MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari."

Transcript

1

2 MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO Avv. Andrea De Gaspari 2 dicembre 2013

3 DI COSA SI PARLERÀ Marchi, domini e segni distintivi: breve inquadramento generale La ricerca di anteriorità Il deposito del marchio in Italia: la scelta delle classi e dei prodotti Nuova procedura di opposizione amministrativa alle domande di marchio italiane: cosa cambia Strategie di protezione del marchio in ambito internazionale

4 MARCHI, DOMINI E SEGNI DISTINTIVI: BREVE INQUADRAMENTO GENERALE

5 COS È UN MARCHIO È il segno che permette di distinguere i prodotti o i servizi di un impresa dai medesimi prodotti o servizi di un altra impresa Consente ai consumatori di operare una scelta consapevole tra i beni disponibili sul mercato, potendo agevolmente individuare quelli provenienti da una certa impresa e dotati di determinate qualità Conseguentemente garantisce che il prodotto abbia le caratteristiche attese

6

7 COSA PUÒ COSTITUIRE UN MARCHIO Possono costituire oggetto di registrazione come marchio d impresa tutti i segni suscettibili di essere rappresentati graficamente, in particolare le parole, compresi i nomi di persone, i disegni, le lettere, le cifre, i suoni, la forma del prodotto o della confezione di esso, le combinazioni o le tonalità cromatiche, purche siano atti a distinguere i prodotti o i servizi di un impresa da quelli di altre imprese (Art. 7 C.P.I.)

8 COSA PUÒ COSTITUIRE UN MARCHIO / 2 parole (marchi verbali), compresi nomi di persona e sigle MOON BOOT SALVATORE FERRAGAMO disegni (marchi figurativi) lettere, cifre RADIO24 suoni (marchi sonori) (Nokia Tune

9 COSA PUÒ COSTITUIRE UN MARCHIO / 2 forma del prodotto (marchi tridimensionali) colori (Rosso Ferrari) odori THE SMELL OF FRESH CUT GRASS

10

11 CAPACITÀ DISTINTIVA DEL MARCHIO Non possono costituire oggetto di registrazione come marchio d'impresa i segni privi di carattere distintivo e in particolare quelli costituiti esclusivamente dalle denominazioni generiche di prodotti o servizi o da indicazioni descrittive che ad essi si riferiscono, come i segni che in commercio possono servire a designare la specie, la qualità, la quantità, la destinazione, il valore, la provenienza geografica ovvero l'epoca di fabbricazione del prodotto o della prestazione del servizio o altre caratteristiche del prodotto o servizio (Art. 13, co. 1, C.P.I.)

12 Per mele non è un valido marchio: descrive il prodotto Per computer è un marchio valido, anzi è un marchio forte: non ha alcuna relazione con il prodotto Per mele è un marchio in origine debole: suggerisce di che prodotto si tratta

13 MARCHI DEBOLI O DI DUBBIA VALIDITÀ

14 MARCHI FORTI vs. MARCHI DEBOLI VS. CALDOBAGNO

15 NOVITÀ DEL MARCHIO Non possono costituire oggetto di registrazione come marchio d'impresa i segni che alla data del deposito della domanda: 1. siano identici ad un marchio già da altri registrato nello Stato o con efficacia nello Stato in seguito a domanda depositata in data anteriore o avente effetto da data anteriore ( ) per prodotti o servizi identici [Art. 12, co. 1, lett. c), C.P.I.]

16 NOVITÀ DEL MARCHIO / 2 Non possono costituire oggetto di registrazione come marchio d'impresa i segni che alla data del deposito della domanda: 2. siano identici o simili ad un marchio già da altri registrato nello Stato o con efficacia nello Stato, in seguito a domanda depositata in data anteriore o avente effetto da data anteriore ( ) per prodotti o servizi identici o affini, se ( ) possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico, che può consistere anche in un rischio di associazione fra i due segni [Art. 12, co. 1, lett. d), C.P.I.]

17 NOVITÀ DEL MARCHIO / 2 Anche un marchio solo simile può essere precluso Spesso, piccole modifiche possono non essere sufficienti a differenziarsi da chi viene prima Per esempio, l uso e/o la registrazione può essere impedito sulla base di un rischio di associazione: il consumatore non si confonde in modo diretto scambiando il prodotto A+ con il prodotto A, a lui già noto. Pensa invece che il prodotto B abbia la stessa origine produttiva di A, pur a fronte di marchi diversi o sufficientemente diversi

18

19 NOVITÀ DEL MARCHIO / 3 Il marchio di rinomanza Non possono costituire oggetto di registrazione come marchio d'impresa i segni che alla data del deposito della domanda: 3. siano identici o simili ad un marchio già da altri registrato nello Stato o con efficacia nello Stato, in seguito a domanda depositata in data anteriore ( ) quando il marchio anteriore goda nella Comunità, se comunitario, o nello Stato, di rinomanza e quando l'uso di quello successivo senza giusto motivo trarrebbe indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del segno anteriore o recherebbe pregiudizio agli stessi [Art. 12, co. 1, lett. e) C.P.I.]

20 NOVITÀ DEL MARCHIO / ESEMPIO Il cliente vuole registrare in Italia il marchio HIKE per orologi (classe 14) e tra i marchi depositati anteriormente sono stati individuati 1. marchio italiano HIKE per orologi (cl. 14) (HIKE vs. HIKE / orologi vs. orologi) 2. marchio italiano per AIK per braccialetti (cl. 14) (HIKE vs. AIK / orologi vs. braccialetti) 3. marchio italiano NIKE per scarpe (cl. 25) (HIKE vs. NIKE / orologi vs. scarpe) Possiamo dire al cliente che HIKE è nuovo e quindi registrabile?

21 NOVITÀ DEL MARCHIO / ESEMPIO / 2 Alla stessa conclusione arriveremmo se i marchi anteriori fossero marchi comunitari marchi internazionali, che designano o Italia o Unione Europea

22 NOVITÀ DEL MARCHIO / 4 Il difetto di novità di un marchio può dipendere anche dal conflitto del marchio stesso con anteriori marchi di fatto (i.e. marchi non registrati) o con anteriori segni distintivi non registrati: ditta ragione o denominazione sociale insegna nome a dominio [Art. 12, co. 1, lett. a), b), f), C.P.I.]

23 DITTA La ditta non è definita dalla legge. Si dice comunemente però che la ditta è il segno distintivo dell impresa che serve a individuare l impresa nei rapporti che essa intrattiene con gli altri operatori economici L imprenditore ha diritto all uso esclusivo della ditta da lui prescelta. La ditta deve contenere almeno il cognome o la sigla dell imprenditore (Art c.c.) Il diritto di esclusiva derivante dalla ditta sorge con l uso effettivo e pubblico della stessa Presupposti per azionare il diritto alla ditta: novità, capacità distintiva e liceità

24 DITTA / 2 Quando la ditta è uguale o simile a quella usata da altro imprenditore e può creare confusione per l oggetto dell impresa e per il luogo in cui questa è esercitata, dev essere integrata o modificata con indicazioni idonee a differenziarla (Art. 2564, co. 1, c.c.) Per le imprese commerciali l obbligo dell integrazione o modificazione spetta a chi ha iscritto la propria ditta nel registro delle imprese in epoca posteriore (Art. 2564, co. 2, c.c.)

25 RAGIONE O DENOMINAZIONE SOCIALE La ragione sociale, propria delle società di persone, e la denominazione sociale, propria delle società di capitali e delle cooperative, costituiscono il nome necessario della società e si pongono sullo stesso piano del nome civile della persona fisica, poiché individuano l ente collettivo come soggetto di diritto Si applicano le disposizioni previste per la ditta in materia di requisiti, confondibilità e obbligo di modificazione (Art c.c.)

26 INSEGNA Nemmeno l insegna è definita dalla legge. Sintetizzando e semplificando le diverse opinioni si può dire che l insegna corrisponde alle scritte e alle immagini che compaiono all ingresso degli esercizi commerciali aperti al pubblico. Non identifica né il prodotto, né l impresa, bensì il luogo presso il quale il prodotto / servizio dell impresa viene posto in commercio Si applicano le disposizioni previste per la ditta in materia di requisiti, confondibilità e obbligo di modificazioni (Art c.c.) Il conflitto tra insegne si risolve con il criterio della priorità dell uso, avuto riguardo all oggetto e al luogo di esercizio dell impresa

27 NOMI A DOMINIO I nomi a dominio non sono altro che sequenze di lettere e/o numeri, combinate dagli utenti della rete Internet secondo fantasia, ma in modo da poter essere facilmente memorizzati I nomi a dominio sono associati univocamente a uno o più indirizzi IP, vale a dire quelle sequenze di soli numeri che identificano univocamente un dispositivo (host) collegato a una rete informatica che utilizza l'internet Protocol come protocollo di comunicazione I nomi a dominio (sequenze alfa-numeriche) si sono affermati in sostituzione degli indirizzi IP (sequenze numeriche) cui univocamente corrispondono poiché più facili da ricordare

28 NOMI A DOMINIO / 2 Per effetto di questa corrispondenza univoca con uno o più indirizzi IP, i nomi a dominio sono capaci di identificare e contraddistinguere nella Rete i contenuti (pagine web, siti, ecc..) che ad essi vengono associati e mediante i quali l impresa offre online i propri prodotti / servizi INDIRIZZI IP NOME A DOMINIO CONTENUTI

29 NOMI A DOMINIO / 3 Gli elementi del nome a dominio: www. tecnicagroup.com Prefisso dominio di secondo livello (o SLD) dominio di primo livello (o TLD) Tipologie di domini di primo livello generici (o gtld):.com,.org,.net, ecc. a cui se ne stanno aggiungendo di nuovi (e.g..bike,.clothing,.singles,.ventures, ecc.) country code (o cctld):.it,.eu,.fr, ecc.

30 NOME A DOMINIO vs. MARCHIO 1 : 0 E vietata la registrazione come marchio di segni identici / simili a un nome a dominio usato nell attività economica se a causa della identità o somiglianza fra i segni e dell'identità o affinità fra l'attività d'impresa da questi esercitata ed i prodotti o servizi per i quali il marchio è registrato possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico, che può consistere anche in un rischio di associazione fra i due segni [Art. 12, co. 1, lett. b), C.P.I.] La registrazione di un nome a dominio non è di per sé sufficiente a togliere novità ad un marchio successivo: occorre dimostrare che il nome a dominio sia stato oggetto di un preuso che gli ha conferito notorietà non puramente locale (e.g. il sito Internet è attivo? Quanti utenti si sono registrati? A quanto ammontano le visite mensili?)

31 NOME A DOMINIO vs. MARCHIO 0 : 1 E vietato adottare come nome a dominio di un sito Internet usato nell attività economica, segni identici / simili all altrui marchio, laddove tale adozione possa determinare un rischio di confusione tra i due segni ovvero uno sfruttamento, senza giusto motivo, del carattere distintivo o della rinomanza del marchio o un pregiudizio agli stessi (Art. 22 C.P.I.) Il divieto riguarda tutti i nomi a dominio che sono usati in relazione a siti Internet pubblicati per finalità economiche, anche al di fuori di un attività di impresa La mera registrazione di un nome a dominio, se in violazione dei diritti esclusivi di marchio altrui (per il confronto si guarda la Second Level Domain Name), è già illecita

32 NOME A DOMINIO / 4 Contro episodi di domain grabbing o altri tipi di violazione dei diritti esclusivi che derivano da un nome a dominio registrato nel Registro del gtld.it è possibile richiedere la tutela giudiziaria (anche cautelare) instaurare un arbitrato irrituale iniziare la procedura di riassegnazione presso un Prestatore del Servizio di Risoluzione delle Dispute (o PSRD)

33 LA RICERCA DI ANTERIORITÀ

34 COS È UNA RICERCA DI ANTERIORITÀ Quando si parla di ricerche di anteriorità ci si riferisce generalmente a indagini condotte nei dati pubblici dei Registri dei marchi Esistono tuttavia anche ricerche sui marchi in uso o su altri segni distintivi delle imprese che ugualmente potrebbero togliere validità ad un marchio di nuova adozione (es. ditte, nomi a dominio, modelli)

35 COS È UNA RICERCA DI ANTERIORITÀ / 2 Le ricerche di anteriorità sui marchi hanno lo scopo di rilevare l eventuale presenza di marchi identici e/o simili che possano ostacolare la registrazione e/o il pacifico uso di un marchio di nuova adozione Sono condotte tenuto conto dei predetti principi di territorialità e specialità, riguardando dunque determinati territori per determinati prodotti o servizi. Possono essere estese anche agli altri segni distintivi delle imprese tenuto conto del principio di unitarietà dei segni distintivi delle imprese

36 IL PRINCIPIO DI TERRITORIALITÀ: il marchio conferisce un esclusiva limitata ad un determinato territorio. Non esiste un marchio mondiale. Esistono invece marchi nazionali (es. italiano, brasiliano), regionali (es. comunitario) o internazionali con designazione di determinati paesi (es. USA, Giappone, Russia) IL PRINCIPIO DI SPECIALITÀ: il marchio, di regola, conferisce un esclusiva limitata ai prodotti e/o servizi che sono indicati nella domanda di registrazione o per i quali il marchio è in uso IL PRINCIPIO DI UNITARIETÀ DEI SEGNI DISTINTIVI: i diritti di marchio possono interferire anche con i diritti derivanti dagli altri segni distintivi delle imprese (es. ditta, insegna, nome a dominio)

37 COS È UNA RICERCA DI ANTERIORITÀ / 3 Ecco i tipi più comuni di ricerche di anteriorità: denominative (chiavi di ricerca: lettere e/o cifre) figurative (chiavi di ricerca: immagini) per identità (risultati: marchi identici a quello ricercato) per similitudine (risultati: marchi identici / simili a quello ricercato)

38 PERCHÉ SVOLGERE UNA RICERCA DI ANTERIORITÀ? Per (cercare di) dare risposta alle seguenti domande: Qualcuno ha già depositato per la registrazione un marchio identico / simile al mio? Se sì, quanto elevato è il rischio di subire contestazioni nel procedere ugualmente con la registrazione / uso? In caso di contestazioni quando sarebbero fondate? E rischioso coprire tutti i prodotti / servizi che la nostra impresa offre al pubblico? Se sì, quali possiamo proteggere? E se modifichiamo il marchio? Come e quanto modificarlo? Usiamo il nostro marchio da trent anni in Veneto, quali rischi corriamo ad allargare l area di business? E se esportiamo in Cina, Corea del Sud e Giappone?

39 PERCHÉ DUNQUE SVOLGERE UNA RICERCA DI ANTERIORITÀ? / 2 In definitiva per capire, in mezzo a tutti i marchi identici / simili depositati e registrati prima, se e quanto spazio c è per depositare / usare il vostro. MARCHI ANTERIORI IL VOSTRO MARCHI ANTERIORI

40 COME IMPOSTARE E QUANTO ESTENDERE LA RICERCA Ci si deve porre una serie di domande preliminari e, precisamente, quali siano: Il marchio (o i marchi) di interesse I territori di interesse: per questo bisogna guardare sia ai mercati di vendita (di interesse attuale o nel breve periodo), sia ai paesi di produzione, sia infine ai paesi notoriamente a rischio (Cina, Turchia, Brasile, e altri ancora) I prodotti o servizi di interesse attuale o potenziale Il budget a disposizione: le ricerche sono costose e, a causa di numerose variabili e limiti anche tecnici, non sono affidabili al 100%. E dunque saggio procedere per gradi progressivi di approfondimento

41 COME IMPOSTARE E QUANTO ESTENDERE LA RICERCA / 2 I possibili step: Screening per identità in uso nel web (i.e. motori di ricerca, social network, ecc.). L indagine consente di ridurre la rosa dei marchi ipotetici a pochi candidati (4 o 5) mediante la verifica in Internet della presenza di marchi identici già usati da terzi in relazione ai prodotti / servizi di interesse. Può essere svolta anche dal cliente Screening per identità nei Registri marchi. La ricerca si concentra sui marchi identici presenti nei Registri marchi, prevedendo di indagarne un elenco più ampio possibile. Questo tipo di ricerca non fornisce certezze sufficienti per scegliere il marchio definitivo e ha invece lo scopo di escludere, da una rosa di 4 o 5 alternative, i marchi più a rischio riducendo la rosa a 1 o 2 candidati

42 COME IMPOSTARE E QUANTO ESTENDERE LA RICERCA / 3 Ricerca di anteriorità per identità in Registri marchi selezionati (es. Registro italiano, comunitario ed internazionale). Circoscritta la rosa con le ricerche precedenti a uno/due candidati, quest opzione consente di verificarne il grado di rischio con riferimento alle sole identità (eventualmente adatta per marchi deboli) Ricerca di anteriorità per similitudine in Registri marchi selezionati L ambito di indagine di cui al punto precedente viene esteso anche ai marchi simili e offre dunque un quadro più completo dei possibili rischi (sicuramente preferibile per marchi forti)

43 COME IMPOSTARE E QUANTO ESTENDERE LA RICERCA / 4 Di regola, e salve specifiche esigenze, la prima ricerca per similitudine viene eseguita nei Registri dei marchi italiani (UIBM), comunitari (UAMI) ed internazionali (WIPO). Poi eventualmente si approfondisce in altri territori All occorrenza sono possibili ricerche di altro tipo (figurative, o di marchi in uso) o eventualmente estese ad altri Registri, quali ad esempio quelli di: Nomi Sociali, Nomi a Dominio, elenchi di DOP, IGP, STG, Prodotti Tradizionali, DOCG, IGT, Vitigni, Varietà Ortive, Varietà Vegetali, Elementi verbali del design Comunitario, emblemi ufficiali ed altri ancora

44 DA SAPERE E RICORDARE La disponibilità di un marchio in Italia impone di guardare non solo ai marchi italiani, ma anche (i) ai marchi comunitari (UAMI), che necessariamente hanno validità in Italia, e ai marchi internazionali (WIPO) che potrebbero aver designato l Italia Inoltre, occorre considerare che qualsiasi ricerca sui marchi presenta un cono d ombra non coperto dall indagine che dipende dai limiti di aggiornamento delle fonti consultate. Sono sempre possibili approfondimenti, se c è l esigenza di eliminare il margine di incertezza che esiste o se c è motivo di ritenere che altri possano aver depositato lo stesso marchio o un marchio simile in tempi molto recenti Se desiderate infine svolgere qualche verifica in autonomia, fate riferimento ai seguenti database pubblici

45 UIBM - UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI

46 UAMI UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO CTM-ONLINE start&source=log-in.html&language=it&application=ctmonline

47 UAMI UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO UAMI TMview

48 OMPI ORGANIZZAZIONE MONDIALE PER LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE ROMARIN database

49 IL DEPOSITO DEL MARCHIO IN ITALIA: LA SCELTA DELLE CLASSI E DEI PRODOTTI

50 CLASSI / PRODOTTI / SERVIZI Principio di relatività o specialità: il marchio registrato è protetto solo per i prodotti / servizi per i quali la registrazione è stata ottenuta Ai fini della registrazione, i prodotti / servizi sono stati suddivisi in classi merceologiche / di servizi dalla classificazione dell Accordo di Nizza del 1957, rivisto varie volte, da ultimo il 1 gennaio 2012 Individuare la classe a cui appartiene un prodotto / servizio può essere un esercizio complicato

51 DIFFICOLTÀ DI CLASSIFICAZIONE Pali per tende in metallo (classe 6) Tende in stoffa da interni per finestre (classe 20) Tende per docce (classe 24) TENDE Tende veneziane [per esterni], non in metallo o tela (classe 19) Tende da alpinismo o campeggio (classe 22) Tende giocattolo (classe 28)

52 UAMI UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO UAMI TMclass

53 STRATEGIA DI RIVENDICAZIONE DEI PRODOTTI / SERVIZI L ampiezza della rivendicazione dei prodotti / servizi si potrà modulare a seconda del livello di rischio di contestazioni, eventualmente determinato con una ricerca di anteriorità, e tenuto conto della propensione al rischio del cliente: rischio basso / propensione al rischio alta: rivendicazione formulata sia in termini generali, sia in termini specifici per i prodotti prioritari per il cliente rischio alto / propensione al rischio bassa: rivendicazione mirata e puntuale, ma anche ambito di esclusiva più ristretto

54 STRATEGIA DI RIVENDICAZIONE DEI PRODOTTI / SERVIZI /2 Si dovrà inoltre tener conto di altri fattori: Esistenza di un business consolidato e con scarsa probabilità di espansioni ad altri settori = rivendicazione puntuale e mirata Business consolidato con possibilità di espansione o business nuovo con relativa incertezza sul futuro = rivendicazione più ampia che tenga conto dei possibili sviluppi

55 STRATEGIA DI RIVENDICAZIONE DEI PRODOTTI / SERVIZI /3 Da sapere e ricordare che, in tema di rivendicazione, esistono due esigenze opposte: Le rivendicazioni si possono sempre limitare ma mai estendere: per estenderle bisogna depositare nuovamente. Quindi occorre ragionare anche in prospettiva e proteggere i ragionevoli sviluppi Non basta registrare: il marchio deve essere anche usato. Vanno dunque evitate rivendicazioni troppo ampie per prodotti o servizi per i quali il marchio non verrà mai usato

56 STRATEGIA DI RIVENDICAZIONE / ESEMPIO ABBIGLIAMENTO (classe 25) T-SHIRT

57 STRATEGIA DI RIVENDICAZIONE / ESEMPIO / 2 MARCHIO X MARCHIO A ABITI DA CERIMONIA ABBIGLIAMENTO (classe 25) T-SHIRT MARCHIO B COSTUMI DA SPIAGGIA

58 STRATEGIA DI RIVENDICAZIONE DEL PRODOTTI / SERVIZI / 4 Per coprire tutti i prodotti / servizi collocati in una data classe dell Accordo di Nizza, non è più sufficiente indicare la c.d. intitolazione generale della classe Dopo la sentenza della Corte di Giustizia Europea resa nel caso IP TRANSLATOR (19 giugno 2012), le prassi degli Uffici Marchi nazionali dell Eu e dell UAMI sono cambiate sia con riferimento all interpretazione dell ampiezza delle domande di marchio depositate prima e dopo la sentenza (!) sia con riferimento alle regole tecniche per indicare i prodotti / servizi nelle nuove domande di marchio

59 NUOVA PROCEDURA DI OPPOSIZIONE AMMINISTRATIVA ALLE DOMANDE DI MARCHIO ITALIANE: COSA CAMBIA

60 COS È L opposizione è una procedura amministrativa volta a contrastare la registrazione di marchi italiani e/o marchi internazionali con efficacia in Italia depositati in violazione di determinati diritti preesistenti Tasse ufficiali: 250 Euro Strumento valido ed economico da tenere in considerazione nei casi in cui una lettera di diffida potrebbe non essere la soluzione più adeguata (per esempio perché l azione è particolarmente urgente o perché la lettera rimane senza risposta) la causa si presenta invece come un rimedio sovradimensionato rispetto alla gravità della violazione.

61 NATURA / AMBITO DI APPLICAZIONE L opposizione è alternativa alla causa, ma solo in una serie limitata di ipotesi e precisamente in presenza di: Marchi identici / simili per prodotti identici / simili Ritratti di persona / nomi di persona / segni notori Occorre però essere titolari di una domanda o di una registrazione di marchio con validità in Italia: il marchio di fatto non basta!

62 PROCEDIMENTO I termini (non prorogabili) per proporre opposizione sono per i marchi italiani: tre mesi dalla data di pubblicazione nel Bollettino per i marchi internazionali: tre mesi dal primo giorno del mese successivo a quello di avvenuta pubblicazione del marchio nella Gazzetta dell OMPI Chi può presentare un opposizione? I legittimati sono il titolare o il licenziatario esclusivo di una domanda o di una registrazione di marchio anteriore o avente effetto nello Stato italiano da data anteriore le persone, gli enti e le associazioni titolari dei diritti su ritratti di persona / nomi di persona e/o altri segni notori indicati dalla legge

63 PROCEDIMENTO / 2 Diritti su cui non può basarsi l opposizione Marchi identici o simili che godano di rinomanza (o che siano notoriamente conosciuti) nello Stato italiano per prodotti non affini Marchi non registrati o altri segni utilizzati nella normale prassi commerciale (quali nomi a dominio, denominazioni sociali, ditte, e insegne), anche quando abbiano portata non puramente locale

64 PROCEDIMENTO / 3 A pena di inammissibilità, l opposizione deve contenere indicazioni riguardo a: Richiedente, data di deposito e numero della domanda opposta Prodotti e/o servizi contro cui è rivolta l opposizione Nome dell opponente Marchio anteriore su cui si basa l opposizione opportunamente identificato e copia del marchio anteriore

65 PROCEDIMENTO / 4 Classi di prodotti e/o servizi coperti dal marchio anteriore Identificazione del diritto anteriore e rivendicazione della mancanza del consenso da parte degli aventi diritto, quando si tratti di opposizione basata sul diritto al ritratto, al nome o su altri segni notori Motivi su cui si fonda l opposizione Attestato di pagamento dei diritti di opposizione nella misura di 250 Euro

66 PROCEDIMENTO / 5 Periodo di riflessione (c.d. cooling-off period) Se l atto introduttivo è ritenuto ricevibile e ammissibile, l Ufficio, entro due mesi dalla scadenza del termine per l opposizione, notifica l opposizione al richiedente e avvisa entrambe le parti in ordine alla possibilità di raggiungere, entro due mesi dalla data dell avviso, un accordo di conciliazione Il periodo di riflessione dura due mesi, ma può essere congiuntamente prorogato per più volte, fino ad un massimo di un anno dal primo avviso

67 PROCEDIMENTO / FASE CONTENZIOSA Entro un termine perentorio di due mesi dalla data di scadenza del periodo di riflessione, l opponente deve depositare: Copia della domanda o del certificato di registrazione del marchio su cui si basa l opposizione (laddove non si tratti di un marchio italiano) L eventuale documentazione di priorità e/o preesistenza La traduzione in italiano di documenti originariamente in altra lingua

68 PROCEDIMENTO / FASE CONTENZIOSA / 2 Ogni altra documentazione a comprova dei fatti Documentazione a comprova della propria legittimazione rispetto al diritto che si fa valere La lettera di incarico, se vi è un mandatario La documentazione istruttoria viene quindi trasmessa al richiedente al quale viene assegnato un termine per la presentazione delle proprie deduzioni

69 PROCEDIMENTO / FASE CONTENZIOSA / 3 Entro il medesimo termine e comunque non dopo le prime deduzioni (quindi nella prima replica) il richiedente può chiedere la prova d uso del marchio dell opponente a condizione che questo sia stato registrato da almeno 5 anni alla data di pubblicazione del marchio opposto Se l opponente è tenuto a fornire la prova d uso (o a giustificare l esistenza di legittime ragioni per il mancato uso) l Ufficio invita l opponente a fornire tale prova entro 60 giorni (prorogabili) dal ricevimento della comunicazione dell Ufficio Se la prova d uso fallisce in tutto o in parte, l opposizione è respinta in tutto o in parte

70 PROCEDIMENTO / FASE CONTENZIOSA / 4 La decisione, salve sospensioni, deve essere assunta entro 24 mesi dalla data di deposito dell opposizione stessa; l Ufficio può condannare la parte soccombente al pagamento delle spese di rappresentanza professionale (attualmente nel limite di 300 Euro) ed eventualmente al rimborso delle tasse di opposizione

71 STRATEGIE DI PROTEZIONE DEL MARCHIO IN AMBITO INTERNAZIONALE

72 PERCHÉ PROTEGGERE IL MARCHIO ALL ESTERO Per contrastare la contraffazione, frenando la vendita di prodotti contraffatti nel mercato di destinazione e intervenire nei paradisi della produzione illegale Per agire più efficacemente nei casi di contraffazione via web Per anticipare gli episodi di accaparramento del marchio da parte di terzi (compreso un distributore o un partner locale infedele) Per evitare sorprese: coesistenze casuali, marchi simili Perché ce lo chiede, o a volte impone, il partner locale Per poter attivare la sorveglianza in dogana

73 QUANDO PROTEGGERE IL MARCHIO ALL ESTERO Benefici considerevoli se si deposita immediatamente (diritto di priorità di 6 mesi, Convenzione di Parigi) Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi: attenzione al rischio di decadenza per non uso, ma anche alle tempistiche degli Uffici Marchi locali Partire prima nei mercati di sbocco immediato e in quelli noti come fonte di prodotti contraffatti nel settore o per fenomeni di accaparramento del marchio Non ritardare la registrazione nei paesi dove si partecipa a fiere o ad eventi internazionali e possibilmente in quelli limitrofi

74 COME PROTEGGERE IL MARCHIO ALL ESTERO Il marchio può essere esteso seguendo tre percorsi Singoli depositi di marchio nazionale (es. marchio nazionale cinese) Deposito attraverso sistemi regionali di registrazione (es. marchio comunitario) Registrazione di marchio internazionale con designazione dei Paesi di interesse (Accordo e Protocollo di Madrid)

75 SINGOLI DEPOSITI DI MARCHIO NAZIONALE Tante procedure di registrazione quanti sono i Paesi prescelti Ogni deposito di marchio è indipendente dall'altro, salvo diritto di priorità Obbligo di rivolgersi ad un professionista locale in ciascun paese di interesse Soluzione ottimale se si esporta in uno / due Paesi e non si prevedono espansioni in altri mercati

76 DEPOSITO ATTRAVERSO SISTEMI REGIONALI Una singola domanda di marchio / una singola lingua procedurale / un singolo Ufficio / una singola tassa di deposito Protezione unitaria nel territorio nazionale degli Stati Membri (28 nel caso del marchio comunitario) Un unico professionista di riferimento Una singola legge applicabile in tutti gli Stati Membri

77 REGISTRAZIONE DI MARCHIO INTERNAZIONALE Grande numero di Paesi aderenti all'accordo e al Protocollo di Madrid (più di 90) tra cui scegliere (anche dopo la registrazione) Semplificazione e accentramento della gestione amministrativa (una domanda, una lingua procedurale, un rinnovo per tutti i Paesi designati, e altro) Necessità di depositare il marchio prima nel Paese di origine (marchio di base) e dipendenza del marchio internazionale dal marchio di base per 5 anni Le singole porzioni nazionali sono sottoposte all'esame dei singoli Uffici dei Paesi designati, ma dopo un dato termine la concessione si consolida automaticamente Connessione con sistemi regionali di registrazione (l'eu è designabile in un marchio internazionale)

78 MOLTE BUONE RAGIONI PER REGISTRARE Prova più agevole = costi più bassi Certezza del diritto Cedibilità del diritto Valutabilità del diritto Richieste dei partner commerciali stranieri Licenze / Merchandising Opposizione in Italia Sorveglianze doganali E QUALCUNA PER NON REGISTRARE Maggiore visibilità nei servizi di sorveglianza

79 GRAZIE Q&A Andrea De Gaspari Boris Osgnach

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CODICE DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INDUSTRIALE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; VISTA la legge 12 dicembre 2002, n. 273, recante misure per favorire l iniziativa

Dettagli

Domini. Il Registro.it

Domini. Il Registro.it Domini. Il Registro.it Il contesto generale Il Registro italiano La natura del nome a dominio Le procedure alternative di risoluzione delle dispute: cenni L Istituto di Informatica e Telematica del CNR

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

La tutela della proprietà industriale

La tutela della proprietà industriale Commissione Europea BREVE GUIDA ALLA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE Sommario: LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE... 2 IL CODICE DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE... 2 IL BREVETTO PER INVENZIONE... 4 Requisiti per

Dettagli

MARCHI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MARCHI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE UIBM_Copertine_080410.qxp:Layout 1 15-04-2010 16:29 Pagina 5 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM Via Molise, 19-00187 Roma Call

Dettagli

Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi

Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi MARCHI Introduzione all'utilizzo per le piccole e medie imprese

Dettagli

Verso una nuova definizione dei marchi. Il principio della territorialità e la loro utilizzazione su Internet

Verso una nuova definizione dei marchi. Il principio della territorialità e la loro utilizzazione su Internet SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI FACOLTA DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI LECCE Verso una nuova definizione dei marchi. Il principio della territorialità e la loro utilizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale, adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30.

Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale, adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 56 del 9 marzo 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE PRIMA

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

BREVETTI INTRODUZIONE ALL UTILIZZO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE UIBM_Copertine_080410.qxp:Layout 1 15-04-2010 16:33 Pagina 9 Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la lotta alla contraffazione - UIBM Via Molise, 19-00187 Roma Call

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI ALLA NAMING AUTHORITY ITALIANA

INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI ALLA NAMING AUTHORITY ITALIANA ORDINE DEI CONSULENTI IN PROPRIETÀ INDUSTRIALE Via Donizetti 1/A - 20122 Milano - tel./fax (02) 55185144 INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

Creare un marchio. Introduzione all utilizzo dei marchi per le piccole e medie imprese

Creare un marchio. Introduzione all utilizzo dei marchi per le piccole e medie imprese Creare un marchio Introduzione all utilizzo dei marchi per le piccole e medie imprese Customizzazione: CACIA Autori: Daniela Botticelli Valerio Lucchini Paul Bodenham Si ringraziano per la collaborazione

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza

Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza Autodesk Inc. United States 111 McInnis Parkway San Rafael CA 94903 www.autodesk.com Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza Le licenze del software Autodesk sono in genere non trasferibili,

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld it Versione 5.0

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld it Versione 5.0 26. Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nei cctld it del 8 novembre 2006 Il testo qui publlicato è stato adotatto dalla Registration Authority italiana il 8 novembre 2006. Regolamento

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli