Introduzione di Pierluigi Fattori, Amministratore Delegato SpencerStuart

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione di Pierluigi Fattori, Amministratore Delegato SpencerStuart"

Transcript

1

2

3 Indice About SpencerStuart?? Introduzione di Pierluigi Fattori 2 Relazione di Mario Mairano 3 Un gruppo con sedi in tutto il mondo 4 Partenza in salita 5 Da organizzazione verticale ad azienda piatta 6 I clienti vengono messi al centro Il management e la sfida più bella in Europa 7 La funzione HR diventa partner strategico del business 8 Priorità HR 8 Talent Management 9 Interventi 10 HR Forum 1

4 Introduzione di Pierluigi Fattori, Amministratore Delegato SpencerStuart L occasione di incontro rappresentata dall HR Forum - che si è tenuto in data 16 ottobre 2006 a Milano e i cui contenuti sono stati raccolti in questo agile white paper - è stato un momento di riflessione per gli addetti ai lavori estremamente importante. Infatti la gestione dei talenti è un tema fondamentale e trasversale per tutto il Top Management e per tutti coloro che operano nelle HR, soprattutto in una fase di sviluppo e nei processi di globalizzazione e di riposizionamento strategico. Questa è stata un occasione di dibattito importante e qualificata ed il relatore Marco Mairano, Senior Vice President HR del Gruppo Fiat, ci ha descritto una case history di successo ed un esercizio di non facile equilibrio tra la ristrutturazione e lo sviluppo di un grande gruppo industriale. 2 HR Forum

5 L azienda tra ristrutturazione e sviluppo: politiche ed azioni sul talent management. Il caso Fiat Per i manager Per i manager salvare salvare la Fiat la due Fiat anni due fa anni sembrava fa sembrava una mission una mission impossibile impossibile Mario Mairano, Senior Vice President HR Group FIAT La mia relazione intende descrivere, a una platea di esperti responsabili delle risorse umane come siete voi, l esperienza che ho vissuto negli ultimi due anni in Fiat Auto, partendo dal 2004, anno in cui l azienda viveva una situazione di profonda crisi. Vi parlerò delle reazioni e delle rivoluzioni organizzative messe in atto per riemergere dalla crisi per arrivare a descrivervi le politiche in atto in materia HR e sul talent management. HR Forum 3

6 Un gruppo con sedi in tutto il mondo Il Gruppo Fiat è composto da sette grandi settori: la Fiat Auto (con i brand Fiat, Alfa Romeo, Lancia, Maserati, Fiat Veicoli Commerciali) e Ferrari; la Cnh macchine per l agricoltura e le costruzioni; l Iveco veicoli commerciali; la Fpt che è una nuova azienda che produce e vende, sia in termini captive che ai fornitori e competitors, motori e cambi; la Magneti Marelli grande realtà di componentistica; la Comau sistemi di produzione; la Teksid prodotti metallurgici. Nel complesso il Gruppo Fiat impiega persone ed è radicato in tutto il mondo. Quest ultimo aspetto è molto importante nella gestione delle risorse umane e per le azioni di talent management, dal momento che una tale ramificazione consente di creare adeguati percorsi di carriera. 4 HR Forum

7 Partenza in salita Nel 2004 la Fiat Auto era un azienda veramente in crisi e ora, a distanza di due anni e alla luce del lavoro svolto, si può parlare quasi di un miracolo, ma soprattutto del grande impegno profuso da tutti coloro che con le varie mansioni si sono adoperati per il salvataggio. La situazione di partenza era costellata da segnali negativi che vi schematizzo per chiarezza: Fiat Auto era un azienda che perdeva milioni di euro al giorno, pur tuttavia non era percepibile alcuna tensione al risultato; Di fronte alle difficoltà c era diffusa rassegnazione, piuttosto che reazione alla situazione di crisi; Pur esistendo buoni rapporti interpersonali, c era l assoluta incapacità di lavorare in team; non c era pianificazione e non si lavorava per priorità; tutti i problemi finivano sulla scrivania del capo e anche i manager non fornivano alcuna proposta di soluzione; c era difficoltà a recepire il nuovo e questo creava non pochi problemi all inserimento di nuove persone; il Lingotto era vissuto come alibi e non come opportunità di sviluppo; anche l ambiente era in completo degrado: uffici mal organizzati, pulizie scarse e spazi male impiegati. Situazione di partenza (2004) Non è percepibile la tensione al risultato Di fronte alle difficoltà più rassegnazione che reazione Buoni rapporti interpersonali, incapacità di lavorare in team Poca pianificazione non si lavora per priorità Si cerca sempre di coinvolgere il capo nelle decisioni: si arriva con i problemi mai con le proposte Difficoltà a recepire il nuovo Lingotto come alibi, non come opportunità Ambiente in completo degrado, uffici, pulizie, infrastrutture, spazi vuoti o mal utilizzati, ecc. HR Forum 5

8 Un fatto vero che non ho alcuna difficoltà a raccontare è che al primo comitato di direzione a cui ho partecipato, a un certo punto l allora Amministratore delegato, Ingegnere Demel, chiese un dato economico estremamente importante al capo di un grande brand. All incontro era presente anche il Cfo di quel brand, ma nessuno dei due seppe rispondere all amministratore delegato. A quel punto il capo interrogato allora rispose: Non ho qui il dato economico che mi chiede, glielo farò avere tra 2 giorni. Questo atteggiamento di rilassatezza, la dice lunga sull assenza di tensione al risultato e allo stato di rassegnazione che era diffuso anche ai piani medio-alti. Anche l accordo, allora in vigore, con General Motors contribuiva a creare un clima di attesa, anziché di reazione. Da organizzazione verticale ad azienda piatta. I clienti vengono messi al centro Dal punto di vista organizzativo, l organizzazione prevedeva una struttura per business unit. Attraverso una complessa e coraggiosa fase riorganizzativa, si è proceduto a una completa destrutturazione aziendale. Fiat Auto è passata da un organizzazione verticale a una struttura completamente piatta, arrivando anche a una logica, che in altri casi può sembrare assurda e inconcepibile, di avere 28 riporti all amministratore delegato. Nuovo modello: BRAND/FUNCTION 6 HR Forum

9 Altra mossa decisiva per la risalita è stata quella di mettere il cliente al centro dell attenzione. È un concetto chiave, ma storicamente in Fiat Auto non c era questa abitudine. Anche i benchmark che si facevano erano poco efficaci in quanto promossi soli sui prodotti interni, per cui si ricavava che la Panda nuova andava molto meglio della Panda precedente. È stato impostato un grande lavoro di responsabilizzazione degli uomini chiave dei 4 brand fondamentali e cioè Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Veicoli Commerciali. Quest ultima è stata una mossa vincente ed è stata declinata in un sistema di riunioni settimanali operative (aimè fatte di sabato e domenica, ma si trattava di salvare un azienda in crisi) nelle quali ogni manager portava il proprio problema. Non ci si alzava dal tavolo finché non si arrivava a una decisone condivisa attraverso momenti di lungo e costruttivo confronto. Il management e la sfida più bella in Europa Da una struttura gerarchica e per business unit si è passati a una struttura con 28 dipendenze di primo livello, di cui 11 provenienti dall esterno, 11 selezionati con percorsi di crescita all interno e sei confermati nel ruolo. Con questo riuscito mix è stata data una risposta importante alla necessità di inserire il nuovo e grazie anche al lavoro di SpencerStuart sono state inserite all interno di Fiat Auto persone di grande valore e spessore internazionale. Una storia particolare che mi fa piacere ricordare è che quando chiedevo ad alcuni candidati provenienti dall estero e in lizza per le posizioni manageriali: Perché vuoi venire a lavorare in Italia in Fiat Auto? quasi tutti rispondevano: Perché è la sfida più bella che ci sia in Europa nei prossimi 5 anni. È un indicazione significativa, fornita da professionisti con esperienza che avevano voglia di giocare una partita che sembrava una mission impossibile. Da una struttura gerarchica e per BU a 28 dipendenze di primo livello Selezione dei 28 membri del team direzionale: 11 da esterno 11 crescita dall interno 6 confermati Team building dei 28 : parliamoci con schiettezza e comunichiamo in positivo HR Forum 7

10 Anche il modello di leadership è cambiato ed è stato oggetto di una profonda rivisitazione. Il vecchio modello prevedeva che in base alle strategie si adeguassero organizzazione e cultura, il nuovo approccio invece pone in primo piano i manager. È in base alle caratteristiche delle persone che si definiscono le strategie. Si tratta di un approccio completamente destrutturato, ma la posta in gioco era la vita della Fiat Auto. La Funzione HR diventa partner strategico del business La rivoluzione in Fiat Auto ha investito anche la funzione HR che è diventata un partner strategico del business e ha funzionato come vero agente del cambiamento culturale e professionale. Gli interventi principali della funzione sono stati finalizzati a motivare le persone: sviluppare la capacità del lavoro in team come unica modalità operativa; supportare un modello operativo che prevedesse di affidare le decisioni alla linea; diffondere il concetto di autorevolezza e non autorità educare al rispetto per le persone e per gli ambienti di lavoro. Grazie al nuovo modello organizzativo e al nuovo modo di pensare e lavorare in azienda, Fiat Auto è riuscita ad anticipare di sei mesi gli sviluppi delle nuove automobili. Se si pensa che ogni macchina è composta da particolari si può comprender meglio gli sforzi fatti. E così la nuova Punto è stata lanciata sul mercato sei mesi prima di quanto programmato e così saremo in grado di fare anche con la presentazione della nuova Stilo che si chiamerà Bravo. Priorità HR In linea con le altre funzioni del Gruppo, il piano strategico HR si concentra su: Talent Acquisition; Talent Management; Organizational Development; Training; Compensation & Benefits; Broadbanding & Managerial Systems; HR Infrastructure, esigenza fondamentale per tenere collegate 180 mila persone. 8 HR Forum

11 Talent Management Il talent management è lo strumento della funzione Hr con cui si mettono le persone giuste al posto giusto creando un vantaggio competitivo per il business ed è anche il processo con cui vengono identificati gli alti potenziali (High Potential) su cui è strategico investire per uno sviluppo personale e professionale, con l obiettivo di trattenerli in azienda per l impatto positivo che hanno sul business. Nella ricerca dei talenti la prima mossa da compiere è capire quali risorse hai già a disposizione in azienda da far crescere. Per cui, attraverso un sistema di valutazione della leadership, intesa sia in termini di performance che di leadership vera e propria, sono state individuate le persone da far crescere all interno di Fiat Auto. Su questo tema, facendo parte di un grande Gruppo con sedi in tutto il mondo, Fiat Auto ha l incredibile opportunità di ridefinire percorsi di carriera, sia in Italia che all estero, interfunzionali e intersettoriali che risulta essere molto apprezzato. Tra i risultati di questo lavoro c era anche quello di individuare le figure di talento mancanti alla nostra organizzazione e per le quali era opportuno rivolgersi sul mercato. Sono stati quindi stipulati alcuni accordi quadro con le tre o quattro maggiori società di executive search a livello mondiale, tra le quali chiaramente anche SpencerStuart, che sono diventate partner strategici della nostra attività. Il modello di talent management adottato in Fiat Auto prevede l individuazione di 4 categorie: gli high potential, persone di elevata performance ed esempio di leadership, contribuiscono a identificare nuove sfide e sono in grado di occupare e avere successo nelle key leadership position delle società del gruppo; i promotable, persone di elevata performance in grado di assumere un ruolo a un livello superiore nell organizzazione; gli high professional, talento chiave o con competenze chiave che richiede un attenzione particolare ai fini della retention. Si tratta di persone difficilmente sostituibili per la carenza di profili con competenze analoghe sul mercato; gli essential contributor, apportano un contributo significativo nell attuale posizione e talvolta possono spostarsi in una nuova area funzionale in un ruolo analogo per responsabilità e portata. Per Fiat Auto la priorità è di non perdere gli high professional, persone in grado di costruire e progettare una macchina. Per questi professionisti, a causa della loro scarsa sostituibilità, è previsto un programma di retention. In relazione alle 4 categorie è stata realizzata una gestione retributiva diversa con la costruzione di percorsi economici e soft differenziati. In questa fase stiamo lavorando molto sulla parte soft, come il master, la casa, gli asili, la business school e anche altre attività differenziate a seconda della localizzazione delle diverse unità produttive in quanto la cosa importante da capire è che le persone hanno esigenze diverse a seconda della realtà in cui lavorano e le politiche di Flexible benefits devono capire le diversità e adeguarsi per farvi fronte. HR Forum 9

12 Interventi Ezio Cristetti, Heineken Spa Abbiamo apprezzato molto la presentazione del Dottor Mairano perché ha espresso un profondo senso del cambiamento, al di là dei contenuti nei quali ci riconosciamo tutti. La curiosità che nasceva è un po meno legata alla titolazione dell intervento quanto all articolazione del modello di talent management, in particolare sui professionals, figure sulle quali avete mostrato una nuova attenzione in materia di riscoperta di competenze e ruoli. Sarebbe interessante riflettere sui processi di selezione e sapere se in Fiat Auto avete già elaborato una strategia in merito a come differenziare all interno della popolazione aziendale queste figure. Ilaria Dalla Riva, TNT Logistics Italia Spa Sarebbe interessante sapere quanto il cambiamento descritto dal Dottor Mairano sia stato reso possibile da un cambiamento fisico delle persone o quanto da un cambiamento di cultura. Chiediamoci, inoltre, se le aziende hanno davvero così tanto bisogno dei talenti? Il calcio ci insegna che se in una squadra c è posto per un solo Del Piero, nelle aziende quanti talenti possono trovare spazio? Riflettiamo anche su un altro aspetto, chiedendoci se le aziende sono davvero in grado di gestire per i propri fini i talenti? Antonio Dragotto, STMicroelectronics Srl Poichè in un azienda grande come la Fiat sicuramente capita che qualche top manager venga cambiato per non aver raggiunto gli obiettivi di business, ci chiediamo quanti manager sono stati cambiati per non aver raggiunto gli obiettivi di gestione delle HR? Gustavo Bracco, Telecom Che questo nuovo corso Fiat sia in buona parte figlio di Marchionne ci è sembrato evidente, quanto tutto questo può sopravvivere a Marchionne? Andrea Colombo, Schneider Electric Italia Spa Come siete riusciti a far ripartire e far lavorare insieme 28 persone di peso di cui 6 confermati, 11 dall esterno e 11 dall interno? Qual è la ricetta, se esiste, per far lavorare tutti nella stessa direzione? Pierluigi Fattori, Spencer Stuart Quanto e come la politica retributiva può intervenire nella gestione dei talenti? Al di là di politiche retributive che possono spesso essere, soprattutto in momenti di crisi per l azienda, particolarmente conservative, ci chiediamo in che misura questo modello può essere elemento gestionale? Luigi Longo, Parmalat Spa Ho apprezzato la relazione del dottor Mairano che in alcuni passaggi mi ha ricordato quanto vissuto in Parmalat. Quali sono stati i tipi di leader selezionati per ripartire dalla crisi? Luca Sburlati, Azimut-Benetti Spa Come facciamo a essere certi che il middle management a cui deleghiamo scelte importanti si muova coerentemente alle linee guida che la corporate ha individuato? Quanto è importante l educazione del middle management? Riccardo Romano, Danone Spa Si è parlato molto di comunicazione, ma cosa è stato comunicato verso il basso, da chi, come e con che profondità e con che linguaggio? Fernando Ferri, Zambon Italia Srl Come vi siete preoccupati di garantire una certa uniformità di valutazione dei talenti, tenuto conto che avete nuovi inserimenti, altri confermati e altri ancora cresciuti dall interno? Giuseppe Tomassetti, ABB Italia Spa Sempre sul tema della comunicazione sarebbe interessante sapere se alle persone definite talenti e per le quali costruite progetti è stato comunicato qualcosa, cioè i talenti sanno di essere considerati tali? Mentre è vero che se una risorsa continua a lavorare in un azienda lo fa per una scelta dovuta a vari fattori e in questa scelta l elemento retributivo è assolutamente marginale, ho visto che nel vostro progetto c è un lungo capitolo per la retention. Come trova coerente quello che abbiamo appena detto sul fatto di scegliere il posto di lavoro con una normativa contrattuale vincolante e anche un po coercitiva? 10 HR Forum

13 Risposte di Mario Mairano alle domande e agli interventi provenienti dai tavoli Partirei dalla domanda più diretta per sviluppare poi i diversi temi toccati dai colleghi: Quanto si sopravvive a Marchionne? I grandi condottieri sono, come sempre, quelli che portano a casa i grandi risultati. È evidente che quello che deve fare Marchionne, nel momento in cui deciderà di andare in pensione, è lasciare un modello di riferimento di gestione e operatività vincente come quello di adesso. Sul modello di leadership, infatti, Marchionne deve essere talmente ambizioso da lasciare traccia del suo passaggio in Fiat. Non è detto che il modello Marchionne sia valido per sempre, ma certamente in questa fase è servito allo scopo e funziona ancora. Sul terreno della leadership, va detto che Marchionne ha una abilità eccellente a trattare tutti alla stessa maniera e a dire le cose come stanno in maniera molto trasparente: non ci sono figli e figliastri e questo dal punto di vista dell autorevolezza è importante. Questa è una qualità che tutti riconosciamo a Marchionne. Per capire come siamo riusciti a mettere insieme talenti, High Professional, High Potential ed Essential Contributor bisogna soffermarsi sul grande lavoro svolto: per un certo periodo abbiamo veramente vissuto in Fiat Auto 7 giorni su 7 per 15 ore al giorno affrontando gli argomenti e i problemi con una logica di contributo. Nei vari comitati non esisteva condivisione dei presupposti e capacità di lavorare in team, poi con l esercizio siamo riusciti ad assumere decisioni sempre più condivise. Il rigore metodologico dei processi di decisione è tale per cui non si torna indietro sulle decisioni prese e il lavoro in team è talmente entrato nelle abitudini di Fiat Auto per cui nessuno fa il solista. Chiaramente ciò non significa nascondersi e infatti nessuno rinuncia alla propria parte, ma a giocare è sempre tutta la squadra. Il manager che non gioca il suo ruolo va a casa e l espulsione viene decretata non tanto dal capo, ma dagli stessi colleghi. Si tratta di comportamenti non scritti, ma che ognuno poco alla volta contribuisce a costruire in vista dell obiettivo comune. I leader Che tipi di leader cerchiamo? In Fiat Auto abbiamo adottato un meccanismo molto semplice basato sulla valutazione della leadership, intesa come qualità e approccio personale di fronte ai problemi e sulla valutazione della performance. Questo è un meccanismo molto utile per cui l azienda è in grado di valutare tutti alla stessa maniera. HR Forum 11

14 La comunicazione In questo processo riorganizzativo la comunicazione non c è stata e questo è un aspetto curioso. Non abbiamo mai fatto una convention in Fiat Auto, ma sono i risultati che comunicano. Non sono convinto che ciò sia giusto, però nei fatti è così. La politica retributiva Io sono personalmente convinto che se la gente non è motivata, puoi pagarla quanto vuoi ma non rimane in quel posto. Quando ero alla Ferrari c era un grande progettista che guadagnava all epoca miliardi di lire all anno ma era scontento. Gli ho consigliato allora di andarsene e così ha fatto. Quindi non sono i soldi a motivare le persone, o almeno non del tutto. È evidente che sul tema della gestione HR dovremmo inventarci sempre maggiormente temi di Flexible Benefits come opportunità vacanze, borse di studio per i figli e altro ancora. L aspetto fondamentale rimane però quello di mettere a punto un ambiente di lavoro, all interno del quale la gente possa esprimersi e imparare ogni giorno di più. Sul tema della retention, devo dire che in Fiat coloro che hanno un contratto di retention sono pochissimi e si tratta di professionisti non facilmente sostituibili sul mercato del lavoro in virtù delle loro competenze. 12 HR Forum

15

16

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Avvocati nella stanza dei bottoni

Avvocati nella stanza dei bottoni Maggio 2007 Avvocati nella stanza dei bottoni L evoluzione del ruolo del General Counsel nelle principali società italiane 2 Avvocati nella stanza dei bottoni spencer stuart Fondata nel 1956, SpencerStuart

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Incontro con le Organizzazioni Sindacali

Incontro con le Organizzazioni Sindacali Incontro con le Organizzazioni Sindacali Torino - Mirafiori Motor Village - Il Gruppo Fiat nel 2005 Gruppo focalizzato sui settori automotoristici operante a livello internazionale ma ancora radicato in

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

IL SALTO DI QUALITà DEI NUMERI UNO

IL SALTO DI QUALITà DEI NUMERI UNO MARINA CAPIZZI ULDERICO CAPUCCI IL SALTO DI QUALITà DEI NUMERI UNO Leadership degli scopi, valore e modelli di management in un indagine sul ruolo dei capi d azienda italiani all epoca della crisi Marina

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli