Comunità solidali. Equità e giustizia sociale. Aalborg Commitment 9. Capitolo 9

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunità solidali. Equità e giustizia sociale. Aalborg Commitment 9. Capitolo 9"

Transcript

1 Capitolo 9 Aalborg Commitment 9 Ci impegniamo a costruire comunità solidali e aperte a tutti. Lavoreremo quindi per: adottare le misure necessarie per alleviare la povertà assicurare un equo accesso ai servizi pubblici, all educazione, all occupazione, alla formazione e all informazione incoraggiare l inclusione sociale e le pari opportunità migliorare la sicurezza della comunità assicurare la disponibilità di buoni alloggi e condizioni di vita Comunità solidali 158

2 Capitolo 9 INDICATORI SELEZIONATI CRITICITÀ TENDENZA NEL TEMPO 9.1 Parità di genere 9.2 Accessibilità ai servizi Povertà 9.4 Indice di vecchiaia e di dipendenza 9.5 Immigrazione straniera In sintesi La sfida dell equità sociale è possibile, ma va promossa e governata Il tema dell Equità e della giustizia sociale tocca aspetti tra loro molto differenziati e quindi gli indicatori che abbiamo selezionato rappresentano solo uno sguardo parziale sull intera materia. Ma le informazioni che restituiscono sono molto interessanti. Innanzitutto, l area provinciale (in linea con tutto il paese) non evidenzia alcuna vocazione europea per quanto riguarda la parità di genere. A fronte di una presenza femminile sempre più forte nell associazionismo e nell economica, ancora oggi sono meno del 20% le donne che raggiungono posizioni di potere in politica e nel sistema delle imprese (e il dato è addirittura in lieve calo). Consistente e diffusa la rete dei servizi alla persona (dagli ambulatori alle biblioteche), ma forse da ripensare in modo più innovativo (diffusione di servizi a domicilio, diversificazione dell offerta, informatizzazione, ecc.), in considerazione dei fenomeni sociali e demografici importanti che stanno investendo l area: l invecchiamento della popolazione (con 148 anziani ogni 100 giovani, il picco su Milano), e la fragilità sociale di alcune fasce di stranieri nel periodo di primo ingresso nel paese. La sfida dell integrazione degli stranieri sembra comunque possibile se si guarda al di là degli episodi di criminalità legati ai flussi irregolari: è un segno di integrazione positiva infatti il dato di crescita delle iscrizioni alle scuole superiori di figli di famiglie straniere regolari (presenti nella popolazione provinciale per una quota del 7,6%), che passa da meno del 2% nell anno scolastico 2001/2002 a circa il 6% attuale. Così come è interessante la riduzione degli stranieri disoccupati (ormai meno del 10%), la stabilizzazione (tra il 35% e il 40%) delle assunzioni a tempo indeterminato e un incremento della quota di stranieri (circa il 6-7%) che hanno sviluppato una propria attività o come lavoratori autonomi o come imprenditori. Nota Il giudizio si riferisce principalmente al servizio bibliotecario.

3 Capitolo 9 Indicatori in dettaglio Donne elette in Consiglio provinciale - Provincia di Milano Titolarità delle imprese - Provincia di Milano 9.1 Parità di genere L Italia si distingue negativamente in Europa per il basso numero di donne in posizione di vertice sia nel settore privato (imprese, mondo del lavoro), sia nel settore pubblico (politica, enti locali e nazionali). Purtroppo la provincia di Milano non sembra fare eccezione. Si è deciso di analizzare il numero di donne elette nel Consiglio provinciale e il numero di imprese di cui sono titolari imprenditrici donne. Le donne che siedono nell attuale Consiglio provinciale sono solo 12 su 61, pari a poco meno del 20%. Inoltre il loro numero è progressivamente diminuito nelle ultime 3 legislature (erano 16 nel 1995), nonostante il totale dei consiglieri sia cresciuto. Anche il mondo delle imprese registra percentuali analoghe: per l ultimo anno disponibile, il 2002, le aziende a titolarità femminile rappresentavano il 20,3% del totale ( su ). Le imprese a conduzione femminile crescono in numero assoluto (erano nel 1998), ma meno di quelle maschili: pertanto la percentuale di quelle gestite da donne è in calo, seppur lieve, rispetto al 20,8% del 1998, a ulteriore riprova del fatto che non si intravedono segnali di una inversione di tendenza. Fonte: Ministero degli Interni Fonte: Comitati per la promozione dell Imprenditoria Femminile - Movimprese InfoCamere 160

4 Capitolo 9 La provincia di Milano a confronto Nel 2002, ad eccezione della provincia di Sondrio, in cui le imprese a titolarità femminile sono il 32,5%, le altre province lombarde presentano valori tra il 20% e il 25%. La provincia di Milano con il 20,3% di imprenditrici donne risulta ultima, di poco sotto alla media della regione Lombardia, pari al 22%, dove complessivamente sono insediate aziende a conduzione femminile su un totale di imprese. Titolarità femminile delle imprese, Province lombarde - Anno 2002 Fonte: Comitati per la promozione dell Imprenditoria Femminile - Movimprese InfoCamere 161

5 Capitolo 9 Ambulatori e consultori familiari - Anno 2007 Prestiti bibliotecari Prestiti bibliotecari - Anno Accessibilità ai servizi Tra i bisogni più sentiti dai cittadini vi è sicuramente un adeguata assistenza sanitaria, con un ruolo importante svolto dalle cure non ospedaliere. La provincia di Milano è suddivisa in 4 Aziende Sanitarie Locali (ASL), una per la città di Milano, le altre tre per le aree a sud-est, ovest e nord di Milano. Le ASL offrono diverse tipologie di servizi socio-sanitari, tra i più significativi vi sono le prestazione mediche erogate dagli ambulatori e la prevenzione e l assistenza sanitaria, psicologica e sociale garantita dai consultori familiari. Secondo i dati della Regione Lombardia, in provincia di Milano vi sono 190 ambulatori medici, uno ogni residenti, con una concentrazione leggermente maggiore nell Area di Milano. Dei 190 ambulatori circa 2 su 3 sono privati. I consultori pubblici sono invece 53 in tutta la provincia, di cui ben 48 nella sola Area di Milano. Complessivamente in tutta la provincia è presente poco più di un consultorio pubblico ogni abitanti. Ai consultori pubblici se ne aggiungono altri 27 privati convenzionati. Il numero di prestiti bibliotecari consente invece di valutare la diffusione e l efficacia del servizio delle biblioteche. In provincia di Milano esiste una fitta rete di 234 biblioteche comunali, alle quali vanno aggiunte quelle private, universitarie e di diverse fondazioni. Questo consente un facile accesso al servizio e un conseguente buon livello di prestiti che negli anni è cresciuto fino ad attestarsi nel 2005 a poco meno di 2 libri per ciascun residente, che diventano 2,7 nell Area Brianza, dove, in rapporto alla popolazione residente, è maggiore anche il numero di biblioteche a disposizione. Soltanto in una decina di comuni non è disponibile il servizio di biblioteca, mentre altrettanti non sono in grado di fornire dati sui prestiti. Nel 2005 complessivamente in provincia di Milano i prestiti bibliotecari sono stati quasi , rispetto ai del Su un così notevole incremento deve aver influito un generale miglioramento del servizio (l apertura di 2 nuove biblioteche, l estensione dell orario di apertura, etc.), ma sicuramente anche una maggior efficienza nel sistema di contabilizzazione del prestito dei libri. 162

6 Capitolo 9 Fonte: Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità e Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Fonte: Regione Lombardia - Annuario Statistico Regionale della Lombardia Fonte: Regione Lombardia - Annuario Statistico Regionale della Lombardia 163

7 Capitolo 9 I principali bisogni emersi nei centri di ascolto della Caritas Provincia di Milano, Anno Povertà Indicatori e dati che analizzano i livelli di povertà su scala locale (provinciale o comunale) sono ancora pochi e non sistematici. Pertanto si è scelto di utilizzare come fonte principale il lavoro dell Osservatorio diocesano delle povertà e delle risorse della Caritas Ambrosiana che da alcuni anni pubblica il Rapporto sulle povertà nella Diocesi di Milano. I dati raccolti si riferiscono a un campione tra gli utenti dei 62 Centri di ascolto della Caritas Ambrosiana che include anche ampia parte delle province di Lecco e Varese. Tra il 2001 e il 2005 il numero di utenti che si sono rivolti ai Centri di ascolto è cresciuto del 23%, passando da a individui. Nel 2005, il 72,6% degli utenti è rappresentato da cittadini stranieri ed è soprattutto la loro quota ad aver determinato la crescita di domande: infatti se nel 2001 erano 8.788, nel 2005 sono diventati Tra i bisogni espressi da chi si rivolge ai Centri d ascolto non si registrano invece sensibili differenze tra i 2 anni: le categorie più richieste restano quelle relative all occupazione, al reddito, alla condizione straniera, alle problematiche abitative, alla famiglia, alla malattia. Per il 2005 la Caritas ha inoltre elaborato un approfondimento sulla sola provincia di Milano, da cui emerge che gli utenti sono 6.495, di cui stranieri, pari al 77% del totale e che l ordine dei bisogni espressi è analogo a quello di tutta la Diocesi. Il 59% di chi si rivolge ai Centri ha problemi di tipo occupazionale e il 32% ha difficoltà legate al reddito (dalla sua mancanza o alle sua inadeguatezza rispetto alle spese). Gli altri bisogni registrati sono più circoscritti. Fonte: Caritas Ambrosiana - Osservatorio diocesano delle povertà e delle risorse Nota 2 Le percentuali sommate per colonna portano a un risultato superiore al 100%, poiché una persona può esprimere più bisogni contemporaneamente. 164

8 Capitolo 9 Fonte: Caritas Ambrosiana - Osservatorio diocesano delle povertà e delle risorse Fonte: Caritas Ambrosiana - Osservatorio diocesano delle povertà e delle risorse Nota Le percentuali sommate per colonna portano a un risultato superiore al 100%, poiché una persona può esprimere più bisogni contemporaneamente.

9 Capitolo 9 Indice di vecchiaia e di dipendenza - Provincia di Milano Indice di vecchiaia - Anno 2005 Indice di dipendenza - Anno Indice di vecchiaia e di dipendenza Dai dati Istat dei censimenti della popolazione si ricava che nella provincia di Milano l indice di vecchiaia passa da 43 del 1971 a 144 del Ciò significa che mentre nel 1971 c erano 43 anziani (oltre i 65 anni) ogni 100 giovani d età pari o minore di 14 anni, nel 2001 il rapporto si è invertito e pertanto si hanno 144 anziani ogni 100 giovanissimi. Anche nel decennio , la crescita dell indice di vecchiaia non mostra segnali di rallentamento, evidenziando una società che tende chiaramente a un forte invecchiamento. I dati più recenti dell Istat mettono in luce che nel 2005 l indice di vecchiaia in provincia di Milano ha raggiunto quota 148 e mostrano a livello comunale una situazione molto variegata con 24 Comuni che superano la media provinciale, tra cui 11 sopra il valore di 160 (8 dei quali, Bresso, Corsico, Cusano Milanino, Melegnano, Milano, Nosate, San Colombano al Lambro e Sesto San Giovanni, oltre i 180 e una cinquantina di Comuni che presentano invece un indice inferiore a 100 (di cui due, Basiglio e Tribiano inferiore a 50), dove quindi prevale ancora una popolazione giovane rispetto a quella anziana. L indice di dipendenza (che rapporta la popolazione non attiva a quella attiva) presenta invece un andamento più costante, passando da 48 del 1971 al 45 del 2001, con quindi una prevalenza della popolazione attiva. Quello che cambia però, come ha dimostrato l analisi dell indice di vecchiaia, è la composizione della parte non attiva della popolazione, in cui nel 2001 prevalgono anziani rispetto ai giovani. Nel 2005, secondo i dati Istat, l indice di dipendenza in provincia di Milano è salito a 48, con 4 Comuni (Noviglio, Pieve Emanuele, Rodano e San Zenone al Lambro) che presentano valori inferiori a 35 e, all opposto, solo 5 Comuni (Bresso, Melegnano, Milano, Nosate, e San Colombano al Lambro, ) al di sopra di quota 51. Fonte: Istat 166

10 Capitolo 9 La provincia di Milano a confronto L indice di vecchiaia nel Nord Italia è tradizionalmente più alto rispetto al resto del Paese, poiché il Nord presenta una minore natalità. I dati del 2005 confermano questa tendenza, ma con significative differenze tra le province lombarde: si passa da un valore di 113 a Bergamo ai 195 di Pavia, con Milano che si colloca a un livello medio alto. L indice di dipendenza presenta valori meno differenziati: con un minimo di 47 a Bergamo e un massimo di 54 a Pavia. Il valore della provincia di Milano (49) è in media con il dato lombardo. Indice di vecchiaia, Province lombarde - Anno 2005 Indice di dipendenza, Province lombarde - Anno 2005 Fonte: Istat Fonte: Istat 167

11 Capitolo Popolazione straniera residente: incidenza - Provincia di Milano Popolazione straniera residente: incidenza - Anno 2005 Residenti stranieri - Anno Immigrazione straniera 1 La provincia di Milano, essendo un territorio ricco e con un elevata offerta di lavoro, esercita da sempre una forte attrazione di immigrati italiani e stranieri. La presenza di stranieri è sensibilmente cresciuta negli ultimi anni (circa 1% all anno), raggiungendo nel 2005 quasi quota individui, pari al 7,6% della popolazione totale residente. A livello territoriale le differenze sono notevoli e non sembrano legate alla dimensione dei Comuni: in 24 di essi la percentuale di stranieri, nel 2005, è inferiore al 3% (tra cui Gudo Visconti, Lazzate, Misinto e Villa Cortese inferiore al 2%), mentre in 8 si supera l 8% (tra cui Baranzate, Basiglio, Milano e Pioltello oltre il 10%). Questo determina anche valori differenti tra l Area Brianza, che ha un incidenza di stranieri pari al 4,5%, mentre l Area Milano supera l 8%. Tra i stranieri regolari residenti, c è ancora una lieve prevalenza degli uomini (che rappresentano il 51,2%), ma si conferma il trend che sta riportando a un riequilibrio tra i due generi, rispetto alla netta maggioranza di uomini (oltre il 65%) negli anni Novanta. Parallelamente sta crescendo anche l età media degli stranieri residenti che ora è intorno ai 33 anni. Per quanto concerne il livello d istruzione dichiarato, la gran parte degli stranieri è almeno diplomato. Interessante anche analizzare la provenienza degli stranieri: nel 2005 dei stranieri regolari, il 27% arriva dall Asia, il 24% dall Africa, il 21% dalle Americhe, il 20% da Paesi europei non appartenenti all Unione Europea, mentre solo il 7% è cittadino comunitario 4. Le comunità più presenti in provincia di Milano sono quelle provenienti dalle Filippine e dall Egitto (entrambe con più di residenti), da Ecuador, Perù e Albania (con oltre ciascuna), Marocco, Romania e Cina (con più di persone ognuna). Nota 4 I dati sono precedenti all ultimo allargamento dell Unione Europea a Bulgaria e Romania, e pertanto i cittadini di questi due Stati sono ancora considerati come extracomunitari. 168

12 Capitolo 9 2 Per verificare il livello di integrazione degli stranieri è stato scelto, come principale indicatore, la presenza di studenti stranieri nelle scuole. Questo dato testimonia di un immigrazione straniera non più solo adulta e legata alla ricerca del lavoro, ma del trasferimento di interi gruppi familiari o di coppie straniere che decidono di avere figli in Italia. Nell arco degli ultimi 5 anni scolastici, dal 2001/2002 al 2005/2006, la percentuale di studenti stranieri è quasi raddoppiata arrivando all 8,3% con ragazzi non italiani che frequentano le scuole in provincia di Milano. Il 37% è inserito nelle scuole primarie, gli altri sono equamente ripartiti tra i restanti ordini di scuole, dalle scuole di infanzia alla secondarie di II grado. Quest ultime presentano un incidenza di studenti stranieri minore (circa il 6%), ma sono anche quelle in cui la loro presenza è cresciuta maggiormente (erano meno del 2% nell anno scolastico 2001/2002). Nell ultimo anno scolastico disponibile, il 27% degli studenti stranieri proviene dalle Americhe, tra il 24-25% è di origine asiatica e di Paesi europei non appartenenti all Unione Europea, il 20% viene dall Africa, mentre solo il 2,5% è rappresentato da studenti comunitari. Infine anche i dati sulle condizioni lavorative (elemento che influisce in maniera determinante sul grado di integrazione) testimoniano di interessanti progressi: si sta verificando una sensibile riduzione degli stranieri disoccupati (ormai meno del 10%), una stabilizzazione (tra il 35% e il 40%) delle assunzioni a tempo indeterminato e un incremento della quota di stranieri (circa il 6-7%) che hanno sviluppato una propria attività o come lavoratori autonomi o come imprenditori. 1 2 Stranieri residenti per continente d origine - Provincia di Milano, Anno 2005 Incidenza degli studenti stranieri - Provincia di Milano Fonte: Regione Lombardia Annuario Statistico Regionale della Lombardia Fonte: Istat 169

13 Capitolo 9 Fonte: Istat Fonte: Istat Fonte: Regione Lombardia Annuario Statistico Regionale della Lombardia, Provincia di Milano, Direzione Centrale Affari Sociali - Osservatorio per le Politiche Sociali Fonte: Regione Lombardia Annuario Statistico Regionale della Lombardia, Provincia di Milano, Direzione Centrale Affari Sociali - Osservatorio per le Politiche Sociali Fonte: Regione Lombardia Annuario Statistico Regionale della Lombardia, Provincia di Milano, Direzione Centrale Affari Sociali - Osservatorio per le Politiche Sociali 170

14 Capitolo 9 La provincia di Milano a confronto 1 La presenza di stranieri si concentra nel Nord Italia: in Lombardia, dove nel 2005 risiede il 25% del totale dei cittadini stranieri residenti in Italia, e in particolare nella provincia di Milano che da sola ospita l 11% degli immigrati non italiani. È evidente pertanto che l incidenza della popolazione straniera risulta più alta in Lombardia (si attesta intorno al 7%), rispetto alla media nazionale che è pari al 4,6%. In realtà le province lombarde presentano percentuali di cittadini non italiani significativamente diverse: si passa dal 2,6% di Sondrio al 9,4% di Brescia; con livelli intermedi ci sono Pavia, Lecco, Como e Varese tra il 5% e il 5,5%, Lodi, Cremona e Bergamo tra il 6,5% e il 7%, mentre Milano e Mantova superano la media regionale rispettivamente con il 7,6% e l 8,1%. 1 Popolazione straniera residente: incidenza, Province lombarde - Anno La maggior presenza (in termini percentuali) di studenti stranieri non sempre si registra laddove è maggiore il totale degli immigrati. Infatti se è ancora Sondrio ad avere la percentuale di studenti non italiani più bassa (2,6%), è invece Mantova a registrare l incidenza maggiore, con quasi il 12% del totale degli studenti iscritti. A Cremona e Brescia ormai uno studente su 10 è straniero. Milano, insieme a Lodi e Bergamo, si colloca invece in una posizione intermedia, intorno all 8%. In tutte le altre province gli studenti stranieri variano tra il 6% e il 7% degli alunni totali. Complessivamente nell anno scolastico 20005/2006 gli studenti stranieri sono , pari al 7% del totale degli alunni lombardi. 2 Studenti stranieri: incidenza, Province lombarde - Anno scolastico Nota 5 Fonte: Istat Fonte: Regione Lombardia Annuario Statistico Regionale della Lombardia, Provincia di Milano, Direzione Centrale Affari Sociali - Osservatorio per le Politiche Sociali 171 Il numero degli studenti stranieri per continente di origine non coincide con quello complessivo degli studenti stranieri, poiché per alcuni di essi non è stato possibile stabilire il Paese di provenienza.

15 Capitolo 9 Definizione degli indicatori e fonti dei dati Nota

16 173 Capitolo 9

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

Relazione sintetica dei dati 2013 rispetto agli accessi delle persone straniere presso l Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi

Relazione sintetica dei dati 2013 rispetto agli accessi delle persone straniere presso l Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi Relazione sintetica dei dati 2013 rispetto agli accessi delle persone straniere presso l Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi Per facilitare la lettura della presentazione di dati in powerpoint

Dettagli

NUMERO VALORE PERCENTUALE

NUMERO VALORE PERCENTUALE Le istituzioni non profit in provincia di Cremona al Censimento del 2011 L Istat ha svolto il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi ed il Censimento delle istituzioni non profit, rilevando

Dettagli

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006)

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006) Territorio La provincia di Cremona si estende a sud della Lombardia al confine con l Emilia Romagna. E completamente pianeggiante, appena digradante verso il Po, con un altitudine che oscilla mediamente

Dettagli

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Indagine demografica (1981-2013) con dati aggiornati al

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

La Comunità Filippina in Italia

La Comunità Filippina in Italia La Comunità Filippina in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2012 2012 -Rapporto Comunità Filippina in Italia 2 Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso dal

Dettagli

RSA Provincia di Milano

RSA Provincia di Milano SA Provincia di Milano Popolazione e società Fig. 1: natalità e mortalità in Provincia di Milano Fig. 2: l indice di ricambio (fonte SIA) L analisi ambientale di un territorio rappresenta lo studio del

Dettagli

LAUREATI, CRESCE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DAL 7% AL

LAUREATI, CRESCE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DAL 7% AL Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 cell. 335/6413321. Comunicati www.mi.camcom.it La ricerca: Il lavoro dei laureati in tempo di crisi LAUREATI, CRESCE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DAL 7% AL 12%

Dettagli

Brescia. I numeri del comune. Abitanti* 193.599 1.262.295 Superficie (km 2 ) 90,34 4.785,62 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Brescia. I numeri del comune. Abitanti* 193.599 1.262.295 Superficie (km 2 ) 90,34 4.785,62 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Brescia I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 193.99 1..9 Superficie (km ) 9,3.7, Densità (ab. per km ).13,1 3,77 * al 1.1.1 Numero

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

P. Olivani, A.De Matteo (NAGA Milano) INTRODUZIONE

P. Olivani, A.De Matteo (NAGA Milano) INTRODUZIONE ANTICIPAZIONI RIGUARDO ALL INDAGINE SULLA POPOLAZIONE EXTRACOMUNITARIA IRREGOLARE VISITATA PRESSO L AMBULATORIO NAGA (MILANO) NEL PERIODO GENNAIO-MARZO 2001 E RAFFRONTO CON INDAGINI PRECEDENTI: DATI SOCIO-DEMOGRAFICI.

Dettagli

Unità locali delle imprese, delle istituzioni pubbliche e delle istituzioni non profit Imprese

Unità locali delle imprese, delle istituzioni pubbliche e delle istituzioni non profit Imprese La nuova mappa territoriale del sistema istituzionale e produttivo cremonese al Censimento del 2011 - I dati sulle unità locali - L Istat ha svolto il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007).

Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007). Provincia di Torino Ufficio Statistica Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007). di Franco A. Fava 1. La popolazione straniera residente. Secondo

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

PGT Piano di Governo del Territorio PGT. DdP 02a. Comune di Cassolnovo (PV) DOCUMENTO DI PIANO Quadro conoscitivo 1 parte

PGT Piano di Governo del Territorio PGT. DdP 02a. Comune di Cassolnovo (PV) DOCUMENTO DI PIANO Quadro conoscitivo 1 parte PGT Piano di Governo del Territorio Comune di Cassolnovo (PV) COMUNE DI CASSOLNOVO (PV) 27023 Piazza Vittorio Veneto n. 1 Tel. 0381 928769 Fex. 0381 929175 p.iva 00477120182 sito internet comunale: WWW.COMUNE.CASSOLNOVO.PV.IT

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi -

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi - Milano Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado Anno scolastico 2009 2010 Comune di Milano - Dati di sintesi - A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati: Ugo Rosario Maria David

Dettagli

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

Capitolo 1 I dati in sintesi

Capitolo 1 I dati in sintesi Capitolo 1 I dati in sintesi 1.1 - Le sedi Nell anno scolastico 2006/07 gli istituti scolastici coinvolti nell istruzione degli adulti sono stati 1.403. Il presente rapporto è però realizzato utilizzando

Dettagli

3L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA

3L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA 3L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE IL PERSONALE GLI ISCRITTI I DIPLOMATI LA CONTRIBUZIONE E IL DIRITTO ALLO STUDIO I NUOVI INGRESSI NEI CORSI SUPERIORI 3 L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE Variabile

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

Quali badanti per quali famiglie?

Quali badanti per quali famiglie? STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Quali badanti per quali famiglie? I lavoratori domestici in Italia (dagli archivi Inps) pag. 2 Quanti sono e quanto contribuiscono L identikit del lavoratore

Dettagli

Belluno 6.571 7.214 8.022 8.772 9.230 9.409 9.989 12.028 12.080. Rovigo 2.412 2.792 4.270 4.807 5.002 5.473 5.940 8.051 9.384

Belluno 6.571 7.214 8.022 8.772 9.230 9.409 9.989 12.028 12.080. Rovigo 2.412 2.792 4.270 4.807 5.002 5.473 5.940 8.051 9.384 Dossier Statistico ti ti Immigrazione 2009 Focus: i lavoratori stranieri in Veneto 28 ottobre 2009 Assicurati nati all'estero 2008 per provincia INAIL serie storica occupati netti PROVINCIA 2000 2001 2002

Dettagli

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI Trieste novembre 2012 Riproduzioni e stampe dovranno riportare in modo visibile la fonte e la proprietà dell informazione. Inoltre, su richiesta al Servizio Statistica

Dettagli

Excelsior Informa. Provincia di Varese. I programmi occupazionali delle imprese rilevati da Unioncamere

Excelsior Informa. Provincia di Varese. I programmi occupazionali delle imprese rilevati da Unioncamere Excelsior Informa I programmi occupazionali delle imprese rilevati da Unioncamere Varese Anno 2015 Nel 2015 le imprese con dipendenti che operano in prevedono di attivare 910300 contratti di lavoro, il

Dettagli

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Nota statistica su alcuni aspetti strutturali del sistema economico e produttivo del Comune di Follonica - 2010 Grosseto, Aprile 2011 INDICE INDICE...

Dettagli

Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese

Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese Sulla base dei dati del consuntivo di Contabilità Analitica 2009 pubblicati dal Comune di Bologna è possibile individuare le risorse dedicate dall Amministrazione

Dettagli

Accesso al lavoro delle persone disabili

Accesso al lavoro delle persone disabili Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Seduta del 4 ottobre 2012 Accesso al lavoro delle persone disabili Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali

Dettagli

Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona

Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona PROVINCIA DI CREMONA SERVIZIO STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona Anno Accademico 2011-2012 INDICE LE UNIVERSITA CREMONESI pag.

Dettagli

1. Il quadro demografico

1. Il quadro demografico PARTE I ANALISI DI CONTESTO 1. Il quadro demografico Tra gli aspetti da considerare nella fase di elaborazione di un Programma provinciale delle politiche dell istruzione, della formazione e del lavoro

Dettagli

UFFICIO STATISTICA. Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona

UFFICIO STATISTICA. Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona UFFICIO STATISTICA Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona Anno Accademico 2014-2015 INDICE LE UNIVERSITA CREMONESI pag. 3 STUDENTI ISCRITTI pag. 4 - Dettaglio delle iscrizioni

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA UNITA DI STAFF STATISTICA Ufficio di Diffusione dell Informazione Statistica

COMUNE DI BRESCIA UNITA DI STAFF STATISTICA Ufficio di Diffusione dell Informazione Statistica COMUNE DI BRESCIA UNITA DI STAFF STATISTICA Ufficio di Diffusione dell Informazione Statistica Come ci si è sposati a Brescia: i matrimoni del 2000 a confronto con i matrimoni del 2008 Calano i matrimoni

Dettagli

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009 n 4 - ottobre/dicembre 2009 Sposarsi a Roma Sempre più tardi e sempre di meno. Introduzione Il matrimonio è sempre stato considerato fin dall antichità il pilastro per la creazione di una famiglia e per

Dettagli

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO CAPITOLO 2 indagine QuAntitAtivA Maria Teresa Morana 1. INTRODUZIONE Gli studenti stranieri che decidono di studiare nel Comune di per un breve o lungo periodo possono scegliere tra i corsi di istruzione

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

Famiglia e solidarietà sociale

Famiglia e solidarietà sociale 20 21 Famiglia e solidarietà sociale e dei prezzi in vigore. Le RSA sono diffuse su tutto il territorio regionale. Sul sito www.famiglia.regione.lombardia.it si può accedere a un area nella quale vengono

Dettagli

Leggere le migrazioni: analisi delle fonti statistiche

Leggere le migrazioni: analisi delle fonti statistiche Leggere le migrazioni: analisi delle fonti statistiche Deborah Erminio Synesis Ricerca sociale, monitoraggio e valutazione E-mail: synesis@fastwebnet.it I migranti: chi dovremmo contare? Come conteggiamo

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Provincia di Cremona 1 2015 Nel primo 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare quasi 210.000 nuovi contratti di

Dettagli

Le rilevazioni trimestrali di T.R.A.V.E.L. EXPO presso le strutture ricettive

Le rilevazioni trimestrali di T.R.A.V.E.L. EXPO presso le strutture ricettive Le rilevazioni trimestrali di T.R.A.V.E.L. EXPO presso le strutture ricettive Il bimestre Giugno-Luglio 2015 Rapporto di sintesi Il team di T.R.A.V.E.L.-EXPO, Settembre 2015 1 Tassi di partecipazione alla

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

Oltre la crisi, insieme

Oltre la crisi, insieme Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 21 Rapporto 2011 Edizioni Idos, Roma Oltre la crisi, insieme Stranieri residenti a 150 anni dall Unità d Italia 1861 2010 incidenza 0,4% incidenza 7,5%

Dettagli

La Comunità Ucraina in Italia

La Comunità Ucraina in Italia La Comunità Ucraina in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2012 2012 - Rapporto Comunità Ucraina in Italia 2 Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso dal

Dettagli

Rapporto di ricerca realizzato per la Provincia di Bologna dalla Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo

Rapporto di ricerca realizzato per la Provincia di Bologna dalla Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo CITTADINI STRANIERI IN PROVINCIA DI BOLOGNA CARATTERISTICHE E TENDENZE Cittadini stranieri e percorsi scolastici e formativi in provincia di Bologna Edizione

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

Rapporto 2014. Rapporto 2014. Gli immigrati in Lombardia. a cura di Vincenzo Cesareo. Osservatorio Regionale per l integrazione e la multietnicità

Rapporto 2014. Rapporto 2014. Gli immigrati in Lombardia. a cura di Vincenzo Cesareo. Osservatorio Regionale per l integrazione e la multietnicità Rapporto 2014 Rapporto 2014 Gli immigrati in Lombardia a cura di Vincenzo Cesareo 2015 Osservatorio Regionale per l integrazione e la multietnicità Regione Lombardia Direzione Generale Sicurezza, Protezione

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

Osservatorio sull occupazione straniera nelle piccole imprese in Italia. Struttura e dinamiche Andamento 1 semestre 2012 Previsioni 2 semestre 2012

Osservatorio sull occupazione straniera nelle piccole imprese in Italia. Struttura e dinamiche Andamento 1 semestre 2012 Previsioni 2 semestre 2012 Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Osservatorio sull occupazione straniera nelle piccole imprese in Italia Struttura e dinamiche Andamento 1 semestre 2012 Previsioni 2 semestre 2012 Andamento

Dettagli

Il mercato del lavoro immigrato in provincia di Milano

Il mercato del lavoro immigrato in provincia di Milano Il mercato del lavoro immigrato in provincia di Milano Il mercato del lavoro immigrato in provincia di Milano di Egidio Riva, Fondazione ISMU Osservatorio Provinciale per l immigrazione Provincia di Milano

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DELLE POLITICHE FORMATIVE, E DEL LAVORO

PROGRAMMA PROVINCIALE DELLE POLITICHE FORMATIVE, E DEL LAVORO PROVINCIA DI PIACENZA Assessorato Sistema Scolastico e Formativo, Lavoro, Iniziative Istituzionali per la Pace PROGRAMMA PROVINCIALE DELLE POLITICHE FORMATIVE, E DEL LAVORO 2005-2006 Approvato con Delibera

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Studenti e Lavoro Provincia di Lecco

Studenti e Lavoro Provincia di Lecco Studenti e Lavoro Provincia di Lecco Luglio 2010 - Settembre 2012 Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Lecco Rapporto a cura di: Centro di Ricerca Interuniversitario per i Servizi di

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO 10405 10/11/2014 Identificativo Atto n. 552 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DETERMINAZIONI RELATIVE ALL ATTUAZIONE DELLA DGR 2513 DEL 17/10/2014 PRIMA ATTUA- ZIONE DELLA

Dettagli

COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007

COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 i Autore Antonio Rinaldi Responsabile progetto Dirigente Settore Affari Generali - Monica Vavassori Avvertenze: I dati fanno riferimento all anno 2006 salvo diversa indicazione.

Dettagli

Pubblicazione n. 10 maggio 2015 Il sistema di welfare territoriale nella Regione Marche

Pubblicazione n. 10 maggio 2015 Il sistema di welfare territoriale nella Regione Marche Pubblicazione n. 10 maggio 2015 Il sistema di welfare territoriale nella Regione Marche Introduzione La popolazione e il bilancio demografico La popolazione straniera residente I minori fuori dalla famiglia

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 A cura di Giovanna Tizzi 1. Gli accessi allo Sportello Informativo della Casa delle Culture Questo terzo report, relativo

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

La Città e i suoi Quartieri al 2014

La Città e i suoi Quartieri al 2014 La Città e i suoi Quartieri al 2014 Un quadro demografico del Quartiere Don Bosco Popolazione residente nel Quartiere per grandi classi di età e sesso FEMMINE MASCHI 65 e più 45-64 30-44 15-29 0-14 0 200

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITA IN SARDEGNA

LE PARI OPPORTUNITA IN SARDEGNA Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali Ref. Ares(2012)1428016-03/12/2012 Via Monte delle Gioie, 1 Tel. 06 86391126 / 06 86391347 / 06 86391328 Fax 06 86391019 E-mail: isri@isri.rm.it 00199 Roma

Dettagli

ACCESSO AI SERVIZI E SALUTE DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA

ACCESSO AI SERVIZI E SALUTE DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA ACCESSO AI SERVIZI E SALUTE DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA A. Rosano* Introduzione In Italia al 1/1/2000 l ISTAT stima essere regolarmente presenti in Italia circa 1.550.000 stranieri, pari al 2,9% della popolazione.

Dettagli

IL PROFILO DELLA CITTÁ DI MODENA

IL PROFILO DELLA CITTÁ DI MODENA Distretto di Modena IL PROFILO DELLA CITTÁ DI MODENA una base informativa per la progettazione partecipata Luglio 2013 1 Indice 1. Il profilo demografico 3 1.1 Dati di contesto 3 1.2 La struttura familiare

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Roma. I numeri del comune. Abitanti* 2.863.322 4.321.244 Superficie (km 2 ) 1.287,36 5.363,28 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma. I numeri del comune. Abitanti* 2.863.322 4.321.244 Superficie (km 2 ) 1.287,36 5.363,28 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Roma I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.8..1. Superficie (km ) 1.87,.,8 Densità (ab. per km ).,18 8,71 * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del credito sono sempre più evidenti. Le prime avvisaglie di miglioramento si

Dettagli

UFFICIO STATISTICA. Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona

UFFICIO STATISTICA. Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona UFFICIO STATISTICA Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona Anno Accademico 2013-2014 INDICE LE UNIVERSITA CREMONESI pag. 3 STUDENTI ISCRITTI pag. 4 - Dettaglio delle iscrizioni

Dettagli

2,4% 3,3% 3,9% 4,5% 4,9% 5,7% 6,5% 18.747 16.358 13.850 20.000 15.000 12.586 11.114 9.283 6.766 10.000 5.000. Fonte:ISTAT

2,4% 3,3% 3,9% 4,5% 4,9% 5,7% 6,5% 18.747 16.358 13.850 20.000 15.000 12.586 11.114 9.283 6.766 10.000 5.000. Fonte:ISTAT POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN PROVINCIA DI SAVONA 20.000 15.000 10.000 2,4% 3,3% 3,9% 4,5% 4,9% 5,7% 6,5% 18.747 16.358 13.850 11.114 12.586 9.283 6.766 5.000 0 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

INDAGINE SUL VOLONTARIATO LODIGIANO

INDAGINE SUL VOLONTARIATO LODIGIANO INDAGINE SUL VOLONTARIATO LODIGIANO Vita per Fondazione Banca Popolare di Lodi La valutazione dell impatto economico del volontariato nella Provincia di Lodi INDICE Prefazione di Duccio Castellotti 5 Premessa

Dettagli

Test di conoscenza della lingua italiana

Test di conoscenza della lingua italiana Prefettura di Torino Ufficio Territoriale di Governo Test di conoscenza della lingua italiana a cura di Donatella Giunti 51 La legge n. 94/2009 ha previsto che, per ottenere il rilascio del permesso di

Dettagli

Parma. I numeri del comune. Abitanti* 187.938 443.176 Superficie (km 2 ) 260,6 3.447,48 Densità (ab. per km 2 ) 721,17 128,55

Parma. I numeri del comune. Abitanti* 187.938 443.176 Superficie (km 2 ) 260,6 3.447,48 Densità (ab. per km 2 ) 721,17 128,55 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Parma I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 87.98.7 Superficie (km ),.7,8 Densità (ab. per km ) 7,7 8, * al.. Numero Addetti unità locali Imprese*

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

Tab. 4.1 - Confronto delle principali caratteristiche strutturali medie delle aziende italiane ed europee - 2010

Tab. 4.1 - Confronto delle principali caratteristiche strutturali medie delle aziende italiane ed europee - 2010 Capitolo quarto L azienda agricola Le principali caratteristiche strutturali aziendali Nel panorama europeo, le 1.620.884 aziende agricole rilevate con il 6 censimento dell agricoltura in Italia, nel 2010,

Dettagli

L immigrazione marocchina in Lombardia

L immigrazione marocchina in Lombardia L immigrazione marocchina in Lombardia (a cura di Sofia Borri, Associazione punto.sud) Novembre 2004 Realizzato con il contributo di 0 Co-Finanziato da Commissione Europea DG Giustizia e Affari Sociali

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

La biblioteca civica G. Gambirasio: il patrimonio bibliotecario 1

La biblioteca civica G. Gambirasio: il patrimonio bibliotecario 1 CAPITOLO 9 CULTURA COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 La biblioteca civica G. Gambirasio: il patrimonio bibliotecario 1 Al 31 dicembre 2007 la consistenza del patrimonio bibliotecario

Dettagli

3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara

3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara 3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara 3.1. L offerta giovanile di lavoro nel lungo periodo Una delle debolezze di fondo che caratterizza l Italia è l evoluzione demografica,

Dettagli

Bando provinciale assegnazione alloggi E.R.P. 2000 2003 Domande accolte 1.001 1.063 - di cui stranieri 237 253 Fonte: Comune di Prato - Ufficio Casa

Bando provinciale assegnazione alloggi E.R.P. 2000 2003 Domande accolte 1.001 1.063 - di cui stranieri 237 253 Fonte: Comune di Prato - Ufficio Casa Emergenza casa L emergenza abitativa costituisce uno dei principali indicatori di disagio sociale diffuso sul territorio. Per valutare la portata del fabbisogno abitativo nell area, riportiamo di seguito

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA

IL MATRIMONIO IN ITALIA IL MATRIMONIO IN ITALIA Anno 2012 Fonte: rapporto ISTAT del 13 novembre 2013 (htttp://www.istat.it) Nel 2012 sono stati celebrati in Italia 207.138 matrimoni (3,5 ogni 1.000 abitanti), 2.308 in più rispetto

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza 6. un aggiornamento sui dati del prestito della speranza Dal Censimento delle opere ecclesiali 1. Il Prestito della Speranza nel contesto nazionale del microcredito Il Prestito della Speranza è un progetto

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

Dal 21 aprile 2015 a seguito della riorganizzazione degli Uffici di livello non generale, l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia è

Dal 21 aprile 2015 a seguito della riorganizzazione degli Uffici di livello non generale, l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia è Dal 21 aprile 2015 a seguito della riorganizzazione degli Uffici di livello non generale, l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia è strutturato come di seguito riportato: Ufficio I (Affari generali,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori %

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % COMUNICATO STAMPA Trend di crescita costante per il progetto Garanzia Giovani: sono 223.729 i giovani che si sono registrati, 69.347 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 49.577 hanno già ricevuto

Dettagli

Informiamoci n. 5 maggio. giugno 2009

Informiamoci n. 5 maggio. giugno 2009 Informiamoci n. 5 maggio. giugno 2009 Novità legislative 1. Circolare del Ministero dell interno Dipartimento della pubblica sicurezza - Direzione centrale dell immigrazione e della polizia delle frontiere

Dettagli

Prospettive per il 2015. Vittorio Boccaletti Area Programmazione Risorse Finanziarie e di Bilancio

Prospettive per il 2015. Vittorio Boccaletti Area Programmazione Risorse Finanziarie e di Bilancio Prospettive per il 2015 Vittorio Boccaletti Area Programmazione Risorse Finanziarie e di Bilancio 26 febbraio 2015 L impatto della manovra finanziaria Comparto province 2012 2013 2014 2015 2016 2017 D.L.78/2010

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Alla C.A. Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bergamo Email: oappc.bergamo@archiworldpec.

Alla C.A. Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bergamo Email: oappc.bergamo@archiworldpec. Giunta Regionale DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE QUALITÀ DELL'ARIA, EMISSIONI INDUSTRIALI E RUMORE Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it ambiente@pec.regione.lombardia.it

Dettagli