7. Uscita di Raffreddamento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "7. Uscita di Raffreddamento"

Transcript

1 7. Uscita di Raffreddamento 7.1. L uscita di raffreddamento La figura 1 mostra due apparecchi molto simili. Si tratta di motori elettrici ai quali si possono allacciare diversi utensili. Uno trova ut i- lizzo in cucina, l altro in officina. Entrambi i motori trasferiscono energia dal portatore elettricità al portatore quantità di rotazione. Guardiamo ora i due apparecchi un po più da vicino. 2 Motore elettrico Motore elettrico 3 In entrambi possiamo osservare delle aperture sui lati del telaio. Se mettiamo in funzione gli apparecchi, possiamo notare che da una parte esce dell aria dalle fessure e dall altra invece entra. Puoi chiederti a cosa serve questa aria. Il motore elettrico deve essere raffreddato. Se le aperture vengono chiuse, il motore si surriscalda e può anche rompersi. L aria in uscita è anche leggermente più calda di quella in entrata. L aria porta via energia dall apparecchio. Nella figura 2 trovi il diagramma di flusso dell energia per il motore elettrico così come lo abbiamo disegnato fino ad ora. Tale rappresentazione però è incompleta alla luce di quanto discusso prima. Manca infatti una seconda uscita per l energia. Chiamiamo questo secondo sbocco uscita di raffreddamento. La figura 3 mostra il diagramma di flusso dell energia completo per il nostro motore e- lettrico. Lo spessore delle frecce dell energia lascia intendere l intensità di corrente dei rispettivi flussi di energia. L energia che giunge in entrata si suddivide in uscita tra i due flussi. Il sistema di raffreddamento è un male necessario. L energia che esce attraverso questo dispositivo, non viene utilizzata per compiere il lavoro che vogliamo: dal nostro punto di vista va semplicemente persa. Ciononostante non possiamo rinunciare al sistema di raffreddamento (senza di esso l apparecchio si romperebbe). Non solo il motore elettrico, ma anche molti altri trasferitori di energia sono provvisti di un sistema di raffreddamento. Il motore dell automobile ha un sistema di raffreddamento ben visibile: attraverso un tubo l acqua calda scorre dal motore verso il radiatore, figura 4, da dove l acqua raffreddata ritorna al motore. Motociclette e motorini si raffreddano cedendo direttamente all aria che incontrano l energia: le alette metalliche sulla testa del motore agevolano lo scambio di energia con l aria (figura 6). Il sistema di raffreddamento del motore dell automobile Maggiore è la quantità di energia che una macchina riesce a trasferire, e maggiore è il sistema di raffreddamento. Le centrali nucleari necessitano di un grosso fiume per il siste Uscita di Raffreddamento

2 ma di raffreddamento. Se non vi è un fiume o se questo è troppo piccolo, bisogna ricorrere a delle torri di raffreddamento (figura 5). In questi casi l energia viene fatta defluire tramite aria o vapore acqueo. I trasferitori di energia non hanno una sola uscita per l energia, bensì due. L energia che esce dalla seconda uscita non viene però generalmente utilizzata. Esercizi: 1. Elenca alcuni apparecchi che hanno un sistema di raffreddamento. Dove si trova il sistema di raffreddamento? 2. Nell aspirapolvere dove si trova il sistema di raffreddamento? 3. Cosa succede se si tappa l uscita dell aria del retroproiettore? Il sistema di raffreddamento del motore dell automobile Radiatore Aria Ventilatore Acqua Pompa di raffreddamento Motore Cambio Un motore a benzina deve essere raffreddato. Se non lo si raffredda, si riscalda e l olio di lubrificazione diventa così viscoso che non lubrifica più. I pistoni del motore si bloccherebbero. Il motore dell automobile si romperebbe. Per evitare ciò sul cruscotto dell automobile si trova un termometro o una spia rossa che si accende quando la temperatura del motore diventa troppo elevata. La figura mostra le componenti del sistema di raffreddamento di un motore di un automobile. Nel motore l energia viene caricata sull acqua che così si riscalda. L acqua viene pompata nel sistema di raffreddamento. Qui scarica la sua energia sull aria. Fintanto che l automobile viaggia adagio o sta ferma, non vi è un flusso di aria sufficiente attraverso il radiatore. Per ovviare a questo problema, dietro il radiatore si trova un ventilatore. Vi sono più possibilità per mettere fuori uso il sistema di raffreddamento: nel radiatore c è un buco, così che l acqua di raffreddamento va persa, la pompa dell acqua non funziona in modo corretto. In ogni caso bisogna assolutamente spegnere il motore e riparare il sistema di raffreddamento! 7. Uscita di Raffreddamento 39

3 Il sistema di raffreddamento nell uomo Un uomo che viaggia in bicicletta libera energia con il portatore quantità di rotazione. Nel caso di un professionista si può arrivare a liberare fino a 200 J in un secondo (cioè 200 watt). Nel contempo però il ciclista suda; perde energia attraverso la pelle, e più precisamente circa 600 watt. La pelle rappresenta quindi il sistema di raffreddamento del ciclista L inversione del motore elettrico Alcuni motori elettrici possono essere utilizzati anche come dinamo. Il diagramma di flusso della dinamo può quindi esser facilmente ricavato da quello del motore elettrico: basta capovolgere tutte le frecce. Nel capitolo precedente abbiamo migliorato il diagramma di flusso dell energia del motore elettrico (figura 3). Vogliamo ora cercare di costruire il diagramma di flusso dell energia della dinamo secondo la solita procedura basandoci su questo nuovo schema: rovesciamo le frecce del disegno 3 ed otteniamo il disegno 7. Osserva attentamente il disegno. Una dinamo di questo tipo libererebbe con il portatore elettricità più energia di quanta ne riceverebbe dal portatore quantità di rotazione. Supponiamo che liberi 3 J al secondo con l elettricità, mentre ne riceve solo 2 J al secondo con il portatore quantità di rotazione. In tal caso dovrebbe ricevere 1 J al secondo dall aria tramite il sistema di raffreddamento. L aria dovrebbe quindi abbandonare la dinamo più fredda di prima. Una dinamo di questo tipo, ovviamente, non esiste! Dalle aperture di ventilazione di una dinamo esce aria calda, così come dai motori. Il corretto diagramma di flusso dell energia della dinamo è raffigurato nella figura 8. Durante il processo di trasferimento, anche in questo caso, dell energia va persa.? 7 Dinamo 8 Sia nel motore elettrico sia nella dinamo una parte di energia non è direttamente utilizzabile. Defluisce nell ambiente attraverso il sistema di raffreddamento. Esercizio: Disegna i diagrammi di flusso dell energia di una lampadina e di una cella solare tenendo in considerazione il sistema di raffreddamento Uscita di Raffreddamento

4 7.3. La perdita di energia in un trasferitore Durante il trasferimento dell energia da un portatore all altro una parte di essa va persa. Ovviamente si vorrebbe ridurre al minimo questa perdita. Se in un motore elettrico entrano 4 kw con il portatore elettricità e 1 kw esce dal sistema di raffreddamento, rimangono ancora solo 3 kw per il portatore di energia quantità di rotazione. Un quarto dell energia ricevuta viene persa nel sistema di raffreddamento e non viene più utilizzata. Noi diciamo che la perdita di energia del motore è di 1/4. Quando nel motore fluiscono 100 W e 50 W si perdono nel sistema di raffreddamento, allora la perdita sarà di 1/2. La perdita rappresenta quindi la parte di energia che defluisce nel sistema di raffreddame n- to. La seguente tabella riporta le perdite di energia di alcuni trasferitori. Trasferitore Perdita di energia Grande turbina ad acqua Sotto 1/10 Grande motore elettrico 1/10 Generatore 1/10 Motore a benzina 7/10 Motore diesel 6/10 Centrale elettrica a carbone 6/10 Centrale nucleare 7/10 Cella solare 9/10 Lampadina 19/20 Forse ti sorprende il fatto che alcuni trasferitori di energia abbiano delle perdite così grosse. La situazione comunque peggiora ulteriormente se si collegano tra di loro diversi trasferitori. In tal caso può facilmente capitare che solo una piccolissima parte dell energia presente all inizio fuoriesca dall ultimo trasferitore. La maggior parte viene persa nei sistemi di raffreddamento dei vari trasferitori. Nel caso in cui i percorsi sono molto lunghi, a queste perdite si aggiungono quelle dovute alle condotte. La perdita di energia di un trasferitore rappresenta la frazione dell energia che viene persa nel sistema di raffreddamento. Esercizi: 1. Elenca alcuni apparecchi che hanno basse perdite di energia. 2. Elenca alcuni apparecchi che hanno alte perdite di energia. Spreco di energia con le stufe elettriche La figura riportata a lato rappresenta quattro differenti stufe elettriche. Queste stufe non hanno apparentemente perdite di energia. Tutta l energia che l elettricità trasporta nelle stufe esce con il portatore aria calda. In altre parole si potrebbe dire che queste stufe hanno un unico sistema di raffreddamento. In via eccezionale, in questo caso, siamo interessati all energia che esce dal sistema di raffreddamento. Si sarebbe quindi portati a credere che le stufe elettriche siano dei sistemi di riscaldamento ideali. 7. Uscita di Raffreddamento 41

5 Questa conclusione è però errata in quanto qui abbiamo considerato solo l ultimo anello di una catena di trasferitori. L energia per le stufe ele t- triche proviene magari da una centrale elettrica a carbone, che funziona con una perdita di energia di almeno 6/10. Nel caso si bruciasse direttamente il carbone in una stufa che riscalda direttamente la camera, la perdita di energia sarebbe minore: circa 3/10. Stufetta elettrica Le perdite del motore a benzina Il radiatore rappresenta un sistema di raffreddamento del motore dell automobile. Non è comunque il solo. L energia non utilizzata viene dispersa anche attraverso il tubo di scarico: i gas di scarico sono caldi e trasportano ancora molta energia. In generale: 1/3 dell energia della benzina fluisce nelle ruote, 1/3 dell energia della benzina fluisce nel radiatore, 1/3 dell energia della benzina fluisce nei gas di scarico. Benzina Motore a benzina Quantità di rotazione 7.4. Il moto perpetuo Con il termine moto perpetuo si pensa a una macchina che fornisce energia, senza riceverne. Un numero incredibile di scienziati di o- gni epoca ha cercato di costruire una macchina di questo tipo senza però mai riuscirvi. A questo fatto vi è una semplice spiegazione: se nella macchina non entra energia, non può nemmeno uscirne. Spesso le macchine che pretendono di generare un moto perpetuo consistono di alcuni trasferitori di energia collegati tra di loro in un circuito chiuso. Considera l esempio della figura 9. Un motore elettrico fa funzionare una dinamo. Il motore stesso poi riceve l energia che ha bisogno per funzionare dalla stessa dinamo. Cerchiamo ora di capire perché una macchina di questo tipo non può funzionare. Nel caso in cui sia la dinamo che il motore sono fermi, non succede nulla: la macchina non può fornire energia. Mettiamo ora in funzione la macchina facendo girare l albero di trasmissione che collega la dinamo al motorino. Questo significa che noi diamo alla macchina un po di energia, nella speranza che in seguito possiamo ricavare dalla macchina più energia di quanta ne abbiamo immessa. Immagina che abbiamo immesso 10 J nella macchina per farla partire. La dinamo carica ora questi 10 J sul portatore elettricità. Durante questo processo una parte dell energia fuoriesce dal sistema di raffreddamento della dinamo. Supponiamo che se ne perda 1 J. I rimanenti 9 J giungono al motorino elettrico. Questo li trasferisce sul portatore quantità di rotazione. Se anche durante questo passaggio 1 J viene perso dal sistema di raffreddamento del motori Uscita di Raffreddamento

6 no, rimangono 8 J. Questi arrivano alla dinamo. Sette di questi arriveranno al motorino e quindi 6 alla dinamo e così via. L energia circola in cerchio e ad ogni passaggio una parte viene persa nel sistema di raffreddamento. Alla fine la macchina si fermerà! Avremo così perso tutti i 10 J che abbiamo investito all i- nizio. Questa macchina fornisce energia? Non c è nessuna macchina che fornisca energia senza riceverne. Non esiste nessun moto perpetuo. Esercizio: Si potrebbe giungere all idea di costruire un moto perpetuo con una lampadina e una cella solare. Riesci a immaginarti come? Movimenti senza fine Una ruota che viene fatta girare, dopo un po di tempo si arresta. Ciò accade per via dell attrito. Se si riduce l attrito, ad esempio con un cuscinetto a sfera, la ruota gira più a lungo. Se si riuscisse a e- liminare completamente l attrito, la ruota girerebbe in eterno. Un ruota di questo tipo non rappresenterebbe comunque un moto perpetuo. Da un moto perpetuo, in questo caso, ci si aspetterebbe che, pur continuando a girare all infinito, fornisca anche energia. E questo non sarebbe possibile nemmeno con la nostra ruota perfetta. La Terra è un esempio di ruota con pochissimo attrito. Ruota da miliardi di anni attorno al suo asse e continuerà a farlo ancora per molto tempo, in ogni caso non all infinito. Il movimento di rotazione della Terra su sé stessa infatti rallenta: sull arco di un anno il tempo che impiega a girare su sé stessa aumenta di 0,00002 secondi. In altre parole i giorni diventano sempre più lunghi. Possiamo quindi dire che la Terra è come una ruota in rotazione, dalla quale fuoriesce lentamente un po di energia. 7. Uscita di Raffreddamento 43

2. Fonti di Energia e Ricevitori di Energia

2. Fonti di Energia e Ricevitori di Energia 2. Fonti di e Ricevitori di 2.1. Da dove proviene l energia e dove va? La figura 1 mostra una stufa a nafta e il modo in cui viene rifornita di energia. La stufa a nafta si trova nella camera, la cisterna

Dettagli

ENERGIA. Trasferimento e trasformazione dell energia

ENERGIA. Trasferimento e trasformazione dell energia ENERGIA Trasferimento e trasformazione dell energia L energia L auto per muoversi ha bisogno di benzina, il treno di elettricità, l uomo di cibo: indipendentemente dal modo in cui viaggiamo abbiamo bisogno

Dettagli

5. I Trasferitori di Energia

5. I Trasferitori di Energia 5.1. Fonti e ricevitori trasferiscono energia 5. I Trasferitori di Le fonti di energia, come il nome lascia ben intuire, cedono energia. Da dove ricevono però l energia che cedono? La ricevono da altre

Dettagli

6. Depositi e Serbatoi di Energia

6. Depositi e Serbatoi di Energia 6. Depositi e Serbatoi di 6.1. A cosa servono i depositi di energia Molto spesso abbiamo a che fare con fonti di energia che si svuotano come ad esempio le batterie della pila, il serbatoio dell automobile,

Dettagli

Risposte alle Domande

Risposte alle Domande Capitolo 1 e Portatori di 1.1.1. In che modo ci si può spostare da una città a un'altra? Quali propellenti si possono usare? Se prendiamo l'automobile, abbiamo bisogno di benzina. Se viaggiamo invece con

Dettagli

C1. Correnti di Energia e di Portatori di Energia

C1. Correnti di Energia e di Portatori di Energia C1. Correnti di Energia e di Portatori di Energia C1.1. L intensità di corrente A volte capita di voler confrontare due correnti, ad esempio due fiumi. Ci si può chiedere: Quale dei due fiumi è più largo?

Dettagli

CAMBIO LIQUIDO E PULIZIA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO: by Antsrp

CAMBIO LIQUIDO E PULIZIA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO: by Antsrp CAMBIO LIQUIDO E PULIZIA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO: by Antsrp In questa guida viene spiegato come sostituire il liquido refrigerante del circuito di raffreddamento della Ibiza (anche se il procedimento

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Calorimetria: soluzioni Problema di: Calorimetria - Q0001 Problema di: Calorimetria - Q0002 Scheda 8 Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Testo [Q0001] Quanta

Dettagli

l energia meccanica si trasforma, integralmente e spontaneamente, in energia termica.

l energia meccanica si trasforma, integralmente e spontaneamente, in energia termica. Lezione 26 - pag.1 Lezione 26: Le macchine termiche 26.1. La conversione di energia meccanica in energia termica Sappiamo che quando un corpo cade, nel corso della caduta la sua energia meccanica, se gli

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

La Produzione e distribuzione dell energia

La Produzione e distribuzione dell energia ISTITUTO COMPRENSIVO ILARIA ALPI - PLESSO B.Croce - TORINO APPUNTI DI TECNOLOGIA La Produzione e distribuzione dell energia A.S. 2015-2016 LUMINOSA TERMICA LE FORME DELL ENERGIA MECCANICA ELETTRICA CHIMICA

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTI IDRICI E ELETTRICI

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTI IDRICI E ELETTRICI Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTI IDRICI E ELETTRICI IMPIANTI IDRICI Nello specifico gli elementi tecnici per sviluppare un buon impianto idrico possono essere sintetizzati in questo modo: - allacciamenti;

Dettagli

Piccoli scienziati in laboratorio: per la formazione scientifica nella scuola primaria. Progetto per la diffusione della cultura scientifica 2009

Piccoli scienziati in laboratorio: per la formazione scientifica nella scuola primaria. Progetto per la diffusione della cultura scientifica 2009 Ministero dell Università e della Ricerca Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Fisica Progetto per la diffusione della cultura scientifica

Dettagli

Motori commerciali Tra le varie applicazioni del motore Stirling, esistono anche motori commerciali, realizzati e testati in laboratorio. Tra questi possiamo illustrarne alcuni: Stirling Power System V160

Dettagli

È sufficiente attendere 3 minuti perché tutto torni a funzionare come sempre.

È sufficiente attendere 3 minuti perché tutto torni a funzionare come sempre. Vediamo alcune delle principali anomalie che possono verificarsi su un condizionatore Daikin e le relative soluzioni che vengono proposte dalla casa produttrice. Mancato inizio del funzionamento La soluzione

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi.

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. I CIRCUITI ELETTRICI Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. Definiamo ramo un tratto di circuito senza diramazioni (tratto evidenziato in rosso nella

Dettagli

Chiamiamo macchina un dispositivo che funzioni accettando in ingresso una qualche forma di energia e producendo in uscita un'altra forma di energia.

Chiamiamo macchina un dispositivo che funzioni accettando in ingresso una qualche forma di energia e producendo in uscita un'altra forma di energia. Lezione 17 - pag.1 Lezione 17: le macchine 17.1. Che cosa è una macchina? Il termine macchina, nell uso comune della lingua italiana, sta diventando sinonimo di automobile, cioè, alla lettera, dispositivo

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI 1.IM 300

CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI 1.IM 300 CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI.IM 300 INTRODUZIONE CON QUESTA PICCOLA MA ESAURIENTE GUIDA SI VUOLE METTERE A DISPOSIZIONE DELL UTENTE UNO STRUMENTO

Dettagli

BOX 01. Energia. 1. Compito

BOX 01. Energia. 1. Compito Energia. L energia è la capacità di produrre lavoro Di sicuro avrete spesso sentito parlare di energia. Spiegare questo concetto però non è assolutamente facile, Ci sono infatti forme assai diverse di

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

Impianti motori termici

Impianti motori termici Impianti motori termici Classificazione: impianto motore termico con turbina a vapore il fluido evolvente nell impianto è acqua in diversi stati di aggregazione impianto motore termico con turbina a gas

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore

Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore 173 Intervento dal titolo Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore A cura di Dott. Stefano Bonotto F2 S.r.l. 175 Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore 1) IL RELATORE

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Secondo principio della termodinamica. Macchine termiche Rendimento Secondo principio della Termodinamica Macchina di Carnot Entropia

Secondo principio della termodinamica. Macchine termiche Rendimento Secondo principio della Termodinamica Macchina di Carnot Entropia Secondo principio della termodinamica Macchine termiche Rendimento Secondo principio della ermodinamica Macchina di arnot Entropia Introduzione al secondo principio della termodinamica Da quanto studiato

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE ACCADEMIA NAVALE 1 ANNO CORSO APPLICATIVO GENIO NAVALE CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE Lezione 09 Motori diesel lenti a due tempi A.A. 2011 /2012 Prof. Flavio Balsamo Nel motore a due tempi l intero

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

CASSANI 40 CV - Anno 1927. Articolo del Dott.Ing. Giorgio BENVENUTO

CASSANI 40 CV - Anno 1927. Articolo del Dott.Ing. Giorgio BENVENUTO CASSANI 40 CV - Anno 1927 Articolo del Dott.Ing. Giorgio BENVENUTO Progettato, brevettato e costruito, nel 1927, dai F.lli CASSANI, Francesco ed Eugenio, nella propria officina di Treviglio che, già all

Dettagli

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto Generalità e classificazione Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto MACCHINE PNEUMOFORE BASSE P applicano energia cinetica Elicoidali In base al moto dell aria Centrifughi

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra!

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra! L ENERGIA 1 COS E L ENERGIA? L energia è una cosa astratta, non si tocca e non si vede, ma se ne conoscono gli aspetti e gli effetti. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una

Dettagli

pressione pompa inferiore a 9 atm guarnizione sottocoppa sporca o consumata filtro usurato con i fori più grossi pressione pompa eccessiva

pressione pompa inferiore a 9 atm guarnizione sottocoppa sporca o consumata filtro usurato con i fori più grossi pressione pompa eccessiva ! griglia poggia tazze in basso a destra) dalla vite, facendole fare un giro completo verso -. N.B. non portare la lancetta del manometro al di sotto di 1.3. Nella tazza vi sono molti fondi. pressione

Dettagli

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO REGIONE CALDA Liquido saturo o sottoraffreddato Q out 3 2 Vapore surriscaldato valvola di espansione condensatore compressore P c evaporatore 4 1 Miscela bifase liquidovapore

Dettagli

Prestazioni comprovate per impianti di produzione di energia elettrica. Le ali ai vostri impianti

Prestazioni comprovate per impianti di produzione di energia elettrica. Le ali ai vostri impianti Prestazioni comprovate per impianti di produzione di energia elettrica Le ali ai vostri impianti Contribuisce ad aumentare l affidabilità delle attrezzature. Contribuisce a ridurre i costi di produzione.

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO (BS)

COMUNE DI GAVARDO (BS) COMUNE DI GAVARDO (BS) Progetto Definitivo IMPIANTO DI COGENERAZIONE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA DA BIOMASSE LEGNOSE doc. N 006_2014 H02 00 DESCRIZIONE FUNZIONALE SETTEMBRE 2014 IL

Dettagli

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai.

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. 1 No fai da te Il fai da te sull impianto del gas combustibile è vietato. Tutte le operazioni di manutenzione, ordinaria e

Dettagli

a partire dalla progettazione e costruzione di un comparto polifunzionale industriale, artigianale, commerciale, direzionale

a partire dalla progettazione e costruzione di un comparto polifunzionale industriale, artigianale, commerciale, direzionale L EFICIENZA E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEI PARCHI INDUSTRIALI a partire dalla progettazione e costruzione di un comparto polifunzionale industriale, artigianale, commerciale, direzionale Gianni Lorenzetti

Dettagli

Progetto Energy Saving Campagna interna di comunicazione Appuntamento informativo 1

Progetto Energy Saving Campagna interna di comunicazione Appuntamento informativo 1 Direzione Amministrativa Area Servizi Tecnici e Immobiliari U.O. Ambiente e Sicurezza Progetto Energy Saving Campagna interna di comunicazione Appuntamento informativo 1 When one sees nature in a necessary

Dettagli

Macchine termiche. Alla fine di ogni ciclo il fluido ripassa per lo stesso stato.

Macchine termiche. Alla fine di ogni ciclo il fluido ripassa per lo stesso stato. Macchine termiche In una macchina termica - ad esempio un motore - un fluido (il vapore delle vecchie locomotive, la miscela del motore a scoppio) esegue qualche tipo di ciclo termodinamico. Alla fine

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno?

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? Il solare fotovoltaico Il solare termico Le pompe di calore Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? ENERGIE RINNOVABILI COME FUNZIONANO? QUANTO SI RISPARMIA? A COSA

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Il parametro fondamentale per la valutazione di un compressore alternativo è l efficienza volumetrica: η v = (Portata volumetrica effettiva) / (Volume

Dettagli

Filobus con marcia autonoma semplificata

Filobus con marcia autonoma semplificata Organizzato da Area Tematica - 2 (Veicolo) Filobus con marcia autonoma semplificata Autore: Menolotto Flavio Ente di Appartenenza: distribuzione energia elettrica Contatti: Tel. 0322 259715 Cell. 328 2154994

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

ALL INTERNO DEL MOTORE, QUANDO UN PISTONE VIENE SPINTO VERSO IL BASSO PER COMPRESSIONE, VIENE IMPRESSO IL MOVIMENTO ALTERNATO ALL ALBERO MOTORE CHE VIENE QUINDI MESSO IN ROTAZIONE. PER EVITARE CHE L ALBERO

Dettagli

PIANO ECONOMICO. G & R Griscenko

PIANO ECONOMICO. G & R Griscenko PIANO ECONOMICO G & R Griscenko Piano Economico Kingdom Pro - Gold Edition Il Piano Economico riporta in dettaglio la reale possibilità di creare una nuova azienda dedicata al trading, una azienda che

Dettagli

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel Termodinamica Applicazioni del secondo principio ovvero Macchine a vapore a combustione esterna: macchina di Newcomen e macchina di Watt Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro.

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Lezione IX - 9/03/003 ora 8:30-0:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Ciclo di Carnot Si consideri una macchina termica semplice che compie trasformazioni reversibili,

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1 il testo: 01.1 sperimentale Le scienze studiano i fenomeni della natura (fenomeni naturali). Spesso noi osserviamo la natura e ci chiediamo perché avvengono certi fenomeni. Ad esempio, ti sarà capitato

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Alcune proprietà dell aria

Alcune proprietà dell aria SCIENZE La Terra L aria, come già sai, è composta sostanzialmente di gas, ed è invisibile, tanto che normalmente non ci accorgiamo della sua presenza e finiamo per considerarla qualcosa di astratto. Ma

Dettagli

STUFA CERAMICA 2000 Watt. mod. SQ 134

STUFA CERAMICA 2000 Watt. mod. SQ 134 STUFA CERAMICA 2000 Watt mod. SQ 134 manuale d istruzioni European Standard Quality Consigliamo di leggere attentamente il presente manuale d istruzioni prima di procedere nell utilizzo dell apparecchio

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi.

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. Negli ultimi anni, il concetto di risparmio energetico sta diventando di fondamentale

Dettagli

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO CONOSCERE IL SOLARE TERMICO Parte I - Conoscere il solare termico COLLETTORE, FLUIDO, SERBATOIO CIRCOLAZIONE NATURALE E FORZATA Parte II Sistemi a circolazione naturale IL COLLETTORE I SELETTIVI RENDONO

Dettagli

Scaldameglio. Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL

Scaldameglio. Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Scaldameglio Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Scaldameglio Bagno (cod. ordine 8497) 1. Ingresso aria 2. Uscita aria 3. Indicatore di presenza alimentazione 3 1 2 4. Selettore della temperatura (termostato)

Dettagli

SOMMARIO PRECAUZIONI ------------------------------------------------------------------------ 3

SOMMARIO PRECAUZIONI ------------------------------------------------------------------------ 3 SOMMARIO PRECAUZIONI ------------------------------------------------------------------------ 3 Precauzioni di Installazione... 4 Precauzioni per il funzionamento... 5 INTRODUZIONE ----------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO Convegno PromoLegno Lecce 2 ottobre 2009 Erlacher Peter Naturno (BZ), Scuola Professionale per l Artigianato, Bolzano ISOLAMENTO E BENESSERE.

Dettagli

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità.

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità. Scheda Tecnica: Piastra idronica SKUDO DC Inverter Codice scheda: XSCT00078 Data 15/11/2014 Famiglia: Recuperatori di calore Descrizione SKUDO è la piastra idronica con spessore di 13 cm e batteria di

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE ACCADEMIA NAVALE 1 ANNO CORSO APPLICATIVO GENIO NAVALE CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE Lezione 08 parte D A.A. 2011 /2012 Prof. Flavio Balsamo Lubrificazione In tutte le macchine costituite da

Dettagli

I collettori solari termici

I collettori solari termici I collettori solari termici a cura di Flavio CONTI, ing. LUVINATE (Varese) Tel. 0332 821398 Collettori solari a BASSA temperatura I collettori solari a bassa temperatura utilizzati normalmente negli impianti

Dettagli

Le centrali idroelettriche

Le centrali idroelettriche Le centrali idroelettriche 1 Una centrale idroelettrica può definirsi una macchina in grado di trasformare l'energia potenziale dell'acqua, legata al fatto che l'acqua si trova ad un livello superiore

Dettagli

I Motori Marini 1/2. Motore a Scoppio (2 o 4 tempi) Motori Diesel (2 o 4 tempi)

I Motori Marini 1/2. Motore a Scoppio (2 o 4 tempi) Motori Diesel (2 o 4 tempi) I Motori Marini 1/2 Classificazione Descrizione I motori marini non sono molto diversi da quelli delle auto, con lo stesso principio di cilindri entro cui scorre uno stantuffo, che tramite una biella collegata

Dettagli

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 -

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 - Capitolo 6 Impianto Pneumatico - 6.1 - 6.1 Introduzione In diversi casi è conveniente sfruttare energia proveniente da aria compressa; questo è soprattutto vero quando il velivolo possiede dei motori a

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014 Termodinamica TD1 In un sistema pistone-cilindro, 1 kg di gas ( = 1,29 ed R * = 190 J/(kg K)) si espande da 5 bar e 90 C ad 1 bar. Nell'ipotesi che la trasformazione

Dettagli

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici R GYRO La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura Tecnica di carteggiatura ad oscillazione Per legno, metallo e materiali sintetici - una macchina robusta ed

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

1 Gli effetti della forza di Coriolis

1 Gli effetti della forza di Coriolis LA FORZA DI CORIOLIS di Giulio Mazzolini 2012 1 Gli effetti della forza di Coriolis È un effetto noto che i venti nell emisfero nord deviano sempre verso destra, invece nell emisfero sud deviano sempre

Dettagli

leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06

leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06 leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06 leaflet risparmio in casa OK.ind2 2 21/02/2011 15.11.06 IL RISPARMIO ENERGETICO IN CASA piccoli gesti, grandi vantaggi Il risparmio energetico è

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

BOX 14. L essiccatore solare

BOX 14. L essiccatore solare L essiccatore solare Vi sono molte possibilità di conservare a lungo gli alimenti. Una tecnica è l essiccazione. Essiccando per esempio gli acini dell uva si ottiene la ben nota uva sultanina, che si conserva

Dettagli

Progetto grafico e ricerche di: Carmine Filippelli IV A/Geometri Supervisione del Prof./Ing. : Francesco Bernardini 1 L energia: L'energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro. L unità di misura

Dettagli

Vantaggi della mobilità elettrica. Convegno AEIT a Mesiano 3 Dicembre 2014 Relatore: Marcello Pegoretti

Vantaggi della mobilità elettrica. Convegno AEIT a Mesiano 3 Dicembre 2014 Relatore: Marcello Pegoretti Vantaggi della mobilità elettrica Convegno AEIT a Mesiano 3 Dicembre 2014 Relatore: Marcello Pegoretti 1 Premessa il Global Warming e i cambiamenti climatici dovuti al consumo di combustibili fossili sono

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Le regole per ridurre i consumi di energia e l emissione di CO2

Le regole per ridurre i consumi di energia e l emissione di CO2 Le regole per ridurre i consumi di energia e l emissione di CO2 Quanto male stiamo facendo al nostro bellissimo pianeta azzurro? Dagli ettari di foreste decapitate, alle stragi di tonni, all ennesima petroliera

Dettagli

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale EDILCUSIO s.r.l. da sempre in prima linea nelle soluzioni innovative costruisce ed edifica nel pieno rispetto dell ambiente Gli appartamenti sono

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere IMPIANTI TERMICI Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere Secondo lutenza da servire gli impianti di riscaldamento si dividono in: IMPIANTI

Dettagli

Ragazzi, in questa scuola l energia ce la metto io! : a scuola con il sole

Ragazzi, in questa scuola l energia ce la metto io! : a scuola con il sole Ragazzi, in questa scuola l energia ce la metto io! : a scuola con il sole Di energia voi ragazzi ve ne intendete: ne avete cosi tanta! Per giocare, andare a scuola, studiare, fare i compiti, fare sport,

Dettagli

Caffettiere a confronto Alcune precisazioni e sviluppi dell attività

Caffettiere a confronto Alcune precisazioni e sviluppi dell attività Caffettiere a confronto Alcune precisazioni e sviluppi dell attività A ciascun gruppo è stata consegnata una caffettiera con libertà di aprirla e smontarla. Le caffettiere erano diverse per forma e dimensioni.

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica.

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica. 1 2 3 L energia incide sul costo di tutti i beni ed i servizi che utilizziamo ma, in questo caso, prendiamo come riferimento il costo che una famiglia di Aprilia con consumo medio sostiene ogni anno per

Dettagli

L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA

L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA Quando il motore è fermo, bisogna fornire dall'esterno l'energia necessaria per le prime compressioni, onde portare l'aria ad una temperatura sufficiente

Dettagli

Decespugliatori. professionali. Serie Evolution

Decespugliatori. professionali. Serie Evolution Decespugliatori professionali Serie Evolution 23 Decespugliatori professionali i dettagli ALBERO MOTORE FRIZIONE AMMORTIZZATORI in acciaio da cementazione, dotato nelle grosse cilindrate di gabbia a rulli

Dettagli

lindab we simplify construction Lindab Solus Semplicemente, la scelta naturale

lindab we simplify construction Lindab Solus Semplicemente, la scelta naturale lindab we simplify construction Lindab Solus Semplicemente, la scelta naturale Semplicemente, la scelta naturale Immagina una soluzione a travi fredde con bilanciamento della temperatura, dove riscaldamento

Dettagli

Gruppi frigoriferi HF/TH/ZH

Gruppi frigoriferi HF/TH/ZH Gruppi frigoriferi HF/TH/ZH HF Generatore d'acqua refrigerata monoblocco E' un dispositivo refrigeratore d'acqua con condensatore ad acqua. La macchina è monoblocco e pronta a funzionare, una volta eseguiti

Dettagli

sostenibile Cosa può fare ognuno di noi per il risparmio energetico in ufficio

sostenibile Cosa può fare ognuno di noi per il risparmio energetico in ufficio Una giornata da lavoratore sostenibile Cosa può fare ognuno di noi per il risparmio energetico in ufficio Una giornata da lavoratore sostenibile La partenza da casa In ufficio La pausa pranzo Si torna

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106 sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA indice di sezione Le trasformazioni dell energia pag. 106 IL PROBLEMA ENERGETICO Da qualche anno a questa parte ha assunto grande rilievo il problema energetico. Si parla

Dettagli