Sulla base di ciò, GB ELETTROMEDICAL S.r.l. è in grado di fornire i seguenti servizi:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sulla base di ciò, GB ELETTROMEDICAL S.r.l. è in grado di fornire i seguenti servizi:"

Transcript

1 Secondo quanto previsto dalla normativa di riferimento, le Apparecchiature Elettromedicali o da Laboratorio, devono essere sottoposte a manutenzione e verifiche di sicurezza periodiche. Le attività devono essere documentate e inserite in un piano di manutenzione. Sulla base di ciò, GB ELETTROMEDICAL S.r.l. è in grado di fornire i seguenti servizi: - Censimento Inventariale - Manutenzione Preventiva - Verifiche di Sicurezza Elettrica - Controlli di Qualità Per meglio chiarire cosa si intende per Apparecchio Elettromedicale, ne riportiamo la definizione data dalla Norma CEI ed. ( 3.63): Apparecchio elettrico dotato di una PARTE APPLICATA che trasferisce energia verso il o dal PAZIENTE, o rileva tale trasferimento di energia verso il o dal PAZIENTE e che è: a) dotato di non più di una connessione ad una particolare ALIMENTAZIONE DI RETE; e b) previsto dal suo FABBRICANTE per essere impiegato: 1) nella diagnosi, trattamento o monitoraggio di un PAZIENTE; oppure 2) per compensare, lenire una malattia, le lesioni o menomazioni Qualora un Apparecchio Elettromedicale si trovi combinato con altri apparecchi, siamo in presenza di un Sistema Elettromedicale, la cui definizione, sempre data dalla Norma CEI ed. ( 3.64), è la seguente: Combinazione, specificata dal FABBRICANTE, di più apparecchi, almeno uno dei quali deve essere un APPARECCHIO ELETTROMEDICALE, e interconnessi mediante una 1 / 6

2 CONNESSIONE FUNZIONALE o mediante una PRESA MULTIPLA. Ma vediamo ora quali sono le apparecchiature elettromedicali. Esiste già da diversi anni operativo in Italia il CIVAB Centro di Informazione e Valutazione Apparecchiature Biomediche come parte integrante dell Osservatorio dei Prezzi e delle Tecnologie (OPT) Banca Dati delle Tecnologie Biomediche (BDTB). La codifica CIVAB, costituita da un codice alfanumerico di 8 caratteri, consente l identificazione univoca delle tecnologie biomediche e dei relativi produttori e modelli. La codifica è da tempo utilizzata, nell ambito del S.S.N., nelle procedure di acquisto e di gestione dei dispositivi medici e per attività di osservatorio prezzi (circuito nazionale dell osservatorio prezzi di OPT e osservatori regionali). 2 / 6

3 La codifica CIVAB ed il relativo nomenclatore costituiscono inoltre il riferimento nella Classificazione Nazionale dei Dispositivi Medici CND, approvata con D.M. del 22 settembre 2005, per la categoria Z Apparecchiature Sanitarie. Periodicamente, il CIVAB rilascia una versione aggiornata dell Annuario (attualmente datata Dicembre 2008) scaricabile e/o consultabile on-line. A scopo di esempio, si riportano di seguito alcune tipologie particolari di apparecchiature elettromedicali, corredate della codifica CIVAB e della relativa descrizione, che spesso non sono considerate tali da chi si occupa della loro gestione. 3 / 6

4 - TESTA LETTO, APPARECCHIO [TLA]: Apparecchio installato permanentemente sulla parete a capo del letto e contenente servizi e accessori per la cura e le necessità del paziente. - LETTO PER DEGENZA ELETTRIFICATO [LDF]: Letto motorizzato con comando elettroidraulico o elettropneumatico per la degenza presso i reparti delle strutture ospedaliere. [Per questa tipologia di apparecchiature, si precisa che esiste anche una Norma specifica del CEI, CEI o CEI EN , che indica i Requisiti particolari per la sicurezza di base e le prestazioni essenziali dei letti medici.] - SISTEMA ANTIDECUBITO [LAD]: Materasso provvisto di sistema elettropneumatico che determina movimenti periodici al fine di evitare piaghe da decubito al paziente. 4 / 6

5 Tipicamente, gli Apparecchi Elettromedicali più diffusi nelle Strutture Sanitarie sono: Defibrillatore, Elettrocardiografo, Elettrobisturi, Pompa di Infusione, Pulsossimetro, Apparecchio per Terapia ad Ultrasuoni, Apparecchio per Terapia a Microonde, Apparecchio per Magnetoterapia, Stimolatore Neuromuscolare, Apparecchio per Sollevamento Malati, Apparecchio per Aerosol, Aspiratore Medico Chirurgici, etc. Mentre per le Apparecchiature da Laboratorio ci si riferisce alla norma CEI 66.5 ( 1.1 punto c), in cui sono definite come: Apparecchiature che misurano, indicano, sorvegliano o analizzano sostanze, o che servono per preparare materiali, e comprendono le apparecchiature di diagnostica in vitro. Le Apparecchiature da Laboratorio più diffuse sono: Bagno Termostatico, Centrifuga, Congelatore da Laboratorio, Frigorifero Biologico, Incubatore, etc. Per ulteriori approfondimenti si consiglia di consultare la Normativa di Riferimento nel menu a fianco. Torna Indietro Ø TESTA LETTO, APPARECCHIO [TLA] 5 / 6

6 Apparecchio installato permanentemente sulla parete a capo del letto e contenente servizi e accessori per la cura e le necessità del paziente. Ø LETTO PER DEGENZA ELETTRIFICATO [LDF] Letto motorizzato con comando elettroidraulico o elettropneumatico per la degenza presso i reparti delle strutture ospedaliere. [Per questa tipologia di apparecchiature, si precisa che esiste anche una Norma specifica del CEI, CEI o CEI EN , che indica i Requisiti particolari per la sicurezza di base e le prestazioni essenziali dei letti medici.] Ø SISTEMA ANTIDECUBITO [LAD] Materasso provvisto di sistema elettropneumatico che determina movimenti periodici al fine di evitare piaghe da decubito al paziente. 6 / 6

LA GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ASSISTENZIALI

LA GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ASSISTENZIALI Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Si c urezz a, Salute, Am b ie nt e ed En e rgia ne i luoghi di la vo ro e di vita S e d e o p e r a t i v a : V i a d e l V e c c h i o P o l i

Dettagli

Di seguito si riporta un elenco (non esaustivo) delle norme CEI applicabili agli elettromedicali:

Di seguito si riporta un elenco (non esaustivo) delle norme CEI applicabili agli elettromedicali: NORME APPLICABILI AGLI ELETTROMEDICALI Di seguito si riporta un elenco (non esaustivo) delle norme CEI applicabili agli elettromedicali: - CEI EN 60601-1 (Classificazione - CEI 62-5): Apparecchi elettromedicali.

Dettagli

SERVIZIO INGEGNERIA CLINICA

SERVIZIO INGEGNERIA CLINICA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA (D.Lgs. n. 517/1999 - Art. 3 L.R.Veneto n. 18/2009) DAT Dipartimento Tecnico Servizio Ingegneria Clinica MA 30 SCHEDA INFORMATIVA Rev. 1 del 27/02/2012

Dettagli

TECNOLOGIE BIOMEDICALI

TECNOLOGIE BIOMEDICALI TECNOLOGIE BIOMEDICALI APPARECCHIATURE BIOMEDICHE CONFORMITA DI UTILIZZO PREVISTA DAL FABBRICANTE COMPATIBILITA ELETROMAGNETICA VERIFICHE DI SICUREZZA ELETTRICA APPARECCHIATURE BIOMEDICHE - DEFINIZIONE

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE Manutenzione Attrezzature e Veicoli Favorisce la pianificazione e la registrazione delle attività di manutenzione delle attrezzature e dei veicoli.

Dettagli

Elettromedicali. Quale scelta e limiti di utilizzo

Elettromedicali. Quale scelta e limiti di utilizzo Elettromedicali Quale scelta e limiti di utilizzo Definizione apparecchio elettrico, munito di non più di una connessione ad una particolare rete di alimentazione, destinato ala diagnosi, al trattamento

Dettagli

DISPOSITIVI MEDICI E LA GESTIONE DEL RISCHIO

DISPOSITIVI MEDICI E LA GESTIONE DEL RISCHIO ANTE riccione 17 aprile 2012 DISPOSITIVI MEDICI E LA GESTIONE DEL RISCHIO RUOLO E INTERAZIONE DEI SOGGETTI OPERANTI NELLA DIRETTIVA E RELATIVE RESPONSABILITA avv. Silvia Stefanelli 1 DIR 93/42/CEE Direttiva

Dettagli

PROCEDURA Gestione della manutenzione e delle verifiche elettriche Apparecchiature Elettromedicali

PROCEDURA Gestione della manutenzione e delle verifiche elettriche Apparecchiature Elettromedicali PROCEDURA N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione Tutte le copie cartacee sono ritenute di lavoro per le quali non si garantisce l aggiornamento. Le copie aggiornate sono archiviate a cura del

Dettagli

ELENCO N. 3: Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi

ELENCO N. 3: Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi ALLEGATO 1 ELENCO N. 3: Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi ELENCO N. 3: Tavola di corrispondenza fra sistemi di classificazione

Dettagli

Impianti elettrico. Evidenza SI NO NA Riferimenti Note

Impianti elettrico. Evidenza SI NO NA Riferimenti Note Impianti elettrico Per tutti i locali dell'unità Operativa in considerazione, è disponibile la classificazione aggiornata, firmata dal Responsabile Sanitario Norma CEI (ambiente ordinario, locale ad uso

Dettagli

La salute e la sicurezza del lavoro nell uso dei dispositivi medici

La salute e la sicurezza del lavoro nell uso dei dispositivi medici Dipartimento Tecnologie di Sicurezza CONVEGNO La sicurezza degli impianti elettrici e dei dispositivi medici nelle strutture sanitarie La salute e la sicurezza del lavoro nell uso dei dispositivi medici

Dettagli

ALLEGATO A3 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER LE VERIFICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA

ALLEGATO A3 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER LE VERIFICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA ALLEGATO A3 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER LE VERIFICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 8 ALLEGATO A3 - NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER LE VERIFICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA Norme tecniche

Dettagli

IE Locali ad uso medico (Gruppo 0 e 1) - Novembre 2016

IE Locali ad uso medico (Gruppo 0 e 1) - Novembre 2016 IE 114 - Locali ad uso medico (Gruppo 0 e 1) - Novembre 2016 Riferimenti normativi: - CEI 64-8/7-710 - Ambienti ed applicazioni particolari" e nello specifico alla Sezione 710 "Locali ad uso medico". -

Dettagli

Modulo 2. Locali uso medico

Modulo 2. Locali uso medico Modulo 2 Locali uso medico Locali uso medico Norma CEI 64-8/7 V2 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000V in c.a. e 1500 V in c.c. Parte 7: Ambienti ed applicazioni particolari

Dettagli

TECNICHE DI RIPARAZIONE MECCANICA ED ELETTRONICA DEL VEICOLO

TECNICHE DI RIPARAZIONE MECCANICA ED ELETTRONICA DEL VEICOLO TECNICHE DI RIPARAZIONE MECCANICA ED ELETTRONICA DEL VEICOLO SEDE: ARESE; PRIMA PARTE DURATA DEL CORSO: 50 ORE SUDDIVISE SU 10 LEZIONI DA 5 ORE; GIORNI: 3 GIORNI A SETTIMANA DALLE ORE 14:00 ALLE ORE 19:00;

Dettagli

CUPOLA ASPIRANTE MODELLO /R CON FILTRO HEPA

CUPOLA ASPIRANTE MODELLO /R CON FILTRO HEPA ASAL S.R.L. - APPARECCHI SCIENTIFICI ATTREZZATURE LABORATORI Azienda con sistema di gestione qualità conforme ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2008. Certificato TÜV Italia n 50 100 3290 Rev. 04

Dettagli

AUTOCLAVE DA LABORATORIO MODELLO 760 CODICE CODICE CIVAB AUTASA76

AUTOCLAVE DA LABORATORIO MODELLO 760 CODICE CODICE CIVAB AUTASA76 ASAL S.R.L. - APPARECCHI SCIENTIFICI ATTREZZATURE LABORATORI Azienda con sistema di gestione qualità conforme ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2008. Certificato TÜV Italia n 50 100 3290 Rev. 04

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER L ACQUISIZIONE DI APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI

PROSPETTO INFORMATIVO PER L ACQUISIZIONE DI APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI Appendice 1 - SCHEDA TECNICA DEI DISPOSITIVI MEDICI OFFERTI SISTEMA PER BRACHITERAPIA PROSPETTO INFORMATIVO PER L ACQUISIZIONE DI APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI Informazioni generali sull apparecchiatura

Dettagli

Struttura di Ingegneria Clinica Responsabile Paolo Lago

Struttura di Ingegneria Clinica Responsabile Paolo Lago Struttura di Ingegneria Clinica Responsabile Paolo Lago La struttura ospedaliera IRCCS - Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico dal 1982 FONDAZIONE IRCCS da luglio 2006 Ricerche nelle aree

Dettagli

SCHEDA REQUISITI AUSILIO LOTTO 1

SCHEDA REQUISITI AUSILIO LOTTO 1 SCHEDA REQUISITI AUSILIO LOTTO 1 Allegato 2 Sezione A Requisiti del prodotto A.1 DATI DI IDENTIFICAZIONE Classificazione EN ISO 9999 03.33.03 Cuscini antidecubito DM 332/99: (Codice e denominazione del

Dettagli

Apparecchi Elettromedicali

Apparecchi Elettromedicali Apparecchi Elettromedicali 10010Â ACCELERATORI LINEARI PER TERAPIA 10020 ACCESSORI PER ELETTRODIAGNOSTICA 10030 ACCESSORI PER RADIOLOGIA 10040 AGOPUNTURA 10050 ALTRE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI 10060

Dettagli

INSTALLAZIONE CIVILE Protezione

INSTALLAZIONE CIVILE Protezione Protezione Limitatore di sovratensione (SPD) Campo di applicazione L apparecchio fornisce la protezione delle prese di alimentazione di tutti i tipi di elettrodomestici ed in particolare di quelli contenenti

Dettagli

LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE

LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE ARMANDO FERRAIOLI Bioingegnere LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE (Parte Seconda) Nella prima parte dell articolo,

Dettagli

impianti di distribuzione dei gas e di evacuazione dei gas anestetici

impianti di distribuzione dei gas e di evacuazione dei gas anestetici impianti di distribuzione dei gas medicinali, del vuoto e di evacuazione dei gas anestetici evoluzione del quadro tecnico normativo di riferimento a livello nazionale europeo e internazionale Giorgio Fusato

Dettagli

Servizio di Ingegneria Medica. Guida ai Servizi

Servizio di Ingegneria Medica. Guida ai Servizi Servizio di Ingegneria Medica Guida ai Servizi SIM-MOD_GSRV Rev.4 28/02/2008 Questa Guida è stata realizzata con lo scopo di informare coloro che dall interno del Policlinico si rivolgono al Servizio di

Dettagli

REQUISITI SPECIFICI DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO AMBULATORIO CHIRURGICO

REQUISITI SPECIFICI DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO AMBULATORIO CHIRURGICO Per ambulatorio chirurgico (o ambulatorio per interventi chirurgici) si intende la struttura intra o extra-ospedaliera nella quale sono eseguiti interventi chirurgici o anche procedure diagnostiche o terapeutiche

Dettagli

Tracciabilità dei Dispositivi Medici

Tracciabilità dei Dispositivi Medici Pavia, 22 febbraio 2010 Tracciabilità dei Dispositivi Medici S.C. Farmacia FONDAZIONE I.R.C.C.S. Policlinico S. Matteo Pavia Normative correnti italiane ed europee Le tre normative che regolamentano, rispettivamente,

Dettagli

biomediche, informatica medica. infettivologica/trapiantologica, biotecnologie e tecnologie Ricerche aree La struttura ospedaliera

biomediche, informatica medica. infettivologica/trapiantologica, biotecnologie e tecnologie Ricerche aree La struttura ospedaliera Struttura di Ingegneria Clin Responsabile Paolo La La struttura ospedaliera Il Policlinico san Matteo è IRCCS - Istitut di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Presidente della Fondazione - dal 1982

Dettagli

CSA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE

CSA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ELENCO ABLATORE PER ARTERIECTOMIA AEROSOL, APPARECCHIO PER AGITATORE DA LABORATORIO ALIMENTATORE ALIMENTATORE PER TAVOLO OPERATORIO AMPLIFICATORE ANALISI SFORZO, SISTEMA PER ANESTESIA, APPARECCHIO PER

Dettagli

Presentazione Aziendale Service Med

Presentazione Aziendale Service Med Presentazione Aziendale Service Med Service Med è nata nel 1992, ed è un azienda del settore dispositivi medici. L azienda offre servizi di noleggio e gestione di sistemi antidecubito ad alta efficacia,

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 STATO VEGETATIVO - REQUITI STRUTTURALI SV01.AU.1.1 Gli immobili sono in possesso di certificato di agibilità specifico Stato

Dettagli

Qualità e sicurezza: il punto di vista dell ingegnere clinico

Qualità e sicurezza: il punto di vista dell ingegnere clinico Qualità e sicurezza: il punto di vista dell ingegnere clinico Dott. Ing. Tiziana Franchin, PhD Dott. Ing. Lorenzo Leogrande Dott. Ing. Leo Traldi LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA:

Dettagli

AUTOCLAVE DA LABORATORIO MOD. 760 COD CODICE CIVAB AUTASA76

AUTOCLAVE DA LABORATORIO MOD. 760 COD CODICE CIVAB AUTASA76 ASAL S.R.L. - APPARECCHI SCIENTIFICI ATTREZZATURE LABORATORI Azienda con sistema di gestione qualità conforme ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2008. Certificato TÜV Italia n 50 100 3290 Rev. 02

Dettagli

CENSIMENTO DELLE SORGENTI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI (Capo IV, Titolo VIII, D.Lgs. n. 81/08)

CENSIMENTO DELLE SORGENTI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI (Capo IV, Titolo VIII, D.Lgs. n. 81/08) CENSIMENTO DELLE SORGENTI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI (Capo IV, Titolo VIII, D.Lgs. n. 81/08) TYCHE di Lorenzo Porta S.a.s. info@tycheconsult.it www.tycheconsult.it Nella Tabella 1 viene riportata una lista

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE REQUISITI SPECIFICI. AREA EMERGENZA URGENZA: Rianimazione e Terapia Intensiva

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE REQUISITI SPECIFICI. AREA EMERGENZA URGENZA: Rianimazione e Terapia Intensiva L Unità Operativa di Rianimazione e Terapia Intensiva è dedicata all assistenza del paziente critico, che richiede un elevato livello di cura e nursing intensivo. Garantisce il monitoraggio multifunzionale,

Dettagli

Cod. Id. Collaudo (anno) / (n Pratica)) REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE E DI ALTA SPECIALIZZAZIONE

Cod. Id. Collaudo (anno) / (n Pratica)) REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE E DI ALTA SPECIALIZZAZIONE 1/6 REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE E DI ALTA SPECIALIZZAZIONE GARIBALDI S. LUIGI - CURRÒ ASCOLI - TOMASELLI (LR. 11-4-95 N. 34) C A T A N I A VERBALE RELATIVO ALLA FORNITURA

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE REQUISITI SPECIFICI. AREA EMERGENZA URGENZA: Osservazione Breve Intensiva

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE REQUISITI SPECIFICI. AREA EMERGENZA URGENZA: Osservazione Breve Intensiva L osservazione Breve Intensiva (OBI) è uno strumento per l osservazione e la gestione clinica temporanea in regime di non ricovero la cui durata è limitata a 24 ore. Nell ambito di tale attività possono

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITA DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE

MINISTERO DELLA SANITA DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE MINISTERO DELLA SANITA DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE Aggiornamento delle tariffe delle prestazioni di assistenza ospedaliera, di cui al decreto ministeriale 14 dicembre 1994. IL MINISTRO DELLA SANITÀ

Dettagli

Sezione Sezione. Adattatori e prese multiple. Serie BLUELINE Serie AZZURRA Serie SICURA

Sezione Sezione. Adattatori e prese multiple. Serie BLUELINE Serie AZZURRA Serie SICURA e multiple Serie BLUELINE Serie AZZURRA Serie SICURA 34 35 ADATTATORI NORME DI RIFERIMENTO Norma CEI 23-50 a spina per usi e similari Parte 1: Prescrizioni generali Serie BLUELINE ADATTATORI SEMPLICI -

Dettagli

Specifica tecnica. Servizio di misura

Specifica tecnica. Servizio di misura Specifica tecnica Vers. 1 1 / 6 In merito ai criteri di installazione, alle modalità di gestione degli apparecchi di misura nonché al servizio di misura dell energia elettrica prelevata e prodotta dagli

Dettagli

BAGNOMARIA TERMOSTATICO MOD. 740 COD CODICE CIVAB BTEASA74

BAGNOMARIA TERMOSTATICO MOD. 740 COD CODICE CIVAB BTEASA74 ASAL S.R.L. - APPARECCHI SCIENTIFICI ATTREZZATURE LABORATORI Azienda con sistema di gestione qualità conforme ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2008. Certificato TÜV Italia n 50 100 3290 Rev. 04

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER I TRASFORMATORI DI ISOLAMENTO PER L ALIMENTAZIONE DEI LOCALI AD USO MEDICO.

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER I TRASFORMATORI DI ISOLAMENTO PER L ALIMENTAZIONE DEI LOCALI AD USO MEDICO. IL NUOVO QUADRO NORMATIVO PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER I TRASFORMATORI DI ISOLAMENTO PER L ALIMENTAZIONE DEI LOCALI AD USO MEDICO. La nuova norma si applica ai trasformatori di isolamento fissi, monofase

Dettagli

ALLEGATO 4 - SCHEDA TECNICA PRELIMINARE-

ALLEGATO 4 - SCHEDA TECNICA PRELIMINARE- Produttore Modello Fornitore Anno di inizio produzione Codice CIVAB PARAMETRI CARATTERISTICHE DI SICUREZZA L apparecchio è conforme alla normativa C.E.I 62.5 Norma Europea EN 60601 1 attualmente vigente:

Dettagli

INFRASTRUTTURA DELLA RETE

INFRASTRUTTURA DELLA RETE INFRASTRUTTURA DELLA RETE RETE DELLA GASTROENTEROLOGIA ITALIANA Vantaggi Condivisione delle informazioni e dei documenti Standardizzazione delle procedure Diminuzione dei tempi per la realizzazione degli

Dettagli

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO. Deliberazione del Direttore Generale n.

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO. Deliberazione del Direttore Generale n. ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO BARI Deliberazione del Direttore Generale n. 546 del registro OGGETTO: PROCEDURA PER LA RICHIESTA DI DISPOSITIVI MEDICI

Dettagli

ALLEGATO 2.2. QUANTITATIVI e COSTI MANUTENZIONE AUSILI TERAPEUTICI ASL MILANO 1. Quantità annua (espressa mesi) 1) CANONE GESTIONE AUSILI DI RICICLO

ALLEGATO 2.2. QUANTITATIVI e COSTI MANUTENZIONE AUSILI TERAPEUTICI ASL MILANO 1. Quantità annua (espressa mesi) 1) CANONE GESTIONE AUSILI DI RICICLO ALLEGATO 2.2 QUANTITATIVI e COSTI MANUTENZIONE AUSILI TERAPEUTICI ASL MILANO 1 1) CANONE GESTIONE AUSILI DI RICICLO Quantità annua (espressa mesi) Importo unitario Importo totale per in IVA esclusa anno

Dettagli

ELENCO DEI CHIARIMENTI a richiesta

ELENCO DEI CHIARIMENTI a richiesta Procedura n 395: gara a procedura aperta ex art. 55 del D.Lgs 163/06 per la fornitura di apparecchiature elettromedicali e da laboratorio di cui al progetto ex art. 19 L.R. 27/06 (pubbl. G.U.R.I. n 67

Dettagli

Le Linee di indirizzo regionali per la gestione dei Gas medicinali

Le Linee di indirizzo regionali per la gestione dei Gas medicinali Le Linee di indirizzo regionali per la gestione dei Gas medicinali Ing. Massimo Garagnani Servizio Ingegneria Clinica AUSL Modena Corso Regionale LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE

Dettagli

COMPRESSORI e MATERASSI antidecubito. Prodotti per la gestione e la prevenzione del decubito Medium Risk ed High Risk.

COMPRESSORI e MATERASSI antidecubito. Prodotti per la gestione e la prevenzione del decubito Medium Risk ed High Risk. COMPRESSORI e MATERASSI antidecubito Prodotti per la gestione e la prevenzione del decubito Medium Risk ed High Risk. Diversi sono gli ausili in grado di prevenire la formazione del decubito. Mediland

Dettagli

Informazioni per i clienti. Clinic Care Homecare

Informazioni per i clienti. Clinic Care Homecare Informazioni per i clienti Clinic Care Homecare Introduzione della nuova norma Premessa Gentile cliente, dal 2000 esistono due diverse norme per i letti ortopedici (DIN EN 1970) e medici (DIN EN 60601-2-38/A1).

Dettagli

SIS Consulting S.r.l IL POLICLINICO MILITARE DEL CELIO

SIS Consulting S.r.l IL POLICLINICO MILITARE DEL CELIO SIS Consulting S.r.l IL POLICLINICO MILITARE DEL CELIO Scenario Da più di cinque anni SIS Consulting è presente nel Policlinico Militare del Celio con i suoi sistemi di gestione sanitaria ed i suoi specialisti,

Dettagli

Il controllo nelle strutture sanitarie pubbliche e private Apparecchi e Impianti

Il controllo nelle strutture sanitarie pubbliche e private Apparecchi e Impianti Il controllo nelle strutture sanitarie pubbliche e private Apparecchi e Impianti Ing. Vittorio Notari Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica IMPIANTI ELETTRICI Punto 1 Classificazione locali

Dettagli

L esperienza del Policlinico Tor Vergata nella gestione della manutenzione degli Asset. Prof. Nicola Rosato Ing. Alessandro Pastore

L esperienza del Policlinico Tor Vergata nella gestione della manutenzione degli Asset. Prof. Nicola Rosato Ing. Alessandro Pastore L esperienza del Policlinico Tor Vergata nella gestione della manutenzione degli Asset Prof. Nicola Rosato Ing. Alessandro Pastore Tecnopolo Castel Romano, AIMAN, 12 Luglio 2005 La struttura Azienda Ospedaliera

Dettagli

La sicurezza degli impianti elettrici e dei dispositivi medici nelle strutture sanitarie

La sicurezza degli impianti elettrici e dei dispositivi medici nelle strutture sanitarie Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La sicurezza degli impianti elettrici e dei dispositivi medici nelle strutture sanitarie La sicurezza elettrica in ospedale Obb Osservatorio Salute Lavoro Dipartimento

Dettagli

Automazione di centrali di produzione idroelettriche - Guida per sistemi di controllo basati su computer

Automazione di centrali di produzione idroelettriche - Guida per sistemi di controllo basati su computer CEI TR 60778 Portaspazzole per anelli gruppo R - Tipo RA CEI EN 62270 CEI TR 50403 Automazione di centrali di produzione idroelettriche - Guida per sistemi di controllo basati su computer Normazione e

Dettagli

Riassunto Verifiche di Sicurezza

Riassunto Verifiche di Sicurezza [ 1100 ] DEGENZE S.CHIARA Etic. 2316/02 2315/02 2875/03 2856/03 2167/02 2137/02 2134/02 2870/03 0074/08 2870/03 2889/03 2135/02 2868/03 2871/03 2872/03 2863/03 SI3C - ITAL TBS S.p.A. Pagina 1 di 9 [ 1100

Dettagli

1.2 Sezione ADATTATORI E PRESE MULTIPLE. La ricerca. Serie SICURA Serie BLUELINE Serie SALVAFULMINE Serie PRESE MULTIPLE

1.2 Sezione ADATTATORI E PRESE MULTIPLE. La ricerca. Serie SICURA Serie BLUELINE Serie SALVAFULMINE Serie PRESE MULTIPLE ADATTATORI E PRESE MULTIPLE La ricerca Serve a darvi il meglio......sempre! Serie SICURA Serie BLUELINE Serie SALVAFULMINE Serie PRESE MULTIPLE 32 33 Serie SALVAFULMINE ADATTATORI NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

DISPOSITIVI MEDICI SICUREZZA D USOD

DISPOSITIVI MEDICI SICUREZZA D USOD DISPOSITIVI MEDICI e SICUREZZA D USOD DISPOSITIVI MEDICI Qualsiasi strumento, apparecchio, impianto, sostanza o altro prodotto, usato da solo o in combinazione, ma destinato dal fabbricante ad essere impiegato

Dettagli

GASD C Foglio 1 di 5

GASD C Foglio 1 di 5 Foglio 1 di 5 ID DESCRIZIONE ID DESCRIZIONE 1 Morsetto per il collegamento alla terra di protezione 10 Contenitore 2 Amperometro da quadro per la misura della corrente drenata 11 Morsettiera per il collegamento

Dettagli

DENOMINAZIONE STRUTTURA. Indirizzo: via Comune. Pratica presentata da. Per la realizzazione di. Sopralluogo in data con le seguenti osservazioni:

DENOMINAZIONE STRUTTURA. Indirizzo: via Comune. Pratica presentata da. Per la realizzazione di. Sopralluogo in data con le seguenti osservazioni: MODULO Pagina 1di 7 MO14 Commissione Dipartimentale ex LISTA DI CONTROLLO LR 34/98 ora LR 4/08 Dipartimento Sanità Pubblica STRUTTURE SANITARIE Rev 1 del 18/06/2016 RICHIESTA NUOVA AUTORIZZAZIONE RICHIESTA

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL PERSONALE INFERMIERISTICO AL PROCESSO DI OTTIMIZZAZIONE COSTI E QUALITA ASSISTENZIALE.

IL CONTRIBUTO DEL PERSONALE INFERMIERISTICO AL PROCESSO DI OTTIMIZZAZIONE COSTI E QUALITA ASSISTENZIALE. IL CONTRIBUTO DEL PERSONALE INFERMIERISTICO AL PROCESSO DI OTTIMIZZAZIONE COSTI E QUALITA ASSISTENZIALE ASSISTENZA INFERMIERISTICA DI QUALITA : EFFICACE (RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI ) EFFICIENTE ( AL

Dettagli

La gestione operativa degli impianti gas medicali nelle strutture ospedaliere secondo le norme UNI e UNI 11100/2011

La gestione operativa degli impianti gas medicali nelle strutture ospedaliere secondo le norme UNI e UNI 11100/2011 La gestione operativa degli impianti gas medicali nelle strutture ospedaliere secondo le norme UNI 7396-1 e UNI 11100/2011 Ing. Orazio Scuderi Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Cà Granda - Milano POLITECNICO

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE L osservazione Breve Intensiva (OBI) è uno strumento per l osservazione e la gestione clinica temporanea in regime di non ricovero la cui durata è limitata a 24 ore. Nell ambito di tale attività possono

Dettagli

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Seminario di Ingegneria Clinica 2013 La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Con il Patrocinio di Cagliari, Facoltà di Ingegneria Aula V 14 Giugno 2013 ore

Dettagli

OFFERTA ECONOMICA ASL MILANO 2 DETTAGLIO PREZZI UNITARI - B.3 QUANTITATIVI e COSTI MANUTENZIONE AUSILI TERAPEUTICI ASL MILANO 2

OFFERTA ECONOMICA ASL MILANO 2 DETTAGLIO PREZZI UNITARI - B.3 QUANTITATIVI e COSTI MANUTENZIONE AUSILI TERAPEUTICI ASL MILANO 2 OFFERTA ECONOMICA ASL MILANO 2 DETTAGLIO PREZZI UNITARI - B.3 QUANTITATIVI e COSTI MANUTENZIONE AUSILI TERAPEUTICI ASL MILANO 2 1) CANONE GESTIONE AUSILI DI RICICLO Numero mesi mensile (IVA (IVA mensile

Dettagli

LA CONFORMITA ALLE DIRETTIVE TECNICHE COMUNITARIE

LA CONFORMITA ALLE DIRETTIVE TECNICHE COMUNITARIE LA CONFORMITA ALLE DIRETTIVE TECNICHE COMUNITARIE ALCUNE DIRETTIVE TECNICHE PORTANO ALL APPOSIZIONE DEL MARCHIO CE (CONFORMITA EUROPEA ) PRIMA DI APPORRE IL MARCHIO CE IL FABBRICANTE O PRODUTTORE O IMPORTATORE

Dettagli

AUTOCLAVE VAPOR MATIC CON TIMER E TEMOREGOLATORE

AUTOCLAVE VAPOR MATIC CON TIMER E TEMOREGOLATORE ASAL S.R.L. - APPARECCHI SCIENTIFICI ATTREZZATURE LABORATORI Azienda con sistema di gestione qualità conforme ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2008. Certificato TÜV Italia n 50 100 3290 Rev. 02

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture ATTI Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture Venerdì 24 giugno In partnership con Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

Dettagli

VERIFICA DI SICUREZZA ELETTRICA IEC CEI ANTAB Maurizio Ferri

VERIFICA DI SICUREZZA ELETTRICA IEC CEI ANTAB Maurizio Ferri VERIFICA DI SICUREZZA ELETTRICA IEC 62-353 CEI 62-148 ANTAB 06-02-2015 Maurizio Ferri OGGETTO DELLA NORMA IEC 62353 ANTAB 06-02-2015 Maurizio Ferri ANTAB 06-02-2015 Maurizio Ferri PERSONALE QUALIFICATO

Dettagli

Valvole fusibili A.T. per circuiti in c.c.

Valvole fusibili A.T. per circuiti in c.c. DIREZIONE TECNICA Viale S. Lavagnini, 58 50129 FIRENZE Identificazione 309532 Esp. 07 Pagina 1 di 7 "Il presente documento è di proprietà di Trenitalia. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotto,

Dettagli

GESTIONE, MANUTENZIONE E VERIFICHE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI ED ELETTROMEDICALI. Documento di consultazione del mercato

GESTIONE, MANUTENZIONE E VERIFICHE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI ED ELETTROMEDICALI. Documento di consultazione del mercato GESTIONE, MANUTENZIONE E VERIFICHE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI ED ELETTROMEDICALI Documento di consultazione del mercato Bologna, 2 settembre 2016 Indice Indice del documento Oggetto Perimetro Servizi

Dettagli

parte i Nozioni fondamentali

parte i Nozioni fondamentali 9 Introduzione... pag. 17 parte i Nozioni fondamentali 1. Gas medicinali...» 21 1.1. Generalità...» 21 1.2. Principali caratteristiche dei gas medicali maggiormente utilizzati...» 25 1.2.1. Ossigeno (O

Dettagli

CANNE FUMARIE: NORMATIVA E DECRETI LEGGE

CANNE FUMARIE: NORMATIVA E DECRETI LEGGE CANNE FUMARIE: NORMATIVA E DECRETI LEGGE Canne fumarie, la normativa recentemente approvata e aggiornata, riguardante la progettazione di camini e canne fumarie per lo scarico dei fumi, sia per nuove costruzioni,

Dettagli

GIOVANNI GIANOTTI Perito Industriale Termotecnico

GIOVANNI GIANOTTI Perito Industriale Termotecnico GIOVANNI GIANOTTI Perito Industriale Termotecnico Albo 967 VA Via Per Cesate, 59 20024 GARBAGNATE MIL.SE (MI) P.IVA. 03062700129 CF GNTGNN52A21D912Z tel. 0299068376 Committente: Spett. Impresa BIANCHI

Dettagli

ELENCO DEI BENI DA DISMETTERE

ELENCO DEI BENI DA DISMETTERE ELENCO DEI BENI DA DISMETTERE N Invent. Plesso Struttura DESCRIZIONE DEI BENI CATEGORIA COD.CO.GE. P.O. di Ostuni U.O. Medicina Letto di degenza Mobili ed arredi A010.110.00300 P.O. di Ostuni Pronto Soccorso

Dettagli

Terminale di camera con display

Terminale di camera con display A CMTE00 Descrizione Il terminale di camera con display consente di controllare e visualizzare a livello locale le chiamate con segnalazione visiva ed acustica su un display numerico e grafico. L abbinamento

Dettagli

Apparecchi e impianti di illuminazione

Apparecchi e impianti di illuminazione Apparecchi e impianti di illuminazione Pubblicato il: 04/06/2007 Aggiornato al: 04/06/2007 di Gianluigi Saveri 1. Generalità Nella nuova Norma 64-8 è stata inserita una nuova sezione, la 559, con prescrizioni

Dettagli

Panoramica prodotti HOMELINE

Panoramica prodotti HOMELINE Panoramica prodotti HOMELINE LINAK.IT/HOMELINE Una mossa intelligente Sia i letti a molle che quelli a doghe possono trarre beneficio dal comfort della regolazione elettrica della sezione testa e gambe.

Dettagli

Definizioni e Terminologie

Definizioni e Terminologie Definizioni e Terminologie Adeguamento funzionale: Complesso degli interventi condotti per portare/riportare un bene o sue parti ad un livello di prestazioni funzionali conforme a nuovi o mutati requisiti.

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE ESTERNA

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE ESTERNA IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE ESTERNA Sistema di alimentazione: TT, TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente

Dettagli

ALLEGATO 2.1. QUANTITATIVI e COSTI MANUTENZIONE AUSILI TERAPEUTICI ASL DI MILANO

ALLEGATO 2.1. QUANTITATIVI e COSTI MANUTENZIONE AUSILI TERAPEUTICI ASL DI MILANO ALLEGATO 2.1 QUANTITATIVI e COSTI MANUTENZIONE AUSILI TERAPEUTICI ASL DI MILANO 1) CANONE GESTIONE AUSILI DI RICICLO IVA esclusa Numero mesi (euro/mese) Fisso richiesto per la messa a disposizione di spazi

Dettagli

Policlinico San Matteo

Policlinico San Matteo Riutilizzo dei beni ospedalieri dismessi per fini umanitari: Esperienze della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo Ing. Cesare Lombardi Struttura Ingegneria Clinica Fondazione IRCCS Policlinico San

Dettagli

DOCUMENTAZIONE SULLA SICUREZZA ED AGIBILITA DEGLI AMBIENTI E LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI. DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER IL RILASCIO DELL

DOCUMENTAZIONE SULLA SICUREZZA ED AGIBILITA DEGLI AMBIENTI E LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI. DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER IL RILASCIO DELL DOCUMENTAZIONE SULLA SICUREZZA ED AGIBILITA DEGLI AMBIENTI E LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI. DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO. 1 ALL.1 Relazione descrittiva delle

Dettagli

Joerns Healthcare. Scheda Tecnica Sollevatore Oxford Presence. 19 gennaio. Scheda di capitolato per fornitura sollevatore

Joerns Healthcare. Scheda Tecnica Sollevatore Oxford Presence. 19 gennaio. Scheda di capitolato per fornitura sollevatore Joerns Healthcare Scheda Tecnica Sollevatore Oxford Presence 19 gennaio 2011 Riepilogo caratteristiche tecniche sollevapazienti Oxford - Presence Scheda di capitolato per fornitura sollevatore Il sollevapazienti

Dettagli

IA 015 Alimentazione e linee dei servizi di sicurezza e di riserva Dicembre 2014

IA 015 Alimentazione e linee dei servizi di sicurezza e di riserva Dicembre 2014 IA 015 Alimentazione e linee dei servizi di sicurezza e di riserva Dicembre 2014 Riferimenti normativi: CEI EN 50171 Sistemi di alimentazione centralizzata CEI EN 50172 Sistemi di illuminazione di sicurezza

Dettagli

MANAGEMENT DEI CAMPIONI GRATUITI DI DISPOSITIVI MEDICI

MANAGEMENT DEI CAMPIONI GRATUITI DI DISPOSITIVI MEDICI MANAGEMENT DEI CAMPIONI GRATUITI DI DISPOSITIVI MEDICI Tentativo di colmare un vuoto normativo Antonella Iudicello Azienda USL Modena DD - POLICLINICO 1 DISPOSITIVO MEDICO (DM) Definizione: qualsiasi strumento,

Dettagli

Leggete attentamente le nuove prescrizioni

Leggete attentamente le nuove prescrizioni Leggete attentamente le nuove prescrizioni La Sezione 710 Locali ad uso medico della norma CEI 64-8/7 ha sostituito la norma CEI 64-4 terza edizione. Ora il CEI ha preparato anche una guida, che qui rileggiamo

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA IN CHIRURGIA

CARTA DELLA QUALITA IN CHIRURGIA CARTA DELLA QUALITA IN CHIRURGIA Al fine di rendere attuabili i 14 diritti della Carta europea dei diritti del malato 1 questo reparto si impegna a rispettare questi principi Accoglienza Tutti i cittadini

Dettagli

SCHEDA REQUISITI AUSILIO LOTTO 19

SCHEDA REQUISITI AUSILIO LOTTO 19 SCHEDA REQUITI AULIO LOTTO 19 Allegato 2 Sezione A Requisiti del prodotto A.1 DATI DI IDENTIFICAZIONE Classificazione EN ISO 9999 12.36 DM 332/99 (Codice e denominazione del prodotto) Ausili per il sollevamento

Dettagli

Applicazione Valvole miscelatrici o deviatrici per l impiantistica, il riscaldamento, raffreddamento e condizionamento. DN PN 16 fino a 150 C

Applicazione Valvole miscelatrici o deviatrici per l impiantistica, il riscaldamento, raffreddamento e condizionamento. DN PN 16 fino a 150 C Valvole elettriche Tipo 3260/5857, 3260/5824, 3260/5825, 3260/3374, 3260/3274 Valvole pneumatiche Tipo 3260/2780, 3260/3371, 3260/3372, 3260-1, 3260-7 Valvola a tre vie Tipo 3260 pplicazione Valvole miscelatrici

Dettagli

Parte 2: Procedure di domanda e di registrazione

Parte 2: Procedure di domanda e di registrazione CEI EN 60034-4 S001 Macchine elettriche rotanti Parte 4: Metodi per determinare dalle prove le grandezze delle macchine sincrone CEI EN 60034-29 CEI UNI ISO/IEC 7812-1 CEI UNI ISO/IEC 7812-2 CEI EN 50500

Dettagli

Procedura utilizzo laser di potenza e check list

Procedura utilizzo laser di potenza e check list Procedura utilizzo laser di potenza e check list Scopo e campo di applicazione Lo scopo di questa procedura è di permettere l individuazione e il controllo del rischio associato ai sistemi laser di classe

Dettagli

Digitale Terrestre non solo televisione parte 5

Digitale Terrestre non solo televisione parte 5 Digitale Terrestre non solo televisione parte 5 Verifiche, Collaudo e Certificazione - Verifica strumentale dei parametri di qualità dei segnali distribuiti nell impianto tv, normative da rispettare e

Dettagli

MOD. 810 COD CODICE CIVAB INCASA81

MOD. 810 COD CODICE CIVAB INCASA81 ASAL S.R.L. - APPARECCHI SCIENTIFICI ATTREZZATURE LABORATORI Azienda con sistema di gestione qualità conforme ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2008. Certificato TÜV Italia n 50 100 3290 Rev. 02

Dettagli

ALLEGATO 2.1. QUANTITATIVI e COSTI MANUTENZIONE AUSILI TERAPEUTICI ASL DI MILANO

ALLEGATO 2.1. QUANTITATIVI e COSTI MANUTENZIONE AUSILI TERAPEUTICI ASL DI MILANO ALLEGATO 2.1 QUANTITATIVI e COSTI MANUTENZIONE AUSILI TERAPEUTICI ASL DI MILANO 1) CANONE GESTIONE AUSILI DI RICICLO: (espressa in mesi) esclusa (euro/mese) Fisso richiesto per la messa a disposizione

Dettagli

SOMMARIO. 1.0 Oggetto dei lavori... pag Descrizione dei lavori... pag Normativa e legislazione a base di progetto... pag.

SOMMARIO. 1.0 Oggetto dei lavori... pag Descrizione dei lavori... pag Normativa e legislazione a base di progetto... pag. SOMMARIO 1.0 Oggetto dei lavori... pag. 2 2.0 Descrizione dei lavori... pag. 2 3.0 Normativa e legislazione a base di progetto... pag. 3 4.0 dati tecnici di riferimento... pag. 4 5.0 Parametri illuminotecnici

Dettagli

Presentazione del D. M. 23 dicembre 2013 Iscrizione dei dispositivi medico-diagnostici in vitro nel Repertorio dei dispositivi medici

Presentazione del D. M. 23 dicembre 2013 Iscrizione dei dispositivi medico-diagnostici in vitro nel Repertorio dei dispositivi medici Presentazione del D. M. 23 dicembre 2013 Iscrizione dei dispositivi medico-diagnostici in vitro nel Repertorio dei dispositivi medici Direzione Generale del Sistema Informativo e Statistico Sanitario Direzione

Dettagli

I requisiti di sicurezza degli impianti elettrici e le Norme tecniche CEI.

I requisiti di sicurezza degli impianti elettrici e le Norme tecniche CEI. I requisiti di sicurezza degli impianti elettrici e le Norme tecniche CEI. P.I. Luigi Muzzini Membro CT 64 CEI SICUREZZA ACCETTABILE Il livello di sicurezza accettabile evolve con le condizioni sociali

Dettagli

IE Illuminazione ambienti ospedalieri ottobre 2016

IE Illuminazione ambienti ospedalieri ottobre 2016 IE 102 Illuminazione ambienti ospedalieri ottobre 2016 Riferimenti normativi CEI 648/7710 Ambienti ed applicazioni particolari" e nello specifico alla Sezione 710 "Locali ad uso medico". UNI EN 124641

Dettagli

SICUREZZA DEGLI APARECCHI ELETTROMEDICALI NEI LOCALI AD USO MEDICO. RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI

SICUREZZA DEGLI APARECCHI ELETTROMEDICALI NEI LOCALI AD USO MEDICO. RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI SICUREZZA DEGLI APARECCHI ELETTROMEDICALI NEI LOCALI AD USO MEDICO RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Premessa Il paziente è più vulnerabile e più esposto ai pericoli dell elettricità

Dettagli