Valutazione delle Funzioni Esecutive nei Disturbi dello Sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione delle Funzioni Esecutive nei Disturbi dello Sviluppo"

Transcript

1 Valutazione delle Funzioni Esecutive nei Disturbi dello Sviluppo Luigi Marotta, IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Roma Claudio Paloscia, Centro di Riferimento ADHD, UONPI ASL, Viterbo Centro Clinico ASTREA

2 FUNZIONI ESECUTIVE E DISTURBI DELLO SVILUPPO Negli ultimi anni lo studio delle Funzioni Esecutive (FE) nei disturbi dello sviluppo (psicopatologia e neuropsicologia dello sviluppo) ha progressivamente assunto un ruolo centrale: per delineare specifici endofenotipi per delineare un adeguato profilo funzionale al fine di determinare una migliore caratterizzazione di questi disturbi ai fini prognostici e riabilitativi.

3 FUNZIONI ESECUTIVE E DISTURBI DELLO SVILUPPO Le FE attraverso la loro capacità di monitorare e regolare il comportamento e i processi cognitivi (Miller 2000) sono un importante predittore del funzionamento adattivo.

4

5

6 DALLA DIAGNOSI AL PROFILO FUNZIONALE Valutazione di I livello (diagnosi) Livello cognitivo Prove standardizzate Valutazione di II livello (profilo funzionale) Componenti percettive Funzionamento linguistico Abilità visuo-spaziali Abilità attentive e mnestiche Funzioni esecutive

7

8 NEUROBIOLOGIA DELLE F.E.

9 SISTEMA SOPRAORDINATO DI CONTROLLO COGNITIVO Una meta-analisi di 193 studi di neuroimaging funzionale neuroimaging per un totale di individui sani (18 60), sottoposti a prove di performance confrontata con condizioni di controllo attivo ha mostrato l esistenza di un sistema di controllo cognitivo sopraordinato che coinvolge un network fronto-cingolo-parietale. Questo perchè, era presente tra le differenti funzioni esecutive esaminate (con differenti prove) un attivazione comune a livello prefrontale, del cingolo anteriore dorsale e della corteccia parietale.

10 FLESSIBILITÀ UN ANALISI DOMINIO SPECIFICA Attivazione delle aree del network: DLPFC (Bs 9, 46), cingulato (BA 32, 24), lobo parietale superiore (BA 7) e inferiore (BA 40). Attivazione in altre aree corticali: prefrontali (BA 6, 10, 11), occipitali (BA 19), temporali (BA 13, 37).

11 INIBIZIONE UN ANALISI DOMINIO SPECIFICA Attivazione nelle aree del network: DLPFC (BA 9, 46), ACC (BA 32) e lobo parietale superiore (BA 7) e inferiore (BA 40). Attivazione in altre aree corticali: prefrontali (BA 6, 10), occipitali (BA 19), e temporali (BA 13). Attivazione in aree sottocorticali: caudato, talamo, putamen, cervelletto.

12 UN ANALISI DOMINIO SPECIFICA WORKING MEMORY Attivazione delle aree del network: DLPFC (BA 9, 46), cingulate (BA 32, 24), lobo parietale (BA 7, 40). Attivazione in altre aree corticali: prefrontale (BA 6, 10), occipitale (BA19), temporale (BA 13, 37) Attivazione in aree sottocorticali: Attivazione in aree sottocorticali: talamo, caudato, putamen, cervelletto

13 LE FE NEI DISTURBI DELL ATTENZIONE: ADHD e Sluggish Cognitive Tempo Tra il 30 e il 50% dei bambini con ADHD presenta un deficit a carico delle funzioni fredde in particolare di: Deficit di inibizione (Coghill et al. 2013; Skogan et al., 2013; Sjovall et al., 2013) Deficit di memoria di lavoro (Alderson et al., 2013; Coghill et al., 2013; Rhodes et al., 2013; Schreiber et al., 2014; Skogan et al., 2013 Sjovall et al., 2013) Eccessiva variabilità della risposta in compiti attentivi (Coghill et al 2013; Sjovall et al., 2013)

14 LE FE NEI DISTURBI DELL ATTENZIONE: ADHD e Sluggish Cognitive Tempo Una compromissione di altre funzioni è presente in circa il 20-30%: Delay aversion (Sonuga-Barke e t al., 2002; Coghill et al. 2013) Decision making (Coghill et. al 2013) Timing (Sonuga-Barke et al., 2010; Coghill et. al 2013; Noreika et al., 2013)

15 LE FE NEI DISTURBI DELL ATTENZIONE: ADHD e Sluggish Cognitive Tempo Le funzioni esecutive sia calde che fredde appaiono essere in relazione con la sintomatologia e l andamento scolastico dei bambini con ADHD (Willicut et al., 2005; Biederman et al., 2004) Nello Sluggish Cognitive Tempo i deficit esecutivi appaiono meno gravi e legati a un deficit di auto-organizzazione e di attenzione sostenuta (Wahlstedt e Bohlin, 2010; Barkley 2013)

16 LE FE NEI DISTURBI DEL LINGUAGGIO: Recenti studi hanno evidenziato: deficit della memoria di lavoro fonologica e visuo-spaziale alterazioni della flessibilità cognitiva impairment della pianificazione verbale e non deficit della risposta inibitoria Deficit di attentional engagement

17 LE FE NEI DISTURBI DEL LINGUAGGIO: La presenza di queste alterazioni, che a volte si configurano come veri e propri deficit, non può non essere considerata nella programmazione del trattamento dei DSL. (Bavin et al., 2005; Marton 2008; Montgomery et al., 2010; Henry et al., 2012; Dispaldro et al., 2012; Jarrad, 2013).

18 LE FE NEI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO: La WM fonologica e visuo-spaziale - valore predittivo sulle abilità di lettura (Gathercole et al., 2004; Swanson e Howell, 2001); - ruolo nella composizione del testo (ma non è certo il ruolo sulle componenti ortografiche e sintattiche), le difficoltà appaiono essere correlate al mantenere e richiamare le rappresentazioni lessicali durante la codifica grammaticale (Kellog et al., 2004; Kellog et al., 2007; Raulerson et al., 2010) cato di un periodo (Caplan e Waters, 1999; Rogalsky e Hickok, 2011)

19 LE FE NEI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO: LA WM visuo-spaziale svolge un ruolo rilevante anche nelle abilità di calcolo (Geary 2004; Geary et al., 2012; Swanson et al., 2001; Szucs et al., 2013; Barnes et al., 2014): - fase di acquisizione del conteggio - acquisizione dei fatti numerici - problem solving matematico

20 LE FE NEI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO: La WM verbale svolge un ruolo significativo nella comprensione del testo attraverso l utilizzo della struttura sintattica per comprendere il significato di un periodo (Caplan e Waters, 1999; Rogalsky e Hickok, 2011) L attenzione visiva spaziale svolge un ruolo significativo nella dislessia (Ruffino et al., 2010), in particolare predice la presenza di difficoltà nell acquisizione della lettura (Franceschini et al., 2012)

21 LE FE NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: I bambini con disturbi dello spettro autistico possono presentare deficit a livello delle FE in particolare della: flessibilità cognitiva (Semrud-Clikeman et al., 2013) flessibilità cognitiva e dell inibizione di una risposta interferente (Pooragha et al., 2013); memoria di lavoro (Barendse et al. 2013) memoria prospettica (Williams et al., 2013)

22 LE FE NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: I deficit riscontrati non sembrano correlati alla patogenesi dell autismo, ma possono influire sugli esiti del trattamento e sull espressione sintomatologica dei comportamenti stereotipati e ripetitivi, in particolare predicono una maggiore frequenza e intensità degli stessi (Lemonda et al., 2012; Lopez et al., 2005). I deficit delle FE correlano con i punteggi del funzionamento adattivo misurati con la Vineland (Gilotty et al., 2002) e con le prestazioni su prove di teoria della mente (Joseph et al., 2004; Williams et al., 2013)

23 LE FE NELLA DISABILITA INTELLETTIVA: I bambini con DI presentano prestazioni esecutive globalmente inferiori ai bambini della stessa età cronologica mentre rispetto ai bambini con la propria età mentale mostrano deficit di : inibizione pianificazione WM non verbale

24 LE FE NELLA DISABILITA INTELLETTIVA: Casi specifici sono rappresentati da: Sindrome di Down: Inibizione (Borella et al., 2013; Hyppolite et al., 2009; Lanfranchi et al., 2010) Memoria di lavoro (Borella et al., 2013; Lanfranchi et al., 2010) Attenzione selettiva e di controllo attentivo (Breckenridge et al., 2013) Shifting e MdL verbale (Costanzo et al. 2012)

25 LE FE NELLA DISABILITA INTELLETTIVA: Sindrome di Williams: Deficit di memoria di lavoro (Breckenridge et al., 2013; Costanzo et al., 2012) Deficit di attenzione selettiva visiva e di controllo attentivo (Breckenridge et al., 2013) Deficit di pianificazione (Costanzo et al., 2012)

26 LE FE NELLA DISABILITA INTELLETTIVA: X-Fragile Deficit di memoria di lavoro prevalentemente fonologica e in parte visuo-spaziale (Baker et al., 2011) Deficit di inibizione (Kran et al., 2014; Sullivan et al., 2007)

27 RIASSUMENDO FUNZIONI DISTURBI DSL SPETTRO DISABILITÀ ESECUTIVE DELL ATTENZIONE AUTISTICO INTELLETTIVA WM X X X X ATT X X X PIA X X INIB X X X X FLEX X X

28 PROPOSTA DI PROTOCOLLO DI PROVE DI VALUTAZIONE DELLE FE NEI DISTURBI DELLO SVILUPPO STRUMENTI DI PERFORMANCE STRUMENTI ECOLOGICI

29 SCALE DI PERFORMANCE E MISURE ECOLOGICHE This measure and its approach to assessing executive function should not be viewed as an alternative to performance-based assessment, but rather as complementary. The two methods should be combined for a more comprehensive understanding of the child s executive function. Where traditional test-based measures of executive function are given to assess more specific components of executive function such as working memory, inhibition, and organization at the molecular level, the rating scale method measures the broader, molar level of function in the child s everyday context. In this model, the ecologically valid assessment of executive dysfunction provides an important bridge toward understanding the impact of the component-level (i.e., test-based) deficits on the child s everyday adaptive functioning. Gioia and Isquith [2004] advocate for an ecologically valid model of executive function assessment that explicitly incorporates two levels of information:(a) specific process components typically defined by clinical tests, and (b) real-world behavioral manifestations of the specific cognitive processes. (Isquith et al., 2005).

30 LA VALIDITÀ ECOLOGICA DI UN TEST 1) Il grado al quale la performance su una prova corrisponde alla performance nel mondo reale, per cui più che descrivere una prova, il termine validità ecologica, descrive le inferenze che derivano dalle performance su di essa (Chaytor and Schmitter-Edgecombe, 2003) 2) Misura della rappresentatività di un test o della corrispondenza tra prova e vita reale e della generalizzabilità della prova, ossia quanto predice i problemi nela vita reale (Burgess et al., 2006)

31 3) Verosomiglianza della prova (quanto la prova produce delle richieste simili a quelle che si verificano nel contesto di vita quotidiano. La validità ecologica può essere misurata dalla sua veridicità ossia dalla correlazione con le misure del funzionamento quotidiano (Franzen and Wilhem, 1996).

32 STRUMENTI DI PERFORMANCE STRUMENTI ECOLOGICI

33 ATTENZIONE Attenzione visiva (NEPSY II; Tr. It.: Urgesi et al., 2011) Attenzione Uditiva e Set di Risposta (NEPSY II) MEMORIA DI LAVORO Funzioni esecutive: batteria 4-5 anni Test di Memoria di lavoro uditivo-verbale (Casalini, Brizzolara, 2002) Test del Giro di Barattoli (Hughes e Ensor, 2005) INIBIZIONE Statua (NEPSY II) Day/Night Stroop(Gerstadt et al., 1994) Luria s Fist and Finger Hand Game (Hughes et al., 1998) FLESSIBILITÀ/SET SHIFTING Modified Card sorting test Dimensional Change Card Sorting Task (Zelazo, 2006) Trails Preschool (Espy e Cwik, 2004) PIANIFICAZIONE Torre di Londra (Sannio Fancello et al., 2006) Tempi 11 minuti 3 minuti 8 minuti 12 minuti 12 minuti 5-8 minuti 75 secondi 75 secondi 3 minuti 5 minuti 15 minuti 15 minuti 10 minuti 5 minuti 30 minuti 30 minuti Totale 1h e 9 minuti

34 ATTENZIONE Funzioni esecutive: batteria 5-6 anni Attenzione visiva (NEPSY II; Tr. It.: Urgesi et al., 2011) Attenzione Uditiva e Set di Risposta (NEPSY II) Tempi 12 minuti 4 minuti 8minuti MEMORIA DI LAVORO Ripetizione di Non Parole (PROMEA, Vicari, 2007) Ripetizione di Non Parole (NEPSY II) Test di Corsi (BVN; Bisiacchi et al., 2005) Statua (NEPSY II) Inibizione (NEPSY II) Day/Night Stroop(Gerstadt et al., 1994) Luria s Fist and Finger Hand Game (Hughes et al., 1998) FLESSIBILITÀ/SET SHIFTING Modified Card sorting test (Sannio Fancello et al., 2003) Dimensional Change Card Sorting Task (Zelazo et al., 2006) Trails Preschool (Espy e Cwik, 2004) PIANIFICAZIONE Torre di Londra (Sannio Fancello et al., 2006) Totale 1h e 8minuti 10 minuti 5minuti 5 minuti 5 minuti 1minuto 1 minuto 7 minuti 5 minuti 3 minuti 15 minuti 15 minuti 10 minuti 5 minuti 30 minuti 30 minuti

35 ATTENZIONE Attenzione visiva (NEPSY II; Tr. It.: Urgesi et al., 2011) Attenzione Uditiva e Set di Risposta (NEPSY II) MEMORIA DI LAVORO Funzioni esecutive: batteria 6-12 anni Ripetizione di Non Parole (NEPSY II) Test di Corsi (BVN; Bisiacchi et al., 2005) INIBIZIONE Inibizione (NEPSY II) Test delle Ranette (BIA; Marzocchi et al., 2010) Stroop numerico (BIA) FLESSIBILITÀ/SET SHIFTING Modified Card Sorting Test (Sannio Fancello et al., 2003) Trail Making Test B (Bisiacchi et al., 1997). PIANIFICAZIONE Torre di Londra (Sannio Fancello et al., 2006) Tempi 12 minuti 4 minuti 8minuti 10 minuti 5minuti 5 minuti 7 minuti/11 minuti 7 minuti 6-7 minuti 5 minuti 20 minuti 15 minuti 5minuti 20 minuti 20 minuti Totale 1h e 12 minuti

36 STRUMENTI DI PERFORMANCE STRUMENTI ECOLOGICI

37 BRIEF PRESCOLARI (Gerard et al., 2003; adattamento italiano di Marano et al.2013) Questionario compilato dai genitori, dagli insegnanti o da altri caregivers costituito da 63 item; età 2-5 anni e 11 mesi 5 scale che formano un indice definito Global Executive

38

39

40 BRIEF-P e misure di performance Mahone e Hoffman, 2007 Campione di 50 bambini tra i 36 e 71 mesi (25 casi e 25 controlli) Punteggi più alti dei bambini con ADHD (p <.01) su: - tutte le 5 scale primarie (Inhibit, Shift, Emotional Control, Working Memory, Plan/Organize) - sui 4 indici all four indices (Inhibitory Self Control, Flexibility, Emerging Metacognition, General Executive Composite) L effect size maggiore sulla scala WM Il confronto tra correlazioni parziali delle medie del BRIEF-P e 8 scale delle EF e le correlazioni parziali delle medie tra BRIEF-P e le tre scale non esecutive non mostrava differenze significative - Correlazioni parziali tra BRIEF-P e EF: basso-moderato (ns) - Correlazioni parziali tra BRIEF-P e non EF: ns

41 Si ringrazia tutto il Team della U.O.C. di Neuropsichiatria Infantile dell IRCSS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Stefano Vicari, Deny Menghini, Giovanni Valeri, Floriana Costanzo e tanti altri ancora

ASTREA FORMAZIONE con il patrocinio di

ASTREA FORMAZIONE con il patrocinio di ASTREA FORMAZIONE con il patrocinio di Funzioni Esecutive e Disturbi dello Sviluppo Direzione scientifica: F. Manaresi, L. Marotta, C. Paloscia Presentazione Le Funzioni Esecutive intervengono in tutti

Dettagli

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO Vineland Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

NEPSY Second Edition

NEPSY Second Edition NEPSY Second Edition 3 Autori Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 a 16 anni Tempo di somministrazione 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze Franca Stablum Dipartimento di Psicologia Generale Università degli Studi di Padova 1 Neuropsicologia clinica = scienza applicata Problemi

Dettagli

Importanza della valutazione neuropsicologica e clinicoqualitativa ADHD

Importanza della valutazione neuropsicologica e clinicoqualitativa ADHD Importanza della valutazione neuropsicologica e clinicoqualitativa nella diagnosi di ADHD Bisiacchi P.S. 1, Tarantino V. 1, Scala G.G. 1, Tozzi A.E. 2, Chiarotti F. 3, Salmaso S. 3 1 Dipartimento di Psicologia

Dettagli

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO PERCORSI DI DIAGNOSI E PRESA IN CARICO NELL ASL TO 3 Dr.ssa B.Giannini, S.C. PSICOLOGIA ASL TO 3 Preoccupazione per lo sviluppo del bambino (sospetto ASD) PEDIATRA S.C.

Dettagli

ADHD Versus Autismo. ADHD Versus Autismo. ADHD: Sintomi principali. Inattenzione. Come diagnosi differenziale. Come comorbidità

ADHD Versus Autismo. ADHD Versus Autismo. ADHD: Sintomi principali. Inattenzione. Come diagnosi differenziale. Come comorbidità ADHD Versus Autismo Vs ADHD Versus Autismo Come diagnosi differenziale Come comorbidità Potrebbero essere considerate in uno spettro? Luigi Mazzone 1 HAPPENING PEDIATRICO IBLEO Ragusa Poggio del Sole -

Dettagli

FUNZIONI ATTENTIVE NELLA DISABILITÀ INTELLETTIVA CON E SENZA DDAI

FUNZIONI ATTENTIVE NELLA DISABILITÀ INTELLETTIVA CON E SENZA DDAI FUNZIONI ATTENTIVE NELLA DISABILITÀ INTELLETTIVA CON E SENZA DDAI TORRISI A. M.*, DI GUARDO G.*, BUONO S. *, DI NUOVO S. ** * U.O di Psicologia I.R.C.C.S Oasi Maria SS **Università di Catania Dibattito

Dettagli

Correlazione tra i disturbi specifici del linguaggio e DSA

Correlazione tra i disturbi specifici del linguaggio e DSA Correlazione tra i disturbi specifici del linguaggio e DSA Dr. B. Rizzo Troina 13 Settembre 2013 U.O.C di ORL & Foniatria - IRCCS OASI MARIA SS. - ONLUS, TROINA Direttore Dr.V.Neri DISTURBI SPECIFICI DEL

Dettagli

P : 2 - GIORNATA MONDIALE PER LA CONSAPEVOLEZZA DELL AUTISMO

P : 2 - GIORNATA MONDIALE PER LA CONSAPEVOLEZZA DELL AUTISMO Percorsi di intervento: il ruolo della scuola Carolina Coco, Paola Rigo, Paola Venuti Laboratorio di Osservazione, Diagnosi e Formazione www.odflab.unitn.it Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive-

Dettagli

Maltreatment is associated with specific impairment in executive functions: a pilot study

Maltreatment is associated with specific impairment in executive functions: a pilot study The Cognitive Developmental Research Unit, Department of Psychology, University of Oslo Journal of Traumatic Stress Maltreatment is associated with specific impairment in executive functions: a pilot study

Dettagli

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze Umane L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini L AUTISMO: COS È Disturbo dell Interazione Disturbo della Comunicazione Ridotto repertorio di attività

Dettagli

CURRICULUM V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Psicologa Albo di appartenenza Indirizzo E-mail Sito web Nazionalità Luogo e data di nascita Patente DR.SSA Mariapaola Bianchini Ordine degli Psicologi del Lazio.

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA A cura di C.M. Gentile Psicologo, Coordinatore Osservatorio Provinciale contro i Fenomeni della D.S. e per la promozione

Dettagli

LO SVILUPPO COGNITIVO

LO SVILUPPO COGNITIVO LO SVILUPPO COGNITIVO Corso di Disabilità Cognitive Prof. Renzo Vianello Università di Padova power-point per le lezioni, a cura di: Manzan Dainese Martina Riccoldo Monica Argomenti trattati Problemi metodologici

Dettagli

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008 Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento 4 ottobre 2008 Il principale criterio necessario per effettuare una diagnosi di DSA è quello della discrepanza tra abilità nel dominio

Dettagli

DALLA DIAGNOSI AL PDP. TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano

DALLA DIAGNOSI AL PDP. TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano DALLA DIAGNOSI AL PDP TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano SU COSA CI SI BASA PER LA DIAGNOSI? QUALI BASI? QUALI TEST? QUALI ANALISI? Le basi! Criterio della discrepanza! Il principale criterio

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO R e l a t r i c e : D o t t. s s a C r i s t i n a E l e f a n t e (insegnante, pedagogista) email: elefantecristina@yahoo.it DSA definizione La principale caratteristica

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

Primo modulo [20 CFU]

Primo modulo [20 CFU] CORSO DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE / MASTER in Didattica e Psicopedagogia per alunni con DISTURBO DA DEFICIT D ATTENZIONE/IPERATTIVITÀ (ADHD - DDAI) Primo modulo [20 CFU] MED/9, M-PSI/08

Dettagli

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale)

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale) Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo Neuropsicologia Cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento Formatore AID LA DISCALCULIA EVOLUTIVA E un disturbo delle abilità numeriche e aritmetiche che si manifesta

Dettagli

DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico

DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico dr. Antonio Salandi Neuropsichiatra Infantile IRCCS EUGENIO MEDEA Associazione La Nostra Famiglia - Bosisio Parini antonio.salandi@bp.lnf.it

Dettagli

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce DAL PROTOCOLLO REGIONALE ALL AZIONE SCOLASTICA PROGETTO DI INDIVIDUAZIONE PRECOCE IN RETE CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AGGIORNAMENTO: OLTRE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Corso di formazione per docenti Scuole Cattoliche Scuole Primarie e Secondarie di I grado Dott.ssa Michela Rampinini

Dettagli

I Disturbi dello Spettro Autistico

I Disturbi dello Spettro Autistico 1 I Disturbi dello Spettro Autistico MEMORIA PER LA COMMISSIONE IGIENE E SANITA SENATO DELLA REPUBBLICA Prof. Stefano Vicari Direttore Unità di Neuropsichiatria Infantile, Dipartimento di Neuroscienze,

Dettagli

I Disturbi Specifici di Apprendimento: inquadramento generale. Luisa Lopez Alessandra Luci Roberta Penge

I Disturbi Specifici di Apprendimento: inquadramento generale. Luisa Lopez Alessandra Luci Roberta Penge I Disturbi Specifici di Apprendimento: inquadramento generale Luisa Lopez Alessandra Luci Roberta Penge Competenze attentive e mnestiche Competenze simboliche Competenze linguistiche Competenze visuo-grafiche

Dettagli

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Bologna 13 dicembre 2014 Definizione del concetto di disabilità cognitiva La normativa relativa

Dettagli

La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva

La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva Definizione (Associazione Americana Ritardo Mentale 2002): il ritardo mentale è una disabilità caratterizzata da limitazioni significative sia

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE FUNZIONI ESECUTIVE IN ETA EVOLUTIVA

LA VALUTAZIONE DELLE FUNZIONI ESECUTIVE IN ETA EVOLUTIVA Corso di Formazione La Valutazione Neuropsicologica in età evolutiva Padova, 9-10 ottobre 2009 LA VALUTAZIONE DELLE FUNZIONI ESECUTIVE IN ETA EVOLUTIVA Gabriella Bottini Chiara Piroddi - Pina Scarpa Dipartimento

Dettagli

Springer Science-Business Media New York 2013. Gruppo DGS

Springer Science-Business Media New York 2013. Gruppo DGS 1 Springer Science-Business Media New York 2013 Gruppo DGS 2 Obiettivo dello studio Indagare in un campione di bambini prescolari con disturbo dello spettro autistico ( ASD ) l EpF ossia la capacità di

Dettagli

Progetto di Screening sulle capacità attentive e funzioni esecutive

Progetto di Screening sulle capacità attentive e funzioni esecutive Progetto di Screening sulle capacità attentive e funzioni esecutive L AIDAI ONLUS Regione Lazio persegue da sempre due obiettivi su cui è stata fondata l associazione regionale: - progetti di ricerca per

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale

NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale L autismo è una sindrome comportamentale, causata da un disordine dello sviluppo neurobiologico che colpisce la comunicazione e l interazione sociale,

Dettagli

Corso di Formazione sui Disturbi dello Apprendimento

Corso di Formazione sui Disturbi dello Apprendimento Corso di Formazione sui Disturbi dello Apprendimento Rosa CASTIELLO - Salvatore A. IANNUZZI I disturbi dell apprendimento : inquadramento nosografico - CAPACCIO-01/06/ 2012 09/03/12 1 D.E.S.A DISLESSIA

Dettagli

CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania

CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania Nella diagnosi delle sindromi ADHD, seguendo i criteri previsti sia nel DSM- IV-R sia nell'icd-10 dell'oms, occorre non

Dettagli

Disabilità e qualità dell integrazione

Disabilità e qualità dell integrazione CORSO PER DOCENTI IN SERVIZIO NELLA PROVINCIA DI VARESE Disabilità e qualità dell integrazione 3 modulo: Disturbi generalizzati dello sviluppo (sindromi autistiche) MATERIALE DIDATTICO Il lavoro abilitativo

Dettagli

ELENCO ELABORATI SCRITTI PRESENTATI DAGLI STUDENTI PER LA PROVA FINALE IN DUE ANNI ACCADEMICI. Cognizione sociale e iperattività

ELENCO ELABORATI SCRITTI PRESENTATI DAGLI STUDENTI PER LA PROVA FINALE IN DUE ANNI ACCADEMICI. Cognizione sociale e iperattività Cognizione sociale e iperattività La riabilitazione delle anomie per mezzo del condizionamento classico : uno studio sperimentale Recepire, controllare,suscitare e interpretare le emozioni nella relazione

Dettagli

DSA: il punto di vista neurobiologico

DSA: il punto di vista neurobiologico Giornata di Studio Istituto D Arte Piero della Francesca I Disturbi Specifici di Apprendimento J.H. Fragonard Fanciulla che legge, 1776 DSA: il punto di vista neurobiologico Maria Grazia Piergiovanni Neuropsichiatra

Dettagli

Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane Comunicazione, Formazione, Psicologia

Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane Comunicazione, Formazione, Psicologia Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane Comunicazione, Formazione, Psicologia AA 2014-2015 (A-K) Docente Micaela Capobianco PhD Università «Sapienza» LABORATORIO: DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO:

Dettagli

IL RUOLO DELLA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE AUSL DI RAVENNA NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

IL RUOLO DELLA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE AUSL DI RAVENNA NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO IL RUOLO DELLA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE AUSL DI RAVENNA NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO v VALUTAZIONE del linguaggio e degli apprendimenti v TRATTAMENTO (vedi indicazioni) VALUTAZIONE DEL LINGUAGGIO

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

ASD Disturbo dello spettro autistico

ASD Disturbo dello spettro autistico ASD Disturbo dello spettro autistico Nel 2010 negli Stati Uniti ad 1 bambino ogni 68 è stata fatta una diagnosi di Disturbo dello Spettro Autistico (DSA), segnando un aumento del 30% rispetto a due anni

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

Linguaggio orale & Linguaggio scritto. Diversità funzionale Diversità temporali di acquisizione

Linguaggio orale & Linguaggio scritto. Diversità funzionale Diversità temporali di acquisizione Linguaggio orale & Linguaggio scritto Diversità funzionale Diversità temporali di acquisizione Linguaggio orale & Linguaggio scritto All'età di sei anni un bambino è in grado di capire 14.000 parole circa

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche

Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche Centro Territoriale per l Inclusione MI EST Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche Patrizia Pezzoni Unità Operativa Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli

Dettagli

Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione

Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione Problematiche emotivo-comportamentali nei bambini con Disturbo

Dettagli

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica BES e DSA: Lettura della relazione Dott.ssa Anna Bruno Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Chiara Izzo Logopedista Chi effettua la diagnosi? DISABILITÀ Servizio pubblico specialistico che ha in carico il

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA E RIABILITAZIONE COGNITIVA IN PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI MULTIPLA

Progetto VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA E RIABILITAZIONE COGNITIVA IN PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI MULTIPLA Progetto VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA E RIABILITAZIONE COGNITIVA IN PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI MULTIPLA Durata: diciotto mesi, con inizio nel giugno 2011 e termine il 30 novembre 2012 (prorogato fino

Dettagli

Il programma della mattina

Il programma della mattina La discalculia evolutiva e le difficoltà di calcolo: intervenire in modo efficace Crema, 21 gennaio 2012 Dott.ssa Anna Gallani Dott.ssa Nicoletta Perini Il programma della mattina La discalculia evolutiva

Dettagli

Disturbo da deficit di Attenzione/Iperattività

Disturbo da deficit di Attenzione/Iperattività VI Congresso Nazionale Disturbo da deficit di Attenzione/Iperattività Assisi, 10-12 maggio 2007 Servizio Autonomo di Neuropsichiatria Infantile Policlinico G.B. Rossi Verona Contributo alla definizione

Dettagli

Sindrome di Asperger

Sindrome di Asperger Sindrome di Asperger compromissione qualitativa nell interazione sociale modalità di comportamento, interessi e attività ristretti, ripetitivi e stereotipati l anomalia causa compromissione clinicamente

Dettagli

F 81 Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche

F 81 Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche GESUNDHEITSBEZIRK MERAN COMPRENSORIO SANITARIO DI MERANO Krankenhaus Meran Ospedale di Merano Fachambulanz für psychosoziale Gesundheit Ambulatorio Specialistico F 81 Disturbi evolutivi specifici delle

Dettagli

EMANUELE GAGLIARDINI ABILITA COGNITIVE

EMANUELE GAGLIARDINI ABILITA COGNITIVE EMNUELE GGLIRDINI ILIT COGNITIVE Programma di potenziamento e recupero Vol. 5 COGNIZIONE NUMERIC 4 4 4 4 La serie di volumi bilità cognitive è dedicata a specifici processi e abilità mentali (Percezione

Dettagli

Profili neuropsicologici e funzioni esecutive nei bambini ADHD e DSA

Profili neuropsicologici e funzioni esecutive nei bambini ADHD e DSA VIII Congresso Nazionale Disturbi da deficit di attenzione ed iperattività Pescara 16-17 17 settembre 2011 Profili neuropsicologici e funzioni esecutive nei bambini ADHD e DSA A.E. Marimpietri, M.C. Carmignani,

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO AREA VOCAZIONALE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO. Neuropsichiatra Infantile

GRUPPO DI LAVORO AREA VOCAZIONALE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO. Neuropsichiatra Infantile ALLEGATO D GRUPPO DI LAVORO AREA VOCAZIONALE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Neuropsichiatria Infantile - Torino Lista dei componenti del gruppo: S.C. Neuropsichiatria Infantile ASL 1 - Torino Dott.ssa

Dettagli

Osservare: sembra facile!

Osservare: sembra facile! Milano 7 maggio 2011 Strumenti di valutazione funzionale nei percorsi di vita delle persone con autismo. Introduzione Susanna Villa IRCCS Eugenio Medea Associazione La Nostra Famiglia Conegliano (TV).

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

Funzioni Esecutive nel Corso, Valutazione e Intervento dell ADHD

Funzioni Esecutive nel Corso, Valutazione e Intervento dell ADHD Funzioni Esecutive nel Corso, Valutazione e Intervento dell ADHD Ana Miranda Grupo de investigación TDAH y DA. Master de Neurociencia y NEE Doctorado de Neurociencia y Educación Universidad de Valencia

Dettagli

DSM-5 5 e Disturbi Specifici dell Apprendimento. Dott.ssa L.Ferro

DSM-5 5 e Disturbi Specifici dell Apprendimento. Dott.ssa L.Ferro DSM-5 5 e Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa L.Ferro DISTURBI DEL NEUROSVILUPPO Viene promosso l uso di specificatori nelle diagnosi Disabilita Intellettive Disturbi quali: della Comunicazione

Dettagli

Fattori neuro-cognitivi alla base dello sviluppo della competenza plurilingue

Fattori neuro-cognitivi alla base dello sviluppo della competenza plurilingue Fattori neuro-cognitivi alla base dello sviluppo della competenza plurilingue Andrea Marini Universita degli Studi di Udine IRCCS La Nostra Famiglia PFVG IRCSS Santa Lucia, Roma andrea.marini@uniud.it

Dettagli

Disabilità intellettiva e/o autismo La presa in carico, il progetto individuale, il rapporto con i servizi diurni e residenziali.

Disabilità intellettiva e/o autismo La presa in carico, il progetto individuale, il rapporto con i servizi diurni e residenziali. Disabilità intellettiva e/o autismo La presa in carico, il progetto individuale, il rapporto con i servizi diurni e residenziali Roberto Keller Ambulatorio Disturbi spettro autistico in età adulta Centro

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione, dig.gulotta...

INDICE SOMMARIO. Presentazione, dig.gulotta... INDICE SOMMARIO Presentazione, dig.gulotta... xi Capitolo 1 DANNO NON PATRIMONIALE E DANNO BIOLOGICO DI NATURA PSICHICA: DEFINIZIONI E CRITERI DI VALUTAZIONE (di G.B. Camerini-G. Sergio) 1. Responsabilita`

Dettagli

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Disturbi Specifici dell apprendimento Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Con il termine Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) vengono indicate una serie di difficoltà

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA Interpretazione dei DSA: dai documenti di consenso al DSM-5 Dott.ssa Rosalba Carnevale Clinica delle difficoltà e dei

Dettagli

Autismo e disabilità intellettive. Dott.ssa Cristiana Fiorillo

Autismo e disabilità intellettive. Dott.ssa Cristiana Fiorillo Autismo e disabilità intellettive 1 DISABILITA INTELLETTIVE Quadri polimorfi di funzionamento intellettivo con profili caratterizzati da punti di forza e debolezza. Encefalopatie infantili (genetiche,

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Master Universitario di primo livello METODOLOGIA DELL INTERVENTO LOGOPEDICO NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

Master Universitario di primo livello METODOLOGIA DELL INTERVENTO LOGOPEDICO NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Master Universitario di primo livello METODOLOGIA DELL INTERVENTO Direttore: Prof. Alessandro MARTINI OBIETTIVI DEL MASTER Il Master è finalizzato al conseguimento di conoscenze e competenze specifiche

Dettagli

Imparare: questo è il problema San Marino 22 settembre 2012 Daniela Gallo, Giacomo Stella

Imparare: questo è il problema San Marino 22 settembre 2012 Daniela Gallo, Giacomo Stella Una prova di ripetizione di parole e di non parole: come predittore dei Disturbi Specifici del Linguaggio, e dei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Imparare: questo è il problema San Marino 22 settembre

Dettagli

Neuropsicologia. Corso Alta Formazione. Clinica Integrata nell adulto e nell anziano IV edizione. Associazione Spazio Iris. www.spazioiris.

Neuropsicologia. Corso Alta Formazione. Clinica Integrata nell adulto e nell anziano IV edizione. Associazione Spazio Iris. www.spazioiris. Corso Alta Formazione Neuropsicologia Clinica Integrata nell adulto e nell anziano IV edizione Milano - Novembre 2015 OBIETTIVI FORMATIVI L'obiettivo principale del corso di formazione sarà quello di fornire

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative

Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative Stefano Cainelli Laboratorio di Osservazione Diagnosi Formazione

Dettagli

Master Pratico in Neuropsicologia dello Sviluppo

Master Pratico in Neuropsicologia dello Sviluppo 50 crediti ECM A seguire nel 2017 Master Pratico in Neuropsicologia dello Sviluppo con lezioni supportate da video, casi clinici, esercitazioni sui tests, role playing Per iscriversi al master pratico

Dettagli

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DSM: Manuale Diagnostico e Statistico delle malattie mentali APA *DSM IV : DISARMONIE COGNITIVE DELLO SVILUPPO *DSM-5: DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO *DISTURBO NEUROBIOLOGICO

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro

Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro L esigibilità dei servizi alla persona disabile in tempi di crisi Palazzo Valentini Roma 28 Ottobre 2011 L autismo è un disturbo neurobiologico

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

FUNZIONI ESECUTIVE E DISPRASSIA

FUNZIONI ESECUTIVE E DISPRASSIA IX Congresso nazionale AIDAI-AIRIPA AIRIPA Perugia, 30-31 maggio 2013 FUNZIONI ESECUTIVE E DISPRASSIA M.Margheriti, M.Baciarelli, M.T.Barberini, M.S. Ghilardi, G.Tinarelli, L.Michelazzo Associazione Italiana

Dettagli

Nuovo Protocollo di ricerca DE

Nuovo Protocollo di ricerca DE ARGOMENTI DI NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA: NUOVE PROSPETTIVE DI RICERCA E LINEE DI TRATTAMENTO Disturbi del linguaggio e dell apprendimento Nuovo Protocollo di ricerca DE Floriana

Dettagli

.. Classificazioni internazionali (OMS)

.. Classificazioni internazionali (OMS) .. Classificazioni internazionali (OMS) 1980 Classificazione internazionale delle menomazioni, disabilità e svantaggi esistenziali ICIDH 2001 Classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità

Dettagli

Difficoltà e Disturbi Specifici dell Apprendimento

Difficoltà e Disturbi Specifici dell Apprendimento DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO Quando è difficile imparare ad apprendere. Difficoltà e Disturbi Specifici dell Apprendimento DSA DIFFICOLTA d APPRENDIMENTO Deficit cognitivi RM D. strumentali D. Psicopat.

Dettagli

I disturbi dell apprendimento

I disturbi dell apprendimento I disturbi dell apprendimento I disturbi dell apprendimento si dividono in: Disturbi specifici dell apprendimento (DSA) (sono quei disturbi che si manifestano in soggetti con adeguato sviluppo cognitivo,

Dettagli

BES Bisogni Educativi Speciali. Autismo. Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala

BES Bisogni Educativi Speciali. Autismo. Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala BES Bisogni Educativi Speciali Autismo Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala DEFINIZIONE L autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, biologicamente determinato,

Dettagli

DSA: CAMPANELLI D ALLARME

DSA: CAMPANELLI D ALLARME TANGRAM Centro Studi Processi e disturbi dell Apprendimento DSA: CAMPANELLI D ALLARME Dott.ssa Alessandra Petrolati, psicologa e psicoterapeuta, perfezionata in Psicopatologia dell Apprendimento Dott.ssa

Dettagli

DENOMINAZIONE PRODUTTORE DESCRIZIONE DISABILITÀ TIPO ORDINE SCOLASTICO

DENOMINAZIONE PRODUTTORE DESCRIZIONE DISABILITÀ TIPO ORDINE SCOLASTICO DENOMINAZIONE PRODUTTORE DESCRIZIONE DISABILITÀ TIPO ORDINE SCOLASTICO 1 ALLENARE LE ABILITÀ VISUO-SPAZIALI 10 Giochi per migliorare le strategie di apprendimento + 2 ANALISI VISIVA DEI GRAFEMI Apprendimento

Dettagli

Difficoltà di apprendimento nei bambini con DCD

Difficoltà di apprendimento nei bambini con DCD Difficoltà di apprendimento nei bambini con DCD Dr.ssa Stefania Zoia S. C. di Neuropsichiatria Infantile e Neurologia Pediatrica Istituto per l Infanzia I.R.C.C.S. Burlo Garofolo,, Trieste Email zoia@burlo.trieste.it

Dettagli

MALATTIA DI ALZHEIMER

MALATTIA DI ALZHEIMER MALATTIA DI ALZHEIMER FORME FAMILIARI FORME SPORADICHE 5-10% 90-95% Esordio precoce (40-60 aa) (EOFAD) Esordio tardivo (>60 aa) (LOFAD) Esordio precoce (65 aa) (LOAD) (Fattori

Dettagli

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva Cos è la Neuropsicologia E la disciplina che studia i rapporti tra cervello e funzioni cognitive. Disciplina che studia i rapporti tra il cervello (strutture

Dettagli

Come leggere una diagnosi

Come leggere una diagnosi Come leggere una diagnosi Maristella Scorza Università di Modena e Reggio Emilia maristella.scorza@unimore.it Protocollo Diagnostico La segnalazione La raccolta anamnestica La valutazione clinica L interpretazione

Dettagli

COMITATO PROMOTORE (AID) M. Marchiori, R. Iozzino, E. Savelli, C. Termine, C. Turello

COMITATO PROMOTORE (AID) M. Marchiori, R. Iozzino, E. Savelli, C. Termine, C. Turello COMITATO PROMOTORE (AID) M. Marchiori, R. Iozzino, E. Savelli, C. Termine, C. Turello Associazione Culturale Pediatri Associazione Federativa Nazionale Ottici Optometristi Associazione Italiana Ortottisti

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Direzione Didattica Gioacchino Gesmundo A.A. 2009-2010 Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Secondo incontro- 8/2/2010 Programma: Primo incontro:

Dettagli

Training cognitivo e di riconoscimento delle emozioni in partecipanti con Disturbo dello Spettro Autistico (DSA)

Training cognitivo e di riconoscimento delle emozioni in partecipanti con Disturbo dello Spettro Autistico (DSA) Training cognitivo e di riconoscimento delle emozioni in partecipanti con Disturbo dello Spettro Autistico (DSA) Nicola De Pisapia, Liliana Carrieri, Paola Venuti Laboratorio di Osservazione, Diagnosi

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE 1. SEGNALAZIONE dal Pediatra LS o genitori 2. COLLOQUIO CON I GENITORI: Anamnesi Intervista mirata sui comportamenti nei vari contesti e abitudini

Dettagli

Anno 2008-9: casi singoli. Anno 2009-10: coinvolgimento Scuola Primaria

Anno 2008-9: casi singoli. Anno 2009-10: coinvolgimento Scuola Primaria Ricercare per Fare Storia del progetto Anno 2007-8: la ricerca ha coinvolto 10 bambini con S.Down tra 3-6 anni, genitori e insegnanti di 7 scuole d infanzia. Anno 2008-9: casi singoli. Anno 2009-10: coinvolgimento

Dettagli

Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Via Cavour, 24 Rovigo Direttore: Prof.

Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Via Cavour, 24 Rovigo Direttore: Prof. Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Via Cavour, 24 Rovigo Direttore: Prof. Cesare Cornoldi I prerequisiti dell apprendimento della lettura e della scrittura

Dettagli

AUTISMI LA VALUTAZIONE FUNZIONALE DI SECONDO LIVELLO

AUTISMI LA VALUTAZIONE FUNZIONALE DI SECONDO LIVELLO AUTISMI LA VALUTAZIONE FUNZIONALE DI SECONDO LIVELLO D O T T. S S A D A N I E L A C L A U S E R S. C. N E U R O P S I C H I A T R I A I N F A N T I L E A S L T O 3 Disturbi dello spettro autistico: il

Dettagli

Colloquio clinico in età evolutiva

Colloquio clinico in età evolutiva Colloquio clinico in età evolutiva Le capacità cognitive e il linguaggio dei bambini sono meno sviluppati I bambini e gli adolescenti sono accompagnati dagli adulti, generalmente i genitori, e raramente

Dettagli

WORKSHOP 11 ottobre. Confronto di Esperienze sui Disturbi della Coordinazione Motoria e Disprassia IRCSS SANTA LUCIA: ROMA 11 OTTOBRE 2013

WORKSHOP 11 ottobre. Confronto di Esperienze sui Disturbi della Coordinazione Motoria e Disprassia IRCSS SANTA LUCIA: ROMA 11 OTTOBRE 2013 WORKSHOP 11 ottobre. Confronto di Esperienze sui Disturbi della Coordinazione Motoria e Disprassia IRCSS SANTA LUCIA: ROMA 11 OTTOBRE 2013 Introduzione ai lavori: Stato dell arte sul problema della valutazione

Dettagli