precoce SEN Pathfinder UK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "precoce SEN Pathfinder UK"

Transcript

1 Parent Training : Strategia primaria di intervento precoce Lalli Gualco Howell SEN Pathfinder UK

2 Parent training visto come prima strategia d intervento precoce: Il lavoro non inizia con il bambino b ma con la famiglia. Non ci sono bambini bi i speciali ma famiglie speciali (Greenspan)

3 Obiettivi del programma Informativo sulla diagnosi e sulla peculiarità di ciascun bambino Insegna ai genitori i principi di un intervento precoce efficace usando metodi che siano adatti ai bisogni del bambino e che possano essere facilmente implementati nella vita di tutti i giorni i Creare una situazione a casa di adattamento che comprenda l implemento di routine, strategie di comunicazione e del comportamentoper t creare un ambiente più sereno per tuttatt

4 Obiettivi del programma Creare un EIP (Piano di intervento precoce) basato sugli ultimi risultati di ricerca che abbracci aspetti della comunicazione, interazione comportamento e autonomie del bambino Provvedere ad un ambiente strutturato ed ad un processo di sostegno per una transizione di successo nella scuola. Il sociale è determinante durante questa fase.

5 La ricerca Se sosteniamo i genitori permettiamo loro di sviluppare le tecniche necessarie da usare con il bambino (Ingersoll and Gergans, 2007) I genitori aiutano i propri bambini a comunicare in modo più efficace, ad usare più parole, e il linguaggio spontaneo. (Gilbert and LeBlanc, 2007)

6 La ricerca I genitori possono contribuire ad un maggiore sviluppo delle interazioni i isociali. (Aldredd et al., 2004) I genitori riescono a migliorare l attenzione condivisa del bambino. (Rocha et al, 2007) I genitori contribuiscono a migliorare le abilità imitative del bambino e lo sviluppo del gioco simbolico. (Gillett and LeBlanc, 2007)

7 La ricerca Miglioramenti i nelle funzioni isocio emotive i da un anno dal corso. (Mahoney & Perales, 2003). Cambiamenti nelle risposte sociali dei genitori in correlazione a cambiamenti nel comportamento sociale del bambino. Cambiamenti nelle abilità socio comunicative da un anno dal corso (Wetherby & Woods, 2006) Abilità comunicative più alte del gruppo di controllo all età di 3 anni. Miglioramenti significativi nell interazione sociale, nel linguaggio gg espressivo, e iniziazione rispetto al gruppodi controllo ad un anno dal corso. (Aldred et al., 2004)

8 La ricerca Il Parent training i è forse il miglior modo in termini economici di provvedere ad un intervento immediato facile da generalizzare a molti aspetti della vita del bambino. (Coolican et al, 2010)

9 Come aiutare i genitori I genitori hanno il DIRITTO di partecipare a corsi di Parent Training o corsi di informazione specifica al momento della diagnosi o per lo meno odi avere ela scelta. Comunque C è bisogno di più studi e ricerca in questo campo

10 I vantggi del Parent Training Aiuta i bambini a generalizzare e a mantenere le abilità acquisite in quanto l apprendimento non si limita alla stanza terapeutica ma viene implementato in tutti gli aspetti della vita quotidiana del bambino ( autonomie, gioco, comunicazione, i comunità) ià)

11 Vantaggi Genitori preparati offrono una terapia quotidiana, specialmente quando il bambino è ancora piccolo e non va ancora a scuola. Nessuno conosce bene il bambino come I genitori e questo aumenta l efficacia dell intervento.

12 Vantaggi E importante formare i genitori perchè imparino ad usufruire degli interessi e le motivazioni del bambino nella quotidianità per sviluppare le abilità del gioco e delle interazioni sociali. Inoltre genitori formati possono sostiture molte ore di terapia, rendendo l intervento molto valido dal punto di vista economico. (Wong et al, 2010)

13 Vantaggi Il Parent training diminuisce lo stress e migliora la qualità di vita della famiglia. L aiuto esterno inoltre è molto meno efficace se la famiglia è sotto stress. Se vogliamo aiutare I bambini dobbiamo assolutamente aiutare la famiglia

14 Vantaggi I genitori possono incominciare il lavoro con i propri figli prima che intervengano i servizi A quel punto il bambino entra in terapia pronto ad apprendere, e a sua volta l ambiente a casa è tale da massimizzare l aiuto esterno.

15 Il programma Il Manuale: 1. Le teorie dell autismo 2. La comunicazione i 3. Strategie ed interventi 4. Materiale e risorse 5. Il comportamento

16 Il programma 6 incontri di 3 4 ore al centro 3 incontri a casa per I filmati Questionari Base line per la valutazione 6 mesi di follow up

17 Base line questionnaires Social Communication Questionnaire (SCQ) Depression Anxiety and Stress Scale (DASS 21) Quality of Life in ASD (QoLA)

18 La didattica Il Manuale Lezioni didattiche Esempi in video Discussioni di gruppo Compito a casa

19 I genitori hanno l opportunità di fare pratica attraverso role play e ricevono feedback

20 Organizzazione del programma Brochure post diagnosi I genitori sono invitati ad un incontro iniziale di presentazione del programma I genitori interessati firmano il contratto di partecipazione al corso

21 Prima visita a casa Il bambino viene filmato a casa per 5 minuti durante un interazione sociale con un genitore Ciascuna clip viene presentata al primo giorno del corso cosicchè tutti i genitori conoscano ciascun bambino

22 Il rompighiaccio Essere genitori di un bambino autistico richiede flessibilità, creatività e soprattutto un forte desiderio di cambiare.

23 Perchè spettro autistico Il perchè sta nella enorme variabilità in Abilità cognitive Sviluppo socio emotivo Abilità socio comunicative Abilità motorie Processi sensoriali

24 Alla fine di ogni incontro Dove si trova ogni bambino in rispetto di: Difficoltà sociali Difficoltà socio comunicative Repertoire ristretti Difficoltà sensoriali Teoria della Mente Funzioni esecutive

25 Caratteristiche di comportamento Ossessività/Compulsività i i i à Auto stimolazioni i i Aggressività ità Passività Auto aggressività

26 Alla fine del corso Diplomi di conclusione Supervisione mensile Consegna alla scuola

27 Next step Il nuovo Parent Training con i genitoriformatori The insiders Guide

Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative

Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative Stefano Cainelli Laboratorio di Osservazione Diagnosi Formazione

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

AUTISMO E ABA. Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS

AUTISMO E ABA. Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS AUTISMO E ABA Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS L AUTISMO L autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, biologicamente determinato, con esordio nei primi 3 anni di vita.

Dettagli

L intervento logopedico nei Disturbi dello Spettro Autistico

L intervento logopedico nei Disturbi dello Spettro Autistico Nuova ARTEC - Formazione professionale identificativo provider 503 Sistema di gestione qualità UNI EN ISO 9001:2008 certificato da Certiquality L intervento logopedico nei Disturbi dello Spettro Autistico

Dettagli

DOPO LA DIAGNOSI Intervento di parent-training per i genitori di pazienti affetti da Autismo o Disturbo Generalizzato di Sviluppo (D.G.S.

DOPO LA DIAGNOSI Intervento di parent-training per i genitori di pazienti affetti da Autismo o Disturbo Generalizzato di Sviluppo (D.G.S. XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Ospedali e Servizi Sanitari per la Promozione della Salute Reggio Emilia 24-26 settembre 2009 DOPO LA DIAGNOSI Intervento di parent-training per i genitori di pazienti

Dettagli

Una scuola in-formata

Una scuola in-formata Una scuola in-formata La cura per eccellenza per le persone con autismo è l EDUCAZIONE (E.Micheli) Mireya Moyano Educare una persona con Autismo È un azione complessa che richiede una progettualità di

Dettagli

AUTISMO : COME E COSA FARE

AUTISMO : COME E COSA FARE AUTISMO : COME E COSA FARE Quale formazione? Florinda Ferrara Psicologa 25/09/2015 Obiettivi del corso Introdurre alla problematica dell autismo e del suo trattamento Offrire stimoli per la programmazione

Dettagli

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita Maria Caccetta Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe Guida Gratuita Mi presento Ciao mi chiamo Maria Caccetta, sono una psicologapsicoterapeuta con formazione cognitivo-comportamentale.

Dettagli

Aiutare i bambini che hanno la possibilitàdi sviluppare le caratteristiche dello spettro autistico. Pescara, 27.02.2014

Aiutare i bambini che hanno la possibilitàdi sviluppare le caratteristiche dello spettro autistico. Pescara, 27.02.2014 Aiutare i bambini che hanno la possibilitàdi sviluppare le caratteristiche dello spettro autistico Pescara, 27.02.2014 16 bambini Ogni bambino ha una terapista di riferimento ed effettua 6 ore di trattamento

Dettagli

L ASSOCIAZIONE. Forma i terapisti alle metodologie cognitivo-comportamentali.

L ASSOCIAZIONE. Forma i terapisti alle metodologie cognitivo-comportamentali. L ASSOCIAZIONE Si prende cura dei bambini autistici dai 2 ai 14 anni, mediante percorsi cognitivocomportamentali, personalizzati e intensivi per migliorare la qualità della loro vita subito e per il futuro.

Dettagli

Parent training per l ADHD

Parent training per l ADHD Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Parent training per l ADHD Programma CERG: sostegno cognitivo, emotivo e relazionale dei

Dettagli

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE 1. SEGNALAZIONE dal Pediatra LS o genitori 2. COLLOQUIO CON I GENITORI: Anamnesi Intervista mirata sui comportamenti nei vari contesti e abitudini

Dettagli

EFFICACIA DELL INTERVENTO E STRATEGIE PSICOEDUCATIVE STRUTTURATE CON BAMBINI NELLO SPETTRO AUTISTICO

EFFICACIA DELL INTERVENTO E STRATEGIE PSICOEDUCATIVE STRUTTURATE CON BAMBINI NELLO SPETTRO AUTISTICO Diocesi di Tortona Ente di Diritto Ecclesiastico Centro PAOLO VI o.n.l.u.s. CENTRO DI RIABILITAZIONE EXTRAOSPEDALIERA CASALNOCETO (AL) EFFICACIA DELL INTERVENTO E STRATEGIE PSICOEDUCATIVE STRUTTURATE CON

Dettagli

CHI SONO I BAMBINI CON DISTURBO GENERALIZZATO DELLO SVILUPPO PATRIZIA REBUZZI

CHI SONO I BAMBINI CON DISTURBO GENERALIZZATO DELLO SVILUPPO PATRIZIA REBUZZI CHI SONO I BAMBINI CON DISTURBO GENERALIZZATO DELLO SVILUPPO PATRIZIA REBUZZI Essere autistici non significa non essere umani, ma essere diversi. Quello che è normale per altre persone non

Dettagli

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Dalla Diagnosi Funzionale al PEI Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Effetti del non Valutare Sopravvalutare Problemi di comportamento (isolamento) Sottovalutare

Dettagli

Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare

Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare All interno di un approccio a base relazionale Nella cornice di un affetto fortemente positivo Per programmi

Dettagli

Le tecniche di educazione speciale

Le tecniche di educazione speciale Le tecniche di educazione speciale P.Venuti Laboratorio di Osservazione e Diagnostica FunzionaleDISCoF- Università di Trento www.odflab.unitn.it Progetto di formazione I disturbi dello spettro autistico

Dettagli

Gruppi di abilità sociali con bambini con disturbo dello spettro autistico: una ricerca-intervento

Gruppi di abilità sociali con bambini con disturbo dello spettro autistico: una ricerca-intervento Gruppi di abilità sociali con bambini con disturbo dello spettro autistico: una ricerca-intervento UONPIA Ospedali Civili di Brescia Università di Milano Bicocca La ricerca Obiettivo Monitorare gli eventuali

Dettagli

Analisi del Comportamento Applicata ai disturbi dello Spettro Autistico

Analisi del Comportamento Applicata ai disturbi dello Spettro Autistico Analisi del Comportamento Applicata ai disturbi dello Spettro Autistico Elena Clò, BCBA Pane e Cioccolata Associazione Culturale per Comune di Bologna Ottobre-Novembre 2015 Programma degli incontri 29

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio 178 Interviews Interviste Intervjuoj 5 luglio 2011 Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio Intervista a Maria Teresa Guasti Mauro Viganò Presentazione Maria Teresa Guasti è professore ordinario

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

Autismo: un futuro possibile. fra aspirazioni e realtà

Autismo: un futuro possibile. fra aspirazioni e realtà Autismo: un futuro possibile fra aspirazioni e realtà Dalla diagnosi all accettazione vera Un esperienza fra le più devastanti per un genitore ( IRCS Medea _ carico di sofferenza per le famiglie ) La collaborazione

Dettagli

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico COD. 3008 Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico Dal 2007 la Provincia di Milano, in collaborazione con il Coordinamento Autismo,

Dettagli

Il gioco e la Video Intervention Therapy

Il gioco e la Video Intervention Therapy Il gioco e la Video Intervention Therapy Relazione sul corso di formazione in Video Intervention Therapy svoltosi a Roma nei giorni 17-18- 19 Novembre 2011, condotto dal dott. George Downing, sul tema:

Dettagli

12/05/2014. Dott.ssa Elena Gorini psicologa

12/05/2014. Dott.ssa Elena Gorini psicologa I DGS sono caratterizzati da : deficit nell interazione sociale difficoltà di comunicazione Un repertorio ristretto, rigido e ripetitivo di attività, interessi e comportamenti Dott.ssa Elena Gorini psicologa

Dettagli

L Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili di Fondazione Sospiro:

L Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili di Fondazione Sospiro: L Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili di Fondazione Sospiro: Marilena Zacchini Referente Servizio Psicoeducativo Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili Fondazione Sospiro

Dettagli

Centro per l Età Evolutiva

Centro per l Età Evolutiva Centro per l Età Evolutiva Studio Associato di Psicologia Clinica Formazione Ricerca CHI SIAMO Il Centro per l Età Evolutiva è uno Studio Associato di Psicologia che ha sede a Bergamo e svolge la propria

Dettagli

Presentazione del Bando per la promozione di iniziative sperimentali per sviluppare una rete di interventi e opportunità a favore

Presentazione del Bando per la promozione di iniziative sperimentali per sviluppare una rete di interventi e opportunità a favore Presentazione del Bando per la promozione di iniziative sperimentali per sviluppare una rete di interventi e opportunità a favore delle persone autistiche e delle loro famiglie in esecuzione della DGR

Dettagli

Autismo e Disturbi pervasivi dello Sviluppo

Autismo e Disturbi pervasivi dello Sviluppo Corso Prima formazione su Autismo e Disturbi pervasivi dello Sviluppo Giuseppe Maurizio ARDUINO Torino, 1 ottobre 2009 Alcuni punti fermi dell intervento educativo Obiettivi generali dell intervento Gli

Dettagli

Progetto: Inclusione Lavorativa per Soggetti con Autismo

Progetto: Inclusione Lavorativa per Soggetti con Autismo Progetto: Inclusione Lavorativa per Soggetti con Autismo Introduzione. Nel corso degli ultimi decenni il concetto e la definizione di disabilità hanno subito una profonda revisione, influenzando inevitabilmente

Dettagli

I Disturbi del Neurosviluppo

I Disturbi del Neurosviluppo Giornata Mondiale per la consapevolezza dell Auismo Sala della Protomoteca - Campidogio Istituto Superiore di Sanità 2 aprile 2014 I Disturbi del Neurosviluppo hanno una prevalenza circa del 12%. possono

Dettagli

NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale

NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale L autismo è una sindrome comportamentale, causata da un disordine dello sviluppo neurobiologico che colpisce la comunicazione e l interazione sociale,

Dettagli

Autismo e età adulta: epidemiologia e iniziative formative nel territorio vicentino

Autismo e età adulta: epidemiologia e iniziative formative nel territorio vicentino Autismo e età adulta: epidemiologia e iniziative formative nel territorio vicentino Dott.ssa Annalisa Menegolo Responsabile S.S.D.Disabilità ULSS 3 25 Settembre 2015 1 FONDAZIONE BRUNELLO Gruppo Provinciale

Dettagli

L AUTISMO VIAGGIA IN TANDEM. Dott.ssa Lorenza Fontana Coordinatore pedagogico del Centro per l autismo di Novara

L AUTISMO VIAGGIA IN TANDEM. Dott.ssa Lorenza Fontana Coordinatore pedagogico del Centro per l autismo di Novara L AUTISMO VIAGGIA IN TANDEM Dott.ssa Lorenza Fontana Coordinatore pedagogico del Centro per l autismo di Novara Essere autistici non significa non essere umani, ma essere diversi. Quello che è normale

Dettagli

Descrizione sintetica del progetto

Descrizione sintetica del progetto 1 PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO DI COUNSELING EDUCATIVO/ABILITATIVO A FAVORE DI SOGGETTI CON AUTISMO E DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO Descrizione sintetica del progetto Progetto sperimentale

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

Vittoria Ivest Nuoto

Vittoria Ivest Nuoto Corso di Terapia Multisistemica in Acqua metodo Maietta Torino 2014 Per bambini affetti da disturbi dello spettro autistico e dell età evolutiva Responsabili Scientifici Paolo Maietta, Sergio Gatto Vittoria

Dettagli

Informazioni personali. Istruzione e formazione. Via Ronchi 24, 20134, Milano, Italia Cellulare +39 340 4876657 gaia.pasculli@live.

Informazioni personali. Istruzione e formazione. Via Ronchi 24, 20134, Milano, Italia Cellulare +39 340 4876657 gaia.pasculli@live. Informazioni personali Nome / Cognome Gaia Pasculli Indirizzo Via Ronchi 24, 20134, Milano, Italia Cellulare +39 340 4876657 E-mail gaia.pasculli@live.com Cittadinanza Italiana Data di nascita 08/06/1984

Dettagli

PERCORSO AUTISMO Ausl di Bologna Approvato dal CUFO Autismo il 15/6/2011

PERCORSO AUTISMO Ausl di Bologna Approvato dal CUFO Autismo il 15/6/2011 ALLEGATO 1 PERCORSO AUTISMO Ausl di Bologna Approvato dal CUFO Autismo il 15/6/2011 1. Il Gruppo di Lavoro Il gruppo CUFO Autismo che ha definito il Percorso Autismo è composto da: Angelo Fioritti (direttore

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Informazioni sulla Scuola Quadriennale di Formazione in Psicoterapia Integrata della SIPI (Società Italiana di Psicoterapia Integrata)

Informazioni sulla Scuola Quadriennale di Formazione in Psicoterapia Integrata della SIPI (Società Italiana di Psicoterapia Integrata) Informazioni sulla Scuola Quadriennale di Formazione in Psicoterapia Integrata della SIPI (Società Italiana di Psicoterapia Integrata) Nome della scuola come approvata dal Ministero dell Istruzione, dell

Dettagli

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo Le storie sociali Francesca Vinai e Clea Terzuolo . Qual è il punto di forza delle Storie Sociali??? PENSIERO VISIVO Uso di strategie visive migliora la comprensione, lo svolgimento delle attività, ma

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori

Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori Carta dei Servizi sede operativa via Roma, 36 SPINADESCO edizione luglio 2013 SOMMARIO CARTA DEI SERVIZI pag. 1 Dove siamo 06 2 Informazioni

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Novembre 2007 Gennaio 2008 M. Gibertoni, R. Padovani Centro per l Autismo, ASL di Modena Comportamento problema:

Dettagli

ABA, metodologia educativa per favorire la piena Integrazione ed Interazione di soggetti diversamente abili

ABA, metodologia educativa per favorire la piena Integrazione ed Interazione di soggetti diversamente abili ABA, metodologia educativa per favorire la piena Integrazione ed Interazione di soggetti diversamente abili 1 Presenza dell'impegno economico della scuola richiedente volto a sostenere economicamente il

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 1 e 2 dr.ssa Raffaella Faggioli Introduzione ADOS Osservazione diretta dei comportamenti del soggetto in situazione di pressing sociale Osservazione

Dettagli

un abbraccio solidale all autismo CARTA DEI SERVIZI Il Cerchio Der Kreis ONLUS

un abbraccio solidale all autismo CARTA DEI SERVIZI Il Cerchio Der Kreis ONLUS un abbraccio solidale all autismo CARTA DEI SERVIZI Il Cerchio Der Kreis ONLUS INDICE Premessa 1 1. I servizi che offriamo 2 2. Organigramma 5 3. Valutazione della qualità 7 4. Come accedere al servizio

Dettagli

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA Tesi di Laurea: nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie RELATORE:

Dettagli

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI Che cos è la LOGOPEDIA? Chi è il LOGOPEDISTA? I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI Attività di logopedia domiciliare Logopedista Valentina Padoan La logopedia

Dettagli

BAMBINI E ADULTI CON AUTISMO: LA RELAZIONE CON IL SOCCORRITORE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA. Odette Copat Fondazione Bambini e Autismo ONLUS

BAMBINI E ADULTI CON AUTISMO: LA RELAZIONE CON IL SOCCORRITORE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA. Odette Copat Fondazione Bambini e Autismo ONLUS Soccorso e persone con esigenze speciali: esperienze a confronto. Roma, 11 dicembre 2014 33170 Italy PN BAMBINI E ADULTI CON AUTISMO: LA RELAZIONE CON IL SOCCORRITORE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Odette

Dettagli

UN PARAGONE TRA MODELLI ABA E RDI

UN PARAGONE TRA MODELLI ABA E RDI curiousmindsbc.com/assets/2/.../therapy_comparison and_.pdf UN PARAGONE TRA MODELLI E Terapia contro Stile di vita In genere con l i genitori assumono uno staff che lavori con il proprio bambino. Questi

Dettagli

LO SVILUPPO DI COMPETENZE PERSONALI: NUMERO E SPAZIO

LO SVILUPPO DI COMPETENZE PERSONALI: NUMERO E SPAZIO LO SVILUPPO DI COMPETENZE PERSONALI: NUMERO E SPAZIO Il corpo è il mezzo attraverso il quale il bambino è capace di effettuare conoscenze, di esprimere emozioni, di attuare continui confronti in rapporto

Dettagli

DevOnD. Development On Demand. Coaching

DevOnD. Development On Demand. Coaching DevOnD Development On Demand Coaching Introduzione Cos e' l Individual Coaching? Il termine coach deriva dall inglese coche e allude all idea di trasporto. È una tecnica che facilita la realizzazione di

Dettagli

Laboratorio teatrale Piero Gabrielli Roma M.I. Sarti, L. Bertoletti e R. Gandini. TERRA INCOGNITA il teatro esplora l autismo

Laboratorio teatrale Piero Gabrielli Roma M.I. Sarti, L. Bertoletti e R. Gandini. TERRA INCOGNITA il teatro esplora l autismo Laboratorio teatrale Piero Gabrielli Roma M.I. Sarti, L. Bertoletti e R. Gandini TERRA INCOGNITA il teatro esplora l autismo 1 https://www.youtube.com/watch?v=cxa13kh3 jpu&spfreload=10 LINK DEL PROMO GIOCHI

Dettagli

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA AUTISMO Il termine autismo identifica una disabilità permanente complessa, di natura neurobiologica, che si manifesta ed è identificabile nella prima infanzia sulla base di difficoltà di comunicazione,

Dettagli

ICF. Classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute. - Trento : Erickson, 2002 234 p.

ICF. Classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute. - Trento : Erickson, 2002 234 p. CATALOGO TECNOLOGIA E SCIENZE APPLICATE Laboratorio delle attività artistiche. - Trento : Erickson, 2007 224 p. Scienze mediche. Medicina Fisiologia umana ICF Versione breve. - Trento : Erickson, 2004

Dettagli

Dott.ssa Valentina Spagone

Dott.ssa Valentina Spagone Dott.ssa Valentina Spagone 1. Aumentare comportamenti e abilità adattivi 2. Facilitare l apprendimento di nuove abilità 3. Mantenere comportamenti adattivi 4. Estendere e generalizzare comportamenti e

Dettagli

INSEGNARE IL VERBAL BEHAVIOR IN AMBIENTE NATURALE

INSEGNARE IL VERBAL BEHAVIOR IN AMBIENTE NATURALE INSEGNARE IL VERBAL BEHAVIOR IN AMBIENTE NATURALE QUAL È L'INSEGNAMENTO AMBIENTE NATURALE (NET)? Il NET non è strutturato e utilizza la motivazione dello studente e le attività e non è il tutor o insegnante

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

I Disturbi dello spettro autistico

I Disturbi dello spettro autistico Ravenna 18 novembre 2010 La comunicazione recettiva nei bambini con ASD. Strategie visive per il supporto alla comprensione Angelica Rossi - psicologa - Centro Autismo e DPS Ravenna Elisa Cancellieri -

Dettagli

Clinical Practise Guidelines Against ABA approach. Da pag 20 a pag 22 Le linee guida sull autismo pubblicate nel 2000 e emesse dall ICDL Clinical Practice Guidelines Workgroup dedicano una parte del documento

Dettagli

La rete di intervento nelle Marche: l'aidai CENTRO PSICO PEDAGOGICO.

La rete di intervento nelle Marche: l'aidai CENTRO PSICO PEDAGOGICO. La rete di intervento nelle Marche: l'aidai CENTRO PSICO PEDAGOGICO. L'AIDAI, Associazione Italiana Disturbi Attenzione e Iperattività è un'organizzazione senza scopi di lucro costituita da operatori clinici

Dettagli

Esperienza professionale svolta all interno dell equipe autismo dell Uonpia di Mantova (tematiche trattate)

Esperienza professionale svolta all interno dell equipe autismo dell Uonpia di Mantova (tematiche trattate) Esperienza professionale svolta all interno dell equipe autismo dell Uonpia di Mantova (tematiche trattate) - Descrizione e obiettivo degli interventi nelle scuole - La complessità nel dare risposte utili

Dettagli

10, 100, 1000 PASSI PER I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO

10, 100, 1000 PASSI PER I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO 10, 100, 1000 PASSI PER Il progetto Il Progetto 10, 100, 1000 passi per i DSL nasce dalla riflessione che la Giornata Europea consente di mettere sotto i riflettori una tematica professionale variamente

Dettagli

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Curriculum Studi Dott.ssa Romina Oppici Nata a Biella (BI) il 03/01/1984 Psicologa Clinica Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Esperienza professionale 12/1/2015 Conduzione

Dettagli

ASSISTENTE DI DIREZIONE

ASSISTENTE DI DIREZIONE GESTIONE AZIENDALE ASSISTENTE DI DIREZIONE PREMESSA Il ruolo dell Assistente di Direzione è complesso ed articolato, la sua attività diviene di giorno in giorno più complessa e necessita di tecniche sempre

Dettagli

Nuove competenze per un sistema di servizi di salute mentale orientato alle evidenze e al recoery

Nuove competenze per un sistema di servizi di salute mentale orientato alle evidenze e al recoery Nuove competenze per un sistema di servizi di salute mentale orientato alle evidenze e al recoery Paola Carozza DSM Ravenna Fermo 4 Aprile 2014 Le grandi sfide Ridisegnare i servizi sui principi del recovery

Dettagli

Centro per i Disturbi dello. Spettro Autistico CARTA DEI SERVIZI. Informazioni sui servizi e riferimenti circa il funzionamento della struttura

Centro per i Disturbi dello. Spettro Autistico CARTA DEI SERVIZI. Informazioni sui servizi e riferimenti circa il funzionamento della struttura Centro per i Disturbi dello Spettro Autistico CARTA DEI SERVIZI Informazioni sui servizi e riferimenti circa il funzionamento della struttura 1 INDICE Presentazione della Carta dei Servizi Sezione 1: Presentazione

Dettagli

La cultura della sicurezza nell industria di processo

La cultura della sicurezza nell industria di processo La cultura della sicurezza Corsi avanzati Human Factor Root Cause Analysis Progetto Human Factor per l industria l di La valorizzazione della risorse umane come strumento di miglioramento delle prestazioni

Dettagli

Ben-Essere a scuola dell allievo con autismo. Antonella Marchetti

Ben-Essere a scuola dell allievo con autismo. Antonella Marchetti Ben-Essere a scuola dell allievo con autismo Antonella Marchetti QUANTI AUTISMI? n Un epidemiologia incerta: diagnosi-strumentivariabilità: 7-11 anni: 4.8 /1000 18-30 anni: 1.6/1000 Epidemia dove gli strumenti

Dettagli

Nicoletta Filella. Telefono +39 392 055 60 99 +39 320 191 92 82. nicoletta.filella@gmail.com. http://nicolettafilella.info/site/ Italiana

Nicoletta Filella. Telefono +39 392 055 60 99 +39 320 191 92 82. nicoletta.filella@gmail.com. http://nicolettafilella.info/site/ Italiana C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Nicoletta Filella Telefono +39 392 055 60 99 +39 320 191 92 82 website E-mail nicoletta.filella@gmail.com http://nicolettafilella.info/site/

Dettagli

I bisogni e il ruolo della famiglia

I bisogni e il ruolo della famiglia I bisogni e il ruolo della famiglia Elena D Orazio, Presidente Associazione Triade S.O.S. AUTISMO associazione.triade@gmail.com dott. Bert Pichal, Orthopedagogista, consulente autismo Bert.Pichal@teletu.it

Dettagli

ADHD e funzionamento adattivo nel contesto scolastico. Claudio Vio, Psicologo ULSS 10 San Donà di Piave AIRIPA

ADHD e funzionamento adattivo nel contesto scolastico. Claudio Vio, Psicologo ULSS 10 San Donà di Piave AIRIPA TRAIETTORIE NEGATIVE DELL ADHD: SCOLASTICA, SOCIALE, PSICOPATOLOGICA ADHD e funzionamento adattivo nel contesto scolastico Claudio Vio, Psicologo ULSS 10 San Donà di Piave AIRIPA ADHD e problemi scolastici

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

Progetto ABA per l autismo

Progetto ABA per l autismo Progetto Paletta e secchiello... per costruire insieme una realtà diversa PREMESSA Nella zona del Vicentino, come in altri Comuni d Italia, si osserva una mancanza di risorse nella riabilitazione dei soggetti

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE. Scuola dell infanzia il girasole. Anno scolastico 2013-2014. Piccibaby MOTIVAZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE. Scuola dell infanzia il girasole. Anno scolastico 2013-2014. Piccibaby MOTIVAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE Scuola dell infanzia il girasole Anno scolastico 2013-2014 Piccibaby MOTIVAZIONE L'approccio corretto alle tecnologie è indispensabile per i bambini di oggi che hanno bisogno

Dettagli

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM )

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) Ci sono almeno 18 studi che dimostrano che le persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) presentano uno specifico deficit di memoria nella

Dettagli

Corso Introduttivo sul Modello DIR 24 e 25 maggio 2014 Roma, Italia

Corso Introduttivo sul Modello DIR 24 e 25 maggio 2014 Roma, Italia Corso Introduttivo sul Modello DIR 24 e 25 maggio 2014 Roma, Italia Descrizione del Corso: Questo corso fornirà una panoramica degli interventi possibili con il modello DIR. Il modello DIR/Floortime crea

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO

LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO La finalità a lungo termine del progetto terapeutico è quella di favorire l adattamento del soggetto al suo ambiente e in rapporto alle specifiche caratteristiche del suo

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Costruire strategie visive attraverso tecnologie touch: l App Tools for Autism

Costruire strategie visive attraverso tecnologie touch: l App Tools for Autism Autismo: le strategie visive nel percorso di vita 25-26 ottobre 2013 Costruire strategie visive attraverso tecnologie touch: l App Tools for Autism Francesca Brunero Psicologa Centro Autismo e Sindrome

Dettagli

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi Premessa Il Baby Parking/Spazio Bimbi è un servizio socio-educativo che può accogliere bambini dai 13 ai 36 mesi, dal lunedì al venerdì, fino a 6

Dettagli

- creare attenzione, conoscenza e profonda competenza sull'autismo;

- creare attenzione, conoscenza e profonda competenza sull'autismo; L Associazione Autismo e Società Onlus viene costituita nel 2011 da Cristina Calandra e Massimo Aureli per realizzare un'azione ampia e significativa sull'autismo, definita con il progetto Autismo per

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO. Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato

MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO. Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO Educazione/Riabilitazione Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato Villa Dott.ssa Laura Centro

Dettagli

12 azioni positive per abbracciare la neurodiversità.

12 azioni positive per abbracciare la neurodiversità. 12 azioni positive per abbracciare la neurodiversità. L Associazione Spazio Asperger ONLUS, con sede legale in Largo Messico 6, 00198 Roma, C.F. 97690370586, in accordo con le associazioni che hanno sottoscritto

Dettagli

ASTREA FORMAZIONE con il patrocinio di

ASTREA FORMAZIONE con il patrocinio di ASTREA FORMAZIONE con il patrocinio di Funzioni Esecutive e Disturbi dello Sviluppo Direzione scientifica: F. Manaresi, L. Marotta, C. Paloscia Presentazione Le Funzioni Esecutive intervengono in tutti

Dettagli

Dalla Lettura della Diagnosi alla Costruzione di un Progetto Educativo Individualizzato

Dalla Lettura della Diagnosi alla Costruzione di un Progetto Educativo Individualizzato Dalla Lettura della Diagnosi alla Costruzione di un Progetto Educativo Individualizzato Dr.ssa Chiara Pezzana, Neuropsichiatra Infantile Direttore Sanitario Centro per L Autismo di Novara NOVARA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Catalogo 2015 dei corsi di Cesvor

Catalogo 2015 dei corsi di Cesvor Catalogo 2015 dei corsi di Cesvor Cesvor Piazza IV Novembre, 4-20124 Milano, Italy (MM 2-3, Centrale) Tel.: +39 02 67165 307 - Fax: +39 02 67165 266 Cesvor è un marchio comunitario depositato (n 008906661)

Dettagli

MODENA, 15-23 SETTEMBRE 2011 KATIA TONNINI PEDAGOGISTA PROGRAMMA AUTISMO, AUSL RAVENNA

MODENA, 15-23 SETTEMBRE 2011 KATIA TONNINI PEDAGOGISTA PROGRAMMA AUTISMO, AUSL RAVENNA Insegnare a comunicare: il training PECS MODENA, 15-23 SETTEMBRE 2011 KATIA TONNINI PEDAGOGISTA PROGRAMMA AUTISMO, AUSL RAVENNA Alcune premesse. I Disturbi dello spettro Autistico: la triade Compromissione

Dettagli

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Premessa Compiti della scuola A livello di classe scuola dell infanzia scuola primaria scuola secondaria di primo grado Accogliere gli alunni

Dettagli

Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe

Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe Dove va la pedagogia? V EDIZIONE SUMMER SCHOOL TRENTO 2010 Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe Struttura ed esiti del progetto Ambienti di apprendimento inclusivi e tecnologie digitali

Dettagli

Genitori e Autismo Onlus Sede Legale:Via Iberia, n 63, cap 00183, Roma, CF 97425950587, P.I. 09107371008 PROGETTO ABA.CO

Genitori e Autismo Onlus Sede Legale:Via Iberia, n 63, cap 00183, Roma, CF 97425950587, P.I. 09107371008 PROGETTO ABA.CO Genitori e Autismo Onlus Sede Legale:Via Iberia, n 63, cap 00183, Roma, CF 97425950587, P.I. 09107371008 PROGETTO ABA.CO Il progetto educativo e di socializzazione "ABA.CO", nasce dal lavoro e dalla forte

Dettagli