 Altre caratteristiche principali del livello Ingrandimento del cannocchiale Diametro dell obbiettivo del cannocchiale Livelli da cantiere: 15-20X e diametro dell obbiettivo di circa 20mm Livelli di precisione: 40-60X e diametro dell obbiettivo anche maggiore di 50mm

35 La rettifica del livello Asse di collimazione e tangente centrale della livella torica PARALLELI

36 La livellazione Operazione di MISURA del DISLIVELLO fra due caposaldi Livello rettificato QAB = QB- QA = - (QA-QB) = - BA

37 Rettifica in campagna del livello LI A LI B Livello srettificato Y Y d D Q AB = L A- L B = (LA+ d) - (LB+ D) = LA- LB (d D) con d < D

38 Q AB = L A - L B = (L A + d) - (L B + D) = L A - L B (d D) con d < D Dunque per effettuare la rettifica d e D vengono misurati con cura dall operatore. Inoltre l operatore effettua una prima misura con il livello posizionato con cura in posizione equidistante dalle stadie, in modo da ottenere Q AB. Infine, effettuando anche la misura si ottiene Q AB - Q AB = (d D)

39 La livellazione Operazione di MISURA del DISLIVELLO fra due caposaldi LI A se d = D l effetto della srettifica del livello si minimizza Y Y d AB LI B d = L A- L B = (LA+ d) - (LB+ d) = LA- LB (d d) con il livello equidistante dalle stadie

40 Livellazione geometrica Procedura operativa Posizionamento del livello in un punto equidistante dai due punti di misura (allineato ad essi quando possibile, in modo tale da compiere la livellazione sulla distanza minore). Messa in stazione del livello Posizionamento delle stadie sui punti di misura, con particolare cura nell appoggiare il punto centrale della base sul riferimento a terra, e dopo aver verificato che le superficie di contatto siano libere da sporcizie. Messa in stazione della stadia, intesa come centramento della livella sferica per guadagnare la verticalità del riferimento di misura Lettura indietro o controbattuta Lettura avanti Nuovo centramento della livella in posizione opposta a quella della prima misura (per mediare i difetti di compensazione) Seconda lettura avanti Seconda lettura indietro

41 Livellazione geometrica Operazione di MISURA del DISLIVELLO fra due punti. DISLIVELLO (ortometrico) fra due punti: differenza di QUOTA ORTOMETRICA fra i punti. QUOTA ORTOMETRICA di un punto: distanza del punto dal geoide (superficie equipotenziale di riferimento), misurata lungo la linea di forza passante per il punto stesso. AB = QB- QA = - (QA-QB) = - BA

42 Livellazione geometrica- chiusura ad anello L esercitazione simula una livellazione composta (di 4 livellazioni dal mezzo) eseguita lungo una linea chiusa ABCDA. Si deve determinare il dislivello tra i punti A e C.

43 Livellazione geometrica composta dal centro Misurazione n : 1 Si staziona lo strumento in un punto a pari distanza da AeB Si effettua in A la lettura indietro (controbattuta) STADIA 2 STADIA 1

44 Livellazione geometrica composta dal centro STADIA 2 Misurazione n : 1 Si staziona lo strumento in un punto a pari distanza da AeB Si effettua in A la lettura indietro (controbattuta) Lo strumento resta nel punto a pari distanza da AeB Si ruota lo strumento e si effettua in B la lettura avanti (battuta) STADIA 1

45 Livellazione geometrica composta dal centro Misurazione n : 2 Si staziona lo strumento in un punto a pari distanza da BeC Si effettua in B la lettura indietro (controbattuta) STADIA 2 STADIA 1

46 Livellazione geometrica composta dal centro Misurazione n : 2 Si staziona lo strumento in un punto a pari distanza da BeC Si effettua in B la lettura indietro (controbattuta) Lo strumento resta nel punto a pari distanza da BeC Si ruota lo strumento e si effettua in C la lettura avanti (battuta) STADIA 2 STADIA 1

47 Livellazione geometrica composta dal centro Misurazione n : 3 Si staziona lo strumento in un punto a pari distanza da CeD Si effettua in C la lettura indietro (controbattuta) STADIA 1 STADIA 2

48 Livellazione geometrica composta dal centro Misurazione n : 3 Si staziona lo strumento in un punto a pari distanza da CeD Si effettua in C la lettura indietro (controbattuta) Lo strumento resta nel punto a pari distanza da CeD Si ruota lo strumento e si effettua in D la lettura avanti (battuta) STADIA 1 STADIA 2

49 Livellazione geometrica composta dal centro Misurazione n : 4 Si staziona lo strumento in un punto a pari distanza da DeA STADIA 1 Si effettua in D la lettura indietro (controbattuta) STADIA 2

50 Livellazione geometrica composta dal centro Misurazione n : 4 Si staziona lo strumento in un punto a pari distanza da DeA STADIA 1 Si effettua in C la lettura indietro (controbattuta) Lo strumento resta nel punto a pari distanza da DeA Si ruota lo strumento e si effettua in A la lettura avanti (battuta) STADIA 2

51 Livellazione geometrica La livellazione dal mezzo permette di non tenere in considerazione alcuni errori che affliggono le misure nelle battute di livellazione: Errore di sfericità della terra Nell ipotesi in cui geoide e sfera locale siano tra loro paralleli si avrà: R 1 1 x = R = R 1 R 1 cos cos 1 2 Z (R 2 )/ 2 = d 2 / (2R) 2 X

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Rilievi topografici. Si definisce TOPOGRAFIA

Rilievi topografici. Si definisce TOPOGRAFIA Rilievi topografici Si definisce TOPOGRAFIA la scienza che studia i mezzi e i procedimenti operativi per il rilevamento e la rappresentazione grafica, su una superficie piana, di una porzione limitata

Dettagli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n.6 : Strumenti topografici per la misura di distanze e angoli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n.6 : Strumenti topografici per la misura di distanze e angoli Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento Dott. Andrea Piccin andrea_piccin@regione.lombardia.it Lezione n.6 : Strumenti topografici per la misura di distanze e angoli Breve storia degli strumenti

Dettagli

STRUMENTI STORICI PER LA MISURA DI ANGOLI, DISTANZE E DISLIVELLI Ottico-meccanici

STRUMENTI STORICI PER LA MISURA DI ANGOLI, DISTANZE E DISLIVELLI Ottico-meccanici STRUMENTI STORICI PER LA MISURA DI ANGOLI, DISTANZE E DISLIVELLI Ottico-meccanici STRUMENTI MODERNI PER TRACCIARE ALLINEAMENTI E PER LA MISURA DI ANGOLI E DISTANZE Squadri Ottico-meccanici Combinati ottico-elettronici

Dettagli

La misura in topografia

La misura in topografia La misura in topografia In questa dispensa di fornisce un cenno agli strumenti e alle tecniche di misura impiegate in topografia. Vengono descritti gli strumenti per misurare le lunghezze, quali il flessometro,

Dettagli

1 MISURA DI ANGOLI 1.1. DEFINIZIONE DEGLI ANGOLI UTILIZZATI IN TOPOGRAFIA

1 MISURA DI ANGOLI 1.1. DEFINIZIONE DEGLI ANGOLI UTILIZZATI IN TOPOGRAFIA 1 MISURA DI ANGOLI 1.1. DEFINIZIONE DEGLI ANGOLI UTILIZZATI IN TOPOGRAFIA ANGOLO AZIMUTALE Si definisce angolo azimutale αasb la sezione retta dell angolo diedro compreso tra i due piani contenenti la

Dettagli

Il rilievo topografico di dettaglio

Il rilievo topografico di dettaglio Il rilievo topografico di dettaglio Gli strumenti e le operazioni elementari In qualsiasi tipo di rilievo, per prima cosa, si deve procedere ad un accurato sopralluogo e redigere a vista un accurato schizzo

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA I. I. S."MOREA-VIVARELLI" ----- FABRIANO ********************************************************* sez. COSTRUZIONI AMBIENTE TERRITORIO - a.s.2013/2014 corso di TOPOGRAFIA prof. FABIO ANDERLINI nella classe

Dettagli

Condizioni, prezzi e configurazioni modificabili senza preavviso. Le tariffe e le foto sono puramente indicative e soggette a variazioni.

Condizioni, prezzi e configurazioni modificabili senza preavviso. Le tariffe e le foto sono puramente indicative e soggette a variazioni. Condizioni, prezzi e configurazioni modificabili senza preavviso. Le tariffe e le foto sono puramente indicative e soggette a variazioni. LIVELLO OTTICO CODICE PRODOTTO: AL 228 PFB TEODOLITE DIGITALE CODICE

Dettagli

Usando il pendolo reversibile di Kater

Usando il pendolo reversibile di Kater Usando il pendolo reversibile di Kater Scopo dell esperienza è la misurazione dell accelerazione di gravità g attraverso il periodo di oscillazione di un pendolo reversibile L accelerazione di gravità

Dettagli

Stazione totale. TheoDist FTD 05. Powered by

Stazione totale. TheoDist FTD 05. Powered by Stazione totale TheoDist FTD 05 Powered by geo-fennel TheoDist Il geo-fennel TheoDist costruito in collaborazione con TECNIX è una nuova Stazione Totale da cantiere semplice e facile da usare. Il TheoDist

Dettagli

Stazioni Totali serie RTS700

Stazioni Totali serie RTS700 Stazioni Totali serie RTS700 Comunicazione dati tramite porta USB oppure RS232 L ampio doppio display grafico da 3,8 con touch screen ed il CAD grafico ad aggiornamento in tempo reale del lavoro in svolgimento

Dettagli

Hilti POS 15 / POS 18. Tacheometri. Estremamente semplice: misurare e tracciare. Hilti. Passione. Performance.

Hilti POS 15 / POS 18. Tacheometri. Estremamente semplice: misurare e tracciare. Hilti. Passione. Performance. Estremamente semplice: misurare e tracciare. Hilti. Passione. Performance. Applicazioni Tracciamento orizzontale per sterri, armature e punti di fissaggio su pavimento e soffitto, trasmissione di assi

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento. La misura della distanza

Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento. La misura della distanza Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento La misura della distanza Metodi di misura indiretta della distanza Stadia verticale angolo parallattico costante

Dettagli

APPUNTI DI TOPOGRAFIA

APPUNTI DI TOPOGRAFIA APPUNTI DI TOPOGRAFIA IDONEITA ALLA CLASSE 5 a PROF. SPADARO EMANUELE GENERALITÀ SUL CAMPO OPERATIVO Il termine Topografia deriva dal greco e significa descrizione dei luoghi (topos = luogo e grafia =

Dettagli

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana.

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Il monitoraggio geodetico di una frana Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Per determinare

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Terrirorio a.a. 2006-2007

Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Terrirorio a.a. 2006-2007 Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Terrirorio a.a. 2006-2007 Misura delle distanze mediante onde Si è in presenza di un onda quando in un punto A dello spazio si produce un fenomeno oscillatorio

Dettagli

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA LA CARTA TOPOGRAFICA 88. La carta topografica è una rappresentazione grafica di una parte più o meno ampia della superficie terrestre in una determinata scala.

Dettagli

Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano 3. Stazionamento del Telescopio

Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano 3. Stazionamento del Telescopio 1 Star Party Parco Faunistico del Monte Amiata Conferenza Ottimizzare il Telescopio di Carlo Martinelli 1 Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano

Dettagli

IL RILIEVO TOPOGRAFICO

IL RILIEVO TOPOGRAFICO Capitolo 4 Il rilievo topografico 1 IL RILIEVO TOPOGRAFICO Il rilievo topografico viene incluso in diverse classificazioni in base ad alcune sue caratteristiche. Molti autori lo definiscono anche rilievo

Dettagli

Questionario di LONGIMERI - LIVELLE. per la classe 3^ Geometri

Questionario di LONGIMERI - LIVELLE. per la classe 3^ Geometri Questionario di LONGIMERI - LIVELLE per la classe 3^ Geometri Questo questionario è impostato su 26 domande disponibili e ideate per la verifica prevista dopo la parte di corso fino ad oggi svolta. Tutte

Dettagli

LEZIONI DI TOPOGRAFIA

LEZIONI DI TOPOGRAFIA Prof. Ing. Paolo Saija LEZIONI DI TOPOGRAFIA (Appunti per l esame di abilitazione alla professione di Geometra) Anno 2006 II a Edizione 1 SOMMARIO LA TOPOGRAFIA Grandezze geometriche e unità di misura

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

Lezioni di Topografia

Lezioni di Topografia progetto didattica in rete getto Dipartimento di Georisorse e Territorio Politecnico di Torino, dicembre 000 didattica in ret Lezioni di Topografia Parte III - Strumenti e metodi di misura A. Manzino otto

Dettagli

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Parte teorica Fenomenologia di base La luce che attraversa una finestra, un foro, una fenditura,

Dettagli

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza fra i saperi

Dettagli

SISTEMI ANGOLARI. Il sistema sessagesimale ha per unità il grado sessagesimale (1 ) che è la 90 a parte dell angolo retto.

SISTEMI ANGOLARI. Il sistema sessagesimale ha per unità il grado sessagesimale (1 ) che è la 90 a parte dell angolo retto. SISTEMI ANGOLARI I sistemi angolari di cui ci occuperemo sono: 1) Sistema sessagesimale; 2) Sistema centesimale; 3) Sistema sessadecimale; 4) Sistema analitico Il sistema sessagesimale ha per unità il

Dettagli

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Como / Collegio dei Geometri della Provincia di Como / Ordine degli Architetti della Provincia di Como / Ordine

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

SISTEMA DI RIFERIMENTO ALTIMETRICO. Il datum altimetrico è la superficie zero a cui sono riferite le quote

SISTEMA DI RIFERIMENTO ALTIMETRICO. Il datum altimetrico è la superficie zero a cui sono riferite le quote GEOIDE 1 SISTEMA DI RIFERIMENTO ALTIMETRICO Il datum altimetrico è la superficie zero a cui sono riferite le quote IL GEOIDE E LA SUPERFICIE EQUIPOTENZIALE DEL CAMPO DI GRAVITA USATA COME RIFERIMENTO DELLE

Dettagli

KGS/GMC BRICO 125-185-220

KGS/GMC BRICO 125-185-220 KGS/GMC BRICO 125-185-220 OPTIONALS 1 12 7 8 3 5 10 9 2 N DESCRIZIONE CODICE 1 Rulli a scomparsa per lo scorrimento pannelli GMC 00185 2 Prolungamento supporto intermedio ribaltabile (800 mm) GMC 00006

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SETTIMA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (terza parte) Acquisire dimestichezza con bussola e cartina topografica, significa

Dettagli

-

- STAZIONE TOTALE E costituita dal sistema basetta-base, che viene fissato sulla testa rettificata del treppiede di supporto, dall alidada, un dispositivo a U che si innesta sulla base tramite un perno (attorno

Dettagli

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 SOMMARIO 1. PREMESSA 3 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 3. INTRODUZIONE METODOLOGICA 5 4. ANALISI METODOLOGICA

Dettagli

a) L altezza del palazzo; b) Di quanti gradi salirà la temperatura della palla dopo l impatto.

a) L altezza del palazzo; b) Di quanti gradi salirà la temperatura della palla dopo l impatto. A_1)Una rana sta poggiata su una foglia di ninfea trasportata dalla corrente ad una velocità di 15 cm/s, ad un certo punto compie un balzo nella stessa direzione della corrente, con un angolo di 30 rispetto

Dettagli

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce.

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce. Ottica geometrica L ottica geometrica tratta i fenomeni che si possono descrivere per mezzo della propagazione in linea retta e dei fenomeni di riflessione e la rifrazione della luce. L ottica geometrica

Dettagli

Sistemi di riferimento in uso in Italia

Sistemi di riferimento in uso in Italia Sistemi di riferimento in uso in Italia Sistemi di riferimento in uso in Italia Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 /

Dettagli

DISTANZIOMETRI LASER 179

DISTANZIOMETRI LASER 179 DISTANZIOMETRI LASER 179 DISTANZIOMETRI LASER Leica DISTO D2 IL PIU PICCOLO MISURATORE LASER AL MONDO Rapido e semplice Premendo un tasto si misurano distanze e si Misure da spigoli o angoli Semplicemente

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

DISPENSA DI GEOMETRIA

DISPENSA DI GEOMETRIA Il software di geometria dinamica Geogebra GeoGebra è un programma matematico che comprende geometria, algebra e analisi. È sviluppato da Markus Hohenwarter presso la Florida Atlantic University per la

Dettagli

Il monitoraggio degli spostamenti

Il monitoraggio degli spostamenti Il monitoraggio degli spostamenti Introduzione Lo studio del monitoraggio di un opera d Ingegneria Civile nasce con l opera stessa in quanto fisiologicamente connesso ai problemi strutturali che il progetto

Dettagli

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Anno Accademico 2015-2016 A. Ponno (aggiornato al 19 gennaio 2016) 2 Ottobre 2015 5/10/15 Benvenuto, presentazione

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI La Topografia è sempre stata una materia di primaria importanza per i Geometri. Adesso che la materia si evolve verso la Geomatica, le esigenze formative si fanno ancora più evidenti e pressanti, infatti

Dettagli

livelli livellazioni geometriche linea di mira orizzontale parallela al piano superficie di riferimento passato cannocchiale mobile

livelli livellazioni geometriche linea di mira orizzontale parallela al piano superficie di riferimento passato cannocchiale mobile I LIVELLI 2 I LIVELLI I livelli sono strumenti espressamente concepiti per eseguire in modo esclusivo le livellazioni geometriche. Con essi (dopo la messa in stazione), la linea di mira del cannocchiale

Dettagli

Compattatore a Rullo Standard

Compattatore a Rullo Standard Compattatore a Rullo Standard Compattatore a Rullo Standard PAVELAB SYSTEM elettromeccanico e multi-formato con controllo closed loop CARATTERISTICHE PRINCIPALI o Funzionamento completamente elettromeccanico;

Dettagli

LABORATORIO DI TOPOGRAFIA pag. 1 DOTAZIONE STRUMENTI

LABORATORIO DI TOPOGRAFIA pag. 1 DOTAZIONE STRUMENTI LABORATORIO DI TOPOGRAFIA pag. 700 circa Squadrette di Galileo 790 circa OTTANTE 866 CLISIMETRO A TRAGUARDI Su tre viti di livello 866 TAVOLETTA PRETORIANA VIOTTI DELLA TECNOMASIO MILANO Matr. 866 PLANIMETRO

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

topografia FG-040 FG-020 FG-005 AUTOLIVELLI PER TOPOGRAFIA

topografia FG-040 FG-020 FG-005 AUTOLIVELLI PER TOPOGRAFIA 46 AUTOLIVELLI PER TOPOGRAFIA FG-040 L'autolivello FG-040 è costruito con materiali e ottiche di elevata qualità. La semplicità d'uso abbinata alla precisione di livellazione rende questo strumento adatto

Dettagli

Fate tutto quello che volete. Con questo laser potete.

Fate tutto quello che volete. Con questo laser potete. Completamente sporco e polveroso? Basta lavarlo ed è pulito. Estremamente robusto Il set di STABILA per uso interno ed esterno: Laser rotante LAR 250 con ricevitore REC 300 Digital. Fate tutto quello che

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

Bologna, aprile 2010. Rudj Maria Todaro

Bologna, aprile 2010. Rudj Maria Todaro Bologna, aprile 2010 RAMSES Il rilievo altimetrico della pavimentazione di Venezia Rudj Maria Todaro 1. Obbiettivi i di progetto 2. Il lavoro svolto 3. Risultati Conseguiti Ramses - Obbiettivi di progetto

Dettagli

si 300 s nova seghe circolari elettroniche programmabili e manuali.

si 300 s nova seghe circolari elettroniche programmabili e manuali. si 300 s nova seghe circolari elettroniche programmabili e manuali. si 7500 scmseghe circolari La più ampia gamma di seghe circolari per soddisfare al meglio e con soluzioni tecnologiche avanzate le diverse

Dettagli

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori -Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori Operazioni di misura a diretto contatto con l oggetto da rilevare; è possibile il

Dettagli

LAVORAZIONI INDUSTRIALI

LAVORAZIONI INDUSTRIALI TORNITURA 1 LAVORAZIONI INDUSTRIALI Nelle lavorazioni industriali per asportazione di truciolo sono sempre presenti: Pezzo Grezzo Macchina Utensile Utensile Attrezzatura 2 1 TORNITURA 3 TORNITURA Obiettivo:

Dettagli

n 14 OBBIETTIVO PL 60/0,85 160/0,17 Ottica Turi

n 14 OBBIETTIVO PL 60/0,85 160/0,17 Ottica Turi n 14 OBBIETTIVO PL 60/0,85 160/0,17 Ottica Turi PERIZIA su 4 esemplari PARAMETRI Caratteristiche meccaniche a norme DIN: lunghezza ottica Lo = 45 mm; passo di vite RMS. Montatura molleggiata. Ingrandimento

Dettagli

FISSAGGIO SUL TETTO COLLETTORI PIANI HELIOSTAR

FISSAGGIO SUL TETTO COLLETTORI PIANI HELIOSTAR FISSAGGIO SUL TETTO COLLETTORI PIANI HELIOSTAR ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMI SANITARI E PER ENERGIA Requisiti per il montaggio Requisiti generali Istruzioni di sicurezza Il kit per il montaggio sul tetto

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Proiezioni Grafica 3d

Proiezioni Grafica 3d Proiezioni Grafica 3d Giancarlo RINALDO rinaldo@dipmat.unime.it Dipartimento di Matematica Università di Messina ProiezioniGrafica 3d p. 1 Introduzione Il processo di visualizzazione in 3D è intrinsecamente

Dettagli

ovvero angolo azimutale = lettura punto avanti lettura punto indietro si può notare che in casi come questo risulta (lb - la) > 0

ovvero angolo azimutale = lettura punto avanti lettura punto indietro si può notare che in casi come questo risulta (lb - la) > 0 1.4. MISURA DEGLI ANGOLI AZIMUTALI Con il teodolite in stazione nel punto S, si collimano il punto indietro A e il punto avanti B, e si eseguono le rispettive letture al cerchio azimutale la e lb. La graduazione

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

Alimentazione. Compatibilità

Alimentazione. Compatibilità Configurazione Lo scanner Z+F IMAGER 5006h garantisce la massima mobilità. Costruito secondo i criteri di operatività stand-alone, lo scanner è dotato di un display, di batteria ricaricabile, di un hard

Dettagli

Stazione di ricarica per il robot Tobor

Stazione di ricarica per il robot Tobor UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dellʼinformazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica Mobile (Prof. Riccardo Cassinis)

Dettagli

Risposte ai quesiti posti nella verifica

Risposte ai quesiti posti nella verifica Risposte ai quesiti posti nella verifica classe 4^A Geometri 1) Qual è l espressione del dislivello nella livellazione clisimetrica? AB =Dp+h-l dove: p=pendenza D=distanza h=altezza strumento l=lettura,

Dettagli

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013.

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013. Fisica Generale per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 20/2 Appello del 29/0/203. Tempo a disposizione: 2h30. Scrivere solamente su fogli forniti Modalità di risposta: spiegare sempre il procedimento

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

1 Introduzione 1. Ottica Geometrica

1 Introduzione 1. Ottica Geometrica 1 Introduzione 1 1 Introduzione Ottica Geometrica 1.1 Estratto Lo scopo di questa esperienza è quello di apprendere come la luce interagisce con elementi ottici quali le lenti, e come, in sequito alla

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Metrologia, ispezioni e controllo qualità

Metrologia, ispezioni e controllo qualità Metrologia, ispezioni e controllo qualità Riferimento: capitolo 4 del Kalpakjian (seconda parte) Le tolleranze dei pezzi e il controllo sono fondamentali nel processo di produzione. Outline Metrologia

Dettagli

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007 CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 6-7 APPUNTI LEIONI GPS PARTE II Documento didattico ad uso interno - www.rilevamento.it 1 1 Inserimento di un rilievo GPS in cartografia. Problemi di trasformaione di coordinate

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

MASSA VOLUMICA o DENSITA

MASSA VOLUMICA o DENSITA MASSA VOLUMICA o DENSITA Massa volumica di una sostanza: è la massa di sostanza, espressa in kg, che occupa un volume pari a 1 m 3 1 m 3 di aria ha la massa di 1,2 kg 1 m 3 di acqua ha la massa di 1000

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli

MISURATORE DI LIVELLO IDRICO A BILANCIA

MISURATORE DI LIVELLO IDRICO A BILANCIA I sistemi a bilancia dinamometrica di nostra produzione sono progettati per il rilievo, la registrazione e la trasmissione a distanza della misura del livello idrico di grandi bacini, con elevata precisione

Dettagli

ATTIVITA ESTIVA PER ALLUNNI CON GIUDIZIO SOSPESO MATERIA: TOPOGRAFIA E FOTOGRAMMETRIA DOCENTE: Prof. TONIOLO Serena

ATTIVITA ESTIVA PER ALLUNNI CON GIUDIZIO SOSPESO MATERIA: TOPOGRAFIA E FOTOGRAMMETRIA DOCENTE: Prof. TONIOLO Serena NNO SCOLSTICO 2013-2014 CLSSE 4G 4H TTIVIT ESTIV PER LLUNNI CON GIUDIZIO SOSPESO MTERI: TOPOGRFI E FOTOGRMMETRI DOCENTE: Prof. TONIOLO Serena Dopo aver rivisto i contenuti degli argomenti trattati durante

Dettagli

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE Laser scanner GBC5000 batteria a colonna Leica GPS Leica TPS Profiler 100 FX Colonna portaprisma GPC100 Radio modem

Dettagli

Seconda Parte 1.Allineamento della Culla all asse del Telescopio 2.Prefazione alla Collimazione delle Ottiche e StarTest

Seconda Parte 1.Allineamento della Culla all asse del Telescopio 2.Prefazione alla Collimazione delle Ottiche e StarTest Seconda Parte 1.Allineamento della Culla all asse del Telescopio 2.Prefazione alla Collimazione delle Ottiche e StarTest Allineamento della Culla all asse del Telescopio Nella Prima Parte abbiamo visto

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

La corrente elettrica. Lezioni d'autore

La corrente elettrica. Lezioni d'autore La corrente elettrica Lezioni d'autore Misura e definizione di 'ampere' (I) VIDEO Misura e definizione di 'ampere' (II) La scoperta nel 1820 degli effetti magnetici di un filo percorso da corrente aprì

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

legati ai metalli www.albromet.de Attrezzature per curvatubi Anime Articolate a Sfere Raccordi Tasselli Anti-Grinza

legati ai metalli www.albromet.de Attrezzature per curvatubi Anime Articolate a Sfere Raccordi Tasselli Anti-Grinza legati ai metalli Attrezzature per curvatubi Anime Articolate a Sfere Raccordi Tasselli Anti-Grinza www.albromet.de Tecnica di curvatura dei tubi Componenti di alta qualità per utensili di curvatura dei

Dettagli

La piegatura tangenziale si afferma.

La piegatura tangenziale si afferma. TruBend Center: La piegatura tangenziale si afferma. Macchine utensili / Utensili elettrici Tecnologia laser / Elettronica Piegatura senza precedenti. Indice Piegatura senza precedenti. 2 Funzioni convincenti.

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS SHAPING THE FUTURE Da oltre 20 anni BIKO è sinonimo di qualità. Già subito dopo il suo lancio, la linea di calandre BIKO è diventata la marca preferita di centinaia di produttori di serbatoi, scambiatori

Dettagli

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

COD. 664.00 RETTIFICATRICE PER SUPERFICI PIANE CON COLONNA RINFORZATA

COD. 664.00 RETTIFICATRICE PER SUPERFICI PIANE CON COLONNA RINFORZATA COD. 664.00 RETTIFICATRICE PER SUPERFICI PIANE CON COLONNA RINFORZATA Basamento e braccio porta colonna: realizzati in fusione monolitica di ghisa della migliore qualità con nervature nei punti sottoposti

Dettagli

attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni 5.2.1 carotatrici pag. 354

attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni 5.2.1 carotatrici pag. 354 attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni pag. 354 354 AT 244 Orientabile in ogni direzione perforatrici - en 12504-1 La gamma di macchine Tecnotest consente l esecuzione di qualsiasi tipo di perforazione

Dettagli

Sistemi di forze: calcolo grafico

Sistemi di forze: calcolo grafico UNTÀ D3 Sistemi di forze: calcolo grafico TEOA Uso del CAD nei procedimenti grafici 2 appresentazione grafica dei vettori 3 Poligono delle forze 4 Poligono delle successive risultanti 5 Poligono funicolare

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

MISURA DELLA DISTANZA DIRETTA ED INDIRETTA

MISURA DELLA DISTANZA DIRETTA ED INDIRETTA Capitolo 6 MISUR ELL ISTNZ IRETT E INIRETT 6. 1 MISUR ELL ISTNZ Si definisce distanza, tra due punti e della superficie fisica della terra, la linea di minima lunghezza delle proiezioni dei due punti sopra

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

APPARECCHIO RADIOGENO

APPARECCHIO RADIOGENO UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia APPARECCHIO RADIOGENO A.A. 2014 2015 Tecniche di Radiodiagnostica

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Raddrizzamento fotografico Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati.

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli