Università degli Studi di Siena Facoltà di Economia Richard M. Goodwin Dipartimento Studi Aziendali e Giuridici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Siena Facoltà di Economia Richard M. Goodwin Dipartimento Studi Aziendali e Giuridici"

Transcript

1 Università degli Studi di Siena Facoltà di Economia Richard M. Goodwin Dipartimento Studi Aziendali e Giuridici Il gioco d azzardo tra business e patologia Relatore : Tesi di laurea triennale di : Prof Paolo Pin Sara Tosini Anno accademico

2 Indice Introduzione...pag3 1.Analisi medica del gioco d azzardo...pag5 1.1 Gioco d azzardo patologico..pag5 1.2 tipologie di giocatori.pag6 1.3 Inclusione del gioco d azzardo patologico nel DSM...pag8 1.4 I segnali del problema della dipendenza pag9 1.5 Fasi di progressione del gioco d azzardo patologico.pag Fattori di rischio.pag Soggetti coinvolti...pag Disturbi correlati al gioco d azzardo.pag13 2.Analisi economica del gioco d azzardo pag15 2.1Analisi a livello microeconomico.pag Analisi a livello macroeconomico...pag Tassazione...pag Costi sociali.pag Il gioco d azzardo on-line...pag Un settore interessante per le mafie...pag27 Conclusioni.pag28. Bibliografia..pag30 2

3 Introduzione L idea di questa tesi nasce da una riflessione riguardante il fenomeno del gioco d azzardo, un fenomeno che sta crescendo anno dopo anno e non può più essere trascurato. L Italia è il Paese che gioca di più in Europa e si trova al terzo posto nel mondo dopo Stati Uniti e Giappone. Un fenomeno quindi che richiederebbe una maggiore regolamentazione. In questo lavoro di tesi ho voluto evidenziare come il gioco d azzardo possa divenire una vera e propria malattia e come tale possa provocare delle ripercussioni sia di carattere fisico nel soggetto coinvolto e sia di carattere economico per lo Stato che attraverso l istituzione dei servizi preposti all attività di prevenzione di questa patologia garantiscono un assistenza gratuita al soggetto coinvolto aumentandone però i costi sociali. Nel primo capitolo analizzerò il gioco d azzardo da un punto di vista medico, soffermandomi quindi sulla parte patologica. Considererò il gioco d azzardo non più come attività ludica ma come una vera e propria patologia medica definita con il termine di ludopatia, una malattia neuro-psicobiologica con conseguenze sanitarie e sociali che necessita di diagnosi, cura e riabilitazione. Nei paragrafi successivi mostrerò le varie tipologie di giocatori fino alla definizione di giocatore patologico, tutto ciò per potermi soffermare sullo stato mentale del giocatore ormai dipendente che continua a giocare poiché il gioco è ormai diventato un bisogno irrefrenabile, cercherò di spiegare il perché un giocatore continui a giocare nonostante subisca ingenti perdite e mostrerò le distorsioni a cognitive a cui egli è soggetto mentre gioca. Farò vedere quali sono i sintomi di questa patologia e quanti un soggetto ne deve possedere per poter essere definito giocatore patologico. Riporterò poi uno schema che distingue la fasi di progressione del gioco d azzardo patologico e cercherò attraverso esso di spiegare come il giocatore possa muoversi all interno delle fasi stesse, il giocatore potrà dirigersi verso un peggioramento o miglioramento del problema derivante dal gioco. Farò anche vedere come esistano dei fattori di rischio tali da poter essere in grado di favorire lo sviluppo di questa patologia e in un ultima analisi i disturbi correlati al gioco d azzardo. Nel secondo capitolo analizzeremo il gioco d azzardo da un punto di vista economico, considerandolo come attività economica. Esporrò un analisi tipo microeconomico ponendo attenzione sui movimenti in uscita e in entrata, che nel nostro caso sono le giocate e le vincite; l attività economica sarà in perdita se le giocate sono superiori alle vincite. 3

4 Presenterò poi uno studio in cui sono stati utilizzati dati empirici per esaminare e analizzare la fallacia del giocatore d azzardo e la mano calda in individui che scommettono in un casinò al gioco della roulette. Tali serie di analisi cercano di indagare su come questi due pregiudizi possano influenzare il giocatore nelle scommesse future quindi possano condizionare il modo di giocare. Nell analisi di tipo macroeconomico analizziamo invece il gioco d azzardo come fenomeno che permette di poter incrementare le entrate erariali in quanto costituisce una quota rilevante delle entrate stesse. Con l aiuto di un grafico mostrerò come la famiglie meno abbienti tendano a spendere molto di più in giochi rispetto a quelle più ricche. Affronterò poi il tema della tassazione, dei costi sociali ossia tutto ciò che la società dovrà pagare da vari punti di vista come quello della produttività lavorativa,quello delle spese della sanità pubblica, quello della criminalità e quello della disgregazione del nucleo familiare. Parlerò in seguito del gioco on-line e della sua pericolosità per poi terminare con le infiltrazione della mafia sul gioco d azzardo stesso. 4

5 Capitolo 1. Analisi medica del gioco d azzardo In questo capitolo viene analizzato il gioco d azzardo, da un punto di vista medico. Il gioco d azzardo verrà considerato non più come attività ricreativa ma come una vera e propria patologia medica in quanto i giocatori dedicano ad esso sempre più tempo, vivendo in funzione del gioco e trascurando la vita lavorativa, familiare e tutto ciò che li circonda. Affronteremo i problemi che sopravvengono quando l aspetto ludico diventa secondario rispetto all impulso di giocare, al bisogno di rischiare, di riprovare, di tentare nuovamente la fortuna anche a fronte di perdite clamorose e devastanti. Questo atteggiamento si configura come gambling, ossia un comportamento definito compulsivo, simile a quei comportamenti di dipendenza quali tossicodipendenze e alcolismo però a differenza di essi non vi è nessuna sostanza che la crea Gioco d Azzardo Patologico Il gioco d azzardo patologico solitamente viene definito come ludopatia, è un disturbo del comportamento rientrante nella categoria diagnostica dei disturbi del controllo degli impulsi. E una dipendenza patologica e quindi una malattia neuro-psico-biologica con conseguenze sanitarie e sociali che necessita di diagnosi, cura e riabilitazione, esiste un fattore che crea dipendenza, ma non è coinvolta nessuna sostanza come invece nell alcolismo o nella dipendenza da droghe. Nella ludopatia il gioco è quotidiano o intensivo e l individuo non riesce più a controllare il suo desiderio di giocare. L andamento della malattia è spesso cronico e caratterizzato da spese elevate poiché il pensiero fisso del soggetto è quello di giocare e quindi di reperire il denaro per continuare a farlo e è disposto anche a commettere azioni illegali pur di finanziare il proprio gioco. 1 Fonte:L.Cancrini, Tossicomani e giocatori: a proposito di temerari,ecologia della mente,i,iipensiero Scientifico,1998 5

6 Il desiderio ossessivo di recuperare il denaro perduto può portare il giocatore a perdere completamente la percezione del tempo che dedica al gioco e della quantità dei soldi che sta scommettendo. Giocare denaro diventa il suo esclusivo interesse e niente potrà fermarlo da questa attività, nonostante essa si riveli dannosa e negativa perché lo porterà a una disorganizzazione della sua vita e ad una completa perdita di controllo riguardante la gestione del proprio denaro. Il giocatore d azzardo patologico commette degli errori cognitivi di logica come applicare delle strategie, cercare di interpretare ogni segnale dall ambiente che lo circonda, si affida così alle proprie sensazioni interne e a calcoli particolari sulle probabilità, fa tutto ciò per dominare la situazione del gioco e spera di ottenere una vincita tale da potergli cambiare la vita. Il suo stato mentale è estremamente diverso da quello di un giocatore anche assiduo ma non patologico. Il primo infatti commette degli errori di ragionamento, valutando i risultati degli eventi in maniera distorta, egli infatti continua a giocare nonostante i persistenti fallimenti. Tali giocatori li sottovalutano ed esaltano soltanto i successi, spendendo più tempo per giustificare le perdite subite e le trasformano in quasi vincite se non vincono si auto convincono di esserci andati vicini credendo così che la prossima volta vinceranno sicuramente. Acquistano quindi la fiducia nel successo continuando a giocare trascurando il peso del fallimento. 1.2 Tipologie di giocatori Per cominciare ad individuare quali risultano essere gli indicatori della patologia da gioco è fondamentale fare una distinzione tra giocatori d azzardo e giocatori patologici. Per molte persone infatti il gioco d azzardo viene considerato un piacevole passatempo, è possibile giocare sia occasionalmente che abitualmente senza essere necessariamente giocatori patologici. Infatti il giocatore diventa compulsivo dopo aver attraversato un percorso, si inizia come gioco occasionale per poi diventare abituale fino a sfociare nel gioco compulsivo. Per questo il gioco d azzardo patologico si presenta come un grosso problema, l individuo non è più in grado di limitare e gestire il proprio gioco, in quanto ne è divenuto completamente schiavo è 6

7 stato progressivamente assorbito da esso e così ha finito nel dedicargli sempre di più il proprio tempo. In relazione alle motivazioni che determinano il gioco d azzardo sono state distinte le seguenti tipologie di giocatori (Alonso Fernandez F., 1996, Dickerson M., 1993) : Il giocatore sociale: un soggetto che vive il gioco come momento per socializzare e allo stesso tempo divertirsi, egli è in grado di governare i propri impulsi distruttivi; Il giocatore problematico : ceca di fuggire da problemi di tipo sociale cercandone la soluzione tramite il gioco ma ancora non è presente una vera e propria patologia attiva; Il giocatore patologico : individuo con serie problematiche psichiche che alimentano il bisogno di giocare conducendolo verso comportamenti distruttivi; Il giocatore patologico impulsivo/dipendente : un individuo in possesso di gravi sintomi che evidenziano il legame patologico con il gioco d azzardo e che risultano talvolta essere più centrati sull impulsività mentre altre sulla dipendenza. Un giocatore è veramente dipendente quando l impulso per il gioco diventa un bisogno irrefrenabile in balia di una forte tensione emotiva e incapacità di ricorrere a un pensiero logico. Schema tratto da: dipendenza gioco d azzardo, ludodipendena / benessere.com 7

8 Come si evince dallo schema il giocatore è in preda a un circolo vizioso, il giocatore dipendente se perde continua a giocare per cercare di riprendere almeno i soldi che ha perso sperando di essere più fortunato nelle prossime giocate, se invece vince crede che sia il suo giorno fortunato per cui, galvanizzato da ciò, continua a giocare. Il giocatore d azzardo è soggetto alle seguenti distorsioni cognitive: Illusione di controllo : ovvero la convinzione di essere in grado di poter controllare gli eventi futuri; Quasi vincita : ossia la convinzione che gli insuccessi sono vicini a diventare successi; Fallacia di Montecarlo : L incorretta attribuzione di significato ad alcuni eventi che l individuo crede porteranno ad una vincita. Un esempio di questa sindrome è la comune credenza che dopo un certo numero di perdite prima o poi ci deve essere necessariamente una vincita. Il giocatore è convinto che le probabilità di un evento sono cumulative anziché indipendenti fra di loro. 1.3 Inclusione del Gioco d Azzardo Patologico nel DSM Nel 1980 l APA, American Psychiatric Association inserisce il gioco d azzardo patologico nella terza versione del DSM. Esso assume così il valore di una vera e propria patologia psichiatrica e rimane catalogato anche nel DSM III-R (1987) e nel DSM IV (1984) le edizione aggiornate e corrette del manuale statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali. Il gioco d azzardo diventa patologico quando si trasforma in un impulso incontrollabile a giocare nonostante la consapevolezza delle conseguenze negative; in questo caso si parla di ludopatia che, in base alla classificazione del Manuale Diagnostico e dei Disturbi Mentali, IV edizione, viene ricompresa nella categoria delle cosiddette dipendenze comportamentali. Secondo la descrizione del DSM 2 il giocatore d azzardo patologico è una persona che non riesce a resistere all impulso di giocare d azzardo. La preoccupazione, lo stimolo e l attività di gioco aumentano nei periodi di stress. I problemi che nascono in conseguenza del gioco d azzardo portano il soggetto ad intensificare attività di gioco stessa. 2 Diagnostic Statistic Manual : il sistema codificato e accettato internazionalmente di classificazione delle condizioni patologiche riconosciute dalla comunità scientifica internazionale 8

9 Per poter parlare di un giocatore affetto da gioco d azzardo patologico ai sensi delle predisposizioni previste da DSM IV il soggetto deve presentare almeno cinque sintomi, tra quelli che verranno presentati nel paragrafo successivo. 1.4 I segnali del problema della dipendenza Chi è affetto da questa patologia presenta sintomi quali: Ansia e preoccupazioni, è assorbito dal gioco vi pensa continuamente; Assuefazione, ha bisogno di giocare somme di denaro sempre più alte per raggiungere lo stato di eccitazione desiderato; Azioni illegali, come falsificazione, frode furto o appropriazione indebita per finanziarsi; Perdita di controllo, tenta di ridurre o interrompere il gioco d azzardo ma senza riuscire; Menzogne, mente alla famiglia agli psicologi per nascondere l entità delle perdite subite; Dopo aver perso al gioco cerca sempre una rivincita continuando finchè non riesce a vincere; Evasione, il gioco è un modo per evadere dai problemi della vita quotidiana; Mette a repentaglio le relazioni importanti per il gioco d azzardo; Fa affidamento sulle altre persone come familiari e amici per farsi prestare i soldi; Astinenza, ne soffre se tenta di ridurre il gioco o smettere. Come anticipato, se un soggetto presenta almeno cinque dei suddetti sintomi si può parlare di giocatore affetto da gioco d azzardo patologico ai sensi delle predisposizioni previste dal DSM-IV. Esso è compreso nella categoria dei Disturbi del Controllo degli Impulsi non altrove classificati, insieme alla Cleptomania, alla Piromania, alla Tricotillomania e al Disturbo Esplosivo Intermittente. Queste patologie presentano alcuni puti in comune con il gioco d azzardo, che giustificano la loro comune collocazione. 9

10 1.5 Fasi di progressione del gioco d azzardo patologico Alcuni autori come ad esempio Custer hanno distinto le fasi di progressione del gioco d azzardo patologico, in esse il giocatore può muoversi dirigendosi verso una complicazione e peggioramento del problema derivante dal gioco oppure verso un probabile miglioramento dello stesso. Custer attraverso uno schema rappresenta le fasi che attraversa un giocatore d azzardo patologico nell instaurarsi della malattia. Le fasi possono essere così riassunte: 1. Fase vincente ; 2. fase perdente ; 3. fase di disperazione ; 4. fase di perdita della speranza ; 5. fase critica ; 6. fase di ricostruzione; 7. fase di crescita. 10

11 Schema di Custer (1982) che rappresenta le fasi di progressione del gioco patologico e della sua guarigione Schema tratto da :Pathological gambling. In Whitfield A. (A cura di). Patients with Alcoholism and other Drug Problems. New York: Year BooK Publ. 11

12 Nella prima fase, la fase vincente, il gioco è occasionale, si gioca per divertirsi e le vincite sono frequenti. Il giocatore sente di guadagnare soldi facilmente, così aumenta il tempo e il denaro impiegato nelle scommesse. E frequente che in questa fase si abbia una grossa vincita che, secondo l autore dura dai tre ai cinque anni. Ad essa segue la fase perdente, caratterizzata da perdite, gioco solitario, il soggetto cerca di recuperare i soldi persi incrementando le scommesse. Subentrano a questo punto i debiti, le menzogne e il ricorso ai prestiti. Attendendo quella vincita che gli permettera di regolare i conti. Ma l individuo con l arrivo di questa vincita invece di fermarsi e non giocare più, continua a giocare, in quanto crede di aver ritrovato la fiducia in se stesso. Il giocatore è ormai intrappolato in questo meccanismo giungendo così alla fase della disperazione, arriva anche a commettere azioni illegali per procurarsi i soldi. I reati più frequentemente commessi sono la frode fiscale, la falsificazione di assegni, l appropiazione indebita e l emissione di assegni a vuoto. Egli è però ancora fiducioso perché crede che prima o poi arriverà la grande vincita tanto attesa, ma ormai nessuno crede più alle sue bugie e la sua famiglia va in crisi, siamo quindi arrivati alla fase della perdita della speranza. A questo punto il giocatore è interamente sommerso da problemi di tipo legale, lavorativo e relazionale insorgono anche depressioni e a volte, sostiene Custer vere e proprie crisi di astinenza. Quando il soggetto decide di chiedere aiuto si entra nella fase critica, iniziando un percorso terapeutico che attraverso la fase della ricostruzione lo condurrà a quella della crescita. Osservando lo schema di Custer noteremo che la freccia in salita che indica la fase di crescita arriva più in alto rispetto al punto di partenza, costituito dalla freccia in discesa. Ciò significa che il recupero, secondo Custer deve passare attraverso una crescita della persona nella sua totalità, deve ampliarsi la sua conoscenza portandolo a una sorte di benessere e consapevolezza di sé mai raggiunti prima. 1.6 Fattori di rischio La valutazione di questi soggetti ha permesso di individuare i fattori di rischio tali da essere in grado di favorire lo sviluppo del disturbo del gioco d azzardo stesso. Essi vengono ricondotti a tre aspetti che sono considerati in interazione tra di loro: 12

13 Aspetti biologici : relativi a fattori neurofisiologici, ossia allo squilibrio che si potrebbe determinare nel funzionamento del sistema dei neurotrasmettitori cerebrali atti a produrre serotonina, una sostanza chimica cerebrale, responsabile di un equilibrio affettivocomportamentale, che nei giocatori patologici scenderebbe sotto i livelli comuni rispeto alla media 3 ; Aspetti ambientali-educativi : riguardano il tipo di educazione ricevuta ma anche le eventuali difficoltà economiche nelle quali si trova il soggetto come ad esempio uno stato di disoccupazione; Aspetti psicologici : come ad esempio tratti di personalità avara e lussuriosa. 1.7 Soggetti coinvolti A caderci sono uomini, donne, pensionati, agenti di commercio, bancari, comandanti di polizia e carabinieri, operai e studenti. Tra le donne, quelle che risultano essere più esposte al rischio sono le casalinghe e le lavoratrici autonome di età compresa tra i quaranta e i cinquant anni. Tra gli uomini emergono invece i disoccupati o i lavoratori autonomi aventi uno contatto abituale col denaro aventi un età sui quarant anni. Pur essendo un fenomeno trasversale dai vari studi e dall esperienza clinica, emerge che il giocatore tipo è di sesso maschile, sposato o in coppia, lavoratore dipendente e generalmente abusa di altre sostanze, prevalentemente fumo. 1.8 Disturbi correlati al gioco d azzardo Il gioco d azzardo è associato anche a diverse patologie psichiatriche che spesso stanno alla base del disturbo, ma che con l avvento della malattia ne vengono accentuate. 3 Fonte: : dipendenza gioco d azzardo, ludodipendena / benessere.com 13

14 Tabella dei disturbi psichiatrici associati al gioco d azzardo e prevalenza nei giocatori : 4 PREVALENZA DISTURBO PSICHIATRICO 76% Depressione maggiore 72% Disturbo bipolare 38% Ipomania 13-78% Disturbo dell umore e alti livelli di ansia 20% Deficit di attenzione/iperattività 8-43% Disturbi di controllo degli impulsi 28% Associazione con dipendenza da alcol 10-52% Abuso di sostanze 15-40% Disturbo antisociale (dall 1,1 al 3 % nella popolazione generale) Come è possibile notare dalla tabella soprastante, le tre patologie correlate più importanti sono la depressione maggiore, il disturbo bipolare, il disturbo dell umore e alti livelli di ansia. Il gioco d azzardo patologico è anche associato ad un alta presenza di deficit di attenzione e iperattività ma anche alla dipendenza da alcol e da droghe. In Italia, secondo l Associazione di volontariato che operano nel settore sarebbero i giocatori d azzardo patologici, su una popolazione a rischio che supera ormai i due milioni; numeri allarmanti che confermano un fenomeno che sta crescendo anno dopo anno e non può più essere trascurato. Un comparto quello del gioco che sta crescendo a dismisura e che probabilmente richiederebbe una maggiore regolamentazione. A Roma vi è la più grande sala bingo d Europa. L Italia è il paese che gioca di più in Europa e è al terzo posto nel mondo dopo Stati Uniti e Giappone. In Italia sono le slot machine e videolottery installate, una ogni 150 abitanti, migliaia invece sono le sale giochi, 300 solo a Roma. 4 Tabella tratta damanuale_gambling_cap11 G.serpelloni 14

15 Capitolo 2. Analisi economica del gioco d azzardo Il gioco d azzardo può essere definito un attività economica sia a livello microeconomico che macroeconomico. Nei paragrafi successivi verrà affrontato il Gioco d azzardo a livello economico, ponendo attenzione sia sulle ripercussioni economiche dei singoli soggetti coinvolti che sulla rilevanza economica dello Stato, controparte attiva del Gioco d azzardo. 2.1 Analisi a livello microeconomico Nell analisi di tipo microeconomico vi sono dei movimenti in uscita e in entrata, le giocate e le vincite, se i primi superano le seconde l attività economica sarà caratterizzata da una perdita per cui bisogna aumentare il reddito destinato al gioco se vogliamo continuare a giocare. In presenza di un andamento positivo otteniamo un attivo di bilancio. GIOCATORE REDDITO USCITE DI GIOCO ENTRATE DI GIOCO % SUL REDDITO A % B % C % D ,5% E % F % Tab. Ipotesi di bilanci del gioco, fonte: il gioco d azzardo di Barbatelli Adolfo La tabella indica nella prima colonna il reddito posseduto dai vari giocatori, poi vengono elencate le varie giocate e le vincite nonché la percentuale di perdite o vincite realizzate sul reddito. In particolare, per esempio il giocatore A realizza una perdita del 5% del suo reddito. Mentre per quanto riguarda i giocatori E ed F, giocatori ad alto reddito, il primo subisce una piccola perdita e l altro chiude il bilancio in attivo. A ed E subiscono la stessa perdita, ma è facilmente comprensibile come le perdite abbiano peso diverso in relazione al reddito posseduto, chi ha 15

16 disponibilità di somme maggiori nonostante possa subire perdite rimane comunque in possesso di denaro sufficiente per continuare a giocare. Mentre i giocatori meno abbienti sottraggono il denaro rimanente ad altre finalità per poterlo reinvestire nel gioco. Interessante risulta essere uno studio che utilizza dati empirici osservati in un casinò per indagare sull esistenza e l impatto di due pregiudizi : gambler s fallacy ossia fallacia del giocatore d azzardo e hot hand mano calda. Vengono analizzate 18 ore di gioco alla roulette durante le quali 139 giocatori fanno scommesse. La fallacia del giocatore d azzardo è un pregiudizio che si basa su convinzioni circa gli esiti come testa/croce o rosso /nero. Ad esempio dopo una sequenza di 3 numeri rossi che compaiono sulla roulette l individuo sarà più portato a scommettere che il prossimo numero sia nero, egli infatti ritiene che una sequenza RRRN sia più probabile di una RRRR, in realtà però la probabilità che il quarto numero sia rosso o nero è sempre del 50%, mentre lui crede che la probabilità che possa essere nero sia superiore al 50%. Questo perché gli individui dopo u breve periodo di un colore sono portati a credere che l altro colore apparirà, perché questo è ciò che dovrebbe accadere in una ruota imparziale. La mano calda invece è un pregiudizio che si basa su credenze di risultati come vittorie e sconfitte. E causata dall illusione del controllo. L individui credono che essi o gli altri esercitino il controllo su eventi che sono però di fatto determinati dal caso. Testeremo queste convinzioni nei nostri dati osservando come il comportamento degli individui che scommettono cambia in risposta alle vittorie o sconfitte in roulette. In particolare le convinzioni mano calda prevedono che dopo una vittoria, gli individui aumenteranno il numero delle scommesse, dopo una perdita invece il numero delle scommesse diminuirà. Come ho anticipato prima i dati utilizzati sono stati ricavati da individui che scommettono in un casinò le scommesse che effettuano sono al gioco della roulette. 16

17 La figura sottostante raffigura la ruota, essa è divisa in 38 settori, numerati da 1 a 36 vi è lo 0 e lo 00, i numeri alternano i colori di rosso e nero tranne che 0 e 00 che sono di colore verde. La numerazione sulla ruota non è in ordine numerico ma nell ordine riportato. La ruota Formato numerato Il formato numerato differisce dalla ruota poiché la numerazione è in ordine numerico. I dati si riferiscono a 18 ore di gioco di un singolo tavolo della roulette, il casinò si trova a Reno in Nevada, le 18 ore sono state separate in tre blocchi di tempo 16.00_22.00, 20.00_02.00 e 22.00_ e sono state riprese tramite una telecamera con vista dall alto. In questo lasso di tempo la ruota ha fatto 900 e 4 giri, circa un giro al minuto. I giocatori sono 139 e hanno fatto scommesse. 17

18 Iniziamo la nostra analisi di ricerca di fallacia, dove osservando un particolare risultato venire più volte in passato, porta a credere che il risultato opposto sia più probabile. Ci concentriamo sulle scommesse esterne tipo rosso/nero e pari/dispari. Noi classifichiamo una scommessa coerente con la fallacia se il giocatore ha scommesso su un risultato che è contrario ad una striscia di lunghezza N. Con N indichiamo il numero delle volte in cui tale risultato è apparso consecutivamente in passato. Ad esempio, se un numero rosso ha vinto le ultime 5 prove, questo viene considerato come una striscia di lunghezza 5 e a questo punto una scommessa su un nero sarebbe considerata come fallacia. Percentuale di fallacia del giocatore d azzardo su puntate esterne dopo una striscia dei lunghezza N Questo grafico pone a confronto la lunghezza della striscia N con la proporzione di fallacia del giocatore d azzardo in scommesse esterne. I nostri dati ci forniscono prove statistiche che gli individui scommettono in coerenza con la fallacia del giocatore d azzardo. 18

19 Dopo strisce di lunghezza 5 o superiore a 5 di un particolare tipo di risultato, i giocatori sono significativamente più propensi a scommettere contro la striscia. Osserviamo dal grafico che dopo una striscia di lunghezza 5, il 65 % delle scommesse sono coerenti con la fallacia, dopo invece una di lunghezza 6, sono l 85% ad essere coerenti con essa. Questo grafico ci mostra quindi come all aumentare della lunghezza della striscia aumenta anche la percentuale di scommesse fallacia del giocatore d azzardo. La nostra seconda serie di analisi indaga se il comportamento dell individuo è coerente con la mano calda. Per fare questo analizziamo se i giocatori scommettono su più o meno numeri in risposta a vittorie o sconfitte precedenti. La più estrema riduzione delle scommesse è quella di lasciare il tavolo. Numero delle scommesse interne media N Primo giro Vincita interna sul giro precedente Perdita interna sul giro precedente Questa tabella presenta il numero medio di scommesse dei giocatori d azzardo dopo una vincita o perdita interna su un giro precedente. Escludiamo dalle osservazioni quelle in cui gli individui erano al tavolo ma non hanno fatto precedentemente una scommessa di tipo interna, escludiamo anche quelli che hanno lasciato il tavolo. Solo gli individui che hanno effettuato scommesse sono inclusi. Come mostra la tabella ci sono stati 570 casi in cui un individuo aveva vinto una scommessa interna sul giro precedente, in questo caso gli individui scommettono su una media di 13,62 numeri. Ci sono state invece 1487 casi in cui un individuo aveva peso su un giro precedente, in questo caso i giocatori scommettono su una media di 9,21 numeri. 19

20 I dati sulle scommesse interne forniscono così la prova dell esistenza della mano calda. Dopo una vittoria i giocatori sono più incentivati a giocare essi infatti scommettono su più numeri dopo aver vinto che dopo aver perso. 2.2 Analisi a livello macroeconomico Per quanto riguarda invece il livello macroeconomico, il gioco d azzardo è un fenomeno che costituisce una quota rilevante delle entrate dello Stato, esso infatti gli permette di poter incrementare le entrate erariali. La raccolta complessiva del denaro mosso dai giochi comprende diverse voci come la quota dovuta all erario, i costi di concessione, i costi di distribuzione, la quota dovuta ad Aams 5 e payout, che consistono nelle vincite che tornano ai giocatori. Lo Stato trattiene una quota delle giocate sotto forma di tassazione e questo influisce ad incrementare le disparità tra le diverse categorie sociali infatti se alcune categorie tendono a spendere nei giochi in maniera più che proporzionale rispetto alle loro risorse economiche,tali verseranno relativamente più denaro nelle casse dello Stato. I giochi d azzardo agiscono quindi come una tassazione regressiva che contribuisce ad aggravare le condizioni economiche delle famiglie più povere. 6 5 Amministrazione autonoma dei monopoli di stato 6 Fonte:il gioco d azzardo:l inquinità di una tassa volontaria 20

21 Grafico tratto dall articolo il gioco d azzardo:l inquinità di una tassa volontaria lavoce.info La linea tratteggiata del grafico indica la spesa media in giochi tra tutte le famiglie italiane, in quella continua invece la spesa riguarda soltanto a quelle famiglie dove vi è almeno un giocatore. Nell asse delle ascisse viene riportato il reddito familiare equivalente mentre nelle ordinate viene rappresentata la percentuale del reddito spesa nei giochi d azzardo. Come si desume dal grafico nelle famiglie aventi redditi più bassi la percentuale del reddito da loro posseduta spesa nei giochi risulta essere più alta rispetto a quella delle famiglie più abbienti. Il grafico ci mostra quindi come le famiglie più povere tendano a spendere nei giochi circa il 3% del loro reddito a differenza invece di quelle più ricche le quali spendono una percentuale inferiore all 1%. 21

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PUO NON ESSERE PATOLOGICO. DIVENTA PATOLOGICO QUANDO CREA DIPENDENZA NEL SOGGETTO E PROCURA SOFFERENZA INDICE DI PATOLOGIA STA NEL FATTO

Dettagli

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate Il progetto di legge regionale

Dettagli

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus I messaggi che ci arrivano Che cos è il gambling patologico È una dipendenza comportamentale ( dipendenza

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo 2010 61 MILIARDI DI EURO in ITALIA Di cui 14,382 miliardi in LOMBARDIA SPESI IN PROVINCIA DI SONDRIO 192 MILIONI DI EURO OGNI

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA via di Torre Rossa, 66-00165 Roma - tel. +39 06 66666 1 - fax +39 06 66410152 - www.betplus.it - info@betplus.it GIOCO RESPONSABILE 2/5 Lo scopo di questo breve

Dettagli

2. Definizioni. I criteri che definiscono una malattia sono, nell ordine:

2. Definizioni. I criteri che definiscono una malattia sono, nell ordine: 2. Definizioni In considerazione della grande variabilità di linguaggio, anche per la presenza delle diverse discipline coinvolte nella discussione scientifica sul gioco d azzardo patologico (GAP), prima

Dettagli

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Elsa Marcaccini Psicologa psicoterapeuta Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Intervento presentato al Convegno «A che gioco giochiamo», organizzato dal Forum del Volontariato,

Dettagli

MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO

MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO 1 N el corso degli ultimi anni il gioco d azzardo ha assunto un volume di enormi proporzioni sociali ed economiche. Pur essendo una pratica antica, è

Dettagli

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA EFFETTI DELLA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE CONSEGUENZE DA DIPENDENZA COME USCIRE DA QUESTO FENOMENO QUANTO E DIFFUSO ATTUALMENTE NEL

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE Differenze tra gioco sano e patologico: inquadramento diagnostico CONVEGNO: "LUDOPATIA TRA SOCIETA E TERAPIA" Pieve Emanuele, 23 Novembre 2013 Dott.ssa Beatrice Peroni DEFINIZIONE

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Pipitone, Marotta DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO ED IL CONTRASTO

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Con l'ausilio di questa scheda gli sportelli di ascolto, orientamento ed animazione sociale sul gioco d'azzardo patologico

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO Invito alla Conferenza Stampa per il giorno venerdì 01 marzo 2013, alle ore 12, presso la sala giunta, al primo piano di Villa Rana, in via Roma 6 a

Dettagli

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che - dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, emerge la necessità che il Ministero dell Economia

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013 Gioco d azzardo d e dipendenzad Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare Lo scopo di una Informativa Breve La collana In Breve fornisce ai Consiglieri regionali informazioni

Dettagli

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Piano di Zona 2011/2015- Area Dipendenze Priorità Politica Azione Difficoltà delle persone con problematiche di gioco d azzardo

Dettagli

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile.

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Gioco Responsabile Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Partendo dalle regole, sempre chiare e precise, attraverso la

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Brevi riflessioni D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco è un attività piacevole un modo divertente per trascorrere il tempo libero

Dettagli

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO Slot-machine, casinò, videopoker e Bingo sono i giochi più a rischio dipendenza Bologna, 13 maggio 2009

Dettagli

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo 1. Definizione di gioco d azzardo La presente legge ha per oggetto interventi normativi in materia di gioco d'azzardo e della patologia che

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

Servizio Sociale e Prevenzione GAP

Servizio Sociale e Prevenzione GAP 28 ottobre 2014 L azzardo non e un gioco Servizio Sociale e Prevenzione GAP Dr.ssa Cristina Bassini Assistente Sociale Sert Cremona Dr.ssa Irene Ronchi - Psicologa Sert Cremona Dipartimento Dipendenze

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BINETTI, BUTTIGLIONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BINETTI, BUTTIGLIONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 102 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BINETTI, BUTTIGLIONE Disposizioni per la cura e la prevenzione delle dipendenze comportamentali

Dettagli

ISTITUTO DI PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE DI BARI (I.P.F.R.) Direttore: Pasquale Chianura

ISTITUTO DI PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE DI BARI (I.P.F.R.) Direttore: Pasquale Chianura ISTITUTO DI PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE DI BARI (I.P.F.R.) Direttore: Pasquale Chianura La cosa principale è il gioco medesimo, giuro che non è la brama di vincere del danaro, sebbene ne abbia

Dettagli

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico.

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 15 28 gennaio 2015 Oggetto : Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Il giorno 28

Dettagli

Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico

Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Lavagna - Ex Istituto Marini Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico Lie/ Bet Questionnaire 1. Hai mai sentito l impulso a giocare somme di denaro sempre

Dettagli

Gestione attiva dei sinistri. Datori di lavoro e dipendenti Helvetia: una comunanza di destini, anche in caso di necessitá.

Gestione attiva dei sinistri. Datori di lavoro e dipendenti Helvetia: una comunanza di destini, anche in caso di necessitá. Gestione attiva dei sinistri. Datori di lavoro e dipendenti Helvetia: una comunanza di destini, anche in caso di necessitá. La Sua Assicurazione svizzera. 1/8 Helvetia Gestione attiva dei sinistri Opuscolo

Dettagli

Il gioco epidemiologia e tipologie del giocatore patologico

Il gioco epidemiologia e tipologie del giocatore patologico Il gioco epidemiologia e tipologie del giocatore patologico 26.01.13 Massimo Corti Responsabile SerT Treviglio ASL di Bergamo Il gioco d'azzardo consiste nello scommettere beni materiali, solitamente

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE AI SENSI DELL ARTICOLO 121 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA E DELLA LETTERA N), COMMA 4), ART. 26 DELLO STATUTO DELLA REGIONE CAMPANIA concernente DISPOSIZIONI

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0161. di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli

PROGETTO DI LEGGE N. 0161. di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 8228 PROGETTO DI LEGGE N. 0161 di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli Norme per la prevenzione,

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA SINDACO / 11 Del 14/10/2015 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI GIOCO LECITO SUL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli

Proposta di legge. gennaio 2012

Proposta di legge. gennaio 2012 Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate. di iniziativa dei consiglieri:

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

12. Diagnosi e valutazione

12. Diagnosi e valutazione 12. Diagnosi e valutazione L aspetto diagnostico riveste una particolare importanza in questa patologia, non solo per gli aspetti primari, cioè quelli relativi al gioco d azzardo e al suo indice di gravità,

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

Il gioco: dalla normalità alla patologia

Il gioco: dalla normalità alla patologia Il gioco: dalla normalità alla patologia 1 Zingarelli 2009 GIOCO Ogni attività compiuta da bambini o adulti per svago, divertimento o sviluppo di qualità fisiche o intellettuali All'estrazione del Lotto

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO E DELLA COMORBIDITA PSICHIATRICA

IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO E DELLA COMORBIDITA PSICHIATRICA IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO E DELLA COMORBIDITA PSICHIATRICA Dr. Bernardo Spazzapan Dip. Dipendenze Gorizia Torino, 21 settembre 2006 DISTURBI DEL CONTROLLO DEGLI IMPULSI

Dettagli

Il Gioco d'azzardo. -dott. Lorenzo Savignano- Il Gioco d Azzardo. Aspetti di Neuroscienze

Il Gioco d'azzardo. -dott. Lorenzo Savignano- Il Gioco d Azzardo. Aspetti di Neuroscienze Il Gioco d Azzardo Aspetti di Neuroscienze Dott. Lorenzo Savignano Neuropsichiatra Infantile, SerT ASL Avellino Avellino, 18 Aprile 2015 Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-5) Il

Dettagli

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com La dipendenza psicologica Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com E una condizione in cui il consumatore ha bisogno di assumere frequentemente una sostanza:

Dettagli

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute.

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sulle dipendenze patologiche Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari cittadini, è con orgoglio che vi presento la prima di dieci Campagne di Comunicazione sanitaria

Dettagli

PATHOLOGICAL GAMBLING

PATHOLOGICAL GAMBLING PATHOLOGICAL GAMBLING Quando l azzardo non è un gioco GIOCO D AZZARDOà rischiare denaro o oggetti di valore sulla base di eventi controllati, almeno in parte, dal caso. Sfidare la sorte è un attività ludica

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione :

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione : OGGETTO :Articolo 50, comma 7,Decreto legislativo n.267 del 2000. Indirizzi per la disciplina degli orari per l esercizio delle attività di gioco lecito sul territorio comunale Il CONSIGLIO COMUNALE Sentita

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 574 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BASSO, SPERANZA, MARIASTELLA BIANCHI, BONAFÈ, BORGHI, BRAGA, CARBONE, CAROCCI, CARRESCIA,

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di Bergamo

Dettagli

Negli ultimi decenni la

Negli ultimi decenni la Ilgioco nonvale lacandela Un progetto dell associazione Arciragazzi di Roma ha l obiettivo di intervenire sulle problematiche legate al gioco d azzardo soprattutto quello che coinvolge i più giovani di

Dettagli

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri E noto che la principale comorbidità dell abuso/dipendenza di qualsiasi sostanza è un altro abuso/dipendenza da sostanze di una

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1759 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BAIO, BINETTI, FOLLINI, ADRAGNA, PAPANIA, BOBBA e SILVESTRI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º AGOSTO 2007 Misure

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

IL VIZIO DEL GIOCO, OVVERO IL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO

IL VIZIO DEL GIOCO, OVVERO IL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO Pag. 1 di 5 IL VIZIO DEL GIOCO, OVVERO IL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO INDICE: Premessa Il Giocatore Patologico Il sistema relazionale del Giocatore Patologico I Giocatori d'azzardo Patologici sono recuperabili?

Dettagli

Il gruppo come strumento-mezzo per affrontare il gioco d azzardo problematico

Il gruppo come strumento-mezzo per affrontare il gioco d azzardo problematico AGCI Sede Amministrativa : Via San Biagio n. 114 51100 Pistoia (Italy) tel. +39-(0)573-50431 - 504330 fax +39-(0)573-975388 E.mail gamblig@agcionline.org Progetto GAP Testa o Croce Il gruppo come strumento-mezzo

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

Il gioco. Istruzioni per un gioco sicuro e divertente

Il gioco. Istruzioni per un gioco sicuro e divertente Il gioco Istruzioni per un gioco sicuro e divertente I Il gioco - una forma d'intrattenimento moderno Il gioco, esercitato nei moderni centri del gioco ed intrattenimento è un'occupazione piacevole, accattivante

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Analisi del contesto sociale di sviluppo. i servizi contro le dipendenze

Analisi del contesto sociale di sviluppo. i servizi contro le dipendenze Analisi del contesto sociale di sviluppo delle ludopatie e i servizi contro le dipendenze Quanto si gioca in Italia? (tempo e denaro) Rispetto al dato del 2004, nel 2012 la raccolta totale derivante dal

Dettagli

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche Silvia Gallozzi Indicazioni operative specificate nella Determina Regionale B 02807/2013

Dettagli

PROGRAMMA TERAPEUTICO PER ALCOLISTI

PROGRAMMA TERAPEUTICO PER ALCOLISTI PROGRAMMA TERAPEUTICO PER ALCOLISTI Premessa La Comunità Airone opera da diversi anni nel campo delle dipendenze e in questi ultimi tempi sta tentando di adattare gli approcci terapeutici finora attuati

Dettagli

L esperienza clinica di un Ser.T.

L esperienza clinica di un Ser.T. L esperienza clinica di un Ser.T. Gioacchino Scelfo Con questo mio intervento vorrei tentare di offrirvi qualcosa che possa esservi utile nella vostra attività clinica. Vorrei provare a raccontare quanto

Dettagli

Disturbi dell'umore. Depressione

Disturbi dell'umore. Depressione Disturbi dell'umore Depressione Probabilmente tutti nell'arco della propria hanno attraversato un periodo o anche un solo giorno in cui si sono "sentiti giù" e hanno pronunciato parole come: "Mi sento

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

Comune di Bologna Segreteria Generale

Comune di Bologna Segreteria Generale N. O.d.G. 377/2013 Adottato il: 11/11/2013 PG.N. 173946/2013 Comune di Bologna Segreteria Generale OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PROPOSTO DAL SINDACO E DALLA GIUNTA PER L'ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI. Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE

LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI. Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE Dr.Franco Badii Responsabile Struttura Semplice Abuso e Dipendenza da sostanze illegali S.C.Area Dipendenze Ser.T.

Dettagli

NELLA CURA RIFLESSIONI SUGLI ASPETTI

NELLA CURA RIFLESSIONI SUGLI ASPETTI IL TUTORAGGIO ECONOMICO NELLA CURA DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO: RIFLESSIONI SUGLI ASPETTI EDUCATIVI E RELAZIONALI Il trattamento di recupero del giocatore d azzardo patologico presuppone il coinvolgimento

Dettagli

I Martedì della Scuola

I Martedì della Scuola I Martedì della Scuola Dipartimento di Medicina e Sanità pubblica Sezione di Medicina legale Bologna, 27 marzo 2007 MILA FERRI Regione Emilia-Romagna LUISA GAROFANI Azienda Usl di Ferrara Coordinamento

Dettagli

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO Ricerca Commissionata da Lottomatica Group spa Claudio Barbaranelli Sapienza Università di Roma Centro Interuniversitario per la Ricerca

Dettagli

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta Il business del gioco in Italia è enorme e in rapida crescita: nel 2001 la raccolta annua era pari a 14 miliardi di euro. Oggi ammonta

Dettagli