14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N"

Transcript

1 14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL CONSIGLIERE BERTAZZONI DEL GRUPPO DEMOCRATICI DI SINISTRA IN MERITO AD INIZIATIVE SU MATTEO RICCI. DISCUSSIONE BERTAZZONI DS - Grazie Signora presidente, signori assessore e signori consiglieri, certamente questa mozione ha perso molto del suo slancio iniziale, infatti ricordo di averla presentata in tempo utile per essere discussa nel consiglio di fine novembre, da allora molto è stato detto, molto è stato scritto e soprattutto molto è stato fatto. Di ciò va dato atto l'amministrazione, ed in particolare all'assessore Bianchini esso che ha preso molto a cuore la vicenda. Sperando di non appesantire troppo i lavori di questo consiglio e dato il crescente interesse manifestato dalla comunità maceratese e non solo sull'argomento, vorrei presentare ugualmente la mozione anche se molto brevemente. Il riconoscimento dell'importanza della figura di Matteo Ricci nel mondo può essere indicata con due semplici esempi. In autunno, Pechino, una delle capitali del mondo gli dedicherà un convegno internazionale in occasione del 4 centesimo anniversario del suo ingresso in quella città. All'Università di San Francisco esiste già da tempo una cattedra di studi Ricciani. Anche noi a Macerata ed in Italia negli ultimi anni abbiamo cercato di ridurre la colpevole sottovalutazione della vita e delle opere di questo personaggio, veramente eccezionale, ma questo non basta.

2 14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N Nel 2010 ricorreranno i 400 anni della sua morte e allora dobbiamo impegnarci fin da ora perché nelle Marche, nel paese cresca un'attenzione pari a quella che quest'anno è dedicata Giuseppe Verdi. Certamente l'aspetto quantitativo di investimenti e delle iniziative potrà essere inferiore, ma la qualità della pensione dovrà essere uguale. Sta a noi maceratesi imporre il riconoscimento che chi si trova di fronte ad un gigante della storia, non debbo qui ricordare le caratteristiche essenziali ed i contenuti del pensiero dell'opera di Ricci. Voglio solo indicare esemplarmente che all'inizio del 1600, confrontandosi con una cultura è un sentimento religioso diverso da quello della cultura occidentale ed in modo cattolico, egli valutò quelle diversità come un valore ed il confronto paritetico come ricchezza. Ancora oggi questo modernissimo modo di interpretare i rapporti internazionali e l'incontro delle culture nel mondo stenta ad affermarsi. Oggi questo impegno doveroso del nostro consiglio comunale può trovare uno strumento utile ed opportuno nel costituendo l'istituto Matteo Ricci per i rapporti con l'oriente, così come a San Ginesio c'è un centro di studi Gentilani, che ogni anno dedica un convegno internazionale ad Alberico Gentili. Questo dovrà essere un istituto agile che prende iniziative frequenti e qualificate su Ricci, dalla presentazione della nuova pubblicazione dei "conventari delle lettere", realizzata dalla Provincia, ad una mostra delle opere di Ricci di proprietà del popolo cinese, o dall'invio in Cina di quanto noi possediamo su Ricci a convegni sul suo pensiero sulla sua opera. Si possono anche enoverare attività quali l'apertura e l'aggiornamento di un sito Internet, istituzione di una biblioteca Ricciana, relazioni con altri istituti e centri Ricciani in Italia e nel mondo, relazioni con ambasciate, istituti culturali, con l'università, con privati, con città gemellate, anche l'istituzione di cattedre di lingue orientali, cinese, arabo, giapponese, presso l'università di Macerata, anche la preparazione in CD-ROM di un francobollo, mi pare che in questi giorni se ne è parlato, sia da parte delle poste italiane che da parte delle poste cinesi e anche di una moneta. Quindi un lavoro concreto il qualificato che culmine nel 2010 in un grande appuntamento internazionale a Macerata ed in altre città del mondo in occasione dei 400 anni della sua morte.

3 14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N A quella data valuteremo il lavoro dell'istituto e valuteremo se varrà la pena renderlo permanente o chiuderlo qualora avesse esaurito la sua funzione essenziale. Quindi importante è il coinvolgimento da subito di tutte le istituzioni che già hanno espresso la volontà e l'impegno nella costituzione dell'istituto, tra cui la regione Marche, la provincia di Macerata, la diocesi, l'università ed il nostro comune, perché insieme che si impegni per un coinvolgimento dello Stato e semmai dell'unione Europea. Grazie. BIANCHINI ASSESSORE - Grazie per aver portato tale mozione che era stata pensata qualche mese fa. Ci stiamo attivando come amministrazione comunale, amministrazione provinciale, fondazione CA.RI.MA., Università e diocesi per questo centro Padre Matteo Ricci. È anche vero che abbiamo fatto un passaggio in commissione cultura e anche quella istituzionale per registrare il consenso da parte dei consiglieri che poi sono i veri detentori delle persone che ci hanno votato, perciò credo che sia stato giusto fare un passaggio in commissione. D'altra parte non credo che si debba in questa sede ripetere il valore del personaggio di Padre Matteo Ricci perché è un personaggio che non si può più definire maceratese ma che ha una valenza sempre più internazionale. Molte sono le iniziative a cui il nascente istituto dovrà interessarsi, mostre, il museo permanente, e complessivamente credo che l'interesse sia quello di interagire tra enti e istituzione. Credo che sia proprio quello il punto qualificante, cioè l'amministrazione comunale, la provincia e l'università, la fondazione, e anche la diocesi, devono trovarsi per riflettere insieme su iniziative da proporre. Penso che insieme potremo lavorare, anche questa mozione ci spinge a lavorare sull'istituto, macchinette anche in relazione questa figura che è importante per la città e non solo.

4 14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N BABINI I Democratici - Colleghi consiglieri, con piacere approveremo questa mozione partendo da un punto comune che è "nemo profeta in patria", tant'è che c'è voluto del tempo per rendersi conto della statura di Padre Matteo Ricci. Se n'è accorto prima Battiato cantando dei Gesuiti ed Euclidei che si vestono alla foggia dei Mandarini per comparire alla corte degli Imperatori Ming, non è proprio la citazione testuale ma se n'era accorto anche don Otello Gentili, una trentina di anni or sono, rettore in tempi passati dell'abbadia di Fiastra, nel suo volumetto Macerata Sacra, in copertina faceva sfoggio un'immagine di Matteo Ricci vestito in abiti da Mandarino, cioè da dotto cinese. In tempi più recenti le iniziative si sono moltiplicate a partire da un convegno indetto e organizzato dall'amministrazione provinciale circa quattro anni fa il cui titolo era approssimativamente "Un ponte verso l'oriente" per commemorare, per ricordare, per valorizzare non solo l'opera di Padre Matteo Ricci ma quella di altri insigni e lo stesso misconosciuti marchigiani che il Matteo Ricci hanno preceduto o hanno seguito questa opera non soltanto evangelizzatrice, di gettare un ponte, di unire le due civiltà, le due culture, padre Orazio della Penna, padre Cassiano Beligatti, Antelmo Severini, ho abitato per trent'anni in via Severini e soltanto recentemente ho scoperto chi è, il primo professore di lingua e letteratura giapponese e più recentemente Giuseppe Tucci, una specie di Indiana Jones "antelitteran" se mi si passa l'espressione, cioè quello che poi hanno realizzato altri nel campo della cinematografia, Giuseppe Tucci lo ha fatto nel corso delle sue otto spedizioni in terre himalaiane, Tibet e Nepal, quindi ben vengano queste iniziative a cui come gruppo diamo la nostra piena approvazione. SACCHI AN Signora presidente e colleghi consiglieri, penso che su temi come questo non possono sorgere enormi divisioni e penso, forse maniere idealista, che possa trovarsi un impegno trasversale di tutto il consiglio, anzi il mio plauso va all'iniziativa presa

5 14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N dal consigliere di DS - Alessandro Bertazzoni che è anche mio amico e con questo, data la centralità della figura di Padre Matteo Ricci anche nel dare lustro alla nostra città, insieme ad altri illustri originari della nostra terra dichiariamo, già fin adesso, il nostro voto favorevole alla mozione. TACCONI PPE Esprimo parere favorevole e ringrazio anch'io il collega Bertazzoni. Ho partecipato al convegno all'asilo Ricci, molto interessante, anche perché la provincia è preparatissima, l'ex assessore Mignini ha fatto una stupenda relazione, gli ospiti sono rimasti sbalorditi dalla capacità di esporre storicamente l'illustre concittadino. Chiedo cortesemente l'assessore, so che costa sacrificio, quando parliamo di un personaggio illustre, un magnifico, un onorevole, quale Padre Matteo Ricci, perché questo personaggio, storicamente così illustre, deve essere così freddo, culturalmente non scorre, per cui vorrei collegarlo alle altre iniziative, fondazioni ed altro, perché abbiamo un altro illustre cittadino che in tempi non sospetti e molto pericolosi ha solcato la Cina che sarebbe Enrico Mattei. Di Matelica, maceratese, tanto che ho sgridato la provincia per quel libro che hanno fatto sui personaggi illustri senza inserire Mattei. È vero che non è nato qui ma io parlo del personaggio che è legato alla terra e ha dato molto a questa terra, anche perché se viveva Mattei non avevamo problemi di strade di fabbriche e non avevamo neanche i problemi per la pace in Palestina. Concludo chiedendo se possibile collegare queste iniziative alla fondazione Enrico Mattei, molto attiva, molto preparata. Che sono due fondazioni, una Macerata, una a Matelica e una Milano, prendere contatti con la fondazione Enrico Mattei collegandolo con la visita di Mattei con Mau Tze Tung quando già chiedevamo di commercializzare nella Cina, facendo innervosire enormemente sia l'unione sovietica dell'america, quindi anche Mattei è un personaggio da collegare a queste nostre storiche cose di Padre Matteo Ricci.

6 14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N SAVI COMUNISTI ITALIANI Grazie presidente, ci uniamo anche noi a questo coro di ringraziamenti rivolto al collega il compagno Bertazzoni. Giustamente ha sottolineato l'importanza dell'incontro del dialogo istituito con la cultura cinese dal gesuita maceratese Matteo Ricci. Bertazzoni sottolineava come questo dialogo con la cultura orientale costituisce ancora oggi un esempio di attualità ordinaria, ed è tanto attuale da rappresentare un elemento a mio avviso, non tanto semplicemente di anticipazione, ma quanto piuttosto di preparazione vera e propria di quel dialogo interculturale di cui oggi sentiamo parlare spessissimo. Non è certamente nostra intenzione di percorrere in questa assise le singole tappe della straordinaria opera di Matteo Ricci che mi affretto quindi dire anch'io che voteremo senz'altro favore di questa mozione proposta da Alessandro perché riteniamo che non è necessario un impegno forte, fortissimo da parte del comune rivolto quindi ad evidenziare l'enorme importanza dell'opera del gesuita maceratese. Il comune, e non soltanto il comune, faccio riferimento al punto 3 della mozione del riproposta, quando si impegna l'amministrazione comunale ad impegnare a sua volta la provincia ed altri enti pubblici e privati oltre a la diocesi con un piano pluriennale. Sono convinto, infatti, che della figura di Matteo Ricci nel corso del tempo abbia senz'altro subito una serie di interpretazioni piuttosto estenuante, interpretazioni che, comunque, nascono tutte da una lettura che è parziale, che è superficiale dell'opera di Matteo Ricci, dell'opera evangelizzatrice e che pertanto non tengono conto di quello che è stato il vero proprio metodo seguito da Matteo Ricci, che è un metodo basato sul principio di gradualità dell'approccio educativo. Questo perché, a differenza di quanto accadeva nel metodo missionario dell'epoca, Ricci non si accontentò di predicare il messaggio cristiano, imponendo quindi è cinesi un ascolto puramente passivo, ma al contrario si preoccupò sempre di ascoltare di comprendere in quale terreno può il Vangelo veniva seminato. Questo ho fatto molto importante. Quindi la conoscenza della lingua, questo suo

7 14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N conformarsi continuo a le abitudini del popolo che lo ospitava, a questa nuova civiltà, allo studio dei classici di quella cultura, furono tutti passi graduali per individuare nella cultura nella morale della Cina quegli elementi naturali che potevano permettergli di presentare il messaggio evangelico in maniera non estranea al modo di vivere cinese. Quindi Matteo Ricci nella piena consapevolezza di trovarsi di fronte, non tanto d'una religione, quanto piuttosto filosofie, è stato un vero e proprio rivoluzionario in tal senso, avendo quindi di fatto superato il concetto tradizionale di missione quale portatrice di una concezione religiosa frutto di una determinata cultura, cioè la nostra, quella occidentale, che in maniera paternalistica ha cercato di imporsi, di sostituirsi in maniera volte anche troppo violenta ad altre culture. SALVATORI FI Grazie signora presidente, signori consiglieri mi sembra doveroso intervenire su un tema di così grande importanza. Ringrazio il collega Bertazzoni per averci dato questa occasione. Ho seguito con interesse di interventi piacevoli di contenuto, è vero che è difficile intervenire dopo il dotto intervento del collega Babini. È stato piacere ascoltarlo. Ho anche seguito con piacere l'intervento del collega Savi, anche se io ritengo che bisogna centrare nel modo giusto la figura di Padre Matteo Ricci, gesuita, che è andato in Cina in missione per annunciare Gesù Cristo con l'intelligenza e la capacità di adeguarsi al popolo che lo ospitava, impararne gli usi e costumi e integrarsi con quella civiltà millenaria, tant'è vero che della figura di Padre Matteo Ricci, in quella civiltà, in quella nazione, non è mai stata dimenticata è stata sempre tenuta in grande considerazione, rispettata e tutt'oggi questo avviene. Ritengo che il lavoro che abbiamo fatto questa sera non possa essere disperso e debba essere per noi e per le realtà che riusciamo a coinvolgere, che sono richiamate nel dispositivo conclusivo della mozione, sia l'inizio di un lavoro di questi dieci anni che ci permetta di andare a fondo nella figura di questo illustre concittadino, che sia il pericolo di rapporti culturali con quel grande paese della Cina e sia l'occasione per questa città di imparare a rispettare e valutare i suoi personaggi più importanti, le persone che in qualche modo hanno comunque portato questa città ai confini del

8 14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N mondo allora conosciuto. Concludo dicendo che voteremo favorevolmente questa mozione e che ritengo necessario che in questo consiglio si ritorni sulle iniziative, sulle attività da fare, sulle occasioni che ci possono essere sui rapporti con gli altri enti, con il comune, con la provincia, con la diocesi, che sicuramente avrà più a cuore l'aspetto missionario, ma comunque ognuno di noi dovrà valutare la figura di Padre Matteo Ricci nella sua complessità, nella sua grande personalità, in questi anni per la Chiesa ha probabilmente diventerà un santo e quindi entrerà nella storia della cronaca di questa città di questo paese e di tutti quelli che, in qualche modo, che sono entrati in contatto. Ci aspetta un grande lavoro, una grande occasione, evitiamo di tirarsi indietro nel momento in cui sarà necessario mettere insieme iniziative, risorse economiche e quant'altro serva per questo lavoro. Grazie. MENGHI Comitato Anna Menghi Grazie presidente, sicuramente questa mozione del consigliere Bertazzoni, risente di un ritardo nella discussione, perché mi pare sia stato detto dall'assessore Bianchini che c'è stata già una riunione delle commissioni congiunte prima e quarta per discutere di una sorta di bozza di statuto di una presunta associazione. Voglio dire, a scanso di ogni equivoco, quello che ho già detto in commissione, su questo, purtroppo, debbo fare una riflessione di tipo politico quando, non credo sia un gioco di parole, quello di chiamare Matteo Ricci aggiungendo il Padre a Matteo Ricci. Abbiamo già avuto modo di discutere in commissione che la diocesi ha attivato ed ha recentemente inaugurato un centro e nella mozione portata in discussione c'era un intervento da parte delle diocesi che non era di tipo economico, come se la diocesi avesse deciso di procedere sul suo binario per rilevare l'aspetto del santo o di quello che diventerà Padre Matteo Ricci. Mentre spetterebbe a questa presunta associazione che dovrebbe vedere il coinvolgimento degli enti, regione, provincia, fondazione e quanti altri, si riuscirà a coinvolgere intorno alla figura di Padre Matteo Ricci. Non posso però non osservare che il rischio si corre, consigliere Bertazzoni, che

9 14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N della figura di Padre Matteo Ricci subisca una sorta di spezzetta mento o comunque di divisione, di parcellizzazione rispetto a quello che deve essere l'obiettivo primario di un'associazione che vede coinvolti tutti gli enti presenti sul territorio per la valorizzazione della figura di Padre Matteo Ricci che è unico, uno solo, che non è il Padre Matteo Ricci per la diocesi o dall'altro il Matteo Ricci per gli enti laici o in quanto tali gli enti locali. Altrimenti credo che l'iniziativa fallirebbe in partenza, perché Matteo Ricci può costituire, in tutta la sua figura, e chi vuol leggere nella sua proposta di evangelizzazione un metodo, lo studio delle lingue orientali, possiamo inventarci tutto e il contrario di tutto, però la preoccupazione che a me preme sottolineare è che le realtà ci siano obiettivi non congiunti, che non ci sia un reale lavoro insieme di tutti gli enti che hanno la volontà, e prima la diocesi di Macerata perché il Padre Matteo Ricci non può essere scisso, perché tutto quello che ha fatto va ricondotto alla sua opera, altrimenti l'operazione rischia di fallire in partenza. Faccio alcune considerazioni su questa mozione che, comunque, anch'io apprezzo come il lavoro fatto dal consigliere Bertazzoni, che ha voluto dare un contributo che rischia di avviare un dibattito che, per certi versi, già si è avviato e credo che proseguirà con maggiore puntualità e decisione rispetto a quanto è stato fatto l'ultima volta, dove, forse mancava l'impulso di chi aveva elaborato quella bozza di statuto di cui si discuterà, successivamente, anche in questo consiglio comunale. La mozione di Bertazzoni, per certi versi, tradisce una sorta di intento che, peraltro, impegna l'amministrazione a proseguire su una strada che già avrebbe avviato. In sede di dibattito, mi sembra che sia stato rilevato come la regione Marche, che è stata inserita come socia di diritto, non abbia fatto pervenire una sua formale adesione al progetto, era così quando ne abbiamo discusso nelle commissioni, quindi concludo dicendo che la preoccupazione che ho è quella del rischio di frammentazione della figura di Padre Matteo Ricci, da parte della sinistra, che deve fare i conti con un personaggio che è stato un missionario e che, tutti ci auguriamo, che un giorno diventerà anche santo e potrà, in questo senso, legare alla nostra città questa figura importante. Su questa figura di Padre Matteo Ricci, in quanto tale, si possono costruire tante iniziative, si può costruire un percorso culturale, un percorso economico, e quant'altro la capacità dell'ente che verrà costituito, con obiettivi certi finanziamenti certi, perché, con preoccupazione, debbo rilevare che in commissione il consigliere Ciaffi parlava di una carrozza che qualcun altro ha fatto diventare un carrozzone, dobbiamo fare attenzione all'istituzione di enti che abbiano obiettivi chiari e i finanziamenti chiari, per non diventare dei veri carrozzoni che tutto fa a non meno che realizzare gli obiettivi per i quali vengono costituiti.

10 14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N Quindi, anche se negli intenti siamo tutti d'accordo, dobbiamo essere d'accordo anche sui mezzi su gli strumenti attraverso i quali quegli intenti vengono realizzati. Quindi ritengo superata da discussione di questa mozione e dichiaro la mia astensione. BERTAZZONI DS per la replica Grazie. Innanzitutto sono molto contento per l'entusiasmo che ha suscitato questa proposta. Riguardo l'intervento del consigliere Babini, mi ha fatto piacere sapere che abbia accolto uno degli aspetti più affascinanti della vicenda di Matteo Ricci, cioè questo concetto di gettare il ponte fra due culture, per noi occidentali è un concetto affascinante, ma per il popolo cinese un concetto molto importante, infatti gettare un ponte è un concetto essenziale, è uno dei livelli attraverso i quali si arriva alla conoscenza, da una piccola idea si getta il ponte e poi si va avanti. Riguardo al contributo del consigliere Tacconi e della consigliera Anna Menghi vorrei dire che quando ho presentato una mozione su Matteo Ricci ho fatto riferimento, innanzitutto, al costituendo un istituto Matteo Ricci, ma soprattutto dibattito che si era innescato in quel periodo su questa figura, a livello sia nazionale che internazionale, e i partecipanti hanno fatto sempre riferimento a Matteo Ricci in non a Padre Matteo Ricci, ho sotto gli occhi questo articolo di Bernardo Valli sulla pagina di lettura di Repubblica che fa riferimento a Matteo Ricci, ma non fermiamoci a questo, ci sono molti altri interventi che fanno riferimento alla figura di Matteo Ricci. L'istituto si chiama: Istituto Matteo Ricci e ricordo che tra i vari fondatori di questo istituto c'è la diocesi, è parte attiva e, al dibattito al quale ha partecipato forse di più l'assessore Bianchini, la diocesi era presente, era rappresentata dal vicario del vescovo che non ha avuto nulla da dire sulla denominazione, anzi, di comune accordo si è voluto andare avanti su un doppio percorso che si riferisse alla figura complessiva di Matteo Ricci, passando attraverso questo istituto, e un'altra strada che doveva preoccuparsi più della figura di Padre Matteo Ricci del processo di beatificazione, questa strada riservata alla curia. Questi due percorsi sono comunque destinati ad incontrarsi. Grazie.

11 14 del 13 FEBBRAIO 2001 PROT. N Ditta La Rapida - Macerata s:\segrcons\anno2001\discuss\disacu14.rtf

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A. Scuola Primaria Classe 4^ - sez.

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ OBIETTIVI FORMATIVI Osservare e scoprire nel mondo i segni di una presenza divina. Riconoscere l importanza delle ricorrenze religiose nella vita degli

Dettagli

III CIRCOLO DIDATTICO DI COLLEGNO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI CIRCOLO - IRC - ANNO SCOLASTICO

III CIRCOLO DIDATTICO DI COLLEGNO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI CIRCOLO - IRC - ANNO SCOLASTICO III CIRCOLO DIDATTICO DI COLLEGNO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI CIRCOLO - IRC - ANNO SCOLASTICO 2016/17 CLASSI PRIME Percepire la dimensione del sé, dell altro e della condivisione nello stare insieme Scoprire

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI-BRENTONICO Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali.

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali. CLASSI PRIME Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Scoprire nell ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre -Conoscere e farsi conoscere per

Dettagli

Cristina Davino, Clara Maccari La condizione lavorativa delle donne nella Provincia di Macerata. eum x statistica

Cristina Davino, Clara Maccari La condizione lavorativa delle donne nella Provincia di Macerata. eum x statistica Cristina Davino, Clara Maccari La condizione lavorativa delle donne nella Provincia di Macerata eum x statistica eum x statistica Cristina Davino, Clara Maccari La condizione lavorativa delle donne nella

Dettagli

DISCUSSIONE. Luciani Vice Presidente Grazie al Consigliere Mosca, la parola all Amministrazione: il Sindaco. Prego Sindaco.

DISCUSSIONE. Luciani Vice Presidente Grazie al Consigliere Mosca, la parola all Amministrazione: il Sindaco. Prego Sindaco. DELIBERAZIONE N. 73 del 26 LUGLIO 2016 PAG. 1 OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAI CONSIGLIERI MOSCA E MINCIO DI CITTÀ VIVA E DAL CONSIGLIERE RENNA DI FRATELLI D ITALIA A.N. IN MERITO A MACERATA CITTÀ

Dettagli

Il Vescovo al Terzo Settore: «Condivisione e dialogo per affrontare le sfide di oggi»

Il Vescovo al Terzo Settore: «Condivisione e dialogo per affrontare le sfide di oggi» Il Vescovo al Terzo Settore: «Condivisione e dialogo per affrontare le sfide di oggi» Erano presenti molti dei rappresentanti del mondo delle associazioni che sabato 30 aprile hanno illustrato il volto

Dettagli

Premio Primo Boarelli. Tesi di laurea magistrale e tesi di dottorato di ricerca in storia contemporanea. Seconda edizione

Premio Primo Boarelli. Tesi di laurea magistrale e tesi di dottorato di ricerca in storia contemporanea. Seconda edizione Premio Primo Boarelli Tesi di laurea magistrale e tesi di dottorato di ricerca in storia contemporanea Seconda edizione 2014-2015 Di nuovo insieme Anpi Comitato Provinciale e Sezione di Macerata, Associazione

Dettagli

RELIGIONE: PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE: PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE: PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA - RICONOSCERE CHE PER I CRISTIANI E TANTI CREDENTI IL MONDO E LA VITA SONO DONI DI DIO. - OSSERVARE CON STUPORE E MERAVIGLIA IL MONDO. - SCOPRIRE

Dettagli

COMMISSIONE FIGC PER L INTEGRAZIONE E LA LOTTA AL RAZZISMO PROGRAMMA DI SENSIBILIZZAZIONE

COMMISSIONE FIGC PER L INTEGRAZIONE E LA LOTTA AL RAZZISMO PROGRAMMA DI SENSIBILIZZAZIONE COMMISSIONE FIGC PER L INTEGRAZIONE E LA LOTTA AL RAZZISMO PROGRAMMA DI SENSIBILIZZAZIONE 2015-2016 1 TUTTI I COLORI DEL CALCIO Concorso rivolto agli Istituti Scolastici 2 Premessa Grazie alla sua natura,

Dettagli

COMITATO SANT ANGELO DEI LOMBARDI

COMITATO SANT ANGELO DEI LOMBARDI COMITATO SANT ANGELO DEI LOMBARDI Che cosa è la Società Dante Alighieri? La società dante alighieri nasce nel 1889 ed aveva come scopo di ricongiungere idealmente gli emigrati alla madre patria mantenendo

Dettagli

DIABETE. In collaborazione con. Con il patrocinio di

DIABETE. In collaborazione con. Con il patrocinio di DIABETE In collaborazione con Con il patrocinio di DIABETE: un viaggio in una dolce malattia Diabete come dolce malattia : è così che la interpreta uno d ei personaggi de La Coscienza di Zeno, il libro

Dettagli

I BENI COMUNI. Nota allegata al Bando per progetti emblematici provinciali 2016 (a cura del Prof. Gregorio Arena Presidente LABSUS)

I BENI COMUNI. Nota allegata al Bando per progetti emblematici provinciali 2016 (a cura del Prof. Gregorio Arena Presidente LABSUS) I BENI COMUNI Nota allegata al Bando per progetti emblematici provinciali 2016 (a cura del Prof. Gregorio Arena Presidente LABSUS) 1. Che cosa sono i beni comuni Nel nostro ordinamento i beni rientrano

Dettagli

La Cittadinanza europea e i gemellaggi di Città

La Cittadinanza europea e i gemellaggi di Città La Cittadinanza europea e i gemellaggi di Città Bruxelles, 28 novembre 2012 Emilio Verrengia Segretario Generale Aggiunto A.I.C.C.R.E. Vice Presidente del Congresso dei Poteri locali e regionali del Consiglio

Dettagli

RELIGIONE MODULI OPERATIVI:

RELIGIONE MODULI OPERATIVI: RELIGIONE INDICATORE DISCIPLINARE Avviare alla conoscenza della realtà religiosa del territorio ed degli elementi essenziali del linguaggio religioso per costruire un sapere che evidenzi la dimensione

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO PER LE CLASSI I II III IV - V

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO PER LE CLASSI I II III IV - V ISTITUTO COMPRENSIVO 4 - CORPORENO CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO PER LE CLASSI I II III IV - V Anno scolastico 2015 2016 CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE 1^ Anno

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Al termine della scuola primaria L alunno: 1.1 Scoprire che la vita, la natura, il. di Gesù: far conoscere il Padre

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Al termine della scuola primaria L alunno: 1.1 Scoprire che la vita, la natura, il. di Gesù: far conoscere il Padre CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Primaria - Religione Cattolica - Classe Prima COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Profilo

Dettagli

CHE VUOL DIRE DECIDERE

CHE VUOL DIRE DECIDERE info@didatticaperprogetti.it PROGETTO 4. 4. 4 AREA 3 Antropologica (Psicologia) TITOLO Che vuol dire decidere? (Un ragionamento scritto) SCUOLA Elementare: classi 4-5 Media: classi 1-2 - 3 OBIETTIVO Esercitare

Dettagli

Scuola Primaria Longhena Bologna

Scuola Primaria Longhena Bologna Scuola Primaria Longhena Bologna PROGRAMMAZIONE ANNUALE IRC A.S.2013/2014 1 CLASSE PRIMA Unità di Apprendimento Obiettivi Formativi Obiettivi Specifici Di Apprendimento Indicatori di Competenza LA CREAZIONE

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (Indicazioni per il curricolo, Roma, settembre 2012) L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra la

PROTOCOLLO D INTESA. tra la PROTOCOLLO D INTESA tra la Direzione generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale del Ministero dell istruzione,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE - CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore, sui dati fondamentali della vita di Gesù. Individuare i tratti essenziali della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI VI COMMISSIONE FINANZE. Seminario istituzionale 13 giugno 2016

CAMERA DEI DEPUTATI VI COMMISSIONE FINANZE. Seminario istituzionale 13 giugno 2016 CAMERA DEI DEPUTATI VI COMMISSIONE FINANZE Seminario istituzionale 13 giugno 2016 Proposta di legge C.3666 Disposizioni concernenti la comunicazione e la diffusione delle competenze di base necessarie

Dettagli

3.11. Religione Scuola Primaria

3.11. Religione Scuola Primaria 3.11. Religione. 3.11.1 Scuola Primaria NUCLEO FONDANTE: Dio e l uomo al termine della classe terza al termine della classe quinta L alunno: riconosce Dio come Padre, riflette su Dio Creatore e si approccia

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURA

PROGETTO INTERCULTURA PROGETTO INTERCULTURA UN ARCOBALENO TRA I POPOLI Scuola primaria di Alesso di Trasaghis della Direzione Didattica di Trasaghis Insegnante referente: Maria Seravalli Anno scolastico 2005-06 06 Obiettivi

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Comprendere che la vita, la natura, sono dono di Dio. Conoscere l ambiente in cui è vissuto Gesù. Riconoscere la Chiesa come famiglia di Dio. Ascoltare alcune pagine bibliche dell Antico testamento

Dettagli

DISCORSO DI SALUTO. Adolfo Eric Labi Presidente

DISCORSO DI SALUTO. Adolfo Eric Labi Presidente DISCORSO DI SALUTO Adolfo Eric Labi Presidente E per me un onore ed un privilegio darvi il mio più caldo benvenuto a questa Giornata sull efficienza energetica nelle industrie,, organizzata dalla Fondazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI E DEGLI APOLIDI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI E DEGLI APOLIDI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI CITTADINI STRANIERI E DEGLI APOLIDI Regolamento approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 76 del 20.11.2008 Indice Art. 1 Principi 2 Art. 2 Istituzione 2 Art.

Dettagli

di Redazione Ecampania.it - 04 Marzo 2016

di Redazione Ecampania.it - 04 Marzo 2016 San Giorgio a Cremano. Naturalmente giocando con "Il giorno del gioco Rassegna dedicata al mondo dei bambini giunta alla sua XI edizione. Presente anche il sindaco Zinno di Redazione Ecampania.it - 04

Dettagli

PREMIO LETTERARIO BIBLIOTECHE DI ROMA REGOLAMENTO

PREMIO LETTERARIO BIBLIOTECHE DI ROMA REGOLAMENTO ALLEGATO A PREMIO LETTERARIO BIBLIOTECHE DI ROMA REGOLAMENTO Il Premio Letterario Biblioteche di Roma nel panorama culturale italiano, sottolinea il ruolo insostituibile che le biblioteche di una grande

Dettagli

Cittadinanza Attiva Una legge sulla Partecipazione Popolare in Lombardia

Cittadinanza Attiva Una legge sulla Partecipazione Popolare in Lombardia Cittadinanza Attiva Una legge sulla Partecipazione Popolare in Lombardia La Democrazia Partecipativa: Opportunità o Problema? Giuseppe Calderazzo La democrazia rappresentativa è la forma di governo più

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

Intervento Giuseppe Recchi, Presidente Telecom Italia

Intervento Giuseppe Recchi, Presidente Telecom Italia Digital Championship Intervento, Presidente Telecom Italia 23 aprile 2015 Grazie Riccardo. Intanto ti sei scelto la tua città per partire. Ma... era... si vede che la città è parte di un lungo tour, ma

Dettagli

L EDUCAZIONE TRA PARI

L EDUCAZIONE TRA PARI Seminario L educazione tra pari Quali strategia negli interventi di promozione della salute rivolti ai giovani ASL Città di Milano Milano, 26 aprile 2005 Progetto Stop al bullismo L EDUCAZIONE TRA PARI

Dettagli

VILLA BAGATTI VALSECCHI di VAREDO

VILLA BAGATTI VALSECCHI di VAREDO VILLA BAGATTI VALSECCHI di VAREDO Operazione volta alla salvaguardia di Villa Bagatti Valsecchi attraverso l organizzazione di due mostre, la prima di PITTURA e la seconda di SCULTURA, che potranno consentire

Dettagli

MUST SCIENZA è CULTURA

MUST SCIENZA è CULTURA MUST SCIENZA è CULTURA WWW.MUSEOSCIENZA.ORG 0 CHI SIAMO Il MUST, Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, fondato nel 953, è il più grande museo tecnicoscientifico in Italia,

Dettagli

Civicamente: progetto relativo all Unione Europea, introduzione riguardo punti di forza,punti di debolezza e funzionalità dell Unione.

Civicamente: progetto relativo all Unione Europea, introduzione riguardo punti di forza,punti di debolezza e funzionalità dell Unione. Civicamente: progetto relativo all Unione Europea, introduzione riguardo punti di forza,punti di debolezza e funzionalità dell Unione. La parola Europa è alle volte usata come abbreviazione per l Unione

Dettagli

organizzato da sul tema

organizzato da sul tema organizzato da sul tema Gli alunni, attraverso varie interviste rivolte ai loro nonni e bisnonni, hanno raccolto le testimonianze di chi ha vissuto nel tempo l esperienza della festa della Madonna della

Dettagli

Macerata Pechino 1610

Macerata Pechino 1610 Macerata 1552 Pechino 1610 Padre Matteo Ricci nasce il 6 ottobre del 1552 a Macerata, una piccola città nelle Marche. La sua famiglia era tra le numerose famiglie patrizie della città. Il piccolo Matteo

Dettagli

Dagli OSA agli OBIETTIVI FORMATIVI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I

Dagli OSA agli OBIETTIVI FORMATIVI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I CLASSE I Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi. La Chiesa, comunità dei cristiani aperta a tutti i popoli. 1) Scoprire nell ambiente i segni che richiamano

Dettagli

COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO. PERIODICO COMUNALE "Chianciano Terme

COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO. PERIODICO COMUNALE Chianciano Terme COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO PERIODICO COMUNALE "Chianciano Terme IN-FORMA@" COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA APPROVAZIONE Delibera Consiglio Comunale n. 79 del

Dettagli

4 Marzo 2016 Esecutivo FERPA SINTESI CONSLUSIONI DEL SEGRETARIO GENERALE CARLA CANTONE

4 Marzo 2016 Esecutivo FERPA SINTESI CONSLUSIONI DEL SEGRETARIO GENERALE CARLA CANTONE 4 Marzo 2016 Esecutivo FERPA SINTESI CONSLUSIONI DEL SEGRETARIO GENERALE CARLA CANTONE Sono stati due giorni importanti. Il 3 marzo, al mattino, si è svolta la riunione del Comitato Donne e Anna Martinez

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA competenze al termine della classe I Coglie i segni religiosi nel mondo e nell esperienza della festa e del vivere insieme come comunità cristiana. Riflette sugli elementi fondamentali della

Dettagli

L ALBERO DELLE REGOLE

L ALBERO DELLE REGOLE L ALBERO DELLE REGOLE Progetto realizzato nell'ambito del Curricolo Verticale di Educazione alla Cittadinanza Bambino oggi, cittadino domani nelle classi prime della Scuola Primaria plesso L. Illuminati

Dettagli

Carissimi concittadini,

Carissimi concittadini, Carissimi concittadini, rivolgervi gli Auguri di Natale rappresenta per me un momento importante, significativo e privilegiato per parlare direttamente a ciascuno di Voi e questo va oltre il ruolo istituzionale.

Dettagli

IO PER TE... TU PER NOI. Daniela Maria Tortorici

IO PER TE... TU PER NOI. Daniela Maria Tortorici 2 IO PER TE... TU PER NOI Daniela Maria Tortorici 3 A mio marito che ha creduto in me e mi ha convinta a scrivere questo libro. A mia figlia che è la ragione della mia vita. Ai miei genitori che sono dei

Dettagli

Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari. Alice

Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari. Alice Argomentazione A braccia aperte S. Ferrari Alice Stefano Ferrari ha preparato un documentario che s intitola A braccia aperte pubblicato nel 2009 che parla di un ragazzo, Christian che è alla ricerca di

Dettagli

Il nostro Progetto: Dati monitoraggio: Codici Progetto: A0017P0201 CUP F87I

Il nostro Progetto: Dati monitoraggio: Codici Progetto: A0017P0201 CUP F87I Il nostro Progetto: Dati monitoraggio: Codici Progetto: A0017P0201 CUP F87I10000490007 Titolo: Museo virtuale delle città e dei territori del Lazio antico http://www.muvilazio.com/ Dati finanziari e procedurali:

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 RELIGIONE CLASSE2^ RELIGIONE CLASSE1^ RELIGIONE CLASSE 1^ SCUOLA PRIMARIA A.1 - Riconoscere che Dio è Creatore dell uomo e dell Universo. A.2 - Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

SOCIETÀ EDITRICE INTERNAZIONALE

SOCIETÀ EDITRICE INTERNAZIONALE SOCIETÀ EDITRICE INTERNAZIONALE Gentilissima Professoressa, Egregio Professore, riteniamo di farle cosa gradita ricordandole che Tra la terra e il cielo ed. verde è un libro a norma secondo i Traguardi

Dettagli

PROGETTO ORA ALTERNATIVA ALL I.R.C.

PROGETTO ORA ALTERNATIVA ALL I.R.C. PROGETTO ORA ALTERNATIVA ALL I.R.C. SCUOLA PRIMARIA LIA DE VECCHI FISOGNI ISTITUTO COMPRENSIVO PADERNO DUGNANO - FISOGNI PROGRAMMAZIONE DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA A. S. 2013/2014

Dettagli

Intervista con la professoressa Elisabetta Santoro, docente di Lingua Italiana presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista con la professoressa Elisabetta Santoro, docente di Lingua Italiana presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). Lezione 15 Intervista con la professoressa Elisabetta Santoro, docente di Lingua Italiana presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). Tema: Il passato prossimo e l imperfetto

Dettagli

NEL PAESE DEI NUMERETTI

NEL PAESE DEI NUMERETTI Istituto Comprensivo F. P. Michetti Francavilla al Mare (CH) Scuola dell Infanzia PIANE Formazione I livello MATEMATICA Ins. Di Domenica Donata Maria Ins. Firmani Gabriella NEL PAESE DEI NUMERETTI Nel

Dettagli

Pag. 1 di 15 All. RIFERIMENTO: 0000--

Pag. 1 di 15 All. RIFERIMENTO: 0000-- Pag. 1 di 15 All. RIFERIMENTO: 0000-- PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO UNIVERSITÀ E RICERCA SCIENTIFICA (S116) MASSIMARIO DI SELEZIONE E SCARTO SOTTOCLASSE 1 SOTTOCLASSE 2 SOTTOCLASSE 3 SOTTOCLASSE

Dettagli

Statuto della Consulta del Commercio e del Turismo

Statuto della Consulta del Commercio e del Turismo Statuto della Consulta del Commercio e del Turismo Stampa elettronica Comune di Monte Sant Angelo 1 Indice Art. 1 Istituzione Art. 2 Fini Art. 3 Organi Art. 4 Componenti dell'assemblea Art. 5 Il Presidente

Dettagli

PROCEDIMENTO NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI AMANDA KNOX TRASCRIZIONI INTERCETTAZIONI TELEF.

PROCEDIMENTO NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI AMANDA KNOX TRASCRIZIONI INTERCETTAZIONI TELEF. PROCEDIMENTO NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI AMANDA KNOX TRASCRIZIONI INTERCETTAZIONI TELEF. Nr. 27 Data. 05.11.2007 Ora inizio 18:00:12 Ora fine 18:06:49 Intercettazioni

Dettagli

Liceo G. Galilei Trento

Liceo G. Galilei Trento Liceo G. Galilei Trento PIANI DI STUDIO IRC - INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA - Unità orarie settimanali 1^biennio 2^biennio 5^anno Classi 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Indirizzo Doppia lingua 1 1 1 1 1 Indirizzo

Dettagli

Robert Codjo Sastre. Vita evangelica e fede cristiana in Africa

Robert Codjo Sastre. Vita evangelica e fede cristiana in Africa Robert Codjo Sastre Vita evangelica e fede cristiana in Africa Célestin Coomlan Avocan ROBERT CODJO SASTRE Vita evangelica e fede cristiana in Africa biografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2013

Dettagli

RELIGIONE - CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

RELIGIONE - CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ISTITUTO MARIA CONSOLATRICE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE DI IRC a.s 2014-2015 RELIGIONE - CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA L'alunno riflette su Dio Creatore e Padre,sui dati fondamentali della vita

Dettagli

Presidente del Consiglio

Presidente del Consiglio Presidente del Consiglio Consiglio provinciale 31 maggio 2007 Costituzione Italiana 1947-2007 Cari ospiti e cari colleghi, per questo Consiglio monotematico sulla Costituzione Italiana, credo sia opportuno

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

CURRICOLO DI RELIGIONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI RELIGIONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Classe prima Senso religioso Qualcuno più grande di noi Religioni primitive Religioni dell antichità Religioni abramitiche La e altre Come si usa

Dettagli

LE ISTITUZIONI EUROPEE ED IL QUADRO ISTITUZIONALE RIVISTO DOPO I VARI TRATTATI

LE ISTITUZIONI EUROPEE ED IL QUADRO ISTITUZIONALE RIVISTO DOPO I VARI TRATTATI Trento, 11 marzo 2010 LE ISTITUZIONI EUROPEE ED IL QUADRO ISTITUZIONALE RIVISTO DOPO I VARI TRATTATI ARGOMENTI: 1. IL PROCESSO DI INTEGRAZIONE EUROPEA 2. IL TRATTATO DI LISBONA 3. IL QUADRO ISTITUZIONALE

Dettagli

TI RACCONTO SASSUOLO ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD

TI RACCONTO SASSUOLO ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PROGETTO DI STORIA LOCALE: TI RACCONTO SASSUOLO PROGETTO LABORATORIALE DI ARRICCHIMENTO DEL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD le informazioni storiche non possono rimanere

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA IL CURRICOLO DI SCUOLA INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA - INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA (IRC) SCUOLA PRIMARIA - INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA (IRC) SCUOLA SECONDARIA I

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Expo e Alternanza Scuola-Lavoro II edizione

BANDO DI CONCORSO. Expo e Alternanza Scuola-Lavoro II edizione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale BANDO DI CONCORSO Expo e Alternanza Scuola-Lavoro II edizione PER GLI STUDENTI

Dettagli

"Il sorriso della pace!

Il sorriso della pace! "Il sorriso della pace! Programmazione di Educazione Religiosa Scuola dell Infanzia Paritaria C. Arienta Prato Sesia a.s. 2016-2017 Alle Scuole Paritarie è assicurata piena libertà per quanto concerne

Dettagli

La maschera del cuore

La maschera del cuore La maschera del cuore Francesco De Filippi LA MASCHERA DEL CUORE romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Francesco De Filippi Tutti i diritti riservati Al mio prof Renato Lo Schiavo che ha permesso

Dettagli

Io non temo il tema!!!!

Io non temo il tema!!!! Io non temo il tema!!!! 1. sviluppo i contenuti principali Penso a tutte le cose possibili che potrei dire: le appunto sulla brutta così come mi vengono in mente, senza preoccuparmi di come scriverle inizio

Dettagli

PROGETTO GIARDINO DELLA LEGALITA E DELLA GIUSTIZIA ALLA MEMORIA DI IDA CASTELLUCCI E NINO AGOSTINO

PROGETTO GIARDINO DELLA LEGALITA E DELLA GIUSTIZIA ALLA MEMORIA DI IDA CASTELLUCCI E NINO AGOSTINO Istituto Comprensivo Statale Renato Guttuso Villagrazia di Carini PROGETTO GIARDINO DELLA LEGALITA E DELLA GIUSTIZIA ALLA MEMORIA DI IDA CASTELLUCCI E NINO AGOSTINO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Istituto Comprensivo

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI, EVENTI, ATTIVITA CUL- TURALI DA SVOLGERE NEL TERRITORIO SOLIERESE

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI, EVENTI, ATTIVITA CUL- TURALI DA SVOLGERE NEL TERRITORIO SOLIERESE Alle Associazioni socie della Fondazione Campori BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI, EVENTI, ATTIVITA CUL- TURALI DA SVOLGERE NEL TERRITORIO SOLIERESE 1. ENTE SELEZIONATORE Si informa che la Fondazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di Primo Grado - RELIGIONE CATTOLICA- Classe Prima

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di Primo Grado - RELIGIONE CATTOLICA- Classe Prima CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Secondaria di Primo Grado - RELIGIONE CATTOLICA- Classe Prima COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE COMPETENZE SOCIALI

Dettagli

nuclei fondanti indicatori descrittori valutazione riconoscimento -presenza di Dio -aspetti dell ambiente di vita del Figlio di Dio

nuclei fondanti indicatori descrittori valutazione riconoscimento -presenza di Dio -aspetti dell ambiente di vita del Figlio di Dio RELIGIONE CATTOLICA nuclei fondanti indicatori descrittori valutazione classe 1^ -presenza di Dio -aspetti dell ambiente di vita del Figlio di Dio sa riflettere -su Dio Creatore -su Dio Padre sa osservare

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIII LEGISLATURA ANNO 2004 DISEGNO DI LEGGE 20 maggio 2004, n. 55 Interventi in materia di cinema e istituzione di Trentino cinema D'iniziativa del consigliere

Dettagli

P.N.S.D. Liceo F. De Andrè

P.N.S.D. Liceo F. De Andrè P.N.S.D Liceo F. De Andrè P N iano azionale S D cuola igitale L idea forte del Piano: la tecnologia al servizio degli apprendimenti per rispondere all esigenza di costruire una nuova visione della formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA elaborato dai docenti di scuola primaria Coordinatore Ins. Laura Montecchiani Classe I creatore e Padre Scoprire che per la religione

Dettagli

GEMELLAGGIO FRA CITTÀ MANUALE UTENTE 2004 per CONFERENZE E SEMINARI

GEMELLAGGIO FRA CITTÀ MANUALE UTENTE 2004 per CONFERENZE E SEMINARI GEMELLAGGIO FRA CITTÀ MANUALE UTENTE 2004 per CONFERENZE E SEMINARI 1. Cos'è una conferenza tematica e cos'è un seminario di formazione? 2. Chi può organizzare le conferenze e i seminari? 3. Chi può presentare

Dettagli

Introduzione alla storia lezione n. 2. Prof. Marco Bartoli

Introduzione alla storia lezione n. 2. Prof. Marco Bartoli Introduzione alla storia lezione n. 2 Prof. Marco Bartoli una domanda che il passato pone al presente L incomprensione del presente nasce inevitabilmente dall ignoranza del passato. Ma non è forse meno

Dettagli

FORUM HR ABI 10 maggio (ore 14,30) Laboratorio tematico B RISORSE UMANE E INNOVAZIONE TECNOLOGICA CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE COME FATTORI DI CRESCITA

FORUM HR ABI 10 maggio (ore 14,30) Laboratorio tematico B RISORSE UMANE E INNOVAZIONE TECNOLOGICA CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE COME FATTORI DI CRESCITA FORUM HR ABI 10 maggio (ore 14,30) Laboratorio tematico B RISORSE UMANE E INNOVAZIONE TECNOLOGICA CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE COME FATTORI DI CRESCITA Premessa - Durante la giornata odierna molti dei presenti

Dettagli

Lo studio di caso Un percorso tra fonti e manuali

Lo studio di caso Un percorso tra fonti e manuali Lo studio di caso Un percorso tra fonti e manuali Carla Marcellini INSMLI www.novecento.org La formazione storica PERCHE insegnare storia? COSA insegnare? COME insegnarla? 2 PERCHE insegnare storia? Il

Dettagli

UN INVITO PER LE UNIVERSITÀ

UN INVITO PER LE UNIVERSITÀ UN INVITO PER LE UNIVERSITÀ Gentile Rettore, gentili docenti, con questo invito avremmo il piacere di coinvolgervi nel progetto di Sophia la Filosofia in festa, un festival di due giorni dedicato agli

Dettagli

Tecniche di Vendita 17 Giugno 2013

Tecniche di Vendita 17 Giugno 2013 Tecniche di Vendita 17 Giugno 2013 AGENDA le tecniche di vendita La tua strategia di vendita 2 Le slide di questo corso puoi scaricarle nel sito: www.wearelab.com www.brunobruni.it 3 BREVE RIEPILOGO Cambio

Dettagli

IL DIRETTORE / RESPONSABILE DELLA STRUTTURA

IL DIRETTORE / RESPONSABILE DELLA STRUTTURA Codice selezione 04/ap/demm/lb AVVISO PUBBLICO PER PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER L AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA DI INCARICHI DI CARATTERE INTELLETTUALE (per incarichi fino a Euro

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI D ITALIA (ANCI) E FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI ANTIRACKET E ANTIUSURA ITALIANE (FAI)

PROTOCOLLO D'INTESA TRA ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI D ITALIA (ANCI) E FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI ANTIRACKET E ANTIUSURA ITALIANE (FAI) PROTOCOLLO D'INTESA TRA ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI D ITALIA (ANCI) E FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI ANTIRACKET E ANTIUSURA ITALIANE (FAI) Premesso che l ANCI, in base alle previsioni dell art.1 del

Dettagli

«La Cronaca musicale» di Pesaro ( ) rivista del Liceo Gioachino Rossini

«La Cronaca musicale» di Pesaro ( ) rivista del Liceo Gioachino Rossini Laura Surian «La Cronaca musicale» di Pesaro (1896-1917) rivista del Liceo Gioachino Rossini REDD 00020 RUGGINENTI Laura Surian «La Cronaca musicale» di Pesaro (1896-1917) rivista del Liceo Gioachino Rossini

Dettagli

Lo scopo dell autovalutazione non è sanzionatorio o fiscale, ma ha una valenza professionale e progettuale per:

Lo scopo dell autovalutazione non è sanzionatorio o fiscale, ma ha una valenza professionale e progettuale per: BILANCIO SOCIALE Autovalutazione La pratica dell autovalutazione costituisce uno strumento professionale prezioso per tutti gli operatori scolastici, utile per procedere nella revisione del proprio operato;

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSE: PRIMA. ABILITÀ L'alunno sa

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSE: PRIMA. ABILITÀ L'alunno sa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSE: PRIMA I VALORI ETICI E RELIGIOSI IL LINGUAGGIO RELIGIOSO DIO E L'UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE : l'alunno si apre alle esperienze del vivere insieme nelle

Dettagli

! " #$%&'$(&')*+&#,-$(,' #$%&'$(&')*+&#,-&)('$-$(,'",'*&'))-%&#*)+##$-$(,'.($/ ! "!! #$ ! "! % & ' # $ # #' # ' $ #! ## "

!  #$%&'$(&')*+&#,-$(,' #$%&'$(&')*+&#,-&)('$-$(,','*&'))-%&#*)+##$-$(,'.($/ ! !! #$ ! ! % & ' # $ # #' # ' $ #! ## ! " #$%&'$(&')*+&#,-$(,' #$%&'$(&')*+&#,-&)('$-$(,'",'*&'))-%&#*)+##$-$(,'.($/! "!! #$! "! #$## % & ' # $ # #' # ' $ #! ## " ( )# ATTIVITA PER LE SCUOLE A CURA DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE I PATAFISICI-

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Tecnico Statale Economico e Tecnologico " A. Baggi Sassuolo ( Modena ) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA Pag. 1/6 PROGRAMMAZIONE DIRITTO CLASSE QUINTA R.I.M.

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI DI DIRITTO ED ECONOMIA IN TERMINI DI CONOSCENZE, COMPETENZE E ABILITA CLASSE QUINTA

OBIETTIVI MINIMI DI DIRITTO ED ECONOMIA IN TERMINI DI CONOSCENZE, COMPETENZE E ABILITA CLASSE QUINTA OBIETTIVI MINIMI DI DIRITTO ED ECONOMIA IN TERMINI DI CONOSCENZE, COMPETENZE E ABILITA CLASSE QUINTA LO STATO E LA SUA EVOLUZIONE STORICA I caratteri delle monarchie assolute in Europa. L assolutismo illuminato.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RICERCA IN CHIRURGIA TORACICA

REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RICERCA IN CHIRURGIA TORACICA REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RICERCA IN CHIRURGIA TORACICA Emanato con Decreto 3 marzo 2003, n. 4939 Ultime modifiche emanate con Decreto 10 dicembre 2008, n. 13944 UFFICIO AFFARI GENERALI, ORGANI E RAPPORTI

Dettagli

IL METODO DI STUDIO COME SI STUDIA (VERAMENTE)?

IL METODO DI STUDIO COME SI STUDIA (VERAMENTE)? IL METODO DI STUDIO COME SI STUDIA (VERAMENTE)? PREMESSA: SAPERE PERCHÉ Sempre è fondamentale una domanda: perché si studia? È una bella domanda con la quale iniziare insieme l anno di scuola! Avremo tempo

Dettagli

L esperienza di Agrya: un punto di vista sul mercato dell Agricoltura Sociale

L esperienza di Agrya: un punto di vista sul mercato dell Agricoltura Sociale L AGRICOLTURA SOCIALE : NUOVE FRONTIERE DELLA MULTIFUNZIONALITA IN AGRICOLTURA L esperienza di Agrya: un punto di vista sul mercato dell Agricoltura Sociale Francesca Durastanti 20-22 Febbraio 2008 LA

Dettagli

Una delle più classiche è quella della donna giovane e bella, in. abbigliamento belle epoque che convive con una donna anziana, dal naso e dai

Una delle più classiche è quella della donna giovane e bella, in. abbigliamento belle epoque che convive con una donna anziana, dal naso e dai Matteo 6, 24 Nessuno può servire due padroni; perché o odierà l'uno e amerà l'altro, o avrà riguardo per l'uno e disprezzo per l'altro. Voi non potete servire Dio e Mammona. Ci sono delle immagini che

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 59 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 59 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 59 del 24-5-2016 23981 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 10 maggio 2016, n. 635 Adesione alla Giornata della Memoria e dell Impegno in ricordo delle vittime

Dettagli

Offerta didattica per alunni/e delle scuole primarie e studenti/esse delle scuole secondarie

Offerta didattica per alunni/e delle scuole primarie e studenti/esse delle scuole secondarie useo Mercantile 2016/17 Offerta didattica per alunni/e delle scuole primarie e studenti/esse delle scuole secondarie Elisabetta Carnielli, tel. 0471 945530 e-mail: elisabetta.carnielli@camcom.bz.it www.camcom.bz.it

Dettagli

Manager Network Italia. Susanna Galli CSR Manager Novamont S.p.A.

Manager Network Italia. Susanna Galli CSR Manager Novamont S.p.A. L esperienza del CSR Manager Network Italia Susanna Galli CSR Manager Novamont S.p.A. CARATTERISTICHE o è l associazione nazionale che raduna i professionisti della CSR di imprese, fondazioni d impresa,

Dettagli

Oratorio San Luigi Gonzaga Sesto Fiorentino

Oratorio San Luigi Gonzaga Sesto Fiorentino Oratorio Es*vo In Pieve Esperienza di Campo Scuola Prima Se)mana 14 / 18 Giugno Seconda Se)mana 21 / 25 Giugno Morello I Turno 20 / 24 Giugno Terza Se)mana 28 Giugno / 2 Luglio Morello II Turno 27 Giugno

Dettagli

MARIA EUGENIA BARTOLONI. Curriculum

MARIA EUGENIA BARTOLONI. Curriculum MARIA EUGENIA BARTOLONI Curriculum Contatti Dipartimento di giurisprudenza Via Piaggia dell Università, 2-62100 Macerata Tel.: (+39) 0733 258 2424 Sede di Jesi, Via Angeloni, 3 60035 Jesi (AN) Tel.: (+39)

Dettagli

RASSEGNA STAMPA

RASSEGNA STAMPA 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 WINENEWS Noto - 22 Marzo 2009 L ENOLOGO COTARELLA DÀ I VOTI ALLA SICILIA: QUELLA DEL 2008 È UNA VENDEMMIA QUASI PERFETTA AVANTI CON LA DOC SICILIA,

Dettagli