Altre Discipline coinvolte (eventuali) Annotazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Altre Discipline coinvolte (eventuali) Annotazioni"

Transcript

1 UDA DI ECONOMIA AZIENDALE PRIMO E SECONDO BIENNIO MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM-TUR DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: L'attività economica ed il sistema azienda Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio-economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio L'attività economica e le sue fasi L'azienda ed i suoi elementi costitutivi ll soggetto giuridico ed il soggetto economico Le principali classificazioni delle aziende i settori dell attività economica I soggetti che operano nell'azienda fasi dell attività economica i soggetti del sistema economico e il loro ruolo significato di azienda e i suoi elementi costitutivi le varie tipologie di azienda le principali forme di finanziamento e di investimento individuare le fasi dell attività economica distinguere i soggetti che operano nel sistema economico riconoscere i vari tipi di azienda distinguere i finanziamenti a titolo di capitale proprio dal capitale di terzi distinguere i fattori a lungo ciclo di utilizzo dai fattori a breve ciclo di utilizzo compilare la situazione patrimoniale 18 ore Lezione frontale Problem solving Analisi di testi Libro di testo Materiale fornito dal docente Scritta : Vero/falso Domande aperte Scelta multipla Esercitazioni

2 UdA n. 2 Titolo: Gli strumenti operativi Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi Il rapporto tra grandezze La proporzione, la proporzionalità diretta e inversa Concetto di percentuale I calcoli del sopra cento e del sotto cento I riparti proporzionali, i riparti semplici diretti e composti diretti Conoscere il significato di rapporto tra grandezze e di proporzione Conoscere il significato di percentuale Conoscere il significato di riparto proporzionale Impostare e risolvere rapporti e proporzioni Distinguere situazioni di proporzionalità diretta e inversa Eseguire calcoli percentuali Impostare e risolvere calcoli del sopra cento e del sotto cento Impostare e problemi di riparto proporzionale semplice diretto e composto diretto 18 ore Lezione frontale Problem solving Analisi di testi Libro di testo Materiale fornito dal docente Scritta : Vero/falso Scelta multipla Esercitazioni

3 UdA n. 3 Titolo: Gli scambi economici ed il contratto di compravendita Saper compilare la documentazione relativa ad uno scambio economico Il contratto di compravendita e le sue fasi La compravendita nell'aspetto giuridico La compravendita nell'aspetto tecnico L'aspetto fiscale degli scambi:l'iva I documenti della fase delle trattative I documenti della fase di esecuzione La fattura:funzioni e tipi Il documento di trasporto il contratto di compravendita le clausole riguardanti la consegna, il trasporto, l imballaggio e il pagamento il documento di trasporto struttura di una fattura caratteri dell IVA classificazione delle operazioni ai fini IVA La base imponibile IVA liquidare l IVA compilare il documento di trasporto determinare la base imponibile IVA compilare fatture immediate e fatture differite ad una aliquota 30 ore Lezione frontale Problem solving Analisi di testi Libro di testo Materiale fornito dal docente Scritta : Vero/falso Domande aperte Scelta multipla Compilazione di documenti di trasporto, fatture immediate e differite

4

5 DESCRIZIONE Unità di Apprendimento MATERIA Economia Aziendale CLASSE SECONDA INDIRIZZO AFM - TUR UdA n. 1 Titolo: I documenti della compravendita nella fase di esecuzione Saper compilare la documentazione relativa ad uno scambio economico I documenti della fase di esecuzione La fattura: funzioni e tipi L'aspetto fiscale degli scambi: l'iva struttura di una fattura caratteri dell IVA classificazione delle operazioni ai fini IVA La base imponibile IVA determinare la base imponibile IVA compilare fatture immediate e fatture differite a più aliquote IVA 10 Lezione frontale Problem solving Analisi di testi Esercitazioni guidate Libro di testo Materiale fornito dal docente Scritte : compilazione di documenti di trasporto, fatture immediate e differite Matematica - Diritto MATERIA Economia Aziendale CLASSE SECONDA INDIRIZZO AFM - TUR

6 UdA n. 2 Titolo: I calcoli finanziari A fine modulo lo studente deve essere in grado di riconoscere i vari tipi di finanziamenti e risolvere problemi relativi ai calcoli finanziari. Interesse Montante Sconto Valore attuale Concetti di: interesse sconto montante valore attuale commerciale e relative formule Risolvere problemi diretti e inversi di interesse e di sconto, formulati sia in modo esplicito, sia in modo implicito 26 Lezione frontale, Problem solving, Analisi di testi Libro di testo Interrogazione, Interrogazione semistrutturata con obiettivi predefiniti. Prove pratiche Matematica, Geografia Economica MATERIA Economia Aziendale CLASSE SECONDA INDIRIZZO AFM - TUR

7 UdA n. 3 Titolo: I documenti di regolamento degli scambi Alla fine dell UdA lo studente deve essere in grado di saper redigere e interpretare i documenti degli scambi Gli strumenti di regolamento degli scambi I titoli di credito La Cambiale I mezzi di pagamento bancari Altri mezzi di pagamento bancari e postali Saper applicare le tecniche di calcolo nei documenti di regolamento degli scambi 20 Lezione frontale, Problem Solving, Esercitazioni Libro di testo Interrogazioni, Esercitazioni scritte Diritto ed Economia MATERIA Economia Aziendale

8 CLASSE SECONDA INDIRIZZO AFM - TUR UdA n. 4 Titolo: La rilevazione e gli schemi di bilancio Alla fine dell UdA lo studente deve essere in grado di saper individuare i risultati prodotti dalla gestione attraverso la lettura degli schemi contabili di bilancio. La rilevazione e gli schemi di bilancio Quadro generale della gestione aziendale, delle rilevazioni e degli schemi di bilancio. Distinguere le finalità delle rilevazioni aziendali e individuare, nelle linee generali, i risultati prodotti dalla gestione attraverso la lettura degli schemi contabili di bilancio. 8 Lezione frontale, Problem Solving, Esercitazioni Libro di testo Interrogazioni, Esercitazioni scritte Matematica, Informatica

9 MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE TERZA INDIRIZZO AFM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: La gestione e i suoi risultati:il patrimonio e il reddito Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali,documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. 1. L azienda e la sua organizzazione. 2.la gestione e i suoi risultati:il patrimonio e il reddito. I preventivi d'impianto. Correlazioni, calcolo, analisi relative al fabbisogno finanziario e alle connesse fonti di finanziamento nelle diverse forme giuridiche d'impresa. Strumenti e modalità di rappresentazione, descrizione e documentazione delle procedure e dei flussi informativi. Aspetti finanziari ed economici delle diverse aree della gestione aziendale. Individuare le possibili fonti di finanziamento in relazione alla forma giuridica d'impresa. Correlare e comparare finanziamenti e impieghi. Reperire, rappresentare e commentare dati economici in funzione di specifiche esigenze conoscitive. Rappresentare e documentare procedure e e flussi informativi. Individuare e analizzare sotto il profilo strategico, finanziario ed economico le operazioni delle aree gestionali 28 ORE Strategie didattiche Materiali e strumenti Altre Discipline coinvolte Lezione frontale. Analisi dei casi. Esercitazioni pratiche. Lavori di gruppo. Dibattito e discussione. Problem solving. Mappe concettuali. Analisi dei casi. Libro di testo, schede/appunti o file forniti dal docente, laboratorio informatica, aggiornamenti da case editrici, internet. Verifiche formative. Verifiche sommative: test strutturato ( vero/falso, corrispondenze, quesiti a risposta multipla) prove pratiche, interrogazione.

10 MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE TERZA INDIRIZZO AFM Descrizione Unità di Apprendimento UdA n. 2 Titolo: Il sistema informativo e le contabilità aziendali Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli e processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. 1. il sistema informativo e le contabilità aziendali. Architettura del sistema informativo aziendale. Riconoscere e rappresentare l'architettura di un sistema informativo aziendale. 16 ORE lezione frontale.. Esercitazioni pratiche. Lavori di gruppo. Dibattito e discussione. Problem solving. Analisi dei casi. Libro di testo, schede/appunti o file forniti dal docente, laboratorio informatica, aggiornamenti da case editrici, internet. Verifiche formative. Verifiche sommative: test strutturato ( vero/falso, corrispondenze, quesiti a risposta multipla) prove pratiche, interrogazione.

11 MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE TERZA INDIRIZZO AFM Descrizione Unità di Apprendimento UdA n. 3 Titolo: I principi della contabilità generale Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l'ausilio di programmi di contabilità integrata. Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali. 1. la partita doppia e il sistema contabile. 2.la contabilità generale: le operazioni d'esercizio. 3. La contabilità IVA 4.Chiusura e riapertura dei conti. Bilancio d'esercizio. Regole e tecniche di contabilità generale. Normative e tecniche di redazione del sistema di bilancio in relazione alla forma giuridica e alla tipologia d'azienda. Redigere la contabilità. Redigere e commentare i documenti che compongono il sistema di bilancio. 122 ORE Altre Discipline coinvolte lezione frontale. Mappe concettuali. Esercitazioni pratiche. Lavori di gruppo. Dibattito e discussione. Problem solving. Laboratorio. Libro di testo, schede/appunti o file forniti dal docente, laboratorio informatica, aggiornamenti da case editrici, internet. Verifiche formative. Verifiche sommative: test strutturato ( vero/falso, corrispondenze, quesiti a risposta multipla) prove pratiche, interrogazione.

12 MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE TERZA INDIRIZZO AFM Descrizione Unità di Apprendimento UdA n. 4 Titolo: La gestione della logistica aziendale Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali. 1.la gestione della logistica aziendale. Strumenti di rappresentazione descrizione e documentazione delle procedure e dei flussi informativi. Aspetti finanziari ed economici delle diverse aree della gestione aziendale. Rappresentare e documentare procedure e flussi informativi. Individuare e analizzare sotto il profilo strategico, finanziario ed economico le operazioni delle aree gestionali. 32 ore Strategie didattiche Materiali e strumenti Altre Discipline coinvolte lezione frontale. Esercitazioni pratiche. Lavori di gruppo. Dibattito e discussione. Mappe concettuali. Libro di testo, schede/appunti o file forniti dal docente, laboratorio informatica, aggiornamenti da case editrici, internet. Verifiche formative. Verifiche sommative: test strutturato ( vero/falso, corrispondenze, quesiti a risposta multipla) prove pratiche, interrogazione.

13 MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE III INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: EVOLUZIONE DELL IMPRESA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE Riconoscere e interpretare: le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali i macrofenomeni economici nazionali e internazionali in connessione alle aziende i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica e nella dimensione sincronica Riconoscere i diversi modelli aziendali,documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a diversi contesti. Lo sviluppo economico e i cambiamenti geopolitici mondiali L azienda e il contesto in cui opera L evoluzione dell economia mondiale nei diversi aspetti geopolitici e sociali La globalizzazione La complessità e turbolenze del contesto globale Il concetto di azienda e le sue classificazioni L assetto istituzionale dell impresa Le relazioni tra l impresa e l ambiente esterno Le scelte imprenditoriali Strategie di localizzazione e delocalizzazione Individuare le diverse fasi della globalizzazione Individuare gli effetti dei cambiamenti geopolitici Analizzare i diversi aspetti dello sviluppo globale Individuare i macrofenomeni internazionali e coglierne l interdipendenza Distinguere le diverse tipologie di aziende; i soggetti interni dai soggetti esterni. Individuare il soggetto economico, le relazioni tra l impresa e l ambiente esterno. Riconoscere le scelte di localizzazione/delocalizzazione 35 Internazionalizzazione delle imprese Il sistema produttivo nazionale e i sistemi produttivi locali Influenza della globalizzazione sull attività d impresa. I fattori che favoriscono l int. e le modalità di int. Organizzazione : concetto, organi e funzioni. Riconoscere le caratteristiche dell Influenza della globalizzazione sull attività d impresa. I fattori che favoriscono l int. le modalità di int.individuare le attività di filiera produttiva da trasferire all estero. Confrontare e adattare le diverse modalità di i. Individuare obiettivi e variabili dell organizzazione

14 L impresa come sistema organizzato Modelli organizzativi, tendenze organizzative, flussi e comunicazione. Lezione frontale, lezione partecipata, lavori di gruppo Libro di testo, materiale fornito dal docente, articoli di giornali o riviste specializzate, laboratorio di informatica Verifiche formative Verifiche sommative (strutturate, semi-strutturate, interrogazioni) MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE III INDIRIZZO RIM UdA n. 2 Titolo: LA GESTIONE DELL IMPRESA: PATRIMONIO E REDDITO Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle diverse tipologie di imprese

15 La gestione e i suoi aspetti Il redddito di esercizio e il patrimonio di funzionamento Gli aspetti delle operazioni di gestione La classificazione dei costi e dei ricavi I valori finanziari ed economici Il principio della competenza economica. Il reddito e il patrimonio. Le situazioni economiche e patrimoniali. Gli equilibri economici e patrimoniali Lezione frontale, partecipata e lavori di gruppo Individuare e riconoscere le operazioni di gestione. Analizzare le o.di g. nel duplice aspetto economico e finanziario. Riconoscere e classificare i costi e i ricavi Riconoscere la competenza economica e redigere le situazioni economiche patrimoniali. Classificare gli elemti del patrimonio e calcolare semplici indici 25 Libro di testo, materiale fornito dal docente, articoli di giornali o riviste specializzate, laboratorio di informatica Verifiche formative Verifiche sommative (strutturate, semi-strutturate, interrogazioni) MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE III INDIRIZZO RIM UdA n. 3 Titolo: IL SISTEMA INFORMATIVO D IMPRESA Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle diverse tipologie di imprese Individuare e accedere alla normativa civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a diversi contesti.

16 Il sistema informativo aziendale Iva e documenti del commercio interno I conti la classificazione e l utilizzo. Scritture d impresa inventario Caratteristica e presupposti dell iva, classificazioni operazioni iva. Fasi, documenti della vendita. Liquidazione dell iva Riconoscere le finalità del sistema informativo e comunicativo aziendale. Individuare e utilizzare i conti Compilare documenti e procedere ai calcoli periodici. 45 I documenti di commercio con l estero Operazioni commerciali con l estero. Esportazioni Esportatori abituali Le importazioni Le cessioni e gli acquisti intracomunitari Distinguere le varie operazioni. Riconoscere i documenti doganali. Effettuare e complilare le operazioni IVA La contabilità generale Regole e tecniche di contabilità. Libro giornale e mastro Applicare le regole del metodo contabile della partita doppia. Registrare semplici operazioni nel giornale e nel mastro Lezione frontale, partecipata e lavori di gruppo Libro di testo, materiale fornito dal docente, articoli di giornali o riviste specializzate, laboratorio di informatica Verifiche formative Verifiche sommative (strutturate, semi-strutturate, interrogazioni) MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE III INDIRIZZO RIM UdA n. 4 Titolo: I PRINCIPI DELLA CONTABILITA GENERALE

17 Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a diversi contesti Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali Orientarsi nella normativa pubblicistica, civilistica e fiscale La costituzione dell impresa Acquisti ; vendite ; regolamento Operazioni con le banche Altre operazioni di gestione Costituzione, apporto,acquisto e costi d impianto di un impresa Le fatture di acquisto e vendita;la contabilizzazione e il regolamento; fornitori italiani e esteri. Il c/c di corrispondenza e i servizi di riscossione e pagamento. Operazioni di finanziamento. Individuare i criteri di scelta del settore di attività e della localizzazione. Rilevare in pd le varie fasi. Individuare i conti da utilizzare e rilevare in PD le operazioni. Operare in cambi Individuare i movimenti e riconoscere le caratteristiche dei finanziamenti bancari Redigere le operazioni in PD. Operazioni relative a Imballaggi,liquidazioni iva,imposte, valori bollati beni strumentali e personale Lezione frontale, partecipata e lavori di gruppo 48 Libro di testo, materiale fornito dal docente, articoli di giornali o riviste specializzate, laboratorio di informatica Libro di testo, materiale fornito dal docente, articoli di giornali o riviste specializzate, laboratorio di informatica MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE III INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento

18 UdA n. 5 Titolo: CASI AZIENDALE E BUSINESS ENGLISH Approfondimenti correlazioni disciplinari anche in lingua inglese Vari Lessico e fraseologia specifica di settore Utilizzare un lessico e una fraseologia tipica dei settore, anche in inglese 12 Lezione partecipata Libro di testo, materiale fornito dal docente Verifiche formative Verifiche sommative Inglese

19 MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE TERZA INDIRIZZO SIA DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: L azienda e la sua organizzazione. Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici per connetterli alla specificità di un azienda. Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali e documentarne le procedure 1. L azienda, il contesto in cui opera, delocalizzazione e globalizzazione dei mercati 2. L azienda come sistema organizzato 1) Il concetto di azienda e le sue classificazioni. L assetto istituzionale dell impresa. Le relazioni tra l impresa e l ambiente esterno. Le scelte imprenditoriali Strategie di localizzazione e delocalizzazione. Il sistema produttivo nazionale e i sistemi produttivi locali La globalizzazione. Strumenti e modalità di rappresentazione dei fenomeni economici In riferimento ai syllabus EUCIP: A.1.1 A.1.3 A3.1 2) Concetto di organizzazione. Gli organi e le relative funzioni a essi assegnate. I modelli organizzativi aziendali e le attuali tendenze organizzative. I meccanismi di coordinamento. I flussi comunicativi,la comunicazione integrata. 1) Distinguere le diverse tipologie di aziende. Distinguere i soggetti interni dai soggetti esterni. Individuare il soggetto economico. Individuare le relazioni tra l impresa e l ambiente esterno (competitivo e sociale). Riconoscere i fattori che influenzano le scelte di localizzazione / delocalizzazione. Applicare gli strumenti e le modalità di rappresentazione dei fenomeni economici in relazione ai fabbisogni informativi. 2) Individuare gli obiettivi dell organizzazione e le variabili organizzative. Interpretare e costruire organigrammi e funzioni grammi. Collegare gli andamenti dell ambiente esterno alle strutture organizzative. Riconoscere gli obiettivi e gli strumenti della comunicazione integrata. EUCIP (durata in 8 ORE 10 ORE Strategie didattiche Materiali e strumenti In riferimento al syllabus EUCIP A.1.5 Lezione frontale;discussione guidata; Esercizi condotti dal Docente;assegnazione di compiti domestici; correzione esercizi; svolgimento di verifiche formative; Laboratorio: lezione attraverso videoproiettore ed esercitazioni pratiche. Libro di testo, schede/appunti o file forniti dal docente, laboratorio informatica, aggiornamenti da case editrici, internet. Verifiche formative Verifiche sommative ( strutturate, semistrutturate, interrogazioni) Le verifiche di laboratorio saranno delle esercitazioni e prove pratiche svolte con il PC o,quando si dovrà valutare la conoscenza dell argomento trattato, potranno essere di tipo strutturato come test vero/falso, test a risposta multipla, mix di prove strutturate e non, esercitazioni di correzione e completamento di programmi già predisposti;

20 Altre Discipline coinvolte Informatica e inglese Le ore indicate sono comprensive di quelle di laboratorio dove vengono svolte le esercitazioni pratiche riferite agli argomenti trattati durante le ore teoriche della materia. In questo modulo verrà utilizzato il software MS. Excel MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE TERZA INDIRIZZO SIA UdA n. 2 Titolo: La gestione dell impresa: patrimonio e reddito Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli e processi. 1) Le operazioni di gestione 2) L aspetto finanziario e l aspetto economico della gestione 3). Il reddito d esercizio e il patrimonio di funzionamento 1) La gestione aziendale.le classificazioni e gli aspetti delle operazioni di gestione. I cicli produttivi 2) I flussi della gestione. Classificazione dei costi e dei ricavi. Valori finanziari e valori economici 3) Principio della competenza economica. Il reddito e il patrimonio Strumenti di rappresentazione del reddito e del patrimonio (Situazione economica e situazione patrimoniale). L equilibrio patrimoniale e finanziario 1) Riconoscere le caratteristiche del processo di gestione e individuare le operazioni di gestione. Distinguere i cicli produttivi e calcolarne la durata. 2) Distinguere i flussi finanziari dai flussi economici.riconoscere le variazioni del capitale proprio e del capitale di debito. Riconoscere e classificare i costi e i ricavi Analizzare le operazioni di gestione nel duplice aspetto finanziario ed economico 3) Riconoscere la competenza economica dei costi e dei ricavi. Distinguere il reddito globale dal reddito d esercizio. Distinguere il patrimonio di costituzione dal patrimonio di funzionamento. Redigere la Situazione economica e la Situazione patrimoniale in situazioni semplificate. Classificare gli elementi del patrimonio. Calcolare semplici indici patrimoniali e finanziari 6 ORE 10 ORE 14 ORE Lezione frontale;discussione guidata; Esercizi condotti dal Docente;assegnazione di compiti domestici; correzione esercizi; svolgimento di verifiche formative. Laboratorio: lezione attraverso videoproiettore ed esercitazioni pratiche.. Libro di testo, schede/appunti o file forniti dal docente, laboratorio informatica, aggiornamenti da case editrici, internet. Verifiche formative Verifiche sommative ( strutturate, semistrutturate, interrogazioni) Le verifiche di laboratorio saranno delle esercitazioni e prove pratiche svolte con il PC o,quando si dovrà valutare la conoscenza dell argomento trattato, potranno essere di tipo strutturato come test vero/falso, test a risposta multipla, mix di prove strutturate e non, esercitazioni di correzione e completamento di programmi già predisposti;

21 Le ore indicate sono comprensive di quelle di laboratorio dove vengono svolte le esercitazioni pratiche riferite agli argomenti trattati durante le ore teoriche della materia. In questo modulo verrà utilizzato il software MS. Excel MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE TERZA INDIRIZZO SIA UdA n. 3 Titolo: Il sistema informativo dell impresa Interpretare i sistemi aziendali nei loro flussi informativi. Individuare e accedere alla normativa civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali. 1. Il sistema informativo aziendale. 2. I conti e le scritture dell impresa 3. La contabilità IVA 1) La comunicazione d impresa Sistema informativo contabile e non contabile. Sistema informativo integrato. Riferimento ai syllabus EUCIP A.1.1 A.2.1 2) I conti, la loro classificazione e il loro utilizzo. Le scritture dell impresa. L inventario. 3) Concetto di valore aggiunto Caratteristiche e presupposti dell IVA Classificazione delle operazioni ai fini IVA Le fasi e i documenti della vendita La liquidazione e il versamento IVA 1) Riconoscere le differenti finalità del sistema informativo aziendale e del sistema comunicativo. Riconoscere e rappresentare l architettura di un sistema informativo aziendale. Riconoscere i vantaggi dell adozione di un sistema informativo integrato (durata in 4 ORE 10 ORE 2) Individuare le tipologie e la finalità delle rilevazioni aziendali. Riconoscere la natura delle operazioni di gestione. Individuare i conti necessari a rappresentare un fenomeno. Riconoscere i vari tipi di scritture 10 ORE dell impresa. 3) Riconoscere le componenti del valore aggiunto di un impresa. Individuare le caratteristiche e i requisiti necessari per applicare l IVA. Individuare le operazioni sulle quali si calcola l IVA. Compilare i documenti di vendita. Compilare i registri IVA Calcolare l IVA da versare periodicamente Esercizi condotti dal Docente;assegnazione di compiti Lezione frontale;discussione guidata; domestici; correzione esercizi; svolgimento di verifiche formative; Laboratorio: lezione attraverso videoproiettore ed esercitazioni pratiche. Libro di testo, schede/appunti o file forniti dal docente, laboratorio informatica, aggiornamenti da case editrici, internet. Verifiche formative Verifiche sommative ( strutturate, semistrutturate, interrogazioni) Le verifiche di laboratorio saranno delle esercitazioni e prove pratiche svolte con il PC o,quando si dovrà valutare la conoscenza dell argomento trattato, potranno essere di tipo

22 strutturato come test vero/falso, test a risposta multipla, mix di prove strutturate e non, esercitazioni di correzione e completamento di programmi già predisposti Altre Discipline coinvolte INFORMATICA E INGLESE Le ore indicate sono comprensive di quelle di laboratorio dove vengono svolte le esercitazioni pratiche riferite agli argomenti trattati durante le ore teoriche della materia. In questo modulo verrà utilizzato il software MS. Excel MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE TERZA INDIRIZZO SIA UdA n. 4 Titolo: I principi della contabilità generale Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali Utilizzare i sistemi informativi aziendali per realizzare attività comunicative. 1. La costituzione dell impresa 1) La costituzione di un impresa commerciale Apporto di disponibilità liquide e di beni disgiunti. Acquisto di azienda. 1) Individuare i criteri di scelta del settore di attività e della localizzazione di una nuova impresa Registrare in P.D. le varie fasi della costituzione di una nuova impresa (durata in 8 ore 2. Gli acquisti e il loro regolamento 3. Le vendite e il loro regolamento 4. Le operazioni accessorie e straordinarie 5. Le operazioni con le banche 6. Le altre operazioni di gestione 2) Fasi della procedura d acquisto. Fatture di acquisto e loro rilevazione contabile. Modalità di regolamento delle fatture di acquisto. 3) Fasi della procedura di vendita. Fatture di vendita e loro rilevazione contabile. Modalità di regolamento delle fatture di vendita. 4) Le gestioni accessoria e straordinaria. La cessione di beni strumentali. 5) Il c/c di corrispondenza. Servizi di riscossione e pagamento. Le operazioni di finanziamento. 6) Operazioni aziendali relative a imballaggi, liquidazioni periodiche 2) Individuare i conti da utilizzare per contabilizzare un operazione d acquisto. Registrare in P.D. le fatture di acquisto e il loro regolamento 3) Individuare i conti da utilizzare per contabilizzare un operazione di vendita. Registrare in P.D. le fatture di vendita e il loro regolamento 4) Riconoscere i componenti di reddito delle gestioni accessoria e straordinaria. 5) Individuare le operazioni tipiche di un c/c di corrispondenza. Riconoscere le caratteristiche dei finanziamenti bancari alle imprese. Registrare in P.D. le principali operazioni tra banca e cliente. 14 ore 14 ore 8 ore 12 ore

23 7. L inventario d esercizio e le scritture di assestamento IVA, acconti imposte, godimento di beni di terzi, liquidazione e pagamento di retribuzioni, valori bollati, variazioni di patrimonio netto. Le situazioni contabili. 7) L inventario d esercizio. Le scritture di assestamento (completamento, integrazione, rettifica e ammortamento). I conti finanziari con saldi a debito e a credito. 6) Registrare in P.D. le altre operazioni di gestione. Distinguere le varie situazioni contabili e individuarne il contenuto informativo. Redigere situazioni contabili. 7) Individuare le finalità e il contenuto dell inventario d esercizio. Applicare il principio della competenza economica. Riconoscere e classificare le scritture di assestamento. Registrare in P.D. le scritture di assestamento 16 ore 18 ore Strategie didattiche Materiali e strumenti Altre Discipline coinvolte Lezione frontale;discussione guidata; Esercizi condotti dal Docente;assegnazione di compiti domestici; correzione esercizi; svolgimento di verifiche formative. Laboratorio: lezione attraverso videoproiettore ed esercitazioni pratiche. Libro di testo, schede/appunti o file forniti dal docente, laboratorio informatica, aggiornamenti da case editrici, internet. Verifiche formative Verifiche sommative ( strutturate, semistrutturate, interrogazioni) Le verifiche di laboratorio saranno delle esercitazioni e prove pratiche svolte con il PC o,quando si dovrà valutare la conoscenza dell argomento trattato, potranno essere di tipo strutturato come test vero/falso, test a risposta multipla, mix di prove strutturate e non, esercitazioni di correzione e completamento di programmi già predisposti Le ore indicate sono comprensive di quelle di laboratorio dove vengono svolte le esercitazioni pratiche riferite agli argomenti trattati durante le ore teoriche della materia. In questo modulo verrà utilizzato il software MS. Excel MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 3 A INDIRIZZO SIA DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 4 Titolo: I principi della contabilità generale Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali Utilizzare i sistemi informativi aziendali per realizzare attività comunicative.

24 1. La costituzione dell impresa 2. Gli acquisti e il loro regolamento 3. Le vendite e il loro regolamento 4. Le operazioni accessorie e straordinarie 1) La costituzione di un impresa commerciale Apporto di disponibilità liquide e di beni disgiunti. Acquisto di azienda. 2) Fasi della procedura d acquisto. Fatture di acquisto e loro rilevazione contabile. Modalità di regolamento delle fatture di acquisto. 3) Fasi della procedura di vendita. Fatture di vendita e loro rilevazione contabile. Modalità di regolamento delle fatture di vendita. 4) Le gestioni accessoria e straordinaria. La cessione di beni strumentali. 1) Individuare i criteri di scelta del settore di attività e della localizzazione di una nuova impresa Registrare in P.D. le varie fasi della costituzione di una nuova impresa 2) Individuare i conti da utilizzare per contabilizzare un operazione d acquisto. Registrare in P.D. le fatture di acquisto e il loro regolamento 3) Individuare i conti da utilizzare per contabilizzare un operazione di vendita. Registrare in P.D. le fatture di vendita e il loro regolamento 4) Riconoscere i componenti di reddito delle gestioni accessoria e straordinaria. 8 ore 14 ore 14 ore 8 ore 5. Le operazioni con le banche 6. Le altre operazioni di gestione 5) Il c/c di corrispondenza. Servizi di riscossione e pagamento. Le operazioni di finanziamento. 6) Operazioni aziendali relative a imballaggi, liquidazioni periodiche IVA, acconti imposte, godimento di beni di terzi, liquidazione e pagamento di retribuzioni, valori bollati, variazioni di patrimonio netto. Le situazioni contabili. 5) Individuare le operazioni tipiche di un c/c di corrispondenza. Riconoscere le caratteristiche dei finanziamenti bancari alle imprese. Registrare in P.D. le principali operazioni tra banca e cliente. 6) Registrare in P.D. le altre operazioni di gestione. Distinguere le varie situazioni contabili e individuarne il contenuto informativo. Redigere situazioni contabili. 12 ore 16 ore 7. L inventario d esercizio e le scritture di assestamento 8. le scritture di epilogo e di chiusura dei conti 9. Il bilancio d esercizio 10. La riapertura di conti 11.i sistemi minori 7) L inventario d esercizio. Le scritture di assestamento (completamento, integrazione, rettifica e ammortamento). I conti finanziari con saldi a debito e a credito 8) Le fasi conclusive della contabilità generale. Le scritture di epilogo Il patrimonio netto finale La chiusura generale dei conti. 9)Normativa e tecniche di redazione del bilancio I prospetti contabili del bilancio d esercizio I principi contabili. 10) La riapertura dei conti. Lo storno delle esistenze iniziali, dei risconti e dei ratei. Lo storno delle fatture da ricevere e delle fatture da emettere. L utilizzo dei fondi rischi e dei fondi oneri. 7) Individuare le finalità e il contenuto dell inventario d esercizio. Applicare il principio della competenza economica. Riconoscere e classificare le scritture di assestamento. Registrare in P.D. le scritture di assestamento 8) Riconoscere il flusso delle operazioni compiute a fine esercizio. Registrare in P.D. le operazioni di epilogo e di chiusura generale dei conti. 9) Individuare la finalità del bilancio d esercizio. Redigere lo Stato patrimoniale e il Conto economico delle imprese individuali. 10) Registrare in P.D. le operazioni di riapertura dei conti. Registrare in P.D. le operazioni relative allo storno di esistenze iniziali di magazzino, risconti, ratei, fatture da ricevere e fatture da emettere. Individuare le situazioni operative in cui utilizzare i fondi rischi e i fondi oneri e registrare in P.D. le relative operazioni. 18 ore 11) il sistema dei beni di terzi presso l impresa,il sistema degli impegni. Il sistema dei rischi. 11) Registrare in P.D. nei sistemi minori. Iscrivere i conti d ordine nel bilancio di esercizio Per quanto riguarda la metodologia di insegnamento, è opportuno partire dall esame di situazioni e di casi concreti, che recuperano le conoscenze di base in possesso degli studenti, facilitano l avvio della trattazione e permettono di

25 collegare ciò che si insegna a scuola con ciò che realmente accade all interno dell azienda. È infatti necessario che gli studenti avvertano che esiste un effettivo collegamento tra le lezioni scolastiche e i comportamenti operativi; questo aggancio dà all insegnamento un impronta di concretezza e favorisce la realizzazione di lezioni partecipate. Altre Discipline coinvolte Libro di testo, schede/appunti o file forniti dal docente, laboratorio informatica, aggiornamenti da case editrici, internet. Le verifiche saranno diversificate in base agli obiettivi da indagare distinti in: conoscenze: intese come acquisizioni di contenuti, competenze-capacità: intese come abilità a livello operativo e attitudini. La misurazione della progressione dell apprendimento sarà basata sia su prove scritte che orali sia di tipo oggettivo che soggettivo. Per le verifiche sommative strutturate o semistrutturate saranno predisposte griglie di correzione per rendere la misurazione oggettiva inoltre per tutte le verifiche saranno applicate le griglie di valutazione disciplinare, una per le prove orali e una per le prove scritte, stabilite dal Dipartimento di Discipline economiche Aziendali e illustrate alla classe.sarà utilizzata una valutazione numerica decimale, in conformità ai criteri di valutazione approvati dal Collegio Docenti.Analisi di casi, Analisi del testo, Articolo di giornale, Esercizi, Interrogazione, Prove pratiche, quesiti a risposta multipla, Quesiti a risposta singola, Quesiti vero/falso. Prove scritte semistrutturata con obiettivi predefiniti e prove scritte con esercizi. Scopo delle verifiche: misurare le conoscenze e abilità acquisite

26 MATERIA Discipline Turistiche CLASSE III INDIRIZZO Turistico DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: Dal turismo ai turismi Riconoscere gli aspetti caratterizzanti del turismo come fenomeno economico-sociale. Riconoscere ed interpretare i dati statistici. Capitolo1: I viaggiatori. Prodotti e servizi. Numeri. Concetto ed evoluzione storica del turismo. Il turismo come fenomeno economico-sociale. La statistica e le sue rilevazioni. I caratteri dei dati statistici riferiti al turismo. Le fonti statistiche pubbliche e private. Percentuali e numeri indice. Distinguere i diversi tipi di turismo; saper calcolare la composizione percentuale, la variazione percentuale e i numeri indice. Saper rappresentare graficamente una rilevazione statistica. 28 h Lezione frontale. Attività di ricerc. Esercitazioni pratiche. Lavori di gruppo. Dibattito e discussione. Problem solving Libro di testo Laboratorio di informatica Internet Verifiche formative. Verifiche sommative: test strutturato ( vero/falso, corrispondenze, quesiti a risposta multipla) prove pratiche, interrogazione. MATERIA Discipline turistiche CLASSE III INDIRIZZO Turistico UdA n. 2 Titolo: I documenti del turista

27 Distinguere i diversi documenti per viaggiare all estero; i mezzi di pagamento utilizzati dal turista; I cambi delle monete; vari tipi di voucher. Capitolo 2 : I documenti per viaggiare all estero. I mezzi di pagamento. I cambi delle monete. I voucher. Le assicurazioni. Conoscere quali documenti deve essere in possesso il viaggiatore per recarsi nei diversi paesi; il concetto di valuta e di cambio;conoscere i vari voucher utilizzati dalle agenzie per prenotare i servizi turistici. Quali forme di assicurazione interessano i turisti. Per ogni viaggio identificare i documenti necessari e le regole da seguire. Come si calcolano i cambi delle monete. Saper compilare i vari voucher turistici. 28 h Lezione frontale Attività di ricerca Esercitazioni pratiche Lavori di gruppo Dibattito e discussione Problem solving Libro di testo Laboratorio di informatica Internet Verifiche formative. Verifiche sommative: test strutturato ( vero/falso, corrispondenze, quesiti a risposta multipla) prove pratiche, interrogazione. MATERIA Discipline turistiche CLASSE III INDIRIZZO Turistico UdA n. 3 Titolo: Il sistema turismo in Italia Struttura della pubblica amministrazione. Evoluzione della normativa per il turismo. Le principali professioni turistiche. Riconoscere e interpretare le specificità e le tendenze dei mercati e dei fenomeni turistici.

28 Capitolo 3: la terminologia giuridica. La Pubblica Amministrazione. Le professioni turistiche. Capitolo 4 : la terminologia economica. L impatto del turismo. Domanda, offerta e mercati turistici. Il turismo sostenibile. Conoscere la terminologia giuridica fondamentale. Che cos è e come è strutturata la Pubblica Amministrazione. Le principali professioni turistiche. Le principali associazioni di categoria. La terminologia economica fondamentale. Le caratteristiche della domanda, dell offerta e dei mercati turistici. Definizione di prezzo e di equilibrio del mercato turistico Cogliere il ruolo della pubblica amministrazione nel settore turistico. Capire il ruolo delle associazioni di categoria nel turismo. Utilizzare i motori di ricerca per cercare informazioni turistiche sul web. Individuare i fattori che possono influire sulla domanda e sull offerta turistica, sul prezzo e sull equilibrio del mercato 24 h Lezione frontale. Attività di ricerca.esercitazioni pratiche. Lavori di gruppo. Dibattito e discussione. Problem- solving Libro di testo Laboratorio di informatica Internet Verifiche formative. Verifiche sommative: test strutturato ( vero/falso, corrispondenze, quesiti a risposta multipla) prove pratiche, interrogazione. MATERIA Discipline Turistiche CLASSE III INDIRIZZO Turistico UdA n. 4 Titolo: Prodotti e mercati Riconoscere e interpretare le specificità e le tendenze dei mercati e dei fenomeni turistici.

29 Capitolo 6 : il prodotto destinazione turistica. Il prodotto viaggio. Il mercato dei viaggi leisure. Il mercato viaggi &lavoro. Conoscere le caratteristiche della domanda e offerta turistica. Definizione di prezzo di equilibrio del mercato turistico. Principali aspetti economici del turismo. Il viaggio non inteso come somma di servizi ma come prodotto. Il mercato leisure. I viaggi business. Individuare i fattori che possono influire sulla domanda e sull offerta turistica, sul prezzo e sull equilibrio del mercato. Riconoscere gli indicatori macroeconomici rilevanti per il settore turistico. 20 h Lezione frontale. Attività di ricerca. Esercitazioni pratiche. Lavori di gruppo. Dibattito e discussione. Problem- solving Libro di testo Laboratorio di informatica Internet Verifiche formative. Verifiche sommative: test strutturato ( vero/falso, corrispondenze, quesiti a risposta multipla) prove pratiche, interrogazione. MATERIA Discipline Turistiche CLASSE III INDIRIZZO Turistico UdA n. 5 Titolo: Le Imprese Turistiche Riconoscere gli elementi caratterizzanti delle diverse aziende turistiche, i loro prodotti e i loro processi di gestione.

30 Capitolo 7: I trasporti ferroviari, aerei, marittimi e stradali. Gli altri trasporti. Le aziende di trasporto: trasporto ferroviario, trasporti alternativi, regole di costruzione tariffaria, biglietteria. Redigere e/o compilare la documentazione e la modulistica del settore. Calcolare i prezzi dei servizi e dei prodotti turistici. 32 h Capitolo 14 : l industria dell ospitalità. Gli alberghi in Italia. Le strutture extralberghiere. Norme e contratti. Le aziende ricettive:tipologie, classificazione, localizzazione, dimensioni. Le principali figure professionali impiegate nelle strutture ricettive. Le caratteristiche distintive degli agriturismi, dei B&B, dei villaggi turistici e dei campeggi. Individuare le diverse tipologie di strutture ricettive. Riconoscere ruoli e mansioni delle principali figure professionali impiegate nelle imprese ricettive. Riconoscere le caratteristiche distintive degli agriturismi, dei B&B, dei villaggi turistici e dei campeggi. Lezione frontale Attività di ricerca Esercitazioni pratiche Lavori di gruppo Dibattito e discussione Problem solving Libro di testo Laboratorio di informatica Internet Verifiche formative. Verifiche sommative: test strutturato ( vero/falso, corrispondenze, quesiti a risposta multipla) prove pratiche, interrogazione.

31 MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE IV INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: DALLE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO AL BILANCIO GESTIRE IL SISTEMA DELLE RILEVAZIONI AZIENDALI CON L AUSILIO DI PROGRAMMI DI CONTABILITA INTEGRATA. UTILIZZARE I SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI NEI DIVERSI CONTESTI L INVENTARIO; LE SCRITTURE DI EPILOGO E CHIUSURA; IL BILANCIO DI ESERCIZIO; LA RIAPERTURA DEI CONTI PRINCIPI CONTABILI; REGOLE E TECNICHE DI CONTABILITA GENERALE; ASPETTI ECONOMICI E FINANZIARI DELLE DIVERSE AREE DI GESTIONE AZIENDALE, NORMATIVI E TECNICHE DI REDAZIONE DEL SISTEMA DI BILANCIO INDIVIDUARE LE FONTI E ANALIZZARE I CONTENUTI DEI PRINCIPI CONTABILI; REDIGERE LA CONTABILITA UTILIZZANDO SE POSSIBILE PROGRAMMI APPLICATIVI INTEGRATI. REDIGERE ECOMMENTARE I DOCUMENTI CHE COMPONGONO IL BILANCIO 40 Lezione frontale, lezione partecipata, lavori di gruppo Libro di testo, materiale fornito dal docente, laboratorio di informatica Verifiche formative Verifiche sommative ( strutturate, semistrutturate, interrogazioni) MATERIA ECONOMIA ZIENDALE CLASSE IV INDIRIZZO RIM

32 DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 2 Titolo: LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO INTERPRETARE I SISTEMI AZIENDALI NEI LORO MODELLI,PROCESSI E FLUSSI INFORMATIVI CON RIFERIMENTO ALLE DIVERSE TIPOLOGI DI IMPRESE LA GESTIONE FINANZIARIA,LE DECISIONI DI INVESTIMENTO CORRELAZIONI, CALCOLO, ANALISI RELATIVE AL FABBISOGNO FINANZIARIO E ALLE CONNESSE FONTI DI FINANZIAMENTO NELLE DIVERSE FORME GIURIDICHE DELL IMPRESA INDIVIDUARE LE POSSIBILI FONTI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI E INTERNAZIONALI IN RELAZIONE ALLA FORMA GIURIDICA D IMPRESA.CORRELARE E COMPARARE FINANZIAMENTI E IMPIEGHI 20 Lezione frontale, lezione partecipata, lavori di gruppo Libro di testo, materiale fornito dal docente, laboratorio di informatica Verifiche formative Verifiche sommative ( strutturate, semistrutturate, interrogazioni MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE IV INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 3 Titolo: IL MARKETING

33 INQUADRARE L ATTIVITA DI MARKETING NEL CICLO DI VITA DELL IMPRESA E REALIZZZARE APPLICAZIONI CON RIFERIMENTO A SPECIFICI CONTESTI E DIVERSE POLITICHE DI MERCATO. UTILIZZARE GLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE INTEGRATA CON RIFERIMENTO A DIVERSI CONTESTI LA FUNZIONE DEL MARKETING;IL MARKETING MIX;IL MARKETING INTERNAZIONALE PRINCIPI,TEORIE E TECNICHE DI MARKETING INTERNAZIONALE.ANALISI E POLITICHE DI MERCATO NAZIONALE E INTERNAZIONALE.LEVE DI MARKETING. STRUTTURA DI UN PIANO DI MARKETING. FINALITA E TIPOLGIE DI COMUNICAZIONI D IMPRESA COSTRUIRE STRUMENTI DI INDAGINE,RACCOGLIERE DATI,ELABORARLI E INTERPRETARLI.RICONOSCERE LE EVOLUZIONE DELLE STRATEGIE DI MARKETING. ELABORARE PIANI DI MARKETING INDIVIDUARE E ANALIZZARE SOTTO IL PROFILO STRATEGICO, FINANZIARIO ED ECONOMICO LE OPERAZIONE DELLE AREE GESTIONALI. 40 Lezione frontale, lezione partecipata, lavori di gruppo Libro di testo, materiale fornito dal docente, laboratorio di informatica Verifiche formative Verifiche sommative ( strutturate, semistrutturate, interrogazioni MATERIA ECONOMIA ZIENDALE CLASSE IV INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 4 Titolo: IL CICLO DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI

34 RICONOSCERE E INTERPRETARE : LE TENDENZE I MACROFENOMENI E I CAMBIAMENTI DEI MERCATI LOCALI, NAZIONALI E INTERNAZIONALI IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA INTERNAZIONALE, IL REGOLAMENTO DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI, IL TRASFERIMENTO DELLA MERCE ALL ESTERO NORME,DOCUMENTAZIONE,AZIENDE ED ENTI A SUPPORTO DEGLI IMPORTATORI E DEGLI ESPORTATORI NEL COMMERCIO. ASPETTI TECNICI, ECONOMICI, GIURIDICI E CONTABILI DEI REGOLAMENTI INTERNAZIONALI. ANALISI DEI RISCHI E CRITERI DI COPERTURA DELLE OPERAZIONI IN ESAME RICONOSCERE E ANALIZZARE I DIVERSI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO GLI SCAMBI. IPRINCIPALI DOCUMENTI COMMERCIALI E BANCARI. RICONOISCERE IL RUOLO DELLE AZIENDE DI SERVIZI E DI SUPPORTO AGLI IMPORTATORI E AGLI ESPORTATORI. RICONOSCERE GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI 30 Lezione frontale, lezione partecipata, lavori di gruppo Libro di testo, materiale fornito dal docente, laboratorio di informatica Verifiche formative Verifiche sommative ( strutturate, semistrutturate, interrogazioni MATERIA ECONOMIA AZIENDALE CLASSE IV INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 5 Titolo: LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

35 INDIVIDUARE LE CARATTERISTICHE DEL MERCATO DEL LAVORO E COLLABORARE ALLA GESTIONE DELLE RR.UU. GESTIRE IL SISTEMA DELLE RILEVAZIONI AZIENDALI E UTILIZZARE I SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI LE RISORSE UMANE DELL IMPRESA, L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE CARATTERISTICHE DEL MERCATO DEL LAVORO. STRUTTURA, CONTENUTO E ASPETTI ECONOMICI DEI CONTRATTI DI LAVORO POLITICHE, STRATEGIE AMMINISTRAZIONE NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE. RAFRONTARE LE DIVERSE TIPOLOGIE DI RAPPORTI DI LAVORO NAZIONALI E INTERNAZIONALE. CALCOLARE LA REMUNERAZIONE DEL PERSONALE E REDIGERE I CONNESSI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI 20 TECNICHE DI SELEZIONE DEL PERSONALE E CURRICULUM EUROPEO REDIGERE IL CURRICULUM VITAE EUROPEO E SIMULARE COLLOQUI DI SELEZIONE. Lezione frontale, lezione partecipata, lavori di gruppo Libro di testo, materiale fornito dal docente, laboratorio di informatica Verifiche formative Verifiche sommative ( strutturate, semistrutturate, interrogazioni MATERIA ECONOMIA ZIENDALE CLASSE IV INDIRIZZO RIM UdA n. 6 Titolo: APPROFONDIMENTI ;CASI AZIENDALI E BUSINESS ENGLISH RICONOSCERE I DIVERSI MODELLI ORGANIZZATIVI AZIENDALI; PADRONEGGIARE LA LINGUA INGLESE

36 VARI FINALITA DELLA COMUNICAZIONE D IMPRESA RICONOSCERE,UTILIZZARE LE TECNICHE DI COMUNICAZIONE AZIENDALE ANCHE IN LINGUA INGLESE. UTILIZZO DI UN LESSICO E DI UNA FRASEOLOGIA SPECIFICA DI SETTORE. 15 Lezione frontale, lezione partecipata, lavori di gruppo Libro di testo, materiale fornito dal docente, laboratorio di informatica Verifiche formative Verifiche sommative ( strutturate, semistrutturate, interrogazioni MATERIA Discipline turistiche CLASSE IV INDIRIZZO Turistico DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: Imprese, società e gruppi Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi di gestione e flussi informativi. Riconoscere la peculiarità organizzative delle imprese turistiche e contribuire a cercare soluzioni funzionali alle diverse tipologie.

37 Capitolo 8 : Le imprese e le aziende. I gruppi societari. L organizzazione delle imprese. Imposte e tasse. I lavoratori. Aziende e imprese: la terminologia tecnicoeconomica e quella giuridica. I gruppi societari. Organizzazione delle imprese. Le tasse e le imposte con particolare riguardo all IVA. I contratti di lavoro più diffusi per dipendenti ed autonomi. Individuare gli elementi interni ed esterni all impresa in grado di influenzare l organizzazione del lavoro. Distinguere tra i diversi modelli organizzativi. Riconoscere le peculiarità organizzative delle imprese turistiche. Identificare i ruoli e le responsabilità delle diverse funzioni aziendali nell impresa turistica. Saper effettuare calcoli relativi alle imposte dirette e all IVA. Saper compilare una busta paga. Saper compilare la fattura di un professionista e la ricevuta di una prestazione occasionale. 40 h Lezione frontale. Attività di ricerca. Esercitazioni pratiche Lavori di gruppo. Dibattito e discussione. Problem- solving Libro di testo. Laboratorio di informatica. Internet Verifiche formative. Verifiche sommative: test strutturato ( vero/falso, corrispondenze, quesiti a risposta multipla) prove pratiche, interrogazione. MATERIA Discipline Turistiche CLASSE IV INDIRIZZO Turistico DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 2 Titolo: I Bilanci Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali specifici per le imprese del settore turistico.

CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI

CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE A.S. 2014-2015 CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI MODULO 1. L azienda e la sua organizzazione Unità 1 L azienda, il contesto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE 055/66.16.28 055/67.80.41 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it Codice fiscale: 80032310486

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 DOCENTE: Prof.ssa MARISA SARTORIO PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 Strumenti matematici utilizzabili in Economia Aziendale Le principali relazioni tra grandezze Le proporzioni

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE: Prof. Agnese Maria Pancino RIPASSO FATTURA I CALCOLI FINANZIARI L interesse e i problemi diretti L interesse e i problemi inversi Il montante e i problemi diretti Il montante e i problemi inversi

Dettagli

Per gli uomini e per le organizzazioni, il futuro appartiene a chi sa immaginarlo

Per gli uomini e per le organizzazioni, il futuro appartiene a chi sa immaginarlo Per gli uomini e per le organizzazioni, il futuro appartiene a chi sa immaginarlo 1 DIURNO QUADRO ORARIO DEI DIVERSI CORSI 1^ BIENNIO Corso Indirizzo Ore Disciplina 1^ A, B, C, D, E AFM 2 1^ A, B Turismo

Dettagli

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Professionale Economia Aziendale Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE 055/67.90.18 055/67.80.41 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it

Dettagli

Economia aziendale secondo biennio SIA

Economia aziendale secondo biennio SIA Economia aziendale secondo biennio SIA CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA (^) classe terza SIA MODULO DISCPLINARE Modulo 1 IL SISTEMA AZIENDA E LA SUA ORGANIZZAZIONE (**) CONOSCENZE

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: FRECCERO Bruna CLASSE: II B SETTORE: servizi commerciali INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 10 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: AFM - SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: Alagna, Garofoli - Masoch - Oldoni - Zuffada ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M.

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani» Sede legale: Via Italico Brass, 22 34170 GORIZIA tel. 0481/535190

Dettagli

Lia Bonelli ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE:

Lia Bonelli ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE: a.s.2011/2012 Economia aziendale, Tecniche professionali dei servizi commerciali A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Lia Bonelli L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE: 1. I docenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno scolastico Materia Classi 2013 / 14 Economia Aziendale 3^- 4^ Lo studio dell'economia Aziendale per il

Dettagli

Le relazioni esistenti fra i soggetti dell attività economica. RIF. MODULO CONOSCENZE COMPETENZE Il concetto di azienda e le

Le relazioni esistenti fra i soggetti dell attività economica. RIF. MODULO CONOSCENZE COMPETENZE Il concetto di azienda e le Gruppo di Insegnanti di Economia Aziendale e di Informatica Coordinatore: prof. Pellegrini Claudio Contenuti e obiettivi minimi previsti per il percorso didattico relativo alle discipline di economia a

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI AREA MATERIA ECONOMIA AZIENDALE (AFM) CLASSI 1A, 1B, 2A, 3A, 3B, 4A, 5A, 5B. A.S. 2014/15

PROGRAMMAZIONE DI AREA MATERIA ECONOMIA AZIENDALE (AFM) CLASSI 1A, 1B, 2A, 3A, 3B, 4A, 5A, 5B. A.S. 2014/15 1 Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE David Maria Turoldo www.istitutoturoldo.gov.it turoldo@istitutoturoldo.it Via Ronco n. 11 24019 ZOGNO (BG) Tel.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI Il docente di Tecniche professionali dei servizi commerciali concorre a far conseguire allo studente, al

Dettagli

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CLASSI PRIME AFM/SIA(tranne sportivo)/ri Calcoli percentuali, riparti semplici e composti diretti Concetto di azienda, soggetto economico e giuridico Caratteri

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 PAG.1 DI 7 PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 1. FINALITÀ Analizzare la realtà e i fatti concreti della vita quotidiana ed elaborare generalizzazioni che aiutino

Dettagli

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica.

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica. STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica. L azienda e i suoi elementi costitutivi. Concetti di: patrimonio, investimento,

Dettagli

ITC Vittorio Veneto-Salvemini

ITC Vittorio Veneto-Salvemini ITC Vittorio Veneto-Salvemini A.S. 2013/14 PROGRAMMAZIONE del DIPARTIMENTO di ECONOMIA AZIENDALE Per gli uomini e per le organizzazioni, il futuro appartiene a chi sa immaginarlo Referente Prof.ssa Fatima

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di ECONOMIA AZIENDALE MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di ECONOMIA AZIENDALE MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di ECONOMIA AZIENDALE MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 4^SI DOCENTE : BONOMINI MIRELLA - -Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture Programmazione recupero classe terza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DIPARTIMENTO ECONOMIA AZIENDALE a.s.2014-2015

PROGRAMMAZIONE MODULARE DIPARTIMENTO ECONOMIA AZIENDALE a.s.2014-2015 Doc. di riferimento MQ Sez.7 Ediz. 1 Rev. 0 Codice documento: MD PROG.2 Pagina 1 di 61 La Programmazione del Dipartimento di ECONOMIA AZIENDALE si articola in MODULI, UNITA DI APPRENDIMENTO e COMPETENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 8 22/11/2013 109 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Antonella Branchi Prof.ssa

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

a.s. 2014-2015 prof. DARIO PEDRON classe 3A I.T.S.T. F. ALGAROTTI VENEZIA, 05/06/2015

a.s. 2014-2015 prof. DARIO PEDRON classe 3A I.T.S.T. F. ALGAROTTI VENEZIA, 05/06/2015 classe 3A I.T.S.T. F. ALGAROTTI VENEZIA, 05/06/2015 PROGRAMMA DTA Mercato turistico Turismo ambiente e territorio Gestione delle imprese turistiche Gestione e prodotti Aziende ricettive Agenzie di viaggio

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROGRAMMAZIONE D AREA DI ECONOMIA AZIENDALE ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI ECONOMIA AZIENDALE SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING A.F.M. RELAZIONI INTERNAZIONALI TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Dettagli

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Lo studio dell'economia Aziendale per la classe Terza degli Istituti Tecnici ad indirizzo Amministrazione Finanza Marketing concorre a far perseguire

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

Corso AFM/IGEA. Classe prima. Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio MODULO 1: STRUMENTI OPERATIVI ECONOMIA AZIENDALE

Corso AFM/IGEA. Classe prima. Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio MODULO 1: STRUMENTI OPERATIVI ECONOMIA AZIENDALE Corso AFM/IGEA Classe prima MODULO 1: STRUMENTI OPERATIVI Eseguire equivalenze Impostare e risolvere proporzioni Eseguire calcoli percentuali Risolvere problemi di calcolo percentuale su base cento, sopra

Dettagli

I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA

I. T. C.  S. BANDINI  - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I SISTEMI DI MISURA E GLI ARROTONDAMENTI. I sistemi di misurazione. Il sistema metrico decimale.

Dettagli

CLASSE IF a. s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE IF a. s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE IF a. s. 2014/2015 Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docente: Angela Antoniazzi PROGRAMMA SVOLTO Al termine dell anno gli studenti dovranno possedere le seguenti conoscenze e competenze/abilità: Conoscenze

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

La gestione economica e il reddito: il reddito dell'impresa; aspetto economico della gestione ( costi e ricavi d'esercizio );

La gestione economica e il reddito: il reddito dell'impresa; aspetto economico della gestione ( costi e ricavi d'esercizio ); Programma di Tecniche Professionali dei Servizi Commerciali Anno scolastico 2014/2015 Classe 3^ ASC Prof.ssa: Libro di testo: Tecniche professionali dei servizi commerciali 1 ; autori: Astolfi & Montagna;

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO OPERATORE DELLA GESTIONE AZIENDALE TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE INDIRIZZO INFORMATICO Il docente di Tecniche professionali dei servizi commerciali concorre a

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" 35028 PIOVE DI SACCO Via G. Parini, 10/c Tel. 049/5841692 049/9703995 Fax 049/5841969 e-mail:denicola@scuolanet.pd.it - Codice Fiscale 80024700280

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE I.S.I.S. M. Pagano G.L. Bernini - Napoli PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Classe IV, sez. D Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Anno scolastico 2014/2015 Prof. Fedele Filpi Il corso di Economia

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale F. Forti Via Caduti di Nassiriya, 87 51015 Monsummano T.me

Istituto Tecnico Commerciale Statale F. Forti Via Caduti di Nassiriya, 87 51015 Monsummano T.me Istituto Tecnico Commerciale Statale F. Forti Via Caduti di Nassiriya, 87 51015 Monsummano T.me Programma svolto di Economia aziendale e Geopolitica Casse QUARTA sezione A indirizzo RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " - Teano. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  - Teano. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " - Teano Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe seconda/sez. AT Prof. Basilone Alfonso COMPOSIZIONE DELLA CLASSE

Dettagli

PROGRAMMAZIONI E OBIETTIVI DISCIPLINARI A.S. 2014-15

PROGRAMMAZIONI E OBIETTIVI DISCIPLINARI A.S. 2014-15 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINE: ECONOMIA AZIENDALE E GEOGRAFIA FINALITA GENERALI Le finalità generali della disciplina economia aziendale sono: far acquisire agli studenti competenze specifiche

Dettagli

RELAZIONE DI DIPARTIMENTO ECONOMIA AZIENDALE

RELAZIONE DI DIPARTIMENTO ECONOMIA AZIENDALE RELAZIONE DI DIPARTIMENTO ECONOMIA AZIENDALE ANNO SCOLASTICO 2015 2016 INDIRIZZI - AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING - SERVIZI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO - SERVIZI COMMERCIALI - SERVIZI ENOGASTRONOMICI

Dettagli

INDIRIZZO: RELAZIONI INTERNAZIONALI DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSE: QUARTA

INDIRIZZO: RELAZIONI INTERNAZIONALI DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSE: QUARTA Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale CertINT 2012

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO TURISTICO MATERIA ECONOMIA AZIENDALE ANNO DI CORSO SECONDO INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO TURISTICO MATERIA ECONOMIA AZIENDALE ANNO DI CORSO SECONDO INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 LA GESTIONE 2 LA RAPPRESENTAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE 3 LA REMUNERAZIONE DEL CREDITO : L INTERESSE 4 IL PAGAMENTO ANTICIPATO DI UN DEBITO : LO SCONTO 5 L UNIFICAZIONE

Dettagli

IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI ECONOMIA AZIENDALE BIENNIO TECNICO TURISMO

IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI ECONOMIA AZIENDALE BIENNIO TECNICO TURISMO IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI ECONOMIA AZIENDALE BIENNIO TECNICO TURISMO CLASSE: 1C 1. CONTENUTI DISCIPLINARI ( suddivisi in moduli e unità didattiche

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE: QUARTA

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. BRACCINI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Angelo Berti PROGRAMMA PER CANDIDATI PRIVATISTI

Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Angelo Berti PROGRAMMA PER CANDIDATI PRIVATISTI DISCIPLINA AMMINISTRAZIONE ALBERGHIERA CLASSE TERZA IFP La costituzione dell impresa turistico-ristorativa (caratteristiche principali) Le tasse, le imposte e di documenti della vendita con particolare

Dettagli

Programmazione disciplina: Tecniche professionali dei servizi commerciali. Impostare ed elaborare le scritture di assestamento.

Programmazione disciplina: Tecniche professionali dei servizi commerciali. Impostare ed elaborare le scritture di assestamento. MODULO 0 LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO E LA CHIUSURA DEI CONTI RISULTATI DI APPRENDIMENTO Impostare ed elaborare le scritture di assestamento. Elaborare le scritture di chiusura CONOSCENZE Il concetto di

Dettagli

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di ECONOMIA AZIENDALE MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di ECONOMIA AZIENDALE MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di ECONOMIA AZIENDALE MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 18 09/12/2013 10.56 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA ECONOMIA AZIENDALE E GEO-POLITICA

Dettagli

INFORMATICO CONTABILE

INFORMATICO CONTABILE CORSO PER LA FORMAZIONE DI INFORMATICO CONTABILE PRESENTAZIONE Il corso di preparazione come INFORMATICO CONTABILE vuole formare giovani diplomati o laureati da avviare nel mondo del lavoro nel settore

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

Programmazione Annuale Docente Classi 4^

Programmazione Annuale Docente Classi 4^ Fa 02/967.01.431 e-mail: itczappa@itczappa.it sito internet: www.itczappa.it Programmazione Annuale Docente Classi 4^ Docenti : Balletta Giuseppe - Caruso Francesco - Dassisti Giovanni - Muratore Carmela

Dettagli

LIVELLI DI PARTENZA TEST/PROVE UTILIZZATI PER LA RILEVAZIONE DEI LIVELLI DI PARTENZA. Test di indirizzo Test prodotti dalla scuola Altro

LIVELLI DI PARTENZA TEST/PROVE UTILIZZATI PER LA RILEVAZIONE DEI LIVELLI DI PARTENZA. Test di indirizzo Test prodotti dalla scuola Altro Istituto Professionale per i servizi commerciali Canedi Via Caduti di Cefalonia,57 40059 Medicina P I A N O D I L A V O R O Anno Scolastico 2013-2014 CLASSE I V SEZ. APX PROF.ssa Rosanna DI PAlMA MATERIA

Dettagli

Componenti della competenza. Competenza ECONOMIA AZIENDALE TERMINE 5 BIENNIO

Componenti della competenza. Competenza ECONOMIA AZIENDALE TERMINE 5 BIENNIO Competenza 1 Competenza Conoscere i fondamenti dell'attività economica e l'azienda, individuando le diverse tipologie e comprendendo le relazioni con l'esterno. Componenti della competenza Conoscenza Bisogno,

Dettagli

Istituto Tecnico settore Economico. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing

Istituto Tecnico settore Economico. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Istituto Tecnico settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Istituto Tecnico settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI G. BARUFFI MONDOVI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI G. BARUFFI MONDOVI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI G. BARUFFI MONDOVI PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Classe: 4^ AFM a. s. 2014/2015 Libro di testo: Entriamo in azienda oggi 2 ed. Tramontana METODOLOGIA La trasmissione

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

Contenuti Modulo 1 libro di terza

Contenuti Modulo 1 libro di terza Del 26.06.2002 Pag. 1 di 5 Nome e cognome del professore: AnnaRita Falugiani Disciplina insegnata: Economia aziendale Libro di testo in uso: Entriamo in azienda 2 Classe 4 Sez CA Indirizzo di studio IGEA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE Prof Classe V C MARINELLA LUIGI Materia ECONOMIA AZIENDALE TURISTICA anno scolastico 2015/2016 Venezia B Obiettivi generali da raggiungere: L insegnamento dell Economia Aziendale

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDIRIZZO AMM.NE, FINANZA E MARKETING MATERIA: CLASSE: DOCENTE: ECONOMIA AZIENDALE 3^ C VALENTINA CASTELLI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ED ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Conosco

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: CLASSI: IV CORSO: SIA AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Disciplina Concorrenti Tempi ENTRIAMO In azienda oggi2 Tomo 1 e tomo2 Completamento

Dettagli

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca C.F. 92056500462 - C.M. LUIS01700T PEC: luis01700t@pec.istruzione.it e- mail: luis01700t@istruzione.it itclucca@itclucca.lu.it itgalucca@itgalucca.it

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Itis Galilei di Roma - 4 dicembre 2009 - VI CONFLUISCONO GLI INDIRIZZI PREESISTENTI: ISTITUTI TECNICI COMMERCIALI Ragioniere e perito commerciale

Dettagli

VERSO UNA NUOVA FIGURA PROFESSIONALE

VERSO UNA NUOVA FIGURA PROFESSIONALE Economia aziendale VERSO UNA NUOVA FIGURA PROFESSIONALE I corsi di Economia aziendale di Mondadori Education per il triennio degli Istituti tecnici del settore economico Il futuro è la nostra materia.

Dettagli

Indirizzo: Classe: Quarta Amministrazione,Finanza e Marketing. Disciplina: Economia aziendale ABILITA

Indirizzo: Classe: Quarta Amministrazione,Finanza e Marketing. Disciplina: Economia aziendale ABILITA Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO Pag. 1 di 6 DOCENTE Monica MASOCH DISCIPLINA ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSE 3 SEZ C INDIRIZZO RIM ANNO SCOLASTICO 2013/2014 LIBRO/I DI TESTO: Astolfi, Nazzaro, Rascioni & Ricci IMPRESA E MERCATI

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing ISTRUZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing L indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing, con le sue due articolazioni, si riferisce ad ambiti e processi essenziali

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE CLASSE I B

ECONOMIA AZIENDALE CLASSE I B ECONOMIA AZIENDALE CLASSE I B Gli strumenti operativi per l economia aziendale (Unità A Lez 1-4 ) I sistemi di misura Le proporzioni e i calcoli percentuali; I calcoli sopra e sotto cento I riparti I fondamenti

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO CLASSE SEZ.: I M CALCOLI AZIENDALI I calcoli percentuali I calcoli sopracento e sottocento I riparti: semplici e composti L euro e il cambio delle valute I FONDAMENTI DELL ATTIVITA ECONOMICA L attività

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: TRASFORMAZIONI STORICHE E FUNZIONAMENTO DEI SISTEMI ECONOMICI E MODALITA DELL INTERVENTO PUBBLICO

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE E DIRITTO

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE E DIRITTO PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE E DIRITTO Premessa (indirizzo di studi) L indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera ha lo scopo di far acquisire allo studente,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO

ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO UNITA DI APPRENDIMENTO CLASSI3 E AFM, SIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATERIE PRODOTTO FINALE Lo studente dovrà essere in grado di realizzare un idea imprenditoriale,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI CLASSE TERZA - Indirizzo TURISTICO

PROGRAMMAZIONE di DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI CLASSE TERZA - Indirizzo TURISTICO PROGRAMMAZIONE di DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI CLASSE TERZA - Indirizzo TURISTICO Modulo 1 Categorie di viaggiatori. Tipologie di turismo; i prodotti e i servizi. Il turismo nel tempo: turismi di ieri

Dettagli

Programma di Economia Aziendale e Geopolitica. a. s. 2014/2015 4B RIM

Programma di Economia Aziendale e Geopolitica. a. s. 2014/2015 4B RIM Programma di Economia Aziendale e Geopolitica a. s. 2014/2015 4B RIM Insegnante: Anna Maestripieri Modulo 1 Dalle scritture di assestamento al bilancio Unità 1 L inventario d esercizio e le scritture di

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO Prof. Forlin Maria Nives Economia Politica 3^ AEM AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

Roma, ITIS G. GALILEI 28 ottobre 2010

Roma, ITIS G. GALILEI 28 ottobre 2010 Roma, ITIS G. GALILEI 28 ottobre 2010 PROFILO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Il Diplomato ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali e internazionali, della

Dettagli

Programmazione annuale docente classe 5^

Programmazione annuale docente classe 5^ Programmazione annuale docente classe 5^ Programmazione del Docente: Perrotta Tullio, D Assisti Giovanni Classe: V sez.: A-B Indirizzo: Iter Materia di insegnamento: Discipline Economiche e Aziendali Libro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

TESTO ADOTTATO: Con noi in azienda plus - Tomo C e D Autori: Fortuna, Ramponi e Scucchia Editore: Le Monnier Scuola COMPETENZE

TESTO ADOTTATO: Con noi in azienda plus - Tomo C e D Autori: Fortuna, Ramponi e Scucchia Editore: Le Monnier Scuola COMPETENZE Anno scolastico 2013/2014 TRIENNIO Corso Diurno Classe : 4 AF RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE di: ECONOMIA AZIENDALE PROF. ALESSANDRO RESENTE TESTO ADOTTATO: Con noi in azienda plus Tomo C e D Autori: Fortuna,

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: Professionale

Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: Professionale Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: Professionale DISCIPLINA: TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI CLASSE: PRIMA INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI OPERATORE AMMINISTRATIVO SEGRETARIALE

Dettagli

INDIRIZZO :RELAZIONI INTERNAZIONALI A.S. 2014/2015 Prof. Moretto Giampiero

INDIRIZZO :RELAZIONI INTERNAZIONALI A.S. 2014/2015 Prof. Moretto Giampiero Programma di Economia Aziendale Classe IV /D INDIRIZZO :RELAZIONI INTERNAZIONALI A.S. 2014/2015 Prof. Moretto Giampiero Unità 1 Le società di capitali nel sistema economico mondiale Lezione 1 Società di

Dettagli

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE: JAYME CLASSE: 4A

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE: JAYME CLASSE: 4A IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE: JAYME CLASSE: 4A A) CONTENUTI DISCIPLINARI ( suddivisi in moduli e unità didattiche ):

Dettagli