DISTRETTO CALZATURIERO VENETO. Sistemi Gestionali Integrati per l'organizzazione dei processi aziendali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISTRETTO CALZATURIERO VENETO. Sistemi Gestionali Integrati per l'organizzazione dei processi aziendali"

Transcript

1 DISTRETTO CALZATURIERO VENETO Sistemi Gestionali Integrati per l'organizzazione dei processi aziendali Relazione finale progetto di ricerca / Dicembre 2006

2 Distretto Calzaturiero Veneto Via Mazzini, Stra (Ve) Italy tel fax Si ringraziano per la collaborazione alla realizzazione del progetto: Francesco Gambino, Contop s.r.l. Roberto Guglielmo, Euristic s.a.s. Walter Macorig, Macorig Associates Management Consulting Chiara Pescarolo, Sabrina Cadamuro, Marianna Simo ACRIB (Associazione Calzaturifici Riviera del Brenta) Franco Cestonaro, Vittorino Martarello CNA di Rovigo (Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Rovigo) Elio De Gasperi Associazione Artigiani e Piccola Impresa Città della Riviera del Brenta Giampiero Menegazzo Rappresentante Patto di Distretto Mario Zambelli, Mauro Tescaro, Maria Elena Gennaro Politecnico Calzaturiero scarl Elisa Segato C.I.S.A.S. - Università degli Studi di Padova Maurizio Simion Studio Berti, Garelli Simion & Partners Studio Commercialisti Associati A&A Account & Audit s.rl, Studium Professionisti d'impresa Beltrame/Depieri Associati, Shoe Servizi s.r.l. Con il contributo della Regione Veneto L.R. 8/2003 In collaborazione con: Rovigo

3

4

5 Sistemi Gestionali Integrati per l'organizzazione dei processi aziendali Relazione finale progetto di ricerca / Dicembre 2006

6

7 PREFAZIONE DISTRETTI: 3 ANNI PROFICUI CHE IL CALZATURIERO HA SAPUTO METTERE A FRUTTO. ED ORA GUARDIAMO AL DOMANI di Fabio Gava Il modello distrettuale, che ha visto crescere e svilupparsi una miriade di piccole imprese, è stato quello che il Capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi ha definito il miracolo che ha saputo divenire oggetto di studio nel mondo. Un modello che ha dato vita a varie filiere produttive che costituivano e costituiscono delle vere comunità produttive. Nel rivolgermi ai protagonisti di una delle migliori esperienze in assoluto vissute nel Veneto in questi 3 anni e spiccioli come quella degli imprenditori del calzaturiero, mi pare questa citazione del Presidente della Repubblica il modo più adatto per esprimere tutta la mia considerazione e rivolgere a tutti sinceri complimenti per il cammino svolto ed i risultati raggiunti. La legge regionale che avete così ben saputo utilizzare ha dimostrato in questo triennio la fondatezza delle scelte operate dalla Regione Veneto che, proprio anche grazie alle indicazioni giunte dai destinatari della legge, ai primi di marzo ne ha approvato una rivisitazione, con un cammino veloce, concertato e concreto che è andato ben aldilà degli schieramenti politici, con tante novità come i metadistretti, i distretti di filiera, i nuovi parametri per favorire l aggregazione, il rafforzamento delle Misure rivolte alla ricerca e all innovazione. Ecco due parole chiave, come internazionalizzazione e aggregazione sistemica sulle quali si gioca il nostro futuro, e sulle quali il calzaturiero ha già saputo concentrare il suo lavoro in sede distrettuale, fatto ampiamente dimostrato nei contenuti di questa pubblicazione. La vera forza che le imprese possono trovare all interno di questi sistemi organizzativi è anche quella di esprimere la loro capacità di cooperare dialogando tra loro, non in competizione, ma come giocatori con ruoli diversi di una stessa squadra, che riescono a vedere i loro competitors all esterno. Di prendere consapevolezza di essere comunità, che parla lo stesso linguaggio, per favorire

8 l interscambio di conoscenze. Il Distretto allora diventa, e dovrà sempre più diventare, il luogo che esalta la struttura organizzativa di tanti piccoli che si specializzano e integrano reciprocamente, richiedendo d altro canto servizi più avanzati della grande impresa, in cui le banche e le Istituzioni non possono rimanere inerti. Dall agosto 2003, quando vennero riconosciuti dalla Regione i primi 28 Distretti, di strada ne è stata fatta tanta. Nel 2003 vennero presentati 123 progetti, di cui 116 ammessi a contributo per un totale di finanziamenti erogabili di quasi 15 milioni di Euro. Nel 2004 i Distretti salirono a 40; 107 furono i progetti ammessi; 16 milioni 730 mila Euro i fondi destinati dalla Regione. Questi numeri hanno mobilitato investimenti per 54 milioni di Euro, saliti ad oltre 60 milioni nel 2005, con altri 20 milioni di stanziamenti regionali. Dati di sintesi, questi, dai quali mi pare opportuno cogliere alcune considerazioni interessanti come, ad esempio, la crescita dei progetti relativi alle Misure 2 ricerca, sviluppo e trasferimento tecnologico : dai 16 proposti nel 2003, pari al 13%, siamo passati ai 40 del 2004, pari al 33%; e ai 58 del 2005, pari al 44% di tutti i progetti presentati e al 60% del cofinanziamento regionale impegnato. Dei questa escalation positiva il distretto della Calzatura è stato ed è una delle stelle polari, e di questo vi ringrazio e mi complimento. Avv. Fabio Gava Assessore Politiche Economiche ed Istituzionali Regione del Veneto

9 PREMESSA Il settore calzaturiero Veneto si trova, oggi, a fronteggiare uno scenario competitivo in rapida e continua evoluzione dove i fenomeni più evidenti sono: il mutamento dei consumi, la perdita di importanza delle stagioni moda, la diffusione di nuove tecnologie CAD, l internazionalizzazione delle imprese ed il miglioramento della qualità dei prodotti. Questi elementi esercitano sulle imprese una forte pressione sul cambiamento di tipo strategico ed organizzativo, e richiedono una revisione complessiva dei processi e delle metodologie di lavoro, finalizzate al miglioramento della competitività e del valore dell offerta commerciale. Il Distretto Calzaturiero Veneto, costituito per supportare questo processo di cambiamento, ha pianificato ed organizzato una serie di interventi volti a migliorare la capacità competitiva delle aziende calzaturiere e della filiera. Il progetto Sistemi Gestionali Integrati per l organizzazione dei processi aziendali fa parte delle iniziative attivate per coordinare gli sforzi delle imprese verso comuni obiettivi di sviluppo. L iniziativa è stata realizzata nell ambito della Legge Regionale 4 aprile 2003, n.8: Disciplina dei Distretti Produttivi ed interventi di politica industriale locale Bando 2005, ed ha l obiettivo di favorire la realizzazione/personalizzazione di sistemi informativi idonei alla gestione, pianificazione e controllo dei processi delle aziende calzaturiere. L attività di ricerca ha portato ai seguenti risultati: la definizione dello stato dell arte dei sistemi informativi presenti presso le aziende del Distretto Calzaturiero Veneto con evidenziazione delle criticità; la raccolta i

10 delle esigenze di innovazione e sviluppo espresse dalle imprese; il monitoraggio e l analisi dei pregi e dei difetti delle soluzioni gestionali realizzate per il sistema moda/calzatura. L insieme delle informazioni raccolte ha consentito di realizzare le linee guida che vengono descritte nella pubblicazione. Il modello elaborato rappresenta un fondamentale punto di riferimento per le aziende che devono acquisire un sistema informativo ed uno strumento di autovalutazione per i produttori che intendono fornire soluzioni idonee alle necessità organizzative e gestionali individuate. Completano le attività realizzate nell ambito del progetto le azioni promosse, in collaborazione con i produttori di software gestionali, per implementare funzionalità e soluzioni atte a soddisfare i bisogni di sviluppo delle Aziende del Distretto Calzaturiero Veneto. Franco Ballin Presidente ATI Distretto Calzaturiero Veneto ii

11 INDICE Capitolo I - Introduzione 1 I.1 Generalità 1 I.2 Intervento progettuale 4 Capitolo II L innovazione nel Settore Calzaturiero 7 II.1 Generalità 7 II.2 I nuovi scenari competitivi 7 II.3 L evoluzione strategica delle imprese calzaturiere 9 II.4 Innovazione attraverso i sistemi informativi 12 II.5 Sviluppo delle risorse umane 15 Capitolo III Livello di informatizzazione del Distretto Calzaturiero 17 III.1 Generalità 17 III.2 Analisi statistica 18 III.3 Visite in azienda 27 III.4 Il parere degli esperti 28 Capitolo IV I sistemi informativi integrati 29 IV.1 Generalità 29 iii

12 IV.2 Storia dei sistemi gestionali 29 IV.3 ERP: i sistemi gestionali integrati 32 IV.4 Nuove funzionalità 33 Capitolo V I processi delle aziende calzaturiere 35 V.1 Generalità 35 V.2 Aziende con marchio proprio 35 V.2.1 Specificità 35 V.2.2 Strategie 36 V.2.3 Competenze necessarie 38 V.2.4 Organizzazione commerciale 39 V.3 Aziende con gruppi d acquisto come clienti prevalenti 40 V.3.1 Specificità 40 V.3.2 Strategie 41 V.3.3 Competenze necessarie 43 V.3.4 Organizzazione commerciale 44 V.4 Aziende che operano con contratti di licenza di progettazione e vendita 45 V.4.1 Specificità 45 V.4.2 Strategie 45 V.4.3 Competenze necessarie 47 V.4.4 Organizzazione commerciale 48 V.5 Aziende che realizzano prototipi e producono per conto di stilisti o case di moda 49 V.5.1 Specificità 49 iv

13 V.5.2 Strategie 51 V.5.3 Competenze necessarie 53 V.5.4 Organizzazione commerciale 54 V.6 Nota generale sull organizzazione produttiva 54 Capitolo VI Adozione di una Soluzione Gestionale Integrata 57 VI.1 Generalità 57 VI.2 La strada per il cambiamento 57 VI.2.1 Decisione 58 VI.2.2 Visione 59 VI.2.3 Soluzione 59 VI.2.4 Implementazione 60 VI.2.5 Evoluzione 60 VI.3 Aspetti critici 61 VI.3.1 Tempo denaro - risorse 61 VI.4 La gestione del rischio 62 VI.5 Innovazione aziendale 64 Capitolo VII Valutazione delle soluzioni 67 VII.1 Generalità 67 VII.2 Formazione del team 68 VII.3 Definizione dei requisiti 70 VII.4 Potenziali fornitori 71 v

14 VII.5 Lista ristretta 72 VII.6 Approfondimenti 72 VII.7 Confronto dei risultati 73 VII.8 Scelta del partner 73 VII.8.1 Negoziazione 74 VII.8.2 Formalizzazione 75 Capitolo VIII Valutazione delle soluzioni per il Distretto 77 VIII.1 Generalità 77 VIII.2 Gruppo di lavoro 78 VIII.3 Requisiti 78 VIII.3.1 Sistema gestionale completamente integrato 79 VIII.3.2 Proprietà della soluzione 79 VIII.3.3 Flessibilità nelle personalizzazioni 80 VIII.3.4 Adeguamento tecnologico informatico 81 VIII.3.5 Referenze 83 VIII.3.6 Solidità aziendale 83 VIII.3.7 Supporto all internazionalizzazione 83 VIII.4 Potenziali fornitori 84 VIII.5 Lista ristretta 85 VIII.6 Approfondimenti 85 VIII.7 Confronto dei risultati 87 VIII.7.1 Azienda A 87 VIII.7.2 Azienda B 89 vi

15 VIII.7.3 Azienda C 90 VIII.7.4 Azienda D 91 VIII.7.5 Azienda E 92 VIII.7.6 Azienda F 94 VIII.7.7 Azienda G 95 VIII.8 Considerazioni sulle aziende 96 VIII.9 Raccomandazioni ai fornitori 98 VIII.10 Conclusioni 99 Capitolo IX Il progetto di implementazione 101 IX.1 Generalità 101 IX.2 Processo di implementazione 101 IX.2.1 Pianificazione 102 IX.2.2 Analisi di processo 104 IX.2.3 Implementazione 105 IX.2.4 Test 106 IX.2.5 Iterazioni successive di implementazione 107 IX.2.6 Impostazioni tecniche di base 108 IX.2.7 Impostazioni dell ambiente di test 109 IX.2.8 Impostazioni dell ambiente di produzione 110 IX.2.9 Avvio della soluzione in esercizio 111 IX.3 Approccio AGILE 112 vii

16 Capitolo X Oltre il sistema gestionale 115 X.1 Generalità 115 X.2 CRM Gestione delle relazioni con i clienti 115 X.3 DMS Sistemi di gestione documentale 116 X.4 GROUPWARE Sistemi di collaborazione 116 X.5 CMS Sistemi di gestione dei contenuti 117 X.6 DSS Sistemi per il supporto decisionale 118 X.7 Software Open Source 119 Considerazioni finali 123 Appendice - Fornitori di soluzioni gestionali 127 Indice delle tabelle 147 Indice delle figure 149 Bibliografia 151 viii

17 Capitolo I Introduzione Capitolo I INTRODUZIONE I.1 GENERALITÀ La filiera cuoio pelli - calzature è articolata in un insieme di relazioni strategiche fra i diversi operatori che, partendo dalla materia prima (pellame e cuoio), giunge al prodotto finito (calzatura) attraverso un percorso al quale concorrono diversi sottoinsiemi: produttori di tecnologia, fornitori di componenti e di accessori, stilisti, organizzazioni di vendita, etc. Il progresso tecnico-organizzativo del ciclo produttivo nell industria calzaturiera non si è realizzato attraverso la meccanizzazione di tutte le fasi operative in una singola struttura produttiva, ma con microinnovazioni delle singole fasi e con la organizzazione in unità produttive autonome. Queste unità produttive si sono specializzate in lavorazioni di fasi del ciclo ben definite, o nella produzione di parti o componenti (formifici, tacchifici, suolifici, guardolifici, fustellifici, tomaifici, etc.). L azienda calzaturiera vera e propria in questi ultimi vent anni si è strutturata soprattutto nelle fasi di taglio, orlatura, montaggio e finissaggio, lasciando quasi sempre a terzi la fornitura di parti e componenti ed alcune lavorazioni complementari. È frequente, comunque, che le stesse fasi che vengono svolte internamente vengano anche lavorate all esterno presso i terzisti per motivi di 1

18 Sistemi Gestionali Integrati per l organizzazione dei processi aziendali capacità produttiva e flessibilità. Gli elementi che le accomunano e le contraddistinguono si riflettono sul sistema di gestione e controllo. In particolare, i principali fattori caratteristici possono essere individuati in: vendita basata sul campionario stagionale; tipologia di produzione assimilabile ad una produzione su commessa; fattore moda. La vendita basata sul campionario stagionale una volta era legata alla stagionalità con la proposta dei propri prodotti in due momenti determinanti: il campionario primavera-estate (P-E) e il campionario Autunno Inverno (A-I). Da diversi anni le aziende produttrici di prodotti medi, fini e di lusso, fanno più uscite o presentazioni per essere più propositive rispetto agli aggiornamenti continui della moda. In relazione alla presentazione della collezione che rappresenta il momento cardine si articolano tutte le attività gestionali: a monte della presentazione ci sono circa quattro mesi di progettazione, a valle abbiamo la produzione e la consegna al cliente. A differenza della produzione di tipo continuo, in cui in ogni istante si acquista, si produce, si vende, etc., nella produzione calzaturiera queste attività si svolgono in forma sequenziale e ciclica con cadenza dettata dalla periodicità delle vendite e dei relativi campionari. 2

19 Capitolo I Introduzione La principale tipologia di produzione è quella su commessa, anche, se per certi versi risulta atipica, in quanto la progettazione del prodotto viene definita prima dell ordine del cliente e le quantità unitarie per singolo prodotto sono elevate. Il fattore moda influisce, in quanto la funzione d uso del prodotto calzatura ha subito nel corso del tempo una evoluzione importante. Da accessorio finalizzato a rispondere ad una esigenza funzionale, la calzatura è ormai un mezzo per soddisfare bisogni diversi (di comunicazione, di appartenenza, di differenziazione, etc.). La necessità di utilizzare il fattore moda come leva per fare apprezzare il prodotto e far sì che questo corrisponda ai bisogni del cliente, ha portato le imprese a modificare rapidamente il portafoglio prodotti accorciando notevolmente il suo ciclo di vita. Infine, la situazione congiunturale dell industria calzaturiera italiana generale mostra segnali di chiara sofferenza, infatti siamo in presenza di: un proseguimento della contrazione dei volumi prodotti, testimonianza del perdurare di un intonazione congiunturale negativa; una situazione di stagnazione delle dinamiche di consumo sul mercato interno, peggiorate nei mesi estivi; un portafoglio ordini in calo sia sul versante interno, che su quello internazionale; ed infine un ulteriore rinvio dei tempi prevedibili di ripresa. A fronte di tale situazione generale alcuni segmenti ed alcune aziende del lusso stanno avendo dei momenti di sviluppo interessanti. La sostanza è che le imprese calzaturiere dei segmenti medi e medio fini dovranno impegnarsi in un processo di recupero e di miglioramento della propria competitività e del valore della propria offerta commerciale, 3

20 Sistemi Gestionali Integrati per l organizzazione dei processi aziendali essendo in presenza di mercati che hanno subito una mutazione strutturale e non congiunturale. I.2 INTERVENTO PROGETTUALE La proposta di intervento nasce da un attenta analisi degli aspetti precedentemente indicati e dalla considerazione che la maggioranza dei sistemi informatici attualmente in uso presso le piccole e medie aziende calzaturiere, non solo del Veneto, presentano una elevata inefficienza. Tale inefficienza si manifesta nella quantità e nella qualità delle informazioni disponibili. In generale la pianificazione dei processi aziendali è lasciata alla capacità dei singoli operatori, privi di supporto nelle operazioni di programmazione e controllo. In diversi casi le numerose modifiche ai programmi software succedutesi nel tempo ed effettuate senza la necessaria esperienza organizzativa, hanno generato incoerenze di funzionamento tra i diversi programmi. Generalmente manca qualsiasi supporto per la consuntivazione dei costi di progettazione delle collezioni, della produzione, delle valutazioni dei margini di contribuzione effettivi, della convenienza di terziarizzare le produzioni, etc. Statistiche e report consuntivi sono quasi sempre limitati e rigidi nei contenuti e nei formati. La mancanza di conoscenza delle caratteristiche dei sistemi informatici in uso in altri settori industriali più progrediti, non aiuta le 4

21 Capitolo I Introduzione aziende a ricercare più adeguate soluzioni a problemi di gestione. La dimensione contenuta delle stesse aziende, i limiti finanziari e di risorse umane, l abitudine a risolvere i problemi solo in base ad esperienza, l insofferenza per tutto quello che ha tempi di soluzione non brevissimi, rende difficile alle aziende comprendere la causa dei problemi e dei limiti dei sistemi in uso, ricercando nuove soluzioni. Diventa quindi facile abbandonarsi a soluzioni occasionali, frutto di scarso approfondimento. Il progetto presentato ha l obiettivo di guidare le aziende nella adozione di un sistema informativo integrato idoneo alla pianificazione ed al controllo dei beni, dei materiali, delle risorse umane, delle lavorazioni esterne e della gestione economica e finanziaria dell impresa calzaturiera. Il progetto è stato fortemente voluto dalle Aziende del Distretto Veneto Calzaturiero ed ha una importanza fondamentale proprio perché l obiettivo è di mettere a disposizione delle imprese un prodotto innovativo e flessibile tale da consentire il controllo gestionale ed economico dei processi produttivi. 5

22 Sistemi Gestionali Integrati per l organizzazione dei processi aziendali 6

23 Capitolo II L innovazione nel settore calzaturiero Capitolo II L INNOVAZIONE NEL SETTORE CALZATURIERO II.1 GENERALITÀ Il contesto macroeconomico di riferimento impone delle riflessioni da parte delle singole imprese che conducono inevitabilmente alla domanda se sia giusto cambiare qualcosa e in che modo. Il presente capitolo vuole fornire un contributo in tale direzione e offre un approfondimento nell ambito degli scenari competitivi economici per l analisi strategica del settore calzaturiero fornendo successivamente dei temi di spunto per lo sviluppo e l innovazione delle imprese. II.2 I NUOVI SCENARI COMPETITIVI I rilevanti cambiamenti politici avvenuti negli ultimi due decenni, a seguito della caduta del regime sovietico, sono all origine di importanti evoluzioni che si sono verificate nelle dinamiche degli scambi e traffici internazionali. In tutti i settori industriali si sono aperti nuovi mercati che, per le loro elevate potenzialità, hanno attirato le imprese grandi, medie e piccole più innovative e competitive, con prodotti di tutti i livelli economici dal 7

24 Sistemi Gestionali Integrati per l organizzazione dei processi aziendali più basso fino al più elevato, fornendo ad esse significative opportunità strategiche. I tragici avvenimenti degli ultimi anni, quali le azioni terroristiche e le guerre, pur provocando rallentamenti nell economia dei Paesi europei e, parzialmente, degli USA, non hanno impedito che in altre parti del mondo l economia continuasse a crescere a ritmi elevati e che molte imprese occidentali cogliessero le opportunità che si presentavano. Lo sviluppo economico che è stato così perseguito a livello internazionale, in particolare dalle imprese industriali e finanziarie e dalle istituzioni governative dei diversi Paesi occidentali ed orientali, sia del Nord che del Sud del mondo, ha modificato radicalmente i contenuti, le strategie, le modalità delle relazioni e dei comportamenti realizzati sui mercati. Le relazioni sociali, le relazioni con gli organismi politici e finanziari e, di conseguenza, l influenza diretta o indiretta, attraverso le istituzioni, verso i Paesi con mercati interessanti, sono divenute politiche d impresa costantemente sviluppate ed attuate per il perseguimento dei propri fini economici. Le nuove tecnologie di comunicazione ed informatiche hanno contribuito notevolmente alla trasformazione delle imprese, dei loro prodotti e processi produttivi, organizzativi e distributivi, mettendo a disposizione nuove soluzioni ed idee innovative con forti potenzialità per l allargamento dei mercati e per lo sviluppo operativo delle organizzazioni che vi operavano. Il continuo ampliamento della dimensione economica e finanziaria delle imprese più competitive, anche di dimensione non elevata, ha loro permesso sempre maggiori investimenti nella ricerca di innovazioni ( di tutti i tipi: strategie di impresa, finanza, studio dei mercati e marketing, 8

25 Capitolo II L innovazione nel settore calzaturiero ricerca di base ed applicata, tecnologie, soluzione di bisogni, prodotti, processi produttivi), nello sviluppo di progetti, nella crescita delle capacità delle risorse umane, in nuovi modelli organizzativi di livello mondiale più coerenti con la dimensione globale assunta dagli scambi commerciali. II.3 L EVOLUZIONE STRATEGICA DELLE IMPRESE CALZATURIERE Anche nel settore della moda le principali imprese hanno rapidamente ampliato i loro obiettivi e le azioni verso i più recenti mercati, programmando politiche economiche, revisione delle strutture e modalità organizzative idonee e di supporto ai nuovi traguardi, alle iniziative strategiche e alle dinamiche commerciali specifiche e alla nuova espansione geografica e logistica. Le loro iniziative hanno anche aperto ulteriori potenziali business alle medie e piccole aziende del settore, fornitrici di prodotti o servizi, più attente e pronte ai cambiamenti. Queste ultime, sollecitate a pianificare e realizzare nuove strategie di sviluppo dalla loro quasi esclusiva operatività nei mercati domestici (Europa) dove i consumi stavano subendo un trend negativo ed incalzate dalle pesanti conseguenze che le stavano colpendo, hanno accettato, per lo spirito innovativo che le caratterizzava, i cambiamenti evolutivi della cultura d impresa, tecnologici ed organizzativi. 9

26 Sistemi Gestionali Integrati per l organizzazione dei processi aziendali Tabella II.1 Esportazioni italiane bimestre Gennaio/Febbraio anni 1992/2006 (Fonte: Elaborazione ANCI su dati ISTAT). La maggioranza delle medie e piccole aziende, soprattutto italiane, bloccate dalla mancanza di conoscenze e di risorse e strumenti adeguati ai mutamenti necessari per competere nella nuova dimensione dei mercati e dal rischio connesso, sono restate invece immerse nelle pesanti conseguenze del rallentamento dell economia che le aveva colpite, mantenendo le strategie che nel passato si erano dimostrate vincenti. Tra di esse anche le imprese appartenenti al settore calzaturiero si sono trovate in una situazione particolarmente critica a causa della generale difficoltà a sviluppare nuove azioni strategiche adeguate per fronteggiare e sostenere la competizione in mercati lontani e con presenza di attori dinamici. 10

27 Capitolo II L innovazione nel settore calzaturiero Tabella II.2 Esportazioni italiane bimestre Gennaio/Febbraio anni 1992/2006 (Fonte: Elaborazione ANCI su dati ISTAT). Le loro strategie e politiche applicative, di tipo continuativo rispetto alle esperienze precedenti, sono rimaste, in generale, quasi statiche rispetto al mutamento geografico, sociale, culturale, economico e dimensionale dei mercati e al conseguente cambiamento dei consumatori, dei loro bisogni, delle attese e percezioni: si è evidenziata la difficoltà nell aggiornarsi rispetto alle nuove realtà presenti e nell entrare nell arena della globalizzazione. Del nuovo scenario che si manifesta oggi, con peculiarità totalmente diverse rispetto a quelle che erano presenti sino a pochi anni addietro, non essendo originato da mutamenti politici, sociali ed economici contingenti ma da trasformazioni strutturali degli Stati, delle popolazioni, delle società nazionali, delle loro economie e delle relazioni interconnesse, tutte le organizzazioni economiche, grandi e piccole, di livello di qualità di 11

28 Sistemi Gestionali Integrati per l organizzazione dei processi aziendali prodotto alto, medio o basso, devono tener conto e ad esso adeguare le loro strategie e comportamenti operativi per mantenere la loro presenza sui mercati. Le attuali caratteristiche dei mercati e della competizione, non vissute come difficoltà o problemi ma come interessanti opportunità per la vita e lo sviluppo dell impresa, possono rappresentare un forte stimolo al suo rilancio ed al cambiamento necessario per conseguire i nuovi obiettivi nelle diverse condizioni concorrenziali. Nel panorama mondiale che è oggi di fronte alle aziende, in particolare a quelle del settore moda, si osserva che nei mercati domestici (Italia ed Europei) ed in quelli extra europei, in conseguenza dei cambiamenti culturali, sociali, psicologici ed economici che si sono sviluppati, sono mutati i bisogni, i comportamenti e le priorità d acquisto dei gruppi di consumatori. Nel contempo, a seguito della forte crescita economica, alcuni Paesi sono improvvisamente diventati di grande attrazione per gli elevati volumi di assorbimento di prodotti di investimento e di consumo sia di livello medio che alto. II.4 INNOVAZIONE ATTRAVERSO I SISTEMI INFORMA- TIVI Investire in conoscenza, in tecnologie dell informazione ed in sviluppo della formazione, elementi essenziali del sapere, è la risposta strategica delle aziende che vogliono adeguarsi ai nuovi modelli competitivi. 12

29 Capitolo II L innovazione nel settore calzaturiero Figura II.1 - Spesa delle imprese per l'innovazione Tecnologia negli stati europei espressa in % sul fatturato (Fonte: OCSE 2004). Conoscere in maniera approfondita le tipologie degli acquirenti potenziali presenti nei mercati, le evoluzioni dei loro bisogni, le caratteristiche dei prodotti richiesti, le soluzioni ed i comportamenti della concorrenza, i sistemi distributivi e le modalità di accesso è la prima attività di dimensione strategica per il successo che le imprese devono attuare. I sistemi informativi per la raccolta, la trasmissione e l analisi delle informazioni relative al mercato ed al controllo dei progressivi risultati dell azienda sono lo strumento fondamentale per avere la conoscenza dei fattori di successo, per programmare e controllare gli obiettivi del business e delle attività e risorse. Nell ambito dello sviluppo dei mercati e dei risultati economici mirati dalle aziende, il perseguimento costante dell efficienza e della qualità dei processi gestionali interni all azienda e dei processi terzializzati così come del processo di miglioramento continuo di tutte le attività, rappresenta la garanzia del contenimento dei costi, della competitività dei 13

30 Sistemi Gestionali Integrati per l organizzazione dei processi aziendali prezzi e del livello di qualità pianificato, in definitiva del successo imprenditoriale. Tra i processi relativi alla gestione produttiva sono particolarmente critici per l influenza che hanno sulla realizzazione della soddisfazione del cliente e sul livello dei costi: la progettazione dei campionari con la predisposizione dei documenti tecnici di produzione, la programmazione dei materiali d acquisto, delle commesse di produzione e delle diverse attività delocalizzate in coerenza con gli impegni presi con i clienti e l efficienza produttiva, il controllo dei costi con il rilevamento degli scostamenti e delle motivazioni. Il veloce e continuo mutamento dei fattori che caratterizzano i bisogni, le richieste del mercato ed i prodotti dell azienda, la necessità di assicurare ai clienti grande puntualità e servizi sempre più aderenti alle loro esigenze, la varietà dei prodotti e dei materiali da gestire e controllare, le problematiche connesse con le attività di programmazione e di controllo, implicano un elevatissima quantità di informazioni da rilevare, elaborare e sintetizzare con tempestività anche nelle aziende minori. L investimento nelle tecnologie dell informazione e nelle caratteristiche coerenti con il loro contenuto strategico, presupposto della corretta pianificazione e realizzazione delle attività di sviluppo, è un elemento di successo di elevata priorità rispetto agli altri fattori aziendali: la sua scelta, installazione ed il processo di entrata in operatività devono quindi essere svolti con grande accuratezza ed eseguiti con grande competenza, senza pregiudizi di spesa, attraverso una corretta analisi e bilanciamento tra le caratteristiche del sistema, risultati ottenibili nella gestione dell azienda e nel controllo dei processi e del costo complessivo. 14

31 Capitolo II L innovazione nel settore calzaturiero II.5 SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Altro investimento di primaria importanza strategica da realizzare per lo sviluppo dell impresa è nella formazione delle risorse umane, necessario per aggiornare e mantenere le competenze delle risorse umane adeguate alle responsabilità ed attività a loro affidate, per tenere conto dei frequenti cambiamenti conseguenti ai mutamenti del mercato e agli adattamenti dell impresa. Nell ambito della formazione assumono grande rilevanza gli argomenti relativi ai contenuti dell organizzazione e del controllo dei processi e all utilizzo del sistema informatico. 15

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Integrazione tra sistemi MES e ERP

Integrazione tra sistemi MES e ERP ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEDE DI CESENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Informatiche Integrazione tra sistemi MES e ERP Relazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli