Corrente elettrica (regime stazionario)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corrente elettrica (regime stazionario)"

Transcript

1 Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice

2 Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita` fondamentali Ioni fissi +elettroni di conduzione (cubica a facce centrate) Rame: 1 e di conduzione / atomo ρ = 8.96 g cm -3 = 8960 kg m -3 (T=20 0 C) A=63.55 a= x m [g / m 3 ] A N A = elettroni conduzione / volume m "3

3 Moto degli elettroni Moto disordinato (termico) Interazione elettrone-ione ( urto ) Interazione elettrone-elettrone trascurabile Gas di elettroni 1 2 m<v2 >= 3 2 k B T m= kg k B = JK -1 mole -1 v < v 2 > = 3k T B m = 2E T m 3 "1.4 "10#23 " "10 #31 = 1.2 "10 5 m/s sbagliata di ~ 1 ordine di grandezza (Energia media 2 ordini di grandezza)

4 Moto degli elettroni Necessaria la meccanica quantistica Potenziale medio in cui si muovono gli elettroni + principio di esclusione di Pauli Energia di Fermi E F : energie elettroni tra E min ed E F (E F = max energia occupata allo zero assoluto) n(e) 1 T ~ 0 0 K n(e) = 1 " exp E E F $ # kt % ' +1 & E F E F = h2 3n $ # & 2m " 8 % 2/3 1.7 ev

5 Moto degli elettroni Necessaria la meccanica quantistica Potenziale medio in cui si muovono gli elettroni + principio di esclusione di Pauli Energia di Fermi E F : energie elettroni tra E min ed E F (E F = max energia occupata allo zero assoluto) E F E Termica V F = 2E F m 106 ms 1

6 Conduzione elettrica nei metalli V 1 > V 2 equilibrio C 1 C 2 C 1 C 2 V 1 E V 2 elettroni corrente elettrica = moto ordinato di elettroni tra i due conduttori in una direzione definita V V fenomeno transitorio Per mantenere la corrente elettrica e` necessario un dispositivo in grado di mantenere una differenza di potenziale diversa da zero tra due punti di uno stesso conduttore (o di conduttori a contatto) Generatore di f.e.m.

7 Conduzione elettrica Nei gas (ionizzati) portatori Nei liquidi (soluzioni elettrolitiche) portatori Nei semiconduttori - portatori Nei metalli ± ± ± moto dei portatori di carica ostacolato dalle interazioni con il mezzo in cui si muovono ( resistenza elettrica) Superconduttivita`

8 Corrente elettrica Cariche elettriche in un conduttore in moto sotto l azione di un campo elettrico. Tracciata una superficie Σ nel conduttore, l intensita` di corrente i e` definita come la quantita` di carica Δq che passa attraverso Σ nel tempo Δt. Σ dv = v D t dacos n + cariche per unita` di volume i = lim t"0 q t Prendiamo le cariche positive: si muovono con velocita` di deriva v D q = n + edv = n + e v D dacost di = n + e v D dacos J n + e v D = v = D i = " ( J ) = $ " J nda J # nda

9 Corrente elettrica Densita` di corrente J Quantita` di carica elettrica che attraversa l unita` di superficie perpendicolare al moto delle cariche per unita` di tempo = Corrente che attraversa l unita` di superficie perpendicolare al moto delle cariche A E i = JA ( J / / n) [i] = [Q] T = C s = A [J ] = A m 2

10 Corrente elettrica Se sono presenti cariche positive e negative J = n + e v + n e v entrambi i termini sono concordi hanno la direzione e verso del campo elettrico Su scala macroscopica non si puo` correlare il verso della corrente al segno dei portatori di carica Covenzionalmente: corrente=verso delle cariche + (da potenziale > a potenziale < ).

11 Conservazione della carica Attraverso una superficie chiusa i = "# J nda = $ %q interna %t " = $ % %t # V " dv flusso totale uscente dalla superficie Teorema della divergenza " J + # #t = 0 equazione di continuita` se il flusso uscente e` positivo la carica interna diminuisce e qinterna < 0 t

12 Regime stazionario q interna t = 0 " t = 0 " # $ J = 0 La densita` di corrente e` solenoidale. (la corrente puo` dipendere dal tempo, ma la carica che entra per unita` di tempo e` uguale a quella che esce tempo variab. corrente << d/c) regime stazionario " ( J ) = " J # nda = "$ 0 superficie chiusa

13 Regime stazionario n 1 "# " q interna t Σ 1 J nda = J 1 n 1 da # + " 1 = 0 " t = 0 " # $ J = 0 Σ 2 J 1 J 2 n 2 conduttore "# " 1 " 2 J 1 n 1 da + " 2 " J 2 ($ n 1 )da In un conduttore J differisce da zero solo all interno E` nulla la componente ortogonale alla superficie (dalle pareti laterali non esce carica) J 2 n 2 da = "# 0 # = 0 i = i 1 2 La corrente e` la stessa in ogni sezione trasversale

14 Legge di Ohm Gas di elettroni (modello di Drude) Moto disordinato (agitazione termica) Campo elettrico moto disordinato + deriva v = v urto e E m t < v > = < v urto > e E m < t > = e E m " v D

15 Legge di Ohm v = e D m E (simile al moto viscoso) J = ne v D = ne2 E = E m Legge di Ohm conduttivita` v ± = ± e ± E in generale: J = ne v m ± + ne v " = ne % $ ' E " = ne % $ ' # m + & # m + m & m

16 Legge di Ohm J = E E = J = 1 " resistivita` Potenza spesa dalla forza per mantenere la carica in moto con velocita` v D P = F v D = e E v D per unita` di volume dp dv = ne E v D = J E " = E 2 # $ J 2 Energia trasferita agli ioni del reticolo cristallino. Aumento energia interna. Aumento temperatura.

17 Legge di Ohm h A 1 2 E J + - Regime stazionario: J = i A V 1 V 2 =V = Eh = Jh = h A i V = Ri R = h A Resistenza elettrica 1 = 1V 1A R = 2 1 dh A G = 1 R conduttanza

18 Alcune considerazioni Anche in assenza di un campo elettrico (= deriva collettiva) esiste una corrente elettrica fluttuante in modo casuale (fluttuazione statistica del vettore somma delle velocita` degli elettroni) Questa corrente fluttuante e` una sorgente di rumore Pone un limite alla rivelazione di segnali elettrici molto deboli

19 Limitazioni della legge di Ohm Supponiamo il campo elettrico molto intenso, in modo tale che uno ione tra due urti acquisti una velocita` v < v > termica Il tempo medio tra due urti non e` piu` costante: τ=τ(e) non c e` piu` linearita` Esempio: gas debolmente ionizzato Cammino libero medio λ ~ 10-8 m eeλ ~ kt E ~ kt/eλ " "19 10 "8 # V m

20 Limitazioni della legge di Ohm Se il campo e` molto intenso puo` anche variare il numero dei portatori di carica (es. scarica in un gas) Alternativamente, se il campo elettrico varia su una scala temporale molto breve, paragonabile a τ, la risposta dei portatori sara` come quella di corpi liberi (inerziale)

21 Legge di Ohm. Effetti termici. = " 1+ ( t 20 0 ) $ 20 0 # % α = coefficiente termico α > 0 per i metalli puri α < 0 per C, Ge, Si (nei semiconduttori diminuisce ~ e T/T0 ) Normalmente nei metalli: ρ(t) ρ 0 per T 0 Superconduttori: ρ(t) 0 per T<T c

22 Resistivita` e coefficiente termico di alcune sostanze

23 Superconduttori Omnes, 1911 Mercurio a T=4.2 K la resistenza R crolla da 0.12 a 10-5 Ohm Alla transizione i campi magnetici non penetrano nel materiale (diamagnetismo perfetto). Fenomeno quantistico. Per spessori sottili i campi magnetici entrano e distruggono localmente la supercoduttivita`.

24 Effetto Joule Potenza spesa per fare circolare una corrente i in un conduttore di sezione A e lunghezza dh dp = dp dv dv = i 2 A 2 Adh = dh A i 2 = (dr)i 2 Integrando su tutta la lunghezza P = i 2 dh S = Ri 2 P = Ri 2 =Vi = V 2 R

25 Effetto Joule La potenza dissipata produce un aumento della temperatura del conduttore Nell intervallo di tempo tra t 1 e t 2 viene speso il lavoro W = t 2 P dt = Ri 2 dt t 2 t 1 t 1 se la corrente e` costante: W = Ri 2 (t 2 t 1 ) = Ri 2 "t

26

27 Serie e parallelo di resistori R 1 R 2 A B C i serie V A V B = R 1 i V B V C = R 2 i V A V C = R 1 i + R 2 i = (R 1 + R 2 )i = Ri i + - A i 1 i 2 R1 B i = i 1 + i 2 = V R 1 + V R 2 i = V R 1 i R2 parallelo R = 1 R R 2 + -

28 Collegamento di resistori n resistori in serie: R = n R i i=1 n resistori in parallelo: n " i=1 R 1 = R i 1

29 Esempio Cilindro di altezza h, raggio r 2 con foro coassiale di raggio r 1 : resistenza tra le 2 superficie? R = l A r 2 r 1 Settore cilindrico di raggio r, spessore dr h dr = dr A = dr 2" rh Settori in serie somma delle resistenze R = dr = 2" h r 2 r 1 dr r = 2" h ln r 2 r 1

30 Esempio Tra due sfere di raggi r 1 e r 2 vi e` un fluido con resistivita` ρ. Calcolare la resistenza. R = l A Settore sferico di raggio r, spessore dr dr = dr A = dr 4" r 2 Settori in serie somma delle resistenze R = dr = 4" r 2 r 1 dr r = # 1 " 1 & % ( 2 4" $ r 1 r 2 '

31 Forza elettromotrice Legge di Ohm per un conduttore di resistenza R nel tratto AB V A V B = B # A E " d r = Ri Per un circuito chiuso f.e.m. = = E d r = R T i 0 resistenza totale non puo` essere un campo elettrostatico a fare circolare le cariche

32 Generatori di f.e.m. conduttore E es E es E es +q -q E es A E * generatore Campo elettrostatico E es diretto da A a B sia ext che int E es " d r B = ( E es d r A ) ext + ( E es d r ) int = 0 A B B

33 Generatori di f.e.m. conduttore E es E es E es +q -q E es A E * generatore B Quindi il passaggio di carica da un polo all altro non puo` avvenire per effetto di E es Deve esistere un campo elettromotore di natura non elettrostatica all interno del generatore: E *

34 Generatori di f.e.m. conduttore E es E es E es +q -q E es E = A E * generatore B # E * + E es all'interno del generatore " $# E es all'esterno del generatore

35 Generatori di f.e.m. conduttore E es E es E es +q -q E es = A " B E * d r caratteristica del generatore f.e.m. = E d r = " A generatore B " A E * B E es d r + A " B La f.e.m. di E coincide con la tensione del campo elettromotore E * calcolata tra B e A " E es + E * ( ) d r = A " B E * d r

36 Generatori di f.e.m. A +q E es -q B E * Scollegando il circuito esterno, il campo all interno del generatore e` nullo (dopo il transiente dello spostamento delle cariche i due campi interni si equilibrano) A " E d r = B,int A " B,int E es + E * ( ) d r = 0 = A E * d r = " B,int A E es d r = V 0 0 A V B B La forza elettromotrice di un generatore e` uguale alla differenza di potenziale ai capi del generatore quando questo non eroga corrente

37 Generatori di f.e.m. conduttore E es E es E es +q -q E es Dentro al generatore una carica dq viene spostata da B verso A da una forza df * che deve vincere la forza elettrostatica df es =dqe es E * d F * dq A E * generatore B A E * > E es ( E * + E es ) " d r > 0 B

38 Generatori di f.e.m. conduttore E es E es E es +q -q E es Dentro al generatore circola la stessa corrente i che circola all esterno A ( E * + E es ) " d r # ri r = resistenza interna del generatore B A E * generatore B

39 Generatori di f.e.m. conduttore E es E es E es +q -q E es A E * B = Ri + ri = (R + r)i = R T i generatore La corrente e` data dal rapporto tra la f.e.m. e la resistenza totale V A V B = Ri = ri Se nel circuito circola corrente la d.d.p. tra i poli A e B e` minore della f.e.m. del generatore

40 Generatori di f.e.m. La f.e.m. e` la somma delle cadute di potenziale (o cadute di tensione) ai capi delle resistenze interna ed esterna = Ri + ri = (R + r)i = R T i V ε ri caratteristica tensione-corrente di un generatore reale Ri i una pila si consuma quando r diventa grande

41 Esempio Un circuito esterno resistivo (resistenza R) e` collegato ad un generatore di f.e.m. ε La potenza dissipata nel generatore per effetto Joule e` ri 2 quanto vale i? La potenza dissipata e` uguale al lavoro per unita` di tempo del campo elettromotore: P = εi Vale anche: P=(r+R)i 2 i = R + r

42 Esempio Collegamento in serie di N generatori uguali r r r r A B A circuito aperto V A V B = N r' = Nr La f.e.m. (o tensione) totale e` la somma delle tensioni di ciascun singolo generatore

43 Esempio Collegamento in parallelo di N generatori uguali A circuito aperto V A V B = r' = r N A circuito aperto V A V B = 1.5 V Il generatore parallelo ha resistenza inferiore Eroga una corrente piu` elevata Puo` sostenere il passaggio di corrente per un tempo N volte maggiore

44 Esempio Una pila di f.e.m. V e resistenza interna r alimenta un circuito resistivo di resistenza R. Per quale valore di R vi e` il massimo trasferimento di potenza dal generatore alla resistenza esterna R? i = V R + r P = Ri 2 = R V 2 (R + r) 2 dp dr =V (R + r) 2 2R(R + r) r R 2 =V 2 (R + r) 4 (r + R) 3 dp dr = 0 r = R dp > 0 R < r " dr # < 0 R > r

45 Leggi di Kirchoff Equazioni che traducono nei circuiti due risultati fondamentali conservazione della carica elettrica condizione di campo elettrico conservativo Rete elettrica: serie di nodi e rami Nodo: confluenza di tre o piu` rami di un circuito I rami collegano i nodi. Ci possono essere elementi attivi (es. generatori) e passivi (es. resistori) Maglia: insieme di rami che formano un circuito chiuso

46 Leggi di Kirchoff (corrente continua) L intensita` di corrente che circola in un ramo e` uguale al rapporto tra la d.d.p. (tensione) ai capi del ramo e la resistenza del ramo (incluse le resistenze interne dei generatori) Legge dei nodi ( = conservazione della carica elettrica) in un nodo la somma delle correnti entranti e uscenti (segno opposto) e` nullo i k = 0 N nodi N-1 condizioni Legge delle maglie ( = il campo elettrico e` conservativo) nodo 1 corrente va in almeno 2 nodi la somma delle f.e.m. nell ordine in cui si susseguono in una maglia (inizio e fine in uno stesso nodo) e` zero ( E d x = 0). R k i k = R rami è R-(N-1)=R-N+1 maglie k maglia maglia indipendenti

47 Leggi di Kirchoff (corrente continua) L intensita` di corrente che circola in un ramo e` uguale al rapporto tra la d.d.p. (tensione) ai capi del ramo e la resistenza del ramo (incluse le resistenze interne dei generatori) Legge dei nodi ( = conservazione della carica elettrica) in un nodo la somma delle correnti entranti e uscenti (segno opposto) e` nullo i k = 0 N nodi N-1 condizioni Legge delle maglie ( = il campo elettrico e` conservativo) nodo 1 corrente va in almeno 2 nodi la somma delle f.e.m. nell ordine in cui si susseguono in una maglia (inizio e fine in uno stesso nodo) e` zero ( E d x = 0). V k = 0 R rami è R-(N-1)=R-N+1 maglie maglia indipendenti

48 Leggi di Kirchoff Si scelgono M maglie indipendenti Si associa ad ogni maglia una corrente e un verso di percorrenza (arbitrariamente) Si scrivono le M equazioni alle maglie Le soluzioni forniscono le correnti incognite Se una corrente e` negativa, significa che il suo verso arbitrariamente scelto era opposto a quello effettivo

49 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε Rami: R=6 Nodi: N=4 è Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r G

50 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε Rami: R=6 Nodi: N=4 Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r i G 1

51 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε i 2 Rami: R=6 Nodi: N=4 Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r G

52 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε Rami: R=6 Nodi: N=4 Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r G i G

53 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε i 2 Rami: R=6 Nodi: N=4 Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r G Maglia con il generatore + (R 1 + R 2 + r )i 2

54 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε Rami: R=6 Nodi: N=4 Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r i G 1 Maglia con il generatore + (R 1 + R 2 + r )i 2 (R 2 + R 1 )i 1

55 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε Rami: R=6 Nodi: N=4 Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r G i G Maglia con il generatore + (R 1 + R 2 + r )i 2 (R 2 + R 1 )i 1 + R 2 i G = 0

56 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε Rami: R=6 Nodi: N=4 Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r i G 1 Maglia con le 4 resistenze (R 2 + R 1 + R 3 + R x )i 1

57 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε i 2 Rami: R=6 Nodi: N=4 Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r G Maglia con le 4 resistenze (R 2 + R 1 + R 3 + R x )i 1 (R 1 + R 2 )i 2

58 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε Rami: R=6 Nodi: N=4 Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r G i G Maglia con le 4 resistenze (R 2 + R 1 + R 3 + R x )i 1 (R 1 + R 2 )i 2 (R 2 + R x )i G = 0

59 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε Rami: R=6 Nodi: N=4 Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r G i G Maglia triangolare (R 2 + R x + r G )i G

60 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε i 2 Rami: R=6 Nodi: N=4 Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r G Maglia triangolare (R 2 + R x + r G )i G + R 2 i 2

61 Esempio: ponte di Wheatstone Misura di R X attraverso R 1,2,3 e r ε, r G ε Rami: R=6 Nodi: N=4 Maglie: M=R-N+1=6-4+1=3 r ε r i G 1 Maglia triangolare (R 2 + R x + r G )i G + R 2 i 2 (R x + R 2 )i 1 = 0

62 Esempio: ponte di Wheatstone " $ # $ % $ (R 2 + R 1 )i 1 + (R 1 + R 2 + r )i 2 + R 2 i G = (R 2 + R 1 + R 3 + R x )i 1 (R 1 + R 2 )i 2 (R 2 + R x )i G = 0 (R x + R 2 )i 1 + R 2 i 2 + (R 2 + R x + r G )i G = 0 i G = 1 D (R 1 + R 2 ) (R 1 + R 2 + r ) (R 1 + R 2 + R 3 + R x ) (R 1 + R 2 ) 0 (R 2 + R x ) R 2 0 = D R 1 R x R 2 R 3 " # $ % & R x = R 2 R 3 R 1 se i G = 0

63 Resistenze elettriche

64 Relazione tra capacita` e resistenza di un conduttore 3d B A Σ ρ resistivita` ( E) = ( E) = # E nda = q int = C(V V ) A B C 0 = " R E " nda "$ = 0 0 "$ J " nda = i = V %V A B R # RC = " 0

65 Esempio Due sfere concentriche b a R = " $ 4" # C = 4" 0 1 a 1 b 1 a 1 b % ' & RC = " 0

66 Esempio Condensatore piano A R = h A C = 0 A h h RC = " 0

67 Riepilogo leggi di Kirchoff Legge per le tensioni (delle maglie) Lungo qualsiasi maglia la somma algebrica delle tensioni e` zero positive: le tensioni concordi con il verso di percorrenza della maglia negative: le tensioni discordi con il verso di percorrenza della maglia " V k = 0 V 1 concorde kmaglia V 2,3 discordi

68 Riepilogo leggi di Kirchoff Legge per le tensioni (delle maglie) Lungo qualsiasi maglia la somma algebrica delle tensioni e` zero positive: le tensioni concordi con il verso di percorrenza della maglia negative: le tensioni discordi con il verso di percorrenza della maglia k maglia Ri k k = k maglia ε k

69 i A R B V A -V B = Ri i A R B V A -V B = - Ri A i - + B A B i - + +ε 0 -ε 0

70 Riepilogo leggi di Kirchoff Legge per i nodi La somma algebrica di tutte le correnti relative a un nodo e` zero positive: le correnti entranti nel nodo negative: le correnti uscenti dal nodo k nodo i k = 0

71 Commenti Abbiamo usato il metodo delle maglie Un metodo equivalente e` quello dei nodi si sceglie un nodo come riferimento si scrivono N-1 equazioni per i potenziali dei rimanenti nodi Se M=R-N+1 < N-1 conviene usare le maglie Se M > N-1 conviene usare i nodi

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN FCA D PNCP D KCHHOFF, DL PNCPO D SOAPPOSZON DGL FFTT, DL TOMA D MLLMAN Un qualunque circuito lineare (in cui agiscono più generatori) può essere risolto applicando i due principi di Kirchhoff e risolvendo

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Capitolo 7. Circuiti magnetici

Capitolo 7. Circuiti magnetici Capitolo 7. Circuiti magnetici Esercizio 7.1 Dato il circuito in figura 7.1 funzionante in regime stazionario, sono noti: R1 = 7.333 Ω, R2 = 2 Ω, R3 = 7 Ω δ1 = 1 mm, δ2 = 1.3 mm, δ3 = 1.5 mm Α = 8 cm 2,

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

Energia potenziale elettrica

Energia potenziale elettrica Energia potenziale elettrica La dipendenza dalle coordinate spaziali della forza elettrica è analoga a quella gravitazionale Il lavoro per andare da un punto all'altro è indipendente dal percorso fatto

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze:

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze: Grandezze elettriche Serie e Parallelo Legge di Ohm, Principi di Kirchhoff Elettronica Analogica Luxx Luca Carabetta Premessa L elettronica Analogica, si appoggia su segnali che possono avere infiniti

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

negativa Forza repulsiva Forza attrattiva

negativa Forza repulsiva Forza attrattiva 1 Corrente elettrica 1.1 Carica elettrica Sebbene le cariche elettriche siano tra i costituenti fondamentali della materia, l elettricità in natura è un fenomeno relativamente raro, se si eccettuano i

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

EM-LAB MISURE ELETTROMAGNETICHE: DAL LABORATORIO TRADIZIONALE A QUELLO REAL-TIME Una guida alla preparazione delle esperienze

EM-LAB MISURE ELETTROMAGNETICHE: DAL LABORATORIO TRADIZIONALE A QUELLO REAL-TIME Una guida alla preparazione delle esperienze LICEO SCIENTIFICO DI STATO G. GALILEI PESCARA (PE) EM-LAB MISURE ELETTROMAGNETICHE: DAL LABORATORIO TRADIZIONALE A QUELLO REAL-TIME Una guida alla preparazione delle esperienze Laboratorio di fisica on-line

Dettagli

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e'

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e' FISICA per BIOLOGIA Esercizi: Elettricita' e Magnetismo Indicare la lettera corrispondente alla risposta corretta. Domanda n1: La carica elettrica e' quantizzata, cioe' la carica piu' piccola misurata

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

APPUNTI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

APPUNTI DI TRASMISSIONE DEL CALORE Università degli Studi di Trieste APPUNTI DI TRASMISSIONE DEL CALORE Corso di Fisica Tecnica per Ingegneria Industriale Ezio Zandegiacomo Anno Accademico 009-0 ii Indice INTRODUZIONE ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

V.4. La corrente continua

V.4. La corrente continua L'elettricità come fenomeno unitario I campi non elettrostatici, il voltaggio e la f.e.m. L'intensità di corrente e la densità di corrente La conduzione nei solidi La conduzione nei liquidi La conduzione

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis

APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis APPUNTI DI FISICA 3 Pietro Donatis Versione 2 7 luglio 2009 i Questi Appunti di fisica sono rivolti agli studenti del quinto anno di un liceo scientifico e seguono gli analoghi appunti scritti per il

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

TRANSITORI BJT visto dal basso

TRANSITORI BJT visto dal basso TRANSITORI BJT visto dal basso Il transistore BJT viene indicato con il simbolo in alto a sinistra, mentre nella figura a destra abbiamo riportato la vista dal basso e laterale di un dispositivo reale.

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli