Ipotesi di autoriforma del sistema BCC Contenuti essenziali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ipotesi di autoriforma del sistema BCC Contenuti essenziali"

Transcript

1 Ipotesi di autoriforma del sistema BCC Contenuti essenziali 1) Premessa 2) Il modello proposto dal Governo 3) L idea di futuro da cui ripartire: le mutualità. Cosa significa mutualità oggi? 4) Contenuti essenziali di una proposta alternativa di autoriforma 1. Premessa Principi di fondo: - scelte autonome per chi è nelle condizioni di poterle fare e non imposte obbligatoriamente; - chi decide risponde; - le mutualità al centro del rilancio dell azione delle bcc. I tradizionali vantaggi competitivi delle banche di credito cooperativo che nel tempo hanno garantito sostenibilità e sviluppo - sono oggi messi duramente alla prova. Il contesto, sempre più complesso e insidioso, sembra indirizzato verso la logica della dimensione, della semplificazione e in ultima analisi dell'omologazione al modello capitalistico. Anziché orientarsi su comportamenti di fatto omologati, è necessario ripartire dalle caratteristiche distintive delle bcc, le mutualità. Le mutualità non sono una forma esteriore appiccicata per marketing ad una formula imprenditoriale che di fatto è la stessa rispetto al resto del sistema bancario, ma sono la sostanza di un azione realmente differente delle bcc. Un punto irrinunciabile di qualsiasi riforma/autoriforma è il principio di responsabilità, secondo cui il livello che decide, poi è chiamato a rispondere per le decisioni assunte. Meccanismi di delega e spossessamento dell autonomia non possono essere imposti in modo obbligatorio per legge, tanto più se lo spossessato continua ad essere responsabile e non ha leve su cui intervenire. L altro principio cardine di libertà e dello stato di diritto su cui necessariamente fare riferimento comporta che non è possibile imporre per legge qualsiasi soluzione vincolante o limitativa della libertà d impresa, intervenire d imperio sul patrimonio della bcc, che appartiene a livello intergenerazionale ai soci e ai territori, senza una pronuncia da parte delle assemblea dei soci, senza il consenso da parte della banca, soprattutto da parte di chi ha dimostrato nel tempo di avere le carte in regola, ha operato bene, presenta un quadro tecnico idoneo e svolge un azione incisiva, proattiva nei territori.

2 L'attuale assetto decentrato del Sistema delle Bcc italiane è sostanzialmente disallineato rispetto ai modelli integrati di credito cooperativo sviluppatesi nel resto dell'europa. La crisi economica, che ha colpito pesantemente le piccole imprese e le banche di riferimento, in particolare le Bcc, pone sul tavolo delle questioni. Il modello attuale, basato su principi di autonomia delle Bcc e di sussidiarietà delle strutture di secondo e terzo livello, va riaggiornato a un contesto diverso per assicurare la ripresa e lo sviluppo del credito cooperativo, al servizio delle economie e delle comunità, vero obiettivo finale di queste banche e per far fronte ad una serie di fattori critici quali: eccesso di costi ai diversi livelli del Sistema; scarsa (e lenta) capacità di adattamento al contesto che cambia; mancanza di poteri di intervento a fronte di comportamenti del management che mettono a rischio la stabilità delle singole Bcc e del Sistema in generale; supposte ridotte potenzialità di reperimento di capitali, data la natura cooperativa delle Bcc e il sottodimensionamento del Gruppo centrale; scarsa capacità di investimento a livello centrale per lo sviluppo di prodotti e servizi; carenza di strumenti di pianificazione che riescano a ottimizzare gli investimenti a livello centrale; diffuse difficoltà nel rispettare adeguati standard di qualità della governance aziendale. 2. Il modello proposto dal Governo Il Governo italiano ha predisposto una bozza di decreto-legge per la riforma del Credito Cooperativo improntata alla costituzione di gruppi cooperativi con capogruppo bancaria SPA. Uno o più gruppi verrebbero regolati da un contratto di dominio che vincoli la gestione delle Bcc sulla base di un potere di indirizzo, coordinamento e controllo da parte della capogruppo, pur mantenendo fermo il principio che sarebbero sempre le Bcc a detenere il controllo azionario (o una quota azionaria rilevante) della Capogruppo. La costituzione per legge di uno o più gruppi cooperativi, secondo l'impostazione governativa, presenta le seguenti criticità: perdita progressiva del rapporto con le piccole e medie imprese e in generale con i territori, per effetto della sostanziale perdita dell'autonomia delle Bcc. In gioco non ci sono solo di destini delle bcc, ma anche delle comunità locali e delle PMI, ossatura del sistema produttivo italiano, che più hanno pagato la crisi e che oggi hanno bisogno di un sostegno in forma più articolata del semplice finanziamento. Questo è il principale problema anche nell ipotesi del Gruppo Unico, oltre all arbitrio giuridico che verrebbe perpetrato e allo snaturamento dell identità cooperativa, determinato dall avere a capo una SPA, che intercetta capitali auspicabilmente pazienti, ma in realtà portatori di logiche non appartenenti alla cooperazione; rischio di una irrimediabile frammentazione del Sistema, qualora si avviasse la costituzione di più gruppi, soprattutto se ciò avvenisse al di fuori di una logica geografica;

3 probabile riduzione della capacità di servire la clientela tradizionale, con conseguente credit crunch a danno delle piccole imprese italiane; necessità di effettuare forti investimenti e un notevole sforzo organizzativo per rendere effettivi i poteri di indirizzo, coordinamento e controllo della\delle capogruppo; assenza di gradualità nel realizzare una riforma che stravolge l'assetto attuale del Sistema. 3. L idea di futuro da cui ripartire: le mutualità. Cosa sono le mutualità oggi? Le soluzioni organizzative adottate per la riforma del credito cooperativo non possono prescindere dall idea che si ha del futuro e del ruolo che le banche di credito cooperativo sono chiamate a svolgere nei territori dove operano. Ne sono una conseguenza, sono strumentali al raggiungimento dell obiettivo di fondo, non viceversa, pena lo snaturamento dell identità più profonda delle bcc e un fallimento sicuro, anche dal solo punto di vista dei numeri e della sostenibilità nel tempo. Il perno di una reale differenza, che dà senso compiuto all azione delle bcc, sono le mutualità. Ma cosa significa oggi mutualità? Significa sostenere a tutto tondo le imprese, soprattutto le piccole e medie imprese che rappresentano la quasi totalità della clientela, non solo dal punto di vista del finanziamento e dei servizi, ma delle questioni più strategiche per la capacità delle aziende di continuare a creare valore nel tempo. Significa reinstaurare un rapporto più diretto e trasparente con le imprese. Significa sostenere chi ha nuove idee imprenditoriali, selezionarle, stimolare le forze più attive di un territorio ad esprimersi al meglio. Significa accompagnare le imprese nei percorsi di internazionalizzazione, utilizzando anche contatti e relazioni sviluppate cooperando con altre esperienze di credito cooperativo nel mondo. Significa svolgere un ruolo proattivo, in modo trasversale per le imprese e per il sociale, tanto per fare meglio affari, quanto per affrontare bisogni nuovi o impostare dal basso un nuovo tipo di welfare di comunità. Significa avere una visione proattiva, intervenire direttamente nelle questioni che riguardano le comunità locali, per creare valore, utilità - o impedire che si distrugga o si disperda tanto nel settore economico delle imprese, che in quello sociale, culturale, ambientale. Significa far conoscere, far girare e mettere in contatto le migliori esperienze che i territori producono.

4 Significa sviluppare partnership territoriali, lavorare insieme con modalità di tipo progettuale, in spirito cooperativo, con enti pubblici, associazioni, bcc, imprese per promuovere sviluppo sostenibile e coesione sociale. Significa valorizzare i territori nella loro cultura e identità. Significa promuovere scambio mutualistico e partecipazione democratica della base sociale, una rinnovata e profonda identità verso una missione differente che ha questo tipo di istituzioni ed alimentare quindi un rapporto biunivoco verso la bcc, dove il socio certamente riceve, ma apporta anche in modo rilevante. Significa sviluppare forme di scambio mutualistico non monetario, legato a bisogni nuovi, o meno coperti di prima, nel campo dell assistenza o la salute. Significa sviluppare un profondo senso di solidarietà attiva, soprattutto di tipo orizzontale, fra bcc, che nasce dal rispetto delle regole e da un sistema di controlli efficaci e privi di conflitti di interesse. Far mutualità oggi significa questo. E sostanza profonda. Le mutualità non sono la beneficienza a pioggia, che altri soggetti fanno nei territori in modo più diffuso e copioso di noi. Sono un approccio diretto di chi si sporca le mani insieme agli altri nelle questioni. Le mutualità non sono qualcosa di appiccicato per marketing ad una formula imprenditoriale che nei fatti non ha più niente di diverso dalle altre banche. Le mutualità pervadono in modo coerente anche l attività classica di intermediazione finanziaria, sia nella tipologia di prodotti che vengono offerti, semplici e non opachi, sia negli impieghi che si scelgono, ma soprattutto nell essenza stessa dell attività commerciale che parte dai bisogni delle persone, delle aziende e non discende da budget imposti a prescindere dall organizzazione. Le mutualità sono impegnative da sviluppare. Non si improvvisano. Servono anni di investimenti in persone, risorse economiche e organizzative per produrre risultati apprezzabili. E necessario un profondo senso di identità, appartenenza e consapevolezza da parte dei dipendenti, degli amministratori e della base sociale. In uno scenario di fondo dell industria bancaria, caratterizzato da un lato dalla riduzione dell intensità di lavoro necessaria, per ragioni legate alle tecnologie avanzanti, alla cultura delle nuove generazioni, alla standardizzazione dei processi e dall altro da un appesantimento, burocratizzazione e appiattimento della qualità stessa del lavoro, lo sviluppo delle mutualità rappresenta una straordinaria possibilità di crescita qualitativa delle banche. Si generano attività nuove che creano valore per la banca e per le comunità, sono sostenibili e a più alta intensità lavorativa.

5 Le mutualità non sono esenti da rischi, nuovi e diversi, rispetto a quelli classici bancari. A livello più generale richiedono un organizzazione bancaria, un quadro tecnico di fondo di primo rilievo per poterle supportare nel tempo, perché non sia solo un fuoco di paglia o si riducano solo a esteriorità formale priva di reale sostanza. Le mutualità sono l anima vera dell autonomia di una bcc, che significa responsabilità e capacità reale di svolgere un ruolo proattivo nei territori, non rinchiudersi in difesa per tutelare la sola esistenza dell organizzazione. Essendone il perno, nelle bcc le mutualità vanno pianificate, sviluppate, monitorate e controllate. Significa quindi essere realmente differenti nei territori. Le comunità locali hanno un estremo bisogno di soggetti in grado di svolgere questa funzione. Anche più a livello regolamentare della normativa che ora è definita in Europa una banca in grado di svolgere questo ruolo di regia territoriale in modo chiaro, organizzato, misurabile può legittimamente aspettarsi una considerazione diversa rispetto alle banche commerciali, in applicazione del principio di sussidiarietà che deve poter valere anche per l ambito economico-finanziario - e di eguaglianza sostanziale previsto dall articolo 3 della costituzione. Questa è un idea di futuro su cui fare leva per il riassetto del Sistema. 4. Un'ipotesi alternativa nel medio periodo Da un lato ci sono principi fondamentali irrinunciabili e il senso della funzione che le bcc sono chiamate a svolgere nei territori. Dall altro le criticità di questa fase di crisi. Tenuto conto di tutto ciò, si potrebbe ipotizzare di adottare le seguenti misure di adeguamento del Sistema, sui cui contenuti e dettagli si può discutere, fermi restando però i principi e il ruolo delle banche nelle comunità locali: 1. nuovi strumenti di capitalizzazione per le Bcc, attraverso regole più semplici, incentivanti e l eliminazione degli attuali limiti alla sottoscrizione da parte dei soci, l'estensione del raggio di azione dell'art 150-ter del TUB e, per il Gruppo bancario centrale (Iccrea), l apertura a partner esterni o a forme di sottoscrizione aperte al pubblico (ad es: emissione di certificati di partecipazione negoziabili su un mercato regolamentato); 2. l'accentramento a livello nazionale della funzione di internal audit che direttamente dialoga con l autorità di vigilanza e si avvale di presidi a livello locale per lo svolgimento delle attività, partendo dalle bcc. La funzione è svolta in modo indipendente, autonomo e lontano da problemi legati al conflitto di interesse; 3. Le banche di credito cooperativo, non in grado, in tutto o in parte, di sviluppare in modo proattivo la funzione di banca locale territoriale sopra delineata o per propria decisione autonoma aderiscono a livello territoriale a gruppi cooperativi paritetici. Sono strumenti giuridici flessibili, nelle deleghe e nei contenuti, che non vanno a

6 snaturare la natura cooperativa e possono rappresentare un evoluzione delle attuali federazioni regionali. La riorganizzazione del sistema federativo ne riduce il numero a non più di 7/8 dalle 15 di oggi, con una decisa razionalizzazione dei servizi informatici e di back office. Queste nuove unità, evoluzione delle attuali federazioni regionali organizzate sotto forma di gruppo paritetico cooperativo, assumono un ruolo centrale nel rilanciare, sviluppare e controllare le mutualità, perno su cui costruire il futuro del credito cooperativo e una reale differenziazione riconosciuta nei fatti - rispetto al resto del sistema bancario; 4. Le Banche appartenenti a gruppi cooperativi paritetici cooperativi territoriali e le banche singole aderiscono alla Centrale cooperativa, che definisce le regole di comportamento. Vi è un rafforzamento del ruolo della Centrale Cooperativa, evoluzione dell attuale Federcasse, per la definizione di linee guida e standard tecnici vincolanti per le Bcc, eventualmente anche attraverso modifiche statutarie, ma comunque nel rispetto della loro autonomia societaria. 5. il rafforzamento dei Fondi di garanzia interni al credito cooperativo, attraverso modifiche statutarie delle Bcc che consentano agli stessi Fondi di azionare leve di intervento e di gestire quindi in modo proattivo e anticipatorio le situazioni di difficoltà (il tutto da rendere compatibile e funzionale anche rispetto alle nuove norme europee sui Fondi obbligatori); 6. il riconoscimento di un IPS, adattando e ripensando il modello del FGI, al fine di ottenere importanti vantaggi di trattamento prudenziale per le banche partecipanti (del tutto analoghi a quelli previsti per i gruppi); 7. un processo di integrazione tra le banche di secondo livello del Sistema (specializzazione delle singole realtà bancarie di secondo livello e razionalizzazione funzionale e organizzativa, oppure costituzione di un unico gruppo bancario di secondo livello); La centralizzazione e lo sviluppo di alcune attività (controllo dei rischi, definizione di standard tecnici, leve di intervento) devono essere sottoposte a una inevitabile fase di test e di progressiva messa a punto. La stessa possibilità di ingresso di capitali esterni in un sistema cooperativo è da valutare bene per evitare lo snaturamento dei fattori costituenti la formula cooperativo-mutualistica. Per questa ragione i meccanismi di capitalizzazione sono diversi per le banche cooperative (principalmente provengono dalla base sociale), rispetto a Iccrea holding (apporto di capitali esterni), che ha già una struttura giuridica di società per azioni, può andare sul mercato ed ottenere in questo modo un migliore livello di efficientamento. Il presupposto per la realizzazione di questo riassetto del Sistema è certamente rappresentato da una governance adeguata delle strutture di secondo e terzo livello e

7 soprattutto della Centrale Cooperativa che dovrebbe svolgere il ruolo di garante di questo processo e avere quindi concrete capacità di governo del Sistema per promuoverne una effettiva razionalizzazione. Oltre a dover garantire una adeguata qualità della governance delle strutture di vertice, occorre evitare il perpetuarsi di conflitti di interesse che hanno di fatto fortemente limitato e rallentato il processo di razionalizzazione. Potrebbero essere imposti meccanismi di ricambio del management che contemperino un certo grado di continuità con il necessario innesto di nuove figure, anche di tipo professionale. In generale, un processo di graduale ricambio e di riqualificazione del management deve riguardare anche le Bcc.

MASTER POST DIPLOMA IN ESPERTO DI CREDITO COOPERATIVO GLOCALE PRESENTAZIONE

MASTER POST DIPLOMA IN ESPERTO DI CREDITO COOPERATIVO GLOCALE PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE MASTER POST DIPLOMA IN Biennio scolastico 2012-2014 Indice Art.1 - Premessa...2 Art.2 - Contenuti del corso...4 Art.3 - Organizzazione...7 1 Art.1 - Premessa 1.1 Obiettivo generale del corso

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Nelle banche di credito cooperativo le esigenze di rafforzamento patrimoniale possono trovare ostacolo nella loro speciale forma giuridica.

Nelle banche di credito cooperativo le esigenze di rafforzamento patrimoniale possono trovare ostacolo nella loro speciale forma giuridica. Quale Credito cooperativo? Il Governatore di Banca d Italia, nel corso del suo recente intervento al Congresso annuale Assiom Forex del 7 febbraio c.te, ha dedicato una puntuale riflessione al sistema

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

IL TEMPO STRINGE PER IL CREDITO COOPERATIVO. IERI BANCA D ITALIA HA LANCIATO CHIARI MONITI.

IL TEMPO STRINGE PER IL CREDITO COOPERATIVO. IERI BANCA D ITALIA HA LANCIATO CHIARI MONITI. IL TEMPO STRINGE PER IL CREDITO COOPERATIVO. IERI BANCA D ITALIA HA LANCIATO CHIARI MONITI. RIBADIAMO: E ORA CHE LE LAVORATRICI E I LAVORATORI SIANO COINVOLTI NELLA AUTORIFORMA DEL CREDITO COOPERATIVO.

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Come noto, l Associazione Italiana Internal Auditors, parte dell Institute of Internal Auditors,

Dettagli

Pianificazione Strategica dello Studio

Pianificazione Strategica dello Studio Modulo 1 Pianificazione Strategica dello Studio Alessandra Damiani Managing Partner di Barbieri & Associati Dottori Commercialisti alessandra.damiani@barbierieassociati.it 1 Guida alla gestione dei PMstudi

Dettagli

Credito Cooperativo. Banche di comunità.

Credito Cooperativo. Banche di comunità. Credito Cooperativo. Banche di comunità. Seminario Redattore Sociale Capodarco 28/30 novembre 2014 BCC Credito Cooperativo 1 La struttura organizzativa 4 La doppia rete di protezione a favore di soci e

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1 company profile vision chi siamo mission back office rete distributiva struttura e modello organizzativo processi di certificazione collaboratori e accreditamento presso partner prestitosi governance e

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA CGIL CGIL ISRF FISAC Lab Presentazione alla stampa del: MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA Le banche al servizio del paese Conferenza Stampa 03 / 07 / 2013 - ore 12:30 Cgil Nazionale - Sala Santi, Corso d

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO

IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO Assemblea di Bilancio 25.06.2015 CFI- - Cooperazione Finanza Finanza Impresa Impresa Via Giovanni Amendola, 5 Roma info@cfi.it - www.cfi.it Agenda CFI: mission, tipologie e

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL NOSTRO LAVORO SI BASA SULLA FIDUCIA DEI CLIENTI. PER QUESTO FONDAMENTALE È IL RISPETTO DELLE NORME E LA TOTALE TRASPARENZA NELLO SVOLGIMENTO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ. CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

BOZZA. di Pier Paolo Inserra

BOZZA. di Pier Paolo Inserra BOZZA PRIMI CENNI AL PARADIGMA DI ECONOMIA SOCIALE SPERIMENTATO CON IL DISTRETTO INTEGRATO DI ECONOMIA SOCIALE AREA MARCHE NORD di Pier Paolo Inserra Da un modello collettivo ad un modello connettivo Il

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale

La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INNOVAZIONE NEL TERZO SETTORE, UNA SFIDA POSSIBILE La finanza trait-d union tra impresa sociale e innovazione sociale Davide Dal Maso Milano, 10 aprile 2014

Dettagli

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi «Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi #1] Premessa, scenario #2] Missione: «Confidi 2.0» #3] Sintesi delle nuove attività Milano, Lunedi 5 ottobre 2015 Leonardo Marseglia - Fidicomet Milano 1 Premessa

Dettagli

Il Fondo Mutualistico di Legacoop

Il Fondo Mutualistico di Legacoop LA FINANZA E IL CREDITO IN COOPERAZIONE Il Fondo Mutualistico di Legacoop Aldo Soldi Direttore Generale Coopfond Parma, 6 marzo 2014 1 1 - Coopfond Coopfond è il Fondo mutualistico di Legacoop. E una S.p.A.

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

Pianificazione Strategica dello Studio

Pianificazione Strategica dello Studio Modulo 1 Pianificazione Strategica dello Studio Gianfranco Barbieri Partner di Barbieri & Associati Dottori Commercialisti Presidente di ACEF 1 Modulo 1 Pianificazione Strategica dello Studio Giacomo Barbieri

Dettagli

Linee generali dell'attività di Coopfond

Linee generali dell'attività di Coopfond INCONTRO CON I PARTECIPANTI AL MASTER DI 2 LIVELLO SULL'IMPRESA COOPERATIVA Linee generali dell'attività di Coopfond Aldo Soldi Direttore Generale Roma, 30 ottobre 2013 0 AGENDA 1 Cos è Coopfond 2 La rendicontazione

Dettagli

Michelangelo Nigro. Premessa

Michelangelo Nigro. Premessa Le prospettive extrafiscali della finanza territoriale, con particolare riferimento alle forme associative fra comuni, in tema di reperimento di risorse finanziarie. Michelangelo Nigro Premessa Riforma

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

POSITION PAPER 01/2013

POSITION PAPER 01/2013 Risposta alla consultazione del MEF sul Regolamento ex art. 8, comma 7, lett. d), DL 13 maggio 2011,, n. 70, convertito con legge 12 luglio 2011, n. 106 gennaio 2013 POSITION PAPER 01/2013 Premessa Il

Dettagli

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni Il nuovo Consiglio di amministrazione della Banca Popolare delle Province Calabre, eletto nell assemblea degli azionisti del 14 ottobre p.v., sarà impegnato nell immediato futuro a redigere il nuovo piano

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

IL CREDITO COOPERATIVO

IL CREDITO COOPERATIVO IL CREDITO COOPERATIVO 1 Il Credito Cooperativo 400 Banche cooperative 4.450 Sportelli 37 mila Collaboratori dipendenti 1,1 milioni Soci 7 milioni Clienti 2 Il Credito Cooperativo Localizzazione Geografica

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli

business consultants financial & tax advisors

business consultants financial & tax advisors business consultants financial & tax advisors LA NOSTRA MISSION Da tempo, accanto alle tradizionali competenze nelle materie fiscali e contabili, sta crescendo il nostro impegno nel fornire assistenza

Dettagli

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE TRA L ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI, con sede legale in Roma, Via dei Prefetti

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051 Audizione Confindustria Disegno di legge n. 1051 Delega al Governo su Informazione e Consultazione lavoratori e definizione misure su Democrazia economica XI Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda

Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda Pietro Galbiati Buongiorno a tutti. 1 Il mio compito è quello di presentare in sintesi come stiamo affrontando il tema della esternalizzazione

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Executive Summary Il settore delle utilities è fra quelli che avranno una maggiore crescita nei valori economici e nell occupazione.

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO LA PIANIFICAZIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO: 1. La gestione delle risorse umane. - 2. La programmazione del personale. - 3. La Human Resource Scorecard. 1. LA GESTIONE DELLE RISORSE

Dettagli

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Dossier n. 73 Ufficio Documentazione e Studi 5 marzo 2015 NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Lo scorso 24 gennaio il Governo ha emanato il decreto-legge del 24 gennaio 2015, n. 3, recante Misure

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

La creazione di impresa spin-off al CNR

La creazione di impresa spin-off al CNR Terza Giornata InFormativa Progetto BioTTasa Area della Ricerca del CNR Palermo, 30 giugno 2014 La creazione di impresa spin-off al CNR Relatore: Daniela La Noce Progetto Finanziato dal Ministero dello

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione delle imprese italiane Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione produttiva delle imprese italiane Fenomeno complesso e differenziato

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. I Consigli di Amministrazione di Banco di Desio e della Brianza e di Banca Popolare di Spoleto hanno approvato

Dettagli

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting.

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting. www.consulting.it SOCIETA CERTIFICATA UNI ENI ISO 9001:2008 certificato n. 12849 - settore EA 37 Accr.minlavoro 5877 del 26/02/2007 Cod.Min.Borsa Lavoro 074DI829C00 CONSULTING SPA - Società per le banche

Dettagli

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Prof.ssa Rosa Adamo Corso di Istituzioni di Economia degli Intermediari Finanziari Sommario 1. L istituzione di un unico albo

Dettagli

Finanza straordinaria & Strategie aziendali

Finanza straordinaria & Strategie aziendali FINSTRATEGY.AVI srl Via Campania, 86-63039 San Benedetto del Tronto (AP) Tel. e Fax 0735 783020 3387417429 E-mail: finstrategy@tin.it Web: www.finstrategy.it Mettiamo in pratica idee di valore FinStrategy.Avi

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA:

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: ESIGENZE DI RICAPITALIZZAZIONE E SOSTEGNO A FAMIGLIE ED IMPRESE di Maria Rosaria Ingenito (Vice Prefetto Prefettura di Roma ) e Saadia Tourougou (Osservatorio

Dettagli

Studio in via Romanino 16 25122 Brescia Tel.030.375828 Fax 030.3758279

Studio in via Romanino 16 25122 Brescia Tel.030.375828 Fax 030.3758279 PRESENTAZIONE DELLO STUDIO VOLLONO & ASSOCIATI Lo Studio Vollono & Associati, dottori commercialisti e revisori contabili, è stato fondato nel 1980 dal titolare Dottore Francesco Vollono affiancato poi

Dettagli

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Intervento del Direttore Generale della Banca d Italia Fabrizio Saccomanni 13 giugno 2012 Do il benvenuto a tutti i partecipanti a

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

Montebelluna, 25 febbraio 2011

Montebelluna, 25 febbraio 2011 Comunicato ai sensi dell articolo 102 del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58, come successivamente modificato e integrato (il Tuf ) e dell articolo 37 del Regolamento Consob approvato con delibera n. 11971

Dettagli

Programma di Export Temporary Management

Programma di Export Temporary Management Programma di Export Temporary Management Aree di intervento Business Strategies, grazie ad una solida esperienza acquisita negli anni, eroga servizi nell ambito dell Export Temporary Management finalizzati

Dettagli

V E R B A L E D I A C C O R D O

V E R B A L E D I A C C O R D O V E R B A L E D I A C C O R D O Fusione per incorporazione di Banca Antonveneta Spa in Banca Monte dei Paschi di Siena Spa e contestuale conferimento di ramo d azienda nella Nuova Banca Antonveneta SpA.

Dettagli

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER UNIRE PICCOLI RISPARMI E PICCOLI CREDITI BANCARE GLI IMBANCABILI COMBATTERE L USURA Costituzione

Dettagli

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Dossier n. 73 bis Ufficio Documentazione e Studi 12 marzo 2015 NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Lo scorso 24 gennaio il Governo ha emanato il decreto-legge del 24 gennaio 2015, n. 3, recante Misure

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 * * * * * * LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi 2. Miglioramento strutturale del rischio di credito 3. Aumento dell efficienza della macchina operativa 4. Azioni

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150)

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) 1 INDICE Introduzione pag 3 1. Caratteristiche del Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Sistema PRIMA Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Fondi Linea Mercati OICVM: Anima Fix Euro Anima Fix Obbligazionario

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

I servizi BCCL per la clientela del Banco Emiliano

I servizi BCCL per la clientela del Banco Emiliano I servizi BCCL per la clientela del Banco Emiliano BCC Lease: la Società ed il gruppo BCC Lease è oggi la società del Gruppo Bancario ICCREA dedicata alle piccole operazioni nel settore business. Detenuta

Dettagli

Workshop Studi Organizzativi-Liuc-Assochange Il Change Management che innova Castellanza 5-6 Giugno

Workshop Studi Organizzativi-Liuc-Assochange Il Change Management che innova Castellanza 5-6 Giugno Workshop Studi Organizzativi-Liuc-Assochange Il Change Management che innova Castellanza 5-6 Giugno ll Change Management Strutturale e la Alleanza per un Programma Nazionale di Cambiamento delle Pubbliche

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Un impegno comune per la crescita

Un impegno comune per la crescita Un impegno comune per la crescita Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria proseguono la collaborazione avviata con l Accordo del luglio 2009, rinnovata nel 2010, e condividono una linea d azione

Dettagli

Scheda di partecipazione Quinta edizione

Scheda di partecipazione Quinta edizione Scheda di partecipazione Quinta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

UILCA GRUPPO MPS FOCUS A N N O I I I N U M E R O 3

UILCA GRUPPO MPS FOCUS A N N O I I I N U M E R O 3 UILCA GRUPPO MPS FOCUS A N N O I I I N U M E R O 3 G E N - M A R 2 0 1 3 In questo numero parliamo di... S O M M A R I O : Talent & Performance management... Carissime Iscritte, Carissimi Iscritti, in

Dettagli

L Ente Nazionale per il Microcredito. 1.1 Le attività e la mission etica dell Ente. 1.1.1 Le attività creditizie

L Ente Nazionale per il Microcredito. 1.1 Le attività e la mission etica dell Ente. 1.1.1 Le attività creditizie L Ente Nazionale per il Microcredito L Ente nazionale per il Microcredito è un soggetto di diritto pubblico che persegue l obiettivo dello sradicamento della povertà e della lotta all esclusione sociale

Dettagli