Valutazione delle Funzioni Esecutive nei Disturbi dello Sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione delle Funzioni Esecutive nei Disturbi dello Sviluppo"

Transcript

1 Valutazione delle Funzioni Esecutive nei Disturbi dello Sviluppo Luigi Marotta, IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Roma Claudio Paloscia, Centro di Riferimento ADHD, UONPI ASL, Viterbo Centro Clinico ASTREA

2 FUNZIONI ESECUTIVE E DISTURBI DELLO SVILUPPO Negli ultimi anni lo studio delle Funzioni Esecutive (FE) nei disturbi dello sviluppo (psicopatologia e neuropsicologia dello sviluppo) ha progressivamente assunto un ruolo centrale: per delineare specifici endofenotipi per delineare un adeguato profilo funzionale al fine di determinare una migliore caratterizzazione di questi disturbi ai fini prognostici e riabilitativi.

3 FUNZIONI ESECUTIVE E DISTURBI DELLO SVILUPPO Le FE attraverso la loro capacità di monitorare e regolare il comportamento e i processi cognitivi (Miller 2000) sono un importante predittore del funzionamento adattivo.

4

5

6 DALLA DIAGNOSI AL PROFILO FUNZIONALE Valutazione di I livello (diagnosi) Livello cognitivo Prove standardizzate Valutazione di II livello (profilo funzionale) Componenti percettive Funzionamento linguistico Abilità visuo-spaziali Abilità attentive e mnestiche Funzioni esecutive

7

8 NEUROBIOLOGIA DELLE F.E.

9 SISTEMA SOPRAORDINATO DI CONTROLLO COGNITIVO Una meta-analisi di 193 studi di neuroimaging funzionale neuroimaging per un totale di individui sani (18 60), sottoposti a prove di performance confrontata con condizioni di controllo attivo ha mostrato l esistenza di un sistema di controllo cognitivo sopraordinato che coinvolge un network fronto-cingolo-parietale. Questo perchè, era presente tra le differenti funzioni esecutive esaminate (con differenti prove) un attivazione comune a livello prefrontale, del cingolo anteriore dorsale e della corteccia parietale.

10 FLESSIBILITÀ UN ANALISI DOMINIO SPECIFICA Attivazione delle aree del network: DLPFC (Bs 9, 46), cingulato (BA 32, 24), lobo parietale superiore (BA 7) e inferiore (BA 40). Attivazione in altre aree corticali: prefrontali (BA 6, 10, 11), occipitali (BA 19), temporali (BA 13, 37).

11 INIBIZIONE UN ANALISI DOMINIO SPECIFICA Attivazione nelle aree del network: DLPFC (BA 9, 46), ACC (BA 32) e lobo parietale superiore (BA 7) e inferiore (BA 40). Attivazione in altre aree corticali: prefrontali (BA 6, 10), occipitali (BA 19), e temporali (BA 13). Attivazione in aree sottocorticali: caudato, talamo, putamen, cervelletto.

12 UN ANALISI DOMINIO SPECIFICA WORKING MEMORY Attivazione delle aree del network: DLPFC (BA 9, 46), cingulate (BA 32, 24), lobo parietale (BA 7, 40). Attivazione in altre aree corticali: prefrontale (BA 6, 10), occipitale (BA19), temporale (BA 13, 37) Attivazione in aree sottocorticali: Attivazione in aree sottocorticali: talamo, caudato, putamen, cervelletto

13 LE FE NEI DISTURBI DELL ATTENZIONE: ADHD e Sluggish Cognitive Tempo Tra il 30 e il 50% dei bambini con ADHD presenta un deficit a carico delle funzioni fredde in particolare di: Deficit di inibizione (Coghill et al. 2013; Skogan et al., 2013; Sjovall et al., 2013) Deficit di memoria di lavoro (Alderson et al., 2013; Coghill et al., 2013; Rhodes et al., 2013; Schreiber et al., 2014; Skogan et al., 2013 Sjovall et al., 2013) Eccessiva variabilità della risposta in compiti attentivi (Coghill et al 2013; Sjovall et al., 2013)

14 LE FE NEI DISTURBI DELL ATTENZIONE: ADHD e Sluggish Cognitive Tempo Una compromissione di altre funzioni è presente in circa il 20-30%: Delay aversion (Sonuga-Barke e t al., 2002; Coghill et al. 2013) Decision making (Coghill et. al 2013) Timing (Sonuga-Barke et al., 2010; Coghill et. al 2013; Noreika et al., 2013)

15 LE FE NEI DISTURBI DELL ATTENZIONE: ADHD e Sluggish Cognitive Tempo Le funzioni esecutive sia calde che fredde appaiono essere in relazione con la sintomatologia e l andamento scolastico dei bambini con ADHD (Willicut et al., 2005; Biederman et al., 2004) Nello Sluggish Cognitive Tempo i deficit esecutivi appaiono meno gravi e legati a un deficit di auto-organizzazione e di attenzione sostenuta (Wahlstedt e Bohlin, 2010; Barkley 2013)

16 LE FE NEI DISTURBI DEL LINGUAGGIO: Recenti studi hanno evidenziato: deficit della memoria di lavoro fonologica e visuo-spaziale alterazioni della flessibilità cognitiva impairment della pianificazione verbale e non deficit della risposta inibitoria Deficit di attentional engagement

17 LE FE NEI DISTURBI DEL LINGUAGGIO: La presenza di queste alterazioni, che a volte si configurano come veri e propri deficit, non può non essere considerata nella programmazione del trattamento dei DSL. (Bavin et al., 2005; Marton 2008; Montgomery et al., 2010; Henry et al., 2012; Dispaldro et al., 2012; Jarrad, 2013).

18 LE FE NEI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO: La WM fonologica e visuo-spaziale - valore predittivo sulle abilità di lettura (Gathercole et al., 2004; Swanson e Howell, 2001); - ruolo nella composizione del testo (ma non è certo il ruolo sulle componenti ortografiche e sintattiche), le difficoltà appaiono essere correlate al mantenere e richiamare le rappresentazioni lessicali durante la codifica grammaticale (Kellog et al., 2004; Kellog et al., 2007; Raulerson et al., 2010) cato di un periodo (Caplan e Waters, 1999; Rogalsky e Hickok, 2011)

19 LE FE NEI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO: LA WM visuo-spaziale svolge un ruolo rilevante anche nelle abilità di calcolo (Geary 2004; Geary et al., 2012; Swanson et al., 2001; Szucs et al., 2013; Barnes et al., 2014): - fase di acquisizione del conteggio - acquisizione dei fatti numerici - problem solving matematico

20 LE FE NEI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO: La WM verbale svolge un ruolo significativo nella comprensione del testo attraverso l utilizzo della struttura sintattica per comprendere il significato di un periodo (Caplan e Waters, 1999; Rogalsky e Hickok, 2011) L attenzione visiva spaziale svolge un ruolo significativo nella dislessia (Ruffino et al., 2010), in particolare predice la presenza di difficoltà nell acquisizione della lettura (Franceschini et al., 2012)

21 LE FE NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: I bambini con disturbi dello spettro autistico possono presentare deficit a livello delle FE in particolare della: flessibilità cognitiva (Semrud-Clikeman et al., 2013) flessibilità cognitiva e dell inibizione di una risposta interferente (Pooragha et al., 2013); memoria di lavoro (Barendse et al. 2013) memoria prospettica (Williams et al., 2013)

22 LE FE NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: I deficit riscontrati non sembrano correlati alla patogenesi dell autismo, ma possono influire sugli esiti del trattamento e sull espressione sintomatologica dei comportamenti stereotipati e ripetitivi, in particolare predicono una maggiore frequenza e intensità degli stessi (Lemonda et al., 2012; Lopez et al., 2005). I deficit delle FE correlano con i punteggi del funzionamento adattivo misurati con la Vineland (Gilotty et al., 2002) e con le prestazioni su prove di teoria della mente (Joseph et al., 2004; Williams et al., 2013)

23 LE FE NELLA DISABILITA INTELLETTIVA: I bambini con DI presentano prestazioni esecutive globalmente inferiori ai bambini della stessa età cronologica mentre rispetto ai bambini con la propria età mentale mostrano deficit di : inibizione pianificazione WM non verbale

24 LE FE NELLA DISABILITA INTELLETTIVA: Casi specifici sono rappresentati da: Sindrome di Down: Inibizione (Borella et al., 2013; Hyppolite et al., 2009; Lanfranchi et al., 2010) Memoria di lavoro (Borella et al., 2013; Lanfranchi et al., 2010) Attenzione selettiva e di controllo attentivo (Breckenridge et al., 2013) Shifting e MdL verbale (Costanzo et al. 2012)

25 LE FE NELLA DISABILITA INTELLETTIVA: Sindrome di Williams: Deficit di memoria di lavoro (Breckenridge et al., 2013; Costanzo et al., 2012) Deficit di attenzione selettiva visiva e di controllo attentivo (Breckenridge et al., 2013) Deficit di pianificazione (Costanzo et al., 2012)

26 LE FE NELLA DISABILITA INTELLETTIVA: X-Fragile Deficit di memoria di lavoro prevalentemente fonologica e in parte visuo-spaziale (Baker et al., 2011) Deficit di inibizione (Kran et al., 2014; Sullivan et al., 2007)

27 RIASSUMENDO FUNZIONI DISTURBI DSL SPETTRO DISABILITÀ ESECUTIVE DELL ATTENZIONE AUTISTICO INTELLETTIVA WM X X X X ATT X X X PIA X X INIB X X X X FLEX X X

28 PROPOSTA DI PROTOCOLLO DI PROVE DI VALUTAZIONE DELLE FE NEI DISTURBI DELLO SVILUPPO STRUMENTI DI PERFORMANCE STRUMENTI ECOLOGICI

29 SCALE DI PERFORMANCE E MISURE ECOLOGICHE This measure and its approach to assessing executive function should not be viewed as an alternative to performance-based assessment, but rather as complementary. The two methods should be combined for a more comprehensive understanding of the child s executive function. Where traditional test-based measures of executive function are given to assess more specific components of executive function such as working memory, inhibition, and organization at the molecular level, the rating scale method measures the broader, molar level of function in the child s everyday context. In this model, the ecologically valid assessment of executive dysfunction provides an important bridge toward understanding the impact of the component-level (i.e., test-based) deficits on the child s everyday adaptive functioning. Gioia and Isquith [2004] advocate for an ecologically valid model of executive function assessment that explicitly incorporates two levels of information:(a) specific process components typically defined by clinical tests, and (b) real-world behavioral manifestations of the specific cognitive processes. (Isquith et al., 2005).

30 LA VALIDITÀ ECOLOGICA DI UN TEST 1) Il grado al quale la performance su una prova corrisponde alla performance nel mondo reale, per cui più che descrivere una prova, il termine validità ecologica, descrive le inferenze che derivano dalle performance su di essa (Chaytor and Schmitter-Edgecombe, 2003) 2) Misura della rappresentatività di un test o della corrispondenza tra prova e vita reale e della generalizzabilità della prova, ossia quanto predice i problemi nela vita reale (Burgess et al., 2006)

31 3) Verosomiglianza della prova (quanto la prova produce delle richieste simili a quelle che si verificano nel contesto di vita quotidiano. La validità ecologica può essere misurata dalla sua veridicità ossia dalla correlazione con le misure del funzionamento quotidiano (Franzen and Wilhem, 1996).

32 STRUMENTI DI PERFORMANCE STRUMENTI ECOLOGICI

33 ATTENZIONE Attenzione visiva (NEPSY II; Tr. It.: Urgesi et al., 2011) Attenzione Uditiva e Set di Risposta (NEPSY II) MEMORIA DI LAVORO Funzioni esecutive: batteria 4-5 anni Test di Memoria di lavoro uditivo-verbale (Casalini, Brizzolara, 2002) Test del Giro di Barattoli (Hughes e Ensor, 2005) INIBIZIONE Statua (NEPSY II) Day/Night Stroop(Gerstadt et al., 1994) Luria s Fist and Finger Hand Game (Hughes et al., 1998) FLESSIBILITÀ/SET SHIFTING Modified Card sorting test Dimensional Change Card Sorting Task (Zelazo, 2006) Trails Preschool (Espy e Cwik, 2004) PIANIFICAZIONE Torre di Londra (Sannio Fancello et al., 2006) Tempi 11 minuti 3 minuti 8 minuti 12 minuti 12 minuti 5-8 minuti 75 secondi 75 secondi 3 minuti 5 minuti 15 minuti 15 minuti 10 minuti 5 minuti 30 minuti 30 minuti Totale 1h e 9 minuti

34 ATTENZIONE Funzioni esecutive: batteria 5-6 anni Attenzione visiva (NEPSY II; Tr. It.: Urgesi et al., 2011) Attenzione Uditiva e Set di Risposta (NEPSY II) Tempi 12 minuti 4 minuti 8minuti MEMORIA DI LAVORO Ripetizione di Non Parole (PROMEA, Vicari, 2007) Ripetizione di Non Parole (NEPSY II) Test di Corsi (BVN; Bisiacchi et al., 2005) Statua (NEPSY II) Inibizione (NEPSY II) Day/Night Stroop(Gerstadt et al., 1994) Luria s Fist and Finger Hand Game (Hughes et al., 1998) FLESSIBILITÀ/SET SHIFTING Modified Card sorting test (Sannio Fancello et al., 2003) Dimensional Change Card Sorting Task (Zelazo et al., 2006) Trails Preschool (Espy e Cwik, 2004) PIANIFICAZIONE Torre di Londra (Sannio Fancello et al., 2006) Totale 1h e 8minuti 10 minuti 5minuti 5 minuti 5 minuti 1minuto 1 minuto 7 minuti 5 minuti 3 minuti 15 minuti 15 minuti 10 minuti 5 minuti 30 minuti 30 minuti

35 ATTENZIONE Attenzione visiva (NEPSY II; Tr. It.: Urgesi et al., 2011) Attenzione Uditiva e Set di Risposta (NEPSY II) MEMORIA DI LAVORO Funzioni esecutive: batteria 6-12 anni Ripetizione di Non Parole (NEPSY II) Test di Corsi (BVN; Bisiacchi et al., 2005) INIBIZIONE Inibizione (NEPSY II) Test delle Ranette (BIA; Marzocchi et al., 2010) Stroop numerico (BIA) FLESSIBILITÀ/SET SHIFTING Modified Card Sorting Test (Sannio Fancello et al., 2003) Trail Making Test B (Bisiacchi et al., 1997). PIANIFICAZIONE Torre di Londra (Sannio Fancello et al., 2006) Tempi 12 minuti 4 minuti 8minuti 10 minuti 5minuti 5 minuti 7 minuti/11 minuti 7 minuti 6-7 minuti 5 minuti 20 minuti 15 minuti 5minuti 20 minuti 20 minuti Totale 1h e 12 minuti

36 STRUMENTI DI PERFORMANCE STRUMENTI ECOLOGICI

37 BRIEF PRESCOLARI (Gerard et al., 2003; adattamento italiano di Marano et al.2013) Questionario compilato dai genitori, dagli insegnanti o da altri caregivers costituito da 63 item; età 2-5 anni e 11 mesi 5 scale che formano un indice definito Global Executive

38

39

40 BRIEF-P e misure di performance Mahone e Hoffman, 2007 Campione di 50 bambini tra i 36 e 71 mesi (25 casi e 25 controlli) Punteggi più alti dei bambini con ADHD (p <.01) su: - tutte le 5 scale primarie (Inhibit, Shift, Emotional Control, Working Memory, Plan/Organize) - sui 4 indici all four indices (Inhibitory Self Control, Flexibility, Emerging Metacognition, General Executive Composite) L effect size maggiore sulla scala WM Il confronto tra correlazioni parziali delle medie del BRIEF-P e 8 scale delle EF e le correlazioni parziali delle medie tra BRIEF-P e le tre scale non esecutive non mostrava differenze significative - Correlazioni parziali tra BRIEF-P e EF: basso-moderato (ns) - Correlazioni parziali tra BRIEF-P e non EF: ns

41 Si ringrazia tutto il Team della U.O.C. di Neuropsichiatria Infantile dell IRCSS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Stefano Vicari, Deny Menghini, Giovanni Valeri, Floriana Costanzo e tanti altri ancora

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

FUNZIONI ESECUTIVE E RIABILITAZIONE IN ETA EVOLUTIVA

FUNZIONI ESECUTIVE E RIABILITAZIONE IN ETA EVOLUTIVA FUNZIONI ESECUTIVE E RIABILITAZIONE IN ETA EVOLUTIVA 23 e 24 maggio 2014 Eva Benso Lara Masoero Caterina Pacilli ocosa sono le funzioni esecutive ocenni di neuroanatomia omodelli neuropsicologici di riferimento

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

dell adolescente: dai pregiudizi alle evidenze scientifiche

dell adolescente: dai pregiudizi alle evidenze scientifiche I disturbi psichici del bambino e dell adolescente: dai pregiudizi alle evidenze scientifiche Stefano Vicari Unità di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza, Dipartimento di Neuroscienze Breve

Dettagli

Working Memory motore di ricerca dell apprendimento Un contributo dalle Neuroscienze Nevegal Luglio 2012

Working Memory motore di ricerca dell apprendimento Un contributo dalle Neuroscienze Nevegal Luglio 2012 Working Memory motore di ricerca dell apprendimento Un contributo dalle Neuroscienze Nevegal Luglio 2012 Dr. Mauro Felletti, Neurologia dello Sviluppo, mauro. felletti@libero. it La memoria Il termine

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition

Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition Autori Alan S. Kaufman e Nadeen L. Kaufman Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 anni a 18 anni e 11 mesi Tempo di somministrazione Subtest

Dettagli

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Per ulteriori informazioni sui FIL: Cap. 9 del volume a cura di Cesare

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento Percorso di Formazione Dall autismo all integrazione socio-lavorativa Organizzato da: AGSAV ONLUS Associazione Genitori

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A Da consegnare agli insegnanti per comprendere la diagnosi e utilizzare i dati emersi per la compilazione del PDP. VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A 1 Elenco dei soggetti autorizzati

Dettagli

tizianamuzio@libero.it tiziana.muzio.832@psypec.it MZUTZN80R70I693G P.IVA 01826240994 Nazionalità

tizianamuzio@libero.it tiziana.muzio.832@psypec.it MZUTZN80R70I693G P.IVA 01826240994 Nazionalità C U R R I C U L U M V I T A E D O T T. S S A T I Z I A N A M U Z I O Informazioni personali Nome/Cognome Indirizzo TIZIANA MUZIO VIA DI MONTESANO 4/8 GENOVA Telefono 347 9690257 E-mail P.E.C. C.F. tizianamuzio@libero.it

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

4. L INTERVENTO RIABILITATIVO «PROCESS ORIENTED»

4. L INTERVENTO RIABILITATIVO «PROCESS ORIENTED» 4. L INTERVENTO RIABILITATIVO «PROCESS ORIENTED» Annalisa Risoli e Manuela Capettini doi: 10.7359/736-2015-cape 4.1. L intervento «process oriented» L approccio riabilitativo process oriented è parte costitutiva

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)?

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Si parla di disturbi specifici di apprendimento (dsa) nel caso in cui il soggetto indenne da problemi di ordine cognitivo, neurologico, sensoriale, presenti

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

Associazione Italiana per i Disturbi dell'attenzione e Iperattività (A.I.D.A.I.)

Associazione Italiana per i Disturbi dell'attenzione e Iperattività (A.I.D.A.I.) 1^ lezione "Le abilità di autoregolazione cognitiva e comportamentale nell'alunno". 1. Caso tipico di ADHD Paolo ha nove anni, frequenta la quarta elementare e da qualche tempo il suo comportamento è stato

Dettagli

UNA GUIDA PER GLI OPERATORI DEGLI ASILI NIDO

UNA GUIDA PER GLI OPERATORI DEGLI ASILI NIDO DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO UNA GUIDA PER GLI OPERATORI DEGLI ASILI NIDO A CURA DI Lorenza Latoni Giuseppe Maurizio Arduino Daniela Bulgarelli

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO Roma, 1 2 o9obre 2010 CONVEGNO QUANDO I CONTI NON TORNANO Modelli neuropsicologici e riabilitazione della discalculia LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Responsabile del corso: Prof.ssa Letizia Sabbadini Razionale La disprassia verbale evolutiva. La disprassia verbale evolutiva

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Le valutazione neuropsicologica. Camillo Marra Clinica della Memoria

Le valutazione neuropsicologica. Camillo Marra Clinica della Memoria Le valutazione neuropsicologica Camillo Marra Clinica della Memoria Roma 19.3.2015 Affidabilità del test neuropsicologico nella diagnosi differenziale di demenza Lo studio dei profili quantitativi e qualitativi

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A.

LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A. Laboratorio di Epidemiologia e Neuroimaging e UO Alzheimer IRCCS San Giovanni di Dio - FBF LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A. Marina Boccardi

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

DISTURBI E DIFFICOLTA DEL CALCOLO E DELLA SOLUZIONE DI PROBLEMI: LINEE GUIDA PER LA SCUOLA (definizioni, strumenti e strategie)

DISTURBI E DIFFICOLTA DEL CALCOLO E DELLA SOLUZIONE DI PROBLEMI: LINEE GUIDA PER LA SCUOLA (definizioni, strumenti e strategie) CENTRO REGIONALE DI RICERCA E SERVIZI EDUCATIVI PER LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA e-mail: martina.pedon@gmail.com; martina.pedron@edimargroup.com DISTURBI E DIFFICOLTA

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Bambini e ragazzi con problemi di attenzione e iperattività

Bambini e ragazzi con problemi di attenzione e iperattività 1. Introduzione Bambini e ragazzi con problemi di attenzione e iperattività di: Ivano Gagliardini - Emilia Conti Psicologo-Psicoterapeuta // Insegnante Specializzata Negli ultimi anni, con una frequenza

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Comunicazione e Linguaggio nei Disturbi dello Sviluppo

Comunicazione e Linguaggio nei Disturbi dello Sviluppo Parma, 15 Dicembre 2009 Comunicazione e Linguaggio nei Disturbi dello Sviluppo Dott.ssa Erica Santelli Disturbo Autistico L Autismo è definito come una Sindrome comportamentale causata da un disordine

Dettagli

Scelta dei Test per la Valutazione delle Funzioni Esecutive Analisi Critica e Valutazione Qualitativa

Scelta dei Test per la Valutazione delle Funzioni Esecutive Analisi Critica e Valutazione Qualitativa Scelta dei Test per la Valutazione delle Funzioni Esecutive Analisi Critica e Valutazione Qualitativa Giovannina Conchiglia Clinica Villa Camaldoli Napoli Reparto Neurologia Comportamentale giopsico@libero.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ESPERIENZE CHE INSEGNANO IL FUTURO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI GUIDA ALLA NUOVA NORMATIVA AA. VV. AGOSTINO MIELE Il presente volume nasce dall esperienza maturata all interno dell Istituto Tecnico per il

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass I Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Rouame Abdelaziz Indirizzo(i) 7, via S. Andrea, 48022, Lugo di Romagna, Italia Telefono(i) 051 6597766/ 0545 24698 Mobile: 3282119380

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

La scala COM Un agile strumento per l evidenziazione da parte dell insegnante di problematiche associate al disturbo di attenzione/iperattività

La scala COM Un agile strumento per l evidenziazione da parte dell insegnante di problematiche associate al disturbo di attenzione/iperattività La scala COM Un agile strumento per l evidenziazione da parte dell insegnante di problematiche associate al disturbo di attenzione/iperattività Cornoldi, C., Molin, A., & Marcon, V. (2004). Il Questionario

Dettagli

COSTRUIRE IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO:

COSTRUIRE IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO: Accordo di programma L.285/97 az. 4: Comuni di Monza, Lissone, Biassono, Sovico, Vedano al Lambro, Villasanta UONPIA Unità Operativa di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Associazione Capirsi

Dettagli

Raccolta dati a cura di Stefano Comi. Fonti internet: Animali e personaggi da favola sono stati disegnati da F. C., bambina affetta da autismo,

Raccolta dati a cura di Stefano Comi. Fonti internet: Animali e personaggi da favola sono stati disegnati da F. C., bambina affetta da autismo, Raccolta dati a cura di Stefano Comi Fonti internet: Associazione Nazionale Genitori Soggetti Artistici Lombardia onlus Animali e personaggi da favola sono stati disegnati da F. C., bambina affetta da

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Come cambiano i bisogni: dall integrazione degli alunni con disabilità all inclusione dei molti alunni con bisogni educativi speciali Dario Ianes

Come cambiano i bisogni: dall integrazione degli alunni con disabilità all inclusione dei molti alunni con bisogni educativi speciali Dario Ianes Come cambiano i bisogni: dall integrazione degli alunni con disabilità all inclusione dei molti alunni con bisogni educativi speciali Dario Ianes Ciò che caratterizza gli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Dettagli

Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento

Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento - UNITà DIDATTICHE ON LINE - Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento Per Psicologi, Insegnanti, Tecnici della Riabilitazione - PARTE SECONDA

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli