INDICE. Presentazione 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Presentazione 3"

Transcript

1 L APPRENDISTATO NEI TRASPORTI DELLA PROVINCIA DI ROMA L IMPATTO E LE POTENZIALITÀ DI UNA POLITICA ATTIVA DEL LAVORO, TRA DINAMICHE DI SVILUPPO E MUTAMENTI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DELLE IMPRESE Roma, Dicembre 2010

2 INDICE Presentazione 3 PARTE PRIMA - IL CONTESTO STRUTTURALE E LE DINAMICHE EVOLUTIVE DEL SISTEMA PROVINCIALE: SVILUPPO E COMPETITIVITÀ DELL'AREA ROMANA Premessa 7 1. Le prospettive esistenti in ambito provinciale: il sistema economico La crisi internazionale L Italia un osservato speciale Le luci e le ombre del sistema economico della Provincia di Roma Le infrastrutture della provincia romana Gli indicatori di dotazione infrastrutturale economiche e sociali Criticità e potenzialità del sistema infrastrutturale dei trasporti Il sistema logistico attuale e programmato La domanda di trasporto merci nel Lazio e nella provincia di Roma L organizzazione della rete logistica e distributiva attuale Gli indirizzi di sviluppo del sistema logistico Le infrastrutture strategiche programmate Il confronto sulle vocazioni logistiche della provincia di Roma 47 PARTE SECONDA - IL QUADRO DELL'OFFERTA FORMATIVA PROVINCIALE E REGIONALE 1. Alcuni elementi sull offerta formativa Formazione Tecnica Superiore I principali aspetti e l offerta nella Regione I canali di finanziamento Formazione Continua I principali aspetti e l offerta nella Regione I canali di finanziamento Percorsi individuali di orientamento e inserimento professionale 68 i

3 4.1. L apprendistato L apprendistato professionalizzante nella provincia di Roma Formazione post-universitaria L offerta universitaria I master di primo e secondo livello 78 Bibliografia 82 Sitografia 83 APPENDICE STATISTICA - I DATI EXCELSIOR SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI PER L'OCCUPABILITÀ NEL LAZIO E NELLE PROVINCE PARTE TERZA - L'INDAGINE PRESSO LE IMPRESE 1. Il processo di individuazione delle imprese intervistate Considerazioni introduttive ed aspetti metodologici Altre informazioni sulle imprese e le principali dinamiche Gli addetti: chi lavora attualmente nelle imprese nelle attività logistiche Le difficoltà nella ricerca di nuovo personale Le assunzioni nel prossimo biennio: primi elementi qualitativi Le competenze ricercate Profili specialistici più richiesti e l impatto dei contratti di apprendistato secondo l analisi dei testimoni privilegiati Il quadro informativo (Osservatorio nazionale sul trasporto merci e la logistica - Isfort) Monitoraggio dell intervento della Provincia di Roma (Direzione lavoro Provincia di Roma) Alcuni suggerimenti Considerazioni conclusive 139

4 Presentazione Il presente rapporto illustra i principali risultati delle attività di ricognizione svolte da Isfort nell ambito del servizio di ricerca e di promozione dell apprendistato nel settore dei trasporti e della logistica svolto per conto di Capitale Lavoro, società in house della Provincia di Roma. L obiettivo principale di tale attività, coerentemente con la proposta formulata da Isfort in sede di presentazione del progetto, è stato quello di valutare l impatto della strategia dei contratti di apprendistato sul contesto economico provinciale a partire da una pluralità di percorsi di ricerca. Tali percorsi in particolare hanno riguardato: la ricostruzione di un quadro di riferimento generale, la identificazione del complesso dell offerta formativa regionale e provinciale, la realizzazione di una indagine campionaria presso le imprese. Al termine di questo complesso itinerario è difficile poter esprimere una valutazione sintetica della politica di sostegno all occupazione svolta dalla Provincia e dal resto dei livelli della Pubblica amministrazione che a vario titolo hanno concorso all implementazione presso le imprese della strategia dei contratti di apprendistato, tuttavia emergono alcuni spunti di riflessione di cui sarà opportuno tenere conto per il futuro. Senza dubbio il primo dato da rilevare riguarda il successo in termini numerici dell iniziativa nel suo complesso. Le imprese, soprattutto di alcuni specifici comparti (quali l edilizia ed il commercio), hanno accolto con favore le agevolazioni proposte, anche se non ne hanno condiviso per intero gli obiettivi. Infatti se l obiettivo della politica era quello di incentivare l ingresso dei giovani nel mondo del lavoro per favorirne, in seguito, la stabilizzazione (una sorta di start-up verso il contratto a tempo indeterminato), le imprese lo hanno interpretato come una nuova forma, incentivata, di contratto a termine. Questo forse è il dato più preoccupante, ovvero la limitata conversione dei contratti di apprendistato in contratti a tempo indeterminato. Il secondo aspetto che lascia piuttosto perplessi, ma che in fin dei conti è una logica conseguenza dell interpretazione temporanea del rapporto di lavoro avviato con i contratti di apprendistato, riguarda la modesta integrazione tra attività lavorativa e percorso formativo. In altre parole, oltre ad una scarsa effettiva realizzazione delle ore di formazione previste da contratto, si avverte anche una certa distanza tra l attività in azienda e la crescita professionale dell assunto in formazione (sia in termini di incremento di competenze che di Know-How). Ciò è legato, in parte, a difficoltà di carattere organizzativo, o di impedimento materiale come, ad esempio, la concentrazione degli enti di formazione accreditati per l erogazione della formazione in aula nell area urbana di Roma e la diffusione delle sedi delle imprese al di fuori del tessuto urbano nei comuni della provincia, ma è anche (e forse soprattutto) dovuto alla scarsa flessibilità dei percorsi formativi, i quali spesso sono distanti dalle esigenze operative e di mercato delle imprese stesse. Ma in alcuni comparti, come quello dei trasporti e della logistica, si avverte anche una ridotta disponibilità ad utilizzare i contratti in formazione. Delle 206 aziende consultate nell ambito dell indagine campionaria, solo 3 imprese hanno dichiarato che nel prossimo anno stipuleranno contratti di apprendistato e soltanto altre 15 hanno dimostrato un qualche interesse per questa opportunità. Il resto delle imprese hanno dichiarato di non aver intenzione di assumere. 3

5 Quest ultimo aspetto merita un ulteriore commento. L attuale congiuntura economica, come l indagine presso le imprese locali dimostra, non rappresenta di certo il miglior momento per l attuazione di una politica di sostegno all occupazione. Le dinamiche internazionali e nazionali sono critiche e soprattutto incerte, le imprese consultate nell ambito dell indagine campionaria in buona parte hanno difficoltà a mantenere gli occupati già in organico, in grande maggioranza non hanno nessuna intenzione di ampliare il numero degli addetti e solo una quota minoritaria vorrebbe effettuare nuove assunzioni, prediligendo perlopiù l ingresso di addetti già qualificati con un bagaglio ricco di esperienza lavorativa pregressa. Anche se è difficile separare i fattori interni e quelli esterni che possano giustificare il successo o l insuccesso dei contratti di apprendistato, si possono tuttavia formulare una serie di ipotesi che sicuramente potrebbero favorirne una più efficace utilizzazione. 1. Se l impresa deve essere il luogo di formazione e di crescita professionale del neo assunto, il percorso di formazione individuale si deve avvicinare in modo flessibile alle esigenze operative dell azienda e non il contrario. 2. Se il contratto di apprendistato deve essere lo strumento per favorire la stabilizzazione dei giovani neo-assunti, oltre all incentivo fiscale e contributivo, sarebbe opportuno prevedere una maggiorazione dell agevolazione in relazione al livello di specializzazione richiesto, favorendo l attivazione di contratti in formazione di profili più elevati e disincentivando quelli senza nessuna qualifica. 3. Infine, e a coronamento delle due precedenti considerazioni, i contratti in formazione devono essere parte di processi di innovazione e di ricerca da parte delle aziende; senza un piano di riferimento volto alla ricerca di nuovi mercati, all innovazione di prodotto o di processo, al trasferimento di nuove tecnologie, difficilmente, e ancor più in fasi di crisi come l attuale, è molto improbabile che si aprano opportunità di lavoro stabili per i giovani. Le considerazioni che poc anzi sono state sinteticamente accennate sono più diffusamente argomentate all interno delle tre parti di cui si compone il volume. La prima parte rappresenta il tentativo di ricostruire il quadro delle dinamiche di sviluppo della provincia di Roma e di individuare, con particolare riferimento alla dotazione di reti e servizi di trasporto, i punti di forza e di debolezza del settore economico dei trasporti e della logistica. L analisi della domanda e dell offerta di infrastrutture, di servizi logistici e di trasporto è stata messa a punto grazie al componimento di vari tasselli tutti in qualche misura significativi. Vi è infatti, in primo luogo, la necessità di inquadrare la dimensione locale nelle dinamiche internazionali, nazionali e regionali al fine di comprendere coerenze ed incoerenze del tessuto economico provinciale. In seconda battuta occorre delineare l orizzonte programmatico e degli investimenti degli ordinamenti nazionali e regionali al fine di comprendere l offerta attuale e quella programmata. I primi capitoli del testo si occupano pertanto di riportare le tematiche in precedenza evidenziate all ambito della provincia di Roma, fornendo un inquadramento delle principali traiettorie di sviluppo economico e sociale vissute negli ultimi decenni dal territorio romano e provando in successione a ricostruire lo scenario in composizione per quanto riguarda sia l assetto di infrastrutture e servizi di accessibilità, sia le particolarità del sistema logistico e distributivo. Tale scenario è ottenuto focalizzando, in primo luogo, la domanda di reti e di servizi espressa dalle imprese

6 localizzate e, inoltre, guardando all orizzonte dei progetti esistenti e alle prevedibili ricadute di questi sull accessibilità e il trasporto delle merci nell area. Infine tenendo conto delle dinamiche di sviluppo, della programmazione in essere e dell andamento dell economia provinciale, si tenta di stimare le prospettive di crescita del territorio per poter apprezzare, nelle parti successive, le caratteristiche della domanda di nuove assunzioni, sia in termini generali, sia, nel particolare, nel comparto dei trasporti e della logistica. La seconda parte descrive il quadro dell offerta di formazione nel Lazio, e nella provincia di Roma nello specifico, attivata non solo dalle Amministrazioni pubbliche ma promossa anche attraverso fondi interprofessionali, autofinanziamenti aziendali e dalle associazioni imprenditoriali o sindacali. La parte in questione offre anche un primo spaccato dell attuazione dei contratto di apprendistato nella regione Lazio e nella provincia di Roma elaborato a partire dalle informazioni raccolte dall Agenzia Lazio Lavoro e dalla stessa Provincia di Roma. La sezione è poi arricchita da un appendice statistica che tenta una stima di massima dell occupazione emergente nel settore. Si tratta in verità solo di un primo affondo conoscitivo di tipo statistico sulla domanda di figure professionali espressa dalle imprese a partire dalle informazioni aggregate offerte dalla banca dati Excelsior. La terza parte infine presenta i risultati di una indagine diretta presso gli operatori svolta a cavallo tra il mese di novembre e di dicembre del Il contributo è fondamentale per approfondire le attese delle imprese del settore e per orientare l attività formativa verso le figure immediatamente collocabili sul mercato del lavoro. Il complesso delle indicazioni formulate dalle aziende offre utili informazioni ai fini di una più esatta identificazione dei percorsi formativi da intraprendere per assecondare le esigenze del settore riguardanti tanto la preparazione al lavoro dei nuovi addetti, quanto la riqualificazione degli operatori già collocati. 5

7 Parte prima IL CONTESTO STRUTTURALE E LE DINAMICHE EVOLUTIVE DEL SISTEMA PROVINCIALE: SVILUPPO E COMPETITIVITÀ DELL AREA ROMANA

8 Premessa Obiettivo del presente capitolo è ricostruire il quadro delle dinamiche di sviluppo della provincia di Roma e di individuare, con particolare riferimento alla dotazione di reti e servizi di trasporto, i punti di forza e di debolezza del settore economico della logistica, considerato sempre più strategico. Nel Programma delle Infrastrutture Strategiche del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti si afferma che, nell ultimo quinquennio, è maturata la consapevolezza che proprio nella organizzazione della logistica, della qualità dei servizi di trasporto e nella ottimizzazione dei processi di scambio risiedono i margini per un recupero della competitività nazionale. Lo scenario economico della provincia di Roma, in un contesto di crisi internazionale e nazionale, si presenta con alcune luci ma, anche, con qualche ombra in grado di condizionarne lo sviluppo futuro. Il settore della logistica può però giocare un ruolo importante, aspirando a far diventare la provincia di Roma un nodo di eccellenza, anche grazie alle opportunità derivanti dal costituire uno dei principali mercati di sbocco nazionale e dalla sua centralità geografica rispetto all Italia e al bacino del Mediterraneo. Appare, però, non più rinviabile la razionalizzazione dell offerta dei servizi di trasporto privati e collettivi, sia delle merci che delle persone, attraverso progetti finalizzati all ottimizzazione del Sistema dei Trasporti, privilegiando interventi di potenziamento delle reti e dei servizi di trasporto a minor impatto ambientale (soprattutto per le connessioni urbane) e rinviando alla programmazione di nuove realizzazioni infrastrutturali solo in assenza di altre alternative. Tale strategia può essere attuata con: - un piano strategico di livello regionale fortemente condiviso in grado di indicare e di realizzare le priorità di intervento (con particolare attenzione al nodo di Roma); - un maggiore coordinamento nelle politiche di Trasporto tra i tre livelli dell Amministrazione locale (Regione, Province e Comuni) e con gli enti pubblici e privati nazionali e locali (FS, Aziende Logistiche, altro). Lo studio tratteggia un quadro di massima delle dinamiche di sviluppo della provincia di Roma (aggiornamento delle analisi già effettuate nell ambito dello studio condotto sempre da Isfort nel 2005 per conto dell Osservatorio sul mercato del lavoro della Provincia di Roma). Inoltre consente di individuare, con particolare riferimento alla dotazione di reti e servizi di trasporto, il quadro degli scenari di offerta e di domanda del settore, attuali e programmati. In particolare, il disegno di questi scenari tiene conto delle indicazioni di sviluppo del Piano Regionale delle Merci, in corso di approvazione da parte dell Amministrazione regionale, e del Piano delle Merci Provinciale, già approvato, nel quadro degli interventi strategici programmati per il Lazio dal Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture aggiornati al mese di settembre Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Programmare il territorio, le Infrastrutture e le Risorse: le Strategie, Programma Infrastrutture Strategiche, 8 Allegato Infrastrutture, Settembre

9 1. Le prospettive esistenti in ambito provinciale: il sistema economico 1.1. La crisi internazionale La rappresentazione del quadro strutturale ed evolutivo del sistema economico della provincia di Roma non può prescindere dalla crisi economica mondiale in atto. La crisi, originatasi tra il 2007 e il 2008 negli Stati Uniti con l esplosione di una bolla speculativa immobiliare, ha investito il sistema creditizio e ipotecario internazionale generando una forte riduzione della capacità di consumo e risparmio della popolazione mondiale. La recessione globale La crisi si è manifestata a settembre 2008: la bancarotta di diverse società legate al credito ed alla finanza immobiliare innesca la prima recessione su scala mondiale degli ultimi 60 anni. Nei sei mesi tra ottobre 2008 e marzo 2009 il prodotto interno dei paesi industrializzati diminuisce del 4% e il commercio internazionale si riduce di circa un sesto. A sventare un possibile collasso del sistema finanziario e a contenere la caduta delle attività economiche contribuisce la risposta delle politiche economiche (monetarie e fiscali), straordinarie per la varietà e l entità degli strumenti impiegati e per il grado di coordinamento raggiunto tra Autorità e tra Paesi. Nel 2009, tra la fine del II e l inizio del III trimestre, dopo ben quattro trimestri consecutivi in cui si era registrata una crescita del PIL negativa, si assiste all avvio della fase di ripresa in quasi tutte le economie più industrializzate, ma con tassi di crescita significativi solo per le principali economie dei paesi emergenti (fig. 1). Fig. 1 - Modifiche del prodotto interno lordo (anno 2009) Fonte: CIA world factbook estimates Una ripresa economica fragile La fase di ripresa, confermata anche dall andamento del PIL dei primi tre trimestri del 2010 (tab. 1), appare tuttavia ancora debole e condizionata da alcuni elementi di fragilità. 8

10 Tab. 1 - Andamento trimestrale del PIL dei paesi europei, degli Stati Uniti e del Giappone Stati 2007 IV 2008 I 2008 II 2008 III 2008 IV 2009 I 2009 II 2009 III 2009 IV 2010 I 2010 II Belgium 0,2 0,8 0,5-0,4-2,2-1,7 0,1 1,0 0,4 0,1 1,0 : Bulgaria 2,1 1,5 1,3 1,4 0,6-6,3 0,0-0,1-0,2-0,5 0,5 : Czech Republic 1,0 0,3 0,7 0,2-0,7-3,8-0,5 0,5 0,5 0,4 0,9 : Denmark 0,6-1,4 0,8-0,7-2,2-1,8-2,4 1,1 0,2 0,7 1,7 : Germany 0,3 1,4-0,7-0,5-2,2-3,4 0,5 0,7 0,3 0,6 2,3 0,7 Estonia 0,4-2,2-1,0-2,7-5,7-5,6-3,7-1,4 1,4 1,1 1,9 : Ireland 3,3-2,7-1,8-0,3-4,6-2,8-0,1-0,3-2,5 2,2-1,2 : Greece 0,5 0,7 0,6 0,1-0,7-1,0-0,3-0,5-0,8-0,8-1,8 : Spain 0,6 0,5 0,0-0,8-1,1-1,6-1,1-0,3-0,2 0,1 0,3 0,0 France 0,2 0,5-0,6-0,3-1,5-1,5 0,1 0,2 0,6 0,2 0,7 0,4 Italy -0,4 0,4-0,7-1,1-2,0-2,9-0,3 0,4-0,1 0,4 0,5 0,2 Cyprus 1,1 0,8 1,2 0,2 0,0-1,1-0,9-0,7-0,1 0,4 0,5 0,6 Latvia 0,9-3,0-2,2-1,1-4,2-11,6-1,5-3,2-1,2 0,9 0,8 : Lithuania 1,7 1,0-1,2-0,1-1,1-13,6 0,1-0,5-0,2-0,1 0,5 : Luxembourg 1,8 1,0 0,3-1,5-4,1 0,0-2,6 3,5 1,3 0,8-0,3 : Hungary 0,6 1,2-0,2-1,0-2,1-3,2-1,3-0,8 0,0 1,0 0,4 0,8 Malta 0,9 1,1 1,0 0,0-1,4-1,9-0,1 1,2 1,0 1,4 0,1 : Netherlands 1,4 0,8-0,3-0,3-1,2-2,4-1,3 0,7 0,6 0,5 0,9-0,1 Austria 1,3 1,4 0,3-0,6-1,6-2,1-0,8 0,6 0,4 0,0 1,2 0,9 Poland 2,2 1,4 0,8 0,7-0,3 0,3 0,5 0,7 1,2 0,6 1,0 : Portugal 0,9 0,1-0,1-0,7-1,4-1,8 0,6 0,3-0,1 1,1 0,3 : Romania 3,2 3,8 1,5-0,4-2,2-4,1-1,5 0,1-1,5-0,3 0,3 : Slovenia 0,8 1,7 0,7 0,2-3,3-6,1-0,6 0,4 0,1-0,1 1,1 : Slovakia 5,2-1,4 1,0 1,2 0,6-7,6 1,1 1,2 1,3 0,8 1,0 0,9 Finland 0,9 0,3 0,3-0,5-3,1-5,7-0,8 1,1 0,3 0,1 1,9 1,3 Sweden 1,2-1,0-0,2 0,1-3,9-2,7 0,3 0,5 0,6 1,5 1,9 : United Kingdom 0,3 0,5-0,3-0,9-2,1-2,3-0,8-0,3 0,4 0,4 1,2 0,8 Iceland -5,1 1,8-0,8 2,4-3,6-2,4-0,8-4,2-0,3-1,2-3,1 : Norway 0,8-0,9 0,4-0,5-0,1-0,5-1,1 0,7-0,2 0,5-0,2-1,6 Switzerland 0,9 0,8 0,5-0,7-1,1-1,0-0,6 0,7 0,7 1,0 0,9 : Croatia 0,6 0,8 0,6-0,6-0,8-4,1-0,7-0,3-0,1-1,2-0,6 : Turkey : : : : : : : : : : : : United States 0,7-0,2 0,1-1,0-1,7-1,2-0,2 0,4 1,2 0,9 0,4 0,5 Japan 0,4 0,3-0,7-1,4-2,7-4,2 2,4-0,4 1,0 1,6 0,4 0,9 Con carattere rosso sono evidenziati, i trimestri consecutivi con andamento negativo. Fonte Eurostat III 9

11 La ripresa del gruppo dei paesi più industrializzati, sino ad oggi, è stata essenzialmente sostenuta dal processo di ricostituzione delle scorte e dalla domanda generata dagli interventi di politica espansiva monetaria e fiscale. Alcuni degli economisti italiani 2 hanno espresso la preoccupazione sulla possibilità che l attuale ripresa possa tramutarsi in una robusta e duratura espansione se non sarà accompagnata da uno sviluppo della domanda del settore privato. Una ripresa quest ultima che appare difficile senza una crescita del mercato del lavoro nei paesi industrializzati. Se il rischio del mantenimento di una politica monetaria espansiva è quello di poter innescare un processo inflazionistico, il mantenimento di una politica fiscale fortemente espansiva si scontra con le condizioni di sostenibilità delle finanze pubbliche, come dimostrano anche le recenti pressioni dei mercati sui Paesi identificati con l acronimo anglosassone PIGS 3 (Portogallo, Irlanda, Grecia e Spagna) caratterizzati generalmente da un forte deficit nei conti con l estero e da un alto tasso di disoccupazione L Italia un osservato speciale Tra i Paesi sotto osservazione vi è anche l Italia. Il Paese ha superato il periodo di recessione, tra il secondo semestre 2008 ed il primo semestre del 2009, con un ritmo di crescita tra i più bassi in Europa. Le condizioni di bassa crescita dell economia italiana appaiono comunque strutturali e antecedenti alla crisi internazionale. Prima della crisi, l'economia italiana ha registrato performance economiche inferiori a quella dei maggior partner della zona euro, con una crescita media annua di quasi un punto percentuale inferiore alla media. L'Italia ha registrato una crescita reale del PIL in media pari all 1,6 per cento nel periodo , un valore più basso di circa 2 punti percentuali rispetto al decennio precedente. La serie storica del PIL italiano (graf. 1) evidenzia come il declino della crescita italiana sia soprattutto legata allo scarso contributo dato dai fattori totali produttivi (TFP). Come viene sottolineato, in un recente rapporto del FMI 4, dal 1998 la crescita percentuale dei fattori totali produttivi, rispetto al contributo offerto dal lavoro e dal capitale, ha subito un andamento negativo e, quindi, un crollo con l arrivo della crisi finanziaria. Il contributo dei TFP è diminuito significativamente nel corso del periodo , un rallentamento che è risultato particolarmente accentuato nel settore manifatturiero e nei settori non legati al commercio. Viceversa, il contributo alla crescita fornito dal lavoro dal 1996 è stato positivo: sebbene il contributo del capitale sia rimasto sostanzialmente stabile, il contributo di ore lavorate è aumentato in misura significativa. La crisi, secondo alcuni economisti 5, avrebbe investito l economia italiana in una fase di profonda ristrutturazione del sistema produttivo rendendo ancora più fragili le imprese coinvolte in tale processo con possibili ripercussioni negative nel medio periodo M. Lossani, La Congiuntura, la Dinamica del Credito e la Struttura Finanziaria Delle Imprese, seminario su Credito, capitale e regole: quale equilibrio dinamico per lo sviluppo economico in un contesto di sana concorrenza Castello dell Oscano - Perugia, 11 marzo 2010, Assbb, Quaderno N A volte l acronimo utilizzato è PIIGS dove si fa comprendere anche l Italia. Hanan Morsy, and Silvia Sgherri, After the Crisis: Assessing the Damage in Italy, International Monetary Fund, Working Paper, ottobre Bugamelli, M., R. Cristadoro, G. Zevi, La crisi internazionale e il sistema produttivo italiano: un analisi su dati a livello di impresa, Banca d Italia, Questioni di economia e finanza, n. 58,

12 Graf. 1 - I contributi alla crescita: variazioni percentuali annue del PIL reale Fonte: Elaborazione del FMI su dati OECD Altri economisti, viceversa, pongono l accento sulla sostanziale solidità del sistema bancario italiano, il quale avrebbe consentito un assorbimento relativamente agevole dell impatto della crisi finanziaria, contenendo le perdite permanenti di capacità produttiva. Quest ultima valutazione è coerente con i risultati ottenuti da simulazioni 6 su scenari economici condotte per quantificare il contributo della crisi internazionale su alcune variabili macroeconomiche. Si è stimato che nel triennio la crisi ha sottratto 6,5 punti percentuali alla crescita del PIL italiano. In particolare, i fattori di crisi avrebbero gravato per quasi 10 punti percentuali, prevalentemente nel 2009; mentre le politiche economiche e gli stabilizzatori automatici ne avrebbero mitigato l impatto per circa 3,5 punti percentuali. La maggior parte degli effetti della crisi italiana sarebbe, quindi, attribuibile all evoluzione del contesto internazionale; un ruolo meno rilevante, anche se non trascurabile, avrebbero avuto il peggioramento delle condizioni di finanziamento delle imprese e la crisi da sfiducia che si è accompagnata alla recessione. I risultati della simulazione evidenziano, inoltre, che senza la crisi e senza le contromisure messe in campo dalle autorità monetarie e fiscali per farvi fronte la crescita dell economia italiana sarebbe stata comunque modesta. In una prospettiva di più lungo periodo, la crisi sembra comunque avere inciso in misura non trascurabile sulle potenzialità di sviluppo della economia. Il ritmo di crescita del prodotto potenziale è stimato a circa lo 0,3 per cento annuo, un valore inferiore di oltre mezzo punto percentuale a quello, già basso, precedente alla crisi. Più ottimistiche le stime indicate, dal FMI secondo cui l aumento del PIL italiano avrebbe dovuto attestarsi attorno all 0,8% nel 2010 e all 1,2% nel Le stime ufficiali fornite da Banca d Italia con riferimento al biennio prevedono, invece, una minor crescita pari allo 0,5% anche in conseguenza dell impatto deflazionistico della manovra stessa (decreto legge n. 78 del 31 maggio 2010). 6 Caivano M., L.Rodano, S. Siviero, La trasmissione della crisi finanziaria globale all economia italiana. Un indagine controfattuale, , Banca D Italia, Questioni di Economia e Finanza, n. 64, aprile

13 1.3. Le luci e le ombre del sistema economico della Provincia di Roma Il sistema economico 7 provinciale di Roma negli ultimi dieci anni ha fatto registrare performance economiche, con riferimento ad alcune variabili macroeconomiche, migliori rispetto al dato medio del Paese, a conferma di un processo di ristrutturazione e consolidamento del sistema produttivo locale che sino ad oggi è stato trainante anche per il resto della regione. La crisi internazionale ha però investito anche la provincia di Roma, le cui imprese hanno visto crollare le proprie esportazioni, ricorrendo massicciamente alla cassa integrazione per far fronte al calo di fatturato. Si segnala come elemento positivo, invece, la diminuzione per le Banche del peso delle sofferenze: ai minimi storici, alla fine del 2008, sia in Italia che nella provincia di Roma. In particolare al 30 giugno 2009, l indice sofferenze/impieghi riferito ai residenti in provincia di Roma (2,6%) si attestava al di sotto del corrispettivo valore nazionale Il trend di sviluppo delle imprese romane Le imprese della provincia romana, registrate negli archivi della Camera di Commercio, a fine 2009 risultavano pari a , il 7,1% del totale nazionale. Dal 1998 il numero è cresciuto del 30,3% con un tasso medio di crescita annua del 2,4%. Solo nel biennio e nel biennio i tassi di sviluppo pur positivi sono risultati inferiori al tasso medio di crescita annuale. In particolare, nel biennio , in piena recessione, le imprese sono cresciute rispettivamente dell 1,7% e dell 1,5%; nello stesso periodo il tasso medio nazionale è risultato negativo (-0,3%) per tutti e due gli anni. La crescita delle imprese romane è stata trainata essenzialmente dalle società di capitale cresciute, tra il 1998 e il 2009, del 67%. Nello stesso periodo, il numero delle imprese individuali è cresciuto del 15% e le società di persone del 2%; più significativo il tasso di crescita, pari al 33%, delle altre forme societarie. Il trend di crescita delle società di capitale ha consentito il sorpasso sulle imprese individuali (graf. 2). Nel 2009 le società di capitale si confermano le imprese più numerose: il 41% del totale contro una media italiana del 21,5%. Le società individuali costituiscono il 39% contro il 55,6% della media italiana; le società di persone il 15% (media italiana 19,5%), stabile e di poco inferiore al 5% il peso delle altre forme di imprese. In valore assoluto il 54,4% delle imprese romane si concentra in tre settori: il Commercio all ingrosso e al dettaglio; le Costruzioni; le attività di Alloggio e Ristorazione. Il settore principale, il Commercio, assorbe il 30,5% delle imprese contro il 27% della media italiana. Il settore Costruzioni con il 16,4% presenta valori comparabili al dato medio italiano (15,8%); le imprese che forniscono servizi di Alloggio e Ristorazione costituiscono il 7,4%, contro una media italiana del 6,5%. A livello nazionale i primi tre settori, in grado di raggruppare il 58,1% delle imprese, sono: Commercio all ingrosso e al dettaglio, Costruzioni e, a differenza del contesto provinciale romano, Agricoltura, silvicoltura e pesca. 7 La fonte principale dei dati economici utilizzati per la stesura del paragrafo fa riferimento ai valori statistici del consuntivo strutturale 2009 della Camera di Commercio di Roma: Tavole 8 Giornata Economia di Roma. 12

14 Graf. 2 - Le imprese delle provincia di Roma tra il ,00% 45,00% 40,00% 35,00% 30,00% 25,00% 20,00% 15,00% 10,00% 5,00% 0,00% Distribuzione delle forme giuridiche nelle imprese romane Società di capitale Ditte Individuali Società di persone Altre forme Elaborazione Isfort su dati Unioncamere Gli altri settori di riferimento sono: le Attività manifatturiere (6,8% e inferiore al dato medio nazionale pari all 11%); i Servizi immobiliari (Roma 5,9%, Italia 4,8%); Altri servizi (Roma 5,2%, Italia 3,9%); Servizi vari di supporto alle imprese (Roma 4,9%, Italia 2,6%); Attività professionali tecniche scientifiche (Roma 4,2%, Italia 3,2%). In definitiva le imprese romane si caratterizzano per elevati quozienti di specializzazione nel terziario: il 73% del comparto produttivo romano contro il 57,7% del dato medio italiano. L analisi dell incidenza dei diversi settori di attività economica in ambito provinciale e la corrispondente quota a livello nazionale consente di evidenziare l attività il cui grado di specializzazione presenta un valore più elevato rispetto all aggregato nazionale (tab. 2). Volendo stilare una sorta di graduatoria delle attività del terziario con i quozienti più alti (limitandosi a quelle di maggiore consistenza numerica in termini d imprese) si rileva il valore più elevato per: Servizi di Informazione e comunicazione (2,09), Noleggio, Agenzie di viaggio, Servizi di supporto alle imprese (1,88), Sanità e Assistenza sociale (1,55), Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento (1,48), Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (1,48), Attività Finanziare e assicurative (1,46), Istruzione (1,39), Altre attività di servizi (1,32), Attività Professionali scientifiche e tecniche (1,31), Trasporti e magazzinaggio (1,31), Attività immobiliari (1,23), Attività dei servizi alloggio e ristorazione (1,13), Commercio all'ingrosso e al dettaglio (1,12). L unica sezione di attività economica con una certa specializzazione rispetto al contesto nazionale che non sia riconducibile al macrosettore dei Servizi è, invece, quella delle Costruzioni (1,03). Le specializzazioni più basse si confermano per i settori Agricoltura e pesca, Attività manifatturiere e Estrazione di minerali. 13

15 Il dato della crescita delle imprese per settore economico rileva che nel 2009 hanno registrato il maggiore incremento in valore assoluto e percentuale le attività non classificate: imprese in più per una crescita pari al 32%. Se si esclude il contributo di tale imprese, il saldo delle imprese romane risulterebbe negativo: imprese in meno rispetto al 2008, lo 0,5% del settore produttivo. Tab. 2 - L incidenza dei settori di attività economica provinciale rispetto al dato nazionale Settori economici Incidenza Organizzazioni ed organismi extraterritoriali 9,56 Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria 3,69 Servizi di informazione e comunicazione 2,09 Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese 1,88 Sanità e assistenza sociale 1,56 Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento 1,49 Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata 1,48 Attività finanziarie e assicurative 1,46 Istruzione 1,39 Altre attività di servizi 1,32 Attività professionali, scientifiche e tecniche 1,31 Trasporto e magazzinaggio 1,31 Attività immobiliari 1,23 Attività dei servizi alloggio e ristorazione 1,10 Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli 1,13 Costruzioni 1,04 Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento 1,03 Estrazione di minerali da cave e miniere 0,73 Attività manifatturiere 0,61 Agricoltura, silvicoltura pesca 0,24 Elaborazione Isfort su dati Unioncamere Le attività economiche della provincia di Roma che hanno registrato un saldo positivo superiore a 50 unità sono elencate in tabella 3. Le attività che hanno registrato la percentuale più alta di crescita, superiore al 3,5%, fanno tutte riferimento ad attività di servizio con un alto valore aggiunto. L unica attività che non rientra nel settore servizi a registrare un trend positivo nel 2009 è quella dei Lavori di Costruzione specializzati. 14

16 Tab. 3 - Le imprese che hanno registrato un saldo positivo superiore a 50 per divisioni di attività. ATECO 2007 Sezioni e divisioni di attività Trend % Saldo X Imprese non classificate 32, C33 Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed apparecchiature 19,7 181 N82 Attività di supporto per le funzioni d'ufficio e altri servizi di supporto alle imprese 7,7 681 F42 Ingegneria civile 6,1 60 M70 Attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale 4,1 153 N81 Attività di servizi per edifici e paesaggio 3,9 188 L68 Attività immobiliari 1,8 415 R93 Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento 1,8 67 F43 Lavori di costruzione specializzati 0,5 184 S96 Altre attività di servizi per la persona 0,4 67 I56 Attività dei servizi di ristorazione 0,4 100 Elaborazione Isfort su dati Unioncamere Nell analisi dei tassi di sviluppo delle imprese che si occupano di trasporto e logistica si deve tener conto che dal 1 gennaio 2008 l'istat ha adottato una nuova classificazione delle attività economiche, denominata Ateco 2007: la versione nazionale della nomenclatura europea 8. Poiché per la prima volta l Istat, il fisco e le Camere di Commercio adottano la stessa classificazione delle attività economiche si registra un importante passo in avanti nel processo di integrazione e semplificazione delle informazioni acquisite, ma si rende più difficoltoso il confronto della serie storica. La nuova classificazione prevede 22 sezioni di cui la sezione H è riferita a Trasporti e Magazzinaggio. Essa comprende tutte le attività di trasporto passeggeri o merci effettuate con servizio regolare o meno per ferrovia, mediante condotte, su strada, per via d'acqua o aereo e le attività ausiliarie quali servizi ai terminal, parcheggi, centri di movimentazione e di magazzinaggio di merci eccetera, l'attività di noleggio di mezzi di trasporto con autista od operatore, i servizi di ristorazione e bar effettuati dalle stesse imprese che effettuano il trasporto. Sono, anche, incluse le attività postali ed i servizi di corriere. Dalla sezione sono, invece, escluse le riparazioni o modifiche apportate ai mezzi di trasporto (esclusi gli autoveicoli), le attività di costruzione, manutenzione e riparazione di strade, ferrovie, porti, campi d'aviazione, le attività di manutenzione e riparazione di autoveicoli e il noleggio di mezzi di trasporto senza autista od operatore. Le differenze principali rispetto alla classificazione Ateco 2002 sono registrate all interno delle attività ausiliare, dove non sono più comprese le agenzie di viaggio, e in quella delle attività postali, dove non sono più presenti le attività delle telecomunicazioni. 8 Nace Rev. 2, pubblicata sull'official Journal il 20 dicembre 2006 (Regolamento (CE) n.1893/2006 del PE e del Consiglio del 20/12/2006) 15

17 In definitiva, le imprese registrate come attività di trasporto e magazzinaggio nella provincia di Roma con la codifica ATECO 2007, nel 2009 risultano essere , rappresentative del 3,9% del sistema produttivo (tab. 4). Il trend nell anno peggiore della crisi, il 2009, è stato negativo (-1,1%). Tab. 4 - Imprese trasporti 2009 (ATECO 2007) Settore Trasporti e Magazzinaggio Registrate 31/12/2008 Registrate 31/12/2009 Trend % H49 Trasporto terrestre e trasporto mediante condotte ,96 H50 Trasporto marittimo e per vie d'acqua ,38 H51 Trasporto aereo ,49 H52 Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti ,16 H53 Servizi postali e attività di corriere ,41 Totale ,09 Elaborazione Isfort su dati Unioncamere Tale andamento non ha però contraddistinto i settori con la stessa intensità. In valore assoluto hanno subito il maggior numero di cessazioni le attività di Trasporto terrestre e in valore percentuale (-2,2%), le attività di Magazzinaggio e di supporto ai trasporti; stabili le Attività postali e di corriere; in crescita del 6% circa il settore aereo e quello marittimo. La classifica ATECO 2002 identifica aziende del settore trasporti, pari al 4,7% del totale delle imprese. Con il codice ATECO 2007 sono state declassificate dalle attività di trasporto circa imprese, attualmente il settore trasporti identifica circa l 82,8% delle imprese della precedente classifica (tab. 5). Le imprese classificate come trasporti terrestri e aerei hanno subito poche variazioni; i trasporti marittimi hanno visto crescere del 7,5% il numero di imprese classificate. Viceversa, il settore Attività ausiliare dei trasporti e agenzie di viaggio ha subito con la nuova classificazione lo scorporo di attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse, che incidono per il 38%. Nel 2009 tali attività sono state quantificate in e hanno subito un decremento dello 0,9% rispetto al Ancora più significativo lo scorporo delle attività di telecomunicazioni (1.555) pari all 86,3% che, rispetto al 2009, ha subito un decremento del 2,4%. Se dal dato ATECO 2002 si escludono le attività delle agenzie di viaggio, identificate dalla nuova classifica ATECO con il codice N79, e quelle del settore telecomunicazione, identificato dal codice J61, le imprese risultano essere rappresentative del 98% delle attività registrate dall omonima sezione ATECO Questo dato consente di poter effettuare un analisi qualitativa dell andamento della serie storica. La serie storica del decennio è disponibile per la classifica ATECO In graf. 3 è possibile rilevare come il trend di crescita delle imprese del trasporto sia stato piuttosto basso con tassi di crescita medi annui inferiori all 1% per i trasporti terrestri, per i trasporti marittimi e intorno all 1% per i trasporti aerei. I tassi più significativi di crescita sono stati registrati dal settore I64, rispetto al quale nel 2009 i servizi postali sono rappresentativi solo del 14% delle attività. La crescita significativa tra il 2003 e il 2006 è imputabile intermente al settore delle telecomunicazione. 16

18 Tab. 5 - Imprese di trasporto Settore Trasporti ATECO ATECO ATECO Trend % Trend % I 60 Trasporti terrestri e trasporto mediante condotta ,91% 8,75% I 61 Trasporti marittimi e per vie d'acqua ,06% 4,49% I 62 Trasporti aerei ,49% 10,81% I 63 Attività ausiliarie dei trasporti e ag.viaggi (1) (1) ,00% 72,11% I 64 Poste e telecomunicazioni (2) (2) ,01% 439,22% Totale ,00% - (1) Il settore I63 ATECO 2002 è stato scomposto nel settore H52 (Attività ausiliare dei Trasporti e N79 (attività di servizi agenzie di viaggio, ecc.) (2) Il settore I64 ATECO 2002 è stato scorporato nel settore H53 servizi postali e attività di corriere e settore J61 imprese di telecomunicazioni. Elaborazione Isfort su dati Unioncamere Graf. 3 I tassi di sviluppo delle imprese di trasporto nel decennio (Codice Ateco 2002) 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0-10, ,0 I 60 Trasporti terrestri-trasp.mediante condotta I 62 Trasporti aerei I 64 Poste e telecomunicazioni Fonte Elaborazione Isfort su dati Unioncamere I 61 Trasporti marittimi e per vie d'acqua I 63 Attivita' ausiliarie dei trasp.-ag.viaggi La struttura localizzativa delle imprese La distribuzione territoriale della struttura produttiva laziale è fortemente polarizzata sul territorio della provincia di Roma che raccoglie il 73,5% delle imprese del Lazio. Latina, la seconda provincia per numero di imprese, raccoglie il 9,8%, Frosinone il 7,8%, Viterbo il 6,4% e Rieti solo il 2,6%. 17

19 Tale polarizzazione è ancora più significativa per le attività di trasporto e relativi servizi ausiliari. L 80% delle imprese laziali del settore è localizzato in provincia di Roma. La maggiore concentrazione, pari al 96,5% dell intero dato regionale, si registra per il trasporto aereo. Seguono le imprese che effettuano servizi postali e di corriere, l 86,3%, e le attività di magazzinaggio e di supporto ai trasporti, circa l 84%. Sono concentrate in provincia di Roma il 78,5% delle imprese di trasporto terrestre laziali e il 77% delle imprese di trasporto marittimo. La polarizzazione sul capoluogo della provincia di Roma della struttura produttiva è confermata anche dal dato della distribuzione territoriale delle nuove imprese del 2009: il 70% risultano localizzate nella Capitale. La quota rimanente è localizzata per il 50% sui principali poli provinciali: il polo Pometino (Pomezia, Anzio, Nettuno e Ardea ), l area Nord Est (Guidonia Montecelio, Monterotondo), il polo di Fiumicino (Fiumicino, Ladispoli), il polo di Civitavecchia (Civitavecchia, Cerveteri), l area dei Castelli (Velletri, Marino) e il polo di Tivoli. La forte attrazione esercitata da Roma è confermata anche dal dato sul numero di aziende che scelgono di avere una sede locale nella provincia di Roma, ben il 52,2% contro il 20,3% della media Italiana Il mercato del lavoro provinciale Dal 1995 al 2003 gli addetti in provincia di Roma sono aumentati di 167mila unità, con un trend superiore alla media nazionale. La crisi ha rallentato la crescita, ma ancora nel 2009 il tasso di occupazione riferito alla popolazione di età è risultato più elevato rispetto al tasso italiano (61,8% contro 57,6%), pur associato ad un tasso di disoccupazione superiore a quello medio nazionale (8,1% contro 7,8%). Sono in crescita nella provincia di Roma, in controtendenza al dato nazionale, le persone in cerca di occupazione, dal 2004 al 2009 sono aumentate del 18,9%; in leggera diminuzione (-0,7%) il dato italiano. Il peso del mercato del lavoro della provincia di Roma è confermato anche dal numero di contribuenti collaboratori iscritti nei registri dell'inps: il 10% degli iscritti nazionali (anno 2007), comparabile al peso dei contribuenti dell intero Sud Italia e delle Isole (11,5%). Gli effetti della crisi sono evidenziati dai dati dell Osservatorio sulle Ore Autorizzate di Cassa Integrazione Guadagni (Cig) di fonte INPS, disponibili per l intero anno Questi segnalano, sia in Italia che nella provincia di Roma, un ricorso esteso alla prestazione integrativa. Sono oltre 918milioni le ore accordate nel 2009 alle imprese e ai lavoratori sul territorio nazionale (di cui il 63% in gestione ordinaria), circa 695milioni di ore in più di quelle autorizzate nel corso dell anno precedente, con un aumento percentuale del +311,4%, in prevalenza, richieste per operai addetti all industria, incluso l artigianato (circa 498milioni di ore in più). Le ore di Cig sono state autorizzate prevalentemente a favore degli operai (circa 733milioni di ore), anche se la crisi ha interessato pesantemente gli impiegati, che hanno disposto, nei dodici mesi dell anno, di oltre 185milioni di ore autorizzate, circa sei volte le ore concesse in tutto il In provincia di Roma, si è registrato un aumento annuo delle ore autorizzate di Cig di oltre 24milioni, corrispondenti ad una variazione del +513,9%, per la quasi totalità (90,4%) in gestione straordinaria (crisi aziendale, procedure concorsuali, ecc.) e, in prevalenza, richieste per impiegati occupati in imprese industriali artigiane (oltre 16milioni di ore in più). 18

20 Significativa è anche la differenza dalla media nazionale e regionale per quanto riguarda la remunerazione del capitale umano, misurato dal rapporto tra costo del lavoro e valore aggiunto (graf. 4). Graf. 4 La remunerazione del capitale umano tra il ,00% Renumerazione del capitale umano: Costo del lavoro/ Valore Aggiunto 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% Viterbo Rieti Roma Latina Frosinone ITALIA 0,00% Fonte Elaborazione Isfort su dati Unioncamere Da sottolineare come l andamento dell indicatore sia in linea con quello medio nazionale: ciò dipende dalle variazioni del costo del lavoro, che segue un trend uniforme sull intero territorio nazionale. La minore incidenza del costo del lavoro nella provincia di Roma è legata ad attività meno labour intensive. La remunerazione del capitale proprio è maggiore rispetto alle medie regionali e nazionale Innovazione e ricerca del sistema produttivo romano Uno dei punti di forza della provincia di Roma è rappresentato dalle risorse umane: rispetto al dato medio nazionale nel 2008 si registra una percentuale più alta di persone residenti con il titolo di diploma media superiore (39,3%, contro il 32,7% nel resto d Italia) e con laurea (17,6%, contro il 10,7% dell Italia). Il Lazio, inoltre, si caratterizza per la quota più alta di addetti impiegati in ricerca e sviluppo (5,9 ogni abitanti, contro una media italiana di 3,5). L Emilia Romagna, la seconda in classifica, si caratterizza per 5,4 addetti ogni abitanti, il Piemonte per 4,9. In valore assoluto è però la Lombardia a registrare il maggior numero di addetti alla ricerca (39.592), seguita dal Lazio con addetti. L Emilia Romagna, terza in classifica con circa addetti, registra circa addetti in meno del Lazio. 19

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa?

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Editoriale n. 6 del 18/5/2009 Fabio Pammolli e Nicola C. Salerno Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Dai dati del Taxing wages

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari 2011 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari Coordinamento generale:

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

IL CONTRIBUTO ECONOMICO E SOCIALE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI A RETE NELL AREA DI ROMA

IL CONTRIBUTO ECONOMICO E SOCIALE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI A RETE NELL AREA DI ROMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI ECONOMIA IL CONTRIBUTO ECONOMICO E SOCIALE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI A RETE NELL AREA DI ROMA RAPPORTO FINALE Gennaio 2007 INDICE PREMESSA... 1 PARTE

Dettagli

RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO

RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO reusing&recycling RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO Mo. Re. & Mo. Re. per una governance innovativa della gestione dei rifiuti. Programma LIFE08 ENV/IT/437 Azione

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli