Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ"

Transcript

1 Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Le Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, sono state pubblicate nel Le seguenti FAQ sono state definite ed approvate da IATF in risposta alle domande da parte degli enti di certificazione riconosciuti da IATF. I testi revisionati sono indicati in blu. Una FAQ è una spiegazione per una regola o un requisito esistenti. Le FAQ 1 39 sono state emesse ad Aprile Le FAQ 17, 29 e 32 sono state riviste a Settembre La FAQ 14 è stata rivista a Marzo 2006, la FAQ 40 è stata emessa a Marzo 2006, le FAQ 41, 42 e 43 sono state emesse a Giugno Numero Riferimento Regole Ente di Certificazione 1.5 Ente di certificazione 1.5 Ente di certificazione 1.7 Registrazioni 1.11 Domanda La "consulenza sui sistemi di gestione per la qualità" si riferisce solo ai sistemi di gestione per la qualità o include anche la consulenza su altri sistemi di gestione, come l ambientale o salute e sicurezza? Gli enti di certificazione possono fornire consulenza / formazione sul sito sull ISO/TS 16949:2002 nei Core Tools, 6 Sigma o Produzione Snella? Cosa si intende per cliente che sottoscrive? In caso di ricertificazione, il ciclo di conservazione delle registrazione ricomincia? Oppure il certificato è considerato continuo? Risposta Le Regole al punto 1.5 sono state modificate rimuovendo la parola "qualità"; quindi la consulenza si riferisce alle consulenze sui sistemi di gestione ed include l ISO14001 e l OHSAS No. Consulenza / formazione sul sito su metodologie legate ai sistemi di gestione, come l SPC, l MSA, la FMEA, 6 Sigma, Produzione Snella, rappresentano un potenziale conflitto di interessi. Un cliente che sottoscrive è un qualsiasi cliente dell organizzazione del settore automotive che richiede la certificazione / conformità all ISO/TS 16949:2002 ai suoi fornitori. Un nuovo certificato dà inizio ad un nuovo ciclo; quindi la durata massima di conservazione delle registrazioni presso l ente di certificazione è di 6 anni.

2 5 2 I requisiti dei giorni di verifica ispettiva sul sito di Fase 2 sono illustrati nell Allegato 3 e gli enti di certificazione devono applicare il software per il calcolo dei giorni di fornito dall Ufficio Oversight IATF. Quale tra il software e le tabelle è "obbligatorio"? Laddove la domanda riguardi il calcolo dei giorni di, si devono utilizzare le tabelle dell Allegato 3 per risolvere la situazione. Esempi di calcolo dei giorni di possono essere trovati nella FAQ Laddove organizzazione e fornitore abbiano proprietà comuni, il fornitore come è gestito nell ambito della dell organizzazione? Quando il fornitore è presso la medesima ubicazione fisica dell organizzazione, il fornitore deve essere sottoposto a come parte dell organizzazione. Vedere Regole 1.7. Quando il fornitore ha una diversa ubicazione fisica rispetto all organizzazione, il fornitore deve essere trattato all interno del SGQ dell organizzazione come fornitore (vedere ISO/TS 16949: ). "Fornitore" in questo paragrafo ( ) si riferisce ai siti presso i quali si producono parti di produzione o di ricambio specificate dal cliente. Vedere anche definizione di "produzione", Le funzioni remote di supporto (es. progettazione, acquisti, magazzino) possono essere considerate funzioni subappaltate non soggette ai requisiti ISO/TS 16949:2002 piuttosto che parte della del sito? Le funzioni remote di supporto devono essere considerate parte della verifica ispettiva del sito, non una funzione subappaltata (vedere Regole 2.3). Le funzioni remote di supporto devono essere valutate per soddisfare il requisito dell Allegato 1 che dice:"all interno del processo di devono essere presi in considerazione tutti gli elementi ISO/TS 16949:2002". Una prova legata alla "funzione di supporto remota della stessa azienda/corporate" potrebbe essere che il servizio fornito è svolto unicamente per un azienda, rispetto ad un azienda indipendente che offrirebbe tale servizio a più clienti diversi.

3 8 2.3 Laddove 2 enti di certificazione siano coinvolti nella verifica ispettiva di siti multipli con funzioni di supporto comuni, i dipendenti delle funzioni di supporto vengono inclusi nel calcolo dei giorni di verifica ispettiva da entrambi gli enti di certificazione? L ente di certificazione che non sottopone la funzione di supporto a verifica ispettiva può ridurre i giorni di? Per progettazione del prodotto si intende chiaramente che la Progettazione del Prodotto può essere esclusa dallo scopo della se il cliente ne è responsabile (vedere ISO/TS 16949:2002, 1.2 Applicazione, e Regole Allegato 1). Se il 7.3 non è escluso dallo scopo della, in tal caso o: 1. un altra parte della stessa azienda / corporate in quanto sito da certificare, è responsabile del processo di progettazione del prodotto (come un azienda / corporate scelga di organizzare le proprie finanze per coprire i costi della progettazione del prodotto non deve riguardare). In tal caso la funzione remota di supporto deve essere sottoposta a come richiesto dalle Regole 2.3, e devono essere applicati tutti i relativi requisiti ISO/TS 16949:2002, oppure 2. il sito ha un contratto per un processo subappaltato (come definito nell ISO/TS 16949:2002 paragrafi 4.1 e 4.1.1) con un azienda di progettazione del prodotto indipendente. In tal caso il subappaltatore della progettazione deve avere la capacità adeguata di soddisfare i requisiti del paragrafo 7.3 nella loro totalità, incluse le interfacce tra l organizzazione ed il subappaltatore, come richiesto dalle Regole - Allegato 1. Entrambi gli enti di certificazione devono includere i dipendenti delle funzioni di supporto nei calcoli dei giorni di. L ente di certificazione che non sottopone le funzione di supporto a verifica ispettiva può ridurre i giorni fino a un numero pari a quello che avrebbe utilizzato per sottoporre la funzione di supporto a. Tali riduzioni devono essere riportate nel file dell ente di certificazione e sono soggette a riesame da parte dell Oversight. FAQ 35 Nota 2: E responsabilità dell ente di certificazione sviluppare un piano di i cui giorni totali siano basati sul calcolo minimo. Come i giorni debbano essere distribuiti tra il/i sito/i e la/le ubicazione/i remota/e è responsabilità dell ente di certificazione. Se l ente di certificazione si scosta in modo significativo dal calcolo base, deve esserne data spiegazione sui documenti del piano di.

4 capoverso L ultima frase dice: "Queste informazioni devono essere fornite nella lingua concordata tra l organizzazione e l altro ente di certificazione". L ente di certificazione al quale ci si riferisce è l ente di certificazione al quale l organizzazione chiede di accettare il rapporto Lettera di conformità 2.4 Lettera di conformità 2.4 Lettera di conformità 2.4 Lettera di conformità 2.4 (b) Lettera di conformità 2.4 (b) 2.5 A quale ente di certificazione ci si riferisce con questa frase? La iniziale che può risultare in una lettera di conformità richiede le verifiche ispettive di Fase 1 e 2? Qual è la durata della verifica ispettiva iniziale che può risultare in una lettera di conformità? La lettera di conformità deve essere approvata dal veto power? Quando si riceve un contratto, a quale processo di verifica ispettiva si dà l avvio? Al termine dei 12 mesi, in assenza di ricevimento di ordini ma con la dimostrazione che l organizzazione è ancora presente nell elenco delle offerte, che cosa succede? Qual è la tolleranza sulle tempistiche della di ricertificazione? La lettera di conformità conferma che esistono processi che soddisfano i requisiti ISO/TS 16949:2002 e le Regole, ma non c è l evidenza oggettiva che dimostri la loro efficacia; quindi sono richieste le Fasi 1 e 2 della verifica ispettiva. La durata della deve essere quella di una iniziale completa, secondo la definizione dell Allegato 3. Per la situazione a) non si devono applicare le riduzioni in caso di aggiornamento. Per la situazione b), se esiste un certificato del SGQ, si possono applicare le riduzioni in caso di aggiornamento (vedere Regole 4.9). Si. Si dà l avvio alle nuove verifiche ispettive di Fase 1 e 2 con riduzione massima possibile del 50% dei giorni di. La lettera di conformità decade. L organizzazione può richiedere un altra lettera di conformità, che ora richiede una completa della stessa durata della lettera di conformità precedente. Rivista nel Marzo Vedere Regole SI#9. Le tempistiche devono essere di -3 mesi/ + 0 mese dalla conclusione della iniziale sul sito. Se non si riesce a rientrare nel tempo limite, il certificato non è più valido e l organizzazione ritorna al T0.

5 Per la programmazione delle verifiche ispettive di sorveglianza si parte dalla fine della verifica ispettiva di Fase 2 o dalla data di emissione del certificato? Come sono valutati i requisiti specifici del cliente all interno dell approccio per processi? Il ciclo di deve basarsi sulle date della iniziale di certificazione. Revisione Settembre 2005 Il primo passo è stabilire quali sono i requisiti specifici applicabili dei clienti. Il secondo passo è esaminare il processo dell organizzazione, per identificare e prendere in considerazione tutti questi requisiti nel proprio SGQ Utilizzando l approccio per processi automotive, il gruppo di deve includere nel proprio campionamento un numero sufficiente di requisiti specifici dei clienti in modo da assicurare l efficacia del processo. Nel complesso del ciclo di devono essere considerati tutti i processi e i relativi requisiti specifici applicabili dei clienti OEM IATF Cosa significa quanto segue: "Ogni deve includere la verifica su tutti i turni. Le attività di produzione devono essere valutate su tutti i turni, ove esistano"? E richiesto che ogni "deve" disatteso all interno di un elemento ISO/TS 16949:2002 debba dar seguito ad una non conformità separata? Vedere Regole SI #3 e #4. Significa che il/i valutatore/i deve/devono essere presente/i fisicamente su tutti i turni, e laddove ci sia attività produttiva, questa deve essere parte delle attività di. No. Una non conformità può coprire più di un "deve" disatteso. Il requisito dice che la non conformità scritta comunica chiaramente all organizzazione le risultanze a fronte del requisito.

6 20 21 Gruppo di verifica ispettiva 3.2 Gruppo di verifica ispettiva 3.6 Capoverso 5 22 Altri requisiti Altri requisiti Altri requisiti 4.10 Almeno un membro del gruppo di deve avere esperienza specifica del settore in questione per tutti i codici di settore relativi al campo di applicazione della certificazione di quel sito. Vogliamo dire che un membro oppure il gruppo inteso collettivamente ha tutti i codici di settore? L unico uso permesso del logo IATF da parte dell organizzazione è l inserimento nel certificato. L organizzazione può copiare il certificato per scopi di marketing negli articoli delle riviste? I riesami di adeguatezza di Fase 1 sono soggetti ai witness audit IATF? Se un organizzazione passa dall ente di certificazione A all ente di certificazione B, i valutatori che hanno effettuato la per l ente di certificazione A possono effettuare la di trasferimento? Qual è la vita del certificato dopo il completamento della verifica ispettiva di trasferimento? E la rimanenza del periodo di certificazione corrente? Il gruppo di deve avere tutti i codici di settore collettivamente. Nota: Il gruppo di consiste di valutatori IATF qualificati e non include gli esperti tecnici Il certificato può essere riprodotto per intero a tale scopo. I riesami di adeguatezza di Fase 1 sono soggetti ai witness audit. I witness audit possono includere la Fase 1, la Fase 2 o entrambe. La di trasferimento inizia un nuovo ciclo di verifiche ispettive. Secondo le Regole al 3.3, per la di trasferimento si dovrebbero utilizzare valutatori diversi. Le Regole 2 Edizione ora richiedono che la di trasferimento sia equivalente alla di ricertificazione; quindi per il certificato ci deve essere un nuovo ciclo (3 anni).

7 25 Altri requisiti Requisiti sul contenuto del certificato 5 Requisiti sul contenuto del certificato 5c L ente di certificazione deve riportare a IATF qualsiasi modifica intervenuta nell accreditamento del suo sistema di gestione, incluse le modifiche dei codici dell industria (ad es. codici NACE)? E possibile condurre una verifica ispettiva secondo l ISO/TS 16949:2002 e altre norme sui sistemi di gestione? In che modo gli enti di certificazione manterranno il controllo sull aggiornamento dei certificati e delle appendici? Principalmente tale requisito era finalizzato alla perdita del riconoscimento secondo una norma. Tuttavia anche la perdita di un codice NACE relativo all industria automotive dovrebbe essere notificata. Non è necessario notificare codici NACE aggiuntivi. Precedentemente FAQ 7 Se un ente di certificazione sotto contratto IATF conduce una verifica ispettiva per soddisfare norme su sistemi di gestione aggiuntive rispetto all ISO/TS 16949:2002, devono essere osservate le Regole IATF per il Raggiungimento del riconoscimento ISO/TS 16949:2002. Gli enti di certificazione possono aggiungere al certificato una data di emissione o un piè di pagina per controllare il livello di revisione dei certificati e delle appendici. 28 Requisiti sul contenuto del certificato 5d Laddove un organizzazione operi sotto più nomi sullo stesso sito, il certificato può riportare l elenco dei vari nomi? Sono permessi più nomi per un singolo sito, a patto che la dell ente di certificazione copra tutte le attività del SGQ del sito. Laddove il certificato riporti più nomi, si deve trattare di nomi del sito e non di nomi associati a funzioni di supporto, come ad esempio uffici commerciali presso i quali vengono commercializzati i prodotti. 29 Requisiti sul contenuto del certificato 5g Cosa intendiamo con requisiti specifici sul sistema di gestione per la qualità? Quali clienti sono elencati nell appendice del certificato? Eliminata a Settembre Questa FAQ è superata dalle Regole SI#6.

8 30 Allegato 1 31 Allegato 1 Responsabilità della progettazione Nel caso di progettazione subappaltata, il valutatore deve verificare che sia l organizzazione sia chi si fa carico della progettazione abbiano la capacità adeguata di soddisfare i requisiti dell elemento 7.3 nella sua totalità, incluse le interfacce tra l organizzazione ed i subappaltatori. Intendiamo soltanto il 7.3? Quali valutatori intraprendono il Riesame dell Adeguatezza di Fase 1? Sì. Con "Sia l organizzazione sia il subappaltatore del progetto" si intende che collettivamente l organizzazione ed i subappaltatori coprono tutti i requisiti del 7.3 con particolare riguardo alle interfacce, inclusi i processi applicabili, ad es Competenze nella progettazione del prodotto, Competenza. La di Fase 1 deve essere effettuata da un membro del gruppo di (stabilito per le verifiche ispettive di Fase 1 & 2), preferibilmente il responsabile del gruppo di. 32 T1 = Approvazione del riesame di adeguatezza Allegato 1 Che cosa costituisce l approvazione del riesame di adeguatezza? Durante il processo di riesame gli enti di certificazione emettono non conformità che devono essere chiuse entro 90 giorni (T2 Inizio della sul sito)? Il rapporto deve essere comunicato a tutti i membri del gruppo di verifica ispettiva. Revisionato a Settembre 2005 A. Il riesame di adeguatezza di Fase 1 è definito nell ISO/DIS Allegato A ed ulteriormente chiarificato nelle Regole 2 Edizione - Allegato 1. La di Fase 1 serve a giudicare la "prontezza" e a fornire le informazioni adeguate per la pianificazione della verifica ispettiva. La prontezza è giudicata a fronte di due criteri fondamentali: i i requisiti delle Regole 2 Edizione - Allegato 1 sono soddisfatti? L organizzazione deve fornire al gruppo di per il riesame la seguente documentazione, da utilizzarsi anche nella pianificazione della (vedere il formato nelle Linee Guida IATF all ISO/TS 16949:2002): Descrizione dei processi riportante la sequenza e le interazioni, inclusi gli indicatori chiave e gli andamenti prestazionali dei precedenti 12 mesi, come minimo,

9 Evidenza che tutti i requisiti ISO/TS 16949:2002 sono stati presi in considerazione dai processi dell organizzazione, Manuale qualità (per ogni sito che deve essere sottoposto a ), Pianificazione e risultati delle verifiche ispettive interne e dei riesami della direzione dei precedenti 12 mesi. Parte dell evidenza richiesta sono le verifiche interne basate sui processi dell organizzazione seguiti dal riesame della direzione, Elenco dei valutatori interni qualificati, Elenco dei requisiti specifici del cliente, Soddisfazione del cliente e stato dei reclami, inclusi i rapporti del cliente ed i relativi punteggi ii L organizzazione soddisfa l ISO DIS Allegato A, A.2.,f: "La di Fase 1 deve essere realizzata per valutare se le verifiche ispettive interne ed il riesame della direzione vengono pianificati ed eseguiti efficacemente, e se il livello di implementazione del sistema di gestione fa ritenere che l organizzazione sia pronta per le di Fase 2". Se gli elementi richiesti dall Allegato 1 delle Regole non sono presenti e completi, la di Fase 1 deve giudicare l organizzazione "non pronta". Se durante di Fase 1 emergono delle non conformità maggiori in relazione all effettiva attuazione del sistema di gestione dell organizzazione, l organizzazione può essere giudicata non pronta. Le non conformità non devono emergere durante la Fase 1 Riesame di adeguatezza. La di Fase 1 risponde alla domanda: la di Fase 2 può essere effettuata? Se la risposta è negativa, l organizzazione torna a T o. L ente di certificazione dovrebbe identificare, come parte del rapporto di di Fase 1, eventuali aree critiche che potrebbero essere classificate come non conformità durante la Fase 2.

10 33 Allegato 1 Gestione delle non conformità 34 Allegato 1 Gestione delle non conformità Relativamente al requisito della chiusura entro i 90 giorni, l ente di certificazione deve pianificare una verifica sul sito per ogni non conformità scaturita dalla verifica ispettiva iniziale di Fase 2 o dalla sorveglianza? La verifica di qualunque non conformità in occasione della sorveglianza successiva soddisfa i requisiti? L Ufficio Oversight IATF deve approvare lo schema del Riesame dell Adeguatezza di Fase 1 dell ente di certificazione. Si presuppone che le non conformità maggiori comportino una verifica sul sito entro i 90 giorni. Se le non conformità minori comportino o meno una verifica sul sito entro 90 giorni oppure siano incluse nel piano della successiva, è una decisione dell ente di certificazione, basata sulla conoscenza e sull esperienza. Sì, a patto che le non conformità scaturite dalla precedente siano state risolte al 100%. Risolte al 100% significa: Contenimento delle condizioni per prevenire rischi al cliente, Evidenza documentata, come ad esempio piano d azione, istruzioni, registrazioni per dimostrare l eliminazione della condizione di non conformità, inclusa l assegnazione delle responsabilità o la verifica della visita di follow-up, Ciò deve essere raggiunto entro 90 giorni dalla fine della verifica ispettiva 35 Allegato 3 Giorni di verifica ispettiva per le certificazione Qual è il modo corretto di calcolare i giorni di verifica ispettiva che coprano le funzioni di supporto per i certificati corporate? Precedentemente FAQ 3 Il calcolo dei giorni minimi di per un certificato di sito si basa sul numero di persone che supportano le attività del sito, indipendentemente dall ubicazione (vedere gli esempi 1-5 del calcolo per un certificato di sito). Per scopi di calcolo dei giorni minimi di, quando ci sono certificati di siti multipli supportati da un ubicazione remota comune, ci si aspetta di frazionare i dipendenti della funzione remota tra i siti, utilizzando le frazioni percentuali dei siti (vedere l esempio 6 del calcolo per il certificato di sito). Il calcolo dei giorni minimi di per un certificato di corporate è simile ad un certificato di sito multiplo supportato da un ubicazione remota comune. Per scopi di calcolo, i dipendenti delle funzioni remote dovrebbero essere frazionati tra i siti, utilizzando le frazioni percentuali dei siti (vedere l esempio 1 del calcolo per il certificato di corporate).

11 Nota 1: La durata dei giorni di dell Allegato 3 è da considerarsi come durata minima. Quindi tutti i calcoli dei giorni minimi di diversi da _,0 e _,5 dovrebbero essere arrotondati alla mezza giornata in più. Nota 2: E responsabilità dell ente di certificazione sviluppare un piano di i cui giorni totali siano basati sul calcolo minimo. Come i giorni debbano essere distribuiti tra il/i sito/i e la/le ubicazione/i remota/e è responsabilità dell ente di certificazione. Se l ente di certificazione si scosta in modo significativo dal calcolo base, deve esserne data spiegazione sui documenti del piano di. Nota 3: Eventuali questioni sui calcoli dei giorni minimi di devono essere indirizzate all ente di certificazione o all ufficio Oversight. 36 Allegato 3 Giorni di verifica ispettiva per le certificazione Abbiamo bisogno di un riesame dell adeguatezza su ogni sito all interno di uno schema corporate? IATF si aspetta che ogni sito all interno di uno schema corporate debba avere un riesame dell adeguatezza di Fase 1 per sito. Nota: In circostanze eccezionali, come ad esempio processi identici in siti multipli, l ente di certificazione può richiedere all Oversight il permesso di un riesame dell adeguatezza di Fase 1 fuori sito. No. 37 Allegato 3 Giorni di verifica ispettiva per la certificazione Dove abbiamo diversi siti singoli con un SGQ comune che potrebbe qualificarli secondo lo schema corporate, possiamo condurre un singolo riesame dell adeguatezza di Fase 1? E possibile emettere un certificato riassuntivo dei siti coperti da uno schema di verifica ispettiva di corporate in aggiunta ai certificati di sito individuali? 38 Schema di verifica ispettiva di corporate Allegato 3 No.

12 Allegato 5 Capoverso 2 4 punto Verifiche ispettive secondo l approccio per processi automotive Decisione sulla certificazione 1.8 Funzioni di supporto 2.3 "Identificazione di processi di gruppo per verifiche ispettive economiche ed efficaci": cosa significa? Qual è l intento dell IATF relativamente al coinvolgimento del veto power in tutte le decisioni sulla certificazione? La certificazione ISO 9001:2000 è accettabile al posto di un audit ISO/TS 16949:2002 per un ubicazione che è stata identificata di supporto a un sito produttivo certificato ISO/TS 16949:2002? Nella creazione del piano di si devono considerare le tempistiche delle attività per dare una sequenza tale da evitare inutili raddoppi di verifiche di un processo. Tutte le decisioni sulla certificazione del punto 1.8 significano quanto segue: approvare la certificazione iniziale dopo la iniziale approvare la certificazione al termine della di trasferimento mantenere la certificazione dopo ogni di sorveglianza o speciale approvare la ricertificazione dopo la di ricertificazione No. IATF ritiene la certificazione ISO 9001:2000 importante e a valore aggiunto per prodotti o servizi per i quali l ISO/TS 16949:2002 non è applicabile. Le Regole IATF 2 Edizione, al punto 2.12 dicono: Il piano di verifica ispettiva deve includere la valutazione di tutti i requisiti del sistema di gestione per la qualità dell organizzazione per l implementazione efficace dei requisiti ISO/TS 16949:2002 e per l efficacia nella pratica.. La certificazione ISO 9001:2000 non include una valutazione di tutti i requisiti del sistema di gestione per la qualità dell organizzazione per l implementazione efficace dell ISO/TS 16949:2002. Le Regole IATF 2 Edizione dicono: Per la iniziale le funzioni di supporto remote devono essere sottoposte a prima del sito produttivo. Il piano della delle funzioni di supporto remote deve essere tale che le sequenze e le interfacce siano adeguatamente trattate. IATF si aspetta che il rapporto di audit del sito produttivo debba contenere tutti i riferimenti alle relative funzioni di supporto incluse nello scopo dei siti produttivi che supporta.

13 42 Funzioni di supporto 2.3 (3 paragrafo) È possibile che un centro di progettazione o altra funzione di supporto sul sito o remota sia sottoposto ad audit e certificato ISO/TS 16949:2002 come organizzazione a se stante? No. Le Regole IATF 2 Edizione, al punto 2.3 (3 paragrafo) dicono chiaramente: Le funzioni di supporto devono essere verificate in quanto supportano un sito ma non possono ottenere la certificazione ISO/TS 16949:2002 in modo indipendente.. 43 Trasferimento da un O.d.C. ad un altro 4.10 È permesso a un organizzazione in possesso di un certificato ISO/TS 16949:2002 sospeso dal proprio ente di certificazione IATF passare ad un altro ente di certificazione IATF durante tale periodo di sospensione? No. L Allegato 4 delle Regole IATF 2 Edizione indica che un certificato sospeso rimane valido e riconosciuto da IATF. Tuttavia, un certificato sospeso, sebbene valido, ha un numero di problemi aperti relativi all efficacia del sistema di gestione per la qualità dell organizzazione o al rispetto delle Regole IATF; per questo motivo non è accettabile il passaggio a un altro ente di certificazione riconosciuto da IATF. Il passaggio a un altro ente di certificazione riconosciuto da IATF può avvenire soltanto dopo il ritiro da parte del proprio ente di certificazione della sospensione a seguito della risoluzione della situazione o delle azioni che avevano causato tale stato di sospensione.

FAQ della 3 Edizione delle Regole per il Raggiungimento del Riconoscimento IATF

FAQ della 3 Edizione delle Regole per il Raggiungimento del Riconoscimento IATF FAQ della 3 Edizione delle Regole per il Raggiungimento del Riconoscimento IATF Le Regole per il Raggiungimento del Riconoscimento IATF, 3 Edizione sono state pubblicate nel 2008. In risposta alle domande

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 Pag. 1 di 9 DEI SISTEMI DI AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 1 03/14 Nuova edizione ED. DATA VARIAZIONI VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 9 ARTICOLO 1 - SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento,

Dettagli

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF Regole 3 Edizione Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF 3 Edizione per

Dettagli

FAQ della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF

FAQ della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF FAQ della 4 Edizione delle per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF Le per il raggiungimento e il mantenimento del Riconoscimento IATF, 4 Edizione per l ISO/TS 16949 ( 4 Edizione),

Dettagli

Aree di impatto che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949

Aree di impatto che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949 Aree di che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949 1 Febbraio 2014 1 Premessa Introduzione 1.0 Certificabilità secondo

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato IDENTIFICAZIONE: 0029CR_01_IT

Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato IDENTIFICAZIONE: 0029CR_01_IT Addendum al Regolamento per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità (007CR) per le Organizzazioni che operano secondo lo schema auto ISO/TS 16949:2009 01 28/03/2014 Aggiornamento secondo

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE AUTOMOTIVE ISO TS 16949 I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE AUTOMOTIVE ISO TS 16949 I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. GENERALITA... 2 3. RIFERIMENTI... 2 4. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 5. ITER DI CERTIFICAZIONE... 2 5.1 RICHIESTA

Dettagli

Sanctioned Interpretations della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento del Riconoscimento IATF

Sanctioned Interpretations della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento del Riconoscimento IATF s della 4 Edizione delle per il Raggiungimento del Riconoscimento IATF Le per il Raggiungimento del Riconoscimento IATF, 4 Edizione sono state pubblicate nel 2013. Le seguenti s sono state stabilite e

Dettagli

SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO TS 16949 REQUISITI ESSENZIALI - PSC 05T

SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO TS 16949 REQUISITI ESSENZIALI - PSC 05T INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE 3. DEFINIZIONI 4. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Regolamento per il rilascio della Certificazione di un Sistema di Gestione Integrato secondo lo schema BEST4 e BEST 4 PLUS

Regolamento per il rilascio della Certificazione di un Sistema di Gestione Integrato secondo lo schema BEST4 e BEST 4 PLUS Regolamento per il rilascio della Certificazione di un Sistema di Gestione Integrato secondo lo schema BEST4 e BEST 4 PLUS In vigore dal 01 Agosto 2014 RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italia Tel. +39

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei Centri di contatto in accordo alla UNI EN 15838, seguendo i criteri della UNI 11200. Directives for accreditation

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

COMMUNICATION TECHNOLOGY S.R.L.

COMMUNICATION TECHNOLOGY S.R.L. Rapporto di audit di estensione - RC Certificazione di Sistemi di Gestione ISO 9001:2013 DA: 2013-10-23 A: 2013-10-23 DNV Lead Auditor MICHELE TASSINARI (1 gg) Firma Per Det Norske Veritas Italia S.r.l.

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Qualità in accordo allo standard ferroviario IRIS

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Qualità in accordo allo standard ferroviario IRIS Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Qualità in accordo allo standard ferroviario IRIS In vigore dal 01/01/2013 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

PSC 05T REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE ISO TS 16949

PSC 05T REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE ISO TS 16949 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PRINCIPI GENERALI E GARANZIE PER IL CLIENTE 3. REQUISITI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE 4. REQUISITI COGENTI E LIMITI DI CONTROLLO DELLA LEGALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi In vigore dal 25/06/2014 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Tel. +39 010 53851 Fax +39 010 5351000 E-MAIL:

Dettagli

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale PGSA 05 Sistema di Gestione la Responsabilità PROCEDURA PGSA 05 Sistema di gestione la Responsabilità Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 2 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 PGSA 05 Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività:

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività: Pag. 1 /6 8 Misurazione analisi e 8.1 Generalità L Istituto pianifica ed attua attività di monitoraggio, misura, analisi e (PO 7.6) che consentono di: dimostrare la conformità del servizio ai requisiti

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 9 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Indice: 8.0 - Oggetto 8.1 - Pianificazione delle misurazioni 8.2 - Misurazione e monitoraggio delle prestazioni del sistema 8.3 - Controllo del prodotto/servizio

Dettagli

IRIS International Railway Industry Standard

IRIS International Railway Industry Standard Italiano Appendice, 19 Giugno 2008 IRIS International Railway Industry Standard Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner

Dettagli

ANNEX SETTORE EA 28. personalemediamente presente in ciascun cantiere (compreso personale in subappalto e/o outsourcing).

ANNEX SETTORE EA 28. personalemediamente presente in ciascun cantiere (compreso personale in subappalto e/o outsourcing). ANNEX SETTORE EA 28 1. FORMULAZIONE OFFERTA Esclusivamente per il settore EA 28 l offerta viene formulata sulla base dei dati forniti dall organizzazione relativamente ai cantieri dichiarati nella richiesta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008)

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) di Giampiero Mercuri Responsabile tecnico di certificazione CNIM rubrica Certificazione Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) SECONDA PARTE: lo Stage 2 di Certificazione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO INDICE 8.1 Generalità 8.2 Monitoraggi e Misurazione 8.2.1 Soddisfazione del cliente 8.2.2 Verifiche Ispettive Interne 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi 8.2.4 Monitoraggio e misurazione dei

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Gestione delle non conformità GESTIONE DELLE NON CONFORMITA

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Gestione delle non conformità GESTIONE DELLE NON CONFORMITA Pag. 1 di 6 GESTIONE DELLE NON CONFORMITA INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo 3 - Documenti di riferimento 4 - Definizioni e abbreviazioni 5 Responsabilità 6 - Modalità Operative 7 Archiviazione

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

PSC 05L - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 27001 REQUISITI ESSENZIALI

PSC 05L - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 27001 REQUISITI ESSENZIALI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2. RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE 2 3. RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE DELLA CERTIFICAZIONE 4 5. USO DEL

Dettagli

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI REGOLAMENTO CERSOI per la Certificazione delle strutture di medicina e chirurgia oculistica secondo le norme ISO 9001/2008 I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3)

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015

ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015 TÜV NORD CERT FAQ ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015 Risposte alle principali domande sulle nuove revisioni degli standard ISO 9001 e ISO 14001 Da quando sarà possibile 1 certificarsi in accordo ai nuovi standard?

Dettagli

SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 13485 REQUISITI ESSENZIALI - PSC 05M

SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 13485 REQUISITI ESSENZIALI - PSC 05M INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI E' RICHIESTA LA VALUTAZIONE 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE 4. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità In vigore dal 19/11/2015 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39

Dettagli

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE 1. SCOPO La presente procedura descrive le fasi del processo per la concessione

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 PROCEDURA OPERATIVA REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN 15085-2 ed EN 15085-2 in accordo alle Linee Guida ANSF 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 INDICE 1. GENERALITA...

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro In vigore dal 01/04/2012 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

- SCHEDA ANAGRAFICA - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL FORNITORE Pag.1 di 2

- SCHEDA ANAGRAFICA - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL FORNITORE Pag.1 di 2 - SCHEDA ANAGRAFICA - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL FORNITORE Pag.1 di 2 Ragione sociale: C.F./P.I.: Indirizzo: C.A.P.: Città: Prov.: Tel.: Fax.: e-mail: Capitale sociale: : Fatturato degli ultimi 3 anni:

Dettagli

Informazioni essenziali sulla Certificazione dei sistemi di gestione

Informazioni essenziali sulla Certificazione dei sistemi di gestione 1 / 10 Certificazione dei Sistemi di Gestione Il certificato ottenuto da un Organizzazione che abbia fatto richiesta di Certificazione conferma che tale Organizzazione abbia implementato e mantenuto il

Dettagli

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico relativo alle certificazioni di prodotto agroalimentare di cui al Regolamento per il rilascio del Certificato di Conformità del prodotto agroalimentare

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Gestione degli audit interni ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro 3. APPLICABILITÀ La presente

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ MANUALE GESTIONE QUALITÀ SEZ. 5.1 REV. 02 pagina 1/5 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ PROCEDURA SGQ PRO-AUD Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE... 2

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO Alle norme EN 9100 EN 9110 EN 9120... 1

1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO Alle norme EN 9100 EN 9110 EN 9120... 1 1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO Alle norme EN 9100 EN 9110 EN 9120... 1 1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente documento costituisce il Regolamento

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità In vigore dal 15/09/2015 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE SA8000 I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE SA8000

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE SA8000 I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE SA8000 Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. GENERALITA... 3 3. IMPEGNI DI BUREAU VERITAS... 3 4. IMPEGNI DELL ORGANIZZAZIONE... 3 5. RIFERIMENTI... 3 6. TERMINI

Dettagli

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Definire le modalità e le responsabilità per la gestione

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE OHSAS 18001 I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE OHSAS 18001 I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. IMPEGNI DI BUREAU VERITAS... 3 2.2. IMPEGNI DELL ORGANIZZAZIONE... 3 3. RIFERIMENTI... 3

Dettagli

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PIETRO REMONTI 1 2 APPROCCIO BASATO SUI PROCESSI UN RISULTATO DESIDERATO È OTTENUTO IN MODO PIÙ EFFICACE SE RISORSE E ATTIVITÀ

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

Presentazione CEPAS, ogni riproduzione deve essere preventivamente autorizzata

Presentazione CEPAS, ogni riproduzione deve essere preventivamente autorizzata 1 Presentazione della nuova Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 Valutazione della conformità Requisiti generali per gli organismi che operano la certificazione delle persone Giancarlo Colferai Presidente

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità Pag. 1 Data di applicazione 07/04/2008 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 21/03/08 Dirigente QA Dirigente QA Dott.ssa A.M. Priori Dott.ssa M. Medri 31/03/08 Direttore QA Dott. E.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI DISPOSITIVI MEDICI

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI DISPOSITIVI MEDICI pag. 1 di 13 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE (Certificazione del Sistema Qualità di Aziende produttrici di Dispositivi Medici) Documento R-003 pag. 2 di 13 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 3 2 DEFINIZIONI...

Dettagli

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3.

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3. OH&SAS Requisiti 1. Scopo e Campo di Applicazione Questa Norma della serie Occupational Healt and Safety Assessment (OHSAS) specifica i requisiti per un Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER IL Data prima emissione Data aggiornamento Edizione Revisione Emesso da RGQ Approvato da Amministratore Unico 31/07/2013 01 00 Rev. 00 Pagina 1 di 14 INDICE 1 PREMESSA 2 SCOPO

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona LA CERTIFICAZIONE Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona Qualità Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000/00) Requisito Esigenza

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

Istituto Italiano dei Plastici S.r.l. REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

Istituto Italiano dei Plastici S.r.l. REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Pag. 1 di 15 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI approvata dal Consiglio di Amministrazione dell Istituto Italiano dei Plastici S.r.l. in data 28.11.2014 12 11/14 9.2,9.3,15 11 05/14

Dettagli

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE Questi Termini e condizioni costituiscono l'accordo tra ACSQ/CCAS e la Società/Cliente richiedente 1. INTRODUZIONE ACSQ/CCAS segue i criteri specificati

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

CSQ È UN SISTEMA DI CERTIFICAZIONE DELL IMQ, GESTITO IN COLLABORAZIONE CON CESI E ISCTI. Via Don Calabria 2 Milano

CSQ È UN SISTEMA DI CERTIFICAZIONE DELL IMQ, GESTITO IN COLLABORAZIONE CON CESI E ISCTI. Via Don Calabria 2 Milano RAGIONE SOCIALE Istituto d Istruzione Superiore J. C. Maxwell PERSONA CONTATTATA INDIRIZZO Via Don Calabria 2 Milano UNITÀ VERIFICATA AZIENDA Lorenzo Torta CAMPO DI APPLICAZIONE c.s. + sede staccata di

Dettagli

Procedura di gestione delle verifiche ispettive interne < PQ 03 >

Procedura di gestione delle verifiche ispettive interne < PQ 03 > I I S Ettore Majorana Via A. De Gasperi, 6-20811 Cesano Maderno (MB) PQ03 Rev 2 del 23/03/04 Pag 1/5 Procedura di gestione delle verifiche ispettive interne < PQ 03 > EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli