Università degli Studi di Siena Facoltà di Economia Richard M. Goodwin Dipartimento Studi Aziendali e Giuridici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Siena Facoltà di Economia Richard M. Goodwin Dipartimento Studi Aziendali e Giuridici"

Transcript

1 Università degli Studi di Siena Facoltà di Economia Richard M. Goodwin Dipartimento Studi Aziendali e Giuridici Il gioco d azzardo tra business e patologia Relatore : Tesi di laurea triennale di : Prof Paolo Pin Sara Tosini Anno accademico

2 Indice Introduzione...pag3 1.Analisi medica del gioco d azzardo...pag5 1.1 Gioco d azzardo patologico..pag5 1.2 tipologie di giocatori.pag6 1.3 Inclusione del gioco d azzardo patologico nel DSM...pag8 1.4 I segnali del problema della dipendenza pag9 1.5 Fasi di progressione del gioco d azzardo patologico.pag Fattori di rischio.pag Soggetti coinvolti...pag Disturbi correlati al gioco d azzardo.pag13 2.Analisi economica del gioco d azzardo pag15 2.1Analisi a livello microeconomico.pag Analisi a livello macroeconomico...pag Tassazione...pag Costi sociali.pag Il gioco d azzardo on-line...pag Un settore interessante per le mafie...pag27 Conclusioni.pag28. Bibliografia..pag30 2

3 Introduzione L idea di questa tesi nasce da una riflessione riguardante il fenomeno del gioco d azzardo, un fenomeno che sta crescendo anno dopo anno e non può più essere trascurato. L Italia è il Paese che gioca di più in Europa e si trova al terzo posto nel mondo dopo Stati Uniti e Giappone. Un fenomeno quindi che richiederebbe una maggiore regolamentazione. In questo lavoro di tesi ho voluto evidenziare come il gioco d azzardo possa divenire una vera e propria malattia e come tale possa provocare delle ripercussioni sia di carattere fisico nel soggetto coinvolto e sia di carattere economico per lo Stato che attraverso l istituzione dei servizi preposti all attività di prevenzione di questa patologia garantiscono un assistenza gratuita al soggetto coinvolto aumentandone però i costi sociali. Nel primo capitolo analizzerò il gioco d azzardo da un punto di vista medico, soffermandomi quindi sulla parte patologica. Considererò il gioco d azzardo non più come attività ludica ma come una vera e propria patologia medica definita con il termine di ludopatia, una malattia neuro-psicobiologica con conseguenze sanitarie e sociali che necessita di diagnosi, cura e riabilitazione. Nei paragrafi successivi mostrerò le varie tipologie di giocatori fino alla definizione di giocatore patologico, tutto ciò per potermi soffermare sullo stato mentale del giocatore ormai dipendente che continua a giocare poiché il gioco è ormai diventato un bisogno irrefrenabile, cercherò di spiegare il perché un giocatore continui a giocare nonostante subisca ingenti perdite e mostrerò le distorsioni a cognitive a cui egli è soggetto mentre gioca. Farò vedere quali sono i sintomi di questa patologia e quanti un soggetto ne deve possedere per poter essere definito giocatore patologico. Riporterò poi uno schema che distingue la fasi di progressione del gioco d azzardo patologico e cercherò attraverso esso di spiegare come il giocatore possa muoversi all interno delle fasi stesse, il giocatore potrà dirigersi verso un peggioramento o miglioramento del problema derivante dal gioco. Farò anche vedere come esistano dei fattori di rischio tali da poter essere in grado di favorire lo sviluppo di questa patologia e in un ultima analisi i disturbi correlati al gioco d azzardo. Nel secondo capitolo analizzeremo il gioco d azzardo da un punto di vista economico, considerandolo come attività economica. Esporrò un analisi tipo microeconomico ponendo attenzione sui movimenti in uscita e in entrata, che nel nostro caso sono le giocate e le vincite; l attività economica sarà in perdita se le giocate sono superiori alle vincite. 3

4 Presenterò poi uno studio in cui sono stati utilizzati dati empirici per esaminare e analizzare la fallacia del giocatore d azzardo e la mano calda in individui che scommettono in un casinò al gioco della roulette. Tali serie di analisi cercano di indagare su come questi due pregiudizi possano influenzare il giocatore nelle scommesse future quindi possano condizionare il modo di giocare. Nell analisi di tipo macroeconomico analizziamo invece il gioco d azzardo come fenomeno che permette di poter incrementare le entrate erariali in quanto costituisce una quota rilevante delle entrate stesse. Con l aiuto di un grafico mostrerò come la famiglie meno abbienti tendano a spendere molto di più in giochi rispetto a quelle più ricche. Affronterò poi il tema della tassazione, dei costi sociali ossia tutto ciò che la società dovrà pagare da vari punti di vista come quello della produttività lavorativa,quello delle spese della sanità pubblica, quello della criminalità e quello della disgregazione del nucleo familiare. Parlerò in seguito del gioco on-line e della sua pericolosità per poi terminare con le infiltrazione della mafia sul gioco d azzardo stesso. 4

5 Capitolo 1. Analisi medica del gioco d azzardo In questo capitolo viene analizzato il gioco d azzardo, da un punto di vista medico. Il gioco d azzardo verrà considerato non più come attività ricreativa ma come una vera e propria patologia medica in quanto i giocatori dedicano ad esso sempre più tempo, vivendo in funzione del gioco e trascurando la vita lavorativa, familiare e tutto ciò che li circonda. Affronteremo i problemi che sopravvengono quando l aspetto ludico diventa secondario rispetto all impulso di giocare, al bisogno di rischiare, di riprovare, di tentare nuovamente la fortuna anche a fronte di perdite clamorose e devastanti. Questo atteggiamento si configura come gambling, ossia un comportamento definito compulsivo, simile a quei comportamenti di dipendenza quali tossicodipendenze e alcolismo però a differenza di essi non vi è nessuna sostanza che la crea Gioco d Azzardo Patologico Il gioco d azzardo patologico solitamente viene definito come ludopatia, è un disturbo del comportamento rientrante nella categoria diagnostica dei disturbi del controllo degli impulsi. E una dipendenza patologica e quindi una malattia neuro-psico-biologica con conseguenze sanitarie e sociali che necessita di diagnosi, cura e riabilitazione, esiste un fattore che crea dipendenza, ma non è coinvolta nessuna sostanza come invece nell alcolismo o nella dipendenza da droghe. Nella ludopatia il gioco è quotidiano o intensivo e l individuo non riesce più a controllare il suo desiderio di giocare. L andamento della malattia è spesso cronico e caratterizzato da spese elevate poiché il pensiero fisso del soggetto è quello di giocare e quindi di reperire il denaro per continuare a farlo e è disposto anche a commettere azioni illegali pur di finanziare il proprio gioco. 1 Fonte:L.Cancrini, Tossicomani e giocatori: a proposito di temerari,ecologia della mente,i,iipensiero Scientifico,1998 5

6 Il desiderio ossessivo di recuperare il denaro perduto può portare il giocatore a perdere completamente la percezione del tempo che dedica al gioco e della quantità dei soldi che sta scommettendo. Giocare denaro diventa il suo esclusivo interesse e niente potrà fermarlo da questa attività, nonostante essa si riveli dannosa e negativa perché lo porterà a una disorganizzazione della sua vita e ad una completa perdita di controllo riguardante la gestione del proprio denaro. Il giocatore d azzardo patologico commette degli errori cognitivi di logica come applicare delle strategie, cercare di interpretare ogni segnale dall ambiente che lo circonda, si affida così alle proprie sensazioni interne e a calcoli particolari sulle probabilità, fa tutto ciò per dominare la situazione del gioco e spera di ottenere una vincita tale da potergli cambiare la vita. Il suo stato mentale è estremamente diverso da quello di un giocatore anche assiduo ma non patologico. Il primo infatti commette degli errori di ragionamento, valutando i risultati degli eventi in maniera distorta, egli infatti continua a giocare nonostante i persistenti fallimenti. Tali giocatori li sottovalutano ed esaltano soltanto i successi, spendendo più tempo per giustificare le perdite subite e le trasformano in quasi vincite se non vincono si auto convincono di esserci andati vicini credendo così che la prossima volta vinceranno sicuramente. Acquistano quindi la fiducia nel successo continuando a giocare trascurando il peso del fallimento. 1.2 Tipologie di giocatori Per cominciare ad individuare quali risultano essere gli indicatori della patologia da gioco è fondamentale fare una distinzione tra giocatori d azzardo e giocatori patologici. Per molte persone infatti il gioco d azzardo viene considerato un piacevole passatempo, è possibile giocare sia occasionalmente che abitualmente senza essere necessariamente giocatori patologici. Infatti il giocatore diventa compulsivo dopo aver attraversato un percorso, si inizia come gioco occasionale per poi diventare abituale fino a sfociare nel gioco compulsivo. Per questo il gioco d azzardo patologico si presenta come un grosso problema, l individuo non è più in grado di limitare e gestire il proprio gioco, in quanto ne è divenuto completamente schiavo è 6

7 stato progressivamente assorbito da esso e così ha finito nel dedicargli sempre di più il proprio tempo. In relazione alle motivazioni che determinano il gioco d azzardo sono state distinte le seguenti tipologie di giocatori (Alonso Fernandez F., 1996, Dickerson M., 1993) : Il giocatore sociale: un soggetto che vive il gioco come momento per socializzare e allo stesso tempo divertirsi, egli è in grado di governare i propri impulsi distruttivi; Il giocatore problematico : ceca di fuggire da problemi di tipo sociale cercandone la soluzione tramite il gioco ma ancora non è presente una vera e propria patologia attiva; Il giocatore patologico : individuo con serie problematiche psichiche che alimentano il bisogno di giocare conducendolo verso comportamenti distruttivi; Il giocatore patologico impulsivo/dipendente : un individuo in possesso di gravi sintomi che evidenziano il legame patologico con il gioco d azzardo e che risultano talvolta essere più centrati sull impulsività mentre altre sulla dipendenza. Un giocatore è veramente dipendente quando l impulso per il gioco diventa un bisogno irrefrenabile in balia di una forte tensione emotiva e incapacità di ricorrere a un pensiero logico. Schema tratto da: dipendenza gioco d azzardo, ludodipendena / benessere.com 7

8 Come si evince dallo schema il giocatore è in preda a un circolo vizioso, il giocatore dipendente se perde continua a giocare per cercare di riprendere almeno i soldi che ha perso sperando di essere più fortunato nelle prossime giocate, se invece vince crede che sia il suo giorno fortunato per cui, galvanizzato da ciò, continua a giocare. Il giocatore d azzardo è soggetto alle seguenti distorsioni cognitive: Illusione di controllo : ovvero la convinzione di essere in grado di poter controllare gli eventi futuri; Quasi vincita : ossia la convinzione che gli insuccessi sono vicini a diventare successi; Fallacia di Montecarlo : L incorretta attribuzione di significato ad alcuni eventi che l individuo crede porteranno ad una vincita. Un esempio di questa sindrome è la comune credenza che dopo un certo numero di perdite prima o poi ci deve essere necessariamente una vincita. Il giocatore è convinto che le probabilità di un evento sono cumulative anziché indipendenti fra di loro. 1.3 Inclusione del Gioco d Azzardo Patologico nel DSM Nel 1980 l APA, American Psychiatric Association inserisce il gioco d azzardo patologico nella terza versione del DSM. Esso assume così il valore di una vera e propria patologia psichiatrica e rimane catalogato anche nel DSM III-R (1987) e nel DSM IV (1984) le edizione aggiornate e corrette del manuale statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali. Il gioco d azzardo diventa patologico quando si trasforma in un impulso incontrollabile a giocare nonostante la consapevolezza delle conseguenze negative; in questo caso si parla di ludopatia che, in base alla classificazione del Manuale Diagnostico e dei Disturbi Mentali, IV edizione, viene ricompresa nella categoria delle cosiddette dipendenze comportamentali. Secondo la descrizione del DSM 2 il giocatore d azzardo patologico è una persona che non riesce a resistere all impulso di giocare d azzardo. La preoccupazione, lo stimolo e l attività di gioco aumentano nei periodi di stress. I problemi che nascono in conseguenza del gioco d azzardo portano il soggetto ad intensificare attività di gioco stessa. 2 Diagnostic Statistic Manual : il sistema codificato e accettato internazionalmente di classificazione delle condizioni patologiche riconosciute dalla comunità scientifica internazionale 8

9 Per poter parlare di un giocatore affetto da gioco d azzardo patologico ai sensi delle predisposizioni previste da DSM IV il soggetto deve presentare almeno cinque sintomi, tra quelli che verranno presentati nel paragrafo successivo. 1.4 I segnali del problema della dipendenza Chi è affetto da questa patologia presenta sintomi quali: Ansia e preoccupazioni, è assorbito dal gioco vi pensa continuamente; Assuefazione, ha bisogno di giocare somme di denaro sempre più alte per raggiungere lo stato di eccitazione desiderato; Azioni illegali, come falsificazione, frode furto o appropriazione indebita per finanziarsi; Perdita di controllo, tenta di ridurre o interrompere il gioco d azzardo ma senza riuscire; Menzogne, mente alla famiglia agli psicologi per nascondere l entità delle perdite subite; Dopo aver perso al gioco cerca sempre una rivincita continuando finchè non riesce a vincere; Evasione, il gioco è un modo per evadere dai problemi della vita quotidiana; Mette a repentaglio le relazioni importanti per il gioco d azzardo; Fa affidamento sulle altre persone come familiari e amici per farsi prestare i soldi; Astinenza, ne soffre se tenta di ridurre il gioco o smettere. Come anticipato, se un soggetto presenta almeno cinque dei suddetti sintomi si può parlare di giocatore affetto da gioco d azzardo patologico ai sensi delle predisposizioni previste dal DSM-IV. Esso è compreso nella categoria dei Disturbi del Controllo degli Impulsi non altrove classificati, insieme alla Cleptomania, alla Piromania, alla Tricotillomania e al Disturbo Esplosivo Intermittente. Queste patologie presentano alcuni puti in comune con il gioco d azzardo, che giustificano la loro comune collocazione. 9

10 1.5 Fasi di progressione del gioco d azzardo patologico Alcuni autori come ad esempio Custer hanno distinto le fasi di progressione del gioco d azzardo patologico, in esse il giocatore può muoversi dirigendosi verso una complicazione e peggioramento del problema derivante dal gioco oppure verso un probabile miglioramento dello stesso. Custer attraverso uno schema rappresenta le fasi che attraversa un giocatore d azzardo patologico nell instaurarsi della malattia. Le fasi possono essere così riassunte: 1. Fase vincente ; 2. fase perdente ; 3. fase di disperazione ; 4. fase di perdita della speranza ; 5. fase critica ; 6. fase di ricostruzione; 7. fase di crescita. 10

11 Schema di Custer (1982) che rappresenta le fasi di progressione del gioco patologico e della sua guarigione Schema tratto da :Pathological gambling. In Whitfield A. (A cura di). Patients with Alcoholism and other Drug Problems. New York: Year BooK Publ. 11

12 Nella prima fase, la fase vincente, il gioco è occasionale, si gioca per divertirsi e le vincite sono frequenti. Il giocatore sente di guadagnare soldi facilmente, così aumenta il tempo e il denaro impiegato nelle scommesse. E frequente che in questa fase si abbia una grossa vincita che, secondo l autore dura dai tre ai cinque anni. Ad essa segue la fase perdente, caratterizzata da perdite, gioco solitario, il soggetto cerca di recuperare i soldi persi incrementando le scommesse. Subentrano a questo punto i debiti, le menzogne e il ricorso ai prestiti. Attendendo quella vincita che gli permettera di regolare i conti. Ma l individuo con l arrivo di questa vincita invece di fermarsi e non giocare più, continua a giocare, in quanto crede di aver ritrovato la fiducia in se stesso. Il giocatore è ormai intrappolato in questo meccanismo giungendo così alla fase della disperazione, arriva anche a commettere azioni illegali per procurarsi i soldi. I reati più frequentemente commessi sono la frode fiscale, la falsificazione di assegni, l appropiazione indebita e l emissione di assegni a vuoto. Egli è però ancora fiducioso perché crede che prima o poi arriverà la grande vincita tanto attesa, ma ormai nessuno crede più alle sue bugie e la sua famiglia va in crisi, siamo quindi arrivati alla fase della perdita della speranza. A questo punto il giocatore è interamente sommerso da problemi di tipo legale, lavorativo e relazionale insorgono anche depressioni e a volte, sostiene Custer vere e proprie crisi di astinenza. Quando il soggetto decide di chiedere aiuto si entra nella fase critica, iniziando un percorso terapeutico che attraverso la fase della ricostruzione lo condurrà a quella della crescita. Osservando lo schema di Custer noteremo che la freccia in salita che indica la fase di crescita arriva più in alto rispetto al punto di partenza, costituito dalla freccia in discesa. Ciò significa che il recupero, secondo Custer deve passare attraverso una crescita della persona nella sua totalità, deve ampliarsi la sua conoscenza portandolo a una sorte di benessere e consapevolezza di sé mai raggiunti prima. 1.6 Fattori di rischio La valutazione di questi soggetti ha permesso di individuare i fattori di rischio tali da essere in grado di favorire lo sviluppo del disturbo del gioco d azzardo stesso. Essi vengono ricondotti a tre aspetti che sono considerati in interazione tra di loro: 12

13 Aspetti biologici : relativi a fattori neurofisiologici, ossia allo squilibrio che si potrebbe determinare nel funzionamento del sistema dei neurotrasmettitori cerebrali atti a produrre serotonina, una sostanza chimica cerebrale, responsabile di un equilibrio affettivocomportamentale, che nei giocatori patologici scenderebbe sotto i livelli comuni rispeto alla media 3 ; Aspetti ambientali-educativi : riguardano il tipo di educazione ricevuta ma anche le eventuali difficoltà economiche nelle quali si trova il soggetto come ad esempio uno stato di disoccupazione; Aspetti psicologici : come ad esempio tratti di personalità avara e lussuriosa. 1.7 Soggetti coinvolti A caderci sono uomini, donne, pensionati, agenti di commercio, bancari, comandanti di polizia e carabinieri, operai e studenti. Tra le donne, quelle che risultano essere più esposte al rischio sono le casalinghe e le lavoratrici autonome di età compresa tra i quaranta e i cinquant anni. Tra gli uomini emergono invece i disoccupati o i lavoratori autonomi aventi uno contatto abituale col denaro aventi un età sui quarant anni. Pur essendo un fenomeno trasversale dai vari studi e dall esperienza clinica, emerge che il giocatore tipo è di sesso maschile, sposato o in coppia, lavoratore dipendente e generalmente abusa di altre sostanze, prevalentemente fumo. 1.8 Disturbi correlati al gioco d azzardo Il gioco d azzardo è associato anche a diverse patologie psichiatriche che spesso stanno alla base del disturbo, ma che con l avvento della malattia ne vengono accentuate. 3 Fonte: : dipendenza gioco d azzardo, ludodipendena / benessere.com 13

14 Tabella dei disturbi psichiatrici associati al gioco d azzardo e prevalenza nei giocatori : 4 PREVALENZA DISTURBO PSICHIATRICO 76% Depressione maggiore 72% Disturbo bipolare 38% Ipomania 13-78% Disturbo dell umore e alti livelli di ansia 20% Deficit di attenzione/iperattività 8-43% Disturbi di controllo degli impulsi 28% Associazione con dipendenza da alcol 10-52% Abuso di sostanze 15-40% Disturbo antisociale (dall 1,1 al 3 % nella popolazione generale) Come è possibile notare dalla tabella soprastante, le tre patologie correlate più importanti sono la depressione maggiore, il disturbo bipolare, il disturbo dell umore e alti livelli di ansia. Il gioco d azzardo patologico è anche associato ad un alta presenza di deficit di attenzione e iperattività ma anche alla dipendenza da alcol e da droghe. In Italia, secondo l Associazione di volontariato che operano nel settore sarebbero i giocatori d azzardo patologici, su una popolazione a rischio che supera ormai i due milioni; numeri allarmanti che confermano un fenomeno che sta crescendo anno dopo anno e non può più essere trascurato. Un comparto quello del gioco che sta crescendo a dismisura e che probabilmente richiederebbe una maggiore regolamentazione. A Roma vi è la più grande sala bingo d Europa. L Italia è il paese che gioca di più in Europa e è al terzo posto nel mondo dopo Stati Uniti e Giappone. In Italia sono le slot machine e videolottery installate, una ogni 150 abitanti, migliaia invece sono le sale giochi, 300 solo a Roma. 4 Tabella tratta damanuale_gambling_cap11 G.serpelloni 14

15 Capitolo 2. Analisi economica del gioco d azzardo Il gioco d azzardo può essere definito un attività economica sia a livello microeconomico che macroeconomico. Nei paragrafi successivi verrà affrontato il Gioco d azzardo a livello economico, ponendo attenzione sia sulle ripercussioni economiche dei singoli soggetti coinvolti che sulla rilevanza economica dello Stato, controparte attiva del Gioco d azzardo. 2.1 Analisi a livello microeconomico Nell analisi di tipo microeconomico vi sono dei movimenti in uscita e in entrata, le giocate e le vincite, se i primi superano le seconde l attività economica sarà caratterizzata da una perdita per cui bisogna aumentare il reddito destinato al gioco se vogliamo continuare a giocare. In presenza di un andamento positivo otteniamo un attivo di bilancio. GIOCATORE REDDITO USCITE DI GIOCO ENTRATE DI GIOCO % SUL REDDITO A % B % C % D ,5% E % F % Tab. Ipotesi di bilanci del gioco, fonte: il gioco d azzardo di Barbatelli Adolfo La tabella indica nella prima colonna il reddito posseduto dai vari giocatori, poi vengono elencate le varie giocate e le vincite nonché la percentuale di perdite o vincite realizzate sul reddito. In particolare, per esempio il giocatore A realizza una perdita del 5% del suo reddito. Mentre per quanto riguarda i giocatori E ed F, giocatori ad alto reddito, il primo subisce una piccola perdita e l altro chiude il bilancio in attivo. A ed E subiscono la stessa perdita, ma è facilmente comprensibile come le perdite abbiano peso diverso in relazione al reddito posseduto, chi ha 15

16 disponibilità di somme maggiori nonostante possa subire perdite rimane comunque in possesso di denaro sufficiente per continuare a giocare. Mentre i giocatori meno abbienti sottraggono il denaro rimanente ad altre finalità per poterlo reinvestire nel gioco. Interessante risulta essere uno studio che utilizza dati empirici osservati in un casinò per indagare sull esistenza e l impatto di due pregiudizi : gambler s fallacy ossia fallacia del giocatore d azzardo e hot hand mano calda. Vengono analizzate 18 ore di gioco alla roulette durante le quali 139 giocatori fanno scommesse. La fallacia del giocatore d azzardo è un pregiudizio che si basa su convinzioni circa gli esiti come testa/croce o rosso /nero. Ad esempio dopo una sequenza di 3 numeri rossi che compaiono sulla roulette l individuo sarà più portato a scommettere che il prossimo numero sia nero, egli infatti ritiene che una sequenza RRRN sia più probabile di una RRRR, in realtà però la probabilità che il quarto numero sia rosso o nero è sempre del 50%, mentre lui crede che la probabilità che possa essere nero sia superiore al 50%. Questo perché gli individui dopo u breve periodo di un colore sono portati a credere che l altro colore apparirà, perché questo è ciò che dovrebbe accadere in una ruota imparziale. La mano calda invece è un pregiudizio che si basa su credenze di risultati come vittorie e sconfitte. E causata dall illusione del controllo. L individui credono che essi o gli altri esercitino il controllo su eventi che sono però di fatto determinati dal caso. Testeremo queste convinzioni nei nostri dati osservando come il comportamento degli individui che scommettono cambia in risposta alle vittorie o sconfitte in roulette. In particolare le convinzioni mano calda prevedono che dopo una vittoria, gli individui aumenteranno il numero delle scommesse, dopo una perdita invece il numero delle scommesse diminuirà. Come ho anticipato prima i dati utilizzati sono stati ricavati da individui che scommettono in un casinò le scommesse che effettuano sono al gioco della roulette. 16

17 La figura sottostante raffigura la ruota, essa è divisa in 38 settori, numerati da 1 a 36 vi è lo 0 e lo 00, i numeri alternano i colori di rosso e nero tranne che 0 e 00 che sono di colore verde. La numerazione sulla ruota non è in ordine numerico ma nell ordine riportato. La ruota Formato numerato Il formato numerato differisce dalla ruota poiché la numerazione è in ordine numerico. I dati si riferiscono a 18 ore di gioco di un singolo tavolo della roulette, il casinò si trova a Reno in Nevada, le 18 ore sono state separate in tre blocchi di tempo 16.00_22.00, 20.00_02.00 e 22.00_ e sono state riprese tramite una telecamera con vista dall alto. In questo lasso di tempo la ruota ha fatto 900 e 4 giri, circa un giro al minuto. I giocatori sono 139 e hanno fatto scommesse. 17

18 Iniziamo la nostra analisi di ricerca di fallacia, dove osservando un particolare risultato venire più volte in passato, porta a credere che il risultato opposto sia più probabile. Ci concentriamo sulle scommesse esterne tipo rosso/nero e pari/dispari. Noi classifichiamo una scommessa coerente con la fallacia se il giocatore ha scommesso su un risultato che è contrario ad una striscia di lunghezza N. Con N indichiamo il numero delle volte in cui tale risultato è apparso consecutivamente in passato. Ad esempio, se un numero rosso ha vinto le ultime 5 prove, questo viene considerato come una striscia di lunghezza 5 e a questo punto una scommessa su un nero sarebbe considerata come fallacia. Percentuale di fallacia del giocatore d azzardo su puntate esterne dopo una striscia dei lunghezza N Questo grafico pone a confronto la lunghezza della striscia N con la proporzione di fallacia del giocatore d azzardo in scommesse esterne. I nostri dati ci forniscono prove statistiche che gli individui scommettono in coerenza con la fallacia del giocatore d azzardo. 18

19 Dopo strisce di lunghezza 5 o superiore a 5 di un particolare tipo di risultato, i giocatori sono significativamente più propensi a scommettere contro la striscia. Osserviamo dal grafico che dopo una striscia di lunghezza 5, il 65 % delle scommesse sono coerenti con la fallacia, dopo invece una di lunghezza 6, sono l 85% ad essere coerenti con essa. Questo grafico ci mostra quindi come all aumentare della lunghezza della striscia aumenta anche la percentuale di scommesse fallacia del giocatore d azzardo. La nostra seconda serie di analisi indaga se il comportamento dell individuo è coerente con la mano calda. Per fare questo analizziamo se i giocatori scommettono su più o meno numeri in risposta a vittorie o sconfitte precedenti. La più estrema riduzione delle scommesse è quella di lasciare il tavolo. Numero delle scommesse interne media N Primo giro Vincita interna sul giro precedente Perdita interna sul giro precedente Questa tabella presenta il numero medio di scommesse dei giocatori d azzardo dopo una vincita o perdita interna su un giro precedente. Escludiamo dalle osservazioni quelle in cui gli individui erano al tavolo ma non hanno fatto precedentemente una scommessa di tipo interna, escludiamo anche quelli che hanno lasciato il tavolo. Solo gli individui che hanno effettuato scommesse sono inclusi. Come mostra la tabella ci sono stati 570 casi in cui un individuo aveva vinto una scommessa interna sul giro precedente, in questo caso gli individui scommettono su una media di 13,62 numeri. Ci sono state invece 1487 casi in cui un individuo aveva peso su un giro precedente, in questo caso i giocatori scommettono su una media di 9,21 numeri. 19

20 I dati sulle scommesse interne forniscono così la prova dell esistenza della mano calda. Dopo una vittoria i giocatori sono più incentivati a giocare essi infatti scommettono su più numeri dopo aver vinto che dopo aver perso. 2.2 Analisi a livello macroeconomico Per quanto riguarda invece il livello macroeconomico, il gioco d azzardo è un fenomeno che costituisce una quota rilevante delle entrate dello Stato, esso infatti gli permette di poter incrementare le entrate erariali. La raccolta complessiva del denaro mosso dai giochi comprende diverse voci come la quota dovuta all erario, i costi di concessione, i costi di distribuzione, la quota dovuta ad Aams 5 e payout, che consistono nelle vincite che tornano ai giocatori. Lo Stato trattiene una quota delle giocate sotto forma di tassazione e questo influisce ad incrementare le disparità tra le diverse categorie sociali infatti se alcune categorie tendono a spendere nei giochi in maniera più che proporzionale rispetto alle loro risorse economiche,tali verseranno relativamente più denaro nelle casse dello Stato. I giochi d azzardo agiscono quindi come una tassazione regressiva che contribuisce ad aggravare le condizioni economiche delle famiglie più povere. 6 5 Amministrazione autonoma dei monopoli di stato 6 Fonte:il gioco d azzardo:l inquinità di una tassa volontaria 20

21 Grafico tratto dall articolo il gioco d azzardo:l inquinità di una tassa volontaria lavoce.info La linea tratteggiata del grafico indica la spesa media in giochi tra tutte le famiglie italiane, in quella continua invece la spesa riguarda soltanto a quelle famiglie dove vi è almeno un giocatore. Nell asse delle ascisse viene riportato il reddito familiare equivalente mentre nelle ordinate viene rappresentata la percentuale del reddito spesa nei giochi d azzardo. Come si desume dal grafico nelle famiglie aventi redditi più bassi la percentuale del reddito da loro posseduta spesa nei giochi risulta essere più alta rispetto a quella delle famiglie più abbienti. Il grafico ci mostra quindi come le famiglie più povere tendano a spendere nei giochi circa il 3% del loro reddito a differenza invece di quelle più ricche le quali spendono una percentuale inferiore all 1%. 21

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.»

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Seite 1 Benvenute e benvenuti Seite 2 Due organizzazioni, un tema Seite 3 Seite 4 Ordine del giorno - Rilevanza a livello sociale - Campagna

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche.

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche. Droga: ogni sostanza dotata di azione farmacologica psicoattiva, la cui assunzione provoca alterazioni dell umore e dell attività mentale. Una classificazione sociologica: Legali Illegali Strumentali o

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

Il gambling presenta molte analogie con la addiction da sostanze, quali l eroina, l alcol, etc..

Il gambling presenta molte analogie con la addiction da sostanze, quali l eroina, l alcol, etc.. Gambling un altra faccia della dipendenza: Dipendenza senza droga Risultati di una ricerca multicentrica Contributi originali già pubblicati Concettina Varango 1, Albina Prestipino 2,Fabrizio Cheli 2 1

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Gioco d azzardo: qual è la vera posta? Tecnologie che creano dipendenze

Gioco d azzardo: qual è la vera posta? Tecnologie che creano dipendenze Gioco d azzardo: qual è la vera posta? Tecnologie che creano dipendenze Marcello Esposito * Professore di International Financial Markets, Università Cattaneo di Castellanza Come è

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) IL RAPPORTO GIURIDICO Il rapporto giuridico è una relazione tra due soggetti regolata dal diritto. corrisponde

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli